Relazione annuale dell attività svolta per l attuazione del. - anno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione annuale dell attività svolta per l attuazione del. - anno 2013 -"

Transcript

1 Allegato A al decreto n. del Relazione annuale dell attività svolta per l attuazione del Piano triennale della prevenzione della corruzione anno

2 Allegato A al decreto n. del Presentazione della Relazione La presente relazione è predisposta ai sensi della legge 6 novembre 2012 n. 190 Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell illegalità nella pubblica amministrazione che stabilisce che tutte le amministrazioni pubbliche di cui all art. 1 comma 2 del d.lgs. 165/2001 adottino il piano triennale di prevenzione della corruzione e che ogni anno, entro il 15 dicembre venga pubblicata nel sito web dell amministrazione una relazione recante i risultati dell attività svolta. Il documento evidenzia a consuntivo, con riferimento all anno 2013, l effettivo conseguimento dei risultati dell Agenzia, rispetto agli obiettivi programmati nel Piano triennale della prevenzione della corruzione Il Piano è stato adottato con decreto n. 51 del e allo stesso si rinvia per le informazioni sull attività dell Agenzia e di contesto. Il piano e la relazione sono resi conoscibili e scaricabili on line sul sito web istituzionale dell Agenzia (www.avepa.it), come previsto dal decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33. IL DIRETTORE DELL AVEPA Fabrizio Stella

3 Allegato A al decreto n. del 1. CRONOPROGRAMMA DA P.T.P.C ED AZIONI POSTE IN ESSERE PER PREVENIRE LA CORRUZIONE RELAZIONE ANNUALE DI RENDICONTO SULL EFFICACIA DELLE MISURE DI PREVENZIONE DEL P.T.P.C GESTIONE DEI RISCHI DI CORRUZIONE FORMAZIONE IN TEMA DI ANTICORRUZIONE CODICI DI COMPORTAMENTO ALTRE INIZIATIVE SANZIONI...32

4 Allegato A al decreto n. del 1. CRONOPROGRAMMA DA P.T.P.C ED AZIONI POSTE IN ESSERE PER PREVENIRE LA CORRUZIONE Data Soggetto competente Attività Azioni poste in essere nel marzo 2013 Direttore dell Agenzia Adozione piano triennale di prevenzione della corruzione Decreto del direttore n. 51 del 29/03/2013: individuazione del responsabile della prevenzione della corruzione e approvazione del piano triennale della prevenzione della corruzione ai sensi della legge 6 novembre 2012 n giugno 2013 Dirigenti Dipendenti Attestazione di essere a conoscenza del piano di prevenzione della corruzione Tutti i dipendenti e dirigenti dell agenzia hanno sottoscritto il documento con il quale hanno dichiarato di aver preso visione del piano triennale della prevenzione della corruzione In occasione della predisposizi one del bilancio di previsione dell AVEPA (adozione entro 31 ottobre di ogni anno) In occasione della redazione del piano di formazione Entro 1 trimestre dell anno di riferimento a cui fa riferimento il piano di formazione Dirigenti Dirigenti Direttore dell Agenzia Contribuzione alla redazione del piano annuale degli affidamenti dell Agenzia indicando le forniture dei beni e servizi e lavori che intendono acquisire nell anno solare successivo; tali dati sono trasmessi anche al responsabile della prevenzione e corruzione Proposta al responsabile della prevenzione della corruzione delle tematiche inerenti alla prevenzione della corruzione e i dipendenti da inserire nei programmi di formazione Adozione del piano generale annuale di formazione dell Agenzia redatto dal responsabile dell ufficio formazione e comprensivo delle attività formative di contrasto alla corruzione proposte dal responsabile della prevenzione della corruzione Il piano degli affidamenti dell Agenzia programmati per l anno 2014 è in fase di ultimazione. Tra le tematiche proposte al responsabile della prevenzione della corruzione per l anno 2013: - Change management: il ruolo dirigenziale - Spending review e responsabilità dirigenziali - Operazione trasparenza: la legge 241/90 tra vecchi e nuovi istituti - Il codice etico Nell'ambito delle attività formative per i dirigenti dell Agenzia previste dal piano formazione 2013 (decreto del direttore n. 53 del 03/04//2013), trasparenza ed etica, di seguito l'indicazione dei corsi che hanno trattato le tematiche inerenti al tema dell anticorruzione: - Change management: il ruolo dirigenziale - Spending review e responsabilità dirigenziali - Operazione trasparenza: la legge 241/90 tra vecchi e nuovi istituti - II corso d formazione sul codice etico è stato posticipato al 2014

5 Allegato A al decreto n. del Data In occasione della relazione semestrale dell attività generale dell AVEPA alla Giunta regionale In ogni momento su istanza dell interess ato Soggetto competente Dirigenti Dirigenti Dipendenti Attività Azioni poste in essere nel 2013 Relazione al responsabile della prevenzione della corruzione dei seguenti punti: del rispetto dei tempi procedimentali anomalie accertate eventuali correttive adottate o da adottare monitoraggio del rispetto del diritto di accesso agli interessati, su istanza, delle informazioni relative a provvedimenti e procedimenti amministrativi Rendere accessibili le informazioni relative ai provvedimenti e procedimenti amministrativi I vari punti e temi da includere nella relazione al responsabile della prevenzione della corruzione sono stati trattati durante gli incontri periodici svolti tra tutti i dirigenti. Date degli incontri: 11 settembre 2013; 22 ottobre 2013; 26 novembre 2013; 12 dicembre La trattazione e formalizzazione delle risultanze degli incontri avvenuti sarà svolta in occasione della edizione del nuovo piano di prevenzione della corruzione. Le informazioni sono fornite su istanza degli interessati al Dirigente o PO (in caso di delega) dell'ufficio che detiene il documento oggetto di accesso. Le comunicazioni di assenso/diniego/differimento/limitazione dell'accesso sono avvenute nei termini di legge. Per facilitare la richiesta di accesso ai documenti amministrativi dell Agenzia, agli interessati è fornita una modulistica disponibile nel sito web dell Agenzia nella sezione: modulistica/accesso documenti amministrativi. 15 dicembre 2013 e di ogni anno successivo 31 gennaio 2014 e di ogni anno successivo Responsabil e della prevenzione della corruzione Direttore dell Agenzia Predisposizione della relazione recante i risultati dell attività svolta in attuazione del piano dell anno di riferimento e pubblicazione nel sito web dell Agenzia e inserimento nella relazione semestrale di attività dell Agenzia da inviare alla giunta regionale Adozione del nuovo piano di prevenzione della corruzione È stata redatta la relazione recante le misure a contrasto della corruzione in attuazione del piano triennale della prevenzione della corruzione. Il nuovo piano triennale della prevenzione della corruzione, attualmente in lavorazione, che modifica il piano assunto con decreto del direttore nel 2013, sarà approvato entro i termini previsti del 31 gennaio 2014.

6 Allegato A al decreto n. del Data In qualsiasi momento nel caso si verifichi una violazione delle misure predisposte dal piano di prevenzione della corruzione In qualsiasi momento in caso di percezione di inidoneità del piano quando sono accertate significative violazioni delle prescrizioni ovvero intervengono mutamenti nell organizz azione o nell attività dell amminist razione Soggetto competente Dirigenti Direttore dell Agenzia Attività Azioni poste in essere nel 2013 Segnalazione al responsabile della prevenzione della corruzione Modifica del piano di prevenzione della corruzione a seguito delle criticità emerse in corso dell anno Non sono state registrate segnalazioni al responsabile della prevenzione della corruzione per il verificarsi di accertate violazioni delle misure predisposte dal piano di prevenzione della corruzione Non sono emerse criticità pertanto allo stato attuale non sono state compiute modifiche al piano di prevenzione della corruzione approvato con decreto del direttore in data 29/03/2013 n. 51.

7 Allegato A al decreto n. del 2. RELAZIONE ANNUALE DI RENDICONTO SULL EFFICACIA DELLE MISURE DI PREVENZIONE DEL P.T.P.C La relazione annuale di rendicontazione sull efficacia delle misure di prevenzione poste in essere con il P.T.P.C riguarda il seguente nucleo minimo di indicatori sull efficacia delle politiche di prevenzione a riguardo dei seguenti ambiti: La gestione dei rischi di corruzione La formazione in tema di anticorruzione Il codice di comportamento Le altre discipline in tema di anticorruzione Le sanzioni Nelle pagine che seguono vengono indicate nel dettaglio le attività poste in essere nel 2013 ai fini della prevenzione della corruzione.

8 2.1. GESTIONE DEI RISCHI DI CORRUZIONE Le azioni nelle aree di rischio per affrontare i rischi corruzione e le iniziative di automatizzazione dei processi per ridurre i rischi di corruzione sono indicate nelle seguenti tabelle: AREA DI RISCHIO RISORSE UMANE E BILANCIO E RAGIONERIA Processo: Gestione risorse umane Processo secondario: reclutamento Scarsa trasparenza dell operato dell'agenzia e poca pubblicità dell opportunità Disomogeneità delle valutazioni nella verifica delle richieste Disomogeneità del controllo dei requisiti da adottare approvazione bando dal dirigente di Area. Nessun concorso per reclutamento di Pubblicazione nel BUR e nel sito web dell'agenzia personale è stato indetto dall Agenzia nell anno 2013 prevista commissione; più soggetti deputati alla Nessun concorso per reclutamento di valutazione;verifica preventiva incompatibilità; personale è stato indetto dall Agenzia presenza di segretario nell anno 2013 il procedimento non viene gestito da una sola persona; gestione plurima dell'istruttoria Nessun concorso per reclutamento di personale è stato indetto dall Agenzia nell anno 2013 Processo: Gestione risorse umane Processo secondario: privacy e sicurezza dati da adottare

9 Processo: Gestione risorse umane Processo secondario: privacy e sicurezza dati violazione della privacy, divulgazione di dati personali o accesso a dati personali non autorizzato, modifica o distruzione di dati da adottare Le informazioni riservate sono state gestite solo da persone designate le quali sono autorizzate alla consultazione dei database dell Agenzia tramite specifica profilazione e password di accesso ( in LAN e rete esterna per i dati reperibili da Accesso ai dati con password e autenticazione. soggetti esterni ). La documentazione Presenza di archivi cartacei accessibili solo ad cartacea contenente informazioni alcuni soggetti riservate o sensibili è conservata in appositi archivi documentali e disponibili esclusivamente ai dipendenti dell Agenzia competenti alla gestione di tale dati (ingresso archivi dedicati alla conservazioni della documentazione tramite badge o chiavi per gli armadi utilizzati come archivio corrente). Processo: Bilancio e ragioneria Processo secondario: redazione del bilancio di previsione, delle variazioni al bilancio e del conto consuntivo e rendicontazioni periodiche contabili Falso in bilancio da adottare Il bilancio di previsione è stato redatto dai soggetti preposti dell ufficio bilancio e ragioneria, controllato in secondo livello dal responsabile dell ufficio bilancio e procedimento a disciplina rafforzata e più livelli di controllo; i provvedimenti relativi al bilancio ragioneria e verificato come ulteriore dell'agenzia sono sottoposti alla firma livello di controllo dal dirigente AAC. finale/controllo finale del dirigente AAC e del Verificato dai revisori dei conti (data direttore, al controllo dei revisori dei conti e seduta del verbale 29/10/2013) e all'approvazione della Giunta Regionale approvato dal direttore dell Agenzia in data 30/10/2013 n.146. La Giunta Regionale ha approvato definitivamente il bilancio. Data approvazione Giunta Regionale 25/11/2013

10 Processo: Bilancio e ragioneria Processo secondario: controlli preventivi di regolarità contabile e copertura finanziaria delle spese Inottemperanza del compito di controllo da adottare Processo: Bilancio e ragioneria Processo secondario: scritture di contabilità finanziaria e registrazione pagamento fatture e gestione scadenziario Redazione delle scritture di contabilità finanziaria Non rispetto delle scadenze temporali-anticipo pagamento fatture fornitori Gli atti dell Agenzia sono stati verificati in più livelli: l operato del dipendente dell ufficio bilancio e ragioneria incaricato dell esame dell atto è stato verificato dal responsabile dell ufficio bilancio e azioni adottate: più livelli di controllo ; ragioneria e in ultima analisi dal dirigente i provvedimenti dell'agenzia sono sottoposti alla AAC dell AVEPA il quale ha apposto il firma finale/controllo finale del dirigente AAC e al visto/controllo finale ad ogni controllo dei revisori dei conti provvedimento Nessuna irregolarità riscontrata dai revisori dei conti nelle verifiche periodiche ( in tema di violazione alle norme di comportamento per la prevenzione alla corruzione). da adottare La redazione de singoli atti e relative scritture contabili è stata verificata e firmata dal dirigente AAC. I pagamenti delle singole fatture sono verificati e vistati dal RUP dirigente competente e responsabile del budget. azioni adottate: più livelli di controllo; Da segnalare che con l introduzione della i provvedimenti dell'operatore sono sottoposti al nuova normativa in materia di pagamenti visto finale del dirigente AAC e ad un eventuale delle prestazioni ai fornitori (tempi di controllo dei revisori dei conti pagamento entro 30 giorni massimo 60) il rischio di dilazioni dei pagamenti è comunque attenuato. A favore della maggiore trasparenza dell operato dell Agenzia i tempi dei pagamenti delle fatture sono pubblicati nel sito web dell AVEPA.

11 Processo: Bilancio e ragioneria Processo secondario: Controllo di regolarità, di legittimità e di merito spese attraverso casse economali Arbitrario utilizzo di cassa economale da parte dell economo da adottare Le operazioni compiute dal dipendente Avepa incaricato della gestione cassa azioni adottate: più livelli di controllo; regolamento economale sono state registrate su dell'agenzia e decreto che regola il apposito software e sul giornale mastro. funzionamento della cassa economale che Le operazioni sono state riportate in delimita la modalità, tipologia e importi delle ordine cronologico e controllate e spese; rendiconto economale di tutte le spese approvate con decreto in occasione della approvato con decreto dell'agenzia e controllo trimestrale da parte dei revisori dei conti delle verifica del rendiconto mensile di cassa. spese sostenute e rendicontate. Controllo trimestrale della cassa economale effettuato da parte dei revisori dei conti. Processo: Bilancio e ragioneria Processo secondario: supervisione della corretta esecuzione del contratto con il tesoriere Scarsa trasparenza e inottemperanza del compito del controllo da adottare In occasione dell approvazione del rendiconto 2012 i revisori hanno certificato la corrispondenza del saldo di Verifica mensile da parte dell ufficio ragioneria e bilancio della corrispondenza del saldo di cassa cassa Avepa con il conto del tesoriere. Avepa con il conto del tesoriere; i revisori Per l anno 2013 è stata verificata eseguono lo stesso controllo con cadenza mensilmente la corrispondenza tra trimestrale e in occasione dell approvazione del i dati forniti dal tesoriere con quelli rendiconto generale dell esercizio concluso dell Agenzia sulla situazione di cassa; tale verifica è stata effettuata anche dai revisori trimestralmente.

12 AREA DI RISCHIO AFFIDAMENTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE E GESTIONE SEDI, MANUTENZIONI E ACQUISTI Processo: Gare e contratti Processo secondario: Gestione procedura di gara per acquisizione di beni, servizi e lavori Alterazione concorrenza e scarsa trasparenza durante tutte le fasi di scelta del contraente da adottare La scelta della tipologia, modalità di procedura di gara e individuazione dell aggiudicatario è stata sempre effettuata seguendo il regolamento per 1-nessuno può gestire in autonomia un intero l approvvigionamento di beni e servizi e processo di scelta del contraente (es. ricerca di lavori in economia dell Agenzia, e in mercato, richiesta e valutazione di offerte, applicazione delle norme di legge in aggiudicazione ecc) il quale viene condiviso tra materia, rispettando i principi della istruttore procedura, responsabile ufficio gare e concorrenza, parità di trattamento e contratti, responsabile del procedimento (titolare trasparenza. Nel anno 2013 (dati raccolti del budget dell'acquisizione) e Dirigente fino a fine novembre) sono state realizzati dell'ufficio gare e contratti. 2- la corrispondenza in entrata e uscita (tra cui le offerte richieste e più di 50 affidamenti. Il processo di scelta pervenute) è sempre protocollata e visionata dal dell aggiudicatario sono è mai stato svolto dirigente responsabile del procedimento da un solo dipendente dell Agenzia ma è sempre stato effettuato attraverso decisioni a più livelli: responsabile ufficio gare e contratti PO, dirigente AAC e responsabile procedimento titolare del budget.

13 Processo: Gare e contratti Processo secondario: Gestione procedura di gara per acquisizione di beni, servizi e lavori Disomogeneità di valutazione delle offerte Inadeguate indagine di mercato per individuazione soggetti da invitare a procedure di gara da adottare I capitolati di gara sono stati redatti in modo che i criteri e i punteggi per l individuazione dell aggiudicatario fossero chiari e vincolassero a oggettivi 1- tutti i criteri di valutazione sono inseriti schemi di valutazione i commissari di preventivamente nei documenti di gara o nelle gara. lettere di invito 2- la valutazione delle offerte e A favore della trasparenza e oggettività l'aggiudicazione provvisoria sono compiute da dei giudizi espressi in sede di gara, una Commissione di gara (composta di tre l AVEPA ha richiesto ai commissari nelle persone dichiarate non incompatibili nel varie procedure di gara di esplicitare in provvedimento di nomina) oppure dal modo esaustivo le ragioni per le quali responsabile del procedimento (titolare del budget per l'acquisizione del bene, servizio o lavori) ritenevano aspetti di una offerta o l intera assistito da due testimoni (quindi sempre in forma offerta migliore delle altre. Tali collegiale) e l'aggiudicazione definitiva é disposta motivazioni allegate ai verbali di gara dal Dirigente dell'ufficio gare e contratti sono sempre inviati a tutti i concorrenti. La nomina dei commissari avviene solo a seguito della presentazione all Agenzia di una dichiarazione con la quale esplicitano che non sussistono cause di incompatibilità a loro carico. Le indagini di mercato sono state svolte secondo le previsioni stabilite dal 1- le modalità di esecuzione delle indagini di regolamento per l approvvigionamento mercato sono indicate nel regolamento acquisti in di beni, servizi e lavori in economia economia e nella circolare operativa del Dirigente dell AVEPA Ufficio gare e contratti 2- le indagini di mercato Le richiese di offerte e le offerte sono non sono affidate ad un unico istruttore, ma state documentate e debitamente l'individuazione dei soggetti da invitare é operata dal responsabile del procedimento (di regola un protocollate. dirigente) L individuazione degli operatori economici da invitare sono eseguiti dall operatore competente ma sempre approvati dal responsabile del procedimento

14 Processo: Gare e contratti Processo secondario: Gestione procedura di gara per acquisizione di beni, servizi e lavori Violazione obblighi di segretezza e custodia dati e documentazione di gara (es. offerte) Inottemperanza agli obblighi di legge o di regolamento nella scelta della procedura di gara Mancanza di idonea pubblicità di indizioni ed esiti procedure di gara da adottare Le offerte di gara appena giunge nella sede dell Avepa vengono con priorità le note inviate che costuituscono le offerte protocollate e consegnate all ufficio gare presentate dalla ditte sono protocollate e e contratti per la custodia in armadio visualizzabili solo dagli operatori responsabili chiuso a chiave. dell'istruttoria; i plichi contenenti le offerte di gara Solo gli operatori responsabili sono custoditi dall'ufficio gare e contratti dell istruttoria (ufficio gare) e addetti al protocollo sono a conoscenza delle offerte pervenute. Le procedure di gara hanno rispettato le 1- Esistenza di un regolamento interno di disposizioni di legge e regolamento acquisizione in economia 2-Redazione ed dell Agenzia. aggiornamento regolamenti e procedure interne Le procedure sono individuate dal RUP per acquisizioni di beni, servizi e lavori 3- con supporto del responsabile dell ufficio esistenza di più livelli di controllo (dall' istruttore al dirigente) gare e contratti, nel rispetto delle esigenze dell Agenzia e delle norme di legge e regolamento dell Agenzia. 1- Tutte le procedure negoziate -cottimi fiduciari che si intendono indire vengono preventivamente pubblicate nel sito web dell Agenzia all'inizio dell'anno o appena pianificate 2- l'esito delle procedure negoziate e l'aggiudicatario sono pubblicati nel sito web dell'agenzia 3- tutti gli affidamenti di beni, servizi e forniture dell'agenzia vengono pubblicati nel sito web dell'agenzia ("amministrazione aperta") L elenco delle procedure negoziate programmate nell anno 2013 sono state pubblicate nel sito dell Agenzia nella sezione bandi di gara/procedure negoziate. Gli esiti delle procedure sono stati pubblicati nella sezione bandi di gara /elenco bandi aggiudicati Gli affidamenti di beni, servizi e forniture dell'agenzia sono pubblicati secondo quanto stabilito dal Dlgs 33/2013 Processo: Gare e contratti Processo secondario: Attuazione di controlli amministrativi sui requisiti di partecipazione alle procedure di gare e su autocertificazioni da adottare

15 Processo: Gare e contratti Processo secondario: Attuazione di controlli amministrativi sui requisiti di partecipazione alle procedure di gare e su autocertificazioni Disomogeneità della valutazione dell'esito dei controlli Discrezionalità nell'esecuzione dei controlli Discrezionalità nell'applicazione di eventuali sanzioni ed effettuazione di segnalazioni anomalie ad autorità competenti Ritardo nella conclusione del procedimento da adottare esiste una check list dei controlli da eseguire; al Tutti i controlli sui requisiti dei concorrenti termine dell'istruttoria viene adottato un sono stati eseguiti dagli operatori provvedimento di esito controlli a firma del dell ufficio gare e contratti secondo la Dirigente dell'ufficio gare e contratti check list e approvati con decreto del dirigente AAC Non è prevista discrezionalità nella scelta 1- i controlli sono codificati nel regolamento degli operatori da controllare; gli operatori acquisizioni in economia e in circolari interne del competenti ad eseguire i controlli hanno Dirigente ufficio gare e contratti applicato il regolamento dell agenzia che indica quando e con che modalità i controlli vanno eseguiti. Nessun caso critico per l applicazioni di l'istruttoria dei controlli viene approvata con sanzioni si è verificato con i controlli sui provvedimento di esito controlli a firma del requisiti nell anno Le istruttorie dei Dirigente dell'ufficio gare e contratti controlli sono approvate con decreto sottoscritto dal Dirigente AAC. Il responsabile dell ufficio gare controlla lo stato dell arte delle varie procedure di affidamento assegnate. I controlli per i controllo da parte del responsabile dell'ufficio gare soggetti affidatari di servizi forniture e contratti e del Dirigente del rispetto dei tempi lavori sono stati sempre eseguiti procedurali tempestivamente. Eventuali allungamenti nella conclusione del procedimento sono avvenuti solo in caso di ritardo di risposte degli gli enti ai quali l Agenzia ha richiesto i vari certificati Processo: Gare e contratti Processo secondario: Registrazione e custodia di contratti e convenzioni; custodia e monitoraggio garanzie a corredo contratti da adottare

16 Processo: Gare e contratti Processo secondario: Registrazione e custodia di contratti e convenzioni; custodia e monitoraggio garanzie a corredo contratti Alterazione dati, perdita documentazione da adottare esistenza di un software di archivio contratti e garanzie e archivio cartaceo La documentazione cartacea è conservata in appositi locali. Nel 2013 è stato predisposto un applicativo per i contratti associato con il software di registrazione documentale (Docway) che permette di conservare in sicurezza tutti i contratti e consente la consultazione della documentazione attraverso la rete informatica dell Agenzia. Processo: Gestione sedi, manutenzioni e acquisti Processo secondario: gestione immobile, manutenzione stabili e adempimenti condominiali Gestione degli immobili inefficiente con spese di conduzione dell immobile eccessive da adottare 1- verbale redatto dall' amministratore condominiale 2-controllo analitico delle voci da parte di persona deputata alla verifica delle spese 3- redazione atto di liquidazione con firme congiunte per consentire il pagamento Le voci di spesa sono verificate dall operatore AVEPA competente dell ufficio gestione sedi manutenzione e acquisti. L atto di liquidazione avviene con firme congiunte. Controllo successivo dell ufficio bilancio e ragioneria prima di provvedere alla liquidazione Processo: Gestione sedi, manutenzioni e acquisti Processo secondario: conduzione degli stabili e degli impianti ed esecuzione dei contratti per i servizi (pulizia, vigilanza, funzionamento impianti ecc.) da adottare

17 Processo: Gestione sedi, manutenzioni e acquisti Processo secondario: conduzione degli stabili e degli impianti ed esecuzione dei contratti per i servizi (pulizia, vigilanza, funzionamento impianti ecc.) Mancata verifica corretto utilizzo dei beni da parte del personale dell'agenzia Disomogeneità di comportamento nella gestione dei rapporti con gli affidatari del servizio da adottare 1- la verifica viene effettuata tramite segnalazione delle problematiche al responsabile dell'ufficio gestione sedi 2- sopraluogo di operatori dell'ufficio gestione sedi e revisione periodica dell'inventario 1 - check list di controllo periodico dell'esecuzione corretta del servizio 2 - report di intervento in caso di manutenzione su impianti 3 - atto di liquidazione con firme congiunte dell'operatore responsabile dell'istruttoria, del responsabile dell'ufficio gestione sedi e del dirigente dell'area per consentire il pagamento Segnalazione problematiche all ufficio gestione sedi. Verifica dell operatore e del responsabile ufficio gestione sedi. Predisposto l inventario beni Agenzia anno 2013 e riconducibilità ai soggetti utilizzatori dei beni in caso di incorretto impiego degli stessi Monitoraggio quotidiano delle check lists e periodico dei report di intervento. Le attività di gestione con gli affidatari del servizio sono svolte e verificate a più livelli. Le spese vengono sempre verificate dall operatore AVEPA competente dell ufficio gestione sedi manutenzione e acquisti; viene predisposto un atto di liquidazione con firme congiunte dell operatore responsabile dell istruttoria, responsabile ufficio gestione sedi e dirigente area amministrazione e contabilità, successivamente viene effettuato un controllo di secondo livello dell ufficio bilancio e ragioneria prima di provvedere alla liquidazione

18 Processo: Gestione sedi, manutenzioni e acquisti Processo secondario: conduzione degli stabili e degli impianti ed esecuzione dei contratti per i servizi (pulizia, vigilanza, funzionamento impianti ecc.) Inottemperanza del compito di controllo della regolare esecuzione del servizio erogato da adottare 1- checklist di controllo periodico dell'esecuzione corretta del servizio 2 - report di intervento in caso di manutenzione su impianti 3- atto di liquidazione con firme congiunte dell'operatore responsabile dell'istruttoria, del responsabile dell'ufficio gestione sedi e del dirigente dell'area per consentire il pagamento Processo: Gestione sedi, manutenzioni e acquisti Processo secondario: gestione della dotazione di apparecchiature di ufficio di proprietà e esecuzione di eventuali contratti di assistenza utilizzo non autorizzato o improprio apparecchiature aziendali da adottare Monitoraggio quotidiano delle check lists e periodico dei report di intervento. Le attività di gestione con gli affidatari del servizio sono svolte e verificate a più livelli. Le spese vengono sempre verificate dall operatore AVEPA competente dell ufficio gestione sedi manutenzione e acquisti; viene predisposto un atto di liquidazione con firme congiunte dell operatore responsabile dell istruttoria, responsabile ufficio gestione sedi e dirigente area amministrazione e contabilità, successivamente viene effettuato un controllo di secondo livello dell ufficio bilancio e ragioneria prima di provvedere alla liquidazione 1- controllo attraverso monitoraggio dei dati di utilizzo (es. stampanti) 2- controllo fatture Monitoraggio e verifiche corretto utilizzo operatore responsabile istruttoria 3-atto di delle apparecchiature degli operatori liquidazione con firme congiunte dell'operatore competenti dell ufficio gestione sedi. responsabile dell'istruttoria, del responsabile Segnalazione al dirigente AAC in caso di dell'ufficio gestione sedi e del dirigente dell'area utilizzo improprio o qualora siano per consentire il pagamento riscontrate inefficienze.

19 Processo: Gestione sedi, manutenzioni e acquisti Processo secondario: gestione della dotazione di apparecchiature di ufficio di proprietà e esecuzione di eventuali contratti di assistenza Ritardi nella conclusione del procedimento (es. in caso di malfunzionamento di apparecchiature stampanti, fax, pc, telefonia ecc) Disomogeneità di comportamento nella gestione dei rapporti con gli affidatari del servizio Inottemperanza del compito di controllo della regolare esecuzione del servizio erogato da adottare Qualora fossero riscontrate anomalie, malfunzionamenti negli apparecchi telefonici PC, software ecc è attivo un segnalazione operatore e intervento tramite help help desk con attivazione immediata e desk per l'assistenza e contatto continuo con risoluzione delle varie problematiche con l addetto all help desk con aggiornamenti sullo tempistiche diverse dipendenti dal grado stato delle risoluzioni dei problemi e delle azioni di priorità indicata nella segnalazione. da intraprendere Contatto continuo con l addetto all help desk con aggiornamenti sullo stato delle risoluzioni dei problemi e delle azioni da intraprendere Le attività di gestione con gli affidatari del servizio sono svolte e verificate a più livelli. L operatore incaricato controlla le attività eseguite dell affidatario del servizio Le spese vengono sempre verificate dall operatore AVEPA 1- atto di liquidazione con firme congiunte competente dell ufficio gestione sedi dell'operatore responsabile dell'istruttoria, del manutenzione e acquisti; viene responsabile dell'ufficio gestione sedi e dirigente predisposto un atto di liquidazione con dell'area per consentire il pagamento: 2 - firme congiunte dell operatore tracciatura degli interventi con report specifici responsabile dell istruttoria, responsabile ufficio gestione sedi e dirigente area amministrazione e contabilità, successivamente viene effettuato un controllo di secondo livello dell ufficio bilancio e ragioneria prima di provvedere alla liquidazione La gestione del servizio avviene tramite 1- atto di liquidazione con firme congiunte help desk e gli interventi sono tracciati e dell'operatore responsabile dell'istruttoria, del documentati. Le spese vengono responsabile dell'ufficio gestione sedi e del verificate a più livelli: atto di liquidazione dirigente dell'area per consentire il pagamento: 2 - attraverso firme congiunte del tracciatura degli interventi e monitoraggio spese responsabile dell ufficio gestione sedi e dirigente AAC.

20 Processo: Gestione sedi, manutenzioni e acquisti Processo secondario: Assicurare la disponibilità e la qualità dei servizi (a favore del personale interno) di carattere generale: es magazzino, assistenza viaggi, buoni pasto, parcheggi ritardi nella conclusione del procedimento Disomogeneità di comportamento nella gestione del servizio interno da adottare 1 - ogni operatore dell'ufficio gestione sedi Nessuna discrezionalità degli operatori garantisce le richieste; 2- l'organizzazione competenti nell esecuzione e gestione del dell'ufficio permette che ogni operatore è in grado servizio. Ogni richiesta è documentata e di soddisfare equamente le richieste 3 - tutte le richieste sono documentate viene eseguita in modo standardizzato anche attraverso l utilizzo di un portale dedicato. 1 - ogni operatore dell'ufficio gestione sedi Nessuna discrezionalità degli operatori garantisce le richieste; 2- l'organizzazione competenti nell esecuzione e gestione del dell'ufficio permette che ogni operatore è in grado servizio. Ogni richiesta è documentata e di soddisfare equamente le richieste 3 - tutte le richieste sono documentate viene eseguita in modo standardizzato anche attraverso l utilizzo di un portale dedicato.

AFFIDAMENTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

AFFIDAMENTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE proposta dell'affidamento programmazione PROCEDURA FASE programmazione ingiustificata al fine di condizionare l'affidamento in favore di determinati concorrenti rispetto normativa, individuazione e pubblicità

Dettagli

Piano triennale di avvio per la prevenzione della corruzione

Piano triennale di avvio per la prevenzione della corruzione AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI Piano triennale di avvio per la prevenzione della corruzione Anni 2014-2016 INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI PRELIMINARI Paragrafo

Dettagli

Piano Triennale Prevenzione Corruzione Relazione I semestre 2014

Piano Triennale Prevenzione Corruzione Relazione I semestre 2014 Piano Triennale Prevenzione Corruzione Relazione I semestre 2014 Introduzione La presente relazione sintetizza il quadro di iniziative messe in atto nell arco temporale ricompreso tra il 1 gennaio ed il

Dettagli

Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione 2015-2017

Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione 2015-2017 Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione 2015-2017 Federazione Ordini Farmacisti Italiani 00185 ROMA VIA PALESTRO, 75 TELEFONO (06) 4450361 TELEFAX (06) 4941093 CODICE FISCALE n 00640930582

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. Anni 2014-2016

PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. Anni 2014-2016 PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2014-2016 1 TITOLO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI Paragrafo 1 (Premessa) 1. La legge 6 novembre

Dettagli

Piano triennale di prevenzione della corruzione (P.T.P.C.) 2015-2017

Piano triennale di prevenzione della corruzione (P.T.P.C.) 2015-2017 G.A.L. Mongioie società consortile a r.l. Piazza Vittorio Veneto n. 1 12070 Mombasiglio C.F. e P.I. 02581140049 Piano triennale di prevenzione della corruzione (P.T.P.C.) 2015-2017 Approvato dal Consiglio

Dettagli

Pubblicato sul sito internet nella sezione Amministrazione trasparente. Premessa

Pubblicato sul sito internet nella sezione Amministrazione trasparente. Premessa RELAZIONE ANNUALE, A CURA del RESPONSABILE dell ANTICORRUZIONE, ai SENSI dell ART. 1, co. 14, della L. 190/2012, SULLO STATO DI ATTUAZIONE DEL PIANO DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DI MILANO RISTORAZIONE

Dettagli

Piano Anticorruzione It.City S.p.A.

Piano Anticorruzione It.City S.p.A. Piano Anticorruzione It.City S.p.A. 2014 2016 Indice Premessa... 2 Organizzazione... 4 Referenti... 5 Compiti operativi dei Referenti... 7 Aree di rischio... 8 I Controlli... 9 La Trasparenza... 10 Codice

Dettagli

Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione Afol Est Milano

Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione Afol Est Milano Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione Afol Est Milano PIANO DELLE AZIONI 2015 Gennaio 2015 Il Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione 2014-2016 ( di seguito anche PTPC o Piano) dell'agenzia

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI APPROVVIGIONAMENTI DI BENI E SERVIZI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI APPROVVIGIONAMENTI DI BENI E SERVIZI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI APPROVVIGIONAMENTI DI BENI E SERVIZI Sommario CAPO I - OGGETTO E SCOPO... 2 Art. 1 - Oggetto... 2 Art. 2 - Scopo... 2 CAPO II - DISPOSIZIONI GENERALI... 2 Art. 3 - Campo

Dettagli

PIANO TRIENNALE ANTICORRUZIONE 2014-2016

PIANO TRIENNALE ANTICORRUZIONE 2014-2016 Pagina 1/17 PIANO TRIENNALE Pagina 2/17 Sommario 1. LA SOCIETÀ E LA SUA ORGANIZZAZIONE...3 2. LA LEGGE 190/2012...3 3. AMBITO DI APPLICAZIONE DEL PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE...4 4. FINALITÀ DEL

Dettagli

Web: www.ersucam.it - E-mail: ersu.camerino@ersucam.it - PEC: ersu.camerino@_emarche.it

Web: www.ersucam.it - E-mail: ersu.camerino@ersucam.it - PEC: ersu.camerino@_emarche.it ERSI! di Camerino PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2013-2015 ( A CARATTERE PROVVISORIO) Art.1 Oggetto 1.1. Il Piano della prevenzione della corruzione (di seguito denominato "Piano") si

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (P.T.P.C.) PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E LʼINTEGRITAʼ (P.T.T.I.)

PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (P.T.P.C.) PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E LʼINTEGRITAʼ (P.T.T.I.) PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (P.T.P.C.) PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E LʼINTEGRITAʼ (P.T.T.I.) Triennio: 2015-2017 Responsabile: Dott. Pasquali Francesco Nomina del responsabile

Dettagli

Piano. Anticorruzione. Pianoro Centro SpA

Piano. Anticorruzione. Pianoro Centro SpA Piano Anticorruzione Pianoro Centro SpA 2015-2017 Indice Premessa..... 2 Attività ed Organizzazione Aziendale 4 Referenti.. 5 Compiti operativi del Responsabile 5 Aree di rischio. 5 I Controlli 6 La Trasparenza...

Dettagli

COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO

COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO Piano Triennale di prevenzione della corruzione per il periodo 2015/2017 1/ 9 ART. 1 - Premessa COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO Il Piano Triennale della prevenzione della corruzione si applica al Comune

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE C.C. n. 16 del 15/05/2013 OGGETTO: Esame ed approvazione del Piano triennale 2013-2015 di prevenzione della corruzione (legge 190 del 06.11.2012). IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che ai sensi dell art.

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO E DI GESTIONE (EX D. LGS. 231/2001) MISURE ORGANIZZATIVE E GESTIONALI ANTICORRUZIONE (EX L. 190/2012)

MODELLO ORGANIZZATIVO E DI GESTIONE (EX D. LGS. 231/2001) MISURE ORGANIZZATIVE E GESTIONALI ANTICORRUZIONE (EX L. 190/2012) MODELLO ORGANIZZATIVO E DI GESTIONE (EX D. LGS. 231/2001) MISURE ORGANIZZATIVE E GESTIONALI ANTICORRUZIONE (EX L. 190/2012) PARTE SPECIALE 24 Settembre 2014 LIGURCAPITAL Spa Società soggetta alla direzione

Dettagli

SCHEDA 1 MISURE PER LA PREVENZIONE DEI FENOMENI DI CORRUZIONE

SCHEDA 1 MISURE PER LA PREVENZIONE DEI FENOMENI DI CORRUZIONE Tutti i report/ registri/pubblicazioni contenuti nelle schede di cui al presente allegato andranno creati ed allocati a cura del Responsabile del servizio competente in apposta banca dati dell Ente. SCHEDA

Dettagli

Piano di prevenzione della corruzione dell Agenzia Nazionale per i Giovani. Periodo 2015-2017

Piano di prevenzione della corruzione dell Agenzia Nazionale per i Giovani. Periodo 2015-2017 Piano di prevenzione della corruzione dell Agenzia Nazionale per i Giovani Periodo 2015-2017 L. 190 del 6 Novembre 2012 Indice Premessa... 3 1. Il responsabile della prevenzione della corruzione... 3 2.

Dettagli

COMUNE DI BORDIGHERA Provincia di Imperia. PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (legge n. 190 del 6 novembre 2012).

COMUNE DI BORDIGHERA Provincia di Imperia. PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (legge n. 190 del 6 novembre 2012). COMUNE DI BORDIGHERA Provincia di Imperia PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (legge n. 190 del 6 novembre 2012). Approvato con deliberazione del Commissario Prefettizio n. 23 del 21 marzo 2013 ART.

Dettagli

SCHEDA ANALISI RISCHIO RILEVAZIONE ATTIVITA' A RISCHIO CORRUZIONE ELENCO PROCEDIMENTI SETTORE RISORSE UMANE

SCHEDA ANALISI RISCHIO RILEVAZIONE ATTIVITA' A RISCHIO CORRUZIONE ELENCO PROCEDIMENTI SETTORE RISORSE UMANE Ambito del Rischio: rilascio concessioni aspettative e congedi straordinari Tipologia Procedimento: Procedimento per la richiesta di aspettative e congedi straordinari. Capo Area : Settore non aggregato

Dettagli

DELLA CORRUZIONE 2014/2016 I N D I C E. Art. 1 Premessa

DELLA CORRUZIONE 2014/2016 I N D I C E. Art. 1 Premessa PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014/2016 1 I N D I C E Art. 1 Premessa.. pag. 2 Art. 2 I settori e le attività particolarmente esposti alla corruzione. pag. 2 Art. 3 Attuazione e controllo delle

Dettagli

MISURE PER LA PREVENZIONE DEI FENOMENI DI CORRUZIONE. MISURE DI PREVENZIONE SPECIFICO DA PREVENIRE Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017

MISURE PER LA PREVENZIONE DEI FENOMENI DI CORRUZIONE. MISURE DI PREVENZIONE SPECIFICO DA PREVENIRE Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017 Allegato B alla deliberazione di Giunta comunale n. 010 del 28.01.2015 Tutti i report/ registri/pubblicazioni contenuti nelle schede di cui al presente allegato andranno creati ed allocati a cura del Responsabile

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (P.T.P.C.) 2015 2017 TITOLO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI Paragrafo 1 (Premessa) 1. La legge 6 novembre 2012, n. 190 Disposizioni per la prevenzione e la repressione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI E FORNITURE DI BENI E SERVIZI - Art. 330 DPR 207/2010

REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI E FORNITURE DI BENI E SERVIZI - Art. 330 DPR 207/2010 REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI E FORNITURE DI BENI E SERVIZI - Art. 330 DPR 207/2010 Approvato con deliberazione n. 03/2012 del Consiglio di Istituto del 07/02/2012 INDICE ART. 1

Dettagli

CITTÁ DI ALGHERO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELLA ILLEGALITÀ 2014-2015 - 2016

CITTÁ DI ALGHERO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELLA ILLEGALITÀ 2014-2015 - 2016 CITTÁ DI ALGHERO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELLA ILLEGALITÀ 2014-2015 - 2016 Approvato con deliberazione commissariale, adottata con i poteri della Giunta Comunale n. 28 del 04.03.2014

Dettagli

QUADRO SINOTTICO DEGLI ADEMPIMENTI

QUADRO SINOTTICO DEGLI ADEMPIMENTI ALLEGATO A) QUADRO SINOTTICO DEGLI ADEMPIMENTI Data Attività Soggetto competente 30 marzo di ogni anno Comunicazione al Responsabile della prevenzione della corruzione e al nucleo di valutazione, della

Dettagli

Comune di Pompiano. (Provincia di Brescia) Piano Triennale 2013-2015 di prevenzione della corruzione. (Legge 6 novembre 2012, n.

Comune di Pompiano. (Provincia di Brescia) Piano Triennale 2013-2015 di prevenzione della corruzione. (Legge 6 novembre 2012, n. Comune di Pompiano (Provincia di Brescia) Piano Triennale 2013-2015 di prevenzione della corruzione (Legge 6 novembre 2012, n. 190) ART. 1 Premessa e finalità del Piano di Prevenzione della Corruzione

Dettagli

COMUNE DI RIO SALICETO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015 2017

COMUNE DI RIO SALICETO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015 2017 COMUNE DI RIO SALICETO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015 2017 Indice Premessa Art. 1 La strategia nazionale di prevenzione della corruzione Art. 2 Il Piano triennale di prevenzione della

Dettagli

Data di nascita RPC. Maria Domenica Giaccari 10 agosto 1054 DG

Data di nascita RPC. Maria Domenica Giaccari 10 agosto 1054 DG C.F. Denominazione Amministrazione Nome RPC Cognome RPC Data di nascita RPC Qualifica RPC Data inizio incarico di RPC Il RPC svolge anche le funzioni di Responsabile della trasparenza: (Si/No) 80045210582

Dettagli

Società Gestione Farmacie s.r.l.

Società Gestione Farmacie s.r.l. Società Gestione Farmacie s.r.l. Piano triennale per la prevenzione della corruzione 2015-2017 Sommario 1. Il concetto di corruzione e il Piano Triennale di prevenzione della corruzione... 3 2. Il Responsabile

Dettagli

PIANO ANTICORRUZIONE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLE MARCHE Mappatura dei processi e valutazione e trattamento del rischio

PIANO ANTICORRUZIONE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLE MARCHE Mappatura dei processi e valutazione e trattamento del rischio ALLEGATO A PIANO ANTICORRUZIONE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLE MARCHE Mappatura dei processi e valutazione e trattamento del rischio Area A : Acquisizione e progressione del personale Reclutamento personale:

Dettagli

Piano Anticorruzione Solaris srl 2015-2018. Pag. 1 a 10

Piano Anticorruzione Solaris srl 2015-2018. Pag. 1 a 10 Piano Anticorruzione Solaris srl 2015-2018 Pag. 1 a 10 Sommario Premessa... 3 ORGANIZZAZIONE... 5 1 - REFERENTI... 6 2 - AREE DI RISCHIO... 7 3 MISURE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO... 9 4 - TRASPARENZA...

Dettagli

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2013-2015

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2013-2015 PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2013-2015 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 17.02.2014. 1 PREMESSA Il presente documento costituisce il Piano di prevenzione della corruzione adottato

Dettagli

AREA DI RISCHIO: Affidamento di incarichi esterni

AREA DI RISCHIO: Affidamento di incarichi esterni ALLEG. A.1.4 DELIB. G.C. N. 19 DEL 29 GEN. 2015 ALLEGATO A.1.4 TABELLA C INDIVIDUAZIONE CONTROMISURE La terza fase della gestione del rischio consiste nell individuazione delle contromisure volte a neutralizzare

Dettagli

P.T.P.C. PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014 2016

P.T.P.C. PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014 2016 C O M U N E DI A L I M E N A Provincia di Palermo * -------------------------------- -------------------------------- P.T.P.C. PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014 2016 Adottato dalla Giunta

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE TUTOR SCARL

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE TUTOR SCARL ANNO 2014-2016 PREMESSA Considerato il dilagare di eventi di corruzione avvenuti negli ultimi anni, il Piano Nazionale Anticorruzione (P.N.A.), approvato dal CIVIT (Autorità Nazionale Anticorruzione) ai

Dettagli

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016 Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016 Pag. 1 a 10 Sommario 1 Premessa...3 2 Programma per la Trasparenza e l Integrità...3 2.1 Il principio della Trasparenza e la politica per la Trasparenza...3

Dettagli

SCHEDA N. 1 : APPALTI

SCHEDA N. 1 : APPALTI SCHEDA N. 1 : APPALTI APPROVATE CON DELIBERA CC N. 83 DEL 22/07/2013 Lavori eseguiti con somma urgenza 1) Registro delle somme urgenze, recante le seguenti informazioni: - Estremi provvedimento di affidamento

Dettagli

SCHEDE DELLE ATTIVITA' A RISCHIO E DELLE MISURE DI PREVENZIONE E CONTRASTO

SCHEDE DELLE ATTIVITA' A RISCHIO E DELLE MISURE DI PREVENZIONE E CONTRASTO SCHEDE DELLE ATTIVITA' A RISCHIO E DELLE MISURE DI PREVENZIONE E CONTRASTO ALLEGATO "A" al Piano triennale della corruzione e dell'illegalità 2014-2016 Tutti i procedimenti aventi ad oggetto sovvenzioni,

Dettagli

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (LEGGE N. 190 DEL 6 NOVEMBRE 2012). Piano triennale approvato con deliberazione del Consiglio d Amministrazione 8/2013 del 26/03/2013 ART. 1 premessa 1. Il piano della

Dettagli

Regolamento per l attuazione del Programma operativo regionale (POR) FESR 2014 2020 Investimenti a favore della crescita e dell occupazione

Regolamento per l attuazione del Programma operativo regionale (POR) FESR 2014 2020 Investimenti a favore della crescita e dell occupazione Regolamento per l attuazione del Programma operativo regionale (POR) FESR 2014 2020 Investimenti a favore della crescita e dell occupazione Articolo 1 Finalità Articolo 2 Definizioni CAPO I FINALITÀ E

Dettagli

Infrastrutture Wireless Italiane S.p.A. PROCEDURA WHISTLEBLOWING (ADOTTATA IN DATA 21 DICEMBRE 2015)

Infrastrutture Wireless Italiane S.p.A. PROCEDURA WHISTLEBLOWING (ADOTTATA IN DATA 21 DICEMBRE 2015) Infrastrutture Wireless Italiane S.p.A. PROCEDURA WHISTLEBLOWING (ADOTTATA IN DATA 21 DICEMBRE 2015) 1 PREMESSA Per whistleblowing (di seguito Segnalazione ) si intende qualsiasi notizia riguardante sospette

Dettagli

Approvato con determina n. 30 del 30 gennaio 2014

Approvato con determina n. 30 del 30 gennaio 2014 MUSEO CSTELLO DEL BUONCONSIGLIO P.IV: 01768830224 pprovato con determina n. 30 del 30 gennaio 2014 PINO TRIENNLE di PREVENZIONE della CORRUZIONE 2014 / 2016 1 MUSEO CSTELLO DEL BUONCONSIGLIO P.IV: 01768830224

Dettagli

PIANO DI INTEGRITA E ANTICORRUZIONE

PIANO DI INTEGRITA E ANTICORRUZIONE PIANO DI INTEGRITA E ANTICORRUZIONE LEGGE 6 NOVEMBRE 2012 N. 190 Relazione anno 2013 a cura del Segretario Generale e del Responsabile del Servizio Integrità Il Consiglio Comunale, con deliberazione n.

Dettagli

Direzione Generale Servizio di Pianificazione e Valutazione

Direzione Generale Servizio di Pianificazione e Valutazione Direzione Generale Servizio di Pianificazione e Valutazione Relazione del Responsabile dell anticorruzione ai sensi dell art.1 c.14 della l. n.190 del 2012 e Relazione sull attuazione del Programma triennale

Dettagli

SCHEDA n.1 AREA DI RISCHIO: SOVVENZIONI e CONTRIBUTI Mappatura del Valutazione del Rischio

SCHEDA n.1 AREA DI RISCHIO: SOVVENZIONI e CONTRIBUTI Mappatura del Valutazione del Rischio Tutti i procedimenti aventi ad oggetto sovvenzioni, contributi e sussidi a persone fisiche e a persone giuridiche pubbliche e private SCHEDA n.1 AREA DI RISCHIO: SOVVENZIONI e CONTRIBUTI 2)Inosservanza

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2015-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2015-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2015-2016 VISTO il Decreto legislativo 22 ottobre 2009 n. 150 all art. 11 definisce la trasparenza come accessibilità totale, anche attraverso

Dettagli

ALLEGATO "A" SCHEDA ANALISI RISCHIO RILEVAZIONE ATTIVITÀ A RISCHIO CORRUZIONE ELENCO PROCEDIMENTI PROVVEDITORATO Ambito del Rischio: Fornitura di beni e servizi in economia sia con l utilizzo di strumenti

Dettagli

PER IL TRIENNIO 2014-2016

PER IL TRIENNIO 2014-2016 Pagina1 PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE dell ORDINE DEI DOTTORI AGRONOMI E DEI DOTTORI FORESTALI DELLA PROVINCIA DI TORINO (art. 1, comma 8, Legge 6 novembre 2012, n. 190) PER IL TRIENNIO

Dettagli

ORDINE ASSISTENTI SOCIALI DELL'EMILIA ROMAGNA

ORDINE ASSISTENTI SOCIALI DELL'EMILIA ROMAGNA ORDINE ASSISTENTI SOCIALI DELL'EMILIA ROMAGNA SEZIONE "AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE" - ELENCO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE - PIANIFICAZIONE Macrofamiglie Tipologie di dati Riferimento normativo Denominazione

Dettagli

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI INDICE D.1. DESTINATARI DELLA PARTE SPECIALE E PRINCIPI GENERALI DI COMPORTAMENTO... 3 D.2. AREE POTENZIALMENTE A RISCHIO E PRINCIPI DI CONTROLLO PREVENTIVO... 5 D.3. COMPITI

Dettagli

CITTA METROPOLITANA DI GENOVA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA'

CITTA METROPOLITANA DI GENOVA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' CITTA METROPOLITANA DI GENOVA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' ANNI 2015-2017 1 INDICE 1. Introduzione... 3 2. Le principali novità... 3 3. Procedimento di elaborazione, adozione del

Dettagli

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014/2016

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014/2016 PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014/2016 CAPO I PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA Articolo 1 (Oggetto e finalità) 1.

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017 PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017 Premessa Il Consorzio è stato costituito ai sensi dell art. 31 del T.U di cui al D.Lgs 267/2000

Dettagli

Misure organizzative e gestionali per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza

Misure organizzative e gestionali per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza Z.I.T.A.C. S.p.A. Zona Industriale Tecnologica Artigianale del Cittadellese Misure organizzative e gestionali per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza Prima applicazione 2014-2016 Proposto

Dettagli

MAPPATURA DEI RISCHI E MISURE DI CONTRASTO DEL RISCHIO Area B) Area affidamento lavori, servizi e forniture

MAPPATURA DEI RISCHI E MISURE DI CONTRASTO DEL RISCHIO Area B) Area affidamento lavori, servizi e forniture Definizione dell oggetto dell affidamento MAPPATURA DEI RISCHI E MISURE DI CONTRASTO DEL RISCHIO b1 Processi Fasi Rischi Individuazione delle caratteristiche del bene o del servizio rispondente alle necessità

Dettagli

AFFIDAMENTO IN ECONOMIA LAVORI SINO A 40.000

AFFIDAMENTO IN ECONOMIA LAVORI SINO A 40.000 AFFIDAMENTO IN ECONOMIA LAVORI SINO A 40.000 Si tratta di solito di interventi meno complessi che, tranne casi particolari, non richiedono la redazione di un vero progetto esecutivo. Il numero e la tipologia

Dettagli

Piano triennale anticorruzione annualità 2014 2016

Piano triennale anticorruzione annualità 2014 2016 Piano triennale anticorruzione annualità 2014 2016 A seguito della entrata in vigore della Legge Anticorruzione n.190/2012, recante Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell

Dettagli

Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 18 dd. 27.01.2014

Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 18 dd. 27.01.2014 Edilizia Privata Edilizia Privata Gestione degli atti abilitativi (concessioni edilizie, permessi di costruire, autorizzazioni paesaggistiche, agibilità edilizia, ecc.) Controllo della segnalazione di

Dettagli

Allegato 1. l esecuzione in economia di lavori, beni e servizi», emanato dal Ministero dell economia e delle finanze.

Allegato 1. l esecuzione in economia di lavori, beni e servizi», emanato dal Ministero dell economia e delle finanze. Allegato 1 Estratto dal capitolo Attività contrattuale della Relazione al Parlamento sul Rendiconto generale dello Stato per l esercizio 2009 (Sezioni Riunite in sede di controllo, decisione del 24 giugno

Dettagli

Co m u n e d i S a n V i t o Provincia di Cagliari

Co m u n e d i S a n V i t o Provincia di Cagliari Co m u n e d i S a n V i t o Provincia di Cagliari IL SEGRETARIO COMUNALE Prot. n. 1575 San Vito 03/02/2014 Ai Responsabili di Servizio e p.c. Al Sindaco Agli Assessori SEDE OGGETTO: direttiva n. 2/2014:

Dettagli

ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE

ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE Allegato n. 1 alla Delib.G.R. n. 38/12 del 30.9.2014 ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE SOMMARIO

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017. (allegato al piano triennale anticorruzione)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017. (allegato al piano triennale anticorruzione) COMUNE DI CELLAMARE (Prov. di Bari) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017 (allegato al piano triennale anticorruzione) Approvato con deliberazione di G.C. n. 3 del 29/01/2015

Dettagli

Relazione del Responsabile della prevenzione della corruzione. anno 2015

Relazione del Responsabile della prevenzione della corruzione. anno 2015 AZIENDA SERVIZI INTEGRATI LAMBRO Relazione del Responsabile della prevenzione della corruzione anno 2015 Predisposto dal Responsabile per la prevenzione della corruzione, ai sensi dell art.1 c.14 della

Dettagli

COMUNE DI GUARENE PROVINCIA DI CUNEO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PARTE PRIMA PREMESSA. Art. 1 Oggetto

COMUNE DI GUARENE PROVINCIA DI CUNEO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PARTE PRIMA PREMESSA. Art. 1 Oggetto COMUNE DI GUARENE PROVINCIA DI CUNEO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PARTE PRIMA PREMESSA Art. 1 Oggetto 1. Il presente piano triennale dà attuazione alle disposizioni di cui alla L. 6

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2015 2017 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA

PIANO TRIENNALE 2015 2017 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA PIANO TRIENNALE 2015 2017 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA E PROGRAMMA TRIENNALE 2015 2017 PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PARTE PRIMA PIANO TRIENNALE 2015-2017 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

Dettagli

Trasparenza Report 2015 Performance e obiettivi

Trasparenza Report 2015 Performance e obiettivi Trasparenza Report 2015 Performance e obiettivi Indice 1. Ospedale trasparente: a che punto siamo 2. Attività e risultati 2014 3. Obiettivi 2015-2017 4. Trasparenza e performance 5. Regole di pubblicazione

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARONGIU ANTONELLO MARIA] Indirizzo VIA POLA, 12 20124 - Milano Telefono ufficio 02.67404258 cellulare 331.6117821

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER L ORGANIZZAZIONE, GLI AFFARI GENERALI, L INNOVAZIONE, IL BILANCIO ED IL PERSONALE

DIREZIONE GENERALE PER L ORGANIZZAZIONE, GLI AFFARI GENERALI, L INNOVAZIONE, IL BILANCIO ED IL PERSONALE DIREZIONE GENERALE PER L ORGANIZZAZIONE, GLI AFFARI GENERALI, L INNOVAZIONE, IL BILANCIO ED IL PERSONALE RELAZIONE SEMESTRALE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA TRIENNALE 2014-2016 PER LA TRASPARENZA

Dettagli

Direttore Operativo. Compiti e responsabilità :

Direttore Operativo. Compiti e responsabilità : Direttore Operativo Il Direttore Operativo ha la responsabilità di assicurare lo sviluppo e la continuità dei servizi ambientali di raccolta e smaltimento rifiuti nel contesto territoriale di competenza,

Dettagli

Fondazione Scuola di sanità pubblica, management delle aziende socio sanitarie e per l incremento dei trapianti d organo e tessuti (Fondazione S.S.P.

Fondazione Scuola di sanità pubblica, management delle aziende socio sanitarie e per l incremento dei trapianti d organo e tessuti (Fondazione S.S.P. Fondazione Scuola di sanità pubblica, management delle aziende socio sanitarie e per l incremento dei trapianti d organo e tessuti (Fondazione S.S.P.) Regolamento per l acquisto in economia di forniture

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia Dipartimento per la Giustizia Minorile ORDINAMENTO PROFESSIONALE del personale non dirigenziale del Dipartimento per la Giustizia Minorile (SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE) CCNI_MG

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Nr. GENERALE 344 SETTORE Settore Programmazione Economico Finanziario e Fiscalità NR. SETTORIALE 40 DEL 01/04/2015

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Nr. GENERALE 344 SETTORE Settore Programmazione Economico Finanziario e Fiscalità NR. SETTORIALE 40 DEL 01/04/2015 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Originale Nr. GENERALE 344 SETTORE Settore Programmazione Economico Finanziario e Fiscalità NR. SETTORIALE 40 DEL 01/04/2015 OGGETTO: AFFIDAMENTO, PER L ANNO 2015, IN FAVORE

Dettagli

Piano triennale di prevenzione della corruzione 2015-2017

Piano triennale di prevenzione della corruzione 2015-2017 REGIONE DEL VENETO ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. Piano triennale di prevenzione della corruzione 2015-2017 Premessa Indice 1. Normativa 2. Oggetto e finalità del piano 3. Definizione di corruzione

Dettagli

Piano triennale di prevenzione della corruzione (P.T.P.C.)

Piano triennale di prevenzione della corruzione (P.T.P.C.) Ordine dei Farmacisti della Provincia di Torino Via Sant Anselmo 14 10125 Torino C.F. 80082540016 Piano triennale di prevenzione della corruzione (P.T.P.C.) 2015-2017 Adottato in data 17 dicembre 2014

Dettagli

MISURE PER LA PREVENZIONE DEI FENOMENI DI CORRUZIONE

MISURE PER LA PREVENZIONE DEI FENOMENI DI CORRUZIONE Allegato A al piano triennale di prevenzione della corruzione 2015-2017 Tutti i report/ registri/pubblicazioni contenuti nelle schede di cui al presente allegato andranno creati ed allocati a cura del

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE - (P.T.P.C.) 2014 2016 1. PREMESSA 2. IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE - (P.T.P.C.) 2014 2016 1. PREMESSA 2. IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE - (P.T.P.C.) 2014 2016 1. PREMESSA Il complesso normativo costituito dalla Legge 6 novembre 2012, n. 190 (Disposizioni per la prevenzione e la repressione

Dettagli

B Varianti in corso di esecuzione del contratto 4 B Verifica dell eventuale anomalia delle offerte 4 B Revoca del bando 3

B Varianti in corso di esecuzione del contratto 4 B Verifica dell eventuale anomalia delle offerte 4 B Revoca del bando 3 TAELLA 2 Area di rischio Processo Valutazione complessiva del rischio Totale punteggio A onferimento di incarichi di collaborazione 5 A Attribuzione salario accessorio A Reclutamento A Progressioni di

Dettagli

Piano di prevenzione della corruzione (legge n. 190 del 6 novembre 2012)

Piano di prevenzione della corruzione (legge n. 190 del 6 novembre 2012) Allegato 1 Piano di prevenzione della corruzione (legge n. 190 del 6 novembre 2012) ART. 1 Premessa Il Piano di prevenzione della corruzione, che si applica ai Comuni ai sensi dell'art. 1, co. 59, legge

Dettagli

Rischio da prevenire. - Previsioni di requisiti di accesso personalizzati allo scopo di reclutare candidati particolari.

Rischio da prevenire. - Previsioni di requisiti di accesso personalizzati allo scopo di reclutare candidati particolari. ALLEGATO C COMUNE DI LEONFORTE PROSPETTO MAPPATURA DEI RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE Posizione organizzativa Affari Generali e Personale Responsabile Dr. Salvatore Lo Bartolo AREA Processo / Procedimento

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2015/2017 Ai sensi del D. Lgs. n. 33/2013 Rev. 0 del 19 marzo 2015 Regione Calabria INDICE DEI CONTENUTI PREMESSA 1. PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L

Dettagli

VIALE EUROPA UNITA N 141 33100 UDINE

VIALE EUROPA UNITA N 141 33100 UDINE VIALE EUROPA UNITA N 141 33100 UDINE REGOLAMENTO DELLE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI ai sensi dell art. 125 del D.Lgs. 12 aprile 2006 n. 163 e la parte IV, titoli I, II, III e IV del D.P.R.

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Autorità Nazionale Anticorruzione PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON L AGENZIA NAZIONALE PER L ATTRAZIONE DEGLI INVESTIMENTI E LO SVILUPPO D IMPRESA S.P.A. (INVITALIA) PREMESSO CHE - L art.

Dettagli

Ministero della Giustizia Dipartimento per la Giustizia Minorile ORDINAMENTO PROFESSIONALE

Ministero della Giustizia Dipartimento per la Giustizia Minorile ORDINAMENTO PROFESSIONALE Allegato E (DGM) Ministero della Giustizia Dipartimento per la Giustizia Minorile ORDINAMENTO PROFESSIONALE del personale non dirigenziale del Dipartimento per la Giustizia Minorile (SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE)

Dettagli

Prot. n. 24706 IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n.

Prot. n. 24706 IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. Prot. n. 24706 IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; VISTI in particolare gli articoli 6, comma 3, e 1, comma 1, del decreto

Dettagli

Capitolato Speciale. Art. 1 OGGETTO

Capitolato Speciale. Art. 1 OGGETTO Capitolato Speciale In attuazione della Determinazione CED N. del Codice CIG 536334002F Allegato alla lettera d invito prot. Procedura negoziata mediante cottimo fiduciario per prestazioni di servizi per

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UFFICIO ECONOMATO. Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 38 del 24.09.2009

REGOLAMENTO DELL UFFICIO ECONOMATO. Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 38 del 24.09.2009 REGOLAMENTO DELL UFFICIO ECONOMATO Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 38 del 24.09.2009 Pubblicato all Albo pretorio del Parco Adda Nord dal 30.09.2009 al 15.10.2009 ART. 1

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI AGRONOMI E DEI DOTTORI FORESTALI DELLA PROVINCIA DI BOLZANO

ORDINE DEI DOTTORI AGRONOMI E DEI DOTTORI FORESTALI DELLA PROVINCIA DI BOLZANO ORDINE DEI DOTTORI AGRONOMI E DEI DOTTORI FORESTALI DELLA PROVINCIA DI BOLZANO Piano triennale di prevenzione della - (P.T.P.C.) 2014 2016 1. PREMESSA Il complesso normativo costituito dalla Legge 6 novembre

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE COMUNE DI ANCONA DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE del 22/05/2015 N. 860 Oggetto : Atto di impegno di spesa. DETERMINAZIONE A CONTRATTARE PER L'ACQUISTO IN ECONOMIA MEDIANTE COTTIMO FIDUCIARIO DELLA STAMPA

Dettagli

Programma Triennale per la trasparenza e l integrità del Comune di Allumiere 2015-2017 SEGRETERIA GENERALE

Programma Triennale per la trasparenza e l integrità del Comune di Allumiere 2015-2017 SEGRETERIA GENERALE Programma Triennale per la trasparenza e l integrità del Comune di Allumiere 2015-2017 SEGRETERIA GENERALE ALLEGATO N. 2 AL PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DEL COMUNE DI ALLUMIERE Marzo 2015 1 1)

Dettagli

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PRIME MISURE

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PRIME MISURE C I TT A D i G E R A C E 1. Oggetto del Piano PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PRIME MISURE 1. Il piano di prevenzione della corruzione: a) fornisce il diverso livello di esposizione degli

Dettagli

Regolamento di Audit ALLEGATO 8 AL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE 231/2001

Regolamento di Audit ALLEGATO 8 AL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE 231/2001 ALLEGATO 8 AL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE 231/2001 Conforme alla Norma UNI EN ISO 9001:2008 Conforme alla Norma UNI EN ISO 14001:2004 Conforme al D.Lgs 231/01 Conforme a: L. 190/12; D.Lgs 33/2013; D.Lgs

Dettagli

PROCEDURE DI ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI. REGOLAMENTO INTERNO Premessa

PROCEDURE DI ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI. REGOLAMENTO INTERNO Premessa PROCEDURE DI ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI REGOLAMENTO INTERNO Premessa Il presente regolamento interno detta le modalità di acquisizione di beni e servizi da parte dell A.T.L.DEL CUNEESE, Valli Alpine

Dettagli

Determinazione del Segretario Generale Responsabile della Prevenzione della Corruzione

Determinazione del Segretario Generale Responsabile della Prevenzione della Corruzione C I T T A' D I I S P I C A (Provincia di Ragusa) Determinazione del Segretario Generale Responsabile della Prevenzione della Corruzione Approvazione relazione del responsabile della prevenzione della corruzione

Dettagli

Unione dei Comuni del Nord Salento (Provincia di Lecce)

Unione dei Comuni del Nord Salento (Provincia di Lecce) Unione dei Comuni del Nord Salento (Provincia di Lecce) Città di Campi Salentina di Guagnano di Novoli di Surbo di Trepuzzi REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CENTRALE UNICA DI COMMITTENZA (ART. 33

Dettagli

ALLEGATO AL MODELLO EX D. LGS. N. 231/2001 IL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014-2016

ALLEGATO AL MODELLO EX D. LGS. N. 231/2001 IL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014-2016 ALLEGATO AL MODELLO EX D. LGS. N. 231/2001 IL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014-2016 INDICE 1. PREMESSA... - 3-2. L ATTIVITÀ SVOLTA DALLA FONDAZIONE INGM... - 4-3. INDIVIDUAZIONE DELLE

Dettagli

Piano triennale di prevenzione della corruzione (P.T.P.C.) 2015-2017

Piano triennale di prevenzione della corruzione (P.T.P.C.) 2015-2017 Piano triennale di prevenzione della (P.T.P.C.) 015-017 Predisposto dal responsabile per la prevenzione della. Adottato dal Consiglio dell ordine degli ingegneri di Genova con delibera di Consiglio il

Dettagli