Classe 5 BR A.S

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Classe 5 BR A.S. 2012-2013"

Transcript

1 Classe 5 BR A.S

2 Sommario Sommario... 2 C.d.C componenti - continuità - firme... 3 Profilo dell indirizzo... 4 Il Perito in Informatica... 4 Profilo della classe... 5 Analisi dei risultati del triennio... 6 Attività scolastiche ed extra-scolastiche... 7 Gruppo classe... 8 Iniziative di recupero... 9 Criteri valutazione -dal POF Criteri attribuzione del voto di comportamento - dal POF Criteri attribuzione del credito scolastico - dal POF Tabella per attribuzione credito scolastico Riconoscimento crediti formativi Griglie valutazione e criteri per le prove d esame Prima Prova Seconda prova Terza prova Tipologia B Definizione delle aree disciplinari Istituti Tecnici Industriali Indirizzo: Informatica Allegati > Consuntivi delle attività per disciplina > Simulazioni della Prima, Seconda e Terza prova scritta

3 C.d.C componenti - continuità - firme Cognome Nome Materia Firma Abbiati Tullio Lab. Elettronica x x x Gravelona Rossella Matematica x x x Piatti Emanuela Elettronica x x Franzini Danilo Educazione Fisica x x x Moretti Emanuela Religione x x x Incorvaia Francesca Informatica x x Olgiati Jessica Lab. Informatica x Coco Angelo Lab. Informatica Sistemi x x x Marangoni Marco Lab. Matematica x Russo Amodio Calcolo x x x Ciraolo Placido Italiano Storia x x x Squadrito Domenico Sistemi x x Ferrara Domenica Inglese x x x

4 Profilo dell indirizzo Il Perito in Informatica ha competenze specifiche nel campo dei sistemi informatici, dell'elaborazione dell'informazione, delle applicazioni e tecnologie Web, delle reti e degli apparati di comunicazione; ha competenze e conoscenze che, a seconda delle declinazioni che le singole scuole vorranno approfondire, si rivolgono all'analisi, progettazione, installazione e gestione di sistemi informatici, basi di dati, reti di sistemi di elaborazione, sistemi multimediali e apparati di trasmissione dei segnali; ha competenze orientate alla gestione del ciclo di vita delle applicazioni che, sempre a seconda della declinazione che le singole scuole vorranno approfondire, possono rivolgersi al software: gestionale orientato ai servizi per i sistemi dedicati incorporati ; esprime le proprie competenze nella gestione dei progetti, operando nel quadro di normative nazionali e internazionali, concernenti la sicurezza in tutte le sue accezioni e la protezione delle informazioni (privacy); è in grado di esprimere le proprie competenze, nell'ambito delle normative vigenti, ai fini della sicurezza sul lavoro e della tutela ambientale e d'intervenire nel miglioramento della qualità dei prodotti e nell'organizzazione produttiva delle imprese; esprime le proprie competenze nella pianificazione delle attività di produzione dei sistemi, dove applica capacità di comunicare e interagire efficacemente, sia nella forma scritta che orale; nell'analisi e realizzazione delle soluzioni ha un approccio razionale, concettuale e analitico, orientato al raggiungimento dell'obiettivo, che esercita in contesti di lavoro caratterizzati prevalentemente da una gestione in team; possiede un'elevata conoscenza dell'inglese tecnico specifico del settore per interloquire in un ambito professionale caratterizzato da forte internazionalizzazione; utilizza e redige manuali d'uso

5 Profilo della classe La classe, nell arco del triennio ha avuto un corpo insegnanti sostanzialmente stabile. Nonostante i ripetuti interventi atti a migliorare l atteggiamento ed il profitto scolastico, non si sono riscontrati miglioramenti sostanziali se non nell ultima porzione dell anno dove l attenzione è divenuta più assidua. Anche il profitto, di conseguenza, è migliorato per la gran parte della classe. Rimangono tuttavia situazioni di gravi difficoltà che si manifestano per gran parte degli allievi spiccatamente in italiano e storia, disciplina nella quale i contenuti e le conoscenze acquisite sono alquanto lacunose e frammentarie.

6 Analisi dei risultati del triennio Classe Numero iniziale studenti di cui inseriti ad inizio anno Inserimenti in corso d anno Promossi Non promossi

7 Attività scolastiche ed extra-scolastiche La classe non ha partecipato a nessuna attività

8 Gruppo classe Cognome Nome Frequenza Attività extra-scolastiche Auriemma Alessia Belloni Serena Cantoreggi Paolo De Rito Davide Galante Matteo Gianni Alessandro Gorla Alessandro Mazzetti Fabio Peruzzo Edoardo Rastelli Luca Ravazzolo Omar Risolo Francesco Sala Daniele Zangla William regolare regolare regolare regolare regolare regolare regolare regolare regolare con ripetenza regolare regolare regolare regolare

9 Iniziative di recupero Durante l anno scolastico gli studenti hanno potuto usufruire dell help scolastico pomeridiano. Le richieste sono state scarse. A fine gennaio, la scuola ha calendarizzato una settimana di sospensione dell attività scolastica, sostituendo le normali attività didattiche con attività di recupero o ripasso orientate a tutti gli studenti. Al termine di tale periodo, sono state effettuate prove per la valutazione dell eventuale recupero delle materie insufficienti nel primo quadrimestre. La scuola prevede inoltre la possibilità, sfruttata da alcuni docenti, di proseguire il recupero in itinere, così da dare agli studenti il tempo, loro necessario, ad adeguare la preparazione ai livelli richiesti.

10 Criteri valutazione -dal POF - VOTO LIVELLI CONOSCENZA COMPRENSIONE APPLICAZIONE ANALISI SINTESI 1 Nullo Nessuna Nessuna Nessuna Nessuna Nessuna 2-3 Quasi nullo Pochissima Molto scarsa Non riesce ad applicare le conoscenze Non è in grado di effettuare alcuna analisi Non è capace di sintetizzare 4 Gravemente insufficiente Frammentaria con evidenti lacune Molto confusa e frammentaria Molto parziale prevalentemente scorretta Molto limitate anche di elementi semplici Disorganica e scorretta 5 Insufficiente Frammentaria e superficiale Parziale Parziale Superficiali Parziali o Imprecise 6 Sufficiente Completa degli elementi essenziali Corretta degli elementi essenziali Sostanzialmente corretta Abbastanza complete Accettabili,parzialmente autonome 7 Discreto Abbastanza completa Corretta Corretta e precisa Abbastanza complete Corrette 8 Buono Completa Completa Corretta, precisa, autonoma Complete Corrette e autonome 9-10 Ottimo- Eccellente Completa anche di contenuti complessi Completa anche di elementi complessi Autonoma e corretta in situazioni nuove Complesse e autonome Corrette e autonome in situazioni complesse

11 Criteri attribuzione del voto di comportamento - dal POF - Il voto di condotta si riferisce all'area degli obiettivi educativi e si propone di valutare l'aspetto comportamentale, i valori positivi condivisi dalla classe, il rispetto delle regole. Gli obiettivi educativi si riferiscono ad una crescente consapevolezza ed autocontrollo rispetto al proprio comportamento nelle diverse situazione della vita di classe. La presa di coscienza delle regole e dei valori rende possibile il nostro vivere in gruppo ed ha delle valenze civili e sociali. I criteri generali di assegnazione del voto di condotta sono i seguenti: a. frequenza b. rispetto delle persone e delle norme c. rispetto delle consegne d. comportamento e. numero di ammonizioni sul registro In particolare, per quanto riguarda l'assegnazione del 5, che sarà determinante per la non ammissione alla classe successiva, come da D.L. N 137 del , saranno presi in considerazione i seguenti comportamenti ( anche solo alcuni se particolarmente gravi): > frequenza molto discontinua ; > disturbo continuo, eccessivo durante le lezione; > uscite frequenti e prolungate dall aula. > mancato rispetto per gli impegni assunti; > gravi atti di vandalismo verso le strutture scolastiche; > atti di bullismo verso i compagni, i docenti e tutto il personale scolastico; > offese verbali o scritte verso le religioni; > furti nelle aule, nei laboratori, in palestra; > comportamento poco rispettoso verso l autorità > atteggiamento provocatorio o fortemente indifferente; > numero elevato di ammonizioni sul registro

12 Criteri attribuzione del credito scolastico - dal POF - Il Consiglio di Classe attribuisce ad ogni alunno, che ne sia meritevole, nello scrutinio finale di ciascuno degli ultimi tre anni di scuola, un apposito punteggio per l'andamento degli studi denominato "credito scolastico". La somma dei punteggi in tal modo ottenuti si aggiunge ai punteggi riportati nelle prove scritte ed orali degli esami di Stato. Al fine dell'attribuzione del punteggio per ciascun anno del triennio, vale anche il "credito formativo", che consiste in ogni qualificata esperienza, debitamente documentata, coerente con il piano di studi ( comprese esperienze lavorative) maturate al di fuori dell'ambito scolastico. Di seguito si riproducono tabella e note contenute nel regolamento recante disciplina degli esami di Stato conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria superiore ( D.M. N 42 del 25 maggio 2007). Tabella per attribuzione credito scolastico Media dei voti Credito scolastico (Punti) 3 anno 4 anno 5 anno M = < M <= < M <= < M <= < M <= NOTA - M rappresenta la media dei voti conseguiti in sede di scrutinio finale di ciascun anno scolastico. Il credito scolastico, da attribuire nell'ambito delle bande di oscillazione indicate dalla precedente tabella, va espresso in numero intero e deve tenere in considerazione: il profitto,l assiduità della frequenza, l interesse e l impegno nella partecipazione al dialogo educativo, attività complementari e integrative, eventuali crediti formativi. L attribuzione del punteggio massimo della fascia è assegnato se > non si è incorsi in sanzioni disciplinari con sospensione dalle lezioni e/o, a giudizio del Consiglio di classe, in comportamenti non responsabili. > la media della fascia non è inferiore a 0,5 ( 6,5; 7,5; 8,5) o si verificano almeno due delle seguenti condizioni: - Frequenza con meno di 90 ore di assenze (esclusi ricoveri H, assenze > a 5 giorni continuativi autocertificati, partecipazione ad attività autorizzate dalla scuola)

13 - Partecipazione attiva ad almeno una attività integrativa promossa dalla scuola (attestata dal docente) - Partecipazione al dialogo educativo (disponibilità a coordinare l attività interna della classe o di gruppi di istituto; disponibilità a svolgere la funzione di tutor nei confronti dei compagni che hanno delle disabilità; 10 in condotta). - Credito formativo (vedi scheda) Il secondo punto nell ultima fascia viene assegnato a giudizio del Consiglio di Classe tenendo conto di particolari meriti sia didattici che comportamentali. Riconoscimento crediti formativi > L esperienza, effettuata nel corso dell anno scolastico o nei mesi estivi immediatamente precedente acquisita al di fuori della scuola, deve essere sempre documentata e certificata da Ente esterno, con una sintetica descrizione dell attività svolta. > Le certificazioni comprovanti attività lavorative devono sempre indicare l Ente a cui sono stati versati i contributi assistenziali e previdenziali ovvero le disposizioni normative che escludono l obbligo dell adempimento contributivo. > Si devono prendere in considerazione solo le seguenti esperienze: > Attività non occasionali e/o partecipazione a corsi seguiti che si siano protratti per un certo numero di ore. > Le attività e i corsi devono aver prodotto o fatto conseguire competenze/capacità all alunno in campo culturale o professionale o sociale o lavorativo o sportivo o in ambiti e settori della società legati comunque alla formazione della persona ed alla crescita umana/civile. > L attestazione di partecipazione alle attività complementari ed integrative non dà luogo a riconoscimento di credito formativo, perché acquisita all interno della scuola.

14 Griglie valutazione e criteri per le prove d esame Prima Prova 1. CORRETTEZZA DELLA SINTASSI E DELLA PUNTEGGIATURA ottima Testo scorrevole, sciolto, periodi ben strutturati 3 buona Pochi o lievi errori di forma; occasionali errori di punteggiatura 2 sufficiente Forma generalmente corretta, alcuni errori di punteggiatura 1,5 mediocre Alcuni estesi periodi scorretti; punteggiatura scorretta in più punti 1 insufficiente Errori di sintassi ripetuti; punteggiatura del tutto inadeguata 0,5 2. CORRETTEZZA LESSICALE ottima Scelta lessicale efficace ed appropriata 3 buona Correttezza di linguaggio mantenuta per ampie parti del testo 2 sufficiente Vocabolario di base a volte generico; occasionali improprietà 1 mediocre/insufficiente Lessico ristretto, approssimativo, sempre generico; ripetizioni 0,5 3. COMPETENZA IDEATIVA TRACCIA A (ESECUZIONE ESERCIZI PROPOSTI) ottima Operata in forma completa 3 buona Operata quasi completamente 2 quasi sufficiente/mediocre Operata solo in parte 1 insufficiente Operata in minima parte 0,5 3. COMPETENZA IDEATIVA TRACCIA B, C e D (ADERENZA/COMPLETEZZA RISPSETTO ALLA TRACCIA) ottima Pertinente e completa in relazione all argomento 3 buona Pertinente e abbastanza esauriente in relazione all argomento 2 sufficiente Pertinente e adeguato alle richieste anche se non esauriente 1,5 quasi sufficiente/mediocre Pertinente ma incompleto rispetto alle richieste 1 insufficiente Pertinente solo in minima parte 0,5 4. ORGANIZZAZIONE DELLA STRUTTURA DEL TESTO chiara e coerente Il testo è organizzato in modo logico ed organico 3 semplice ma lineare Il testo è sufficientemente strutturato 2 confusa Il testo presenta alcune incongruenze 1,5 disorganica Il testo presenta descrizioni casualmente disposte 1 5. CAPACITA RIELABORATIVA consapevole ottiene esiti di efficacia descrittiva, informativa, argomentativa 3 apprezzabile Rispetta sostanzialmente le regole 2 modesta Capacità di descrizione, informazione, argomentazione superficiale o poco 1 non apprezzabile curata Descrizione, argomentazione generica, semplicistica, approssimativa 0,5

15 VALUTAZIONE COMPLESSIVA Totale /15

16 PUNTI PUNTI PUNTI PUNTI PUNTI Seconda prova ANALISI REQUISITI MODELLO E/R MODELLO LOGICO PUNTI QUERY SVILUPPO SOFTWARE Non chiara Non evidenzia le incongruenze 1 Strutturalmente sbagliata 0 Errato 0 Nulle o totalmente errate 0 Nullo 0 Superficiale, poco approfondita o incompleta (mancano entità e/o attributi, tipi) Incoerente nelle specifiche 1 Parzialmente corretto 1 Parzialmente corrette Corretta su E/R errato 1 Incompleto o parzialmente corretto 1 Accettabile 3 Errori nelle associazioni 1.5 Corretto 2 Incomplete 2 Corretto / Approfondito 2 Molto approfondita 4 Incompleta o Parzialmente corretta Corrette 3 Corretta ma imprecisa 3 Corretta e completa 4 Punteggio /15

17 Terza prova Tipologia B Quadro riassuntivo Materia 1 Materia 2 Materia 3 Materia 4 Totale - media - Punteggio /15 Indicatori per la valutazione delle domande a risposta aperta : > Comprensione del testo > Pertinenza al quesito > Conoscenza dei contenuti e forma espositiva > Capacità tecniche, operative e di elaborazione > Capacità logiche e di sintesi Indicatori per ciascuna domanda Indicatori per ciascuna domanda Punteggio Risposta esauriente, precisa e rielaborata con buona organizzazione dei contenuti e uso di 5 terminologia corretta Risposta complessivamente corretta con rielaborazione e organizzazione dei contenuti Risposta abbastanza corretta e sufficientemente esaustiva. Contenuti essenziali, esposizione semplice con qualche imprecisione. Conoscenze parziali o risposta incompleta o parzialmente scorretta. Imprecisioni nell organizzazione delle informazioni. Risposta estremamente scorretta o data in minima parte 1.5 Risposta non data, totalmente errata o incomprensibile 1

18 Scheda per singola materia Materia: Indicatori domanda 1 Punteggio Risposta esauriente, precisa e rielaborata con buona organizzazione dei contenuti e uso di 5 terminologia corretta Risposta complessivamente corretta con rielaborazione e organizzazione dei contenuti Risposta abbastanza corretta e sufficientemente esaustiva. Contenuti essenziali, esposizione semplice con qualche imprecisione. Conoscenze parziali o risposta incompleta o parzialmente scorretta. Imprecisioni nell organizzazione delle informazioni. Risposta estremamente scorretta o data in minima parte 1.5 Risposta non data, totalmente errata o incomprensibile 1 Indicatori domanda 2 Punteggio Risposta esauriente, precisa e rielaborata con buona organizzazione dei contenuti e uso di 5 terminologia corretta Risposta complessivamente corretta con rielaborazione e organizzazione dei contenuti Risposta abbastanza corretta e sufficientemente esaustiva. Contenuti essenziali, esposizione semplice con qualche imprecisione. Conoscenze parziali o risposta incompleta o parzialmente scorretta. Imprecisioni nell organizzazione delle informazioni. Risposta estremamente scorretta o data in minima parte 1.5 Risposta non data, totalmente errata o incomprensibile 1 Indicatori domanda 3 Punteggio Risposta esauriente, precisa e rielaborata con buona organizzazione dei contenuti e uso di 5 terminologia corretta Risposta complessivamente corretta con rielaborazione e organizzazione dei contenuti Risposta abbastanza corretta e sufficientemente esaustiva. Contenuti essenziali, esposizione semplice con qualche imprecisione. Conoscenze parziali o risposta incompleta o parzialmente scorretta. Imprecisioni nell organizzazione delle informazioni. Risposta estremamente scorretta o data in minima parte 1.5 Risposta non data, totalmente errata o incomprensibile 1

19 Totale per materia /15 Definizione delle aree disciplinari Si riportano le aree disciplinari, comprendenti le materie dell ultimo anno di corso, finalizzate alla correzione delle prove scritte e all espletamento del colloquio di cui al comma 8 dell art. 5 del regolamento. Da Istituti Tecnici Industriali Indirizzo: Informatica Area linguistico - storico - letteraria 1) Lingua e lettere italiane 2) Storia ed educazione civica 3) Lingua inglese Area scientifico-tecnologica 1) Matematica generale, applicata e laboratorio 2) Calcolo delle probabilità, statistica, ricerca operativa e laboratorio 3) Elettronica e laboratorio 4) Informatica generale, applicazioni tecnico-scientifiche e laboratorio 5) Sistemi, automazione e laboratorio N.B. Considerato che l educazione fisica, per finalità, obiettivi e contenuti specifici, può trovare collocazione sia nell area umanistica che in quella scientifico-tecnologica, si rimette all autonoma valutazione delle Commissioni, nel rispetto dei citati enunciati, l assegnazione della stessa all una o all altra delle aree succitate. Pag. 1/6 Sessione ordinaria 2012 Prima prova scritta Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca P000 - ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEI CORSI DI STUDIO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE

20 PROVA DI ITALIANO (per tutti gli indirizzi: di ordinamento e sperimentali) Svolgi la prova, scegliendo una delle quattro tipologie qui proposte. TIPOLOGIA A - ANALISI DEL TESTO Eugenio Montale, Ammazzare il tempo (da Auto da fé. Cronache in due tempi, Il Saggiatore, Milano 1966) Il problema più grave del nostro tempo non è tra quelli che si vedono denunziati a caratteri di scatola nelle prime pagine dei giornali; e non ha nulla in comune, per esempio, col futuro status di Berlino o con l eventualità di una guerra atomica distruggitrice di una metà del mondo. Problemi simili sono d ordine storico e prima o poi giungono a una soluzione, sia pure con risultati spaventosi. Nessuna guerra impedirà all umanità futura di vantare ulteriori magnifiche sorti nel quadro di una sempre più perfetta ed ecumenica civiltà industriale. Un mondo semidistrutto, che risorgesse domani dalle ceneri, in pochi decenni assumerebbe un volto non troppo diverso dal nostro mondo d oggi. Anzi, oggi è lo spirito di conservazione che rallenta il progresso. Qualora non ci fosse più nulla da conservare il progresso tecnico si farebbe molto più veloce. Anche l uccisione su larga scala di uomini e di cose può rappresentare, a lunga scadenza, un buon investimento del capitale umano. Fin qui si resta nella storia. Ma c è un uccisione, quella del tempo, che non sembra possa dare frutto. Ammazzare il tempo è il problema sempre più preoccupante che si presenta all uomo d oggi e di domani. Non penso all automazione, che ridurrà sempre più le ore dedicate al lavoro. Può darsi che quando la settimana lavorativa sarà scesa da cinque a quattro o a tre si finisca per dare il bando alle macchine attualmente impiegate per sostituire l uomo. Può darsi che allora si inventino nuovi tipi di lavoro inutile per non lasciare sul lastrico milioni o miliardi di disoccupati; ma si tratterà pur sempre di un lavoro che lascerà un ampio margine di ore libere, di ore in cui non si potrà eludere lo spettro del tempo. Perché si lavora? Certo per produrre cose e servizi utili alla società umana, ma anche, e soprattutto, per accrescere i bisogni dell uomo, cioè per ridurre al minimo le ore in cui è più facile che si presenti a noi questo odiato fantasma del tempo. Accrescendo i bisogni inutili, si tiene l uomo occupato anche quando egli suppone di essere libero. Passare il tempo dinanzi al video o assistendo a una partita di calcio non è veramente un ozio, è uno svago, ossia un modo di divagare dal pericoloso mostro, di allontanarsene. Ammazzare il tempo non si può senza riempirlo di occupazioni che colmino quel vuoto. E poiché pochi sono gli uomini capaci di guardare con fermo ciglio in quel vuoto, ecco la necessità sociale di fare qualcosa, anche se questo qualcosa serve appena ad anestetizzare la vaga apprensione che quel vuoto si ripresenti in noi. Eugenio Montale (Genova, Milano, 1981) è Comprensione del testo noto soprattutto come poeta. Merita però di essere ricordato anche come prosatore. Lo stesso Montale raccolse in Farfalla di Dinard (Prima ed. 1956) e Auto da fé (Prima ed. 1966) scritti in prosa apparsi in precedenza su giornali e riviste. Il brano che si propone è tratto da un testo pubblicato originariamente nel Corriere della Sera del 7 novembre Riassumi tesi e argomenti principali del testo. 2. Analisi del testo 2.1 Quali sono i problemi risolvibili secondo Montale? 2.2 Spiega il significato che Montale attribuisce all espressione ammazzare il tempo. 2.3 Perché si accrescono i bisogni inutili e si inventeranno nuovi tipi di lavoro inutile? 2.4 Noti nel testo la presenza dell ironia? Argomenta la tua risposta. 2.5 Esponi le tue osservazioni in un commento personale di sufficiente ampiezza. 3. Interpretazione complessiva ed approfondimenti Sulla base dell analisi condotta, ricerca la visione del mondo espressa nel testo e approfondisci la ricerca

21 con opportuni collegamenti ad altri testi di Montale. Alternativamente, soffermati sul grado di attualità / inattualità dei ragionamenti di Montale sul lavoro e sul tempo. 1. Spiega come si effettua la stima di intervallo dello scarto quadratico medio di una popolazione sia utilizzando un campione grande sia utilizzando un piccolo campione.

22 2. Da un lotto di 500 unità si estrae un campione di 80 elementi per il quale si determina la media campionaria 15 e la varianza campionaria S 2 = 10. Descrivi come si effettua la stima puntuale della media della popolazione indicando l errore medio di campionamento sia per estrazione in blocco che bernoulliana.

23 3. Indica il modello di distribuzione da utilizzare per la stima di intervallo della percentuale della popolazione che gode di una certa proprietà e spiega come si procede nella stima nel caso di un campione di 20 elementi. I SIMULAZIONE III PROVA ESAME DI STATO ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI

24 1)GLI EFFETTI DELLA RETROAZIONE NEI CIRCUITI AD OPERAZIONALE: 2)TRACCIARE LO SCHEMA DI UN FILTRO ATTIVO PASSA BASSO DEL I ORDINE 3)ENUNCIARE IL PRINCIPIO DI BARKHAUSEN Prima Simulazione Terza Prova 5 B Materia Italiano Alunno Quali furono i principi ispiratori del congresso di Vienna?

25 Cosa prevedeva l accordo di Plombieres? Quale avvenimento richiama la località di Bronte in Sicilia? Prima Simulazione Terza Prova 5 B Materia Sistemi Alunno

26 Spiegare perché al fine di creare gli standard per le reti sono stati adottati i protocolli stratificati Evidenziare i pregi e i difetti del protocollo Descrivere il formato del frame IP elencando i campi dell Header PROGRAMMA DI ITALIANO

27 LIBRO DI TESTO: LUPERINI CATALDI MARCHIANI MARCHESE Letteratura -Storia- Immaginario Volume II e III Tomi IV e V Neoclassicismo e Preromanticismo in Europa Linee di tendenza della letteratura europea tra Sette e Ottocento Il Neoclassicismo e il mito dell'ellade Winckelmann e l'estetica neoclassica TESTI L'ideale di perfetta bellezza (U. J.Winckelmann) UGO FOSCOLO Autobiografia e letteratura Genesi e motivi salienti del romanzo Le Ultime lettere di Jacopo Ortis : I Sonetti Il ruolo della poesia I Sepolcri : la struttura del carme; la premessa materialista e la necessitàdelle illusioni

28 TESTI L'incipit del romanzo (Ortis) Alla sera (Sonetti) A Zacinto (Sonetti) In morte del fratello Giovanni (Sonetti) Le poetiche del Romanticismo Dalla rivoluzione alla Restaurazione Genesi e fondamenti del Romanticismo Il romanzo storico Caratteristiche generali del Romanticismo europeo Il Romanticismo italiano La polemica classico-romantica Il «Conciliatore» TESTI "Cultura europea e rinnovamento nazionale" (M.ma De Stael) "Il Romanticismo e la tradizione italiana" (P. Giordani) G.Berchet e la Lettera semiseria Giacomo Leopardi Gli anni della giovinezza La conversione estetica

29 La conversione filosofica Il pessimismo storico Lo Zibaldone La poetica dell'indefinito e del vago La teoria del piacere Le Operette morali Il pessimismo cosmico L'ultimo Leopardi TESTI "Dialogo della Natura e di un Islandese" (Operette morali) "L'infinito" (Canti) "A Silvia" (Canti) "Canto notturno di un pastore errante dell'asia" (Canti) "La quiete dopo la tempesta" (Canti) "Il sabato del villaggio" (Canti) Alessandro Manzoni La vita e le opere precedenti la conversione La conversione religiosa Le opere successive alla conversione I Promessi Sposi : Genesi del romanzo Ipotesi del romanzo: Il romanzo storico

30 Vero storico e vero poetico Il problema della lingua I personaggi e gli ambienti I motivi ispiratori L Adelchi (trama) TESTI Conte di Carmagnola (trama) La morte di "Adelchi" Il "vero storico" "La storia di Egidio e Geltrude" (Fermo e Lucia) Il conte del Sagrato (Fermo e Lucia) Le poetiche tardo romantiche.- La scapigliatura Caratteristiche generali Le poetiche del naturalismo e del verismo La natura del Positivismo Il Naturalismo francese La poetica del Verismo Giovanni Verga La vita La produzione pre-verista Verso il verismo Le tecniche narrative

31 La Sicilia: realtà storica e dimensione mitica I Malavoglia Mastro Don Gesualdo TESTI La lupa" (Vita dei campi) Rosso Malpelo (Vita dei campi) Fantasticheria" (Vita dei campi) "L'addio di'ntoni" (Malavoglia) "Libertà" (Novelle Rusticane) "La giornata di Gesualdo" (M. d. Gesualdo) "La morte di Gesualdo" (M. d. Gesualdo) Il decadentismo Il decadentismo in Europa: caratteri generali Il Simbolismo Il decadentismo italiano: caratteri generali Giovanni Pascoli La formazione e la poetica La poetica del fanciullino L'ideologia pascoliana TESTI "Lavandare" (Myricae) "Novembre" (Myricae)

32 "Gelsomino notturno" (Canti di Castelvecchio) X Agosto (Myricae) "Il Fanciullino" (Prose) Gabriele D'Annunzio Gli esordi poetici da "Primavere" a "Poema paradisiaco" I motivi poetici L'estetismo Il mito del superuomo Il velleitarismo dannunziano Il Notturno TESTI "La sera fiesolana" (Alcyone) La pioggia nel pineto (Alcyone) "Andrea Sperelli " (Il Piacere) "La conclusione del romanzo" (Il Piacere) "Sensazioni e allucinazioni" (Notturno) Luigi Pirandello La vita e le opere La poetica L'umorismo e i suoi procedimenti Le novelle e i romanzi; i caratteri della narrativa Il teatro Il fu Mattia Pascal

33 I "Sei personaggi in cerca d'autore" L'Enrico IV TESTI Adriano Meis e la sua ombra (Il Fu Mattia Pascal) "L'Epilogo" (Il fu Mattia Pascal) "L'avvertimento del contrario" (L'umorismo) "Il treno ha fischiato" (Novelle per un anno) ITALO SVEVO La condizione triestina Svevo scrittore di idee L utopia socialista Svevo e la psicanalisi I romanzi: Una vita Senilità La coscienza di Zeno TESTI Il fumo ( La coscienza di Zeno ) Lo schiaffo del padre( La coscienza di Zeno ) La sigaretta è una malattia ( La coscienza di Zeno )

34 PROGRAMMA DI STORIA TESTO: CATALDI-ABBATE-LUPERINI-MARCHIANI-SPINGOLA DI FRONTE ALLA STORIA II e III volume La prima rivoluzione industriale L'Inghilterra patria della rivoluzione industriale L'aumento della popolazione La trasformazione delle campagne Le macchine e la fabbrica La prima legislazione protettiva del lavoro nelle fabbriche La rivoluzione industriale negli altri paesi europei L'età della Restaurazione Restaurazione e Romanticismo Le strutture ideologiche e sociali della Restaurazione Gli oppositori della Restaurazione Il congresso di Vienna La ricostruzione dell'equilibrio europeo La Santa Alleanza Il 1848 in Europa e Italia Cenni sulle ideologie politiche degli anni Le Rivoluzioni Il problema operaio

35 l processo della seconda fase dell industrializzazione La divisione del lavoro L'urbanizzazione Movimento nazionale italiano e il compimento dell'unità Il nuovo corso del Risorgimento Piemonte costituzionale Il "Connubio" Cavour - Rattazzi La politica estera di Cavour La spedizione dei Mille La proclamazione del Regno d'italia Il difficile decollo del nuovo stato unitario L'Italia dopo l'unità La destra storica Cenni sull'opposizione in Parlamento Il problema del disavanzo Il brigantaggio e le origini della questione meridionale Cenni sull'opposizione nel Paese La sinistra al potere. Nuovo corso della politica interna ed estera in Italia La caduta della destra Il trasformismo

36 Il programma politico e sociale della sinistra: allargamento del suffragio, istruzione elementare, abolizione del "macinato" L'inizio dell'industrializzazione. La svolta protezionistica L'emigrazione dalle campagne Contadini e operai nelle prime organizzazioni del socialismo italiano I cattolici persistono nel rifiuto di riconoscere il nuovo Stato La seconda rivoluzione industriale e l'organizzazione del movimento operaio Concentrazione monopolistica e imperialismo Movimento operaio e sindacalismo Borghesia e proletariato Crisi di fine secolo. Il regime parlamentare in pericolo L Italia negli ultimi quindici anni del secolo Il primo ministero Giolitti ( ) I tumulti di Milano Le leggi eccezionali L'età giolittiana Un nuovo corso politico Le ombre del sistema giolittiano: Giolitti e la questione meridionale Prima guerra mondiale I blocchi contrapposti Lo scoppio del conflitto I ceti industriali schierati a favore della guerra La neutralità italiana L'intervento italiano 36

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Progettazione di un DB....in breve

Progettazione di un DB....in breve Progettazione di un DB...in breve Cosa significa progettare un DB Definirne struttura,caratteristiche e contenuto. Per farlo è opportuno seguire delle metodologie che permettono di ottenere prodotti di

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

ESAME DI STATO a.s. 2011/2012 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

ESAME DI STATO a.s. 2011/2012 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Istituto Statale Superiore Ernesto Balducci Via Aretina, 78/a 50065 Pontassieve (FI) tel. 055/8316806 fax 055/8316809 www.istitutobalducci.it - mail presidenza@istitutobalducci.it Codice fiscale n. 94052770487

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

STORIA CLASSI I E II

STORIA CLASSI I E II STORIA CLASSI I E II INDICATORE N 1 Descrittori di /livelli di comportamento Organizzazione delle informazioni. Riordinare graficamente e/o verbalmente i fatti vissuti e narrati, riconoscendo relazioni

Dettagli

Algebra Relazionale. algebra relazionale

Algebra Relazionale. algebra relazionale Algebra Relazionale algebra relazionale Linguaggi di Interrogazione linguaggi formali Algebra relazionale Calcolo relazionale Programmazione logica linguaggi programmativi SQL: Structured Query Language

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Filtri attivi del primo ordine

Filtri attivi del primo ordine Filtri attivi del primo ordine Una sintesi non esaustiva degli aspetti essenziali (*) per gli allievi della 4 A A T.I.E. 08-09 (pillole per il ripasso dell argomento, da assumere in forti dosi) (*) La

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Dal modello concettuale al modello logico

Dal modello concettuale al modello logico Dal modello concettuale al modello logico Traduzione dal modello Entita - Associazione al modello Relazionale Ciclo di sviluppo di una base di dati (da parte dell utente) Analisi dello scenario Modello

Dettagli

Regolamento di disciplina alunne/i

Regolamento di disciplina alunne/i Regolamento di disciplina alunne/i Premessa: La scuola, quale luogo di crescita civile e culturale della persona, rappresenta, insieme alla famiglia, la risorsa più idonea ad arginare il rischio del dilagare

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli