Un etnografia del gioco d azzardo patologico; analisi qualitativa del fenomeno nella Provincia di Siena. Studio osservazionale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Un etnografia del gioco d azzardo patologico; analisi qualitativa del fenomeno nella Provincia di Siena. Studio osservazionale"

Transcript

1

2 Un etnografia del gioco d azzardo patologico; analisi qualitativa del fenomeno nella Provincia di Siena Studio osservazionale A cura di: Filippo Lenzi Grillini, PhD Socio-Cultural Anthropology (Università di Siena) Collaboratore Etnografo all interno del progetto: Architettura complessiva degli interventi da parte di una struttura preventiva coordinato dal Dottor Giuseppe Montefrancesco responsabile dell Unità Operativa Prevenzione dipendenze patologiche, ASL 7 Siena 1

3 Questo, per motivi di privacy e di tutela dei dati raccolti durante la ricerca, è solo un estratto, una versione sintetica e tagliata del report completo di 93 pagine redatto solo per uso interno dell'unità Operativa a fini scientifici. Per ulteriori informazioni contattare l'autore all'indirizzo: Anche i dati e le informazioni presenti in questo report sintetico, possono essere pubblicati solo tramite previa consultazione dell'autore. 2

4 Alla ricerca ha collaborato la Dottoressa Giulia Nistri, antropologa e tirocinante presso l'unità Operativa Prevenzione dipendenze patologiche, ASL 7 Siena. Ringraziamenti: In primis voglio ringraziare il Dottor Giuseppe Montefrancesco, coordinatore dell'intero progetto Architettura complessiva degli interventi da parte di una struttura preventiva con il quale mi sono confrontato continuamente durante i vari step previsti dalla ricerca. Inoltre, questa indagine non sarebbe stata possibile senza la disponibilità e la fattiva collaborazione del: Dottor Paterni (Medico responsabile del Ser.T Zona Val di Chiana), della dottoressa Piccardi (Referente per il Gioco d azzardo Patologico del Ser.T zona Val Di Chiana), del Dottor Ameglio (Medico responsabile Ser.T Zona Val D Elsa), della Dottoressa Castori (Referente per il GAP Ser.T Zona Val D'Elsa), del Dottor Pellegrini (Medico responsabile del Ser.T Zona Senese) e del Dottor Catocci (Referente per il GAP del Ser.T Zona Senese). Così come un ringraziamento particolare va anche al Dottor Zerbetto, direttore scientifico del Progetto Orthos (Studio e trattamento dipendenze patologiche) e a tutti gli psicoterapeuti, psicologi e operatori attivi all'interno del progetto e dei moduli residenziali intensivi. Voglio sottolineare che nel realizzare la ricerca mi sono avvalso anche della collaborazione del Dottor Aimone Pignattelli (per alcuni dei rilevamenti etnografici realizzati) facente parte dell''equipe dell'u.o. Prevenzione dipendenze patologiche della ASL 7 di Siena. 3

5 Indice 1. Introduzione: presentazione della ricerca Metodologie adottate Premessa teorica: il gioco d azzardo patologico Il gioco d azzardo come fenomeno sociale Presupposti teorici I luoghi / non luoghi del gioco L osservazione etnografica L organizzazione dello spazio Le interviste ai giocatori I Giocatori Il lessico, il gergo delle slot: le macchine personificate I produ#ori e gli operatori del se#ore del gioco d azzardo (strategie e retoriche) Allegato fotogra)co Suggerimen, di prevenzione Progetti dedicati alle scuole (prevenzione primaria) Strategie di prevenzione secondaria Campagne di prevenzione a livello cittadino (prevenzione primaria, secondaria e terziaria)...58 Appendice rela,va alle mappe dei luoghi del gioco:...60 Bibliogra)a...91 Sitografia

6 1. Introduzione: presentazione della ricerca La ricerca essendo stata pianificata e progettata secondo l approccio teoricometodologico che caratterizza le discipline etno-antropologiche ha l obiettivo di svelare la complessità del fenomeno del gioco d azzardo, in grande crescita in Italia negli ultimi anni, prioritariamente dal punto di vista socio-culturale. Questo non vuol dire che non vengano presi in considerazione i fondamentali contributi scientifici offerti da discipline come la psicologia, a psichiatria o la neuro-biologia, ma che l approccio preminente non li prevede come centrali in questa ricerca. 1.1 Metodologie adottate La ricerca è stata realizzata utilizzando le metodologie caratterizzanti le discipline etnoantropologiche: in primis l osservazione etnografica e le interviste qualitative in profondità. Proprio l'approccio antropologico contraddistingue la specificità e originalità di questa indagine: nello specifico la prospettiva olistica tipica dell antropologia sociale ha permesso di analizzare il gioco d azzardo legale non solo limitandosi alle interviste ai giocatori patologici, ma analizzando tutti gli aspetti di questo complesso fenomeno, concentrando l attenzione sui differenti attori sociali coinvolti. Infatti l approccio olistico prevede di osservare e analizzare tutti gli aspetti di un determinato fenomeno, quelli sociali, culturali, economici e politici. L osservazione etnografica ha riguardato in particolare i luoghi del gioco e nello specifico gli esercizi commerciali dove il gioco d azzardo legale si svolgeva. Sono state realizzate osservazioni in particolare in tutte le ricevitorie, bar, tabacchi, ristoranti e sale giochi dove erano presenti new slot e video lottery nei comuni della Val D Elsa Senese, di Poggibonsi, Colle Val D Elsa, Casole D Elsa, Radicondoli e San Gimignano. Inoltre sono state realizzate delle osservazioni etnografiche anche in alcuni bar e sale giochi particolarmente significative del comune di Siena e di Chianciano Terme 1. La scelta di analizzare solo i luoghi dove erano presenti le slot è dovuta non solo al fatto che la netta maggioranza dei giocatori d azzardo intervistati durante la ricerca (il 76%) sono divenuti dipendenti proprio dal gioco da slot (gli altri sono più o meno equamente divisi fra giocatori di Gratta e vinci, scommesse sul calcio o sui cavalli o giocatori del Lotto, o di giochi di carte e roulette da casinò), ma anche perché i giocatori di slot, sono in netto aumento in Italia negli ultimi anni, anche grazie a un offerta sempre più capillare delle macchinette sul territorio nazionale. L osservazione aveva la finalità di analizzare le strategie attraverso le quali viene organizzato e arredato lo spazio in questi luoghi e le interazioni fra clienti (giocatori e non) e fra clienti e gestori. In alcuni di questi luoghi, proprio gli esercenti, sono stati intervistati informalmente attraverso dialoghi non registrati. 1 Tali luoghi sono stati scelti grazie alla segnalazione dei giocatori d azzardo intervistati, in cura presso i Ser.T della Provincia di Siena. 5

7 É opportuno specificare che il gioco on line, nonostante rappresenti un fenomeno in netta crescita, non è al centro della ricerca, dal momento che è molto più difficile da analizzare attraverso un'indagine etnografica sul campo. Coerentemente con l approccio olistico che caratterizza la ricerca ci si è recati anche a fiere commerciali dedicate al settore del gioco. La ricerca ha inoltre previsto anche la consultazione e l analisi di riviste specializzate del settore degli Apparecchi da gioco e intrattenimento. Inoltre sono state osservate le dinamiche di interazione dei giocatori d azzardo patologici che partecipavano ai moduli residenziali del progetto Orthos (Studio e trattamento dipendenze patologiche); si è infatti convissuto con loro alcuni giorni all interno della struttura che li ospita nel comune di Monteroni D Arbia (SI) dove è stata realizzata un immersione etnografica vera e propria. Oltre a questo, attraverso la metodologia dell osservazione partecipante, sono state analizzate riunioni aperte di gruppi di auto-aiuto come quelle dei Giocatori anonimi. Inoltre il 25 Gennaio 2014, si è assistito a un iniziativa pubblica a Firenze al Circolo Arci San Niccolò contro il Gioco d azzardo Patologico, al quale ha partecipato la Presidente della Camera Laura Boldrini, l assessore al welfare della Regione Toscana Salvatore Allocca e l assessore all Ambiente del Comune di Firenze Caterina Biti. L occasione dell incontro era la decisione del consiglio direttivo del circolo di liberare dalle slot il circolo stesso. Dell iniziativa è stata prodotta una registrazione video e una audio. Le interviste qualitative aperte, in profondità e semi-strutturate sono state realizzate con i giocatori d azzardo patologici in carico dei Ser.T di Siena, Colle Val D Elsa e Chianciano Terme (Val di Chiana), e con i partecipanti ai moduli residenziali del progetto Orthos. Le interviste audio-registrate con giocatori d azzardo sono 33, mentre altre 3 non sono state registrate. In alcuni casi, è stata utilizzata la metodologia che prevede la raccolta delle storie di vita (Bertau, 1997); attraverso il metodo biografico è stato possibile infatti ricostruire le biografie dei giocatori. Rispetto ai dati acquisiti attraverso le interviste, in questo report verranno offerti solo alcuni spunti di riflessione. Per un analisi più approfondita del materiale raccolto servirebbero altri mesi di lavoro, per una ricerca qualitativa di questa portata, rispetto ai 6 avuti a disposizione 2. Ci proponiamo di analizzare tale materiale in seguito, mentre nei mesi a disposizione si è deciso infatti di dare priorità all osservazione etnografica capillare del fenomeno del gioco d azzardo legale nella Provincia di Siena (e in particolare nei comuni della Val D Elsa) e alla registrazione di interviste ai giocatori. 2 I precedenti 6 mesi previsti dal mio incarico di Collaboratore Etnografo, all interno del Progetto Architettura complessiva degli interventi da parte di una struttura preventiva dell Unità Operativa Prevenzione dipendenze patologiche, (ASL 7 Siena), sono stati dedicati a uno studio preliminare di vari tipi di dipendenze nella provincia di Siena (droghe, alcol e gioco). Solo da Dicembre 2013 ci si è dedicati specificamente al Gioco D azzardo Patologico attraverso il progetto di ricerca: Un etnografia del gioco d azzardo patologico; analisi qualitativa del fenomeno nella Provincia di Siena, per la realizzazione della quale quale sarebbe stato necessario un anno di lavoro, secondo la programmazione iniziale. 6

8 2. Premessa teorica: il gioco d azzardo patologico 2.1 Il gioco d azzardo come fenomeno sociale Roger Caillois, ( ) sociologo, scrittore, e critico letterario francese, ha fornito la prima classificazione metodica dei giochi in 4 categorie fondamentali, ognuna rispondente ad un proprio e preciso bisogno psicologico. Le quattro categorie individuate da Caillois sono le seguenti: - Agon: i giochi di competizione, - Alea: i giochi di fortuna, azzardo o caso, - Mimicry: i giochi di simulazione, non necessariamente realistici, - Ilin: i giochi di percezione-vertigine. Il gioco d azzardo ha una storia lunghissima nella maggior parte dei Paesi del mondo, tuttavia, per quanto riguarda l Italia, la portata del fenomeno solo negli ultimi anni è cresciuta in maniera vertiginosa, fino a diventare un fenomeno di massa. Infatti sono i giocatori d azzardo patologici in Italia (Poto, 2012). I dati in realtà sono contrastanti poiché non sono facili da stimare con precisione, e vi è anche chi fa una stima che arriva fino a circa un milione e trecentomila unità equivalente allo 2,2% della popolazione italiana. Sono le slot-machine presenti in Italia, una cifra enorme, se si pensa soprattutto alla loro diffusione sul territorio, una ogni 150 abitanti. Proprio questa grande concentrazione sempre più evidente, dal momento che costituisce l arredo non solo di bar, ma anche di tabaccherie di tutta Italia, unita alla continua differenziazione dei giochi esistenti e alla offerta sempre crescente di azzardo on line, ha fatto sì che, sia il numero di giocatori, sia l ammontare delle giocate sia aumentato in maniera esponenziale negli ultimi anni. La passione per il gioco non conosce crisi e i dati pubblicati dall Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato (AAMS) mostrano una crescita continua dal 2003 al Il tutto per un fatturato legale da 79,9 miliardi di euro a cui si devono aggiungere almeno 10 miliardi di fatturato illegale. Ma non potendo qui entrare in una complessa disamina della presenza dei clan malavitosi, in questo giro di denaro che rende il mondo dell azzardo la terza impresa italiana per fatturato, ci limitiamo a riportare alcuni dati generali sul fenomeno per inquadrarne la portata. L Italia ha raggiunto il primato in Europa e il terzo posto tra i Paesi che giocano di più al mondo; considerando solamente la popolazione maggiorenne si spendono euro a testa per il gioco d azzardo (Poto, 2012). Secondo dati del Ministero della Salute il 54% degli Italiani da 18 a 74 anni ha giocato d azzardo almeno una volta nel 2011; questo non vuol dire che questi 23 milioni di italiani siano definibili come giocatori problematici o patologici (definizioni sulle quali torneremo in seguito), ma aiuta a fornire un quadro sulla portata del fenomeno. La maggior parte delle entrate da gioco d azzardo riguardano le slot-machine che rappresentano il 56,3 % del totale, seguono le lotterie (12,7 %) e i giochi on line (10,5%) 7

9 (Serpelloni, Rimondo, 2012). Un dato interessante è che la crescita di questo mercato del gioco, è inversamente proporzionale all avanzata della crisi economica che ha colpito il Paese. Se la ricchezza finanziaria delle famiglie diminuisce, cresce invece l investimento nei giochi. Fra l altro la letteratura scientifica sull argomento riporta analisi che giungono alla conclusione che gli individui con un basso livello economico tendono ad essere più frequentemente giocatori problematici (Welte, 2002). Un dato dell Eurispes del 2005 è allarmante: il gioco d azzardo veniva praticato quell anno dal 66% dei disoccupati. Per quanto riguarda la scolarizzazione: il 75,7% di chi ha la licenza elementare gioca d azzardo e l'80,3% di chi ha la licenza media, una percentuale che scende al 70,4% di coloro che hanno la licenza superiore, per poi calare fino al 61,3% dei laureati (Poto, 2012). Per quanto riguarda le differenze di genere, tutte le statistiche riportano quanto il gioco d azzardo sia molto più praticato dai maschi. Tuttavia, se ci concentriamo sulla popolazione giovanile, troviamo dei dati preoccupanti che riguardano le ragazze. Infatti per quanto concerne i giovani, dal 2008 al 2009 la percentuale di studenti tra i 15 e i 19 anni che ha giocato in denaro almeno una volta in un anno e' aumentata dal 40% al 47%, ma l'aumento maggiore e' stato fra le ragazze, passate dal 29% al 36%, mentre i maschi sono saliti dal 53% al 57% (Poto, 2012). Se ci spostiamo dai dati nazionali a quelli regionali, vediamo che in Toscana, nel 2011, la spesa pro-capite destinata al gioco d azzardo è stata di 1453 euro (Serpelloni, Raimondo, 2012). Nonostante una crescente attenzione da parte della Regione sul fenomeno, nel 2011 questo fra i giovani è cresciuto del 7,8% rispetto al Attraverso un test di screening denominato Lie/Bet si stima inoltre che circa adolescenti toscani rischiano di diventare giocatori d azzardo patologici (EDIT, 2011). Pistoia è la AUSL con il maggior numero di ragazzi con gioco d'azzardo problematico, Arezzo e Lucca quelle con la percentuale minore. Per quanto riguarda la Provincia di Siena, i dati in nostro possesso, raccolti dai Ser.T. presenti nel territorio provinciale mostrano che negli ultimi 10 anni, c è stato un costante aumento dei soggetti che sono stati presi in carico dal Servizio in quanto giocatori d azzardo patologici. Se ci riferiamo al primo contatto con il Ser.T., si passa dai 2 casi del 2002 ai 9, per esempio, del 2010, ai 13 del 2011, fino ai 18 del La cosa principale da sottolineare e da tenere sempre in considerazione, è che questi dati non fanno luce sulla portata del fenomeno nel suo complesso, per quanto riguarda gli aspetti sommersi, ovvero si riferiscono solo ai soggetti che oltre a percepire di giocare in modo patologico, hanno anche agito di conseguenza cercando una via d uscita da tale dipendenza, scegliendo di rivolgersi appunto ai Ser.T.. A titolo d esempio, una ricerca realizzata a Bologna fra il 2000 e il 2012, con metodologie e approccio di tipo epidemiologico, ha messo in evidenza che per ogni utente del Ser.T. affetto da gioco d azzardo patologico ci sono almeno altri 5 soggetti con questo problema che non hanno mai contattato i Servizi (Pavarin R.M., Marani S., Turino E., Limonta N., Sanchini 8

10 S., Colaninno M., 2012). La presente ricerca si propone nello specifico di far emergere invece il fenomeno, tentando di comprenderne la portata, che oltre a essere molto più vasta, sfugge alle analisi realizzate con metodologie esclusivamente quantitative. Infatti, indagando in profondità sul mondo del gioco d azzardo è possibile comprendere il profilo degli attori sociali coinvolti, analizzandoli come comunità o come singoli individui, per comprendere i passaggi che portano un giocatore a passare dal gioco d azzardo problematico a quello patologico. Il gioco d azzardo patologico (GAP) rappresenta anche un problema che ha costi sociali molto alti: conseguenze estremamente negative sulle famiglie (violenze domestiche, problemi finanziari), sulla rete sociale del giocatore e sul mondo del lavoro, oltre ai rischi di entrare in contatto col mondo dell'usura, ai costi sanitari, ai reati commessi dai giocatori, all evasione fiscale, e agli interessi da parte della criminalità, fino ai rischi di suicidio da parte del giocatore. 2.2 Presupposti teorici Il Gioco d azzardo patologico (GAP) può essere analizzato secondo gli approcci di differenti discipline. In primis la biomedicina ha approfondito questo fenomeno dal punto di vista delle determinanti di tipo neuro-fisio-patologico analizzando nello specifico il sistema di ricompensa cerebrale; mentre la psicologia ha dedicato la propria attenzione ai processi cognitivo-emozionali che sottendono questo fenomeno. Inoltre gli aspetti epidemiologici ed economici possono venire analizzati nello specifico, infine sociologia e antropologia hanno analizzato il fenomeno come una pratica e un fatto sociale (Durkheim, 1894). Negli anni 80 il GAP entra ufficialmente nel DSM (Diagnostic Statistic Manual) dell American Psychiatric Association fra le malattie mentali. Se si esaminano nello specifico i criteri diagnostici descritti nel DSM-IV-TR per il GAP si osserva che essi sono analoghi a quelli previsti per i disturbi da uso di sostanze, anche se in questo caso la sostanza psicoattiva è sostituita dal comportamento patologico. Alcuni autori nella letteratura medica e psichiatrica, lo inquadrano come un sintomo di una comune predisposizione presente in alcuni soggetti specifici. Riprendiamo dal numero monografico sul gioco d azzardo dell Italian Journal of Addiction, la seguente definizione: Il GAP è da intendersi come la conseguenza secondaria di un comportamento volontario persistente in un individuo vulnerabile alla dipendenza che presenta cioè alterazioni preesistenti di tipo neurofunzionale dei normali sistemi neurobiologici della gratificazione (sistemi di reward dopaminergico con iper risposta anomala al gioco d azzardo) del controllo degli impulsi (corteccia prefrontale con deficit dell autocontrollo) o delle funzioni cognitive correlate (credenze e distorsioni cognitive in relazione alle reali possibilità di vincita) (Serpelloni, Rimondo, 2012:9). Da un punto di vista neurobiologico due neurotrasmettitori: dopamina e serotonina rivestono un ruolo importante nell instaurare meccanismi di dipendenza da gioco (Varango et al., 2012). 9

11 La prima ha nel nostro cervello una funzione fondamentale per la percezione del piacere. La vincita nel gioco o la vincita di una scommessa, provocano nei giocatori un esperienza da alto di dopamina, legata alla sensazione di soddisfazione e piacere per la vittoria. Attraverso la memorizzazione di tali sensazioni, il gambler rigiocherà per rivivere quel rapido aumento di dopamina già provato. La perdita invece non fa sì che il giocatore d azzardo patologico abbandoni il gioco, anzi paradossalmente, gli consente di ripetere gesti e azioni che lo portarono alle vincite passate, per riprovare le sensazioni di soddisfazione frutto delle scariche dopaminergiche. Inoltre, attraverso un processo simile a quello osservato rispetto alla tolleranza per le sostanze stupefacenti, il giocatore patologico non riesce a trovare piacere nelle vittorie realizzate al pari di quanto facesse in passato e pertanto cerca quasi la sconfitta come un tentativo di arrivare ad una soluzione positiva sempre più difficile e per questo eccitante. Si verifica quindi quello che viene chiamato chasing cioè l inseguimento delle perdite, nel tentativo di recuperare il denaro perduto. La serotonina è anch essa coinvolta in questo processo dal momento che regola l inibizione comportamentale e l aggressività. La letteratura scientifica inoltre si è molto interessata del legame tra il gioco d azzardo e il profilo di personalità degli individui che ne sono affetti: alcune ricerche hanno messo in evidenza che i giocatori patologici soffrirebbe di un disturbo di tipo ossessivo compulsivo (Hodgins et al., 2011). Altri studi hanno messo in relazione il comportamento patologico verso il gioco con un disturbo di personalità borderline, istrionico e narcisistico e che presenta alti livelli di impulsività e che prevede la ricerca di nuove esperienze emozionanti (tratto psicologico definito novelty seekers) e di sperimentare continuamente nuovi rischi (Blaszczynski et al., 1998; Tedeschi et al., 2012). Per queste persone il gioco d azzardo rappresenta un modo per provare nuove esperienze e forti emozioni e di uscire dalla routine e dalla noia della vita quotidiana. Per analizzare il fenomeno del gioco d azzardo bisogna comunque distinguere fra: - Il gioco sociale o ricreativo: si gioca prevalentemente per competizione e per socializzare e lo si fa saltuariamente e con costi contenuti. In questo caso questa modalità di gioco non può essere definita come patologica, dal momento che non incide negativamente sulle relazioni affettive, sulle normali attività lavorative e sul tempo libero. - Il gioco d azzardo problematico: in questo caso la frequenza con cui si gioca aumenta e il gioco assorbe energie e risorse dell individuo sottraendole alle sue normali occupazioni e i costi aumentano. Non si può tuttavia parlare ancora di dipendenza, anche se è presente il rischio di divenire giocatori patologici. - Il gioco d azzardo patologico: la fruizione diventa intensiva se non quotidiana, i costi possono portare il gambler a indebitarsi. Il comportamento è di tipo compulsivo e comporta un deterioramento nella qualità di vita del soggetto che sperimenta stati emotivi di forte ansia e depressione (alternate a eccitamento), sviluppando una vera e propria dipendenza patologica. Vi sono inoltre conseguenze negative dal punto di vista sanitario e sociale. Non è possibile qui approfondire ulteriormente lo stato dell'arte delle conoscenze scientifiche più accreditate a livello internazionale sul fenomeno, i principali aspetti 10

12 epidemiologici ed economici, i fattori di vulnerabilità e i principi di cura e riabilitazione. E assodato che il GAP può essere considerato un fenomeno multidimensionale e quindi per analizzarlo in modo esaustivo è necessario utilizzare approcci teorici che provengono da differenti discipline. Il contributo che offre l approccio socio-antropologico presenta delle specificità evidenti. In primis, analizzando il gioco d azzardo come un fatto sociale (Durkheim, 1894), ha la peculiarità di inserire il fenomeno all interno di una cornice interpretativa che prenda in esame il contesto sociale e economico e la situazione storico-politica nel quale si inserisce. Vengono così analizzate le variabili strutturali che caratterizzano le modalità con cui si gioca. L attenzione degli antropologi rispetto al fenomeno del gioco d azzardo, a parte alcuni studi classici - alcuni molto datati (Taylor, 1896; Culin, 1907; Lévy Bruhl, 1924) altri più recenti (Geertz, 1973) ma comunque molto importanti per gettare le prime basi teoriche - si è interessata in modo più approfondito al fenomeno solo dagli anni 80. Alcune ricerche erano dedicate a specifici gruppi etnici (Ofeld Basu, 1991; Duong Otsuka, 1999; Wardman, El-Guebaly, Hodgins, 2001) altre sono state realizzate all interno di società occidentali (Hayano, 1982; Lesieur, 1984; Browne, 1989). Negli ultimi anni si distinguono le ricerche di due studiosi scandinavi: Lalander (2006) che si è dedicato a un approfondita etnografia sul mondo dei giocatori delle slot-machine e Binde (2009) che ha prodotto un importante resoconto analitico di tutte le ricerche e dell avanzamento degli studi antropologici sul gioco d azzardo. La corrente dei cultural studies ha interpretato il gambling come frutto-risultato o conseguenza di alcuni aspetti che caratterizzano la società postmoderna contemporanea, definibile come società contraddistinta dal rischio, che per le sue specifiche caratteristiche modella le attitudini degli individui spingendoli verso il gioco d azzardo (Reith, 1999). Per quanto riguarda il contesto italiano, agli studi classici di approccio demologico (Pitrè, 1889) e agli interessanti contributi teorici offerti da Alberto Maria Cirese (1978), negli ultimi anni si sono aggiunti i volumi di De Sanctis Ricciardone (1994) e Pini (2012). Entrambi approfondiscono nello specifico il tema del gioco per come è stato analizzato dall antropologia; il secondo volume è dedicato in particolare al gioco d azzardo, attraverso un analisi frutto delle riflessioni teoriche offerte dalla disciplina e anche di alcuni spunti frutto di una ricerca etnografica realizzata dallo stesso autore. L osservazione partecipante, metodologia caratterizzante delle discipline etnoantropologiche consente, infatti, di studiare i comportamenti dei gambler rispetto alla pratica del gioco e di inserirli all interno dell organizzazione della quotidianità delle loro vite. Attraverso il metodo etnografico, è possibile inoltre analizzare in profondità le motivazioni e le percezioni che i giocatori d'azzardo hanno, rispetto al gioco, oltre ai significati socio-culturali che vengono attribuiti a quest ultimo. La specificità del metodo etnografico permette, infatti, di comprendere il punto di vista dei singoli attori sociali che giocano. L antropologia, in sintesi, analizza il gioco d azzardo patologico non riducendolo esclusivamente alla sua dimensione biologica o alle variabili relative ai tratti 11

13 comportamentali dei singoli individui che giocano, ma lo analizza esaminando i valori, i significati, i sistemi di scambio che si attivano, nel contesto in cui si gioca interpretandolo come socialmente e culturalmente determinato. L analisi antropologia concentra l attenzione anche su come viene interpretato il giocatore d azzardo nella società in cui vive; da un punto di vista storico negli ultimi anni, in molti contesti, per esempio, il gambler è passato da essere considerato come un colpevole o deviante, a essere interpretato come un malato. 12

14 3. I luoghi / non luoghi del gioco 3.1 L osservazione etnografica La ricerca è stata condotta in tutti i luoghi dove sono installate le slot, nei comuni della Val D Elsa senese di Colle Val D Elsa, Poggibonsi, Casole D Elsa, Radicondoli e San Gimignano, individuati attraverso l elenco ufficiale dell Agenzia delle dogane e dei monopoli di Stato. É stata realizzata una mappatura dei luoghi dove si gioca alle Slot, che aggiorna il censimento GAND (Gioco d azzardo e nuove dipendenze) realizzato nel 2011 nell ambito del Progetto regionale su interventi di formazione, prevenzione e trattamento del G.A.P.. Nonostante la ricerca, abbracci tutta la provincia di Siena, e le interviste siano state realizzate con giocatori in trattamento presso i Ser.T di tutta la Provincia sono stati scelti i comuni sopra elencati per la ricerca sul campo, non solo per un impossibilità a monitorare tutto il territorio provinciale, missione per la quale sarebbe necessario molto più tempo o un numero maggiore di ricercatori, ma anche per circoscrivere il territorio a un unica area geografica dalle caratteristiche socio-economiche culturali più omogenee. Ciò che è innovativo e originale nella presente ricerca è che la mappatura dei 60 luoghi visitati e osservati, non solo aggiorna il censimento del 2011 (42 locali a quel tempo), ma ha permesso di realizzate delle planimetrie con lo scopo di evidenziare come è organizzato lo spazio all interno dei luoghi del gioco e come i giocatori e i clienti di questi luoghi si muovono in tali spazi. Naturalmente il tutto è in forma anonima e quindi non verranno divulgati in nessun modo i nomi degli esercizi commerciali (nelle mappe presente in appendice sono stati rinominati con nomi di Stati). Durante l'osservazione è stato possibile osservare comunque anche le strategie di allestimento dei locali rispetto a altri giochi come il Lotto, il Super Enalotto e il Gratta e Vinci, oltre ai Bet Corner dedicati alle scommesse sportive. La ricerca sul campo si è svolta nei mesi di Dicembre 2013, e di Gennaio, Febbraio, Marzo e Aprile Sono state realizzate delle schede etnografiche e delle semplici planimetrie tese a evidenziare alcuni punti salienti emersi grazie all'osservazione etnografica; le dimensioni in scala di tali planimetrie non devono essere tenute in considerazione poiché non sono state misurate in modo preciso. In questo capitolo vengono mostrate alcune delle schede etnografiche particolarmente significative, mentre tutte le schede e le planimetrie realizzate sono presenti nell'appendice finale di del report. Innanzitutto dal sito dell AAMS (Agenzia delle dogane e dei monopoli), elenchiamo i luoghi in cui posso essere installate le New Slot, in Italia, secondo le norme di legge vigenti: - bar, caffè ed esercizi assimilabili, che hanno come attività prevalente la vendita al minuto e la somministrazione di cibi e bevande; - ristoranti, fast-food, osterie, trattorie ed esercizi assimilabili, che hanno come attività prevalente la somministrazione di pasti; -stabilimenti balneari, che hanno come attività prevalente la messa a disposizione di servizi per la 13

dei cosiddetti ambienti dedicati

dei cosiddetti ambienti dedicati In risposta ad una richiesta di Sapar e con una propria circolare del 7 settembre l Amministrazione ha chiarito i vari dubbi interpretativi sugli ambienti dedicati introdotti dal Decreto del 22 gennaio

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Prot. R.U. 20990 IL DIRETTORE DELL AGENZIA Visto il Regolamento generale delle lotterie nazionali approvato con Decreto del Presidente della Repubblica 20 novembre 1948, n.1677 e successive modificazioni;

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

CABINA DI REGIA SPORTELLI UNICI DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DELLA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO & TAVOLO DI COORDINAMENTO UTENTI SUAP

CABINA DI REGIA SPORTELLI UNICI DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DELLA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO & TAVOLO DI COORDINAMENTO UTENTI SUAP CABINA DI REGIA SPORTELLI UNICI DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DELLA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO & TAVOLO DI COORDINAMENTO UTENTI SUAP STANDARDIZZAZIONE PROCEDURE - NOTA 2/2014 Sommario CESSAZIONE ATTIVITÀ DI

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni;

IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni; Prot. n. 4084 AGENZIA DELLE DOGANE E DEI MONOPOLI IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni; VISTO l articolo 12, comma 1, lettera m), del decreto-legge

Dettagli

Gli anziani e Internet

Gli anziani e Internet Hans Rudolf Schelling Alexander Seifert Gli anziani e Internet Motivi del (mancato) utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) da parte delle persone sopra i 65 anni in Svizzera

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

Progetto Mappa CET Versione 1.0 del 08-12-2010

Progetto Mappa CET Versione 1.0 del 08-12-2010 Progetto Mappa CET Versione 1.0 del 08-12-2010 La capacità di godere richiede cultura, e la cultura equivale poi sempre alla capacità di godere. Thomas Mann 1 Oggetto Il progetto consiste nella creazione

Dettagli

Negli UFFICI. 28 settembre 2010

Negli UFFICI. 28 settembre 2010 Negli UFFICI Come si fa 28 settembre 2010 Dai suggerimenti ai benefici Alcuni sono di facile attuazione, altri sono complessi o/e onerosi economicamente. Ovviamente non è necessario adottarli tutti e subito

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Tessera del Tifoso. Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico. Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1

Tessera del Tifoso. Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico. Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1 Tessera del Tifoso Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1 Indice degli argomenti Cos è la tessera del tifoso I punti

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati I circoli privati rappresentano, da sempre, un problema nella gestione delle attività di controllo sul territorio

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34 TIMBRO PROTOCOLLO MODULO DI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE (SUBINGRESSO NUOVA APERTURA (di cui art. 4 comma 5^ L.R. 14/2003) - CESSAZIONE VARIAZIONI

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze:

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: che fare? Alcol, droghe illegali, medicinali, gioco d azzardo Una persona a voi cara soffre di dipendenze. Vi sentite sopraffatti? Impotenti? Avete

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli