Il settore dei giochi on-line: la predisposizione di un benchmark study

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il settore dei giochi on-line: la predisposizione di un benchmark study"

Transcript

1 Il settore dei giochi on-line: la predisposizione di un benchmark study di Maria Giovanna Bosco (*) e Sarah Taha (**) Tassazione L approfondimento Il settore dei giochi online è in rapida espansione in Italia e nel resto del mondo, facendo segnare cifre record di profittabilità, considerato il contesto attuale. In questo articolo si presenta il trend del mercato, si evidenzia la problematica dell individuazione della stabile organizzazione nello specifico del commercio elettronico e si presenta infine per sommi capi il risultato di un benchmark study didattico predisposto usando dati pubblici per una società italiana leader del settore: Games Italia S.r.L.. Un settore in espansione Il commercio elettronico rappresenta un area ricca di interesse e criticità sia dal punto di vista economico che tributario. Sul versante economico, in particolare, il settore dei giochi e scommesse online ha mostrato una tendenza anticiclica durante la recente crisi, sperimentando una crescita sostenuta a dispetto del calo di occupati e fatturato proprio della maggior parte degli altri settori manifatturieri e dei servizi tradizionali. Sul versante tributario, ci si può chiedere se le Amministrazioni tributarie possano voler dedicare particolare attenzione alle imprese del settore, visto che mostrano un elevata redditività. Si riporta ad esempio qui il recente caso della «Net Entertainment», società svedese di scommesse online, che per il periodo si è vista addebitare maggiore imposte per oltre 14 milioni di dollari dal parte del fisco svedese, in relazione ad attività intercorse con la controllata estera a Malta 1. Il settore delle scommesse online in Europa è caratterizzato da un repentino incremento nel volume d affari nell ordine del 15% annuo 2, con circa siti web funzionanti e profitti annui totali che nel 2011 hanno sfiorato i 10 miliardi di dollari 3, (che secondo una stima dovrebbero raggiungere i 13 miliardi di dollari nel 2015). Invece il settore dei giochi e delle scommesse, sia nella forma tradizionale che quella supportata dalla tecnologia telematica, nel 2011 ha registrato 85 miliardi di ricavi, con un aumento annuo del 2,8%. Nel 2011 l Italia ha registrato una quota di mercato del 24,3% nel settore dei giochi e delle scommesse su base europea, detenendo il primato nel continente 4, seguita da Germania con (*) Transfer Pricing Consultant e Docente di Macroeconomia, Università Commerciale Luigi Bocconi (**) Studio Consulenti Associati Note: (*) I dati utilizzati per l articolo sono reali, tuttavia il nome della società testata e delle sue collegate è stato modificato. L articolo è svolto a puro titolo di ricerca accademica e di analisi economica. Non coinvolge la posizione della società oggetto di analisi né altre società reali. Alcuni materiali, dati ed informazioni possono essere realizzati e forniti da soggetti terzi e riflettono le loro opinioni personali Commissione Europea, Communication from the commission to the European Parliament, the council, the economic and social committee and the committe of the regions. Towards a comprehensive European framework for online gambling. Strasburgo 23/10/ Casinos & Gaming in Europe Marketline industry profile, settembre Casinos & Gaming in Europe MarketLine industry profile, settembre n. 12/

2 il 15,1%, Gran Bretagna con il 13,8% e Francia con l 11,9% (Tavola 1). In Italia il settore delle scommesse è cresciuto rapidamente, raggiungendo un valore che si aggira intorno ai 25 miliardi di dollari. Il segmento più rilevante del mercato italiano è costituito dalle lotterie, che copre il 29% del settore di riferimento, seguito dalle scommesse sportive col 10,4% e i Casinò che rappresentano il 2,7%. Tavola 1 - Il settore dei giochi on-line Mentre l Italia detiene il primato nel settore dei giochi tradizionali, nell online gambling i cinque Stati che detengono le maggiori quote di mercato (ricavi lordi in valore assoluto) in Europa sono rispettivamente Gran Bretagna, Germania, Italia, Francia e Svezia. Il settore dei giochi e delle scommesse online comprende l attività del bingo e casinò (online e nella sua forma tradizionale), incluse roulette, card games e slot machines; appartengono allo stesso settore le lotterie (private e pubbliche), le scommesse sportive (comprese quelle ippiche), i giochi multimediali, gli skill games e i giochi promozionali. Negli ultimi anni l attività delle scommesse online si è diffusa esponenzialmente senza distinzione di età o ceto sociale, fenomeno riconducibile anche all avanzamento tecnologico in voga nello specifico settore, all ampio utilizzo di internet così come dei mezzi di pagamento elettronici, che permettono di collegare giocatori situati in diverse parti del mondo. Rispetto ai tradizionali casinò o centri scommesse sportive, gli online poker players ad esempio, giocano gli uni contro gli altri e non contro il banco, ovvero la casa da gioco stessa. Punti chiave: la stabile organizzazione Pare opportuno domandarsi se le disposizioni normative internazionali redatte espressamente per le operazioni e-commerce possano ricondursi e soprattutto considerarsi adeguate al singolare settore dei giochi e delle scommesse online; ovvero se è più indicato che l OCSE preveda ulteriori accorgimenti o una sezione aggiuntiva in relazione a tale settore oggetto di discussione. È infatti verosimile che attraverso la predisposizione di siti web attivi oltre i confini del territorio nazionale si possa agevolare il fenomeno di trasferimento illecito di reddito imponibile. Un recente documento OCSE (2013) 5 ha sottolineato fortemente il problema dell erosione della base imponibile e della rilocalizzazione dei profitti (Base Erosion and Profit Shifting, BEPS), andando di fatto a cogliere le criticità proprie di questo settore. Da un lato le Amministrazioni tributarie nazionali, a fronte di un trend di erosione della base imponibile e del gettito proveniente dalle imprese, hanno forte necessità di recuperare a tassazione i profitti eventualmente, anche lecitamente, rilocalizzati all estero, specialmente per settori fiorenti e quindi in controtendenza. D altro lato, le strategie di tax planning più aggressive delle imprese multinazionali sfruttano il vuoto normativo e la mancanza di coordinamento tra legislazioni nazionali per poter lecitamente sottrarre dalla base imponibile più reddito possibile. Le imprese che gestiscono i giochi e le scommesse on-line sono spesso imprese multinazio- 5 OCSE, 2013: Addressing Base Erosion and Profit Shifting 26 n. 12/2013

3 nali che hanno sedi offshore, ovvero in quegli Stati che permettono la gestione di tali attività senza imporre articolari restrizioni operative e amministrative; la disciplina del transfer pricing assume quindi un importanza capitale, in particolar modo in riferimento alla questione della stabile organizzazione: nel sopraccitato settore, infatti, di sovente accade che le società esercitino attività d impresa attraverso la predisposizione di un sito web, stabilendo però la propria sede in paradisi fiscali o in Paesi con regime fiscale agevolato. Per situare correttamente l attività dei giochi e scommesse online, e individuarne le più rilevanti problematiche fiscali, occorre rifarsi al più generale concetto di commercio elettronico. Nella definizione della Commissione Europea, il commercio elettronico ha come oggetto lo svolgimento d affari per via elettronica. In ambito OCSE, sono stati redatti specifici documenti di analisi relativi alle fattispecie peculiari dell e-commerce, che hanno largamente ispirato il commentario al Modello di convenzione OCSE adottato il 28 gennaio In sintesi, in materia di transfer pricing l OCSE ha concluso per l applicabilità delle Linee Guida del 1995 nei confronti delle imprese operanti su internet. È opportuno ricordare che nella versione 2010 delle Guidelines non sono ripresi i concetti relativi alle attività e-commerce. Tale omissione non è motivata ma, implicitamente, si può dedurre che è pacifico, per l impresa che si avvale della forma Virtuale per l espletamento delle sue attività commerciali, fare riferimento alla versione del 1995, nella quale è indicata in maniera estesa la materia concernente l e-commerce; argomento peraltro ripreso nel 2001 dal Technical Advisory Group (TAG) su richiesta dell OCSE. La difficoltà più rilevante deriva dal fatto che il reddito non è più necessariamente collegato ad una sede fisica, e quindi si possono creare situazioni di incertezza riguardo la potestà impositiva esercitabile dalle diverse Amministrazioni finanziarie. Tali circostanze hanno portato l OCSE a elaborare un documento 6, in cui è stata ribadita l applicabilità dei principi disposti dall art. 5 del Modello OCSE (1995) al commercio via internet, senza modificare la definizione ivi prevista di stabile organizzazione. Al fine di rendere la definizione di permanent establishment più conforme al commercio elettronico, l OCSE ha ritenuto opportuno costituire un gruppo di lavoro ad hoc, ossia il Business Profit Technical Advisor group (TAG) con l incarico di verificare l idoneità delle norme esistenti che regolamentano il regime impositivo transnazionale in materia di e-commerce ed eventualmente proporre una serie di cambiamenti alla disposizione normativa. Il Committee on Fiscal Affairs (CFA) nel 2000 ha reso pubblico il documento elaborato dal sopracitato gruppo; il testo conferma i principi generali su cui si basa la definizione di stabile organizzazione, proponendo l integrazione del commentario OCSE all art. 5, con lo scopo di rendere più comprensibile l applicazione nell ambito della net economy. La realtà virtuale delle transazioni telematiche Entrando nel merito della questione, nella realtà virtuale delle transazioni telematiche si possono individuare due elementi che supportano l esercizio dell attività d impresa online e che identificano la stabile organizzazione: 1)il sito web e 2) il server. Il software non rappresenta di per sé una proprietà materiale, non essendoci un luogo tale da rappresentare una sede d affari e non richiedendo l impiego di macchinari, attrezzature o immobili che possano definire una sede fissa d af- 6 OCSE, Elettronic Commerce: Taxation framework Condition, Ottawa, 7-9 ottobre 1998, p. 8, recepito nell OCSE, Ministerial Conference «A Border World: realising the potential of global Elettronic commerce», Conference conclusions, par. 14. n. 12/

4 fari così come definita dall art. 5 paragrafo 1 del Modello di Convenzione OCSE (1995). Il server, invece, è un attrezzatura meccanica (tangible property) che ospita il sito web, contenendone i dati e rendendoli accessibili agli utenti. A tale scopo è necessario, dunque, accertarsi che tale apparecchiatura sia effettivamente adoperata per lo svolgimento dell attività economica connessa all esercizio d impresa e rimanga tale per un congruo periodo di tempo. Il server, inoltre, potrebbe potenzialmente configurare una stabile organizzazione solo se svolge una funzione rilevante ed essenziale per il business dell impresa non residente, e non una mera attività di supporto. A livello comunitario 7 è stata definita l esclusione della stabile organizzazione solo quando l entità non residente sia titolare, in uno Stato comunitario, di un semplice sito web e non anche quando lo stesso abbia disponibilità di un server. Un server può essere ritenuto, pertanto, una stabile organizzazione di un soggetto non residente se, installato sul territorio di un altro Paese, è in grado di provvedere autonomamente all intera operazione commerciale, dall offerta alla chiusura del contratto, alla gestione del pagamento, alla spedizione del bene o prestazione del servizio. Il server, quindi, può considerarsi stabile organizzazione se innanzitutto è situato in un luogo specifico dove viene svolto un esercizio d impresa e tali attività non si esauriscono in una mera attività ausiliare o di supporto; e in secondo luogo se vengono soddisfatti i requisiti di permanenza di cui al Modello di Convenzione. L impresa che amministra il server non necessariamente coincide con l impresa che svolge la propria attività attraverso la pagina web ospitata dal server. In base agli accordi di web hosting, l Internet Service Provider (ISP) fornisce uno spazio di memoria sul server che gestisce al fine di ospitare la home page dell Internet Content Provider (ICP) e assicura una specifica capacità di trasmissione, garantendo all ICP la piena disponibilità dei dati su internet, oltre un determinato risultato in termini di connessioni e aggiornamento tecnologico. Il nuovo Commentario al modello OCSE non riconosce lo status di stabile organizzazione all ICP, poiché questi non ha la capacità di disposizione dello strumento telematico. A prescindere quindi dai rispettivi contratti, l ICP non ha la proprietà del server né detiene alcun diritto di disporre di un determinato spazio sul disco fisso. Il Technical Advisor Group (TAG) originato presso il Committee on Fiscal Affairs (CFA) ha elaborato un documento di lavoro «Attribution of Profit to a Permanent Establishment Involved in Elettronic Commerce Transaction», con lo scopo di analizzare le metodologie di determinazione del reddito attribuibile alla stabile organizzazione nell ambito del commercio elettronico. Se il server costituisce una stabile organizzazione estera dell impresa, i redditi realizzati sono imponibili nello Stato della fonte come redditi d impresa. Criteri per individuare la presenza di stabile organizzazione di soggetto estero nel settore del commercio online Due sono gli elementi che supportano l esercizio dell attività d impresa online e che identificano la stabile organizzazione: il sito web e il server. Occorre analizzare localizzare ed esaminare le funzioni svolte dal server: solo se l ICP ne ha piena disponibilità, si configura la stabile organizzazione. La stabile organizzazione si configura se il soggetto estero mantiene la gestione diretta del sito e delle transazioni, lasciando che l ISP fornisca solo l accesso alla rete e lo spazio per ospitare il sito. La stabile organizzazione non si configura se l ISP fornisce al soggetto estero, oltre all accesso alla rete, anche servizi di gestione e manutenzione del server. In merito alla questione se la presenza di personale dedicato sia necessario per configurare una stabile organizzazione, l OCSE si è espressa in maniera negativa; infatti, il server può essere considerao permanent establishment anche in assenza di personale collegato all imprenditore. 7 Direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio 8 giugno 2000, n. 2000/3 I/CE. 28 n. 12/2013

5 Predisposizione di un benchmark study: il caso Games Italia S.r.L. Games Italia è la società benchmark utilizzata nella presente analisi, le cui operazioni intercorse con società controllanti o collegate sono rilevanti per decretare la loro conformità in termini fiscali alle disposizioni normative riferite ai prezzi di trasferimento. Games Italia ha sede a Milano e opera principalmente sul mercato italiano nel settore del gioco e delle scommesse online. A partire dal primo gennaio 2011 sono decorsi gli effetti giuridici dell operazione di incorporazione di Games Italia, società interamente posseduta dall allora capogruppo Games Interactive Entertainment AG; in seguito, la denominazione si è modificata da Gioco Virtuale Italia a Games Italia S.r.l.. La ristrutturazione organizzativa si è resa necessaria per un progetto di razionalizzazione della struttura societaria e delle attività del gruppo in Italia. La società svolge la propria attività con l ausilio delle piattaforme Games e Gioco Virtuale, quest ultima di proprietà della controllante Games EMH (Tavola 2). Games Italia gode di un ottimo posizionamento di mercato: infatti, nell esercizio conclusosi il 31 dicembre 2011 si sono raggiunti risultati positivi sia in termini di volumi d affari, redditività e generazioni di flussi di cassa; ha chiuso con un utile che sfiora i 9 milioni di euro e una posizione finanziaria netta positiva di quasi 25 milioni. I ricavi delle vendite sono triplicati rispetto all ammontare dell esercizio 2010, e ammontano a poco più di 241 milioni di euro. Games Italia è controllata indirettamente da Games.Party, con sede in Gibilterra 8 ; è la capogruppo che controlla direttamente Games EMH e indirettamente Games Italia, Games Interactive Entertainment, Games Service, Qgame Markets, Amantolo e HGP. La società opera nel settore del gioco e delle scommesse online, nel segmento delle scommesse sportive, giochi on- 8 La capogruppo ha ultimamente firmato una decina di accordi per lo scambio di informazioni con una serie di stati, tra cui si annoverano gli Stati Uniti, Regno Unito, Belgio, Finlandia, Groenlandia, che le ha permesso di ottenere la condizione di paese White list a livello OCSE. Tavola 2 - Società del gruppo che intrattengono rapporti con Games Italia S.r.L. n. 12/

6 line, casinò, poker e bingo. Il suo marchio è concesso in licenza in Gibilterra, Alderney 8, Francia e Italia ed è quotata sulla London Stock Exchange da giugno Games.Party opera attraverso software di proprietà, che garantiscono maggior controllo e flessibilità sulla piattaforma tecnologica, in grado di cogliere rapidamente le opportunità e i cambiamenti di mercato, in termini di sfide internazionali, avanzamento tecnologico e cambiamento del contesto normativo. Games.Party è considerata una delle società leader del settore, e oltre a detenere alcuni dei più grandi casinò online del mondo FiestaCasino.com e TaraluckCasino.com, è la capogruppo della società FiestaPoker.com, che di gran lunga è il più grande sito di poker online al mondo. Tra gli altri brands si possono menzionare Reignpoker.com, PokerON.com e FiestaGammon. com. Il principale mercato di sbocco è sicuramente costituito dagli Stati Uniti d America, grazie all utilizzo diffuso di internet e alla popolarità dei giochi online, fomentata anche da programmi televisivi di fama internazionale. La società, inoltre, sta focalizzando la sua attività sul mercato europeo e asiatico, che vive un momento di congiuntura economica espansiva. Nel bilancio consolidato conclusosi il 31 dicembre 2011 i ricavi ammontavano a poco più di 690 milioni di euro rispetto ai 357 milioni registrati nell anno precedente; le riorganizzazioni aziendali, nonché le operazioni straordinarie che hanno interessato il gruppo Games, origineranno 40 milioni di sinergie nel corso del 2012 e 65 milioni nel Il benchmark study è stato predisposto grazie alla disamina della documentazione contabile delle diverse società del gruppo e sulla base dei dati disponibili sul database Amadeus. Sono state selezionate, dopo aver applicato gli usuali criteri di filtro, otto imprese comparables, aventi sede in Italia, Malta, Belgio, Russia e Spagna. Di queste imprese, sono stati elaborati i relativi indicatori di profittabilità (ROS, Return On Sales) per applicare il Transactional Net Margin Method ed elaborare l intervallo statistico interquartile onde posizionare la tested party Games Italia (Tavola 3): Tavola 3 - Intervallo interquartile per il ROS delle imprese comparables Anno Interquartile range % 8.85% % 10.50% % 11.06% Nell anno prescelto per testare la normalità delle operazioni intercompany, ossia il 2011, Games Italia ha registrato una redditività del 4,93%. Ciò significa che il valore cade perfettamente all interno del range di pertinenza, e quindi si può presumere che le transazioni intercorse tra le related parties siano state ispirate dall arm s lenght principle. Inoltre, si può notare che, non solo è ricompreso nell intervallo di libera concorrenza, ma è un importo che si avvicina molto ai valori della media (5,43%) e delle mediana (5,83%). Conclusione Il risultato di tale ricerca ci suggerisce come il valore della redditività sia allineato a quelle delle società comparabili, e perciò si può assumere che la tested party abbia operato in condizioni conformi alle previsioni normative nazionali e internazionali. Come suggerito dalle esistenti Linee guida OCSE, se i valori della transazione tra related parties si posizionano all interno del range di libera concorrenza, non è necessario alcuna modifica dei transfer prices. Pertanto, tale realtà imprenditoriale fino a prova contraria opera secondo criteri arm s lenght, poiché l indicatore di profitto è coerente con gli indici estrapolati dal paniere di imprese equiparabili. 9 Alderney è la più settentrionale delle Isole del Canale. 30 n. 12/2013

PROFILI DI FISCALITÀ INTERNAZIONALE E PROBLEMATICHE CONNESSE ALLA C.D. DIGITAL ECONOMY

PROFILI DI FISCALITÀ INTERNAZIONALE E PROBLEMATICHE CONNESSE ALLA C.D. DIGITAL ECONOMY PROFILI DI FISCALITÀ INTERNAZIONALE E PROBLEMATICHE CONNESSE ALLA C.D. DIGITAL ECONOMY IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Nel periodo 1986/1997 le società italiane, con almeno una partecipazione oltre frontiera,

Dettagli

TRANSFER PRICING PREVENIRE O ATTENDERE? Introduzione al transfer pricing

TRANSFER PRICING PREVENIRE O ATTENDERE? Introduzione al transfer pricing TRANSFER PRICING PREVENIRE O ATTENDERE? Introduzione al transfer pricing Per cominciare 6 domande sul transfer pricing COSASONOI«PREZZIDITRASFERIMENTO»? PERCHÉSENEPARLA? COMESIDETERMINANO? INCHEMODOSIDOCUMENTANO?

Dettagli

Profili fiscali dell e-commerce. Giovanni Rolle Centro Universitario per il Commercio Europeo ed Estero Dottore Commercialista

Profili fiscali dell e-commerce. Giovanni Rolle Centro Universitario per il Commercio Europeo ed Estero Dottore Commercialista Il commercio elettronico: aspetti legali, finanziari e tecnologici Profili fiscali dell e-commerce Giovanni Rolle Centro Universitario per il Commercio Europeo ed Estero Dottore Commercialista Torino,

Dettagli

Università La Sapienza di Roma

Università La Sapienza di Roma Università La Sapienza di Roma Tassazione dei redditi di fonte estera e redditi dei non residenti Diritto Tributario Prof.ssa Rossella Miceli Il sistema delle imposte sul reddito I II PARTE 1 Tassazione

Dettagli

Prezzi di trasferimento in Italia. Rödl & Partner

Prezzi di trasferimento in Italia. Rödl & Partner Prezzi di trasferimento in Italia 1 Contenuto 01 Introduzione e contesto normativo 02 Documentazione sui prezzi di trasferimento 03 Altre tematiche di transfer pricing e servizi di R&P 2 Contenuto 01 Introduzione

Dettagli

Oggetto: Il regime IVA applicabile alle prestazioni di servizi di e-commerce

Oggetto: Il regime IVA applicabile alle prestazioni di servizi di e-commerce Oggetto: Al commercio elettronico vengono applicate delle norme specifiche che in parte si discostano dai criteri generali di territorialità previsti dal D.P.R. 633/1972. Per commercio elettronico si intendono

Dettagli

L ESPORTAZIONE DI VINO 1

L ESPORTAZIONE DI VINO 1 L ESPORTAZIONE DI VINO 1 Premessa L Italia, come è noto, è uno dei principali produttori di vino, contendendo di anno in anno alla Francia, a seconda dell andamento delle vendemmie, la leadership mondiale.

Dettagli

+39 02 414931 +39 02 65594203. Community consulenza nella comunicazione Brunswick +39 02 89404231 + 39 02 92 88 62 04/203

+39 02 414931 +39 02 65594203. Community consulenza nella comunicazione Brunswick +39 02 89404231 + 39 02 92 88 62 04/203 Capgemini Contacts: Merrill Lynch Contacts: Raffaella Poggio Martina Corak raffaella.poggio@capgemini.com martina_corak@ml.com +39 02 414931 +39 02 65594203 Community consulenza nella comunicazione Brunswick

Dettagli

LA DISCIPLINA DEI PREZZI DI TRASFERIMENTO

LA DISCIPLINA DEI PREZZI DI TRASFERIMENTO LA DISCIPLINA DEI PREZZI DI TRASFERIMENTO Articolo 9 MC Imprese associate [Associated enterprises] Allorché a) un impresa di uno Stato contraente partecipa direttamente o indirettamente alla direzione,

Dettagli

PATENT BOX. a cura del dott. Umberto Zagarese. - aprile 2015 -

PATENT BOX. a cura del dott. Umberto Zagarese. - aprile 2015 - PATENT BOX a cura del dott. Umberto Zagarese - aprile 2015 - PATENT BOX Introduzione A partire dal 2015, i titolari di reddito d impresa possono optare per una tassazione agevolata, ai fini delle imposte

Dettagli

LA FISCALITA INTERNAZIONALE

LA FISCALITA INTERNAZIONALE LA FISCALITA INTERNAZIONALE Il contesto economico attuale richiede che molti tra coloro che intraprendono una iniziativa economica debbano sapersirelazionare con Paesi diversi aventi contesti e mercati

Dettagli

9 marzo 2016. Tassazione giochi

9 marzo 2016. Tassazione giochi Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori Nota a cura di Paola Serra Tassazione giochi 9 marzo 2016 Introduzione La tassazione dei giochi ha subito profondi cambiamenti nel tempo, rispondendo alle mutate

Dettagli

LTD IN UK BENEFICI E VANTAGGI ANCHE FUORI DAL REGNO UNITO. A cura del dott. Salvatore Alberto Cona

LTD IN UK BENEFICI E VANTAGGI ANCHE FUORI DAL REGNO UNITO. A cura del dott. Salvatore Alberto Cona LTD IN UK BENEFICI E VANTAGGI ANCHE FUORI DAL REGNO UNITO A cura del dott. Salvatore Alberto Cona 1 Una società a responsabilità limitata o Ltd nel Regno Unito presenta dei vantaggi per tutti gli imprenditori

Dettagli

La determinazione del reddito. dei profitti alla stabile organizzazione, di Stefano Chirichigno e Valerio Cirimbilla

La determinazione del reddito. dei profitti alla stabile organizzazione, di Stefano Chirichigno e Valerio Cirimbilla La determinazione del reddito «personale» di Stefano Chirichigno e Valerio Cirimbilla La Corte di cassazione, con la sentenza n. 8488 del 2010, si è pronunciata sul tema della stabile organizzazione «personale».

Dettagli

Giochi pubblici: le grandezze di riferimento (2014)

Giochi pubblici: le grandezze di riferimento (2014) 25 giugno 2015 Giochi pubblici: le grandezze di riferimento (2014) Valori in Milioni di euro 90.000 RACCOLTA TUTTI I GIOCHI 90.000 RIPARTIZIONE RACCOLTA 80.000 80.000 70.000 60.000 50.000 40.000 Raccolta

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Il ruolo delle società del Regno Unito nella pianificazione fiscale internazionale. Dott. Cristiano Medori ACA CTA ATT Director of Taxation

Il ruolo delle società del Regno Unito nella pianificazione fiscale internazionale. Dott. Cristiano Medori ACA CTA ATT Director of Taxation Il ruolo delle società del Regno Unito nella pianificazione fiscale internazionale Dott. Cristiano Medori ACA CTA ATT Director of Taxation : aspetti finanziari Mezzi propri Investitori italiani Capitale

Dettagli

Effetti quantitativi. Effetti generali sui sistemi fiscali. Effetti su singole imposte (I) 1. Pressione fiscale totale OCSE 1990-2003: 35,1 37,4

Effetti quantitativi. Effetti generali sui sistemi fiscali. Effetti su singole imposte (I) 1. Pressione fiscale totale OCSE 1990-2003: 35,1 37,4 Globalizzazione ed effetti sulla tassazione internazionale Luigi Bernardi Contenuto del seminario 1. Globalizzazione e competizione fiscale internazionale: aspetti macroeconomici 2. Competizione fiscale

Dettagli

Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio

Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio 4. 1. Attività istituzionale Definizione. L Attività istituzionale è lo scopo per il quale l associazione si è costituita, uno scopo che non può essere di natura

Dettagli

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni S.p.A. approva il Bilancio consolidato ed il Bilancio d esercizio al 31 dicembre 2012: Raccolta complessiva

Dettagli

Trasferibilità delle tecnologie per la net economy nel distretto di Lecco. 19 Novembre 2001

Trasferibilità delle tecnologie per la net economy nel distretto di Lecco. 19 Novembre 2001 Trasferibilità delle tecnologie per la net economy nel distretto di Lecco 19 Novembre 2001 Valutare la trasferibilità delle tecnologie per la net economy nel distretto, misurando lo stato attuale di maturità

Dettagli

COMUNICATO STAMPA (redatto ai sensi della Delibera Consob n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni)

COMUNICATO STAMPA (redatto ai sensi della Delibera Consob n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni) COMUNICATO STAMPA (redatto ai sensi della Delibera Consob n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni) Il Consiglio di Amministrazione approva il Resoconto intermedio di gestione

Dettagli

Carboni&Partners GIOCO ONLINE. Un gioco, molti giochi. Milano, 7 luglio 2014

Carboni&Partners GIOCO ONLINE. Un gioco, molti giochi. Milano, 7 luglio 2014 GIOCO ONLINE Un gioco, molti giochi Milano, 7 luglio 2014 COS È IL GIOCO ONLINE? q Partecipazione del giocatore mediante tecnologia che consente comunicazione a distanza q Senza interazione fisica con

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Roma, 18 marzo 2015. OGGETTO: Interpello Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Adozione IFRS 11 e relativi effetti fiscali

Roma, 18 marzo 2015. OGGETTO: Interpello Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Adozione IFRS 11 e relativi effetti fiscali RISOLUZIONE N. 29/E Roma, 18 marzo 2015 OGGETTO: Interpello Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Adozione IFRS 11 e relativi effetti fiscali Con l interpello specificato in oggetto, concernente l

Dettagli

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ Con la presente comunicazione si desidera fornire una breve sintesi del regime fiscale applicabile ai fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano, nonché del

Dettagli

Materiale, dati e informazioni per l applicazione della griglia

Materiale, dati e informazioni per l applicazione della griglia Appendice A IPI, ISTITUTO PER LA PROMOZIONE INDUSTRIALE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DG Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi Progetto per l implementazione della griglia di

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN. e-t@x. La gestione telematica dei rapporti tributari

MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN. e-t@x. La gestione telematica dei rapporti tributari MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN e-t@x. La gestione telematica dei rapporti tributari Il primo master universitario di diritto tributario totalmente in rete a.a. 2006-2007 1.Finalità Il Master

Dettagli

Definizione della documentazione idonea per il riscontro della conformità al valore normale dei prezzi di

Definizione della documentazione idonea per il riscontro della conformità al valore normale dei prezzi di Definizione della documentazione idonea per il riscontro della conformità al valore normale dei prezzi di trasferimento praticati dalle imprese multinazionali Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE YG66U ATTIVITÀ 33.12.51 RIPARAZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE ED ATTREZZATURE PER UFFICIO (ESCLUSI COMPUTER, PERIFERICHE, FAX) ATTIVITÀ 58.12.02 PUBBLICAZIONE DI MAILING LIST ATTIVITÀ

Dettagli

Agevolazioni fiscali per le aziende che localizzano le proprie attività nello stato di New York

Agevolazioni fiscali per le aziende che localizzano le proprie attività nello stato di New York Agevolazioni fiscali per le aziende che localizzano le proprie attività nello stato di New York Gli Stati Uniti d America, da sempre, si contraddistinguono per una politica tendenzialmente favorevole ad

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi nove mesi del 2013

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi nove mesi del 2013 Milano, 13 novembre 2013 TOD S S.p.A. Solida crescita dei ricavi all estero (Greater China: +28%, Americhe: +14%). Confermata l ottima redditività del Gruppo (margine Ebitda: 26,5%). Aumentate le disponibilità

Dettagli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

Newsletter, gennaio 2012

Newsletter, gennaio 2012 Newsletter, gennaio 2012 Contenuti: 1. Diritto societario 2. Diritto bancario 3. Diritto civile 4. Diritto tributario 5. Diritto della previdenza sociale 1. Diritto societario Legge federale del 18 luglio

Dettagli

Il sistema creditizio in provincia di Pisa

Il sistema creditizio in provincia di Pisa Il sistema creditizio in provincia di Pisa Consuntivo anno 2013 Pisa, 31 luglio 2014. La presenza bancaria in provincia di Pisa risente del processo di riorganizzazione che sta attraversando il sistema

Dettagli

CHL S.P.A. Sede in Firenze, Via di Novoli n. 7. Capitale Sociale sottoscritto e versato Euro 1.153.639, 20

CHL S.P.A. Sede in Firenze, Via di Novoli n. 7. Capitale Sociale sottoscritto e versato Euro 1.153.639, 20 CHL S.P.A. Sede in Firenze, Via di Novoli n. 7 Capitale Sociale sottoscritto e versato Euro 1.153.639, 20 Iscritta alla Sezione Ordinaria del Registro delle Imprese di Firenze al n. 68220/ Tribunale di

Dettagli

RISOLUZIONE N. 21/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 21/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 21/E f Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 gennaio 2009 Oggetto: Interpello ex articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Fusione concernente società di diversi Stati

Dettagli

Il trasferimento della sede dall estero all Italia

Il trasferimento della sede dall estero all Italia Il trasferimento della sede dall estero all Italia Trasferimento di sede della società estera in Italia L ordinamento giuridico-societario di provenienza può prevedere che il trasferimento di sede all

Dettagli

business presentation Smart Business S.r.l. scopri cosa puoi realizzare con noi grazie ad un progetto unico nel panorama italiano

business presentation Smart Business S.r.l. scopri cosa puoi realizzare con noi grazie ad un progetto unico nel panorama italiano business presentation Smart Business S.r.l. scopri cosa puoi realizzare con noi grazie ad un progetto unico nel panorama italiano l idea più geniale dai tempi del casinò + il pacchetto di smart business

Dettagli

Presentazione del Report In Breve n. 11/2012 alla IV Commissione consiliare 16 maggio 2013

Presentazione del Report In Breve n. 11/2012 alla IV Commissione consiliare 16 maggio 2013 Gioco d azzardo d e dipendenzad Presentazione del Report In Breve n. 11/2012 alla IV Commissione consiliare Lo scopo di una Informativa Breve La collana In Breve fornisce ai Consiglieri regionali informazioni

Dettagli

La disciplina del Transfer Price Novedrate, 9 ottobre 2013. dott. Andrea DE VIDO

La disciplina del Transfer Price Novedrate, 9 ottobre 2013. dott. Andrea DE VIDO La disciplina del Transfer Price Novedrate, 9 ottobre 2013 dott. Andrea DE VIDO Definizione: Transfer Pricing Il transfer price (prezzo di trasferimento) è il corrispettivo dello scambio di beni o servizi

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. - Reddito complessivo dichiarato. prodotte dall Istat e disponibili sul sito http://www.istat.it/.

COMUNICATO STAMPA. - Reddito complessivo dichiarato. prodotte dall Istat e disponibili sul sito http://www.istat.it/. COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2012, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. locazione, assoggettati a tassazione sostitutiva (cedolare secca). Si segnala che in questa definizione non rientrano 1

COMUNICATO STAMPA. locazione, assoggettati a tassazione sostitutiva (cedolare secca). Si segnala che in questa definizione non rientrano 1 COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2012, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEI COSTI DI RIPRISTINO DEI SITI DEI TERMINALI DI GNL

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEI COSTI DI RIPRISTINO DEI SITI DEI TERMINALI DI GNL DCO 12/11 CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEI COSTI DI RIPRISTINO DEI SITI DEI TERMINALI DI GNL Documento per la consultazione per la formazione di provvedimenti nell ambito del procedimento avviato con

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTA la legge 23 dicembre 2014 n. 190, e successive modificazioni, recante Disposizioni per la formazione

Dettagli

6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO

6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO 92 6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO Nel corso degli anni Ottanta e Novanta si è registrata una crescita rilevante dei flussi internazionali di capitali, sia sotto forma di investimenti

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE VG66U ATTIVITÀ 33.12.51 RIPARAZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE ED ATTREZZATURE PER UFFICIO (ESCLUSI COMPUTER, PERIFERICHE, FAX) ATTIVITÀ 58.12.02 PUBBLICAZIONE DI MAILING LIST ATTIVITÀ

Dettagli

L intervento della BEI a sostegno delle Pmi

L intervento della BEI a sostegno delle Pmi Agevolazioni Finanziarie 7 di Tommaso Zarbo (1) Esperto in materia di finanziamenti agevolati Finanziamenti comunitari L intervento della BEI a sostegno delle Pmi Con le recenti turbolenze finanziarie

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2015 che evidenzia:

Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2015 che evidenzia: COMUNICATO STAMPA (redatto ai sensi della Delibera Consob n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni) Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione finanziaria semestrale

Dettagli

Oggetto: Istanza di interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n.212 EUR SPA - Trasformazione di un ente pubblico in s.p.a.

Oggetto: Istanza di interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n.212 EUR SPA - Trasformazione di un ente pubblico in s.p.a. RISOLUZIONE N. 313/E f Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,05 novembre 2007 Oggetto: Istanza di interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n.212 EUR SPA - Trasformazione di un ente pubblico

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. 1 Il riferimento è alla definizione di reddito complessivo comprensiva dei redditi di immobili ad uso abitativo dati in

COMUNICATO STAMPA. 1 Il riferimento è alla definizione di reddito complessivo comprensiva dei redditi di immobili ad uso abitativo dati in COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2011, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3%

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3% Milano, 11 novembre 2015 TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3% Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione

Dettagli

CESSIONE DI QUOTE AL VALORE NOMINALE. di GIUSEPPE REBECCA

CESSIONE DI QUOTE AL VALORE NOMINALE. di GIUSEPPE REBECCA CESSIONE DI QUOTE AL VALORE NOMINALE di GIUSEPPE REBECCA Sommario: 1. Premessa 2. Il corrispettivo 3. Persona fisica cedente 4. Il presupposto impositivo 5. Cosa può fare l Agenzia? 6. La norma antielusione

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui lavori pubblici

Autorità per la vigilanza sui lavori pubblici Autorità per la vigilanza sui lavori pubblici ALLEGATO TECNICO ISTRUZIONI PER L INVIO DELLE SCHEDE DELLE SOCIETA DI INGEGNERIA E PROFESSIONALI Le modalità di trasmissione L invio dei dati delle Società

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

IL FOTOVOLTAICO IN AGRICOLTURA

IL FOTOVOLTAICO IN AGRICOLTURA IL FOTOVOLTAICO IN AGRICOLTURA La soluzione dell impianto fotovoltaico per la produzione di energia elettrica viene presa in considerazione da molte imprese agricole vuoi per la necessità di sostituire

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. MISURA E MODALITÀ DI VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO DOVUTO ALL AUTORITÀ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI PER L ANNO 2015 L AUTORITÀ NELLA sua riunione di Consiglio del 6 novembre 2014; VISTA

Dettagli

GRUPPO GABETTI PIANO STRATEGICO 2013-2016. 27 giugno 2013

GRUPPO GABETTI PIANO STRATEGICO 2013-2016. 27 giugno 2013 GRUPPO GABETTI PIANO STRATEGICO 2013-2016 27 giugno 2013 Disclaimer Il presente documento è stato predisposto da Gabetti Property Solutions S.p.A. ( Gabetti ) esclusivamente a fini informativi in relazione

Dettagli

L AREA DI CONSOLIDAMENTO

L AREA DI CONSOLIDAMENTO L AREA DI CONSOLIDAMENTO Prof. Alessandro Zattoni Università Parthenope I criteri per la definizione La definizione dell area di consolidamento rappresenta l aspetto più critico del processo di consolidamento,

Dettagli

Misure per supportate la crescita e l internazionalizzazione delle imprese

Misure per supportate la crescita e l internazionalizzazione delle imprese Misure per supportate la crescita e l internazionalizzazione delle imprese Le slide non forniscono una completa descrizione delle nuove norme né affrontano tutte le tematiche che possono rilevare ai fini

Dettagli

STATI UNITI D'AMERICA

STATI UNITI D'AMERICA STATI UNITI D'AMERICA Negli Stati Uniti d America, la potestà impositiva fiscale si articola su tre livelli: federale, statale, e municipale Principali trattati sottoscritti con l Italia Convenzione contro

Dettagli

Bolzoni SpA Relazione Trimestrale al 31.03.2008 Attività del Gruppo

Bolzoni SpA Relazione Trimestrale al 31.03.2008 Attività del Gruppo Attività del Gruppo Il Gruppo Bolzoni è attivo da oltre sessanta anni nella progettazione, produzione e commercializzazione di attrezzature per carrelli elevatori e per la movimentazione industriale. Lo

Dettagli

Le operazioni infragruppo: I FINANZIAMENTI

Le operazioni infragruppo: I FINANZIAMENTI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Transfer Pricing: la preparazione della documentazione nazionale Le operazioni infragruppo: I FINANZIAMENTI Matteo Giordani Milano, 11 Giugno 2014 La normativa

Dettagli

Fiscal News N. 334. Cessione di partecipazioni estere. La circolare di aggiornamento professionale 04.12.2013. Potestà impositiva

Fiscal News N. 334. Cessione di partecipazioni estere. La circolare di aggiornamento professionale 04.12.2013. Potestà impositiva Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 334 04.12.2013 Cessione di partecipazioni estere Potestà impositiva Categoria: Imposte dirette Sottocategoria: Varie La tassazione della plusvalenza

Dettagli

Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014

Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014 2014 Cloud Computing 2014: mercato, adozione, scenario competitivo Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014 INDICE INDICE DELLE FIGURE 2 INDICE DELLE TABELLE

Dettagli

PARTICOLARITA DEL SETTORE E LE START-UP INNOVATIVE NEL TURISMO

PARTICOLARITA DEL SETTORE E LE START-UP INNOVATIVE NEL TURISMO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO PARTICOLARITA DEL SETTORE E LE START-UP INNOVATIVE NEL TURISMO BENEDETTI DOTT. GIULIO Programma Digit Tax Credit Gestione IVA 74ter Consulenza Fiscale per

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. 1 Nel 2009 si era registrato un forte calo dei contribuenti che dichiaravano un reddito da lavoro dipendente (-273 mila).

COMUNICATO STAMPA. 1 Nel 2009 si era registrato un forte calo dei contribuenti che dichiaravano un reddito da lavoro dipendente (-273 mila). COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2010, a sei mesi dal termine di presentazione (settembre

Dettagli

VK27U. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA 2013. Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore

VK27U. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA 2013. Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2013 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore 2014 VK27U 58.21.00 Edizione di giochi per computer; 58.29.00 Edizione

Dettagli

Convegno di Studio Brescia, 13.02.2014

Convegno di Studio Brescia, 13.02.2014 La gestione di branch estere: criticità tributarie e contabili. Difficoltà connesse al recupero delle imposte estere (principi normativi - un caso pratico) Convegno di Studio Brescia, 13.02.2014 BRANCH

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla Delibera n. 606/07/CONS ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla Delibera n 606/07/CONS 1 ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

Dettagli

CONFRONTO TRA STABILE ORGANIZZAZIONE, SOCIETA E UFFICIO DI RAPPRESENTANZA

CONFRONTO TRA STABILE ORGANIZZAZIONE, SOCIETA E UFFICIO DI RAPPRESENTANZA CONFRONTO TRA STABILE ORGANIZZAZIONE, SOCIETA E UFFICIO DI RAPPRESENTANZA L attuale contesto economico, sempre più caratterizzato da una concorrenza di tipo internazionale e da mercati globali, spesso

Dettagli

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013 L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL Confronto con il 2012 ed il 2008 e focus su amministratori e titolari d azienda febbraio 2014 P.tta Gasparotto, 8-35131 Padova Tel. 049 8046411 Fax 049 8046444 www.datagiovani.it

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

RISOLUZIONE N.345/E. Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione del DPR n. 917 del 1986, è stato esposto il seguente

RISOLUZIONE N.345/E. Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione del DPR n. 917 del 1986, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N.345/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 agosto 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - Trasferimento in Italia della sede legale

Dettagli

Dicembre 2015. Lo scambio automatico di informazioni: profili applicativi della normativa FATCA

Dicembre 2015. Lo scambio automatico di informazioni: profili applicativi della normativa FATCA Dicembre 2015 Lo scambio automatico di informazioni: profili applicativi della normativa FATCA Piero Bonarelli, Head of International Tax Affairs, Enrico Gaiani, Head of Tax Compliance, UniCredit SpA 1.

Dettagli

AL FISCO 7ATTENZIONE

AL FISCO 7ATTENZIONE 7ATTENZIONE AL FISCO 7 Attenzione al fisco... 117 7.1 Consegna a domicilio... 118 7.2 Consegna in Rete... 120 7.3 L IVA nelle vendite all estero... 122 ATTENZIONE AL FISCO 7 7. Attenzione al fisco Dal

Dettagli

REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato

REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL ARTIGIANATO E LA PICCOLA IMPRESA IN LIGURIA L Osservatorio Congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa in Liguria

Dettagli

CONVENZIONI FISCALI CON LA SVIZZERA. a cura di Renato Brunetta

CONVENZIONI FISCALI CON LA SVIZZERA. a cura di Renato Brunetta 4 CONVENZIONI FISCALI CON LA SVIZZERA 28 novembre 2011 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Per l Italia I capitali e i redditi da capitali detenuti in Svizzera da cittadini residenti in Italia

Dettagli

III. INDEBITAMENTO NETTO E DEBITO PUBBLICO

III. INDEBITAMENTO NETTO E DEBITO PUBBLICO III. INDEBITAMENTO NETTO E DEBITO PUBBLICO III.1 L INDEBITAMENTO NETTO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Le previsioni di finanza pubblica presentate nell Aggiornamento del Programma di Stabilità del 2008

Dettagli

Entrate Tributarie Internazionali

Entrate Tributarie Internazionali Entrate Tributarie Internazionali Giugno 2013 Ufficio 3 - Consuntivazione, previsione ed analisi delle entrate Numero 54 Agosto 2013 SOMMARIO Premessa... 3... 3 Imposta sul valore aggiunto... 4 Analisi

Dettagli

i dossier CONVENZIONI FISCALI CON LA SVIZZERA www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 4 febbraio 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier CONVENZIONI FISCALI CON LA SVIZZERA www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 4 febbraio 2013 a cura di Renato Brunetta 316 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com CONVENZIONI FISCALI CON LA SVIZZERA 4 febbraio 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Per l Italia: i capitali e i redditi da capitali

Dettagli

PICCOLE IMPRESE E TEMPI DI PAGAMENTO NELLE TRANSAZIONI COMMERCIALI IN ITALIA

PICCOLE IMPRESE E TEMPI DI PAGAMENTO NELLE TRANSAZIONI COMMERCIALI IN ITALIA PICCOLE IMPRESE E TEMPI DI PAGAMENTO NELLE TRANSAZIONI COMMERCIALI IN ITALIA Marzo 2011 Indagine sui tempi medi di pagamento nelle transazioni commerciali tra piccole imprese, privati e Pubblica Amministrazione

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

TRATTAMENTO FISCALE DEI PROVENTI DERIVANTI

TRATTAMENTO FISCALE DEI PROVENTI DERIVANTI www.bsp.lu ww TRATTAMENTO FISCALE DEI PROVENTI DERIVANTI DA PROPRIETÀ INTELLETTUALE IN LUSSEMBURGO MEMORANDUM LUSSEMBURGO, 21/05/2013 Avocats 2, rue Peternelchen I Immeuble C2 I L-2370 Howald I Luxembourg

Dettagli

Aprile 2006: Numero 7

Aprile 2006: Numero 7 Aprile 2006: Numero 7 NEWSLETTER FINANZIARIA POLIGRAFICA SAN FAUSTINO La Newsletter è disponibile online all indirizzo www.psf.it Alberto Frigoli In questo numero: - Lettera del Presidente - Evoluzione

Dettagli

Umbria Innovazione. Programma di animazione per lo sviluppo di progetti. aziendali di innovazione nelle PMI umbre annualità 2013

Umbria Innovazione. Programma di animazione per lo sviluppo di progetti. aziendali di innovazione nelle PMI umbre annualità 2013 Umbria Innovazione Programma di animazione per lo sviluppo di progetti aziendali di innovazione nelle PMI umbre annualità 2013 Progetti di innovazione rivolti a cluster di imprese ------- AVVISO Nell ambito

Dettagli

Economia dei gruppi e bilancio consolidato. Esempi di quesiti d esame. (limitatamente alla parte dedicata al bilancio consolidato) * * *

Economia dei gruppi e bilancio consolidato. Esempi di quesiti d esame. (limitatamente alla parte dedicata al bilancio consolidato) * * * Economia dei gruppi e bilancio consolidato Esempi di quesiti d esame (limitatamente alla parte dedicata al bilancio consolidato) Q. 1 Il Candidato, ricorrendo alla costruzione del foglio di lavoro di stato

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A.

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A. TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006 Marcolin S.p.A. Transizione ai Principi Contabili Internazionali (IAS/IFRS) Premessa In ottemperanza al Regolamento Europeo n. 1606 del 19

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

Comunicato Stampa 13 novembre 2014

Comunicato Stampa 13 novembre 2014 Landi Renzo: ricavi, marginalità e flussi finanziari di cassa in miglioramento al 30 settembre 2014; il terzo trimestre conferma il trend di crescita di fatturato e utile Fatturato pari a Euro 173,9 mln,

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

30 2015 RICAVI CARATTERISTICI AGGREGATI DI GIORDANO E PROVINCO IN CRESCITA DEL

30 2015 RICAVI CARATTERISTICI AGGREGATI DI GIORDANO E PROVINCO IN CRESCITA DEL COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di IWB S.p.A. approva la Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2015 RICAVI CARATTERISTICI AGGREGATI DI GIORDANO E PROVINCO IN CRESCITA

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

Transfer Pricing Conference

Transfer Pricing Conference Economic Consulting Transfer Pricing Conference Carlo Scarpa, NERA Roma Sébastien Gonnet, NERA Paris Marta Petrucci, NERA Roma Pordenone, 4 dicembre 2013 www.nera.com 1. Trend recenti 2011 NERA Economic

Dettagli

Il capitale circolante del settore siderurgico

Il capitale circolante del settore siderurgico Il capitale circolante del settore siderurgico Quale impatto sulla posizione finanziaria nel 21? Analisi elaborata dall Unità di di Centrobanca Pio De Gregorio Stefania Baccalini Gianluca De Sanctis 8

Dettagli

Direzione Centrale del Personale. Selezione per il conferimento di incarichi dirigenziali

Direzione Centrale del Personale. Selezione per il conferimento di incarichi dirigenziali RU 2015/124055 Direzione Centrale del Personale Selezione per il conferimento di incarichi dirigenziali IL DIRETTORE DELL AGENZIA in base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito

Dettagli