ANNO ASPETTI ORGANIZZATIVI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANNO 2010 1. ASPETTI ORGANIZZATIVI"

Transcript

1 AUTORITÀ PORTUALE DI TARANTO RELAZIONE SULL ATTIVITÀ PROMOZIONALE, ORGANIZZATIVA ED OPERATIVA DEL PORTO, SULLA GESTIONE DEI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE E SULLA MANUTENZIONE DELLE PARTI COMUNI NELL AMBITO PORTUALE, NONCHÉ DELL AMMINISTRAZIONE DELLE AREE E DEI BENI DEL DEMANIO MARITTIMO (art. 9, comma 3, lett. c), della legge 84/94). ANNO ASPETTI ORGANIZZATIVI NOTIZIE DI CARATTERE GENERALE Nel corso dell anno 2010 è perdurato il regime di Commissariamento dell Autorità Portuale, nella persona del CA (CP) Salvatore Giuffrè. CONSISTENZA DELL ORGANICO IN RELAZIONE ALLA DOTAZIONE ORGANICA APPROVATA Nella seconda metà dell anno 2010 è stato avviato il processo revisione dell assetto della Struttura Organizzativa e della dotazione organica dell Ente che risale al settembre del 2000.

2 Le necessità operative nonché le procedure di carattere amministrativo, infatti, unitamente a tutti gli adempimenti che costituiscono l attività ordinaria e straordinaria dell AP di Taranto sono, negli ultimi anni, sensibilmente accresciuti e, pertanto, i carichi di lavoro distribuiti al personale dipendente appalesavano come la dotazione organica fosse sottodimensionata e la struttura organizzativa inadeguata rispetto alle effettive esigenze dell Ente. Si è reso, quindi, necessario e urgente rivedere la composizione dei Servizi (ad esempio: trasferire la responsabilità di alcune Sezioni ad altro dirigente, sopprimere alcune Sezioni e costituirne o rinominarne altre) e, soprattutto, conferire maggiori responsabilità ad un maggior numero di dipendenti (ad esempio: la nomina di almeno un Quadro per ogni Direzione) al fine di snellire tutte le procedure, anche quelle di minor rilievo, attualmente facenti capo al dirigente. Inoltre, è stato anche tenuto conto dei suggerimenti forniti dall ispettore del Tesoro, nel corso della verifica amministrativo contabile presso l Ente settembre/novembre di procedere ad un rinnovamento del modello organizzativo/gestionale in quanto l attuale organizzazione strutturale risulta essere alquanto obsoleta rispetto ai compiti ed alle sfide che l AP dovrà portare avanti. Nell ambito delle procedure messe in atto: E stata fornita la prevista informativa ai sensi dell art. 39 del CCNL alle OO.SS E stato acquisito il parere del Collegio dei Revisori E stato informato, per le vie brevi, il Ministero vigilante E stato informato il Comitato Portuale nella seduta del Pertanto, con decreto n.52/2010 del si è proceduto ad una modifica della Struttura Organizzativa dell Autorità Portuale. La nuova struttura organizzativa dell AP conserva sempre una dotazione organica totale di 34 unità. Le modifiche sono state effettuate nel rispetto della vigente Pianta Organica sia nel numero complessivo che nella consistenza numerica per ciascun livello. A seguito della riorganizzazione è stato anche possibile individuare una collocazione definitiva, in pianta organica, per le cinque unità assunte con contratto di lavoro a tempo determinato. I cinque contratti in scadenza nel periodo dicembre 2010 febbraio 2011 sono stati, quindi, trasformati in contratti a tempo indeterminato poiché le esigenze di carattere temporaneo che avevano indotto alla assunzione con contratto a termine sono divenute fabbisogno consolidato dell Ente. Si precisa, altresì, che precedentemente, nel mese di gennaio 2010, era stato convertito in contratto di lavoro a tempo indeterminato anche uno dei contratti a termine della durata anch esso di 24 mesi in scadenza, appunto nei primi giorni dell anno. Pertanto al 31 dicembre 2010, la consistenza organica effettiva dell Ente si conferma di 34 unità, contro le 41 previste dalla pianta organica, di cui: n. 30 unità assunte con contratto a tempo indeterminato di cui una unità assunta ai sensi della legge 68/99 n. 4 dirigenti In data 26 luglio 2010 l AP è stata convocata dall Assessorato alle Politiche del Lavoro del Comune di Taranto per la consegna dell attestato di riconoscimento per aver ottemperato alle direttive della legge 68/99, art. 3. L Amministrazione comunale, sebbene conscia dell esistenza di un obbligo di 2

3 assunzione di lavoratori disabili, ai sensi della citata legge, ha inteso dare un riconoscimento morale a quelle aziende che vi si sono scrupolosamente attenute, rilasciando un attestato di merito. Personale assunto a tempo indeterminato al 31 dicembre 2010: Dotazione organica effettiva Pianta organica approvata dal Ministero Personale in esubero/distacco n 4 dirigenti n 4 dirigenti == n 6 quadri B n 10 Quadri B/A == n 2 quadro A n 6 II livello n 8 II liv. == n 8 III livello n 8 III liv. == n 5 IV livello n 7 IV liv. == n 2 V livello n 2 V liv. == n 1 VI livello n 2 VI liv. == Totale 34 unità Totale 41 unità 0 Nonostante la vacanza d organico l Ente ha comunque svolto la propria attività anche se in affanno, grazie al costante impegno e la professionalità del personale dipendente. Pertanto, si prevede, un ulteriore intervento per ridurre le carenze quantitative e qualitative della vigente pianta organica, al fine di sopperire alle citate difficoltà. L incidenza in bilancio della spesa per il personale dipendente, considerando ogni tipo di spesa (emolumenti fissi, variabili, missioni, formazione, previdenza, altri oneri) al , è stata pari: Sul totale delle entrate correnti: 16,45 % Sul totale delle spese correnti: 59,59 %. La maggiore incidenza delle spese del personale sul totale delle entrate correnti rispetto al 2009 si spiega, essenzialmente, con le maggiori spese per il personale assunto a tempo determinato nel 2009 e con l applicazione, per tutto il 2010, del nuovo trattamento economico dei dirigenti dell A.P. di Taranto, sottoscritto con Federmanager il , recepito dal Comitato Portuale con delibera n. 14/09 del e reso esecutivo con Decreto del Commissario n. 64/09 del L elevata incidenza della spesa del personale sul totale delle spese correnti continua ed essere imputata al contenimento di queste ultime (Titolo I, categorie da III^ a IX^ del bilancio) imposto da provvedimenti legislativi emanati al fine di contenere la spesa pubblica. Nel dettaglio: L art. 1, comma 12, della L. 311/2004 (legge finanziaria 2005) che ha introdotto il limite delle spese per acquisto, manutenzione, noleggio ed esercizio delle autovetture, successivamente ridotto al 50 %, della spesa sostenuta nell anno L art. 2, comma 619, della L. 244/2007 (legge finanziaria 2008), che ha previsto l istituzione di un capitolo di spesa dedicato alla manutenzione ordinaria (nella parte corrente) e straordinaria (nella parte in conto capitale) degli immobili utilizzati dalle amministrazioni, il cui stanziamento complessivo, come previsto dal comma 618, non può superare, a decorrere dal 2009, la misura del 3 per cento dell immobile 3

4 utilizzato. Detto limite di spesa è ridotto all 1 per cento nel caso di esecuzione di interventi di sola manutenzione ordinaria. L art. 61 del d.l. 25 giugno 2008, n. 112, convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, che ha introdotto nuove misure di riduzione della spesa, e relativa circolare del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti n del 14 ottobre 2008, concernenti le limitazioni alle spese per studi e consulenze, spese per relazioni pubbliche, convegni, mostre, pubblicità e rappresentanza e spese per sponsorizzazioni. Pertanto, essendo presenti disposizioni normative di contenimento delle spese correnti, la percentuale delle spese del personale - ovviamente non soggette alle suddette limitazioni - risulta avere un peso significativo. * * * MISURE ADOTTATE IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE E RIORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E PROSPETTIVE FUTURE Nel marzo 2010, si è provveduto all aggiornamento del DPS (documento programmatico sulla sicurezza dei dati) ai fini dell attuazione degli adempimenti previsti dal decreto legislativo 196/2003 Legge in materia di tutela nel trattamento dei dati; nel corso dell anno è proseguita l attività formativa del personale che si è recato presso centri di formazione qualificati a livello nazionale (CEIDA, FORMAT, ITA, BOCCONI, MAGGIOLI, ecc.) per seguire corsi di formazione/aggiornamento professionale specifici relativi alle mansioni svolte nell ambito del Servizio di appartenenza. In particolare nel periodo Gennaio/Dicembre 2010 vi è stata la partecipazione del personale a n. 44 corsi di formazione presso le sedi degli istituti di formazione. Inoltre sono stati organizzati n. 2 corsi in sede su tematiche di interesse comune ad un maggior numero di dipendenti. 10 dipendenti hanno, altresì, frequentato un corso di lingua inglese. STRUMENTI INFORMATICI DISPONIBILI E ANALISI DI COSTI BENEFICI DELL AUTOMAZIONE Il sistema informatico dell Autorità Portuale si basa su un architettura mista di tipo client/server e web dettata dalle caratteristiche tecniche dei software applicativi in dotazione dell Ente. Il sistema di interconnessione è costituito da una Local Area Network di categoria 5 basata sugli standard Ethernet 10/100 Base-TX e conta circa 35 postazioni client. L Ente dispone, al piano terra, di una sala C.E.D. all interno della quale sono ubicati otto server. Nel corso dell anno 2010 è stato effettuato un adeguamento del locale CED con lo smantellamento di una vecchia struttura in anticorodal poco funzionale e l installazione di un nuovo rack IBM standard 19 in cui sono stati spostati e installati tutti i server dell Ente controllati da una Console di gestione. Sono stati acquistati n. 3 nuovi server al fine di rinnovare il parco macchine del CED e dismettere i server ormai obsoleti. Grazie ai nuovi server è stata introdotta la Virtualizzazione. Per Virtualizzazione si intende la creazione di una versione virtuale di una risorsa normalmente fornita 4

5 fisicamente. Nel caso dell AP sono stati virtualizzati i vecchi server fisici. Questa soluzione ottimizza l'efficienza e la disponibilità delle applicazioni e delle risorse IT, elimina il vecchio modello basato su "un solo server/una sola applicazione" ed esegue più macchine virtuali su ciascuna macchina fisica. La virtualizzazione fornisce l opportunità di ridurre la spesa relativa all hardware, evita la necessità di aumentare lo spazio fisico disponibile e migliora sia l affidabilità che la sicurezza dell infrastruttura. Web Filtering: In data 23/12/2009 si è provveduto ad installare sul firewall dell Ente un web filtering in grado di filtrare e/o bloccare l accesso ad alcune categorie di siti web da parte dei dipendenti. Registrazione Log di Accesso ad Internet: In osservazione alle disposizioni del garante della privacy, l Ente ha provveduto, in data 23/12/2009, a rendere operativa la registrazione dei log di accesso ad internet tramite software freeware. I dati sono conservati per un periodo di n. 6 mesi, al termine dei quali si procede alla loro cancellazione. Al fine di automatizzare la suddetta procedura, l Ente in data 30/06/2010 ha acquistato il software Kiwi Syslog in grado di effettuare autonomamente la registrazione, le operazioni di scrittura, salvataggio, cancellazione e back up dei Log. Software Press Review: Nel corso dell anno è stato acquistato e installato il software Press Review su una postazione PC della Sezione Promozione, al fine di consentire la predisposizione della rassegna stampa in formato elettronico per la sua pubblicazione giornaliera sulla rete intranet dell Ente. ArcGIS: Nel corso del 2010 è stato acquistato e installato il software di Sistema Informativo Territoriale ArcGIS che permette di associare informazioni geometriche georeferenziate a strati informativi delle stesse. Tale soluzione è implementata con una componente DB installata sul SERVER-TPA1, una postazione con il software ArcView adibito all editing e modifica dei dati, e il software ArcGis Explorer installato su tutte le postazioni dell Ente per la visualizzazione e consultazione dei dati. Nel corso del 2010 è stato acquistato e installato il software Tivoli Storage Manager, per la gestione delle operazioni di backup e ripristino. Descrizione delle funzionalità dei Server: n.1) IBM xseries 3650 mod KZG (SERVER-TPA1) Questo server è il Controller di Dominio Primario. Esso ricopre tutte le funzioni dei ruoli master del Dominio Active Directory denominato CELD. Svolge funzioni di file server. Su di esso infatti sono presenti gli archivi informatici della Direzione Tecnica della Sezione Operativo, della Sezione Promozione, e della Sezione Gare e Contratti. Per maggiore sicurezza e garanzia di salvaguardia dei dati su questo server è stato implementato e attivato il sistema DFS (Distributed File System). Tale sistema attiva, in tempo reale, una replica dei dati sul SERVER-TPA2 fornendo il supporto Fault Tolerance e Load Balancing. Inoltre su questo server è contenuto il Database ArcGIS per il Sistema Informativo Territoriale. n.2) IBM xseries 3650 mod KZG (SERVER-TPA2) Questo server è il Controller di Dominio secondario. Su di esso infatti sono replicate le informazioni di controllore di Dominio Active Directory del SERVER-TPA1. Altro software installato su questo server è il Press Review della EuroSistemi per la creazione della rassegna stampa. Questo server garantisce inoltre funzionalità di WEB Server di tipo APACHE con Database MySQL utilizzato per la pubblicazione della INTRANET interna dell Ente sulla quale sono pubblicate, tra 5

6 l altro, la rassegna stampa giornaliera, la modulistica interna e documentazione varia di interesse comune. n.3) IBM xseries 3650-M2 mod KEG (SERVER-TPA3) Il SERVER-TPA3. E il primo dei server sul quale è stata introdotta la virtualizzazione. Esso ospita infatti n.2 Server Virtuali: n.3a) SERVER-TPA3A n.3b) SERVER-TPA3B. Il SERVER-TPA3A (Macchina virtuale) è il server di posta elettronica e server FTP dell Ente. Contiene banche Dati e Archivi a caselle di posta elettronica e Rubriche centralizzate. Inoltre il Kerio Connect include al suo interno un motore Antivirus e Antispam Sophos per il controllo della posta elettronica in ingresso. Il SERVER-TPA3B (Macchina virtuale) è il server di raccolta dei LOG degli accessi in internet. Il sistema operativo installato è Windows Server Il software che garantisce l acquisizione dei log invece è il Kiwi Syslog. n.4) IBM xseries 3650-M2 mod KEG (SERVER-TPA4) Il SERVER-TPA4 dispone di sei dischi in configurazione Raid di livello 5, lettore CD-Rom. Su di esso è installato il sistema operativo Microsoft Windows 2008 Server. E il secondo dei server sul quale è stata implementata la virtualizzazione. Esso ospita infatti n.2 Server Virtuali: n.4a) SERVER_CELD n.4b) SERVER_INTERNET. Il SERVER_CELD (Macchina virtuale) è completamente dedicato alla gestione delle presenze del personale. Ospita, infatti il data base Microsoft Access delle presenze e il software a tecnologia web per la gestione delle presenze del personale dipendente (Planet Time Web). Il SERVER_INTERNET (Macchina virtuale) Questo server ospita la Console di Gestione e Controllo dell intero sistema Antivirus dell Autorità Portuale mediante il software Symantec Endpoint Protection Server.. n.5) IBM xseries 3650-M2 mod KEG (SERVER-TPA5) Il SERVER-TPA4. Su questo server attualmente non sono attivi software e sistemi utilizzati dall ente perché destinato a future migrazioni e virtualizzazioni dei vecchi server. n.6) IBM xseries 3650-M2 mod KEG (SERVER-TPA6) Il SERVER-TPA4. Su questo server è stato installato e configurato il Software TSM Tivoli Storage Manager sulla quale vengono eseguiti periodicamente dei backup di sicurezza dei dati. Su questo server inoltre è implementata la virtualizzazione, anche se attualmente non vi sono macchine virtuali attive. n. 7) - IBM NetFinity 5600 mod G (SERVER_TPA) E uno dei Data Base Server e File Server della Direzione Amministrativa, Gare e Contratti, direzione Legale e Demanio e Direzione Affari Generali e Personale dell Ente. Ospita, infatti, all interno del data base Access, i dati dell attuale software di contabilità finanziaria (Coelda), i dati del precedente software di contabilità finanziaria per funzioni di visione dello storico (Delisa) e i dati del precedente software di presenze (Solari), dati storici. Come file server ospita i documenti di office in distinte 6

7 cartelle il cui accesso è regolato da password. Ospita, infine, il software per le timbrature dal terminale di rilevazione presenze. n.8) IBM xseries x226 mod E4G (SERVER_PROTOCOLL) Questo server è dedicato completamente al Protocollo Informatico. Ospita sia il data base Oracle 9 che il software FOLIUM sviluppato con tecnologia web. Gli 8 Server sono alimentati attraverso 3 gruppi di continuità. Al piano terra è presente un locale tecnico dove è installata la centrale telefonica con sistema VOIP di Cisco. All interno dello stesso locale ci sono inoltre gli apparati di accesso a internet come router e firewall. Il salvataggio dei dati avviene in maniera automatica nelle ore notturne. Sono stati inoltre implementati e schedulati, oltre al backup giornaliero, n.2 backup settimanali, e n.2 backup mensili, permettendo in questo modo, in caso di perdita o di necessità di recupero di dati, il ripristino degli stessi non solo nella versione del giorno precedente ma di poter ottenere le versioni fino ad un mese precedente. I Personal Computer: I personal computer sono quasi tutti prodotti IBM e OLIDATA. Il sistema operativo installato è sempre Microsoft XP Professional. Su tutte le postazioni è installato software di produttività individuale Microsoft Office in varie versioni, dalla 2003 in poi, il client di posta elettronica Outlook, e la parte client dell'antivirus centralizzato Symantec Endpoint Protection. Tutte le postazioni dispongono di stampante di tipo inkjet o laser. I singoli utenti non si occupano del salvataggio dei dati presenti sulle postazioni client in quanto tutti i documenti vengono prima copiati sui file server e successivamente salvati su unità a NAS. Il tutto avviene in maniera automatica sotto la supervisione dell incaricato della sicurezza del sistema informatico e della conservazione dei dati sui server. L'accesso a quasi tutte le singole postazioni dei computer è consentito solo abilitando una doppia autenticazione composta da password e da apposita chiave USB, in possesso e uso esclusivo del dipendente. Il dispositivo hardware di autenticazione garantisce che solo le persone autorizzate possano accedere al PC, creando una barriera superabile solo dagli utenti abilitati ed in possesso della password e della chiave USB. *** L Ente ha implementato ulteriormente il processo di informatizzazione, già avviato nell anno 2009, che consente di trattare la documentazione e di gestire i procedimenti con sistemi digitali, grazie all uso delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (ICT). Obiettivo è quello di ottimizzare le procedure e di offrire agli utenti (cittadini ed imprese) servizi più rapidi ed efficienti. 7

8 A tal fine, particolare attenzione e risorse continuano ad essere concentrate nel processo di dematerializzazione della documentazione prodotta nell ambito dell attività dell Ente che rappresenta, attualmente, uno degli elementi di rilievo all interno dei processi di riforma della gestione dell attività amministrativa in ambiente digitale. Tale processo costituisce una delle linee di azione maggiormente significative ai fini della riduzione della spesa, in termini sia di risparmi diretti (carta, spazi, utenze telefoniche, ecc.) sia di risparmi indiretti (tempo, efficienza, ecc ). Quanto sopra in considerazione del fatto che i processi di gestione cartacea dei documenti possono essere caratterizzati da eccessiva onerosità, difficoltà di condivisione e archiviazione, tempi di ricerca elevati, maggior frequenza di errori, smarrimenti, e altre inefficienze più o meno costose. In tale ottica, nel corso dell anno 2010: è stato implementato il numero di caselle di posta elettronica pubbliche in uso ai dipendenti. Sono attive in totale n26 mail box. E a pieno regime l uso del software Press Review, installato in data 29 dicembre 2009, al fine di consentire la predisposizione della rassegna stampa in formato elettronico. La rassegna stampa viene, infatti, quotidianamente pubblicata per sulla rete intranet dell Ente. E a pieno regime l uso della Rete Intranet interna all Ente sulla quale vengono pubblicate e condivise, tra l altro, la rassegna stampa giornaliera, la modulistica interna all Ente, i contatti e ogni altro documento di interesse per i dipendenti dell Ente. Sono state implementate le funzionalità dell opera De Agostini on line Leggi di Italia, cui l Ente è abbonato e i dipendenti hanno accesso tramite password e username. Si tratta di una ricca raccolta di documentazione legislativa, giurisprudenziale e interpretativa, un sistema di banche dati modulabile, completo e aggiornato in tempo reale e collegato tramite migliaia di collegamenti ipertestuali. E stato attivato l accesso on line all archivio ufficiale delle Camere di Commercio Italiane per poter acquisire in tempo reale certificati e visure camerali delle imprese italiane e comunitarie iscritte nei registri delle Camere di Commercio. E stato acquistato un abbonamento on line ad Alphaliner Weekly Newsletter, rivista specializzata in lingua inglese, valido strumento di aggiornamento settimanale nel settore dello shipping. La rivista viene consultata settimanalmente per conoscere le ultime notizie su linee di navigazione, andamento dei traffici sul panorama internazionale, ecc Inoltre grazie alla pubblicazione di grafici e tabelle e alla sezione sugli approfondimenti, la rivista rappresenta un utile ausilio per l attività di studio e programmazione dell Ente. ALTRE NOTIZIE DI CARATTERE GENERALE Stages e Tirocini Nel corso del 2010 l Ente ha ospitato tirocinanti e stagisti sulla base di convenzioni stipulate con istituti scolastici e universitari (ai sensi della normativa vigente che regola tale tipologia di attività formativo/professionali) per lo svolgimento di tirocini aziendali di formazione, sempre dietro proposta da parte degli stessi istituti scolastici e atenei/politecnici, al fine di agevolare le scelte professionali 8

9 mediante la conoscenza diretta del mondo del lavoro e realizzare momenti di alternanza tra studio e lavoro nell ambito dei processi formativi. In particolare: nei mesi di marzo e giugno 2010 l Ente ha ospitato n. 2 tirocinanti, nell ambito del Percorso di alternanza scuola-lavoro organizzato dall Istituto Tecnico Commerciale Statale Bachelet di Taranto, sul tema Logistica dei Trasporti ; nel periodo settembre/dicembre 2010 l Ente ha ospitato n.1 tirocinante, studente della Facoltà di Ingegneria per l Ambiente e il Territorio di Taranto, dell Università degli Studi di Bari, la quale ha approfondito il tema: Pianificazione Portuale. VAS di piani Portuali ; Il Bilancio Sociale L AP ha rinnovato, nel 2010, l incarico al Centro di Cultura Lazzati dell Università Cattolica di Taranto di realizzare il bilancio sociale dell Ente anche per l anno In data 20 dicembre 2010 il Bilancio Sociale relativo all Esercizio 2009 è stato presentato al Comitato Portuale. Il Bilancio Sociale si affianca e integra il bilancio ordinario e gli strumenti tecnico-contabili tradizionali che spesso risultano, per il cittadino comune, di difficile leggibilità e fruibilità e ignorano gli aspetti non quantificabili in termini monetari. L Autorità Portuale di Taranto con la redazione del terzo Bilancio sociale ha inteso consolidare gli strumenti di comunicazione e di rendicontazione del proprio operato. Proseguendo in questo processo di rendicontazione si vuole rendere più evidente, a tutti gli interlocutori, la ragion d essere l operato dell Ente, sia verso l interno che verso l esterno. Una novità del 2010 è rappresentata dal fatto che è stato inserito nel Bilancio Sociale il c.d. Bilancio di Genere che illustra, in maniera particolare, come l AP abbia in grande considerazione il genere femminile e come tutte le sue politiche di gestione del personale siano volte ad escludere qualsivoglia forma di discriminazione, in generale, e del genere femminile, in particolare. Sistema di Gestione Ambientale Nel 2010, a seguito di indagine di mercato, l Ente ha affidato alla Società Igeam S.r.l. il Servizio di progettazione e sviluppo del sistema di gestione ambientale in conformità alla norma UNI EN ISO 14001:2004 al fine certificare le attività dell Autorità Portuale di Taranto, afferenti i fini istituzionali ai sensi della legge n. 84/94 di indirizzo, coordinamento, promozione e controllo delle operazioni portuali e delle altre attività commerciali ed industriali esercitate nel porto di Taranto; la progettazione, realizzazione delle relative opere infrastrutturali, manutenzione ordinaria e straordinaria delle parti comuni in ambito portuale. * * * Nel corso dell anno 2010 il Comitato Portuale si è riunito in totale 10 (dieci) volte. La Commissione Consultiva Locale si è riunita 4 (quattro) volte. 9

10 2. ATTIVITÀ OPERATIVA, DI PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL PORTO. PIANO REGOLATORE PORTUALE Il nuovo PRP già adottato dal Comitato Portuale nel novembre 2007, dopo la prevista intesa con il Comune di Taranto ha conseguito l importante risultato costituito dal parere favorevole, da parte del CSLLPP nella seduta del L iter approvativo del PRP prevede l espletamento della Valutazione Ambientale Strategica avviata - con nota dell Autorità Portuale in data in sede Regionale, per acquisire, successivamente, l approvazione definitiva da parte della Regione stessa. Tra le opere ritenute di importanza strategica per il porto di Taranto, inserite nel nuovo PRP, vi è la realizzazione di un nuovo terminal contenitori al quinto sporgente nel porto fuori rada, di dimensioni maggiori di quello già esistente, con circa m di accosti. Altra opera prevista dal PRP è l ampliamento delle esistenti opere di protezione foranee dall agitazione ondosa del porto fuori rada, utili sia alle nuove opere previste dal PRP che per il miglioramento della protezione degli accosti esistenti al molo polisettoriale, ove opera TCT. 10

11 11

12 INFORMAZIONI SUL PIANO OPERATIVO TRIENNALE E SUO STATO DI ATTUAZIONE Per quanto attiene il documento di revisione relativo all anno 2010 del Piano Operativo Triennale dell Autorità Portuale di Taranto, il Commissario dell Ente in considerazione: del fatto che l iter procedurale per la nomina del nuovo Presidente dell Ente sono state già avviate a fine ottobre 2010; dell avvenuta approvazione definitiva - in data 18 novembre u.s. - da parte del CIPE del progetto della Piastra Logistica dell Hub portuale di Taranto e tenuto conto che tale evento incide in modo significativo sulle prospettive di sviluppo dello scalo e, quindi, sulla stesura del documento in argomento, ha ritenuto opportuno non procedere alla redazione dello stesso e rimandare all organo Presidenziale, nel rispetto del ruolo e della previsione di legge, il compito di redigere i documenti programmatici, informando nel merito anche i Comitato Portuale. ANALISI DEI DATI RELATIVI A TRAFFICO DI MERCI E PREVISIONI DI SVILUPPO PER IL FUTURO. Il volume dei traffici nell anno 2010 è stato di tonnellate con un incremento pari al 28,2%. rispetto all anno precedente ( tonn.). Questo dato fa ben sperare in una ripresa dei traffici nel porto di Taranto e quindi anche dell economia nel territorio ionico. Come si evince dal grafico il trend del volume delle merci movimentate era stato crescente dal 2001 al 2006 per poi essere decrescente sino all anno

13 Merci (in tonnellate) movimentate nel Porto di Taranto Anni La composizione percentuale del totale generale risulta così distinta per tipologia di merce: 19% rinfuse liquide, 50% rinfuse solide, 31% merci varie, delle quali l 11% sono merci trasportate in contenitori. L incremento dei traffici è stato maggiore per gli sbarchi (+38,7%) che per gli imbarchi (+13,6%). Le navi arrivate e partite dal porto sono state in totale unità (+18% circa rispetto all anno precedente). Rinfuse La movimentazione di rinfuse liquide, ha registrato un leggero decremento (-0,6%) rispetto al 2009: il volume dei traffici di tale comparto si è attestato nel 2010 su un totale di circa 6,6 milioni di tonnellate di cui 2,8 milioni di petrolio greggio (-0,9%), 3,5 milioni di prodotti raffinati (+1%) e poco più di tonnellate di altre rinfuse liquide (-15,4%). 13

14 Le rinfuse solide con un volume di circa 17,6 milioni di tonnellate hanno avuto, in relazione all anno precedente, un forte incremento pari al 59,6%. Tutte le merci legate al terminal siderurgico sono aumentate notevolmente: carbone (+52%), minerali (+70%). Merci Varie Le merci varie movimentate sono state circa 10,7 milioni di tonnellate con un incremento percentuale, rispetto al 2009, pari al 12%. Nel dettaglio le tonnellate di merci in container sono state circa 3,8 milioni (-19,3%) mentre circa 7 milioni di tonnellate (+41,8%) sono state le altre merci varie (prodotti siderurgici finiti, pale eoliche, auto ecc.). 14

15 Si riportano di seguito i dati della movimentazione della merce dal 2000 al 2010 divisi per tipologia di traffico: industriale e commerciale. 15

16 Contenitori Per quanto riguarda il traffico di contenitori sono stati i TEU movimentati, con un decremento percentuale del 21,5% rispetto al 2009 ( TEU). Merci Anno 2010 Anno 2009 Variazione assoluta Variazione % Rinfuse Liquide ,6% Rinfuse Solide ,6% TOTALE RINFUSE ,0% Merci in container ,3% Altri merci varie ,8% TOTALE MERCI VARIE ,0% TOTALE GENERALE (tonn.) ,2% TOTALE Contenitori (TEU) ,5% SBARCHI ,7% Rinfuse Liquide ,6% Rinfuse Solide ,0% TOTALE RINFUSE ,0% Merci in container ,0% Altri merci varie ,1% TOTALE MERCI VARIE ,1% Contenitori (TEU) ,0% IMBARCHI ,6% 16

17 Rinfuse Liquide ,4% Rinfuse Solide ,5% TOTALE RINFUSE ,5% Merci in container ,6% Altri merci varie ,6% TOTALE MERCI VARIE ,0% Contenitori (TEU) ,1% Il trasporto contenitori via ferrovia ha fatto registrare una forte diminuzione sia per il numero di treni arrivati/partiti a/da Taranto che sono stati 145 (-36,3% rispetto al 2009), sia per il numero di contenitori movimentati (5.370 TEU) che ha portato al decremento del 51,2% rispetto all anno precedente. Arrivo e partenza di un convoglio ferroviario al Terminal Container del Porto di Taranto. Il terminal contenitori ha iniziato ad operare all inizio dell anno 2010 con 6 linee di navigazione: 2 oceaniche e 4 feeder. COLLEGAMENTI OCEANICI SS eerrvvi izzi i ddi i LLi inneeaa CES China - Europe - Shuttle UAM Us west coast Asia Mediterranean Percorsi Tokyo Osaka Quingdao- Shanghai Ningbo Taipei -Kaohsiung Hong Kong Yantian - Tanjung Pelepas Colombo Suez Ashood - Alexandria -Taranto Genova Barcellona Valencia Le Havre - Hamburg - Rotterdam - Thamesport - Taranto Port Said Colombo - Tanjung Pelepas -Kaohsiung Ningbo- Shangai - Taipei- Hong Kong - Yantian COLLEGAMENTI FEEDER FEEDER ADL Adriatic Levant Service Trieste - Koper - Venice Rijeka - Ancona Taranto - Alessandria Limassol Ashdod Mersin 17

18 FEEDER AEG Aegean Feeder Service Taranto - Istanbul - Haydarpasa - Gemlik Izmir- Durres FEEDER GFS Greek Feeder Service FEEDER NAF North Africa Feeder Service Taranto - Piraeus - Thessaloniki Taranto - Misurata - Tunis Alla fine dell anno 2010 le linee di navigazione attive erano 8, delle quali 3 oceaniche e 5 feeder. COLLEGAMENTI OCEANICI SS eerrvvi izzi i ddi i LLi inneeaa CES E China - Europe - Shuttle CES W China - Europe - Shuttle UAM E/W U.S. Coast Asia Mediterranean ADL E/W Adriatic Levant Service GTS Greek Feeder Service FAS Feeder Adriatic Service NAF North Africa Feeder NTHL Tyrrhenian Link Percorsi Rotterdam Hamburg Tahmsport Le Havre Taranto Suez Colombo Tanjung Pelepas Kaohsiung Qingdao Ningbo Shangai Taipei Hong Kong - Yantian Kaohsiung Qingdao - Ningbo - Shangai-Taipei - Hong Kong Yantian Tanjung Pelepas Colombo Suez Taranto Rotterdam - Hamburg -Thamsport Le Havre Tacoma - Vancouver - Tokyo - Osaka - Qingdao - Shanghai - Ningbo - Kaohsiung - Hong Kong - Yantian - Tanjung Pelepas - Colombo - Ashdod - Alessandria - Taranto - Genova - Barcellona - Valencia - Taranto - Colombo - Tanjung Pelepas - Kaohsiung - Hong Kong - Yantian - Shanghai - Ningbo - Tacoma COLLLLEEGAAMEENTTII FFEEEEDEER Trieste - Koper - Venice Rijeka - Ancona Taranto Alexandria Limassol Ashood Mersin - Taranto - Trieste Taranto - Piraeus Istanbul - Haydarpasa Gemlik Izmir Thessaloniki Taranto Malta - Gioia Tauro - Taranto Bar Ploce Split - Ravenna Durazzo - Malta Taranto - Misurata - Tunis Marsaxlokk Taranto - Salerno Napoli Livorno - Marsaxlokk In data 19 agosto, il primo feeder della compagnia cilena CSAV ha fatto scalo nel porto di Taranto. In data 27 ottobre, è avvenuto il primo scalo della linea oceanica CES West dell Evergreen Marine Corporation. 18

19 3. ATTIVITÀ PROMOZIONALE in data 27 gennaio, il Commissario ha partecipato alla manifestazione MEDITERRE 2010, intervenendo al convegno con una relazione dal titolo Dragaggio nei porti interni ai Siti di Interesse Nazionale ; in data 3 febbraio l Ente ha partecipato ad un convegno, presso la Facoltà di Ingegneria di Reggio Calabria, sul tema Competitività dei porti container italiani nel sistema euro-mediterraneo: criticità e potenzialità dei porti hub di Gioia Tauro, Cagliari e Taranto ; dal 4 al 5 febbraio l Ente ha partecipato, a Venezia, al Forum internazionale Energy for Green Ports, sulle tecnologie e soluzioni ecosostenibili per i porti; dal 7 al 9 febbraio l Ente ha partecipato, come espositore, alla 18 a edizione della Fiera Marine Services and Equipment, che si è svolta ad Alessandria d Egitto, nell ambito della 26 a Conferenza Internazionale di Seaports & Maritime Transport sul tema Integration for a Better Future ; Alessandria d Egitto, 7-9 febbraio Immagini dello stand del Porto di Taranto dal 15 al 17 febbraio, dietro invito del Dr. Roger Clasquin, Direttore della Port of Rotterdam International, il Commissario ha partecipato ad una visita istituzionale al porto di Rotterdam - organizzata dal Console Olandese in Puglia accompagnato da alcuni operatori pugliesi; in data 18 febbraio, il Commissario ed il Segretario Generale dell Ente hanno partecipato ad un dibattito organizzato da Assoporti a Roma, nell ambito di un convegno di AIPCN, dal titolo I porti marittimi nazionali. Aspetti pianificatori, progettuali e realizzativi ; in data 19 febbraio, il Commissario ha presenziato al Convegno Nazionale organizzato dal Comitato Mezzogiorno di Confindustria dal titolo: Il Sud aiuta il Sud, cui hanno partecipato la Presidente di Confindustria Emma Marcegaglia, i Presidenti delle sezioni pugliesi di Confindustria, il Ministro per gli Affari Regionali Raffaele Fitto, il Segretario Nazionale del PD Pierluigi Bersani ed altri operatori locali; in data 26 febbraio il Commissario ha partecipato al Convegno promosso dall Interporto Regionale della Puglia sul tema Porti, Interporti, Distriparks ; nei giorni 9 e 10 marzo, l Ente ha partecipato, come espositore alla manifestazione Impresa Lavoro 2010, il Salone del lavoro, della formazione e delle professioni, che si è svolto a Taranto e nell ambito del quale il Dirigente l Autorità Portuale ha relazionato sul tema Opportunità di crescita professionale nel settore dello shipping: il porto di Taranto e la logistica ; dal 16 al 17 marzo, l Ente ha partecipato nella città de Il Cairo ad un convegno organizzato dall Autorità Portuale del Levante sul tema Material and Immaterial Links between Italy and Egypt nell ambito del Progetto - Italmed, Nel corso della riunione Tecnica del 17 marzo è stata illustrata una presentazione in lingua inglese del porto di Taranto, appositamente preparata per 19

20 l evento, al fine di illustrare i collegamenti tra il porto di Taranto e gli scali egiziani. Ci si è soffermati sulla particolare posizione privilegiata dello scalo jonico e sulle infrastrutture esistenti e potenzialmente disponibili per implementare un traffico ro-ro con l Egitto. In data 2 aprile il Commissario ha siglato un accordo per l istituzione dell associazione IMETA, unitamente alle Autorità Portuali di Cagliari e Gioia Tauro finalizzato ad incentivare lo sviluppo dei porti hub del Mediterraneo; in data 7 maggio, il Commissario CA(CP) Salvatore Giuffrè ha partecipato al convegno promosso dalla Sezione tarantina dell International Propeller Club sul tema Responsabilità e profili assicurativi dello spedizioniere doganale e degli altri ausiliari del trasporto ; in data 7 maggio l Ente ha partecipato alla VII Giornata dell Economia organizzata dalla Camera di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura di Taranto; dal 17 al 22 maggio, il Commissario ed il Segretario Generale si sono recati a Osaka (Giappone) per incontrare i rappresentanti dell Autorità Portuale di Osaka e successivamente a Taipei (Taiwan) per incontrare i vertici dell Evergreen Marine Corporation; in data 28 maggio l Ente ha partecipato alla 61 a Assemblea Generale Federagenti, che si è svolta ad Acaya (Lecce); dall 8 al 10 giugno l Ente ha partecipato, come espositore, alla 4 a edizione della Fiera biennale Transport Logistic China che si è svolta nel New International Expo Center di Shanghai e che ben ha rappresentato la crescente domanda di trasporto e logistica, con particolare riferimento al mercato dell Asia; Shanghai, 8-10 giugno Immagini dello stand del Porto di Taranto in data 18 giugno il Commissario CA(CP) Salvatore Giuffrè ha partecipato, presso l Università LUM di Casamassima (BA), al Convegno promosso dalla stessa Università e dal Collegio degli Ingegneri Ferroviari Italiani, sul tema: Il sistema integrato dei trasporti nell ambito del Mediterraneo intervenendo sui programmi ed i progetti della piattaforma logistica pugliese; in data 29 giugno il Commissario ha incontrato il Dr. Gianluigi Aponte, presso la sede della MSC a Ginevra, al fine di presentare le potenzialità dello scalo jonico; 20

21 in data 6 settembre, il Commissario ed il Segretario Generale si sono recati a Bologna per partecipare alla riunione della Consulta per l Autotrasporto per discutere dei contenuti del Piano Nazionale della Logistica, alla presenza del Ministro Matteoli; in data 15 settembre, il Commissario e il Dirigente del Servizio Affari Generali hanno presenziato al seminario dal titolo Scambi logistici tra Puglia e Olanda. Innovazioni, sviluppi, opportunità a cui hanno partecipato, tra gli altri, il Presidente della Regione Puglia, l Ass.re regionale alle Infrastrutture strategiche e mobilità, il direttore della Port of Rotterdam International; nei giorni 15 e 16 ottobre l Ente ha partecipato alla missione istituzionale a Shenzhen (Cina) organizzata da INVITALIA (Agenzia nazionale per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa), che ha previsto incontri con le Autorità Portuali di Shenzhen e Guangzhou e con gli operatori cinesi di settore. Invitalia aveva riservato uno stand nell ambito della fiera Shenzhen International Logistics and Transportation Fair tenutasi dal 15 al 17 ottobre 2010; in data 15 ottobre, l Ente ha aderito all iniziativa dell Assoporti di presenziare al Seminario promosso dall Istituto per il Commercio Estero presso il Padiglione Italiano all EXPO Shanghai 2011 sul tema Le città portuali ed i collegamenti con il Far East ; in data 18 novembre in collaborazione con la Società Chimica Italian ed il CNR di Taranto (Istituto per l Ambiente Marino Costiero), l Ente è intervenuto al Convegno di studio sul tema: I sedimenti dragati in aree portuali: tecnologie di bonifica, strategie di gestione e prospettive future ; dal 23 al 24 novembre l Ente ha partecipato, come espositore insieme al Porto di Igoumenitsa, alla 6 a edizione di Trans Middle East Egypt 2010, che si è svolta nell ambito della Conferenza Internazionale dal medesimo tema, ad Alessandria d Egitto Alessandria d Egitto, novembre Immagini dello stand del Porto di Taranto 21

22 Obiettivo di questa partecipazione congiunta è stata la presentazione di un progetto che colleghi l Egitto con l'europa attraverso la Grecia e l'italia, mediante, cioè, la creazione di una nuova autostrada del mare che coinvolga i porti di Alexandria, Igoumenitsa e Taranto. E noto che uno dei progetti prioritari individuati dall'unione Europea per il Mediterraneo, al centro degli sforzi del Partenariato Euro-Mediterraneo, sia la creazione di autostrade marittime e terrestri. Considerato che i tre porti di Taranto (Italia), Igoumenitsa (Grecia) e Alessandria (Egitto) potranno trarre vantaggio della loro posizione geografica strategica, nel cuore del Mar Mediterraneo, questo collegamento può diventare il centro di attrazione dei flussi di traffico da / per dal Medio ed Estremo Oriente da / per il bacino del Mediterraneo. Un modello di navigazione che offre vantaggi significativi in termini di razionalizzazione dei percorsi, ottimizzazione dei carichi e riduzione dei tempi di transito per il beneficio delle tre città portuali coinvolte. Il progetto mira a stabilire un nuovo collegamento marittimo ro / ro-ro / pax che coinvolge le Autorità Portuali di Taranto, Igoumenitsa e Alessandria, insieme a partner privati interessati a far parte del partenariato istituzionale. I principali output del progetto consisteranno in una ricerca di mercato, uno studio di fattibilità e business plan in grado di cogliere le potenzialità del nuovo collegamento. In aggiunta, i partner organizzeranno seminari tematici nei tre paesi partecipanti, nonché una congiunta e intensa attività di marketing. Infine, il progetto valuterà l'ammissibilità nel quadro del programma di realizzazione di un'azione pilota, per fornire un sostegno finanziario al primo viaggio di una nave che copra la rotta Taranto-Igoumenitsa-Alessandria e ritorno, allo scopo di fornire agli investitori privati / armatori coinvolti nel progetto il valore del costo medio di questo servizio. Attualmente le fasi di implementazione del progetto sono temporaneamente sospese a causa delle note vicende politiche che hanno interessato i paesi del Nord Africa, incluso l Egitto. in data 26 novembre il Commissario ha partecipato alla Conferenza di pianificazione-forum tematico, tenutasi presso la sede della Provincia di Taranto, sul tema Progetto Aree della logistica Progetto Città Capoluogo in qualità di relatore; in data 1 dicembre il Dirigente del Servizio Affari Generali ha partecipato, a Roma, presso il Ministero degli Affari Esteri, alla Riunione di Coordinamento in vista del IV Vertice Italo- Egiziano cui sono intervenuti anche il Sottosegretario di Stato Stefania Craxi, l Ambasciatore d Italia in Egitto, Claudio Pacifico, il Vice Direttore Generale per i Paesi del Mediterraneo e del Medio Oriente ed il Ministro Plenipotenziario Domenico Giorgi; dal 1 al 3 dicembre l Ente, in qualità di soggetto aderente al Distretto Logistico Pugliese, ha partecipato alla manifestazione Festival dell Innovazione 2010 che si è svolta presso la Fiera del Levante di Bari. Anche nel corso dell anno 2010, l attività promozionale e di presentazione dello scalo jonico ha avuto un aspetto formativo nei momenti di accoglienza di studenti provenienti da scuole di ogni ordine e grado, facoltà universitarie ed Enti di formazione. Gli studenti in visita allo scalo sono stati sempre accompagnati da personale dell Ente e hanno ricevuto materiale informativo e di approfondimento. L accoglienza di numerosi visitatori nazionali e internazionali (istituzioni, imprenditori, rappresentanti) ha riguardato l attività promozionale anche nel 2010: in data 26 gennaio il Presidente Americano della società Boeing, accompagnato da rappresentanti di Confindustria Taranto, in collaborazione con il Comune di Grottaglie, si è recato in visita al porto; 22

23 in data 7 settembre, incontro istituzionale con Mr. Dimitrios Skalkos, e con Mr. Thomas Kitsantas, rispettivamente nuovo Presidente e Direttore Generale dell Autorità Portuale di Igoumenitsa; nei giorni 15 e 16 ottobre visita di una Delegazione della Camera di Commercio di Pescara e degli studenti al Master in Diritto ed Economia del Mare. Inoltre, nell ambito dell attività promozionale sono stati è realizzati vari progetti di grafica e video. In considerazione della crescente attività promozionale svolta a livello internazionale, l Autorità Portuale di Taranto ha ritenuto di mantenere attivo l ufficio di rappresentanza a Shanghai mediante incarico alla Società TWIN Side S.p.a. per il servizio di assistenza e supporto all Ente al fine di proseguire l attività di desk informativo sul Porto di Taranto nella Repubblica Popolare Cinese. PUBBLICAZIONI E INSERZIONI SU ORGANI DI STAMPA Le inserzioni pubblicitarie sono state effettuate sulle sottoelencate riviste e testate di stampa specializzata, nazionale e internazionale, di trasporto marittimo e logistica, anche on-line: Ribalta di Puglia Almanacco 2009 Corriere della Sera Speciale Economia (aprile) La Gazzetta del Mezzogiorno Speciale Economia (aprile-settembre-dicembre) Il Messaggero Marittimo (Riviste Speciali: settembre e dicembre) La Gazzetta Marittima (Quaderni: aprile e giugno) Il Giornale della Logistica Porto & diporto (Speciale Assoporti - settembre) Container Management Informare (banner on-line) Ship2Shore (banner on-line) Shippingonline.it (banner on-line) ACCORDI E COLLABORAZIONI CON ALTRI ENTI E PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI OPERANTI SUL TERRITORIO Distretto Regionale della Logistica. Sin dal 2007 l Ente ha collaborato con Confindustria Taranto per la stesura di un protocollo di intesa finalizzato alla candidatura, presso la Regione Puglia, del Distretto Regionale della Logistica che ha ottenuto un primo riconoscimento nel dicembre del In data 26 ottobre 2010 il Distretto Logistico Pugliese ha ottenuto il secondo e definitivo riconoscimento con deliberazione della giunta regionale n Tale deliberazione ha consentito al 23

24 Distretto produttivo di dare avvio operativo alle attività previste dal Programma di Sviluppo sottoscritto dalle imprese aderenti al distretto, approvato dal Comitato di Distretto in data 23 settembre L avvio delle attività ha richiesto una maggiore attenzione verso numerose problematiche organizzative e di mezzi sulle quali l organo di governo del distretto, il comitato di Distretto, è chiamato a dettare indirizzi. Dopo il formale riconoscimento, il Distretto ha posto le prime basi per il raggiungimento degli obiettivi proposti nel programma di sviluppo mettendo in atto il proprio duplice ruolo: un interlocutore di qualità nell ambito del sistema logistico regionale ed un soggetto progettuale in grado di rappresentare la rete delle relazioni. Il Distretto, infatti, rappresenta una struttura istituzionalmente riconosciuta dall Amministrazione regionale a rappresentare la filiera dei servizi logistici. In sintesi il Distretto Logistico Pugliese si pone la finalità di sostenere e diffondere la cultura della logistica con particolare attenzione alla promozione di tutte le azioni volte allo sviluppo del Sistema Logistico Regionale. Dal Programma Infrastrutture Strategiche della Regione Puglia, si legge infatti che la presenza di un Distretto Logistico Pugliese rappresenta un opportunità per la Regione in quanto contribuisce sia al raggiungimento di forme di cooperazione tra gli attori che ne fanno parte, sia alla costruzione di un clima imprenditoriale più propenso a sviluppare soluzioni tecnologiche, organizzative e di business. Con il secondo riconoscimento e l avvio operativo delle attività si è ritenuto necessario, procedere alla costituzione del soggetto giuridico che rappresenterà il distretto. Così come individuato dagli Studi di fattibilità condotti e come formalmente esplicitato dal Regolamento del Distretto Logistico Pugliese, lo stesso si è costituito secondo il tipo giuridico previsto dall art. 36 del Codice Civile in Associazione non riconosciuta denominata DILOG. La base associativa il Distretto Logistico Pugliese conta 197 aderenti tra associazioni di categoria e sindacali, Enti locali, soggetti appartenenti al mondo della ricerca e soprattutto aziende provenienti da tutto il territorio regionale. Di questi,oltre alla presenza di un numero rilevante di piccole e medie imprese del settore, è da segnalare la presenza dei più importanti attori del settore della logistica regionali. Bonifiche e Dragaggi Nel corso dell anno 2010 sono proseguite le attività oggetto del Protocollo di Intesa sottoscritto il 5 novembre tra Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Ministero dello Sviluppo Economico, Regione Puglia, Provincia di Taranto, Comune di Taranto, Autorità Portuale di Taranto e Sogesid - finalizzato alla riqualificazione ambientale delle aree ricadenti nel Sito di Interesse Nazionale (SIN) di Taranto ed al contestuale sviluppo infrastrutturale del porto. L intervento viene descritto nel dettaglio al paragrafo relativo alle opere di grande infrastrutturazione. Collegamento ferroviario del complesso del porto di Taranto con la rete nazionale In data 18 giugno 2010 è stato sottoscritto tra Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, Regione Puglia, RFI SpA, Autorità Portuale di Taranto e Distripark Taranto scarl, un Protocollo di intesa dal titolo "Norme, condizioni ed obblighi per l'esecuzione ed il finanziamento dell'intervento di attrezzaggio infrastrutturale ferroviario nonché del collegamento del bacino logistico "Porto di Taranto" con la rete ferroviaria nazionale". L intervento viene descritto nel dettaglio al paragrafo relativo alle opere di grande infrastrutturazione. 24

25 USO DELLE MODERNE TECNOLOGIE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA AMPIEZZA E TEMPI DI AGGIORNAMENTO DEI SITI INTERNET L Ente è dotato di un sistema informatico efficiente che risponde alle quotidiane esigenze di lavoro e di auto-aggiornamento del personale, anche attraverso la rete internet cui hanno accesso tutti i dipendenti. Nel corso del 2010 l Ente ha proseguito nell utilizzo e pieno sfruttamento del proprio sito web: consultabile anche in lingua inglese. Home page del sito A dimostrazione dell efficacia comunicativa del portale si evidenzia che fino al sono stati registrati n accessi al sito dell Ente, con un media di oltre accessi al mese provenienti da tutti i paesi del mondo. Rispetto al 2009 primo anno completo di pubblicazione a seguito della ristrutturazione del sito web - si registra un incremento degli accessi annuali pari a n (+ 3,53% circa) e un incremento della media degli accessi mensili pari a n (+3,89%), come si evidenzia nei sotto riportati grafici: Si riporta grafico e, successivamente, il prospetto riguardante i dati in dettaglio. 25

26 Mese Accessi mensili Visitatori mensili Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre

27 Si riporta grafico - e relativo prospetto - riguardante gli accessi per aree geografiche: Paesi Accessi Annuali Incidenza % Italia ,91 Europa Centro Sud ,34 Nord Europa ,93 Est Europa ,75 Stati Uniti e Canada ,13 Centro Sud America ,31 Australia ,11 Asia ,81 M/V Oriente ,45 Cina ,62 Africa ,22 Altro ,42 TOTALE ,00 27

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata?

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata? CON-TRA S.p.a. Tel. +39 089 253-110 Sede operativa Fax +39 089 253-575 Piazza Umberto I, 1 E-mail: contra@contra.it 84121 Salerno Italia Internet: www.contra.it D. Che cosa è la ISPM15? R. Le International

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI Nome TARZIA SALVATORE Telefono 0961 857310 Fax 0961 857279 E mail s.tarzia@regcal.it Nazionalità Luogo di Nascita Data di

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM SkyTeam Awards è uno dei maggiori vantaggi che ti offre l Alleanza SkyTeam: un solo Biglietto Premio per tante destinazioni nel mondo, anche quando l itinerario che scegli

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA Periodico quindicinale FE n. 02 7 marzo 2012 COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA ABSTRACT Il crescente utilizzo del web ha contribuito alla diffusione dell e-commerce quale mezzo alternativo

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa 03 NOV 2014 Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa Da oggi Artoni Europe, servizio internazionale di Artoni Trasporti, raggiunge ben 32 paesi Europei con

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

SEA, AIR, LOGISTICS AND CARE IL TRASPORTO NEL SUO ELEMENTO

SEA, AIR, LOGISTICS AND CARE IL TRASPORTO NEL SUO ELEMENTO SEA, AIR, LOGISTICS AND CARE IL TRASPORTO NEL SUO ELEMENTO RAGGIUNGERE IL FINE, CON OGNI MEZZO. PIÙ CHE UNA FILOSOFIA, UNA PROMESSA. INSPED ERA GLOBALE PRIMA ANCORA CHE SI PARLASSE DI GLOBALIZZAZIONE.

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Proposta di adesione al servizio Telemaco per l accesso alla consultazione ed alla trasmissione di pratiche

Proposta di adesione al servizio Telemaco per l accesso alla consultazione ed alla trasmissione di pratiche Proposta di adesione al servizio Telemaco per l accesso alla consultazione ed alla trasmissione di pratiche Il/la sottoscritto/a Cognome e Nome Codice Fiscale Partita IVA Data di nascita Comune di nascita

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

INIZIATIVA DI STUDIO SULLA PORTUALITA ITALIANA

INIZIATIVA DI STUDIO SULLA PORTUALITA ITALIANA Ufficio per gli investimenti di rete e i servizi di pubblica utilità Servizio per le Infrastrutture e la regolazione dei servizi di pubblica utilità Presidenza del Consiglio dei Minis INIZIATIVA DI STUDIO

Dettagli

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE I problemi del sistema vigente Lo Sportello Unico per le attività Produttive (SUAP) non ha avuto diffusione su tutto il territorio nazionale e non ha sostituito

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 documento redatto sulla base del questionario CIO Candidature Acceptance Procedure Games of the XXXI Olympiad 2016 PREMESSA ESTRATTO

Dettagli

Leimportazioni italianedimaterieprime

Leimportazioni italianedimaterieprime Leimportazioni italianedimaterieprime Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Francesco Livi

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

Lo shipping e la portualità nel Mediterraneo: opportunità e sfide per l Italia

Lo shipping e la portualità nel Mediterraneo: opportunità e sfide per l Italia Lo shipping e la portualità nel Mediterraneo: opportunità e sfide per l Italia Arianna Buonfanti 1 1 SRM Riassunto Scopo di questo paper è delineare l andamento e i possibili futuri scenari logistici nel

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli