Le micotossine nelle produzioni italiane di mais

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le micotossine nelle produzioni italiane di mais"

Transcript

1 Relazione presentata al II Congresso Nazionale "Le micotossine nella filiera agroalimentare " (Roma, 16/10/2006), presentata da CRA Istituto Sperimentale per la Cerealicoltura, sezione di Bergamo. Le micotossine nelle produzioni italiane di mais Flora fungina e micotossine vengono ritrovate in una vasta gamma di commodities agricole e di alimenti raffinati destinati al consumo diretto ed agli allevamenti (CAST, 2003). I cereali costituiscono la fonte di nutrimento principale per i quasi sette miliardi di uomini che attualmente popolano la terra; il mais, dopo frumento e riso, è la terza coltura per volumi di produzione (122 milioni di ettari investiti, 604 milioni di tonnellate prodotte, rese medie intorno a 5 t/ha). L Italia è il secondo produttore ed il primo consumatore di mais in Europa; alla coltura sono stati destinati nell ultimo decennio oltre un milione di ettari per la produzione di granella e mila ettari per la produzione di trinciato integrale. I volumi prodotti pari a 10-10,4 milioni di tonnellate di granella e 4.5 miliardi di unità foraggere, sono superiori a quelli degli altri cereali insieme considerati: le rese sono cresciute ad una percentuale media dell 1,4% per anno e la produzione nazionale, a partire dal è riuscita a saturare la domanda interna per gli impieghi zootecnici (84% del totale), per l industria amidiera (12%) e per gli usi alimentari (4%). Il mais è anche la specie più studiata per tutti gli aspetti di interazione con i funghi micotossigeni e la più monitorata per la concentrazione delle varie classi di tossine presenti nelle diverse aree di coltivazione, estese dal sub-tropico alle zone temperate fredde delle alte latitudini. I funghi e le tossine Le più importanti classi di micotossine trovate in mais comprendono le aflatossine, prodotte da funghi del genere Aspergillus, i tricoteceni (tra i quali il Desossinivalenolo) e lo Zearalenone prodotti da specie di Fusarium della Sezione Discolor; le Fumonisine prodotte da specie di Fusarium della Sezione Liseola, le ocratossine prodotte da funghi del genere Penicillium ed Aspergillus. Lo sviluppo dei diversi generi-razze fungine e la sintesi di micotossine sono fondamentalmente influenzati dai determinanti climatici ed agro-ambientali delle macroaree di coltivazione ed in special modo dalle temperature e dall umidità. Diverse indagini e monitoraggi condotti nelle principali aree maidicole mondiali indicano come i funghi del genere Aspergillus, responsabili della produzione di Aflatossine, siano specialmente diffusi nelle aree più calde di coltivazione comprese tra i 26 ed i 35 gradi di latitudine (Klich et al., 1992) e possano causare infezioni di campo significative anche a latitudini elevate in corrispondenza con andamenti stagionali eccezionalmente caldi ed asciutti (CAST, 2003). 1

2 Relativamente al genere Fusarium, di gran lunga il più frequente nella vasta area temperata di coltivazione, le specie F. verticilloides e F. proliferatum, agenti del Marciume rosa della spiga e responsabili della produzione di fumonisine, hanno un maggior adattamento nei climi più caldi e siccitosi nella fase di riempimento della granella; le specie F. graminearum e F. culmorum agenti del marciume rosso della spiga e responsabili della produzione di DON e Zearalenone sono frequenti nei climi più freschi e piovosi nella fase riproduttiva del mais. Alcuni recenti lavori indicano una stretta relazione tra la latitudine e la frequenza dei marciumi rossi e rosato della spiga: F. verticilloides è di gran lunga prevalente nelle aree subtropicali e negli stati del Sud e del Sud-Est della fascia del mais americane (Lesile, 1995); procedendo verso Nord la sua incidenza diminuisce in corrispondenza dell affermazione di F. graminearum che diventa prevalente a partire dall area nord dell Illinois. Una zona di transizione è stata osservata in Iowa (Munkvold, 2003) dove isolati da coltivazioni delle contee centrali e meridionali hanno rilevato la predominanza di F. verticilloides, mentre nelle contee settentrionali è stato ritrovato principalmente F. subglutinans e quindi F. graminearum. Distribuzioni simili per effetto della latitudine sono state osservate anche nelle aree di coltivazione europee (Bottalico, 2004); le indicazioni sono state confermate da una vasta indagine condotta da Syngenta Seeds negli anni (Tanzi, 2005) nella quale sono state rilevate concentrazioni di fumonisine superiori alla media europea nelle aree di coltivazione meridionali (Spagna, Portogallo, Italia, Grecia, Francia meridionale, Paesi balcanici) e, di contro, una prevalenza di DON e Zearalenone nelle aree settentrionali (Francia, Germania, Austria, Ungheria, polonia, Slovacchia). In Italia sono state recentemente condotte diverse indagini sulla diffusione delle principali tossine con campionamento di partite commerciali o di prodotti ancora in campo (Pietri et al., 2004; Verderio et al., 2005; Battilani et al., 2005; Reyneri et al., 2004; Logrieco et al., 2004). Inoltre, sono stati resi disponibili dati di laboratorio relativi alle analisi di controllo di granelle, farine e mangimi. Fumonisina B1 Le fumonisine vengono rilevate come la classe di micotossine più diffusa nelle aree di coltivazione italiane. Pochissimi campioni tra gli oltre 4000 raccolti nel periodo sono risultati negativi all analisi. In tutte le indagini considerate solo il 30/40% dei campioni presentava concentrazioni della tossina inferiore a μg/kg, valori di riferimento discussi in sede europea per il prodotto grezzo destinato a trasformazioni alimentari. Prendendo in considerazione valori di concentrazione di μg/kg indicati da più parti come limite di attenzione, verrebbe esclusa dagli usi normali una quota di produzione che risulta mediamente pari al 20% nel periodo considerato ma che in annate particolarmente favorevoli al fungo (anni 2002 e 2003) può raggiungere valori intorno al 35-40%. 2

3 Aflatossina AFB1 In tutte le reti di monitoraggio ed anni di indagine la quota preponderante dei campioni, pari all 80-85% del totale, ha presentato concentrazioni nulle o molto basse, e comunque al di sotto del limite di 2 μg/kg indicato in Europa per la destinazione alimentare. Una ulteriore quota oscillante intorno al 10-15% del totale è risultato contenere concentrazioni della micotossina compresi tra i 2 ed i 20 μg/kg. Solo nelle annate 2003 (temperature e stress evapotraspirativo eccezionalmente elevati lungo tutto il ciclo di sviluppo, raccolta fortemente anticipata con granella postmaturata in campo) ed, in misura minore nell annata 2004, la frequenza dei campioni con valori critici (< 20 μg/kg) o molto critici (< 50 μg/kg) è diventata consistente risultando pari al 11% del totale nel 2003 ed al 6% del totale nel Deossinivalenolo (DON) e Zearalenone (ZEA). La produzione di DON e ZEA avviene generalmente nelle aree di coltivazione più fresche, in corrispondenza ad andamenti stagionali piovosi nei mesi di agosto-settembre, in colture che, dopo la comparsa dello strato nero, permangono a lungo in campo con elevata umidità della granella. Negli anni delle indagini ( ) la concentrazione di Zearalenone si è mediamente mantenuta al di sotto del valore di 200 μg/kg nel 90% dei campioni esaminati. Una drammatica impennata dei livelli di contaminazione è stata rilevata nel 1996 in corrispondenza ad un andamento stagionale eccezionalmente favorevole allo sviluppo dei funghi del marciume rosso della spiga. Le concentrazioni di DON hanno mostrato valori inferiori ai 500 μg/kg nell 85-90% dei campioni esaminati con qualche incremento, nel 2002 e 2004, delle frequenze dei campioni con valori intorno a μg/kg. La contaminazione è risultata critica nel 1996 con quote importanti di produzione ben al di sopra della soglia di μg/kg. Il controllo delle contaminazioni I funghi tossigeni sono ubiquitari nel terreno, nei residui colturali, negli impianti di condizionamento-stoccaggio, nei depositi di alimenti e mangimi. La capacità dei funghi di infettare la pianta di mais o la granella e le circostanze che inducono il fungo a produrre micotossine in quantità elevate o modeste sono ampiamente determinate dai parametri climatici delle macroaree di coltivazione e dagli andamenti stagionali delle singole annate di crescita. La temperatura e l umidità dell aria influenzano in modo sensibile l andamento delle contaminazioni anche nelle fasi di post-raccolta. Le pratiche agronomiche intese a ridurre il grado di multistress delle coltivazioni ed i processi di condizionamento-conservazione dei raccolti influenzano la concentrazione finale delle tossine. La conoscenza dell ecologia dei funghi tossigeni e del modo di attacco alle coltivazioni ed alle produzioni permette di indirizzare la messa a punto di procedure ed accorgimenti per la 3

4 prevenzione ed il controllo delle micotossine. Da alcuni autori sono state proposte classificazioni degli agenti patogeni sulla base delle caratteristiche fisiologiche e del loro modo di agire nelle fasi critiche dell interazione ospite-parassita: riempimento-maturazione della granella, raccolta ed essiccazione, ammassamento e conservazione. Una prima suddivisione dei patogeni tra funghi da campo e funghi da stoccaggio si basa sulla diversa capacità di attaccare la pianta in vegetazione causando malattie sistemiche unitamente alle note sindromi dei marciumi della spiga: Gibberella zeae, forma sessuata di F. graminearum, e F. verticilloides sono tra i principali agenti del marciume dello stocco e delle radici (stalk rot) e della morte prematura della pianta (Compendium of corn diseases, 2000). Di contro, Aspergillus e Penicillium si collocano, in questa suddivisione, tra i funghi da stoccaggio per la loro limitata capacità di attacco in campo e per l adattamento alla crescita su granella a bassa umidità durante le fasi di raccolta e post-raccolta. La capacità di crescere su substrati con umidità inferiore od uguale al 18% è spesso citata come criterio di separazione tra le due categorie di patogeni (Smith and White, 1988). Questa suddivisione, senz altro utile ai fini orientativi, non è in grado di separare completamente le due categorie (Munlvold, 2003): alcune specie di Aspergillus e Penicillium (ed in particolare A. flavus) presentano, nelle macroaree calde o nelle stagioni favorevoli, evidenti fenomeni di crescita sulle spighe in maturazione: di contro, alcune specie di Fusarium possono crescere in fase di post-raccolta se l umidità della granella non è adeguatamente controllata. Miller (1995) propone una diversa classificazione dei funghi fondata sul tipo di interazione fungo-pianta nelle diverse fasi si crescita; egli distingue tra funghi patogeni aggressivi come F. graminearum che provoca malattie sistemiche della pianta, patogeni opportunisti come F. verticilloides ed A. flavus i quali crescono e producono tossine su piante stressate (insetti e siccità) o piante senescenti, funghi come A. flavus che sviluppano inizialmente sulla pianta e predispongono una più estesa contaminazione dopo la raccolta; funghi come P. verrucosum ed A. ochraceous presenti nel suolo e su tessuti morti in grado di moltiplicarsi in situazioni di stoccaggio permissive. Il controllo in fase di coltivazione L adozione delle pratiche agronomiche atte a massimizzare la performance finale della coltivazione diminuendo il grado di multistress ( strategia del benessere della pianta) e degli accorgimenti capaci di diminuire la quantità-durata dell interazione pianta-patogeno ( strategia dell evitamento ) o di spostarne l equilibrio a favore della pianta, è in grado di ridurre la contaminazione di micotossine in campo. Di seguito vengono discussi alcuni aspetti notevoli in relazione all ambiente di coltivazione padano. Stabilità produttiva ed adattamento alle condizioni locali sono i caratteri da considerare nella scelta dell ibrido 4

5 Nel settore delle grandi colture l introduzione delle resistenza genetiche nelle piante coltivate è l approccio più praticato ed efficace per il controllo delle fitopatie. Sfortunatamente la selezione di ibridi di mais resistenti alle micotossine è un processo ancora in corso ed appare di non facile soluzione. Fonti di resistenza a base genetica semplice o più spesso poligenica sono state ritrovate in mais (Reid et al., 1994; Brown et al., 1999; Holley et al., 1989), tuttavia difficoltà di inoculo, alto costo delle analisi, scarsa ripetibilità degli esperimenti, elusività dei patogeni, e complicanze nel trasferimento dei geni utili nel germoplasma elite costituiscono seri ostacoli per l ottenimento di ibridi resistenti. Il ricorso alle tecniche della transgenosi secondo diverse strategie miranti ad incrementare direttamente la capacità di difesa della pianta verso il fungo o miranti ad indurre la sintesi di enzimi in grado di detossificare le micotossine (Duvik, 2001) offre buone opportunità per il futuro; già al presente ibridi transgenici per gli eventi Bt assicurano, indirettamente attraverso il controllo della piralide, una significativa riduzione della concentrazione di fumonisina (Munkvold et al., 1999; Masoero et al., 1999). Nelle diverse fasi dei normali programmi di selezione i breeders rutinariamente eliminano i genotipi più suscettibili e nella gamma degli ibridi coltivati e senz altro presente una quota di variabilità genetica per il grado di suscettibilità alle infezioni fungine. Tuttavia la valutazione dei materiali commerciali incontra, come ovvio, le stesse difficoltà descritte per il lavoro di miglioramento genetico; è quindi non facile per i servizi di extension mettere a disposizione degli operatori indicazioni consistenti e graduatorie per il grado di resistenza dei materiali disponibili. Peraltro, alcune caratteristiche fisiologiche o morfologhice della pianta quali: a) speficihe tolleranze allo stress d acqua; b) adattamento all ambiente di coltivazione e stabilità produttiva per tolleranza ai fattori locali di stress; c) portamento non eretto della spiga in fase di riempimento della granella; d) completa copertura della spiga da parte delle brattee) e) cartoccio bratteale tenace ed aderente alla spiga (favorevole contro Aspergillum e F. verticilloides, non favorevole contro F. graminearum); f) pericarpo di buon spessore; g) granella meno suscettibile alle rotture per forma della cariosside o tessitura dell endosperma, possono indirettamente limitare le contaminazioni. Lo stress evapotraspirativo è da considerarsi tra le condizioni più favorevoli per lìinfezione fungina L infezione primaria ed il successivo sviluppo dei funghi trovano condizioni molto favorevoli in corrispondenza dei periodi, più o meno lunghi, nei quali la pianta si trova in stato di stress evapotraspirativo per inadeguata disponibilità di acqua in relazione alle temperature. La fase più critica della coltura per lo sviluppo e la produzione finale (fecondazione delle sete, sviluppo dell embrione e prima fase di riempimento dell endosperma) costituisce anche la fase più critica in relazione all esito dell infezione fungina; gli stress d acqua in fase di avanzato riempimento della 5

6 granella influenzano meno la produzione ma favoriscono fortemente lo sviluppo dei funghi opportunisti e la contaminazione di fumonisine ed aflatossine. Nei mostri ambienti si rende necessaria la pratica dell irrigazione per assicurare un adeguato e regolare rifornimento di acqua alla coltura. Nelle situazioni di non completo controllo del fattore acqua per ridotta disponibilità o alti costi di distribuzione ed inoltre nelle aree con maggiore frequenza di eccessi termici, risulta utile integrare l irrigazione con procedure agronomiche efficaci per contenere il livello di stress. Tra queste, l anticipo dell epoca di fioritura è ottenibile con una semina precoce, con il contrasto dei fattori di stress in prefioritura (malerbe, insetti, destrutturazione dei suoli, stasi da siccità), con l adozione di ibridi più precoci rispetto ai materiali di piena stagione. L adozione di investimenti moderati evita alla coltura gli stress da popolazione : le colture fitte manifestano anticipatamente ed in modo più grave i sintomi della mancanza di acqua (appassimento, proterandria, eccessivo allungamento delle sete, disseccamenti basali) e le conseguenze produttive (disordini nel settaggio delle cariossidi e nello sviluppo della spiga, premorienza e striminzimento della granella). L infestazione della piralide è un fondamentale fattore concomitante dell invasione fungina Le larve di prima generazione indeboliscono la pianta già in fase di inizio levata; quelle di seconda generazione compaiono durante o appena dopo la fase di fecondazione, quindi si approfondiscono con lunghe gallerie in tutti gli organi della pianta diffondendo o favorendo l infezione dei funghi nello stocco e nei tessuti danneggiati della spiga e della granella; larve di terza generazione sono state osservate nelle aree più calde con una infestazione preferenziale a carico della spiga. La strategia più efficace per contenere i danni diretti ed indiretti dell insetto è di posizionare le fasi fenologiche della coltura in modo disaccoppiato dal ciclo di riproduzione dell insetto: l anticipo dell epoca di fioritura con le modalità descritte precedentemente e la rinuncia a coltivazioni di granella in semina ritardata sono gli accorgimenti più comunemente messi in atto nei nostri ambienti. Le pratiche di evitamento sono utilmente integrabili con le pratiche di controllo diretto dell insetto mediante trattamenti di pieno campo in post fioritura contro larve di seconda generazione e, recentemente, contro le masse-uova prima della schiusura. La tempestività della raccolta dopo la formazione dello strato nero previene la fase più attiva dell invasione fungina Il mais conclude il riempimento della cariosside e raggiunge il massimo della sostanza secca dopo la comparsa dello strato nero (maturazione fisiologica); in questo stadio la granella presenta una umidità intorno al 31-33%. La successiva fase di perdita di umidità in campo fino allo stadio di maturazione agronomica può avere diversa durata, in relazione all epoca di comparsa 6

7 dello strato nero ed all andamento stagionale. La granella di mais, isolata dalla pianta madre, diventa in questa fase estremamente suscettibile all invasione dei funghi. Il livello finale di concentrazione delle micotossine, oltre che dal potenziale di inoculo del fungo, dalle condizioni di incubazione (temperature, umidità relativa, eliofania) e dall attività della piralide, dipende anche dalla durata del periodo durante il quale il substrato (la granella di mais) è lasciata a disposizione dei patogeni. Le indicazioni per l agricoltore sono immediatamente conseguenti: diminuire i tempi di permanenza del mais in campo (oggi valutabili tra i 20 e i 45 giorni) dopo la formazione dello strato nero, accettando di raccogliere ad una umidità ragionevolmente più alta di quella consentita dall ibrido o dall andamento stagionale, ed evitare la postmaturazione in pianta fino a valori dell umidità prossimi a quelli di conservazione: Aspergillus cresce e produce aflatossine fino ad una umidità della granella di 15-16%; F. verticilloides cresce e produce fumonisine fino ad una umidità della granella del 18-20%. L applicazione di un intervento agronomico intensivo e convenzionale diminuisce il grado di multistress e fornisce alla pianta migliori difese Una concimazione razionale ed equilibrata tra i diversi macroelementi (soprattutto azoto e potassio) e con quantità di azoto calcolate con criteri di anticipazione alla coltura delle quantità asportate od assorbite sulla base delle aspettative di resa; l adozione di tecniche di lavorazione del terreno in grado di massimizzarne la strutturazione e la capacità idrica; il puntuale controllo delle malerbe ed, in generale, tutte le pratiche e gli interventi agronomici capaci di aumentare il benessere della pianta sono state descritte da diversi autori come non favorevoli all infestazione dei funghi. A questo proposito, prescindendo da ogni altra considerazione di carattere generale e focalizzando specialisticamente l attenzione sull argomento trattato, appaiono evidenze secondo le quali il prodotto da agricolture non convenzionali quali agricolture low input, agricolture conservative, agricolture biologiche, messe in atto per considerazioni di ordine economico (non sufficiente risposta dei mezzi tecnici e degli interventi agronomici) o con intenti di salvaguardia ambientale, appare più a rischio per il fattore sanità-micotossine. Infine, la rotazione e l effetto dei residui colturali: la più importante fonte di inoculo dei funghi tossigeni è certamente costituita dei residui colturali ed, in linea generale, la rotazione con specie diverse dai cereali e l interramento dei residui sono pratiche raccomandabili per il controllo dei livelli di infestazione. Diversi autori (McMullen et al., 1997, Shaafsma et al., 2001) hanno messo in evidenza un sensibile incremento delle concentrazioni di DON in colture di frumento in successione a se stesso ed in successione a mais ed inoltre in colture sod seeding rispetto a colture seminate su terreno arato. Lo stesso comportamento non appare invece evidente in mais, per il quale non sono 7

8 stati rilevati effetti consistenti della rotazione sulla concentrazione finale di micotossine (McGee et al., 1996; Cotten e Munkvold, 1998). A cura di: Alberto Verderio CRA - Istituto Sperimentale per la Cerealicoltura, sezione di Bergamo 8

DI COMO - LECCO - SONDRIO. Ufficio Tecnico

DI COMO - LECCO - SONDRIO. Ufficio Tecnico Consigli per ridurre la presenza di micotossine nella granella di mais (Presentato da A.I.R.E.S Associazione Raccoglitori Essiccatori Stoccatori di cereali e semi oleosi) Le ricerche sperimentali condotte

Dettagli

Le micottossine del mais

Le micottossine del mais Le micottossine del mais Prevenzione, controllo in campo e in azienda 1 definizione Definizione Metaboliti secondari prodotti da funghi parassiti delle piante e agenti di ammuffimenti delle derrate alimentari

Dettagli

Virgilio Balmas Dipartimento di Agraria. Dai campi alle tavole e dai forconi alle forchette: il percorso dei nostri alimenti

Virgilio Balmas Dipartimento di Agraria. Dai campi alle tavole e dai forconi alle forchette: il percorso dei nostri alimenti Virgilio Balmas Dipartimento di Agraria Dai campi alle tavole e dai forconi alle forchette: il percorso dei nostri alimenti FRUMENTO tenero (Triticum aestivum) duro (Triticum durum) ISIDE DEMETRA CERERE

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DI CONTAMINAZIONE DA MICOTOSSINE NEL MAIS

LINEE GUIDA PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DI CONTAMINAZIONE DA MICOTOSSINE NEL MAIS LINEE GUIDA PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DI CONTAMINAZIONE DA MICOTOSSINE NEL MAIS Il mais è tra i prodotti vegetali più soggetti alla contaminazione da parte delle micotossine. I principali funghi tossigeni

Dettagli

Mais: impianto e tecnica colturale

Mais: impianto e tecnica colturale Mais: impianto e tecnica colturale Modulo di sistemi foraggeri Andrea Onofri Perugia, A.A. 2009-2010 1 Contenuti Contents 1 Tipologie di ibridi 1 2 Impianto 3 3 Fertilizzazione 4 4 Cure colturali 4 5 Raccolta

Dettagli

Minimizzare la presenza di micotossine nella granella

Minimizzare la presenza di micotossine nella granella n. 14/2013 [ SPECIALE DIFESA MAIS ] Terra e Vita 45 Minimizzare la presenza di micotossine nella granella [ DI RICCARDO BUGIANI ] Le strategie agronomiche, il possibile contributo dei bio control agents

Dettagli

Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais

Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais Giuliano Mosca, Dipartimento Agronomia ambientale e Produzioni vegetali Università degli Studi di Padova 2.1 Introduzione Il frutto del

Dettagli

Rete Qualità Mais: monitoraggio micotossine campagna 2014

Rete Qualità Mais: monitoraggio micotossine campagna 2014 Rete Qualità Mais: monitoraggio micotossine campagna 2014 A cura di Sabrina Locatelli Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l analisi dell economia agraria Unità di Ricerca per la Maiscoltura Bergamo

Dettagli

Planta. Sementi e Soluzioni per l Agricoltura

Planta. Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Una nuova gamma di prodotti per l agricoltura italiana Ibridi di mais IBRIDO Classe FAO Giorni GDM 437 300 105 SNH 9402 400 115

Dettagli

Mais, funghi e micotossine: stato dell arte

Mais, funghi e micotossine: stato dell arte Mais, funghi e micotossine: stato dell arte UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE Dipartimento di Biologia e Protezione delle Piante dott.ssa Emanuela Torelli Mondo microrganismi MACROMOLECOLE CELLULARI SOSTANZE

Dettagli

Linee guida per la riduzione del rischio di contaminazione da micotossine nel mais

Linee guida per la riduzione del rischio di contaminazione da micotossine nel mais Revisione Marzo 2013 Linee guida per la riduzione del rischio di contaminazione da micotossine nel mais In Emilia-Romagna le micotossine più diffuse nel mais sono fumonisine (FB) e aflatossine (AF), mentre

Dettagli

Alcune malattie fungine dell olivo

Alcune malattie fungine dell olivo Alcune malattie fungine dell olivo Massimo Pilotti CRA- Centro di Ricerca per la Patologia Vegetale ROMA Malattia fungina nota già nel dopoguerra nelle zone di coltivazione meridionali. Segnalazioni del

Dettagli

Funghi e micotossine

Funghi e micotossine Funghi e micotossine Roberto Causin, Dipartimento TeSAF, Sezione Patologia Vegetale, Università degli Studi di Padova 1.1 Aspetti generali Si conoscono decine di generi e specie fungine (muffe) in grado

Dettagli

Micotossine del mais

Micotossine del mais REGIONE PIEMONTE Micotossine del mais Prevenzione e controllo Micotossine del mais Prevenzione e controllo Spiga ammuffita Nell ambito delle sostanze tossiche di origine microbica che possono pervenire

Dettagli

IMPIEGO DI UN MODELLO AGROMETEOROLOGICO PER LA CARATTERIZZAZIONE DEL RISCHIO POTENZIALE DI PRODUZIONE DI MICOTOSSINE NELLE AREE MAIDICOLE PIEMONTESI.

IMPIEGO DI UN MODELLO AGROMETEOROLOGICO PER LA CARATTERIZZAZIONE DEL RISCHIO POTENZIALE DI PRODUZIONE DI MICOTOSSINE NELLE AREE MAIDICOLE PIEMONTESI. IMPIEGO DI UN MODELLO AGROMETEOROLOGICO PER LA CARATTERIZZAZIONE DEL RISCHIO POTENZIALE DI PRODUZIONE DI MICOTOSSINE NELLE AREE MAIDICOLE PIEMONTESI. F. Spanna 1, G. Cressano 1, T. La Iacona 1, I. Vercellino

Dettagli

VALORIZZAZIONE DELLE PRODUZIONI CEREALICOLE IN PROVINCIA DI UDINE

VALORIZZAZIONE DELLE PRODUZIONI CEREALICOLE IN PROVINCIA DI UDINE PROGETTO VALORIZZAZIONE DELLE PRODUZIONI CEREALICOLE IN PROVINCIA DI UDINE MONITORAGGIO DELLE FUSARIUM-TOSSINE ANNO 2007 Risultati presentati nel Convegno tenutosi presso la Camera di Commercio di Udine

Dettagli

Strategie di intervento per minimizzare i rischi sanitari nei cereali: esempio pratico di filiera sul mais alimentare

Strategie di intervento per minimizzare i rischi sanitari nei cereali: esempio pratico di filiera sul mais alimentare Università degli Studi di Torino DISAFA Molino Peila SpA Strategie di intervento per minimizzare i rischi sanitari nei cereali: esempio pratico di filiera sul mais alimentare Collegno 24 aprile 2015 Dr.

Dettagli

Trattare la piralide del mais entro il picco delle catture TRATTAMENTO 2005 2006 2007

Trattare la piralide del mais entro il picco delle catture TRATTAMENTO 2005 2006 2007 10 Terra e Vita [ APPROFONDIMENTI ] n. 19/2009 1 2 [ MICOTOSSINE MAIS ] Monitorare il volo degli adulti. Meglio applicazioni precoci che tardive Trattare la piralide del mais entro il picco delle catture

Dettagli

MONITORAGGIO MICOTOSSINE NEGLI ALIMENTI Campagna 2014 Mais

MONITORAGGIO MICOTOSSINE NEGLI ALIMENTI Campagna 2014 Mais MONITORAGGIO MICOTOSSINE NEGLI ALIMENTI Campagna 2014 Mais a cura del SATA Dott.ssa Paola Amodeo Specialista SATA - Settore Sistemi Alimentari e Qualità degli Alimenti Ottobre 2014 Come annunciato nello

Dettagli

Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile

Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile Gentile utente, grano.net e granoduro.net sono servizi web interattivi sviluppati da Horta e nati con la funzione di fornire supporti

Dettagli

Il mais tra OGM e micotossine: come uscire dai luoghi comuni e rilanciare la coltura?

Il mais tra OGM e micotossine: come uscire dai luoghi comuni e rilanciare la coltura? Rovigo 19 Dicembre 2013 Il mais tra OGM e micotossine: come uscire dai luoghi comuni e rilanciare la coltura? Le criticità della coltivazione del mais nelle annate 2012-2013: una panoramica della situazione

Dettagli

Cereali. Nome botanico. Famiglia. Origine e diffusione. Utilizzazioni. Esigenze climatiche. schede colturali. Mais. Graminacee.

Cereali. Nome botanico. Famiglia. Origine e diffusione. Utilizzazioni. Esigenze climatiche. schede colturali. Mais. Graminacee. Cereali primaveriliestivi ed estivi schede colturali Mais Nome botanico Zea mais Famiglia Graminacee Origine e diffusione Produzione mondiale di Mais (FAO 2001) Produzione europea di Mais (FAO 2001) Produzione

Dettagli

IL PERICOLO AFLATOSSINE NEL LATTE. Andrea Valiani

IL PERICOLO AFLATOSSINE NEL LATTE. Andrea Valiani IL PERICOLO AFLATOSSINE NEL LATTE Andrea Valiani TOSSICITÀ DELLE AFLATOSSINE IARC (agenzia internazionale per la ricerca sul cancro) ha classificato numerose sostanze in base all intensità dell effetto

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS Pag. 1 di 7 DOCUMENTO TECNICO DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS CCPB SRL 40126 Bologna Italy Via J. Barozzi, 8 tel. 051/6089811 fax 051/254842 www.ccpb.it ccpb@ccpb.it

Dettagli

I prezzi dei cereali in Italia

I prezzi dei cereali in Italia Workshop Prezzi agricoli ed emergenza alimentare: cause, effetti, implicazioni per le politiche I prezzi dei cereali in Italia Roma, 8 luglio 2008 Angelo Frascarelli Università degli Studi di Perugia angelof@unipg.it

Dettagli

L acqua è sempre più preziosa. Utilizzala al meglio con il mais ARTESIAN. NOVITà

L acqua è sempre più preziosa. Utilizzala al meglio con il mais ARTESIAN. NOVITà L acqua è sempre più preziosa. Utilizzala al meglio con il mais ARTESIAN. NOVITà Gli ibridi di mais ad alta efficienza idrica L acqua è una delle risorse chiave per la maiscoltura. Un adeguata disponibilità

Dettagli

Utilizzo dei prodotti fitosanitari nella coltivazione del mais Annata agraria 2006-2007

Utilizzo dei prodotti fitosanitari nella coltivazione del mais Annata agraria 2006-2007 11 luglio 2008 Utilizzo dei prodotti fitosanitari nella coltivazione del mais Annata agraria 2006-2007 L Istat rende disponibili i principali risultati dell indagine campionaria sull utilizzo dei prodotti

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. Scheda tecnica triticale

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. Scheda tecnica triticale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO di AGRARIA - SACEG Scheda tecnica triticale Dott. Giovanni Pruneddu Tecnica colturale triticale Tipi di triticale Fra le varietà disponibili sul mercato possiamo

Dettagli

Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42

Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42 Scheda operativa n.5 LE COLTIVAZIONE DELLE PIANTE OFFICINALI Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42 Premessa Le piante officinali rappresentano

Dettagli

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ Secondo le Nazioni Unite, circa 25 mila persone muoiono di fame tutti i giorni, soprattutto bambini e anziani. Per ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ, è prioritario affrontare la questione della terra, del

Dettagli

Numero nove 7 marzo 2014

Numero nove 7 marzo 2014 Numero nove 7 marzo 2014 La situazione dei mercati mondiali dei cereali - prospettive 4 marzo 2014 Powered by Aretè s.r.l. In questo numero Mercati: le quotazioni nazionali dei principali prodotti agricoli

Dettagli

Servizi e prodotti Syngenta per aumentare la produzione metanigena. CNH Industrial Village, 14 gennaio 2014

Servizi e prodotti Syngenta per aumentare la produzione metanigena. CNH Industrial Village, 14 gennaio 2014 Servizi e prodotti Syngenta per aumentare la produzione metanigena CNH Industrial Village, 14 gennaio 2014 Potere metanigeno: fattori determinanti Genetica Digeribilità della fibra Contenuto di amido Stress

Dettagli

LA SCELTA VARIETALE IN ASPARAGO È STRATEGICA. Agostino Falavigna agostino.falavigna@entecra.it. www.entecra.it. Badoere di Morgano 20 settembre 2013

LA SCELTA VARIETALE IN ASPARAGO È STRATEGICA. Agostino Falavigna agostino.falavigna@entecra.it. www.entecra.it. Badoere di Morgano 20 settembre 2013 1 www.entecra.it LA SCELTA VARIETALE IN ASPARAGO È STRATEGICA Agostino Falavigna agostino.falavigna@entecra.it Badoere di Morgano 20 settembre 2013 21/09/2013 CRA-Unità di Ricerca per l Orticoltura (Montanaso

Dettagli

MAIS MIGLIORAMENTO GENETICO

MAIS MIGLIORAMENTO GENETICO MAIS MIGLIORAMENTO GENETICO 1 Avvento degli ibridi Uno spettacolare salto di qualità nel miglioramento genetico del mais fu realizzato con l'introduzione del concetto di ibrido. L'era dei mais ibridi è

Dettagli

La Sovranità alimentare in Europa: necessità di riciclare gli elementi fertilizzanti contenuti nei raccolti

La Sovranità alimentare in Europa: necessità di riciclare gli elementi fertilizzanti contenuti nei raccolti La Sovranità alimentare in Europa: necessità di riciclare gli elementi fertilizzanti contenuti nei raccolti 5 th FORUM FOR THE FUTURE OF AGRICULTURE Meeting for Food & Environmental Challenge Resource

Dettagli

Per un mais trinciato di prima qualità

Per un mais trinciato di prima qualità Per un mais trinciato di prima qualità Il mais trinciato di prima qualità Nel 2014 Syngenta ha lanciato SY QUALITAT, il nuovo punto di riferimento per il trinciato di mais di alta qualità. Classe: FAO

Dettagli

Un generatore di energia di prima qualità

Un generatore di energia di prima qualità NOVITà Un generatore di energia di prima qualità Un generatore di energia di prima qualità Nel 2014 Syngenta presenta SY QUALITAT*, il nuovo punto di riferimento per il trinciato di mais di alta qualità.

Dettagli

Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008

Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008 Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008 H2O - Deficit totale (mm) -200-150 -100-50 0 50 100 Situazione dei terreni rispetto alla condizione di Capacità di Campo Precipitazioni intense a fine

Dettagli

Prove di contenimento della piralide mediante l impiego di Trichogramma brassicae

Prove di contenimento della piralide mediante l impiego di Trichogramma brassicae Prove di contenimento della piralide mediante l impiego di Trichogramma brassicae Esperienze realizzate presso l azienda sperimentale di Veneto Agricoltura Vallevecchia - Caorle (VE) anni 2010-2011 Mauro

Dettagli

CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA)

CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA) SEMINA su SODO CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA) Il presente caso studio è stato sviluppato da AIPAS nell ambito di un progetto europeo di educazione ambientale

Dettagli

a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva

a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva Progetto AGRICONFRONTI EUROPEI a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva Il progetto intende mettere a confronto la situazione dell agricoltura veneta con quella di altri paesi dell Unione Europea

Dettagli

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali Obiettivo 1 EROSIONE DEL SUOLO Obiettivo 2 SOSTANZA ORGANICA DEL SUOLO Obiettivo 3 STRUTTURA DEL SUOLO Obiettivo 4 LIVELLO MINIMO DI MANTENIMENTO Regione Campania - Assessorato Agricoltura e alle Attività

Dettagli

Bollettino Agrometeorologico Viticoltura

Bollettino Agrometeorologico Viticoltura Viale Bornata 11 25123 Brescia tel 3.362285-3677 assistenzatecnica@centrovitivinicoloprovinciale.it Bollettini e schede del Manuale di Viticoltura del CVP su: www.centrovitivinicoloprovinciale.it - BOLLETTINO

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

Le avversità delle piante ornamentali

Le avversità delle piante ornamentali Seminario Grottammare (AP) Le avversità delle piante ornamentali La gestione delle avversità in ambito urbano Luigi Delloste Per avversità ambientale si intende qualsiasi evento, sia di origine climatica

Dettagli

Quale cibo per il futuro?

Quale cibo per il futuro? Quale cibo per il futuro? C. Forni Laboratorio di Botanica e Fitotecnologie Università degli Studi di Roma Tor Vergata forni@uniroma2.it Frascati Scienza 22 9 14 1 Le piante sono costituite da tante molecole

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

CAMPIONAMENTO DEI MOLINI A MAIS ITALIANI PER LA RICERCA DELLE FUMONISINE NEI PRODOTTI DELLA TRASFORMAZIONE INDUSTRIALE

CAMPIONAMENTO DEI MOLINI A MAIS ITALIANI PER LA RICERCA DELLE FUMONISINE NEI PRODOTTI DELLA TRASFORMAZIONE INDUSTRIALE CAMPIONAMENTO DEI MOLINI A MAIS ITALIANI PER LA RICERCA DELLE FUMONISINE NEI PRODOTTI DELLA TRASFORMAZIONE INDUSTRIALE II Congresso nazionale LE MICOTOSSINE NELLA FILIERA AGRO-ALIMENTARE ROMA 16-18 OTTOBRE

Dettagli

FARRO TERRA DI SAN MARINO

FARRO TERRA DI SAN MARINO DISCIPLINARE DI PRODUZIONE FARRO TERRA DI SAN MARINO ARTICOLO 1 La denominazione Farro Terra di San Marino è riservata esclusivamente al prodotto ottenuto in aziende agricole localizzate entro i confini

Dettagli

Ursula Gamba* Sandra Spagnolo* Massimo Pinna*

Ursula Gamba* Sandra Spagnolo* Massimo Pinna* Ursula Gamba* Sandra Spagnolo* Massimo Pinna* ABSTRACT - - KEYWORDS Maize cultivars, biodiversity, cultivars comparison. Introduzione Dal 2002 il CRAB s.c.r.l. svolge un lavoro di recupero di vecchie varietà

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE AGRICOLTURA BIOLOGICA: CERTIFICAZIONE DI QUALITA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI ENTE DI FORMAZIONE: CO.S.P.A. Cooperativa Servizi Professionali Agroalimentari F.I.P.A. Federazione

Dettagli

LA TOLLERANZA DEGLI IBRIDI A PIRALIDE E MICOTOSSINE

LA TOLLERANZA DEGLI IBRIDI A PIRALIDE E MICOTOSSINE Le attività di Veneto Agricoltura per l attuazione delle misure agroambientali PSR: analizziamo i risultati 2012, scriviamo insieme il programma 2013 Il Bollettino colture erbacee in applicazione della

Dettagli

La Septoriosi del frumento

La Septoriosi del frumento La Septoriosi del frumento Angelo Sarti, ASTRA Innovazione e Sviluppo U.O. Mario Neri Imola (BO) angelo.sarti@astrainnovazione.it La Septoriosi del frumento è una malattia comunemente presente nei nostri

Dettagli

La coltura del mais in Italia: storia di un grande successo e di nuove sfide

La coltura del mais in Italia: storia di un grande successo e di nuove sfide La coltura del mais in Italia: storia di un grande successo e di nuove sfide Giuseppe Carli, Presidente Sezione colture industriali di ASSOSEMENTI Bergamo, 6 febbraio 2015 Il successo del mais il MAIS

Dettagli

ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA

ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA ISMEA Direzione Servizi di Mercato e Supporti Tecnologici Dr. Mario Schiano lo Moriello 1

Dettagli

Indice. Pomodoro da industria. Ibridi Allungati: Docet, Pantos, Herdon. Ibridi Prismatici: Ibridi Allungati: Perfectpeel, Gordes, AB 8058

Indice. Pomodoro da industria. Ibridi Allungati: Docet, Pantos, Herdon. Ibridi Prismatici: Ibridi Allungati: Perfectpeel, Gordes, AB 8058 Indice Pomodoro da industria 05 Ibridi Allungati: Docet, Pantos, Herdon 06 08 Ibridi Allungati: AF 900, Pullrex Ibridi Prismatici: First, Pavia, Progress 09 Ibridi Prismatici: Perfectpeel, Gordes, AB 8058

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 4 5 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

MAIS: QUALITA E MICOTOSSINE

MAIS: QUALITA E MICOTOSSINE MAIS: QUALITA E MICOTOSSINE PRESENTATO DA A.I.R.E.S. ASSOCIAZIONE ITALIANA RACCOGLITORI, ESSICCATORI, STOCCATORI DI CEREALI E SEMI OLEOSI IN COLLABORAZIONE CON VENETO AGRICOLTURA REGIONE VENETO DIREZIONE

Dettagli

RISCHIO DI AFLATOSSINE NEL LATTE: linee guida per la produzione e l acquisto di alimenti zootecnici

RISCHIO DI AFLATOSSINE NEL LATTE: linee guida per la produzione e l acquisto di alimenti zootecnici RegioneLombardia Agricoltura S.A.T.A. Sezione Bovini Istituto Sperimentale per la Cerealicoltura RISCHIO DI AFLATOSSINE NEL LATTE: linee guida per la produzione e l acquisto di alimenti zootecnici (progetto

Dettagli

Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale

Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale Ambienti terrestri Ambienti costruiti = aree urbane, industriali, infrastrutture: aree ristrette, ma ad elevato consumo energetico e produttrici

Dettagli

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA po p i l i F ri Alleg Zurla G ia Barbi er i nluca Luca 2^C a.s. 2013/2014 COS È LA BIODIVERSITÀ È LA VARIETÀ DI SPECIE ANIMALI E VEGETALI PRESENTI NELLA BIOSFERA PERCHÉ

Dettagli

Malattie fungine e da Oomiceti del mais nelle prime fasi di sviluppo

Malattie fungine e da Oomiceti del mais nelle prime fasi di sviluppo Parte la difesa integrata obbligatoria (Dir. CEE 128/09): gli strumenti in aiuto alle aziende agricole Corte Benedettina Legnaro (PD) 4 Febbraio 2014 Malattie fungine e da Oomiceti del mais nelle prime

Dettagli

Soia. (Glicine max (L.) Merr.)

Soia. (Glicine max (L.) Merr.) Soia (Glicine max (L.) Merr.) Soia (Glicine max (L.) Merr.) La soia è la più importante fonte vegetale di olio e di proteine per uso alimentare a livello mondiale In Italia la coltura della soia oggi è

Dettagli

Attività di controllo ufficiale legata alla presenza di micotossine nei prodotti alimentari: l esperienza dell ARPA Emilia Romagna

Attività di controllo ufficiale legata alla presenza di micotossine nei prodotti alimentari: l esperienza dell ARPA Emilia Romagna Attività di controllo ufficiale legata alla presenza di micotossine nei prodotti alimentari: l esperienza dell ARPA Emilia Romagna Cecilia Bergamini ARPA Sezione Provinciale di Bologna cbergamini@arpa.emr.it

Dettagli

Gli Ogm nella filiera agro-alimentare: una rinuncia ragionata od un opportunità non colta?

Gli Ogm nella filiera agro-alimentare: una rinuncia ragionata od un opportunità non colta? Gli Ogm nella filiera agro-alimentare: una rinuncia ragionata od un opportunità non colta? Organizzato da Istituto Superiore di Sanità Impiego di Ogm nella produzione primaria: il punto di vista degli

Dettagli

Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari

Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari Ricerca applicata Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari Catalogo 2011 ISTA - VENETO SEMENTI: LA GENETICA VEGETALE AL SERVIZIO DELL AGRICOLTURA Lo sviluppo di una attività di ricerca in Italia sulla

Dettagli

Utilizzazioni commerciali della granella di mais e parametri di qualità Giulio Testa

Utilizzazioni commerciali della granella di mais e parametri di qualità Giulio Testa Utilizzazioni commerciali della granella di mais e parametri di qualità Giulio Testa Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari (DiSAFA) Università degli Studi di Torino Sommario 1. Introduzione...

Dettagli

Diffusione Xylella fastidiosa: EVITARE INUTILI ALLARMISMI!!!

Diffusione Xylella fastidiosa: EVITARE INUTILI ALLARMISMI!!! Diffusione Xylella fastidiosa: EVITARE INUTILI ALLARMISMI!!! Stiamo purtroppo assistendo al diffondersi di un inutile quanto infondato ed incauto allarmismo, dovuto all ipotetica presenza nel comprensorio

Dettagli

CEREALI (autunno-vernini) (frumento duro, frumento tenero, orzo, avena, farro e triticale)

CEREALI (autunno-vernini) (frumento duro, frumento tenero, orzo, avena, farro e triticale) CEREALI (autunno-vernini) (frumento duro, frumento tenero, orzo, avena, farro e triticale) Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti

Dettagli

Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali

Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali FACOLTA DI AGRARIA Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali Corso di Agronomia e Sistemi foraggeri Modulo di Sistemi foraggeri ESERCITAZIONE - QUESTIONARIO n. 2 Nome e cognome... n. di matricola.

Dettagli

Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari

Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari Ricerca applicata Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari Catalogo 2010 ISTA - VENETO SEMENTI: LA GENETICA VEGETALE AL SERVIZIO DELL AGRICOLTURA Il 2009 è un anno importante per la storia di due

Dettagli

IL RISO n 2 del 16 luglio 2015 BRUSONE DEL RISO: PRESENZA, MONITORAGGIO E DIFESA IN LOMBARDIA

IL RISO n 2 del 16 luglio 2015 BRUSONE DEL RISO: PRESENZA, MONITORAGGIO E DIFESA IN LOMBARDIA IL RISO n 2 del 16 luglio 2015 BRUSONE DEL RISO: PRESENZA, MONITORAGGIO E DIFESA IN LOMBARDIA Il brusone è la più dannosa malattia fungina del riso a livello mondiale ed è causata da un fungo ascomicete

Dettagli

NOVITà NATURAL POWER

NOVITà NATURAL POWER NOVITà per il florovivaismo NATURAL POWER Il nuovo fertilizzante biostimolante naturale e sicuro in ogni aspetto. Hicure aiuta a ridurre lo stress abiotico, migliora la qualità della pianta e ne aumenta

Dettagli

Sicurezza Alimentare, Qualità dell Ambiente, Garanzia per la Salute

Sicurezza Alimentare, Qualità dell Ambiente, Garanzia per la Salute Sicurezza Alimentare, Qualità dell Ambiente, Garanzia per la Salute Il Biologico nella Ristorazione Collettiva Sabato 7 novembre 2009 Sala Botticelli Palazzo dei Congressi Roma EUR IL BIOLOGICO: REALI

Dettagli

Il pirodiserbo in frutti-viticultura:

Il pirodiserbo in frutti-viticultura: Il pirodiserbo in frutti-viticultura: l innovazione tecnologica per favorire la sostenibilità ambientale. www.pirodiserbo.it La nuova Organizzazione Comune di Mercato per il settore ortofrutticolo (Reg.

Dettagli

La semina. Numero di piante per unità di superficie. Resa

La semina. Numero di piante per unità di superficie. Resa La semina La semina è quell operazione con la quale il seme (medica, pomodoro ecc.) o il frutto (cereali, girasole ecc.) vengono immessi nel terreno allo scopo di ottenere la nascita delle piante che avvieranno

Dettagli

FEASR - Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013

FEASR - Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 FEASR - Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Misura 214 Pagamenti agroambientali Azione M Introduzione di tecniche di agricoltura conservativa ALLEGATO 6 disposizioni attuative anno 2012 DESCRIZIONE

Dettagli

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Fertilizzazioni

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Fertilizzazioni ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA Fertilizzazioni 17 aprile 2012 Introduzione Concimazione: apporto di elementi nutritivi direttamente utilizzabili dalla pianta fertilizzazione Ammendamento: apporto di sostanze

Dettagli

Ammendante Compostato Misto

Ammendante Compostato Misto Ammendante Compostato Misto Cos è il Compost? Il Compost deriva da rifiuti, come buona parte dei fertilizzanti, dal letame alla farina di carne, dal cuoio idrolizzato al solfato ammonico. Il Compost non

Dettagli

Il sistema assicurativo

Il sistema assicurativo Il sistema assicurativo Tipologie di rischio in agricoltura Strumenti per la difesa dai rischi Sistema assicurativo italiano Polizze multirischio Sistemi assicurativi di altri Paesi Tipologie di rischio

Dettagli

In agricoltura biologica non si utilizzano sostanze chimiche di sintesi (concimi, diserbanti, anticrittogamici, insetticidi, pesticidi in genere).

In agricoltura biologica non si utilizzano sostanze chimiche di sintesi (concimi, diserbanti, anticrittogamici, insetticidi, pesticidi in genere). L'agricoltura biologica è un metodo di produzione regolato sotto l aspetto legislativo a livello comunitario con un primo regolamento, il Regolamento CEE 2092/91, sostituito successivamente dai Reg. CE

Dettagli

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento dossier FRUMENTO 2 I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento Aumentare la resa del frumento, e contemporaneamente anche la qualità, è possibile solo con una concimazione azotata continua

Dettagli

AMPLIGO, doppia azione insetticida contro i parassiti del mais

AMPLIGO, doppia azione insetticida contro i parassiti del mais , doppia azione insetticida contro i parassiti del mais La soluzione di Syngenta per il controllo della piralide del mais Doppia efficacia insetticida è un prodotto insetticida con rapida efficacia e lunga

Dettagli

Coltivazione del mais in Italia: problemi e difficoltà da superare

Coltivazione del mais in Italia: problemi e difficoltà da superare Cremona 27 febbraio 2015 Il futuro della cerealicoltura tra mercato e politica agricola: esperienze a confronto Coltivazione del mais in Italia: problemi e difficoltà da superare Marco Aurelio Pasti AMI

Dettagli

Scenari futuri per le produzioni animali e per la relativa ricerca

Scenari futuri per le produzioni animali e per la relativa ricerca Scenari futuri per le produzioni animali e per la relativa ricerca Andrea Rosati European Ambiente Socio Economico La popolazione mondiale raggiungerà 9,2 miliardi nel 2050 La produzione di cibo dovrà

Dettagli

PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE

PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE Il fenomeno dell invecchiamento nella conduzione aziendale 1. I CONDUTTORI AGRICOLI NELL UNIONE EUROPEA Secondo i più recenti dati disponibili

Dettagli

Botrite e Sclerotinia: due crittogame delle orticole Raito (Salerno), 19 settembre 2013

Botrite e Sclerotinia: due crittogame delle orticole Raito (Salerno), 19 settembre 2013 Botrite e Sclerotinia: due crittogame delle orticole Raito (Salerno), 19 settembre 2013 Dott.ssa Flavia Grazia Tropiano Servizio Fitosanitario Regione Campania Le orticole in Campania in cifre Nel 2012

Dettagli

GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO

GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO DIPARTIMENTO AGRICOLTURA, PROTEZIONE CIVILE E TURISMO Settore Servizi alle Imprese Agricole GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO Laboratorio Regionale Analisi Terreni e Produzioni

Dettagli

Biorisanamento di mais contaminato da aflatossine con utilizzo tecnologia EM

Biorisanamento di mais contaminato da aflatossine con utilizzo tecnologia EM Biorisanamento di mais contaminato da aflatossine con utilizzo tecnologia EM Alberton dr.antonio Medico Veterinario L.P. Seminario Fiera Millenaria Gonzaga (MN) 07 Settenbre 2013 Le Micotossine Sostanze

Dettagli

Indagine Agronomica. Obiettivi: Progetto CORINAT

Indagine Agronomica. Obiettivi: Progetto CORINAT Progetto CORINAT Indagine Agronomica Obiettivi: Creazione di un sistema cartografico (GIS) per l analisi territoriale Valutazione della influenza della misura 214 azione i sui componenti della produzione

Dettagli

Confronto fra ibridi di mais in Piemonte nel 2012

Confronto fra ibridi di mais in Piemonte nel 2012 Confronto fra ibridi di mais in Piemonte nel 2012 Ricerca Finanziata dalla Regione Piemonte Carlo Ferrero, Andrea Pilati - Capac Soc, Coop. Agr. Roberta Pons - Cooperativa Agrovalli S. C. Nel 2012, nonostante

Dettagli

L impiego del calore istantaneo per ridurre i rischi da PSA nell actinidieto

L impiego del calore istantaneo per ridurre i rischi da PSA nell actinidieto L impiego del calore istantaneo per ridurre i rischi da PSA nell actinidieto Luciano Trentini Marco Mingozzi Piemonte Ha 5.000 20% Veneto Ha 3.700-14% Emilia-Romagna 4.000 Ha - 15% Lazio Ha 7.350 30% Il

Dettagli

Micotossine: problema di rilevanza globale

Micotossine: problema di rilevanza globale Micotossine Articolo 2 Ai fini della presente direttiva si intende per: a) «mangimi»: i prodotti di origine vegetale o animale, allo «sostanza indesiderabile»: qualsiasi sostanza o prodotto, ad eccezione

Dettagli

FOOD AND WATER FOR LIFE

FOOD AND WATER FOR LIFE FOOD AND WATER FOR LIFE 1.000.000.000 di persone soffrono la fame, la malnutrizione e la sete Milioni di persone soffrono per malattie associate al sovraalimentazione o per nutrizione di scarsa qualità

Dettagli

APPROCCI INNOVATIVI PER L ANALISI DEL RISCHIO DA MICOTOSSINE. Marina Miraglia

APPROCCI INNOVATIVI PER L ANALISI DEL RISCHIO DA MICOTOSSINE. Marina Miraglia APPROCCI INNOVATIVI PER L ANALISI DEL RISCHIO DA MICOTOSSINE Roma 22 Novembre 2005 Marina Miraglia Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale per la Qualità degli Alimenti e per i Rischi Alimentari

Dettagli

Filippo Urbinati; Bruno Busin; Paolo Borsa. 1 Public Document

Filippo Urbinati; Bruno Busin; Paolo Borsa. 1 Public Document Filippo Urbinati; Bruno Busin; Paolo Borsa 1 Public Document Syngenta: unico gruppo interamente dedicato all Agricoltura Syngenta è uno dei principali attori dell'agro-industria mondiale, impegnata nello

Dettagli

Strumenti della nuova PAC per l attuazione del Piano nazionale sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari

Strumenti della nuova PAC per l attuazione del Piano nazionale sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Strumenti della nuova PAC per l attuazione del Piano nazionale sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Dr. Giuseppe CACOPARDI MIPAAF Direzione Generale Sviluppo Rurale PRIORITÀ DELL UNIONE IN MATERIA

Dettagli

Cereali: tecnica colturale del frumento

Cereali: tecnica colturale del frumento Cereali: tecnica colturale del frumento Modulo di sistemi foraggeri Andrea Onofri Perugia, A.A. 2009-2010 1 Contenuti Contents 1 Tecnica d impianto Scelta varietale 1. Qualità e destinazione del prodotto

Dettagli

LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae

LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae 1 LA MOSCA DELLE OLIVE Principale parassita dell olivo Numerodigenerazionida2-3finoa4-7/anno Latitudine Altitudine Andamento climatico Permanenza di olive sulle piante

Dettagli