News. Natale /11/12. Periodico di Informazione. ott/nov/dic 13 anno XIII

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "News. Natale 2013 10/11/12. Periodico di Informazione. ott/nov/dic 13 anno XIII"

Transcript

1 Periodico di Informazione rmazion z n zion ne e Sanitaria San S nita i aria arria ria a 10/11/12 ott/nov/dic 13 anno XIII News $=,(1'$ 263('$/,(5$ ', '(6(1=$12 '(/ *$5'$ ('$/,(5$ 263(' 2 63(' 63( 6 ('$ '$/ $/ /,(5 /,,(5$ 5$ ', '(6(1=$12 '(/ *$5' 5 5$ 5$ $ ', '( $ ',, '( '(6( (6(1= (1= =$12 $12 ' '(/ * '(/ (/ * *$5' *$ $5'$ 5 $ Un Ospedale sempre più verde Per la terza volta l Azienda Ospedaliera è stata premiata per la sua attenzione verso l ambiente Da gioco a malattia Gioco d azzardo patologico e SPDC Nuovo retinografo digitale Per la diagnosi precoce della retinopatia diabetica Sede Legale: Desenzano del Garda (BS) - Località Montecroce - DESENZANO DEL GARDA / LONATO DEL GARDA / GAVARDO / SALO / MANERBIO / LENO Natale 2013

2 NeWs Periodico di Informazione Sanitaria Azienda Ospedaliera di Desenzano del Garda NeWs IN QUESTO NUMERO Editoriale Un Ospedale sempre più verde Per la terza volta l Azienda Ospedaliera è stata premiata per la sua attenzione verso l ambiente L infermiere una professione al servizio della persona Integrazione tra responsabilità professionale e richiesta di un'organizzazione ospedaliera in continua evoluzione Monitorare le reazioni avverse da farmaco: l importanza della farmacovigilanza Un'attività clinica da rivalutare nel percorso assistenziale del paziente Fare le scale: salute e risparmio energetico Ecco i vincitori del concorso Osteoporosi a 360 prevenzione, diagnosi, terapia Liberamente dal fumo Progetto a favore dei dipendenti fumatori del Presidio di Desenzano L esperto risponde Fumo: domande e risposte Da gioco a malattia Gioco d azzardo patologico e Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura Sala d attesa pediatrica Per vincere la paura Nuovo retinografo digitale Per la diagnosi precoce della retinopatia diabetica L Azienda Ospedaliera ha partecipato a Matching 2.0 Mental Health Recovery Star Direttore Editoriale: Direttore Responsabile: Comitato di Redazione: Editore e Pubblicità: Progetto grafico: Stampa: Tiratura: Marco Luigi Votta Teresina Bertoletti Marco Luigi Votta - Annamaria Indelicato - Cesare Meini - Teresina Bertoletti - Anna Maria Archetti Azienda Ospedaliera di Desenzano del Garda (Bs) Desenzano del Garda - Località Montecroce,1 Telefono e.mail: Marco Mondello Real Arti Lego s.a.s di Sabatino Raimondo - Corbetta (MI) copie su carta FSC Pubblicato on line sul sito 2 ANNO XIII - Edizione /2013 Registrazione del Tribunale di Brescia n 45/2001 del 30/08/2001 NeWs Periodico di Informazione Sanitaria dell Azienda Ospedaliera di Desenzano del /2013. Tutti i diritti riservati. Testi e fotografie contenuti in questo numero non possono essere riprodotti in nessun modo, anche parzialmente, senza l autorizzazione del Direttore Editoriale.

3 Editoriale Un 2013 impegnativo e ricco di tanti stimoli per tutti noi quello che va a concludersi e che ha segnato il mio primo anno da Direttore Generale dell Azienda Ospedaliera. In questo tempo, oltre a conoscere meglio le strutture che la compongono, ho incontrato molti operatori, visitato il territorio e le realtà che lo caratterizzano. Il mio incarico si è aperto con una grande sfida: la stesura del Piano di Organizzazione Aziendale all interno del quale sono state delineate le forme della nuova organizzazione. Tra gli obiettivi principali che ci siamo posti, vi è quello di avvicinare gli Ospedali ai cittadini e ai loro bisogni di salute. Per fare questo occorre, ancora una volta che tutte le forze in campo facciano rete per portare un efficace azione congiunta. In questa direzione vanno gli incontri tra i Medici di Medicina Generale e i Medici ospedalieri, finalizzati a migliorare l interscambio organizzativo e informativo per conoscere meglio le problematiche degli utenti e, con la collaborazione di ASL, programmare ulteriori percorsi formativi. Abbiamo inoltre realizzato eventi dedicati alla popolazione nei quali i nostri professionisti, medici ma non solo, hanno fornito informazioni utili per affrontare in modo corretto le più comuni patologie e, allo stesso tempo, suggerire modelli di vita salutari: Osteoporosi a 360, Fare le scale: salute e risparmio energetico, Per una vita in grande stile cambia stile di vita, sono solo alcuni degli eventi che hanno visto la partecipazione attiva delle persone. Per la prima volta questa Azienda è stata presente a Matching, appuntamento speciale per l'imprenditoria e per lo sviluppo di relazioni che ha visto nelle giornate del 25, 26 e 27 novembre il nostro stand essere luogo di numerosi incontri. Dai dati diffusi nei mesi scorsi dal portale e pubblicati anche sulla stampa nazionale, emerge che le strutture della nostra Azienda rientrano, per alcune particolari prestazioni, tra le migliori a livello nazionale. Ultimo ma non meno importante, l inaugurazione della nuova ala dell Ospedale di Gavardo, in programma per giovedì 19 dicembre, punto di arrivo di un ingente investimento di oltre 31 milioni di euro, di cui 29 di Regione Lombardia e Stato. Si tratta di un grande progetto che ha impegnato tre anni di lavoro, riqualificando la struttura che si conferma punto di riferimento per i bisogni di salute del territorio della Valle Sabbia e dell Alto Garda. Esprimo la mia personale soddisfazione, sia per il livello di professionalità riscontrato, sia per sottolineare il costante impegno nell operare in eccellenza da parte di tutti i lavoratori sanitari, tecnici e amministrativi di questa Azienda. Marco Luigi Votta Direttore Generale A tutti voi auguro un buon Natale e felice

4 NeWs dall azienda Un Ospedale sempre più verde Per la terza volta l Azienda Ospedaliera è stata premiata per la sua attenzione verso l ambiente L Azienda Ospedaliera ha ottenuto, in occasione del Forum Internazionale Compravende-BuyGreen che si è tenuto a Milano il 30 e 31 ottobre, una menzione speciale per il Premio Miglior Bando Verde nell ambito del Premio Compraverde che si propone di incentivare, diffondere e valorizzare le migliori esperienze di Green Public Procurement presenti sul territorio nazionale. Il premio è un riconoscimento assegnato ogni anno agli enti che si sono contraddistinti per aver pubblicato bandi verdi o per aver attuato concrete attività di promozione ed implementazione degli acquisti rispettosi dell ambiente. La menzione speciale viene attribuita al bando che si è contraddistinto per il particolare orientamento alla riduzione di un determinato impatto ambientale ed è stata riconosciuta all Azienda Ospedaliera con la seguente motivazione: Adozione dei principi degli acquisti sostenibili e particolare attenzione all inserimento di criteri ecologici nelle clausole di esecuzione della fornitura di detergenti e detersivi. Nel Comitato Tecnico Scientifico che ha selezionato i concorrenti, provenienti da tutta Italia, erano rappresentati il Coordinamento Agende 21 Locali, Regione Lombardia, il Ministero dell Ambiente e la provincia di Cremona. L Azienda Ospedaliera, che tra i propri obiettivi ha anche quello di promuovere acquisti ambientalmente e socialmente sostenibili, non è nuova a riconoscimenti del genere avendo già ricevuto il premio Compraverde nel 2007 e nel Acquistare verde significa promuovere beni e servizi che, a parità di qualità e di prestazioni, riducono sensibilmente il consumo di risorse naturali, la produzione di rifiuti, le emissioni inquinanti, i pericoli e i rischi in fase di produzione e gestione. E evidente che la missione aziendale di prevenire e salvaguardare la salute dei cittadini si integra perfettamente con la politica degli acquisti verdi. Adottare dei bandi verdi costa qualche fatica in più, ma l Azienda Ospedaliera si accolla volentieri questa incombenza nella convinzione che per il rispetto 4 della natura non debbano essere sempre gli altri a fare qualcosa, ma ognuno debba portare la propria goccia nel mare del rispetto ambientale. Nel corso degli anni sono già parecchi i prodotti verdi acquistati: automobili a gpl/metano, frigoriferi, fotocopiatori, cartucce rigenerate per stampanti e fotocopiatrici, personal computer, parte della cancelleria, buona parte della carta utilizzata per stampanti e fotocopiatori; verde è anche il servizio di pulizia e sanificazione che utilizza prodotti e macchinari certificati di basso impatto ambientale. Inoltre nell acquisto di arredi viene data preferenza ai prodotti certificati FSC o PEFC che attestano la provenienza del legno da foreste gestite in maniera ambientalmente sostenibile. Anche sul fronte rifiuti l Azienda Ospedaliera è particolarmente sensibile: viene infatti posta molta attenzione alla raccolta differenziata ed al corretto smaltimento. In particolare, grazie al lavoro del Servizio Igiene Ambientale, negli ultimi anni è stato drasticamente ridotto il volume dei rifiuti con un risparmio di migliaia di euro, a conferma che il rispetto ambientale non è in antitesi con il risparmio economico. Giuseppe Solazzi Responsabile Servizio Provveditorato

5 NeWs dall azienda L infermiere, una professione al servizio della persona Integrazione tra responsabilità professionale e richiesta di un'organizzazione ospedaliera in continua evoluzione Essere infermiere oggi significa aver effettuato un percorso di studi triennale universitario e conseguito una laurea di primo livello che abilita all esercizio della professione stessa. A più riprese negli ultimi venti anni all infermiere è stato finalmente riconosciuto un ruolo di protagonista all interno dell equipe assistenziale: ha gradualmente abbandonato la subalternità dalla professione medica per instaurare con la stessa un rapporto di collaborazione e di integrazione, orientati alla soluzione dei bisogni di salute della persona. Ha abbandonato un mansionario che elencava le attività che poteva compiere per lasciare spazio, come per ogni professione che si rispetti, alla responsabilità di poter/dover decidere cosa è meglio in quel momento e in quel contesto per la persona che sta assistendo. È guidato nelle sue scelte dal Profilo Professionale (D.M. 739/94) che ne definisce il campo d azione, dal Codice Deontologico che traccia i confini etici del suo agire professionale e dagli ordinamenti didattici dei corsi di formazione di base e post base che ne definiscono conoscenze e competenze. L infermiere è giuridicamente definito responsabile dell assistenza infermieristica generale : ciò significa che, ad eccezione della diagnosi medica e della prescrizione della terapia, competenze indiscutibili della professione medica, esercita la propria autonomia nell identificare, pianificare e valutare i bisogni di salute della persona di cui si prende cura. Il suo comportamento è ispirato a quel sistema di valori che mette al centro il rispetto della persona e della sua dignità, comportamento che si esprime concretamente attraverso: unico del suo patrimonio genetico, dell ambiente e della cultura in cui vive; ed è motivata a soddisfarli; gere il massimo delle sue potenzialità; Prendersi cura significa per l infermiere riuscire a raggiungere gli obiettivi assistenziali interagendo con la persona, condividendo con la stessa percorso e scelte da intraprendere. Tutto questo non è di facile realizzazione in ambito ospedaliero: l organizzazione sempre più imperniata su un modello efficientistico richiede che l infermiere, per rispondere alla propria mission, debba essere supportato da forti motivazioni, da disponibilità verso gli altri, da spirito di sacrificio. Pertanto non dimentichiamo che a fronte di qualche episodio di malasanità riportato dai mezzi di comunicazione e comunque mai giustificabile, c è il quotidiano serio lavoro di tanti infermieri che si sentono realizzati nella loro professione e che costituiscono risorsa irrinunciabile per un sistema sanitario a misura d uomo. Aldo Lorenzini Responsabile S.I.T.R.A. 5

6 NeWs dall azienda Monitorare le reazioni avverse da farmaco: l importanza della farmacovigilanza Un'attività clinica da rivalutare nel percorso assistenziale del paziente Per ricevere l autorizzazione alla immissione in commercio, ogni farmaco è analizzato per anni sotto il profilo della sicurezza dalla casa farmaceutica produttrice, ma questi studi clinici portano dati necessariamente limitati per durata e numero, caratteristiche e patologie dei pazienti studiati. Questo fa si che quando si utilizza il farmaco sulla popolazione generale, ed in particolare su pazienti fragili o poco studiati come l anziano in politerapia o il bambino, possano emergere nuove reazioni avverse (ADR - i cosiddetti effetti collaterali ) che non era stato possibile identificare prima della vendita, oppure osservare una ADR con una diversa frequenza rispetto a quella dichiarata dal produttore, o una interazione con altri farmaci che il paziente sta assumendo. Nonostante la pessima traduzione dall inglese possa far pensare ad un'attività burocratica e amministrativa, la Farmacovigilanza è la fase di studio clinico della sicurezza del farmaco una volta che esso è entrato in commercio e viene utilizzato su una illimitata gamma di pazienti. E' quindi condotta dai professionisti della salute e si basa sulle segnalazioni delle sospette ADR da parte di medici, infermieri, farmacisti e pazienti; ha il significato di confermare nel tempo la positività del rapporto rischio-beneficio di ogni farmaco nelle reali condizioni di utilizzo. Ogni segnalazione che giunge ad un Servizio di Farmacovigilanza è quindi un contributo scientifico per una informazione più completa. Purtroppo uno dei problemi maggiori della Farmacovigilanza è il cosiddetto under-reporting, cioè il basso tasso di segnalazioni di ADR rispetto alle incidenze che si trovano in letteratura. Questo fenomeno è causato dalla mancanza di tempo degli operatori sanitari, ma anche dalla mancata percezione dell importanza di questa attività e dal frequente mancato collegamento tra evento clinico rilevato e farmaco causale, dal momento che nella maggior parte dei casi una ADR si manifesta con sintomi del tutto confondibili con altre patologie e quindi è necessaria una diagnosi differenziale raffinata. La Direzione Generale Salute di Regione Lombardia, tramite il Centro Regionale di Farmacovigilanza suo organismo satellite, sta effettuando ingenti investimenti per finanziare progetti che prevedono l'inserimento presso le Farmacie Ospedaliere di ogni Struttura Sanitaria di almeno un farmacista adeguatamente formato che gestisca i risvolti di questa importante attività, in particolare offra supporto al clinico nella segnalazione, effettui l'analisi delle ADR che insorgono nella propria Struttura, e si occupi di far ritornare ai clinici le nuove informazioni di sicurezza per un utilizzo più appropriato e sicuro dei farmaci, in modo indipendente dall industria farmaceutica. Anche l'azienda Ospedaliera di Desenzano partecipa con due di questi progetti. Confidiamo nella collaborazione di tutti. Per informazioni Roberta Chittolina Farmacovigilanza - Servizio Famacia Annamaria Indelicato Direttore Sanitario 6

7 NeWs dall azienda Fare le scale: salute e risparmio energetico Ecco i vincitori del concorso Lo scorso 12 novembre si è riunita la commissione giudicatrice del concorso per immagini e slogan Fare le scale: salute e risparmio energetico indetto dall Azienda Ospedaliera e finalizzato a promuovere l utilizzo delle scale in sostituzione dell ascensore. 58 gli elaborati pervenuti tra i quali sono stati scelti i 5 vincitori: 1 Federica Motta Fai stare meglio il tuo cuore 2 Arsovska Ivona 3 Chiara D arco C a Gamba 4 Cinzia 5 Ilaria Giordano II I POSTO non l ascensore! usa le scale, sc III POSTO POSTO I premi, messi in palio dal partner commerciale $%%$66$,/ &2/(67(52/2 dell iniziativa Il Leone Shopping Center di Lonato, CHI SALE verranno consegnati il 17 dicembre durante la cerimoda SÉ, nia di premiazione che si terrà presso l Ospedale di CI GUADAGNA PER TRE Desenzano. + SALUTE I primi tre classificati si aggiudicano rispettivamente una bicicletta unisex modello Cruiser, una bicicletta da 5,'8&( 0$/$ / 7 0$/$77,( donna modello Retrò con telaio in acciaio e borse e &$ &$5',$ &$5',$&+( 12 2%(6, %(6,,7, una bicicletta modello MTB r26 biammortizzata; il 3 quarto e il quinto classificato vincono un buono spesa 2 da utilizzarsi presso l Ipermercato. IV V POSTO POSTO La commissione ha giudicato i lavori secondo quattro 1 criteri: efficacia comunicativa nel rapporto parola-immagine, aderenza al tema proposto, qualità tecnica e originalità compositiva. Tutti i lavori verranno esposti in una mostra allestita all Ospedale di Desenzano a partire da lunedì 16 dicembre. L allestimento verrà poi trasferito a Gavardo, Manerbio e presso Il Leone Shopping Center di Lonato. L opera presentata da Federica Motta verrà inoltre utilizzata dall ASL di Brescia per la realizzazione di una campagna di comunicazione rivolta alla popolazione. 5,'8&(,/ 5,6&+,2 ', 0257$/,7 &21 5$03( $/ *,2512 5,1)25=$ /( $57,&2/$=,21, (/,0,1$ 675(66 +RISPARMIO ENERGETICO 35(9,(1( /s 267( TUTELA dell AMBIENTE 6(, 3,$1, ', 6&$/( $/ *, '(7(50,1$5( 81$ 3(5',7$ 2,/ 0$1& $&48,672 ', &,5&$ 2772.*,1 81 $11 $17, '(35(66,92 $17, '(3 (35(66 6,92 6, )$5( /( 6&$/( 121 5,&+,('( ) $5 5( /( 6&$ $ $/& &81 (48,, $/&81 (48,3$**,$0(172 ( &267$ &267$ 18//$ $ ',))(5(1=$ ', ($ 25 ', ( $77,9,7 *,11,&+( Osteoporosi a 360 prevenzione, diagnosi, terapia Ha riscosso grande successo di pubblico il seminario Osteoporosi a 360 prevenzione, diagnosi, terapia organizzato presso l Ospedale di Manerbio lo scorso 19 ottobre in occasione della Giornata Mondiale dell Osteoporosi. Le donne presenti al seminario e in possesso dei fattori di rischio illustrati durante l incontro hanno potuto eseguire una densitometria ossea ad ultrasuoni gratuita per lo screening della malattia. Teresina Bertoletti 7

8

9

10 NeWs da Desenzano/Lonato Liberamente dal fumo Progetto a favore dei dipendenti fumatori del Presidio di Desenzano L Azienda Ospedaliera ha avviato, nel 2012, il progetto sperimentale Liberamente dal fumo mirato alla promozione della salute dei dipendenti fumatori in servizio presso l Ospedale di Desenzano. Obiettivo del progetto, sviluppato dall Unità Operativa di Pneumologia in stretta collaborazione con il Servizio del Medico Competente di Desenzano, è stato quello di fornire informazioni circa gli effetti del fumo sull apparato respiratorio e indicazioni mediche sulle misure terapeutiche e/o comportamentali da adottare in caso di Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva. Agli operatori è stata offerta la possibilità di effettuare gratuitamente un colloquio con il medico pneumologo e un esame spirometrico. Per la realizzazione del progetto, del valore di euro, l Azienda Ospedaliera ha emesso il 29 marzo 2012 un bando finalizzato alla ricerca di enti/aziende finanziatori al quale ha aderito Novartis Farma SpA finanziando l importo stabilito. RECLUTAMENTO Nel periodo luglio/novembre, il Medico Competente ha sottoposto a visita periodica 233 operatori, 60 soggetti (circa il 25%) sono risultati essere fumatori e 30 di questi hanno dichiarato abitudine al fumo da almeno dieci anni. L attenzione del Medico Competente è stata rivolta soprattutto a questi ultimi ai quali è stato illustrato il progetto e proposta l adesione: 6 persone hanno rifiutato, 1 ha aderito fissando l appuntamento con il medico pneumologo, ma non si è presentata all incontro, 23 persone hanno aderito eseguendo il colloquio con il medico pneumologo e la spirometria. CONCLUSIONE La considerazione principale che si può trarre è che buona parte dei tabagisti con abitudine voluttuaria decennale presenta danni a carico dell apparato respiratorio di entità diversa, dall ostruzione bronchiale marcata e non reversibile all associazione o meno di sintomi quali tosse produttiva continua o intermittente, disabilità da dispnea per sforzi medi o lievi fino al conseguente condizionamento della vita sociale del soggetto. Emerge quindi la necessità di informare adeguatamente i fumatori circa i danni che l abitudine al fumo può provocare cercando di sensibilizzarli verso una disassuefazione. Una volta manifestati i danni da fumo è altrettanto importante individuarli e trattarli in modo adeguato e mirato. Antonietta Melchiorre Responsabile Pneumologia 10

11 NeWs Rubriche L esperto risponde Fumo: domande e risposte Abbiamo incontrato la Dr.ssa Antonietta Melchiorre Responsabile dell Unità Operativa Pneumologia dell Ospedale di Desenzano per parlare di fumo di sigaretta e sigarette elettroniche. Quali sono i danni più frequenti legati al fumo di sigaretta? L organo più esposto è il polmone: si calcola che il 90% dei decessi da Broncopatia Cronica Ostruttiva è causato dal fumo di sigaretta. Il 90% dei decessi da cancro del polmone negli uomini, e quasi l 80% nelle donne, è causato dal fumo che danneggia anche molte altre parti vitali del corpo quali il cuore, l apparato digerente e urinario (responsabile di cancro alla vescica); inoltre accelera l invecchiamento cutaneo, riduce la fertilità e causa impotenza. Quale è la tendenza dell abitudine al fumo nel nostro Paese? A questo proposito c è una buona notizia: l indagine Doxa, commissionata dall Osservatorio Fumo Alcool e Droga dell Istituto Superiore di Sanità, ha scattato la fotografia del rapporto tra gli italiani e le sigarette, e si è scoperto che diminuiscono in Italia i fumatori: nel 2011 erano il 22,7% della popolazione con più di 15 anni, nel 2012 rappresentano il 20,8% per un totale di 10,8 milioni di persone. Quindi si tratta di un calo di quasi il 2% che riguarda di più le donne (2,4%). A fumare sono all incirca 2 italiani su 10, la prevalenza più bassa che si sia registrata dal 1957 a oggi; addirittura per le fumatrici si è quasi tornati ai livelli del 1973 e dal 2009 diminuiscono pure i baby fumatori, i ragazzini che iniziano a fumare prima dei 15 anni. Questa tendenza al calo a cosa è dovuta? In primo luogo alla legge antifumo del 2005 che ha avuto grande consenso popolare, superiore all 80%, e che viene fatta rispettare anche per la partecipazione attiva dei non fumatori e in secondo luogo alla nascita, dalla fine degli anni 90, di circa 300 centri antifumo sparsi su tutto il territorio nazionale che, da anni, l Istituto Superiore di Sanità censisce e supporta come il più valido alleato del Servizio Sanitario Nazionale nella lotta al tabagismo. Molto quindi è stato fatto, ma molto resta da fare, soprattutto se si pensa che oltre l 80% dei fumatori crede di essere in buona salute. Bisogna lavorare ancora per aumentare la consapevolezza del rischio e incentivare l accesso ai centri antifumo se, come dice la Doxa 2012, solo il 32,9% li conosce. La sigaretta elettronica è un alternativa valida? Grazie per questa domanda che mi permette di fare un po di chiarezza sull argomento. Pur senza creare allarmismo, bisogna dire che i liquidi per sigarette elettroniche mostrano la presenza di piombo, arsenico, cromo e altri metalli pesanti e a tutt oggi non possiamo prevedere quali siano le conseguenze sulla salute per effetto dell accumulo. Pertanto, anche se è lampante che la sigaretta elettronica sia molto meno pericolosa di una sigaretta di tabacco, è necessaria una normativa che ne garantisca la qualità. Il Dr. Vincenzo Zagà, coordinatore dei centri antifumo della Ausl di Bologna e caporedattore di Tabaccologia, rivista scientifica sul tabagismo, in una recente intervista ha affermato: i centri antifumo, una volta avuta la certezza della qualità dei liquidi, per quei pazienti che si presentano già con la sigaretta elettronica e sostengono che li aiuta a non fumare, potrebbero valutare la stessa sigaretta elettronica come supporto da inserire in un trattamento strutturato, comunque basato su un approccio complesso e integrato psicocomportamentale, motivazionale e farmacologico. Intanto però, per il rispetto dei non fumatori e in attesa di dati più certi e univoci sulla loro sicurezza e tossicità, il divieto di fumo dovrebbe essere esteso, come per quelle di tabacco, a tutti gli ambienti chiusi. a cura della redazione 11

12 NeWs da Gavardo/Salò Da gioco a malattia Gioco d azzardo patologico e Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura Nelle tante frontiere che la psichiatria ha aperto nei confronti di patologie o condizioni di confine come alcolismo, tossicodipendenze, disturbi psichiatrici in corso di demenza, o in portatori di handicap intellettivo, comportamenti antisociali con risvolti giudiziari, si è ora affacciato il gioco d azzardo patologico. Questo disturbo viene definito come un comportamento persistente, ricorrente e maladattivo tale da compromettere le attività personali, familiari e lavorative. Il giocatore compulsivo non gioca per guadagno materiale, ma per il piacere che gli deriva dal giocare. La perdita di controllo e la pervasività del gioco nella vita del soggetto determinano il deterioramento progressivo del proprio ruolo in famiglia e nella società. Il gioco d azzardo patologico presenta un alto livello di comorbilità con i disturbi dell umore, l alcolismo, l uso di sostanze, i disturbi di personalità e i disturbi del controllo degli impulsi. Tra i soggetti che richiedono un trattamento terapeutico per il gioco d azzardo patologico, emergono con alta frequenza ideazione suicidaria e tentativi di suicidio. Il Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura (SPDC) rappresenta il luogo dove si cura la malattia mentale nella fase acuta. È la porta d ingresso di condizioni a volte drammatiche per un percorso terapeutico che si snoda nelle strutture territoriali (Centri Psico Sociali e Strutture Residenziali Riabilitative). La potenzialità terapeutica di un servizio psichiatrico per pazienti acuti sta nel fornire un contenitore che, in una sorta di ruolo materno, accoglie la crisi psicotica connotata come caduta angosciosa senza più 12 riferimenti. Il lavoro terapeutico relazionale e farmacologico può contribuire a ricostruire una coscienza chiara che si oppone all agonia psichica ed al vuoto del pensiero. Il luogo SPDC, con i suoi operatori, viene ad assumere una funzione di sblocco necessaria per assicurare alle persone in crisi un reinvestimento adeguato del proprio sé corporeo e della realtà esterna. Nella nostra esperienza abbiamo ricoverato pazienti che, per il gioco d azzardo patologico, hanno minato le relazioni familiari fino alla disperazione di tentare il suicidio, non riuscendo, da una parte a controllare l'impulso al gioco, vera dipendenza patologica, dall'altra a mantenere l'equilibrio familiare e sociale distrutto e umiliato dalle conseguenze di un gioco diventato ormai una roulette russa. SPDC in numeri L epidemiologia dei primi sei mesi del 2013 vede in SPDC a Gavardo 245 ricoveri di cui 220 volontari e 25 obbligatori (TSO Trattamento Sanitario Obbligatorio). Le patologie più rappresentate sono: - schizofrenia e sindromi deliranti (79 casi) - sindromi affettive (98 casi) - disturbi di personalità (28 casi) - disturbi dovuti all uso di sostanze psicoattive (9 casi) La degenza media è di 11,36 giorni. Gianluigi Nobili Direttore UOPsichiatria 21 Gavardo

13 Sala d attesa pediatrica Per vincere la paura NeWs da Gavardo/Salò È la prima volta che una mamma insiste con la figlia di smettere di giocare ; la bambina rimane in sala d attesa e non vuole andare a casa. Strano! Il medico Pediatra non può visitare in ambulatorio perché un altro bambino ha preferito fare la visita in sala d attesa. Strano! In tanti anni di vita ospedaliera abbiamo sentito pianti di bambini annoiati e spaventati in attesa della visita. Oggi giocano, si divertono e danno pure un nome all orsacchiotto che spunta dalla cesta. Non sentiamo più voci isteriche di mamme che cercano inutilmente di tranquillizzare il bambino, padri che sbuffano, stufi di rincorrere i bambini nei corridoi. Oggi è diverso, è come respirare un aria di serenità. Sentiamo le risa e la calma di questi genitori che finalmente si siedono. Un disegno spunta sulla lavagna: è di una collega venuta a far visita, sul muro è appeso un quadro meraviglioso che ha donato Paola, rubandolo dalla stanza di suo figlio. È spuntata la sala d attesa pediatrica con giochi, pupazzi, libri, colori e quadri. Tutto si può toccare ed usare. Non abbiamo computer, videogiochi, tv: abbiamo preferito la semplicità che coinvolge proprio tutti. È un arcobaleno e finalmente il bambino non vive la paura nell attesa! Grazie alla sensibilità della Direzione e alla disponibilità e fantasia degli infermieri degli ambulatori e di altri servizi abbiamo costruito un posto sicuro ed allegro. Certo, è ancora da perfezionare e definire ma è una coccola che regaliamo orgogliose ai piccoli ospiti; manca il nome per la stanza, se qualcuno che legge ha voglia di fantasticare... Equipe Poliambulatori 13

14 NeWs da Manerbio/Leno Nuovo retinografo digitale Per la diagnosi precoce della retinopatia diabetica Si è tenuta lo scorso 16 novembre la cerimonia di consegna del retinografo digitale per lo screening eni ng della la retinopatia diabetica donato da UCID Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti Manerbio-Bassa Bresciana, UBI-Banco di Brescia e Associazione Davide Rodella Onlus. L apparecchiatura permette la realizzazione di un percorso integrato per la diagnosi precoce della retinopatia diabetica a favore delle persone in cura presso l Unità Operativa di Oculistica e il Servizio di Diabetologia. La donazione è frutto di un iniziativa di finanza solidale avviata con l emissione di un social bond da parte di UBI-Banco di Brescia i cui proventi sono stati in parte devoluti a titolo di liberalità all Associazione Davide Rodella Onlus che da anni persegue finalità di solidarietà sociale. La donazione ha sottolineato il Direttore Generale Marco Votta è un ulteriore esempio di collaborazione ed integrazione tra l Ospedale e le realtà associative presenti sul territorio che ringrazio per la loro disponibilità. L apparecchiatura ha un valore economico di euro e un importante valore sociale legato alla possibilità che offre ai pazienti affetti da diabete di effettuare una diagnosi precoce della retinopatia diabetica. Vicino al Direttore Generale sono intervenuti il Direttore Sanitario Annamaria Indelicato, il Direttore Amministrativo Cesare Meini, il Direttore Territoriale Brescia Sud del Banco di Brescia Elio Silini e il Presidente di UCID Giuseppe Pozzi. Il nuovo retinografo digitale ha dichiarato Valeria Magri Direttore dell Oculistica permette di acquisire immagini del fondo oculare di ottima qualità senza manovre invasive per i pazienti. L apparecchiatura è dotata di un software che permette di archiviare le immagini del fondo dell occhio consentendone un confronto nel corso del tempo. Mettendolo in rete è possibile infine per oculista e diabetologo la condivisione degli esami realizzando così un servizio di telemedicina. Grazie a questo strumento ha aggiunto Armando Rotondi Responsabile Diabetologia un sempre maggior numero di pazienti diabetici, che sono in crescita esponenziale avendo la malattia assunto un carattere epidemico nel mondo per i mutati stili di vita, potranno essere precocemente screenati permettendo un tempestivo e precoce trattamento della retinopatia diabetica, complicanza che rappresenta una delle cause principali di cecità acquisita. Il Presidente di UCID Giuseppe Pozzi ha proseguito la nostra Associazione vede il ruolo dell imprenditoria e della professionalità come obbligo verso la società e un opportunità per sviluppare i talenti ricevuti a beneficio dei nostri stakeholders e della società nel suo complesso. Appartenendo al variegato mondo del volontariato abbiamo il dovere da cristiani di impegnarci concretamente nel promuovere e sostenere iniziative come questa: un progetto integrato tra i due ospedali (Leno e Manerbio) condiviso dall Associazione Davide Rodella e dalla Banca, che vede oggi la sua realizzazione con la consegna del retinografo digitale. Teresina Bertoletti 14

15 NeWs eventi L Azienda Ospedaliera ha partecipato a Matching 2.0 Dal 25 al 27 novembre l Azienda Ospedaliera ha partecipato, con uno spazio espositivo, alla nona edizione di Matching che si è tenuta presso Fieramilano Rho-Pero. Matching rappresenta un appuntamento fisso per il mondo dell imprenditoria utile per far conoscere le proprie attività e potenziare la rete tra le imprese. In questi giorni l Azienda Ospedaliera ha presentato mission, strutture e servizi ai numerosi imprenditori, italiani e stranieri, che hanno frequentato la fiera e visitato lo stand. Si è trattato di un importante occasione in linea con quella che è la filosofia di Matching: offrire la possibilità a imprese ed enti di sviluppare relazioni di business per lavorare insieme e fare innovazione. con il patrocinio di Uno strumento per misurare i processi di recovery nell ambito della salute mentale 1a edizione - Villa Badia - Leno 7 febbraio dalle 9.00 alle settembre dalle 9.00 alle Iscrizioni entro il 24/01/2014 2a edizione - Villa Badia - Leno 11 aprile dalle 9.00 alle ottobre dalle 9.00 alle Iscrizioni entro il 28/03/2014 3a edizione - Sala dei Provveditori - Salò 6 giugno dalle 9.00 alle novembre dalle 9.00 alle Iscrizioni entro il 23/05/2014 Informazioni e iscrizioni: 15

16

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE SALUTE MENTALE Settembre 2006 Il percorso di apprendimento in ambito clinico relativo al problema prioritario di salute malattia

Dettagli

L approccio preventivo nella BPCO

L approccio preventivo nella BPCO IV Giornata Mondiale BPCO Prevenzione e Controllo della BPCO Roma 16 novembre 2005 L approccio preventivo nella BPCO Annamaria de Martino Ministero della Salute Direzione Generale Prevenzione Sanitaria

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

Curriculum Vitae. Realini Tiziana Via Nazionale, 41 23013 Cosio Valtellino Tel. 0342/635804. e-mail tiziana_realini@virgilio.it. Nazionalità italiana

Curriculum Vitae. Realini Tiziana Via Nazionale, 41 23013 Cosio Valtellino Tel. 0342/635804. e-mail tiziana_realini@virgilio.it. Nazionalità italiana Curriculum Vitae Realini Tiziana Via Nazionale, 41 23013 Cosio Valtellino Tel. 0342/635804 e-mail tiziana_realini@virgilio.it Nazionalità italiana Nata il 28-10-1958 Laureata in psicologia presso l università

Dettagli

Procedura per gli ACCERTAMENTI E I TRATTAMENTI SANITARI OBBLIGATORI TAVOLA DI ESPLICITAZIONE DEGLI ACRONIMI RICORRENTI

Procedura per gli ACCERTAMENTI E I TRATTAMENTI SANITARI OBBLIGATORI TAVOLA DI ESPLICITAZIONE DEGLI ACRONIMI RICORRENTI AZIENDA SANITARIA LOCALE PROVINCIA DI MILANO 3 AL S 3 MONZA Organismo di coordinamento per la salute mentale Procedura per gli ACCERTAMENTI E I TRATTAMENTI SANITARI OBBLIGATORI TAVOLA DI ESPLICITAZIONE

Dettagli

GUADAGNARE SALUTE Rendere facili le scelte salutari

GUADAGNARE SALUTE Rendere facili le scelte salutari GUADAGNARE SALUTE Rendere facili le scelte salutari Protocollo di Intesa tra il Ministro della Salute e il Ministro per le Politiche giovanili e le attività sportive Le iniziative da finanziare nell ambito

Dettagli

FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it

FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it MEMORIA PER AUDIZIONE ALLA XII COMMISSIONE PERMANENTE (IGIENE E SANITÀ ) DEL SENATO L autismo è una sindrome di carattere

Dettagli

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute Maria Grazia Proietti il campo di competenza dell infermiere è rappresentato dal complesso delle attività rivolte

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

Mantova. Professione per la vita: L INFERMIERE

Mantova. Professione per la vita: L INFERMIERE Mantova Professione per la vita: L INFERMIERE Scegliere un lavoro che ti permette di essere protagonista nella vita vera, di essere un punto di riferimento per gli altri e di esercitare importanti responsabilità,

Dettagli

ASPETTI PSICHIATRICI

ASPETTI PSICHIATRICI Le nuove droghe e addiction comportamentali Varese, 5 dicembre 2012 ASPETTI PSICHIATRICI Marcello Diurni RELAZIONE ANNUALE 2011 DELL'OSSERVATORIO EUROPEO DELLE DROGHE E TOSSICODIPENDENZE Cannabis: Prevalenza

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI

ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI I Sessione: Il problema del lavoro rispetto alla psicopatologia e alla psicologia Malattie psichiatriche e lavoro Milano Ospedale San Raffaele 19 Novembre 2010 ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI

Dettagli

PAROLE CHIAVE - Classe I - Classe II - Classe III - Classe IV

PAROLE CHIAVE  - Classe I - Classe II - Classe III - Classe IV INTRODUZIONE L interesse verso l argomento che intendo affrontare con questo elaborato, è maturato nel corso di questo triennio di studi, attraverso le conoscenze a me apportate dalle lezioni teoriche

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Monica Parmeggiani Via Don Maestrini 117/B Flero Telefono 030-2548589 Cellulare 3924843408 E-mail

Dettagli

LE CASE DELLA SALUTE, STRUMENTO DELLA CONTINUITA ASSISTENZIALE

LE CASE DELLA SALUTE, STRUMENTO DELLA CONTINUITA ASSISTENZIALE LE CASE DELLA SALUTE, STRUMENTO DELLA CONTINUITA ASSISTENZIALE Massimo Fabi (Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma) Innanzitutto grazie agli organizzatori di questo convegno: è davvero molto utile confrontare

Dettagli

Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl.

Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl. Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl. Che cos è Fase 1 srl? Fase 1 è una società a responsabilità limitata

Dettagli

Intervento di Stefano Cuzzilla

Intervento di Stefano Cuzzilla Desenzano sul Garda, 25 marzo 2013 Intervento di Stefano Cuzzilla PRESIDENTE FASI Sono molto fiero di partecipare oggi a questo incontro perché qui, a Desenzano, abbiamo realizzato uno degli obiettivi

Dettagli

Campagna informativa sulle dipendenze patologiche. Abruzzo Sanità: il nostro impegno per la tua salute.

Campagna informativa sulle dipendenze patologiche. Abruzzo Sanità: il nostro impegno per la tua salute. Campagna informativa sulle dipendenze patologiche Abruzzo Sanità: il nostro impegno per la tua salute. Cari cittadini, è con orgoglio che vi presento la prima di dieci Campagne di Comunicazione sanitaria

Dettagli

III CONGRESSO NAZIONALE COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO PSICHIATRIA

III CONGRESSO NAZIONALE COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO PSICHIATRIA CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO PSICHIATRIA

Dettagli

FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono E-mail Gaia Villa villa. gaia @ libero.it Nazionalità italiana Data di nascita 09-02-1973 ESPERIENZA LAVORATIVA Date

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2537 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO Modifiche agli articoli 3-quinquies e 3-sexies del

Dettagli

Il Direttore Generale Carlo Lucchina

Il Direttore Generale Carlo Lucchina Ai Direttori Generali delle Aziende Sanitarie Locali Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere e p.c. Ai Direttori dei Dipartimenti di Salute Mentale LORO SEDI CIRCOLARE N 49.../SAN Oggetto: Indirizzi

Dettagli

Il progetto regionale sostanze legali

Il progetto regionale sostanze legali Lavori preparatori alla II Conferenza regionale sulla salute mentale Il Sistema Dipendenze patologiche si presenta Il progetto regionale sostanze legali Maurizio Laezza Bologna,27 febbraio 2007 Fumo di

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Allegato alla Delib.G.R. n. 44/ 10 del 31.10.2007 PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Premessa L autismo, assieme agli altri disturbi pervasivi

Dettagli

Perticone Rosalvo. Dirigente Psicologo Azienda USL3 Pistoia Toscana. r.perticone@usl3.toscana.it

Perticone Rosalvo. Dirigente Psicologo Azienda USL3 Pistoia Toscana. r.perticone@usl3.toscana.it C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Perticone Rosalvo Data di nascita 15 Settembre 1954 Qualifica Amministrazione Dirigente Psicologo Azienda USL3 Pistoia Toscana Incarico attuale

Dettagli

La Polisportiva "INSIEME per SPORT La Società Polisportiva "Insieme per Sport" è nata nel maggio del 1995 all interno del Dipartimento di Salute Mentale dell ASL 3 Genovese, dall iniziativa di un piccolo

Dettagli

PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE

PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE L incontro si è tenuto Martedì 22 Aprile alle ore 14:00 presso il Liceo Galvani I relatori erano i seguenti: Andrea Biancardi,

Dettagli

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI 1 / 8 RELAZIONE Egregi colleghi, la legislazione vigente riconosce già all infermiere un ruolo fondamentale in assistenza domiciliare,

Dettagli

Educazione terapeutica e supporto all autocura nei bambini affetti da diabete di tipo I appartenenti a nuclei familiari a maggiore fragilità

Educazione terapeutica e supporto all autocura nei bambini affetti da diabete di tipo I appartenenti a nuclei familiari a maggiore fragilità Educazione terapeutica e supporto all autocura nei bambini affetti da diabete di tipo I appartenenti a nuclei familiari a maggiore fragilità Gennaio 2012 Indice 1 Premessa 3 2 Percorso 5 2.1.1 Avvio 5

Dettagli

ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari.

ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari. LA CARTA DEI VALORI ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari. DIGNITÀ Ci impegniamo ogni giorno per

Dettagli

EDUCAZIONE SANITARIA...

EDUCAZIONE SANITARIA... EDUCAZIONE SANITARIA... Satta Hai Anna Siamo negli anni 20, l inizio dell era insulinica: prende forma l idea che il diabetico debba essere adeguatamente istruito e motivato (cioè educato). Questa nuova

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

Progetto di Assistenza Domiciliare

Progetto di Assistenza Domiciliare Progetto di Assistenza Domiciliare Per curare efficacemente un malato cronico, oggi non è più sufficiente limitarsi alla corretta interpretazione dei segni e dei sintomi clinici della malattia e/o alla

Dettagli

Progetto Butterfly Campagna di prevenzione e tutela della salute respiratoria Report Puglia

Progetto Butterfly Campagna di prevenzione e tutela della salute respiratoria Report Puglia Progetto Butterfly Campagna di prevenzione e tutela della salute respiratoria Report Puglia Premessa Articolazione del Report 2 Capitolo I. La ricognizione Oggetto e metodologia 3 Realizzazione 4 Valore

Dettagli

AUTISMO UNA DISABILITÀ GRAVE E PERMANENTE L AUTISMO È DIFFUSO? QUASI MEZZO MILIONE DI CASI IN ITALIA

AUTISMO UNA DISABILITÀ GRAVE E PERMANENTE L AUTISMO È DIFFUSO? QUASI MEZZO MILIONE DI CASI IN ITALIA AUTISMO Il termine autismo identifica una disabilità permanente complessa, di natura neurobiologica, che si manifesta ed è identificabile nella prima infanzia sulla base di difficoltà di comunicazione,

Dettagli

Prandelli Matteo. matteo.prandelli@aod.it

Prandelli Matteo. matteo.prandelli@aod.it F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Prandelli Matteo Telefono Fax E-mail matteo.prandelli@aod.it Nazionalità Italiana Data di nascita

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE IL PUNTO DI NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE PISTOIA 6 GIUGNO OSTEOPOROSI: DIFETTO SISTEMICO A CARICO DELLO SCHELETRO CARATTERIZZATO DA UNA

Dettagli

Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto!

Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto! Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto! A Cura della Struttura Semplice Per lo sviluppo ed il monitoraggio di azioni in tema di educazione e promozione

Dettagli

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

PROGETTO INTEGRATO DI CONSULENZA PSICOLOGICA, DISASSUEFAZIONE DAL FUMO E TRAINING AUTOGENO A SUPPORTO DI PAZIENTI CARDIOPATICI E DEI LORO FAMILIARI

PROGETTO INTEGRATO DI CONSULENZA PSICOLOGICA, DISASSUEFAZIONE DAL FUMO E TRAINING AUTOGENO A SUPPORTO DI PAZIENTI CARDIOPATICI E DEI LORO FAMILIARI PROGETTO INTEGRATO DI CONSULENZA PSICOLOGICA, DISASSUEFAZIONE DAL FUMO E TRAINING AUTOGENO A SUPPORTO DI PAZIENTI CARDIOPATICI E DEI LORO FAMILIARI 2004-2012 Il progetto presentato inizialmente presso

Dettagli

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: l Associazione Alzheimer Svizzera chiede un accompagnamento e un assistenza completi per i malati di demenza. Pensieri suicidi nelle persone affette da

Dettagli

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA Prefazione Alla fine degli anni 90, i programmi di controllo della tubercolosi (TBC) in Italia sono stati adeguati alla mutata realtà epidemiologica, caratteristica di un

Dettagli

LA LAMPADA DI ALADINO Associazione Onlus per l assistenza globale al malato oncologico

LA LAMPADA DI ALADINO Associazione Onlus per l assistenza globale al malato oncologico Chi siamo Associazione nata a Brugherio nel 2000 da un gruppo di persone che ha vissuto l esperienza del tumore, convinti della necessità di dare risposta alle molteplici e complesse problematiche che

Dettagli

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO?

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? IL RUOLO DEL CAREGIVER Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? Per i pazienti un sostegno indispensabile Per i Medici un riferimento Per le Istituzioni

Dettagli

ANGSA LOMBARDIA ONLUS

ANGSA LOMBARDIA ONLUS ANGSA LOMBARDIA ONLUS Convegno Coop. Sociale Cascina Bianca ASCOLTARE, INFORMARE SENSIBILIZZARE, FARE RETE presentazione di RETE AUTISMO CRITICITA DEL PROGETTO DI VITA DELLE PERSONE CON AUTISMO I CARE

Dettagli

Il Bollettino del Villaggio dell Arca

Il Bollettino del Villaggio dell Arca Cari amici con un po di malinconia ci lasciamo alle spalle l estate, ricca di bei momenti e di incontri interessanti, e ci immergiamo nel nuovo anno scolastico. Come accade ogni anno, lo spirito legato

Dettagli

Rapporti con i medici, i veterinari ed altri sanitari. Rapporti con i maestri e con i tirocinanti

Rapporti con i medici, i veterinari ed altri sanitari. Rapporti con i maestri e con i tirocinanti CODICE DEONTOLOGICO DELLA PROFESSIONE DI FARMACISTA Il "Codice Deontologico del Farmacista", è stato approvato dal Consiglio Nazionale della Federazione degli Ordini in data 13 dicembre 2000. Premessa

Dettagli

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA OBIETTIVO: Presentare il percorso intrapreso per superare

Dettagli

I Docenti responsabili del Master, almeno tre, sono proposti dalla Facoltà di Medicina e Chirurgia.

I Docenti responsabili del Master, almeno tre, sono proposti dalla Facoltà di Medicina e Chirurgia. Master di I Livello in Infermieristica in Sanità Pubblica Art. 1 Attivazione del Master L Università degli Studi de L Aquila attiva, su proposta della Facoltà di Medicina e Chirurgia, un Master di 1 livello

Dettagli

Il problema dei farmaci

Il problema dei farmaci Presentazione del Manuale Gestione del Rischio Clinico e Sicurezza delle Cure negli Ambulatori dei MMG e PdF Roma, 16 marzo 2010 Auditorium Lungotevere Ripa, 1 Il problema dei farmaci Susanna Ciampalini

Dettagli

Il fumo in Italia. Sintesi dei risultati

Il fumo in Italia. Sintesi dei risultati Indagine effettuata per conto de l Istituto Superiore di Sanità, in collaborazione con l Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri e la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori Sintesi dei risultati

Dettagli

Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS

Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS Maria Bona Venturi CENTRO C.A.S.A. AIDS Dipartimento delle Cure Primarie Azienda USL di Bologna 1 Il Centro C.A.S.A. (Centro

Dettagli

Evento Fad Ecm GLI STILI DI VITA NELLE MALATTIE CRONICHE: BPCO

Evento Fad Ecm GLI STILI DI VITA NELLE MALATTIE CRONICHE: BPCO Evento Fad Ecm GLI STILI DI VITA NELLE MALATTIE CRONICHE: BPCO DATA INIZIO 18 DICEMBRE 2015-DATA FINE 18 DICEMBRE 2016 Destinatari dell iniziativa: Il corso Ecm fad è destinato a 1.500 utenti Target di

Dettagli

A.D.I. A.D.I. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI. Fondazione Molina ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

A.D.I. A.D.I. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI. Fondazione Molina ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI Fondazione Molina A.D.I. ONLUS - Varese Indice delle sezioni: La storia La Fondazione Molina A.D.I. Principi fondamentali Obiettivi del servizio Accesso al servizio

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome ALBERTO SANTI Amministrazione Telefono dell Ufficio 06 58704411 A O San Camillo Forlanini Piazza Carlo Forlanini,

Dettagli

CEDEM. Dal CeDeM alla ReteDem. Stefano De Carolis. Centro della Memoria Ospedale «Infermi» Scala B Piano VI

CEDEM. Dal CeDeM alla ReteDem. Stefano De Carolis. Centro della Memoria Ospedale «Infermi» Scala B Piano VI Giovan Francesco Nagli detto il Centino (not. 1638-1675) Sant Ubaldo libera un ossessa Azienda USL Rimini Stefano De Carolis Dal CeDeM alla ReteDem Responsabile Aziendale del Progetto Demenze per il territorio

Dettagli

L INFERMIERE DI FAMIGLIA. Giornata internazionale dell infermiere STAR BENE INSIEME PER STAR BENE

L INFERMIERE DI FAMIGLIA. Giornata internazionale dell infermiere STAR BENE INSIEME PER STAR BENE L INFERMIERE DI FAMIGLIA Giornata internazionale dell infermiere STAR BENE INSIEME PER STAR BENE Uno degli obiettivi di oggi RILEGGERE LO SVILUPPO DELL ASSISTENZA INFERMIERISTICA TERRITORIALE DAL PUNTO

Dettagli

Un nuovo modello di assistenza odontoiatrica. Stati Generali della Salute. Roma Proposta della CAO Nazionale

Un nuovo modello di assistenza odontoiatrica. Stati Generali della Salute. Roma Proposta della CAO Nazionale Un nuovo modello di assistenza odontoiatrica Stati Generali della Salute Roma Proposta della CAO Nazionale Roma, 09 /04/2014 Premessa La società in cui viviamo sta attraversando un momento di crisi e la

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE POLITICHE SOCIALI. Lavorare con cura

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE POLITICHE SOCIALI. Lavorare con cura PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE POLITICHE SOCIALI Lavorare con cura PERCORSO FORMATIVO E DI AGGIORNAMENTO PER GLI A.S.A. E O.S.S. IMPIEGATI NEI SERVIZI DOMICILIARI AMBITI TERRITORIALI VAL SERIANA E VAL SERIANA

Dettagli

Allegato A.1.6 Ediz. 02 Carta dei servizi Assistenza a domicilio. MANUALE DELLA QUALITA Pagina 1 di 11

Allegato A.1.6 Ediz. 02 Carta dei servizi Assistenza a domicilio. MANUALE DELLA QUALITA Pagina 1 di 11 MANUALE DELLA QUALITA Pagina 1 di 11 C.so Laghi 34 10051 Avigliana (TO) Tel. 011.93.11.392 Fax 011.19.85.86.87 e-mail: csdacooparl@tiscalinet.it www.cooperativacsda.it ASSISSTENZA A DOMICILIO CARTA DEI

Dettagli

Gli interventi delle professioni sanitarie

Gli interventi delle professioni sanitarie Gli interventi delle professioni sanitarie 19 febbraio 2015 Dott. BALDINI CLAUDIO Direttore UOC Direzione Professioni Sanitarie Territoriali ASL 11 EMPOLI 23/02/2015 1 Secondo me la missione delle cure

Dettagli

Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell alimentazione n. 17/22, Luglio-Agosto 2013

Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell alimentazione n. 17/22, Luglio-Agosto 2013 Percorsi di cura dei disturbi dell alimentazione nella Regione Veneto Paolo Santonastaso Centro Regionale per i Disturbi Alimentari Dipartimento di Neuroscienze Università di padova Appropriatezza clinica,

Dettagli

Day Hospital Psichiatrico

Day Hospital Psichiatrico Day Hospital Psichiatrico Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure, attraverso

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA COMUNITA ALLOGGIO DEFINIZIONE DEL SERVIZIO La Comunità Alloggio si propone come soluzione strutturale idonea a rispondere nei casi in cui i genitori

Dettagli

FORUM Regionale R/S ABRUZZO OGGI

FORUM Regionale R/S ABRUZZO OGGI Ho capito che la situazione dell altro è uguale alla mia: uscirne da soli è egoismo, insieme è POLITICA (Don Milani) Noi educhiamo i nostri ragazzi a sviluppare la propria individualità tanto nello spirito

Dettagli

PASSI 2009. I dati sul tabagismo in Valle d Aosta. Elisa Francesca ECHARLOD DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

PASSI 2009. I dati sul tabagismo in Valle d Aosta. Elisa Francesca ECHARLOD DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE PASSI 2009 I dati sul tabagismo in Valle d Aosta Elisa Francesca ECHARLOD DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Che cos è PASSI? Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Sistema di sorveglianza della popolazione

Dettagli

Responsabilità Sociale ed Etica Pubblica

Responsabilità Sociale ed Etica Pubblica Responsabilità Sociale ed Etica Pubblica Giuseppe Solazzi Bergamo, XVI congresso F.A.R.E. 1 Le organizzazioni che erogano servizi professionali alle persone non potranno mai essere migliori degli individui

Dettagli

LA COSTRUZIONE DELLA RETE CON I MMG

LA COSTRUZIONE DELLA RETE CON I MMG LA COSTRUZIONE DELLA RETE CON I MMG Esperienze di collaborazione fra operatori negli interventi di prevenzione e cura del tabagismo Dr. Pedroni Massimo MMG Scandiano IL PROBLEMA DI SALUTE AFFRONTARE il

Dettagli

NON fumare. è la scelta migliore che puoi fare

NON fumare. è la scelta migliore che puoi fare Il programma GUADAGNARE SALUTE, promosso dal Ministero della Salute e dall Istituto Superiore di Sanità, con le Regioni e gli Enti locali, si propone di contrastare i 4 rischi fondamentali per la salute,

Dettagli

MMG, PLS, FARMACISTI: ruoli diversi, obiettivi comuni. Come intervenire nel processo? Luigi Canciani

MMG, PLS, FARMACISTI: ruoli diversi, obiettivi comuni. Come intervenire nel processo? Luigi Canciani MMG, PLS, FARMACISTI: ruoli diversi, obiettivi comuni. Come intervenire nel processo? Luigi Canciani La centralità dello stile di vita nel determinare lo stato di salute e il benessere delle persone è

Dettagli

"La forza è nelle differenze, non nelle similitudini" Stephen Covey (scrittore)

La forza è nelle differenze, non nelle similitudini Stephen Covey (scrittore) "La forza è nelle differenze, non nelle similitudini" Stephen Covey (scrittore) Modelli di interazione tra Dipartimento di Prevenzione e Distretti nella ASL Roma A 5 Ottobre 2013 Angelo Barbato Barbara

Dettagli

maria.portesi@gmail.com

maria.portesi@gmail.com Dott.ssa Maria Portesi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo PORTESI

Dettagli

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità Progetto S STEGNO VOL. 6 A chi rivolgersi in caso di necessità A chi rivolgersi in caso di necessità 118 ORE Il 118 è il numero telefonico attivo in Italia per la richiesta di soccorso sanitario. È un

Dettagli

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi COMUNICATO STAMPA ROMA, APRILE 2013 Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi La Toscana è la Regione che ha la spesa più elevata

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio. 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1.

Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio. 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1. SEZIONE 1: DATI ANAGRAFICI E INFORMAZIONI PRELIMINARI Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1.2 Tipologia utente Utente

Dettagli

proposta di legge n. 455

proposta di legge n. 455 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 455 a iniziativa dei Consiglieri Busilacchi, D Anna, Badiali, Bugaro, Camela, Comi, Eusebi, Natali, Perazzoli, Pieroni, Zinni presentata in data

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo LOZIORI DANIELA Telefono 349-1886188 Fax E-mail Nazionalità italiana Data di nascita 06.09.1962

Dettagli

Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ PUBBLICA E DELL INNOVAZIONE

Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ PUBBLICA E DELL INNOVAZIONE Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ PUBBLICA E DELL INNOVAZIONE ATTIVITÀ PER LA PREVENZIONE DEL TABAGISMO RAPPORTO ANNO 2011 10 gennaio 2012 La prevenzione e la cura del tabagismo sono essenziali

Dettagli

RAPPORTO 1/09/2011-31/03/2012 STUDIO OSSERVAZIONALE SUGLI STATI VEGETATIVI PROGETTO VESTA. Unità Operativa di Latina INTRODUZIONE

RAPPORTO 1/09/2011-31/03/2012 STUDIO OSSERVAZIONALE SUGLI STATI VEGETATIVI PROGETTO VESTA. Unità Operativa di Latina INTRODUZIONE RAPPORTO 1/09/2011-31/03/2012 STUDIO OSSERVAZIONALE SUGLI STATI VEGETATIVI PROGETTO VESTA Unità Operativa di Latina INTRODUZIONE Il Progetto Vesta è uno studio osservazionale multicentrico su soggetti

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. SANTI VITTORIO Data di nascita 14/03/1946. Dirigente ASL I fascia - ser.t formia

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. SANTI VITTORIO Data di nascita 14/03/1946. Dirigente ASL I fascia - ser.t formia INFORMAZIONI PERSONALI Nome SANTI VITTORIO Data di nascita 14/03/1946 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia ASL DI LATINA Dirigente ASL I fascia - ser.t formia

Dettagli

INDICE. IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio

INDICE. IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio INDICE IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio 1. Dove siamo pag. 3 2. Chi siamo pag. 3 3. Orari e giorni di apertura del centro pag. 5 4. Pernottamento pag. 6 5.Trasporto con mezzo e accompagnatore pag.

Dettagli

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)?

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? La Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) è un quadro nosologico caratterizzato dalla progressiva limitazione del flusso aereo che non è completamente

Dettagli

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA UOC FIBROSI CISTICA, DMP OPBG- IRCCS e ASSOCIAZIONE OFFICIUM ONL.US. PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA Sviluppo ed Implementazione della cultura assistenziale del malato cronico

Dettagli

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma 1 L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA I Cittadini debbono

Dettagli

Integrazione Ospedale-Territorio:

Integrazione Ospedale-Territorio: Integrazione Ospedale-Territorio: malattie rare ed assistenza integrativa Relatore Dott.ssa Francesca Canepa S.C. Assistenza Farmaceutica Convenzionata LEA I Livelli essenziali di assistenza (LEA) sono

Dettagli

AREA Stili di vita e lotta all obesità

AREA Stili di vita e lotta all obesità Bando Oscar della Salute 2012 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO AREA Stili di vita e lotta all obesità Titolo del Ente proponente Riguardiamoci il cuore - III edizione

Dettagli

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER?

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? E la forma più frequente di demenza. La DEMENZA è la perdita delle funzioni intellettive (il RICORDARE, il PENSARE, il RAGIONARE) di gravità tale da rendere la persona malata

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCARTABELLATI MARIA Indirizzo STRADA

Dettagli

Il Corso di Laurea in Infermieristica

Il Corso di Laurea in Infermieristica Sessione V: Il ruolo della formazione nella costruzione di una cultura geriatrica e multiprofessionale Il Corso di Laurea in Infermieristica Dott.ssa Paola Ferri Corso di Laurea in Infermieristica Università

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

Ospedale privato Villa Igea

Ospedale privato Villa Igea Residenza psichiatrica il Borgo Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure, attraverso

Dettagli

1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza.

1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza. Piano operativo Schede 1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza. 3. Identificativo della linea o delle linee di intervento generale/i 2.9 Prevenzione e sorveglianza

Dettagli

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE DOVE ANDARE PER cominciare un percorso oncologico, prenotare una visita CENTRO ACCOGLIENZA E SERVIZI (CAS): Ospedale U. Parini, blocco D, piano -1 È la struttura dedicata

Dettagli

C A R T A D E I S E R V I Z I

C A R T A D E I S E R V I Z I Servizio Sanitario Nazionale - Regione Veneto AZIENDA UNITA` LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 C A R T A D E I S E R V I Z I U n i t à O p e r a t i v a d i G e r i a t r i a Presidio Ospedaliero di Dolo Complesso

Dettagli

ART. 1 OGGETTO ART. 2 FINALITA'

ART. 1 OGGETTO ART. 2 FINALITA' LINEE GUIDA DEI PERCORSI ASSISTENZIALI CHE FAVORISCANO L INTEGRAZIONE ED IL COORDINAMENTO DELLE FUNZIONI SOCIALI, SANITARIE ED EDUCATIVE NEL SETTORE DELLA DISABILITÀ ADULTA ART. 1 OGGETTO Con il presente

Dettagli

Obiezione all obbligo vaccinale: riflessioni, valutazioni e proposte Premessa Analisi della situazione

Obiezione all obbligo vaccinale: riflessioni, valutazioni e proposte Premessa Analisi della situazione Obiezione all obbligo vaccinale: riflessioni, valutazioni e proposte Luisella Grandori - Dipartimento Salute Infanzia - Azienda USL di Modena Alessandra De Palma Servizio Medicina Legale Azienda USL di

Dettagli