Banca dati ISS-ISPESL - Proprietà Tossicologiche Aggiornamento Maggio pag. 1/5

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Banca dati ISS-ISPESL - Proprietà Tossicologiche Aggiornamento Maggio pag. 1/5"

Transcript

1 Composti Inorganici Alluminio ,00E E ,01 2,14E Antimonio ,00E-04 I 4,00E-04 R 0,01 1,09E-03 Argento D - - 5,00E-03 I 5,00E-03 R 0,01 6,00E-04 Arsenico A 1,50E+00 I 1,50E+01 I 3,00E-04 I 3,00E-04 R 0,03 Berillio B1 4,30E ,40E+00 I 2,00E-03 I 5,70E-06 I 0,01 1,00E-03 Boro ,00E-01 I 5,71E-03 H 0,01 2,28E-03 Cadmio B1-6,30E+00 I 5,00E-04 I 5,70E-05 N Cianuri (liberi) D - - 2,00E-02 I 2,00E-02 R 0,1 1,00E-02 Cobalto ,80E+00 E 2,00E-02 E 5,71E-06 E 0,01 1,21E Cromo totale (7) ,50E+00 I 1,50E ,01 1,30E-03 Cromo VI (7) 2 A - 4,20E+01 H 3,00E-03 I 3,00E-05 I 0,01 1,30E-03 Ferro ,00E-01 E - 0,01 2,47E Fluoruri D - - 6,00E-02 I - 0,01 1,61E Manganese D - - 1,40E-01 I 1,43E-05 I 0,01 1,00E-03 Mercurio D - - 3,00E-04 I 8,60E-05 I 0,01 1,67E Nichel A - 8,40E-01 I 2,00E-02 I 2,00E-02 R 0,01 1,00E-03 Piombo /3 (1) B ,50E-03 W 3,50E-02 R 0,01 3,42E Piombo Tetraetile ,00E-07 I 2,14E ,1 29 3,60E-02 Rame D - - 4,00E-02 H 4,00E-02 R 0,01 1,00E-03 Selenio D - - 5,00E-03 I 5,00E-03 R 0,01 1,00E-03 Stagno ,00E-01 H 6,00E-01 R 0,01 2,88E Tallio D - - 8,00E-05 I 8,00E-05 R 0,01 1,57E Vanadio ,00E-03 H 7,00E-03 R 0,01 1,00E-03 Zinco D - - 3,00E-01 I 3,00E-01 R 0,01 6,00E-04 Nitriti ,00E-01 I 1,00E-01 R 1,08E Solfati Aromatici Benzene A 5,50E-02 I 2,73E-02 I 4,00E-03 I 8,55E-03 I 0,1 2,10E-02 Etilbenzene D - - 1,00E-01 I 2,85E-01 I 0,1 7,40E-02 Stirene ,00E-01 I 2,85E-01 I 0,1 5,50E-02 Toluene D - - 8,00E-02 I 1,43E+00 I 0,1 4,50E-02 m-xilene D - - 2,00E-01 I 2,00E-01 I 0,1 8,00E-02 o-xilene D - - 2,00E-01 I 2,00E-01 I 0,1 8,00E-02 p-xilene D - - 2,00E-01 I 2,00E-01 I 0,1 8,00E-02 Xileni D - - 2,00E-01 I 2,00E-01 I 0,1 8,00E-02 Aromatici policiclici US RAGS, Volume1, Part E, 2004 US RAGS, Volume1, Part E, ,00E-03 1,00E-03 pag. 1/5

2 Benzo(a)antracene B2 7,30E-01 E 6,00E-01 E - 2,85E-01 TX 0,13 8,10E-01 Benzo(a)pirene B2 7,30E+00 I 7,32E+00 PS - 3,14E+00 TX 0,13 1,20E+00 Benzo(b)fluorantene B2 7,30E-01 E 6,00E-01 E - 2,85E-01 TX 0,13 1,20E+00 Benzo(g,h,i)perilene D - - 3,00E-02 B 3,00E-02 B 0,13 1,66E+00 Benzo(k)fluorantene B2 7,30E-02 N 3,10E-02 E - 2,85E-02 TX 0,13 1,20E+00 Crisene B2 7,00E-03 TX 6,10E-03 TX 3,00E-02 B 3,00E-02 R 0, ,10E-01 Dibenzo(a,e)pirene ,30E ,13 - Dibenzo(a,h)pirene ,30E ,13 - Dibenzo(a,i)pirene ,30E ,13 Dibenzo(a,l)pirene ,30E ,13 - Dibenzopireni ,13 - Dibenzo(a,h)antracene B2 7,30E+00 N 7,30E+00 E - - 0,13 2,70E+00 Indenopirene B2 7,30E-01 E 3,10E-01 N 3,00E-02 B 3,14E+00 TX 0,13 1,90E+00 Pirene D - - 3,00E-02 I 3,00E-02 I 0,13 3,24E-01 Alifatici clorurati cancerogeni 1,1,2,2-Tetracloroetano C 2,00E-01 I 2,00E-01 I 6,00E-02 I 2,00E-01 TX 0,1 9,00E-03 1,1,2-Tricloroetano C 5,70E-02 I 5,60E-02 I 4,00E-03 I 5,70E-02 TX 0,1 8,40E-03 1,1-Dicloroetilene C 6,00E-01 I 1,75E-01 I 5,00E-02 I 5,71E-02 I 0,1 1,60E-02 1,2,3-Tricloropropano ,00E+00 H 7,00E+00 R 6,00E-03 I 6,00E-03 R 0,1-1,2-Dicloroetano B2 9,10E-02 I 9,10E-02 I 2,00E-02 N 2,85E-03 E 0,1 5,30E-03 1,2-Dicloropropano B2 6,80E-02 H 6,80E-02 R 1,14E-03 R 1,14E-03 I 0,1 - Clorometano D 1,30E-02 I 6,30E-03 I - 2,57E-02 I 0,1 4,20E-03 Cloruro di vinile A 1,50E+00 I 3,08E-02 I 3,00E ,86E ,1 7,30E-03 Diclorometano B2 7,50E-03 I 1,70E-03 I 6,00E-02 I 8,60E-01 H 0,1 4,50E-03 Tetracloroetilene (PCE) B2 5,40E-01 E 2,00E-02 E 1,00E-02 E,I 1,00E-02 E 0,1 4,80E-02 Tricloroetilene B2 1,10E-02 I 6,00E-03 W 6,00E-03 N 6,00E-03 TX 0,1 2,30E-01 Triclorometano (Cloroformio) B2 6,10E-03 I 8,05E-02 I 1,00E-02 I 1,40E-02 N 0,1 8,90E-03 Esaclorobutadiene C 7,80E-02 I 7,80E-02 I 2,00E-04 H 2,00E-04 R 0,1 - Alifatici clorurati non cancerogeni 1,1,1-Tricloroetano D - - 2,00E-02 E 2,85E-01 E 0,1 1,70E-02 1,1-Dicloroetano C - - 1,00E-01 H 1,40E-01 H 0,1 8,90E-03 cis,2-dicloroetilene D - - 1,00E-02 H 1,00E-02 R 0,1 1,00E-02 trans,2-dicloroetilene D - - 2,00E-02 I 2,00E-02 R 0,1 1,00E-02 1,2-dicloroetilene - - D - - 1,00E-02 H 1,00E-02 R 0,1 1,00E-02 Alifatici alogenati cancerogeni 1,2-Dibromoetano B2 2,00E+00 I 7,70E-01 I 9,00E-03 I 2,57E-03 I 0,1 - Bromodiclorometano B2 6,20E-02 I 6,20E-02 R 2,00E-02 I 2,00E-02 R 0,1 5,80E-03 Dibromoclorometano C 8,40E-02 I 8,40E-02 R 2,00E-02 I 2,00E-02 R 0,1 - Tribromometano (bromoformio) B2 7,90E-03 I 3,85E-03 I 2,00E-02 I 2,00E-02 R 0,1 2,60E-03 Nitrobenzeni 1,2-Dinitrobenzene D - - 4,00E-04 H 4,00E-04 R 0,1-1,3-Dinitrobenzene D - - 1,00E-04 I 1,00E-03 R 0,1 - Cloronitrobenzeni ,50E-02 H 2,50E-02 R - - 0,1 - Nitrobenzene D - - 5,00E-04 I 5,70E-04 H 0,1 7,00E-03 pag. 2/5

3 Clorobenzeni 1,2,4,5-Tetraclorobenzene ,00E-04 I 3,00E-04 R 0,1-1,2,4-Triclorobenzene D - - 1,00E-02 I 5,70E-02 H 0,1 1,00E-01 1,2-Diclorobenzene D - - 9,00E-02 I 5,70E-02 H 0,1 6,10E-02 1,4-Diclorobenzene B2 2,40E-02 H 2,21E-02 E 3,00E-02 E 2,29E-01 I 0,1 6,20E-02 Esaclorobenzene B2 1,60E+00 I 1,60E+00 I 8,00E-04 I 8,00E-04 R 0,1 - Monoclorobenzene D - - 2,00E-02 I 6,00E-03 H 0,1 4,10E-02 Pentaclorobenzene D - - 8,00E-04 I 8,00E-04 R 0,1 - Fenoli non clorurati Fenolo D - - 3,00E-01 I 6,00E-01 I 0,1 5,50E-03 m-metilfenolo C - - 5,00E-02 I 5,00E-02 R 0,1 - o-metilfenolo C - - 5,00E-02 I 5,00E-02 R 0,1 - p-metilfenolo C - - 5,00E-03 H 5,00E-03 R 0,1 - metilfenoli - - C - - 5,00E-03 H 5,00E-03 R 0,1 - Fenoli clorurati 2,4,6-Triclorofenolo B2 1,00E-02 I 1,00E-02 I - - 0,1-2,4-Diclorofenolo ,00E-03 I 3,00E-03 R 0,1-2-Clorofenolo ,00E-03 I 5,00E-03 R 0,1 1,10E-02 Pentaclorofenolo B2 1,20E-01 I 1,20E-01 R 3,00E-02 I 3,00E-02 R 0, Ammine aromatiche Anilina B2 5,70E-03 I 5,70E-03 R 3,00E-04 r 3,00E-04 I 0,1 - Difenilamina ,50E-02 I 2,50E-02 R 0,1 - m,p-anisidina ,00E-03 A 7,00E-03 R 0,1 - o-anisidina ,40E-01 CRI 1,40E-01 CRI 4,00E-03 TRI 6,00E-05 TRI 0,1 - p-toluidina ,90E-01 H 1,90E-01 R - - 0,1 - Fitofarmaci Araclor ,00E-02 H 8,00E-02 R 1,00E-02 I 1,00E-02 R 0,1 - Aldrin B2 1,70E+01 I 1,72E+01 I 3,00E-05 I 3,00E-05 R 0,1 - Atrazina ,20E-01 H 2,20E-01 R 3,50E-02 I 3,50E-02 R 0,1 - Clordano B2 3,50E-01 I 3,50E-01 I 5,00E-04 I 2,00E-04 I 0, DDD B2 2,40E-01 I 2,40E-01 I 5,00E-04 I 5,00E-04 R 0,1 - DDE B2 3,40E-01 I 3,40E-01 I 5,00E-04 I 5,00E-04 R 0,1 - DDT B2 3,40E-01 I 3,40E-01 I 5,00E-04 I 5,00E-04 R 0, Dieldrin B2 1,60E+01 I 1,60E+01 I 5,00E-05 I 5,00E-05 R 0,1 - Endrin D - - 3,00E-04 I 3,00E-04 R 0,1 - α-esacloroesano B2 6,30E+00 I 6,30E+00 I 5,00E-04 N 5,00E-04 R 0,1 - β-esacloroesano C 1,80E+00 I 1,86E+00 I 2,00E-04 N 2,00E-04 R 0,1 - γ-esaclorocicloesano (Lindano) B2 1,30E+00 H 1,30E+00 R 3,00E-04 I 3,00E-04 R 0, Diossine 2,3,7,8-TCDD (4) B2 1,50E ,16E ,03-1,2,3,7,8-PeCDD (3) (3) - - 0, ,2,3,4,7,8-HxCDD (3) (3) - - 0,03-1,2,3,6,7,8-HxCDD (3) (3) - - 0,03-1,2,3,7,8,9-HxCDD (3) (3) - - 0,03 - pag. 3/5

4 Furani PCBs 1,2,3,4,6,7,8-Hp-CDD (3) (3) - - 0,03 - OCDD (3) (3) - - 0,03-2,3,7,8-TCDF (3) (3) - - 0,03-2,3,4,7,8-PeCDF (3) (3) - - 0,03-1,2,3,7,8-PeCDF (3) (3) - - 0,03-1,2,3,6,7,8-HxCDF (3) (3) - - 0,03-1,2,3,4,7,8-HxCDF (3) (3) - - 0, ,2,3,7,8,9-HxCDF (3) (3) - - 0,03-2,3,4,6,7,8-HxCDF (3) (3) - - 0,03-1,2,3,4,6,7,8-HpCDF (3) (3) - - 0,03-1,2,3,4,7,8,9-HpCDF (3) (3) - - 0,03 - OCDF (3) (3) - - 0,03 - PCB (5) B2 2,00E+00 I 2,00E+00 I 2,00E-05 (6) - 0, ,30E+00 Idrocarburi Idrocarburi leggeri C<12 Idrocarburi pesanti C>12 fare riferimento alla classificazione degli idrocarburi di seguito riportata in tabella Alifatici C5-C ,00E-02 M 5,70E-02 M 0,1 3,00E-01 Aromatici C9 - C ,00E-02 M 1,43E-02 M 0,1 1,40E-01 Alifatici C9 - C ,00E-01 M 5,70E-02 M 0,1 8,20E+00 Alifatici C19 - C ,00E+00 M - 0,1 9,20E+01 Aromatici C11 - C ,00E-02 M - 0,1 1,50E+00 Altre sostanze Amianto (Fibre libere) Esteri dell'acido ftalico (ognuno) vedi acido para ftalico Acrilammide B2 4,50E+00 I 4,50E+00 I 2,00E-04 I 2,00E-04 R 0,1 2,40E-04 n-esano vedi idrocarburi (2) - Acido para-ftalico ,00E+00 H 1,00E+00 R 0,1 - MTBE ,60E-01 E 8,60E-01 I 0,5 3,10E-03 ETBE ,60E-01 s 8,60E-01 s 0,5 s - NOTE: (*) Idrogeno arseniato di piombo Cat. 1 / Altri composti del piombo Cat. 3 (2) L'interpretazione autentica del Ministero dell'ambiente riferisce che il parametro n-esano è da intendersi come "idrocarburi totali espressi come n-esano, pertanto la Analisi di Rischio andrà condotta sulle classi di idrocarburi indicate nella presente Banca Dati (3) Per il calcolo della concentrazione al punto di esposizione, si utilizzerà il valore della TEQ=concentrazione del congegnere x TEF ( tossicità equivalente) e quindi si applicheranno a tutti i congeneri ricercati i paramteri tossicologici relativi al congenere 2,3,7,8-TCDD. Per le proprietà chimico-fisiche si dovranno invece utilizzare i valori relativi ai singoli congeneri. (4) Lo Slope factor dermico è pari a 3,00E+05 [mgteq(kg giorno)] (5) Per il parametro PCBs, si dovrà fare riferimento allo Slope Factor, se durante le analisi viene riscontrata la presenza anche di un solo PCB dioxin-like (Congeneri nr. 77, 81, 105, 114, 118, 123, 126, 156, 157, 167, 169, 189). Si dovrà fare riferimento alla Reference Dose se si esclude la presenza di PCB dioxin-like. (6) valore riportato nella banca dati Region III (7) numero indice Le celle evidenziate con il colore GIALLO si riferiscono all'aggiornamento Ottobre 2006 Le celle evidenziate con il colore ARANCIONE si riferiscono all'aggiornamento Ottobre 2007 Le celle evidenziate con il colore VERDE si riferiscono all'aggiornamento Maggio 2008 pag. 4/5

5 Le celle evidenziate con il colore ROSA si riferiscono all'aggiornamento Maggio 2009 pag. 5/5

METODI ANALISI TERRENO

METODI ANALISI TERRENO Data aggiornamento 0/0/202 Accreditato ACCREDIA Residui residuo a 600 C DM 3/09/999 SO n 85 GU n 248 2/0/999 Met II.2 residuo secco a 05 C DM 3/09/999 SO n 85 GU n 248 2/0/999 Met II.2 umidità DM 3/09/999

Dettagli

Confronto tra concentrazioni limite accettabili ex D.M. 471/99 e concentrazioni soglia di contaminazione ex D.Lgs 152/06.

Confronto tra concentrazioni limite accettabili ex D.M. 471/99 e concentrazioni soglia di contaminazione ex D.Lgs 152/06. Confronto tra concentrazioni limite accettabili ex D.M. 471/99 e concentrazioni soglia di contaminazione ex D.Lgs 152/06 Acque sotterranee D.M. 471/99 D.Lgs. 152/06 Sostanze Valori limite (μ/l) Sostanze

Dettagli

1. Valori di concentrazione limite accettabili nel suolo e nel sottosuolo in relazione alla specifica destinazione d uso del sito

1. Valori di concentrazione limite accettabili nel suolo e nel sottosuolo in relazione alla specifica destinazione d uso del sito ALLEGATO 1 VALORI DI CONCENTRAZIONE LIMITE ACCETTABILI NEL SUOLO, NEL SOTTOSUOLO E NELLE ACQUE SOTTERRANEE IN RELAZIONE ALLA SPECIFICA DESTINAZIONE D'USO DEI SITI, E CRITERI DI ACCETTABILITA PER LE ACQUE

Dettagli

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda 1 di 11 ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Acque destinate al consumo umano Alluminio UNI EN ISO 12020:2002 Batteri coliformi a 37 C Rapporti ISTISAN 2007/5 pag 58 Met ISS A 006B Cadmio UNI

Dettagli

LA NOSTRA RICERCA AL TUO SERVIZIO TUTELA DELL UOMO TUTELA DELL AMBIENTE

LA NOSTRA RICERCA AL TUO SERVIZIO TUTELA DELL UOMO TUTELA DELL AMBIENTE TUTELA DELL UOMO TUTELA DELL AMBIENTE LA NOSTRA RICERCA AL TUO SERVIZIO Copyright SCAR Labs s.r.l. Tutti i diritti riservati. Viale delle Industrie. Zona ASI, 81020 S. Marco Evangelista (CE) Tel. +39 0823

Dettagli

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda 1 di 7 ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Acque destinate al consumo umano Carica Batterica Totale a 22 C e 36 C MU 956:01 Coliformi fecali MU 953/1:01 Coliformi totali MU 952/1:01 Enterobatteri

Dettagli

Data aggiornamento: 18/12/2014 CATALOGO DELLE PRESTAZIONI 2014 U.O. LABORATORIO DI MILANO SEDE LABORATORISTICA DI MONZA

Data aggiornamento: 18/12/2014 CATALOGO DELLE PRESTAZIONI 2014 U.O. LABORATORIO DI MILANO SEDE LABORATORISTICA DI MONZA Data aggiornamento: 18/12/2014 CATALOGO DELLE PRESTAZIONI 2014 U.O. LABORATORIO DI MILANO SEDE LABORATORISTICA DI MONZA TITOLAZIONE ACIDO-BASE Idrogenocarbonati - ALCALINITA' MT.MZ.064 rev.01 2008 Titolazione

Dettagli

MANUALE GESTIONE QUALITÀ Laboratorio Analisi

MANUALE GESTIONE QUALITÀ Laboratorio Analisi 1,1,1-Tricloroetano Acqua APHA SMEW ed 22nd 2012, 6200/B 1,1,2-Tricloroetano Acqua APHA SMEW ed 22nd 2012, 6200/B 1,1-Dicloroetilene Acqua APHA SMEW ed 22nd 2012, 6200/B 1,2,4-Triclorobenzene Acqua APHA

Dettagli

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda 1 di 6 ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Acqua sotterranea, superficiale potabile, Acqua di scarico, percolato Idrocarburi totali come n-esano APAT CNR IRSA 5160B2 Man 29 2003 Acque di scarico

Dettagli

TESTI COORDINATI E AGGIORNATI

TESTI COORDINATI E AGGIORNATI TESTI COORDINATI E AGGIORNATI Testo del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69 (in S.O. n. 50/L alla Gazzetta Ufficiale - Serie generale - n. 144 del 21 giugno 2013), coordinato con la legge di conversione

Dettagli

BANCA DATI SOSTANZE E USI CORRELATI

BANCA DATI SOSTANZE E USI CORRELATI BANCA DATI SOSTANZE E USI CORRELATI Federica Scaini, Eleonora Beccaloni federica.scaini@iss.it, eleonora.beccaloni@iss.it Istituto Superiore di Sanità Contaminazione delle matrici ambientali e analisi

Dettagli

LEGGE REGIONALE 21 luglio 2004, n. 14. bonifica Ripristino delle ambientale aree inquinate. dei siti inquinati e disciplina del Piano per la

LEGGE REGIONALE 21 luglio 2004, n. 14. bonifica Ripristino delle ambientale aree inquinate. dei siti inquinati e disciplina del Piano per la 2 Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 32 del 4 agosto 2004 SOMMARIO LEGGE REGIONALE 21 luglio 2004, n. 14. bonifica Ripristino delle ambientale aree inquinate. dei

Dettagli

A B C D E F G Cloro residuo/biossido di cloro Cloro residuo/biossido di Cloro residuo/biossido di cloro Cloro residuo/biossido di cloro

A B C D E F G Cloro residuo/biossido di cloro Cloro residuo/biossido di Cloro residuo/biossido di cloro Cloro residuo/biossido di cloro Rev. 05 del 08/04/2014 Pag. 1 di 5 D.L. 31/01 D.G.R. 28/05/03 Controlli sistematici Indicativamente mensili A B C D E F G Cloro /biossido di cloro Cloro /biossido di Cloro /biossido di cloro Cloro /biossido

Dettagli

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda 1 di 8 ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Acque Colore APAT CNR IRSA 2020 A Man 29 2003 Conduttività Water and Wastewater, ed 22nd 2012, 2510 B Conta di microorganismi vitali a 36 C e 22 C

Dettagli

INTRUSIONE DI VAPORI DA SUOLO CONTAMINATO: UN APPROCCIO ALTERNATIVO PER LA VDR

INTRUSIONE DI VAPORI DA SUOLO CONTAMINATO: UN APPROCCIO ALTERNATIVO PER LA VDR INTRUSIONE DI VAPORI DA SUOLO CONTAMINATO: UN APPROCCIO ALTERNATIVO PER LA VDR l di Simona Berardi, Elisabetta Bemporad, Monica Gherardi, Mario Mariani Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza

Dettagli

12 settembre 16:00 17:00 Chimico Dott. Livio Buffa Ecologica Buffa S.R.L.

12 settembre 16:00 17:00 Chimico Dott. Livio Buffa Ecologica Buffa S.R.L. Terre e rocce da scavo: prove di laboratorio sul campione tal quale e sul test di cessione ottenuto secondo la norma UNI EN 12457-2:2004; confronto con i limiti di legge 12 settembre 16:00 17:00 Chimico

Dettagli

CONTAMINAZIONE DEI SUOLI E PROBLEMI DI BONIFICA DEI SUOLI CONTAMINATI. SINTESI NORMATIVA E LINEE GUIDA

CONTAMINAZIONE DEI SUOLI E PROBLEMI DI BONIFICA DEI SUOLI CONTAMINATI. SINTESI NORMATIVA E LINEE GUIDA CONTAMINAZIONE DEI SUOLI E PROBLEMI DI BONIFICA DEI SUOLI CONTAMINATI. SINTESI NORMATIVA E LINEE GUIDA Andrea Buondonno Dipartimento di Architettura e Disegno industriale Luigi Vanvitelli Seconda Università

Dettagli

SCHEDA CARATTERIZZAZIONE RIFIUTI REV.9

SCHEDA CARATTERIZZAZIONE RIFIUTI REV.9 SCHEDA CARATTERIZZAZIONE RIFIUTI REV.9 Istruzione per la compilazione della scheda Ai sensi della normativa vigente, il produttore dei rifiuti, ai fini dello smaltimento in discarica, deve fornire al gestore

Dettagli

Guida ai laboratori ARPAC

Guida ai laboratori ARPAC Guida ai laboratori ARPAC 2014 Guida ai laboratori ARPAC 2014 Coordinamento a cura del Servizio Sistema Gestione Qualità Editing a cura del Servizio Comunicazione Edizione marzo 2014 ARPAC via Vicinale

Dettagli

Appendice A.3 SOSTANZE PERICOLOSE

Appendice A.3 SOSTANZE PERICOLOSE Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia - 27-5 Suppl. Straordinario al n. 4 29 gennaio 2010 Appendice A.3 SOSTANZE PERICOLOSE Si riporta l elenco delle sostanze presenti nella Tabella 3/a e nella

Dettagli

Linee guida per la caratterizzazione dei siti contaminati

Linee guida per la caratterizzazione dei siti contaminati Linee guida per la caratterizzazione dei siti contaminati 1 Scopo e campo di applicazione Il presente documento è finalizzato a standardizzare la procedura per l espletamento delle indagini sui siti contaminati

Dettagli

CATALOGO DELLE PRESTAZIONI 2014 U.O. Laboratorio di Milano - Sede Laboratoristica di Milano. Data aggiornamento: 18/12/2014

CATALOGO DELLE PRESTAZIONI 2014 U.O. Laboratorio di Milano - Sede Laboratoristica di Milano. Data aggiornamento: 18/12/2014 2014 Data aggiornamento: 18/12/2014 TARIFFARIO : ACQUE SOTTERRANEE PREPARATIVA CAMPIONI ACQUE SOTTERRANEE : Applicare il Codice Tarffario 01.006-63 - (Pretrattamento medio del campione) ad eccezione della

Dettagli

MONITORAGGIO DEGLI EFFETTI AMBIENTALI, AGRONOMICI E PEDOLOGICI DEL RIUTILIZZO IN AGRICOLTURA DELLE ACQUE REFLUE DEPURATE

MONITORAGGIO DEGLI EFFETTI AMBIENTALI, AGRONOMICI E PEDOLOGICI DEL RIUTILIZZO IN AGRICOLTURA DELLE ACQUE REFLUE DEPURATE Tavolo Tecnico Interagenziale Gestione Sostenibile Delle Risorse Idriche MONITORAGGIO DEGLI EFFETTI AMBIENTALI, AGRONOMICI E PEDOLOGICI DEL RIUTILIZZO IN AGRICOLTURA DELLE ACQUE REFLUE DEPURATE (LINEA

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SANITA'

DIREZIONE GENERALE SANITA' 2275 13/03/2013 Identificativo Atto n. 180 DIREZIONE GENERALE ANITA' AGGIORNAMENTO DEL REGITRO DELLA REGIONE LOMBARDIA DEI LABORATORI CHE EFFETTUANO ANALII NELL'AMBITO DELLE PROCEDURE DI AUTOCONTROLLO

Dettagli

Elenco metodi accreditati in campo flessibile

Elenco metodi accreditati in campo flessibile Mod.G2501_Elenco metodi accreditati flessibili_rev01_2013_01_04 Pagina 1 di 45 Elenco metodi accreditati in campo flessibile N Materiale / Prodotto / Matrice Misurando / Proprietà misurata / Denominazione

Dettagli

Elenco metodi accreditati in campo flessibile

Elenco metodi accreditati in campo flessibile 1 di 45 Elenco metodi accreditati in campo flessibile N Materiale / Prodotto / Matrice Misurando / Proprietà misurata / Denominazione della prova Campo di misura e/o di prova Tecnica di prova Metodo di

Dettagli

Cloro attivo libero <0,05 <0,05 <0,05 <0,05 <0,05 <0,05 batteri coliformi max 0 0 0 0 0 0 0 0. Cloruri (come Cl) max 250

Cloro attivo libero <0,05 <0,05 <0,05 <0,05 <0,05 <0,05 batteri coliformi max 0 0 0 0 0 0 0 0. Cloruri (come Cl) max 250 Prelievo del 7 settembre 009 nicchia parco Tri cimitero Delle parcheggio pubblico nicchia condominio Raffaello, 7,3 7,43 7,4 7,49 7,34 7,47 accettabile accettabile accettabile accettabile accettabile accettabile

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA N. 702/14

RAPPORTO DI PROVA N. 702/14 Data emissione: 23 settembre 2014 Committente: RUGGERI SERVICE SpA - Strada Statale 275 Maglie Leuca, Muro Leccese(LE) Sito di provenienza: Stabilimento di Muro Leccese Matrice dichiarata: Emissioni in

Dettagli

PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda N 1 di 9 PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 1 2 3 Acque destinate al consumo umano, acque naturali Clostridium perfringens UNI EN ISO 19458:2006 + Rapporti ISTISAN 2007/5 Pag 48 Met ISS A 005A, Rapporti

Dettagli

Linee guida per la rimozione dei rifiuti abbandonati o depositati in modo incontrollato

Linee guida per la rimozione dei rifiuti abbandonati o depositati in modo incontrollato Linee guida per la rimozione dei rifiuti abbandonati o depositati in modo incontrollato 1. Premessa... 2 2. Rimozione di rifiuti abbandonati o depositati in modo incontrollato su strade ed aree pubbliche

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 3 aprile 2006, n. 152. recante Norme in materia ambientale ALLEGATI

DECRETO LEGISLATIVO 3 aprile 2006, n. 152. recante Norme in materia ambientale ALLEGATI DECRETO LEGISLATIVO 3 aprile 2006, n. 152 recante Norme in materia ambientale ALLEGATI 1 ! " # $ $! % & % & ' # ( % ( # ( ) * #+ #,! #! -!!. "#$%&#&'&(&)**##$+&) &&*,&"&()#(*&"&#*&##*#-$$#--#'&**#,%&#

Dettagli

ATTIVITÀ CONDOTTE DA ARPA

ATTIVITÀ CONDOTTE DA ARPA ATTIVITÀ DI MONITORAGGIO AMBIENTALE 8 giugno 2010 Sezione Provinciale di Ferrara Via Bologna, 534 44124 Ferrara ATTIVITÀ CONDOTTE DA ARPA Ricerca di microinquinanti in suoli superficiali della provincia

Dettagli

MICRO-B srl Via Cremona, 25/b 46041 Asola (MN) C.F. : 02140460201 P. Iva: 02140460201 Tel. : 0376 712079 Fax : 0376 719207 Web: www.micro-b.it e-mail: info@micro-b.it Reg. Imp. : Cap. Soc. i.v. : MN 02140460201

Dettagli

LISTINO PREZZI DELLE PRESTAZIONI ANALITICHE DI ARPA EMILIA ROMAGNA

LISTINO PREZZI DELLE PRESTAZIONI ANALITICHE DI ARPA EMILIA ROMAGNA 1 di 54 LISTINO PREZZI DELLE PRESTAZIONI ANALITICHE Approvato con Delibera del Direttore Generale DEL. n. 2012-37 del 28/03/2012 In vigore dal 01/04/2012 Direzione Tecnica - Area Attività Laboratoristiche

Dettagli

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda 1 di 5 ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Acque destinate al consumo umano, di piscina Conta di Legionella spp (compresa Legionella pneumophila) UNI EN ISO 11731-2: 2008 Acque destinate al

Dettagli

Banca dati ISS-INAIL" DOCUMENTO DI SUPPORTO

Banca dati ISS-INAIL DOCUMENTO DI SUPPORTO Dipartimento Ambiente e Connessa Prevenzione Primaria Dipartimento Innovazioni Tecnologiche e Sicurezza degli Impianti, Prodotti e Insediamenti Antropici Banca dati ISS-INAIL" DOCUMENTO DI SUPPORTO Marzo

Dettagli

CATALOGO DELLE PRESTAZIONI U.O. LABORATORIO DI BRESCIA SEDE LABORATORISTICA DI BERGAMO. Data aggiornamento: 19/11/2015

CATALOGO DELLE PRESTAZIONI U.O. LABORATORIO DI BRESCIA SEDE LABORATORISTICA DI BERGAMO. Data aggiornamento: 19/11/2015 U.O. LABORATORIO DI BRESCIA SEDE LABORATORISTICA DI BERGAMO Data aggiornamento: 19/11/2015 CAMPIONI: ACQUE REFLUE Applicare il Codice Tarffario 01.006-63 - (Pretrattamento medio del campione) ad eccezione

Dettagli

PIANO DELLA CARATTERIZZAZIONE: METODOLOGIE DI CAMPIONAMENTO DEL MEZZO SATURO E NON SATURO.

PIANO DELLA CARATTERIZZAZIONE: METODOLOGIE DI CAMPIONAMENTO DEL MEZZO SATURO E NON SATURO. PIANO DELLA CARATTERIZZAZIONE: METODOLOGIE DI CAMPIONAMENTO DEL MEZZO SATURO E NON SATURO. ANTONIO DI MOLFETTA *, RAJANDREA SETHI* Politecnico di Torino C.so Duca degli Abruzzi 24, 10129 Torino ABSTRACT

Dettagli

I L M N O P Q. A Evoluzione della normativa nazionale F Guida alla classificazione della Commissione dell 8 giugno 2015

I L M N O P Q. A Evoluzione della normativa nazionale F Guida alla classificazione della Commissione dell 8 giugno 2015 Mauro Sanna A INDICE F A Evoluzione della normativa nazionale F Guida alla classificazione della Commissione dell 8 giugno 2015 A1 A1 Decisione 3 maggio 2000 n. 532 G G Comparazione tra Legge 11 agosto

Dettagli

esecuzione delle attività stesse e l avvio delle operazioni, come comunicato al Ministero dell Ambiente con nota prot. SAE/156 del 26.07.2004.

esecuzione delle attività stesse e l avvio delle operazioni, come comunicato al Ministero dell Ambiente con nota prot. SAE/156 del 26.07.2004. STABILIMENTO DI TARANTO Relazione sulle procedure di bonifica ambientale Febbraio 2007 1. PREMESSA Gran parte delle aree dello stabilimento ILVA S.P.A. di Taranto ricade fra quelle del sito di interesse

Dettagli

Rapporto finale di sintesi dei risultati delle indagini ambientali

Rapporto finale di sintesi dei risultati delle indagini ambientali HIA21 - Participative assessment of the health, environmental and socio-economic impacts resulting from urban waste treatment LIFE10 ENV/IT/000331 AZIONE D1 Rapporto finale di sintesi dei risultati delle

Dettagli

COMPLETAMENTO DEL PIANO DI CARATTERIZZAZIONE AMBIENTALE DEL SITO PRODUTTIVO DISMESSO CENTRALE DEL LATTE DI VICENZA IN VIA MEDICI

COMPLETAMENTO DEL PIANO DI CARATTERIZZAZIONE AMBIENTALE DEL SITO PRODUTTIVO DISMESSO CENTRALE DEL LATTE DI VICENZA IN VIA MEDICI REGIONE VENETO PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI VICENZA COMPLETAMENTO DEL PIANO DI CARATTERIZZAZIONE AMBIENTALE DEL SITO PRODUTTIVO DISMESSO CENTRALE DEL LATTE DI VICENZA IN VIA MEDICI IN COMUNE DI VICENZA.

Dettagli

PROGETTO OPERATIVO DEGLI INTERVENTI DI BONIFICA

PROGETTO OPERATIVO DEGLI INTERVENTI DI BONIFICA committente Comune di Pesaro PROGETTO OPERATIVO DEGLI INTERVENTI DI BONIFICA ai sensi del D.Lgs. 152/06 sito Area Centro Direzionale Benelli sottocomparto 1 via Morosini, 12 Pesaro (PU) PROGETTO N : B3

Dettagli

batteri coliformi 0 UFC/100 ml <4 <4 <4 <4 <4 <4 <4 escherichia coli 0 UFC/100 ml <4 <4 <4 <4 <4 <4 <4 enterococchi 0 UFC/100 ml <4 <4 <4 <4 <4 <4 <4

batteri coliformi 0 UFC/100 ml <4 <4 <4 <4 <4 <4 <4 escherichia coli 0 UFC/100 ml <4 <4 <4 <4 <4 <4 <4 enterococchi 0 UFC/100 ml <4 <4 <4 <4 <4 <4 <4 Prelievo del 16 febbraio 009 pozzo Castel Cerreto pozzo Geromina Calvenzano pozzo pozzo 1 Bellini 1 1 Terni Terni pozzo ph 6,5-9,5 7,55 7,46 7,50 7,60 7,50 7,50 7,5 colore accettabile accettabile accettabile

Dettagli

L acqua potabile nel comune di Villa Cortese

L acqua potabile nel comune di Villa Cortese L acqua potabile nel comune di Villa Cortese Introduzione Scopo di questa relazione è descrivere la qualità dell acqua fornita dall acquedotto di Villa Cortese, quale risulta dai controlli effettuati nel

Dettagli

Documento di supporto alla Banca dati ISS-INAIL

Documento di supporto alla Banca dati ISS-INAIL Dipartimento Ambiente e Connessa Prevenzione Primaria Dipartimento Installazioni di Produzione e Insediamenti Antropici Documento di supporto alla Banca dati ISS-INAIL 2014 Elaborato da: Dott.ssa Loredana

Dettagli

L acqua potabile nel comune di Novate Milanese

L acqua potabile nel comune di Novate Milanese L acqua potabile nel comune di Novate Milanese Introduzione Scopo di questa relazione è descrivere la qualità dell acqua fornita dall acquedotto di Novate Milanese, quale risulta dai controlli effettuati

Dettagli

TERRA DEI FUOCHI RELAZIONE SULLE ATTIVITÀ SVOLTE DAL 23.12.2013 AL 29.01.2015

TERRA DEI FUOCHI RELAZIONE SULLE ATTIVITÀ SVOLTE DAL 23.12.2013 AL 29.01.2015 TERRA DEI FUOCHI RELAZIONE SULLE ATTIVITÀ SVOLTE DAL 23.12.2013 AL 29.01.2015 PROPOSTA DI CLASSIFICAZIONE AI FINI DELL USO AGRICOLO DEI TERRENI DELLE CLASSI DI RISCHIO 5 E 4 DI CUI AL DECRETO INTERMINISTERIALE

Dettagli

TOSSICOLOGIA ANALISI MATRICE METODO VALORI DI RIF UNITA' DI TAT ESPOSIZIONE

TOSSICOLOGIA ANALISI MATRICE METODO VALORI DI RIF UNITA' DI TAT ESPOSIZIONE TOSSICOLOGIA ANALISI MATRICE METODO VALORI DI RIF UNITA' DI TAT ESPOSIZIONE MIS 2-5 ESANDIONE HPLC Esposti a rischio < 0,4 10 gg Solv. esacarboniosi Metilbutilchetone Esano ACETATO DI BUTILE GC Non reperibili

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PROGETTO PER LA RIMOZIONE, TRASPORTO E SMALTIMENTO DI RIFIUTI IN LOCALITÀ FERRARO I E II - COMUNE DI SANTA MARIA LA FOSSA (CE)

CAPITOLATO TECNICO PROGETTO PER LA RIMOZIONE, TRASPORTO E SMALTIMENTO DI RIFIUTI IN LOCALITÀ FERRARO I E II - COMUNE DI SANTA MARIA LA FOSSA (CE) ACCORDO DI PROGRAMMA STRATEGICO PER LE COMPENSAZIONI AMBIENTALI NELLA REGIONE CAMPANIA DEL 18 LUGLIO 2008 E SUCCESSIVO ATTO MODIFICATIVO DELL'8 APRILE 2009 Convenzione Quadro tra il Ministero dell'ambiente

Dettagli

AL PERSONALE DOCENTE e NON DEOCENTE. CIRCOLARE n 157

AL PERSONALE DOCENTE e NON DEOCENTE. CIRCOLARE n 157 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Liceo Scientifico, Liceo Classico, Liceo delle Scienze Umane, Liceo Linguistico Tito Lucrezio Caro 35013 CITTADELLA (PD) - Via Alfieri, 58 tel. 049 5971313 - fax 049 5970692

Dettagli

MONITORAGGIO DEL SUOLO

MONITORAGGIO DEL SUOLO Dipartimento Provinciale di Treviso Servizio Suoli MONITORAGGIO DEL SUOLO DETERMINAZIONE DELLE CONCENTRAZIONI DI MICROINQUINANTI ORGANICI PRIMA RILEVAZIONE A SCALA REGIONALE 2010-2013 REPORT INTERMEDIO

Dettagli

DECRETO N. 889 Del 11/02/2016

DECRETO N. 889 Del 11/02/2016 DECRETO N. 889 Del 11/02/2016 Identificativo Atto n. 61 DIREZIONE GENERALE WELFARE Oggetto AGGIORNAMENTO DEL REGITRO DELLA REGIONE LOMBARDIA DEI LABORATORI CHE EFFETTUANO ANALII NELL'AMBITO DELLE PROCEDURE

Dettagli

Tariffario per analisi di acqua potabile (Stato 7.1.2016)

Tariffario per analisi di acqua potabile (Stato 7.1.2016) Dipartimento della sanità e della socialità LABORATORIO CANTONALE Tariffario per analisi di acqua potabile (Stato 7.1.2016) Prestazioni di servizio del laboratorio cantonale per analisi di acqua potabile.

Dettagli

LABORATORIO DI ANATOMIA PATOLOGICA

LABORATORIO DI ANATOMIA PATOLOGICA LABORATORIO DI ANATOMIA PATOLOGICA riduzione dei pezzi anatomici formaldeide inclusione in paraffina preparazione dei vetrini e fissaggio xilene ed etanolo colorazione automatica o manuale FORMALDEIDE

Dettagli

LA DIOSSINA IN CAMPANIA

LA DIOSSINA IN CAMPANIA 1 3 LA DIOSSINA IN CAMPANIA 1 7 1 7 1 7 1 7 1 7 1 7 1 7 1 7 1 7 1 7 tossici conosciuti. 1 7 1 7 1 7 Figura 4.1-2,3,7,8-tetraclorodibenzo-p-diossina 161 1 3 1 7 1 7 1 7 1 7 1 7 1 7 1 7 1 7 1 7 1 7 1 7 1

Dettagli

MONITORAGGIO DEL SUOLO E ALTRI MONITORAGGI

MONITORAGGIO DEL SUOLO E ALTRI MONITORAGGI MONITORAGGIO DEL SUOLO E ALTRI MONITORAGGI 16 febbraio 2011 Sezione Provinciale di Ferrara Via Bologna, 534 44124 Ferrara ENRICA CANOSSA-MANUELA MENGONI-CLAUDIA MILAN (ecanossa@arpa.emr.it) (mmengoni@arpa.emr.it)

Dettagli

L acqua potabile nel comune di Nerviano

L acqua potabile nel comune di Nerviano L acqua potabile nel comune di Nerviano Introduzione Scopo di questa relazione è descrivere la qualità dell acqua fornita dall acquedotto di Nerviano, quale risulta dai controlli effettuati nel corso del

Dettagli

METODI ANALISI RIFIUTI LIQUIDI

METODI ANALISI RIFIUTI LIQUIDI Data aggiornamento 0/0/2 Accreditato ACCREDIA Residui residuo a 05 C % 0, CNR IRSA 2 Q 64 Vol 2 984 residuo a 600 C % 0, CNR IRSA 2 Q 64 Vol 2 984 Parametri Fisici, Chimici e Chimico-fisici acidità meq/kg

Dettagli

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda 1 di 13 ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Acqua, acqua calda circuiti sanitari, acqua calda torri di raffreddamento Ricerca e conta mediante Real-Time PCR di Legionella spp e Legionella pneumophila

Dettagli

METODI ANALISI AMBIENTE

METODI ANALISI AMBIENTE Accreditato ACCREDIA Parametri determinati in campo Anidride carbonica analizzatore IR Carbonio organico totale (T.O.C.) UNI EN 13526:2002 Metano Metano Monossido di carbonio Ossigeno Temperatura Umidità

Dettagli

150599-02 Emissioni gassose

150599-02 Emissioni gassose Rapporto di prova n Descrizione Accettazione Data Inizio prove Impianto: Emissioni gassose 150599 17-giu-15 Data fine prove 30-lug-15 Pagina 1\5 Spettabile: AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL'AMBIENTE

Dettagli

Acquedotto di Roé Volciano:

Acquedotto di Roé Volciano: Acquedotto di Roé Volciano: Sintesi dell infrastruttura; Descrizione del Piano di controllo interno; Documento Controlli chimici e microbiologici anno 2012. Pagina - 1 - di 6 1. Premessa La gestione del

Dettagli

CER 19.08.05. 24/03/2014 24/03/2014 CNR IRSA 2 Q 64 Vol2 1984 10 25/03/2014 26/03/2014 UNI EN 13346:2002 + UNI EN ISO 11885:2009

CER 19.08.05. 24/03/2014 24/03/2014 CNR IRSA 2 Q 64 Vol2 1984 10 25/03/2014 26/03/2014 UNI EN 13346:2002 + UNI EN ISO 11885:2009 LAB ANALYSIS Srl Via Europa, 5 27041 CASANOVA LONATI (PV) Tel. 0385-287000 Fax: 0385-57311 e-mail: info@labanalysis.it Internet: www.labanalysis.it Rapporto di prova n : Identificazione: 1405830-001 Fango

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Dipartimento Provinciale ARPAV di Venezia Via Lissa, 6 30171 Venezia Mestre - Italy Tel. +39 041 5445511 Fax +39 041 5445500 e-mail: dapve@arpa.veneto.it Servizio Sistemi Ambientali Responsabile del Procedimento:

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA N. 3717/15

RAPPORTO DI PROVA N. 3717/15 Spett.le P3 SRL VIA SALVO D'ACQUISTO, 5 35010 RONCHI DI VILLAFRANCA (PD) Sigla del campione SFRIDI E SCARTI DI LAVORAZIONE PANNELLI POLIURETANICI COMPOSTI Numero accettazione 3717 Campione ricevuto 08/07/2015

Dettagli

Validazione dati nelle misure in campo di aeriformi

Validazione dati nelle misure in campo di aeriformi Validazione dati nelle misure in campo di aeriformi Maurizio Di Tonno Nucleo Operativo Bonifiche e Suolo Marco Fontana, Maria Radeschi Rischio industriale ed Igiene industriale Roma, 29 Gennaio 2015 Competenze

Dettagli

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Ligure

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Ligure Validazione della Caratterizzazione Ambientale dei Cantieri Navali Michelini s.r.l. V.le S. Bartolomeo S.I.N. Pitelli La Spezia 1 Indice INDICE...2 1 PREMESSA...3 2 RISULTATI DELLA CARATTERIZZAZIONE...5

Dettagli

SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SITO INQUINATO DI INTERESSE NAZIONALE LAGUNA DI MARANO E GRADO

SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SITO INQUINATO DI INTERESSE NAZIONALE LAGUNA DI MARANO E GRADO SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SIN LAGUNA DI MARANO E GRADO 175 SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SITO INQUINATO DI INTERESSE NAZIONALE LAGUNA DI MARANO E GRADO La presenza di sostanze potenzialmente pericolose

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEI FILE EXCEL INSERISCI DATI PROVINCE E INSERISCI DATI COMUNI. Catasto Scarichi RIAL RISORSE IDRICHE ARPA LOMBARDIA

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEI FILE EXCEL INSERISCI DATI PROVINCE E INSERISCI DATI COMUNI. Catasto Scarichi RIAL RISORSE IDRICHE ARPA LOMBARDIA INSERISCI DATI PROVINCE E INSERISCI DATI COMUNI Catasto Scarichi RIAL RISORSE IDRICHE ARPA LOMBARDIA Aprile 2006 INTRODUZIONE In questo documento si forniscono alcune note di compilazione che aiutano

Dettagli

TARIFFARIO PROFESSIONALE DEI TECNOLOGI ALIMENTARI

TARIFFARIO PROFESSIONALE DEI TECNOLOGI ALIMENTARI TARIFFARIO PROFESSIONALE DEI TECNOLOGI ALIMENTARI TABELLA 3 : Tariffe per analisi chimiche, chimico-fisiche e microbiologiche generali INDICE DELLA TABELLA 3 1. ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO... 4 Prove

Dettagli

Tariffe per prestazioni di laboratorio a pagamento S.C. Medicina del Lavoro (Delibera Direttore Genelare N. 261 del 4/03/2009)

Tariffe per prestazioni di laboratorio a pagamento S.C. Medicina del Lavoro (Delibera Direttore Genelare N. 261 del 4/03/2009) Tariffe per prestazioni di laboratorio a pagamento S.C. Medicina del Lavoro (Delibera Direttore Genelare N. 261 del 4/03/2009) ANALISI DI INQUINANTI AERODISPERSI PRESTAZIONE Matrice Tecnica analitica Euro

Dettagli

L acqua potabile nel comune di Rescaldina

L acqua potabile nel comune di Rescaldina L acqua potabile nel comune di Rescaldina Introduzione Scopo di questa relazione è descrivere la qualità dell acqua fornita dall acquedotto di Rescaldina, quale risulta dai controlli effettuati nel corso

Dettagli

REGIONE MARCHE Servizio Ambiente e Paesaggio P.F. Salvaguardia, Sostenibilità e Cooperazione Ambientale

REGIONE MARCHE Servizio Ambiente e Paesaggio P.F. Salvaguardia, Sostenibilità e Cooperazione Ambientale SCHEDA N : 1 SCHEDA N : 1 Nome Sito: P.V. ESSO n. 4731 Comune: Ancona Sito di Interesse Nazionale (N) Codice Anagrafe Sito: 04200200015 Codice ISTAT: 11042002 N: 4822163 E: 2399562 Le acque sotterranee

Dettagli

L acqua potabile nel comune di Arluno

L acqua potabile nel comune di Arluno L acqua potabile nel comune di Arluno Introduzione Scopo di questa relazione è descrivere la qualità dell acqua fornita dall acquedotto di Arluno, quale risulta dai controlli effettuati nel corso del 2014,

Dettagli

HERA AMI s.r.l. TABELLE REGOLAMENTO DI FOGNATURA DEPURAZIONE

HERA AMI s.r.l. TABELLE REGOLAMENTO DI FOGNATURA DEPURAZIONE HERA AMI s.r.l. TABELLE REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE settembre 2003 TABELLA A - Valori limite di emissione in acque superficiali ed in fognatura TABELLA B - Limiti di emissione per unità di prodotto

Dettagli

3 a Campagna di monitoraggio 23, 24 e 26 giugno 2008

3 a Campagna di monitoraggio 23, 24 e 26 giugno 2008 Rilevazione di PCDD/F e PCB diossina simili nei fumi di processo emessi dal camino E 312 dell impianto di agglomerazione AGL/2 dello stabilimento siderurgico ILVA S.p.A. di Taranto 3 a Campagna di monitoraggio

Dettagli

industria fibre tessili, filati, tessuti e confezioni

industria fibre tessili, filati, tessuti e confezioni industria fibre tessili, filati, tessuti e confezioni TE01 Allungamento a rottura (trama-ordito) UNI EN ISO 13934-1:2000 TE02 Altezza UNI EN 1773:1998 TE06 Armatura UNI 8099:1980 TE08 e confezioni tessili

Dettagli

LISTINO ANALISI CHIMICHE LABORATORIO GENESI srl ANNO 2013

LISTINO ANALISI CHIMICHE LABORATORIO GENESI srl ANNO 2013 LISTINO ANALISI CHIMICHE LABORATORIO GENESI srl ANNO 2013 All.MQ_4.4_02 rev.00 del 30.03.2013 Pagina 1 di 23 MATRICE: ACQUE PARAMETRO METODO PREZZO ph APAT CNR IRSA 2060 Man 5,00 Conducibilità elettrolitica

Dettagli

L acqua potabile nel comune di Canegrate

L acqua potabile nel comune di Canegrate L acqua potabile nel comune di Canegrate Introduzione Scopo di questa relazione è descrivere la qualità dell acqua fornita dall acquedotto di Canegrate, quale risulta dai controlli effettuati nel corso

Dettagli

L acqua potabile nel comune di Bollate e Baranzate

L acqua potabile nel comune di Bollate e Baranzate L acqua potabile nel comune di Bollate e Baranzate Introduzione Scopo di questa relazione è descrivere la qualità dell acqua fornita dall acquedotto di Bollate, quale risulta dai controlli effettuati nel

Dettagli

RISULTATI DELLE PROVE

RISULTATI DELLE PROVE Bologna (Reparto chimico degli alimenti) Via Fiorini, 5 - Bologna (BO) - Tel. 05/4200022 - Fax 05/4200055 - e-mail: chimico.bologna@izsler.it Conferimento N 203/2055 Matrice conferita: POLLO INTERO Motivazione

Dettagli

Guida ai laboratori ARPAC

Guida ai laboratori ARPAC Guida ai laboratori ARPAC 2015 Guida ai laboratori ARPAC 2015 Coordinamento a cura del Servizio Assicurazione Qualità Editing a cura del Servizio Comunicazione Edizione marzo 2015 ARPAC via Vicinale S.

Dettagli

Decreto Ministeriale 14 aprile 2009, n. 56

Decreto Ministeriale 14 aprile 2009, n. 56 Decreto Ministeriale 14 aprile 2009, n. 56 Acque superficiali Tab. 1/A Standard di qualità nella colonna d acqua per le sostanze dell elenco di priorità 1 2 (1) Le sostanze contraddistinte dalla lettera

Dettagli

Progetto di bonifica e Piano degli scavi Pagina 1 di 53

Progetto di bonifica e Piano degli scavi Pagina 1 di 53 Progetto di bonifica e Piano degli scavi Pagina 1 di 53 1 PREMESSA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3 3 CONDIZIONI DI RISCHIO AMBIENTALE ATTUALE... 3 4 DESCRIZIONE DEL SITO... 4 4.1 Inquadramento geologico

Dettagli

QUALITA ACQUE SOTTERRANEE

QUALITA ACQUE SOTTERRANEE APAT Agenzia per la Protezione dell Ambiente e per i Servizi Tecnici QUALITA ACQUE SOTTERRANEE Lo stato di qualità ambientale dei corpi idrici sotterranei è definito sulla base dello stato quantitativo

Dettagli

L acqua potabile nel comune di Pogliano Milanese

L acqua potabile nel comune di Pogliano Milanese L acqua potabile nel comune di Pogliano Milanese Introduzione Scopo di questa relazione è descrivere la qualità dell acqua fornita dall acquedotto di Pogliano Milanese, quale risulta dai controlli effettuati

Dettagli

L acqua potabile nel comune di San Vittore Olona

L acqua potabile nel comune di San Vittore Olona L acqua potabile nel comune di San Vittore Olona Introduzione Scopo di questa relazione è descrivere la qualità dell acqua fornita dall acquedotto di San Vittore Olona, quale risulta dai controlli effettuati

Dettagli

DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012.

DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012. DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012. 1. Premessa L art. 13 del DM 161/2012 prevede che al fine di

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 756/2010 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (UE) N. 756/2010 DELLA COMMISSIONE L 223/20 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 25.8.2010 REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 756/2010 DELLA COMMISSIONE del 24 agosto 2010 recante modifica del regolamento (CE) n. 850/2004 del Parlamento

Dettagli

EMISSIONI IN ATMOSFERA DA CENTRALI A TURBOGAS A cura di Arpa Sezione di Piacenza e Ferrara

EMISSIONI IN ATMOSFERA DA CENTRALI A TURBOGAS A cura di Arpa Sezione di Piacenza e Ferrara EMISSIONI IN ATMOSFERA DA CENTRALI A TURBOGAS A cura di Arpa Sezione di Piacenza e Ferrara Premessa In questo documento si vogliono approfondire gli elementi tecnici caratteristici delle emissioni in atmosfera

Dettagli

LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI DAL PUNTO DI VISTA TECNICO-PRATICO

LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI DAL PUNTO DI VISTA TECNICO-PRATICO Il regime della classificazione dei rifiuti: aspetti normativi e analisi tecnica Vicenza 13 marzo 2014 1 LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI DAL PUNTO DI VISTA TECNICO-PRATICO Gabriella Jaforte 2 Tipi di rifiuti

Dettagli

SERVIZIO DI CARATTERIZZAZIONE AMBIENTALE DELL AREA DI PROPRIETA DISTRIPARK TARANTO s.c.a r.l.

SERVIZIO DI CARATTERIZZAZIONE AMBIENTALE DELL AREA DI PROPRIETA DISTRIPARK TARANTO s.c.a r.l. SERVIZIO DI CARATTERIZZAZIOE AMBIETALE DELL AREA DI PROPRIETA DISTRIPARK TARATO s.c.a r.l. ELECO PREZZI UITARI DISTRIPARK TARATO SOCIETA COSORTILE A RESPOSABILITA LIMITATA Iscritta al Registro delle Imprese

Dettagli

Relazione Tecnico Descrittiva Piano di caratterizzazione dei Suoli nel Comune di Acerra

Relazione Tecnico Descrittiva Piano di caratterizzazione dei Suoli nel Comune di Acerra Piano di caratterizzazione dei Suoli nel Comune di Acerra SIN Litorale Domitio Flegreo ed Agro Aversano Maggio 2008 INDICE 1 PREMESSA... 3 1.2 Obiettivi... 4 1.3 Destinazione d uso... 4 2 INDAGINI PREGRESSE...

Dettagli

Comportamento delle tubazioni in PVC agli agenti chimici

Comportamento delle tubazioni in PVC agli agenti chimici Comportamento delle tubazioni in PVC agli agenti chimici Si riportano di seguito alcuni prospetti relativi la resistenza chimica del PVC rigido, basati su esperienze pratiche e di laboratorio eseguite

Dettagli

MONITORAGGIO NEL COMUNE DI POSSAGNO

MONITORAGGIO NEL COMUNE DI POSSAGNO PROGETTO AMBIENTE E SALUTE - ANNO 2013-2014 - Monitoraggio della qualità dell aria in 12 comuni della provincia di Treviso Cavaso del Tomba - Cornuda - Crocetta del Montello - Farra di Soligo - Moriago

Dettagli

Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l.

Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l. Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l. Comunicazione al pubblico ai sensi del PMA approvato con prescrizioni da ISPRA (Istituto

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 29.3.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 91/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 277/2012 DELLA COMMISSIONE del 28 marzo 2012 che modifica gli allegati I e II della direttiva

Dettagli

ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA

ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA Paolo Parati ARPAV (Direzione Tecnica Servizio Acque Interne) 5 Marzo 2009 INTERVENTI FINANZIATI DALLA REGIONE CON

Dettagli

industria fibre tessili, filati, tessuti e confezioni

industria fibre tessili, filati, tessuti e confezioni industria fibre tessili, filati, tessuti e confezioni TE01 Allungamento a rottura (trama-ordito) UNI EN ISO 13934-1:2000 TE02 Altezza UNI EN 1773:1998 TE03 TE04 TE05 e confezioni e confezioni Confezioni

Dettagli