Il settore dei giochi on-line: la predisposizione di un benchmark study

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il settore dei giochi on-line: la predisposizione di un benchmark study"

Transcript

1 Il settore dei giochi on-line: la predisposizione di un benchmark study di Maria Giovanna Bosco (*) e Sarah Taha (**) Tassazione L approfondimento Il settore dei giochi online è in rapida espansione in Italia e nel resto del mondo, facendo segnare cifre record di profittabilità, considerato il contesto attuale. In questo articolo si presenta il trend del mercato, si evidenzia la problematica dell individuazione della stabile organizzazione nello specifico del commercio elettronico e si presenta infine per sommi capi il risultato di un benchmark study didattico predisposto usando dati pubblici per una società italiana leader del settore: Games Italia S.r.L.. Un settore in espansione Il commercio elettronico rappresenta un area ricca di interesse e criticità sia dal punto di vista economico che tributario. Sul versante economico, in particolare, il settore dei giochi e scommesse online ha mostrato una tendenza anticiclica durante la recente crisi, sperimentando una crescita sostenuta a dispetto del calo di occupati e fatturato proprio della maggior parte degli altri settori manifatturieri e dei servizi tradizionali. Sul versante tributario, ci si può chiedere se le Amministrazioni tributarie possano voler dedicare particolare attenzione alle imprese del settore, visto che mostrano un elevata redditività. Si riporta ad esempio qui il recente caso della «Net Entertainment», società svedese di scommesse online, che per il periodo si è vista addebitare maggiore imposte per oltre 14 milioni di dollari dal parte del fisco svedese, in relazione ad attività intercorse con la controllata estera a Malta 1. Il settore delle scommesse online in Europa è caratterizzato da un repentino incremento nel volume d affari nell ordine del 15% annuo 2, con circa siti web funzionanti e profitti annui totali che nel 2011 hanno sfiorato i 10 miliardi di dollari 3, (che secondo una stima dovrebbero raggiungere i 13 miliardi di dollari nel 2015). Invece il settore dei giochi e delle scommesse, sia nella forma tradizionale che quella supportata dalla tecnologia telematica, nel 2011 ha registrato 85 miliardi di ricavi, con un aumento annuo del 2,8%. Nel 2011 l Italia ha registrato una quota di mercato del 24,3% nel settore dei giochi e delle scommesse su base europea, detenendo il primato nel continente 4, seguita da Germania con (*) Transfer Pricing Consultant e Docente di Macroeconomia, Università Commerciale Luigi Bocconi (**) Studio Consulenti Associati Note: (*) I dati utilizzati per l articolo sono reali, tuttavia il nome della società testata e delle sue collegate è stato modificato. L articolo è svolto a puro titolo di ricerca accademica e di analisi economica. Non coinvolge la posizione della società oggetto di analisi né altre società reali. Alcuni materiali, dati ed informazioni possono essere realizzati e forniti da soggetti terzi e riflettono le loro opinioni personali Commissione Europea, Communication from the commission to the European Parliament, the council, the economic and social committee and the committe of the regions. Towards a comprehensive European framework for online gambling. Strasburgo 23/10/ Casinos & Gaming in Europe Marketline industry profile, settembre Casinos & Gaming in Europe MarketLine industry profile, settembre n. 12/

2 il 15,1%, Gran Bretagna con il 13,8% e Francia con l 11,9% (Tavola 1). In Italia il settore delle scommesse è cresciuto rapidamente, raggiungendo un valore che si aggira intorno ai 25 miliardi di dollari. Il segmento più rilevante del mercato italiano è costituito dalle lotterie, che copre il 29% del settore di riferimento, seguito dalle scommesse sportive col 10,4% e i Casinò che rappresentano il 2,7%. Tavola 1 - Il settore dei giochi on-line Mentre l Italia detiene il primato nel settore dei giochi tradizionali, nell online gambling i cinque Stati che detengono le maggiori quote di mercato (ricavi lordi in valore assoluto) in Europa sono rispettivamente Gran Bretagna, Germania, Italia, Francia e Svezia. Il settore dei giochi e delle scommesse online comprende l attività del bingo e casinò (online e nella sua forma tradizionale), incluse roulette, card games e slot machines; appartengono allo stesso settore le lotterie (private e pubbliche), le scommesse sportive (comprese quelle ippiche), i giochi multimediali, gli skill games e i giochi promozionali. Negli ultimi anni l attività delle scommesse online si è diffusa esponenzialmente senza distinzione di età o ceto sociale, fenomeno riconducibile anche all avanzamento tecnologico in voga nello specifico settore, all ampio utilizzo di internet così come dei mezzi di pagamento elettronici, che permettono di collegare giocatori situati in diverse parti del mondo. Rispetto ai tradizionali casinò o centri scommesse sportive, gli online poker players ad esempio, giocano gli uni contro gli altri e non contro il banco, ovvero la casa da gioco stessa. Punti chiave: la stabile organizzazione Pare opportuno domandarsi se le disposizioni normative internazionali redatte espressamente per le operazioni e-commerce possano ricondursi e soprattutto considerarsi adeguate al singolare settore dei giochi e delle scommesse online; ovvero se è più indicato che l OCSE preveda ulteriori accorgimenti o una sezione aggiuntiva in relazione a tale settore oggetto di discussione. È infatti verosimile che attraverso la predisposizione di siti web attivi oltre i confini del territorio nazionale si possa agevolare il fenomeno di trasferimento illecito di reddito imponibile. Un recente documento OCSE (2013) 5 ha sottolineato fortemente il problema dell erosione della base imponibile e della rilocalizzazione dei profitti (Base Erosion and Profit Shifting, BEPS), andando di fatto a cogliere le criticità proprie di questo settore. Da un lato le Amministrazioni tributarie nazionali, a fronte di un trend di erosione della base imponibile e del gettito proveniente dalle imprese, hanno forte necessità di recuperare a tassazione i profitti eventualmente, anche lecitamente, rilocalizzati all estero, specialmente per settori fiorenti e quindi in controtendenza. D altro lato, le strategie di tax planning più aggressive delle imprese multinazionali sfruttano il vuoto normativo e la mancanza di coordinamento tra legislazioni nazionali per poter lecitamente sottrarre dalla base imponibile più reddito possibile. Le imprese che gestiscono i giochi e le scommesse on-line sono spesso imprese multinazio- 5 OCSE, 2013: Addressing Base Erosion and Profit Shifting 26 n. 12/2013

3 nali che hanno sedi offshore, ovvero in quegli Stati che permettono la gestione di tali attività senza imporre articolari restrizioni operative e amministrative; la disciplina del transfer pricing assume quindi un importanza capitale, in particolar modo in riferimento alla questione della stabile organizzazione: nel sopraccitato settore, infatti, di sovente accade che le società esercitino attività d impresa attraverso la predisposizione di un sito web, stabilendo però la propria sede in paradisi fiscali o in Paesi con regime fiscale agevolato. Per situare correttamente l attività dei giochi e scommesse online, e individuarne le più rilevanti problematiche fiscali, occorre rifarsi al più generale concetto di commercio elettronico. Nella definizione della Commissione Europea, il commercio elettronico ha come oggetto lo svolgimento d affari per via elettronica. In ambito OCSE, sono stati redatti specifici documenti di analisi relativi alle fattispecie peculiari dell e-commerce, che hanno largamente ispirato il commentario al Modello di convenzione OCSE adottato il 28 gennaio In sintesi, in materia di transfer pricing l OCSE ha concluso per l applicabilità delle Linee Guida del 1995 nei confronti delle imprese operanti su internet. È opportuno ricordare che nella versione 2010 delle Guidelines non sono ripresi i concetti relativi alle attività e-commerce. Tale omissione non è motivata ma, implicitamente, si può dedurre che è pacifico, per l impresa che si avvale della forma Virtuale per l espletamento delle sue attività commerciali, fare riferimento alla versione del 1995, nella quale è indicata in maniera estesa la materia concernente l e-commerce; argomento peraltro ripreso nel 2001 dal Technical Advisory Group (TAG) su richiesta dell OCSE. La difficoltà più rilevante deriva dal fatto che il reddito non è più necessariamente collegato ad una sede fisica, e quindi si possono creare situazioni di incertezza riguardo la potestà impositiva esercitabile dalle diverse Amministrazioni finanziarie. Tali circostanze hanno portato l OCSE a elaborare un documento 6, in cui è stata ribadita l applicabilità dei principi disposti dall art. 5 del Modello OCSE (1995) al commercio via internet, senza modificare la definizione ivi prevista di stabile organizzazione. Al fine di rendere la definizione di permanent establishment più conforme al commercio elettronico, l OCSE ha ritenuto opportuno costituire un gruppo di lavoro ad hoc, ossia il Business Profit Technical Advisor group (TAG) con l incarico di verificare l idoneità delle norme esistenti che regolamentano il regime impositivo transnazionale in materia di e-commerce ed eventualmente proporre una serie di cambiamenti alla disposizione normativa. Il Committee on Fiscal Affairs (CFA) nel 2000 ha reso pubblico il documento elaborato dal sopracitato gruppo; il testo conferma i principi generali su cui si basa la definizione di stabile organizzazione, proponendo l integrazione del commentario OCSE all art. 5, con lo scopo di rendere più comprensibile l applicazione nell ambito della net economy. La realtà virtuale delle transazioni telematiche Entrando nel merito della questione, nella realtà virtuale delle transazioni telematiche si possono individuare due elementi che supportano l esercizio dell attività d impresa online e che identificano la stabile organizzazione: 1)il sito web e 2) il server. Il software non rappresenta di per sé una proprietà materiale, non essendoci un luogo tale da rappresentare una sede d affari e non richiedendo l impiego di macchinari, attrezzature o immobili che possano definire una sede fissa d af- 6 OCSE, Elettronic Commerce: Taxation framework Condition, Ottawa, 7-9 ottobre 1998, p. 8, recepito nell OCSE, Ministerial Conference «A Border World: realising the potential of global Elettronic commerce», Conference conclusions, par. 14. n. 12/

4 fari così come definita dall art. 5 paragrafo 1 del Modello di Convenzione OCSE (1995). Il server, invece, è un attrezzatura meccanica (tangible property) che ospita il sito web, contenendone i dati e rendendoli accessibili agli utenti. A tale scopo è necessario, dunque, accertarsi che tale apparecchiatura sia effettivamente adoperata per lo svolgimento dell attività economica connessa all esercizio d impresa e rimanga tale per un congruo periodo di tempo. Il server, inoltre, potrebbe potenzialmente configurare una stabile organizzazione solo se svolge una funzione rilevante ed essenziale per il business dell impresa non residente, e non una mera attività di supporto. A livello comunitario 7 è stata definita l esclusione della stabile organizzazione solo quando l entità non residente sia titolare, in uno Stato comunitario, di un semplice sito web e non anche quando lo stesso abbia disponibilità di un server. Un server può essere ritenuto, pertanto, una stabile organizzazione di un soggetto non residente se, installato sul territorio di un altro Paese, è in grado di provvedere autonomamente all intera operazione commerciale, dall offerta alla chiusura del contratto, alla gestione del pagamento, alla spedizione del bene o prestazione del servizio. Il server, quindi, può considerarsi stabile organizzazione se innanzitutto è situato in un luogo specifico dove viene svolto un esercizio d impresa e tali attività non si esauriscono in una mera attività ausiliare o di supporto; e in secondo luogo se vengono soddisfatti i requisiti di permanenza di cui al Modello di Convenzione. L impresa che amministra il server non necessariamente coincide con l impresa che svolge la propria attività attraverso la pagina web ospitata dal server. In base agli accordi di web hosting, l Internet Service Provider (ISP) fornisce uno spazio di memoria sul server che gestisce al fine di ospitare la home page dell Internet Content Provider (ICP) e assicura una specifica capacità di trasmissione, garantendo all ICP la piena disponibilità dei dati su internet, oltre un determinato risultato in termini di connessioni e aggiornamento tecnologico. Il nuovo Commentario al modello OCSE non riconosce lo status di stabile organizzazione all ICP, poiché questi non ha la capacità di disposizione dello strumento telematico. A prescindere quindi dai rispettivi contratti, l ICP non ha la proprietà del server né detiene alcun diritto di disporre di un determinato spazio sul disco fisso. Il Technical Advisor Group (TAG) originato presso il Committee on Fiscal Affairs (CFA) ha elaborato un documento di lavoro «Attribution of Profit to a Permanent Establishment Involved in Elettronic Commerce Transaction», con lo scopo di analizzare le metodologie di determinazione del reddito attribuibile alla stabile organizzazione nell ambito del commercio elettronico. Se il server costituisce una stabile organizzazione estera dell impresa, i redditi realizzati sono imponibili nello Stato della fonte come redditi d impresa. Criteri per individuare la presenza di stabile organizzazione di soggetto estero nel settore del commercio online Due sono gli elementi che supportano l esercizio dell attività d impresa online e che identificano la stabile organizzazione: il sito web e il server. Occorre analizzare localizzare ed esaminare le funzioni svolte dal server: solo se l ICP ne ha piena disponibilità, si configura la stabile organizzazione. La stabile organizzazione si configura se il soggetto estero mantiene la gestione diretta del sito e delle transazioni, lasciando che l ISP fornisca solo l accesso alla rete e lo spazio per ospitare il sito. La stabile organizzazione non si configura se l ISP fornisce al soggetto estero, oltre all accesso alla rete, anche servizi di gestione e manutenzione del server. In merito alla questione se la presenza di personale dedicato sia necessario per configurare una stabile organizzazione, l OCSE si è espressa in maniera negativa; infatti, il server può essere considerao permanent establishment anche in assenza di personale collegato all imprenditore. 7 Direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio 8 giugno 2000, n. 2000/3 I/CE. 28 n. 12/2013

5 Predisposizione di un benchmark study: il caso Games Italia S.r.L. Games Italia è la società benchmark utilizzata nella presente analisi, le cui operazioni intercorse con società controllanti o collegate sono rilevanti per decretare la loro conformità in termini fiscali alle disposizioni normative riferite ai prezzi di trasferimento. Games Italia ha sede a Milano e opera principalmente sul mercato italiano nel settore del gioco e delle scommesse online. A partire dal primo gennaio 2011 sono decorsi gli effetti giuridici dell operazione di incorporazione di Games Italia, società interamente posseduta dall allora capogruppo Games Interactive Entertainment AG; in seguito, la denominazione si è modificata da Gioco Virtuale Italia a Games Italia S.r.l.. La ristrutturazione organizzativa si è resa necessaria per un progetto di razionalizzazione della struttura societaria e delle attività del gruppo in Italia. La società svolge la propria attività con l ausilio delle piattaforme Games e Gioco Virtuale, quest ultima di proprietà della controllante Games EMH (Tavola 2). Games Italia gode di un ottimo posizionamento di mercato: infatti, nell esercizio conclusosi il 31 dicembre 2011 si sono raggiunti risultati positivi sia in termini di volumi d affari, redditività e generazioni di flussi di cassa; ha chiuso con un utile che sfiora i 9 milioni di euro e una posizione finanziaria netta positiva di quasi 25 milioni. I ricavi delle vendite sono triplicati rispetto all ammontare dell esercizio 2010, e ammontano a poco più di 241 milioni di euro. Games Italia è controllata indirettamente da Games.Party, con sede in Gibilterra 8 ; è la capogruppo che controlla direttamente Games EMH e indirettamente Games Italia, Games Interactive Entertainment, Games Service, Qgame Markets, Amantolo e HGP. La società opera nel settore del gioco e delle scommesse online, nel segmento delle scommesse sportive, giochi on- 8 La capogruppo ha ultimamente firmato una decina di accordi per lo scambio di informazioni con una serie di stati, tra cui si annoverano gli Stati Uniti, Regno Unito, Belgio, Finlandia, Groenlandia, che le ha permesso di ottenere la condizione di paese White list a livello OCSE. Tavola 2 - Società del gruppo che intrattengono rapporti con Games Italia S.r.L. n. 12/

6 line, casinò, poker e bingo. Il suo marchio è concesso in licenza in Gibilterra, Alderney 8, Francia e Italia ed è quotata sulla London Stock Exchange da giugno Games.Party opera attraverso software di proprietà, che garantiscono maggior controllo e flessibilità sulla piattaforma tecnologica, in grado di cogliere rapidamente le opportunità e i cambiamenti di mercato, in termini di sfide internazionali, avanzamento tecnologico e cambiamento del contesto normativo. Games.Party è considerata una delle società leader del settore, e oltre a detenere alcuni dei più grandi casinò online del mondo FiestaCasino.com e TaraluckCasino.com, è la capogruppo della società FiestaPoker.com, che di gran lunga è il più grande sito di poker online al mondo. Tra gli altri brands si possono menzionare Reignpoker.com, PokerON.com e FiestaGammon. com. Il principale mercato di sbocco è sicuramente costituito dagli Stati Uniti d America, grazie all utilizzo diffuso di internet e alla popolarità dei giochi online, fomentata anche da programmi televisivi di fama internazionale. La società, inoltre, sta focalizzando la sua attività sul mercato europeo e asiatico, che vive un momento di congiuntura economica espansiva. Nel bilancio consolidato conclusosi il 31 dicembre 2011 i ricavi ammontavano a poco più di 690 milioni di euro rispetto ai 357 milioni registrati nell anno precedente; le riorganizzazioni aziendali, nonché le operazioni straordinarie che hanno interessato il gruppo Games, origineranno 40 milioni di sinergie nel corso del 2012 e 65 milioni nel Il benchmark study è stato predisposto grazie alla disamina della documentazione contabile delle diverse società del gruppo e sulla base dei dati disponibili sul database Amadeus. Sono state selezionate, dopo aver applicato gli usuali criteri di filtro, otto imprese comparables, aventi sede in Italia, Malta, Belgio, Russia e Spagna. Di queste imprese, sono stati elaborati i relativi indicatori di profittabilità (ROS, Return On Sales) per applicare il Transactional Net Margin Method ed elaborare l intervallo statistico interquartile onde posizionare la tested party Games Italia (Tavola 3): Tavola 3 - Intervallo interquartile per il ROS delle imprese comparables Anno Interquartile range % 8.85% % 10.50% % 11.06% Nell anno prescelto per testare la normalità delle operazioni intercompany, ossia il 2011, Games Italia ha registrato una redditività del 4,93%. Ciò significa che il valore cade perfettamente all interno del range di pertinenza, e quindi si può presumere che le transazioni intercorse tra le related parties siano state ispirate dall arm s lenght principle. Inoltre, si può notare che, non solo è ricompreso nell intervallo di libera concorrenza, ma è un importo che si avvicina molto ai valori della media (5,43%) e delle mediana (5,83%). Conclusione Il risultato di tale ricerca ci suggerisce come il valore della redditività sia allineato a quelle delle società comparabili, e perciò si può assumere che la tested party abbia operato in condizioni conformi alle previsioni normative nazionali e internazionali. Come suggerito dalle esistenti Linee guida OCSE, se i valori della transazione tra related parties si posizionano all interno del range di libera concorrenza, non è necessario alcuna modifica dei transfer prices. Pertanto, tale realtà imprenditoriale fino a prova contraria opera secondo criteri arm s lenght, poiché l indicatore di profitto è coerente con gli indici estrapolati dal paniere di imprese equiparabili. 9 Alderney è la più settentrionale delle Isole del Canale. 30 n. 12/2013

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

Risposte alle domande più frequenti (FAQ)

Risposte alle domande più frequenti (FAQ) COMUNICAZIONE DEI DATI DEI BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI DELL IMPRENDITORE E DEI FINANZIAMENTI E CAPITALIZZAZIONI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL IMPRESA

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana 1. Definizioni 1.1 I termini con la lettera iniziale maiuscola impiegati nelle presenti Condizioni Generali Parte II si intendono usati salvo diversa

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

ALLAN LAPORTE Staff - Tax Compliance. certified public accountants tax & financial advisors. allan.laporte @funaro.com. www.funaro.

ALLAN LAPORTE Staff - Tax Compliance. certified public accountants tax & financial advisors. allan.laporte @funaro.com. www.funaro. certified public accountants tax & financial advisors www.funaro.com certified public accountants tax & financial advisors CHI SIAMO Funaro & Co. è uno studio di Certified Public Accountants e Dottori

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

La nuova definizione di PMI Guida dell utente e modello di dichiarazione

La nuova definizione di PMI Guida dell utente e modello di dichiarazione PUBBLICAZIONI DELLA DIREZIONE GENERALE PER LE IMPRESE E L'INDUSTRIA La presente guida contiene: La nuova definizione di PMI Guida dell utente e modello di dichiarazione particolari e spiegazioni sulla

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza X-Pay Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza Agenda CartaSi e l e-commerce Chi è CartaSi CartaSi nel mercato Card Not Present I vantaggi I vantaggi offerti da X-Pay I vantaggi offerti da

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

Università di Camerino

Università di Camerino Università di Camerino FONDO DI ATENEO PER LA RICERCA Bando per il finanziamento di Progetti di Ricerca di Ateneo Anno 2014-2015 1. Oggetto del bando L Università di Camerino intende sostenere e sviluppare,

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE I criteri indicati nel presente documento esemplificano una serie di situazioni di incarichi vietati per i

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli