CAPITOLATO TECNICO GARA A PROCEDURA RISTRETTA N. 1/2009 PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONE ED INFORMATICI PER LA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLATO TECNICO GARA A PROCEDURA RISTRETTA N. 1/2009 PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONE ED INFORMATICI PER LA"

Transcript

1 Allegato 6 alla lettera d invito Allegato C al Contratto Quadro Allegato C al Contratto Esecutivo CAPITOLATO TECNICO GARA A PROCEDURA RISTRETTA N. 1/2009 PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONE ED INFORMATICI PER LA REALIZZAZIONE DEI SERVIZI DELLA RETE INTERNAZIONALE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE (S-RIPA)

2 INDICE DEI CONTENUTI PREMESSA... 4 PARTE PRIMA - OGGETTO DELLA FORNITURA I CLIENTI DEI SERVIZI DI RETE INTERNAZIONALE CONSISTENZE DEI SERVIZI RIPA Ministero degli Affari Esteri (MAE) Ministero della Difesa Ente Nazionale Italiano per il Turismo (ENIT) Agenzia delle Dogane DISTRIBUZIONE GEOGRAFICA DELLE SEDI ARCHITETTURA DELLA RETE INTERNAZIONALE S-RIPA CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI E PRESCRIZIONI GENERALI PROFILI DI SERVIZIO PER LA CONNETTIVITÀ E INDICE DI COPERTURA GEOGRAFICA Profili di Servizio per la connettività Indice di copertura geografica INTERCONNESSIONE CON IL SISTEMA PUBBLICO DI CONNETTIVITÀ (SPC) SERVIZI DI CONNETTIVITÀ IP ED INTERNET CONNETTIVITÀ BASE Descrizione del servizio Requisiti del servizio CONNETTIVITÀ EVOLUTA Descrizione del servizio Requisiti del servizio SERVIZI DI SICUREZZA DI RETE DESCRIZIONE DEI SERVIZI REQUISITI DEI SERVIZI Firewall Antivirus & Content filtering Intrusion Detection & Prevention VPN IPsec MODALITÀ DI GESTIONE DELLA SICUREZZA DI RETE Profilo Standard Profilo Strong SERVIZI VOIP (VOICE OVER IP) DESCRIZIONE DEI SERVIZI REQUISITI DEI SERVIZI Soluzione IP Telephony Soluzione IP Trunking SERVIZI DI UNIFIED COMMUNICATION SERVIZI DI POSTA ELETTRONICA Descrizione del servizio Requisiti del servizio SERVIZI DI VIDEOCOMUNICAZIONE COLLABORATIVA Descrizione del servizio Requisiti del servizio SERVIZI DI VIDEOCONFERENZA DI QUALITÀ SU IP Descrizione del servizio Requisiti del servizio SERVIZI DI COMUNICAZIONE EVOLUTA IN MOBILITÀ Servizi di Accesso Intranet in mobilità Descrizione del servizio Requisiti del servizio Servizi di back-up satellitare in mobilità Pagina 2 di 99

3 Descrizione del servizio Requisiti del servizio SERVIZI DI CONDUZIONE DEI SISTEMI GESTIONE DELLE POSTAZIONI DI LAVORO Descrizione del servizio Requisiti del servizio LAN MANAGEMENT Descrizione del servizio Requisiti del servizio SYSTEM MANAGEMENT Descrizione del servizio Requisiti del servizio Correlazione fra classificazione dimensionale e modalità di erogazione SERVIZI DI SUPPORTO NETWORK OPERATING CENTER (NOC) SECURITY OPERATING CENTER (SOC) SISTEMA DI SUPERVISIONE E MONITORAGGIO DELLA QUALITÀ CALL CENTER MISURE DI SICUREZZA DELL INFRASTRUTTURA DI RETE Principi generali Misure di controllo e recupero Misure organizzative SERVIZI DI FAULT MANAGEMENT SERVIZI DI PROVISIONING, CONFIGURATION E CHANGE MANAGEMENT SERVIZI DI RENDICONTAZIONE E FATTURAZIONE SERVIZI PROFESSIONALI DI SUPPORTO SISTEMISTICO ED OPERATIVO MODALITÀ DI ATTIVAZIONE DEI SERVIZI Condivisione delle informazioni Progetto dei Fabbisogni Site Preparation Installazione Migrazione VARIANTE DI ESERCIZIO FINESTRA DI EROGAZIONE ESTESA RUOLO E FUNZIONI DI DIGITPA PARTE SECONDA COLLAUDI E DOCUMENTAZIONE DI RISCONTRO VERIFICHE E COLLAUDI PRESCRIZIONI GENERALI COLLAUDO DEI SERVIZI SU PIATTAFORMA TECNICA (TEST BED) COLLAUDO DI CONFIGURAZIONE DEGLI ACCESSI DOCUMENTAZIONE DI RISCONTRO DOCUMENTAZIONE RELATIVA AL CONTRATTO QUADRO DOCUMENTAZIONE RELATIVA AL CONTRATTO ESECUTIVO APPENDICE Ι CONSISTENZE RIPA DEL MAE (OTTOBRE 09) APPENDICE ΙΙ CONSISTENZE RIPA DEL MINISTERO DELLA DIFESA (OTTOBRE 09) APPENDICE ΙΙΙ CONSISTENZE RIPA DELL ENIT (OTTOBRE 09) APPENDICE ΙV CONSISTENZE RIPA DELL AGENZIA DELLE DOGANE (OTTOBRE 09) Pagina 3 di 99

4 Premessa Il presente documento formula i requisiti minimi per la realizzazione dei servizi della Rete Internazionale delle Pubbliche Amministrazioni (S-RIPA) e le modalità con le quali tali servizi dovranno essere erogati. Il Prestatore dovrà presentare, al momento dell'offerta, un Progetto Tecnico che descriva nel dettaglio le modalità e le caratteristiche realizzative dei servizi offerti e delle infrastrutture necessarie per la loro erogazione. Il progetto costituirà la componente tecnica dell offerta e sarà valutato dalla Commissione di aggiudicazione della gara. In particolare, i servizi oggetto di fornitura riguardano: servizi di Connettività IP ed Internet, le cui specifiche sono riportate nel Capitolo 3; servizi di Sicurezza di rete, le cui specifiche sono riportate nel Capitolo 4; servizi VoIP (Voice over IP), le cui specifiche sono riportate nel Capitolo 5; servizi di Unified Communication, le cui specifiche sono riportate nel Capitolo 6; servizi di Conduzione dei sistemi, le cui specifiche sono riportate nel Capitolo 7; servizi di supporto, le cui specifiche sono riportate nel Capitolo 8, atti ad assicurare la migliore erogazione dei servizi di cui ai precedenti punti, mediante un Centro di Gestione (CG-S-RIPA) che assicuri alle singole Amministrazioni i seguenti servizi: o gestione della rete, con monitoraggio puntuale di ogni servizio; o gestione e monitoraggio dei servizi di sicurezza; o monitoraggio dei livelli di servizio; o supporto tecnico alla gestione dei malfunzionamenti; o gestione centralizzata delle configurazioni e distribuzione del software; o funzioni di Call Center per la ricezione delle segnalazioni di anomalie da parte dell'utenza. La numerazione delle specifiche segue, per ciascun Allegato, il formato [X - Y - N] dove: X indica la classe del requisito, secondo la seguente classificazione: o punti di natura definitoria e/o interpretativa, indicati con il carattere D, con lo scopo di agevolare la corretta interpretazione delle specifiche illustrate nel documento stesso; o prescrizioni che dovranno essere soddisfatte nell offerta, indicate con il carattere R, con specifico impegno da parte dell offerente. Y è il numero della sezione che raggruppa i requisiti secondo l argomento specifico cui si riferiscono; N è un numero progressivo. Nel seguito si indicherà con il termine "Prestatore" la Società o il RTI che formulerà l'offerta e sottoscriverà il contratto quadro. Nei casi in cui il presente documento non specifichi in modo univoco le modalità di erogazione di un particolare servizio o di un suo elemento, l offerente dovrà evidenziare nell offerta le modalità che intende adottare per la fornitura del servizio o del suo elemento. Pagina 4 di 99

5 PARTE PRIMA - OGGETTO DELLA FORNITURA 1 I Clienti dei servizi di Rete Internazionale I fruitori dei servizi di Rete Internazionale sono le pubbliche amministrazioni, come specificato nell art. 85 del Codice dell Amministrazione Digitale (dlgs. 7 marzo 2005, numero 82). Di seguito si indicherà con il termine generico di "Amministrazione" il cliente dei servizi di Rete Internazionale. Sulla base delle attuali consistenze dei servizi acquisiti nell ambito del contratto RIPA dal Ministero degli Affari Esteri (MAE), dal Ministero della Difesa, dall Ente Nazionale Italiano per il Turismo (ENIT) e dall Agenzia delle Dogane, sono stati individuati i requisiti dei servizi oggetto del presente Capitolato tecnico. 1.1 Consistenze dei servizi RIPA Nel presente paragrafo si riporta un quadro sintetico delle attuali consistenze dei servizi RIPA, suddivise per singola Amministrazione. Le sedi che attualmente usufruiscono dei servizi RIPA sono 356, così ripartite: n. 261 sedi del Ministero degli Affari Esteri (MAE); n. 73 sedi del Ministero della Difesa, alcune delle quali risultano co-locate con sedi del MAE; n. 17 sedi dell ENIT (Ente Nazionale Italiano per il Turismo); n. 5 sedi dell Agenzia delle Dogane Ministero degli Affari Esteri (MAE) Il Ministero degli Affari Esteri (MAE), che conta una sede centrale e 259 sedi periferiche (di cui 2 in territorio nazionale e 257 in territorio internazionale), ha contrattualizzato servizi RIPA al fine di realizzare una maggior integrazione dei diversi sistemi di comunicazione in dotazione (fonia, dati, messaging, etc.) e mira tutt oggi ad intraprendere una graduale evoluzione al fine di rendere operativi ulteriori servizi a valore aggiunto che migliorino le relazioni tra le proprie rappresentanze e la sede centrale della Farnesina. Si riporta di seguito un quadro riassuntivo delle consistenze dei servizi erogati nell ambito del contratto RIPA, aggiornate al mese di Ottobre 2009: Servizi di Connettività: o n. 210 sedi usufruiscono di un accesso always on con banda compresa tra 256 e 512 kbps; o n. 49 sedi usufruiscono di un accesso always on con banda compresa tra 2048 e 4096 kbps; o n. 1 sede centrale (Farnesina) che usufruisce di un accesso always on a 16 Mbps. Servizi Internet: tutte le sedi del MAE usufruiscono del servizio di accesso ad Internet. Servizi di Sicurezza: tutte le sedi estere usufruiscono del servizio di sicurezza con profilo strong, che prevede il monitoraggio real-time ed in proattività degli allarmi di sicurezza, tramite il SOC (Security Operating Center). Servizi VoIP: o n. 69 sedi usufruiscono del servizio di VoIP in modalità Integrata, la cui implementazione ha comportato il minimo impatto sull infrastruttura esistente. Tale modalità, infatti, prevede Pagina 5 di 99

6 la connessione del centralino telefonico locale con la rete IP tramite un IP Voice Gateway che consente di trasformare il traffico voce e fax in pacchetti IP; o n. 4 sedi usufruiscono del servizio di VoIP in modalità Bluefield, in cui l apparato di accesso riceve i pacchetti VoIP già in forma IP su una interfaccia Ethernet e li convoglia sulla rete IP. Tale modalità ha previsto la fornitura di postazioni VoIP (sia wired che wireless) gestite da un centralino IP centralizzato. Per il dettaglio puntuale delle sedi del MAE e dei singoli servizi RIPA erogati su ciascuna di esse, si rimanda all Appendice Ι Consistenze RIPA del MAE (Ottobre 09) Ministero della Difesa Il Ministero della Difesa ha contrattualizzato servizi RIPA per le sue 73 sedi (di cui 1 sede centrale, 1 sede periferica in territorio nazionale e 71 sedi periferiche in territorio internazionale) suddivise in due differenti tipologie: sedi degli Addetti Militare in seno alle Ambasciate; sedi delle rappresentanze militari italiane all estero. Si riporta di seguito un quadro riassuntivo delle consistenze dei servizi erogati nell ambito del contratto RIPA, aggiornate al mese di Ottobre 2009: Servizi di Connettività: o n. 59 sedi usufruiscono di un accesso always on con banda compresa tra 256 e 512 kbps; o n. 12 sedi usufruiscono di un accesso always on con banda compresa tra 2048 e 4096 kbps; o n. 2 sede centrale usufruisce di un accesso always on a 34 Mbps. Servizi Internet: tutte le sedi del Ministero della Difesa usufruiscono del servizio di accesso ad Internet; Servizi di Sicurezza: tutte le sedi estere usufruiscono del servizio di sicurezza con profilo strong ; Servizi VoIP: o n. 4 sedi usufruiscono del servizio di VoIP in modalità Integrata ; o n. 48 sedi usufruiscono del servizio di VoIP in modalità Bluefield. Per il dettaglio puntuale delle sedi del Ministero della Difesa e dei singoli servizi RIPA erogati su ciascuna di esse, si rimanda all Appendice ΙΙ Consistenze RIPA del Ministero della Difesa (Ottobre 09) Ente Nazionale Italiano per il Turismo (ENIT) L Ente Nazionale Italiano per il Turismo, nell ambito del contratto RIPA, ha previsto il collegamento delle proprie 17 sedi, dotando inoltre tutti i suoi uffici del servizio di accesso ad Internet. Si riporta di seguito un quadro riassuntivo delle consistenze dei servizi erogati nell ambito del contratto RIPA, aggiornate al mese di Ottobre 2009: Servizi di Connettività: o n. 12 sedi usufruiscono di un accesso always on con banda di 1536 o 2048 kbps; o n. 4 sedi usufruiscono di un accesso always on con banda di 4096 o 4608 kbps; o n. 1 sede centrale usufruisce di un accesso always on on banda di 8 Mbps. Servizi Internet: tutte le sedi dell ENIT usufruiscono del servizio di accesso ad Internet. ENIT non ha richiesto la sottoscrizione ai servizi di sicurezza e VoIP. Pagina 6 di 99

7 Per il dettaglio puntuale delle sedi dell ENIT e dei singoli servizi RIPA erogati su ciascuna di esse, si rimanda all Appendice ΙΙΙ Consistenze RIPA dell ENIT (Ottobre 09) Agenzia delle Dogane L Agenzia delle Dogane, nell ambito del contratto RIPA, ha previsto il collegamento delle proprie 5 sedi richiedendo garanzie di confidenzialità della comunicazione per il trasporto IP tra sedi estere e sede centrale. Si riporta di seguito un quadro riassuntivo delle consistenze dei servizi erogati nell ambito del contratto RIPA, aggiornate al mese di Ottobre 2009: Servizi di Connettività: o n. 1 sede usufruisce di un accesso always on con banda di 256 kbps; o n. 3 sedi usufruiscono di un accesso always on con banda di 512 kbps; o n. 1 sede centrale usufruisce di un accesso always on con banda di 2048 kbps. Servizi di Sicurezza: o n. 4 sedi usufruiscono del servizio di sicurezza con profilo High, che prevede livelli di servizio coerenti con la limitata criticità della sede da proteggere; o n. 1 sede usufruisce del servizio di sicurezza con profilo Strong. L Agenzia delle Dogane non ha richiesto la sottoscrizione ai servizi VoIP. Per il dettaglio puntuale delle sedi dell Agenzia delle Dogane e dei singoli servizi RIPA erogati su ciascuna di esse, si rimanda all Appendice ΙV Consistenze RIPA dell Agenzia delle Dogane (Ottobre 09). 1.2 Distribuzione geografica delle sedi Nella tabella seguente, è riportato l elenco completo dei 134 Paesi presso i quali sono attualmente erogati i servizi RIPA, e per ciascuno di essi, la zona geografica di appartenenza ed il numero di siti (sedi delle Amministrazioni) coinvolti. PAESE ZONA GEOGRAFICA SITI AFGHANISTAN C 2 PAESE MACEDONIA, THE FORMER YUGOSLAV REPUBLIC OF ZONA GEOGRAFICA SITI B 2 ALBANIA B 6 MALAYSIA B 2 ALGERIA B 2 MALTA B 2 ANGOLA C 2 MEXICO B 1 ARGENTINA B 11 MOLDOVA, REPUBLIC OF B 1 ARMENIA B 1 MONACO A 1 AUSTRALIA B 8 MONTENEGRO B 1 AUSTRIA A 6 MOROCCO C 3 AZERBAIJAN B 1 MOZAMBIQUE C 1 BAHRAIN C 1 MYANMAR C 1 BANGLADESH C 1 NETHERLANDS A 4 BELARUS B 1 NEW ZEALAND B 1 Pagina 7 di 99

8 PAESE ZONA GEOGRAFICA SITI PAESE ZONA GEOGRAFICA SITI BELGIUM A 9 NICARAGUA B 1 BOLIVIA B 1 NIGERIA C 3 BOSNIA AND HERZEGOVINA B 1 NORWAY A 2 BRAZIL B 8 OMAN C 2 BULGARIA B 2 PAKISTAN B 3 CAMEROON C 1 PANAMA B 1 CANADA A 7 PARAGUAY B 1 CHILE B 2 PERU B 2 CHINA B 5 PHILIPPINES B 1 COLOMBIA B 1 POLAND B 3 CONGO C 1 PORTUGAL A 2 CONGO, THE DEMOCRATIC REPUBLIC OF THE C 1 QATAR C 1 COSTA RICA B 1 ROMANIA B 4 COTE D'IVOIRE C 1 RUSSIAN FEDERATION B 5 CROATIA B 4 SAN MARINO A 1 CUBA C 1 SAUDI ARABIA C 3 CYPRUS B 1 SENEGAL C 1 CZECH REPUBLIC B 2 SERBIA B 2 DENMARK A 2 SINGAPORE B 1 DOMINICAN REPUBLIC B 1 SLOVAKIA B 1 ECUADOR B 1 SLOVENIA B 3 EGYPT B 4 SOUTH AFRICA B 5 EL SALVADOR B 1 SPAIN A 6 ERITREA C 2 SRI LANKA B 1 ESTONIA B 1 SUDAN C 2 ETHIOPIA C 2 SWEDEN A 3 FINLAND A 1 SWITZERLAND A 18 FRANCE A 19 SYRIAN ARAB REPUBLIC C 2 GABON C 1 TAIWAN, REPUBLIC OF CHINA B 1 GEORGIA B 1 TANZANIA, UNITED REPUBLIC OF C 1 GERMANY A 18 THAILAND B 1 GHANA C 1 TUNISIA C 3 GREECE B 5 TURKEY B 5 GUATEMALA B 1 UGANDA C 1 HONDURAS B 1 UKRAINE B 2 HUNGARY B 2 UNITED ARAB EMIRATES B 3 INDIA B 4 UNITED KINGDOM A 8 Pagina 8 di 99

9 PAESE ZONA GEOGRAFICA SITI PAESE ZONA GEOGRAFICA SITI INDONESIA B 2 UNITED STATES - CALIFORNIA A 3 IRAN, ISLAMIC REPUBLIC OF C 3 UNITED STATES - FLORIDA A 1 IRAQ C 3 UNITED STATES - ILLINOIS A 2 IRELAND A 1 UNITED STATES - MASSACHUSETTS A 1 ISRAEL B 3 UNITED STATES - MICHIGAN A 1 ITALY A 7 UNITED STATES - NEW JERSEY A 1 JAPAN A 4 UNITED STATES - NEW YORK A 3 JORDAN B 2 UNITED STATES - PENNSYLVANIA A 1 KAZAKHSTAN B 1 UNITED STATES - TEXAS A 1 KENYA C 1 UNITED STATES - WASHINGTON DC A 2 KOREA, REPUBLIC OF A 2 URUGUAY B 2 KOSOVO B 1 UZBEKISTAN C 2 KUWAIT B 2 VATICAN CITY STATE (HOLY SEE) A 1 LATVIA B 2 VENEZUELA B 4 LEBANON B 2 VIET NAM C 1 LIBYAN ARAB JAMAHIRIYA C 3 YEMEN C 1 LITHUANIA B 1 ZAMBIA C 1 LUXEMBOURG A 2 ZIMBABWE C 1 Tabella 1. Elenco dei Paesi con servizi RIPA L elenco completo dei siti presso cui sono attualmente erogati i servizi RIPA, è riportato in Appendice I, II, III e IV al presente documento, suddiviso per Amministrazione contrattualizzata. Pagina 9 di 99

10 2 Architettura della Rete Internazionale S-RIPA La figura riportata di seguito descrive lo schema di principio della Rete Internazionale S-RIPA che si articola in tre ambiti di intervento complementari: Connettività Internazionale Connettività IP tra le sedi delle Amministrazioni ed accesso ad Internet, secondo i livelli di servizio prestazionali e gestionali definiti nel presente Capitolato; Sicurezza Servizi di presidio della sicurezza perimetrale, in grado di garantire la protezione sia passiva che attiva da tentativi di intrusione e la confidenzialità delle comunicazioni tra le sedi connesse; Dominio Servizi Servizi a valore aggiunto di comunicazione unificata ed evoluta e di conduzione dei sistemi, che sfruttano le opportunità offerte dalla tecnologia IP. Internet QXN/SPC S RIPA CG S RIPA (NOC/SOC) Connettività internazionale Apparato di accesso Apparato di accesso Apparato di accesso Porta di Rete Porta di Rete Porta di Rete Sicurezza Sede 1 Sede 2 Sede N Dominio Servizi Figura 1: Schema di principio della Rete Internazionale S-RIPA 2.1 Classificazione dei servizi e prescrizioni generali Sulla base dei servizi oggi fruiti dalle Amministrazioni aderenti a RIPA, delle esigenze di breve/medio periodo raccolte presso le Amministrazioni interessate e dei trend di mercato, sono state individuate le seguenti tipologie di servizi, oggetto della presente gara: 1. Servizi di connettività IP ed Internet: a. Connettività base; b. Connettività evoluta. Tali servizi costituiscono il nucleo centrale dei servizi richiesti dalle Amministrazioni e dovranno permettere la trasmissione/ricezione di pacchetti IP verso/da tre diverse tipologie di ambito: Intranet: ambito costituito dal dominio interno alla singola Amministrazione che connette tutte le sedi della stessa; Pagina 10 di 99

11 Infranet: ambito di interconnessione tra le singole Amministrazioni; Internet: ambito di interazione tra le Amministrazioni ed i server WWW (World Wide Web) raggiungibili mediante protocollo http. 2. Servizi di sicurezza di rete Tali servizi garantiscono, alle sedi delle Amministrazioni contrattualizzate, il diverso grado di sicurezza ritenuto necessario in base alla strategicità della sede e della criticità delle informazioni sensibili trasportate. 3. Servizi VoIP (Voice over IP): a. Soluzione IP Telephony ; b. Soluzione IP Trunking. Tali servizi permettono alle Amministrazioni di effettuare chiamate voce sfruttando le opportunità offerte dalla tecnologia IP. 4. Servizi di Unified Communication: a. Posta Elettronica; b. Videocomunicazione Collaborativa; c. Videoconferenza di qualità su IP; d. Comunicazione evoluta in mobililtà. Tali servizi forniscono alle Amministrazioni strumenti di comunicazione evoluta ed unificata, che consentono di migliorare l interazione del personale che opera nelle diverse sedi delle Amministrazioni, anche in situazioni di mobilità. 5. Servizi di conduzione dei sistemi: a. Gestione delle Postazioni di Lavoro; b. LAN Management; c. System Management. Tali servizi permettono alle Amministrazioni di concentrare le loro risorse sul perseguimento degli obiettivi di business, demandando a terzi le funzioni di gestione, manutenzione e controllo della dotazione HW e SW delle Amministrazioni. 6. Servizi di Supporto Tali servizi riguardano tutte le attività di gestione della rete finalizzate a controllare ed intervenire a fronte di anomalie su tutte le componenti dei servizi offerti. Per quanto concerne le modalità di contrattualizzazione dei servizi di Rete Internazionale (S-RIPA), è definita la seguente classificazione: Servizi locali, contrattualizzabili su base sede: o Servizi di connettività base ed evoluta; o Servizi di sicurezza di rete; o Servizi VoIP; o Servizi di Videocomunicazione Collaborativa; o Servizi di Videoconferenza di qualità su IP. Servizi centralizzati, contrattualizzabili su base Amministrazione: o Servizi di Posta Elettronica; o Servizi di Comunicazione evoluta in mobilità; Pagina 11 di 99

12 o Servizi di Conduzione dei sistemi. I servizi dovranno essere forniti 24 ore su 24 per 365 giorni l anno. Per i servizi locali potrà essere applicata una variante di esercizio relativa alla finestra di erogazione, ossia all intervallo temporale utilizzato per il calcolo dei livelli di servizio. In particolare, in alternativa alla finestra di erogazione normale (dalle ore 8 alle ore 20 local time, tutti i giorni dell anno), il Prestatore dovrà garantire, su richiesta dell Amministrazione, il rispetto degli SLA in una finestra temporale estesa (24 ore su 24, tutti i giorni dell anno). Si riportano di seguito le prescrizioni di carattere generale che dovranno essere soddisfatte nell offerta, con specifico impegno da parte del Prestatore: [R-2.1-1] [R-2.1-2] [R-2.1-3] [R-2.1-4] [R-2.1-5] [R-2.1-6] [R-2.1-7] [R-2.1-8] [D-2.1-9] [R ] Il Prestatore è responsabile dell erogazione dei servizi previsti dal presente Capitolato tecnico, ivi compresa l'installazione e la gestione di tutti gli apparati funzionali all offerta dei servizi (Centro di Gestione, Call Center, ecc.) e l implementazione delle politiche di sicurezza da applicare su tutte le infrastrutture utilizzate per l erogazione dei servizi. Il Prestatore dovrà dimostrare di possedere le capacità tecniche ed organizzative per attivare, gestire e manutenere i servizi previsti dalla gara, fornendo nell'ambito della offerta tecnica, tutta la documentazione che ritiene utile per dimostrare il possesso dei requisiti richiesti. I servizi sono specificati in termini di caratteristiche del servizio e di parametri che caratterizzano la qualità del servizio (cfr. Allegato E). I servizi dovranno essere aperti all'utenza, cioè dovranno essere accessibili secondo caratteristiche di qualità definite e formalizzate nel presente. I servizi dovranno essere aperti al cambiamento, cioè dovranno essere erogati in modo tale da consentire una facile introduzione di elementi innovativi risultanti dall evoluzione della tecnologia o dalle mutazioni dei processi amministrativi. La fornitura dei servizi dovrà essere indipendente dalla tecnologia: dovrà essere garantita la trasparenza dei servizi rispetto all'evoluzione tecnologica. La modalità di fornitura dei servizi dovrà essere scalabile: dovrà essere garantita l espandibilità della rete S-RIPA per estensione geografica, per numero e tipologia di utenze e per numero e tipologia di servizi supportati (anche riferibili al singolo sito). Le interfacce di accesso ad ogni servizio dovranno essere conformi ai relativi standard de jure e de facto, come richiesto all interno delle specifiche relative ad ogni servizio oggetto di fornitura, in modo da rendere possibile l interlavoro di sottoreti basate su tecnologie diverse. Nella gara sarà dato particolare rilievo alle caratteristiche funzionali e ai conseguenti parametri prestazionali riguardanti il Punto di Accesso al Servizio (PAS) della Rete Internazionale S-RIPA, definito come l interfaccia fisica lato utente dalla quale viene erogato il singolo servizio. A ciascuna tipologia di servizio è associato un PAS. La definizione delle caratteristiche strutturali, architetturali e prestazionali del backbone della rete S-RIPA è di esclusiva responsabilità del Prestatore. Si richiede, tuttavia, che la descrizione di tali caratteristiche sia adeguatamente documentata nell offerta e che ne sia dimostrata la conformità ai requisiti dei servizi richiesti. Pagina 12 di 99

13 2.2 Profili di servizio per la connettività e indice di copertura geografica Profili di Servizio per la connettività [R ] [R ] Il Prestatore dovrà garantire differenti modalità di erogazione dei servizi di connettività, che si differenziano per: Tipologia di connettività: - terrestre; - satellitare. Valori di Banda Nominale in Accesso (BNA); SLA prestazionali: - ritardo di trasferimento dei pacchetti (Round Trip Delay); - tasso di perdita dei pacchetti (Packet Loss). SLA gestionali (Livello di Affidabilità): - disponibilità unitaria del servizio; - tempo di ripristino del servizio. Sulla base della tipologia di connettività, dei valori di Banda Nominale in Accesso resi disponibili e dei livelli di servizio (SLA Target) prestazionali, il Prestatore dovrà prevedere quattro differenti modalità di erogazione dei servizi, denominate Profili di Accesso e riportate nella seguente tabella. Profilo di Accesso Base SAT Base Medio Alto Tipologia di connettività Satellitare Terrestre Terrestre Terrestre Valori di BNA da 256 Kb/s a 2 Mb/s da 256 Kb/s a 512 Kb/s da 512 Kb/s a 2 Mb/s da 1 Mb/s a 30 Mb/s SLA Prestazionali Ritardo di trasferimento (RTD) Tasso di perdita dei pacchetti RTD Profilo Base SAT PL Profilo Base SAT RTD Profilo Base PL Profilo Base RTD Profilo Medio PL Profilo Medio RTD Profilo Alto PL Profilo Alto Tabella 2: Profili di Accesso Per la definizione dei parametri prestazionali e dei valori limite associati a ciascun servizio, si rimanda all Allegato E. [R ] Sulla base dei livelli di servizio (SLA Target) gestionali, relativi alla disponibilità unitaria ed al tempo di ripristino del servizio, il Prestatore dovrà prevedere tre differenti livelli di affidabilità (L1, L2 ed L3), come riportato nella seguente tabella. Livello di affidabilità Parametro L1 L2 L3 Disponibilità unitaria del servizio Base Standard Mission Critical Tempo di ripristino del servizio Base Standard Veloce Tabella 3: Livelli di Affidabilità Pagina 13 di 99

14 Per la definizione dei parametri gestionali e dei valori limite associati a ciascun servizio, si rimanda all Allegato E. [R ] [D ] Saranno a carico del Prestatore tutti gli oneri derivanti dalle misure tecnicoorganizzative adottate per adeguare i livelli di servizio di tipo gestionale, in modo da renderli conformi agli SLA definiti in Allegato E (es. apparati addizionali, back-up, presidi tecnici, ecc.). Attraverso un opportuna combinazione dei Profili di Accesso e dei livelli di affidabilità, si ottengono otto profili di erogazione dei servizi (vedi tabella), denominati Profili di Servizio, che il Prestatore dovrà rendere disponibili secondo le prescrizioni descritte nel paragrafo Profili di accesso Base SAT Base Medio Alto Livello di Affidabilità L1 Base SAT L1 Base L1 L2 Base SAT L2 Base L2 Medio L2 Alto L2 L3 Medio L3 Alto L3 Tabella 4: Profili di Servizio Indice di copertura geografica [R ] Sulla base delle opportunità consentite dalle infrastrutture tecnologiche del Prestatore localmente disponibili, in sede di offerta tecnica il Concorrente dovrà indicare il Profilo di Servizio che è in grado di garantire per ciascun sito compilando la Lista Siti delle Amministrazioni riportata in Annesso 1 al presente documento, secondo le seguenti prescrizioni: 1. nel caso in cui, per il sito X, il Concorrente sia in grado di rendere disponibile il Profilo Alto associato ai livelli di affidabilità L2 e L3, dovrà compilare la casella in corrispondenza della colonna Profilo di Servizio inserendo la lettera A. In tal caso, il Concorrente si impegna a rendere disponibili, per tale sito, anche i profili di servizio inferiori ossia Medio, Base e Base Satellitare; 2. nel caso in cui, per il sito X, il Concorrente sia in grado di rendere disponibile il Profilo Medio associato ai livelli di affidabilità L2 e L3, dovrà compilare la casella in corrispondenza della colonna Profilo di Servizio inserendo la lettera M. In tal caso, il Concorrente si impegna a rendere disponibili, per tale sito, anche i profili di servizio inferiori ossia Base e Base Satellitare; 3. nel caso in cui, per il sito X, il Concorrente sia in grado di rendere disponibile il Profilo Base (Terrestre) associato ai livelli di affidabilità L1 e L2, dovrà compilare la casella in corrispondenza della colonna Profilo di Servizio inserendo la lettera B. In tal caso, il Concorrente si impegna a rendere disponibili, per tale sito, anche il profilo di servizio inferiore ossia Base Satellitare; 4. nel caso in cui, per il sito X, il Concorrente sia in grado di rendere disponibile esclusivamente il Profilo Base Satellitare associato ai livelli di affidabilità L1 e L2, dovrà compilare la casella in corrispondenza della colonna Profilo di Servizio inserendo la dicitura SAT. Si sottolinea che il Profilo Base Satellitare Pagina 14 di 99

15 dovrà essere obbligatoriamente garantito su tutti i siti presenti all interno della Lista Siti delle Amministrazioni ; 5. per un sottoinsieme di 81 siti, il Concorrente dovrà garantire un profilo di servizio uguale o superiore a quello indicato nella colonna PROFILO DI SERVIZIO MINIMO RICHIESTO dell Annesso 1 al presente documento; 6. il Profilo Base Satellitare potrà essere associato ad un numero massimo di siti pari a 30, tenendo conto della seguente ripartizione su base Amministrazione: - numero massimo di 22 siti del MAE; - numero massimo di 8 siti del Ministero della Difesa. 7. la lista dovrà essere completamente e correttamente riempita. Nel caso in cui una o più caselle in corrispondenza della colonna Profilo di Servizio non siano riempite o il profilo indicato non rispetti le prescrizioni di cui ai punti precedenti, l offerta non verrà considerata valida. [D ] [R ] [D ] La lista dei siti riportata nell Annesso 1 al presente documento ha valenza esclusivamente ai fini della valutazione tecnica e potrà prevedere modifiche in aumento o diminuzione dei paesi/siti sulla base delle future esigenze delle Amministrazioni (attivazione di nuovi siti, cancellazione di siti, trasloco di siti già attivati, ecc.). L associazione Sito Profilo di Servizio è vincolante per il Concorrente, il quale dovrà garantire, per ciascun sito, il Profilo indicato dallo stesso in sede di offerta tecnica. Durante il corso del rapporto contrattuale, qualora le condizioni tecnologiche lo consentano, il Prestatore potrà elevare il Profilo di Servizio associato ad un sito. Per i nuovi siti che le Amministrazioni dovessero richiedere, non presenti nella lista di cui sopra, il Prestatore dovrà proporre il miglior Profilo di Servizio che è possibile fornire in funzione dello sviluppo tecnologico del territorio nel quale è ubicato il sito stesso. Sulla base della Lista Siti delle Amministrazioni opportunamente compilata dal Concorrente K, verrà calcolato un indice di copertura geografica I k c che rappresenta un indicatore della pervasività dei diversi Profili di Servizio. Tale indice sarà calcolato attraverso una media pesata, secondo i coefficienti riportati in Tabella 5, del numero totale di siti per i quali è garantito ciascun Profilo di Servizio, ossia: I k c = NP α + NP B B M α + NP M A α dove: NP B : Numero di Siti per i quali il Concorrente garantisce il profilo Base ; NP M : Numero di Siti per i quali il Concorrente garantisce il Profilo Medio ; NP A : Numero di Siti per i quali il Concorrente garantisce il Profilo Alto ; α B : peso associato al Profilo Base ; α M : peso associato al Profilo Medio ; α A : peso associato al Profilo Alto. A Profilo di Servizio Notazione Peso (α) Base Satelitare SAT Base B 0,2 Medio M 0,3 Alto A 0,5 Pagina 15 di 99

16 Tabella 5: Pesi associati ai Profili di Servizio 2.3 Interconnessione con il Sistema Pubblico di Connettività (SPC) Il Prestatore dovrà realizzare il collegamento tra la Rete Internazionale (S-RIPA) ed il Sistema Pubblico di Connettività (SPC) per consentire la trasmissione/ricezione di pacchetti IP con Amministrazioni contrattualizzate con i diversi fornitori SPC (ambito Infranet). L interconnessione tra la Rete Internazionale ed il Sistema Pubblico di Connettività (SPC) potrà essere realizzata dal Prestatore secondo le seguenti modalità alternative: la connessione della rete sarà effettuata dal Prestatore direttamente alla QXN (Qualified Exchange Network) attraverso collegamenti ad almeno un nodo della QXN, ove il Prestatore dovrà installare a suo carico almeno due Border Router (BR), su cui sarà convogliato tutto il traffico tra siti/amministrazioni contrattualizzate con SPC e siti/amministrazioni attestate sulla propria rete. Le modalità di interconnessione dovranno essere conformi al Regolamento di adesione, al Modello di Servizi ed al Listino Prezzi emessi dalla Scpa QXN. Il dimensionamento del collegamento dovrà soddisfare le esigenze di banda di tutti i siti esteri attestati sulla propria rete e nel pieno rispetto degli SLA previsti per ciascun servizio (cfr. Allegato E); acquisto di un accesso da uno degli attuali quattro fornitori assegnatari della gara multifornitore SPC. In tal caso il Prestatore dovrà acquisire un accesso SPC Infranet con livello di affidabilità L5 e dimensionato in modo da soddisfare le esigenze di banda di tutti i siti esteri attestati sulla propria rete e nel pieno rispetto degli SLA previsti per ciascun servizio (cfr. Allegato E). Il dimensionamento proposto dovrà essere oggetto di specifica approvazione da parte di DigitPA e potrà essere oggetto di modifica nel corso del rapporto contrattuale in funzione delle esigenze che si verranno a determinare. Nel caso in cui un Amministrazione non preveda alcun accesso alla Rete Internazionale per la propria sede sul territorio italiano ed intenda raccogliere il traffico dei propri siti esteri su un accesso fornito nell ambito della gara multifornitore SPC, il Prestatore dovrà realizzare un apposita VPN, veicolata attraverso una delle due modalità di cui ai punti precedenti, alla quale dovrà appartenere anche l accesso della sede italiana realizzato dal fornitore SPC. Ove necessario, le modalità tecniche di realizzazione della stessa dovranno essere concordate con il fornitore SPC dell Amministrazione. Pagina 16 di 99

17 3 Servizi di connettività IP ed Internet La presente sezione fornisce la descrizione delle caratteristiche tecniche dei servizi di connettività e delle modalità di erogazione degli stessi da parte del Prestatore. 3.1 Connettività base Descrizione del servizio Il servizio di connettività base consiste nella realizzazione, gestione ed evoluzione, da parte del Prestatore, di servizi di connettività IP. Il servizio di connettività base, denominato IP best effort (IP-BE), è un servizio di connettività IP in modalità always on alla rete del Prestatore, che dovrà consentire, ad ogni sede contrattualizzata dell Amministrazione, la trasmissione/ricezione di dati verso/da tre diverse tipologie di ambito: Intranet: ambito costituito dal dominio interno alla singola Amministrazione; Infranet: ambito di interconnessione tra le singole Amministrazioni; Internet: ambito di interazione tra le Amministrazioni ed i server WWW (World Wide Web) raggiungibili mediante protocollo HTTP. Il Prestatore dovrà proporre, per ciascun sito, la modalità di accesso più efficiente, tenendo conto delle opportunità consentite dalle infrastrutture tecnologiche localmente disponibili e nel rispetto dei requisiti minimi specificati nel presente documento. Il Prestatore dovrà inoltre effettuare il monitoraggio del servizio e produrre reportistica tecnica e contrattuale sugli SLA offerti, secondo quanto definito nell Allegato E Requisiti del servizio [D ] [D ] [R ] [R ] [R ] Il Prestatore dovrà erogare il servizio di connettività base, contrattualizzabile su base sede, secondo i diversi profili di servizio definiti nel paragrafo Il servizio di connettività base è definito come servizio di rete basato sul protocollo IP (Internet Protocol) e dovrà permettere la trasmissione/ricezione di pacchetti IP nei tre ambiti Intranet, Infranet, Internet o ad un sottoinsieme di questi indicato dall Amministrazione. I collegamenti fra le sedi di una o più Amministrazioni (ambito Intranet/Infranet) dovranno essere realizzati in "gruppi chiusi" per lo scambio di traffico IP solo tra sedi appartenenti alla medesima rete privata virtuale (VPN). L'accesso alla rete Internet dovrà essere fornito senza limitazioni temporali e di accesso ai contenuti (network neutrality), anche da parte dei subfornitori e fino ai backbones internazionali. L accesso non dovrà limitare il trasporto di alcun protocollo dell intera suite di protocolli Internet. Nel caso in cui nella sede sia stato attivato un servizio di sicurezza di rete (cfr. capitolo 4), eventuali limitazioni all utilizzo di protocolli Internet dovranno essere implementati sulla Porta di Rete (di concerto con l Amministrazione). Il Prestatore dovrà fornire soluzioni aggiornate dal punto di vista tecnologico riguardo all evoluzione degli standard e del mercato e dovrà garantire la conformità alle normative di riferimento IETF applicabili. Pagina 17 di 99

18 [R ] [R ] [R ] [R ] [R ] [R ] [R ] Il Prestatore dovrà specificare se la soluzione di rete proposta consente di utilizzare le funzionalità Multicast del protocollo IP, indicando gli eventuali standard/protocolli supportati. Il servizio di connettività base dovrà essere erogato alle Amministrazioni in modalità always-on attraverso collegamenti di tipo permanente, in cui l accesso al servizio sarà realizzato attraverso risorse di rete che saranno dedicate allo scopo per il periodo di erogazione contrattualizzato. In caso di indisponibilità di reti terrestri per il collegamento di una sede, sarà adottata una soluzione di connettività via satellite che dovrà tuttavia essere implementata su un numero massimo di sedi pari a 30. La soluzione di connettività via satellite dovrà prevedere la fornitura, installazione, gestione e manutenzione di tutte le infrastrutture ed apparati necessari per la realizzazione del collegamento satellitare (antenna, supporto fisico dell antenna, apparato di terminazione, collegamento fisico tra l antenna e l apparato che interconnette la LAN). La soluzione di connettività via satellite dovrà prevedere una fase preliminare in cui il Prestatore sarà tenuto ad effettuare uno studio di fattibilità della soluzione presso la sede dell Amministrazione e la successiva fornitura ed installazione di un antenna ricetrasmittente con diametro massimo non superiore a 240 cm. Il collegamento tra il satellite e la rete del Prestatore dovrà essere incluso nel servizio e dimensionato in modo tale da rispettare i parametri definiti nell Allegato E. Il servizio di connettività base è definito da due tipi di componenti: Componente di Accesso, che caratterizza il collegamento utilizzato per connettere una sede dell Amministrazione con la rete S-RIPA. Componente di Trasferimento, che caratterizza le garanzie di prestazioni fornite per i differenti tipi di traffico. Ad ogni servizio di connettività saranno associati un PAS, una Componente di Accesso ed una o più Componenti di Trasferimento. Componente di Accesso [R ] Per quanto riguarda la Componente di Accesso, il Prestatore dovrà fornire accessi di tipo always-on secondo i valori di Banda Nominale in Accesso (BNA) riportati nella seguente tabella e resi disponibili sui diversi Profili di Servizio (in accordo a quanto definito in Tabella 2). L accesso potrà essere di tipo simmetrico, in cui BNA = BNA u = BNA d, oppure di tipo asimmetrico, in cui BNA u < BNA d. Pagina 18 di 99

19 Asimmetrico satellitare BNA d Kbps BNA u Base SAT X X X X Base Medio Alto 256 X X 512 X X X Simmetrico 1024 X X X 2048 X X 4096 X 8192 X X X Asimmetrico terrestre X X X X Tabella 6: Valori di BNA contrattualizzabili per Profilo di Servizio [R ] [R ] [R ] [R ] [R ] Il servizio di connettività base dovrà essere erogato attraverso l impiego di un idoneo apparato di accesso dotato di due interfacce: interfaccia lato Amministrazione (denominata I_CLIENT); tale interfaccia rappresenta il Punto di Accesso al Servizio (PAS) per il calcolo delle grandezze e dei parametri (disponibilità, banda, tempi di ritardo, ecc.) delle varie componenti del servizio. interfaccia lato Prestatore (denominata I_PROVIDER). Tale apparato sarà fornito, configurato e gestito dal Prestatore, in accordo con quanto contrattualizzato con la singola Amministrazione. Gli apparati di accesso dovranno essere allo stato dell arte della tecnologia e del mercato, dovranno implementare protocolli allo stato dell arte e dovranno essere dimensionati in modo da garantire il rispetto dei livelli di servizio previsti per il presente servizio (cfr. Allegato E). Sugli apparati di accesso in sede cliente dovrà essere disponibile un'interfaccia I_CLIENT di tipo Fast Ethernet 10/100 Mbit/s (IEEE 802.3u) o superiore. Sarà facoltà della singola Amministrazione richiedere l assegnazione di pool di indirizzi IP pubblici, che il Prestatore dovrà rendere disponibili nella quantità di almeno due classi C di indirizzi IP pubblici complessivi per tutte le Amministrazioni. In caso di siti di Amministrazioni co-locati all interno di uno stesso edificio (ad esempio siti del MAE e del Ministero della Difesa), il servizio potrà opzionalmente prevedere l utilizzo di un unico apparato di accesso condiviso, in cui dovrà tuttavia essere garantita la separazione logica tra i gruppi chiusi (VPN) di ciascuna Amministrazione. Tale modalità opzionale di erogazione potrà essere adottata esclusivamente su richiesta delle Amministrazioni. Pagina 19 di 99

20 [R ] [R ] [R ] L utilizzo di apparati di rete condivisi dovrà comportare una diminuzione percentuale dei canoni mensili associati al servizio di connettività base, secondo le prescrizioni riportate in Allegato F. All interno dei locali dei vari siti delle Amministrazioni, non potranno essere installati PoP del Prestatore. Nel caso in cui la legislazione locale non consenta al Prestatore di realizzare a proprio carico il local loop, l Amministrazione provvederà a dotarsi del rilegamento di accesso a sue spese. In questo caso il Prestatore dovrà garantire all Amministrazione adeguato supporto tecnico-amministrativo, nonchè proporre una modalità di fatturazione che consenta lo storno degli oneri sostenuti direttamente dall Amministrazione. Componente di Trasferimento [R ] [R ] [R ] Le Componenti di Trasferimento erogate dal Prestatore dovranno consentire l accesso ai tre ambiti Intranet, Infranet ed Internet. Una singola Componente di Trasferimento sarà caratterizzata da un solo ambito; differenti Componenti di Trasferimento potranno essere associate ad una stessa Componente di Accesso e potranno essere caratterizzate da differenti ambiti. Per ciascuna Componente di Trasferimento, il Prestatore dovrà garantire una Banda Garantita in Accesso (BGA) definita come la velocità in trasmissione e/o ricezione fino alla quale la rete dovrà garantire il trasporto nel rispetto dei parametri di qualità definiti nell Allegato E. La banda sarà garantita solo sulla tratta di accesso; in ogni caso il Prestatore dovrà dimensionare la propria rete in modo da assicurare il rispetto dei parametri all interno della rete stessa, secondo quanto definito nell Allegato E. Per ciascuna Componente di Trasferimento, il Prestatore dovrà rendere disponibili valori di BGA con granularità di 32 Kb/s, fermo restando la limitazione della Banda Garantita totale su una Componente di Accesso. 3.2 Connettività evoluta Descrizione del servizio Il servizio di connettività evoluta, denominato IP a qualità garantita (IP-QoS) prevede, ad estensione del servizio di connettività base offerto, un ritardo massimo di trasferimento dei pacchetti IP ed una banda garantita end-to-end tra due sedi indicate dall Amministrazione (nella maggior parte dei casi tra una sede estera e la sede centrale). Il Prestatore dovrà effettuare il monitoraggio del servizio e produrre reportistica tecnica e contrattuale sugli SLA offerti, secondo quanto definito nell Allegato E Requisiti del servizio [D ] [R ] Il Prestatore dovrà erogare il servizio di connettività evoluta, contrattualizzabile su base sede, secondo i diversi profili di servizio definiti nel paragrafo Oltre agli SLA previsti per il servizio di connettività base, il servizio di connettività evoluta dovrà prevedere i seguenti ulteriori parametri di qualità: banda garantita sul trasporto end-to-end (BGETE), ossia la velocità in trasmissione e/o ricezione fino alla quale dovrà essere garantito il trasporto end- Pagina 20 di 99

FAR INCONTRARE LE PERSONE. OGNI VOLTA UNA SFIDA UNICA

FAR INCONTRARE LE PERSONE. OGNI VOLTA UNA SFIDA UNICA FAR INCONTRARE LE PERSONE. OGNI VOLTA UNA SFIDA UNICA La Nuova Frontiera Meetings & Events: un area di spesa che secondo le nostre indagini si attesta, a livello globale, intorno ai 300 miliardi di dollari.

Dettagli

QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE

QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE Centro Nazionale per l informatica nella Pubblica Amministrazione Allegato 2a alla lettera d invito QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE GARA A LICITAZIONE PRIVATA PER L APPALTO DEI SERVIZI DI

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

PRUDENZA NEGLI INVESTIMENTI E NECESSITA DI INNOVARE

PRUDENZA NEGLI INVESTIMENTI E NECESSITA DI INNOVARE PRUDENZA NEGLI INVESTIMENTI E NECESSITA DI INNOVARE Milano, 12 maggio 2009 Paolo Daperno Direttore Sistemi Informativi e Organizzazione Processi illycaffè illy nel mondo la nostra offerta la mission la

Dettagli

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility ERASMUS PLUS Disposizioni nazionali allegate alla Guida al Programma 2015 Settore Istruzione Scolastica, Educazione degli Adulti e Istruzione Superiore KA1 School education staff mobility/ Adult education

Dettagli

Distribuzione digitale

Distribuzione digitale Distribuzione digitale Amazon Kindle Store La più grande libreria on line al mondo, con il Kindle ha fatto esplodere le vendite di ebook in America. Il Kinde Store è presente in Italia dal Novembre 2011.

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM SkyTeam Awards è uno dei maggiori vantaggi che ti offre l Alleanza SkyTeam: un solo Biglietto Premio per tante destinazioni nel mondo, anche quando l itinerario che scegli

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata?

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata? CON-TRA S.p.a. Tel. +39 089 253-110 Sede operativa Fax +39 089 253-575 Piazza Umberto I, 1 E-mail: contra@contra.it 84121 Salerno Italia Internet: www.contra.it D. Che cosa è la ISPM15? R. Le International

Dettagli

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Listino Gennaio 2001 pag. 1 Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Profilo aziendale Chi è il Gruppo Queen.it Pag. 2 Listino connettività Listino Connettività RTC Pag. 3 Listino Connettività

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

GUIDA ALLA NOTIFICA ALL ESTERO DEGLI ATTI GIUDIZIARI ED EXTRAGIUDIZIARI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE

GUIDA ALLA NOTIFICA ALL ESTERO DEGLI ATTI GIUDIZIARI ED EXTRAGIUDIZIARI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE DIREZIONE GENERALE PER GLI ITALIANI ALL ESTERO E LE POLITICHE MIGRATORIE Ufficio IV GUIDA ALLA NOTIFICA ALL ESTERO DEGLI ATTI GIUDIZIARI ED EXTRAGIUDIZIARI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE (Maggio 2014)

Dettagli

Standard di Sicurezza sui Dati previsti dai Circuiti Internazionali. Payment Card Industry Data Security Standard

Standard di Sicurezza sui Dati previsti dai Circuiti Internazionali. Payment Card Industry Data Security Standard Standard di Sicurezza sui Dati previsti dai Circuiti Internazionali Payment Card Industry Data Security Standard STANDARD DI SICUREZZA SUI DATI PREVISTI DAI CIRCUITI INTERNAZIONALI (Payment Card Industry

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

SPC: un internet TCP/IP. Ma l innovazione dov è?

SPC: un internet TCP/IP. Ma l innovazione dov è? SPC: un internet TCP/IP. Ma l innovazione dov è? Mario Terranova Responsabile Ufficio Servizi sicurezza, certificazione e integrazione VoIP e immagini Area Infrastrutture Nazionali Condivise Centro nazionale

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l.

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. Babel S.r.l. - P.zza S. Benedetto da Norcia 33, 00040 Pomezia (RM) www.babel.it

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi GIUNTA REGIONALE Atto del Dirigente: DETERMINAZIONE n 597 del 23/01/2012 Proposta: DPG/2012/462 del 13/01/2012 Struttura proponente: Oggetto: Autorità emanante:

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source

Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source Data: Ottobre 2012 Firewall pfsense Mail Server Zimbra Centralino Telefonico Asterisk e FreePBX Fax Server centralizzato Hylafax ed Avantfax

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014 Roma, 23 giugno 2015 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta

Dettagli

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO)

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) La presente raccolta comprende solo le voci principali della classificazione di Ratisbona relativa all arte (LH LO) INDICE LD 3000 - LD 8000

Dettagli

Roma, 14 aprile 2015 Convegno "Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione"

Roma, 14 aprile 2015 Convegno Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione Roma, 14 aprile 2015 Convegno "Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione" Attività del CRA-ING 1. Ricerca: sistemi per la determinazione

Dettagli

CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE

CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE Il più grande evento del mondo. Un brand universale (4 expo ogni 10 anni in 5 Continenti). Un evento nazionale e non locale. Un organizzazione non-profit degli Stati Nazionali

Dettagli

INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015

INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015 INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015 NethSecurity Firewall UTM 3 NethService Unified Communication & Collaboration 6 NethVoice Centralino VoIP e CTI 9 NethMonitor ICT Proactive Monitoring 11 NethAccessRecorder

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013 Roma, 26 giugno 2014 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Sommario Premessa Definizione di VPN Rete Privata Virtuale VPN nel progetto Sa.Sol Desk Configurazione Esempi guidati Scenari futuri Premessa Tante Associazioni

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2014 Progetto Istanze On Line 09 aprile 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

L Impresa Estesa come motore dell Innovazione

L Impresa Estesa come motore dell Innovazione L Impresa Estesa come motore dell Innovazione VOIP e RFID Andrea Costa Responsabile Marketing Clienti Enterprise 0 1. Innovazione: un circolo virtuoso per l Impresa Profondità e latitudine (l azienda approfondisce

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

minor costo delle chiamate, su nazionali e internazionali

minor costo delle chiamate, su nazionali e internazionali Il Voice Over IP è una tecnologia che permette di effettuare una conversazione telefonica sfruttando la connessione ad internet piuttosto che la rete telefonica tradizionale. Con le soluzioni VOIP potete

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Web Solution 2011 EUR

Web Solution 2011 EUR Via Macaggi, 17 int.14 16121 Genova - Italy - Tel. +39 010 591926 /010 4074703 Fax +39 010 4206799 Cod. fisc. e Partita IVA 03365050107 Cap. soc. 10.400,00 C.C.I.A.A. 338455 Iscr. Trib. 58109 www.libertyline.com

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Cuneo contributivo e contrattazione rigida del lavoro: Quanto ci son costate e quanto peseranno sulla ripresa?

Cuneo contributivo e contrattazione rigida del lavoro: Quanto ci son costate e quanto peseranno sulla ripresa? Editoriale n. 6 del 18/5/2009 Fabio Pammolli e Nicola C. Salerno Cuneo contributivo e contrattazione rigida del lavoro: Quanto ci son costate e quanto peseranno sulla ripresa? Dai dati del Taxing wages

Dettagli

Symbolic. Ambiti Operativi. Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp.

Symbolic. Ambiti Operativi. Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp. Symbolic Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp. La nostra mission è di rendere disponibili soluzioni avanzate per la sicurezza

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

Portfolio Prodotti MarketingDept. Gennaio 2015

Portfolio Prodotti MarketingDept. Gennaio 2015 Portfolio Prodotti Gennaio 2015 L azienda Symbolic Fondata nel 1994, Symbolic è presente da vent'anni sul mercato italiano come Distributore a Valore Aggiunto (VAD) di soluzioni di Data & Network Security.

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

Costituzione dell Organizzazione mondiale della Sanità

Costituzione dell Organizzazione mondiale della Sanità Traduzione 1 Costituzione dell Organizzazione mondiale della Sanità 0.810.1 Firmata a Nuova York il 22 luglio 1946 Approvata dall Assemblea federale il 19 dicembre 1946 2 Strumenti di ratificazione depositati

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese.

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione Promelit ipecs MG. Descrizione del Sistema: L azienda di oggi deve saper anche essere estesa : non confinata in

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

Servizio Posta Elettronica Certificata P.E.C. Manuale Operativo

Servizio Posta Elettronica Certificata P.E.C. Manuale Operativo Servizio Posta Elettronica Certificata P.E.C. Manuale Operativo Informazioni sul documento Redatto da Ruben Pandolfi Responsabile del Manuale Operativo Approvato da Claudio Corbetta Amministratore Delegato

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Porta di Accesso versione 5.0.12

Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 1 di 22 Controlli da effettuare in seguito al verificarsi di ERRORE 10 nell utilizzo di XML SAIA Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 2 di 22 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. VERIFICHE DA ESEGUIRE...3

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE IT Security Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di ECDL Standard IT Security. Il syllabus descrive, attraverso i risultati del processo di apprendimento,

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori COME NON CADERE NELLA RETE Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori Come non cadere nella rete guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli