Manuale prodotto GFI. Guida dell amministratore per ISA/TMG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manuale prodotto GFI. Guida dell amministratore per ISA/TMG"

Transcript

1 Manuale prodotto GFI Guida dell amministratore per ISA/TMG

2 Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia di alcun tipo, sia espressa che implicita, ivi incluse, in via esemplificativa, tutte le garanzie implicite di commerciabilità, idoneità a soddisfare uno scopo particolare e non violazione dei diritti altrui. GFI Software non sarà ritenuta responsabile di nessun danno, inclusi danni consequenziali, che possano derivare dall uso del presente documento. Le informazioni sono state ottenute da fonti pubblicamente disponibili. Nonostante siano stati compiuti sforzi ragionevoli al fine di garantire la precisione dei dati forniti, GFI non garantisce, promette né tantomeno assicura la completezza, la precisione, l aggiornamento o l adeguatezza di tali dati e non sarà ritenuta responsabile di errori di stampa. GFI non fornisce garanzie, né espresse né implicite e non si assume la responsabilità legale della precisione o della completezza delle informazioni contenute nel presente documento. Se si ritiene che vi siano errori effettivi nel presente documento, contattarci. Provvederemo a risolvere la cosa quanto prima. Tutti i nomi di prodotti e società riportati possono essere marchi registrati dei rispettivi proprietari. Microsoft e Windows sono marchi registrati o marchi commerciali di Microsoft Corporation negli Stati Uniti e in altri paesi. GFI WebMonitor è un copyright di GFI SOFTWARE Ltd GFI Software Ltd Tutti i diritti riservati. Versione documento: Ultimo aggiornamento (mese/giorno/anno): 1/17/2014

3 Sommario 1 Introduzione Informazioni sulla presente guida Informazioni su GFI WebMonitor Funzionamento di GFI WebMonitor Servizi GFI WebMonitor 8 2 Installazione di GFI WebMonitor Requisiti di sistema Scenari di distribuzione Installazione di GFI WebMonitor per ISA/TMG Disabilitazione impostazioni connessione Internet sui computer client Informazioni sulla disinstallazione 18 3 Azioni post-installazione Avvio di GFI WebMonitor Immissione di un codice di licenza valido Configurazione FTP Utilizzo di Settings Importer Tool 26 4 Ottenere risultati Ottenere risultati con GFI WebMonitor - Protezione della rete Ottenere risultati con GFI WebMonitor - Aumento larghezza di banda disponibile Ottenere risultati con GFI WebMonitor - Incremento della produttività 31 5 Utilizzo del Dashboard Panoramica attività Internet Monitoraggio larghezza di banda Attività di monitoraggio Monitoraggio sicurezza Monitoraggio traffico in tempo reale Utilizzo della quarantena Utilizzo del dashboard Quote Agenti di monitoraggio 48 6 Creazione di rapporti Rapporti speciali Rapporti attività Rapporti larghezza di banda Rapporti di sicurezza 53 7 Configurazione di GFI WebMonitor Impostazioni generali Configurazione della registrazione attività Web Configurazione criteri Configurazione Agente di GFI WebMonitor 93

4 7.5 Download di Agente di GFI WebMonitor Installazione manuale di agente WebMonitor Installazione di Agente di GFI WebMonitor tramite gli Oggetti criteri di gruppo in Windows Server Configurazione avvisi Risoluzione dei problemi e supporto Introduzione GFI SkyNet Forum Web Richiesta di supporto tecnico Documentazione Problemi comuni Glossario Indice 115

5 1 Introduzione GFI WebMonitor è una soluzione completa di monitoraggio dell utilizzo Internet che consente di monitorare e filtrare la navigazione web e i download dei file in tempo reale. Consente anche di ottimizzare la larghezza di banda limitando l accesso allo streaming multimediale, pur migliorando la sicurezza di rete con strumenti integrati che scansionano il traffico alla ricerca di virus, trojan, spyware e materiale di phishing. È la soluzione ideale per attuare un livello di controllo sostanziale in modo trasparente e omogeneo sulle abitudini di navigazione e download degli utenti della rete. Al contempo, consente di assicurare la responsabilità legale e le iniziative di best practice senza alienare gli utenti della rete. 1.1 Informazioni sulla presente guida Lo scopo della presente guida è aiutare gli amministratori di sistema a installare, configurare ed eseguire GFI WebMonitor con il minimo sforzo. Illustra quando segue: I vari ambienti di rete che GFI WebMonitor può supportare. Come installare GFI WebMonitor per monitorare l ambiente. Come utilizzare GFI WebMonitor con le impostazioni predefinite. Come configurare GFI WebMonitor per ottenere risultati Termini utilizzati in questo manuale I seguenti termini sono utilizzati nel presente manuale: TERMINE DESCRIZIONE Ulteriori informazioni e i riferimenti essenziali per il funzionamento di GFI WebMonitor. Notifiche e avvertenze importanti riguardo i potenziali problemi rilevati di frequente. > Istruzioni di navigazione dettagliate per accedere a una funzione specifica. Testo in grassetto Elementi da selezionare quali nodi, opzioni di menu o pulsanti dei comandi. Testo in corsivo Parametri e valori da sostituire con valori applicabili, quali percorsi personalizzati e nomi file. Codice Indica i valori di testo da immettere, come comandi e indirizzi. Per termini tecnici e relative definizioni, consultare la sezione Glossario del manuale. 1.2 Informazioni su GFI WebMonitor GFI WebMonitor è disponibile in tre edizioni: EDIZIONE WebFilter Edition WebSecurity Edition Unified Protection Edition DESCRIZIONE Incrementa la produttività con i criteri Web Filtering e Web Browsing. Facilita l ottimizzazione dell utilizzo della larghezza di banda con criteri di Streaming multimediale e funzionalità di categorizzazione sito web. Inoltre, Web Reputation Index e ThreatTrack permettono una minore incidenza di attacchi e violazioni. Offre un elevato livello di sicurezza web utilizzando strumenti combinati che facilitano la riduzione di attacchi di phishing, malware, trojan e virus. Questo si ottiene attraverso il modulo di controllo download integrato e i motori multipli antivirus e antispyware. Offre tutte le funzionalità di WebFilter Edition e WebSecurity Edition in un pacchetto singolo. GFI WebMonitor 1 Introduzione 5

6 1.3 Funzionamento di GFI WebMonitor Figura 1: Funzionamento di GFI WebMonitor 1. Avvio richiesta: l utente richiede una pagina web o un download da Internet. Il traffico in entrata generato da questa richiesta viene inoltrato a GFI WebMonitor. 2. Filtro Bloccare sempre/consentire sempre: il meccanismo di filtro interno Bloccare sempre/consentire sempre di GFI WebMonitor analizza ID utente, indirizzo IP e URL richiesto, eseguendo queste operazioni: GFI WebMonitor 1 Introduzione 6

7 AZIONE Blocca richieste traffico web Consente automaticamente le richieste traffico web Inoltra le richieste di traffico web (al modulo WebFiltering) DESCRIZIONE attraverso l aggiunta di utenti e/o indirizzo IP all elenco Bloccare sempre, oppure all accesso di URL nell elenco Bloccare sempre tramite utenti e/o indirizzi IP consentiti, oppure per accedere a URL consentiti per utenti e/o indirizzi IP che non si trovano né nell elenco Bloccare sempre né in Consentire sempre per accedere a URL che non si trovano né nell elenco Bloccare sempre né in Consentire sempre. 3. Modulo WebFilter: analizza il traffico web ricevuto dal meccanismo di filtro Bloccare sempre/consentire sempre in base all elenco di categorie memorizzate nel database di WebGrade. Queste categorie vengono utilizzate per classificare e filtrare le pagine web richieste dagli utenti. Per ulteriori informazioni su queste categorie, fare riferimento all articolo della Knowledge Base: GFI WebMonitor può bloccare, avvisare e consentire o mettere in quarantena il traffico web in base a criteri configurati. Il traffico web messo in quarantena può essere approvato o rifiutato manualmente dagli amministratori. Gli URL in quarantena approvati vengono spostati nell area Temporaneamente consentiti, un meccanismo utilizzato per approvare temporaneamente l accesso a un sito per un utente o indirizzo IP. Il modulo WebFilter è disponibile solo nelle versioni WebFilter Edition e Unified Protection Edition di GFI WebMonitor. In WebSecurity Edition, il traffico web viene inviato direttamente dal meccanismo di filtro Bloccare sempre/consentire sempre al modulo WebSecurity. 4. Modulo WebSecurity: Analizza il traffico web attraverso il modulo di controllo download e lo scansiona alla ricerca di virus, spyware e altro malware. GFI WebMonitor può bloccare, avvisare e consentire o mettere in quarantena il materiale sospetto in base a criteri configurati. Il traffico web viene anche scansionato alla ricerca di materiale di phishing sulla base di un elenco di siti di phishing memorizzato nel database aggiornabile dei siti di phishing. Il traffico web generato da un elemento di phishing noto viene rifiutato mentre il materiale web approvato viene inoltrato all utente. Il modulo WebSecurity è disponibile solo nelle versioni WebSecurity e Unified Protection Edition di GFI WebMonitor. In WebFilter Edition, l elaborazione WebSecurity non viene effettuata e il traffico web viene inoltrato all utente Download di GFI WebMonitor GFI WebMonitor può essere scaricato da: GFI WebMonitor 1 Introduzione 7

8 1.3.2 Informazioni sulla licenza Per la gestione delle licenze, GFI WebMonitor conta gli utenti oppure gli indirizzi IP. È possibile configurare un elenco di utenti o indirizzi IP che non devono essere monitorati o protetti così che questi utenti non utilizzino una licenza. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Configurazione elenco Consentire sempre (pagina 79). IMPORTANTE Gli utenti senza licenza vengono automaticamente autorizzati all accesso a Internet senza limitazioni nè filtri. Il traffico generato da questi clienti non sarà monitorato. Per ulteriori informazioni sulle modalità con cui GFI WebMonitor conta gli utenti a scopo di gestione licenza, fare riferimento all articolo della Knowledge Base: Per informazioni sulla gestione delle licenze, fare riferimento al sito web di GFI Software Ltd all indirizzo: Aggiornamento La procedura di aggiornamento è simile a quella di installazione. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Installazione di GFI WebMonitor (pagina 10). Prima di eseguire l aggiornamento, accertarsi di disporre della versione più recente di GFI WebMonitor. È possibile scaricarla da Se si sta installando una nuova versione di GFI WebMonitor in un infrastruttura diversa, si consiglia di disinstallare quella precedente prima di installarne una nuova. 1.4 Servizi GFI WebMonitor La sottostante tabella elenca i servizi Windows utilizzati da GFI WebMonitor. NOME SERVIZI- O GFI Proxy GFI WebMonitor DESCRIZIONE Il servizio GFI Proxy viene creato solo nella versione Standalone proxy di GFI WebMonitor. Viene utilizzato come servizio agente per il server proxy, per il modulo ISAPI e per il filtro web. Il servizio GFI WebMonitor viene utilizzato sia nella versione ISA/TMG che in quella Standalone proxy e nel servizio di lavoro. La sua funzionalità include: Scansione dei download tramite i motori di scansione AV. Gestione aggiornamenti contenuto per i vari moduli di GFI WebMonitor. Impostazione di messaggi di notifica per amministratori e utenti. Fornitura dei servizi utilizzati per ospitare l interfaccia utente dell amministratore. Caricamento del database WebGrade in memoria. PERCORSO E NOME <drive>:\program Files\GFI\WebMonitor\GFiProxy.exe <drive>:\program Files\GFI\WebMonitor\W- MonSrv.exe CREDENZI- ALI UTENTE Sistema locale Amministratore GFI WebMonitor 1 Introduzione 8

9 NOME SERVIZI- O DESCRIZIONE PERCORSO E NOME CREDENZI- ALI UTENTE GFI WebMonitor Core Service GFI WebMonitor Core Service è composto dai seguenti componenti diversi: WebMon.Common: strutture dati e algoritmi comuni. WebMon.Core: avvia/arresta il processo IIS express, ospita i servizi WCF services (AlertingService, AutoUpdateSettingsService, CategoryService, DataImporterService, DataLayerService, EngineStatusService, GeneralSettingsService, LicensingService, NetworkService, PolicySettingsService, ProxySettingsService, QuarantineService, ReporterService, ReportSettingsService, WebBrowsingService) <drive>:\program Files\GFI\WebMonitor Sistema locale WebMon.ConfigManager: gestisce i file di configurazione (config.db e xml settings) WebMon.Dal: persistenza dei dati (FB e SQL Server) e manutenzione dati. WebMon.DataAnonymizer: tutti i dati vengono filtrati con questo modulo prima di essere inviati all interfaccia utente. WebMon.FilterComm: utilizzato per la comunicazione con il filtro WebMonitor (ad es. per ricaricare le impostazioni, per il traffico in tempo reale, ) WebMon.MessageCollector: legge i dati da MSMQ e li invia ai moduli Alerter e SearchTerms per l elaborazione. Utilizzare una nuova coda MSMQ per fare scorta di un massimo di X richieste o per un minuto fino all invio al database: MSMQ è transazionale e se il database è temporaneamente offline non vi sarà alcuna perdita di dati. WebMon.Alerter: elabora i dati ricevuti dal filtro e attiva gli avvisi, è inoltre responsabile dell invio di notifiche di posta generate dal core service. WebMon.Net: funzionalità relativa alla rete (ad es. enumerazione dei server sql o degli utenti dei domini). WebMon.Reporter: genera i rapporti per la UI o i rapporti pianificati. WebMon.Scheduler: pianifica attività a scopo generale quali manutenzione database o rapporti pianificati. WebMon.SearchTerms: elabora i dati ricevuti dal filtro e genera nuovi eventi in corrispondenza di un determinato schema, i termini di ricerca sono all interno di SearchTermsSettings.xml. Per visualizzare lo stato dei servizi di GFI WebMonitor: 1. Fare clic su Start > Esegui e digitare services.msc. 2. Dall elenco dei servizi visualizzati, individuare i seguenti: GFI Proxy GFI WebMonitor GFI WebMonitor Core Service GFI WebMonitor 1 Introduzione 9

10 2 Installazione di GFI WebMonitor Le sezioni seguente forniscono informazioni per la corretta distribuzione di GFI WebMonitor. Requisiti di sistema per la modalità ISA/TMG Scenari di distribuzione Installazione GFI WebMonitor per ISA / TMG 2.1 Requisiti di sistema Software TIPO Sistemi operativi supportati REQUISITI SOFTWARE Windows Server 2003 SP2 Windows Server 2008 Altri componenti obbligatori Windows Server 2008 R2 Microsoft ISA Server 2004 (SP3) Microsoft ISA Server 2006 Microsoft Forefront TMG 2010 (Windows Server 2008 R2) Internet Explorer 8 o versioni successive Microsoft.NET Framework 4.0 Porta TCP/IP 1007 SQL Server 2005 o versione successiva SQL Server 2005 o versione successiva (per la creazione rapporti) (Consigliato) Microsoft Firewall Client for ISA Server (Consigliato) Microsoft Firewall Client for Microsoft Forefront TMG Microsoft IIS Express Hardware I requisiti hardware minimi dipendono dall edizione di GFI WebMonitor. EDIZIONE WebFilter Edition REQUISITI HARDWARE Processore: 2.0 GHz RAM: 1 GB (4 GB consigliati) WebSecurity Edition Disco rigido: 2 GB di spazio disponibile su disco Processore: 2.0 GHz RAM: 1 GB (4 GB consigliati) Unified Protection Edition Disco rigido: 10 GB di spazio disponibile su disco Processore: 2.0 GHz RAM: 2 GB (4 GB consigliati) Disco rigido: 12 GB di spazio disponibile su disco GFI WebMonitor 2 Installazione di GFI WebMonitor 10

11 IMPORTANTE GFI WebMonitor richiede 2 schede di interfaccia di rete per l installazione in modalità gateway o in un ambiente Microsoft ISA/TMG. Quando si esegue l installazione di in modalità simple proxy, è necessaria solo una scheda di interfaccia di rete. L allocazione dello spazio sul disco rigido dipende dal proprio ambiente. Le dimensioni specificate nei requisiti sono quelle minime richieste per l installazione e l uso di GFI WebMonitor. Le dimensioni consigliate sono comprese tra 150 e 250 GB Prerequisiti modalità Microsoft ISA / Forefront TMG IMPORTANTE Assicurarsi che la porta di ascolto (8080 come predefinita) non sia bloccata dal firewall. Per ulteriori informazioni sull abilitazione delle porte del firewall su Microsoft Windows Firewall, fare riferimento a 2.2 Scenari di distribuzione GFI WebMonitor può essere distribuito in tre modalità: In un ambiente Gateway Internet In un ambiente Simple Proxy In un ambiente Microsoft ISA Server o Forefront TMG La distribuzione dipende dall infrastruttura di rete e dal ruolo di rete del computer dove verrà installato GFI WebMonitor. Il seguente diagramma facilita la scelta della modalità di installazione di GFI WebMonitor più idonea al proprio ambiente. GFI WebMonitor 2 Installazione di GFI WebMonitor 11

12 Figura 2: scelta dell ambiente Distribuzione in un ambiente Microsoft ISA Server o Forefront TMG GFI WebMonitor può integrare la funzionalità offerta da Microsoft ISA Server o da Microsoft Forefront TMG. Quando viene installato in questo ambiente, GFI WebMonitor consente all amministratore di monitorare il traffico web degli utenti in tempo reale. GFI WebMonitor 2 Installazione di GFI WebMonitor 12

13 Schermata 1: GFI WebMonitor installato su Microsoft ISA Server / Forefront TMG Gli utenti richiedono una pagina web o un download da Internet. Il traffico in ingresso generato dalla richiesta viene ricevuto dal server Microsoft, che a sua volta fa riferimento a GFI WebMonitor per l utilizzo dei meccanismi di filtro per l analisi della richiesta. Per installare GFI WebMonitor come plug-in di Microsoft ISA Server / Forefront TMG, fare riferimento a Installazione di GFI WebMonitor Assegnazione dei diritti di accesso come servizio Il servizio GFI WebMonitor deve essere eseguito con privilegi amministrativi. Il nome utente e la password forniti per il servizio GFI WebMonitor devono disporre dei diritti di accesso come servizio. GFI WebMonitor 2 Installazione di GFI WebMonitor 13

14 I diritti di Accesso come servizio consentono a un utente di accedere come servizio. I servizi possono essere configurati per l esecuzione negli account di Sistema locale, Servizio locale o Servizio di rete, che dispongono del diritto di accedere come servizio. Il diritto dovrà essere assegnato a qualsiasi servizio eseguito con un account utente separato. Assegnazione manuale dei diritti di accesso come servizio su Windows XP/Vista/7 Accedere a Pannello di controllo > Strumenti di amministrazione > Criteri di protezione locali. 2. Espandere Impostazioni di protezione > Criteri locali > Assegnazione diritti utente. 3. Dal pannello di destra, fare clic con il pulsante destro del mouse su Accesso come servizio e fare clic su Proprietà. 4. Selezionare la scheda Impostazioni di protezione locali. 5. Fare clic su Aggiungi utente o gruppo. 6. Digitare il nome dell account e fare clic su OK. 7. Fare clic su Applica e su OK. 8. Chiudere la finestra di dialogo Impostazioni di protezione locali. 9. Chiudere tutte le finestre aperte. Assegnazione manuale dei diritti di accesso come servizio su server 1. Accedere a Start > Tutti i programmi > Strumenti di amministrazione > Criteri di protezione locali. 2. Espandere Impostazioni di protezione > Criteri locali > Assegnazione diritti utente. 3. Dal pannello di destra, fare clic con il pulsante destro del mouse su Accesso come servizio e fare clic su Proprietà. 4. Selezionare la scheda Impostazioni di protezione locali. 5. Fare clic sul pulsante Aggiungi utente o gruppo. 6. Digitare il nome dell account e fare clic su OK. 7. Fare clic su Applica e su OK. 8. Chiudere tutte le finestre aperte. Assegnazione dei diritti di accesso come servizio tramite Oggetti Criteri di gruppo (GPO) in Windows Server 2003 Per assegnare i diritti di Accesso come servizio sui computer client tramite Oggetti Criteri di gruppo in Windows Server 2003 GPO: 1. Accedere a Start > Tutti i programmi > Strumenti di amministrazione > Utenti e computer sul server DNS. 2. Selezionare con il pulsante destro del mouse il nodo del dominio e fare clic su Proprietà. 3. Nella finestra di dialogo Proprietà dominio, selezionare la scheda Criteri di gruppo. 4. Dall elenco, selezionare Criterio dominio predefinito e fare clic su Modifica. 5. Espandere Configurazione computer > Impostazioni di Windows > Impostazioni di protezione > Criteri locali e fare clic su Assegnazione diritti utente. 6. Dal pannello di destra, fare clic con il pulsante destro del mouse su Accesso come servizio e fare clic su Proprietà. 7. Selezionare la scheda Impostazione criteri di protezione. GFI WebMonitor 2 Installazione di GFI WebMonitor 14

15 8. Selezionare la casella di controllo Definisci le impostazioni relative ai criteri. 9. Fare clic sul pulsante Aggiungi utente o gruppo. 10. Digitare il nome dell account e fare clic su OK. 11. Fare clic su Applica e su OK. 12. Chiudere tutte le finestre aperte. Assegnazione dei diritti di accesso come servizio tramite Oggetti Criteri di gruppo (GPO) in Windows Server 2008 Per assegnare i diritti di Accesso come servizio sui computer client tramite Oggetti Criteri di gruppo in Windows Server 2008 GPO: 1. Dal prompt dei comandi, digitare mmc.exe e premere Invio. 2. Nella finestra Radice console, andare a File > Aggiungi/Rimuovi snap-in per aprire la finestra Aggiungi o rimuovi snap-in. 3. Dall elenco Snap-in disponibili, selezionare lo snap-in Gestione Criteri di gruppo e fare clic su Aggiungi. 4. Fare clic su OK. 5. Espandere Gestione Criteri di gruppo > Foresta > Domini e <dominio>. 6. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Criterio dominio predefinito e fare clic su Modifica per aprire Editor Gestione Criteri di gruppo. 7. Espandere Configurazione computer > Criteri > Impostazioni di Windows > Impostazioni di protezione > Criteri locali e fare clic su Assegnazione diritti utente. 8. Dal pannello di destra, fare clic con il pulsante destro del mouse su Accesso come servizio e fare clic su Proprietà. 9. Selezionare la scheda Impostazione criteri di protezione. 10. Selezionare la casella di controllo Definisci le impostazioni relative ai criteri. 11. Fare clic sul pulsante Aggiungi utente o gruppo. 12. Digitare il nome dell account e fare clic su OK. 13. Fare clic su Applica e su OK. 14. Chiudere tutte le finestre aperte. 2.3 Installazione di GFI WebMonitor per ISA/TMG Eseguire il programma di installazione come utente con privilegi amministrativi sul computer di destinazione. 1. Fare doppio clic sul file eseguibile GFI WebMonitor. Il programma di installazione controlla se sono installati i componenti necessari e installa in automatico quelli mancanti. 3. Scegliere se la procedura guidata di installazione deve cercare una build più recente di GFI WebMonitor sul sito web di GFI e fare clic su Next (Avanti). 4. Leggere il contratto di licenza. Per procedere con l installazione, selezionare I accept the terms in the license agreement (Accetto i termini del contratto di licenza) e fare clic su Next (Avanti). GFI WebMonitor 2 Installazione di GFI WebMonitor 15

16 5. Immettere il nome utente o l indirizzo IP a cui verrà fornito l accesso amministrativo all interfaccia web di GFI WebMonitor e fare clic su Next (Avanti). Inserire solo gli utenti che necessitano di accedere per la configurazione di GFI WebMonitor. Non inserire gli IP di utenti normali che verranno inseriti nel proxy tramite GFI WebMonitor. Separando le voci con il punto e virgola ; è possibile indicare più di un utente o computer. 6. Nella finestra di informazioni di accesso al servizio, immettere le credenziali di accesso di un account con privilegi di amministratore, quindi fare clic su Next (Avanti). L account dell utente deve disporre dei diritti Log on as a service (Accedi come servizio). Altrimenti, i diritti verranno assegnati in automatico. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Assegnazione dei diritti di accesso come servizio (pagina 13). 7. [Optional] Fornire i dettagli di un server di posta SMTP e di un indirizzo a cui verranno inviate le notifiche dell amministratore. Fare clic su Verify Mail Settings (Verifica impostazioni di posta) per inviare un messaggio di prova. Fare clic su Avanti. È possibile scegliere di lasciare vuote le impostazioni SMTP e di configurarle successivamente ma non sarà possibile ricevere notifiche finché non saranno state configurate. 8. Fare clic su Next (Avanti) per installare nella posizione predefinita oppure fare clic su Change (Modifica) per modificare il percorso di installazione. 9. Per avviare l installazione, fare clic su Install (Installa) e attenderne il completamento. 10. Per completare la configurazione, fare clic su Finish (Fine). 2.4 Disabilitazione impostazioni connessione Internet sui computer client Per impedire agli utenti di modificare le impostazioni Internet e quindi di superare GFI WebMonitor, la scheda delle impostazioni di Connessioni Internet può essere disabilitata sui computer client. Disabilitazione della pagina Connessioni Internet utilizzando Oggetto Criteri di Gruppo in Microsoft Windows Server 2003 Disabilitazione della pagina Connessioni Internet utilizzando Oggetto Criteri di Gruppo in Microsoft Windows Server 2008 GFI WebMonitor 2 Installazione di GFI WebMonitor 16

17 2.4.1 Disabilitazione della pagina Connessioni Internet utilizzando Oggetto Criteri di Gruppo in Microsoft Windows Server 2003 Per disabilitare le impostazioni di Connessioni sui computer client tramite Oggetti Criteri di Gruppo di Windows Server 2003: 1. Accedere a Start > Tutti i programmi > Strumenti di amministrazione > Utenti e computer sul server DNS. 2. Selezionare con il pulsante destro del mouse il nodo del dominio e fare clic su Proprietà. 3. Nella finestra di dialogo Proprietà dominio, selezionare la scheda Criteri di gruppo. 4. Dall elenco, selezionare Criterio dominio predefinito e fare clic su Modifica. 5. Espandere Configurazione utente > Modelli amministrativi > Componenti di Windows > Internet Explorer e fare clic su Pannello di controllo Internet. 6. Dal pannello di destra, fare clic con il pulsante destro del mouse su Disattiva la scheda Connessioni, quindi fare clic su Proprietà. 7. Nella scheda Impostazione, selezionare Abilitata. Questo criterio impedisce agli utenti di visualizzare e modificare le impostazioni di connessione e proxy dai loro computer client. 8. Fare clic su Applica e su OK. 9. Chiudere tutte le finestre aperte Disabilitazione della pagina Connessioni Internet utilizzando Oggetto Criteri di Gruppo in Microsoft Windows Server 2008 Per disabilitare le impostazioni di Connessioni sui computer client tramite Oggetti Criteri di Gruppo di Windows Server 2008: 1. Dal prompt dei comandi, digitare mmc.exe e premere Invio. 2. Nella finestra Radice console, andare a File > Aggiungi/Rimuovi snap-in per aprire la finestra Aggiungi o rimuovi snap-in. 3. Dall elenco Snap-in disponibili, selezionare lo snap-in Gestione Criteri di gruppo e fare clic su Aggiungi. 4. Fare clic su OK. 5. Espandere Gestione Criteri di gruppo > Foresta > Domini e <dominio>. 6. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Criterio dominio predefinito e fare clic su Modifica per aprire Editor Gestione Criteri di gruppo. 5. Espandere Configurazione utente > Criteri > Modelli amministrativi > Componenti di Windows > Internet Explorer e fare clic su Pannello di controllo Internet. 8. Dal pannello di destra, fare clic con il pulsante destro del mouse su Disattiva la scheda Connessioni, quindi fare clic su Proprietà. 9. Nella scheda Impostazione, selezionare Abilitata. GFI WebMonitor 2 Installazione di GFI WebMonitor 17

18 Questo criterio impedisce agli utenti di visualizzare e modificare le impostazioni di connessione e proxy dei loro computer client. 10. Fare clic su Applica e su OK. 11. Chiudere la finestra di dialogo Editor Gestione Criteri di gruppo e salvare la console di gestione creata. 2.5 Informazioni sulla disinstallazione Per disinstallare GFI WebMonitor: 1. Fare clic su Start > Pannello di controllo > Programmi > Programmi e funzionalità. 2. Selezionare GFI WebMonitor dall'elenco e fare clic su Disinstalla. 3. Quando viene visualizzato Disinstallare GFI WebMonitor?, fare clic su Sì. 4. Al termine, fare clic su Fine. GFI WebMonitor 2 Installazione di GFI WebMonitor 18

19 3 Azioni post-installazione Al termine dell installazione è necessario effettuare una serie di operazioni per assicurare la corretta distribuzione di GFI WebMonitor: Avvio di GFI WebMonitor Immissione di un codice di licenza Configurazione impostazioni proxy Configurazione dei browser Internet per l utilizzo di un server proxy Utilizzo di Settings Importer Tool 3.1 Avvio di GFI WebMonitor Nello stesso computer in cui è installato GFI WebMonitor: Vi sono due opzioni per l avvio della console web di GFI WebMonitor: Opzione 1: fare clic su Start > Tutti i programmi > GFI WebMonitor > GFI WebMonitor Console di gestione. Opzione 2: Immettere l URL in un browser web dello stesso computer. Se si utilizza GFI WebMonitor tramite interfaccia browser web sul medesimo computer, Internet Explorer deve essere configurato per l utilizzo di un server proxy. Da un computer remoto: Per avviare l installazione di GFI WebMonitor dai computer degli utenti e/ dagli indirizzi IP a cui è stato concesso accesso all applicazione, immettere l URL in un browser web dal loro computer. Per consentire questo accesso, il browser Internet deve essere configurato per l utilizzo di impostazioni proxy specifiche. L accesso degli utenti all applicazione può essere consentito durante l installazione o dal nodo di Controllo di acceso remoto. 3.2 Immissione di un codice di licenza valido Dopo aver installato GFI WebMonitor, si viene notificati della necessità di un codice di licenza valido per poter iniziare il monitoraggio del traffico e la creazione di criteri. GFI WebMonitor 3 Azioni post-installazione 19

20 Se si sta valutando GFI WebMonitor, dopo la registrazione verrà inviato per posta elettronica un codice di valutazione illimitata di 30 giorni. Per aggiornare manualmente il codice di licenza dopo la valutazione del prodotto, fare riferimento a Informazioni sulla licenza Per immettere il codice di licenza: 1. Fare clic su Gestione licenze. 2. Nel campo disponibile, immettere il codice di licenza. 3. Fare clic su Applica. Per attivare il codice di licenza, è necessario che sia disponibile una connessione Internet. 3.3 Configurazione FTP Configurare i computer degli utenti per l inoltro di tutti i download FTP tramite il servizio proxy Microsoft ISA Server / Forefront TMG. Ciò è possibile: Disabilitando Visualizzazione Cartelle in Microsoft Internet Explorer in ciascun computer client. Configurando i browser Internet per l utilizzo di impostazioni proxy specifiche su ciascun client, in automatico o manualmente. Configurazione accesso FTP in Microsoft ISA Server / Forefront TMG. L accesso FTP può essere configurato tramite: Opzione 1: Limitando o negando l accesso FTP. Opzione 2: Disabilitando il filtro di accesso FTP. Per assicurare che tutti gli utenti esplorino e scarichino dai server FTP tramite proxy, l amministratore deve disattivare la Visualizzazione cartelle e configurare le impostazioni proxy sui computer degli utenti Passaggio 1: Disabilitazione Visualizzazione Cartelle in Microsoft Internet Explorer Per disabilitare la Visualizzazione Cartelle in Microsoft Internet Explorer: 1. Avviare Microsoft Internet Explorer sul computer client. 2. Dal menu Strumenti, scegliere Opzioni Internet e selezionare la scheda Avanzate. GFI WebMonitor 3 Azioni post-installazione 20

21 Schermata 2: finestra di dialogo Opzioni Internet 3. Dal nodo Esplorazione, deselezionare la casella di controllo Abilita la visualizzazione cartella FTP. Se deselezionata, gli utenti esploreranno e scaricheranno dai server FTP tramite una visualizzazione basata su cartelle. Inoltre,GFI WebMonitor adesso scansionerà i contenuti del server FTP e consentirà, metterà in quarantena o bloccherà i contenuti, secondo le esigenze Passaggio 2: Configurazione dei browser per l utilizzo di un server proxy I browser Internet possono essere configurati sia in automatico che manualmente per l utilizzo di un server proxy in Microsoft ISA Server e Microsoft Forefront TMG. Le seguenti sezioni facilitano la configurazione delle impostazioni proxy: Opzione 1: configurazione automatica impostazioni proxy Opzione 2: configurazione manuale impostazioni proxy GFI WebMonitor 3 Azioni post-installazione 21

22 3.3.3 Opzione 2: Configurazione manuale impostazioni proxy Per configurare manualmente le impostazioni proxy: 1. Avviare Microsoft Internet Explorer 2. Dal menu Strumenti, scegliere Opzioni Internet e selezionare la scheda Connessioni. 3. Scegliere Impostazioni LAN. 4. Selezionare la casella di controllo Utilizza un server proxy per le connessioni LAN. 5. Nelle caselle di testo Indirizzo e Porta, digitare il nome o l indirizzo IP del server proxy e la porta utilizzata (la predefinita è 8080). 6. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo Impostazioni LAN. 7. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo Opzioni Internet Opzione 1: Configurazione automatica delle impostazioni proxy in Microsoft ISA Server e Microsoft Forefront TMG Microsoft Firewall Client for ISA Server o Microsoft Firewall Client for Microsoft Forefront TMG configura in automatico le impostazioni proxy. Per installare Microsoft Firewall Client for ISA Server: 1. Scaricare Microsoft Firewall Client for ISA Server dal sito web Microsoft. 2. Fare doppio clic sul file eseguibile di Microsoft Firewall Client for ISA Server. 3. Selezionare Connetti a questo computer ISA Server. 4. Inserire il nome completo o l indirizzo IP del computer e continuare per completare la configurazione. 5. Dopo aver completato l'installazione, riavviare il client. 6. Fare clic con il pulsante destro del mouse nell area di notifica di Windows e scegliere Configura. Fare clic sulla scheda Impostazioni per modificare le configurazioni del server. Per configurare automaticamente il browser web: 1. Selezionare la scheda Browser web nella finestra di dialogo Microsoft Firewall Client for ISA Server. 2. Selezionare la casella di controllo Attiva configurazione automatica browser web. 3. Fare clic su Configura. 4. Fare clic su OK. Per installare Microsoft Firewall Client for Microsoft Forefront TMG: 1. Individuare Microsoft Firewall Client for Forefront TMG nei file di installazione del server. 2. Fare doppio clic sul programma di installazione di Microsoft Firewall Client for Forefront TMG e infine su Avanti. 3. Selezionare Accetto i termini del contratto di licenza e fare clic su Avanti. GFI WebMonitor 3 Azioni post-installazione 22

23 4. Selezionare il percorso di installazione del client di Microsoft e fare clic su Avanti. 5. Selezionare Connetti a questo computer Forefront TMG. 6. Inserire il nome completo o l indirizzo IP del computer e fare clic su Avanti. 7. Selezionare Installa e fare clic su Fine. Per configurare automaticamente il browser web: 1. Selezionare la scheda Browser web nella finestra di dialogo Microsoft Firewall Client for Forefront TMG. 2. Selezionare la casella di controllo Attiva configurazione automatica browser web. 3. Fare clic su Configura. 4. Fare clic su OK Passaggio 3: Configurazione accesso FTP Per impostazione predefinita, Microsoft ISA Server / Forefront TMG nega tutto il traffico tra tutti i client e i percorsi esterni. Dopo l installazione, GFI WebMonitor aggiunge automaticamente 2 regole: una per consentire l accesso tra i client e il server di aggiornamento di GFI WebMonitor, e un altra per consentire all amministratore di accedere all interfaccia utente di GFI WebMonitor. Per accertarsi che nessun utente (o solo un utente specifico) possa accedere al protocollo FTP, l amministratore deve creare regole pertinenti in Microsoft ISA Server / Forefront TMG. Sono disponibili le seguenti opzioni: Opzione 1:limitare o negare l accesso FTP in Microsoft ISA Server o Microsoft Forefront TMG. Opzione 2:disabilitare il filtro di accesso FTP. Opzione 2: Disabilitazione del filtro di accesso FTP Quando il filtro di accesso FTP è disabilitato, gli utenti non possono accedere al server FTP tramite la rete. Disabilitazione del filtro di accesso FTP in Microsoft ISA Server 2004 Per disabilitare il filtro di accesso FTP: 1. Sul computer ISA Server, selezionare Start > Programmi > Microsoft ISA Server > Gestione di ISA Server. 2. Dal pannello di sinistra, selezionare <nome computer> > Configurazione > Componenti aggiuntivi. 3. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Filtro di accesso FTP e selezionare Disabilita. 4. Salvare le impostazioni prima di uscire. Disabilitazione del filtro di accesso FTP in Microsoft ISA Server 2006 Per disabilitare il filtro di accesso FTP: 1. Sul computer ISA Server, selezionare Start > Programmi > Microsoft ISA Server > Gestione di ISA Server. Dal pannello di sinistra, selezionare Enterprise > Enterprise Add-ins. 3. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Filtro di accesso FTP e selezionare Disabilita. 4. Salvare le impostazioni prima di uscire. GFI WebMonitor 3 Azioni post-installazione 23

24 Disabilitazione del filtro di accesso FTP in Microsoft Forefront TMG Per disabilitare il filtro di accesso FTP: 1. Sul computer Forefront TMG, selezionare Start > Programmi > Microsoft Forefront TMG > Gestione di Forefront TMG. 2. Dal pannello di sinistra, selezionare Forefront TMG <nome computer> > Sistema 3. Dal pannello a destra, selezionare la scheda Filtri applicazione. 4. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Filtro di accesso FTP e selezionare Disabilita. 5. Fare clic su Applica. 6. Salvare le impostazioni Opzione 1: Limitare o negare l accesso FTP in Microsoft ISA Server o Microsoft Forefront TMG Per limitare l FTP solo a utenti specifici, è consigliabile creare due regole: una per consentire l utilizzo di protocolli comuni a tutti gli utenti eccetto FTP, e un altra per consentire FTP solo a utenti specifici, ad esempio l amministratore. Schermata 3: Microsoft ISA Server: Criteri firewall configurati La schermata precedente mostra entrambe le regole. La regola criterio firewall 2 consente al traffico di protocollo comune di tutti gli utenti di passare dalla rete interna a Internet. L elenco Protocolli non include il protocollo FTP. La regola criterio firewall 1 consente l utilizzo del protocollo FTP solo all amministratore Limitare o negare l accesso FTP in Microsoft ISA Server 1. Sul computer Microsoft ISA Server, selezionare Start > Programmi > Microsoft ISA Server > Gestione di ISA Server. 2. Dal pannello di sinistra, selezionare Matrici <nome computer> > Criterio firewall GFI WebMonitor 3 Azioni post-installazione 24

25 3. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Criterio firewall e selezionare Nuova > Regola di accesso. 4. Digitare un nome per la regola, ad esempio Consenti FTP e fare clic su Avanti. 5. Selezionare Consenti e fare clic su Avanti. 5. Nella finestra di dialogo Protocolli, fare clic su Aggiungi. 7. Nella finestra di dialogo Aggiungi protocolli, espandere Tutti i protocolli, selezionare FTP, fare clic su Aggiungi e su Chiudi. 5. Nella finestra di dialogo Protocolli, fare clic su Avanti. 5. Nella finestra di dialogo Origini regola di accesso, fare clic su Aggiungi. 10. Nella finestra di dialogo Aggiungi entità rete, espandere Set di computer, selezionare Ovunque, fare clic su Aggiungi e quindi su Chiudi. 11. Nella finestra di dialogo Origini regola di accesso, fare clic su Avanti. 12. Nella finestra di dialogo Destinazioni regola di accesso, fare clic su Aggiungi. 13. Nella finestra di dialogo Aggiungi entità rete, espandere Set di computer, selezionare Ovunque, fare clic su Aggiungi e quindi su Chiudi. 14. Nella finestra di dialogo Destinazioni regola di accesso, fare clic su Avanti. 15. Nella finestra di dialogo Set utente, selezionare Tutti gli utenti e quindi Rimuovi. 16. Fare clic su Aggiungi. 17. Nella finestra di dialogo Aggiungi utenti, selezionare Amministratore, fare clic su Aggiungi e quindi su Chiudi. 18. Scegliere Avanti quindi fare clic su Fine. 19. Assicurarsi di salvare le impostazioni prima di uscire Limitare o negare l accesso FTP in Microsoft Forefront TMG 1. Sul computer Forefront TMG, selezionare Start > Programmi > Microsoft Forefront TMG > Gestione di Forefront TMG. 2. Dal pannello di sinistra, selezionare Forefront TMG <nome computer>. 3. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Criterio firewall e selezionare Nuova > Regola di accesso. 4. Digitare un nome per la regola, ad esempio Consenti FTP e fare clic su Avanti. 5. Selezionare Consenti e fare clic su Avanti. 5. Nella finestra di dialogo Protocolli, fare clic su Aggiungi. 7. Nella finestra di dialogo Aggiungi protocolli, espandere Tutti i protocolli, selezionare FTP, fare clic su Aggiungi e su Chiudi. 5. Nella finestra di dialogo Protocolli, fare clic su Avanti. 5. Nella finestra di dialogo Origini regola di accesso, fare clic su Aggiungi. 10. Nella finestra di dialogo Aggiungi entità rete, espandere Set di computer, selezionare Ovunque, fare clic su Aggiungi e quindi su Chiudi. 11. Nella finestra di dialogo Origini regola di accesso, fare clic su Avanti. 12. Nella finestra di dialogo Destinazioni regola di accesso, fare clic su Aggiungi. GFI WebMonitor 3 Azioni post-installazione 25

26 13. Nella finestra di dialogo Aggiungi entità rete, espandere Set di computer, selezionare Ovunque, fare clic su Aggiungi e quindi su Chiudi. 14. Nella finestra di dialogo Destinazioni regola di accesso, fare clic su Avanti. 15. Nella finestra di dialogo Set utente, selezionare Tutti gli utenti e quindi Rimuovi. 16. Fare clic su Aggiungi. 17. Nella finestra di dialogo Aggiungi utenti, selezionare Amministratore, fare clic su Aggiungi e quindi su Chiudi. 18. Scegliere Avanti quindi fare clic su Fine. 19. Salvare le impostazioni prima di uscire. 3.4 Utilizzo di Settings Importer Tool Settings Importer Tool è uno strumento della riga di comando che consente l esportazione delle impostazioni da un installazione configurata di GFI WebMonitor, così da importare le medesime impostazioni in una nuova. Lo strumento risulta particolarmente utile quando è stata distribuita più di un istanza di GFI WebMonitor all interno dell organizzazione. Utilizzando il semplice scripting da riga di comando, è possibile esportare e importare le configurazioni di GFI WebMonitor per eseguire la sincronizzazione delle istanze multiple. Le impostazioni di configurazione vengono esportate in un file singolo che potrà poi essere importato secondo le esigenze. Questa funzionalità assicura che tutte le modifiche siano replicate in tutte le istanze senza dover ricorrere a una sincronizzazione manuale Esportazione/importazione impostazioni di configurazione Per utilizzare Settings Importer Tool: 1. Sul computer dove è installato GFI WebMonitor, selezionare Start > Esegui e digitare cmd. Questa operazione apre l interfaccia della riga di comando di Microsoft Windows. 2. Per un elenco di tutti i controlli che è possibile utilizzare per Settings Importer Tool, digitare: WebMon.SettingsImporterTool --help: per Windows 32 bit WebMon.SettingsImporterTool --help: per Windows 64 bit GFI WebMonitor 3 Azioni post-installazione 26

27 Schermata 4: controlli di Settings Importer Tool I controlli si applicano solo quando si importano le impostazioni di configurazione. 3. Seguono alcuni esempi su come effettuare le funzioni di esportazione e importazione: Esempio 1: esportazione di tutte le impostazioni: Per esportare le impostazioni attuali, digitare: WebMon.SettingsImporterTool -e Le impostazioni vengono esportate in un file singolo e, al completamento della procedura, viene visualizzato il seguente messaggio: Exported WebMonitor settings to C:Program Files\GFI\WebMonitor\<filename>.gz Esempio 2: importazione impostazioni: Per importare le impostazioni esportate, digitare: WebMon.SettingsImporterTool -i /path=<filename>.gz Al completamento dell importazione, viene visualizzato il seguente messaggio: Successfully imported <All> WebMonitor settings from <filename> GFI WebMonitor 3 Azioni post-installazione 27

28 Esempi aggiuntivi sono inclusi nei due file di testo della cartella di installazione di GFI WebMonitor; ExportSettingsExample.bat e ImportSettingsExamples.bat. GFI WebMonitor 3 Azioni post-installazione 28

29 4 Ottenere risultati Per configurare GFI WebMonitor e iniziare a ottenere risultati, fare riferimento alle seguenti sezioni: Protezione della rete Incremento della produttività Aumento larghezza di banda disponibile 4.1 Ottenere risultati con GFI WebMonitor - Protezione della rete Per scoprire come proteggere la propria rete in modo proattivo prima che venga compromessa, leggere le informazioni sottostanti. WebFilter Edition 1. Bloccare le categorie sito web nel gruppo Sicurezza (quali Siti malware, Phishing e Altre frodi, Spyware e Adware, Bot Net e Origini SPAM confermate). Configurazione criteri Filtro web 2. Bloccare l accesso ai siti con una reputazione bassa (con Indice reputazione di 40 o meno). Configurazione criteri Filtro web Configurazione elenco Bloccare sempre Configurazione categorizzazione Web 3. Blocco di social engineering, phishing e truffa online Configurazione criteri Internet WebSecurity Edition 1. Blocco di siti web noti dannosi e phishing. Configurazione di ThreatTrack Configurazione dell antiphishing nei criteri di sicurezza Configurazione aggiornamento automatico di tutti i motori di sicurezza Configurazione aggiornamento automatico di tutti i motori di sicurezza 2. Controllo e scansione dei download utilizzando motori antivirus multipli. Configurazione criteri di download Configurazione criteri di sicurezza GFI WebMonitor 4 Ottenere risultati 29

30 GFI Software Ltd consiglia inoltre di creare un criterio di consapevolezza con linee guida di utilizzo sicuro per i propri dipendenti. per ulteriori informazioni, fare riferimento a: Acceptable Use Policy Whitepaper 4.2 Ottenere risultati con GFI WebMonitor - Aumento larghezza di banda disponibile Analizzare l attività della larghezza di banda e prendere decisioni informate sulla base dei risultati ottenuti. 1. Distribuire GFI WebMonitorsulla rete senza nessun criterio di filtro. Utilizzare gli strumenti integrati di monitoraggio e creazione rapporti per osservare l uso di Internet e identificare gli schemi che influenzano l ottimizzazione della larghezza di banda. Ad esempio, identificare un eccessivo utilizzo della larghezza di banda o l accesso a determinati siti indesiderati. Creare criteri adeguati sulla base dei risultati ottenuti da tali rapporti. Generazione di Rapporti attività Generazione rapporti larghezza di banda Configurazione criteri Internet 2. Monitorare e gestire le connessioni Internet in tempo reale per ottimizzare la larghezza di banda. Utilizzo del dashboard Larghezza di banda Utilizzo del dashboard Attività Interruzione delle connessioni attive dal dasboard Traffico in tempo reale 3. Gestire le categorie sito web del gruppo di controllo Larghezza di banda (ad esempio Streaming multimediale, P2P, Archiviazione online personale). Configurazione criteri Filtro web 4. Bloccare l accesso alle applicazioni multimediali indesiderate, come YouTube e siti di condivisione video simili. Configurazione criteri di streaming multimediale 5. Blocco dell accesso alle applicazioni di messaggistica istantanea indesiderate (quali Google Talk, Yahoo Messenger, chat di Facebook e portali online). Configurazione criteri di messaggistica istantanea GFI WebMonitor 4 Ottenere risultati 30

31 6. Impostare soglie alla larghezza di banda per limitare l accesso a categorie sito web specifiche, sulla base di limiti temporali o di larghezza di banda. Configurazione criteri quota di navigazione Web 7. Utilizzare la memorizzazione nel proxy per accelerare le richieste di servizio e ottimizzare la larghezza di banda. Questa funzionalità recupera il contenuto salvato da una richiesta precedente del client. Configurazione impostazioni cache GFI Software Ltd consiglia inoltre di creare un criterio di consapevolezza con linee guida di utilizzo sicuro per i propri dipendenti. per ulteriori informazioni, fare riferimento a: Acceptable Use Policy Whitepaper 4.3 Ottenere risultati con GFI WebMonitor - Incremento della produttività È possibile configurare opzioni e misure, oltre che impostare criteri di filtro per il traffico web, il tutto mirato all incremento della produttività della forza lavoro. 1. Distribuire GFI WebMonitorsulla rete senza nessun criterio di filtro. Utilizzare gli strumenti integrati di monitoraggio e creazione rapporti per osservare l uso di Internet e identificare gli schemi che influenzano la produttività dell organizzazione. Creare criteri adeguati sulla base dei risultati ottenuti da tali rapporti. Utilizzo del dashboard Larghezza di banda Utilizzo del dashboard Attività Generazione di Rapporti attività Generazione rapporti larghezza di banda Configurazione criteri Internet 2. Bloccare le categorie sito Web dei gruppi Perdita di produttività e Potenziale perdita di produttività (ad esempio Social Network, Dating, Games e Pay to Surf). Configurazione criteri Filtro web 3. Bloccare l accesso alle applicazioni di streaming. Configurazione criteri di streaming multimediale 4. Blocco dell accesso alle applicazioni di messaggistica istantanea (quali Google Talk, Yahoo Messenger, chat di Facebook e portali online). Configurazione criteri di messaggistica istantanea GFI WebMonitor 4 Ottenere risultati 31

32 5. Limitare l accesso a categorie sito web specifiche, sulla base di limiti temporali o di larghezza di banda. Configurazione criteri quota di navigazione Web GFI Software Ltd consiglia inoltre di creare un criterio di consapevolezza con linee guida di utilizzo sicuro per i propri dipendenti. per ulteriori informazioni, fare riferimento a: Acceptable Use Policy Whitepaper GFI WebMonitor 4 Ottenere risultati 32

33 5 Utilizzo del Dashboard Il dashboard di GFI WebMonitor offre una rapida panoramica sulle attività della rete. Utilizzare i seguenti strumenti di monitoraggio per identificare potenziali problemi: OPZIONE Panoramica Larghezza di banda Attività Sicurezza Traffico in tempo reale Quarantena Quote Agenti DESCRIZIONE Offre una rapida panoramica dell attività corrente sulla rete, consentendo l identificazione delle tendenze di utilizzo della rete e delle attività che devono essere svolte dall amministratore. Mostra l attività relativa al consumo della larghezza di banda. Utilizzare i filtri forniti per individuare i download o gli upload che influenzano le prestazioni di rete. Fornisce un approfondimento delle varie tipologie di attività effettuate in momenti specifici della giornata. Mostra l attività relativa a problematiche di sicurezza quali la rilevazione di file infetti, di siti dannosi e di phishing, oltre a informazioni sui virus più comuni che sono presenti nella rete. Mostra il traffico della rete in tempo reale. Fornisce i comandi necessari ad autorizzare il traffico che richiede autorizzazione. Il dashboard Quote elenca i Criteri quota di navigazione Web attivi e il loro rispettivo stato. Il dashboard Agenti fornisce le informazioni connesse allo stato degli agenti configurati. Se è abilitato l anonimato, i dati personali (ad esempio nomi utente e IP) vengono nascosti. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Opzioni generali (pagina 65) Panoramica attività Internet All avvio di GFI WebMonitor, la pagina di panoramica viene visualizzata per impostazione predefinita. GFI WebMonitor 5 Utilizzo del Dashboard 33

34 Schermata 5: Panoramica Dashboard La pagina contiene una rappresentazione grafica delle tendenze di utilizzo di Internet, come ad esempio: Il consumo di larghezza di banda per il giorno corrente Attività filtrata in base a un qualsiasi criterio configurato Informazioni relative alle ricerche effettuate dagli utenti Categorie e domini più visitati dagli utenti Utenti e criteri principali Per impostazione predefinita, i dati forniti nella pagina Panoramica sono relativi alla settimana corrente. Questo filtro può essere modificato dal campo per il periodo nell angolo superiore destro dello schermo. GFI WebMonitor 5 Utilizzo del Dashboard 34

35 Schermata 6: utilizzo del calendario per l impostazione del periodo Categorizzazione WebGrade L area Cerca categoria sito Web consente di cercare la categorizzazione di un URL e il relativo indice reputazione. Schermata 7: funzione Cerca categoria sito Web Per controllare un sito web: 1. Digitare l URL nello spazio fornito. 2. Fare clic su. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Configurazione categorizzazione Web (pagina 67) Elenco attività in sospeso Un elenco di attività importanti viene visualizzato nel Dashboard per l attenzione dell amministratore di sistema. Dopo aver eseguito l attività, fare clic su dall elenco. per rimuoverla GFI WebMonitor 5 Utilizzo del Dashboard 35

36 Schermata 8: elenco attività in sospeso IMPORTANTE Quando un attività viene ignorata, non viene più visualizzata sul dashboard Stato monitoraggio Web La pagina Panoramica mostra le statistiche relative all uso di Internet, come il numero totale di siti Web visitati da tutti gli utenti, il numero di file infetti rilevati da GFI WebMonitor e il numero di siti web bloccati da un criterio configurato. Se gli avvisi sono configurati, nella finestra Panoramica viene visualizzata una notifica, sopra all area Stato monitoraggio. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Configurazione avvisi (pagina 100). GFI WebMonitor 5 Utilizzo del Dashboard 36

37 Schermata 9: informazioni statistiche nella panoramica Dashboard Stato prodotto Schermata 10: stato prodotto nella panoramica Dashboard Utilizzare l area Stato prodotto per verificare i dettagli relativi a: GFI WebMonitor 5 Utilizzo del Dashboard 37

38 STATO Versione prodotto Modulo con licenza Utenti con licenza Abbonamento DESCRIZIONE Visualizza la versione attualmente installata di GFI WebMonitor e il numero di build. Controlla i moduli attivi e con licenza. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Informazioni sulla licenza (pagina 8). Mostra il numero di utenti monitorato. Per ulteriori informazioni sulle modalità con cui GFI WebMonitor conta gli utenti a scopo di gestione licenza, fare riferimento all articolo della Knowledge Base: Visualizza la data in cui scade il rinnovo della licenza di GFI WebMonitor. 5.2 Monitoraggio larghezza di banda Il dashboard Larghezza di banda fornisce informazioni relative al traffico e all attività utente che interessa il consumo di larghezza di banda. Fare clic su Dashboard > Larghezza di banda e filtrare i dati come segue: OPZIONE Tutta la larghezza di banda Solo download Solo upload DESCRIZIONE Mostra il traffico in download e in upload. Mostra solo il traffico scaricato. Mostra solo il traffico caricato. Schermata 11: monitoraggio larghezza di banda Utilizzare il filtro Visualizza per posto nell angolo destro superiore della pagina per visualizzare i dati per un intervallo di date specifico. GFI WebMonitor 5 Utilizzo del Dashboard 38

39 La parte inferiore della pagina Larghezza di banda fornisce un analisi dei dati monitorati nel periodo indicato. I dati vengono analizzati come segue: FILTRO Categorie Siti Web Utenti Registro eventi DESCRIZIONE Selezionare questa voce per visualizzare un elenco di categorie e le dimensioni di download di ciascuna categoria. Un elenco dei siti web con le rispettive dimensioni di download. I dati possono essere visualizzati per Dominio o Sito utilizzando i controlli forniti. Un elenco di utenti e il numero totale di download per un periodo specificato. Fornisce un registro di tutte le richieste web che rientrano nel periodo indicato, visualizzando: Richiesta Web: URL della richiesta Ora: data e ora della richiesta Download: dimensioni del download Utente: nome utente IP: indirizzo IP Funzionalità rapporto con un clic Dopo aver personalizzato il dashboard, la visualizzazione può essere esportata come rapporto o pianificata per l invio automatico, ove richiesto. Esportazione rapporto Per esportare il rapporto: 1. Dalla parte superiore del dashboard, fare clic su e selezionare Esporta rapporto. 2. GFI WebMonitor mostra il rapporto esportato in una finestra separata del browser. 3. Fare clic su e selezionare una delle seguenti opzioni: OPZIONE Excel PDF Word DESCRIZIONE Il rapporto viene esportato in formato Microsoft Excel (.xls). Il rapporto viene esportato in formato PDF. Il rapporto viene esportato in formato Microsoft Word (.doc). Pianificazione rapporto Per pianificare il rapporto: 1. Dalla parte superiore del dashboard, fare clic su e selezionare Pianifica rapporto. 2. GFI WebMonitor reindirizza automaticamente all area Rapporti. 3. Modificare il rapporto nel modo richiesto. 4. Salvare il rapporto. Per maggiori informazioni consultare la pagina Creazione di rapporti. GFI WebMonitor 5 Utilizzo del Dashboard 39

40 IMPORTANTE Se è abilitato l anonimato, i dati personali (ad esempio nomi utente e IP) saranno nascosti. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Opzioni generali (pagina 65). 5.3 Attività di monitoraggio Il dashboard Attività fornisce informazioni sulle richieste web e sulle attività degli utenti relative a un periodo specifico. Fare clic su Dashboard > Attività e filtrare i dati come segue: OPZIONE Tutta l attività Solo consentiti Solo filtrata Ricerche DESCRIZIONE Mostra tutte le richieste web (filtrate e non) che sono state effettuate tramite GFI WebMonitor nel periodo indicato. Visualizza solo il traffico che è stato autorizzato da GFI WebMonitor. Visualizza solo il traffico che è stato bloccato dai criteri configurati. Mostra l attività relativa alle ricerche effettuate dagli utenti. Utilizzare il filtro Visualizza per posto nell angolo destro superiore della pagina per visualizzare i dati per un intervallo di date specifico. Schermata 12: Dashboard attività La parte inferiore della pagina Attività fornisce un analisi dei dati monitorati nel periodo indicato. GFI WebMonitor 5 Utilizzo del Dashboard 40

41 I dati vengono analizzati come segue: FILTRO Categorie Siti Web Utenti DESCRIZIONE Selezionare questa voce per visualizzare un elenco di categorie con un numero totale di Richieste Web per ciascuna categoria. Un elenco dei siti web con il numero totale rispettivo di Richieste Web. I dati possono essere visualizzati per Dominio o Sito utilizzando i controlli forniti. Un elenco di utenti e il Tempo di navigazione totale e il numero di Richieste Web per un periodo specificato. Tempo di navigazione è un tempo approssimativo calcolato temporizzando l accesso ai siti web. Ogni volta che un utente accede a un sito web, verrà aggiunto un minuto di tempo di navigazione per quell utente. Nel corso del minuto, l utente può accedere ad altri siti web senza incrementare il tempo di navigazione. Quando sarà passato un minuto, se l utente sta ancora navigando verrà aggiunto un altro minuto. Registro eventi Fornisce un registro di tutte le richieste web che rientrano nel periodo indicato, visualizzando: Richiesta Web: URL della richiesta Ora: data e ora della richiesta Download: dimensioni del download Utente: nome utente IP: indirizzo IP Funzionalità rapporto con un clic Dopo aver personalizzato il dashboard, la visualizzazione può essere esportata come rapporto o pianificata per l invio automatico, ove richiesto. Esportazione rapporto Per esportare il rapporto: 1. Dalla parte superiore del dashboard, fare clic su e selezionare Esporta rapporto. 2. GFI WebMonitor mostra il rapporto esportato in una finestra separata del browser. 3. Fare clic su e selezionare una delle seguenti opzioni: OPZIONE Excel PDF Word DESCRIZIONE Il rapporto viene esportato in formato Microsoft Excel (.xls). Il rapporto viene esportato in formato PDF. Il rapporto viene esportato in formato Microsoft Word (.doc). Pianificazione rapporto Per pianificare il rapporto: 1. Dalla parte superiore del dashboard, fare clic su e selezionare Pianifica rapporto. 2. GFI WebMonitor reindirizza automaticamente all area Rapporti. 3. Modificare il rapporto nel modo richiesto. 4. Salvare il rapporto. Per maggiori informazioni consultare la pagina Creazione di rapporti. GFI WebMonitor 5 Utilizzo del Dashboard 41

42 IMPORTANTE Se è abilitato l anonimato, i dati personali (ad esempio nomi utente e IP) saranno nascosti. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Opzioni generali (pagina 65). 5.4 Monitoraggio sicurezza Il dashboard Sicurezza fornisce informazioni sulle richieste web e sulle attività degli utenti relative a un periodo specifico. Le informazioni qui fornite consentono di identificare immediatamente i rischi e le minacce di sicurezza della rete. Fare clic su Dashboard > Sicurezza e filtrare i dati disponibili affinché forniscano le informazioni connesse a: OPZIONE Rilevati file infetti Siti dannosi bloccati Siti di phishing bloccati Virus principali DESCRIZIONE Mostra tutti i file che GFI WebMonitor ha rilevato infetti da virus per il periodo in questione. Visualizza tutti i siti Web che sono stati rilevati come dannosi per il periodo in questione. Visualizza tutti i siti che GFI WebMonitor ha identificato come di phishing per il periodo in questione. Mostra il nome dei virus principali individuati da GFI WebMonitor per il periodo in questione Utilizzare il filtro Visualizza per posto nell angolo destro superiore della pagina per visualizzare i dati per un intervallo di date specifico. Schermata 13: Dashboard Sicurezza GFI WebMonitor 5 Utilizzo del Dashboard 42

43 La parte inferiore della pagina Sicurezza fornisce un analisi dei dati monitorati nel periodo indicato. Selezionare le schede disponibili per visualizzare le informazioni filtrate in base alle seguenti categorie: FILTRO Virus Criteri Categorie Siti Web Utenti DESCRIZIONE Un elenco dei virus rilevati, con il numero totale di Violazioni I criteri interessati sono elencati in questa scheda, insieme al numero totale di Violazioni e al nome degli utenti che hanno effettuato la richiesta. Selezionare questa voce per visualizzare un elenco di categorie con un numero totale di Violazioni per ciascuna categoria. Un elenco dei siti web con il numero totale rispettivo di Violazioni. I dati possono essere visualizzati per Dominio o Sito utilizzando i controlli forniti. Un elenco di utenti e il numero totale di Violazioni per un periodo specificato, suddiviso su tre intestazioni: Infetto, Dannoso o Phishing. Tempo di navigazione è un tempo approssimativo calcolato temporizzando l accesso ai siti web. Ogni volta che un utente accede a un sito web, verrà aggiunto un minuto di tempo di navigazione per quell utente. Nel corso del minuto, l utente può accedere ad altri siti web senza incrementare il tempo di navigazione. Quando sarà passato un minuto, se l utente sta ancora navigando verrà aggiunto un altro minuto. Registro eventi Fornisce un registro di tutte le richieste web che rientrano nel periodo indicato, visualizzando: Richiesta Web: URL della richiesta Ora: data e ora della richiesta Utente: nome utente IP: indirizzo IP Indice reputazione: l indice WebGrade assegnato al sito visitato. Motore: il nome del motore che ha rilevato la minaccia Funzionalità rapporto con un clic Dopo aver personalizzato il dashboard, la visualizzazione può essere esportata come rapporto o pianificata per l invio automatico, ove richiesto. Esportazione rapporto Per esportare il rapporto: 1. Dalla parte superiore del dashboard, fare clic su e selezionare Esporta rapporto. 2. GFI WebMonitor mostra il rapporto esportato in una finestra separata del browser. 3. Fare clic su e selezionare una delle seguenti opzioni: OPZIONE Excel PDF Word DESCRIZIONE Il rapporto viene esportato in formato Microsoft Excel (.xls). Il rapporto viene esportato in formato PDF. Il rapporto viene esportato in formato Microsoft Word (.doc). Pianificazione rapporto Per pianificare il rapporto: 1. Dalla parte superiore del dashboard, fare clic su e selezionare Pianifica rapporto. GFI WebMonitor 5 Utilizzo del Dashboard 43

44 2. GFI WebMonitor reindirizza automaticamente all area Rapporti. 3. Modificare il rapporto nel modo richiesto. 4. Salvare il rapporto. Per maggiori informazioni consultare la pagina Creazione di rapporti. IMPORTANTE Se è abilitato l anonimato, i dati personali (ad esempio nomi utente e IP) saranno nascosti. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Opzioni generali (pagina 65). 5.5 Monitoraggio traffico in tempo reale Il dashboard Traffico in tempo reale consente di monitorare l utilizzo di Internet in tempo reale. È possibile monitorare le connessioni attive correnti e interromperle, se necessario (ad esempio, per lo streaming multimediale o per i download di grandi dimensioni non autorizzati) e visualizzare le connessioni più recenti. I grafici in tempo reale della larghezza di banda e dell attività forniscono indicatori visivi della situazione attuale. IMPORTANTE Se è abilitato l anonimato, i dati personali (ad esempio nomi utente e IP) saranno nascosti. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Opzioni generali (pagina 65). Per accedere al dashboard Traffico in tempo reale: 1. Selezionare Dashboard > Traffico in tempo reale. GFI WebMonitor 5 Utilizzo del Dashboard 44

45 Schermata 14: dashboard Traffico in tempo reale, monitoraggio larghezza di banda 2. Selezionare una delle seguenti schede: OPZIONE Connessioni attive DESCRIZIONE Fornisce informazioni relative alle connessioni attive correnti. Le connessioni attive possono essere interrotte per liberare larghezza di banda. Per ottenere maggiore filtraggio, ricorrere a: Categorie: selezionare questa voce per visualizzare un elenco di categorie con un totale di Richieste Web e consumo Larghezza di banda per ciascuna categoria. Siti Web: un elenco dei siti web con il totale rispettivo di Richieste Web e di consumo Larghezza di banda per sito. I dati possono essere visualizzati per Dominio o Sito utilizzando i controlli forniti. Larghezza di banda Utenti: un elenco degli utenti con il totale rispettivo di Richieste Web e di consumo Larghezza di banda per utente. Un grafico mostra il consumo attuale di larghezza di banda in MB. Le informazioni aggiuntive includono: IP (utente) Url Stato Scaricato Attività Caricato Visualizza il numero di richieste Web attuali. IP (utente) Url Stato Scaricato Caricato GFI WebMonitor 5 Utilizzo del Dashboard 45

46 Per il grafico del traffico in tempo reale di Larghezza di banda e Attività, configurare Intervallo di aggiornamento automatico nel margine superiore destro della pagina. Il valore predefinito è impostato su Utilizzo della quarantena L area Quarantena conserva il contenuto filtrato finché l amministratore non controlla l elemento e decide quale azione intraprendere. Eseguire una delle seguenti azioni: OPZIONE Approva Approva tutti Elimina Elimina tutti DESCRIZIONE Approva un singolo elemento nell elenco. Approva tutti gli elementi nell elenco. Elimina un singolo elemento nell elenco. Elimina tutti gli elementi nell elenco. L elenco Quarantena è popolato dalle seguenti azioni effettuate in base a criteri preconfigurati. Il criterio che ha bloccato l elemento inserito in quarantena verrà elencato in Tipo di criterio, insieme all utente, ai dettagli della richiesta, alla data e all ora. Per approvare o eliminare una voce dall elenco di Quarantena: 1. Selezionare Dashboard > Quarantena. 2. Individuare l elemento da approvare o eliminare e selezionare la casella di controllo accanto ad esso. 3. Fare clic su Approva o Elimina. 4. Dalla finestra Approva richieste di accesso, fare clic su Conferma. 5.7 Utilizzo del dashboard Quote Il dashboard Quote elenca i Criteri quota di navigazione Web attivi e il loro rispettivo stato. Se viene superata una quota, l amministratore può rivedere gli elementi elencati e decidere quale azione intraprendere. Se il criterio non viene ripristinato, la navigazione sarà bloccata e verrà visualizzato un messaggio nel browser dell utente, che indica il motivo per cui è stata bloccata la navigazione e il nome del criterio. GFI WebMonitor 5 Utilizzo del Dashboard 46

47 Schermata 15: dashboard Quote Il dashboard Quote fornisce le seguenti informazioni: OPZIONE Utente/IP Nome criterio Tipo di limite Limite Uso DESCRIZIONE Mostra il nome utente o l indirizzo IP che viene bloccato. Se l Anonimato è abilitato, i dati visualizzati sono generici, ad esempio, Utente 0, Utente 1. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Opzioni generali (pagina 65). Il nome del criterio attivo. Fare clic sul nome del criterio per accedere alla pagina delle impostazioni e modificarlo. Il tipo di limite può essere per larghezza di banda (in KB o MB) oppure per tempo (minuti o ore). Mostra la quantità di larghezza di banda o di tempo allocati nel rispettivo Criterio quota di navigazione Web. Elenca le quantità rimanenti per ciascun Criterio quota di navigazione Web e una barra che si riempie in base all utilizzo. Le statistiche vengono visualizzate quando il mouse viene passato sopra la barra e contengono quanto segue: Limitati per Categorie limitate Siti esclusi Abilitato Priorità GFI WebMonitor 5 Utilizzo del Dashboard 47

48 Un filtro aggiuntivo consente di visualizzare i dati in base ai seguenti criteri: OPZIONE Utenti (predefinito) Tipo di limite DESCRIZIONE Elenca gli utenti o gli indirizzi IP con un filtro per cercare le voci per un utente specifico. Fare clic per filtrare i dati per tipi di limite. Eseguire un maggior drill down facendo clic sui tipi. Per ripristinare un elemento dall elenco Quote: 1. Selezionare Dashboard > Quote. 2. Individuare l elemento da ripristinare e selezionare la casella di controllo accanto ad esso. È anche possibile selezionare più elementi. 3. Per ripristinare un criterio che ha superato il limite, eseguire una delle seguenti azioni: OPZIONE Reimposta Reimposta tutto DESCRIZIONE Fare clic per reimpostare gli elementi selezionati nell elenco. Fare clic per reimpostare tutti gli elementi nell elenco. 4. Dalla finestra Ripristina quota di navigazione web per l utente, fare clic su Conferma. È anche possibile ripristinare una quota dalla pagina Criteri quota di navigazione Web, facendo clic sul pulsante di aggiornamento accanto al nome criterio configurato. 5.8 Agenti di monitoraggio Il dashboard Agenti fornisce le informazioni connesse allo stato degli agenti configurati. Le informazioni fornite consentono di identificare rapidamente, quando sia avvenuta l ultima sincronizzazione con il server GFI WebMonitor da parte degli utenti. I dati vengono filtrati per fornire informazioni relative a: OPZIONE IP Ultima richiesta Versione agente DESCRIZIONE Mostra il Agente di GFI WebMonitor rilevato in base all indirizzo IP. Indica la data e l ora dell ultima comunicazione intercorsa fra Agente di GFI WebMonitor e il server GFI WebMonitor. Visualizza il numero di versione dell Agente di GFI WebMonitor rilevato. Un icona indica se l agente sia aggiornato o no. Un filtro aggiuntivo permette di visualizzare i dati per indirizzo IP mediante la ricerca delle voci relative a un utente specifico. IMPORTANTE Se è abilitato l anonimato, i dati personali (ad esempio nomi utente e IP) saranno nascosti. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Opzioni generali (pagina 65). GFI WebMonitor 5 Utilizzo del Dashboard 48

49 6 Creazione di rapporti GFI WebMonitor utilizza un motore di creazione rapporti integrato che consente la creazione di rapporti senza dover uscire dalla GUI. È possibile creare rapporti basati sulle inclusioni ed esclusioni di utenti, categorie e siti web, assicurando che risultino mirati e pertinenti. Utilizzare il motore di creazione rapporti per: La creazione di rapporti basati sui reparti che possono essere pianificati e inviati ai caporeparto. La creazione di rapporti che escludono determinati dati quali salesforce.com e altri siti web o dati irrilevanti. La creazione di rapporti che includono solo determinate categorie di siti web. Ad esempio, la generazione di rapporti di perdita di produttività dove vengono aggiunte solo le categorie relative alla Perdita di produttività. La creazione di rapporti basati sulle esigenze, ad esempio sull attività di navigazione/larghezza di banda/sicurezza e altre esigenze. La creazione di rapporti pianificati distribuiti in vari formati. 6.1 Rapporti speciali Per accedere a Rapporti speciali e creare un elenco di rapporti usati di frequente, fare clic su Rapporti. Per aggiungere un rapporto all elenco Rapporti speciali: 1. Selezionare Rapporti > scheda Larghezza di banda o Attività. 2. Per continuare, fare clic su accanto al nome del rapporto. 3. I Rapporti speciali verranno contrassegnati con. 6.2 Rapporti attività GFI WebMonitor offre una serie di rapporti che facilita il monitoraggio dell attività degli utenti nella rete. È possibile modificare i rapporti esistenti o aggiungerne di nuovi, personalizzati in base alle proprie esigenze. Per utilizzare uno dei rapporti di cui sopra: 1. Selezionare Rapporti e quindi la scheda Attività. 2. Per eseguire una modifica, fare clic su uno dei nomi dei rapporti oppure su Esegui per generare un rapporto. Ogni rapporto può essere esportato in Excel, PDF o Word e può essere anche inviato alla stampante Modifica rapporti attività Per modificare un rapporto attività: 1. Selezionare Rapporti e quindi la scheda Attività. GFI WebMonitor 6 Creazione di rapporti 49

50 2. Fare clic sul nome del rapporto da modificare. 3. [Optional] Modificare il nome del rapporto. 4. Nella scheda Dati, selezionare Intervallo date dall elenco a discesa. 5. Nel campo Limite record, impostare il numero massimo di record visualizzati nel rapporto. L impostazione predefinita è 1000 per serie. 6. Nell area Includi: a. Fare clic sulla scheda Utenti/Gruppi e aggiungere gli utenti o i gruppi da includere o escludere nel rapporto. b. Per aggiungere le categorie da includere o escludere nel rapporto, fare clic sulla scheda Categorie. c. Fare clic sulla scheda Siti web e aggiungere i domini da includere o escludere nel rapporto. d. Per aggiungere i criteri da includere o escludere nel rapporto, fare clic sulla scheda Criteri. I criteri possono essere aggiunti per nome, per l azione svolta dai criteri (Limitati o Con avviso) o in base al tipo di criterio (Download, Filtro o Sicurezza). 7. Selezionare la scheda Pianificazione e fare clic su ON per abilitare la pianificazione dei rapporti. Se la pianificazione è disabilitata, il rapporto non viene generato automaticamente. Schermata 16: pianificazione di un rapporto attività 8. Dall area Viene eseguito, scegliere se il rapporto verrà generato: OPZIONE Una volta Ogni giorno DESCRIZIONE Nel campo Esegui il, indicare una data e un ora in cui generare una volta il rapporto. Nel campo Esegui ogni, indicare l intervallo di giorni dopo cui generare il rapporto. Nel campo Alle, indicare l orario in cui eseguire il rapporto. Se si desidera che l occorrenza termini dopo un periodo specifico, selezionare Il nell area Fine ripetizione e definite la data, altrimenti impostare Mai (opzione predefinita). GFI WebMonitor 6 Creazione di rapporti 50

51 OPZIONE Settimanale Mensile DESCRIZIONE Nel campo Esegui ogni, indicare l intervallo di settimane e utilizzare le caselle di controllo Ripeti per scegliere i giorni della settimana in cui generare il rapporto. Nel campo Alle, indicare l orario in cui eseguire il rapporto. Se si desidera che l occorrenza termini dopo un periodo specifico, selezionare Il nell area Fine ripetizione e definire la data, altrimenti impostare Mai (opzione predefinita). Utilizzare le caselle di controlli Ripeti a per scegliere i mesi in cui verrà generato il rapporto. Nel campo Il, indicare il giorno del mese e utilizzare il campo Alle per indicare l orario in cui eseguire il rapporto. Se si desidera che l occorrenza termini dopo un periodo specifico, selezionare Il nell area Fine ripetizione e definire la data, altrimenti impostare Mai (opzione predefinita). 9. Selezionare la scheda Distribuzione e scegliere una delle seguenti opzioni: OPZIONE Disctribuisci PDF Distribuisci XLS Distribuisci DOC DESCRIZIONE Consente di salvare un documento PDF nel percorso indicato nel campo Cartella di destinazione. [Optional] Nel campo Destinatari posta elettronica, aggiungere un indirizzo del destinatario a cui inviare il documento per . Consente di salvare un documento nel formato.xls nel percorso indicato nel campo Cartella di destinazione. [Optional] Nel campo Destinatari posta elettronica, aggiungere un indirizzo del destinatario a cui inviare il documento per . Consente di salvare un documento nel formato.doc nel percorso indicato nel campo Cartella di destinazione. [Optional] Nel campo Destinatari posta elettronica, aggiungere un indirizzo del destinatario a cui inviare il documento per Fare clic su Salva. 11. Per generare il rapporto, fare clic su Esegui. 6.3 Rapporti larghezza di banda GFI WebMonitor offre una serie di rapporti che facilita il monitoraggio dell attività della larghezza di banda nella rete. Utilizzare i rapporti per identificare il traffico non produttivo, le tendenze di download e gli schemi di utilizzo, così da poter intraprendere le azioni dovute, ove necessario. È possibile modificare i rapporti esistenti o aggiungerne di nuovi, personalizzati in base alle proprie esigenze. Per utilizzare uno dei rapporti di cui sopra: 1. Selezionare Rapporti e fare clic sulla scheda Larghezza di banda. 2. Per eseguire una modifica, fare clic su uno dei nomi dei rapporti oppure su Esegui per generare un rapporto. Ogni rapporto può essere esportato in Excel, PDF o Word e può essere anche inviato alla stampante Modifica rapporti larghezza di banda Per modificare un rapporto larghezza di banda: 1. Selezionare Rapporti e fare clic sulla scheda Larghezza di banda. 2. Fare clic sul nome del rapporto da modificare. 3. [Optional] Modificare il nome del rapporto. 4. Nella scheda Dati, selezionare Intervallo date dall elenco a discesa. GFI WebMonitor 6 Creazione di rapporti 51

52 5. Nel campo Limite record, impostare il numero massimo di record visualizzati nel rapporto. L impostazione predefinita è 1000 per serie. 6. Nell area Includi: a. Fare clic sulla scheda Utenti/Gruppi e aggiungere gli utenti o i gruppi da includere o escludere nel rapporto. b. Per aggiungere le categorie da includere o escludere nel rapporto, fare clic sulla scheda Categorie. c. Fare clic sulla scheda Siti web e aggiungere i domini da includere o escludere nel rapporto. 7. Selezionare la scheda Pianificazione e fare clic su ON per abilitare la pianificazione dei rapporti. Se la pianificazione è disabilitata, il rapporto non viene generato automaticamente. Schermata 17: pianificazione di un rapporto attività 8. Dall area Viene eseguito, scegliere se il rapporto verrà generato: OPZIONE Una volta Ogni giorno Settimanale Mensile DESCRIZIONE Nel campo Esegui il, indicare una data e un ora in cui generare una volta il rapporto. Nel campo Esegui ogni, indicare l intervallo di giorni dopo cui generare il rapporto. Nel campo Alle, indicare l orario in cui eseguire il rapporto. Se si desidera che l occorrenza termini dopo un periodo specifico, selezionare Il nell area Fine ripetizione e definite la data, altrimenti impostare Mai (opzione predefinita). Nel campo Esegui ogni, indicare l intervallo di settimane e utilizzare le caselle di controllo Ripeti per scegliere i giorni della settimana in cui generare il rapporto. Nel campo Alle, indicare l orario in cui eseguire il rapporto. Se si desidera che l occorrenza termini dopo un periodo specifico, selezionare Il nell area Fine ripetizione e definire la data, altrimenti impostare Mai (opzione predefinita). Utilizzare le caselle di controlli Ripeti a per scegliere i mesi in cui verrà generato il rapporto. Nel campo Il, indicare il giorno del mese e utilizzare il campo Alle per indicare l orario in cui eseguire il rapporto. Se si desidera che l occorrenza termini dopo un periodo specifico, selezionare Il nell area Fine ripetizione e definire la data, altrimenti impostare Mai (opzione predefinita). 9. Selezionare la scheda Distribuzione e scegliere una delle seguenti opzioni: GFI WebMonitor 6 Creazione di rapporti 52

53 OPZIONE Disctribuisci PDF Distribuisci XLS Distribuisci DOC DESCRIZIONE Consente di salvare un documento PDF nel percorso indicato nel campo Cartella di destinazione. [Optional] Nel campo Destinatari posta elettronica, aggiungere un indirizzo del destinatario a cui inviare il documento per . Consente di salvare un documento nel formato.xls nel percorso indicato nel campo Cartella di destinazione. [Optional] Nel campo Destinatari posta elettronica, aggiungere un indirizzo del destinatario a cui inviare il documento per . Consente di salvare un documento nel formato.doc nel percorso indicato nel campo Cartella di destinazione. [Optional] Nel campo Destinatari posta elettronica, aggiungere un indirizzo del destinatario a cui inviare il documento per Fare clic su Salva. 11. Per generare il rapporto, fare clic su Esegui. 6.4 Rapporti di sicurezza GFI WebMonitor offre una serie di rapporti che facilita il monitoraggio dell attività sospetta nella rete. Utilizzare i rapporti di sicurezza per identificare: la quantità di file infetti rilevati da GFI WebMonitor i dettagli dei siti di phishing bloccati un elenco di virus che ha minacciato la rete dell organizzazione È possibile modificare i rapporti esistenti o aggiungerne di nuovi, personalizzati in base alle proprie esigenze: 1. Selezionare Rapporti e quindi la scheda Sicurezza. 2. Per eseguire una modifica, fare clic su uno dei nomi dei rapporti oppure su Esegui per generare un rapporto. Ogni rapporto può essere esportato in Excel, PDF o Word e può essere anche inviato alla stampante Modifica rapporti di sicurezza Per modificare un rapporto di sicurezza: 1. Selezionare Rapporti e quindi la scheda Attività. 2. Fare clic sul nome del rapporto da modificare. 3. [Optional] Modificare il nome del rapporto. 4. Nella scheda Dati, selezionare Intervallo date dall elenco a discesa. 5. Nel campo Limite record, impostare il numero massimo di record visualizzati nel rapporto. L impostazione predefinita è 1000 per serie. 6. Nell area Includi: a. Fare clic sulla scheda Utenti/Gruppi e aggiungere gli utenti o i gruppi da includere o escludere nel rapporto. GFI WebMonitor 6 Creazione di rapporti 53

54 b. Per aggiungere le categorie da includere o escludere nel rapporto, fare clic sulla scheda Categorie. c. Fare clic sulla scheda Siti web e aggiungere i domini da includere o escludere nel rapporto. 7. Selezionare la scheda Pianificazione e fare clic su ON per abilitare la pianificazione dei rapporti. Se la pianificazione è disabilitata, il rapporto non viene generato automaticamente. Schermata 18: pianificazione di un rapporto attività 8. Dall area Viene eseguito, scegliere se il rapporto verrà generato: OPZIONE Una volta Ogni giorno Settimanale Mensile DESCRIZIONE Nel campo Esegui il, indicare una data e un ora in cui generare una volta il rapporto. Nel campo Esegui ogni, indicare l intervallo di giorni dopo cui generare il rapporto. Nel campo Alle, indicare l orario in cui eseguire il rapporto. Se si desidera che l occorrenza termini dopo un periodo specifico, selezionare Il nell area Fine ripetizione e definite la data, altrimenti impostare Mai (opzione predefinita). Nel campo Esegui ogni, indicare l intervallo di settimane e utilizzare le caselle di controllo Ripeti per scegliere i giorni della settimana in cui generare il rapporto. Nel campo Alle, indicare l orario in cui eseguire il rapporto. Se si desidera che l occorrenza termini dopo un periodo specifico, selezionare Il nell area Fine ripetizione e definire la data, altrimenti impostare Mai (opzione predefinita). Utilizzare le caselle di controlli Ripeti a per scegliere i mesi in cui verrà generato il rapporto. Nel campo Il, indicare il giorno del mese e utilizzare il campo Alle per indicare l orario in cui eseguire il rapporto. Se si desidera che l occorrenza termini dopo un periodo specifico, selezionare Il nell area Fine ripetizione e definire la data, altrimenti impostare Mai (opzione predefinita). 9. Selezionare la scheda Distribuzione e scegliere una delle seguenti opzioni: OPZIONE Disctribuisci PDF DESCRIZIONE Consente di salvare un documento PDF nel percorso indicato nel campo Cartella di destinazione. [Optional] Nel campo Destinatari posta elettronica, aggiungere un indirizzo del destinatario a cui inviare il documento per . GFI WebMonitor 6 Creazione di rapporti 54

55 OPZIONE Distribuisci XLS Distribuisci DOC DESCRIZIONE Consente di salvare un documento nel formato.xls nel percorso indicato nel campo Cartella di destinazione. [Optional] Nel campo Destinatari posta elettronica, aggiungere un indirizzo del destinatario a cui inviare il documento per . Consente di salvare un documento nel formato.doc nel percorso indicato nel campo Cartella di destinazione. [Optional] Nel campo Destinatari posta elettronica, aggiungere un indirizzo del destinatario a cui inviare il documento per Fare clic su Salva. 11. Per generare il rapporto, fare clic su Esegui Clonazione rapporti Tutti i rapporti predefiniti possono essere clonati per la creazione di nuovi rapporti personalizzati. Per clonare un rapporto: 1. Selezionare Rapporti e quindi la scheda Larghezza di banda o Attività. 2. Fare clic sulla voce Modifica rapporto, posta accanto al rapporto da clonare. 3. Modificare il nome del rapporto e fare clic su Clona rapporto. GFI WebMonitor 6 Creazione di rapporti 55

56 7 Configurazione di GFI WebMonitor I seguenti argomenti contengono informazioni realtive alle modalità di configurazione di GFI WebMonitor: Impostazioni generali 1. Gestione licenze 2. Controllo di accesso UI 3. Aggiornamento automatico motori di scansione interna 4. Impostazioni del database 5. Configurazione della registrazione attività Web 6. Conservazione dei file scaricati, lingua di notifica, durata dei temporaneamente consentiti e anonimato dei dati personali 7. Categorizzazione Web Criteri 1. Criteri Internet 2. Criteri di sicurezza 3. Criteri di controllo download 4. Elenco Bloccare sempre, elenco Consentire sempre e configurazione Temporaneamente consentiti Configurazione dispositivi remoti 1. Download dell agente di GFI WebMonitor Funzionamento di agente WebMonitor 3. Installazione manuale di agente WebMonitor 4. Installazione di agente GFI WebMonitor tramite Oggetto Criteri di gruppo 5. Configurazione criteri di filtro remoto Avvisi 1. Configurazione avvisi di monitoraggio 2. Configurazione avvisi larghezza di banda 3. Configurazione avvisi di sicurezza Quando è stata distribuita più di un istanza di GFI WebMonitor all interno dell organizzazione, utilizzare Settings Importer Tool per l esportazione rapida delle impostazioni da un installazione configurata di GFI WebMonitor, così da importare le medesime impostazioni in una nuova. Utilizzando il semplice scripting da riga di comando, è possibile esportare e importare le configurazioni di GFI WebMonitor per eseguire la sincronizzazione delle istanze multiple. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Utilizzo di Settings Importer Tool (pagina 26). GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 56

57 7.1 Impostazioni generali I seguenti argomenti facilitano la configurazione delle impostazioni relative al funzionamento di GFI WebMonitor: OPZIONE Gestione licenze Controllo di accesso UI Aggiornamento automatico Database Notifiche Opzioni Categorizzazione Web DESCRIZIONE Visualizzazione configurazione attuale della licenza o aggiornamento con il nuovo codice di licenza. Configurazione dell Autenticazione Windows e creazione di regole di autorizzazione per concedere o negare l accesso degli utenti all applicazione. Attivazione o disattivazione delle impostazioni di aggiornamento automatico per i componenti principali di GFI WebMonitor. Specifica del tipo di database back-end per GFI WebMonitor. Definizione delle impostazioni per le notifiche relative alle attività amministrative. Configurazione del periodo di conservazione dei dati, delle dimensioni della cache di file scaricata, della lingua di notifica, del periodo di scadenza per la navigazione temporaneamente consentita e per l anonimato. Abilitare la ricerca online di Categorizzazione Web per i siti web non trovati all interno del database locale Informazioni sulla licenza La schermata Gestione licenze fornisce le seguenti informazioni: OPZIONE Versione prodotto Codice di licenza Stato licenza Abbonamento Postazioni con licenza DESCRIZIONE Visualizza la versione attualmente installata di GFI WebMonitor e il numero di build. Mostra il codice di licenza attivo e offre la possibilità di aggiornarlo. Indica l edizione di GFI WebMonitor attualmente installata. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Informazioni su GFI WebMonitor (pagina 5). Mostra la data di scadenza della licenza attuale. Mostra il numero di utenti con licenza e quanti sono attualmente attivi nella rete Aggiornamento licenza Per iniziare a utilizzare GFI WebMonitor, è necessario attivare un codice di licenza valido. Per aggiornare il codice di licenza prodotto: 1. Selezionare Impostazioni > Generale > Gestione licenze. 2. Fare clic su Aggiorna licenza e inserire il codice di licenza. 3. Fare clic su Applica. Per attivare il codice di licenza, è necessario che sia disponibile una connessione Internet Controllo di accesso UI Il nodo Controllo di accesso UI consente di: Attivare o disattivare Autenticazione Windows per gli utenti definiti nelle Regole di autorizzazione configurate. Quando Autenticazione Windows è abilitata, è possibile consentire GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 57

58 accesso all interfaccia utente di GFI WebMonitor utilizzando Utenti e gruppi di Active Directory. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Configurazione Autenticazione Windows (pagina 58). Aggiungere nuove Regole di autorizzazione per consentire l accesso agli utenti di sezioni diverse di GFI WebMonitor. Gli utenti, i gruppi o gli IP elencati nelle Regole di autorizzazione configurate avranno accesso a visualizzazioni limitate relative ai dati, così che, ad esempio, i responsabili di reparto possano accedere ai dashboard e ai rapporti dei membri dei loro team. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Aggiunta di una nuova regola di autorizzazione (pagina 58). Configurazione Autenticazione Windows Quando Autenticazione Windows è abilitata, è possibile Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Configurazione Autenticazione Windows (pagina 58). IMPORTANTE Gli utenti o i gruppi indicati in Regole di autorizzazione saranno autorizzati all accesso solo se il loro nome utente è autenticato. Per attivare o disattivare Autenticazione Windows: 1. Selezionare Impostazioni > Generale > Controllo di accesso UI. Schermata 19: configurazione del controllo di accesso 2. Fare clic sul pulsante ON o OFF, posto accanto a Autenticazione Windows. Aggiunta di una nuova regola di autorizzazione Le Regole di autorizzazione configurate consentono o negano l accesso agli utenti di sezioni diverse di GFI WebMonitor. Gli utenti, i gruppi o gli IP elencati nelle Regole di autorizzazione configurate avranno accesso a visualizzazioni limitate relative ai dati, così che, ad esempio, i responsabili di reparto possano accedere ai dashboard e ai rapporti dei membri dei loro team. Per aggiungere una nuova regola di autorizzazione: 1. Selezionare Impostazioni > Generale > Controllo di accesso UI. 2. Fare clic su Aggiungi regola di autorizzazione. GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 58

59 3. Nel campo Applica regola a, indicare l utente, il gruppo o l indirizzo IP a cui si applicherà la regola. Ripetere la procedura per tutti gli utenti, gruppi o IP necessari. IMPORTANTE Gli utenti o i gruppi indicati in Regole di autorizzazione saranno autorizzati all accesso solo se è abilitata Autenticazione Windows e il loro nome utente è autenticato. Quando Autenticazione Windows è disabilitata, utilizzare gli indirizzi IP. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Configurazione Autenticazione Windows (pagina 58). 4. Nel campo Può visualizzare i dati per, indicare l utente, il gruppo o l indirizzo IP a cui avrà accesso l utente indicato nel passaggio precedente. Ad esempio, John Smith, responsabile marketing, dispone di accesso a tutti gli utenti del gruppo marketing. Ripetere la procedura per tutti gli utenti, gruppi o IP necessari. 5. Nell area Diritti di accesso, consentire o bloccare quanto segue: OPZIONE Visualizza dashboard Visualizza quarant. Visualizza traffico in tempo reale Visualizza rapporti Modifica rapporti Modifica impostazioni DESCRIZIONE Quando è abilitata, l utente può visualizzare il dashboard Larghezza di banda, Attività e Sicurezza. L accesso ai dashboard Quarantena e Traffico in tempo reale può essere consentito o negato utilizzando comandi aggiuntivi. Questa opzione è disponibile solo quando è abilitata Visualizza dashboard. Per consentire l accesso all area Quarantena, fare clic su Consenti. Quando questa opzione è abilitata, l utente può monitorare il traffico in tempo reale e interrompere le connessioni attive. Per consentire l accesso al nodo Rapporti, fare clic su Consenti. L utente sarà in grado di generare tutti i rapporti configurati. Quando questa opzione è abilitata, l utente può modificare, eliminare e creare nuovi rapporti. Questa opzione è disponibile solo quando è abilitata Visualizza rapporti. Quando è abilitata, l utente può accedere all area Impostazioni e modificare le impostazioni di GFI WebMonitor. 6. Fare clic su Salva Configurazione aggiornamento automatico La pagina Aggiornamento automatico offre un area centralizzata per la configurazione delle impostazioni di aggiornamento automatico per i componenti principali di GFI WebMonitor. Per abilitare o disabilitare l aggiornamento automatico dei componenti disponibili: 1. Selezionare Impostazioni > Generale > Aggiornamento automatico. 2. Per abilitare o disabilitare i componenti desiderati, fare clic su ON o OFF. Per la massima protezione, si consiglia di abilitare tutti gli aggiornamenti automatici. 3. [Optional] Selezionare uno dei motori di monitoraggio nella pagina Aggiornamento automatico e configurare le seguenti opzioni: GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 59

60 OPZIONE Controlla aggiornamenti e, se disponibili, li installa, ogni: Aggiorna ora Inviare una notifica di posta all amministratore quando il motore si aggiorna correttamente DESCRIZIONE Indicare la frequenza (in ore) di controllo per gli aggiornamenti disponibili. Fare clic per aggiornare manualmente il motore di monitoraggio. Consente di inviare notifiche di posta all amministratore quando un motore si aggiorna correttamente. Qualora l aggiornamento del motore non riuscisse, verrà sempre inviata una notifica di posta all amministratore. 4. Fare clic su Salva Configurazione database GFI WebMonitor supporta due tipi di database: DATABASE Database Firebird Database Microsoft SQL DESCRIZIONE Firebird è il database predefinito, configurato automaticamente al momento dell installazione. GFI WebMonitor supporta sia i database di Microsoft SQL Express che di Microsoft SQL server. Il database attualmente configurato può essere visualizzato da Impostazioni > Generale > Database. Schermata 20: database configurato Configurazione di un database Firebird Durante l installazione, GFI WebMonitor installa in automatico un database Firebird che viene utilizzato dall applicazione come predefinito. Il percorso predefinito è: C:\Program Files\GFI\WebMonitor\Data\WEBMON.FDB. Per modificare il percorso predefinito del database di Firebird: 1. Selezionare C:\Program Files\GFI\WebMonitor\Data e copiare il file WEBMON.FDB. 2. Salvare il file copiato nel nuovo percorso. 3. In GFI WebMonitor, selezionare Impostazioni > Generale > Database. GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 60

61 Schermata 21: Configurazione database 4. Da Tipo di database, selezionare Incorporato. 5. Nel campo Percorso, modificare il percorso affinché punti alla nuova posizione. 6. Fare clic su Salva. Per creare un nuovo database di Firebird, inserire un nuovo nome per il database nel seguente formato: <nome database>.fdb Configurazione database Microsoft SQL GFI WebMonitor supporta sia i database di Microsoft SQL Express che di Microsoft SQL server. Affinché GFI WebMonitor faccia riferimento a un database di Microsoft SQL Server precedentemente creato: 1. In GFI WebMonitor, selezionare Impostazioni > Generale > Database. 2. Da Tipo di database, selezionare SQL Server. GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 61

62 3. Nel campo SQL Server, immettere il nome dell istanza SQL Server. 4. Nell area Autenticazione, selezionare una delle seguenti opzioni: OPZIONE Autenticazione Windows Autenticazione di SQL Server DESCRIZIONE Selezionare questa opzione per utilizzare le credenziali Windows per la connessione a SQL Server. Se SQL Server è stato installato in Modalità di autenticazione di SQL Server, selezionare questa opzione e fornire Nome utente e Password. 5. Nel campo Database, immettere il nome del database creato in SQL Server. IMPORTANTE Assicurarsi che il nome del database inserito sia unico, altrimenti si sovrascriverà quello esistente. 6. Fare clic su Salva. È possibile creare un nuovo database dall interno di GFI WebMonitor. Per creare un nuovo database, inserire un nuovo nome per il database e fare clic su Salva. 7.2 Configurazione della registrazione attività Web Per impostazione predefinita, tutto il traffico Internet (ad eccezione degli aggiornamenti di GFI WebMonitor) viene inoltrato attraverso GFI WebMonitor a tutti gli utenti con licenza. Questi dati sono necessari per popolare dashboard e rapporti. GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 62

63 IMPORTANTE Se la registrazione è disabilitata, il traffico verrà comunque filtrato ma i dati non saranno più disponibili per la creazione di rapporti. GFI WebMonitor consente di personalizzare le opzioni di registrazione per escludere utenti specifici, categorie di siti web e domini dalla registrazione attività. Questa funzione si rivela utile, ad esempio, per escludere dai rapporti il traffico diretto al proprio dominio aziendale. Inoltre, è possibile abilitare le opzioni di registrazione avanzata che monitorano gli URL completi visitati dagli utenti. Questa opzione è utile a scopi investigativi. Quando è abilitata, i dashboard e i rapporti riportano l indirizzo completo dei siti visitati. La registrazione dell URL completo può essere abilitata per gli utenti (o IP), per categorie specifiche o per dominio. La registrazione dell URL completo genera una grande quantità di dati nel database. Consigliamo di utilizzare questa funzione solo per utenti (o domini) specifici e soltanto per un periodo di tempo limitato. Inoltre, utilizzare le opzioni di Conservazione dei dati per memorizzare i registri attività per un periodo di tempo inferiore, così da risparmiare spazio sul database. Per configurare le opzioni di registrazione: 1. Selezionare Impostazioni > Generale > Registrazione attività. 2. Per impostazione predefinita, Stato registrazione è impostato su Abilitato. Per disattivare completamente la registrazione attività, fare clic su Disabilitato. IMPORTANTE Se la registrazione è disabilitata, il traffico verrà comunque filtrato ma i dati non saranno più disponibili per la creazione di rapporti. 3. A scopi di ottimizzazione, configurare Conservazione dei dati con le seguenti opzioni: OPZIONE Conserva i dati attività per DESCRIZIONE Indicare la durata di conservazione di tutti i tipi di dati raccolti da GFI WebMonitor. I dati vengono eliminati alla scadenza del periodo indicato. Per configurare la durata della conservazione dei dati, immettere il numero di giorni in questo campo. Il valore predefinito è 365 giorni. I dati dell attività interessano le dimensioni del database. Memorizzare i dati delle attività per un periodo di tempo inferiore, così da risparmiare spazio. I dati antecedenti al numero specificato di giorni non saranno più disponibili nel Dashboard. I rapporti definiti per i periodi precedenti saranno vuoti. GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 63

64 OPZIONE Conserva dati Registro eventi per DESCRIZIONE Indicare la durata della conservazione nel database dei dati del registro eventi. Allo scadere del periodo indicato, verranno eliminati solo i dati di Registro eventi. Gli altri dati raccolti da GFI WebMonitor non saranno interessati dall opzione. Quando è abilitata l opzione di registrazione completa URL, consigliamo l impostazione di un periodo di conservazione più breve. 3. Nell area Escludi registrazione per, configurare le opzioni per: Quando vengono eliminati i dati di Registro eventi, le informazioni della colonna Registro eventi relative ai dashboard di Larghezza di banda, Attività e Sicurezza non saranno più disponibili. Ne saranno interessati anche alcuni rapporti dettagliati. OPZIONE Utenti Categorie Domini DESCRIZIONE Specificare gli utenti per escluderli dalla registrazione, tramite nome utente di Active Directory/Windows o IP. Inserire le categorie specifiche da escludere dalla Registrazione attività. Iniziare a digitare nel campo Categoria e scegliere dall elenco fornito. Specificare i domini da escludere nel formato dominio.com o sottodominio.dominio.com. 4. [Optional] Nell area Abilita registrazione completa URL per, configurare le seguenti opzioni: OPZIONE Utenti Categorie Domini DESCRIZIONE Specificare gli utenti tramite nome utente di Active Directory/Windows o IP. Dal database di categorie di GFI WebMonitor, inserire categorie specifiche. Specificare i domini nel formato dominio.com o sottodominio.dominio.com. 5. Fare clic su Salva Configurazione notifiche Quando si configurano le notifiche, GFI WebMonitor invia messaggi di posta contenenti informazioni relative ad attività quali aggiornamenti automatici e problemi di licenza a indirizzi di posta specifici. Per modificare l impostazione delle notifiche amministrative configurate durante l installazione: 1. Selezionare Impostazioni > Generale > Notifiche. GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 64

65 Schermata 22: configurazione notifiche amministrative 2. Modificare una delle seguenti opzioni: OPZIONE Indirizzo e- mail mittente Server SMTP Porta SMTP Authentication Indirizzi di posta elettronica Verifica impostazioni di posta DESCRIZIONE Specificare l'indirizzo di posta elettronica da cui verranno inviate le notifiche. Immettere il nome o l IP del server SMTP. Immettere un numero di porta. Se si utilizza un provider di posta in hosting, abilitare Autenticazione e fornire un Nome utente e una Password per connettersi al server di posta in hosting e inviare notifiche. Se è necessario SSL, fare clic su ON nell area Abilita SSL. Inserire l indirizzo di posta elettronica del destinatario. Fare clic per inviare un messaggio di prova e verificare che le impostazioni del server di posta siano configurate correttamente. 3. Fare clic su Salva Opzioni generali Utilizzare la scheda Opzioni per configurare: Periodi di conservazione dei dati Durata della conservazione dei file scaricati nella cache Lingua utilizzata per la visualizzazione delle notifiche di blocco o degli avvisi Durata della conservazione dei siti web nell elenco Temporaneamente consentiti Anonimato dei dati personali GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 65

66 Schermata 23: configurazione opzioni generali Scarica i file memorizzati nella cache per Quando la cache è abilitata, GFI WebMonitor memorizza i dati recuperati in un database locale così che le richieste future per quei dati vengano soddisfatte. Utilizzare l opzione per impostare la durata della conservazione di questi dati. Lingua Quando GFI WebMonitor blocca l attività di un utente, questi riceve un messaggio di avviso che indica il criterio che è stato violato. La lingua di questi messaggi di avviso può essere configurata da un elenco predefinito. Per cambiare la lingua dei messaggi di avviso, sceglierla dall elenco a discesa e fare clic su Salva. Periodo di autorizzazione temporanea Utilizzare questa opzione per controllare per quanto tempo GFI WebMonitor conserverà i siti web nell elenco Temporaneamente consentiti. Anonimato L anonimato consente di nascondere i dati utente privati in conformità alle leggi europee di privacy e protezione dati. Se attivato, GFI WebMonitor: GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 66

67 Maschera i dati personali (nome utente e IP) così che non possano essere più visualizzati da Dashboard o dai Rapporti di monitoraggio. Abilita un processo di convalida che richiede due password da due utenti diversi Nasconde eventuali funzionalità dell interfaccia utente che offrono accesso alle informazioni private degli utenti. Per abilitare l anonimato: 1. Selezionare Impostazioni > Opzioni. 2. Nell area Anonimato, fare clic su ON. 3. Inserire le password per Persona responsabile 1 e Persona responsabile Fare clic su Salva. Per disabilitare Anonimato, fare clic su OFF e inserire le password richieste Configurazione categorizzazione Web Quando è presentegfi WebMonitor, verrà installato un database con un quantitativo limitato di siti web categorizzati. GFI WebMonitor aggiorna questo database locale al momento dell attivazione. Categorizzazione Web è una funzione che esegue la connessione a Internet per la ricerca di URL non individuati nel database locale. Per ulteriori informazioni sulla categorizzazione sito web, fare riferimento al seguente whitepaper: Come la Reputazione Web incrementa la protezione online. Questa funzione è abilitata per impostazione predefinita. Per disabilitare Categorizzazione Web, fare clic su OFF accanto a Ricerca online. Schermata 24: Configurazione categorizzazione Web La pagina Categorizzazione Web fornisce inoltre un area di ricerca dove è possibile controllare la presenza di un URL specifico all interno di una categoria. Per cercare un URL: 1. Immettere l URL nel campo Cerca sito Web. 2. Fare clic su Controlla categoria. GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 67

68 Questa funzione è disponibile anche sul dashboard Attività Internet. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Panoramica attività Internet (pagina 33). 7.3 Configurazione criteri I criteri all interno di GFI WebMonitor facilitano all amministratore l incremento della produttività dei dipendenti, con la tranquillità di non doversi preoccupare delle violazioni di sicurezza. Queste possono rivelarsi particolarmente costose per l azienda. GFI WebMonitor consente di definire i criteri di filtro web e sicurezza web, così da facilitare l attuazione di un criterio di utilizzo Internet efficiente: Criteri WebFilter Edition: criteri basati su tempo, larghezza di banda e categoria. 1. Configurazione criteri Internet 2. Configurazione elenco Bloccare sempre 3. Configurazione elenco Consentire sempre 4. Configurazione elenco Temporaneamente consentiti Criteri WebSecurity Edition: per la protezione da virus, spyware, scam di phishing e altro malware. 1. Configurazione criteri di sicurezza 2. Configurazione dei criteri di download Criteri WebFilter Edition WebFilter edition include i criteri di controllo della navigazione basato sul tempo e sulla larghezza di banda, della categorizzazione sito web e del filtraggio URL, il tutto mirato all incremento della produttività e della sicurezza. Le sezioni successive consentono le operazioni di: Configurazione criteri Internet Configurazione elenco Bloccare sempre Configurazione elenco Consentire sempre Configurazione elenco Temporaneamente consentiti Abilitazione o disabilitazione di un criterio configurato Per abilitare o disabilitare un criterio: 1. Selezionare Impostazioni > Criteri > Criteri Internet. 2. Per abilitare il criterio desiderato fare clic su ON oppure su OFF per disabilitarlo. Eliminazione di un criterio Per eliminare un criterio, fare clic sull icona Elimina posta accanto al criterio da eliminare Configurazione criteri Internet I seguenti argomenti guideranno l amministratore nella configurazione dei criteri Internet: GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 68

69 CRITERIO Critrio di filtro web Criteri quota di navigazione Web Criteri di controllo messaggistica istantanea/social Criterio file multimediali Criterio motore di ricerca DESCRIZIONE Controllo delle abitudini di navigazione che possono interessare sicurezza, produttività, prestazioni e questioni legali. Controllo delle modalità con cui gli utenti visualizzano categorie o siti specifici sulla base delle soglie di larghezza di banda o di tempo. Controllo sull uso dei client di messaggistica istantanea. Definizione dei criteri che bloccano i vari tipi di file multimediali in tutti i siti web. Monitoraggio e controllo delle abitudini di ricerca degli utenti. Critrio di filtro web I criteri di filtro web consentono il controllo delle abitudini di navigazione che possono interessare sicurezza, produttività, prestazioni e questioni legali. Il criterio di filtro web predefinito viene abilitato quando GFI WebMonitor è installato. È preconfigurato per essere applicato a tutti e per consentire la navigazione web di tutte le categorie. È possibile modificare il criterio predefinito ma non è possibile disabilitarlo o eliminarlo. Non è possibile modificare alcuni campi del criterio predefinito. Questi includono Nome criterio e Applica criterio a. IMPORTANTE Tutti i criteri aggiunti hanno la priorità sul criterio predefinito. Per aggiungere un criterio di filtro web: 1. Selezionare Impostazioni > Criteri > Criteri Internet. 2. Nell area Criteri di filtro web, fare clic su Aggiungi criterio. GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 69

70 Schermata 25: creazione di un nuovo criterio di filtro web 3. Immettere un nome criterio nella casella di testo Nome criterio. 4. Nell area Filtro, selezionare le categorie da consentire, bloccare, avvisare e consentire oppure mettere in quarantena. 5. [Optional] Per aggiungere condizioni che ignorano le azioni indicate nell area Filtro, fare clic su Mostra filtro avanzato. 6. Nell area Eccezioni, utilizzare i campi Blocca sempre i siti e Consenti sempre i siti per l immissione di URL specifici dei siti web da includere o escludere dal criterio. GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 70

71 Schermata 26: attivazione filtraggio reputazione 7. [Optional] Nell area Filtra per reputazione, fare clic su ON per abilitare il filtraggio in base alla reputazione. La seguente tabella indica in che modo la reputazione viene classificata all interno del database di categorizzazione: INDICE DEFINIZIONE (1 20) Rischio alto (21 40) Sospetto (41 60) Rischio moderato (61 80) Rischio basso (81 100) Affidabile L impostazione di un indice di reputazione di 40 o inferiore blocca i siti web classificati come Sconosciuto. Quando GFI WebMonitor è distribuito, viene installato un database di categorizzazione web locale con un numero limitato di voci. Gli URL non rilevati nel database locale verranno automaticamente classificati come Sconosciuto. Assicurarsi che Ricerca online sia abilitata, così che GFI WebMonitor possa accedere a un archivio di oltre 280 milioni di siti web. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Configurazione categorizzazione Web (pagina 67). 8. Nel campo Applica criterio a, indicare gli utenti, gruppi o IPa cui si applica il nuovo criterio, quindi fare clic suaggiungi. 9. [Optional] Nell area Notifica trasgressore, fare clic su ON per abilitare l invio di notifiche quando un utente viola il criterio. Fornire il corpo del testo del messaggio di notifica nello spazio disponibile. 10. [Optional] Per inviare notifiche quando il contenuto scaricato viola questo criterio, utilizzare l area Notifica amministratori. Aggiungere l indirizzo dell amministratore e fornire il corpo del testo del messaggio di notifica. 11. Nell area Pianificazione, indicare il periodo di tempo durante il quale sarà valido il nuovo criterio. 12. Fare clic su Salva. Criteri quota di navigazione Web Creare un Criterio quota di navigazione Web per controllare le modalità con cui gli utenti visualizzano categorie o siti specifici sulla base delle soglie di larghezza di banda o di tempo. Per creare un nuovo criterio quota di navigazione Web: 1. Selezionare Impostazioni > Criteri > Criteri Internet. 2. Nell area Criteri quota di navigazione Web, fare clic su Aggiungi criterio. GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 71

72 Schermata 27: creazione di un nuovo criterio quota di navigazione Web 3. Immettere un nome criterio nella casella di testo Nome criterio. 4. Nell area Limita di specificare: a. Se la soglia sarà basata sulla Larghezza di banda o sul Tempo. b. La durata in ore o minuti. c. Se la durata è per giorno, settimana o mese. 5. Nell area Applica a: a. Selezionare le categorie o i siti interessati dal criterio. b. Aggiungere i siti da escludere dal criterio. 6. Nel campo Applica criterio a, indicare gli utenti, gruppi o IPa cui si applica il nuovo criterio, quindi fare clic suaggiungi. GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 72

73 7. [Optional] Nell area Notifica trasgressore, fare clic su ON per abilitare l invio di notifiche quando un utente viola questo criterio. Fornire il corpo del testo del messaggio di notifica nello spazio disponibile. 8. [Optional] Per inviare notifiche quando il contenuto scaricato viola questo criterio, utilizzare l area Notifica amministratori. Aggiungere l indirizzo dell amministratore e fornire il corpo del testo del messaggio di notifica. 9. Fare clic su Salva. Per ripristinare il Criterio quota di navigazione Web, aggiornare l icona della pagina Criteri Internet o utilizzare il Dashboard Quote. Criteri di controllo messaggistica istantanea/social I criteri di controllo messaggistica istantanea e social offrono un controllo immediato sull utilizzo dei client di messaggistica istantanea e dei servizi di social networking. Se viene violato un criterio, GFI WebMonitor utilizza il criterio configurato per determinare l azione da intraprendere. La funzionalità criterio di messaggistica istantanea può consentire o bloccare l accesso ai seguenti client: Chat di Gmail/GTalk e Yahoo! Messenger Chat di Facebook Portali online di messaggistica immediata. I controlli social consentono o negano l accesso a quanto segue: Facebook Google+ Twitter Altri siti di social networking Il criterio di messaggistica istantanea e quello di social control vengono abilitati quando GFI WebMonitor è installato. Sono preconfigurati per consentire a tutti gli utenti della rete l accesso a tutti i client di messaggistica istantanea e ai servizi di social networking. È possibile modificare il criterio predefinito ma non è possibile disabilitarlo o eliminarlo. Qualsiasi modifica effettuata al criterio predefinito si applicherà a tutti gli utenti. Non è possibile modificare alcuni campi del criterio predefinito. Questi includono Nome criterio e Applica criterio a. GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 73

74 IMPORTANTE Tutti i criteri aggiunti hanno la priorità sul criterio predefinito. Per creare un nuovo criterio di messaggistica istantanea: 1. Selezionare Impostazioni > Criteri > Criteri Internet. 2. Nell area Criteri di controllo messaggistica istantanea/social, fare clic su Aggiungi criterio. Schermata 28: creazione di un nuovo criterio di messaggistica istantanea 3. Immettere un nome criterio nella casella di testo Nome criterio. 4. Nell area Filtro, selezionare: In Controlli di messaggistica istantanea, indicare il client di messaggistica istantanea da bloccare o consentire. GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 74

75 In Controlli social, indicare il servizio di social networking da bloccare o consentire. 5. Nel campo Applica criterio a, indicare gli utenti, gruppi o IPa cui si applica il nuovo criterio, quindi fare clic suaggiungi. Si consiglia di applicare solo un criterio di controllo di messaggistica istantanea per utente, gruppo o indirizzo IP. Qualora sia applicato più di un criterio di messaggistica istantanea al medesimo utente, gruppo o IP, il criterio più elevato avrà la priorità su quelli successivi. 6. [Optional] Nell area Notifica trasgressore, fare clic su ON per abilitare l invio di notifiche quando un utente viola questo criterio. Fornire il corpo del testo del messaggio di notifica nello spazio disponibile. 7. [Optional] Per inviare notifiche quando il contenuto scaricato viola questo criterio, utilizzare l area Notifica amministratori. Aggiungere l indirizzo dell amministratore e fornire il corpo del testo del messaggio di notifica. 8. Fare clic su Salva. Criterio file multimediali I criteri file multimediali consentono di definire i criteri che bloccano i vari tipi di file multimediali in tutti i siti web. In tal modo si risparmiano e ottimizzano le risorse della larghezza di banda. Il criterio file multimediale predefinito viene abilitato quando GFI WebMonitor è installato. È preconfigurato per consentire a tutti l accesso allo streaming multimediale. È possibile modificare il criterio predefinito ma non è possibile disabilitarlo o eliminarlo. Non è possibile modificare alcuni campi del criterio predefinito. Questi includono Nome criterio e Applica criterio a. IMPORTANTE Tutti i criteri aggiunti hanno la priorità sul criterio predefinito. Per aggiungere un criterio file multimediali: 1. Selezionare Impostazioni > Criteri > Criteri Internet. 2. Nell area Criteri di streaming multimediale, fare clic su Aggiungi criterio. GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 75

76 Schermata 29: configurazione criterio file multimediali 1 3. Immettere un nome criterio nella casella di testo Nome criterio. 4. Nell area Filtro, selezionare le Categorie di streaming multimediale, Applicazioni in streaming e Flussi sito generico da consentire o bloccare. 5. Utilizzare i campi Blocca sempre i siti e Consenti sempre i siti per l immissione di URL specifici dei siti web da includere o escludere dal criterio. 5. Nel campo Applica criterio a, indicare gli utenti, gruppi o IPa cui si applica il nuovo criterio, quindi fare clic suaggiungi. GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 76

77 Quando si immette un Utente, indicare il nome utente nel formato dominio\utente. Quando si immette un IP client, è possibile utilizzare gli intervalli di IP (ad esempio, include questi indirizzi IP: , e ). 7. [Optional] Nell area Notifica trasgressore, fare clic su ON per abilitare l invio di notifiche quando un utente viola questo criterio. Fornire il corpo del testo del messaggio di notifica nello spazio disponibile. 8. [Optional] Per inviare notifiche quando il contenuto scaricato viola questo criterio, utilizzare l area Notifica amministratori. Aggiungere l indirizzo dell amministratore e fornire il corpo del testo del messaggio di notifica. 9. Nell area Filtra per, indicare il periodo di tempo durante il quale sarà valido il nuovo criterio. 10. Fare clic su Salva. Criteri motore di ricerca GFI WebMonitor dispone di due criteri di motore di ricerca che vengono disabilitati per impostazione predefinita all installazione del prodotto. Ricerca sicura Ricerca sicura è una funzione supportata da una serie di motori di ricerca. Se abilitata, GFI WebMonitor applica alle ricerche degli utenti il filtraggio di posta e immagini esplicite. Ricerca sicura è compatibile con i seguenti motori di ricerca: Google Yahoo Lycos Bing. La funzione Ricerca sicura è disponibile in GFI WebMonitor WebFilter Edition. Schermata 30: monitoraggio termini di ricerca e Ricerca sicura Abilitazione di Ricerca sicura 1. Selezionare Impostazioni > Criteri Internet > Ricerca sicura. 2. Fare clic su ON. GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 77

78 Monitoraggio termini di ricerca Monitoraggio termini di ricerca è una funzione che monitora e registra i termini utilizzati durante le ricerche. Se abilitata, sarà possibile monitorare ciò che cercano gli utenti all interno dei vari motori di ricerca, così da ottenere una visione più approfondita di ciò per cui viene più utilizzata la rete. Abilitazione di Monitoraggio termini di ricerca 1. Selezionare Impostazioni > Criteri Internet > Monitoraggio termini di ricerca. 2. Fare clic su ON. Per escludere utenti o indirizzi IP dal monitoraggio: 1. Selezionare Impostazioni > Criteri Internet > Monitoraggio termini di ricerca. 2. Fare clic su Monitoraggio termini di ricerca. 3. Immettere il nome utente o l indirizzo nell apposito campo, quindi fare clic su Escludi Configurazione elenco Bloccare sempre L elenco Bloccare sempre rappresenta un elenco di siti, utenti e indirizzi IP che devono essere sempre bloccati. L elenco Bloccare sempre ha la priorità sui criteri WebFilter e WebSecurity. Se gli elementi nell elenco Bloccare sempre vengono aggiunti anche all elenco Consentire sempre, la priorità viene data all elenco Consentire sempre e l accesso viene autorizzato. Aggiunta di elementi all elenco Bloccare sempre Per aggiungere un elemento all elenco Bloccare sempre: 1. Selezionare Impostazioni > Criteri > Bloccare sempre. 2. Selezionare utente, sito o IP e immettere il valore nello spazio fornito. 3. Fare clic su Aggiungi. 4. Fare clic su Salva. Quando si immette un Utente, indicare il nome utente nel formato dominio\utente. Quando si immette un IP client, è possibile utilizzare gli intervalli di IP (ad esempio, include questi indirizzi IP: , e ). GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 78

79 Durante l immissione di un URL per un sito web è possibile utilizzare il carattere jolly [*], ad esempio: Digitare *.com per consentire o bloccare tutti i domini '.com' di livello superiore. Digitare *.sitoweb.com per consentire o bloccare tutti i sottodomini di website.com' Eliminazione di elementi dall elenco Bloccare sempre Per eliminare un elemento dall elenco Bloccare sempre: 1. Selezionare Impostazioni > Criteri > Bloccare sempre. 2. Fare clic sull icona Elimina posta accanto all elemento da eliminare. 3. Fare clic su Salva Configurazione elenco Consentire sempre L elenco Consentire sempre rappresenta un elenco di siti, utenti e indirizzi IP che vengono automaticamente esclusi da tutti i criteri di filtro configurati in GFI WebMonitor. Oltre all elenco Consentire sempre, vi è anche un elenco Temporaneamente consentiti che viene utilizzato per approvare temporaneamente l accesso a un sito per un utente o indirizzo IP. IMPORTANTE In GFI WebMonitor, l elenco Temporaneamente consentiti ha la priorità sull elenco Consentire sempre. Inoltre, entrambi gli elenchi hanno la priorità sull elenco Bloccare sempre. Pertanto, se un sito è elencato negli elenchi Consentire sempre o Temporaneamente consentiti e lo stesso sito è elencato in Bloccare sempre, sarà consentito l accesso al sito. Elementi preconfigurati Per impostazione predefinita, GFI WebMonitor include una serie di siti preconfigurati nell elenco Consentire sempre. Questi includono i siti web GFI Software Ltd per permettere gli aggiornamenti automatici a GFI WebMonitor e i siti web Microsoft per consentire gli aggiornamenti automatici a Windows. La rimozione di questi siti potrebbe interrompere l avvio automatico di importanti aggiornamenti. Aggiunta di elementi all elenco Consentire sempre Per aggiungere un elemento all elenco Consentire sempre: 1. Selezionare Impostazioni > Criteri > Consentire sempre. 2. Nel campo Consenti a, selezionare utente, sito o IP e immettere il valore nello spazio fornito. 3. Fare clic su Aggiungi. 4. Fare clic su Salva. GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 79

80 Quando si immette un Utente, indicare il nome utente nel formato dominio\utente. Quando si immette un IP client, è possibile utilizzare gli intervalli di IP (ad esempio, include questi indirizzi IP: , e ). Durante l immissione di un URL per un sito web è possibile utilizzare il carattere jolly [*], ad esempio: Digitare *.com per consentire o bloccare tutti i domini '.com' di livello superiore. Digitare *.sitoweb.com per consentire o bloccare tutti i sottodomini di website.com'. Eliminazione di elementi dall elenco Consentire sempre Per eliminare un elemento dall elenco Consentire sempre: 1. Selezionare Impostazioni > Criteri > Consentire sempre. 2. Fare clic sull icona Elimina posta accanto all elemento da eliminare. 3. Fare clic su Salva Configurazione elenco Temporaneamente consentiti L elenco Temporaneamente consentiti è un elenco di URL, utenti o indirizzi IP cui è consentito ignorare tutti i criteri di filtro web per un determinato periodo di tempo. L elenco è popolato automaticamente con elementi approvati dalla quarantena oppure manualmente, aggiungendo voci specifiche. Per configurare manualmente l accesso temporaneo ai siti, agli utenti o indirizzi IP: 1. Selezionare Impostazioni > Criteri > Elenco temporaneamente consentiti. Schermata 31: Configurazione elenco Temporaneamente consentiti 2. Nel campo Consenti a, selezionare Utente, o IP e immettere l utente o l indirizzo IP cui consentire accesso nello spazio fornito. GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 80

81 3. Nel campo Accesso a, digitare l URL del sito web cui consentire l accesso. 4. Nell area Attivo fino a, selezionare la data e l ora in cui sarà attivo il criterio. 5. Fare clic su Salva. Eliminazione di elementi dall elenco Temporaneamente consentiti Per eliminare un elemento dall elenco Temporaneamente consentiti: 1. Selezionare Impostazioni > Criteri > Temporaneamente consentiti. 2. Fare clic sull icona Elimina posta accanto all elemento da eliminare. 3. Fare clic su Salva Criteri WebSecurity Edition WebSecurity edition include il controllo download, la scansione antivirus tramite motori antivirus multipli e l antiphishing, oltre al controllo per la maggioranza dei client di messaggistica istantanea. Le sezioni successive consentono le operazioni di: Configurazione criteri di sicurezza Configurazione criteri di download Configurazione motori di sicurezza Abilitazione o disabilitazione di un criterio configurato Per abilitare o disabilitare un criterio: 1. Selezionare Impostazioni > Criteri > Criteri di sicurezza. 2. Per abilitare il criterio desiderato fare clic su ON oppure su OFF per disabilitarlo. Eliminazione di un criterio Per eliminare un criterio, fare clic sull icona Elimina posta accanto al criterio da eliminare Configurazione criteri di sicurezza Il criterio di sicurezza predefinito viene abilitato quando GFI WebMonitor è installato. Viene preconfigurato per essere applicato a qualsiasi utente del dominio e per consentire la scansione di tutti i tipi di file tramite i motori integrati BitDefender, VIPRE e Kaspersky. Questo criterio viene denominato Criterio di scansione antivirus predefinito e può essere modificato ma non disabilitato o eliminato. Non è possibile modificare alcuni campi del criterio predefinito. Questi includono Nome criterio e Applica criterio a. IMPORTANTE Tutti i criteri aggiunti hanno la priorità sul criterio predefinito. Per modificare il criterio di scansione antivirus predefinito: 1. Selezionare Impostazioni > Criteri > Criteri di sicurezza. GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 81

82 2. In Criterio di scansione antivirus configurato, fare clic su Criterio di scansione antivirus predefinito. Schermata 32: configurazione criterio di scansione antivirus predefinito Nel campo Nome criterio immettere il nome del nuovo criterio. Questo campo non è disponibile quando si modifica il Criterio di scansione antivirus predefinito. 4. Nell area Scansione, selezionare l azione da eseguire per i tipi di contenuto necessari: OPZIONE DESCRIZIONE Scansione: scegliere di abilitare la scansione del traffico web relativo a un tipo di contenuto. Se questa opzione è disabilitata, le richieste web verranno consentite senza essere scansionate dai motori antivirus configurati. Mostra finestra di avanzamento download: quando questa opzione è abilitata, viene visualizzata una finestra di avanzamento durante i download. Blocca: per bloccare completamente il tipo di contenuto. GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 82

83 OPZIONE DESCRIZIONE Avvisa e consenti: quando questa opzione è selezionata, gli utenti ricevono un avviso che la loro richiesta web o download è contro i criteri dell azienda ma la loro azione è comunque consentita. Quarantena: la pagina web o il download richiesto viene inviato a un area di quarantena all interno di GFI WebMonitor, da cui l amministratore di sistema potrà quindi approvare o rifiutare la richiesta. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Utilizzo della quarantena (pagina 46). 5. [Optional] Per definire i tipi di contenuto personalizzati, fare clic su Mostra tipi di contenuto personalizzati, quindi: a. Fare clic su Aggiungi tipo di contenuto. b. Nel campo Tipo di contenuto, inserire la stringa per il tipo di file da aggiungere. Deve essere un tipo MIME, ad esempio, per aggiungere un tipo di contenuto per *.gif, del tipo: image/gif. c. Nel campo Descrizione, inserire una descrizione. d. Definire le azioni da intraprendere quando viene scaricato il tipo di contenuto. e. Fare clic su OK. 6. Selezionare i motori di scansione antivirus da utilizzare impostando su On o su Off i motori disponibili, secondo necessità. GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 83

84 7. Nel campo Applica criterio a, indicare gli utenti, gruppi o IPa cui si applica il nuovo criterio, quindi fare clic suapplica a. Questo campo non è disponibile quando si modifica il Criterio di scansione antivirus predefinito. 8. [Optional] Nell area Notifica trasgressore, fare clic su ON per abilitare le notifiche. Nella finestra Messaggio al trasgressore del criterio, è anche possibile modificare il messaggio di notifica. 9. [Optional] Nell area Notifica amministratori, fare clic su ON per abilitare le notifiche. Specificare un indirizzo nella casella disponibile e fare clic su Aggiungi. Nella finestra Messaggio al trasgressore del criterio, è anche possibile modificare il messaggio di notifica. 10. Fare clic su Salva Aggiunta di un nuovo criterio di sicurezza Per aggiungere un nuovo criterio di sicurezza: 1. Selezionare Impostazioni > Criteri > Criteri di sicurezza. 2. Fare clic su Aggiungi criterio. GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 84

85 Schermata 33: creazione di un nuovo criterio di sicurezza Nel campo Nome criterio immettere il nome del nuovo criterio. Questo campo non è disponibile quando si modifica il Criterio di scansione antivirus predefinito. 4. Nell area Scansione, selezionare l azione da eseguire per i tipi di contenuto necessari: OPZIONE DESCRIZIONE Scansione: scegliere di abilitare la scansione del traffico web relativo a un tipo di contenuto. Se questa opzione è disabilitata, le richieste web verranno consentite senza essere scansionate dai motori antivirus configurati. Mostra finestra di avanzamento download: quando questa opzione è abilitata, viene visualizzata una finestra di avanzamento durante i download. Blocca: per bloccare completamente il tipo di contenuto. GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 85

86 OPZIONE DESCRIZIONE Avvisa e consenti: quando questa opzione è selezionata, gli utenti ricevono un avviso che la loro richiesta web o download è contro i criteri dell azienda ma la loro azione è comunque consentita. Quarantena: la pagina web o il download richiesto viene inviato a un area di quarantena all interno di GFI WebMonitor, da cui l amministratore di sistema potrà quindi approvare o rifiutare la richiesta. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Utilizzo della quarantena (pagina 46). 5. [Optional] Per definire i tipi di contenuto personalizzati, fare clic su Mostra tipi di contenuto personalizzati, quindi: a. Fare clic su Aggiungi tipo di contenuto. b. Nel campo Tipo di contenuto, inserire la stringa per il tipo di file da aggiungere. Deve essere un tipo MIME, ad esempio, per aggiungere un tipo di contenuto per *.gif, del tipo: image/gif. c. Nel campo Descrizione, inserire una descrizione. d. Definire le azioni da intraprendere quando viene scaricato il tipo di contenuto. e. Fare clic su OK. 6. Selezionare i motori di scansione antivirus da utilizzare impostando su On o su Off i motori disponibili, secondo necessità. GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 86

87 7. Nel campo Applica criterio a, indicare gli utenti, gruppi o IPa cui si applica il nuovo criterio, quindi fare clic suapplica a. Questo campo non è disponibile quando si modifica il Criterio di scansione antivirus predefinito. 8. [Optional] Nell area Notifica trasgressore, fare clic su ON per abilitare le notifiche. Nella finestra Messaggio al trasgressore del criterio, è anche possibile modificare il messaggio di notifica. 9. [Optional] Nell area Notifica amministratori, fare clic su ON per abilitare le notifiche. Specificare un indirizzo nella casella disponibile e fare clic su Aggiungi. Nella finestra Messaggio al trasgressore del criterio, è anche possibile modificare il messaggio di notifica. 10. Fare clic su Salva Configurazione motori di sicurezza Per impostazione predefinita, tutti i motori di sicurezza di GFI WebMonitor sono abilitati. Per disattivare un motore di sicurezza: 1. Selezionare Impostazioni > Criteri di sicurezza. Schermata 34: Configurazione motori di sicurezza 2. Nell area Motori di sicurezza, fare clic su OFF accanto al motore da disabilitare. Per eseguire una configurazione aggiuntiva, fare riferimento alle seguenti sezioni: Configurazione di Kaspersky Configurazione antiphishing Configurazione di ThreatTrack Configurazione di Kaspersky Il motore di scansione antivirus Kaspersky consente di specificare se le azioni dei Criteri di scansione antivirus debbano essere utilizzate anche quando i file vengono identificati come: GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 87

88 OPZIONE Sospetto Danneggiato Nascosto DESCRIZIONE File identificato come sospetto. File che non possono essere scansionati, poiché il formato file è danneggiato, ad esempio, file CAB danneggiati. File che non possono essere scansionati, poiché i relativi contenuti sono protetti, ad esempio, file ZIP protetti da password. Per configurare Kaspersky: 1. Selezionare Impostazioni > Criteri > Criteri di sicurezza. 2. Fare clic su Kaspersky. Schermata 35: configurazione motore di sicurezza Kaspersky 3. Accanto alla voce Sospetto, fare clic su ON per abilitare la scansione dei file considerati sospetti. 4. Accanto alla voce Danneggiato, fare clic su ON per abilitare la scansione dei file danneggiati. 5. Accanto alla voce Nascosto, fare clic su ON per abilitare la scansione dei file protetti. 6. Fare clic su Salva Configurazione notifiche antiphishing È possibile impostare notifiche che informino gli utenti ogni qualvolta che GFI WebMonitor li protegge dai siti di phishing noti. Per configurare le notifiche: 1. Selezionare Impostazioni > Criteri > Criteri di sicurezza. 2. Fare clic su Antiphishing. 3. Accanto alla voce Notifica trasgressore, fare clic su ON per abilitare l invio di notifiche alla persona che ha tentato l accesso a un sito di phishing noto. 4. Accanto alla voce Notifica amministratori, fare clic su ON per abilitare le notifiche, quindi indicare gli indirizzi di posta elettronica delle persone da notificare. 5. Fare clic su Salva Configurazione di ThreatTrack La funzione di protezione ThreatTrack assicura il blocco delle minacce malware e phishing più recenti, persino quando provengono da siti attendibili compromessi. Se questa opzione è abilitata, GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 88

89 blocca in automatico i siti che distribuiscono contenuto dannoso o vengono utilizzati per finalità di phishing. Per configurare ThreatTrack: 1. Selezionare Impostazioni > Criteri > Criteri di sicurezza. 2. Fare clic su ThreatTrack. Schermata 36: configurazione delle notifiche di ThreatTrack 3. Accanto alla voce Notifica trasgressore, fare clic su ON per abilitare l invio di notifiche alla persona che ha tentato l accesso a un sito noto a ThreatTrack. 4. Accanto alla voce Notifica amministratori, fare clic su ON per abilitare le notifiche, quindi indicare gli indirizzi di posta elettronica delle persone da notificare. 5. Fare clic su Salva Configurazione dei criteri di download I Criteri di download consentono di gestire i download dei file sulla base dei tipi di file. Se un utente cerca di scaricare un file che attiva un criterio di download, GFI WebMonitor individua l azione da intraprendere in base a quanto configurato nel criterio. Potrebbe essere una delle seguenti azioni: consentire il download dei file mettere in quarantena il file scaricato GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 89

90 bloccare il file dal download Il criterio di download predefinito viene abilitato quando GFI WebMonitor è installato. È preconfigurato per essere applicato a tutti e per consentire i download di tutti i tipi di file. È possibile modificare il criterio di download predefinito ma non è possibile disabilitarlo o eliminarlo. Non è possibile modificare alcuni campi del criterio predefinito. Questi includono Nome criterio e Applica criterio a. IMPORTANTE Tutti i criteri aggiunti hanno la priorità sul criterio predefinito. Si consiglia di applicare solo un criterio di download per utente, gruppo o indirizzo IP. Qualora sia applicato più di un criterio di download al medesimo utente, gruppo o IP, il criterio più elevato avrà la priorità su quelli successivi. Abilitazione o disabilitazione di un criterio di download Per abilitare o disabilitare un criterio di download: 1. Selezionare Impostazioni > Criteri > Criteri di download. 2. Per abilitare il criterio fare clic su ON oppure su OFF per disabilitarlo. Eliminazione di un criterio di controllo download Per eliminare un criterio di controllo download, fare clic sull icona Elimina posta accanto al criterio da eliminare. Aggiunta di un nuovo criterio di download Per aggiungere un criterio di download: 1. Selezionare Impostazioni > Criteri > Criteri di download. GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 90

91 Schermata 37: nuovo criterio di download 2. Fare clic su Aggiungi criterio. 3. Immettere un nome criterio nella casella di testo Nome criterio. 4. Dall area Filtro, selezionare l azione da eseguire per i tipi di file. Le opzioni disponibili sono: OPZIONE DESCRIZIONE Consenti: per autorizzare i download per tipo di contenuto. Blocca: per bloccare completamente il tipo di contenuto. Quarantena: il download richiesto viene inviato a un area di quarantena all interno di GFI WebMonitor, da cui l amministratore di sistema potrà quindi approvare o rifiutare la richiesta. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Utilizzo della quarantena (pagina 46). GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 91

92 Queste impostazioni possono essere configurate anche facendo clic sul tipo di file e selezionando l Azione desiderata. Viene inoltre fornita una descrizione per ciascun tipo di file. 5. [Optional] Per aggiungere i tipi di file personalizzati non presenti nell elenco predefinito, fare clic su Mostra tipi di contenuto personalizzati, quindi fare clic su Aggiungi tipo di contenuto per aggiungere nuovi tipi di file. 6. Nel campo Applica criterio a, indicare gli utenti, gruppi o IPa cui si applica il nuovo criterio, quindi fare clic suaggiungi. Quando si immette un Utente, indicare il nome utente nel formato dominio\utente. Quando si immette un IP client, è possibile utilizzare gli intervalli di IP (ad esempio, include questi indirizzi IP: , e ). 7. [Optional] Nell area Notifica trasgressore, fare clic su ON per abilitare l invio di notifiche quando un utente viola questo criterio. Fornire il corpo del testo del messaggio di notifica nello spazio disponibile. 8. [Optional] Per inviare una notifica agli amministratori quando il contenuto scaricato viola questo criterio, fare clic su ON nell area Notifica amministratori. Aggiungere l indirizzo dell amministratore e fornire il corpo del testo del messaggio di notifica nello spazio disponibile. 9. Fare clic su Salva. Modifica di un criterio di download esistente Per modificare un criterio di controllo download: 1. Selezionare Impostazioni > Criteri > Criteri di download. 2. Fare clic sul nome del criterio da modificare. 3.Modificare le impostazioni necessarie. 4. Fare clic su Salva. Clonazione di un criterio I criteri esistenti di WebFiltering e WebSecurity possono essere clonati per la rapida creazione di nuovi criteri che potranno poi essere modificati a piacere. Per clonare un criterio: 1. Selezionare Impostazioni > Criteri. 2. Selezionare Criteri di sicurezza, Criteri Internet o Criteri di download. 3. Fare clic sul nome del criterio da modificare. 4. Fare clic su Clona criterio. GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 92

93 I criteri predefiniti non possono essere clonati. 7.4 Configurazione Agente di GFI WebMonitor Agente di GFI WebMonitor è una versione con un footprint minore rispetto a GFI WebMonitor. Può essere distribuita su computer portatili (come servizio) per l applicazione dei criteri di filtro web quando il computer è disconnesso dalla rete aziendale (ad esempio quando l utente è a casa o in viaggio di lavoro). Quando il dispositivo è connesso alla rete aziendale, Agente di GFI WebMonitor scarica in locale i criteri di filtro remoto. Questi sono criteri specifici che possono essere configurati per l applicazione durante il roaming. Grazie a questa funzionalità, l amministratore IT può applicare i criteri sulla base del fatto che gli utenti siano in ufficio o meno. Ad esempio, lo streaming multimediale può essere consentito fuori dalla rete interna ma il materiale per adulti viene sempre negato. La registrazione attività web viene sempre effettuata quando l utente è al di fuori della rete, fornendo funzionalità di creazione rapporti complete. Una volta che il computer è connesso alla rete aziendale, Agente di GFI WebMonitor carica sul server i dati raccolti. La protezione antivirus non viene distribuita con Agente di GFI WebMonitor. Per una soluzione di sicurezza web completa, consigliamo un agente antivirus locale aggiuntivo, oltre a quello di filtro web. Durante il roaming, il filtro web viene effettuato dall agente (sul computer locale) e pertanto non vi è la complessità aggiuntiva del dover effettuare modifiche all infrastruttura della rete aziendale per abilitare le funzionalità di filtro remoto. A scopo di categorizzazione e ricerca, l agente di Agente di GFI WebMonitor effettua ricerche online utilizzando il servizio di categorizzazione GFI WebGrade. 7.5 Download di Agente di GFI WebMonitor Per scaricare Agente di GFI WebMonitor: 1. In GFI WebMonitor, aprire la pagina Impostazioni. 2. Fare clic su Dispositivi remoti, quindi su Download. 3. Selezionare una delle seguenti opzioni di download: Per installare l agente su un sistema operativo a 32 bit, fare clic su Download (32 bit). Verrà scaricato il file seguente: GFIWebMonitorAgent_x86.msi Per installare l agente su un sistema operativo a 64 bit, fare clic su Download (64 bit). Verrà scaricato il file seguente: GFIWebMonitorAgent_x64.msi GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 93

94 7.5.1 Funzionamento di Agente di GFI WebMonitor Schermata 38: Funzionalità Agente di GFI WebMonitor all interno e all esterno della rete In modalità interna: Quando un portatile o altro computer in roaming (dove è installato Agente di GFI WebMonitor) è connesso alla rete aziendale, i Criteri di filtro remoto vengono scaricati dal server di GFI WebMonitor al portatile. Questi criteri vengono applicati quando il portatile viene portato fuori dalla rete. La registrazione attività Web effettuata dal portatile mentre si trova fuori dalla rete viene caricata sul server di GFI WebMonitor. Agente di GFI WebMonitor si disabilita dopo aver completato il processo di aggiornamento. GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 94

95 IMPORTANTE Assicurarsi che la porta 5995 non sia esposta al di fuori della rete interna. Assicurarsi che le impostazioni WPAD/proxy siano configurate quando il computer si trova nella rete interna, altrimenti non si connetterà al server GFI WebMonitor. In modalità esterna: Quando il portatile viene portato al di fuori della rete, Agente di GFI WebMonitor attiva in automatico il filtraggio e la registrazione dell attività Internet in base ai criteri configurati. A scopo di categorizzazione e ricerca, Agente di GFI WebMonitor effettua ricerche online utilizzando il servizio di categorizzazione GFI WebGrade. La protezione antivirus non viene distribuita con Agente di GFI WebMonitor. Per una soluzione di sicurezza web completa, consigliamo un agente antivirus locale aggiuntivo, oltre a quello di filtro web. 7.6 Installazione manuale di agente WebMonitor Per eseguire l installazione manuale di Agente di GFI WebMonitor: 1. Accedere al computer client con i diritti di amministrazione. 2. Aprire GFI WebMonitor tramite browser web. Per accedere a GFI WebMonitor da un percorso remoto, concedere prima l accesso remoto al server GFI WebMonitor. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Controllo di accesso UI (pagina 57). 3. Fare clic su Impostazioni > Dispositivi remoti > Download. 4. Scaricare Agente di GFI WebMonitor in una cartella locale. 5. Fare doppio clic sul file scaricato e seguire la procedura guidata per l installazione. 6. Leggere il Contratto di licenza con l utente finale e fare clic su Accetto i termini del contratto di licenza per continuare, quindi su Avanti. 7. Nella sezione Informazioni server, fornire le impostazioni seguenti: OPZIONE Indirizzo Server Porta server DESCRIZIONE Inserire l indirizzo IP del server di GFI WebMonitor per ottenere le impostazioni di filtro e inviare i rapporti di navigazione. Inserir il numero della porta usata da Agente di GFI WebMonitor per la comunicazione con il server GFI WebMonitor. L impostazione predefinita è GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 95

96 IMPORTANTE Assicurarsi che la porta 5995 non sia esposta al di fuori della rete interna. 8. Fare clic su Avanti. 9. Selezionare una cartella di installazione per Agente di GFI WebMonitor, quindi fare clic su Avanti. 10. Fare clic su Installa. 11. Inserire le credenziali per un account con privilegi amministrativi, quando richiesto. 12. Fare clic su Fine. 7.7 Installazione di Agente di GFI WebMonitor tramite gli Oggetti criteri di gruppo in Windows Server 2008 Agente di GFI WebMonitor può essere distribuito come pacchetto MSI tramite Ogetto Criteri di gruppo. Questo metodo assegna l agente per singolo utente o per singolo computer. Se è assegnato per singolo utente, viene installato quando l utente esegue l accesso. Se viene assegnato per singolo computer, l agente viene installato per tutti gli utenti quando il computer viene avviato. Funzionamento di Agente di GFI WebMonitor Passaggio 1: Creazione di un punto di distribuzione Il primo passaggio nella distribuzione di Agente di GFI WebMonitor tramite Oggetto Criteri di gruppo è quello di creare un punto di distribuzione sul server di pubblicazione, con una cartella condivisa per contenere il pacchetto MSI: 1. Scaricare Agente di GFI WebMonitor. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Download di Agente di GFI WebMonitor (pagina 93). 2. Accedere al server come utente con diritti amministrativi. 3. Creare una cartella di rete condivisa. 4. Impostare le autorizzazioni nella cartella così da consentire l accesso al pacchetto di distribuzione. 5. Copiare il MSI Agente di GFI WebMonitor scaricato nella cartella condivisa Passaggio 2: Installazione di Agente di GFI WebMonitor tramite gli Oggetti criteri di gruppo in Windows Server 2008 Per distribuire il pacchetto MSI di Agente di GFI WebMonitor tramite Oggetto Criteri di gruppo come Oggetto Criteri di gruppo: 1. Dal prompt dei comandi, digitare mmc.exe e premere Invio per avviare Microsoft Management Console. 2. Fare clic su File > Aggiungi/Rimuovi snap-in e fare clic su Aggiungi Selezionare lo snap-in Editor Gestione Criteri di gruppo e fare clic su Aggiungi. 4. Fare clic su Sfoglia e scegliere i criteri di dominio da modificare. 5. Selezionare i criteri di dominio e scegliere OK. 6. Fare clic su Fine per chiudere la finestra di dialogo Selezione oggetto Criteri di gruppo. Fare clic su Chiudi per chiudere la finestra di dialogo 'Aggiungi snap-in in autonomo', quindi su OK per chiudere la finestra di dialogo 'Aggiungi/Rimuovi snap-in' e tornare a Microsoft Management Console. GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 96

97 7. Accedere a Directory principale console > <criterio dominio> > Configurazione utente > Criteri, fare clic con il pulsante destro del mouse su Modelli amministrativi e selezionare Aggiunta/Rimozione modelli. 8. Fare clic su Aggiungi, selezionare il file GFIWebMonitorAgentSettings.adm nel percorso: <Program Files\GFI\WebMonitor\Agent> e fare clic su Apri. Il valore del codice di licenza non viene aggiunto al registro quando si utilizza il file.adm. Questo valore viene preso dal server dopo che l agente si avvia e comunica con il server di GFI WebMonitor per la prima volta. 9. Per tornare a Microsoft Management Console, fare clic su Chiudi. 10. Espandere Directory principale console > <criterio dominio> > Configurazione utente > Criteri > Modelli amministrativi > Modelli amministrativi classici (ADM) > GFI Applications. 11. Dal riquadro a destra, fare doppio clic sul criterio GFI WebMonitorServer Location e selezionare Attivato. Nella casella di testo dell URL del server, immettere l URL che permette ai computer degli utenti di accedere a GFI WebMonitor nel formato host>/<nome cartella virtuale GFI WebMonitor> Quando si indica il nome di un computer nel dominio, inserire solo il nome del computer, senza quello del dominio. È inoltre possibile utilizzare l indirizzo IP. 12. Quando tutte le impostazioni sono configurate, fare clic su OK. 13. Selezionare Directory principale console > <criterio dominio> > Configurazione computer > Criteri > Impostazioni del software. 14. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Installazione software e selezionare Nuovo > pacchetto 15. Nella finestra di dialogo Apri, individuare la condivisione dove è salvato il file msi. Durante la selezione del percorso del file msi assicurarsi che l'operazione venga effettuata attraverso 'Percorsi di rete', in modo che il nome della condivisione in GFI WebMonitor includa il percorso della condivisione di rete completo piuttosto che il percorso locale. 16. Scegliere l opzione di distribuzione, selezionare Assegnata e fare clic su OK. 17. Agente di GFI WebMonitor verrà installato al prossimo avvio di ciascun computer client. Funzionamento agente Passaggio 3: Verifica parametri di installazione agente Per verificare che i parametri siano stati configurati: GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 97

98 1. Sul server dove è installato GFI WebMonitor, selezionare Start > Esegui e digitare regedit per aprire l Editor del registro. 2. Espandere HKEY_LOCAL_MACHINE > SOFTWARE > GFI > WebMonitorAgent per i sistemi a 32 bit e HKEY_LOCAL_MACHINE > SOFTWARE > Wow6432Node > GFI > WebMonitorAgent per quelli a 64 bit. 3. Verificare le seguenti chiavi: LicenseKey, ServerAddress, ServerPort. Il valore del codice di licenza non viene aggiunto al registro quando si utilizza il file.adm. Questo valore viene preso dal server dopo che l agente si avvia e comunica con il server di GFI WebMonitor per la prima volta. Funzionamento agente Configurazione criteri di filtro remoto I criteri di filtro remoto controllano l attività web sui dispositivi remoti, offrendo il medesimo livello di protezione filtro web agli utenti che portano i loro dispositivi fuori dall ufficio. Quando il dispositivo è connesso alla rete aziendale, i criteri nuovi o aggiornati di filtro remoto vengono scaricati dal server di GFI WebMonitor. Per aggiungere un criterio di filtro remoto: 1. Selezionare Impostazioni > Dispositivi remoti. 2. Nell area Criteri di filtro remoto, fare clic su Aggiungi criterio. GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 98

99 Schermata 39: creazione di un nuovo criterio di filtro remoto 3. Immettere un nome criterio nella casella di testo Nome criterio. 4. Nell area Filtro, selezionare le categorie per consentire, bloccare o avvisare e consentire. 5. Nell area Eccezioni, utilizzare i campi Blocca sempre i siti e Consenti sempre i siti per l immissione di URL specifici dei siti web da includere o escludere dal criterio. GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 99

100 Schermata 40: attivazione filtraggio reputazione 6. [Optional] Nell area Filtra per reputazione, fare clic su ON per abilitare il filtraggio in base alla reputazione. La seguente tabella indica in che modo la reputazione viene classificata all interno del database di categorizzazione: INDICE DEFINIZIONE (1 20) Rischio alto (21 40) Sospetto (41 60) Rischio moderato (61 80) Rischio basso (81 100) Affidabile 7. Nel campo Applica criterio a, indicare gli utenti o i gruppi a cui si applica il nuovo criterio, quindi fare clic su Aggiungi. 8. Nell area Pianificazione, indicare il periodo di tempo durante il quale sarà valido il nuovo criterio. 9. Fare clic su Salva. 7.8 Configurazione avvisi GFI WebMonitor consente di configurare gli avvisi sulla base di schemi di utilizzo specifici, quali gli avvisi ignorati o i siti che sono stati bloccati dai criteri configurati. Le seguenti sezioni consentiranno di configurare: Configurazione avvisi di monitoraggio Configurazione avvisi larghezza di banda Configurazione avvisi di sicurezza Configurazione avvisi di monitoraggio Gli avvisi di monitoraggio possono essere configurati per l invio di notifiche all attivazione di criteri specifici. Ad esempio, se è stato configurato un criterio di navigazione Internet che consente di visitare i social network per x ore, si potrebbe voler notificare l utente o la gestione al superamento di tale soglia. Per configurare gli avvisi di monitoraggio: 1. Selezionare Impostazioni > Avvisi > Avvisi di monitoraggio. 2. Fare clic su Aggiungi avviso. GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 100

101 Schermata 41: configurazione avvisi di monitoraggio 3. Immettere un nome nel campo Nome avviso. 4. Nell area Trigger basato su, selezionare una delle seguenti opzioni: Siti visitati: l avviso verrà attivato se viene superato il numero totale di siti specificati. Blocchi: gli utenti selezionati verranno avvisati al superamento del numero indicato di Blocchi. Avvisi ignorati: gli utenti selezionati verranno avvisati al superamento del numero indicato di avvisi ignorati. 5. Nell area Soglia, indicare un numero che attiverà l avviso, se superato. 6. Indicare la frequenza con cui GFI WebMonitoresegue i controlli rispetto alla soglia specificata. Gli intervalli di tempo possono essere impostati su: Ora Giorno Settimana GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 101

102 7. Nel campo Applica a, scegliere una categoria dall elenco disponibile e fare clic su Aggiungi. 8. Nel campo Notifica, indicare gli utenti o gruppi da notificare e fare clic su Aggiungi. 9. Nel campo Notifica utente, fare clic su ON e digitare il messaggio dell avviso nel campo Messaggio all utente. 10. Fare clic su Salva Configurazione avvisi larghezza di banda Per configurare gli avvisi larghezza di banda: 1. Selezionare Impostazioni > Avvisi > Avvisi larghezza di banda. 2. Fare clic su Aggiungi avviso. Schermata 42: configurazione avvisi larghezza di banda 3. Immettere un nome nel campo Nome avviso. 4. Nell area Trigger basato su, selezionare una delle seguenti opzioni: GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 102

103 TRIGGER Larghezza di banda totale Download Upload DESCRIZIONE L avviso verrà attivato se viene superata la larghezza di banda totale specificata. Gli utenti selezionati verranno avvisati al superamento del limite di download specificato. Gli utenti selezionati verranno avvisati al superamento del limite di upload specificato. 5. Nell area Soglia, indicare le dimensioni dei dati in MB o GB che attivano l avviso. Specificare se questa quantità è applicabile per singolo utente o per tutti gli utenti del dominio. 6. Indicare la frequenza con cui GFI WebMonitoresegue i controlli rispetto alla soglia specificata. Gli intervalli di tempo possono essere impostati su: Ora Giorno Settimana 7. Nelle opzioni di Filtra per, selezionare il tipo di filtro da utilizzare. Questi possono essere: FILTRO Nessun filtro Categorie Tipo di contenuto DESCRIZIONE Selezionare questa opzione per rendere l avviso disponibile su tutti i tipi di traffico. Selezionare le categorie desiderate da un elenco predefinito e fare clic su Aggiungi. Selezionare i tipi di contenuto desiderati da un elenco predefinito e fare clic su Aggiungi. 8. Nel campo Notifica, indicare gli utenti o gruppi da notificare e fare clic su Aggiungi. 9. Nel campo Notifica utente, fare clic su ON e digitare il messaggio dell avviso nel campo Messaggio all utente. 10. Fare clic su Salva Configurazione avvisi di sicurezza Per configurare gli avvisi di sicurezza: 1. Selezionare Impostazioni > Avvisi > Avvisi di sicurezza. 2. Fare clic su Aggiungi avviso. GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 103

104 Schermata 43: configurazione avvisi di sicurezza 3. Immettere un nome nel campo Nome avviso. 4. Nell area Attiva per, scegliere una delle seguenti opzioni: TRIGGER Antivirus Antiphishing ThreatTrack DESCRIZIONE L avviso verrà attivato quando il numero di blocchi eseguiti dal motore antivirus supera la soglia specificata nel passaggio seguente. L avviso verrà attivato quando il numero di blocchi eseguiti dal motore antiphishing supera la soglia specificata nel passaggio seguente. L avviso verrà attivato quando il numero di blocchi eseguiti dal motore ThreatTrack supera la soglia specificata nel passaggio seguente. 5. Nell area Soglia, indicare il numero di riscontri totali che attiverà l avviso, se superato. Questa impostazione si applicherà a tutti i motori di sicurezza selezionati. 6. Indicare la frequenza con cui GFI WebMonitoresegue i controlli rispetto alla soglia specificata. Gli intervalli di tempo possono essere impostati su: Ora Giorno Settimana 7. Nel campo Notifica, indicare gli utenti o gruppi da notificare e fare clic su Aggiungi. GFI WebMonitor 7 Configurazione di GFI WebMonitor 104

Manuale prodotto GFI. Guida dell amministratore

Manuale prodotto GFI. Guida dell amministratore Manuale prodotto GFI Guida dell amministratore Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia di alcun tipo, sia espressa

Dettagli

Manuale prodotto GFI. Guida di valutazione Parte 1: Installazione rapida

Manuale prodotto GFI. Guida di valutazione Parte 1: Installazione rapida Manuale prodotto GFI Guida di valutazione Parte 1: Installazione rapida Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia

Dettagli

Installazione di GFI WebMonitor

Installazione di GFI WebMonitor Installazione di GFI WebMonitor Introduzione Requisiti di sistema Il presente capitolo fornisce informazioni relative all'installazione di GFI WebMonitor 4. Installare GFI WebMonitor su computer che rispettano

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

Guida all aggiornamento di GFI MailEssentials 2014 Una guida all aggiornamento dalle versioni precedenti di GFI MailEssentials e GFI MailSecurity

Guida all aggiornamento di GFI MailEssentials 2014 Una guida all aggiornamento dalle versioni precedenti di GFI MailEssentials e GFI MailSecurity Guida all aggiornamento di GFI MailEssentials 2014 Una guida all aggiornamento dalle versioni precedenti di GFI MailEssentials e GFI MailSecurity Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono

Dettagli

Manuale prodotto GFI. Guida dell amministratore

Manuale prodotto GFI. Guida dell amministratore Manuale prodotto GFI Guida dell amministratore Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia di alcun tipo, sia espressa

Dettagli

GFI LANguard 9. Guida introduttiva. A cura di GFI Software Ltd.

GFI LANguard 9. Guida introduttiva. A cura di GFI Software Ltd. GFI LANguard 9 Guida introduttiva A cura di GFI Software Ltd. http://www.gfi.com E-mail: info@gfi.com Le informazioni contenute nel presente documento sono soggette a modifiche senza preavviso. Salvo se

Dettagli

Manuale prodotto GFI. Guida di installazione e configurazione

Manuale prodotto GFI. Guida di installazione e configurazione Manuale prodotto GFI Guida di installazione e configurazione Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia di alcun

Dettagli

GFI Product Manual. Guida introduttiva

GFI Product Manual. Guida introduttiva GFI Product Manual Guida introduttiva http://www.gfi.com info@gfi.com Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia

Dettagli

Guida introduttiva. Versione 7.0.0 Software

Guida introduttiva. Versione 7.0.0 Software Guida introduttiva Versione 7.0.0 Software Installazione del software - Sommario Panoramica sulla distribuzione del software CommNet Server Windows Windows Cluster - Virtual Server Abilitatore SNMP CommNet

Dettagli

Installazione del software - Sommario

Installazione del software - Sommario Guida introduttiva Installazione del software - Sommario Panoramica sulla distribuzione del software CommNet Server Windows Cluster Windows - Virtual Server CommNet Agent Windows Cluster Windows - Virtual

Dettagli

GFI Product Manual. ReportPack

GFI Product Manual. ReportPack GFI Product Manual ReportPack http://www.gfi.com info@gfi.com Le informazioni contenute nel presente documento sono soggette a modifiche senza preavviso. Salvo se indicato diversamente, le società, i nomi

Dettagli

Internet Security 2012

Internet Security 2012 Internet Security 2012 Guida introduttiva Importante Sulla custodia del CD sarà possibile trovare il codice di attivazione con il quale attivare il prodotto. Si consiglia di conservarlo in un luogo sicuro.

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di Sistema Le macchine che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: I sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro. Windows

Dettagli

ESET NOD32 Antivirus 4 per Linux Desktop. Guida all'avvio rapido

ESET NOD32 Antivirus 4 per Linux Desktop. Guida all'avvio rapido ESET NOD32 Antivirus 4 per Linux Desktop Guida all'avvio rapido ESET NOD32 Antivirus 4 fornisce una protezione all'avanguardia per il computer contro codici dannosi. Basato sul motore di scansione ThreatSense

Dettagli

Benvenuti alla Guida introduttiva - Sicurezza

Benvenuti alla Guida introduttiva - Sicurezza Benvenuti alla Guida introduttiva - Sicurezza Table of Contents Benvenuti alla Guida introduttiva - Sicurezza... 1 PC Tools Internet Security... 3 Guida introduttiva a PC Tools Internet Security... 3

Dettagli

Gestione del database Gidas

Gestione del database Gidas Gestione del database Gidas Manuale utente Aggiornamento 20/06/2013 Cod. SWUM_00535_it Sommario 1. Introduzione... 3 2. Requisiti e creazione del Database Gidas... 3 2.1.1. SQL Server... 3 2.1.2. Requisiti

Dettagli

Windows SteadyState?

Windows SteadyState? Domande tecniche frequenti relative a Windows SteadyState Domande di carattere generale È possibile installare Windows SteadyState su un computer a 64 bit? Windows SteadyState è stato progettato per funzionare

Dettagli

GUIDA DI INSTALLAZIONE. AXIS Camera Station

GUIDA DI INSTALLAZIONE. AXIS Camera Station GUIDA DI INSTALLAZIONE AXIS Camera Station Informazioni su questa guida Questa guida è destinata ad amministratori e utenti di AXIS Camera Station e riguarda la versione 4.0 del software o versioni successive.

Dettagli

GFI MailEssentials 14.1. Guida introduttiva. A cura di GFI Software Ltd.

GFI MailEssentials 14.1. Guida introduttiva. A cura di GFI Software Ltd. GFI MailEssentials 14.1 Guida introduttiva A cura di GFI Software Ltd. http://www.gfi.com E-mail: info@gfi.com Le informazioni contenute nel presente documento sono soggette a modifiche senza preavviso.

Dettagli

1 Utilizzo di GFI MailEssentials

1 Utilizzo di GFI MailEssentials Guida utente finale Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia di alcun tipo, sia espressa che implicita, ivi incluse,

Dettagli

Dell SupportAssist per PC e tablet Guida dell'utente

Dell SupportAssist per PC e tablet Guida dell'utente Dell SupportAssist per PC e tablet Guida dell'utente Messaggi di N.B., Attenzione e Avvertenza N.B.: Un messaggio di N.B. indica informazioni importanti che contribuiscono a migliorare l'utilizzo del computer.

Dettagli

Proteggi ciò che crei. Guida all avvio rapido

Proteggi ciò che crei. Guida all avvio rapido Proteggi ciò che crei Guida all avvio rapido 1 Documento aggiornato il 10.06.2013 Tramite Dr.Web CureNet! si possono eseguire scansioni antivirali centralizzate di una rete locale senza installare il programma

Dettagli

IBM SPSS Statistics per Windows - Istruzioni di installazione (Licenza per sito)

IBM SPSS Statistics per Windows - Istruzioni di installazione (Licenza per sito) IBM SPSS Statistics per Windows - Istruzioni di installazione (Licenza per sito) Le seguenti istruzioni sono relative all installazione di IBM SPSS Statistics versione 21 con licenza per sito. Questo documento

Dettagli

IBM SPSS Statistics per Windows - Istruzioni di installazione (Licenza per utenti singoli)

IBM SPSS Statistics per Windows - Istruzioni di installazione (Licenza per utenti singoli) IBM SPSS Statistics per Windows - Istruzioni di installazione (Licenza per utenti singoli) Le seguenti istruzioni sono relative all installazione di IBM SPSS Statistics versione 19 con licenza per utenti

Dettagli

Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (utente singolo)

Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (utente singolo) Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (utente singolo) Le seguenti istruzioni sono relative all installazione di IBM SPSS Modeler Client versione 14.2 con licenza per utente singolo. Una licenza

Dettagli

Manuale prodotto GFI. Guida dell amministratore

Manuale prodotto GFI. Guida dell amministratore Manuale prodotto GFI Guida dell amministratore Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia di alcun tipo, sia espressa

Dettagli

SPSS Statistics per Windows - Istruzioni di installazione per (Licenza per utenti singoli)

SPSS Statistics per Windows - Istruzioni di installazione per (Licenza per utenti singoli) SPSS Statistics per Windows - Istruzioni di installazione per (Licenza per utenti singoli) Le seguenti istruzioni sono relative all installazione di SPSS Statistics con licenza per utenti singoli. Una

Dettagli

Manuale utente di Avigilon Control Center Gateway. Versione 5.6

Manuale utente di Avigilon Control Center Gateway. Versione 5.6 Manuale utente di Avigilon Control Center Gateway Versione 5.6 2006-2015 Avigilon Corporation. Tutti i diritti riservati. Salvo quando espressamente concesso per iscritto, nessuna licenza viene concessa

Dettagli

Guida prodotto GFI. Guida di valutazione di GFI Archiver

Guida prodotto GFI. Guida di valutazione di GFI Archiver Guida prodotto GFI Guida di valutazione di GFI Archiver Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia di alcun tipo,

Dettagli

CONFIGURAZIONE DELLA CONNESSIONE DI RETE WIRELESS IULM_WEB (XP)

CONFIGURAZIONE DELLA CONNESSIONE DI RETE WIRELESS IULM_WEB (XP) CONFIGURAZIONE DELLA CONNESSIONE DI RETE WIRELESS IULM_WEB (XP) Di seguito le procedure per la configurazione con Windows XP SP2 e Internet Explorer 6. Le schermate potrebbero leggermente differire in

Dettagli

Manuale utente di Avigilon Control Center Server. Versione 5.6

Manuale utente di Avigilon Control Center Server. Versione 5.6 Manuale utente di Avigilon Control Center Server Versione 5.6 2006-2015 Avigilon Corporation. Tutti i diritti riservati. Salvo quando espressamente concesso per iscritto, nessuna licenza viene concessa

Dettagli

per Mac Guida all'avvio rapido

per Mac Guida all'avvio rapido per Mac Guida all'avvio rapido ESET Cybersecurity fornisce una protezione all'avanguardia per il computer contro codici dannosi. Basato sul motore di scansione ThreatSense introdotto per la prima volta

Dettagli

Antivirus Pro 2012. Guida introduttiva

Antivirus Pro 2012. Guida introduttiva Antivirus Pro 2012 Guida introduttiva Importante Sulla custodia del CD sarà possibile trovare il codice di attivazione con il quale attivare il prodotto. Si consiglia di conservarlo in un luogo sicuro.

Dettagli

Guida prodotto GFI. Guida dell amministratore

Guida prodotto GFI. Guida dell amministratore Guida prodotto GFI Guida dell amministratore Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia di alcun tipo, sia espressa

Dettagli

Installazione e guida introduttiva. Per WebReporter 2012

Installazione e guida introduttiva. Per WebReporter 2012 Per WebReporter 2012 Ultimo aggiornamento: 13 settembre, 2012 Indice Installazione dei componenti essenziali... 1 Panoramica... 1 Passo 1 : Abilitare gli Internet Information Services... 1 Passo 2: Eseguire

Dettagli

Software di gestione della stampante

Software di gestione della stampante Questo argomento include le seguenti sezioni: "Uso del software CentreWare" a pagina 3-11 "Uso delle funzioni di gestione della stampante" a pagina 3-13 Uso del software CentreWare CentreWare Internet

Dettagli

Installazione di GFI MailArchiver

Installazione di GFI MailArchiver Installazione di GFI MailArchiver Requisiti di sistema di GFI MailArchiver Windows 2000/2003 Server oppure Advanced Server. Microsoft Exchange Server 2000/2003 (il prodotto è installato sulla macchina

Dettagli

hottimo procedura di installazione

hottimo procedura di installazione hottimo procedura di installazione LATO SERVER Per un corretto funzionamento di hottimo è necessario in primis installare all interno del server, Microsoft Sql Server 2008 (Versione minima Express Edition)

Dettagli

Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (licenza di rete)

Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (licenza di rete) Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (licenza di rete) Le seguenti istruzioni sono relative all installazione di IBM SPSS Modeler Client versione 14.2 con licenza di rete. Questo documento è stato

Dettagli

Software Intel per la gestione di sistemi. Manuale dell'utente di Intel Modular Server Management Pack

Software Intel per la gestione di sistemi. Manuale dell'utente di Intel Modular Server Management Pack Software Intel per la gestione di sistemi Manuale dell'utente di Intel Modular Server Management Pack Dichiarazioni legali LE INFORMAZIONI CONTENUTE IN QUESTO DOCUMENTO SONO FORNITE IN ABBINAMENTO AI PRODOTTI

Dettagli

IBM SPSS Statistics per Windows - Istruzioni di installazione (Licenza per utenti singoli)

IBM SPSS Statistics per Windows - Istruzioni di installazione (Licenza per utenti singoli) IBM SPSS Statistics per Windows - Istruzioni di installazione (Licenza per utenti singoli) Le seguenti istruzioni sono relative all installazione di IBM SPSS Statistics versione 21 con licenza per utenti

Dettagli

Xerox EX Print Server, Powered by Fiery per Xerox Color 800/1000 Press. Guida introduttiva

Xerox EX Print Server, Powered by Fiery per Xerox Color 800/1000 Press. Guida introduttiva Xerox EX Print Server, Powered by Fiery per Xerox Color 800/1000 Press Guida introduttiva 2011 Electronics For Imaging, Inc. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente

Dettagli

Installazione di GFI WebMonitor

Installazione di GFI WebMonitor Installazione di GFI WebMonitor Requisiti di sistema di GFI WebMonitor Server Microsoft Windows 2000 (SP 3) o 2003. Microsoft ISA 2000 Server (non in modalità solo firewall) OPPURE Server Microsoft ISA

Dettagli

AMD Athlon64, Opteron o Intel EM64T Pentium 4 / Pentium 4 processore Xeon Spazio libero su hard disk: 50MB 50MB

AMD Athlon64, Opteron o Intel EM64T Pentium 4 / Pentium 4 processore Xeon Spazio libero su hard disk: 50MB 50MB 1 AVAST! 4 HOME EDITION 1.1 SPECIFICHE DEL PRODOTTO Avast! è un AntiVirus, un programma creato con lo scopo di rilevare ed eliminare virus informatici. I virus sono programmi che appartengono alla categoria

Dettagli

Aggiornamenti Sistema Addendum per l utente

Aggiornamenti Sistema Addendum per l utente Aggiornamenti Sistema Addendum per l utente Aggiornamenti Sistema è un servizio del server di stampa che consente di tenere il software di sistema sul proprio server di stampa sempre aggiornato con gli

Dettagli

Sharpdesk V3.3. Guida all installazione push per l amministratore di sistema Versione 3.3.03

Sharpdesk V3.3. Guida all installazione push per l amministratore di sistema Versione 3.3.03 Sharpdesk V3.3 Guida all installazione push per l amministratore di sistema Versione 3.3.03 Copyright 2000-2009 di SHARP CORPORATION. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione, l adattamento

Dettagli

Manuale per la configurazione di AziendaSoft in rete

Manuale per la configurazione di AziendaSoft in rete Manuale per la configurazione di AziendaSoft in rete Data del manuale: 7/5/2013 Aggiornamento del manuale: 2.0 del 10/2/2014 Immagini tratte da Windows 7 Versione di AziendaSoft 7 Sommario 1. Premessa...

Dettagli

Nokia C110/C111 scheda LAN senza filo Manuale di installazione

Nokia C110/C111 scheda LAN senza filo Manuale di installazione Nokia C110/C111 scheda LAN senza filo Manuale di installazione DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA MOBILE PHONES Ltd dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che i prodotti DTN-10 e DTN-11

Dettagli

GUIDA ALL ABILITAZIONE DELL INSTALLAZIONE DEI CONTROLLI ACTIVEX

GUIDA ALL ABILITAZIONE DELL INSTALLAZIONE DEI CONTROLLI ACTIVEX GUIDA ALL ABILITAZIONE DELL INSTALLAZIONE DEI CONTROLLI ACTIVEX Al fine di poter visualizzare le immagini provenienti dai DVR che supportano la connessione via browser Internet Explorer, è necessario,

Dettagli

Windows Live OneCare Introduzione e installazione

Windows Live OneCare Introduzione e installazione Windows Live OneCare Introduzione e installazione La sicurezza e la manutenzione del proprio computer è di fondamentale importanza per tenerlo sempre efficiente e al riparo dalle minacce provenienti dalla

Dettagli

Il tuo manuale d'uso. KASPERSKY ADMINISTRATION KIT http://it.yourpdfguides.com/dref/5068309

Il tuo manuale d'uso. KASPERSKY ADMINISTRATION KIT http://it.yourpdfguides.com/dref/5068309 Può anche leggere le raccomandazioni fatte nel manuale d uso, nel manuale tecnico o nella guida di installazione di KASPERSKY ADMINISTRATION KIT. Troverà le risposte a tutte sue domande sul manuale d'uso

Dettagli

Sharp Remote Device Manager Guida all'installazione del software

Sharp Remote Device Manager Guida all'installazione del software Sharp Remote Device Manager Guida all'installazione del software La presente guida spiega come installare il software necessario per utilizzare Sharp Remote Device Manager (nel seguito della presente guida

Dettagli

Guida prodotto GFI. Guida dell amministratore

Guida prodotto GFI. Guida dell amministratore Guida prodotto GFI Guida dell amministratore Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia di alcun tipo, sia espressa

Dettagli

Guida di installazione e configurazione

Guida di installazione e configurazione Guida di installazione e configurazione Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia di alcun tipo, sia espressa

Dettagli

DR.Web Enterprise Security Suite. Guida Rapida di Installazione

DR.Web Enterprise Security Suite. Guida Rapida di Installazione DR.Web Enterprise Security Suite Guida Rapida di Installazione 1 Dr.Web Enterprise Security Suite è la versione centralizzata del software Antivirus Dr.Web destinato a installazioni su reti di Piccole\Medie

Dettagli

Intego Guida Per iniziare

Intego Guida Per iniziare Intego Guida Per iniziare Guida Per iniziare di Intego Pagina 1 Guida Per iniziare di Intego 2008 Intego. Tutti i diritti riservati Intego www.intego.com Questa guida è stata scritta per essere usata con

Dettagli

Guida dell amministratore

Guida dell amministratore Guida dell amministratore Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia di alcun tipo, sia espressa che implicita,

Dettagli

AXWIN6 QUICK INSTALL v.3.0

AXWIN6 QUICK INSTALL v.3.0 AXWIN6 QUICK INSTALL v.3.0 Procedura per l installazione di AxWin6 AxWin6 è un software basato su database Microsoft SQL Server 2008 R2. Il software è composto da AxCom: motore di comunicazione AxWin6

Dettagli

Aggiornamento da Windows XP a Windows 7

Aggiornamento da Windows XP a Windows 7 Aggiornamento da Windows XP a Windows 7 Se si aggiorna il PC da Windows XP a Windows 7 è necessario eseguire un'installazione personalizzata che non conserva programmi, file o impostazioni. Per questo

Dettagli

Versione software 1.0 di ConnectKey Share to Cloud Aprile 2013. Xerox ConnectKey Share to Cloud Manuale dell utente/ dell amministratore

Versione software 1.0 di ConnectKey Share to Cloud Aprile 2013. Xerox ConnectKey Share to Cloud Manuale dell utente/ dell amministratore Versione software 1.0 di ConnectKey Share to Cloud Aprile 2013 Xerox ConnectKey Share to Cloud Manuale dell utente/ dell amministratore 2013 Xerox Corporation. Tutti i diritti riservati. Xerox, Xerox and

Dettagli

Istruzioni per l uso. (Per l installazione Panasonic Document Management System) Digital Imaging Systems. Installazione. Sommario.

Istruzioni per l uso. (Per l installazione Panasonic Document Management System) Digital Imaging Systems. Installazione. Sommario. Istruzioni per l uso (Per l installazione Panasonic Document Management System) Digital Imaging Systems N. modello DP-800E / 800P / 806P Installazione Sommario Installazione Installazione del driver di

Dettagli

Guida dell amministratore

Guida dell amministratore Guida dell amministratore Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzie di alcun tipo, sia espresse che implicite,

Dettagli

Manuale prodotto GFI. Guida dell amministratore

Manuale prodotto GFI. Guida dell amministratore Manuale prodotto GFI Guida dell amministratore Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia di alcun tipo, sia espressa

Dettagli

Guida prodotto GFI. Assistente archivio di GFI MailArchiver

Guida prodotto GFI. Assistente archivio di GFI MailArchiver Guida prodotto GFI Assistente archivio di GFI MailArchiver Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia di alcun

Dettagli

Guida di installazione e configurazione

Guida di installazione e configurazione Guida di installazione e configurazione Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia di alcun tipo, sia espressa

Dettagli

Amico EVO Manuale dell Installazione

Amico EVO Manuale dell Installazione Amico EVO Manuale dell Installazione Versione 1.0 del 14.05.2013 Manuale dell installazione di AMICO EVO rev. 1 del 18.05.2013 Pag. 1 Amico EVO è un software sviluppato in tecnologia NET Framework 4.0

Dettagli

Aggiunte alla documentazione

Aggiunte alla documentazione Aggiunte alla documentazione Software di sicurezza Zone Alarm versione 7.1 Nel presente documento vengono trattate le nuove funzionalità non incluse nelle versioni localizzate del manuale utente. Fare

Dettagli

Guida prodotto GFI. Archive Assistant

Guida prodotto GFI. Archive Assistant Guida prodotto GFI Archive Assistant Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia di alcun tipo, sia espressa che

Dettagli

Manuale prodotto GFI. Guida dell amministratore

Manuale prodotto GFI. Guida dell amministratore Manuale prodotto GFI Guida dell amministratore Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia di alcun tipo, sia espressa

Dettagli

Con iprotectyou otterrete un enorme database integrato con la pre-selezione dei siti web e dei gruppi di notizie nocivi.

Con iprotectyou otterrete un enorme database integrato con la pre-selezione dei siti web e dei gruppi di notizie nocivi. Manuale Descrizione delle caratteristiche di iprotectyou Capire la posizione di iprotectyou sul vostro computer Fasce orarie per attività in rete Limiti di traffico Registrazioni e tabelle - Informazioni

Dettagli

Windows 2000, Windows XP e Windows Server 2003

Windows 2000, Windows XP e Windows Server 2003 Windows 2000, Windows XP e Windows Server 2003 Questo argomento include le seguenti sezioni: "Punti preliminari" a pagina 3-17 "Procedura rapida di installazione da CD-ROM" a pagina 3-17 "Altri metodi

Dettagli

Informazioni preliminari

Informazioni preliminari Informazioni preliminari Symantec AntiVirus Solution Per iniziare Symantec AntiVirus Solution consente di controllare la protezione antivirus di server e desktop da una console di gestione centrale. Consente

Dettagli

Sophos Anti-Virus guida di avvio per computer autonomi. Windows e Mac

Sophos Anti-Virus guida di avvio per computer autonomi. Windows e Mac Sophos Anti-Virus guida di avvio per computer autonomi Windows e Mac Data documento: giugno 2007 Sommario 1 Requisiti per l'installazione...4 2 Installazione di Sophos Anti-Virus per Windows...5 3 Installazione

Dettagli

Installazione di GFI LANguard Network Security Scanner

Installazione di GFI LANguard Network Security Scanner Installazione di GFI LANguard Network Security Scanner Requisiti di sistema Installare GFI LANguard Network Security Scanner su un computer in possesso dei seguenti requisiti: Sistemi operativi Windows

Dettagli

Università Degli Studi dell Insubria. Centro Sistemi Informativi e Comunicazione (SIC) Rete Wireless di Ateneo UninsubriaWireless

Università Degli Studi dell Insubria. Centro Sistemi Informativi e Comunicazione (SIC) Rete Wireless di Ateneo UninsubriaWireless Università Degli Studi dell Insubria Centro Sistemi Informativi e Comunicazione (SIC) Rete Wireless di Ateneo UninsubriaWireless Istruzioni per l accesso alla rete WiFi INSUBRIA CAMPUS STUDENTI Configurazione

Dettagli

Sophos Endpoint Security and Control Guida di avvio per computer autonomi

Sophos Endpoint Security and Control Guida di avvio per computer autonomi Sophos Endpoint Security and Control Guida di avvio per computer autonomi Sophos Endpoint Security and Control versione 9 Sophos Anti-Virus per Mac OS X, versione 7 Data documento: ottobre 2009 Sommario

Dettagli

Guida introduttiva. Fiery Network Controller per DocuColor 240/250

Guida introduttiva. Fiery Network Controller per DocuColor 240/250 Fiery Network Controller per DocuColor 240/250 Guida introduttiva In questo documento, ogni riferimento a DocuColor 242/252/260 rimanda a DocuColor 240/250. 2007 Electronics for Imaging, Inc. Per questo

Dettagli

Symantec Network Access Control Guida introduttiva

Symantec Network Access Control Guida introduttiva Symantec Network Access Control Guida introduttiva Symantec Network Access Control Guida introduttiva Il software descritto nel presente manuale viene fornito in conformità a un contratto di licenza e

Dettagli

Internet Explorer 7. Gestione cookie

Internet Explorer 7. Gestione cookie Internet Explorer 7 Internet Explorer 7 è la nuova versione del browser di Microsoft disponibile per i Sistemi Operativi: Windows Vista, Windows XP (SP2), Windows XP Professional x64 Edition e Windows

Dettagli

2009. STR S.p.A. u.s. Tutti i diritti riservati

2009. STR S.p.A. u.s. Tutti i diritti riservati 2009. STR S.p.A. u.s. Tutti i diritti riservati Sommario COME INSTALLARE STR VISION CPM... 3 Concetti base dell installazione Azienda... 4 Avvio installazione... 4 Scelta del tipo Installazione... 5 INSTALLAZIONE

Dettagli

Guida prodotto GFI. Guida dell amministratore

Guida prodotto GFI. Guida dell amministratore Guida prodotto GFI Guida dell amministratore Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia di alcun tipo, sia espressa

Dettagli

McAfee PC Protection Plus - Guida rapida

McAfee PC Protection Plus - Guida rapida Protezione del computer e dei file più importanti McAfee PC Protection Plus blocca virus, spyware e hacker ed esegue anche il backup e il ripristino di video, musica e file importanti. Include anche strumenti

Dettagli

Manuale prodotto GFI. Assistente archivio di GFI MailArchiver

Manuale prodotto GFI. Assistente archivio di GFI MailArchiver Manuale prodotto GFI Assistente archivio di GFI MailArchiver Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia di alcun

Dettagli

Laplink FileMover Guida introduttiva

Laplink FileMover Guida introduttiva Laplink FileMover Guida introduttiva MN-FileMover-QSG-IT-01 (REV.01/07) Recapiti di Laplink Software, Inc. Per sottoporre domande o problemi di carattere tecnico, visitare il sito: www.laplink.com/it/support/individual.asp

Dettagli

Acronis License Server. Manuale utente

Acronis License Server. Manuale utente Acronis License Server Manuale utente INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 1.1 Panoramica... 3 1.2 Politica della licenza... 3 2. SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI... 4 3. INSTALLAZIONE DI ACRONIS LICENSE SERVER...

Dettagli

Guida dell amministratore

Guida dell amministratore Guida dell amministratore Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzie di alcun tipo, sia espresse che implicite,

Dettagli

FileMaker Pro 12. Guida di FileMaker Server

FileMaker Pro 12. Guida di FileMaker Server FileMaker Pro 12 Guida di FileMaker Server 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker è un marchio di FileMaker,

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Editions. Guida introduttiva

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Editions. Guida introduttiva Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Editions Guida introduttiva Questo documento descrive come installare e iniziare ad utilizzare le seguenti edizioni di Acronis Backup & Recovery 10: Acronis Backup

Dettagli

Vedere sul retro le istruzioni per l'installazione rapida.

Vedere sul retro le istruzioni per l'installazione rapida. Manuale dell'utente Vedere sul retro le istruzioni per l'installazione rapida. Proteggiamo più persone da più minacce on-line di chiunque altro al mondo. Prendersi cura dell'ambiente è la cosa giusta da

Dettagli

Backup Exec 2012. Guida rapida all'installazione

Backup Exec 2012. Guida rapida all'installazione Backup Exec 2012 Guida rapida all'installazione Installazione Il documento contiene i seguenti argomenti: Requisiti di sistema Elenco di controllo pre-installazione di Backup Exec Esecuzione di un'installazione

Dettagli

Importante! Leggere attentamente la sezione Attivazione dei servizi della presente guida. Le informazioni contenute in questa sezione sono fondamentali per garantire la protezione del PC. MEGA DETECTION

Dettagli

Introduzione BENVENUTO!

Introduzione BENVENUTO! 1 Introduzione Grazie per aver scelto Atlantis Antivirus. Atlantis Antivirus ti offre una protezione eccellente contro virus, Trojan, worms, dialers, codici maligni e molti altri pericoli informatici.

Dettagli

Dell SupportAssist per PC e tablet Guida alla distribuzione

Dell SupportAssist per PC e tablet Guida alla distribuzione Dell SupportAssist per PC e tablet Guida alla distribuzione Messaggi di N.B., Attenzione e Avvertenza N.B.: Un messaggio di N.B. indica informazioni importanti che contribuiscono a migliorare l'utilizzo

Dettagli