Subwoofer array. Guida pratica. Traduzione italiana tratta da Subwoofer Arrays A Practical Guide (rev.1) di Jeff Berryman, Electro-Voice, June 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Subwoofer array. Guida pratica. Traduzione italiana tratta da Subwoofer Arrays A Practical Guide (rev.1) di Jeff Berryman, Electro-Voice, June 2010"

Transcript

1 Pubblicazione Tecnica n.16 Subwoofer array Guida pratica Traduzione italiana tratta da Subwoofer Arrays A Practical Guide (rev.1) di Jeff Berryman, Electro-Voice, June 2010

2 Sommario 1. Introduzione Concetti d acustica Lunghezza d onda Regole base sulla direttività Indipendenza orizzontale-verticale Sorgenti multiple e lobi d emissione Beamforming Gain Shading Grafici e strumenti di progettazione dell array Tipologie di array di woofer Broadside array Array in stack a terra Array in appendimento Gradient Array Esempio Caratteristiche dei gradient array Gradient array avanzati Gradient line-array Applicazioni del gradient line-array Array endfire Appendice A: Impostazione dei crossover per subwoofer Appendice B: Equalizzazione della sezione sub-bass Appendice C: Distorsione della radiazione... 32

3 1. Introduzione Nei sistemi audio sarebbe una cosa formidabile se i diffusori si comportassero come fonti luminose: scegli lo speaker con la copertura polare corretta, lo punti dove vuoi che il suono debba arrivare, e hai finito. E ovvio che le cose non funzionano così, specialmente nel caso delle basse frequenze. I normali diffusori in bassa frequenza si comportano in maniera praticamente omnidirezionale in tutto il loro range operativo, ma appena si pongono in stack, uno sopra l altro, più diffusori, il pattern di copertura polare diventa sempre più direzionale e più complesso nella forma. Immagina se la luce si comportasse nello stesso modo una lampadina illumina tutta la stanza, ma quattro lampadine in linea illuminerebbero solo una parte. A rendere le cose ancora peggiori, nel caso d uso di woofer multipli in stack ad es. in applicazioni stage left & right si ha la generazione di fenomeni di interferenza (noti con il nome di comb filtering, o filtraggio a pettine), che creano punti di massimo e punti zero (nodi) in posizioni differenti ed a frequenze diverse. Se la luce si comportasse anch essa così, allora accendendo due luci in una stanza poste ad una certa distanza tra loro, la stanza stessa si ritroverebbe illuminata con un bell arcobaleno fatto di vari colori. Oltre a ciò, si ha anche il problema della riverberazione, che aggiunge i suoi effetti di confusione e colorazione nel dominio temporale. Questo effetto non ha corrispondenza nel caso della luce. Di fronte a tutti questi fenomeni, come possiamo fare, noi professionisti dell audio, a progettare array di subwoofer e schemi di pilotaggio per realizzare una copertura audio precisa, fedele ed efficace? Se ci riusciamo, allora: I bassi saranno chiari, con un bilanciamento tonale costante su tutta l area d ascolto. Il livello sonoro dei bassi saranno sempre nel corretto rapporto con le emissioni in media ed alta frequenza del resto del setup su tutta l area d ascolto. Gli effetti negativi della riverberazione e della riflessione saranno drasticamente ridotti. L efficienza del sistema (potenza d uscita rispetto ai costi) sarà massimizzata. Questo documento spiegherà alcuni concetti e tecniche per ottenere dei buoni bassi. Saremo focalizzati sulla banda che spazia approssimativamente tra 20Hz e 150Hz.

4 2. Concetti d acustica 2.1 Lunghezza d onda Praticamente tutto ciò che riguarda l acustica degli array di diffusori ha a che fare con la lunghezza d onda. Un box o array è grande se le sue dimensioni o alcune delle sue dimensioni sono superiori a 1.5 volte le lunghezze d onda del suo range operativo. Una dimensione si dice piccola se è circa un terzo di una determinata lunghezza d onda in esame. Ecco alcune lunghezze d onda tipiche: In condizioni di temperatura, pressione ed umidità normali, la formula della lunghezza d onda stabilisce che: 2.2 Regole base sulla direttività Nel caso di fonti sonore ordinarie, la direttività è inversamente proporzionale alle dimensioni della fonte. Ovvero, se un oggetto è piccolo, la sua direttività è ampia; se è grande, la direttività è stretta. Vd. Fig. 1. Figura 1. Relazione inversa tra dimensioni e direttività Ricorda che piccolo o grande sono misure riferite alla lunghezza d onda, non ai metri.

5 2.3 Indipendenza orizzontale - verticale La regola base della direttività si applica indipendentemente ai piani orizzontale e verticale. Ad esempio, una linea orizzontale di subwoofer può essere grande orizzontalmente e piccola verticalmente. Perciò la sua direttività sarà stretta orizzontalmente e larga verticalmente, come mostra la Figura 2. Figura 2. Pattern asimmetrico 2.4 Sorgenti multiple e lobi d emissione Molte, se non quasi tutte, le installazioni con subwoofer utilizzano due array separati agli angoli opposti dello stage. Talvolta questi array sono posti in stack a terra, in altri casi in appendimento. In ogni caso, sorgenti multiple realizzano ciò che i fisici chiamano interferenza d onda, e che i tecnici audio invece chiamano comb filtering o filtraggio a lobi. La Figura 3 mostra la direttività di un singolo subwoofer Electro-Voice Xsub a 50Hz. In questo esempio, le dimensioni dello stage sono 12x6 metri. La linea rossa è il pattern polare. La separazione tra i cerchi del grafico è 6dB. L Xsub come si vede è essenzialmente omnidirezionale. Figura 3. Xsub singolo. Divisione 6dB La Figura 4 mostra cosa succede se si aggiunge un altro Xsub al lato opposto dello stage. Il risultato è ben differente e non migliore!

6 Figura 4. Xsub Left & right. Divisione 6dB,, 50Hz Poichè i woofer sono sostanzialmente omnidirezionali, ciascun ascoltatore in sala riceverà audio diretto da entrambi i woofer. Ma la distanza tra l ascoltatore ed un woofer in un determinato punto sarà diversa da quella tra l ascoltatore stesso e l altro woofer, a meno di non trovarsi in linea alla metà della larghezza dello stage. Dove la differenza tra le due distanze equivale ad un multiplo dispari di ½ lunghezza d onda, il suono dei due woofer si cancella, e l ascoltatore non riceve bassi, o almeno non direttamente dai woofer. Questi lobi produrranno un bilanciamento tonale ed un livello non uniformi nell area d ascolto. In applicazioni indoor, i problemi di bilanciamento tonale sono parzialmente mascherati dalla riverberazione, ma la mancanza di chiarezza rimane. In esterno invece, non essendoci sostanzialmente riverberazione, il problema è ben presente e noto. La Figura 5 mostra le prestazioni in due casi pratici linee di subwoofer in stack a terra e linearray di subwoofer in appendimento. Figura 5. Pattern orizzontali di array di sub left & right in stack a terra ed in appendimento dimento. A sinistra: array orizzontale, 3 Xsub per lato / A destra: line-array verticali, in appendimento L&R L unica regione che rimane esente dai fenomeni di lobi in tutte le frequenze è quella lungo la direttrice dal centro dello stage. Lungo questa linea i bassi sono i più spinti, chiari e precisi. Questo è il noto effetto di corridoio di potenza che rende il sound dei bassi estremamente buono alla posizione di mix, ma non rende al fonico FOH l idea corretta di ciò che ascolta il resto del pubblico.

7 La soluzione migliore al problema dei lobi è l uso di un cluster centrale unico anziché due stack separati in left & right. Ciò vale sia per array orizzontali sia verticali. Ma è chiaro che spesso questa via non è una soluzione percorribile, per varie ragioni di scenografia e rigging. Se si utilizzano stack left & right, il problema dei lobi può essere ridotto grazie a woofer in stack strutturati in beamforming e/o gradiente. 2.5 Beamforming Il beamforming è una tecnica attraverso cui l onda sonora emessa da un grande array può essere orientata e modificata nella forma. In un array beamformato, i diffusori sono pilotati separatamente (o in piccoli gruppi) e ciascun segnale è dotato di delay e livello indipendenti e separati dagli altri. Le Figure 6 e 7 illustrano un tipico effetto del beamforming su un array di subwoofer di media grandezza. L illustrazione si riferisce a 4 sub EV Xsub. La Figura 6 mostra l array senza beamforming. Nella Figura 7, invece, vengono scelti valori di delay diversi per indirizzare la radiazione in bassa frequenza verso l esterno dello stage. Questa è una tecnica tipica per aumentare la copertura laterale. Il beamforming funziona solo su array di grandi dimensioni (definiti secondo la Sez. 2.1). Il controllo della direttività nel caso di piccoli array richiede invece la tecnica del gradiente Vd. Sez. 8. Figura 6. Quattro EV Xsub in linea semplice. Vista in pianta ad un lato dello stage, 60Hz. Audience a destra.

8 Figura 7. Quattro EV Xsub in array con beamforming. Valori di delay (dallo stage verso l esterno): 0, 1, 2.5, 5 ms. Vista in pianta ad un lato dello stage, 60Hz. Audience A a destra. 3. Gain Shading Il termine shading si riferisce alla modifica dei parametri di pilotaggio di uno o più elementi agli estremi dell array. Gain shading significa che tali moduli saranno variati nel solo guadagno in uscita, tipicamente riducendone il volume. Nel caso di array molto lunghi lo shading prende la forma di una graduale attenuazione del gain da 0dB a circa -6dB lungo gli ultimi due o tre elementi su ciascun estremo dell array. L effetto dello shading è quello di rendere il pattern di copertura molto più regolare e meno dipendente dalla frequenza. Per esempio, Vd. Fig Grafici e strumenti di progettazione dell array I pattern polari illustrati in questo documento sono stati realizzati grazie al tool LAPS 2.2A di Electro-Voice. LAPS è lo strumento di riferimento per la progettazione di line-array EV. A partire dalla release 2.2A, LAPS comprende anche un apposita sezione di modellazione del pattern nella regione sub-bass. LAPS si affianca ad un tool simile chiamato EVADA ( Expandable Vertical Array Design Assistant ), che è una versione più snella del LAPS orientata alla progettazione di cluster Electro-Voice serie EVA. EVADA è dotato della stessa sezione di modelling sub-bass del software LAPS. Entrambi gli strumenti, LAPS ed EVADA, sono applicazioni Microsoft Excel liberamente scaricabili dal sito ufficiale EV, Prerequisiti sono un PC IBM (o emulatore PC), Microsoft Excel versione 2000 o superiore, e S.O. Windows 2000 o superiore.

9 5. Tipologie di array di woofer Nel settore Audio Pro, si trovano tre diversi tipi di array di woofer: Broadside Array, in cui un certo numero di woofer sono strutturati in linea, e la radiazione primaria è ad angolo retto rispetto la linea. Questa è la tipica struttura in uso nelle applicazioni più comuni, sia in stack a terra (linea orizzontale) sia in appendimento (linea verticale). Nella pratica, l array di tipo broadside è quello di gran lunga più utilizzato. Gradient Array, in cui i woofer sono strutturati e gestiti in una particolare modalità per realizzare un pattern direzionale simile al caso microfonico normalmente cardioide e ipercardioide. Array simili coinvolgono woofer con molti canali di pilotaggio contenenti delay, filtri e/o inversioni di polarità per raggiungere tali risultati. Array gradiente possono essere acquistati come box singolo, oppure costruiti tramite box separati. Endfire Array, in cui un certo numero di cabinet sono posizionati in righe equispaziate orientate verso la direzione di radiazione desiderata, e pilotati in una schiera di delay successivi per realizzare un pattern molto stretto. L array di diffusori in configurazione endfire è l equivalente del caso microfonico shotgun (a fucile). Tale struttura d array è rara ed utilizzata sono in particolari applicazioni a lunga gittata in esterno. 5.1 Broadside array Un array di tipo broadside è una linea di box di woofer (o stack di moduli) con una radiazione sonora diretta più o meno ad angolo retto rispetto la linea stessa. La linea può essere dritta, curva o a scala. Figura 8. Array di tipo broadside

10 Gli array di woofer di tipo broadside sono i più comuni, perché sono facili da progettare e configurare. Ad ogni modo, per ottenere buoni bassi su un area ampia sono necessari alcuni accorgimenti oltre all approccio standard, che vedremo. Dalla Fig. 9 alla Fig. 12 si illustrano alcuni principi di base. La Fig. 9 mostra che all aumentare della lunghezza dell array il pattern diventa sempre più stretto. Figura 9. Array lungo e corto. Due e quattro subwoofer EV Xsub. 60Hz. Vista in pianta. Audience a destra. La Fig. 10 mostra che array dritti hanno un pattern che diventa sempre più stretto e con lobi sempre più numerosi all aumentare della frequenza. Array curvi, se sufficientemente lunghi, garantiscono una direttività più uniforme. Figura 10. Array dritti e curvi. 6 subwoofer EV Xsub.. Audience a destra.

11 La Fig. 11 mostra che il posizionamento a scala è essenzialmente equivalente ad un riorientamento della spinta acustica. La struttura a scala può essere utile quando considerazioni di scenografia e/o estetica impediscano l uso di array inclinati. Figura 11. Array inclinati e a scala. Quattro subwoofer EV Xsub.. Audience a destra. La Fig. 12 illustra come, per ottenere un pattern più ampio, la struttura a scala sia utilizzabile al posto della struttura curvilinea. In questo caso i risultati con array a scala sono migliori. Figura 12. Array curvi e a scala. 4 subwoofer EV Xsub.. Audience a destra.

12 6. Array in stack a terra Ampiezza del pattern. Per array orizzontali in stack a terra, l ampiezza di copertura è spesso un fattore determinante. Array sub-bass dritti lunghi oltre 3m sono troppo direzionali per molte applicazioni. Ad esempio, il grafico in Fig. 9 mostra che il pattern di copertura di un array di 4 EV Xsub (largo circa 3.7m) è ampio solo 90 a 60Hz. A frequenze più elevate risulta anche più stretto. Un esempio ancora più significativo è illustrato nel diagramma a sinistra in Fig. 10, un array di 6 subwoofer EV Xsub. L ampiezza fisica dell array è approssimativamente 7.3m. Questo esempio mostra che il pattern è ampio solo 60 a 60Hz, ed altamente dipendente dalla frequenza. E possibile allargare ed uniformare il pattern curvando o ponendo in scala l array (Vd. Fig. 12) o attraverso il beamforming. Sistemi con array left & right. In sistemi con array in posizione left & right, è bene studiare il pattern di ciascun array individuale, ma la progettazione ottimale richiede di considerare gli effetti di entrambi gli array complessivamente. Se avessimo il perfetto controllo della direttività, vorremmo che l array left coprisse solo l audience a sinistra, e l array right solo il pubblico a destra. Poiché questo non è possibile, i pattern di sovrappongono, con l insorgenza dei lobi. L obiettivo della progettazione di sistema è quello di minimizzare tali lobi e allo stesso tempo coprire adeguatamente tutta l audience. Se gli array sono più lunghi di 3m, è possibile trarre vantaggio dai loro pattern più stretti per ridurre i lobi. Orientandoli verso l esterno dello stage, si può ridurre la sovrapposizione dei pattern al centro e contemporaneamente ampliare la copertura generale. La Fig. 13 mostra questo effetto. Nel diagramma a destra, gli array di woofer sono stati orientati 30 fuori asse, e si nota che i punti zero (nodi) sono molto meno influenti sulla copertura, e le prestazioni a 90Hz risultano migliorate. Figura 13. Puntamento fuori asse di array di woofer in stack a terra. 3 subwoofer EV Xsub per lato. Stage ampio 15m. Vista in pianta. Audience a destra.

13 Il beamforming permette di ottenere un effetto simile al puntamento fuori asse. La Fig. 14 illustra l effetto di applicare delay di beamforming allo stesso array della Fig. 13. I risultati sono abbastanza buoni. Figura 14. Beamforming per la creazione di puntamenti fuori asse. 3 subwoofer EV Xsub per lato. Stage ampio 15m. Vista in pianta. Audience a destra. Largo stack centrale. In grandi applicazioni e attività outdoor è spesso conveniente porre in stack i subwoofer su una linea continua lungo il fronte dello stage. Se si impiegano delay di beamforming in cluster di questo tipo, i risultati possono essere davvero eccellenti. La Fig. 15 mostra la direttività ottenibile da una linea di 12 subwoofer EV Xsub con delay ottimizzati. Figura subwoofer EV Xsub in linea centrale con beamforming. Vista in pianta. Audience a destra.

14 La Fig.15 illustra un sottile dettaglio nel beamforming che è bene tenere in mente. Se si dà uno sguardo alla tabella dei valori dei delay, si noterà che essi non sono posti ad intervalli regolari gli step aumentano sempre più verso gli estremi dell array. Ciò è tipico. Nel progettare i propri sistemi con beamforming (utilizzando LAPS o altri tool di sviluppo), probabilmente si noterà che più si allargano gli intervalli di delay verso i moduli più esterni, più i risultati sembrano migliorare, per applicazioni sia di puntamento sia di allargamento della copertura. La Fig. 16 mostra il pattern dello stesso array della Fig. 15, ma senza beamforming applicato. L angolo di copertura è molto stretto e molto dipendente dalla frequenza. Array di questo tipo possono rivelarsi utili per la copertura di aree d ascolto molto lunghe e strette (es. sfilate lungo strada), ma nel caso di normali concerti la soluzione con beamforming mostrata in Fig. 15 è certamente da preferire. Figura subwoofer EV Xsub in linea centrale senza beamforming. Vista in pianta. Audience a destra.

15 7. Array in appendimento Normalmente array di subwoofer in appendimento sono larghi uno o al massimo due moduli. Realizzano così una copertura orizzontale molto ampia. Allo stesso tempo però, tali array sono tipicamente lunghi, e ciò comporta una copertura verticale che è spesso troppo stretta. In particolare, si può scoprire una mancanza di spinta sub-bass nelle prime file di sedute. Le soluzioni sono: 1. Curvare l array sul piano verticale, come mostrato nel caso orizzontale dalle Fig. 10 e 12. Spesso la curvatura dell array è anche visivamente consigliabile perché permette di allineare la forma dello stack di woofer con quella degli array high-mid. Ma ciò funziona adeguatamente solo con stack molto lunghi. 2. Aggiungere alcuni subwoofer in stack a terra al centro dello stage. La loro spinta dev essere sufficiente solo per coprire la relativa area frontale. Si deve regolare il delay ed il livello per una copertura uniforme sulle prime 10 o 20 file di sedute. Questo è l approccio tipico, ma la taratura precisa della copertura può essere un obiettivo abbastanza difficoltoso. 3. Utilizzare il beamforming. Questa è la tecnica più efficace nel caso degli array in appendimento. Le Fig. 17/19 mostrano il risultato secondo il tool per la progettazione line-array LAPS nel caso di un array di bassi appesi (otto EV woofer XLC-215 in un tipico teatro a due balconate), con diverse soluzioni applicate. Le stime evidenziano i pattern di copertura verticale di un solo stack, perciò non tengono in considerazione alcun effetto a lobi eventualmente presente, ma rendono un idea delle prestazioni ottenibili sul piano verticale. La Fig. 17 mostra un semplice array in appendimento senza curvatura, orientamento o beamforming. Il problema sulle basse alle prime file è evidente. Figura 17. Senza orientamento, senza beamforming. La Fig. 18 mostra lo stesso array precedente, ma con due XLC-215 aggiuntivi in stack, sullo stage o di fronte ad esso. I woofer di front-fill sono ritardati di 2ms. La forma delle curve è abbastanza sensibile al valore di delay applicato. Le prestazioni sono migliori, ma non eccellenti.

16 Figura 18. Senza orientamento, senza beamforming. Con 2 woofer XLC-215 in stack a terra front-fill. fill. La fig. 19 mostra come un lieve e semplice beamforming permette di ottenere buoni risultati. I due box inferiori sullo stack sono ritardati di 4ms, senza altro processing applicato. Figura 19. Con beamforming: i due box inferiori ritardati di 4ms. In tutti questi scenari, vi è una differenza in livello sulle basse di 12-14dB front-to-back. Ciò non è accettabile in molte applicazioni. La soluzione perfetta a tale problema è difficile. Se le dimensioni della sala lo permettono, l appendimento in posizione più elevata è la tecnica più efficace per livellare uniformente l SPL sulle basse frequenze dal fronte palco alle sedute più lontane. Nelle precedenti illustrazioni, l altezza d appendimento era stata posta a 10m alla cima dello stack. La Fig. 20 mostra lo stesso array in beamforming della Fig. 19, ma con un altezza d appendimento di 20m in cima allo stack. La variazione del livello front-to-back è molto minore.

17 Figura 20. Con beamforming; altezza d appendimento 20m. Line array sub-bass bass centrale in appendimento. Se le considerazioni sulla scenografia e sul rigging lo permettono, uno stack di subwoofer centrale in appendimento può dare ottimi risultati. Non vi è alcun effetto di creazione di lobi, la copertura orizzontale è sostanzialmente 360 e la copertura verticale può essere controllata con il beamforming. La Fig. 21 mostra la copertura di un cluster centrale in appendimento costituito da 12 subwoofer EV Xsub in un palazzetto sportivo. I woofer sono appesi in linea retta, con l applicazione di un set ottimizzato di delay in beamforming. Viene anche applicato il level shading. Il risultato è una copertura sub-bass che si mantiene costante nel bilanciamento tonale sull intera area d ascolto. Nell esempio, i delay sono applicati a coppie, ovvero, ogni paio di woofer adiacenti ha lo stesso valore di delay sul canale di pilotaggio. Questo è più economico che non dover gestire canali d amplificazione separati per ciascun subwoofer. Ad ogni modo, se la via di ogni woofer potesse essere controllabile separatamente, i risultati in copertura sarebbero ancora migliori. Figura 21. Cluster centrale di 12 Xsub in appendimento.

18 8. Gradient Array Un array di tipo gradiente è una particolare struttura di diffusori pilotati con diverse ampiezze e fasi, così da cancellare la radiazione sonora verso determinate direzioni. I gradient array funzionano solo quando le loro dimensioni sono piccole rispetto alla lunghezza d onda in esame. Essi rappresentano il caso opposto degli array di tipo beamforming ed endfire, che invece devono essere molto lunghi per funzionare adeguatamente. La ragione di ciò è che i diffusori gradiente lavorano sul controllo delle differenze di pressione acustica tra diverse parti dell onda sonora, e quindi devono essere sufficientemente piccoli per operare all interno dell onda. Figura 22. Gradiente I diffusori gradiente sono la controparte, dal lato speaker, dei comuni microfoni direzionali, che funzionano prelevando le differenze in pressione tra diverse parti dell onda sonora. La tecnica del gradiente è l unica via pratica per realizzare un controllo del pattern di copertura sub-bass nel caso di piccoli array. Se impostati correttamente e precisamente, i gradient array possono realizzare pattern molto utili per rendere una copertura sulle basse significativamente migliore di quella ottenibile con array semplici delle stesse dimensioni. 8.1 Esempio La Fig. 23 mostra una coppia di subwoofer EV Xsub in una configurazione gradiente di base. Ciascuno speaker è pilotato separatamente. I box sono posizionati back-to-back distanti 10cm. Il box posteriore è pilotato con inversione di polarità e ritardato di 4.65ms. L array risultante ha un pattern direzionale cardioide. Sebbene in questo esempio gli speaker siano posti back-to-back, non è sempre necessario farlo. Finchè c è abbastanza spazio tra cabinet frontale e posteriore per permettere al sound dello speaker posteriore di emergere, il cabinet posteriore può essere posizionato con il fronte rivolto in avanti o indietro. Il gap dovrebbe essere almeno 50cm. In tutti i casi, il valore del delay dev essere sempre regolato per accoppiarsi allo spazio tra i coni dei due loudspeaker. Se ciascun Xsub mostrato in Figura 23 fosse una colonna di Xsub anziché un singolo Xsub, otterremmo un gradient line-array. I gradient line-array sono dotati di utili proprietà che saranno discusse più avanti.

19 Figura 23. Coppia di Xsub cardioide 8.2 Caratteristiche dei gradient array Opzioni sul pattern. Per una data coppia gradient, il pattern può essere variato agendo sul delay del modulo posteriore. I pattern disponibili sono simili a quelli dei microfoni: cardioide, ipercardioide (vari tipi), e figura-8. Le Fig. 24 e 25 illustrano quattro diverse opzioni del pattern per la coppia di Xsub back-toback dell esempio precedente. Figura 24. A sinistra: cardioide delay 4.65ms. A destra: ipercardioide, nodi (zeri) a +/-135, delay 3.4ms 60Hz. Audience a destra.

20 Figura 25. A sinistra: ipercardioide, nodi (zeri) a +/-120, delay 2.3ms. A destra: figura-8, delay 0ms 60Hz. Audience a destra. Spaziatura degli elementi, uscita e banda. Nella costruzione di una coppia gradiente, è importante comprendere il ruolo della spaziatura degli elementi. Per spaziatura degli elementi intendiamo la distanza tra i coni dei diffusori frontale e posteriore. Una spaziatura larga aumenta l uscita sub-bass ma diminuisce la massima frequenza operativamente utile. Una spaziatura corta diminuisce l uscita ma aumenta il range di frequenze utilizzabile. Nel nostro esempio, la spaziatura degli elementi è 157cm, ottenendo così una frequenza massima utile di circa 90Hz. Il pattern si deteriora rapidamente oltre questo limite in frequenza, come dimostra la Fig. 26. Figura 26. Xsub back-to to-back a 90Hz, 100Hz e 120Hz. Audience a destra.

21 Effetto delle superfici vicine. Le coppie gradiente non funzionano correttamente quando sono situate di fronte a pareti o superfici riflettenti. La Fig. 27 mostra cosa succede quando una coppia di Xsub è posta a 60cm di fronte ad una parete. La parete è la linea verticale al centro del grafico. I due subwoofer a sinistra sono box virtuali immagini acustiche create dalla riflessione sonora sulla parete stessa. I due box sulla destra sono i woofer veri e propri. Figura 27. Coppia cardioide a 60cm dalla parete. I box a sinistra sono immagini acustiche del vero array a destra. Audience a destra. Bilanciamento tonale del campo riverberante. Molti array di subwoofer divengono meno direzionali alle basse frequenze. Così, al diminuire della frequenza, essi erogano sempre più componenti in uscita verso il campo riverberante della sala. Questo causa un eccesso di spinta sub-bass (talvolta chiamato bass bloom ) nel campo riverberante. A differenza di tutti gli altri tipi di speaker, quelli di tipo gradiente mantengono un controllo della copertura fino alle frequenze più basse. Quindi essi possono rivelarsi molto utili in applicazioni in cui sia necessaria una precisa e puntuale spinta nella regione sub senza la generazione di troppa energia nel campo riverberante a bassa frequenza. Livello di pilotaggio degli elementi e quantità di woofer. Nei gradient array tipici, si è trovato che il minimo della radiazione posteriore si ha quando l uscita dell elemento posteriore (spesso chiamato elemento di guida o steering) è circa 6dB inferiore a quella dell elemento frontale. Questo risultato è dovuto all effetto della forma del cabinet. In termini pratici, ciò significa che il numero dei woofer posteriori può essere metà della quantità dei woofer frontali. 8.3 Gradient array avanzati L uso di delay per creare pattern direzionali rappresenta una tecnica efficace alle basse frequenze, ma non tiene in considerazione gli effetti della forma del cabinet sulle onde sonore erogate. Il risultato è che all estremità superiore del range di frequenza utile dell array il suo pattern di radiazione può deviare dalla forma attesa. Quando gli speaker frontale e posteriore vengono combinati in un singolo cabinet, come ad esempio l XCS-312 di Electro-Voice, sub cardioide, è possibile sviluppare metodi di processing avanzato tale da correggere questi effetti, così che lo speaker mantiene la propria

22 direttività dichiarata sull intero frequency range di lavoro. Questi sistemi di pilotaggio sfruttano delay dipendenti dalla frequenza (normalmente chiamati all-pass filter ) per deviare l effetto della propagazione sonora attorno al cabinet. 8.4 Gradient line array Quando coppie gradiente vengono assemblate in un line-array, la direttività risultante mostra caratteristiche sia di tipo gradient sia broadside. La Fig. 28 illustra il pattern di radiazione di un gradient line-array alto solo due moduli in totale, troppo corto per mostrare comportamenti broadside. Il pattern è un semplice cardioide di rotazione. Figura 28. Gradient line-array molto corto. La Fig. 29 mostra il pattern di un gradient line-array lungo abbastanza per mostrare comportamenti broadside. Il suo pattern è un cardioide di rotazione più schiacciato. Figura 28. Gradient line-array più lungo.

23 In pratica, i gradient line-array possono essere costituiti da appositi speaker gradiente come il sub EV XCS-312, oppure da due colonne di speaker tradizionali appese in stack l una dietro l altra. Beamforming Gradient line-array array. Applicando delay di beamforming ad un gradient line-array è possibile orientarne il pattern. Tali delay di beamforming devono essere applicati egualmente agli elementi frontali e posteriori di ciascuna coppia gradiente dell array. La Fig. 30 mostra il pattern di un gradient line-array con l aggiunta di delay di beamforming per creare una deviazione del puntamento verticale. Il pattern può essere descritto come un cardioide di rotazione più schiacciato e orientato. Con accurati profili avanzati di delay, sono ottenibili pattern verticali a forma più complessa. Figura 30. Gradient line-array con beamforming. 8.5 Applicazioni del gradient line-array Come sopra sottolineato, l arraying di tipo gradient è utile per piccoli array di subwoofer e per quei line-array che, pur larghi nella dimensione verticale, sono corti in quella orizzontale. I problemi inerenti agli array piccoli sono relativi a due categorie: 1. La creazione di lobi, dovuti alla sovrapposizione tra gli stack left e right. 2. La copertura eccessivamente ampia. Inoltre, i gradient array si rivelano utili in quei casi in cui il controllo della radiazione retroversa in bassa frequenza sia un punto cruciale. I problemi più comuni in questo senso sono: a. Troppi bassi sullo stage. b. Radiazione retroversa indesiderata da parte dei cluster di delay. Array left & right. Per sistemi con subwoofer in stack a terra o in appendimento left & right, l uso di gradient array orientati fuori asse aiuta a ridurre il fenomeno dei lobi. La Fig. 31 confronta la copertura di uno stack Xsub (largo un modulo) su entrambi i lati dello stage rispetto a quella di una configurazione gradiente della stessa misura.

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE.

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE. 1 DESCRIZIONE GENERALE. DESCRIZIONE GENERALE. L'analizzatore di spettro Mod. 2813-E consente la visualizzazione, in ampiezza e frequenza, di segnali musicali di frequenza compresa tra 20Hz. e 20KHz. in

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali

Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali Preamplificazione: spalanca le porte al suono! Tra mixer, scheda audio, amplificazione, registrazione, il segnale audio compie un viaggio complicato, fatto a

Dettagli

Legga attentamente questo manuale prima di utilizzare o installare il prodotto!

Legga attentamente questo manuale prima di utilizzare o installare il prodotto! MANUALE GENERALE Gentile cliente, benvenuto nella famiglia NewTec e grazie per la fiducia dimostrata con l acquisto di questi altoparlanti. Optando per un sistema audio di altissimo design ha dimostrato

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Onde e suono. Roberto Cirio. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica

Onde e suono. Roberto Cirio. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica Onde e suono Roberto Cirio Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica La lezione di oggi Oscillazioni e onde Sovrapposizione di onde L orecchio Fisica

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule.

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule. I db, cosa sono e come si usano. Il decibel è semplicemente una definizione; che la sua formulazione è arbitraria o, meglio, è definita per comodità e convenienza. La convenienza deriva dall osservazione

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei L OSCILLOSCOPIO L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei circuiti elettronici. Nel suo uso abituale esso ci consente di vedere le forme d onda

Dettagli

PROGETTO E SIMULAZIONI DEL SISTEMA PROPRIETARIO DI LINEE DI TRASMISSIONE. (DDDL= Dual Drive Dual Line) Implementato per il modello CANTICO CX8.

PROGETTO E SIMULAZIONI DEL SISTEMA PROPRIETARIO DI LINEE DI TRASMISSIONE. (DDDL= Dual Drive Dual Line) Implementato per il modello CANTICO CX8. 1 PROGETTO E SIMULAZIONI DEL SISTEMA PROPRIETARIO DI LINEE DI TRASMISSIONE D3L (DDDL= Dual Drive Dual Line) Implementato per il modello CANTICO CX8. CX via ottavio rinuccini, 3 milano info@labirintiacustici.it

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

se Electronics Bundle X1 + Project Studio Reflexion Filter X1: microfono a condensatore per voce e strumenti

se Electronics Bundle X1 + Project Studio Reflexion Filter X1: microfono a condensatore per voce e strumenti se Electronics Bundle X1 + Project Studio Reflexion Filter Questa settimana vogliamo dedicare spazio ad una soluzione se Electronics davvero interessante per chi si cimenta con l home recording. Il bundle

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Fonica: Scheda 2. Il suono. Il rumore. (a cura di Pietro Di Mascolo)

Fonica: Scheda 2. Il suono. Il rumore. (a cura di Pietro Di Mascolo) Fonica: Scheda 2 (a cura di Pietro Di Mascolo) Il suono Possiamo definire il suono come una particolare sensazione percepita dall organo dell udito eccitato da un agente esterno. Esso ha origine dal movimento

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1.

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1. O2 - I PRISMI OTTICI S intende con prisma ottico un blocco di vetro ottico 8 limitato normalmente da superfici piane, di forma spesso prismatica. Un fascio di luce 9 può incidere su una o due delle sue

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico Illuminotecnica Introduzione al calcolo illuminotecnico 1 Illuminotecnica La radiazione luminosa Con il termine luce si intende l insieme delle onde elettromagnetiche percepibili dall occhio umano. Le

Dettagli

GRANDEZZE SINUSOIDALI

GRANDEZZE SINUSOIDALI GRANDEE SINUSOIDALI INDICE -Grandezze variabili. -Grandezze periodiche. 3-Parametri delle grandezze periodiche. 4-Grandezze alternate. 5-Grandezze sinusoidali. 6-Parametri delle grandezze sinusoidali.

Dettagli

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1 LA SCALA PITAGORICA (e altre scale) 1 IL MONOCORDO I Greci, già circa 500 anni prima dell inizio dell era cristiana, utilizzavano un semplice strumento: il monocordo. Nel monocordo, un ponticello mobile

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

Dispensa sulle funzioni trigonometriche

Dispensa sulle funzioni trigonometriche Sapienza Universita di Roma Dipartimento di Scienze di Base e Applicate per l Ingegneria Sezione di Matematica Dispensa sulle funzioni trigonometriche Paola Loreti e Cristina Pocci A. A. 00-0 Dispensa

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio 2 Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Il vostro sistema per la comunicazione al pubblico di facile

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio Radioastronomia Come costruirsi un radiotelescopio Come posso costruire un radiotelescopio? Non esiste un unica risposta a tale domanda, molti sono i progetti che si possono fare in base al tipo di ricerca

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

ELABORARE FILE AUDIO CON AUDACITY Tutorial per le prime funzionalità

ELABORARE FILE AUDIO CON AUDACITY Tutorial per le prime funzionalità ELABORARE FILE AUDIO CON AUDACITY Tutorial per le prime funzionalità INDICE 1. Caricare un file audio. p. 2 2. Riprodurre una traccia. p. 2 3. Tagliare una traccia... p. 3 4. Spostare una traccia. p. 3

Dettagli

Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive. Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici 2009-0303

Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive. Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici 2009-0303 Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici Obiettivo Gli studenti sono in grado di approfondire in maniera corretta informazioni

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

O 6 - GLI SPECCHI. Fig. 85

O 6 - GLI SPECCHI. Fig. 85 O 6 - GLI SPECCHI Quando un fascio di luce (radiazione ottica) incide sulla superficie di separazione fra due materiali diversi, possono avvenire tre cose, generalmente tutte e tre allo stesso tempo, in

Dettagli

Generatori di segnale. Generatore sinusoidale BF. Generatori di funzione. Generatori sinusoidali a RF. Generatori a battimenti. Oscillatori a quarzo

Generatori di segnale. Generatore sinusoidale BF. Generatori di funzione. Generatori sinusoidali a RF. Generatori a battimenti. Oscillatori a quarzo Generatori di segnale Generatore sinusoidale BF Generatori di funzione Generatori sinusoidali a RF Generatori a battimenti Oscillatori a quarzo Generatori per sintesi indiretta 2 2006 Politecnico di Torino

Dettagli

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI Per aberrazione intendiamo qualsiasi differenza fra le caratteristiche ottiche di un oggetto e quelle della sua immagine, creata da un sistema ottico. In altre parole, ogni

Dettagli

Acustica con una Bic e uno smartphone

Acustica con una Bic e uno smartphone 1 Acustica con una Bic e uno smartphone L. Galante #, 1, A. M. Lombardi*, 2 # LSS G. Bruno, Torino, Italy. * ITCS Primo Levi, Bollate (MI), Italy. Abstract. A smartphone, with its integrated sensors and

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

8. Il radar ad apertura sintetica

8. Il radar ad apertura sintetica 8. Il radar ad apertura sintetica Il radar ad apertura sintetica (SAR Synthetic Aperture Radar) è stato sviluppato a partire dal 1951 in seguito alle osservazioni effettuate da Carl Wiley della Goodyear

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

Sviluppo di procedure di misura complesse basate su tone bursts

Sviluppo di procedure di misura complesse basate su tone bursts Sviluppo di procedure di misura complesse basate su tone bursts M. Bigi, M. Jacchia, D. Ponteggia Metodi di misura e di elaborazione del segnale nella riproduzione elettroacustica del suono Rimini, 38

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO Teoria musicale - 2 DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO IL FENOMENO FISICO DEL SUONO Il suono è un fenomeno fisico generato dalla vibrazione di un corpo e percepito dal nostro sistema uditivo. La vibrazione viene

Dettagli

User guide Conference phone Konftel 100

User guide Conference phone Konftel 100 User guide Conference phone Konftel 100 Dansk I Deutsch I English I Español I Français I Norsk Suomi I Svenska Conference phones for every situation Sommario Descrizione Connessioni, accessoires, ricambi

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Esposizioni in condizioni complesse. Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it

Esposizioni in condizioni complesse. Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it Esposizioni in condizioni complesse Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it Valutazione dell esposizione a CEM La valutazione pratica dell esposizione ai campi elettrici

Dettagli

HEADQUARTERS: DK-2850

HEADQUARTERS: DK-2850 Il rumore ambientale Contenuti Informazioni sull opuscolo... 3 Introduzione... 4 Cos è il suono?... 7 Tipi di rumore... 14 Propagazione del rumore nell ambiente... 16 Identificazione delle sorgenti di

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

Spider IV 15 Manuale del Pilota

Spider IV 15 Manuale del Pilota Spider IV 15 Manuale del Pilota 40-00-0187 Cliccate su www.line6.com/manuals per scaricare questo libretto d istruzioni Rev D Istruzioni per la vostra sicurezza ATTENZIONE RISCHIO DI SCOSSE ELETTRICHE

Dettagli

FASE O. FASCICOLO TEORICO

FASE O. FASCICOLO TEORICO FASE O. FASCICOLO TEORICO Prima parte O1. Le onde ONDE MECCANICHE Un'onda meccanica è la propagazione di una perturbazione in un mezzo (gassoso, liquido o solido). Per formare un'onda meccanica occorrono

Dettagli

User Manual ULTRA-DI DI20. Professional Active 2-Channel DI-Box/Splitter

User Manual ULTRA-DI DI20. Professional Active 2-Channel DI-Box/Splitter User Manual ULTRA-DI DI20 Professional Active 2-Channel DI-Box/Splitter 2 ULTRA-DI DI20 Indice Grazie...2 1. Benvenuti alla BEHRINGER!...6 2. Elementi di Comando...6 3. Possibilità Di Connessione...8 3.1

Dettagli

Trasmissione del suono attraverso una parete. Prof. Ing. Cesare Boffa

Trasmissione del suono attraverso una parete. Prof. Ing. Cesare Boffa Trasmissione del suono attraverso una parete Prof. ng. Cesare offa W t W i scoltatore W r orgente W a La frazione di energia trasmessa dalla parete è data dal fattore di trasmissione t=w t /W i. Più spesso

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI APPUNTI DI ELETTROTECNICA INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI A cosa servono e come funzionano A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Versione n. 3.3 - Marzo 2013 Inverter Guida Tecnica Ver 3.3 Pag.

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

5.2. Pipetta. 2: Lo strumento di luce/ombra

5.2. Pipetta. 2: Lo strumento di luce/ombra 2: Lo strumento di luce/ombra Scostamento Luce a «0%» e Ombra a «100%» Con lo strumento di luce/ombra possono essere fissati il punto più chiaro, il punto medio e quello più scuro dell immagine. Sotto

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

Descrizione matematica della propagazione Consideriamo una funzione ξ = f(x) rappresenatata in figura.

Descrizione matematica della propagazione Consideriamo una funzione ξ = f(x) rappresenatata in figura. ONDE Quando suoniamo un campanello oppure accendiamo la radio, il suono è sentito in punti distanti. Il suono si trasmette attraverso l aria. Se siamo sulla spiaggia e una barca veloce passa ad una distanza

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

IL FENOMENO DELLA RISONANZA

IL FENOMENO DELLA RISONANZA IL FENOMENO DELLA RISONANZA Premessa Pur non essendo possibile effettuare una trattazione rigorosa alle scuole superiori ritengo possa essere didatticamente utile far scoprire agli studenti il fenomeno

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO / Benvenuto Quando si utilizza la videocamera GoPro nell ambito delle normali attività quotidiane, prestare

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

DALLA TEORIA ALLA PRATICA

DALLA TEORIA ALLA PRATICA DALLA TEORIA ALLA PRATICA Comunicare a distanza: il telefono a filo La prima esperienza di telecomunicazione (dal greco tele = distante) si realizza con due piccoli contenitori di plastica, cartone o metallo,

Dettagli