5(3257'211(48(67,21$5,$ ,1,675$7,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "5(3257'211(48(67,21$5,$8726200,1,675$7,"

Transcript

1 5(3257'211(48(67,21$5,$ ,1,675$7, La distribuzione dei questionari è stata progettata in una serie di luoghi che abbiamo definito ad alta frequentazione femminile, come le scuole, gli ambulatori medici e luoghi pubblici in generale, in questo modo si intendeva raccogliere dati relativi in particolare a donne tra i 25 ed 45 anni circa, che rappresentano ovviamente le più colpite dal problema di conciliazione dei tempi di cura e di lavoro. L utilizzo di questi dati è stato concepito fin dall inizio come approfondimento di temi già trattati nelle interviste telefoniche e come esplorazione di questioni, che non hanno trovato spazio in queste. Il vantaggio di questo strumento di rilevazione è principalmente la possibilità di raccogliere un numero elevato di interviste con minore sforzo rispetto alle interviste telefoniche, a condizione di trovare la collaborazione dei responsabili delle istituzioni scelte come luoghi di rilevazione. L evidente svantaggio consiste, invece, nell impossibilità di determinare fin dall inizio la composizione del campione; nel nostro caso, però, le finalità di utilizzo del questionario autosomministrato sono adatte proprio a questa caratteristica. I dati raccolti attraverso la distribuzione di questionari auto-somministrati hanno raggiunto una cifra considerevole: La distribuzione dei questionari è avvenuta in gran parte nelle scuole, che sono stati gli enti che si sono resi più disponibili alla collaborazione. Questo influisce ovviamente sulle caratteristiche del campione e, quindi, sull utilizzo dei risultati delle analisi. Possiamo pensare a questi dati come ad un approfondimento su una fascia di popolazione femminile specifica dei tre territori, in particolare su temi meno o non affrontati nelle interviste telefoniche (CATI). &DUDWWHULVWLFKHGHOFDPSLRQH Si tratta di donne relativamente giovani: l età varia dai 23 ai 59 anni e la media è di 39 anni (è di 42 anni nel campione delle interviste telefoniche). 7DE Età per fasce % Da 23 a 32 anni 9,1 Da 33 a 42 anni 64,6 Da 43 a 60 anni 26,4 Totale 2110 Gran parte delle intervistate è inserita in famiglie dalla struttura classica: più di 9 donne su 10 vivono con il marito/convivente e con almeno un figlio. Le altre forme familiari presenti nel campione sono: donne sole con figli (5,6%) e con figli e altri parenti (1%). Solo 2,1% intervistate

2 non ha figli e in gran parte hanno figli piccoli, tanto che solo il 25% delle donne con figli ha figli sopra i 10 anni. Si tratta di donne relativamente istruite: 6 intervistate su 10 hanno almeno il diploma di scuola media superiore. A Vimercate si ha la quota più alta di intervistate con diploma o laurea (73%), nel Nord Milano sono anch esse sopra la media (67%), mentre nell Alto Milanese sono poco più della metà (53%). Rispetto al campione telefonico si osserva un maggiore bisogno di lavoro: il 36% ritiene il proprio lavoro essenziale per il bilancio familiare ed il 48% lo ritiene importante. Le intervistate sono per lo più occupate (72%), in parte casalinghe (21%), tra le quali più di un terzo (36%) ha lavorato negli ultimi 5 anni e un quarto cerca lavoro attualmente. Il lavoro part-time coinvolge il 46% delle donne occupate. Nel Vimercatese si osserva la quota più elevata di donne lavoratrici (78%) e la quota maggiore di part-time (48%). All opposto si pone l Alto Milanese con la proporzione minore di donne lavoratrici e di occupate part-time; il Nord Milano si colloca intorno ai valori medi. Tra chi lavorava al momento dell intervista il 14% cercava un altro lavoro. Tra chi al momento dell intervista cercava lavoro (21%) 8 donne su 10 (76%) hanno lavorato negli ultimi 5 anni. Per quanto riguarda gli impegni di cura familiare domina, come già visto per la composizione familiare, la cura dei figli piccoli (sei donne su 10), mentre gli altri due tipi di carichi di cura si avvicinano alle dimensioni del campione telefonico. 7DECarichi di cura Totale Alto Milanese Nord Milano Vimercatese nessuno compito cura 1,7% 0,7% 2,5% 2,4% cura figli <11 63,0% 47,9% 73,7% 78,4% cura figli solo>10 20,2% 35,0% 10,2% 4,8% cura anziano o malato più eventuale figlio 15,2% 16,4% 13,6% 14,5% Totale L Alto Milanese si differenzia dalle altre due zone per la sovra-rappresentazione rispetto al campione della cura dei figli maggiori di dieci anni e la quasi assenza di donne senza compiti di cura. I campioni relativi al Vimercatese e al Nord Milano, invece, sono caratterizzati dalla presenza di ¾ di donne con figli piccoli. Partendo dalle caratteristiche sociali appena viste, l influenza degli impegni familiari sull occupazione risulta non particolarmente elevata: riguarda poco più della metà del campione; risulta nettamente inferiore tra le donne con figli sopra i 10 anni (40%), mentre raggiunge la quota più elevata tra le donne con figli piccoli (55%).

3 Altri fattori, come l istruzione e la necessità economica di lavorare, non influiscono sulla percezione delle influenze degli impegni di cura sulle scelte ed opportunità lavorative. Le intervistate della zona dell Alto Milanese esprimono minori problemi di conciliazione rispetto alle intervistate delle altre zone: il 52% non ha avuto influenze negative contro il 44% del Nord Milano e del Vimercatese. Questo dipende dai carichi di cura meno pesanti e dalla minore presenza di donne lavoratrici. Dividiamo tra impedimento (fine lavoro, mai potuto lavorare) e influenza sulle condizioni del rapporto lavorativo, che riguarda la scelta del tempo (part-time), le possibilità di carriera. 7DEInfluenza dei carichi di cura sull occupazione % Mi hanno impedito di iniziare a lavorare 3,4 Mi hanno impedito di ritornare a lavorare 7,2 Mi hanno impedito di continuare a lavorare 8,2 Mi hanno impedito di scegliere le condizioni 32,5 Non avevo intenzione di lavorare 2,9 Non hanno influenzato le scelte lavorative 45,8 Totale 1638 Le intervistate costrette dai compiti di cura ad uscire dal mercato del lavoro o a rimanervi escluse raggiungono il 15%. Sembra, invece, basso il problema di iniziare a lavorare; naturalmente questo dovrebbe dipendere semplicemente dalla sequenza biografica, nella quale la procreazione di figli segue alla stabilizzazione delle condizioni occupazionali (o quantomeno all entrata nel mercato del lavoro) della madre o di entrambi i partner. L influenza sulle condizioni del lavoro riguarda un terzo del campione con una relativa sovrarappresentazione tra le donne con figli piccoli (37%). Le non lavoratrici che non cercano occupazione (437 circa su %) per più di un terzo non hanno interesse o necessità economica (37%). Un sesto (16,2%) si sente limitata dalla mancanza di competenze, mentre la parte rimanente del campione, poco inferiore alla metà, percepisce problemi di inconciliabilità tra lavoro ed impegni di cura. &$6$±/$92527(032(0(==,',75$ Uno degli aspetti che possono essere approfonditi attraverso il questionario auto-somministrato riguarda tempi e modi di trasferimento dall abitazione al luogo di lavoro. Vengono presi in considerazione la distanza, il mezzo di trasporto ed i motivi della scelta del mezzo stesso.

4 7DE Mezzo/i utilizzati per recarsi al lavoro per distanza casa-lavoro < 5km 5-10 km km km >20 km Totale Mezzo privato 74,5% 77,8% 68,8% 64,3% 58,0% 72,9% Mezzo pubblico 4,3% 13,0% 14,3% 13,0% 17,0% 8,6% Combinazione tra mezzi pubblici 0,1% 3,2% 6,9% 12,2% 10,0% 2,9% Combinazione tra privato e pubblici 1,7% 5,3% 8,5% 10,4% 15,0% 4,6% Esclusivamente a piedi o in bicicletta 19,4% 0,8% 1,6% / / 10,9% N L automobile è il mezzo più utilizzato dalle intervistate; questa caratteristica non sorprende considerando che le zone esaminate non comprendono grandi centri abitati nei quali è generalmente più diffuso l uso di mezzi pubblici. In totale quasi 8 intervistate su dieci utilizzano un mezzo privato a motore per spostarsi. I mezzi pubblici vengono utilizzati solamente da poco più di una donna su dieci, in parte in combinazione con un mezzo privato. La bicicletta o lo spostamento a piedi coinvolgono un quinto del campione di donne che lavorano vicine a casa. 7DEMezzo/i utilizzati per recarsi al lavoro per età Totale Mezzo privato 64,8% 73,9% 68,3% 71,6% Mezzo pubblico 14,5% 8,9% 10,4% 9,8% Combinazione tra mezzi pubblici 2,5% 3,0% 3,7% 3,2% Combinazione tra privato e pubblici 3,8% 5,0% 3,5% 4,5% Esclusivamente a piedi o in bicicletta 14,5% 9,2% 14,1% 10,9% Il tipo di mezzo utilizzato ha una relazione con l età delle intervistate. La fascia d età centrale è quella nella quale si concentra il maggior utilizzo dell auto e della combinazione tra mezzi pubblici e mezzo privato. L utilizzo dei mezzi pubblici come unico trasporto è più alto tra le donne più giovani. Le donne dai 43 anni in poi lavorano tendenzialmente più vicino a casa rispetto alle donne più giovani 1. Il minore utilizzo da parte di queste donne del mezzo privato a favore della bici potrebbe spiegarsi, quindi, in relazione alla distanza del luogo di lavoro. In realtà, tenendo quest ultimo fattore sotto controllo, risulta essere comunque maggiore il ricorso all auto come unico mezzo di trasporto da parte delle trentenni. In sostanza, a parità di distanza del luogo di lavoro, l utilizzo dell auto rimane superiore tra queste donne rispetto alle generazione precedente. Questo potrebbe essere spiegato proprio con le diverse esigenze di conciliazione da parte delle trentenni, che, da una parte, lavorano in maggior numero rispetto alle donne più giovani (74% contro il 67%) e hanno, 1 Il confronto con le intervistate più giovani (24-32 anni) è reso poco attendibile dalla bassa numerosità di questa fascia d età.

5 dall altra, impegni di cura più gravosi delle donne più mature (le prime si occupano per lo più di figli sotto i 10 anni, le seconde di quelli più grandi). Né il titolo di studio né l importanza del reddito femminile rispetto a quello familiare, che possiamo considerare variabili SUR[\ dello status sociale influiscono sulla scelta del mezzo di trasporto. La distanza dal luogo di lavoro risulta piuttosto omogenea tra le zone. 7DE Distanza del luogo di lavoro per zona Alto Milanese Nord Milano Vimercatese Totale Meno di 5 Km 58,4% 57,7% 59,5% 58,5% Da 5 a 10 Km 19,4% 22,4% 17,5% 19,7% )LQRD.P Da 10 a 15 Km 11,2% 10,5% 8,0% 10,2% Da 15 a 20 Km 6,3% 5,5% 6,3% Da 20 Km 4,7% 3,8% 5,3% N L unica differenza rilevante tra le zone è rappresentata dalla quota di donne che percorrono più di 15 Km, che è più alta nel Vimercatese. 7DEMezzo utilizzato per recarsi a lavoro $OWR0LODQHVH 1RUG0LODQR 9LPHUFDWHVH 7RWDOH Mezzo privato 78,0% 47,7% 85,5% 71,7% Mezzo pubblico 6,2% 20,8% 4,3% 9,7% Combinazione tra mezzi pubblici 2,6% 7,1% 0,2% 3,2% Combinazione tra privato e pubblici 4,0% 7,1% 2,7% 4,5% Esclusivamente a piedi o in bicicletta 9,3% 17,4% 7,2% 11,0% Mezzo privato La scelta del mezzo di trasporto è, invece, legata alla zona di residenza delle intervistate. Le donne del Nord Milano ricorrono in misura maggiore (20,8%) ai mezzi pubblici rispetto alle donne residenti nell Alto Milanese (6,2%) e nel Vimercatese (4,3%). Con tutta probabilità la loro maggiore propensione all uso dei mezzi pubblici è motivata dalla disponibilità della metropolitana, sia nel comune di Sesto San Giovanni, sia in quello di Cologno Monzese. Il minore sviluppo dei servizi di trasporto pubblico e la loro qualità contribuiscono ad indurre le donne dell Alto Milanese e del Vimercatese ad un maggiormente ricorso al mezzo privato. Soluzioni alternative (bicicletta) sono scelte ancora una volta prevalentemente dalle donne del Nord Milano. 7DETempo impiegato per recarsi a lavoro per zona di residenza $OWR0LODQHVH 1RUG0LODQR9LPHUFDWHVH 7RWDOH Fino a un quarto d ora 52,1% 45,4% 57,2% 51,6% Da 15 a 30 minuti 27,0% 26,9% 21,9% 25,6% Da 30 a 60 minuti 16,2% 21,8% 16,1% 17,7% Oltre i 60 minuti 4,7% 5,9% 4,8% 5,1% Totale (N)

6 La maggioranza delle donne intervistate, indipendentemente dal comune di residenza, impiega un tempo ridotto di spostamento casa-lavoro. In tutte e tre le zone considerate, infatti, la moda della distribuzione si ha in corrispondenza della modalità fino a un quarto d ora seguita da quella da 15 a 30 minuti. 6RQROHGRQQHODYRUDWULFLQHO1RUG0LODQRDGLPSLHJDUHPDJJLRUWHPSRSHU DQGDUH D ODYRUDUH QRQRVWDQWH VLDQR TXHOOH SL YLFLQH DO OXRJR GL ODYRUR. Questo dovrebbe dipendere dalla congestione del traffico di Milano, dove si può supporre molte donne del Nord Milano siano impiegate, e delle zone immediatamente limitrofe. Assumendo che il tempo necessario per raggiungere il posto di lavoro venga determinato, oltre ovviamente che dalla distanza fisica, dal mezzo utilizzato e dalle condizioni della viabilità locale, vediamo che la maggioranza delle donne che utilizzano l auto come unico mezzo di trasporto impiegano un tempo ridotto per andare al lavoro. Dall incrocio tra mezzo di trasporto (assunto come variabile indipendente) e tempo impiegato (variabile dipendente), controllato per la distanza è possibile capire, appunto a parità di distanza del luogo di lavoro, quanto la scelta del mezzo influisca sul tempo percorso 2. 7DE Mezzi di trasporto, distanza e tempo impiegato Fino a 15 min. 15 a 30 minuti > 30 minuti N Solo mezzo privato 12,8% 2,9% 685 < 5 km Mezzi pubblici (solo/combinazione) 24,6% 33,3% 57 Totale 79,6% 15,1% 5,3% km >10 km Solo mezzo privato 30,5% 15,1% 292 Mezzi pubblici (solo/combinazione) 11,1% 37,0% 81 Totale 26,3% 50,7% 23,1% 373 Solo mezzo privato 8,8% 42,0% 262 Mezzi pubblici (solo/combinazione) 11,7% 137 Totale 5,8% 31,6% 62,7% 399 Le evidenze empiriche ci dicono che a parità di distanza casa-lavoro chi ha la possibilità di utilizzare l auto impiega sempre meno tempo di chi utilizza il mezzo pubblico. La combinazione tra mezzi pubblici risulta per qualsiasi distanza il mezzo più WLPHFRQVXPLQJ. In tabella abbiamo evidenziato la moda delle due modalità in cui abbiamo sintetizzato la variabile originale, solo mezzo privato, da una parte, e tutti i mezzi pubblici e le combinazioni tra privato e pubblico, dall altro 3, per rendere più evidenti le differenze in termini di tempo. 2 In questo caso, ci dobbiamo confrontare con il problema della bassa numerosità per cella, che provoca minore affidabilità dei risultati. 3 Abbiamo escluso la dimensione bicicletta/a piedi perchè siamo interessati al confronto tra mezzi pubblici e privati in base alle diverse distanze tra luogo di lavoro e abitazione.

7 Il risultato più importante di queste analisi è l inefficienza dei trasporti pubblici, elemento che peraltro emerge da tutti i tre tipi di interviste alle donne condotti nell ambito di questo progetto. A questo punto, dovrebbero essere in particolare le donne del Nord Milano, in qualità di frequenti utenti dei mezzi pubblici e nonostante quanto già detto sulla possibilità di usufruire della metropolitana, a subire in particolar modo l inefficienza dei mezzi pubblici e a vedersi aggiungere un ulteriore svantaggio in termini di conciliazione. Come visto in precedenza la zona di residenza è molto influente sulla scelta del mezzo, molto probabilmente perchè l offerta dei mezzi pubblici diverge tra territori. Vediamo cosa succede per quanto riguarda la combinazione con il tempo impiegato. 7DE Mezzi di trasporto, distanza e tempo impiegato - Alto Milanese Fino a 15 min. 15 a 30 minuti minuti N Solo mezzo privato 13,1% 3,6% 335 < 5 km Mezzi pubblici (solo/combinazione) 22,7% 36,4% 22 Totale 79,6% 14,6% 5,9% km >10 km Solo mezzo privato 29,3% 15,6% 147 Mezzi pubblici (solo/combinazione) 4,8% 28,6% 21 Totale 26,2% 51,8% 22,0% 168 Solo mezzo privato 6,7% 46,3% 134 Mezzi pubblici (solo/combinazione) 8,9% 56 Totale 4,7% 35,8% 59,5% 190 7DE. Mezzi di trasporto, distanza e tempo impiegato - Nord Milano Fino a 15 min. 15 a 30 minuti minuti N Solo mezzo privato 17,2% 1,6% 122 < 5 km Mezzi pubblici (solo/combinazione) 25,0% 32,1% 28 Totale 70,7% 22,0% 7,3% km >10 km Solo mezzo privato 33,9% 14,3% 56 Mezzi pubblici (solo/combinazione) 10,3% 41,4% 58 Totale 21,9% 46,5% 31,6% 114 Solo mezzo privato 16,7% 40,5% 42 Mezzi pubblici (solo/combinazione) 19,6% 56 Totale 7,1% 29,6% 63,3% 98 7DEMezzi di trasporto, distanza e tempo impiegato - Vimercatese Fino a 15 min minuti minuti N Solo mezzo privato 10,1% 2,6% 228 < 5 km Mezzi pubblici (solo/combinazione) 28,6% 14,3% 7 Totale 85,5% 11,5% 3,0% km Solo mezzo privato 30,2% 15,1% 86

8 Mezzi pubblici (solo/combinazione) 2 Totale 31,8% 53,4% 14,8% 88 >10 km Solo mezzo privato 8,1% 33,7% 86 Mezzi pubblici (solo/combinazione) 24 Totale 6,4% 26,4% 67,3% 110 Si nota come sostanzialmente la relazione tra mezzi di trasporto e tempo impiegato a parità di distanza del luogo di lavoro non cambi tra le zone. Ogni territorio mostra, però, delle particolarità interessanti. Per le brevi distanze (fino a 5 Km e fino a 10 Km) la zona che sembra avere più problemi è l Alto Milanese: le donne che utilizzano i mezzi pubblici spendono più tempo delle donne delle altre zone che compiono la stessa distanza con gli stessi mezzi di trasporto. Per le distanze superiori ai 10 km sembra, invece, che il mezzo pubblico sia particolarmente svantaggioso in termini di tempo nel Vimercatese, zona nella quale la numerosità del campione è particolarmente ridotta (con possibili distorsioni sui risultati) come conseguenza del basso utilizzo dei mezzi pubblici. In termini di tempo degli spostamenti con i mezzi pubblici la zona del Nord Milano appare meno svantaggiata rispetto al Vimercatese ed all Alto Milanese, anche se in proporzione le donne che utilizzano il trasporto pubblico e che, quindi, impiegano in media più tempo, sono molto maggiori.,sureohplghovlvwhpdglwudvsruwrsxeeolfr Tra le varie domande relative ai servizi sul territorio in rapporto agli impegni di cura e lavoro si trova anche quella sui trasporti pubblici. 7DE Difficoltà create dai mezzi di trasporto pubblico e mezzo utilizzato Combinazione Mezzo pubblico mezzi pubblici Mezzo privato e mezzo pubblico Totale Si, molte 8,7% 27,8% 22,1% 15,7% Si, alcune 42,1% 36,1% 44,1% 41,7% No 49,2% 36,1% 33,8% 42,6% N Le donne che usano abitualmente i mezzi pubblici riscontrano evidenti difficoltà. Tra coloro che utilizzano una combinazione di mezzi pubblici o una combinazione tra mezzi pubblici e auto il problema della perdita di tempo diviene naturalmente ancora più rilevante (due donne su tre). 6L SXz TXLQGL GLUH FKH O LQVRGGLVID]LRQH YHUVR O RUJDQL]]D]LRQH GHO WUDVSRUWR SXEEOLFR VLD JHQHUDOL]]DWD,O JLXGL]LR QHJDWLYR q GLIIXVR PD DWWHQXDWR FRPH LQWHQVLWj TXDQGR VL KD OD SRVVLELOLWjGLXWLOL]]DUHXQVRORPH]]RGLYHQWDXQSUREOHPDPROWRSLJUDYHROWUHFKpGLIIXVR TXDQGROHXWHQWLGHYRQRXWLOL]]DUHGLYHUVLPH]]LGLWUDVSRUWR

9 7DE Difficoltà create dai mezzi di trasporto pubblico per zona Alto Milanese Nord Milano Vimercatese Totale Si, molte 21,1% 13,6% 11,1% 15,7% Si, alcune 40,9% 42,5% 40,7% 41,7% No 38,0% 43,9% 48,2% 42,6% N Tra Nord Milano e Vimercatese si notano solo una leggera differenza di giudizio in favore della seconda, nella quale quasi la metà delle utenti intervistate non percepisce alcun problema; nell Alto Milanese, invece, si riscontra un insoddisfazione molto maggiore e intensa rispetto alle altre zone.,prwlylghoodvfhowdghoph]]rglwudvsruwr La motivazione principale che induce le donne a optare per il mezzo privato è la comodità (quasi un terzo del campione), il risparmio di tempo e la carenza delle infrastrutture relative al trasporto pubblico, indicati ognuno da circa un quarto delle donne. Tempo, mancanza di un mezzo proprio e comodità sono, in questo ordine, alla base della scelta del mezzo pubblico. Il principale motivo della scelta del mezzo pubblico coincide con il punto debole dei servizi di trasporto stessi. 7DE Motivazione della scelta per mezzo utilizzato Mezzo Mezzi privato pubblici Totale Tempo 26,2% 27,7% Economicità 2,0% 9,6% 3,5% Comodità 14,9% 28,9% Carenza infrastrutture 25,2% 10,3% 22,3% Mancanza di mezzo privato o patente 0,7% 22,0% 4,8% Esigenze familiari 12,7% 6,4% 11,5% Altro 0,9% 2,8% 1,3% N In ogni caso queste tre sono, seppur in ordine differente a seconda del mezzo scelto, le principali motivazioni, seguite dall esigenza di conciliare le esigenze dei familiari. Naturalmente il fattore tempo ha una relazione stretta con la conciliazione. 7DE Motivazione della scelta del mezzo per zona Alto Nord Milanese Milano Vimercatese Totale Tempo 22,4% 26,0% 27,0% Economicità 3,6% 5,3% 3,2% 3,9% Comodità 24,5% 29,3% Carenza infrastrutture 25,6% 12,6% 22,6% 21,4% Mancanza di mezzo privato o patente 6,5% 10,1% 3,0% 6,5% Esigenze familiari 11,1% 9,4% 9,8% 10,3%

10 Altro 1,0% 1,8% 2,6% 1,7% N Il tempo è la prevalente motivazione alla base della scelta del mezzo di spostamento nel Nord Milano (un terzo del campione), seguita dalla comodità (un quarto) e dalla carenza d infrastrutture (poco più di un quinto). Differenti le motivazioni delle donne dell Alto Milanese e nel Vimercatese: comodità al primo posto (circa un terzo delle intervistate), seguita dalla carenza d infrastrutture e dal tempo. La motivazione della conciliazione con le esigenze dei familiari è stata fornita in tutte e tre le zone da una donna su dieci. A questo proposito è interessante verificare se il numero di figli piccoli incide sulla scelta del mezzo per recarsi al lavoro. La tendenza prevalente è quella dell uso del mezzo privato, che cresce ulteriormente all aumentare del numero dei bambini. Al crescere delle responsabilità familiari e delle complessità organizzative, le donne ricorrono maggiormente al mezzo privato. 7DEMezzo di trasporto e numero figli piccoli o più Totale Mezzo privato 69,3% 72,3% 72,6% 75,0% 71,7% Mezzo pubblico 7,8% 10,3% 11,7% 2,1% 9,8% Una combinazione tra mezzi pubblici 4,3% 3,4% 1,9% 3,2% Una combinazione tra mezzo privato e mezzi pubblici 3,9% 4,3% 4,2% 16,7% 4,5% Esclusivamente a piedi o in bicicletta 14,6% 9,8% 9,6% 6,3% 10,9% N

11 ',9,6,21('(//$9252'20(67,&2 Abbiamo chiesto alle donne di indicare il grado di aiuto ricevuto nel lavoro domestico da parte del marito o partner, dei parenti o il ricorso ad una collaboratrice domestica. Siamo in grado, in questo modo, di verificare quanta divisione del lavoro di casa si verifichi e quanto questo si adatti alle esigenze di conciliazione delle donne. 7DEAiuto ricevuto nel lavoro domestico marito/ partner parenti collab. domestica Molto 17,2 3,4 3,1 Abbastanza 27,6 6,8 7,7 $LXWRPHGLRDOWR Poco 27,1 8,5 8 Nulla 28,1 81,3 81,2 N All interno del campione si osserva che quasi tre quarti delle donne ricevono una qualche forma di aiuto dal partner, ma meno della metà riceve abbastanza o molto aiuto, che possiamo considerare come livello minimo del contributo per poter parlare di effettiva divisione del lavoro domestico. Circa 1 donna su 10 trova aiuto da altri parenti (figli cresciuti o genitori/suoceri) e la medesima quota si rivolge al mercato per delegare parte del carico di lavoro familiare. Quest ultima forma di aiuto in realtà dipende fortemente dal livello sociale della famiglia ed effettivamente i dati lo confermano: solo il 2% delle donne con livello medio-basso di istruzione (che assumiamo come buona SUR[\ del livello sociale) può utilizzare lavoro retribuito esterno. 7DERicorso alla collaboratrice domestica per livello di istruzione collaboratrice domestica N totale fino licenza media 2,2% 541 Diploma-laurea 15,8% 943 Totale 10,8% 1484 Ulteriore conferma viene dall incrocio con la valutazione soggettiva del bisogno economico, rilevato attraverso la domanda relativa all importanza del lavoro della donna per il bilancio familiare. Tra le donne che lo considerano importante o essenziale il ricorso al mercato è nettamente inferiore. 7DE Ricorso alla collaboratrice domestica per livello di istruzione collaboratrice domestica N totale Essenziale 6,7% 445 Importante 11,4% 612 Poco/per nulla importante 18,4% 228 Totale 11,1% 1143

12 L utilizzo di forza lavoro per la cura domestica cambia molto tra territori. Nel Vimercatese un quarto del campione ricorre ad una collaboratrice; la quota diminuisce nel Nord Milano e diviene residuale nell Alto Milanese. 7DE Ricorso alla collaboratrice domestica per zona collaboratrice domestica N totale Alto Milanese 4,9 891 Nord Milano 15,9 315 Vimercatese 23,9 280 Totale 10, La divisione del lavoro domestico tra i partner può essere uno degli elementi che favorisce la conciliazione tra lavoro e compiti di cura delle donne. Da questo punti di vista i dati delle interviste non sono confortanti: la divisione del lavoro è inferiore alla media tra le donne con figli piccoli, che, come abbiamo visto dall analisi delle interviste telefoniche, rappresentano la categoria con più dispendio di tempo. 7DEAiuto (abbastanza/molto) ricevuto nel lavoro domestico per carichi di cura marito/partner parenti collab. domestica Nessuno compito cura* 63,6% 30,0% 25,0% cura figli <11 47,2% 10,7% 11,8% cura figli solo>10 37,8% 9,6% 5,7% cura anziano/malato più eventuale figlio 43,0% 8,4% 13,8% Totale 44,8% 10,2% 10,8% * il numero di casi di donne senza carichi di cura è troppo basso per poter considerare affidabili i dati. Anche se si considerano direttamente le ore impiegate, si osserva una diminuzione della divisione del lavoro domestico in corrispondenza dell aumento dell impiego di tempo della donna per la cura. 7(0323(56(67(66( Un tema sul quale si riflette poco quando si parla di conciliazione è il tempo che le donne hanno o possono riservare a se stesse per coltivare i propri interessi, per incontrare amici e così via, si tratta di una sfera della vita della donna che rischia di rimanere, nella realtà così come negli studi sul tema, schiacciata tra lavoro e cura della famiglia. Nel nostro campione, costituito per lo più da donne lavoratrici e impegnate nella cura di figli e parenti, il tempo è una risorsa particolarmente scarsa. Metà delle intervistate non ha affatto tempo per sé e di questa per la gran parte non riesce nemmeno a svolgere tutti i compiti di cura. 7DE Tempo per sé e carichi di cura Totale Occupate cura figli cura figli Cura

13 <11 solo>10 anziano/malato Sì e mi resta molto tempo libero 2,6 1,3 3,0 2,3 2,6 Sì e ho tempo libero, ma devo organizzarmi bene 19,5 14,9 27,0 13,2 19,5 Sì ma ho poco tempo libero 26,4 26,4 23,4 26,5 26,4 Sì, ma non ho tempo libero 19,8 16,4 19,5 17,4 No, spesso non riesco a fare tutto quello che devo 37,6 30,2 38,4 34,2 N Un elemento fondamentale, che emerge tra l altro anche dalle interviste semi-strutturate di questo progetto, è la capacità di organizzare il proprio tempo. Un quinto del campione, infatti, riesce a ricavarsi del tempo libero attraverso un organizzazione attenta delle attività di cura e di lavoro. Tra le lavoratrici questa quota è inferiore alla media così come tra le donne con figli sopra i 10 anni. È molto interessante, invece, che proprio OHGRQQHFRQSLFDULFKLGLFXUD (quelle con figli piccoli in particolare) riescano più della media ad ottenere un po di tempo per se stesse attraverso una buona organizzazione della giornata. 7DETempo per sé e zona molto/abbast. tempo scarso/ nessuno tempo insuff. N Alto Milanese 23,1% 42,8% 34,1% 900 Nord Milano 22,6% 41,1% 36,2% 552 Vimercatese 19,7% 48,1% 32,1% ,1% 43,7% 34,2% 1959 I territori non differiscono molto tra loro, nonostante l Alto Milanese sia caratterizzato da minori carichi di cura delle intervistate in termini di ore e di persone da assistere. Il campione relativo all Alto Milanese oppone evidentemente alla caratteristica di avere meno donne occupate, meno donne con figli piccoli e meno ore di cura, quella di avere famiglie più numerose, meno donne senza alcun carico di cura e più anziani e malati da assistere. Un altra spiegazione, non confortata, però dai nostri dati, potrebbe essere una minore capacità di organizzare il proprio tempo. 7DE Tempo per sé e orario di lavoro Molto/abbast. tempo Scarso/ nessuno tempo insuff. N A tempo pieno 14,8% 43,4% 41,8% 1027 A tempo parziale, qualche ora al giorno 31,9% 44,5% 23,6% 501 A tempo parziale, qualche giorno a settimana 42,7% 37,8% 19,5% 82 A tempo parziale, altro tipo di combinazione 18,8% 44,8% 36,4% 154 A tempo non vincolato 20,0% 54,7% 25,3% 75 Totale 21,3% 44,0% 34,7% 1839 La forma di part-time che sembra permettere una maggiore cura di se stesse è quella verticale: quattro donne su dieci occupate con questo tipo di contratto riescono a riservare molto o abbastanza tempo per sé.

14 Tra le donne impiegate a tempo pieno solo una donna su sette ha tempo sufficiente per se stessa.

15 6(59,=, Rispetto alle interviste telefoniche nel questionario auto-somministrato siamo stati in grado di aggiungere altri servizi da giudicare in base alla loro utilità per il risparmio di tempo in chiave di conciliazione; la lista di servizi risulta, quindi, più dettagliata e comprende anche gli uffici postali, i negozi, i servizi sanitari (ospedali) e gli altri uffici pubblici. Il quadro che emerge è di sostanziale soddisfazione per scuole, asili (già emerso nelle interviste telefoniche) e servizi commerciali. 7DE Difficoltà create dagli orari dei servizi (%) per condizione occupazionale Molte Alcune Asili 5,9 (6,0) 18,3 (20,8) Scuole 3,9 (3,6) 25,0 (27,9) Commercio 2,8 (2,8) 18,2 (18,4) Trasporti 14,7 (16,4) 29,6 (30,5) Asl 17,4 (18,7) 43,0 (47,2) Sanità 17,1 (18,3) 46,2 (50,1) Poste 10,1 (10,2) 29,2 (30,5) Uffici pubblici 20,1 (22,0) 46,1 (49,7) Tra parentesi riportiamo la percentuale relativa alle donne occupate Il giudizio appare, invece, negativo per i trasporti (vedi prima parte di questo report), e tutti gli uffici pubblici e medico-ospedalieri: almeno 4 donne su 10 dichiara di non essere soddisfatta degli orari di questi servizi. Le donne che lavorano (valori riportati tra parentesi) sono in generale più critiche; non si presentano, invece, rilevanti differenze in base al tipo di carichi di cura. 7DE Difficoltà create (molte/alcune) per tempo per sé Tempo per sé Asili Scuole Trasporti Commercio Poste Asl Sanità Uff. pubblici molto/abbast. tempo 12,2% 19,4% 29,4% 17,3% 30,3% 42,7% 47,5% 51,5% scarso o nessuno 23,0% 24,9% 44,4% 21,1% 39,5% 63,0% 66,7% 69,1% tempo insuff. 34,8% 41,6% 53,8% 24,2% 46,1% 70,3% 71,0% 73,4% Totale 25,0% 29,5% 44,9% 21,4% 39,9% 61,4% 64,3% 67,1% La zona influisce in parte sui giudizi. Nel Nord Milanese si osserva la più alta insoddisfazione verso i servizi. 7DE Difficoltà create (molte) dagli orari dei servizi (%) per zona Totale Alto Milanese Nord Milano Vimercatese Asili 5,9 5,8 8,5 4,2 Scuole 3,9 3,8 5,4 2,2 Commercio 2,8 3,1 3,0 2,1 Asl 17,4 15,8 18,7 19,2 Sanità 17,1 15,0 19,9 18,3 Poste 10,1 9,1 12,5 10,0 Uffici pubblici 20,1 19,4 22,4 19,3

16 Abbiamo visto, sia dall analisi di queste interviste sia di quelle telefoniche, che gli orari scolastici incontrano il favore di gran parte delle donne. Verifichiamo ora quali sono le esigenze delle donne rispetto all organizzazione degli orari scolastici. 7DEPreferenza di orari scolastici Totale Occupate Cura figli <11 Cura figli >10 Cura anziano/malato Tutte le mattine 15,6 12,2 10,1 29,5 20,1 Le mattine e qualche pomeriggio 20,8 20,3 16,7 32,4 22,3 Le mattine e i pomeriggi 57,3 60,9 66,1 34,5 50,8 Un orario scolastico prolungato fino a sera 6,4 6,6 10,1 29,5 20,1 Totale Il tempo pieno, addirittura prolungato fino a sera, emerge come esigenza della maggioranza delle intervistate soprattutto se lavoratrici e con carichi di cura. Risultano anche diversificate le esigenze delle donne in base al tipo di cura: le donne con figli sopra i 10 anni e con anziani e malati da curare mostrano un grande interesse per orari scolastici prolungati fino a sera.

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI 1. La rilevazione La rilevazione presso le famiglie con bambini da zero a 3 anni, residenti nei comuni dell Ambito territoriale dei servizi sociali

Dettagli

una mobilità dedicata alla famiglia ancora troppo... in auto!!

una mobilità dedicata alla famiglia ancora troppo... in auto!! una mobilità dedicata alla famiglia ancora troppo... in auto!! In questa fermata si propone un approfondimento su uno spaccato della domanda di mobilità che comprende circa un terzo degli spostamenti:

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Donne e welfare. Novembre 2010

Donne e welfare. Novembre 2010 Donne e welfare Novembre 2010 1 Metodologia Universo di riferimento Donne residenti residenti in Italia Numerosità campionaria 800 donne disaggregate per età(giovani adulte anziane), condizione professionale

Dettagli

Le neo-mamme non lavoratrici e le forze di lavoro potenziali

Le neo-mamme non lavoratrici e le forze di lavoro potenziali Le neo-mamme non lavoratrici e le forze di lavoro potenziali Cinzia Castagnaro e Claudia Di Priamo Seminario Cnel Istat Roma, 2 dicembre 2003 1. Introduzione La prima indagine campionaria sulle nascite

Dettagli

LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI

LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati riguarda un approfondimento sui comportamenti in mobilità dei giovani. UN SEGMENTO FORTE DELLA DOMANDA DI TRASPORTO?

Dettagli

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH ,O7HPSRGHOOH'RQQH Progetto ID 158160 Azioni di sistema E1 FSE Obiettivo 3 http://www.iltempodelledonne.it $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH Per lo studio dei servizi sul territorio,

Dettagli

DESCRIZIONE DEL CAMPIONE DI CITTADINI CHE HANNO COMPILATO IL QUESTIONARIO

DESCRIZIONE DEL CAMPIONE DI CITTADINI CHE HANNO COMPILATO IL QUESTIONARIO DESCRIZIONE DEL CAMPIONE DI CITTADINI CHE HANNO COMPILATO IL QUESTIONARIO I questionari sul credito al consumo sono stati somministrati ad un campione accidentale non probabilistico costituito da 1.725

Dettagli

LE SCELTE DI MOBILITÀ IN UNA CITTÀ SENZA TRAFFICO

LE SCELTE DI MOBILITÀ IN UNA CITTÀ SENZA TRAFFICO LE SCELTE DI MOBILITÀ IN UNA CITTÀ SENZA TRAFFICO AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Ottobre 2010 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 12 Tutti in autobus,

Dettagli

Questionario Trasporti pubblici e Igiene urbana

Questionario Trasporti pubblici e Igiene urbana 1. In quale comune risiede abitualmente? 1. Torino Proseguire 2. Milano Proseguire 3. Roma Proseguire 4. No (Chiudere intervista) 2. Sesso 1. Maschio 2. Femmina Domande Sociodemo Agenzia (8) 3. Mi può

Dettagli

Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014. A cura del gruppo di lavoro TelePAT

Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014. A cura del gruppo di lavoro TelePAT Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014 A cura del gruppo di lavoro TelePAT L articolazione del sistema di monitoraggio Focalizzare i punti di forza e le aree di miglioramento Verificare lo

Dettagli

L INDAGINE TECNOBORSA 2011: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE NELLE SEI GRANDI CITTA INTERMEDIAZIONE E VALUTAZIONE

L INDAGINE TECNOBORSA 2011: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE NELLE SEI GRANDI CITTA INTERMEDIAZIONE E VALUTAZIONE L INDAGINE TECNOBORSA 2011: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE NELLE SEI GRANDI CITTA INTERMEDIAZIONE E VALUTAZIONE a cura di Alice Ciani Centro Studi sull Economia Immobiliare di Tecnoborsa

Dettagli

Risultati Floriani. [1] Totale Segnalazioni 14 /16 F 17 /18 F 19 /20 F 14 /16 M 17 /18 M 19 /20 M 315 138 110 22 23 17 5 44% 35% 7% 7% 5% 2%

Risultati Floriani. [1] Totale Segnalazioni 14 /16 F 17 /18 F 19 /20 F 14 /16 M 17 /18 M 19 /20 M 315 138 110 22 23 17 5 44% 35% 7% 7% 5% 2% Risultati Floriani In questo documento sono riportati i risultati ottenuti dall analisi delle risposte del questionario proposto agli 460 studenti dell Istituto Floriani; quelli compilati e restituiti

Dettagli

SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI

SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI Luca Sinigallia Il Borgo Onlus Presentazione Con questo breve e sintetico rapporto di ricerca si intendono proiettare

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

Conciliazione Famiglia - Lavoro

Conciliazione Famiglia - Lavoro Conciliazione Famiglia - Lavoro Grazie in anticipo per aver accettato di dedicarci il Suo tempo che sarà utile per la riuscita di questa indagine. Lo scopo dell'indagine è quello di analizzare l'attuale

Dettagli

3. Rilevazione di aspettative in relazione ai requisiti principali del servizio.

3. Rilevazione di aspettative in relazione ai requisiti principali del servizio. SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE PILOTA DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS SUI CALL CENTER COMMERCIALI DELLE PRINCIPALI IMPRESE DI VENDITA DI ELETTRICITA E DI GAS Finalità e obiettivi I

Dettagli

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017 Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ IL 12% DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel 2001 di povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per

Dettagli

LA VOCE DI 100.000 LAVORATRICI E LAVORATORI

LA VOCE DI 100.000 LAVORATRICI E LAVORATORI impaginato sintesidef 29-04-2008 19:34 Pagina 66 GRAFICO 11 DEDICANO PIÙ DI 20 ORE A SETTIMANA AL LAVORO DOMESTICO E DI CURA * 7 51,8 58,9 62,4 Uomini 29,0 27,3 20,1 Donne Meno di 35 anni Da 36 a 45 anni

Dettagli

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE:

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: Il Lupus Eritematoso Sistemico: quale conoscenza, consapevolezza ed esperienza? Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa

Dettagli

Progetto Mobilità Intelligente Camera di Commercio, Industria, Artigianato ed Agricoltura di Genova

Progetto Mobilità Intelligente Camera di Commercio, Industria, Artigianato ed Agricoltura di Genova ISTITUTO INTERNAZIONALE DELLE COMUNICAZIONI Progetto Mobilità Intelligente Camera di Commercio, Industria, Artigianato ed Agricoltura di Genova Novembre 2002 Premessa L indagine realizzata rientra in un

Dettagli

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere 20 aprile 2007 La italiana, i dialetti e le lingue straniere Anno 2006 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana delle famiglie.

Dettagli

QUESTIONARIO SULL ORARIO DI LAVORO - REPORT ANNO 2013

QUESTIONARIO SULL ORARIO DI LAVORO - REPORT ANNO 2013 QUESTIONARIO SULL ORARIO DI LAVORO - REPORT ANNO 2013 Nella mensilità di maggio, come noto, è stato attivato on line un questionario sull orario di lavoro al fine di raccogliere elementi informativi utili

Dettagli

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI M o d e n a, n o v e m b re 2 0 1 4 1 INDICE Pagina INFORMAZIONI

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

Argomenti trattati e livelli della ricerca empirica

Argomenti trattati e livelli della ricerca empirica Lucido 153 Argomenti trattati e livelli della ricerca empirica Le unità Campione e casi Unità di rilevamento e di analisi Le proprietà La definizione operativa Il rapporto di indicazione Validità e attendibilità

Dettagli

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia 10 maggio 2004 La vita quotidiana di separati e in Italia Media 2001-2002 Ogni anno le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana

Dettagli

Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia

Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia 5 luglio 2005 Il testo qui presentato è pubblicato anche nel volume Madri sole - Sfide politiche e genitorialità alla prova, a cura

Dettagli

Padri e madri dedicano più tempo ai figli

Padri e madri dedicano più tempo ai figli Seminario. Analisi e riflessioni a partire da una ricerca Istat sui padri in Italia Padri e madri: tempi e ruoli Linda Laura Sabbadini Direttore Centrale Istat Università Cattolica del Sacro Cuore Milano,

Dettagli

COMUNE DI MONTESPERTOLI

COMUNE DI MONTESPERTOLI OGGETTO: Questionario sul benessere organizzativo 2012 - Report Il presente documento è finalizzato all analisi dei dati scaturiti dalla compilazione dei questionari in oggetto, da parte dei dipendenti

Dettagli

Indagine sulla soddisfazione per i servizi sanitari dei cittadini del territorio dell ULSS 3 di Bassano del Grappa

Indagine sulla soddisfazione per i servizi sanitari dei cittadini del territorio dell ULSS 3 di Bassano del Grappa Indagine sulla soddisfazione per i servizi sanitari dei cittadini del territorio dell ULSS 3 di Bassano del Grappa Rocco Micciolo Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Università degli Studi di

Dettagli

Pari opportunità delle persone con disabilità

Pari opportunità delle persone con disabilità 20 Situazione economica e sociale della popolazione 1230-1100 Pari opportunità delle persone con Principali risultati Neuchâtel, 2011 Pari opportunità delle persone con Dal 1999, il principio dell uguaglianza

Dettagli

La vita di coppia. 21 agosto 2006. Si allunga il periodo di fidanzamento, cambiano i luoghi in cui si conoscono i fidanzati

La vita di coppia. 21 agosto 2006. Si allunga il periodo di fidanzamento, cambiano i luoghi in cui si conoscono i fidanzati 21 agosto 2006 La vita di coppia Il volume La vita di coppia presenta alcuni risultati dell indagine Famiglia e soggetti sociali svolta dall Istat nel Novembre 2003 su un campione di oltre 19 mila famiglie

Dettagli

L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE. Esperienza e vissuto dei medici italiani. Sintesi dei principali risultati

L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE. Esperienza e vissuto dei medici italiani. Sintesi dei principali risultati L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE Esperienza e vissuto dei medici italiani Sintesi dei principali risultati Ottobre 2014 Eures Ricerche Economiche e Sociali IPASVI METODOLOGIA Indagine

Dettagli

Customer satisfaction Distribuzione dell energia elettrica

Customer satisfaction Distribuzione dell energia elettrica Novembre - Dicembre 27 Customer satisfaction Distribuzione dell energia elettrica A cura di Francesca Dallago 4.. Caratteristiche dell indagine PERIODO DELLA RILEVAZIONE: Novembre-Dicembre 27 STRUMENTO

Dettagli

Customer satisfaction Igiene urbana

Customer satisfaction Igiene urbana Novembre - Dicembre 2008 Customer satisfaction Igiene urbana A cura di Francesca Dallago 0.1. Caratteristiche dell indagine PERIODO DI RILEVAZIONE DEI DATI: Novembre-Dicembre 2008. STRUMENTO DI RILEVAZIONE

Dettagli

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE SOTTO LA SOGLIA RELATIVA IL % DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel della povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per consumi

Dettagli

Indagine sul rischio di morosità 2011 Analisi dei servizi scolastici del Comune di Melzo. A cura del Centro Studi ALSPES

Indagine sul rischio di morosità 2011 Analisi dei servizi scolastici del Comune di Melzo. A cura del Centro Studi ALSPES Indagine sul rischio di morosità 2011 Analisi dei servizi scolastici del Comune di Melzo A cura del Centro Studi ALSPES 1 Struttura della presentazione Parte I Il quadro dell utenza dei servizi di refezione

Dettagli

Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo

Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo Rapporto di ricerca Luglio 2010 (Rif. 1215v110) Indice 2 Capitolo I - L andamento dell economia e del credito al consumo oggi pag. 3 Capitolo

Dettagli

Trasporti pubblici. Indagine sulla soddisfazione degli utenti. Anno 2009

Trasporti pubblici. Indagine sulla soddisfazione degli utenti. Anno 2009 Trasporti pubblici Indagine sulla soddisfazione degli utenti Anno 2009 a cura di Mirko Dancelli Osservatorio del Nord Ovest, Università di Torino 115 SOMMARIO 2.1. Se dovesse esprimere il Suo livello di

Dettagli

LE DONNE TRA LAVORO FAMIGLIA E WELFARE

LE DONNE TRA LAVORO FAMIGLIA E WELFARE LE DONNE TRA LAVORO FAMIGLIA E WELFARE Vicenza, 16 aprile 2013 Local Area Network s.r.l. p.tta Gasparotto, 8 35131 Padova tel. 049.80.46.411 fax 049.80.46.444 www.lanservizi.com info@lanservizi.com LA

Dettagli

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI REPORT DI RILEVAZIONE DEL GRADIMENTO DEL SERVIZIO EDUCATIVO 0-3 anni Anno Scolastico 2011/12 A cura della Direzione Servizi Educativi - Affari

Dettagli

Indagine sulla mobilità ciclabile nell Area Metropolitana di Cagliari Dipendenti della Regione Sardegna. Rapporto di sintesi

Indagine sulla mobilità ciclabile nell Area Metropolitana di Cagliari Dipendenti della Regione Sardegna. Rapporto di sintesi Indagine sulla mobilità ciclabile nell Area Metropolitana di Cagliari Dipendenti della Regione Sardegna Rapporto di sintesi L indagine e l analisi dei risultati, di cui questo report rappresenta una sintesi,

Dettagli

Caratteristiche dell indagine

Caratteristiche dell indagine L indagine condotta dall Associazione Vivere senza dolore Negli ultimi mesi si è parlato spesso di dolore in vari contesti, dove è stato possibile ascoltare la voce di esperti, medici, politici, aziende

Dettagli

- CARATTERISTICHE SOCIO-DEMOGRAFICHE DELL INTERVISTATO - (PER TUTTI)

- CARATTERISTICHE SOCIO-DEMOGRAFICHE DELL INTERVISTATO - (PER TUTTI) Soddisfazione per il servizio di distribuzione del GAS e del Teleriscaldamento (AES) Proposta di questionario telefonico Buongiorno. Sono un intervistatore/trice della XXXX. Stiamo effettuando una ricerca

Dettagli

USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE

USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE 9 maggio 2013 Anno 2012 USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE L Istat, in collaborazione con il Dipartimento per l innovazione tecnologica (Dit), ha svolto a luglio 2012 la seconda indagine

Dettagli

Una ricerca sulla Menopausa Precoce

Una ricerca sulla Menopausa Precoce Una ricerca sulla Menopausa Precoce PREMESSA Le D.sse Ann Bises (psicoterapeuta) e Giovanna Testa (ginecologa specialista in endocrinologia ginecologica) del sito www.menopausaprecoce.it e l Associazione

Dettagli

INTRODUZIONE LA VALUTAZIONE TRAMITE QUESTIONARIO

INTRODUZIONE LA VALUTAZIONE TRAMITE QUESTIONARIO INTRODUZIONE Anche quest anno, Piscine Forlì S.S.D. A.R.L. ha proposto ai suoi utenti un questionario per rilevarne la soddisfazione. L intento del gestore è stato molto ambizioso, non si è limitato infatti

Dettagli

PARITA TRA I SESSI NELLE CARRIERE ACCADEMICHE TESTIMONIANZA DALLA AUSTRALIA

PARITA TRA I SESSI NELLE CARRIERE ACCADEMICHE TESTIMONIANZA DALLA AUSTRALIA PARITA TRA I SESSI NELLE CARRIERE ACCADEMICHE TESTIMONIANZA DALLA AUSTRALIA Gillian Whitehouse School of Political Science and International Studies University of Queensland Australia Temi e punti centrali

Dettagli

Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011

Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011 Lombardia Statistiche Report N 0 / 17 febbraio 2014 Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011 Sintesi Nel 2010 le famiglie residenti in Lombardia hanno percepito

Dettagli

6.1 L occupazione femminile

6.1 L occupazione femminile 6.1 L occupazione femminile E oramai noto come la presenza femminile sul mercato del lavoro sia notevolmente cresciuta nell ultimo decennio. La società in trasformazione ha registrato così un importante

Dettagli

APPENDICE METODOLOGICA

APPENDICE METODOLOGICA APPENDICE METODOLOGICA Le indagini sul campo alla base del Rapporto su Torino di quest anno consistono in un ampia ricognizione e nell analisi di studi e ricerche prodotti di recente: sull area torinese,

Dettagli

Dalle pari opportunità alla partecipazione protagonista

Dalle pari opportunità alla partecipazione protagonista Dalle pari opportunità alla partecipazione protagonista Indice Obiettivi della ricerca Caratteristiche socio demografiche del campione I risultati della ricerca Percezione della discriminazione di Esperienze

Dettagli

QUESTIONARIO PER LA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEI GENITORI DEI BAMBINI CHE HANNO PARTECIPATO AL CENTRO ESTIVO A. ANALISI DI SFONDO: STRUTTURA FAMILIARE a) Da quante persone è composta la sua famiglia?

Dettagli

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE REPORT INDAGINE Roma, 11 maggio Comune di Bisceglie RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO FRONT OFFICE "Accesso e utilizzo dei servizi di sportello" Strumento

Dettagli

22 settembre 2015 Imola

22 settembre 2015 Imola 22 settembre 2015 Imola ASSOLUTAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia RELATIVAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia LINEA STANDARD DI POVERTA Valore di spesa per consumi al di sotto della quale

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

NELL ULTIMO ANNO RIDOTTE LE SPESE PER ABBIGLIAMENTO, SVAGHI E ALIMENTARI

NELL ULTIMO ANNO RIDOTTE LE SPESE PER ABBIGLIAMENTO, SVAGHI E ALIMENTARI COMUNICATO STAMPA LA FAMIGLIA COME SPECCHIO DELLA REALTA PRIMI RISULTATI DELL INDAGINE RISORSA FAMIGLIA. INDAGINE SULLE FAMIGLIE PISTOIESI: CASA, LAVORO, BILANCIO DELL OSSERVATORIO SOCIALE PROVINCIALE

Dettagli

P ROVOCAZIONI, MA NON TROPPO: STOP ALLE AUTO NELLE ORE DI PUNTA, TRASPORTO PUBBLICO GRATUITO

P ROVOCAZIONI, MA NON TROPPO: STOP ALLE AUTO NELLE ORE DI PUNTA, TRASPORTO PUBBLICO GRATUITO P ROVOCAZIONI, MA NON TROPPO: STOP ALLE AUTO NELLE ORE DI PUNTA, TRASPORTO PUBBLICO GRATUITO AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Febbraio 2010 LE FERMATE AUDIMOB S U L

Dettagli

L integrazione sociale delle persone con disabilità

L integrazione sociale delle persone con disabilità 4 luglio 2005 L integrazione sociale delle persone con disabilità Anno 2004 Ufficio della comunicazione Tel. +39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. +39 06 4673.3106 Informazioni e

Dettagli

SUMMARY REPORT MOPAmbiente. I principali risultati della ricerca

SUMMARY REPORT MOPAmbiente. I principali risultati della ricerca SUMMARY REPORT MOPAmbiente I principali risultati della ricerca VI Rapporto Periodo di rilevazione: 3 9 Novembre 2010 Metodologia: CATI; campione n=1000 casi, rappresentativo degli italiani dai 18 anni

Dettagli

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Introduzione alla direttiva del Dipartimento della Funzione Pubblica I principali campi di indagine Le fasi del processo di rilevazione (c) IdWeb S.r.l. Ottobre

Dettagli

La crisi economica nel Veneto: il punto di vista delle piccole imprese

La crisi economica nel Veneto: il punto di vista delle piccole imprese FONDAZIONE LEONE MORESSA Via Torre Belfredo 81/d 30171 Mestre (Venezia) Tel: 041-23.86.700 - Fax: 041-98.45.01 Email: info@fondazioneleonemoressa.org Web: www.fondazioneleonemoressa.org La crisi economica

Dettagli

Welfare, servizi e equità sociale: un indagine delle Acli trentine

Welfare, servizi e equità sociale: un indagine delle Acli trentine Welfare, servizi e equità sociale: un indagine delle Acli trentine 1 La crisi colpisce più le valli L indagine realizzata dall Osservatorio delle Acli trentine ci dà modo di riflettere sulle condizioni

Dettagli

Non autosufficienza e carichi familiari in Lombardia: ieri, oggi e domani

Non autosufficienza e carichi familiari in Lombardia: ieri, oggi e domani Lombardia Statistiche Report N 1 / 8 febbraio 2016 Non autosufficienza e carichi familiari in Lombardia: ieri, oggi e domani Sintesi Al 2013 la diffusione di limitazioni nello svolgimento delle attività

Dettagli

CASALINGA: POPOLAZIONE ATTIVA SENZA RETRIBUZIONE.

CASALINGA: POPOLAZIONE ATTIVA SENZA RETRIBUZIONE. CASALINGA: POPOLAZIONE ATTIVA SENZA RETRIBUZIONE. Carla Ge Rondi Dipartimento di Statistica ed Economia applicate L. Lenti Università di Pavia Premessa. Nel mio intervento ho ritenuto di portare l attenzione

Dettagli

Numero 49 /2014 Istat: i dati dell indagine sui problemi di salute lavoro-correlati

Numero 49 /2014 Istat: i dati dell indagine sui problemi di salute lavoro-correlati Numero 49 /2014 Istat: i dati dell indagine sui problemi di salute lavoro-correlati Nelle scorse settimane l ISTAT ha presentato, nell ambito dell Indagine Forze di lavoro, l approfondimento Salute e Sicurezza

Dettagli

Le Riscritture del MdS n 6

Le Riscritture del MdS n 6 TESTO ORIGINALE Comunicato stampa I risultati della ricerca Bachelor sui neolaureati dell area Lombarda Ingegnere ed economista che hai frequentato un università milanese: che tipo sei? Secondo gli ultimi

Dettagli

La relazione tra banche e migranti in Italia

La relazione tra banche e migranti in Italia La relazione fra migranti e banche in Italia è venuta emergendo come un tema di grande interesse, suscitando l attenzione sia delle istituzioni pubbliche che del mondo economico e finanziario. Ciò ha comportato

Dettagli

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Contributo di Laura Chies Esperta dell Agenzia e Dises - Università di Trieste e di Chiara Donati e Ilaria Silvestri Servizio statistica e affari

Dettagli

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE REPORT INDAGINE Roma, 16 maggio 2102 Comune di Cosenza RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO Ufficio Relazioni con il Pubblico Strumento n 9: modello report

Dettagli

Non siamo nati per soffrire

Non siamo nati per soffrire Non siamo nati per soffrire Dolore cronico e percorsi assistenziali ABSTRACT con il sostegno di Non siamo nati per soffrire. Dolore cronico e percorsi assistenziali ABSTRACT Non siamo nati per soffrire.

Dettagli

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi Comunicato stampa L identikit e le scelte dei diplomati calabresi I diplomati calabresi si raccontano prima e dopo il diploma. Quest anno la Regione Calabria ha esteso il progetto AlmaDiploma - l associazione

Dettagli

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e 1 L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e secondo livello di tutti i 64 atenei aderenti al Consorzio, che rappresentano circa l 80% del complesso dei laureati

Dettagli

I FIORENTINI E LA TRANVIA Indagine conoscitiva sull utilizzo della linea 1 della tranvia

I FIORENTINI E LA TRANVIA Indagine conoscitiva sull utilizzo della linea 1 della tranvia I FIORENTINI E LA TRANVIA Indagine conoscitiva sull utilizzo della linea 1 della tranvia Introduzione 1. Obiettivi e caratteristiche dell indagine L indagine è progettata dal Settore Pianificazione Integrata

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

1 Coordinatore del Dipartimento Welfare Acli Nazionali

1 Coordinatore del Dipartimento Welfare Acli Nazionali Indagine Link-Marche : ricerca e azione sociale per favorire l inclusione delle persone in condizioni di marginalità e di disagio a cura di David Recchia 1 Link è un progetto nazionale che le Acli hanno

Dettagli

Igiene urbana. Indagine sulla soddisfazione degli utenti Confronto tra Torino, Milano, Bologna e Roma. Anno 2011. a cura di Mirko Dancelli

Igiene urbana. Indagine sulla soddisfazione degli utenti Confronto tra Torino, Milano, Bologna e Roma. Anno 2011. a cura di Mirko Dancelli Igiene urbana Indagine sulla soddisfazione degli utenti Confronto tra Torino, Milano, Bologna e Roma Anno 2011 a cura di Mirko Dancelli Osservatorio del Nord Ovest - Università degli Studi di Torino SOMMARIO

Dettagli

COMUNE DI UDINE. Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S.

COMUNE DI UDINE. Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S. COMUNE DI UDINE Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S. Studi ISTRUZIONE 1951-1991 COMUNE DI UDINE U.O. Studi e Statistica

Dettagli

Parentela e reti di solidarietà

Parentela e reti di solidarietà 10 ottobre 2006 Parentela e reti di solidarietà Il volume Parentela e reti di solidarietà presenta alcuni risultati dell indagine Famiglia e soggetti sociali svolta dall Istat nel novembre 2003 su un campione

Dettagli

DI CONSUMO DEL TURISTA IN PUGLIA.

DI CONSUMO DEL TURISTA IN PUGLIA. FOODING ACTION 5.5.1 Development of a CRM (Customer relationship management P5 Chamber of commerce of Bari: ESPERIENZA DI CONSUMO DEL TURISTA IN PUGLIA. La Camera di Commercio di Bari, nell ambito del

Dettagli

FARMACISTI, DONNE E FARMACI EQUIVALENTI

FARMACISTI, DONNE E FARMACI EQUIVALENTI FARMACISTI, DONNE E FARMACI EQUIVALENTI L atteggiamento delle donne verso il generico visto attraverso gli occhi del farmacista Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa Milano, 16 ottobre

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014 STUDIO Q QUALITÀ TOTALE SRL organizzazione formazione marketing INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE 3 2 METODOLOGIA 4 3 IL TARGET E IL CAMPIONE D

Dettagli

Abitudini di spostamento e giudizio sugli orari della città Survey sui cittadini del Comune di Ferrara

Abitudini di spostamento e giudizio sugli orari della città Survey sui cittadini del Comune di Ferrara Abitudini di spostamento e giudizio sugli orari della città Survey sui cittadini del Comune di Ferrara REPORT DI RICERCA Gennaio 2007 1 1. FINALITÀ E OBIETTIVI DELLA RICERCA L obiettivo della ricerca è

Dettagli

M-Payment, il futuro nei sistemi di pagamento

M-Payment, il futuro nei sistemi di pagamento ITALIA, il futuro nei sistemi di pagamento All alba di una nuova tecnologia nei sistemi di pagamento, indagine sulla propensione all utilizzo del telefonino come strumento d acquisto. 90 Nuove frontiere

Dettagli

PIANO DEGLI SPOSTAMENTI CASA SCUOLA LICEO SCIENTIFICO E ARTISTICO A. SERPIERI ISTITUTO PROFESSIONALE L.EINAUDI

PIANO DEGLI SPOSTAMENTI CASA SCUOLA LICEO SCIENTIFICO E ARTISTICO A. SERPIERI ISTITUTO PROFESSIONALE L.EINAUDI Il Progetto Il progetto nasce dalla necessità di riflettere e stimolare la coscienza dei ragazzi più giovani, sulle problematiche ambientali: l ambiente naturale e materiale (cioè modificato dai bisogni

Dettagli

Radiografia del Turista Rurale 2009. Milano Novembre 2009

Radiografia del Turista Rurale 2009. Milano Novembre 2009 Radiografia del Turista Rurale 2009 Milano Novembre 2009 Indice 1. Scheda tecnica Pag. 3 1. Turisti rurali Pag. 5 Il profilo del turista rurale Pag. 6 Il consumo di turismo rurale Pag. 7 La percezione

Dettagli

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Maggio 2012 Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Introduzione e sintesi Da qualche anno il tema della bassa presenza di donne nei consigli d amministrazione delle

Dettagli

FAMIGLIA E SOGGETTI SOCIALI

FAMIGLIA E SOGGETTI SOCIALI MOD. ISTAT/IMF-10/B1.03 SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Provincia INDAGINE STATISTICA MULTISCOPO SULLE FAMIGLIE FAMIGLIA E SOGGETTI SOCIALI 1 2... Comune... Sezione di Censimento...

Dettagli

RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO REPORT INDAGINE Provincia di Lecce RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO Dicembre 2013 REPORT: UFFICIO DI STATISICA FONTE DATI: UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO INDICE

Dettagli

Scheda 4 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ ECONOMICA DELLA MOBILITÀ. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ ECONOMICA DELLA MOBILITÀ. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ ECONOMICA DELLA MOBILITÀ GREEN JOBS Formazione e Orientamento Il tema della mobilità sostenibile può essere visto da un particolare punto di vista cioè

Dettagli

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Sommario Premessa 1 L indagine e il questionario di rilevazione 1 La partecipazione e le caratteristiche dei rispondenti 2 I risultati

Dettagli

7. MOBILITÀ, ORARI E TEMPO LIBERO. 7.1 La mobilità per lavoro e studio

7. MOBILITÀ, ORARI E TEMPO LIBERO. 7.1 La mobilità per lavoro e studio 1 94 7. MOBILITÀ, ORARI E TEMPO LIBERO 7.1 La mobilità per lavoro e studio Sempre più nelle società avanzate assumono un peso rilevante nel condizionare la qualità della vita dei cittadini una serie di

Dettagli

Essere precari stanca

Essere precari stanca Essere precari stanca Il precariato nelle scuole friulane Sintesi degli esiti dell inchiesta promossa dal Coordinamento Precari Scuola (CPS) della provincia di Udine Settembre 2010 Il campione considerato

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli