QUADRO RS - Prospetti vari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "QUADRO RS - Prospetti vari"

Transcript

1 QUADRO - Prospetti vari Il presente quadro rappresenta un completamento del quadro RF; esso raggruppa, infatti, una serie di prospetti che risultano complementari ai dati relativi al reddito in esso indicati. I prospetti di cui si compone il quadro sono i seguenti: Dati di bilancio IAS/IF; Perdite di impresa non compensate; Crediti; Agevolazioni territoriali e settoriali; Azioni assegnate ai dipendenti; Garanzie prestate da soggetti non residenti; Utili distribuiti da imprese estere partecipate e crediti d imposta per le imposte pagate all estero; Ammortamento dei terreni; Rideterminazione dell acconto dovuto; Spese di riqualificazione energetica; Valori fiscali di bilancio delle società agricole; Perdite attribuite da società in nome collettivo e in accomandita semplice; Spese di rappresentanza per le imprese di nuova costituzione; Crediti d imposta per immobili colpiti dal sisma in Abruzzo; Perdite istanza rimborso da IRAP; Adeguamento agli studi di settore ai fini IVA; Incentivo fiscale, ai sensi dell art., comma -quater e seguenti, D.L. n. /00 (reti di imprese); Documentazione e componenti reddituali in materia di transfer pricing; Ricavi derivanti dall attività; Consorzi di imprese (articolo, D.L. n. /00). NOVITÀ: Rispetto al modello dello scorso anno, sono stati inseriti i seguenti nuovi prospetti: Estremi identificativi dei rapporti finanziari; Canone RAI; Deduzione per capitale investito proprio (ACE). Dati di bilancio IAS/IF La sezione in oggetto deve essere compilata da quei soggetti che hanno redatto il bilancio secondo i principi contabili internazionali IAS/IF (Regolamento CE n. 0/00), nonché dalle banche iscritte all albo del T.U.B. e dagli enti finanziari di cui all art., comma, lett. c), D.Lgs. n. /99. ATTENZIONE: I soggetti che non sono tenuti alla redazione del bilancio in forma U.E. quali, ad esempio, gli enti creditizi e finanziari, hanno l obbligo di compilare la presente sezione. Come noto, i principi contabili internazionali non prevedono schemi di bilancio rigido (a differenza di quello disposto dal codice civile), nè per lo stato patrimoniale, nè per il conto economico. UNICO 0 - Società di capitali ed enti commerciali

2 La sezione I del quadro deve essere compilata dai soggetti IAS/IF, indipendentemente dalla struttura di bilancio adottata. Per questo motivo, le istruzioni ministeriali precisano che tale sezione riporta la struttura minimale dello stato patrimoniale (disciplinato dallo IAS ): esso si presenta distinto tra attività e passività correnti e non correnti. ATTENZIONE: Potrebbe, quindi, essere necessario raggruppare determinate voci che nello schema di bilancio adottato risultano indicate separatamente. Si propone di seguito l elenco delle voci dello stato patrimoniale dei soggetti IAS/IF riportato nella Sezione I del quadro, raffrontato con le macrovoci dello schema di stato patrimoniale rigido. SCHEMA STATO PATRIMONIALE Soggetti che redigono il Bilancio UE Soggetti IAS/IF ATTIVO ATTIVO Quadro - Sezione I Crediti v/soci per versamenti ancora dovuti (A) Attività non correnti I crediti v/soci per versamenti ancora dovuti non hanno una specifica voce, ma vanno dedotti dal capitale sociale, colonne e : Immobili, impianti, macchinari : Attività immateriali a vita non definita Immobilizzazioni (BI, BII, BIII) Attivo circolante (C I, II, II e IV)) Attività non correnti Attività correnti : Altre attività immateriali : Partecipazioni : Altre attività finanziarie : Imposte differite : Investimenti immobiliari : Rimanenze 9: Crediti commerciali e altri crediti 0: Attività finanziarie : Fondi liquidi e similari (disponibilità) : Lavori in corso su ordinazione Ratei e risconti attivi (D) Attività correnti 9: Crediti commerciali e altri crediti PASSIVO (non distinto tra corrente e non corrente) Patrimonio netto (A I, II, III, IV, V, VI, VII, VIII, IX)) Patrimonio netto PASSIVO Quadro, col. e : Capitale sociale : Riserve : Utili (perdite) accumulati (esercizi precedenti) : Utili (perdite) dell esercizio UNICO 0 - Società di capitali ed enti commerciali

3 0: Imposte differite Fondi per rischi e oneri (B I, II, III) Passività non correnti : Fondi: di quiescienza (col. e ); per rischi e oneri (col. e ). Trattamento di fine rapporto (C) Passività non correnti, col. e : Fondi di quiescenza Debiti (D) Debiti (D) Passività non correnti Passività correnti : Finanziamenti/Obbligazioni : Debiti verso banche 9: Altre passività finanziarie : Debiti commerciali e altri debiti : Finanziamenti a breve termine/obbligazioni : Anticipi su lavori in corso su ordinazione : Altre passività Ratei e risconti passivi (E) Passività correnti : Debiti commerciali e altri debiti Anche lo schema di conto economico dei soggetti IAS/IF non è rigido; la classificazione delle voci può essere effettuata per natura o per destinazione. ATTENZIONE: La compilazione dei righi da a non è vincolata dai criteri utilizzati dalla socie- nella redazione del bilancio tà IAS/IF. Classificazione voci conto economico da quadro - Sezione I Per natura Per destinazione : Ricavi : Altri ricavi operativi (proventi) : Variazione nelle rimanenze di prodotti finiti e prodotti in corso di lavorazione 9: Materie prime e di consumo utilizzati 0: Costi per benefici ai dipendenti : Svalutazioni e ammortamenti : Altri costi operativi : Costi operativi totali : Risultato della gestione operativa : Ricavi : Costi delle vendite : Utile lordo : Altri ricavi operativi 9: Costi di distribuzione e di vendita 0: Costi amministrativi : Altri costi amministrativi operativi : Risultato della gestione operativa (Utile) : Proventi finanziari UNICO 0 - Società di capitali ed enti commerciali

4 Perdite di impresa non compensate Perdite di impresa non compensate limitata piena SIIQ Addizionale Maggiorazione (del presente periodo d imposta ) (del presente periodo d imposta ) ) NOVITÀ: Il quadro in oggetto risulta quest anno profondamente modificato per effetto delle nuove disposizioni relative alla disciplina delle: perdite d impresa; società di comodo o non operative. PERDITE D IMPRESA NOVITÀ: L articolo, comma 9, D.L. n. 9/0, è intervenuto modificando sensibilmente la disciplina relativa al riporto delle perdite, di cui all articolo, TUIR, dei soggetti. In base alla nuova disposizione, infatti, i commi e del citato articolo, TUIR, sono sostituiti dai seguenti:. La perdita di un periodo d imposta, determinata con le stesse norme valevoli per la determinazione del reddito, può essere computata in diminuzione del reddito dei periodi d imposta successivi in misura non superiore all ottanta per cento del reddito imponibile di ciascuno di essi e per l intero importo che trova capienza in tale ammontare. Per i soggetti che fruiscono di un regime di esenzione dell utile la perdita è riportabile per l ammontare che eccede l utile che non ha concorso alla formazione del reddito negli esercizi precedenti. La perdita è diminuita dei proventi esenti dall imposta diversi da quelli di cui all articolo, per la parte del loro ammontare che eccede i componenti negativi non dedotti ai sensi dell articolo 09, comma. Detta differenza potrà tuttavia essere computata in diminuzione del reddito complessivo in misura tale che l imposta corrispondente al reddito imponibile risulti compensata da eventuali crediti di imposta, ritenute alla fonte a titolo di acconto, versamenti in acconto, e dalle eccedenze di cui all articolo 0.. Le perdite realizzate nei primi tre periodi d imposta dalla data di costituzione possono, con le modalità previste al comma, essere computate in diminuzione del reddito complessivo dei periodi d imposta successivi entro il limite del reddito imponibile di ciascuno di essi e per l intero importo che trova capienza nel reddito imponibile di ciascuno di essi a condizione che si riferiscano ad una nuova attività produttiva.. Di conseguenza, la perdita fiscale conseguita in un periodo d imposta può ora essere computata in diminuzione dei redditi dei periodi successivi: in misura non superiore all 0% del reddito imponibile di ciascun periodo d imposta, per l intero importo che trova capienza in tale ammontare; entro il limite del reddito imponibile di ciascun periodo d imposta successivo e per l intero importo che trova capienza in tale ammontare se relativa ai primi tre periodi d imposta dalla data di costituzione, sempreché si riferiscano ad una nuova attività produttiva. Si rammenta che anteriormente alla modifica sopraesposta le perdite erano riportabili non oltre il quinto periodo successivo (salvo il riporto illimitato se conseguite nei primi tre periodi d imposta dalla data di costituzione riferite ad una nuova attività produttiva). UNICO 0 - Società di capitali ed enti commerciali

5 Tipologia di perdita Normativa ante D.L.n. 9/0 Normativa post D.L. n. 9/0 Perdita dei primi periodi d imposta dalla data di costituzione Perdita dal periodo d imposta dalla data di costituzione Riporto illimitato. Utilizzo nel limite del reddito imponibile di ciascun periodo d imposta successivo Riporto entro il periodo d imposta successivo. Utilizzo nel limite del reddito imponibile di ciascun periodo d imposta successivo. Riporto illimitato. Utilizzo nel limite del reddito imponibile di ciascun periodo d imposta successivo Riporto illimitato. Utilizzo nel limite dell 0% del reddito imponibile di ciascun periodo d imposta successivo. In base alla nuova disposizione le società non sono più soggette ad alcun limite temporale di riporto delle perdite con l effetto che viene meno il rischio di perdere le perdite; tuttavia, nelle annualità di conseguimento di un reddito, potendo le perdite abbattere non più dell 0% dello stesso, ciò si traduce nell assoggettamento a tassazione del 0% di quanto conseguito. Per approfondimenti si rimanda all appendice Perdite e riporto. PERDITE PREGRESSE DEI SOCI E UTILI DA PARTECIPATE TRASPARENTI L art., comma, TUIR, (come modificato dal D.L. n. /00), prevede un limite all utilizzo delle perdite dei soci relative agli esercizi anteriori all inizio del regime della trasparenza fiscale. In pratica le perdite pregresse dei soci non possono essere utilizzate per compensare i redditi imputati dalle società partecipate. Ai sensi del successivo comma (come sostituito dal D.L. n. /00) tale disposizione produce effetti con riferimento ai redditi delle società partecipate relativi ai periodi d imposta che iniziano successivamente alla data del luglio 00. MAGGIORAZIONE PER SOCIETÀ DI COMODO NOVITÀ: L articolo, comma -quinquies della Manovra Correttiva (D.L. n. /0), ha previsto l aumento di 0, punti percentuali dell aliquota per le società di comodo. La norma in oggetto precisa infatti che: L aliquota dell imposta sul reddito delle società di cui all articolo del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica dicembre 9, n. 9, e successive modificazioni, dovuta dai soggetti indicati nell articolo 0, comma, della legge dicembre 99, n., è applicata con una maggiorazione di 0, punti percentuali. Sulla quota del reddito imputato per trasparenza ai sensi dell articolo del testo unico delle imposte sui redditi dai soggetti indicati dall articolo 0, comma, della legge dicembre 99, n., a società o enti soggetti all imposta sul reddito delle società trova comunque applicazione detta maggiorazione. Per le società di comodo, individuate dall art. 0, comma, Legge n. /99 è prevista quindi una maggiorazione dell aliquota che passa dal,% al %. Tale aliquota va applicata: sul reddito minimo determinato in base alla disciplina delle società di comodo; sul reddito imponibile dichiarato, nel caso in cui quest ultimo sia superiore a quello minimo. Ai sensi dei commi da -quinquies a -novies, la maggiorazione si applica anche nei casi in cui la società ha optato: per il consolidato fiscale; per il regime di trasparenza (ex art., TUIR). UNICO 0 - Società di capitali ed enti commerciali

6 La maggiorazione viene applicata anche nel caso di reddito minimo imputato per trasparenza e nel caso di consolidato dovrà essere calcolata dalla singola impresa partecipante. ATTENZIONE: Le nuove disposizioni si applicano a decorrere dal periodo d imposta successivo a quello in corso alla data di entrata in vigore della legge. Pertanto, in caso di soggetti con periodo d imposta coincidente con l anno solare, la maggiorazione si applica a partire dal 0. Nella determinazione degli acconti per il periodo di imposta di prima applicazione si assume, quale imposta del periodo precedente, quella determinata applicando le nuove disposizioni sopra descritte. Quindi per una società con esercizio coincidente con l anno solare, gli acconti 0 dovranno essere ricalcolati tenendo conto della nuova aliquota maggiorata. Si rinvia per approfondimenti sulla disciplina delle società di comodo e sulle recenti novità ad essa apportate al capitolo Società non operative contenuto in Appendice. - Perdite d impresa non compensate Perdite di impresa non compensate limitata piena SIIQ Addizionale Maggiorazione (del presente periodo d imposta ) (del presente periodo d imposta ) ) La sezione in oggetto si compone di quattro colonne e due righi. Le quattro colonne sono suddivise in base alla tipologia di soggetti che hanno realizzato le perdite. In particolare nella: colonna SIIQ : vanno indicate le perdite realizzate da SIIQ (o SIINQ); colonna Addizionale : vanno indicate le perdite realizzate dalle società assoggettate alla c.d. Robin Tax ; colonna : vanno indicate le perdite realizzate dalla generalità dei soggetti ; colonna Maggiorazione : vanno indicate le perdite realizzate dalle c.d. società di comodo o non operative di cui all art. 0, comma, Legge n. /9 per le quali è disposta la maggiorazione del 0,0% dell aliquota, che passa quindi dal,0% al %; Nei due righi ( e ), vanno invece indicate le perdite non compensate realizzate (nel presente periodo d imposta o in precedenti) dai soggetti precedentemente elencati. In particolare a: vanno riportate le perdite non compensate, utilizzabili in misura limitata (0% del reddito in quanto non realizzate nei primi tre periodi d imposta) e determinate: nel presente periodo d imposta; nel presente periodo d imposta e in periodi d imposta precedenti. vanno riportate le perdite non compensate, utilizzabili in misura piena (in quanto realizzate nei primi tre periodi d imposta) e determinate: nel presente periodo d imposta; nel presente periodo d imposta e in periodi d imposta precedenti. SIIQ (O SIINQ) Il D.M. n. /00 ha disposto che le perdite realizzate da SIIQ (o SIINQ), si considerano virtualmente compensate con i redditi derivanti dalle stesse attività esenti dei successivi periodi d imposta (entro il quinto esercizio o illimitatamente). UNICO 0 - Società di capitali ed enti commerciali

7 L eventuale eccedenza può essere compensata con i redditi derivanti dalle altre attività imponibili svolte dalla società solamente a partire dal periodo d imposta successivo a quello di ultima applicazione del regime speciale. ATTENZIONE: Come precisato dalle istruzioni ministeriali, nella colonna e di rigo:, per le perdite utilizzabili in misura limitata;, per le perdite utilizzabili in misura piena, le SIIQ (o SIINQ) indicano l utilizzo virtuale di dette perdite; infatti, nel periodo di vigenza del regime speciale, le perdite generate dall attività esente si considerano virtualmente compensate con i redditi della stessa gestione esente dei successivi periodi d imposta nei limiti dell art., TUIR. Si veda quanto specificato a commento del prospetto Determinazione del reddito esente delle SIIQ e delle SIINQ del quadro RF. ADDIZIONALE ( ROBIN TAX ) La colonna Addizionale deve essere compilata dalle società assoggettate alla c.d. Robin Tax, di cui all art., comma, D.L. giugno 00, n., al fine di evidenziare le perdite utilizzabili nei successivi periodi d imposta in diminuzione dell imponibile relativo al medesimo tributo. I righi e dovranno quindi essere così compilati: nel rigo vanno riportate le perdite utilizzabili in misura limitata che non risultano compensate nel presente a colonna, le perdite relative al presente periodo d imposta; Tale dato è ricavabile dal rigo RQ, colonna, Modello UNICO 0 SC; a colonna, la somma delle perdite relative al presente periodo d imposta (col. ) e quelle relative a periodi d imposta pregressi. Tale dato è ricavabile dalla seguente operazione (se positiva): rigo RQ, colonna + (RQ col. - RQ col. ) nel rigo vanno riportate le perdite utilizzabili in misura piena che non risultano compensate nel presente a colonna, le perdite relative al presente periodo d imposta; Tale dato è ricavabile dal rigo RQ, colonna, Modello UNICO 0 SC; a colonna, la somma delle perdite relative al presente periodo d imposta (col. ) e quelle relative a periodi d imposta pregressi. Tale dato è ricavabile dalla seguente operazione (se positiva): ATTENZIONE: rigo RQ, colonna + (RQ col. - RQ col. ) Le istruzioni precisano che le colonne e devono continuare ad essere compilate anche se successivamente il contribuente non risulti più tenuto ad applicare la Robin tax. Nella colonna, vanno riportate le perdite realizzate dalla generalità dei soggetti nel presente periodo d imposta o in periodi d imposta precedenti che non sono state compensate nella presente dichiarazione. I righi e dovranno quindi essere così compilati: nel rigo vanno riportate le perdite utilizzabili in misura limitata che non risultano compensate nel presente a colonna, le perdite relative al presente periodo d imposta; Tale dato è ricavabile dal rigo RN, colonna, Modello UNICO 0 SC; UNICO 0 - Società di capitali ed enti commerciali

8 a colonna, la somma delle perdite relative al presente periodo d imposta (col. ) e quelle relative a periodi d imposta pregressi. Tale dato è ricavabile dalla seguente operazione: rigo RN, colonna, Modello UNICO 0 SC + [(somma dei righi da col. Modello UNICO 0 SC a Modello UNICO 0 SC col. ) - rigo RN, colonna, Modello UNICO 0 SC] nel rigo vanno riportate le perdite utilizzabili in misura piena che non risultano compensate nel presente a colonna, le perdite relative al presente periodo d imposta; Tale dato è ricavabile dal rigo RN, colonna, Modello UNICO 0 SC; a colonna, la somma delle perdite relative presente periodo d imposta (col. ) e quelle relative a periodi d imposta pregressi. Tale dato è ricavabile dalla seguente operazione: rigo RN, colonna, Modello UNICO 0 SC + (0 col. Modello UNICO 0 SC - rigo RN, colonna, Modello UNICO 0 SC) ESEMPIO La Alpha s.r.l. ha iniziato la propria attività nell anno 00. Per il 0 presenta la seguente situazione: rigo RN, col. Modello UNICO 0 SC pari a.000; perdita anno 00 pari a ( col., Modello UNICO 0 SC). Poiché la perdita non è stata realizzata nei primi tre periodi d imposta, la stessa potrà essere utilizzata per un importo pari all 0% del reddito quindi: perdita utilizzabile anno 0 = reddito 0 (rigo RN, col. Modello UNICO 0 SC) x 0% perdita utilizzabile anno 0 =.000 x 0% =.00 La perdita non utilizzabile in compensazione risulterà quindi pari: perdita non utilizzata = perdita 00 - quota utilizzata anno 0 perdita non utilizzata = =.00 Il quadro RN sarà così compilato: RN RN RN RN RN RN Reddito Liberalità.000 Perdita Credito di imposta sui fondi comuni di investimento Perdite scomputabili in misura limitata in misura piena (di cui di anni precedenti.00 ).00 Perdite Perdite non compensate Proventi esenti Reddito minimo Reddito ACE Reddito imponibile Nella colonna della Sezione Perdite d impresa non compensate andrà quindi riportato nel rigo l ammontare delle perdite utilizzabili in misura limitata che non risultano compensate nel presente periodo d imposta. In particolare a colonna andrà indicato l importo di.00. UNICO 0 - Società di capitali ed enti commerciali 9

9 Il modello risulterà così compilato: Perdite di impresa non compensate limitata piena SIIQ Addizionale Maggiorazione (del presente periodo d imposta.00 ) (del presente periodo d imposta ) ) ESEMPIO La Alpha s.r.l. presenta la seguente situazione: perdita 0 pari a.000 (rigo RN Modello UNICO 0 SC) perdita 00 (non realizzata nei primi tre periodi d imposta) pari a 000 ( col., Modello UNICO 0 SC); perdita 009 (realizzata nei primi tre periodi d imposta) pari a.000. (0 col. Modello UNICO 0 SC). I righi e dovranno quindi essere così compilati: nel rigo vanno riportate le perdite utilizzabili in misura limitata che non risultano compensate nel presente a colonna, la perdita relativa al presente periodo d imposta cioè.000; a colonna, la somma (.000) delle perdite relative al presente periodo d imposta (.000) e quelle relative a periodi d imposta pregressi (.000). nel rigo col. va indicata la perdita utilizzabilie in misura piena che non risulta compensata nel presente periodo d imposta (.000). Il modello risulterà così compilato: Perdite di impresa non compensate limitata piena SIIQ Addizionale Maggiorazione (del presente periodo d imposta.000 ).000 (del presente periodo d imposta ) ).000 MAGGIORAZIONE La colonna e la colonna dei righi e vanno compilate a partire dalla dichiarazione relativa al primo periodo d imposta in cui il contribuente è assoggettato alla maggiorazione del 0,% di cui all articolo, comma -quinquies, Decreto Legge agosto 0, n. al fine di evidenziare le perdite utilizzabili nei successivi periodi d imposta in diminuzione dell imponibile relativo alla predetta maggiorazione. Le istruzioni alla compilazione del Modello UNICO 0 SC precisano che: Le predette colonne devono essere compilate anche con riferimento ai periodi d imposta in cui il contribuente non risulti tenuto ad applicare il citato art., comma -quinquies, del decreto legge n. del 0. I righi e dovranno quindi essere così compilati: nel rigo vanno riportate le perdite utilizzabili in misura limitata che non risultano compensate nel presente a colonna, le perdite relative al presente periodo d imposta. Tale dato è ricavabile dal rigo RN, colonna, Modello UNICO 0 SC; a colonna, la somma delle perdite relative al presente periodo d imposta (col. ) e quelle relative a periodi d imposta pregressi. 0 UNICO 0 - Società di capitali ed enti commerciali

10 Tale dato è ricavabile dalla seguente operazione (se positiva): rigo RN, colonna + (RQ col. - RQ col. ) nel rigo vanno riportate le perdite utilizzabili in misura piena che non risultano compensate nel presente a colonna, le perdite relative al presente periodo d imposta. Tale dato è ricavabile dal rigo RN, colonna, Modello UNICO 0 SC; a colonna, la somma delle perdite relative presente periodo d imposta (col. ) e quelle relative a periodi d imposta pregressi. Tale dato è ricavabile dalla seguente operazione (se positiva): rigo RN, colonna + (RQ col. - RQ col. ) Crediti CREDITI Sez. I - Enti creditizi e finanziari Art., comma 0, legge n. 9/9 Sez. II-A Enti creditizi e finanziari e imprese di assicurazione (art. 0, comma, del Tuir) Sez. II-B (art. 0, comma bis, del Tuir e art. D.L. n. del 009) Sez. III - Soggetti diversi dagli enti creditizi e finanziari e dalle imprese di assicurazione Valore dei crediti Ammontare complessivo delle svalutazioni dirette e degli accantonamenti per rischi su crediti Perdite dell esercizio Differenza Valore dei crediti risultanti in bilancio Svalutazioni dirette dell esercizio Differenza deducibile in diciotto quote Accantonamenti dell esercizio Ammontare complessivo degli accantonamenti risultanti al termine dell esercizio,,,, Valore di bilancio Valore fiscale Valore dei crediti erogati nell esercizio Crediti esercizio Crediti eccedenti Crediti esercizio precedente precedente Media Valore eccedente Svalutazioni/Deduzione Dirette Differenza deducibile in 9 quote Accantonamenti complessivi Ammontare complessivo delle svalutazioni dirette e degli accantonamenti risultanti al termine dell esercizio precedente Perdite dell esercizio Differenza Svalutazioni e accantonamenti dell esercizio Ammontare complessivo delle svalutazioni dirette e degli accantonamenti risultanti a fine esercizio Valore dei crediti risultanti in bilancio Il prospetto è diviso in macro sezioni, da compilarsi alternativamente in funzione del soggetto che opera le svalutazioni, allo scopo di raccordare i crediti iscritti in bilancio (colonna ) con i crediti sui quali vanno calcolati le svalutazioni e gli accantonamenti fiscalmente deducibili (colonna ). SEZIONE I - ENTI CREDITIZI E FINANZIARI (L. N. 9/9) Questa sezione è riservata agli enti creditizi e finanziari per l indicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione delle disposizioni di carattere transitorio previste dall art., comma 0, Legge n. 9/9. Valore dei crediti Il D.L. n. /00 ha modificato l art. 0, comma, TUIR riducendo, per ciascun esercizio, l importo deducibile delle svalutazioni dei crediti iscritti in bilancio effettuate dagli enti creditizi e finanziari di cui al D.Lgs. n. /99. UNICO 0 - Società di capitali ed enti commerciali

NUOVA DISCIPLINA DEL RIPORTO DELLE PERDITE

NUOVA DISCIPLINA DEL RIPORTO DELLE PERDITE 1 NUOVA DISCIPLINA DEL RIPORTO DELLE PERDITE 2 Decreto legge n. 98/2011 ARTICOLO 23, COMMA 9 DEL DECRETO LEGGE N. 98/2011 HA MODIFICATO LE MODALITA DEL RIPORTO DELLE PERDITE DISCIPLINATA DALL ARTICOLO

Dettagli

Modello UNICO SOCIETA DI CAPITALI: modalità di compilazione del quadro TN

Modello UNICO SOCIETA DI CAPITALI: modalità di compilazione del quadro TN Stampa Modello UNICO SOCIETA DI CAPITALI: modalità di compilazione del quadro TN admin in Quadro normativo - L art. 115, co. 1, del D.P.R. 917/1986 é relativo all opzione per il regime della trasparenza

Dettagli

QUADRO RS PROSPETTI VARI

QUADRO RS PROSPETTI VARI QUADRO RS PROSPETTI VARI ASPETTI GENERALI Il quadro RS è composto da diversi prospetti contenenti la specifica di dati che, in parte, vengono utilizzati in altri quadri del modello (ad esempio, il quadro

Dettagli

Roma, 6 dicembre 2011

Roma, 6 dicembre 2011 CIRCOLARE N.53/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 dicembre 2011 OGGETTO: Chiarimenti in tema di trattamento fiscale delle perdite d impresa ai sensi del decreto legge n. 98 del 6 luglio 2011, convertito

Dettagli

LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC

LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC INFORMATIVA N. 081 25 MARZO 2013 DICHIARAZIONI LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC Istruzioni mod. UNICO 2013 SC Nel mod. UNICO 2013 SC sono presenti alcune novità connesse con l operatività di una serie

Dettagli

CODICE FISCALE. REDDITI QUADRO RE Reddito di lavoro autonomo derivante dall esercizio di arti e professioni. studi di settore: cause di esclusione

CODICE FISCALE. REDDITI QUADRO RE Reddito di lavoro autonomo derivante dall esercizio di arti e professioni. studi di settore: cause di esclusione PERIODO D IMPOSTA 0 0 REDDITI QUADRO RE Reddito di lavoro autonomo derivante dall esercizio di arti e professioni Rientro lavoratrici/lavoratori RE Codice attività studi di settore: cause di esclusione

Dettagli

Fiscal News N. 170. Il Quadro RS e le ZFU nel Modello Unico SC. La circolare di aggiornamento professionale 20.06.2014

Fiscal News N. 170. Il Quadro RS e le ZFU nel Modello Unico SC. La circolare di aggiornamento professionale 20.06.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 170 20.06.2014 Il Quadro RS e le ZFU nel Modello Unico SC Tra le novità ospitate dal quadro RS del Modello Unico SC vi è l agevolazione per le

Dettagli

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani 1 Profili fiscali e opportunità in vista di Basilea 2 Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani Scuola Superiore Economia e

Dettagli

730, Unico 2013 e Studi di settore

730, Unico 2013 e Studi di settore 730, Unico 2013 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 12 06.05.2014 Riporto delle perdite fiscali Disciplina Ires Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico Società di capitali Ai fini Ires

Dettagli

COMPILAZIONE DEL MODELLO UNICO 2009 SOCIETÀ DI CAPITALI

COMPILAZIONE DEL MODELLO UNICO 2009 SOCIETÀ DI CAPITALI COMPILAZIONE DEL MODELLO UNICO 00 SOCIETÀ DI CAPITALI Il sig. Francesco Bianchi, amministratore unico e socio della società Elettronika s.r.l. (esercente attività di collaudi e analisi tecniche di prodotti,

Dettagli

INDICE PARTE PRIMA CHECK LIST PER DETERMINARE L IMPONIBILE IRES E IRAP

INDICE PARTE PRIMA CHECK LIST PER DETERMINARE L IMPONIBILE IRES E IRAP INDICE PARTE PRIMA CHECK LIST PER DETERMINARE L IMPONIBILE IRES E IRAP 1. PRINCIPI GENERALI 1.1 Determinazione del reddito imponibile... 3 1.2 Nozione fiscale di ricavo e criteri di imputazione... 8 1.3.

Dettagli

Il regime fiscale delle SIIQ: imposte di ingresso, redditi prodotti e utili distribuiti

Il regime fiscale delle SIIQ: imposte di ingresso, redditi prodotti e utili distribuiti Il regime fiscale delle SIIQ: imposte di ingresso, redditi prodotti e utili distribuiti Prof. Tommaso Di Tanno (Di Tanno & Associati) SIIQ, SICAF E FONDI IMMOBILIARI Evoluzione degli strumenti di investimento

Dettagli

La disciplina delle società di comodo in Unico 2013

La disciplina delle società di comodo in Unico 2013 SEGRETERIA PROVINCIALE - TORINO La disciplina delle società di comodo in Unico 2013 A cura di Riccardo Perinetto DAL 2012 ESISTONO DUE TIPOLOGIE DI SOCIETA DI COMODO SOCIETA NON OPERATIVE (problemi ricavi)

Dettagli

LA MANOVRA ESTIVA 2008

LA MANOVRA ESTIVA 2008 Seminario LA MANOVRA ESTIVA 2008 Arezzo 8 ottobre 2008 Lucca 9 ottobre 2008 Firenze 14 ottobre 2008 D.L. n. 112/2008 Le modifiche alla fiscalità di banche e assicurazioni, delle imprese petrolifere e delle

Dettagli

DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI. 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare

DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI. 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI ALTRI INTERESSI SU IMMOBILI PATRIMONIO SU VEICOLI A MOTORE SOGGETTI IRPEF SOGGETTI IRES BANCHE ASSICURAZIONI

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 07/06/2013

Direzione Centrale Entrate. Roma, 07/06/2013 Direzione Centrale Entrate Roma, 07/06/2013 Circolare n. 88 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti

La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Fabio Giommoni * La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti Il presente contributo

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE E IRES

SOCIETA COOPERATIVE E IRES FISCALITÀ PER LE COOPERATIVE: NOVITÀ INTRODOTTE DALLA MANOVRA FINANZIARIA Brescia 5 Novembre 2011 1 SOCIETA COOPERATIVE E IRES Art. 73, comma 1, lettera a) del Tuir Sono soggetti all imposta sul reddito

Dettagli

RISOLUZIONE N. 251/E

RISOLUZIONE N. 251/E RISOLUZIONE N. 251/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 settembre 2007 Oggetto: Interpello - Alfa S.p.a. - Disciplina applicabile, ai fini IRES e IRAP, agli indennizzi assicurativi spettanti

Dettagli

Unico 2012. di Giorgio Gavelli. Studio Sirri-Gavelli-Zavatta & Associati

Unico 2012. di Giorgio Gavelli. Studio Sirri-Gavelli-Zavatta & Associati Unico 2012 di Giorgio Gavelli Studio Sirri-Gavelli-Zavatta & Associati Le novità del modello Unico 2012 Il frontespizio Dichiarazione integrativa Inserita casella «Dichiarazione integrativa (art. 2, comma

Dettagli

CODICE FISCALE. REDDITI QUADRO RE Reddito di lavoro autonomo derivante dall esercizio di arti e professioni. studi di settore: cause di esclusione

CODICE FISCALE. REDDITI QUADRO RE Reddito di lavoro autonomo derivante dall esercizio di arti e professioni. studi di settore: cause di esclusione PERIODO D IMPOSTA 0 PERSONE FISICHE 0 ntrate REDDITI QUADRO RE Reddito di lavoro autonomo derivante dall esercizio di arti e professioni Rientro lavoratrici/lavoratori RE RE Codice attività Compensi derivanti

Dettagli

PrevAer Fondo Pensione

PrevAer Fondo Pensione Pagina 1 di 5 Documento sul Regime Fiscale aggiornato al 27 marzo 2015 Regime fiscale applicabile ai lavoratori iscritti a una forma pensionistica complementare dopo il 31 dicembre 2006 e ai contributi

Dettagli

R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI

R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI 21.1 Generalità Il quadro RZ deve essere compilato dai soggetti che hanno corrisposto

Dettagli

DOCUMENTO FISCALE. Sede legale: Piazza Cola di Rienzo n.80a 00192 Roma C.F. 97151420581 tel. 0636006135 0636086392 fax 063214994 fondapi@fondapi.

DOCUMENTO FISCALE. Sede legale: Piazza Cola di Rienzo n.80a 00192 Roma C.F. 97151420581 tel. 0636006135 0636086392 fax 063214994 fondapi@fondapi. FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DIPENDENTI DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ASSOCIAZIONE RICONOSCIUTA D.M. LAVORO 5.6.2001 - ISCRIZIONE ALBO FONDI PENSIONE N 116 DOCUMENTO FISCALE

Dettagli

Il prospetto degli interessi passivi in Unico SC 2012

Il prospetto degli interessi passivi in Unico SC 2012 Focus di pratica professionale di Francesco Facchini Il prospetto degli interessi passivi in Unico SC 2012 Nel modello Unico Società di Capitali 2012 devono essere indicati i dati relativi al calcolo degli

Dettagli

REQUISITI PER L ACCESSO E DURATA DEL REGIME

REQUISITI PER L ACCESSO E DURATA DEL REGIME 2 REQUISITI PER L ACCESSO E DURATA DEL REGIME Il REGIME DI VANTAGGIO o nuovo regime dei minimi si rende applicabile: per il periodo d imposta in cui è iniziata l attività e per i 4 successivi; anche oltre

Dettagli

Unico 2015: calcolo IRES - IRAP per le società di capitali

Unico 2015: calcolo IRES - IRAP per le società di capitali Unico 2015: calcolo IRES - IRAP per le società di capitali di Maria Vittoria Pegoli Il software Calcolo Imposte da unico 2015 consente di determinare l ammontare delle imposte IRAP ed IRES, da accantonare

Dettagli

aggiornato al 31 luglio 2014

aggiornato al 31 luglio 2014 aggiornato al 31 luglio 2014 Regime fiscale applicabile ai lavoratori iscritti a una forma pensionistica complementare dopo il 31 dicembre 2006 e ai contributi versati, a partire dal 1 gennaio 2007, dai

Dettagli

SOCIETÀ DI COMODO: AZIENDE per le. 42 IL SOLE 24 ORE N. 5 - maggio 2012. In sintesi. AMMINISTRARE L AZIENDA Società di comodo. Novità D.L.

SOCIETÀ DI COMODO: AZIENDE per le. 42 IL SOLE 24 ORE N. 5 - maggio 2012. In sintesi. AMMINISTRARE L AZIENDA Società di comodo. Novità D.L. AMMINISTRARE L AZIENDA GUIDA PRATICA SOCIETÀ DI COMODO: novità nel modello unico di Paolo Meneghetti Novità In sintesi I n prossimità della chiusura dell esercizio 0 e della stesura della dichiarazione

Dettagli

direttamente, tramite i servizi telematici dell Agenzia delle Entrate

direttamente, tramite i servizi telematici dell Agenzia delle Entrate Chi deve presentare la dichiarazione La soggettività passiva all IRAP non è circoscritta unicamente ai soggetti che esercitano attività di impresa o di lavoro autonomo ma anche agli enti non commerciali

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL Sede in VIA PALLODOLA 23 SARZANA Codice Fiscale 00148620115 - Numero Rea P.I.: 00148620115 Capitale Sociale Euro 844.650 Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE VARIABILI IRES ANNO D IMPOSTA 2012

DEFINIZIONE DELLE VARIABILI IRES ANNO D IMPOSTA 2012 DEFINIZIONE DELLE VARIABILI IRES ANNO D IMPOSTA 2012 Società di capitali Enti non commerciali IRES Società di capitali Di seguito è riportata la definizione e la modalità di calcolo delle singole variabili

Dettagli

Focus di pratica professionale di Norberto Villa. Le società di comodo in Unico 2011

Focus di pratica professionale di Norberto Villa. Le società di comodo in Unico 2011 Focus di pratica professionale di Norberto Villa Le società di comodo in Unico 2011 Il prospetto del quadro RF Il quadro RF del modello Unico SC 2011 contiene le informazioni necessarie per verificare

Dettagli

Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali

Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali di Luciano Olivieri SOMMARIO Pag. riore alla metà dei coefficienti presi a base per il calcolo degli ammortamenti. 1. Premessa 2. La deducibilità degli ammortamenti

Dettagli

Fisco Pratico 2005 IRES 5 I R E S. Imposta sul reddito delle società. Disposizioni generali. (Artt. 72 e 73)

Fisco Pratico 2005 IRES 5 I R E S. Imposta sul reddito delle società. Disposizioni generali. (Artt. 72 e 73) Fisco Pratico 2005 IRES 5 I R E S Imposta sul reddito delle società Disposizioni generali (Artt. 72 e 73) Presupposto dell Ires L'Ires si applica sui redditi in denaro o in natura di qualsiasi categoria

Dettagli

Deducibilità forfetaria IRAP ai fini reddituali art. 6 D.L. n. 185 del 29/11/2008 convertito con Legge n. 2 del 28/01/2009 (Decreto anti crisi) Circ.

Deducibilità forfetaria IRAP ai fini reddituali art. 6 D.L. n. 185 del 29/11/2008 convertito con Legge n. 2 del 28/01/2009 (Decreto anti crisi) Circ. Deducibilità forfetaria IRAP ai fini reddituali art. 6 D.L. n. 185 del 29/11/2008 convertito con Legge n. 2 del 28/01/2009 (Decreto anti crisi) Circ. Min. n. 16/E del 14/04/2009 Deduzione a regime (periodo

Dettagli

imposte sui redditi e irap

imposte sui redditi e irap Imposte sui redditi e Irap ACCONTI d IMPOSTA di NOVEMBRE DOVUTI per l ANNO 2012 di Mario Jannaccone QUADRO NORMATIVO L art. 1, L. 23.3.1977, n. 97 [CFF ➋ 7316], ha introdotto nel nostro sistema tributario

Dettagli

Regime contabile: ordinario o semplificato

Regime contabile: ordinario o semplificato Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 02 20.01.2014 Regime contabile: ordinario o semplificato A cura di Devis Nucibella Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione

Dettagli

LE NUOVE REGOLE (DAL 2012) PER LA DEDUCIBILITÀ DELLE SPESE DI MANUTENZIONE

LE NUOVE REGOLE (DAL 2012) PER LA DEDUCIBILITÀ DELLE SPESE DI MANUTENZIONE INFORMATIVA N. 094 09 APRILE 2013 IMPOSTE DIRETTE LE NUOVE REGOLE (DAL 2012) PER LA DEDUCIBILITÀ DELLE SPESE DI MANUTENZIONE Art. 102, comma 6, TUIR Art. 3, comma 16-quater, DL n. 16/2012 Dal 2012 ai fini

Dettagli

Le imposte nell informativa di bilancio

Le imposte nell informativa di bilancio Le imposte nell informativa di bilancio 1 Le imposte valutazione e fonti Per la valutazione delle imposte sul reddito si devono rispettare i criteri generali che sono alla base della determinazione di

Dettagli

Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai fini IRES e IRAP

Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai fini IRES e IRAP Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai In base alle risultanze del Conto Economico, e tenendo conto delle le informazioni che seguono, si determini: L imponibile IRES L IRES liquidata (l aliquota

Dettagli

Documento sul regime fiscale

Documento sul regime fiscale Fondo Scuola Espero FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELLA SCUOLA iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 145 Documento sul regime fiscale (depositato presso la Covip

Dettagli

Deducibilità dei canoni di leasing

Deducibilità dei canoni di leasing Circolare Monografica 11 giugno 2014 n. 1989 DICHIARAZIONI Deducibilità dei canoni di leasing Modifiche normative e gestione in UNICO 2014 di Marianna Annicchiarico, Giuseppe Mercurio La Legge 27 dicembre

Dettagli

PERDITE D'ESERCIZIO SOCIETA' DI COMODO

PERDITE D'ESERCIZIO SOCIETA' DI COMODO PERDITE D'ESERCIZIO E SOCIETA' DI COMODO Dott. Andrea Fidanza 09 maggio 2012 Le perdite d'esercizio SOGGETTI INTERESSATI (IN GENERALE): LAVORATORI AUTONOMI IMPRENDITORI INDIVIDUALI SOCIETA' DI PERSONE

Dettagli

genzia ntrate UNICO Società di persone

genzia ntrate UNICO Società di persone genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Società di persone INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO SOCIETÀ DI PERSONE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

Natura giuridica La distribuzione per natura giuridica ha utilizzato la seguente aggregazione dei codici 1.

Natura giuridica La distribuzione per natura giuridica ha utilizzato la seguente aggregazione dei codici 1. Sono elencate le variabili oggetto di analisi, per ognuna delle quali è specicato il signicato e indicato il rigo di riferimento del modello Unico Enti non commerciali 2008. Nel caso di variabili calcolate

Dettagli

Economia Applicata all Ingegneria. Docente: Prof. Ing. Donato Morea. Lezione n. 11 del 05.11.2013. - Il bilancio d impresa. a.a.

Economia Applicata all Ingegneria. Docente: Prof. Ing. Donato Morea. Lezione n. 11 del 05.11.2013. - Il bilancio d impresa. a.a. Università degli Studi di Roma Tor Vergata Macroarea di Ingegneria ----------------------------------------------------------------------------------- --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

ATTESTAZIONE AI SENSI DELL ARTICOLO 15 E/O DELL ARTICOLO 24 DELLA LEGGE N. 29 DEL 25 GENNAIO 2006

ATTESTAZIONE AI SENSI DELL ARTICOLO 15 E/O DELL ARTICOLO 24 DELLA LEGGE N. 29 DEL 25 GENNAIO 2006 genzia ntrate ATTESTAZIONE AI SENSI DELL ARTICOLO 15 E/O DELL ARTICOLO 24 DELLA LEGGE N. 29 DEL 25 GENNAIO 2006 La legge n. 29 del 25 gennaio 2006 (di seguito denominata legge comunitaria 2005), agli articoli

Dettagli

LIMITI ALLA DEDUCIBILITA DEGLI INTERESSI PASSIVI ART. 96 DEL DPR 917-1986

LIMITI ALLA DEDUCIBILITA DEGLI INTERESSI PASSIVI ART. 96 DEL DPR 917-1986 COMMISSIONE IMPOSTE DIRETTE LIMITI ALLA DEDUCIBILITA DEGLI INTERESSI PASSIVI ART. 96 DEL DPR 917-1986 a cura di Stefano Coleti, Anna Gallo, Biagio Lanzillotti, Luigi Migliore, Annamaria Simonetti 1. RIFERIMENTI

Dettagli

FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI)

FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI) FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo

Dettagli

LIBERA ASSOCIAZIONI NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE

LIBERA ASSOCIAZIONI NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE LIBERA ASSOCIAZIONI NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE ----------------------- NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO D'ESERCIZIO 2013 PREMESSA Il Bilancio che viene sottoposto alla vostra approvazione è costituito dallo

Dettagli

Svolgimento Tema di Economia d azienda

Svolgimento Tema di Economia d azienda Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 10 Esame di Stato 2015 Indirizzi: Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Linguistico Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Informatico Svolgimento

Dettagli

Quadro RT PLUSVALENZE DI NATURA FINANZIARIA

Quadro RT PLUSVALENZE DI NATURA FINANZIARIA Quadro RT PLUSVALENZE DI NATURA FINANZIARIA ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 DETERMINAZIONE DELLE PLUSVALENZE SOGGETTI INTERESSATI SCADENZA COME SI COMPILA Nel Quadro RT devono essere indicati i redditi derivanti

Dettagli

? INQUADRAMENTO NORMATIVO. Aspetti generali QUADRO RL. Inquadramento normativo. Redditi di capitale

? INQUADRAMENTO NORMATIVO. Aspetti generali QUADRO RL. Inquadramento normativo. Redditi di capitale Tratto da: Collana Dichiarazioni Fiscali 2009, Unico Persone Fisiche, a cura di: R. Artina V. Artina P. Monarca G. Cremona N. Tarantino Aspetti generali Inquadramento normativo Il quadro RL del modello

Dettagli

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005 EMAN SOFTWARE S.P.A. SEDE LEGALE: MILANO Viale Monza 265 CAPITALE SOCIALE: Euro 120.000.= i.v. CODICE FISCALE: 04441590967 CCIAA di Milano nº 1747663 REA REGISTRO IMPRESE di Milano nº 04441590967 Società

Dettagli

LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE

LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE a cura di Diego Cigna Direzione Regionale dell Emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Fiscalità delle Imprese e Finanziaria LA RIVALUTAZIONE DEGLI

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Fondo Pensione Complementare per i Geometri Liberi Professionisti FONDO PENSIONE FUTURA Iscritto al n. 166 all Albo COVIP DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota

Dettagli

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE Chiarimenti sulla disciplina fiscale del d. lgs. n. 252/2005 (c.d. Testo Unico della previdenza complementare) Circolare dell

Dettagli

LA DEDUCIBILITÀ DELL IRAP PER IL 2012

LA DEDUCIBILITÀ DELL IRAP PER IL 2012 INFORMATIVA N. 082 26 MARZO 2013 IMPOSTE DIRETTE LA DEDUCIBILITÀ DELL IRAP PER IL Art. 6, DL n. 185/2008 Art. 2, comma 1, DL n. 201/2011 Istruzioni mod. UNICO 2013 Nel mod. UNICO 2013 le imprese / lavoratori

Dettagli

Documento Sul Regime Fiscale

Documento Sul Regime Fiscale 2015 Documento Sul Regime Fiscale Il presente documento illustra sinteticamente il regime fiscale in vigore a decorrere dall 1 gennaio 2007, alla luce delle disposizioni dell Agenzia delle Entrate (Circolare

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

La gestione delle perdite ai fini dell addizionale IRES in UNICO 2010. di Luca Miele e Valeria Russo

La gestione delle perdite ai fini dell addizionale IRES in UNICO 2010. di Luca Miele e Valeria Russo La gestione delle perdite ai fini dell addizionale IRES in UNICO 2010 di Luca Miele e Valeria Russo Il modello UNICO 2010 SC rivoluziona l impostazione seguita nella precedente dichiarazione dei redditi

Dettagli

LA DEDUCIBILITÀ DELL IRAP RELATIVA AL COSTO DEL PERSONALE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

LA DEDUCIBILITÀ DELL IRAP RELATIVA AL COSTO DEL PERSONALE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE INFORMATIVA N. 092 05 APRILE 2013 IMPOSTE DIRETTE LA DEDUCIBILITÀ DELL IRAP RELATIVA AL COSTO DEL PERSONALE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Art. 6, DL n. 185/2008 Art. 2, comma 1, DL

Dettagli

Crediti di imposta concessi alle imprese

Crediti di imposta concessi alle imprese Sono elencate le variabili oggetto di analisi, per ognuna delle quali è specicato il signicato ed indicato il rigo di riferimento del modello Unico Società di capitali 2008. Nel caso di variabili calcolate

Dettagli

Le norme tributarie disciplinanti la liquidazione

Le norme tributarie disciplinanti la liquidazione Le norme tributarie disciplinanti la liquidazione Art. 182 Tuir: regole di determinazione del reddito d impresa durante la fase di liquidazione; Art. 17 e 21 Tuir: condizioni e modalità per la tassazione

Dettagli

CAUSE DI ESCLUSIONE E DI DISAPPLICAZIONE

CAUSE DI ESCLUSIONE E DI DISAPPLICAZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO SOCIETÀ DI COMODO E/O IN PERDITA SISTEMATICA: PRESUNZIONI DI NON OPERATIVITÀ E CONSEGUENTE TASSAZIONE CAUSE DI ESCLUSIONE E DI DISAPPLICAZIONE FRANCESCA GEROSA

Dettagli

INQUADRAMENTO FISCALE DEI CONFIDI

INQUADRAMENTO FISCALE DEI CONFIDI INQUADRAMENTO FISCALE DEI CONFIDI Milano 12 marzo 2013 Fedart Relatore: Dott. Ferruccio Dal Lin Determinazione Base Imponibile Trattamento delle ritenute sui frutti di capitale Ace Altre considerazioni

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDO DI PREVIDENZA MARIO NEGRI FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I DIRIGENTI DI AZIENDE DEL TERZIARIO, DI SPEDIZIONE E TRASPORTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della

Dettagli

LA RIVALUTAZIONE DEI BENI IMMOBILI DELLE IMPRESE. Dott. Pasquale SAGGESE

LA RIVALUTAZIONE DEI BENI IMMOBILI DELLE IMPRESE. Dott. Pasquale SAGGESE LA RIVALUTAZIONE DEI BENI IMMOBILI DELLE IMPRESE Dott. Pasquale SAGGESE Diretta 19 gennaio 2009 FONTI NORMATIVE ART. 15, COMMI DA 16 A 23, DL 29.11.2008, N. 185 SI APPLICANO, IN QUANTO COMPATIBILI, LE

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 luglio 2009 OGGETTO: Modifiche alla disciplina della deducibilità degli interessi passivi dal reddito di impresa Articolo 96 del TUIR.

Dettagli

BILANCIO AL 31.12.2012

BILANCIO AL 31.12.2012 BILANCIO AL 31.12.2012 SEDE LEGALE Piazza Palazzo di Città n 1 TORINO SEDE OPERATIVA Via Borgosesia n 1 TORINO Iscritta al n 246 nel Registro provvisorio delle Persone Giuridiche - Regione Piemonte Codice

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 1 Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 27 marzo 2015 Sommario REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI... 3 Contributi versati fino al 31 dicembre 2006... 3 Contributi versati

Dettagli

La correzione degli errori in bilancio

La correzione degli errori in bilancio La correzione degli errori in bilancio trattamento fiscale alla luce dei chiarimenti forniti nella circolare n. 31/E del 24 settembre 2013 Francesca Roselli 1 Normativa e soggetti interessati Normativa:

Dettagli

La determinazione degli interessi passivi dal reddito di impresa e la compilazione in Unico

La determinazione degli interessi passivi dal reddito di impresa e la compilazione in Unico Focus di pratica professionale di Sandro Cerato e Michele Bana La determinazione degli interessi passivi dal reddito di impresa e la compilazione in Unico Premessa L articolo 96, co.1, primo periodo, del

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE VARIABILI IRES ANNO D IMPOSTA 2010

DEFINIZIONE DELLE VARIABILI IRES ANNO D IMPOSTA 2010 DEFINIZIONE DELLE VARIABILI IRES ANNO D IMPOSTA 2010 Società di capitali Enti non commerciali IRES Società di capitali Di seguito è riportata la definizione e la modalità di calcolo delle singole variabili

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL VIA PALLODOLA 23 19038 - SARZANA (SP) CODICE FISCALE 00148620115 CAPITALE SOCIALE EURO 844.650 BILANCIO DI ESERCIZIO CHIUSO AL 31.12.2013 Nota integrativa La presente

Dettagli

Legge di Stabilità 2014 LA RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA. Francesco Chiaravalle

Legge di Stabilità 2014 LA RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA. Francesco Chiaravalle ! Legge di Stabilità 2014 LA RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA Francesco Chiaravalle 1 Legge n. 147 del 23 dicembre 2013 Legge di stabilità 2014! Misure previste! Riallineamento dei valori fiscali ai maggiori

Dettagli

BIKI TECHNOLOGIES SRL

BIKI TECHNOLOGIES SRL BIKI TECHNOLOGIES SRL Sede in Via XX Settembre 33/10, Genova Codice Fiscale 02258470992 - Rea GE 472644 P.I.: 02258470992 Capitale Sociale Euro 10.000 i.v. Forma giuridica: Società a responsabilità limitata

Dettagli

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili Roma, 24 gennaio 2014 Gent.li CLIENTI Loro Sedi Via mail Oggetto: Circolare n. 2/2014 principali novità fiscali 2014 1 Gentili Clienti, La legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 1473), in vigore dall

Dettagli

Corso di ragioneria generale ed applicata Prof. Paolo Congiu A. A. 2013-2014 IMPOSTE DIRETTE SOCIETÀ DI CAPITALI IRES

Corso di ragioneria generale ed applicata Prof. Paolo Congiu A. A. 2013-2014 IMPOSTE DIRETTE SOCIETÀ DI CAPITALI IRES Corso di ragioneria generale ed applicata Prof. Paolo Congiu A. A. 2013-2014 1 IMPOSTE DIRETTE SOCIETÀ DI CAPITALI IRES Imposta proporzionale sui redditi complessivi delle società. Risultato di bilancio

Dettagli

Anno 2013 N. RF072. La Nuova Redazione Fiscale

Anno 2013 N. RF072. La Nuova Redazione Fiscale Anno 2013 N. RF072 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO MANUTENZIONE ORDINARIA - NUOVE REGOLE DI DEDUCIBILITÀ DAL 2012 RIFERIMENTI ART. 102, CO. 6, TUIR; ART.

Dettagli

INNOVAETICA SRL. Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro

INNOVAETICA SRL. Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro INNOVAETICA SRL Sede in ROMA Codice Fiscale 12170501006 - Numero Rea ROMA 1355872 P.I.: 12170501006 Capitale Sociale Euro 10.000 i.v. Forma giuridica: SOCIETA' A RESPONSABILITA' LIMITATA Società in liquidazione:

Dettagli

Riapertura dei termini per la rideterminazione del valore delle partecipazioni

Riapertura dei termini per la rideterminazione del valore delle partecipazioni Tratto da: Collana Dichiarazioni fiscali 2009 - Unico Società di persone, a cura di G. Cremona, P. Monarca, N. Tarantino Aspetti generali NOVITÀ Sezione I Imposta sostitutiva 20% Da quest anno, in seguito

Dettagli

Le novità del modello 730/2012 e del modello Unico Persone fisiche 2012 (fascicolo 1) Roma, 9 marzo 2012

Le novità del modello 730/2012 e del modello Unico Persone fisiche 2012 (fascicolo 1) Roma, 9 marzo 2012 Le novità del modello 730/2012 e del modello Unico Persone fisiche 2012 (fascicolo 1) Roma, 9 marzo 2012 Le principali novità di quest anno Cedolare secca sulle locazioni Immobili di interesse storico-artistico

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

SOCIETA NON OPERATIVE DOPO LE NOVITA DELLA FINANZIARIA 2007

SOCIETA NON OPERATIVE DOPO LE NOVITA DELLA FINANZIARIA 2007 SOCIETA NON OPERATIVE DOPO LE NOVITA DELLA FINANZIARIA 2007 La legge Finanziaria 2007 è nuovamente intervenuta sulla disciplina delle società non operative, già oggetto di modifiche da parte del Decreto

Dettagli

Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF

Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 CATEGORIE DI REDDITO DETERMINAZIONE DEL REDDITO SCADENZA COME SI COMPILA CASI PRATICI CASI PARTICOLARI Il Quadro RN è utilizzato ai fini del calcolo

Dettagli

Dentro la Notizia. 28 Giugno 2013

Dentro la Notizia. 28 Giugno 2013 Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli A CURA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE DEL CPO DI NAPOLI Dentro la Notizia 90/2013 GIUGNO/14/2013 (*) 28 Giugno 2013 NELLA COMPILAZIONE DEL MODELLO

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Decreto Legislativo 10 aprile 1998, n. 137 DISPOSIZIONI CORRETTIVE DEL DECRETO LEGISLATIVO 15 DICEMBRE 1997, n. 446, CONCERNENTE L'ISTITUZIONE DELL'IMPOSTA REGIONALE SULLE ATTIVITA' PRODUTTIVE, LA REVISIONE

Dettagli

Bilancio in forma abbreviata: contenuto, regole e modalita` di redazione

Bilancio in forma abbreviata: contenuto, regole e modalita` di redazione Bilancio in forma abbreviata: contenuto, regole e modalita` di redazione di Giancarlo Modolo (*) L ADEMPIMENTO La riforma del diritto societario ha introdotto alcune semplificazioni per la redazione del

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale. Nelle imprese industriali possiamo individuare le seguenti attività:

Commento al tema di Economia aziendale. Nelle imprese industriali possiamo individuare le seguenti attività: Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sulla scomposizione del reddito di esercizio nei risultati parziali generati

Dettagli

DICHIARAZIONI FISCALI

DICHIARAZIONI FISCALI QUADRO SG SOMME DERIVANTI DA RISCATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA E CAPITALI CORRISPOSTI IN DIPENDENZA DI CONTRATTI DI ASSICURAZIONE SULLA VITA, O DI CAPITALIZZAZIONE NONCHÉ RENDIMENTI DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Il presente documento annulla e sostituisce integralmente

Dettagli

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al fondo pensione aperto a contribuzione definita

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 1 Deliberato dal Consiglio di Amministrazione in data 22 luglio 2014 Sommario REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI... 3 Contributi versati fino al 31 dicembre 2006... 3 Contributi

Dettagli

OGGETTO: Eventi sismici del 6 aprile 2009 Ulteriori chiarimenti

OGGETTO: Eventi sismici del 6 aprile 2009 Ulteriori chiarimenti CIRCOLARE N. 50/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 novembre 2011 OGGETTO: Eventi sismici del 6 aprile 2009 Ulteriori chiarimenti La presente circolare intende fornire alcuni chiarimenti in ordine

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Per informazioni: 800.316.181 infoclienti@postevita.it

Dettagli

AXA progetto pensione più

AXA progetto pensione più AXA progetto pensione più PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO FONDO PENSIONE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE allegato alla nota informativa edizione 2015 AXA Assicurazioni S.p.A. AXA progetto

Dettagli

Presentazione modello Unico 2005 Istruzioni per gli Enti non commerciali

Presentazione modello Unico 2005 Istruzioni per gli Enti non commerciali Presentazione modello Unico 2005 Istruzioni per gli Enti non commerciali Nell imminenza delle scadenze relative alle dichiarazioni dei redditi per l esercizio 2004 ed al versamento delle imposte ad esse

Dettagli