Corso di Alpinismo Dispensa informativa sulla progressione su roccia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Alpinismo Dispensa informativa sulla progressione su roccia"

Transcript

1 Paolo Gaetani, Marcello Meroni 17/06/2003 Corso di Alpinismo Dispensa informativa sulla progressione su roccia INDICE INTRODUZIONE PREPARAZIONE DELLA CORDATA COME LEGARSI IN CORDATA PROGRESSIONE DELLA CORDATA ATTREZZI E MODALITA PER L ASSICURAZIONE DISCESA IN CORDA DOPPIA DISCESA IN MOULINETTE...19 INTRODUZIONE Nella presente dispensa, scritta appositamente per il corso di alpinismo della scuola Silvio Saglio S.E.M. Milano, si descrivono qualitativamente gli elementi principali dell attrezzatura da arrampicata, il movimento e la tecnica della cordata evidenziando i pregi e difetti delle diverse soluzioni. Non si intende fornire una analisi completa delle tecniche possibili e dei materiali esistenti nel campo dell arrampicata. Inoltre si sottolinea come l applicazione di quanto proposto minimizza, ma non annulla, i problemi di sicurezza connessi con l attività alpinistica. 1

2 1. PREPARAZIONE DELLA CORDATA Elemento fondamentale nella preparazione della salita è la verifica delle capacità degli alpinisti in relazione alle difficoltà della salita. In particolare si evidenzia come le capacità tecnico-alpinistiche dei componenti la cordata devono essere adeguate alla salita che si desidera intraprendere tenendo conto anche di un buon margine di sicurezza. Per capacità tecnico-alpinistiche si intendono le nozioni elementari sui materiali, le tecniche di salita individuali e di cordata, le conoscenze del luogo specifico e delle problematiche legate alla frequentazione della montagna in genere. Con margine di sicurezza si intende un surplus di capacità tecnico-alpinistiche rispetto a quelle preventivate per la salita: è buona norma iniziare la salita ben sapendo che le condizioni meteorologiche possono cambiare, che possono insorgere problemi di molteplice natura durante la salita e che la relazione della salita può essere incompleta, imprecisa o in alcuni casi addirittura sbagliata (purtroppo capita) e che la difficoltà può essere stata sottostimata dal relatore. Con queste considerazioni non si intende tarpare le ali a chi si vuole cimentare con la frequentazione della montagna ma si vuole solo richiamare l attenzione sulla intrinseca pericolosità, mai eliminata nonostante tutte le precauzioni attuate, legata alla frequentazione di ambienti alpini. Nella preparazione di una cordata per salite su roccia occorre inoltre prevedere di utilizzare corde da 50 o 60 metri con le caratteristiche più avanti riportate e di non legarsi mai più di 2 persone sulla stessa corda ed in ogni caso di non essere mai più di tre per ogni cordata. In quest ultimo caso la cordata sarà composta a triangolo con un primo di cordata e due secondi che salgono in modo più o meno contemporaneo. E inoltre ovvio che il più esperto tra gli alpinisti presenti si assuma il ruolo di primo di cordata. Le modalità di incordamento degli alpinisti, di progressione della cordata e le tecniche di sicurezza da attuare nella progressione su roccia, saranno oggetto dei paragrafi successivi. 2. COME LEGARSI IN CORDATA Elementi fondamentali della cordata sono la corda, l imbraco ed i rinvii. Il corretto uso di questi attrezzi permette di muoversi con una certa disinvoltura sull itinerario scelto. La corda (per le caratteristiche dell attrezzo rimandiamo..) è il tramite tra i due alpinisti e l elemento fondamentale per la sicurezza della cordata. Partendo dal presupposto che ogni nodo eseguito su una corda ne abbassa le caratteristiche di tenuta, dalla perfetta esecuzione dei nodi dipende in gran parte la sicurezza. Non è indispensabile quindi conoscere molti nodi ma bisogna possedere un perfetto controllo di quelli fondamentali. Imbracatura E l anello di congiunzione tra il nostro corpo ed il resto degli elementi della catena di sicurezza. L imbracatura più usata in arrampicata su roccia è quella bassa che può essere integrata con un pettorale. L imbracatura è formata dall unione di due componenti formati da larghe fettucce: i cosciali, che avvolgono le gambe, e il cinturone che avvolge la vita. La larghezza e l imbottitura delle fettucce sono parametri fondamentali in quanto da questi dipende la comodità dell alpinista ed in misura minore la sua sicurezza: per intenderci fettucce larghe riducono la pressione (forza per unità di superficie) sulle parti del corpo rendendo meno scomodo l utilizzo della stessa ed al contempo meno traumatica una eventuale caduta. L unione dei due pezzi è di solito affidata a due anelli: uno posteriore che serve solo per tenere insieme i due pezzi ed uno anteriore che, oltre ad avere la stessa funzione del precedente, grazie alle sue caratteristiche di robustezza viene utilizzato in molte manovre ma mai per legarsi alla corda. Quest ultimo aspetto è molto importante poiché l incordamento deve essere parallelo all anello di giunzione così da ridurre gli elementi della catena di sicurezza e quindi i potenziali anelli deboli della catena stessa. L imbracatura monta intorno alla cintura due o più anelli porta materiali; questi anelli possono essere di cordino o di plastica e non sono costruiti per sopportare carichi superiori ai 5-10 kg. Ne consegue che non devono mai essere utilizzati come elementi della catena di sicurezza di una cordata. I vantaggi dell imbracatura bassa sono legati alla comodità di vestizione (soprattutto in presenza di zaino) ed all assenza di sollecitazioni al torace nel caso si rimanga appesi; al 2

3 contrario la presenza del pettorale evita colpi eccessivi sulla zona lombare della schiena e, in caso di caduta con zaino, i ribaltamenti. Tuttavia negli ultimi anni si sono di fatto affermate le imbracature basse e ben pochi studi sono stati condotti su quelle intere. Nodo di giunzione corda imbracatura. Il nodo più utilizzato è il nodo a OTTO o delle guide con frizione. Si tratta di un nodo di semplice esecuzione e di grande resistenza ed è inoltre molto semplice da slegare anche quando le corde sono state mandate in tensione per qualsivoglia motivo. Sequenza di esecuzione nodo a OTTO Il nodo non va mai eseguito sull anello dell imbragatura ma deve essere eseguito in parallelo a quest ultimo. Nel caso si usino due mezze corde, le corde vanno legate indipendentemente: questo accorgimento, apparentemente banale, è molto importante qualora si debbano eseguire manovre con le corde di cordata poiché consente di lavorare sempre con almeno una corda connessa all imbracatura. Le corde gemellari devono essere considerate come se fossero una corda unica e quindi legate insieme all imbracatura. Un altro nodo talvolta utilizzato per connettere corda e imbraco è il nodo BULINO ripassato: il suo maggior pregio è la facilità di smontaggio, superiore anche al nodo ad otto rispetto al quale risulta solo un po più difficile da eseguire. Da evitare invece il nodo Bulino non ripassato poiché si sono verificati casi in cui si è sciolto da solo durante la salita pregiudicando l integrità fisica degli alpinisti stessi. 3. PROGRESSIONE DELLA CORDATA La modalità di progressione di una cordata è relativamente semplice; il primo di cordata, legato con il nodo ad otto alla corda, sale lungo la parete passando la corda nei punti di assicurazione temporanei fino ad arrivare in sosta (luogo di arrivo di una lunghezza di corda attrezzato opportunamente per garantire la maggiore sicurezza possibile: più avanti daremo specifiche più dettagliate). Durante tutta la salita del primo di cordata il compagno, chiamato anche secondo di cordata, anch egli legato con il nodo ad otto, assicura il primo manovrando la corda con le dovute attenzioni. Una volta arrivato alla sosta il primo di cordata comunica al compagno di essere arrivato, di aver messo in atto tutte le operazioni necessarie per garantire la propria sicurezza e di aver preparato il sistema di assicurazione del compagno stesso. Queste informazioni devono essere scambiate tra i compagni di cordata con pochi, ma precisi, comandi che possono essere vocali o di altra natura nel caso non ci si riesca a sentire. Soprattutto le prime volte è bene mettersi d accordo prima di salire sui comandi di cordata onde evitare di trovarsi in mezzo alla parete ad urlare istruzioni senza riuscire a comprendersi: va da se che situazioni del genere, 3

4 purtroppo frequenti, possano essere fonte di incidenti oltre che sicura fonte di disturbo per le altre cordate eventualmente presenti in zona. Nel dettaglio: 1. Una volta che il primo di cordata ha raggiunto la sosta ed ha comunicato al secondo di essersi auto-assicurato, il secondo di cordata smonta il sistema di assicurazione attuato per garantire la sicurezza del primo di cordata (tipico comando del 1 al 2 è: molla tutto) 2. Una volta che il primo di cordata ha preparato l assicurazione per il secondo di cordata ed è pronto a recuperare il compagno (con recuperare non si intende tirare su di peso il compagno ma recuperare la corda affinché il secondo arrampichi sempre con corda quasi tesa davanti e quindi nelle migliori condizioni di sicurezza possibili), avverte quest ultimo che provvederà a smontare la sua auto-assicurazione e ad iniziare ad arrampicare (tipico comando è: vieni). 3. A questo punto tocca al secondo iniziare la sua salita lungo la parete fino a raggiungere il primo di cordata in sosta completando così il tiro di corda, dove per tiro di corda si intende il percorso tra due soste. Durante la salita il secondo deve recuperare il materiale messo dal primo per la propria assicurazione (rinvii, nuts, friends, chiodi solo quelli messi eventualmente dal primo-, cordini, fettucce etc. di cui daremo specifiche nel seguito) altrimenti la cordata rimane senza materiale per le proprie assicurazioni in breve tempo, pregiudicando la sicurezza e la salita stessa, non contando il costo del materiale abbandonato. A questo punto si hanno due possibilità: Salita in alternata: quello che era il secondo continua ad arrampicare sorpassando la sosta diventando così il primo di cordata. Questa soluzione consente la massima velocità di salita di una cordata ed è preferibile quando i due compagni di cordata hanno le stessa capacità alpinistiche; naturalmente occorre che i due compagni si passino il materiale comune della cordata quali rinvii, cordini, eventuali attrezzi di auto-assicurazione (chiodi, nuts, friends, etc..) così che il nuovo primo di cordata sia in grado di procedere nelle migliori condizioni di sicurezza possibili. Salita con un unico primo: il secondo di cordata si ferma in sosta, si auto-assicura, prepara l assicurazione per il compagno che riprende a salire da primo esattamente come fatto al tiro precedente. Questa soluzione è obbligatoria quando la cordata è composta da tre persone e quindi ha una struttura a triangolo mentre è consigliata quando la capacità alpinistica di uno dei due componenti la cordata non sono tali da garantire la massima sicurezza nella salita. In questo caso occorre che il secondo di cordata passi al primo tutto il materiale messo dal primo per la propria assicurazione durante la progressione del tiro precedente (rinvii, nuts, friends, chiodi solo quelli messi eventualmente dal primo-, cordini, fettucce etc.) e recuperato durante la sua salita. 4. ATTREZZI E MODALITA PER L ASSICURAZIONE Durante la salita di entrambe gli alpinisti vengono usati degli attrezzi per assicurare la massima efficacia alla nostra azione di protezione; facciamo la loro conoscenza. Moschettone: è un anello metallico incompleto provvisto di un sistema di chiusura a leva (con o senza ghiera) che permette la sua chiusura ed apertura. Per le caratteristiche tecniche si rimanda ai paragrafi successivi: in questa sede interessa sottolineare solamente che il moschettone deve essere marcato CE (meglio se anche UIAA, visto che tale ente prevede carichi di tenuta leggermente maggiori). Il carico di tenuta in direzione longitudinale (cioè nella stessa direzione del lato lungo del moschettone) deve essere di 22 kn (2200 kg) mentre quello in direzione trasversale di 7 kn (700 kg). Esistono numerosi tipi di moschettoni che in prima approssimazione possono per semplicità essere divisi in due grandi categorie: moschettoni con ghiera e moschettoni senza ghiera. La ghiera è un sistema di norma a vite che serve per impedire, una volta avvitato, l apertura del dito del moschettone; l utilizzo di moschettoni a ghiera è particolarmente importante nelle soste e durante le manovre di cordata. Inoltre esistono moschettoni detti a pera che presentano una forma tipica trapezoidale o a pera con un lato più largo dell altro: questi moschettoni sono particolarmente comodi per manovre di corda in sosta. 4

5 Cordini e fettucce: sono fabbricate con le stesse caratteristiche delle corde e quindi vanno trattati con la stessa cura. I cordini vengono utilizzati nella costruzione della sosta, nell allungamento dei punti di ancoraggio e per manovre di sicurezza (nodi autobloccanti). I diametri più utilizzati variano dai 5 agli 8 mm (controllare quanto suggerito per l acquisto del materiale). Esistono due nodi possibili per i cordini: il doppio nodo inglese e l asola ripassata. In entrambe i casi i capi che escono dal nodo devono essere di almeno 7 cm ed il nodo ben stretto; il nodo costituisce la parte più debole del cordino quindi è di fondamentale importanza che sia ben fatto e serrato. L uso delle fettucce è sostanzialmente equivalente a quello dei cordini fatta eccezione per i nodi auto bloccanti quali Prusik e Machard e per l utilizzo in sosta (come vedremo nel seguito la sosta viene approntata con cordini e fettucce: l utilizzo di queste ultime è da sconsigliarsi poiché la sovrapposizione di alcune parti sul moschettone porta ad un indebolimento delle stesse in caso di sollecitazione). In commercio ne esistono da annodare o cucite; il nodo da effettuare è l asola semplice ripassata. I capi che escono dal nodo devono essere di almeno 7 Nodo inglese Asola semplice ripassata cm ed il nodo ben stretto. Tranne che per esigenze particolari, le fettucce cucite sono da preferire a quelle annodate in quanto presentano carichi di rottura superiori anche del 25 % legati all assenza dell indebolimento indotto dalla presenza del nodo. Rinvii I rinvii sono degli elementi che connettono la corda con i chiodi (o in generale i punti di assicurazione) presenti lungo l itinerario di salita. Essi sono costituiti da due moschettoni ed una fettuccia (vedi figura successiva): occorre verificare che tutti gli elementi costituenti il rinvio siano in grado di tenere i 22 kn in direzione longitudinale e che la fettuccia sia la più stretta possibile (ovviamente marcata CE) così da evitare riduzioni del carico di tenuta dovuti ad uno scorretto accoppiamento degli elementi. L utilizzo dei rinvii consente di aumentare la sicurezza nella salita del primo di cordata ed in minima parte del secondo (solo quando la via si snoda con traversi o diagonali di una certa lunghezza): essi hanno una funzione solo in caso di caduta dell alpinista ed in particolare riducono la lunghezza del volo. Per esempio, se il primo di cordata non mettesse alcun rinvio dalla sua partenza dalla sosta, in caso di caduta compierebbe un volo circa pari al doppio della lunghezza della corda che c è tra lui e la sosta più l allungamento della corda stessa; la presenza di un rinvio invece consente di diminuire la lunghezza del volo che diventa circa pari al doppio della lunghezza della corda che c è tra lui ed il rinvio più l allungamento della corda. E chiaro come il loro utilizzo sia quindi fortemente consigliato ed è altrettanto chiaro come sia necessario prestare la massima attenzione affinché la corda tra il primo ed il secondo in sosta non sia inutilmente lasca (ma neanche troppo tesa altrimenti il primo fatica a salire). Occorre sottolineare come l ultimo rinvio sia uno dei punti (di solito il punto) più sollecitati della catena di sicurezza e quindi come sia opportuno non transigere sulle precauzioni e sul materiale. Nel caso di caduta del secondo di cordata la situazione è meno critica perché di norma la corda è praticamente tesa ed il secondo volente o nolente non può che rimanere appeso ad 5

6 essa: unica eccezione è la presenza di traversi o tratti obliqui dove il rinvio riduce sensibilmente l ampiezza del pendolo che l alpinista compirebbe in caso di caduta. Esempio di riduzione del caduta per opera dei rinvii Tuttavia occorre prestare molta attenzione all utilizzo dei rinvii perché possono anche essere di intralcio alla salita ed un loro non corretto utilizzo può rendere vana la loro funzione. Angolazione rinvii In particolare quando due rinvii successivi sono messi molto angolati tra di loro lo scorrimento della corda è reso difficile a causa degli attriti della corda sui moschettoni che si sommano a quelli della corda sulla roccia: per supplire a questo inconveniente si consiglia di non utilizzare i chiodi se sono molto angolati (ovviamente solo se sono molto frequenti) oppure di allungare il rinvio con cordini/fettucce di caratteristiche tali da non indebolire il punto di sicurezza. Anche l eccessivo utilizzo di rinvii può causare difficoltà allo scorrimento della corda: occorre quindi trovare un compromesso tra la sicurezza in caso di caduta (tutti vorrebbero poter mettere un rinvio ogni 50 cm!) e la sicurezza derivante dal fatto che la corda non grava 6

7 sulla salita del primo di cordata (in gergo si dice che la corda pesa proprio perché gli attriti si configurano come una forza resistente al moto, esattamente come il peso dell alpinista, e quindi ostacolano la salita). La presenza di molti rinvii o di rinvii angolati pone un altro grave problema in termini di sicurezza della cordata: la somma degli attriti sui rinvii riduce moltissimo la forza che viene esercitata sulla sosta e sul freno generando una situazione tipo corda bloccata (che come può essere verificato in altra parte delle dispense è una situazione assolutamente da evitare). Come si mette la corda nel rinvio ed il rinvio nel chiodo: come si può vedere in figura, la corda deve entrare nel moschettone del rinvio da sotto e cioè dalla parte della roccia per uscire verso l esterno: un eventuale errore nella manovra porta ad una posizione non corretta del rinvio che può anche portare alla fuoriuscita della corda in caso di strappo. Nel caso poi si conosca già la direzione di salita occorre fare in modo che la leva del moschettone sia dal lato opposto a quella di salita (in questo modo la parte più resistente del moschettone è dalla parte del possibile strappo). Disposizione corda nel rinvio Per inserire la corda correttamente nel rinvio, utilizzando una sola mano, il metodo migliore è quello suggerito dalla figura sottostante, che propone due possibilità a seconda di come il moschettone si trovi girato rispetto alla mano che porta la corda. 7

8 Una ulteriore precisazione merita il modo di utilizzare i rinvii costituiti da fettucce cucite le cui asole, nelle quali vengono posizionati i moschettoni, sono di dimensioni diverse e su una delle quali è montato un elastico: l asola grande va nel moschettone che si connette al chiodo mentre quella piccola con l elastico deve essere connessa alla corda. Questo accorgimento lascia libero il moschettone di muoversi nel chiodo mentre evita la rotazione di quello che accoglie la corda. Inoltre spesso i moschettoni hanno una diversa conformazione della leva: il moschettone a leva dritta va messo nel chiodo mentre la leva curva facilita la manovra di inserimento della corda nel moschettone stesso. Inoltre la diversa forma dei moschettoni fa si che li si usi sempre per scopi diversi: l uno per i chiodi l altro per la corda. In questo modo i danneggiamenti (graffi scalfitture) che i chiodi provocano sul moschettone a contatto con i chiodi non vanno mai a danneggiare la corda durante il suo scorrimento. Grande attenzione va posta anche nel piazzamento dei moschettoni all interno degli ancoraggi, vi sono infatti forti possibilità di rottura sotto carico se il moschettone va in appoggio, o se esiste un braccio di leva, come indicato nelle figure sottostanti. Nel caso in cui la roccia intorno all ancoraggio costituisca braccio di leva, è buona norma passare un cordino o una fettuccia strozzati con una bocca di lupo o ancora meglio doppiati nell ancoraggio per poi agganciare il moschettone di rinvio, eliminando così il problema della leva. Bisogna riporre attenzione anche a dove va a finire il moschettone che regge la corda, per evitare fenomeni di leva sfavorevoli, magari eliminabili con la scelta di un rinvio con fettuccia di giunzione di lunghezza appropriata. Chiodi: normalmente le vie di salita sono provviste di chiodatura dalle tipologie più varie in relazione al periodo di apertura, all apritore, all eventuale ri-chiodatore ed al numero di ripetizioni. Esistono numerosi tipi di chiodi che verranno presentati nel seguito. Alcune indicazioni utili: 1. controllare sempre che il chiodo sia saldo, ben piantato e non usurato da agenti atmosferici (per es. arrugginito). 2. La presenza di un chiodo non autorizza a cadere: il detto fidarsi è bene ma non fidarsi è meglio è più che mai valido. 3. Meglio usare un chiodo nuovo che uno vecchio, ma uno vecchio è meglio di niente. 8

9 4. In relazione a quanto detto sui rinvii, occorre prestare attenzione alla scelta dei chiodi (quando ce ne sono in discreta quantità) in relazione al percorso della corda. SOSTA: cerchiamo ora di dare delle indicazioni sui requisiti che una sosta deve avere e sulle tecniche di costruzione nel caso, frequente peraltro, in cui non si trovi una sosta già attrezzata. Innanzitutto cosa è una sosta: per sosta si intende quel luogo, fisico, dove una cordata ha un punto di sicurezza importante e ben organizzato durante la sua progressione e nel quale compie tutte le manovre tipiche della progressione di cordata. Di solito questi punti sono distanziati al massimo della lunghezza della corda (50 55 m), sono in luoghi il più possibile comodi, hanno un numero di ancoraggi superiore a 1, talvolta (soprattutto in falesia) sono già attrezzati con cordini e catene e quindi facilmente riconoscibili; al contrario nella salita in alta montagna o su vie poco ripetute occorre scegliere il luogo dove sostare e prepararsi da soli i punti di ancoraggio al quale auto-assicurarsi ed assicurare il compagno. Requisiti di una sosta: essa deve garantire la massima sicurezza alla cordata. Cerchiamo di capire cosa significhi una affermazione del genere perché tutto sommato è abbastanza vaga. Innanzitutto devono essere presenti più punti di ancoraggio e tutti devono essere saldi: due o tre chiodi, un chiodo ed uno spunzone di roccia oppure una clessidra, un chiodo e qualche attrezzo di assicurazione ad incastro (friends, nuts, etc..). I punti di ancoraggio poi non devono essere troppo distanti e devono essere collegati tra di loro, al fine di garantire la tenuta complessiva della sosta a fronte del cedimento di un punto di ancoraggio e per ripartire il più equamente possibile il carico sui diversi punti di ancoraggio. Il collegamento può avvenire attraverso cordini (meglio), fettucce e catene (ovviamente queste ultime si trovano già in loco e solo in alcune falesie). Occorre prestare molta attenzione alle modalità di collegamento dei vari punti di ancoraggio poiché da essa dipende la sicurezza della sosta stessa. Come regola generale è necessario prevedere un moschettone come collegamento tra il punto di ancoraggio (chiodo, cordone intorno allo spuntone etc..) ed il cordino/fettuccia per evitare lacerazioni o tagli del cordino/fettuccia sul punto di contatto con l ancoraggio: il moschettone è meglio sia a ghiera, se disponibile e se entra nell anello del chiodo, altrimenti è possibile utilizzarne uno semplice con l accortezza di verificare che in nessuna manovra esso si possa aprire accidentalmente (corda che si muove, sosta che va in tensione ed il moschettone si apre per contatto con la roccia etc.). E doveroso verificare inoltre che i moschettoni non vadano in flessione sulla roccia o si incastrino nell anello del chiodo quando la sosta venga caricata: nel caso sia impossibile evitare una di queste soluzioni allora è meglio mettere direttamente il cordino o la fettuccia nel chiodo. E ovvio che i cordini/fettucce devono avere carichi di rottura pari a quelli dei moschettoni nel caso siano utilizzati con un ramo solo altrimenti occorre dividere il carico di rottura del moschettone per il numero di rami (spesso si fanno due rami e quindi il cordino può avere un carico di rottura che è la metà di quello dell ancoraggio). E possibile usare un cordino/fettuccia per ogni chiodo e poi unirli con un moschettone nel punto centrale della sosta oppure utilizzare un solo cordino/fettuccia per entrambe i chiodi: nel caso si applichi il secondo schema occorre dopo aver infilato il cordino nei moschettoni sui chiodi fare un mezzo giro su uno dei due spezzoni di cordino così da evitare che la rottura di uno dei punti di ancoraggio porti allo sfilamento del moschettone dalla sosta. I cordini/fettucce collegati ai chiodi devono essere di lunghezza appropriata in modo da garantire che l angolo che i due cordini formano tra di loro sia minore di 60. Angoli eccessivi portano a sforzi sul cordino molto elevati (derivati dalla composizione delle forze prodotte dalla caduta) e superiori alle caratteristiche di tenuta del cordino stesso. Modalità di preparazione della sosta con cordini/fettucce 9

10 Nel caso si disponga di tre punti di ancoraggio la sosta va approntata come descritto nella figura sottostante. La situazione ottimale si raggiunge quando i punti di ancoraggio sono circa sulla verticale. Inoltre è molto importante verificare che il carico che andrà ad insistere sui punti di ancoraggio sia diretto nella direzione corretta di tenuta del punto di ancoraggio stesso: non ci sono particolari problemi quando i chiodi sono a espansione oppure resinati poiché non esiste una direzione preferenziale di tenuta. quando sono utilizzati chiodi piantati in fessure occorre verificare che la direzione della forza non possa provocare l uscita del chiodo dalla fessura. Nel caso di utilizzo di spuntoni di roccia, dove tipicamente viene posizionato un cordino intorno allo spuntone, occorre verificare che il cordino non si possa sfilare: è il caso per esempio di caduta del primo di cordata in presenza di rinvii quando il secondo non precarica la sosta. Nel caso di utilizzo di attrezzi tipo nuts e friends occorre verificare che questi non si possano sfilare (soprattutto i nuts) dalle loro sedi. Modalità di ancoraggio ad una sosta: esistono diverse possibilità circa il punto di ancoraggio dell alpinista alla sosta con la sua auto-assicurazione e con l assicurazione del compagno che verranno descritto dettagliatamente nel seguito. Come regola generale si osserva che è opportuno ancorarsi nel punto più sicuro della sosta e cioè nell anello di congiunzione dei cordini provenienti dai diversi punti di ancoraggio (punto centrale della sosta). Questa regola è tanto più valida per l assicurazione dell alpinista che sta progredendo rispetto a quella dell alpinista fermo in sosta. Si hanno così diverse soluzioni di cui descriviamo in questa sede solo le più diffuse: Ancoraggi di sosta Assicuratore Schema dell assicurazione classica Freno 10

11 1. Assicurazione classica: l alpinista fermo in sosta si ancora ad uno dei punti di ancoraggio (il più sicuro ovviamente) e lascia il punto centrale della sosta all assicurazione dell alpinista in progressione: in entrambe le assicurazioni sono da utilizzare moschettoni a ghiera. In caso di caduta il punto centrale della sosta si ribalta verso l alto con le seguenti conseguenze: allunga la caduta del compagno, genera una forza molto elevata sulla sosta e sulla catena di sicurezza in genere a causa del diverso comportamento dell assicuratore (il freno è sollevato anche di molto e l inerzia del braccio dell alpinista, unitamente ad una eventuale reazione veloce dell assicuratore, genera una notevole forza frenante). In relazione alla seconda conseguenza si consiglia di tenere la sosta la più corta possibile compatibilmente con gli angoli tra i cordini sopra discussi. Inoltre durante il ribaltamento l assicuratore corre il rischio di prendersi la sosta in faccia ed il moschettone può sbattere sulla roccia o trovarsi in un punto critico: si consiglia sempre di stare ad una certa distanza dal punto centrale della sosta sia con il corpo che con le mani e verificare la possibile traiettoria del ribaltamento quando si attrezza una sosta. Il vantaggio di tale soluzione è che l alpinista in sosta non viene direttamente coinvolto negli strappi derivanti dalla caduta ed il peso del compagno caduto non grava su di lui: è quindi possibile organizzare facilmente le manovre di autosoccorso della cordata. Ancoraggi di sosta Assicuratore Freno Schema dell assicurazione classica con bilanciamento 2. Assicurazione classica con bilanciamento: l alpinista fermo in sosta collega la propria autoassicurazione nel punto centrale della sosta: nel caso poi sia necessario può, appendendosi alla sosta, precaricare la sosta stessa. L assicurazione dell alpinista in progressione viene fatta sul punto centrale della sosta (esattamente come l auto-assicurazione dell alpinista fermo in sosta). Il vantaggio di questa soluzione è che nel caso di caduta del primo di cordata (situazione di gran lunga la più pericolosa) la forza generata dalla caduta tende a sollevare l alpinista in sosta prima di caricare la sosta facendo entrare subito in azione il freno: complessivamente ne risulta un minor carico sulla catena di sicurezza, soprattutto sulla sosta e sull ultimo rinvio, situazione questa sempre positiva. Anche in questo caso può verificarsi il ribaltamento della sosta ed il movimento del braccio dell alpinista è trasversale e quindi con inerzia minore e genera una forza resistente minore. Lo svantaggio consiste nel far prendere uno strappo all alpinista in sosta al momento della caduta del compagno e nel vincolarlo forzatamente alla sosta una volta che, conclusasi la caduta, la corda è caricata pesantemente dall alpinista caduto. In questa situazione l approntamento delle manovre di auto-soccorso è sicuramente complicato anche se è possibile svincolarsi dalla corda in tensione. 3. Assicurazione ventrale: L alpinista in sosta è auto-assicurato al punto centrale della sosta ed assicura in vita il compagno in progressione. Tale tecnica assicura i minori carichi sulla catena di assicurazione ma coinvolge l alpinista in sosta negli strappi derivanti dalla caduta del compagno (difficoltà di approntamento delle successive manovre di auto-soccorso). 11

12 Ancoraggi di sosta Assicuratore I o rinvio Freno Schema dell assicurazione ventrale Conclusioni: è lecito a questo punto chiedersi quale tecnica sia la migliore. In base alle considerazioni fatte è possibile ritenere che: nel caso la catena di assicurazione sia solida sia preferibile l assicurazione di tipo 1 mentre quando essa non è particolarmente affidabile (soprattutto per quanto riguarda la sosta) sono consigliabili l assicurazione di tipo 2 o 3. Nel caso la sosta non sia bidirezionale (cioè in grado di tenere carichi verso l alto e verso il basso) allora è necessario prevedere l utilizzo dell assicurazione ventrale. Auto-assicurazione: attrezzi e tecniche. Già precedentemente si è parlato di autoassicurazione e cioè di quella operazione in cui il singolo alpinista mette in atto tutte le manovre e tecniche per provvedere alla messa in sicurezza della propria vita una volta concluso il tiro di corda. Ora cerchiamo di vedere nel dettaglio che cosa si intende. Occorre innanzitutto accertarsi che la sosta a cui ci si collega sia salda e ben fatta e cioè sia adeguata alle sollecitazioni che possono derivare da manovre della cordata o cadute di uno dei componenti la cordata stessa. In genere per l auto-assicurazione non si usano attrezzi particolari se non un moschettone a ghiera da collegare alla sosta, come visto nei punti del paragrafo precedente e sul quale fare il nodo BARCAIOLO. Tale nodo è ormai consolidato nella pratica alpinistica ed ogni alpinista deve essere in grado di eseguirlo in qualunque condizione si trovi (e con una sola mano). Sequenza di esecuzione del nodo BARCAIOLO 12

13 Assicurazione del compagno: attrezzi e tecniche. Fino ad ora si è parlato di assicurazione del compagno di cordata senza entrare nel dettaglio della questione: ci proponiamo di farlo ora discutendo le soluzioni più diffuse. L assicurazione al compagno di cordata durante la sua progressione è di fondamentale importanza per sia per l incolumità del soggetto che per la sicurezza della cordata. La parte della salita nella quale si hanno i maggiori rischi è naturalmente quella del primo di cordata ed è in questa fase che la catena di sicurezza può essere maggiormente sollecitata. La nota importante da considerare è che, a partire dalle considerazioni in merito ai carichi sulla corda in caso di caduta (2 parte della dispensa), l assicurazione del compagno di cordata durante la sua progressione deve avvenire mediante l utilizzo di freni: solo in condizioni molto particolari, come falesie ad alta densità di punti di assicurazione validi, possono essere utilizzati dispositivi di bloccaggio della corda. Inoltre il collegamento con la sosta deve avvenire nel punto più sicuro cioè nel punto centrale della sosta. Occorre ricordare che la lunghezza del volo del compagno deve essere ridotta alla minima possibile grazie al sapiente uso di rinvii su chiodi e/o protezioni temporanee: durante tale volo l energia potenziale, acquisita dall alpinista durante la sua progressione di salita, viene convertita in energia cinetica che a sua volta deve essere dissipata dalla catena di assicurazione costituita da sosta, corda e freno. E quindi fondamentale utilizzare il freno e le corde adatte nonché realizzare o utilizzare una sosta idonea per tenere le possibili cadute. Al fine di ridurre la lunghezza della caduta si sottolinea la notevole importanza che ha la corretta gestione della corda da parte dell alpinista in sosta. In particolare egli deve sempre dare corda in quantità sufficiente, mai troppa o troppo poca, al compagno in progressione: dare troppa corda significa allungare inutilmente la lunghezza del volo e quindi l energia in gioco, dare poca corda significa mettere in difficoltà il compagno durante la progressione (la corda non viene, fa più attrito, pesa etc..). Esistono molti tipi di freni con diverse caratteristiche, campi e modalità d impiego; dividiamo subito la trattazione del problema in relazione alla posizione dell alpinista all interno della cordata e cioè primo o secondo di cordata. Ci preme infine ricordare che l azione frenante è il risultato dell azione combinata di freno e mano dell assicuratore: il freno da solo non fa quasi nulla esattamente come la mano dell alpinista da sola non tiene praticamente nulla rispetto alle energie in gioco. Inoltre a parità di freno, diversi operatori sollecitano la catena di assicurazione in modo diverso in relazione alla diversa forza che ciascuno oppone durante la fase di tenuta della caduta. Da ultimo si osserva che maggiore è l energia dissipata nello scorrimento della corda attraverso il freno, minore è il carico sulla corda stessa e sulla catena di assicurazione pur aumentando la lunghezza del volo. Assicurazione del primo di cordata: come già detto è la situazione più critica per tutta la cordata. Mezzo barcaiolo: storicamente si è utilizzato e continua ad essere molto utilizzato il nodo mezzo barcaiolo effettuato su un moschettone a pera con ghiera. Tale nodo necessita solamente di un moschettone, riducendo il carico di attrezzatura a carico della cordata, ed è inoltre un buon freno nel senso che ha un fattore di riduzione delle forze di circa 8 (rapporto tra le forze applicate ai due estremi della corda che compone il nodo; in realtà tale fattore dipende anche da come escono le corde dal nodo e cioè se escono dalla stessa parte (rami paralleli fattore 8-12 cfr. figura) o in direzioni opposte (rami a 180 con fattore 6-8)) Nodo MEZZO BARCAIOLO 13

14 I vantaggi di tale soluzione sono la semplicità d esecuzione e gestione durante le manovre nonché il ridotto uso di materiale. Inoltre nel caso di caduta in assenza di rinvii interposti, che è quella più onerosa da contrastare, i rami della corda uscente dal nodo si dispongono in modo parallelo garantendo la massima tenuta possibile (massimo il fattore di riduzione) e quindi agevolando il lavoro di assicurazione. Gli svantaggi sono legati al fatto che in alcune situazioni la forza frenante applicata al ramo di corda verso il compagno risulta essere troppo elevata per la resistenza delle protezioni messe durante la progressione. Inoltre l attrito che contribuisce a dissipare l energia cinetica generata nella caduta viene generato in parte sul moschettone ed in parte tra le parti della corda a contatto tra loro portando alla lunga ad un danneggiamento della corda. Questo metodo può essere utilizzato per tutte le modalità di assicurazione sopra descritte (classica, bilanciata, ventrale) e preferibilmente con la corda intera; l utilizzo con due corde genera attriti tra le due corde stesse nel momento in cui vanno in tensione, poiché non c è mai l assoluta certezza che siano di pari lunghezza, dando luogo ad usura della corda. Secchiello: con questo nome si intende un dispositivo, a forma di secchiello per l appunto, dove le corde passano in apposite cave con un asola che viene ripresa dal moschettone che collega il secchiello all imbracatura. Il contatto delle corde con il secchiello e con il moschettone generano gli attriti necessari per la dissipazione dell energia della caduta. Come detto poco sopra il secchiello deve essere collegato non al centro della sosta ma all imbracatura dell alpinista in sosta il quale è direttamente collegato al centro Connessione corda - secchiello della sosta: risulta quindi utilizzabile solo per l assicurazione ventrale. Una caratteristica di questo attrezzo è quella di avere un fattore di riduzione minore rispetto al mezzo barcaiolo pari circa a 2 nel caso di rami paralleli e di circa 4 nel caso di rami a 180. Tuttavia tale dispositivo non consente di tenere cadute verso il basso: conseguenza diretta di questa osservazione è che il secchiello non può essere utilizzato per la sicurezza del secondo di cordata e che nell utilizzo per la sicurezza del primo di cordata si metta prima possibile un rinvio (eventualmente anche sulla sosta stessa) così da essere sicuri che la corda sia trazionata verso l alto. I vantaggi sono essenzialmente legati alla semplicità di utilizzo ed al basso rapporto di frenatura che è molto importante qualora gli elementi della catena di sicurezza non siano particolarmente affidabili. Non presenta problemi di utilizzo con due corde poiché le corde lavorano separatamente sul metallo del secchiello. Il secchiello presenta un cavetto di acciaio che serve per l aggancio all imbracatura durante le fasi nelle quali non viene utilizzato, mentre durante l assicurazione svolge l unica funzione di impedire che la parte metallica che lo costituisce si allontani dall imbracatura dell assicuratore. Assicurazione del secondo di cordata: è la situazione meno problematica tra le due ed anche in questo caso vengono presentate due possibilità. Si ricorda che l energia in gioco nel caso di caduta del compagno è veramente ridotta soprattutto se la corda è quasi tesa tra l alpinista in sosta ed quello in progressione. Unici casi nei quali la caduta può essere di una certa entità è in presenza di traversi o disattenzioni del compagno in sosta. Si rammenta la necessità di prestare attenzione a come viene ordinata la corda recuperata per evitare che questa cada dalla sosta o che si attorcigli ed ingarbugli tra i piedi dell alpinista in sosta con deprecabili conseguenze soprattutto nella fase successiva di assicurazione del primo di cordata (corda incastrata o annodata che non si riesce a dare al compagno etc..). Mezzo barcaiolo: è la tecnica più diffusa. Come nel caso precedente occorre collegare il moschettone a pera con ghiera nel punto centrale della sosta. Il movimento e la gestione della manovra non ha nulla di diverso del caso precedente. 14

15 Piastrina: la piastrina è uno strumento particolarmente comodo nel recupero dei secondi di cordata nel caso la cordata sia composta da tre alpinisti e quindi sono necessari due sistemi indipendenti di assicurazione. Essa consiste in una piastrina con due cave longitudinali entro le quali si fa passare una asola di corda intercettata poi da un moschettone che ha il compito di imporre il passaggio della corda nell attrezzo oltre che di generare attrito allo scorrimento della corda. La corda che arriva dal compagno in progressione deve passare dall alto verso il basso, così che quando sia in tensione spinga il moschettone verso il basso e strozzi l altro capo della corda. Esistono due tipi di piastrine leggermente diverse per via di una costola centrale tra le due cave: tale costola semplifica il recupero di due secondi in parallelo ma ha portato, in qualche caso, a rottura del moschettone entro cui le corde passano con evidenti rischi di incidenti molto gravi. Si consiglia di utilizzare piastrine senza costola. La piastrina poi dispone di due fori che consentono il suo collegamento mediante moschettone al centro della sosta. I vantaggi della piastrina consistono: 1. nella possibilità di recuperare con estrema facilità ed indipendentemente le corde. 2. nel fatto che una volta che una delle due corde va in tensione il sistema è autobloccante, offrendo così una sicurezza intrinseca, solo sulla corda sotto carico. 3. Non genera attorcigliamenti sulle corde come invece fa il mezzo barcaiolo. Gli svantaggi consistono nel fatto che blocchi e quindi non abbia le caratteristiche di freno: la piastrina non può essere utilizzata per l assicurazione del primo di cordata e non è consigliata quando la cordata è composta solo da due persone. Inoltre è molto difficile dare corda al Piastrina per recupero del compagno compagno quando le corde sono in tensione sulla piastrina. 5. DISCESA IN CORDA DOPPIA Una volta terminata la salita e dopo aver goduto dell impresa, non resta altro che scendere. La cosa più normale è calarsi in corda doppia a meno che non esista la possibilità di scendere a piedi. Il senso della discesa in corda doppia è: scendere in sicurezza sulle corde stesse mediante un freno che permetta di regolare la velocità ed una volta arrivati alla sosta poter recuperare le corde. ATTENZIONE, la manovra di discesa in doppia è estremamente semplice ed in questa semplicità di esecuzione va ricercata la sua estrema pericolosità testimoniata dal gran numero di incidenti. Si consiglia quindi di scendere a piedi non appena possibile anche per evitare sovraffollamenti delle soste in parete. a) PREPARAZIONE DELLA DISCESA Punto di ancoraggio: tutte le installazioni di doppie sia esse fisse che improvvisate, devono contare su almeno due punti di ancoraggio uniti con le stesse tecniche viste per la costruzione di una sosta. La differenza rispetto alla sosta per la progressione di salita consiste nella presenza di due asole sfalsate (vedi figura sottostante) per avere la certezza che anche in caso di tranciamento di un ramo del cordino che la compone (per es. per via della caduta di sassi dall alto) la sosta sia ancora funzionante. 15

16 Valgono le raccomandazioni generali: Possibile errore di connessione ad una calata 1. nel caso la struttura sia già presente, verificarne sempre in modo critico lo stato. 2. Nel caso si trovi un ancoraggio per la calata, la corda va passata all interno dell anello metallico che unisce i due spezzoni di catena o cordino, mai dietro la catena o corda di ancoraggio, ne negli anelli della catena 3. Nel caso si tratti di una calata improvvisata su spuntone, controllare la solidità dello stesso nonché l assenza di asperità taglienti che potrebbero compromettere la tenuta della fettuccia / cordino di ancoraggio. Di solito in queste manovre si deve abbandonare un cordino o una fettuccia: prestare attenzione alla quantità di materiale disponibile. 4. Nel caso si tratti di una calata improvvisata su pianta, applicare l ancoraggio il più vicino possibile alla base. Nel caso il tronco sia ragionevolmente tondo, allora è possibile fare passare la corda direttamente dietro il tronco evitando l utilizzo di un cordino/fettuccia. 5. Nel caso le corde siano infilate in un anello, il nodo di giunzione deve essere posto dal lato a contatto con la roccia, questo per evitare che durante il recupero, quando il capo libero arriva nell anello, la corda si strozzi da sola; tale effetto viene amplificato dalla presenza del nastro adesivo sui capi della corda. 16

17 Attrezzi: per la discesa in doppia può essere usato qualsiasi freno dinamico. I più usati da noi sono: 1. Piastrina 2. Secchiello Come già visto, questi freni dinamici presentano vantaggi e svantaggi e le preferenze sono individuali. Si osservi che per aumentare il potere frenante è possibile mettere due moschettoni. Come si attrezza una doppia: Nodo di giunzione delle corde 1. Preparazione delle corde: nel caso di una corda intera: passare la corda nell anello di calata fino a raggiungerne il centro. Nel caso di mezze corde o gemellari: passare il capo di una delle due corde nell anello di calata infilandolo dall alto verso il basso quindi eseguire un nodo semplice a circa 60 cm dai capi avendo cura di stringerlo molto bene. Fare attenzione affinché il nodo sia posizionato sul ramo di corda che passa sotto l anello altrimenti il recupero è reso difficoltoso dagli attriti tra le due corde e dal fatto che quella in tensione schiaccia sulla roccia l altro capo. Il nodo semplice proposto è risultato nel corso degli ultimi anni il migliore perché non è simmetrico rispetto alla direzione di tiro delle corde e quindi ha più difficoltà ad incastrarsi durante il recupero; tuttavia se non è ben tirato può sciogliersi. 17

18 b) DISCESA 2. Eseguire sull altro capo di ciascuna corda (quello che viene lanciato) un nodo come elemento di sicurezza per evitare di finire la doppia nel vuoto (questo tragico errore di solito non da scampo ed è causa di un certo numero di incidenti): è bene eseguire questa operazione soprattutto quando non si conosca l ubicazione della sosta di calata successiva o quando non si è sicuri che la corda ci arrivi. 3. Lancio delle corde: una volta completata la preparazione delle corde sull ancoraggio, i capi liberi delle le corde vengono lanciate nel vuoto avendo cura di avvertire eventuali altri alpinisti presenti e di preparare le corde in modo tale che non si attorciglino (corde a libro e non asole semplici). Il CAI ha proposto come soluzione per la discesa in corda doppia l esecuzione della cosiddetta longe CAI : si tratta di un sistema compatto per velocizzare le manovre di autoassicurazione una volta arrivati in sosta e per legarsi alle corde. In particolare si esegue con un cordino un nodo ad otto sull imbracatura avendo cura di lasciare gli spezzoni abbastanza lunghi: sul primo spezzone si esegue in asola ad otto alla quale collegare il freno per la discesa. Sul secondo spezzone (un può più lungo del precedente) si esegue ancora una asola ad otto al quale collegare un moschettone a ghiera da utilizzarsi per l autoassicurazione. Naturalmente nulla vieta di prevedere al posto della longe un cordino doppiato sull anello dell imbracatura: l utilizzo dei diversi sistemi dipende molto dalla comodità per il singolo alpinista. 18

19 Incordamento: 1. eseguire un Machard sulle corde, quindi fissare questo nodo all anello dell imbracatura. 2. fissare al cordino con un moschettone a ghiera il freno e questo sulle corde 3. far controllare il tutto dal compagno, controllarlo almeno due volte se si è da soli 4. nel caso di due mezze o gemellari, memorizzare il colore della corda da tirare per sfilare la doppia Discesa: 1. sedersi sull imbracatura ed iniziare la discesa tenendo entrambe le mani al sotto del freno, una davanti al Machard ed una distesa all indietro a controllare la corda 2. procedere delicatamente e con continuità evitando se possibile di saltellare; discendere a grandi balzi o a tutta velocità è assolutamente da evitare. La corda viene sollecitata in modo eccessivo, si brucia la calza della corda, è facile perdere l equilibrio e si sollecita maggiormente l ancoraggio. Arrivo in sosta: 1. appena arrivati auto assicurarsi mediante l utilizzo della longe (o equivalenti) 2. liberare il più velocemente possibile le corde dal freno che essendo spesso molto caldo, danneggia la corda. 3. liberarsi dal Machard 4. gridare libera in modo da permettere al compagno di attrezzarsi a sua volta per la calata. c) NOTE VARIE Si possono tenere i capi terminali delle corde in mano durate la calata del compagno, così facendo, in caso di bisogno, si può rallentare o arrestare la sua discesa semplicemente tirandole. Nel recupero delle corde si deve prestare attenzione a eventuali sassi mossi dalle corde stesse ed a possibili incastri del nodo Il primo che scende deve stare molto attento a cercare e trovare la sosta di calata successiva: non sempre le calate attrezzate coincidono con le soste di salita. Attenzione ai pendoli L ultimo che scende deve porre attenzione ai possibili incastri della corda e del nodo durante il recupero: se necessario occorre scendere obliqui per far passare le corde in posizioni tranquille dal punto di vista del recupero. 6. DISCESA IN MOULINETTE In molte falesie, le soste attrezzate con catene alla fine di un tiro di corda, presentano un anello di calata che non è possibile aprire per far passare la corda all interno allo scopo di venir calati dal compagno che ci assicura da terra (moulinette). In questo caso è di fondamentale importanza saper ricorrere alla manovra descritta nel seguito per poter far passare la corda all interno dell anello chiuso senza slegarsi mai dalla corda di cordata e rimanendo sempre auto-assicurati. Per prima cosa ci si assicura in modo volante con uno o più rinvii o con una longe alla sosta, poi si richiama un poco di corda e la si fa passare doppiata nell anello di calata. Una volta fatta passare la corda, sull asola che esce dall anello praticare un nodo ad otto sui due rami e collegarlo all anello dell imbracatura a mezzo di un moschettone a ghiera. A questo punto è possibile slegarsi dalla corda in vita, sciogliere il nodo a otto ed estrarre il capo libero dall anello della sosta; ci si ritroverà legati alla corda che ora passa nell anello mediante il moschettone e con in mano un leggero lasco, che termina nel capo della corda. 19

Le Fasi della manovra sono:

Le Fasi della manovra sono: È indispensabile per una questione di sicurezza imparare a svolgere la manovra seguendo una sequenza di operazioni predeterminate. Le Fasi della manovra sono: 1. Auto-assicurazione 2. Predisposizione dell'ancoraggio

Dettagli

CDR LA SCALETTA DELLA SCALATA

CDR LA SCALETTA DELLA SCALATA CDR L E D I S P E N S E D E L C ORSO D I R O C C I A P R O G R E S S I O N E D E L L A C O R D A T A LA SCALETTA DELLA SCALATA Questa dispensa riporta in maniera schematica: 1. le fasi della progressione

Dettagli

Ancoraggi e tecniche di assicurazione

Ancoraggi e tecniche di assicurazione Scuola di Alpinismo e Scialpinismo FALC CORSO DI ALPINISMO AVANZATO A2 2012 Ancoraggi e tecniche di assicurazione Claudio Caldini (INSA) Ramon Maj (IA) Ancoraggi su roccia Ancoraggi naturali spuntoni,

Dettagli

NODI E CORDE APPUNTI

NODI E CORDE APPUNTI NODI E CORDE APPUNTI I NODI di base, pag.1 I NODI Autobloccanti, pag.5 I NODI per l imbragatura e la sicura, pag.7 I NODI di giunzione. pag.11 1 I nodi di base: Pagina quadro I nodi autobloccanti I nodi

Dettagli

La "sosta classica" Nella "sosta classica", i due ancoraggi sono collegati tra loro con due moschettoni ed un anello di cordino.

La sosta classica Nella sosta classica, i due ancoraggi sono collegati tra loro con due moschettoni ed un anello di cordino. La "sosta classica" 6 aprile 2005 La progressione della cordata su una parete è caratterizzata dal movimento non contemporaneo degli alpinisti. Durante la progressione della cordata, la sosta è il punto

Dettagli

In collaborazione con CENTRO STUDI MATERIALI E TECNICHE

In collaborazione con CENTRO STUDI MATERIALI E TECNICHE In collaborazione con CENTRO STUDI MATERIALI E TECNICHE La sicurezza sui sentieri attrezzati: materiali e tecniche Con la collaborazione del Centro Studi Materiali e Tecniche. Questo documento riporta

Dettagli

Tike Saab guide alpine

Tike Saab guide alpine Tike Saab guide alpine Arrampicata su roccia e vie ferrate Dalla mia esperienza di guida alpina ho cercato di sintetizzare al massimo le cose più utili e necessarie per iniziare a frequentare la montagna

Dettagli

PER RIPASSARE NODI E MANOVRE

PER RIPASSARE NODI E MANOVRE PER RIPASSARE NODI E MANOVRE COLLEGAMENTO DELLA CORDATA Nodo delle guide con frizione Detto anche nodo Savoia o Otto ripassato. Deve essere eseguito il più vicino possibile all'imbrago e possibilmente

Dettagli

Corso Base di Alpinismo A1 2009-2010 DISPENSA SUI NODI

Corso Base di Alpinismo A1 2009-2010 DISPENSA SUI NODI SCUOLA INTERSEZIONALE SIBILLA DI ALPINISMO E SCIALPINISMO Corso Base di Alpinismo A1 2009-2010 DISPENSA SUI NODI NODI A cosa servono i nodi in Alpinismo? formare una cordata congiungere corde e chiudere

Dettagli

Manovre di autosoccorso: Paranchi

Manovre di autosoccorso: Paranchi Angela Montanari Paranchi Pag. 1/8 Manovre di autosoccorso: Paranchi Recupero di ferito con paranco mezzo Poldo con piastrina. Questo sistema di recupero va adottato, oltre che in alpinismo su ghiaccio

Dettagli

Catena di assicurazione

Catena di assicurazione 12 Corso di Roccia 2015 Scuola permanente di Alpinismo «Cosimo Zappelli» 9 aprile 2015 Catena di assicurazione lezione a cura di Sergio Pistolesi - slide di Claudio Luperini Stasera parleremo di: catena

Dettagli

LA CATENA DI ASSICURAZIONE E RESISTENTE QUANTO IL SUO ANELLO PIU DEBOLE.

LA CATENA DI ASSICURAZIONE E RESISTENTE QUANTO IL SUO ANELLO PIU DEBOLE. I componenti la catena di assicurazione li possiamo individuare semplicemente negli elementi che insieme concorrono alla sicurezza della cordata, ovviamente in caso di caduta. Gli elementi quali corda,

Dettagli

ANCORAGGI SOSTE INDICE DELLA SERATA TECNICHE DI ASSICURAZIONE DISCESA IN CORDA DOPPIA. Ancoraggi e soste Tecniche di assicurazione La corda doppia

ANCORAGGI SOSTE INDICE DELLA SERATA TECNICHE DI ASSICURAZIONE DISCESA IN CORDA DOPPIA. Ancoraggi e soste Tecniche di assicurazione La corda doppia ANCORAGGI SOSTE TECNICHE DI ASSICURAZIONE DISCESA IN CORDA DOPPIA (CAPP. 4-5-6 MANUALE GHIACCIO VERTICALE) INDICE DELLA SERATA Ancoraggi e soste Tecniche di assicurazione La corda doppia 1 ANCORAGGI Ancoraggi

Dettagli

RECUPERO da CREPACCIO

RECUPERO da CREPACCIO recupero da crepaccio 1 RECUPERO da CREPACCIO G. Galli - maggio 2010 recupero da crepaccio 2 premessa 1 condizioni dell incidente la caduta in un crepaccio può verificarsi per un alpinista: legato e preventivamente

Dettagli

La Catena di Assicurazione (CdA)

La Catena di Assicurazione (CdA) La Catena di Assicurazione (CdA) Agenda: Richiami di fisica I materiali che compongono la CdA Ancoraggi e soste Tecniche di assicurazione Cos e È l insieme degli elementi che permettono, in caso di caduta,

Dettagli

Progressione della cordata Catena e tecniche di assicurazione

Progressione della cordata Catena e tecniche di assicurazione 11 Corso di Alpinismo su Roccia 2013 Scuola permanente di Alpinismo «Cosimo Zappelli» Progressione della cordata Catena e tecniche di assicurazione a cura di Claudio Luperini Stasera parleremo di: _ come

Dettagli

Collegamento degli ancoraggi Confronto tra le tecniche di assicurazione

Collegamento degli ancoraggi Confronto tra le tecniche di assicurazione Collegamento degli ancoraggi Confronto tra le tecniche di assicurazione ATTENZIONE Il materiale di questo "pdf" è una parte del PowerPoint "Soste e tecniche di assicurazione -2013" che trovate nel DVD

Dettagli

TECNICHE DI RECUPERO DA CREPACCIO

TECNICHE DI RECUPERO DA CREPACCIO CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Nazionale Scuole di Alpinismo e Sci Alpinismo Scuola Centrale di Alpinismo Scuola Centrale di Sci Alpinismo TECNICHE DI RECUPERO DA CREPACCIO Approvato dalla CNSASA il

Dettagli

Tecniche di Assicurazione: confronto tra classica e ventrale

Tecniche di Assicurazione: confronto tra classica e ventrale Club Alpino Italiano Commissione Centrale Materiali e Tecniche Tecniche di Assicurazione: confronto tra classica e ventrale A cura di Giuliano Bressan, Claudio Melchiorri 1/65 Nota introduttiva Questo

Dettagli

La catena di assicurazione

La catena di assicurazione La catena di assicurazione A cosa serve la corda? A trattenere una eventuale caduta Solo questo? Che cosa succede al momento dell arresto di una caduta? L arrampicatore avverte uno strappo Quanto è violento

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO Sez. Finale Ligure LA CATENA DI SICUREZZA

CLUB ALPINO ITALIANO Sez. Finale Ligure LA CATENA DI SICUREZZA CLUB ALPINO ITALIANO Sez. Finale Ligure LA CATENA DI SICUREZZA Considerazioni sui metodi di contenimento delle sollecitazioni durante la caduta nell arrampicata libera Gola di Gorropu LA CATENA DI ASSICURAZIONE

Dettagli

VIA FERRATA. Premessa

VIA FERRATA. Premessa VIA FERRATA Premessa Una via ferrata è un percorso in parete, attrezzato con infissi metallici (fittoni, cavi d acciaio, gradini, scale, ponti, ecc) da utilizzare per la progressione. Questo tipo d attrezzatura

Dettagli

Club Alpino Italiano Scuola di Alpinismo e di Arrampicata Libera Cosimo Zappelli Sezioni C.A.I. M. Bacci Viareggio - E.

Club Alpino Italiano Scuola di Alpinismo e di Arrampicata Libera Cosimo Zappelli Sezioni C.A.I. M. Bacci Viareggio - E. Club Alpino Italiano Scuola di Alpinismo e di Arrampicata Libera Cosimo Zappelli Sezioni C.A.I. M. Bacci Viareggio - E. Bertini Prato La parola chiave in montagna è Sicurezza 2 Materiale I cordini e i

Dettagli

La catena di assicurazione in ferrata

La catena di assicurazione in ferrata Club Alpino Italiano Sezione Pontedera Scuola Cosimo Zappelli Scuola Lucca Scuola Alpi Apuane Corso monotematico su vie ferrate 2013 (M-F1) La catena di assicurazione in ferrata giovedì 9 maggio 2013 a

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO SCUOLA DI ALPINISMO E SCIALPINISMO SILVIO SAGLIO - MILANO

CLUB ALPINO ITALIANO SCUOLA DI ALPINISMO E SCIALPINISMO SILVIO SAGLIO - MILANO Questa dispensa è dedicata all impegno, appassionato e competente, di un amico e di un compagno di cordata, Marcello Meroni (INA) Ultimo aggiornamento e revisione: Massimo Pantani (INA, CLSASA) Sett 2010

Dettagli

Club Alpino Italiano NODI E MANOVRE DI CORDA PER L ESCURSIONISMO. Ettore Castiglioni CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI TREGNAGO

Club Alpino Italiano NODI E MANOVRE DI CORDA PER L ESCURSIONISMO. Ettore Castiglioni CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI TREGNAGO CLU LPINO ITLINO C I CLU LPINO ITLINO E S C U RSIONISMO Club lpino Italiano SEZIONE DI TREGNGO Ettore Castiglioni CLU LPINO ITLINO CLU LPINO ITLINO SEZIONE DI TREGNGO Vicolo Cipolla, 20-37039 Tregnago

Dettagli

AUTOSOCCORSO SU ROCCIA

AUTOSOCCORSO SU ROCCIA AUTOSOCCORSO SU ROCCIA LE OPERAZIONI SEGUENTI DEVONO ESSERE BEN CHIARE NELLA MENTE DI CHI LE ESEGUE E FRUTTO DI PERIODICHE ESERCITAZIONI, AFFINCHÈ NON SIANO CAUSA DI FATALI CONSEGUENZE, ALTRIMENTI FERMARSI

Dettagli

I metodi di assicurazione dinamica

I metodi di assicurazione dinamica Club lpino Italiano Commissione Materiali e Tecniche I metodi di assicurazione dinamica Giuliano Bressan CMT - CI contenuto: lcuni concetti base Tecniche di assicurazione - generalità ssicurazione CLSSIC

Dettagli

LA QUASI TOTALITÀ DEL TESTO CONTENUTO IN QUESTA DISPENSA È STATO TRATTO DAI MANUALI DEL C.A.I. PREMESSA

LA QUASI TOTALITÀ DEL TESTO CONTENUTO IN QUESTA DISPENSA È STATO TRATTO DAI MANUALI DEL C.A.I. PREMESSA LA QUASI TOTALITÀ DEL TESTO CONTENUTO IN QUESTA DISPENSA È STATO TRATTO DAI MANUALI DEL C.A.I. ALPINISMO SU GHIACCIO E MISTO E ALPINISMO SU ROCCIA ; SONO STATE CAMBIATE LA QUASI TOTALITÀ DELLE FOTO ED

Dettagli

LA CATENA DI ASSICURAZIONE. Lezione a cura di Torrini Andrea

LA CATENA DI ASSICURAZIONE. Lezione a cura di Torrini Andrea LA CATENA DI ASSICURAZIONE Lezione a cura di Torrini Andrea PARLEREMO IN QUESTA LEZIONE DI: Significato di CATENA DI ASSICURAZIONE Dimensionamento della CATENA DI ASSICURAZIONE Forza di Arresto Fattore

Dettagli

LA CATENA DI ASSICURAZIONE: LA NORMATIVA EUROPEA E I COMPONENTI

LA CATENA DI ASSICURAZIONE: LA NORMATIVA EUROPEA E I COMPONENTI Commissione Lombarda Materiali e Tecniche LA CATENA DI ASSICURAZIONE: LA NORMATIVA EUROPEA E I COMPONENTI Andrea Manes SICUREZZA Inerente materiali e tecniche Parliamo di catena di assicurazione senza

Dettagli

Ente Scuola per l Addestramento Professionale Edile

Ente Scuola per l Addestramento Professionale Edile Ente Scuola per l Addestramento Professionale Edile (Costituito ai sensi dell art. 93 del C.C.N.L. 05.07. 95 per imprese edili ed affini e dagli accordi collettivi provinciali) CORSO PER ADDETTO MONTAGGIO,

Dettagli

PROGETTAZIONE DELLA PREVENZIONE CONTRO LA CADUTA LIBERA VERSO IL VUOTO. Consulta di Mantova - Relatore Pier Luigi Ghisi

PROGETTAZIONE DELLA PREVENZIONE CONTRO LA CADUTA LIBERA VERSO IL VUOTO. Consulta di Mantova - Relatore Pier Luigi Ghisi PROGETTAZIONE DELLA PREVENZIONE CONTRO LA CADUTA LIBERA VERSO IL VUOTO OBBIETTIVI PRINCIPALI Sviluppare nei progettisti la cultura della sicurezza Formarli alla previsione progettuale di attrezzature di

Dettagli

GRUPPO RAGNI DELLA GRIGNETTA SCUOLA D ALPINISMO 60 CORSO ROCCIA 2012

GRUPPO RAGNI DELLA GRIGNETTA SCUOLA D ALPINISMO 60 CORSO ROCCIA 2012 Lezioni Pratiche GRUPPO RAGNI DELLA GRIGNETTA SCUOLA D ALPINISMO 60 CORSO ROCCIA 2012 Sabato 5 maggio Barzio Ritrovo: ore 8.00 c/o parcheggio Domenica 6 maggio Barzio Ritrovo: ore 8.00 c/o parcheggio Domenica

Dettagli

LA CATENA DI ASSICURAZIONE Parte I materiali

LA CATENA DI ASSICURAZIONE Parte I materiali Scuola Inter - Sezionale di Alpinismo e Scialpinismo G. Ribaldone LA CATENA DI ASSICURAZIONE Parte I materiali Alessandro Co' - Raffaele Pagliano Che cos'è la Catena di Assicurazione? E' un insieme di

Dettagli

Oggetto: Progetto di valorizzazione turistico-ambientale attraverso l arrampicata sportiva.

Oggetto: Progetto di valorizzazione turistico-ambientale attraverso l arrampicata sportiva. Oggetto: Progetto di valorizzazione turistico-ambientale attraverso l arrampicata sportiva. L associazione DirezioneVerticale, impegnata nello sviluppo e nella valorizzazione del territorio Ambientale

Dettagli

Oggetto: Progetto di valorizzazione turistico-ambientale attraverso l arrampicata sportiva e il trekking.

Oggetto: Progetto di valorizzazione turistico-ambientale attraverso l arrampicata sportiva e il trekking. Oggetto: Progetto di valorizzazione turistico-ambientale attraverso l arrampicata sportiva e il trekking. L associazione DirezioneVerticale, impegnata, nello sviluppo e nella valorizzazione del territorio

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO

CLUB ALPINO ITALIANO CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Nazionale Scuole di Alpinismo e Sci Alpinismo Scuola centrale di Alpinismo Scuola centrale di Sci Alpinismo AGGIORNAMENTO SU TECNICHE E MANOVRE DI CORDA Approvato dalla

Dettagli

LAVORI IN QUOTA Lavori in sospensione con funi DPI specifici e sistemi anticaduta

LAVORI IN QUOTA Lavori in sospensione con funi DPI specifici e sistemi anticaduta LAVORI IN QUOTA Lavori in sospensione con funi DPI specifici e sistemi anticaduta Lucca 1-06 - 2010 Stefano Cesari Amorini Srl - Perugia Lavoro in quota: le variabili per individuare il metodo di accesso

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

PEDANA PROVVISTA DI DISPOSITIVI PER IL BLOCCAGGIO DI SEDIE A ROTELLE

PEDANA PROVVISTA DI DISPOSITIVI PER IL BLOCCAGGIO DI SEDIE A ROTELLE Sezione II PEDANA PROVVISTA DI DISPOSITIVI PER IL BLOCCAGGIO DI SEDIE A ROTELLE (RM 2008 A 000111: 20/02/2008 Italia) Tiziano Averna, Marco Traballesi Fondazione Santa Lucia Ettore Pennestrì, Pier Paolo

Dettagli

Indagine sulle tecniche di assicurazione

Indagine sulle tecniche di assicurazione Metodi di assicurazione in montagna e falesia: tecniche e problemi Arco 31 ottobre 2004 Indagine sulle tecniche di assicurazione Claudio Melchiorri INA CCMT SCA Indagine sulle tecniche di assicurazione

Dettagli

Sommario. Pagina 3 : La ditta Mechetti. Pagina 4 : Presentazione prodotti. Pagina 5 : Schede tecniche. Pagina 6 : Istruzioni per l uso

Sommario. Pagina 3 : La ditta Mechetti. Pagina 4 : Presentazione prodotti. Pagina 5 : Schede tecniche. Pagina 6 : Istruzioni per l uso MANUALE D USO Mek 1 Sommario Pagina 3 : La ditta Mechetti Pagina 4 : Presentazione prodotti Pagina 5 : Schede tecniche Pagina 6 : Istruzioni per l uso Pagina 7 : Soluzione e problemi noti Pagina 8 : Parti

Dettagli

2015 CLIMBING EQUIPMENT

2015 CLIMBING EQUIPMENT 2015 CLIMBING EQUIPMENT CLIMBING PASSION Climbing Technology (CT) è il marchio commerciale di Aludesign S.p.A., azienda con quasi 30 anni di esperienza internazionale nella progettazione e produzione di

Dettagli

I giochi tradizionali adatti alla pallavolo. Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley

I giochi tradizionali adatti alla pallavolo. Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley I giochi tradizionali adatti alla pallavolo e Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley ricerca e composizione di: Rosario Ravalli docente regionale allenatori FIPAV Foggia Questo piccolo

Dettagli

DISPOSITIVI ANTICADUTA

DISPOSITIVI ANTICADUTA I DPI presentati dalla SOCIM SpA su questo catalogo sono in grado, se utilizzati correttamente, di risolvere la totalità dei problemi derivanti dai lavori in zone pericolose a grande altezza, entro cavità,

Dettagli

Nodi e Manovre per l Escursionismo C.A.I. Padova Scuola di Escursionismo Vasco Trento. Sommario

Nodi e Manovre per l Escursionismo C.A.I. Padova Scuola di Escursionismo Vasco Trento. Sommario Club Alpino Italiano Sezione di Padova Scuola di Escursionismo Vasco Trento Nodi e Manovre per l Escursionismo Sommario Introduzione... 3 1. Nodi per legarsi... 4 1.1. Nodo delle Guide... 4 1.2. Nodo a

Dettagli

UTILIZZO DI BRACHE IN FIBRE SINTETICHE PER SOLLEVAMENTO CARICHI

UTILIZZO DI BRACHE IN FIBRE SINTETICHE PER SOLLEVAMENTO CARICHI UTILIZZO DI BRACHE IN FIBRE SINTETICHE PER SOLLEVAMENTO CARICHI Nel settore lapideo vengono utilizzate brache in fibre sintetiche per sollevamento e movimentazione di lastre lucidate e manufatti quando

Dettagli

PREDISPOSIZIONE DI SOSTE IN ALPINISMO E IN ARRAMPICATA

PREDISPOSIZIONE DI SOSTE IN ALPINISMO E IN ARRAMPICATA PREDISPOSIZIONE DI SOSTE IN ALPINISMO E IN ARRAMPICATA Marzo 2006 - Revisionato e formattato, per la Scuola di Alpinismo e Scialpinismo Silvio Saglio - SEM Milano, da Massimo Pantani - INA (CLSASA) - sulla

Dettagli

AIR RESCUE EVO 03.12.14

AIR RESCUE EVO 03.12.14 AIR RESCUE EVO 03.12.14 2982 AIR RESCUE EVO ref.298201 ref.298202 A EN 813 - EN 12277 TEAM RESCUE L evoluzione CAMP dell imbracatura per il Soccorso Alpino e l'elisoccorso. Costituita da una imbracatura

Dettagli

INDICAZIONI PER LA REVISIONE ANNUALE DEI DPI TRACTEL

INDICAZIONI PER LA REVISIONE ANNUALE DEI DPI TRACTEL INDICAZIONI PER LA REVISIONE ANNUALE DEI DPI TRACTEL 1 2 4 5 6 7 3 DURATA DI VITA E REVISIONI ANNUALI D.P.I. ANTICADUTA INDICAZIONI PRIORITARIE Durata di vita dei prodotti: Ogni DPI anticaduta ha una durata

Dettagli

AUTO SOCCORSO in parete CORSO di Tecniche e Manovre

AUTO SOCCORSO in parete CORSO di Tecniche e Manovre AUTO SOCCORSO in parete CORSO di Tecniche e Manovre Diamo pure per scontato, e già questo è un azzardo, che sappiate che passare da una situazione orizzontale, condizione che consideriamo normale, ad una

Dettagli

SISTEMA VANZO. descrizione sequenza operativa

SISTEMA VANZO. descrizione sequenza operativa PARANCO MEZZO POLDO Il "mezzo Poldo" è un paranco utilizzato nella pratica alpinistica e scialpinistica, non è molto veloce ma garantisce il successo del recupero anche se ad agire si è da soli. Il "mezzo

Dettagli

Settore Giovanile Giochi ed esercizi nel MiniVolley

Settore Giovanile Giochi ed esercizi nel MiniVolley Giochi tradizionali adatti alla pallavolo ASINO Si può giocare in un numero imprecisato di bambini che si mettono in cerchio; si tira la palla a colui che lo precede e così via. Quando si sbaglia (la palla

Dettagli

(FAQ) ANTICADUTA. Catalogo on-line www.iapir.it DA OLTRE 40 ANNI LA SICUREZZA IN ITALIA

(FAQ) ANTICADUTA. Catalogo on-line www.iapir.it DA OLTRE 40 ANNI LA SICUREZZA IN ITALIA (FAQ) ANTICADUTA Che cos è un impatto d urto? All'arresto di una caduta l'operatore subisce un impatto d'urto che può provocare delle lesioni. 400 dan : comparsa di postumi cervicali 600 dan : soglia accettabile

Dettagli

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO MANUALE DI INSTALLAZIONE MANUTENZIONE ED USO. INDICE: AVVERTENZE GENERALI PER LA SICUREZZA...PAG. 2 INSTALLAZIONE GUIDE VERTICALI...PAG. 2 INSTALLAZIONE GRUPPO MOLLE...PAG. 2 INSTALLAZIONE CON VELETTA

Dettagli

STERZATA SENZA SPOSTAMENTO MANI MANI IN POSIZIONE BASE. POSIZIONE SUL SEDILE: TROPPO LONTANA (prospetto) POSIZIONE DI GUIDA: LONTANA (pianta)

STERZATA SENZA SPOSTAMENTO MANI MANI IN POSIZIONE BASE. POSIZIONE SUL SEDILE: TROPPO LONTANA (prospetto) POSIZIONE DI GUIDA: LONTANA (pianta) MANI IN POSIZIONE BASE Posizione base, fondamentale per guidare con qualità e sicurezza: mani sul volante come sul quadrante di un orologio, per indicare le ore 9:15, con i pollici bene ancorati alle razze.

Dettagli

Disegnare il basket. di Andrea Capobianco

Disegnare il basket. di Andrea Capobianco Disegnare il basket di Andrea Capobianco L efficacia della comunicazione è legata ad una buona conoscenza del linguaggio utilizzato. L uso della rappresentazione icnica presuppone necessariamente la condivisione

Dettagli

GROTTA BORTOLOMIOL SCHEDA D ARMO. a cura di Federico Battaglin www.febat.com. Grotta Bortolomiol. Località: Borri. Valdobbiadene (Tv)

GROTTA BORTOLOMIOL SCHEDA D ARMO. a cura di Federico Battaglin www.febat.com. Grotta Bortolomiol. Località: Borri. Valdobbiadene (Tv) 1 GROTTA BORTOLOMIOL SCHEDA D ARMO a cura di Federico Battaglin www.febat.com La Grotta Bortolomiol è la maggiore verticale della zona montuosa la cui elevazione massima è Monte Cesen, proprio sopra al

Dettagli

COME FARE UNA CORDA PER ARCO

COME FARE UNA CORDA PER ARCO COME FARE UNA CORDA PER ARCO Dedicato a tutti gli arcieri che preferiscono costruirsi le proprie corde dell arco, anziché acquistarle pronte in fabbrica. Tenere presente che specie per la prima volta,

Dettagli

Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento

Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento Una realizzazione - 1 Disposizioni di carattere generale I mezzi di sollevamento e di trasporto devono risultare appropriati per quanto

Dettagli

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.)

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) MASTER SICUREZZA Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) Alessandro Cauduro Creazzo 1 luglio 2010 DPI Anticaduta Generalità I dispositivi di protezione individuale (DPI) sono:

Dettagli

Presidenza Nazionale ANVVFC

Presidenza Nazionale ANVVFC Associazione Nazionale Vigili del Fuoco in Congedo Volontariato e Protezione Civile Presidenza Nazionale ANVVFC AI COMITATI PROVINCIALI LORO SEDE AI COMITATI REGIONALI LORO SEDE OGGETTO: Corsi di formazione.

Dettagli

Le tecniche di assicurazione in parete

Le tecniche di assicurazione in parete Club Alpino Italiano Commissione Centrale Materiali e Tecniche Le tecniche di assicurazione in parete a cura di: Vittorio Bedogni, Giuliano Bressan, Claudio Melchiorri, Gigi Signoretti, Carlo Zanantoni

Dettagli

Risultati questionario Forze

Risultati questionario Forze Risultati questionario Forze Media: 7.2 ± 3.3 Coeff. Alpha: 0.82 Frequenza risposte corrette Difficoltà domande 18 16 14 12 10 8 6 4 2 0 25% 42% 75% 92% 100% % corrette 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30%

Dettagli

Giuseppe Bertussi I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE ANTICADUTA SECONDO LE NORME UNI EN

Giuseppe Bertussi I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE ANTICADUTA SECONDO LE NORME UNI EN Giuseppe Bertussi I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE ANTICADUTA SECONDO LE NORME UNI EN La normativa italiana in tema di sicurezza e salute sul lavoro riporta, al decreto legislativo 3 agosto 2009,

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Il braccio corto mobile è disponibile in due tipi ( tipo 5-22**-A ; tipo 5-22**- B )

Il braccio corto mobile è disponibile in due tipi ( tipo 5-22**-A ; tipo 5-22**- B ) Questa attrezzatura Meyer soddisfa interamente le norme di sicurezza CE. Il certificato di conformità è spedito con l attrezzatura. Il simbolo CE è riportato sulla targhetta del costruttore. Descrizione

Dettagli

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07 9.13 Caratteristica meccanica del motore asincrono trifase Essa è un grafico cartesiano che rappresenta l andamento della coppia C sviluppata dal motore in funzione della sua velocità n. La coppia è legata

Dettagli

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi Martedì 22 luglio2014, dalle ore 15.00 alle ore 17.00 presso la sede CPT, Viale Milano 56/60 Lodi Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi ing. Massimiliano Colletta I LAVORI

Dettagli

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti In questa unità didattica si impara come si può aiutare una persona a muoversi, quando questa persona non può farlo in modo autonomo. Quindi, è necessario

Dettagli

CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO UNA CADUTA. Anche da una piccola altezza una caduta può avere conseguenze drammatiche!! È volontario.

CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO UNA CADUTA. Anche da una piccola altezza una caduta può avere conseguenze drammatiche!! È volontario. Sistemi anticaduta CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO È volontario UNA CADUTA È involontaria E quindi è ammortizzato E quindi non è ammortizzata Buon assorbimento d energia IMPATTO DEBOLE Minimo assorbimento

Dettagli

Imbracature a confronto: prove comparative sull uso dell imbraco basso, completo e combinato a cura della Commissione Materiali e Tecniche

Imbracature a confronto: prove comparative sull uso dell imbraco basso, completo e combinato a cura della Commissione Materiali e Tecniche Imbracature a confronto: prove comparative sull uso dell imbraco basso, completo e combinato a cura della Commissione Materiali e Tecniche Prendendo spunto da una serie di articoli apparsi su riviste francesi

Dettagli

certifi cati in accordo ai requisiti previsti dalle Norme Europee: UNI-EN358 per cinture e cordini regolabili per il posizionamento sul lavoro,

certifi cati in accordo ai requisiti previsti dalle Norme Europee: UNI-EN358 per cinture e cordini regolabili per il posizionamento sul lavoro, certifi cati in accordo ai requisiti previsti dalle Norme Europee: UNI-EN358 per cinture e cordini regolabili per il posizionamento sul lavoro, UNI-EN361 per imbracature anticaduta, UNI-EN355 per assorbitori

Dettagli

Calcolo delle molle e dei tamburi per le porte sezionali. http://www.excubia-soft.com

Calcolo delle molle e dei tamburi per le porte sezionali. http://www.excubia-soft.com Calcolo delle molle e dei tamburi per le porte sezionali http://www.excubia-soft.com 1 INTRODUZIONE... 3 I TAMBURI ED IL NUMERO DI GIRI... 4.1 ELEVAZIONE NORMALE CON GUIDE ORIZZONTALI... 4. ELEVAZIONE

Dettagli

Piano di Coordinamento per interferenza tra gru a torre Cantiere sito in

Piano di Coordinamento per interferenza tra gru a torre Cantiere sito in lì Piano di Coordinamento per interferenza tra gru a torre Cantiere sito in Impresa.. Impresa.. In sede di predisposizione e organizzazione del cantiere in oggetto la relativa vicinanza dei fabbricati

Dettagli

CILINDRI OLEODINAMICI

CILINDRI OLEODINAMICI CILINDRI OLEODINMICI I cilindri oleodinamici sono degli attuatori lineari che realizzando la conversione dell energia idraulica in energia meccanica producono una forza e lo spostamento lineare del carico.

Dettagli

SCHEDA TECNICA PER IL MONTAGGIO DELLE COPERTURE LA COPERTURA TOSCANA.

SCHEDA TECNICA PER IL MONTAGGIO DELLE COPERTURE LA COPERTURA TOSCANA. SCHEDA TECNICA PER IL MONTAGGIO DELLE COPERTURE LA COPERTURA TOSCANA. La COPERTURATOSCANA, prodotta da COTTOREF, è composta da tre articoli fondamentali: tegole, coppi e colmi, oltre ad una serie di pezzi

Dettagli

Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali

Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali Problema n. 1: Un corpo puntiforme di massa m = 2.5 kg pende verticalmente dal soffitto di una stanza essendo

Dettagli

MANUALE D ISTRUZIONI PER MONTAGGIO, USO E MANUTENZIONE PER DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO PER LINEE VITA SICURPAL

MANUALE D ISTRUZIONI PER MONTAGGIO, USO E MANUTENZIONE PER DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO PER LINEE VITA SICURPAL MANUALE D ISTRUZIONI PER MONTAGGIO, USO E MANUTENZIONE PER DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO PER LINEE VITA SICURPAL Edizione Settembre 2013 Sicurpal S.r.l. Via Caduti in Guerra, 10/C Villavara di Bomporto (MO)

Dettagli

Indicazioni di bonifica per le Aziende del settore del Legno

Indicazioni di bonifica per le Aziende del settore del Legno Indicazioni di bonifica per le Aziende del settore del Legno A seguito della verifica dei registri infortuni delle aziende del settore legno, si ritiene necessario fornire ulteriori indicazioni di bonifica

Dettagli

Linea vita temporanea orizzontale SOIT402/HLLW1 Manuale d Utilizzo e Manutenzione rev.00

Linea vita temporanea orizzontale SOIT402/HLLW1 Manuale d Utilizzo e Manutenzione rev.00 (immagine puramente indicativa per identificare il prodotto) Introduzione Linea vita orizzontale temporanea SOIT402/HLLW1 La linea vita orizzontale temporanea SOIT402/HLLW1 è un sistema di protezione provvisorio

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO COMMISSIONE CENTRALE MATERIALI E TECNICHE

CLUB ALPINO ITALIANO COMMISSIONE CENTRALE MATERIALI E TECNICHE CLUB ALPINO ITALIANO COMMISSIONE CENTRALE MATERIALI E TECNICHE COMMISSIONE CENTRALE MATERIALI E TECNICHE Arco di Trento 31 ottobre 2004 a cura di Vittorio Bedogni ( CCMT - INA - INSA ) CONTENUTO : Introduzione

Dettagli

I PROGRAMMI PROPOSTI POSSONO CAUSARE DANNI ALL'ORGANISMO, L'AUTORE DECLINA OGNI RESPONSABILITA'

I PROGRAMMI PROPOSTI POSSONO CAUSARE DANNI ALL'ORGANISMO, L'AUTORE DECLINA OGNI RESPONSABILITA' INTRODUZIONE Lo scopo di questo scritto è quello di dare qualche suggerimento alle persone che da poco si sono avvicinate al mondo dell'arrampicata, e di dare idee per gli esercizi indoor o in per la falesia

Dettagli

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi?

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi? MECCANICA Cinematica 1. Un oggetto che si muove di moto circolare uniforme, descrive una circonferenza di 20 cm di diametro e compie 2 giri al secondo. Qual è la sua accelerazione? 2. Un sasso cade da

Dettagli

Il Carroponte 1 il carroponte

Il Carroponte 1 il carroponte Il Carroponte Il Carroponte è uno strumento portentoso, ma che deve essere utilizzato con la massima prudenza. In commercio ne esistono di vari tipi, anche se alcuni elementi sono comuni fra molti modelli.

Dettagli

2.2.5 Dispositivi di sicurezza

2.2.5 Dispositivi di sicurezza 2. Sicurezza 2. Sicurezza generale delle macchine 2.2.5 Dispositivi di sicurezza I dispositivi di sicurezza hanno la funzione di eliminare o ridurre un rischio autonomamente o in associazione a ripari.

Dettagli

sistemi orizzontali di ancoraggio provvisorio

sistemi orizzontali di ancoraggio provvisorio Flash protection I sistemi di ancoraggio provvisorio sono utilizzati per la messa in sicurezza dei cantieri o per interventi di manutenzioni su impianti o macchinari. Questi prodotti sono studiati in modo

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI.

SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI. SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI. 1. RETE ANTICADUTA CERTIFICATA EN 1263-1, PER APPLICAZIONI

Dettagli

29 Circuiti oleodinamici fondamentali

29 Circuiti oleodinamici fondamentali 29 Circuiti oleodinamici fondamentali Fig. 1. Circuito oleodinamico: (1) motore elettrico; (2) pompa; (3) serbatoio; (4) filtro; (5) tubazione di mandata; (6) distributore; (7) cilindro; (8) tubazione

Dettagli

DISPOSITIVI ANTICADUTA

DISPOSITIVI ANTICADUTA DISPOSITIVI 3 Normative EN Anticaduta La base di un sistema individuale di protezione anticaduta Punto di ancoraggio e connettore Punto di ancoraggio: punto in cui il sistema di protezione anticaduta è

Dettagli

SEDIE COMODE ManualE DI IStruzIOnI Moretti S.p.A.

SEDIE COMODE ManualE DI IStruzIOnI Moretti S.p.A. Pantone 72C Pantone 431C MA SEDIE COMODE 01-A Moretti S.p.A. Via Bruxelles 3 - Meleto 52022 Cavriglia ( Arezzo ) Tel. +93 055 96 21 11 Fax. +39 055 96 21 200 www.morettispa.com info@morettispa.com SEDIE

Dettagli

ATTIVITÀ PROMOSSE E SVILUPPATE DAL GS CAI NAPOLI

ATTIVITÀ PROMOSSE E SVILUPPATE DAL GS CAI NAPOLI ATTIVITÀ PROMOSSE E SVILUPPATE DAL GS CAI NAPOLI 179 CARLO TERRANOVA & PIERANGELO TERRANOVA NOTIZIE SULLE TECNICHE DI RISALITA SU SOLE CORDE, COME PROPOSTA DI DISCUSSIONE PER I SOCI DEL CAI. SEZ. DI NAPOLI

Dettagli

MANUALE D USO, MANUTENZIONE E CONTROLLO BRACHE IN CATENA Normativa di Rif. D.Lgs 17/2010, D.M. 2006/42/CE

MANUALE D USO, MANUTENZIONE E CONTROLLO BRACHE IN CATENA Normativa di Rif. D.Lgs 17/2010, D.M. 2006/42/CE REQUISITI DI SICUREZZA Generalità Le istruzioni d uso e manutenzione devono essere fornite dal fabbricante/fornitore per un uso corretto dell attrezzatura in termini di sicurezza e durata dello stesso.

Dettagli

Forze come grandezze vettoriali

Forze come grandezze vettoriali Forze come grandezze vettoriali L. Paolucci 23 novembre 2010 Sommario Esercizi e problemi risolti. Per la classe prima. Anno Scolastico 2010/11 Parte 1 / versione 2 Si ricordi che la risultante di due

Dettagli

Test per gli arti superiori

Test per gli arti superiori Test per gli arti superiori TF 1 Lancio della palla medica È uno dei più classici e semplici test per la forza, che si fa lanciando palle di vario peso. Chi è più alto è favorito perché ha leve più lunghe

Dettagli

Per installare una parabola su un tetto oppure su superfici

Per installare una parabola su un tetto oppure su superfici Tractel Italiana www.tractel.edilio.it SICUREZZA Sistemi anticaduta per lavori in quota Per installare una parabola su un tetto oppure su superfici non protette, la cui altezza dal suolo è maggiore di

Dettagli

Lavori in quota. Lavori in quota. frareg.com 1/22

Lavori in quota. Lavori in quota. frareg.com 1/22 Lavori in quota 1/22 D.Lgs 81/08 e s.m.i., art. 111 1. Il datore di lavoro, nei casi in cui i lavori temporanei in quota non possono essere eseguiti in condizioni di sicurezza e in condizioni ergonomiche

Dettagli

Cap. 3 METODI E MEZZI DI CARICAMENTO

Cap. 3 METODI E MEZZI DI CARICAMENTO Cap. 3 METODI E MEZZI DI CARICAMENTO Rev. 1.02 22/07/2014 Numerosi sono i metodi ed i mezzi con cui si possono trasportare pazienti ed infortunati. Quelli maggiormente usati sono: 1. La sedia portantina

Dettagli