Master della Facoltà di scienze della comunicazione non più attivi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Master della Facoltà di scienze della comunicazione non più attivi"

Transcript

1 Master della Facoltà di scienze della comunicazione non più attivi Master of Science in Formazione L ultima edizione del Master in Formazione è stata attivata nell anno accademico 2006/07. Descrizione e piano di studi dell ultima edizione Il programma del Master è volto ad approfondire il tema della formazione continua professionale e personale in ambito sia aziendale che istituzionale. Questo tipo di formazione ha ormai acquisito un notevole peso culturale ed economico in quanto risponde alla crescente domanda di competenze e di sviluppo personale, proveniente tanto dalle singole persone che da aziende e istituzioni. L obiettivo è offrire competenze e strumenti necessari per analizzare i bisogni formativi, pianificare, realizzare e valutare progetti e materiali didattici adeguati. Il Master prepara anche allo svolgimento di attività di sostegno didattico quali il tutoring e il coaching. I contenuti del Master si articolano in tre aree: Fondamenti, Competenze e Contesti professionali; il programma privilegia gli aspetti della progettualità didattica e del management della formazione, con particolare attenzione al rapporto tra formazione e media, alle dinamiche dell elearning e alla comunicazione interculturale. Agli insegnamenti ex-cathedra si affiancano attività seminariali, esercitazioni, metodologie di problem based learning e l utilizzo di tecnologie per la formazione a distanza che rendono didatticamente ricca e diversificata l offerta formativa. Il programma offre le competenze necessarie per ruoli professionali volti alla progettazione e alla realizzazione di processi formativi e di gestione delle conoscenze in seno a istituzioni e ad aziende pubbliche e private. La gestione delle risorse umane, lo sviluppo di applicazioni tecnologiche per la formazione, le attività formative e culturali dei media e la valutazione di attività e sistemi formativi sono alcuni degli ambiti professionali che offrono ai futuri diplomati interessanti opportunità di impiego. Piano degli studi valido per gli studenti immatricolati nell anno accademico 2006/2007 Titolo del corso Docente ECTS Primo anno Semestre invernale Fondamenti Lavoro, competenze professionali e Sarchielli 3 formazione Comunicazione interculturale Poglia 6 Statistica applicata Arbia 3 ECTS 12 Progettazione, media e tecnologie Progettazione didattica (Corso a distanza) Kenny 3 Tecnologie per la formazione Cantoni 4.5 Media education Università Cattolica 3

2 Titolo del corso Docente ECTS Laboratorio di progettazione (tecnologie Cantoni, 4.5 e media) Botturi ECTS 15 Ingegneria formativa per lo sviluppo economico-sociale Ingegneria formativa e sviluppo regionale Schürch 3 Gestione delle risorse umane Pontiggia 3 ECTS 6 Primo anno Semestre estivo Fondamenti Storia della formazione Bianchi 3 Aspetti sociali della formazione Besozzi 3 Relazioni interpersonali, lavoro Carassa, 4.5 cooperativo e formazione Cesari Didattica per adulti Moscato 4.5 ECTS 15 Progettazione, media e tecnologie Valutazione e qualità della formazione Università 3 Cattolica Video e TV per la formazione Lasagni 3 ECTS 6 Ingegneria formativa per lo sviluppo economico-sociale Organizzazione e sistemi di formazione Poglia 3 Ingegneria formativa e sviluppo regionale Schürch 3 ECTS 6 Corsi a scelta 12 Stage 18 Tesi 30 ECTS 60 Totale ECTS 120 Offerta complementare a scelta: Summer School in Media Education (6 ECTS) Master of Science in Tecnologie per la comunicazione L ultima edizione del Master in Tecnologie per la comunicazione è stata attivata nell anno accademico 2006/07. Descrizione e piano di studi dell ultima edizione Le tecnologie informatiche hanno modificato radicalmente il panorama delle comunicazioni umane, creando l esigenza di nuovi profili professionali. Il Master in Tecnologie per la comunicazione forma specialisti nell ambito delle soluzioni informatiche per la comunicazione umana, in grado di progettare nuovi strumenti e applicazioni,

3 ideare e gestire processi comunicativi supportati dalle nuove tecnologie, valutare le potenzialità comunicative di applicazioni informatiche innovative. In queste attività è importante il contributo dei laureati in materie umanistiche, psicosociali o economiche, purché integrino la loro preparazione con competenze dell ambito tecnologico. Il Master costituisce un interessante completamento degli studi anche per i laureati in informatica, in ingegneria informatica o in disegno industriale che intendano acquisire competenze nello sviluppo e nell utilizzo delle tecnologie per la comunicazione e l interazione umana. Uno specialista di tecnologie per la comunicazione può trovare collocazione in una grande varietà di imprese e organizzazioni pubbliche, in particolare dove siano apprezzate la flessibilità e la versatilità garantite da una formazione multidisciplinare. Le sue competenze gli permetteranno di partecipare al progetto di prodotti tecnologici per la comunicazione, di gestire l innovazione tecnologica dei processi comunicativi aziendali, di contribuire allo sviluppo e alla gestione di sistemi informativi e di contribuire alla formazione di utenti delle nuove tecnologie. I corsi specialistici del Master sono raggruppati in tre aree tematiche: tecnologie per comunicare: sviluppo di soluzioni tecnologiche innovative per la comunicazione fra individui, fra individui e organizzazioni, fra organizzazioni comunicare con le tecnologie: uso di tecnologie informatiche per comunicare efficacemente comunicare le tecnologie: come riuscire a comunicare le potenzialità di una tecnologia innovativa. Sono inoltre previsti: attività dirette all acquisizione di competenze realizzative: linguaggi e strumenti informatici (linguaggi per il web, XML, linguaggi di documentazione, ecc.); un progetto di dimensioni significative in collaborazione con un azienda attività orientate alla personalizzazione degli studi: corsi di parificazione per compensare eventuali carenze formative nell informatica; corsi applicativi per approfondire l uso delle tecnologie in ambiti specifici (formazione, impresa, amministrazione pubblica, ecc.); un tirocinio; la stesura della tesi di Master. Piano degli studi valido per gli studenti immatricolati nell anno accademico 2006/2007 Titolo del corso Docente ECTS Primo anno Semestre invernale Tecnologie per comunicare Tecnologie del software Colombetti, 6 Fornara Requisiti, qualità e usabilità delle Paolini, 4.5 applicazioni su web Bolchini Progetti di sistemi interattivi (interaction De Michelis 3 design) ECTS 13.5 Comunicare con le tecnologie Analisi del lavoro cooperativo (workplace studies) Carassa, 6 Morganti, Piccini Cottier 3 Legal issues in technological communication ECTS 9 Competenze realizzative Linguaggi e strumenti per applicazioni Fornara 3 informatiche (Atelier) ECTS 3

4 Titolo del corso Docente ECTS Corso a scelta o Nuovi media (dal 4.5 Bachelor) ECTS 4.5 Primo anno Semestre estivo Tecnologie per comunicare Interfacce uomo-macchina Sbattella 3 ECTS 3 Comunicare con le tecnologie Modelli della comunicazione Colombetti, 6 Schiaffonati La comunicazione sul web Cantoni 4.5 ECTS 10.5 Comunicare le tecnologie Comunicazione e documentazione di Paolini, 4.5 progetti tecnologici Bolchini ECTS 4.5 Competenze realizzative Linguaggi e strumenti per applicazioni Fornara 3 informatiche (Atelier) ECTS 3 Corso a scelta o Basi di dati (dal Bachelor) 6 Corsi applicativi (a scelta da Master affini) 3 ECTS 9 Secondo anno Semestre invernale Tecnologie per comunicare Modelli e strumenti per l interazione Sbattella 3 verbale ECTS 3 Comunicare con le tecnologie Interazione umana e realtà virtuale Carassa, 4.5 Morganti Gestione e ricerca delle informazioni Pasi 4.5 Rappresentazioni grafiche (information Mazza 3 visualisation) (Atelier) ECTS 12 Competenze realizzative

5 Titolo del corso Docente ECTS Linguaggi e strumenti per applicazioni Fornara 3 informatiche (Atelier) Progetto con aziende (Atelier) Cantoni 6 ECTS 9 Corsi applicativi (a scelta da Master affini) 3 ECTS 3 Secondo anno Semestre estivo Stage 12 Tesi 21 compl essivi ECTS 33 Totale ECTS 120 Master of Science in Comunicazione istituzionale L ultima edizione del Master in Comunicazione istituzionale è stata attivata nell anno accademico 2008/09. Descrizione e piano di studi dell ultima edizione La comunicazione riveste oggi un ruolo sempre più importante e strategico per le istituzioni, sia per il loro funzionamento e per la loro gestione interna, che per la loro interazione con il contesto in cui operano. La comunicazione istituzionale si declina però con diverse modalità a seconda che si tratti di istituzioni pubbliche (amministrazioni locali, regionali o nazionali), oppure di enti che si occupano dei servizi di pubblica utilità (sanitari, sociali, culturali), di istituzioni non profit (siano esse dedicate alla promozione di ideali e valori socialmente rilevanti o alla difesa di interessi di gruppi specifici), oppure di organizzazioni internazionali o sopranazionali. L'obiettivo del Master è di offrire, da un lato le conoscenze di base sugli scopi, le strutture e il funzionamento dei principali tipi di istituzione -- inserite nel loro contesto politico e giuridico, economico, sociale e culturale. Dall altro lato, l obiettivo è di fornire allo studente competenze operative, strumenti di gestione della comunicazione sia interna che esterna, come pure competenze progettuali in ambito istituzionale. Il Master in Comunicazione istituzionale/public Communication offre una formazione interdisciplinare comprendente le conoscenze teoriche e le competenze operative necessarie per attività professionali di livello alto e medio-alto in diversi ambiti - quali la pubblica amministrazione, le istituzioni internazionali, le organizzazioni non governative e non profit. La progettazione e la conduzione di progetti (ad esempio le campagne sociali), la gestione della comunicazione interna o esterna, la negoziazione e la mediazione, il fundraising istituzionale, la gestione dei conflitti in contesti multiculturali e naturalmente la ricerca in questi settori, sono alcuni dei possibili sbocchi professionali. Il programma del Master è organizzato su due anni, per un totale di 120 ECTS. Nel primo anno sono previsti i corsi (per un totale di 72 ECTS), mentre il secondo anno è dedicato ad uno stage o in alternativa un semestre in un altra università (18 ECTS) e al lavoro di tesi (30 ECTS). È possibile iniziare il programma nel secondo semestre; inoltre, il programma del master può essere ripartito su un periodo più lungo (per esempio per persone professionalmente attive).

6 La formazione prevede un blocco di corsi base obbligatori (51 ECST), suddivisi in due aree: Strumenti comunicativi e manageriali e Contesti economici, giuridici e politici. Il resto del programma è strutturato in modo da offrire allo studente diverse possibilità per personalizzare il proprio percorso in base ai propri interessi e al proprio curriculum accademico. Nella parte di personalizzazione lo studente può scegliere tra due gruppi alternativi di corsi: Focus istituzioni pubbliche, non profit e internazionali e Focus istituzionale settoriale: l ambito della salute. La parte di personalizzazione prevede inoltre dei crediti a scelta, che permettono allo studente di scegliere corsi offerti da altri master organizzati presso l USI. Per completare il proprio curriculum di studio e approfondire la parte di personalizzazione, lo studente svolge 4 mesi di stage o un semestre di studio in un altra università, e termina il proprio percorso con il lavoro di tesi di master. Accanto a corsi d impostazione teorica sono offerti momenti di formazione incentrati su pratiche comunicative e gestionali specifiche, con l'intervento di docenti con esperienza diretta in questi settori e la collaborazione di professionisti che rivestono responsabilità istituzionali. Lo studio di situazioni e casi pratici riguardanti istituzioni attive in diverse aree linguistiche e culturali, riveste un ruolo didattico e metodologico centrale nel programma di Master. Piano degli studi valido per gli studenti immatricolati nell anno accademico 2008/2009 Titolo del corso Docente Focu s (1)* Focu s (2)* Primo anno Semestre autunnale Corsi di base Comunicazione interculturale Poglia 6 6 Social marketing Suggs 6 6 Management pubblico e non profit Meneguzzo Diritto costituzionale e Cottier 3 3 amministrativo Teorie delle istituzioni pubbliche Urio 3 3 Statistica applicata Arbia 3 3 Laboratorio di project management istituzionale Martinoni 3 3 ECTS Focus istituzionale settoriale nell ambito della salute Introduzione alle teorie e ai metodi di ricerca nella comunicazione sanitaria Schulz 3 Primo anno Semestre primaverile Corsi di base Argomentazione per la Rigotti 6 6 comunicazione istituzionale Metodologia della ricerca qualitativa Caiata 3 3 Strumenti della comunicazione delle istituzioni Cottier (coord.) 3 3

7 Titolo del corso Docente Focu s (1)* Focu s (2)* Organizzazione e finanziamento dei Domenighe 3 3 sistemi sanitari tti Comunicazione politica e Viroli 3 3 istituzionale Economia pubblica e non profit Crivelli/Filip pini ECTS Focus istituzioni pubbliche, non profit e internazionali Diritto internazionale ed europeo Cottier 3 Comunicazione nelle istituzioni Bardin 3 nazionali e locali Organizzazioni internazionali Veglio 3 Gestione delle relazioni Forster 3 internazionali Comunicazione delle istituzioni Sabelli 3 culturali ECTS 15 Focus in istituzionale settoriale nell ambito della salute La relazione interpersonale nella Carassa 3 comunicazione medico-paziente Elementi di medicina per non medici Barazzoni 3 Introduzione alle scienze della salute Somaini 3 Epidemiologia Gelatti 3 ECTS 12 Secondo anno per entrambi i Focus Corsi a scelta** 6 6 Stage, semestre all estero o progetto scientifico Tesi ECTS Totale ECTS Master of Science in Technology for Human communication L ultima edizione del Master in Technology for Human communication è stata attivata nell anno accademico 2010/11. Descrizione e piano di studi dell ultima edizione Students receive a comprehensive preparation which combines knowledge and practical skills at the confluence of the disciplines of Communication Science, Technology, Design, Education, Interaction Design, Management and Economics. The knowledge component includes:

8 Cultural Heritage (CH) and related fields such as marketing, legal issues (e.g., intellectual property rights management), economics, elearning, and international tourism Communication Science (from foundations to best practices) Computer Science (Informatics) and related new media technologies (multimedia authoring, the Web, Web 2.0, mobile devices, podcasting, and interactive installations) Experience, interaction and exhibition design. The skills component includes all stages of the development life cycle of media products: Conception of high-level communication strategies for technology-based experiences Design of user-centred, technology-based experiences Creation of content suitable for technology-based experiences Use of tools for production of multimedia content Analysis and evaluation of multimedia applications, usability and user-testing. Graduates in Technologies for Human Communication have acquired competences that are strongly required by enterprises and organizations for purposes of marketing and internal communication. The adoption of new technologies as communication channels is so recent that the relevant professional profiles have not yet received standard names, even if the terms "communication designer", "interaction designer" and "interaction analyst" are now gaining favour in the job market. Piano degli studi valido per gli studenti immatricolati nell anno accademico 2010/11 Course Teacher ECTS First year Fall semester Software Technology I Colombetti, 6 Programming concepts Okouya Requirements, Quality and Usability Paolini, Rubegni 4.5 Interaction Design De Michelis 3 Interaction Desing LAB Rubegni 3 Workplace Studies Piccini 3 Introduction to Marketing Mandelli 3 Legal Issues in Technological Communication Cottier 3 Technologies for Communication Lab (1) TEC-Lab (Rubegni) 3 Total ECTS Fall semester 28.5 First year Spring semester Software Technology II: Modelling concepts Colombetti, 6 Eynard Information Retrieval Pasi 3 Human-Computer Interaction Sbattella 3 Online Communication and Promotion Cantoni 4.5 (Web Marketing) Collaboration Technology Fornara 3 Information Systems and Databases Fornara 3

9 Technologies for Communication Lab (2) TEC-Lab (Rubegni) 3 Total ECTS Spring semester 25.5 Second year Fall semester Information Visualization Mazza 3 Communication and Documentation Paolini 3 of Software Solutions Internet Technology Eynard 3 ICT based Business Models N. N. 3 Psychology of New Media N. N. 3 Software Technology Lab ITC (Mazzola) 3 Online Communication and Promotion Cantoni 6 (Enterprise projects) Total ECTS Fall semester 24 Personalization Electives 12 Internship 12 Thesis 18 ECTS 42 Total ECTS 120 Master of Science in Technology Enhanced Communication for Cultural Heritage (TEC CH) L ultima edizione del Master in Technology-Enhanced Communication for Cultural Heritage (TEC-CH) è stata attivata nell anno accademico 2010/11. Descrizione e piano di studi dell ultima edizione Students receive a comprehensive preparation which combines knowledge and practical skills at the confluence of the disciplines of Communication Science, Technology, Design, Education, Interaction Design, Management and Economics. The knowledge component includes: Cultural Heritage (CH) and related fields such as marketing, legal issues (e.g., intellectual property rights management), economics, elearning, and international tourism Communication Science (from foundations to best practices) Computer Science (Informatics) and related new media technologies (multimedia authoring, the Web, Web 2.0, mobile devices, podcasting, and interactive installations) Experience, interaction and exhibition design. The skills component includes all stages of the development life cycle of media products: Conception of high-level communication strategies for technology-based experiences Design of user-centred, technology-based experiences Creation of content suitable for technology-based experiences Use of tools for production of multimedia content

10 Analysis and evaluation of multimedia applications, usability and user-testing. TEC-CH graduates are eligible for leadership or project management positions for digital and interactive media projects in the cultural field. Depending on the emphasis of their study plan, they may also work as educators, content developers, producers of interpretive media, or communication specialists in the Cultural, Tourism or Marketing sectors. Piano degli studi valido per gli studenti immatricolati nell anno accademico 2010/11 Course Teacher ECTS First year Fall semester Communication for Cultural Heritage Di Blas 3 Multichannel Communication Lab Di Blas 3 Requirements, Quality and Usability Paolini, Rubegni 4.5 Interactive Communication for Museums Samis 3 New Media in Education Cantoni, Rega 3 Advanced Seminars (1) Guest-speakers 3 Advanced Seminars (2) Guest-speakers 3 Advanced Seminars (3) Guest-speakers 3 Technologies for Communication Lab (1) TEC-Lab 3 Technologies for Communication Lab (2) TEC-Lab 3 Total ECTS Fall semester 31.5 First year Spring semester Technologies for Communication Lab (3) TEC-Lab 3 Technologies for Communication Lab (4) TEC-Lab 3 Advanced Seminars (4) Guest-speakers 3 Design of Interactive Applications Paolini 3 for Cultural Heritage Design Lab Rubegni 3 Virtual Environments for Cultural Heritage Forte 3 Usability and Interaction Technologies Lab Rubegni 3 Economics for Cultural Heritage Rizzo 3 Field project Paolini 6 Field project Lab Rubegni 1.5 Total ECTS Spring semester 31.5 Personalization Electives 19 Internship 20 Thesis 18 ECTS 57 Total ECTS 120

3-5-8 2014 2015. Programma degli studi Anno accademico 2014/2015

3-5-8 2014 2015. Programma degli studi Anno accademico 2014/2015 3-5-8 2014 2015 Programma degli studi Anno accademico 2014/2015 Facoltà di scienze della comunicazione Programma degli studi 3-5-8 Anno accademico 2014/2015 Anno 2014/2015 Indice Indice Prefazione 7 Calendario

Dettagli

Università della Svizzera italiana UNO SGUARDO SUL FUTURO DELL USI

Università della Svizzera italiana UNO SGUARDO SUL FUTURO DELL USI 3 Università della Svizzera italiana UNO SGUARDO SUL FUTURO DELL USI Visione 2020 e pianificazione 2012 2016 1 Indice Introduzione, p. 2 3 Visione USI 2020, p. 4 9 Le scienze computazionali Verso una Facoltà

Dettagli

Sviluppo di una politica di orientamento permanente: il Resource Kit europeo

Sviluppo di una politica di orientamento permanente: il Resource Kit europeo ELGPN TOOLS Sviluppo di una politica di orientamento permanente: il Resource Kit europeo ELGPN Tools No. 1 Sviluppo di una politica di orientamento permanente: il Resource Kit europeo Il presente documento

Dettagli

ECTS - Guida per l'utente

ECTS - Guida per l'utente ECTS - Guida per l'utente Ulteriori informazioni sull Unione Europea compaiono nel sito http://europa.eu Titolo originale: ECTS Users Guide edito nel 2009 dalla Commissione Europea Traduzione in Italiano

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici ALLEGATO A Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione per gli Istituti Tecnici 1. Premessa I percorsi degli Istituti

Dettagli

CATALOGO DEI SERVIZI AVANZATI E QUALIFICATI PER LE IMPRESE TOSCANE

CATALOGO DEI SERVIZI AVANZATI E QUALIFICATI PER LE IMPRESE TOSCANE Direzione Generale Competitività del sistema regionale e sviluppo delle competenze Settore Politiche orizzontali di sostegno alle imprese CATALOGO DEI SERVIZI AVANZATI E QUALIFICATI PER LE IMPRESE TOSCANE

Dettagli

Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ,

Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ, Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ, TERRITORIO E MONDO DEL LAVORO IN ITALIA: Un riepilogo delle principali trasformazioni degli ultimi venti anni di Cristiana Rita Alfonsi e Patrizia

Dettagli

Riconoscimento e validazione delle competenze non-formali e informali nell ambito dei quadri Nazionali delle Qualifiche

Riconoscimento e validazione delle competenze non-formali e informali nell ambito dei quadri Nazionali delle Qualifiche Riconoscimento e validazione delle competenze non-formali e informali nell ambito dei quadri Nazionali delle Qualifiche Manuale contenente gli Strumenti per il Riconoscimento e la Validazione delle Competenze

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

European ICT Professional Profiles

European ICT Professional Profiles CEN Workshop ICT Skills CWA European ICT Professional Profiles Il presente CEN Workshop Agreement (CWA) definisce un set di profili europei nel settore dell ICT; Usando lo European e-competence Framework

Dettagli

E-LEARNING: LA RIVOLUZIONE IN CORSO E L IMPATTO SUL SISTEMA DELLA FORMAZIONE IN ITALIA

E-LEARNING: LA RIVOLUZIONE IN CORSO E L IMPATTO SUL SISTEMA DELLA FORMAZIONE IN ITALIA Comunità I talenti italiani all estero E-LEARNING: LA RIVOLUZIONE IN CORSO E L IMPATTO SUL SISTEMA DELLA FORMAZIONE IN ITALIA Interesse nazionale Settembre 2014 Il rapporto è stato realizzato da: - Monica

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como Corso di Laurea in Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale Classe L-12 Mediazione Linguistica

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI E ALLA CARRIERA

GUIDA AI SERVIZI E ALLA CARRIERA GUIDA AI SERVIZI E ALLA CARRIERA SOMMARIO L UNIVERSITÀ DI TRENTO 9 IL SISTEMA UNIVERSITARIO 11 Laurea 11 Laurea Magistrale a ciclo unico 11 Laurea Magistrale 11 Master 11 Corso di Specializzazione 12

Dettagli

3. NUOVE TECNOLOGIE DIDATTICHE E CONOSCENZA

3. NUOVE TECNOLOGIE DIDATTICHE E CONOSCENZA 3. NUOVE TECNOLOGIE DIDATTICHE E CONOSCENZA 3.1 Le nuove tecnologie didattiche Con il termine nuove tecnologie didattiche si intende tradurre la sigla americana ICT (Information and Communication Technologies),

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento Provincia Autonoma di Trento E-Society: Linee Guida per lo Sviluppo della Società dell Informazione in Trentino Approvato dalla Giunta provinciale con deliberazione n. 2605 del 17 ottobre 2003 Indice 1

Dettagli

Gestire un progetto. Costruire il partneriato, governare la spesa, valorizzare i risultati

Gestire un progetto. Costruire il partneriato, governare la spesa, valorizzare i risultati Manuale a dispense sulla sicurezza urbana / dispensa n 4 / ottobre 2012 1 23 4 56 7 8910 Gestire un progetto Costruire il partneriato, governare la spesa, valorizzare i risultati Collana a cura di: Stefano

Dettagli

1. I FONDAMENTI DEL SISTEMA NAZIONALE DI QUALIFICHE DEI TECNICI SPORTIVI E I SUOI RAPPORTI CON LE POLITICHE EUROPEE DEL SETTORE

1. I FONDAMENTI DEL SISTEMA NAZIONALE DI QUALIFICHE DEI TECNICI SPORTIVI E I SUOI RAPPORTI CON LE POLITICHE EUROPEE DEL SETTORE SOMMARIO INTRODUZIONE 1. I FONDAMENTI DEL E I SUOI RAPPORTI CON LE POLITICHE EUROPEE DEL SETTORE 2. CHE COSA È IL 3. QUALIFICHE E COMPETENZE DEGLI OPERATORI SPORTIVI 4. I QUATTRO LIVELLI DI QUALIFICA DEI

Dettagli

Qual è il ruolo dei Centri linguistici d ateneo nella didattica dei linguaggi specialistici?

Qual è il ruolo dei Centri linguistici d ateneo nella didattica dei linguaggi specialistici? Konferenzbeiträge Atti Proceedings Qual è il ruolo dei Centri linguistici d ateneo nella didattica dei linguaggi specialistici? Atti del 10 seminario AICLU Bolzano, 16-17 febbraio 2006 a cura di Christoph

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE ALL ESTERO

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE ALL ESTERO SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE ALL ESTERO ENTE Ente proponente il progetto: AMESCI Codice di accreditamento: NZ00368 Albo e classe di iscrizione: NAZIONALE I CARATTERISTICHE

Dettagli

Scuola 2.0. Innovazione dei modelli didattici e nuove tecnologie per la scuola del futuro

Scuola 2.0. Innovazione dei modelli didattici e nuove tecnologie per la scuola del futuro Scuola 2.0 Innovazione dei modelli didattici e nuove tecnologie per la scuola del futuro Giugno 2014 Sommario Premessa... 3 I nuovi modelli per lo studio e l apprendimento imposti dalla diffusione delle

Dettagli

Scuola di Medicina e Scienze della Salute. Corso di Laurea Magistrale in Psicologia (LM-51) Programmi e piani di studio

Scuola di Medicina e Scienze della Salute. Corso di Laurea Magistrale in Psicologia (LM-51) Programmi e piani di studio Università G. d Annunzio Chieti Pescara Scuola di Medicina e Scienze della Salute Corso di Laurea Magistrale in Psicologia (LM-51) Presidente prof. Tiziana Aureli Programmi e piani di studio Anno Accademico

Dettagli

PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI

PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI La formazione docente per l inclusione PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI TE I I European Agency for Development in Special Needs Education La formazione docente per l inclusione PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3)

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere riconoscibile

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

LA CULTURA ECONOMICA NEI LICEI

LA CULTURA ECONOMICA NEI LICEI LA CULTURA ECONOMICA NEI LICEI AGENZIA NAZIONALE PER LO SVILUPPO DELL AUTONOMIA SCOLASTICA (ex-irre Lombardia) in collaborazione con AEEE-Italia A cura di Chiara Sequi, USP di Milano ed Enrico Castrovilli,

Dettagli