Nove domande (e risposte) sull osteoporosi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nove domande (e risposte) sull osteoporosi"

Transcript

1 CEFORMED CENTRO REGIONALE DI FORMAZIONE PER L AREA DELLE CURE PRIMARIE Via Galvani n MONFALCONE (GO) In questo numero di Medicina e Sanità continuiamo a pubblicare, analogamente ad altre riviste mediche, delle pagine di educazione sanitaria rivolta ai pazienti, che possono essere staccate, fotocopiate o esposte nelle sale d attesa e consegnate ai pazienti L informazione per il paziente: Nove domande (e risposte) sull osteoporosi a cura di Gianni Segalla e Amedeo Gasparin MMG - Ceformed 1. Cos è l osteoporosi? L osteoporosi è una patologia sistemica dello scheletro caratterizzata da una diminuzione della massa ossea e da un alterazione della microarchitettura ossea, con conseguente aumento della fragilità scheletrica e predisposizione alle fratture. (OMS 2003) L osteoporosi non dovrebbe essere considerata una malattia, ma piuttosto una condizione di fragilità ossea che aumenta il rischio di fratture. 2. Chi colpisce? Nel mondo 1 donna su 3 e 1 uomo su 8, di oltre 50 anni, sono affetti da osteoporosi. Le donne hanno un rischio 4 volte superiore di sviluppare la patologia. La sua incidenza aumenta con l età sino ad interessare la maggior parte della popolazione oltre l ottava decade di vita. 3. Quali conseguenze comporta? Le persone affette da osteoporosi hanno un maggior rischio di incorrere in fratture ossee per traumi anche bana- 1

2 li, in particolare vertebrali e di femore. Queste ultime sono un evento molto grave per il paziente anziano e ciò è dimostrato da fatto che entro un anno dalla frattura una persona su 4 è deceduta. Questo tasso di mortalità è simile a quello dell ictus e del tumore della mammella. Inoltre il 50% delle donne fratturate al femore presenta una consistente diminuzione dell autosufficienza e il 20% deve essere affidato a strutture di lungodegenza. 4. Quali persone sono più a rischio di sviluppare l osteoporosi? Sono più a rischio le donne dopo la menopausa, poiché la mancanza degli ormoni femminili (gli estrogeni) aumenta la perdita di massa ossea (riassorbimento), ed in genere tutte le persone anziane nelle quali si ha una riduzione della capacità dell osso di rigenerarsi (neoformazione). Certamente non tutte le donne in postmenopausa ne tutte le persone anziane sono destinate a diventare osteoporotiche e a fratturarsi; infatti giocano un ruolo importante altre variabili che sono chiamate fattori di rischio clinico: i principali sono: La familiarità per fratture osteoporotiche L appartenere alla razza bianca La magrezza Il fumo di sigaretta L eccessivo consumo di alcolici La sedentarietà La scarsa assunzione di calcio nella dieta La carenza di vitamina D L osteoporosi postmenopausale e quella senile rappresentano i due tipi più frequenti (osteoporosi primitive), ma esistono anche forme secondarie, correlate a condizioni in grado di compromettere il metabolismo dell osso. Tra queste le principali sono l ipertiroidismo e l iperparatiroidismo, alcune malattie del sangue come il mieloma, malattie reumatiche come l artrite reumatoide, e l uso cronico di farmaci come il cortisone, gli ormoni tiroidei e i farmaci immunosoppressori. 5. Come si diagnostica l osteoporosi? Solitamente l osteoporosi non dà alcun sintomo soggettivo. Il paziente non si accorge quindi di cosa sta succedendo nel suo scheletro e, nella stragrande maggioranza dei casi, attribuisce erroneamente all osteoporosi la lombalgia di cui frequentemente soffre. In realtà i sintomi come il calo della statura, il dolore dorso-lombare e la cifosi compaiono solo quando la malattia si è instaurata da tempo è si è complicata con fratture vertebrali. Pertanto per diagnosticarla prima che si complichi con le fratture è necessario misurare la massa (o densità) scheletrica: ciò si può fare con varie tecniche genericamente definite come densitometria ossea (o mineralometria ossea computerizzata-moc). 2

3 La densitometria ossea è oggi eseguita quasi esclusivamente con la tecnica a doppio raggio X (DEXA). I siti più misurati sono il femore prossimale e la colonna lombare. E una indagine diagnostica che utilizza un fascio di raggi X che, attraversando un segmento osseo si attenua in maniera proporzionale alla sua densità. Raffrontando questo valore con quello dei soggetti adulti sani dello stesso sesso (picco di massa ossea) si ha un valore detto t-score che ne rappresenta la deviazione standard (DS). Il t-score normale è maggiore di -1 DS. Secondo l OMS si considera affetta da osteoporosi una persona con un t-score inferiore a 2.5 DS. Si parla invece di osteopenia, condizione intermedia, di rischio di fratture solo lievemente aumentato, quando il t-score è compreso tra -1 e -2,5 DS. I fattori genetici giustificano circa il 70% della variabilità individuale della massa ossea ad ogni età. Quanto più basso è il valore di T-score alla densitometria tanto maggiore è la fragilità ossea e quindi il rischio di fratture. Il rischio relativo di frattura aumenta di 1,5-3 volte per ogni deviazione standard di riduzione del valore della densità minerale ossea (unità di T score) La precisione della densitometria oscilla però tra lo 0.5% ed il 3% a seconda delle tecniche. Il cambiamento minimo rilevabile della massa ossea mediante densitometria é quindi compreso tra l 1% e l 8%. L affidabilità delle usuali metodiche di indagine per identificare i candidati al trattamento è stata fortemente messa in dubbio dalle recenti conferme secondo cui il maggior numero di fratture si verifica nella realtà in soggetti con T-score superiore a -2,5. Infatti un soggetto può avere un maggiore rischio di fratture, indipendentemente dai suoi valori densitometrici, se cade facilmente (per alterazioni dell equilibrio, problemi di forza muscolare, problemi di deambulazione, uso di sedativi o uso concomitante molti farmaci, alterazioni della vista, demenza, rischi domestici come scarpe, pavimenti o tappeti scivolosi, ingombri vicino al letto, scarsa illuminazione, assenza di maniglie, storia di precedenti cadute e paura di cadere, ecc.), oppure se presenta alterazioni della microarchitettura ossea che ne causano una minore resistenza. In pratica: l esecuzione di una densitometria ossea non consente di identificare la maggior parte delle persone che subiranno una frattura in un periodo medio-breve. 3

4 L obiettivo dell intervento sanitario è la riduzione del rischio di frattura: a tale fine la capacità della densitometria ossea d identificare chi avrà più facilmente fratture viene sostanzialmente sminuita. Altre metodiche, come quelle ad ultrasuoni (falange prossimale della mano, calcagno) sono attualmente considerate non sufficientemente affidabili per l uso clinico. Anche la TAC quantitativa) non viene considerata una tecnologia di prima scelta; può essere un alternativa alla DEXA nei soggetti affetti da patologie degenerative dell osso. Gli esami di laboratorio sono poco utili per la diagnosi di osteoporosi, in quanto non vi sono delle alterazioni biochimiche rilevabili. Alcuni semplici accertamenti (emocromo, VES, PCR, protidogramma, calcemia, fosforemia, creatininemia, fosfatasi alcalina) possono essere utili al medico per escludere altre malattie dell osso. L esame radiografico dello scheletro è utile per la diagnosi differenziale e delle fratture, ma non serve per una diagnosi precoce di osteoporosi. 6. Chi deve fare la densitometria e quando? L indagine densitometrica è generalmente consigliata alle donne sopra i 65 anni. Infatti i 65 anni di età rappresentano una soglia oltre la quale il rischio di fratture assoluto comincia ad aumentare più rapidamente e varia molto da un soggetto all altro in rapporto al t-score. Sotto i 65 anni (e in particolare all età abituale della menopausa) il rischio assoluto di fratture in assenza di altri fattori o malattie (vedi avanti) è comunque basso e varia molto poco in rapporto ai valori di T-score. La bassa capacità della densitometria ossea di predire il rischio di fratture non consente di utilizzare tale indice come test di screening di popolazione, soprattutto nei soggetti giovani. Pertanto, la densitometria ossea non va eseguita come la mammografia ogni 1-2 anni in tutte le donne a partire dai 40 (o 50) anni. Un alternativa allo screening è la valutazione caso per caso in cui i candidati al test vengono individuati sulla base di fattori di rischio riconosciuti. Ad esempio, i soggetti con una precedente frattura da fragilità presentano un rischio doppio di successive fratture, rispetto a chi non ha avuto fratture. E infatti nei maschi e nelle donne di età inferiore a 65 anni l esame può essere utile solo in presenza dei seguenti fattori di rischio: Presenza di almeno uno dei seguenti Fattori di rischio maggiori 1. Per soggetti di ogni età di sesso femminile e maschile: a. Precedenti fratture da fragilità (causate da trauma minimo) o riscontro radiologico di fratture vertebrali. 4

5 b. Riscontro radiologico di osteoporosi c. Terapie croniche (attuate o previste) con farmaci che riducono la massa ossea (cortisonici, eparine, ecc.) d. Malattie che possono ridurre la massa ossea: Malattie endocrine (per esempio assenza prolungata di mestruazioni, ipertiroidismo, diabete insulino-dipendente, ecc.) Rachitismi/osteomalacia. Sindromi da denutrizione, compresa l anoressia nervosa Celiachia e sindromi da malassorbimento, Malattie infiammatorie intestinali croniche severe, Malattie croniche del fegato Fibrosi cistica, Insufficienza renale cronica, sindrome nefrosica e altre malattie croniche renali, Malattie del sangue con rilevante coinvolgimento osseo (mieloma, ecc.) artrite reumatoide e malattie sistemiche del connettivo Malattie genetiche con alterazioni metaboliche e di struttura dell apparato scheletrico. Trapianto d organo. Allettamento e immobilizzazioni prolungate (>3 mesi). Paralisi cerebrale, distrofia muscolare, atrofia muscolare e spinale. 2. Limitatamente a donne in menopausa Storia di frattura osteoporotica in età inferiore a 75anni nella madre. Menopausa iniziata prima di 45 anni. Magrezza: indice di massa corporea (rapporto tra peso in kg e altezza in metri al quadrato) < 19 kg/m2. La densitometria è, inoltre, indicata in presenza di: 3 o più fattori di rischio minori per le donne in menopausa 1. Età superiore a 65 anni. 2. Storia familiare di severa osteoporosi. 3. Periodi superiori a 6 mesi di assenza di mestruazioni premenopausale. 4. Inadeguato apporto di calcio. 5. Carenza di vitamina D. 6. Fumo > 20 sigarette/die 7. Abuso alcolico (>60 g/die di alcool). 3 o più fattori di rischio minori per gli uomini di età superiore a 60 anni 1. Storia familiare di severa osteoporosi. 2. Magrezza (indice di massa corporea < a 19Kg/m2. 3. Inadeguato apporto di calcio. 4. Carenza di vitamina D. 5. Fumo >20 sigarette/die 6. Abuso alcolico (>60 g/die di alcool). Eventuali successivi controlli densitometrici sono giustificati solo ad una distanza di mesi (in media 2 anni) e solo se la conoscenza delle variazioni di massa ossea serve a modificare le decisioni cliniche. Non è raccomandata la ripetizione di routine dell esame prima di 18 mesi né nei soggetti non in trattamento né in quelli in trattamento allo scopo di verificare l efficacia della terapia. L intervallo di tempo può essere più breve, comunque non meno di 12 mesi (6 mesi nei bambini), in determinate condizioni che riducono rapidamente e fortemente la massa ossea (ad esempio, terapia cortisonica ad alte dosi, tumori maligni, malattie delle ghiandole paratiroidi, allettamento e immobilizzazioni prolungate superiori a 3 mesi, condizioni di grave malnutrizione). Nei controlli sarebbe opportuno utilizzare la stessa metodica e la stessa apparecchiatura che è stata impiegata alla diagnosi o alla prima valutazione, in particolare in campo pediatrico. Questo approccio è stato adottato dalla maggior parte delle Linee Guida che concordano sulla non utilità di uno screening nei anni successivi alla menopausa e tendono a suggerire una valutazione densitometrica in donne oltre i 65 anni o di età più giovane solo se a rischio. Come sempre, un esame dovrebbe essere prescritto in presenza di un sospetto clinico, con l obiettivo di facilitare la decisione terapeutica. In pazienti con pregresse fratture da traumi minimi l indagine densitometrica serve a confermare il dubbio diagnostico di osteoporosi. 5

6 Del tutto inappropriata è, invece, la richiesta di densitometria per dolori articolari diffusi e/o segni e sintomi attribuibili ad artrosi, dolori alla colonna vertebrale o lombosciatalgia, in assenza di fattori di rischio per osteoporosi. Il solo dato del T-score è quindi scarsamente rilevante, così come nel caso della valutazione del rischio cardiovascolare, bisogna considerare globalmente tutti i fattori di rischio. 7. L osteoporosi si può prevenire? La prevenzione dell osteoporosi è possibile mediante la correzione dei fattori di rischio modificabili; in pratica è importante consigliare alle donne la riduzione o meglio la cessazione del fumo, la moderazione nel consumo di alcol, il mantenimento del peso corporeo entro i limiti di LIVELLI RACCOMANDATI DI ASSUNZIONE di CALCIO (LARN 1996) BAMBINI: 1-6 anni 800 mg/die, 7-10 anni 1000 mg/die ADOLESCENTI: anni 1300 mg/die ADULTI: fino a 29 anni 1000 mg/die, 30-50/60 anni 800 mg/die GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO: 1200 mg/die ANZIANO: 1000 mg/die (per riduzione sintesi di colecalciferolo) MENOPAUSA: > 50 anni mg/die Contenuto di calcio in alcuni alimenti (mg/100g) Latte intero 119 Latte scremato 120 Yogurt 120 Parmigiano Pecorino stag Emmenthal L osteoporosi si può curare? normalità. Alcuni interventi non farmacologici si sono poi dimostrati di particolare utilità, primo fra tutti un introito giornaliero adeguato di calcio e vitamina D, ottenibile mediante la dieta e l esposizione al sole, o, eventualmente, con una supplementazione farmacologica. L associazione del calcio (più di 1,2 g/die) alla vit.d migliora i risultati nella prevenzione delle fratture: la vit.d da sola potrebbe non bastare. Non esistono evidenze consolidate che la somministrazione di calcio incrementi gli eventi cardiovascolari. Un ruolo importante nella prevenzione svolge l attività fisica: è noto infatti che periodi anche brevi di immobilizzazione sono deleteri per la massa ossea cosi come è dimostrato che una adeguata attività fisica con carico (corsa, ginnastica, jogging, tennis, ecc.) riduce la perdita di massa ossea nelle donne in postmenopausa. Pertanto è giusto incoraggiare le pazienti a svolgere una anche minima attività fisica (es.: camminare per almeno 30 al dì) che ha un effetto positivo anche sul rischio di caduta. Non dobbiamo dimenticare inoltre che l importanza dell osteoporosi è legata al fatto che questa condizione aumenta il rischio di frattura. Il verificarsi della frattura è però determinato anche, e forse in maggior misura, dal rischio di caduta. È pertanto estremamente importante suggerire alle pazienti, specialmente anziane una serie di accorgimenti utili alla prevenzione delle cadute. Esistono dei farmaci che hanno dimostrato di ridurre il rischio di frattura (vertebrale e femorale) nelle persone affette da osteoporosi. Essi vanno utilizzati tuttavia, solo nelle persone ad alto rischio, in aggiunta alle misure non farmacologiche. La soglia di intervento farmacologico è determinata non solo dal dato densitometrico (t-score < -2.5 SD), ma anche da altre condizioni rappresentate principalmente dall età, dal peso, dalla familiarità, e dall esistenza di pregresse fratture. I principali farmaci antiosteoporotici appartengono alla classe dei bisfosfonati, molecole che riducono il riassorbimento dell osso. I più utilizzati sono l alendronato, il risedronato, l ibandronato e lo zoledronato. Alendronato e risedronato sono risultati efficaci solo in pazienti ad alto rischio, cioè soggetti con osteoporosi e precedenti fratture. Nei soggetti hanno osteoporosi ma che non hanno ancora avuto fratture le uniche prove di efficacia sono disponibili per l alendronato nella prevenzione delle fratture vertebrali. DECALOGO DEI SUGGERIMENTI PER LA PREVENZIONE DELLE CADUTE DOMESTICHE NELL'ANZIANO 1) cambiare posizione ed alzarsi dal letto sempre in maniera lenta e progressiva 2) lasciare almeno una luce accesa nella casa durante la notte 3) usare farmaci solo se prescritti dal medico 4) non eccedere nell'assunzione di alcool 5) usare sempre e comunque calzature chiuse 6) evitare la cera sui pavimenti e rimuovere oggetti mobili ( tappeti, sgabelli, ecc.) 7) controllare vista e udito e usare sempre occhiali e protesi acustiche 8) predisporre il bagno con maniglie e misure antisdrucciolo 9) evitare frequenti variazioni di ambiente e nell'ambiente 10) mantenere la funzionalità articolare con appositi esercizi Con l alendronato trattando per 5 anni 30 soggetti si può evitare un caso di frattura vertebrale, trattando 48 soggetti si evita una frattura del collo del femore. Con il risedronato i soggetti da trattare per 5 anni sono rispettivamente 36 e 99. L ibandronato ha dimostrato per ora di ridurre solo il rischio di fratture vertebrali. La terapia deve esse- 6

7 re continuativa, anche se con cadenze diverse da prodotto a prodotto (giornaliera, settimanale, mensile ed anche annuale) protratta per alcuni anni. Particolare attenzione va posta alle modalità di assunzione dei prodotti per os, causa la loro ridotta tollerabilità esofago-gastrica: devono essere ingeriti almeno 30 minuti prima di qualsiasi alimento, bevanda o farmaco della giornata dopo essersi alzati dal letto per iniziare la giornata, con un bicchiere colmo d acqua (non meno di 200 ml). Non bisogna stendersi fino a quando non si è mangiato qualcosa, il che deve avvenire almeno 30 minuti dopo l assunzione della compressa. Proprio per questo motivo attualmente sono da preferire le formulazioni settimanali o mensili. Molta minore importanza riveste il rischio di cui molto si parla di osteonecrosi della mandibola, evento estremamente raro in chi utilizza i bifosfonati per os nella cura dell osteoporosi. Non è pertanto logico sospendere il trattamento in occasione di cure odontoiatriche, semmai va mantenuta una accurata igiene orale associata ad una terapia antibiotica mirata in caso di interventi odontoiatrici complessi. La supplementazione di calcio e vit.d è importante anche nei soggetti in trattamento con bisfosfonati, per garantire l efficacia di questi ultimi. Si sono dimostrati efficaci nel ridurre il rischio di frattura anche farmaci che, a differenza dei bisfosfonati, agiscono sulla neoformazione dell osso: il ranelato di stronzio e la teriparatide, un frammento attivo dell ormone paratiroideo. Essi però richiedono una somministrazione giornaliera, teriparatide inoltre richiede particolari avvertenze che ne limitano l uso a condizioni particolari da parte di centri specialistici. Altri farmaci efficaci nel ridurre le fratture sono gli estrogeni e il raloxifene, un farmaco con azione parzialmente simile, che è però efficace solo nel ridurre le fratture vertebrali, non quelle del femore. In realtà gli estrogeni vengono utilizzati nei primi anni dopo la menopausa per curarne i sintomi ed un loro uso prolungato è oggi sconsigliato causa gli effetti negativi in particolare sulla mammella e sul sistema cardiovascolare. Pertanto, dato che le fratture osteoporotiche sono più frequenti nelle donne più anziane ed il beneficio degli estrogeni sull osso si esaurisce dopo qualche anno dalla sospensione, viene meno il razionale del loro utilizzo per questo scopo. Nelle situazioni di osteopenia (rischio di fratture lievemente aumentato rispetto ai soggetti normali ma non così alto come nell osteoporosi) valgono le stesse raccomandazioni di supplementazione di calcio e vit. D, più esercizio fisico utili per la prevenzione delle fratture, mentre l uso degli altri farmaci è poco efficace. 9. Come si trattano le fratture osteoporotiche? La frattura di femore deve essere trattata con un intervento chirurgico di osteosintesi o artroprotesi quanto più precocemente possibile per accelerare la mobilizzazione del paziente ed evitare le gravi e spesso mortali complicanze. Per quanto riguarda le fratture vertebrali, ad un tradizionale trattamento con riposo a letto ed uso di busto ortopedico, si sono aggiunte negli ultimi anni delle possibilità chirurgiche che si propongono di rinforzare il corpo della vertebra fratturata mediante l iniezione di cemento (vertebroplastica e cifoplastica). Bibliografia 1. Linee guida SIOMS Conferenza di consenso Quale informazione per la donna in menopausa sulla terapia ormonale sostitutiva? 3. RACCOMANDAZIONI RELATIVE ALL OSTEONECROSI DELLA MASCELLA/MANDIBOLA ASSOCIATA A TERAPIA CON BISFOSFONATI IN PAZIENTI CON OSTEOPOROSI: DOCUMENTO DI CONSENSO Associazione Nazionale Dentisti Italiani ANDI Società Italiana dell Osteoporosi, del Metabolismo Minerale e delle Malattie dello Scheletro SIOMMMS 4. European guidance for the diagnosis and management of osteoporosis in postmenopausal women J. A. Kanis et alii. 7

8 8

Servizio di Mineralometria Ossea Computerizzata (MOC) e Composizione Corporea

Servizio di Mineralometria Ossea Computerizzata (MOC) e Composizione Corporea Servizio di Mineralometria Ossea Computerizzata (MOC) e Composizione Corporea Associazione Italiana per l Educazione Demografica Sezione di Roma L osteoporosi È una condizione dello scheletro caratterizzata

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

OSTEOPOROSI : Trattamento ortopedico. N. ANNICCHIARICO Primario Ortopedico Ospedale di Chiavenna ( SO )

OSTEOPOROSI : Trattamento ortopedico. N. ANNICCHIARICO Primario Ortopedico Ospedale di Chiavenna ( SO ) OSTEOPOROSI : Trattamento ortopedico N. ANNICCHIARICO Primario Ortopedico Ospedale di Chiavenna ( SO ) OSTEOPOROSI? Malattia del sangue Malattia dell osso OSTEOPOROSI: malattia sistemica dello scheletro

Dettagli

La densitometria nella diagnosi dell osteoporosi. Torino 29 Ottobre 2013

La densitometria nella diagnosi dell osteoporosi. Torino 29 Ottobre 2013 MARTEDI SALUTE La densitometria nella diagnosi dell osteoporosi Marco Di Stefano AZIENDA OSPEDALIERA CITTA DELLA SALUTE E DELLA SCIENZA DI TORINO S.C. GERIATRIA E MALATTIE METABOLICHE DELL OSSO Torino

Dettagli

OSTEOPOROSI perdita di massa ossea microarchitettura tendenza alle fratture

OSTEOPOROSI perdita di massa ossea microarchitettura tendenza alle fratture OSTEOPOROSI DEFINIZIONE: Malattia scheletrica sistemica caratterizzata dalla perdita di massa ossea e dalla distruzione della microarchitettura del tessuto osseo con conseguente aumento della fragilità

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 15-03-2010 (punto N. 21 ) Delibera N.308 del 15-03-2010 DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 15-03-2010 (punto N. 21 ) Delibera N.308 del 15-03-2010 DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 15-03-2010 (punto N. 21 ) Delibera N.308 del 15-03-2010 Proponente ENRICO ROSSI DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE

Dettagli

NELL OSTEOPOROSI NUOVA NOTA 79. Walter Marrocco

NELL OSTEOPOROSI NUOVA NOTA 79. Walter Marrocco NELL OSTEOPOROSI NUOVA NOTA 79 Walter Marrocco soggetti di ogni età NOTA AIFA 79: individua soggetti con frattura di femore o vertebra, o altre sedi in particolari condizioni ad alto rischio di frattura

Dettagli

Società Italiana di Medicina Generale

Società Italiana di Medicina Generale La gestione del paziente con osteoporosi : opinioni a confronto Società Italiana di Medicina Generale Dr. Ovidio Brignoli Brescia 20 Marzo 2013 Flow-Chart della Medicina Generale L approccio all osteoporosi

Dettagli

Ossi duri... si diventa. Campagna di Prevenzione contro l Osteoporosi

Ossi duri... si diventa. Campagna di Prevenzione contro l Osteoporosi Ossi duri... si diventa Campagna di Prevenzione contro l Osteoporosi CHE COS E L OSTEOPOROSI? L osteoporosi è una malattia dell apparato scheletrico che comporta una bassa densità minerale, un deterioramento

Dettagli

24-09-2011. della USL8 Arezzo che avvia la definizione dei percorsi e management per la gestione dell osteoporosi e delle fratture da fragilità

24-09-2011. della USL8 Arezzo che avvia la definizione dei percorsi e management per la gestione dell osteoporosi e delle fratture da fragilità 24-09-2011 Presentazione del documento aziendale della USL8 Arezzo che avvia la definizione dei percorsi e management per la gestione dell osteoporosi e delle fratture da fragilità Elaborato dal Gruppo

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE IL PUNTO DI NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE PISTOIA 6 GIUGNO OSTEOPOROSI: DIFETTO SISTEMICO A CARICO DELLO SCHELETRO CARATTERIZZATO DA UNA

Dettagli

INCONTRI A TEMA II EDIZIONE

INCONTRI A TEMA II EDIZIONE INCONTRI A TEMA II EDIZIONE Martedì 11 novembre ore 16,30 dr.ssa Iris Volante specialista ostetricia e ginecologia l osteoporosi tra prevenzione, automedicazione e terapia SALA POLIVALENTE FARMACIA EUROPA

Dettagli

RAFFAELLA MICHIELI LE GUIDE. Diversa modalità di caduta nel giovane e nell'anziano

RAFFAELLA MICHIELI LE GUIDE. Diversa modalità di caduta nel giovane e nell'anziano RAFFAELLA MICHIELI CAPITOLO 8 OSSA FRAGILI? 159 Che cosa è l osteoporosi? L osteoporosi è una malattia dell osso caratterizzata da un minor contenuto di calcio e da un deterioramento della struttura microscopica

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore TerapiE PER L OSTEOPOROSI Reggio Emilia, MARZO 2015 L artrite reumatoide CALCIO E VITAMINA D Nessun dato

Dettagli

Gli Effetti Collaterali della Terapia Adiuvante

Gli Effetti Collaterali della Terapia Adiuvante 2 Incontro Istituzionale sulla Salute della Donna Fattori Critici della Salute della Donna Il Tumore del Seno 5 e 6 Febbraio 2010; Sede dell O.M.S., Ginevra Gli Effetti Collaterali della Terapia Adiuvante

Dettagli

MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA. Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano

MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA. Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano MENOPAUSA E D INTORNI COSA SI PUO E COSA SI DEVE FARE? CHE COS E? La menopausa non

Dettagli

Silvia Casari. Guida pratica per pazienti con Osteoporosi

Silvia Casari. Guida pratica per pazienti con Osteoporosi Silvia Casari Guida pratica per pazienti con Osteoporosi I mutamenti demografici ai quali stiamo assistendo nel Mondo Occidentale, ovvero il progressivo invecchiamento della popolazione, esercitano profonde

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO CENTRALE. Cibo e Salute: Giornata di prevenzione dell Osteoporosi della CRI.

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO CENTRALE. Cibo e Salute: Giornata di prevenzione dell Osteoporosi della CRI. CROCE ROSSA ITALIANA SCHEDA DI APPROFONDIMENTO Il Consigliere del Presidente Nazionale Prof. Giuliano Da Villa Cell. 3355499265 e-mail: ciboesalute@cri.it CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO CENTRALE Cibo e

Dettagli

Silvia Casari. Guida pratica per pazienti con Osteoporosi

Silvia Casari. Guida pratica per pazienti con Osteoporosi Silvia Casari Guida pratica per pazienti con Osteoporosi Stampa: Alma Grafica 0233910456 Revisione grafica GR.it 0233405181 Edizione Ottobre 2011 I mutamenti demografici ai quali stiamo assistendo nel

Dettagli

CHE COSA SONO I BIFOSFONATI?

CHE COSA SONO I BIFOSFONATI? Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico CHE COSA SONO I BIFOSFONATI? Informativa per i pazienti I bifosfonati sono farmaci introdotti più di vent

Dettagli

INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO

INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO 100 uomo donna ANNI ANNI DI DI VITA VITA MEDIA MEDIA PREVISTI PREVISTI ALLA ALLA NASCITA NASCITA 80 60 40 DIFFUSIONE USO PENICILLINA VACCINAZIONE ANTIPOLIO

Dettagli

I test di laboratorio per la valutazione dello stress ossidativo (d-roms test) e delle difese antiossidanti (BAP test)

I test di laboratorio per la valutazione dello stress ossidativo (d-roms test) e delle difese antiossidanti (BAP test) I test di laboratorio per la valutazione dello stress ossidativo (d-roms test) e delle difese antiossidanti (BAP test) E ampiamente riconosciuto dalla comunità scientifica che lo stress ossidativo gioca

Dettagli

OSTEOPOROSI CONOSCERE LA MALATTIA

OSTEOPOROSI CONOSCERE LA MALATTIA OSTEOPOROSI CONOSCERE LA MALATTIA Dottor Roberto Cesareo Specialista in Endocrinologia e Malattie Metaboliche Presidente TENDI LA MANO-A.I.P.O.M (Associazione Italiana Patologie Osteometaboliche) Klimpt:

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE DIPARTIMENTO DELLA QUALITA

MINISTERO DELLA SALUTE DIPARTIMENTO DELLA QUALITA MINISTERO DELLA SALUTE DIPARTIMENTO DELLA QUALITA DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA Individuazione dei criteri di Accesso alla

Dettagli

Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute Dipartimento Osteo-Articolare. Rimini, 21-23 Novembre 2014

Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute Dipartimento Osteo-Articolare. Rimini, 21-23 Novembre 2014 Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute Dipartimento Osteo-Articolare Rimini, 21-23 Novembre 2014 Agenda dei lavori 21 Novembre venerdì - inizio ore 16:00 Prof. Ortolani: Osteoporosi: eziopatogenesi,

Dettagli

PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING. Relatore: Brunella Spadafora

PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING. Relatore: Brunella Spadafora PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING Relatore: Brunella Spadafora Epidemiologia e prevenzione dei tumori maligni I tumori nel loro insieme, costituiscono la seconda causa di morte,

Dettagli

MENOPAUSA. scomparsa delle mestruazioni per 12 mesi consecutivi.

MENOPAUSA. scomparsa delle mestruazioni per 12 mesi consecutivi. MENOPAUSA scomparsa delle mestruazioni per 12 mesi consecutivi. Nel climaterio le ovaie producono meno ESTROGENI L OVAIO MODIFICAZIONI NELLA VITA RIPRODUTTIVA FEMMINILE MENOPAUSA Inizio della menopausa

Dettagli

25 Maggio 2013. Giornata Mondiale della TIROIDE. TIROIDE: meglio prevenire che curare

25 Maggio 2013. Giornata Mondiale della TIROIDE. TIROIDE: meglio prevenire che curare 25 Maggio 2013 Giornata Mondiale della TIROIDE Durante la settimana che va dal 20 al 24 maggio 2013 di fronte a PALAZZO MORONI Via del Municipio,1 - Sede Comunale dalle ore 9,00 alle 17,00 Un Equipe Medica

Dettagli

OSTEOPOROSI. Tra le fratture, quella di femore è particolarmente temibile per l'invalidità e la mortalità ad essa associate.

OSTEOPOROSI. Tra le fratture, quella di femore è particolarmente temibile per l'invalidità e la mortalità ad essa associate. OSTEOPOROSI L'osteoporosi è caratterizzata da una perdita del patrimonio minerale osseo, con conseguente indebolimento dello scheletro e aumento del rischio di frattura. Le osteoporosi si classificano

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 33 DEL 18 AGOSTO 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 33 DEL 18 AGOSTO 2008 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 18 luglio 2008 - Deliberazione N. 1226 - Area Generale di Coordinamento N. 20 - Assistenza Sanitaria - DPCM 5 marzo 2007 avente ad oggetto: "Modifica del

Dettagli

APPROCCIO RIABILITATIVO problemi correlati al movimento

APPROCCIO RIABILITATIVO problemi correlati al movimento INFERMIERISTICA CLINICA IN AREE SPECIALISTICHE - INTEGRATIVO INFERMIERISTICA IN AREA GERIATRICA A. A. 2009/2010 Dott. ssa Margherita Andrigo Portogruaro APPROCCIO RIABILITATIVO problemi correlati al movimento

Dettagli

Attività fisica e stile di vita nella prevenzione e nel trattamento dell osteoporosi

Attività fisica e stile di vita nella prevenzione e nel trattamento dell osteoporosi Attività fisica e stile di vita nella prevenzione e nel trattamento dell osteoporosi Dr. Alessandro Valent Specialista in Medicina Fisica e Riabilitazione Membro International Society of Physical and Rehabilitation

Dettagli

OSTEOPOROSI: CHE FARE?

OSTEOPOROSI: CHE FARE? MEDI.TER Cooperativa Medicina del Territorio Programma formativo 2008 OSTEOPOROSI: CHE FARE? Aranova (Fiumicino) 5 aprile e 17 maggio 2008 Dr. Francesco Conti e Dr. Giampaolo Garufi Gli indicatori statistico-sanitari

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Dipartimento della sanità pubblica e dell innovazione Direzione generale dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: ATTIVITÀ FISICA Traduzione non ufficiale a cura di

Dettagli

PREVENZIONE: Tumori del Seno

PREVENZIONE: Tumori del Seno PREVENZIONE: Tumori del Seno Francesco Paolo Pantano (Chirurgo Oncologo) Il tumore al seno rappresenta il 27% dei tumori del sesso femminile. Ogni anno vi sono circa 36.000 nuovi casi distribuiti nelle

Dettagli

MALATTIE DELLE PARATIROIDI L IPERPARATIROIDISMO DOTTOR ROBERTO CESAREO

MALATTIE DELLE PARATIROIDI L IPERPARATIROIDISMO DOTTOR ROBERTO CESAREO MALATTIE DELLE PARATIROIDI L IPERPARATIROIDISMO DOTTOR ROBERTO CESAREO Cosa sono le paratiroidi? Le paratiroidi sono ghiandole situate nel collo, posteriormente alla tiroide. Generalmente in numero di

Dettagli

Fratture vertebrali in osteoporosi: trattamento

Fratture vertebrali in osteoporosi: trattamento Martedì Salute GAM 3 dicembre 2013 Fratture vertebrali in osteoporosi: trattamento Dott. Antonio Bruno Chirurgia i Vertebrale Clinica Cellini, Torino Resp. Dott J. Demangos OSTEOPOROSI Disordine scheletrico

Dettagli

Osteoporosi. & Prevenzione. Introduzione di Maria Luisa Brandi. Prefazione di Emanuela Bartolozzi

Osteoporosi. & Prevenzione. Introduzione di Maria Luisa Brandi. Prefazione di Emanuela Bartolozzi Osteoporosi & Prevenzione Introduzione di Maria Luisa Brandi Prefazione di Emanuela Bartolozzi Copyright 2011 by Edizioni Internazionali srl Divisione EDIMES - Edizioni Medico-Scientifiche - Pavia Via

Dettagli

Corso nursing Ortopedico. Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide. www.slidetube.it

Corso nursing Ortopedico. Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide. www.slidetube.it Corso nursing Ortopedico Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide DEFINIZIONE MALATTIA INFIAMMATORIA SU BASE IMMUNITARIA DEL TESSUTO CONNETTIVO,ESSENZIALMENTE POLIARTICOLARE AD EVOLUZIONE

Dettagli

L OSTEOPOROSI E LE DONNE

L OSTEOPOROSI E LE DONNE L OSTEOPOROSI E LE DONNE L osteoporosi è una malattia che provoca una riduzione della massa ossea e alterazioni della struttura dell osso che diventa poroso e, di conseguenza, più fragile ed esposto a

Dettagli

P RIMO P IANO LA CARTA DEL RISCHIO DI FRATTURA OSTEOPOROTICA NUOVA NOTA 79 A GGIORNAMENTO IN T EMA DI B ISFOSFONATI

P RIMO P IANO LA CARTA DEL RISCHIO DI FRATTURA OSTEOPOROTICA NUOVA NOTA 79 A GGIORNAMENTO IN T EMA DI B ISFOSFONATI A GGIORNAMENTO IN T EMA DI B ISFOSFONATI P RIMO LA CARTA DEL RISCHIO DI FRATTURA OSTEOPOROTICA NUOVA NOTA 79 Maurizio Rossini, Ombretta Viapiana, Davide Gatti, Silvano Adami Riabilitazione Reumatologica,

Dettagli

LINEE GUIDA PER OSTEOPOROSI

LINEE GUIDA PER OSTEOPOROSI ASSESSORATO TUTELA DELLA SALUTE e SANITA LINEE GUIDA PER OSTEOPOROSI (approvate con D.D. N. 233 del 20.09.2007) 10122 TORINO Corso Regina Margherita, 153 bis Tel. 011. 432.1522 FAX 011.432.2006 2 L Obiettivo

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

DIPARTIMENTO OSTEOARTICOLARE

DIPARTIMENTO OSTEOARTICOLARE CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO OSTEOARTICOLARE

Dettagli

Sistema endocrino 6. Metabolismo del calcio e del fosfato, ormone paratiroideo, calcitonina, vitamina D

Sistema endocrino 6. Metabolismo del calcio e del fosfato, ormone paratiroideo, calcitonina, vitamina D Sistema endocrino 6. Metabolismo del calcio e del fosfato, ormone paratiroideo, calcitonina, vitamina D Prof. Carlo Capelli Fisiologia Generale e dell Esercizio Facoltà di Scienze Motorie, Università di

Dettagli

ELEMENTI DI CARDIOTOCOGRAFIA CLINICA

ELEMENTI DI CARDIOTOCOGRAFIA CLINICA D. Arduini, H. Valensise ELEMENTI DI CARDIOTOCOGRAFIA CLINICA II edizione riveduta ed ampliata Volume cartonato di 382 pagine f.to cm 21x29 70,00 per acquisti online www.gruppocic.com Giorn. It. Ost. Gin.

Dettagli

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo!

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo! Somministrazione Insulina - Dossier INFAD Diabete: Conoscerlo per gestirlo! GENERALITA Secondo l ISS il diabete è una malattia cronica caratterizzata dalla presenza di elevati livelli di glucosio nel sangue

Dettagli

Istituto Clinico Beato Matteo Vigevano. Unità di Ortopedia e Traumatologia. Fratture di femore: incidenza, invalidità associata, costi associati

Istituto Clinico Beato Matteo Vigevano. Unità di Ortopedia e Traumatologia. Fratture di femore: incidenza, invalidità associata, costi associati Istituto Clinico Beato Matteo Vigevano Unità di Ortopedia e Traumatologia Fratture di femore: incidenza, invalidità associata, costi associati Dr. Fabio Bertaiola 1 Chiunque ha sentito parlare dell osteoporosi

Dettagli

DA MADRE. Èla madre che -

DA MADRE. Èla madre che - DA MADRE a figlio 2 Èla madre che - durante la gravidanza e l allattamento - dona al figlio tutto il calcio necessario a formare lo scheletro. Durante la gravidanza, soprattutto nel terzo trimestre, il

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa Red Alert for Women s Heart Compendio DONNE E RICERCA CARDIOVASCOLARE Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Dettagli

Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può

Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può Sale e salute Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può causare gravi problemi alla salute. La quantità

Dettagli

L artrosi è la patologia più comune nella seconda metà della vita

L artrosi è la patologia più comune nella seconda metà della vita Focus su... artrosi L artrosi è la patologia più comune nella seconda metà della vita 2 FACCIAMO UN PO DI CHIAREZZA Artrosi (o osteoartrosi) e artrite sono termini spesso considerati sinonimi, ma in realtà

Dettagli

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio Il diabete nell anziano e il rischio di disabilità Claudio Marengo Marco Comoglio SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@edizioniseed.it

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

www.fondazionefirmo.com

www.fondazionefirmo.com www.fondazionefirmo.com Costantemente aggiornato e rinnovato ogni anno, il sito Internet della Fondazione ha visto crescere regolarmente negli anni il numero degli accessi. Il sito si è rivelato uno strumento

Dettagli

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 Versione 2016 1.CHE COS È LA FEBBRE RICORRENTE ASSOCIATA A NLRP12 1.1 Che cos è? La febbre ricorrente associata a NLRP12

Dettagli

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA )

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA ) Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA T. Mandarino (MMG ASL RMA ) La Malattia di Alzheimer La malattia di Alzheimer è la forma più frequente

Dettagli

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Informazioni per i genitori A cosa serve lo screening neonatale Questa pubblicazione serve ad illustrare perché è così importante

Dettagli

8 Osteoporosi post-menopausale

8 Osteoporosi post-menopausale 8 Osteoporosi post-menopausale 8.1 Definizione, epidemiologia e carattere sociale dell osteoporosi L osteoporosi è una malattia sistemica dello scheletro caratterizzata da una ridotta massa ossea e da

Dettagli

Conferenza di consenso Quale informazione per la donna in menopausa sulla terapia ormonale sostitutiva? Torino 17 maggio 2008

Conferenza di consenso Quale informazione per la donna in menopausa sulla terapia ormonale sostitutiva? Torino 17 maggio 2008 Conferenza di consenso Quale informazione per la donna in menopausa sulla terapia ormonale sostitutiva? Torino 17 maggio 2008 1 Quali aspetti della menopausa possono essere divulgati come problemi di salute?

Dettagli

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43 E evidente che lo screening per un tumore può diagnosticare la malattia molto precocemente, ma nel caso del tumore alla prostata il ricorso al test del PSA può creare dati incerti e rischi sanitari in

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

Il termine connettiviti indica un gruppo di malattie reumatiche, caratterizzate dall infiammazione cronica del tessuto connettivo, ossia di quel

Il termine connettiviti indica un gruppo di malattie reumatiche, caratterizzate dall infiammazione cronica del tessuto connettivo, ossia di quel Il termine connettiviti indica un gruppo di malattie reumatiche, caratterizzate dall infiammazione cronica del tessuto connettivo, ossia di quel complesso tessuto con funzione di riempimento, sostegno

Dettagli

RETE ORIZZONTALE TRAUMATOLOGICO-REUMATOLOGICA

RETE ORIZZONTALE TRAUMATOLOGICO-REUMATOLOGICA RETE ORIZZONTALE TRAUMATOLOGICO-REUMATOLOGICA (lo schema attuale si riferisce alla rete reumatologica in quanto obiettivamente diversa da quella traumatologica) Partecipanti: Marco A Cimmino, (coordinatore)

Dettagli

Sviluppo di un tumore

Sviluppo di un tumore TUMORI I tumori Si tratta di diversi tipi di malattie, che hanno cause diverse e che colpiscono organi e tessuti differenti Caratteristica di tutti i tumori è la proliferazione incontrollata di cellule

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA?

L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA? Cernusco Lombardone 11-05-2013 L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA? Dott Ivano Baragetti Divisione di Nefrologia e Dialisi Ospedale Bassini, Cinisello Balsamo Azienda Ospedaliera ICP Milano IN UN

Dettagli

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA GOTTIN Maurizio - Responsabile SSD Medicina Sportiva ASL TO4 Referente

Dettagli

Aiuta le tue ossa! A tavola, con attività fisica e sole. Osteoporosi e stili di vita

Aiuta le tue ossa! A tavola, con attività fisica e sole. Osteoporosi e stili di vita Aiuta le tue ossa! A tavola, con attività fisica e sole. Osteoporosi e stili di vita A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

LA EVIDENCE-BASED MEDICINE DELLA TERAPIA DELLA OSTEOPOROSI POSTMENOPAUSALE

LA EVIDENCE-BASED MEDICINE DELLA TERAPIA DELLA OSTEOPOROSI POSTMENOPAUSALE LA EVIDENCE-BASED MEDICINE DELLA TERAPIA DELLA OSTEOPOROSI POSTMENOPAUSALE Responsabile Editoriale AME: Vincenzo Toscano Il trattamento farmacologico della osteoporosi postmenopausale richiede di rispondere

Dettagli

Sulla proposta del Ministro della salute, di concerto con il Ministro dell'econonia e delle finanze;

Sulla proposta del Ministro della salute, di concerto con il Ministro dell'econonia e delle finanze; D.P.C.M. 5-3-2007 Modifica del D.P.C.M. 29 novembre 2001, recante: «Definizione dei livelli essenziali di assistenza». Pubblicato nella Gazz. Uff. 7 maggio 2007, n. 104. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI

Dettagli

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016 Psicopatologia dell anziano 02 marzo 2016 Invecchiamento e Psicopatogia Salute mentale dell anziano: nuovo campo della psicopatologia. Affinamento dei criteri di diagnosi, costruzione e validazione di

Dettagli

La job-description del medico generale Malattie osteoarticolari

La job-description del medico generale Malattie osteoarticolari Rivista SIMG (www.simg.it) Numero 3, 2000 La job-description del medico generale Malattie osteoarticolari Simg - Area progettuale Ortopedico-reumatologica, Resp. Stefano Giovannoni La definizione dei settori

Dettagli

SISTEMA : UTILIZZO PRATICO

SISTEMA : UTILIZZO PRATICO SISTEMA : UTILIZZO PRATICO Do#.ssa A. Zuppini, Do#.ssa F. Bassani - Servizio Tecnico- Scien9fico Cabassi&Giuria9 SpA LA SOLUZIONE PROFESSIONALE PER LA PREVENZIONE DELL OSTEOPOROSI OSTEOPOROSI L'osso è

Dettagli

Question 1. 2) In una paziente in post menopausa, naive agli antiretrovirali con CD4= 250 mm3 e HIV RNA <100.000 cp/ml quale approccio seguiresti?

Question 1. 2) In una paziente in post menopausa, naive agli antiretrovirali con CD4= 250 mm3 e HIV RNA <100.000 cp/ml quale approccio seguiresti? Question 1 1) In un paziente HIV di 50 anni con osteoporosi e in terapia antiretrovirale con TDF/FTC/DRV/r con successo virologico quale intervento adotteresti? 2) In una paziente in post menopausa, naive

Dettagli

CISTITE. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

CISTITE. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate CISTITE A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è la CISTITE? La cistite è la più comune e frequente malattia delle vie urinarie e può colpire

Dettagli

TERAPIA ORMONALE SOSTITUTIVA

TERAPIA ORMONALE SOSTITUTIVA Arcispedale S. Maria Nuova Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore TERAPIA ORMONALE SOSTITUTIVA (ESTROGENI ED ESTROPROGESTINICI) REGGIO EMILIA,,

Dettagli

A cosa serve lo iodio?

A cosa serve lo iodio? Iodio e Salute Che cos è lo iodio? Lo iodio, dal greco iodes (violetto), è un elemento (come l ossigeno, l idrogeno, il calcio ecc) diffuso nell ambiente in diverse forme chimiche. Lo iodio presente nelle

Dettagli

CHE COS E L OBESITA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L OBESITA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L OBESITA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico della

Dettagli

CONOSCERE L OSTEOPOROSI. per PREVENIRLA E CURARLA AL MEGLIO

CONOSCERE L OSTEOPOROSI. per PREVENIRLA E CURARLA AL MEGLIO CONOSCERE L OSTEOPOROSI per PREVENIRLA E CURARLA AL MEGLIO O.N.Da O.N.Da è un Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna che studia le principali patologie e tematiche di salute femminile, promuovendo

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALLA SANITA RETE DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALLA SANITA RETE DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALLA SANITA RETE DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA PROCEDURA DI SCREENING DELLA MALNUTRIZIONE PER PAZIENTI ADULTI OSPEDALIZZATI Premessa All ammissione in ospedale

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 5 2007 29 2001, ( GU 104 7-5-2007 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 5 2007 29 2001, ( GU 104 7-5-2007 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 5 Marzo 2007 Modifica del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 29 novembre 2001, recante: "Definizione dei livelli essenziali di assistenza".

Dettagli

A PESCARA. NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno

A PESCARA. NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno A PESCARA NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno LILT La LILT è l unico ente pubblico su base associativa impegnato nella lotta contro i tumori dal 1922 e operante sul territorio

Dettagli

SERVIZIO DI REUMATOLOGIA

SERVIZIO DI REUMATOLOGIA SERVIZIO DI REUMATOLOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA I REUMATISMI COME PREVENIRLI E CURARLI Le malattie reumatiche, denominate con varie terminologie (reumatismi,

Dettagli

SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO

SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO LA MALNUTRIZIONE LE CAUSE LE CONSEGUENZE COS È COME CONTRASTARLA COS È LA MALNUTRIZIONE? La malnutrizione è un alterazione

Dettagli

Osteoporosi Il ruolo della Riabilitazione. Fano, 20 ottobre 2012

Osteoporosi Il ruolo della Riabilitazione. Fano, 20 ottobre 2012 Osteoporosi Il ruolo della Riabilitazione di Marina Simoncelli MD U.O. Medicina Riabilitativa Dipartimento GeriatricoGeriatrico-Riabilitativo Fano, 20 ottobre 2012 Definizione di osteoporosi L osteoporosi

Dettagli

E evidente che il sistema di protezione sarà diverso a seconda del tipo di esposizione. Non vi è alcun beneficio diretto dell individuo

E evidente che il sistema di protezione sarà diverso a seconda del tipo di esposizione. Non vi è alcun beneficio diretto dell individuo RISCHIO DA ESPOSIZIONE L attenzione, la valutazione e la conseguente gestione del rischio va posta con la moderna pratica clinica anche al di fuori dei reparti solitamente ritenuti a rischio di Radiazioni

Dettagli

Unità Operativa Complessa di Reumatologia Ospedale S. Chiara, Trento. 3 domande e risposte

Unità Operativa Complessa di Reumatologia Ospedale S. Chiara, Trento. 3 domande e risposte Unità Operativa Complessa di Reumatologia Ospedale S. Chiara, Trento Quaderni ATMAR 3 Osteoporosi: domande e risposte In collaborazione con l Unità Operativa Complessa di Reumatologia Ospedale S. Chiara,

Dettagli

Allegato 1 Conclusioni scientifiche e motivazioni per la variazione dei termini dell autorizzazione all immissione in commercio

Allegato 1 Conclusioni scientifiche e motivazioni per la variazione dei termini dell autorizzazione all immissione in commercio Allegato 1 Conclusioni scientifiche e motivazioni per la variazione dei termini dell autorizzazione all immissione in commercio Conclusioni scientifiche Tenendo conto della valutazione del Comitato per

Dettagli

ESERCITAZIONE. CdL Fisioterapia e Podologia. 25 novembre 2015

ESERCITAZIONE. CdL Fisioterapia e Podologia. 25 novembre 2015 ESERCITAZIONE CdL Fisioterapia e Podologia 25 novembre 2015 Epidemiologia Domanda 1 Le neoplasie gastriche sono: a. diminuite in tutta Europa b. diminuite fino agli anni 80, poi stabili c. aumentate in

Dettagli

BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello. Drssa Grazia Foti

BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello. Drssa Grazia Foti BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello Drssa Grazia Foti MALATTIE CARDIOVASCOLARI Più importante causa di morte nel mondo, (17.3 milioni di morti ogni anno)

Dettagli

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA!

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! Piano Regionale della Prevenzione 2010-12 Progetto 2.3.1A Interventi di comunicazione ed iniziative organizzate miranti a promuovere l attività

Dettagli

E DITORIALE A GGIORNAMENTO IN T EMA DI B ISFOSFONATI L OSTEOPOROSI DA CORTICOSTEROIDI

E DITORIALE A GGIORNAMENTO IN T EMA DI B ISFOSFONATI L OSTEOPOROSI DA CORTICOSTEROIDI E DITORIALE Bruno Frediani Responsabile Centro Osteoporosi Istituto di Reumatologia Università di Siena L OSTEOPOROSI DA CORTICOSTEROIDI I corticosteroidi (CS) hanno rivoluzionato il trattamento di un

Dettagli

Promensil. Quando la vita ti cambia... Promensil ti cambia la vita. Contro i disturbi della menopausa

Promensil. Quando la vita ti cambia... Promensil ti cambia la vita. Contro i disturbi della menopausa Quando la vita ti cambia... Promensil ti cambia la vita Promensil Contro i disturbi della menopausa Isoflavoni del Trifoglio rosso Scientificamente testato Riduce i disagi Integra le carenze Protegge dall

Dettagli

Light Balance bilancia elettronica innovativa per misurare il peso del paziente allettato

Light Balance bilancia elettronica innovativa per misurare il peso del paziente allettato IPSIA- Istituto Professionale Statale Industria ed Artigianato Catanzaro Light Balance bilancia elettronica innovativa per misurare il peso del paziente allettato Studenti: Vatrano Andrea, Giglio Fabrizio,

Dettagli

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA!

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! Piano Regionale della Prevenzione 2010-12 Progetto 2.3.1A Interventi di comunicazione ed iniziative organizzate miranti a promuovere l attività

Dettagli

Medicina preventiva Check-up. La salute è l arte della vita

Medicina preventiva Check-up. La salute è l arte della vita Medicina preventiva Check-up La salute è l arte della vita Prevenire è meglio che curare Perché adottare le necessarie precauzioni? Le malattie cardiovascolari e le neoplasie maligne costituiscono le cause

Dettagli

Abstract: Diagnosi e gestione della xerostomia

Abstract: Diagnosi e gestione della xerostomia Abstract: Diagnosi e gestione della xerostomia Autore: Dott.ssa Caterina Ardito Razionale La xerostomia è definita come una denuncia soggettiva di secchezza della bocca derivante da una diminuzione della

Dettagli

Roma, 9-11 novembre 2012 L endocrinologo e il paziente oncologico Take-home messages per una gestione integrata

Roma, 9-11 novembre 2012 L endocrinologo e il paziente oncologico Take-home messages per una gestione integrata L endocrinologo e il paziente oncologico Take-home messages per una gestione integrata Nadia Cremonini, Francesco Angelini, Alessandro Scoppola, Paolo Zuppi, Massimo Terzolo Pazienti oncologici e osteoporosi:

Dettagli