Il gioco d'azzardo : definizione, storia, normativa, i dati in Italia e in provincia di Bergamo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il gioco d'azzardo : definizione, storia, normativa, i dati in Italia e in provincia di Bergamo"

Transcript

1 Dipartimento Dipendenze GIOCO D AZZARDO : IL FENOMENO E LE AZIONI Bergamo 22 settembre 2014 Il gioco d'azzardo : definizione, storia, normativa, i dati in Italia e in provincia di Bergamo E. Beato Responsabile Osservatorio delle Dipendenze ASL di Bergamo

2 Il gioco d'azzardo : Definizioni : di cosa stiamo parlando Un fenomeno nuovo? Emergente? Alcuni dati: dalla raccolta ai costi, dalle stime ai dati sulle persone in trattamento Alcuni cenni alla normativa

3 Il gioco d'azzardo Il termine azzardo deriva dal francese hasard e questo a sua volta dall'arabo az-zahr zahr, che significa dado, uno dei giochi d'azzardo storicamente più antichi

4 Il gioco d'azzardo Definizioni Il gioco d azzardo consiste nello scommettere beni materiali, solitamente soldi ma non solo, su di un esito del gioco che dipende principalmente o quasi esclusivamente dal caso. Per vincere il giocatore deve essere più bravo del Sig. Caso e riuscire a batterlo

5 Il gioco d'azzardo DEFINIZIONE Art. 721 Codice Penale Sono giochi d azzardo quelli nei quali ricorre il fine di lucro e la vincita o la perdita è interamente o quasi interamente aleatoria.

6 Il gioco d'azzardo DEFINIZIONE Dunque perché un gioco possa definirsi d azzardo è necessario che concorrano contemporaneamente due elementi: Fine di lucro della persona che lo esercita. Fine di lucro ogni volta il gioco è praticato per conseguire vantaggi economici valutabili e risulta escluso se la posta consiste in una soddisfazione di carattere morale o in una umiliazione. Aleatorietà del risultato il risultato finale dipende totalmente o prevalentemente dal caso o dalla sorte e non dall abilità e dalla perizia del giocatore.

7 Il gioco d'azzardo Si può parlare di gioco d'azzardo quando: si scommette denaro o un oggetto di valore. la posta è irreversibile (una volta fatta la puntata non è più possibile ritirarla). L esito del gioco dipende principalmente o totalmente dal caso. E bene sapere che nel gioco d azzardo: Tutti gli eventi (es. numeri) hanno eguali possibilità di uscire È impossibile controllare o prevedere l esito degli eventi. L abilità non conta ed é impossibile migliorare la propria performance con l esperienza.

8 Definizioni Giocare d azzardo non è di per sé patologico - Vi sono livelli e intensità diversi di rapporto con questo gioco, ma nessuno di questi va sottovalutato Gioco d azzardo Informale e ricreativo Comportamento Fisiologico necessitàdi consapevolezza dei potenziali rischi Gioco saltuario Motivazioni legate al divertimento Spesa contenuta Gioco d azzardo problematico Comportamento a rischio per la salute (fisica, mentale e sociale) necessitàdi diagnosi precoce e di intervento Aumento della frequenza Aumento del tempospeso giocando Aumento delle spese Gioco d azzardo patologico Stato di malattia con conseguenze sanitarie e sociali e necessità di diagnosi, cura e riabilitazione Gioco intensivo e/o quotidiano Comparsa del craving (desiderio incontrollabile di giocare) Spese elevate con indebitamento

9 Il gioco d azzardo è un fenomeno recente? Ricerche archeologiche ed antropologiche hanno testimoniato la presenza costante del gioco d'azzardo in ogni epoca, stato sociale e cultura.

10 Il Gioco d azzardo ha accompagnato da sempre tutte le culture umane Se ne parla già in testimonianze del a.c., così pure è rintracciabile la presenza di giocatori patologici da Caligola e Nerone, fino a Dostojevskij ( Il giocatore ) Il gioco dei dadi è uno dei più antichi, si praticava già in Egitto, nella Roma Imperiale, in India, in Giappone e in Cina. Il gioco d'azzardo forse più diffuso nell antica Roma insieme ai dadi era la Morra (MICATIO) in cui lo scopo era di indovinare in anticipo la somma delle dita mostrate da entrambi i giocatori. Altro gioco d azzardo molto praticato era navia aut capita (oggi testa o croce) con una moneta.

11 Il gioco d azzardo nella storia, nella letteratura e nella pittura Con il tempo sono nati molti altri giochi, come le scommesse sui cavalli ("lo sport dei re") e, dal 1500, le lotterie. La roulette fu inventata nel XVI secolo dal filosofo Blaise Pascal, mentre le slot-machine nel 1895 dall'americano Charles Fay. Per tutelare tutti i cittadini dai rischi che derivavano dal gioco d azzardo, fin dall epoca repubblicana si era anche cercato di promulgare delle apposite leggi, una fra queste era la Lex Alearia. Questa legge stabiliva quali fossero i giochi proibiti. La letteratura offre diverse testimonianze da Ovidio in una sua opera Ars amatoria scrive: Sic, ne perdiderit, non cessat perdere lusor (Così il giocatore perdente per non restare in perdita continua a perdere) a Dostojevskij il giocatore a Landolfi apuskin. Nel Vangelo stesso (Giovanni 19,23-24) Si son divise tra loro le mie vesti e sulla mia tunica han gettato la sorte

12 La pittura offre diverse testimonianze "Achille e Aiace che giocano a dadi" anfora circa 540 a.c. "Giocatori di dadi" Georges de La Tour "Soldati che giocano a carte e a dadi" Valentin de Boulogne 1620/22 La crocifissione Mantegna 1456)

13 Il gioco d azzardo non è un fenomeno recente ma in questi anni abbiamo assistito ad una sua forte espansione Volumi del gioco d azzardo Terza azienda italiana per fatturato 4% del PIL Oltre apparecchi, concessionarie, 6140 punti autorizzati per le scommesse, la stima delle imprese coinvolte 8 miliardi entrate per lo Stato (stima) giocatori patologici da a

14 Il gioco d azzardo non è un fenomeno recente ma in questi anni abbiamo assistito ad una sua forte espansione con conseguenze pesanti Perde al gioco, si uccide a 18 anni 5 luglio 2013 Chiuduno, furto dopo la tragedia Il ladro-carabiniere giocava alle slot 17 settembre 2013 Debiti di gioco «Non ce la faccio più» Quarantenne si uccide col gas di scarico L'uomo ha confessato la sua disperazione in una lettera. L'allarme della procura: casi in aumento di MARA MOLOGNI Perde 23mila euro in un solo giorno. La Asl: "Allarme slot qui a Bergamo" Protagonista della vicenda un imprenditore di Costa Volpino che poi ha insultato il gestore del locale ed è finito in ospedale per un trattamento sanitario obbligatorio. 23 gennaio 2013

15 Inquadramento del fenomeno: L evoluzione del gioco in Italia Da una posizione proibizionista che risale agli Anni 30(RD 18 giugno 1931 n. 773): fenomeno da contenere e da controllare Si è passati Ad una posizione più permissiva, anni 90, attraverso la legalizzazione, con deroghe legislative, di ciò che prima era vietato, sino ad arrivare ai recenti provvedimenti degli ultimi dieci anni che hanno aumentato a dismisura l immissione legale di una vastissima quantità di giochi. Motivazione del divieto: valutazione del GA come pericoloso perchébasato sull alea e sul lucro Motivazione alla legalizzazione: 1.sottrazione di spazio ai giochi illegali 2.incremento delle entrate dello Stato

16 Inquadramento del fenomeno: L evoluzione del gioco in Italia Prima degli anni 90 Dagli anni 90 in poi Giudizio di disvalore sul gioco d azzardo: il fenomeno era da contenere e da controllare Posizione più permissiva legalizzazione di diversi giochi 1997 doppia giocata del Lotto, superenalotto sale scommesse 1999 Bingo Dal 2003 via libera a slot machine, a win for life, giochi on line e videolottery/vlt (vedi decreto Abruzzo)

17 Inquadramento del fenomeno:l evoluzione del gioco in Italia Dal 90 in poi dal divieto di gioco alla promozione del gioco lecito PUBBLICITÀ OSSESSIVA fatta da testimonial quali divi del calcio o personaggi molto noti OFFERTA DEL GIOCO A RITMO INCALZANTE: LOTTO--> da settimanale a bisettimanale a trisettimanale fino al superenalotto LOTTERIE --> da una sola a lotterie istantanee NUOVE FORME DI VINCITA sempre più vicine ai desideri della gente--> win for life ( ,00 per 30 anni) turista per sempre ( 6.000,00 per 20 anni)... TOTOCALCIO dalla schedina alla possibilità di scommettere su tutto( n. Goal, solo nel 1tempo, n. annonizioni, n. espulsioni..)

18 Inquadramento del fenomeno: L evoluzione del gioco in Italia Dal 90 in poi dal divieto di gioco alla promozione del gioco lecito IL GIOCO TI CERCA alla cassa del supermercato, dell'autogrill, anche proponendoti di giocare il resto IL GIOCO E SOTTO CASA lo trovi dal tuo tabaccaio, al bar IL GIOCO ENTRA IN CASA NOSTRA/gioco on line. Non devi neanche collegarti, mentre fai altro, ti compare il messaggio, il link e il bonus d'accesso CALO DI GRADIMENTO DI UN GIOCO? Aumento del payout (probabilità di vincita es. Binngo da 58 a 70%) e riduzione dell'aliquota fiscale

19 Inquadramento del fenomeno: L evoluzione del gioco in Italia Dal 90 in poi : Si è passati dal divieto di gioco (nel nostro sistema giuridico il gioco d azzardo è considerato illegale ma alcune modalità possono essere autorizzate dall Stato/AAMS) alla promozione del gioco lecito Si assiste ad una crescente diffusione del gioco d azzardo, ma senza meccanismi di monitoraggio e di valutazione dei danni sociali, diretti ed indiretti, connessi al Il gioco d azzardo è passato dall essere considerato da disvalore ad assumere fenomeno un valore sociale: contribuisce alle entrate dello stato (.per finanziare la ricostruzione dell abruzzo!), genera posti di lavoro

20 L evoluzione del gioco in Italia Cambia la funzione sociale del gioco d azzardo Prima degli anni 90 Fattore di socialità: si giocava con altri Legato ad una ritualità in coincidenza con alcune feste Per accedere ad alcuni giochi dovevi recarti ad un Casinò, regole e controllo Tempi lenti: una tombola un pomeriggio Lotto estrazione settimanale Anche nella riscossione Dagli anni 90 in poi Fattore di solitudine Consumo continuo ed incontrollato, scelta individuale Massima prossimità (luoghi reali e virtuali on line), bassissimo controllo Tempi veloci: bingo velocissimo Win for life: ogni 5 Riscossione immediata

21 L evoluzione del gioco in Italia Cambia il mercato dei giochi Fortissimo incremento in termini quantitativi e crescente diversificazione e polarizzazione dell offerta Distribuzione percentuale della raccolta per tipologia di gioco (valori percentuali) 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% , giochi a distanza apparecchi 56,1 bingo 57.4 giochi a base ippica giochi a base sportiva lotterie superenalotto lotto Fonte: rielaborazioni Osservatorio Dipendenze/ASL su dati AAMS

22 L evoluzione del gioco in Italia dagli anni 90 in poi cambia il mercato dei giochi Fortissimo incremento in termini quantitativi e crescente diversificazione e polarizzazione dell offerta 6,2 Distribuzione percentuale della raccolta per tipologia di gioco 2004 (valori percentuali) ,1 0,0 54,6 15,9% 7,6% 11,5% 4,6% 1,0% 2,0% 11,7 7,0 2,4 lotto giochi a base sportiva bingo giochi a distanza 57,4% lotterie giochi a base ippica apparecchi Fonte: rielaborazioni Osservatorio Dipendenze/ASL su dati AAMS

23 Una trasformazione non solo di tipo quantitativo (maggiori giochi a disposizione, maggiori luoghi ove giocare, minore o inesistente soglia d accesso) ma anche di tipo qualitativo per via dell immissionedi giochi con caratteristiche di maggiore additività. Cosìcome le sostanze anchei giochi sono molto diversi tra loro in relazione alla maggiore-minorepotenzialitànel produrre rischi di dipendenzaa tal punto che si può parlare (Ministero dell Interno della Gran Bretagna, Home Office,1996) di distinzione tra: Giochi hard (pesanti) Giochi soft (leggeri) Le differenze sono legate a questi aspetti: riduzione del tempo tra la giocata ed il pagamento della vincita; più è ridotto > frequenza delle possibilità di gioco: più aumenta > possibilità di ripetere la giocata (elemento che favorisce la cosiddetta rincorsa alla perdita che costituisce uno degli elementi di maggiore rischio) più aumenta > possibilità di continuare a giocare non creando situazioni di discontinuità nelle sequenze di gioco. più aumenta >

24 Entità del volume del gioco Raccolta giochi pubblici e scommesse sportive in miliardi serie storica La raccoltadai giochi pubblici e delle scommesse sportive in Italia è piùche triplicata negli ultimi 8 anni (da 24,8 miliardi di euro nel 2004a 85 miliardi di euro nel 2013). Terza industria italiana per fatturato Incremento 2004 vs % Fonte: rielaborazioni Osservatorio Dipendenze/ASL su dati AAMS

25 Nuove modalità di gioco d azzardo Le modalità di raccolta delle giocate: dauna strategia di SVILUPPO CAPILLARE DELLA RETE DIPUNTI VENDITApresenti sul territorio, allo SFRUTTAMENTO DELLE POTENZIALITÀ OFFERTE DA INTERNETe della possibilità, attraverso di esso, di relazionarsi direttamente con l utente finale minimizzando tempi e costi della distribuzionedei prodotti di gioco Nel 2013 la raccolta del gioco a distanza ha superato i 13 miliardi di euro(il 15,7% della raccolta complessiva, + 60% circa rispetto al 2012) Fonte: AMMS. 2,8 milioni hanno giocato almeno una volta on line dall autunno 2008 al Fonte: osservatori.netict&management Un mercato sempre più innovativo

26 Lo Stato ci guadagna davvero? 2013 entrate erariali dal settore giochi: 8,2 miliardi di euro (fonte:amms),pari al 9,7% della raccolta cifra che si avvicina al 2008 quando però il fatturato complessivo era la metà dell attuale (fonte MEF) Negli ultimi otto anni le entrate per l erario non hanno seguito il contestuale incremento esponenziale del giro d affari dei giochi d azzardo: nel 2004 un quarto della raccolta complessiva (24,9%) a fronte del 9,7% del Fonte: rielaborazioni Osservatorio Dipendenze/ASL su dati AAMS

27 I nuovi giochiintrodotti negli ultimi anni hanno una tassazione notevolmente inferiore ai precedenti(a vantaggio del pay-outper i giocatori e dell industria del gioco) 5% Fonte: dati M. Fiasco su dati MEF e AAMS Più i giochi sono nuovi e meno pagano all Erario

28 I nuovi giochiintrodotti negli ultimi anni hanno una tassazione notevolmente inferiore ai precedenti(a vantaggio del pay-outper i giocatori e dell industria del gioco) Versa % di più ma pesa poco 2013 AAMS raccolta erario %erario/raccolta distribuzion e % entrate erariali per gioco totale , ,00 9, ,0 Fonte: rielaborazioni Osservatorio Dipendenze/ASL su dati AAMS Più i giochi sono nuovi e meno pagano all Erario distribuzion e % raccolta per gioco lotto , ,00 19,1 14,8 7,5 superenalotto , ,00 46,6 7,8 1,6 lotterie , ,00 15,5 18,2 11,3 giochi a base sportiva , ,00 4,2 2,0 4,5 giochi a base ippica , ,00 4,8 0,5 1,0 bingo , ,00 11,0 2,2 2,0 apparecchi , ,00 9,1 53,3 56,4 giochi a distanza , ,00 0,8 1,2 15,7

29 Il gioco d azzardo ha rappresentato, nel 2013, la terza industria italiana per fatturato(quasi 85miliardi di ). Èil settore che negli ultimi anni ha avuto i tassi di crescita più alti, come se la crisi non lo avesse minimamente intaccato, anzi! Molti studi evidenziano come negli anni di incertezza, di stagnazione economica e di drastiche politiche di rientro del debito pubblico, si verifichi un boom del gioco d azzardo. con tutte le conseguenze in termini di ricaduta sui costi sociali e di ritorno negativo sull economia quello che è successo in Italia!

30 Secondo l ISTAT rapporto annuale 2013 i risparmi delle famiglie nel 2012, attestati al 8,2%, toccato i minimi storici A fronte di un evidente contrazione dei consumi familiari e del crollo dei risparmi delle famiglie negli ultimi anni, cresce la voglia di giocare nella speranza del colpo di fortuna.

31 Spesa in giochi d azzardo delle famiglie italiane secondo la loro posizione socio-economica. Dati ISTAT Indagine sui consumi delle famiglie italiane (anni 1999, 2003, 2008) e spesa mensile delle famiglie solo per Lotto, Totocalcio e Gratta & Vinci. Le famiglie con redditi più bassi tendono a spendere una percentuale del loro reddito più alta rispetto alle famiglie più ricche. La spesa in giochi si traduce a tutti gli effetti in una sorta di tassazione volontaria di tipo regressivo ulteriore fattore di disuguaglianza socio-economica. Le famiglie giocatrici più povere: 3% del loro reddito in questo tipo di giochi, vs 1% di quelle più ricche. Relazione tra il reddito famigliare equivalente (ISEE) e la percentuale del reddito speso nei suddetti giochi. Oltre ai problemi derivanti direttamente dal GAP, i giochi di azzardo agiscono come un tassa regressiva aggravando le condizioni economiche delle famiglie più povere. Almeno un giocatore

32 Quali sono i profili più vulnerabili? Gli uomini, i minori per età (l accesso ai giochi con vincite in denaro è a loro vietato!), le persone anziane, le persone con precedenti di dipendenza patologica, persone con un facile accesso al gioco d'azzardo, quali agenti commerciali o dipendenti di prestatori di servizi di gioco d'azzardo o appaltatori, persone con disturbi mentali o vulnerabilità sociale (indigenti, lavoratori precari, pensionati..o appartenenti a contesti familiari poco o per nulla supportivi) Il rapporto 2011 della Corte dei Conti ci dice che: «il consumo dei giochi interessa prevalentemente le fasce sociali più deboli» Secondo i dati Eurispes nel gioco investe di più chi ha un reddito inferiore: giocano il 47% degli indigenti, il 56% degli appartenenti al ceto medio-basso. rapporto del CODACONS per l amministrazione autonoma dei monopoli di Stato (AAMS) «Il gioco d azzardo Le ludopatie», 2010 si dice che Il 43% per cento dei casi problematici è rappresentato da operai, pensionati e disoccupati.

33 Persone più vulnerabili su cui concentrare l attenzione Persone giovani con presenza di disturbi comportamentali e temperamenti noveltyseeking (propensione al rischio) Persone con problemi mentali o con uso di sostanze o abuso alcolico. Persone giovani con distrurbi del controllo dell impulsività Persone che hanno false e distorte credenze sulla fortuna e la reale possibilitàdi vincita al gioco d azzardo Persone anziane con carenti attivitàricreative e socializzanti (antinoia) Persone con familiaritàdi Gioco d Azzardo Patologico Persone prevalentemente si sesso maschile (70%) rispetto a quelle di sesso femminile (30%) Persone separate e/o divorziate Fonte: DPA

34 Costi sociali Impatto del Gioco d azzardo

35 Il nostro Paese annaspa su molti fronti, ma su una cosa ha raggiunto traguardi inaspettati sul gioco d azzardo A che prezzo?

36 A che prezzo? Lo Stato incassa sempre meno in termini di tasse le entrate per lo Stato - in percentuale - scendono incessantemente: si è passati dal 29,4% del 2004 al 9,7% del 2013, sul totale del fatturato (AAMS) Lo Stato è costretto a spese sempre maggiori per far fronte ai costi sociali, in costante AUMENTO, legati al CRESCENTE NUMERO DI PERSOME CON GIOCO D AZZARDO PROBLEMATICO E PATOLOGICO e all INVASIVITÀ DELLE MAFIE 15 miliardi di euro è il fatturato stimato del gioco illegale per il Ben 49 clan gestiscono giochi di vario genere (CNAU) Su 10 casi di usura accertata 4,6 sono riconducibili al gioco d azzardo

37 Costi sanitari Costi sociali per l'impoveriemento delle famiglie Incremento dell'usura Spese maggiori per controlli amministrativi Evasione fiscale Inquadramento del fenomeno: L evoluzione del gioco d azzardo in Italia In sintesi.. QUALI GLI EFFETTI PERVERSI? Danni derivanti dal rafforzamento della criminalità Stima dei costi intorno ai 30MD CONTRO I 7,8MD di entrate per lo stato

38 La crescita del fenomeno del gioco d azzardo è sotto gli occhi di tutti, ma.. La dimensione del fenomeno del gioco d azzardo e del gioco d azzardo patologico in Italia è difficilmente stimabile in quanto, ad oggi, non esistono in Italia studi accreditati, esaustivi e validamente rappresentativi del fenomeno.

39 Stima della popolazione italiana interessata dal gioco d azzardo popolazione totale ( ISTAT al 01/01/ 12) 54% Giocatori d azzardo 18-74a (LY) n ,27-3,8%Giocatori d azzardo problematici(popolazione generale) n a % Giocatori d azzardo problematici fascia (indagine SPS2011) n ,5 2,2% Giocatori d azzardo patologici(popolazione generale) n Da 5 30%nella popolazionecon problemi di dipendenza da sostanze Fonte: Dipartimento Politiche Antidroga

40 Stima della popolazione, residente in Italia, in provincia di Bergamo interessata dal gioco d azzardo (applicazione degli stessi indici utilizzati dal DPA) Stima Giocatori d'azzardo popolazion e anni * Popolazione residente al 1/1/ fonte dati ISTAT 54% Stima Giocatori d'azzardo problematici (popolazione generale) Min 1,27% Max 3,8% Giocatori problematic i popolazione %) (indagine SPSS) STIMA GIOCATORI PATOLOGICI (popolazione generale) stima minima 0,5% (Ministe ro della Salute2 012) stima massima 2,2% (Ministero della Salute2012) Provincia di Bergamo Fonte: Osservatorio Dipendenze ASL di Bergamo rielaborazioni su indici di stima del Dipartimento Politiche Antidroga

41 I giocatori d azzardo in trattamento presso i SerT e SMI dell ASL della provincia di Bergamo: trend I dati dell Osservatorio delle Dipendenze

42 I giocatori d azzardo patologici in trattamento presso SerT e SMI della provincia di Bergamo: trend ! Stima minima giocatori patologici in provincia di Bergamo n (0,5% popolazione generale) in cura n. 270, lo 0,02 vs 0,5% dei potenziali gamblers Fonte:Osservatorio delle Dipendenze/ASL di Bergamo Sul totale soggetti presenti nei gruppi GA 77 non sono in carico a SerT e SMI (si aggiungono così ai 270) SerT SMI Totale Tutti i soggetti afferti al Progetto Scommettiamo che Smetti DGR 3239/2012 sono stati valutati o in carico ai SerT o allo SMI

43 I giocatori d azzardo patologici in trattamento presso SerT e SMI della provincia di Bergamo: Caratteristiche n. % TIPO DI CONTATTO Nuovi utenti ,3 (RL 54,0) Utenti già assistiti in precedenza 91 33,7 Totale ,0 GENERE Utenti Maschi ,8 (RL 80,4) Utenti Femmine 60 22,2 (RL 19,6) Totale ,0 Rapporto M/F 3,5* Fonte:Osservatorio delle Dipendenze/ASL di Bergamo ETÀ MEDIA SerT SMI Nuovi utenti 47,7 44,9 Utenti già assistiti in precedenza 46,9 49,7 Totale * TD rapporto M/F pari a 5,3 AD rapporto M/F pari a 4,0

44 I giocatori d azzardo in trattamento suddivisi per Ambito territoriale di residenza - anno 2013 Fuori Regione 1 Fuori Provincia Romano di Lombardia Treviglio Isola Bergamasca Valle Imagna e Villa d'almè Valle Brembana Valle Seriana Sup. e valle di Scalve Valle Seriana Alto Sebino Monte Bronzone - Basso Sebino Valle Cavallina Grumello Seriate Dalmine Bergamo 25 Osservatorio delle Dipendenze/ASL di Bergamo

45 ANALISI SULL UTENZA Distribuzione numero utenti GAP per ASL anno ,2% dell utenza Lombarda i secondi per numerosità dopo l ASLdi Milano Fonte: Regione Lombardia/TTRO dati provvisori

46 L accesso ai Servizi in Italia risulta ancora limitato rispetto alla potenziale area di utenza con problemi di Gioco d Azzardo Patologico (tra lo 0,5% e il 2,2% della popolazione generale ) Possibili motivazioni: 1. La dipendenza da gioco risulta tuttora caratterizzata da uno stigma diffuso in modo trasversale, strettamente correlato alla mancanza di informazioni corrette sul problema: chi perde il controllo nel gioco d azzardo è in genere giudicato, e spesso si giudica egli stesso, sulla base di criteri moralistici, come una persona irresponsabile, incapace, inetta. Sentimenti di colpa e di vergogna trattengono spesso dal comunicare le proprie difficoltà ai familiari, agli amici, al medico di famiglia nel chiedere aiuto

47 L accesso ai Servizi in Italia risulta ancora limitato rispetto alla potenziale area di utenza con problemi di Gioco d Azzardo Patologico (tra lo 0,5% e il 2,2% della popolazione generale ) 2. Scarsa percezione dei rischi del gioco d azzardo in un contesto sociale caratterizzato da messaggi ambivalenti e da una massiccia promozione pubblicitaria. 3. Il trattamento non era gratuito come per la tossico o alcoldipendenza (Regione Lombardia per i residenti ha previsto voucher di cura)

48 L accesso ai Servizi in Italia risulta ancora limitato rispetto alla potenziale area di utenza con problemi di Gioco d Azzardo Patologico (tra lo 0,5% e il 2,2% della popolazione generale ) 4. Si tratta di una domanda che ancora difficilmente emerge in modo spontaneo, e che spesso rischia di non essere individuata se non c è un attenzione specifica e una sensibilizzazione al tema. 5. Difficoltà da parte dei soggetti della rete sanitaria, socio-sanitaria e socio-assistenziale nel riuscire a cogliere la presenza di questo problema Informazione, sensibilizzazione, supporto

49 NORMATIVA IN AMBITO SANITARIO E SOCIO- SANITARIO (livello nazionale) Legge di conversione del DL. 13 settembre 2012, n. 158 Decreto Balduzzi (L , n. 189 recante: Disposizioni urgenti per promuovere lo sviluppo del Paese mediante un piùalto livello di tutela della salute ) ha previsto all art. 5, c. 2, l aggiornamento dei livelli essenziali di assistenza/lea con riferimento alle prestazioni di prevenzione, cura e riabilitazione rivolte alle persone affette da Gioco d azzardo patologico(imprecisamente definita ludopatia

50 L'aggiornamento dei LEA con l'inserimento del gioco d'azzardo patologico non è stato ancora effettuato. Mancano: NORMATIVA IN AMBITO SANITARIO E SOCIO- SANITARIO (livello nazionale) -> Dpcm, su proposta del ministero della Salute di concerto con l'economia e d'intesa con la Conferenza Stato-Regioni. Testo unificato Disposizioni per la prevenzione, la cura e la riabilitazione della dipendenza da gioco d'azzardo patologico. C. 101 Binetti, C. 102 Binetti, C. 267 Fucci, C. 433 Mongiello, C Baroni, C Iori, C Formisano e C Giorgia Meloni. -> Definizione di criteri e conseguenti prestazioni da inserire nei LEA (Proposta del DPA al Ministero della Salute)

51 NORMATIVA IN AMBITO SANITARIO E SOCIO-SANITARIO (livello regionale) DGR 3239/2012sostegno, all interno dell area Nuove forme di abuso di sperimentazioni rivolte all accoglienza e trattamento del GAP (vd Progetto Scommettiamo che smetti) Legge regionale 8del 21 ottobre 2013 norme per la prevenzione e il trattamento del gioco d azzardo patologico DGR 856/2013 Misura 5 prevede due specifiche azioni sul GAP Prevenzione e Accoglienza e trattamento -

52 Legge regionale 8 del 21 ottobre 2013 norme per la prevenzione e il trattamento del gioco d azzardo patologico numero verde per consulenza e richieste d aiuto formazione obbligatoria per i gestori di slot e per la Polizia locale, marchio regionale no slot, presenza nei locali che ospitano slot di materiale informativosui rischi della dipendenza da gioco, possibilitàdi concedere agevolazioni fiscali ai fini IRAP, introduzione di un contributo etico obbligatorio per i gestoridi apparecchiature legate al gioco d azzardo, divieto di pubblicizzare il gioco d azzardo sui mezzi di trasporto pubblico, norme rigide per l accesso ai locali dove siano presenti più di tre slot distanza minima 500 metrildailuoghi sensibili(scuole, oratori, centri sportivi, strutture socio-sanitarie, etc ), Ampliamento dei poteri di intervento dei Comunisulla collocazione dei luoghi dove sono presenti slot e concessione ai sindaci della possibilitàdi prevedere forme premiantiper disincentivare il proliferare delle apparecchiature, definizione di linee di intervento da parte delle ASL e di attivitàdi formazione e prevenzione nelle scuole.

53 Misura 5 DGR 856/2013 AZIONE 1: Sensibilizzazione ed informazione della popolazione. AZIONE 2: Accoglienza presa in carico e cura dei soggetti affetti da gioco d azzardo patologico.

54 Azione 1 Sensibilizzazione ed informazione della popolazione L ASL di Bergamo promuove azioni nell aree seguenti aree conoscenza del fenomeno sensibilizzazione e prevenzione del gioco d azzardo patologico controlli igienico sanitari delle strutture in cui sono installate apparecchiature per il gioco d azzardo lecito. Piano complessivo di intervento sul Gioco d Azzardo Patologico TAVOLO INTERISTITUZIONALE

55 AZIONE 2 Accoglienza presa in carico e cura dei soggetti affetti da gioco d azzardo patologico. Da prestazioni a pagamento a GRATUITA Valutazione (anche di idoneità per l accesso alla misura) definizione piano individualizzato di trattamento e voucher di cura (DGR 856/2013) ASL Dipartimento Dipendenze SerT (entro 15 gg lavorativi) prestazioni gratuite prestazioni Trattamento (attuazione del piano individualizzato di trattamento/pai) SerT o SMI coperte da VOUCHER 200,00/mese 1200,00/semestre massimo

56 AZIONE 2 Accoglienza presa in carico e cura dei soggetti affetti da gioco d azzardo patologico (dal 1 febbraio al 22 settembre 2014) 107 soggetti hanno avuto accesso ai voucher (di cui 23 in una seconda tranche) 21 sono le valutazioni ancora in corso Voucher mensili erogati n. 663 e fruiti 538 SOLO RESIDENTI IN PROVINCIA

57 Dipartimento Dipendenze Bergamo 22 settembre 2014 Grazie per la pazienza e l attenzione E.Beato Responsabile Osservatorio delle Dipendenze ASL di Bergamo

Il gioco d'azzardo : il fenomeno, i costi e le azioni di cura

Il gioco d'azzardo : il fenomeno, i costi e le azioni di cura Dipartimento Dipendenze Treviglio 7 gennaio 2015 Il gioco d'azzardo : il fenomeno, i costi e le azioni di cura E. Beato Responsabile Osservatorio delle Dipendenze ASL di Bergamo Il gioco d'azzardo Definizioni

Dettagli

Una malattia emergente: il gioco d'azzardo patologico

Una malattia emergente: il gioco d'azzardo patologico Bergamo 15 febbraio 2014 Una malattia emergente: il gioco d'azzardo patologico E.Beato Responsabile Osservatorio delle Dipendenze ASL di Bergamo Il gioco d'azzardo Definizioni : di cosa stiamo parlando

Dettagli

Alcuni dati sul fenomeno del Gioco d Azzardo in Italia e in provincia di Bergamo

Alcuni dati sul fenomeno del Gioco d Azzardo in Italia e in provincia di Bergamo DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE Direttore dott. Marco Riglietta via Borgo Palazzo, 130-24125 Bergamo Italy Tel +390352270382 - Fax +390352270393 www.asl.bergamo.it/dipartimentodipendenze (PEC): protocollo@pec.asl.bergamo.it

Dettagli

Alcuni dati sul fenomeno del Gioco d Azzardo in Italia e in provincia di Bergamo

Alcuni dati sul fenomeno del Gioco d Azzardo in Italia e in provincia di Bergamo DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE Direttore dott. Marco Riglietta via Borgo Palazzo, 130-24125 Bergamo Italy Tel +390352270382 - Fax +390352270393 www.asl.bergamo.it/dipartimentodipendenze (PEC): protocollo@pec.asl.bergamo.it

Dettagli

Proposta di legge Norme per la prevenzione, il contrasto e il trattamento della dipendenza dal gioco

Proposta di legge Norme per la prevenzione, il contrasto e il trattamento della dipendenza dal gioco Proposta di legge Norme per la prevenzione, il contrasto e il trattamento della dipendenza dal gioco d azzardo patologico, nonché delle problematiche e delle patologie correlate Il progetto di legge regionale

Dettagli

Il costi sociali del gioco d azzardo

Il costi sociali del gioco d azzardo Il costi sociali del gioco d azzardo Roma, 4 dicembre 212 Matteo Iori CONAGGA «Coordinamento Nazionale Gruppi per Giocatori d Azzardo» Italia fra i primi paesi al mondo per spesa procapite Nel 211 il mercato

Dettagli

Analisi del contesto sociale di sviluppo. i servizi contro le dipendenze

Analisi del contesto sociale di sviluppo. i servizi contro le dipendenze Analisi del contesto sociale di sviluppo delle ludopatie e i servizi contro le dipendenze Quanto si gioca in Italia? (tempo e denaro) Rispetto al dato del 2004, nel 2012 la raccolta totale derivante dal

Dettagli

DIPARTIMENTO DIPENDENZE

DIPARTIMENTO DIPENDENZE DIPARTIMENTO DIPENDENZE PIANO DI INTERVENTO TERRITORIALE SUL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO 2014 (Misura 1- DGR n.856/2013 Sensibilizzazione e informazione della popolazione) PREMESSA Il presente Piano recepisce

Dettagli

Dr. Alessandra Alberti Ser.T. zona Valtiberina Dip.to Dipendenze A.USL 8

Dr. Alessandra Alberti Ser.T. zona Valtiberina Dip.to Dipendenze A.USL 8 Dr. Alessandra Alberti Ser.T. zona Valtiberina Dip.to Dipendenze A.USL 8 Normalmente azzardo perché il gioco d azzardo è anch esso una forma di gioco normale, ma anche perché possiamo dire che in qualche

Dettagli

Il gioco: dalla normalità alla patologia

Il gioco: dalla normalità alla patologia Il gioco: dalla normalità alla patologia 1 Zingarelli 2009 GIOCO Ogni attività compiuta da bambini o adulti per svago, divertimento o sviluppo di qualità fisiche o intellettuali All'estrazione del Lotto

Dettagli

RISULTATI DELLA RICERCA

RISULTATI DELLA RICERCA RISULTATI DELLA RICERCA 2011 Ricerca nazionale sul gioco d'azzardo 2011- Ricerca nazionale sulle abitudini di gioco degli italiani - curata dall Associazione Centro Sociale Papa Giovanni XXIII, e coordinata

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE

DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE Direttore dott. Marco Riglietta via Borgo Palazzo, 130-24125 Bergamo Italy Tel +390352270382 - Fax +390352270393 www.asl.bergamo.it/dipartimentodipendenze (PEC): protocollo@pec.asl.bergamo.it

Dettagli

Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico

Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico Ludopatia Per ludopatia (o gioco d azzardo patologico)

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE

DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE Direttore dott. Marco Riglietta via Borgo Palazzo, 130-24125 Bergamo Italy Tel +390352270382 - Fax +390352270393 www.asl.bergamo.it/dipartimentodipendenze (PEC): protocollo@pec.asl.bergamo.it

Dettagli

Epidemiologia del gioco d azzardo in Campania ed indirizzi regionali. Dott. Biagio Zanfardino (Funzionario regionale) 24 gennaio 2015

Epidemiologia del gioco d azzardo in Campania ed indirizzi regionali. Dott. Biagio Zanfardino (Funzionario regionale) 24 gennaio 2015 Formazione sul GAP ed indirizzi regionali Dott. Biagio Zanfardino (Funzionario regionale) 24 gennaio 2015 Direzione Generale per la Tutela della Salute U.O.D. «Interventi sociosanitari» 1 NORMATIVA STATALE

Dettagli

Il gioco d azzardo. Aspetti generali e situazione in Trentino

Il gioco d azzardo. Aspetti generali e situazione in Trentino Il gioco d azzardo Aspetti generali e situazione in Trentino A cura dell Osservatorio per la salute Dipartimento politiche sanitarie Provincia autonoma di Trento Trento, 29 dicembre 2012 Il gioco d azzardo

Dettagli

L UTENZA DEI SERVIZI AMBULATORIALI PER LE DIPENDENZE. Dati per Ambito Territoriali

L UTENZA DEI SERVIZI AMBULATORIALI PER LE DIPENDENZE. Dati per Ambito Territoriali 2 DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE L UTENZA DEI SERVIZI AMBULATORIALI PER LE DIPENDENZE Dati per Ambito Territoriali Anno 2014 N. 05/2015 1 Indice Premessa 4 PARTE 1 - ANALISI DELL UTENZA COMPLESSIVA 1 L

Dettagli

Quando giocare diventa un problema: alcune riflessioni per capire il fenomeno e condividere strategie di intervento

Quando giocare diventa un problema: alcune riflessioni per capire il fenomeno e condividere strategie di intervento QUANDO IL GIOCO SI FA DURO. Quando giocare diventa un problema: alcune riflessioni per capire il fenomeno e condividere strategie di intervento San Pellegrino Terme 16 ottobre 2013 GIOCO D AZZARDO: DEFINIRE

Dettagli

MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno. trattazione in Aula trattazione in Commissione

MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno. trattazione in Aula trattazione in Commissione BOZZA Versione Al Presidente del Consiglio regionale del Piemonte MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno trattazione in Aula trattazione in

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO NONA LEGISLATURA PROGETTO DI LEGGE N. PROPOSTA DI LEGGE d'iniziativa dei Consiglieri Pipitone, Marotta DISPOSIZIONI PER LA PREVENZIONE, LA RIDUZIONE DEL RISCHIO ED IL CONTRASTO

Dettagli

Delibera Numero 36 del 31/03/2016

Delibera Numero 36 del 31/03/2016 COMUNE DI FIORANO MODENESE Provincia di Modena Delibera Numero 36 del 31/03/2016 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto : ISTITUZIONE DEL TAVOLO TECNICO PER LA PROGETTAZIONE DI AZIONI PER

Dettagli

Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 1. gioco d azzardo, da divertimento a dipendenza

Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 1. gioco d azzardo, da divertimento a dipendenza Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 1 gioco d azzardo, da divertimento a dipendenza Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 2 2 con il gioco? Ecco un breve questionario per valutare la

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO

EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO Fabio Voller Alice Berti Settore Sociale Osservatorio di Epidemiologia Presentazione del volume GAP - Il gioco d azzardo patologico Orientamenti per la prevenzione e la

Dettagli

Presentazione del Report In Breve n. 11/2012 alla IV Commissione consiliare 16 maggio 2013

Presentazione del Report In Breve n. 11/2012 alla IV Commissione consiliare 16 maggio 2013 Gioco d azzardo d e dipendenzad Presentazione del Report In Breve n. 11/2012 alla IV Commissione consiliare Lo scopo di una Informativa Breve La collana In Breve fornisce ai Consiglieri regionali informazioni

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE ALLE CAMERE

PROPOSTA DI LEGGE ALLE CAMERE PROPOSTA DI LEGGE ALLE CAMERE AI SENSI DELL ARTICOLO 121 DELLA COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA E DELLA LETTERA N), COMMA 4), ART. 26 DELLO STATUTO DELLA REGIONE CAMPANIA concernente DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNE di BITONTO CITTA METROPOLITANA DI BARI

COMUNE di BITONTO CITTA METROPOLITANA DI BARI COMUNE di BITONTO CITTA METROPOLITANA DI BARI 15 - SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE ORDINANZA N. 362 del 26/11/2015 OGGETTO: Disciplina comunale degli orari di esercizio delle sale giochi autorizzate ai sensi

Dettagli

Anche gli anziani. L azzardoinsidia glianziani Giocano7sudieci 16,4% il caso MARIA TERESA MARTINENGO. Slot e videopoker minacciano le pensioni

Anche gli anziani. L azzardoinsidia glianziani Giocano7sudieci 16,4% il caso MARIA TERESA MARTINENGO. Slot e videopoker minacciano le pensioni il caso MARIA TERESA MARTINENGO Anche gli anziani sono a rischio di dipendenza dal gioco d azzardo. E non importa se la pensione è modesta, anzi. La speranza di potersi permettere un «piccolo lusso», la

Dettagli

Gioco d azzardo pdl 283 d iniziativa di Claudio Sinigaglia e altri

Gioco d azzardo pdl 283 d iniziativa di Claudio Sinigaglia e altri d iniziativa di Claudio Sinigaglia e altri Piano socio sanitario 2012/16 Rappresentano obiettivi di salute prioritari nell arco di vigenza del presente PSSR: a) nell area della prevenzione e promozione

Dettagli

Piano Attività di prevenzione e contrasto del gioco d'azzardo patologico.

Piano Attività di prevenzione e contrasto del gioco d'azzardo patologico. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 15 28 gennaio 2015 Oggetto : Piano Attività di prevenzione e contrasto del gioco d'azzardo patologico. Il giorno 28

Dettagli

MOZIONE ex Art. 109 Misure di prevenzione del gioco d azzardo patologico L ASSEMBLEA CAPITOLINA. Premesso che

MOZIONE ex Art. 109 Misure di prevenzione del gioco d azzardo patologico L ASSEMBLEA CAPITOLINA. Premesso che MOZIONE ex Art. 109 Misure di prevenzione del gioco d azzardo patologico L ASSEMBLEA CAPITOLINA Premesso che - dalla Legge n. 220 del 13 dicembre 2010, emerge la necessità che il Ministero dell Economia

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 574 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BASSO, SPERANZA, MARIASTELLA BIANCHI, BONAFÈ, BORGHI, BRAGA, CARBONE, CAROCCI, CARRESCIA,

Dettagli

GIOCO D'AZZARDO concetti numeri casi {04/10/2013} CentroStudi

GIOCO D'AZZARDO concetti numeri casi {04/10/2013} CentroStudi GIOCO D'AZZARDO concetti numeri casi {04/10/2013} CentroStudi UN'INDUSTRIA CHE NON CONOSCE CRISI? I DATI DI AAMS RACCOLTA GIOCHI GENNAIO OTTOBRE 2012 70 262 MILIONI DI EURO 38 404 MILIONI DI EURO (APPARECCHI)

Dettagli

LEGGE REGIONALE 21 OTTOBRE 2013 - N. 8 NORME PER LA PREVENZIONE E IL TRATTAMENTO DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO

LEGGE REGIONALE 21 OTTOBRE 2013 - N. 8 NORME PER LA PREVENZIONE E IL TRATTAMENTO DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO Gruppo Consiliare LEGGE REGIONALE 21 OTTOBRE 2013 - N. 8 NORME PER LA PREVENZIONE E IL TRATTAMENTO DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO INDICE Le finalità della Legge... pag. 4 Le squadra... pag. 5 I destinatari...

Dettagli

Proposte per una legge di regolamentazione del gioco d azzardo

Proposte per una legge di regolamentazione del gioco d azzardo Proposte per una legge di regolamentazione del gioco d azzardo 1. Definizione di gioco d azzardo La presente legge ha per oggetto interventi normativi in materia di gioco d'azzardo e della patologia che

Dettagli

Elsa Marcaccini. Psicologa psicoterapeuta. Dipartimento di Patologia delle Dipendenze «C. Olievenstein» ASL TO 2

Elsa Marcaccini. Psicologa psicoterapeuta. Dipartimento di Patologia delle Dipendenze «C. Olievenstein» ASL TO 2 Elsa Marcaccini Psicologa psicoterapeuta Dipartimento di Patologia delle Dipendenze «C. Olievenstein» ASL TO 2 Intervento presentato al Convegno «A che gioco giochiamo», organizzato dal Forum del Volontariato,

Dettagli

gioco d azzardo in Italia è un problema serio che va affrontato e risolto; esso

gioco d azzardo in Italia è un problema serio che va affrontato e risolto; esso IL GIOCO D AZZARDO Il gioco d azzardo in Italia è un problema serio che va affrontato e risolto; esso cresce giorno per giorno, portando molte persone a bruciarsi il proprio stipendio in 10 minuti, guadagnato

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 28.02.2013 SUL GIOCO D AZZARDO

COMUNICATO STAMPA DEL 28.02.2013 SUL GIOCO D AZZARDO COMUNICATO STAMPA DEL 28.02.2013 SUL GIOCO D AZZARDO Invito alla Conferenza Stampa per il giorno venerdì 01 marzo 2013, alle ore 12, presso la sala giunta, al primo piano di Villa Rana, in via Roma 6 a

Dettagli

CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO XIV LEGISLATURA - ANNO 2011. Disposizioni in materia di gioco d azzardo

CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO XIV LEGISLATURA - ANNO 2011. Disposizioni in materia di gioco d azzardo CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO XIV LEGISLATURA - ANNO 2011 DISEGNO DI LEGGE, n. Disposizioni in materia di gioco d azzardo D'iniziativa dei consiglieri Mattia Civico, Margherita Cogo, Sara

Dettagli

«Il fenomeno del gambling e le buone prassi» 15 ottobre 2013 ANCONA. Costante aumento di giochi su proposte politiche

«Il fenomeno del gambling e le buone prassi» 15 ottobre 2013 ANCONA. Costante aumento di giochi su proposte politiche «Il fenomeno del gambling e le buone prassi» 15 ottobre 2013 ANCONA di Matteo Iori Associazione Onlus «Centro Sociale Papa Giovanni XXIII» Presidente dell Associazione Onlus Centro Sociale Papa Giovanni

Dettagli

La classe 1 A Liceo Musicale Grosseto polo L. Bianciardi presenta

La classe 1 A Liceo Musicale Grosseto polo L. Bianciardi presenta La classe 1 A Liceo Musicale Grosseto polo L. Bianciardi presenta Il business del gioco in Italia è enorme e in rapida crescita: nel 2001 la raccolta annua era pari a 14 miliardi di euro. Oggi ammonta

Dettagli

6 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 6 - Venerdì 07 febbraio 2014

6 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 6 - Venerdì 07 febbraio 2014 6 Bollettino Ufficiale D.g.r. 30 gennaio 2014 - n. X/1314 Approvazione del Programma 2014 per il contrasto, la prevenzione e la riduzione del rischio della dipendenza dal gioco patologico LA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

Comune di Bologna Segreteria Generale

Comune di Bologna Segreteria Generale N. O.d.G. 377/2013 Adottato il: 11/11/2013 PG.N. 173946/2013 Comune di Bologna Segreteria Generale OGGETTO: ORDINE DEL GIORNO PROPOSTO DAL SINDACO E DALLA GIUNTA PER L'ADESIONE AL MANIFESTO DEI SINDACI

Dettagli

COMUNE DI ARGELATO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI ARGELATO PROVINCIA DI BOLOGNA COMUNE DI ARGELATO PROVINCIA DI BOLOGNA ORDINANZA DEL SINDACO ORDINANZA SINDACO / 11 Del 14/10/2015 OGGETTO: DISCIPLINA DEGLI ORARI PER L'ESERCIZIO DELLE ATTIVITA' DI GIOCO LECITO SUL TERRITORIO COMUNALE.

Dettagli

Il gioco d azzardo e FISCALITA

Il gioco d azzardo e FISCALITA Il gioco d azzardo e FISCALITA 11 aprile 2013 di Matteo Iori CoNaGGA e Associazione Onlus «Centro Sociale Papa Giovanni XXIII» 90 80 70 60 50 40 30 20 10 0 14,3 Fatturato dei giochi d azzardo negli ultimi

Dettagli

I LUOGHI DEL GIOCO, LE CARATTERSITICHE DEI GIOCHI (Art. 18, 19, 20)

I LUOGHI DEL GIOCO, LE CARATTERSITICHE DEI GIOCHI (Art. 18, 19, 20) TUTELA DELLA SALUTE DEGLI INDIVIDUI Le persone più fragili vanno protette, ai minorenni deve essere impedito davvero di giocare, la pubblicità deve essere fortemente regolata (art. 4,5,6) I giocatori patologici

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALL ABUSO DI ALCOOL

PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALL ABUSO DI ALCOOL PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALL ABUSO DI ALCOOL Tra Risorsa Sociale Gera d Adda in rappresentanza dei 18 Comuni dell Ambito di Treviglio ASL della provincia di

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO

ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 17

Dettagli

PROGETTO DI LEGGE N. 0161. di iniziativa dei consiglieri regionali: Alfieri, Azzi, Girelli, Borghetti, Barboni, Puricelli

PROGETTO DI LEGGE N. 0161. di iniziativa dei consiglieri regionali: Alfieri, Azzi, Girelli, Borghetti, Barboni, Puricelli REGIONE LOMBARDIA IX LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 8228 PROGETTO DI LEGGE N. 0161 di iniziativa dei consiglieri regionali: Alfieri, Azzi, Girelli, Borghetti, Barboni, Puricelli Norme per la prevenzione,

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALLA LUDOPATIA

PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALLA LUDOPATIA PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALLA LUDOPATIA Tra Risorsa Sociale Gera d Adda in rappresentanza dei 18 Comuni dell Ambito di Treviglio ASL della provincia di Bergamo

Dettagli

ADOLESCENTI E GIOCO D AZZARDO

ADOLESCENTI E GIOCO D AZZARDO ADOLESCENTI E GIOCO D AZZARDO Un fenomeno in crescita: qualche dato Il rapporto Eurispes 2007 conferma le preoccupazioni sulla diffusione delle conseguenze del gioco sui giovani e riporta dati allarmanti

Dettagli

proposta di legge n. 348

proposta di legge n. 348 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 348 a iniziativa del Consigliere Sciapichetti presentata in data 11 luglio 2013 DISCIPLINA DELLE SALE DA GIOCO, LOTTA ALLE SCOMMESSE E AL GIOCO

Dettagli

Proposta di legge. gennaio 2012

Proposta di legge. gennaio 2012 Proposta di legge Norme per la prevenzione, il contrasto e il trattamento della dipendenza dal gioco d azzardo patologico, nonché delle problematiche e delle patologie correlate. di iniziativa dei consiglieri:

Dettagli

L azzardo non èun gioco

L azzardo non èun gioco L azzardo non èun gioco Gioco d azzardo legale e rischio dipendenza tra le persone over 65 incontrate da Auser Torino, Fabbrica delle e 3 marzo 2014 1 Gioco d azzardo -il giocatore punta qualcosa, -la

Dettagli

08/08/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 64. Regione Lazio. Leggi Regionali

08/08/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 64. Regione Lazio. Leggi Regionali Regione Lazio Leggi Regionali Legge Regionale 5 agosto 2013, n. 5 Disposizioni per la prevenzione e il trattamento del gioco d'azzardo patologico (GAP). IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE

Dettagli

Alcuni dati sull attività svolta dal. Dipartimento delle Dipendenze. nell Ambito Territoriale dell Alto Sebino. Anno 2013

Alcuni dati sull attività svolta dal. Dipartimento delle Dipendenze. nell Ambito Territoriale dell Alto Sebino. Anno 2013 DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE Alcuni dati sull attività svolta dal Dipartimento delle Dipendenze nell Ambito Territoriale dell Alto Sebino Anno 2013 Anno 2014 Alcuni dati sull attività svolta dal Dipartimento

Dettagli

PARTE LA RIVOLUZIONE SANITÀ LE NOVITÀ PER MEDICI, ASL E FAMIGLIE

PARTE LA RIVOLUZIONE SANITÀ LE NOVITÀ PER MEDICI, ASL E FAMIGLIE PARTE LA RIVOLUZIONE SANITÀ LE NOVITÀ PER MEDICI, ASL E FAMIGLIE 06 Scommesse e fumo 06 SCOMMESSE E FUMO Dipendenza da gioco, cure garantite per legge di Matteo Iori Con la legge sulla Sanità il Governo

Dettagli

Lotta al dilagante fenomeno sociale della Ludopatia

Lotta al dilagante fenomeno sociale della Ludopatia Città di Cologno Monzese ORDINE DEL GIORNO APPROVATO NELLA SEDUTA CONSILIARE DEL 30 MARZO Lotta al dilagante fenomeno sociale della Ludopatia IL CONSIGLIO COMUNALE DI COLOGNO MONZESE PREMESSO CHE da oltre

Dettagli

9 marzo 2016. Tassazione giochi

9 marzo 2016. Tassazione giochi Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori Nota a cura di Paola Serra Tassazione giochi 9 marzo 2016 Introduzione La tassazione dei giochi ha subito profondi cambiamenti nel tempo, rispondendo alle mutate

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA Provincia di Bologna

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA Provincia di Bologna COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA Provincia di Bologna ORDINANZA DEL SINDACO ORDINANZA N. 9 Del 29/01/2016 OGGETTO: DISCIPLINA DEGLI ORARI DI FUNZIONAMENTO DEGLI APPARECCHI E CONGEGNI AUTOMATICI CON VINCITA

Dettagli

www.claudiomarcassoli.it Dott. Claudio Marcassoli Psichiatra e Criminologo

www.claudiomarcassoli.it Dott. Claudio Marcassoli Psichiatra e Criminologo www.claudiomarcassoli.it Dott. Claudio Marcassoli Psichiatra e Criminologo 2010 61 MILIARDI DI EURO in ITALIA Di cui 14,382 miliardi in LOMBARDIA SPESI IN PROVINCIA DI SONDRIO 192 MILIONI DI EURO OGNI

Dettagli

E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO

E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO Elisa Casini 1, Fiorenzo Ranieri 2 Campione e metodi Il campione di ricerca è costituito da 384 soggetti di età compresa tra i 16 e i 20 anni

Dettagli

Il CONSIGLIO COMUNALE. Sentita la relazione del Sindaco, illustrativa della seguente proposta di deliberazione :

Il CONSIGLIO COMUNALE. Sentita la relazione del Sindaco, illustrativa della seguente proposta di deliberazione : OGGETTO :Articolo 50, comma 7,Decreto legislativo n.267 del 2000. Indirizzi per la disciplina degli orari per l esercizio delle attività di gioco lecito sul territorio comunale Il CONSIGLIO COMUNALE Sentita

Dettagli

A che gioco giochiamo? di Alessandra Campitelli Psicologa, counselor Associazione Ama Frentania Onlus

A che gioco giochiamo? di Alessandra Campitelli Psicologa, counselor Associazione Ama Frentania Onlus A che gioco giochiamo? di Alessandra Campitelli Psicologa, counselor Associazione Ama Frentania Onlus I messaggi che ci arrivano Che cos è il gambling patologico È una dipendenza comportamentale ( dipendenza

Dettagli

La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani. Simone Feder

La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani. Simone Feder La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani Simone Feder 2004: Fabio Fabio, un ragazzo di 15 anni chiedeva un consiglio per aiutare suo padre, caduto da alcuni mesi in una rete sconosciuta che catturava

Dettagli

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 169 del 20/12/2013

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 169 del 20/12/2013 Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 169 del 20/12/2013 LEGGE REGIONALE 13 dicembre 2013, n. 43 Contrasto alla diffusione del gioco d azzardo patologico (GAP). IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO

Dettagli

Il gioco online in Italia. Carlo Gualandri Presidente e Amministratore Delegato Gioco Digitale e bwin Italia

Il gioco online in Italia. Carlo Gualandri Presidente e Amministratore Delegato Gioco Digitale e bwin Italia Il gioco online in Italia Carlo Gualandri Presidente e Amministratore Delegato Gioco Digitale e bwin Italia Titolo, Le nuove Capri frontiere 8-9 ottobre del mercato consumer, Capri 8 ottobre 2009 Il gioco

Dettagli

Estratto del Progetto G A P

Estratto del Progetto G A P Estratto del Progetto G A P Progetto nazionale per l attivazione di strategie e per lo studio e la preparazione di linee di indirizzo tecnico-scientifiche, coordinate e finalizzate alla prevenzione, alla

Dettagli

COMUNE DI RUBIERA (Provincia di Reggio Emilia) C O P I A

COMUNE DI RUBIERA (Provincia di Reggio Emilia) C O P I A (Provincia di Reggio Emilia) C O P I A DELIBERAZIONE DELLA N. 67 DEL 26/05/2015. OGGETTO: PIANO REGIONALE PER IL CONTRASTO, LA PREVENZIONE, LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DI DIPENDENZA DAL GIOCO PATOLOGICO 2014-2016.

Dettagli

Dott. Marcello Mazzo Direttore SOC Tossicodipendenze Azienda U.L.S.S. 18 Rovigo

Dott. Marcello Mazzo Direttore SOC Tossicodipendenze Azienda U.L.S.S. 18 Rovigo Dott. Marcello Mazzo Direttore SOC Tossicodipendenze Azienda U.L.S.S. 18 Rovigo Piano di Zona 2011/2015- Area Dipendenze Priorità Politica Azione Difficoltà delle persone con problematiche di gioco d azzardo

Dettagli

Il gioco epidemiologia e tipologie del giocatore patologico

Il gioco epidemiologia e tipologie del giocatore patologico Il gioco epidemiologia e tipologie del giocatore patologico 26.01.13 Massimo Corti Responsabile SerT Treviglio ASL di Bergamo Il gioco d'azzardo consiste nello scommettere beni materiali, solitamente

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. (30)

LEGGE REGIONALE N. (30) approvata dal Consiglio regionale nella seduta dell 1 febbraio 2014 -----

Dettagli

NORME PER LA PREVENZIONE DEI DANNI CAUSATI DALLA LUDOPATIA E LA REGOLARIZZAZIONE DEL GIOCO

NORME PER LA PREVENZIONE DEI DANNI CAUSATI DALLA LUDOPATIA E LA REGOLARIZZAZIONE DEL GIOCO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE NORME PER LA PREVENZIONE DEI DANNI CAUSATI DALLA LUDOPATIA E LA REGOLARIZZAZIONE DEL GIOCO Gian Luca VIGNALE (primo firmatario) Relazione Con la presente proposta di legge,

Dettagli

Coordinamento Nazionale Gruppi per Giocatori d Azzardo

Coordinamento Nazionale Gruppi per Giocatori d Azzardo Coordinamento Nazionale Gruppi per Giocatori d Azzardo - Spett.le Ministero dell Interno All attenzione del Ministro, On. Roberto Maroni - Spett.le Ministero dell Economia e delle Finanze All attenzione

Dettagli

DA PASSATEMPO. Andrea Finessi Direttore Dipartimento per le Dipendenze Azienda ULSS 19 ADRIA. Rovigo 8-Giugno 2013

DA PASSATEMPO. Andrea Finessi Direttore Dipartimento per le Dipendenze Azienda ULSS 19 ADRIA. Rovigo 8-Giugno 2013 DA PASSATEMPO A DIPENDENZA Andrea Finessi Direttore Dipartimento per le Dipendenze Azienda ULSS 19 ADRIA Rovigo 8-Giugno 2013 LE DIMENSIONI DEL FENOMENO GIOCO D AZZARDO 1. In Italia il gioco d azzardo

Dettagli

3. Epidemiologia. 60.418.711 Popolazione totale. 54% Giocatori d azzardo 18-74 anni (almeno una volta ultimi 12 mesi) N. 23.894.

3. Epidemiologia. 60.418.711 Popolazione totale. 54% Giocatori d azzardo 18-74 anni (almeno una volta ultimi 12 mesi) N. 23.894. 3. Epidemiologia La dimensione del fenomeno in Italia è difficilmente stimabile in quanto, ad oggi, non esistono studi accreditati, esaustivi e validamente rappresentativi del fenomeno. La popolazione

Dettagli

Commento /Illustrazione. Rimandi /Riferimenti. Massima / keywords

Commento /Illustrazione. Rimandi /Riferimenti. Massima / keywords LR(9) 57_13 Pag. I LEGGE REGIONALE TOSCANA n. 57 del 18 ottobre 2013. Disposizioni per il gioco consapevole e per la prevenzione della ludopatia. Commento /Illustrazione in B.U.R.T. n. 50 PARTE PRIMA del

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO DECIMA LEGISLATURA PROGETTO DI LEGGE N. 68 PROPOSTA DI LEGGE d'iniziativa del Consigliere Guadagnini NORME PER LA PREVENZIONE, IL CONTRASTO E LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DALLA

Dettagli

Servizio Sociale e Prevenzione GAP

Servizio Sociale e Prevenzione GAP 28 ottobre 2014 L azzardo non e un gioco Servizio Sociale e Prevenzione GAP Dr.ssa Cristina Bassini Assistente Sociale Sert Cremona Dr.ssa Irene Ronchi - Psicologa Sert Cremona Dipartimento Dipendenze

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BINETTI, BUTTIGLIONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BINETTI, BUTTIGLIONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 102 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BINETTI, BUTTIGLIONE Disposizioni per la cura e la prevenzione delle dipendenze comportamentali

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Delib. n. 190-9.12.2013 N. 115043 P.G.

Delib. n. 190-9.12.2013 N. 115043 P.G. Delib. n. 190-9.12.2013 N. 115043 P.G. OGGETTO: Mozione presentata dai gruppi consiliari PD- Partito Democratico Del Bono Sindaco, Civica per Del Bono Sindaco, Al Lavoro con Brescia, Brescia per Passione,

Dettagli

L importante è... ...evitare gli eccessi. Guida al gioco. ...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile!

L importante è... ...evitare gli eccessi. Guida al gioco. ...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile! L importante è......evitare gli eccessi...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile! Guida al gioco RESPONSABILE RISERVATO AL RICEVITORE aams aams aams Per diffondere il gioco responsabile,

Dettagli

LA RICERCA DEL GIOCO

LA RICERCA DEL GIOCO Torna alla Ricerca completa LA RICERCA DEL GIOCO (Sintesi) Ricerca sul fenomeno del gioco d azzardo problematico tra la popolazione giovanile di Reggio Emilia La storia del gioco d azzardo è strettamente

Dettagli

Mettiamoci in Gioco Confindustria Sistema Gioco Italia. Protocollo di intesa. 1. Premessa terminologica

Mettiamoci in Gioco Confindustria Sistema Gioco Italia. Protocollo di intesa. 1. Premessa terminologica Mettiamoci in Gioco Confindustria Sistema Gioco Italia Protocollo di intesa 1. Premessa terminologica Premesso: a) Che nel dibattito pubblico si è nel tempo consolidata la prassi di utilizzare la dizione

Dettagli

C O M U N E D I B R I N D I S I SETTORE ATTIVITA' PRODUTTIVE UFFICIO ESERCIZI PUBBLICI

C O M U N E D I B R I N D I S I SETTORE ATTIVITA' PRODUTTIVE UFFICIO ESERCIZI PUBBLICI C O M U N E D I B R I N D I S I SETTORE ATTIVITA' PRODUTTIVE UFFICIO ESERCIZI PUBBLICI OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA, AI SENSI DELL ART.19 DELLA L. N.241/90, DI INIZIO ATTIVITA DI SALA PUBBLICA PER

Dettagli

Workshop Economia e Legalità

Workshop Economia e Legalità Workshop Economia e Legalità 31 maggio 2013 Direttore Generale Giuliano Palagi L usura è un problema in costante crescita, favorito dall attuale crisi economica sul quale occorre agire con velocità e comprensione.

Dettagli

Ing.%Giovanni%Carboni% %3%ottobre%2013%% 1%

Ing.%Giovanni%Carboni% %3%ottobre%2013%% 1% STORIA%E%ATTUALITÀ%DEL%GIOCO%A%DISTANZA%ITALIANO% Abstract( La presente scheda fornisce una sintesi della storia del gioco a distanza con vincita in denaro in Italia,interminidinormativaedidimensionietrenddelmercato.

Dettagli

CRIMINALITA ORGANIZZATA, AZZARDO E USURA - 2014. Il settore del gioco muove interessi economici enormi:

CRIMINALITA ORGANIZZATA, AZZARDO E USURA - 2014. Il settore del gioco muove interessi economici enormi: CRIMINALITA ORGANIZZATA, AZZARDO E USURA - 2014 Il settore del gioco muove interessi economici enormi: nel 2012 la raccolta è stata di 87 miliardi (incremento vertiginoso negli ultimi anni, nel 2003 era

Dettagli

Guida ai Servizi sul Gioco d Azzardo Patologico

Guida ai Servizi sul Gioco d Azzardo Patologico Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Lavagna - Ex Istituto Marini Guida ai Servizi sul Gioco d Azzardo Patologico Lie/ Bet Questionnaire 1. Hai mai sentito l impulso a giocare somme di denaro sempre

Dettagli

ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE

ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: ORDINE DEL GIORNO CONTRO LE SALE DA GIOCO E VIDEO-POKER. L'anno Duemilatredici il giorno Ventinove del mese di Maggio alle ore 17.30, nella sala delle adunanze consiliari

Dettagli

Allegato 2 Proposta di modello standard per la raccolta di dati aggregati relativi ai pazienti con gioco d azzardo

Allegato 2 Proposta di modello standard per la raccolta di dati aggregati relativi ai pazienti con gioco d azzardo Allegato 2 Proposta di modello standard per la raccolta di dati aggregati relativi ai pazienti con gioco d azzardo Viene di seguito riportata la proposta sviluppata dal Dipartimento Politiche Antidroga

Dettagli

Legge Regionale 5 agosto 2013 n. 5 Disposizioni per la prevenzione e il trattamento del gioco d'azzardo patologico (GAP).

Legge Regionale 5 agosto 2013 n. 5 Disposizioni per la prevenzione e il trattamento del gioco d'azzardo patologico (GAP). Legge Regionale 5 agosto 2013 n. 5 Disposizioni per la prevenzione e il trattamento del gioco d'azzardo patologico (GAP). (Lazio, BUR 8 agosto 2013, n. 64) IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE

Dettagli

Ten.Col. Pasquale Arena Comando Provinciale G. di F. Roma I Gruppo - C.te I Nucleo Operativo

Ten.Col. Pasquale Arena Comando Provinciale G. di F. Roma I Gruppo - C.te I Nucleo Operativo Ten.Col. Pasquale Arena Comando Provinciale G. di F. Roma I Gruppo - C.te I Nucleo Operativo 2011 2012 fonte: AAMS Raccolta Vincite Spesa giocatori 2 Entrate «nette» Totale 79,9 61,3 18,5 8,8 scommesse

Dettagli

AVVERTENZE PER I GIOCATORI

AVVERTENZE PER I GIOCATORI AVVERTENZE PER I GIOCATORI In applicazione della Legge 8 novembre 2012, n. 189, art 7 - comma 5 Il gioco d azzardo può creare dipendenza patologica Le ricerche scientifiche hanno dimostrato che varie persone

Dettagli

Iniziativa in ambito Carovana della Legalità che si conclude il 19 alla Casa del Jazz con Camusso

Iniziativa in ambito Carovana della Legalità che si conclude il 19 alla Casa del Jazz con Camusso APPUNTI RELAZIONE METTIAMO IN GIOCO LA LEGALITA NEL TERRITORIO Segretario Gervasio Capogrossi Roma 17 febbraio 2015 Ringraziamento agli invitati Iniziativa in ambito Carovana della Legalità che si conclude

Dettagli

TESTO UNIFICATO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO ADOTTATO COME TESTO BASE

TESTO UNIFICATO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO ADOTTATO COME TESTO BASE Disposizioni per la prevenzione, la cura e la riabilitazione della dipendenza da gioco d'azzardo patologico. C. 101 Binetti, C. 102 Binetti, C. 267 Fucci, C. 433 Mongiello, C. 1596 Baroni, C. 1718 Iori,

Dettagli

HUMAN HIGHWAY E DOXA PER AAMS G@ME IN ITALY INDAGINE SUL GIOCO ONLINE IN ITALIA QUINTA WAVE. Milano, Luglio 2011

HUMAN HIGHWAY E DOXA PER AAMS G@ME IN ITALY INDAGINE SUL GIOCO ONLINE IN ITALIA QUINTA WAVE. Milano, Luglio 2011 HUMAN HIGHWAY E DOXA PER AAMS G@ME IN ITALY INDAGINE SUL GIOCO ONLINE IN ITALIA QUINTA WAVE Milano, Luglio 2011 1 G@ME IN ITALY NATURA E OBIETTIVI DELLA RICERCA G@me in Italy è una ricerca annuale prodotta

Dettagli

Disturbo del controllo degli impulsi

Disturbo del controllo degli impulsi Disturbo del controllo degli impulsi La caratteristica fondamentale del Disturbo del Controllo degli Impulsi è l incapacità di resistere ad un impulso, un desiderio impellente o alla tentazione di compiere

Dettagli