Le aspettative economiche e il gioco d azzardo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le aspettative economiche e il gioco d azzardo"

Transcript

1

2 Le aspettative economiche e il gioco d azzardo Andrea Cavoli e Andrea Benecchi Estratto Nel elaborato si prende in considerazione l andamento della raccolta italiana legata al gioco d azzardo, ovvero l insieme delle somme spese in scommesse di vario genere (lotterie, giochi di abilità, scommesse, etc.) per verificare la possibile correlazione fra la stessa e variabili macroeconomiche che misurano la fiducia e le aspettative dei consumatori. Purtroppo data la scarsa disponibilità di dati in merito, è stato possibile proporre un analisi di breve periodo (con misurazioni mensili) che va da gennaio 2009 a febbraio 2012, e una analisi di lungo periodo (annuale) che prende in considerazione gli ultimi venti anni. Dalle analisi si riesce solo ad affermare una relazione negativa fra quota di spesa in gioco d azzardo e pil, che tuttavia risulta troppo poco significativa per confermare le nostre ipotesi. Di converso nel breve periodo riusciamo ad evidenziare una stringente correlazione fra andamento della raccolta e un apposito indice sulle aspettative economiche future. Risulta anche statisticamente rilevante la relazione inversa fra Pil e Raccolta di gioco d azzardo, che quindi presenta un anti-ciclicità difficilmente spiegabile se non sulla base del nostro ragionamento teorico. Keywords: betting, consumption, time series analysis, expectations, economic cycle.

3 Introduzione Negli ultimi anni in Italia il fenomeno del gioco ha raggiunto livelli mai visti in precedenza e sembra non intenzionato a diminuire né tantomeno a stabilizzarsi. Dal punto di vista del mercato, l offerta ha subito repentini e profondi cambiamenti, soprattutto legati allo sviluppo tecnologico (gioco online, a distanza, etc.). Tuttavia non si deve sottovalutare la possibilità che un peggioramento delle aspettative economiche di lungo termine possa influire positivamente sul livello di gioco. Secondo diversi studi (1) le persone che hanno un reddito minore, e verosimilmente anche un educazione inferiore, tendono a spendere una quota maggiore delle proprie disponibilità in scommesse e gioco d azzardo. Il gioco rappresenta, per certi versi, una facile via di uscita da una condizione economica precaria e di instabilità. Pertanto in una rilevante quota di giocatori la componente psicologica risulta fondamentale, in particolare per costoro l utilità marginale del gioco, o semplicemente la propensione al rischio, è più elevata. A partire da questa teoria (adeguatamente supportata dalla rilevanza empirica) il nostro contributo riguarda il passo successivo, ovvero l analisi temporale. Il che significa chiedersi: è uno spostamento nel livello di benessere è possibile osservare una variazione statisticamente rilevante del livello di gioco? In una prospettiva dinamica (ovvero quando si verifica una variazione negativa del reddito) per un effetto reddito, gli individui dovrebbero ridurre la spesa generale e quindi anche quella per il gioco, ma in una simile eventualità la precarietà economica rende più attraente l assunzione del rischio nella speranza di risolvere i problemi e quindi il valore relativo del gioco d azzardo sale così come il suo consumo. Allo stesso modo, è nostra idea che, sebbene non vi siano rilevanti variazioni nel reddito (per esempio su osservazioni mensili), è possibile che le aspettative sulla condizione economica futura incidano significativamente sulla propensione al gioco.

4 miliardi di euro base2012 Andamento del gioco Come già affermato nell introduzione, il mercato de gioco, come offerta, ha subito grandi trasformazioni. Il mercato del gioco va innanzitutto scomposto in due grandi filiere: il gioco pubblico, quello che è regolato e in parte gestito direttamente dall ente statale AAMS (azienda autonoma dei monopoli di stato) e le case da gioco, ossia i casinò, che però a differenza di altri paesi, sono poco presenti sul territorio. La nostra attenzione si concentra sul gioco pubblico, in quanto ha la rilevanza maggiore sul mercato italiano. Nel panorama nazionale, al di sotto dell ente cessionario (AAMS), sono posizionati i concessionari multi-prodotto e mono-prodotto. Infine vi sono i piccoli esercenti che si occupano di distribuire capillarmente l offerta dei giochi. Da un punto di vista complessivo il totale della raccolta, ossia quanto scommesso dai giocatori, è cresciuto notevolmente negli ultimi anni, in modo ancora più intenso nell ultimo triennio nel pieno della crisi economica. La raccolta naturalmente non tiene conto di quanto siano le vincite riscosse dai giocatori, questo perché il valore netto che ne risulta (in pratica l introito lordo dei distributori) è affetto in maniera significativa dal caso, ossia da quante vincite si verificano nel periodo di riferimento. In ogni caso si può considerare che in media il payoff, cioè la somma restituita ai giocatori in vincite, si aggira sul 68-70% raccolta gioco anni Il trend è esponenziale, e presenta una significativa flessione solamente nel periodo che va dal 1999 al Fra i fattori che possono aiutarci a spiegare la crisi un ruolo importante va attribuito alla serie di scandali che si erano verificati nei precedenti anni, che riguardavano sia l estrazione del lotto sia i condizionamenti dei risultati nell ippica. Del resto l offerta era rimasta invariata e l apprezzamento dei giochi diminuito. Proprio per invertire la tendenza negativa, a partire da questo periodo vengono lanciati sul mercato nuovi giochi. Nel 2002 vengono aperte le prime sale bingo, vengono lanciate le scommesse

5 sportive, e, anche per contrastare il gioco illegale, vengono diffuse su larga scala apparecchiature di intrattenimento. Per quanto riguarda la spiegazione del trend di lungo periodo, l AAMS sottolinea come l incremento della raccolta sia dovuto principalmente al successo della lotta al gioco illegale, insieme alla diminuzione delle aliquote fiscali (scelta dettata dalla volontà di risultare più competitivi sul mercato), all aumento del payoff e infine l aumento dell offerta. In più sicuramente ha pesato l importanza che certi giochi hanno avuto all interno dei canali di comunicazione: fino a poco tempo fa era d uso che all interno dei telegiornali fosse comunicato il nuovo record di vincita potenziale raggiunto dal Superlenalottto; inoltre ancora più recenti sono gli spot pubblicitari che incentivano il cosiddetto gioco responsabile. Il gioco pubblico può esser scomposto in otto segmenti omogenei, sulla base del tipo di domanda soddisfatta, strategia di sviluppo perseguita e la struttura della filiera; si identificano pertanto: giochi numerici a quota fissa, fra i quali il lotto, che prevedono una probabilità di vincita e un payoff predeterminato; giochi numerici a totalizzazione (fra cui il Superlenalotto) che si distinguono dai precedenti per il fatto che non è certo l ammontare della vincita, in quanto dipende dal numero di combinazioni vincenti che si verificano; apparecchi da intrattenimento, per esempio il videopoker ma anche le gru delle pesche di abilità); lotterie, che sono uno dei giochi più tradizionali e radicati nella cultura nostrana; giochi a base sportiva, che possono essere a pronostico (totocalcio) o scommesse su singoli risultati sia sportivi sia legati ad concorsi canori o spettacoli; giochi a base ippica; il bingo; e i giochi di abilità a distanza, che sono di più recente introduzione. 120 quote giochi superlenalotto abilità distanza lotto lotterie scommesse sportive ippica bingo apparecchi 0 Come si evince dal grafico alcuni giochi hanno perso il loro fascino, molto significativa ad esempio è la crisi del lotto, che se nel 1995 pesava per quasi il 40-50% oggi conta solo l 8% sull intera raccolta. Altrettanto innegabile è la profonda crisi dell ippica, che, fra scioperi e proteste, si avvia a scomparire dal contesto

6 italiano. Per quanto riguarda i fenomeni nascenti e di successo bisogna ricordare la già citata regolamentazione degli apparecchi, che al 2011 arrivano a rappresentare da soli più del 50% della raccolta. La crescita dal 2003 al 2005 è sicuramente associabile in buona parte al contabilizzazione delle macchinette già esistenti più che all incremento delle giocate. Infine dal 2009 emerge sul mercato il settore abilità a distanza, che rappresenta il settore più innovativo. L offerta di questi giochi era già presente sul mercato, ma non era regolamentata, in quanto gli operatori operanti (sostanzialmente i gestori dei siti sul gioco online) erano stranieri. La lotta al illegale continua tuttora, periodicamente l AAMS comunica la chiusura di siti non autorizzati, tuttavia l assenza di dati attendibili sull entità del gioco non autorizzato non ci permette di considerare l effettiva incidenza sulla crescita della raccolta.

7 Analisi LONG TERM Il modello proposto presenta una analisi sui dati di lungo periodo, dal 1990 al In questo primo modello si cercherà di dimostrare che l aumento della quota di spesa in gioco è significativamente correlata con una diminuzione del livello di reddito (misurata dal Pil pro capite) e con l aumento dell occupazione. L effetto sulla disoccupazione va interpretato in tale direzione in quanto analisi statistiche sul gioco rilevano che il gioco è molto più diffuso e praticato dalle persone che sono attualmente occupate. Del resto l assenza di redditi da lavoro impedisce a queste categorie di praticare il gioco in modo continuativo. L effetto reddito che ci proponiamo di dimostrare contrasta con quanto viene proposto dal personale dell AAMS: se il gioco fosse un bene di lusso, mera occasione di svago, la quota di spesa rivolta verso lo stesso dovrebbe diminuire per effetto reddito.

8 quota spesa betting on total QUOTA anno In merito alla variabile che misura quota si spesa in gioco, questa è stata ricavata dal rapporto fra raccolta pro capite e la spesa (annua) pro capite familiare per ciascun anno. Come risulta evidente dal grafico l andamento ha un trend ben preciso, di tipo esponenziale. Pertanto è opportuno utilizzare i valori logaritmici per verificare l autoregressività della serie. Come si vede possiamo stimare per la serie una crescita del 8% della quota di spesa in gioco da un anno all altro. Dal test Dickey fuller sull autoregressività dei residui della quota rispetto al tempo non possiamo rifiutare l ipotesi che vi sia un rho=1.

9 dis DISOCCUPAZIONE I dati sulla disoccupazione, ricavati dalle serie storiche dell Istat, tengono conto di tutta la popolazione attiva, senza distinzioni di sesso o di età. La disoccupazione ha un netto calo in concomitanza con le riforme che introducono il precariato (anni ), fra le quali la Legge Biagi. Poi tende a crescere man mano che gli affetti della crisi finanziaria americana del 2007 si ripercuotono sul continente Europeo. L evidenza di un trend del periodo non è chiara, anche se emerge una certa persistenza persistenza anno Verifichiamo l ipotesi che vi sia un trend negativo: Siamo costretti a rifiutare l ipotesi nulla, a favore dell ipotesi che vi sia un trend.

10 Il test Dickey-Fuller non ci consente di rifiutare l ipotesi che l autocorrelazione dei residui non siano fortemente persistenti.

11 pil_pop PILPROCAPITE Il Pil pro capite, è calcolato come rapporto fra i dati sul PIL aggregato (che comprende tutte le voci di spesa) e quelli sulla popolazione residente in un dato anno. L incidenza della crisi economica è apprezzabile dall inversione di tendenza che si verifica attorno all anno anno Nonostante l inversione finale del trend, come vedremo dalla regressione del Pil pro capite sul tempo, vi è significativa evidenza di un trend positivo. Il trend di lungo periodo ci suggerisce una crescita annua del Pil pro capite pari a 265 euro. Verifichiamo i residui, se presentino autocorrelazione: Neanche in questo caso non si può affermare che i residui abbiano una autocorrelazione statisticamente inferiore all unit root.

12 Adesso verificheremo se le serie viste singolarmente fra loro presentino fra loro un buon grado di cointegrazione: Il modello fallisce nel dimostrare la cointegrazione delle serie, anche usando le serie detrendizzate, ciò fa si che i risultati della regressione non costituiscano prova di una relazione statisticamente significativa, in quanto la relazione fra le variabili oggetto può essere spuria. Proviamo ad usare un modello che utilizza stime generalised least squares.

13 Anche in questo caso i risultati non sono del tutto soddisfacenti, in quanto la statistica Durbin-Watson non si avvicina sufficientemente al valore 2. Dai test non emergono problemi di heteroskedasticity e di autocorrelazione nel tempo della varianza. Pertanto possiamo solo affermare che nel lungo periodo emerge una relazione negativa fra quota di gioco d azzardo e Pil pro capite di valore di intensità poco significativa, che permette di convalidare le nostre ipotesi di partenza.

14 BREVE PERIODO La seguente analisi riguarda il gioco d'azzardo nel breve periodo. Lo scopo è quello di verificare se in una situazione di crisi economica molto forte come quella degli ultimi anni il gioco aumenti. Inoltre tentiamo di dimostrare che all'interno di una situazione particolare dell'economia come una crisi di lungo periodo e di tipo strutturale, assumano una significativa importanza le aspettative sul futuro dell'economia nella determinazione del livello di gioco d'azzardo. Il periodo di riferimento è gennaio2009 marzo 2012 Il modello che decidiamo di stimare nel breve periodo è il seguente: rac = pil + dis + futuro rac rappresenta il totale della raccolta nel gioco d'azzardo per ogni mese. Tale variabile è espressa in euro attualizzati al mese di febbraio pil rappresenta il PIL in valore mensile anch'esso espresso in euro attualizzati a febbraio dis è il valore percentuale della disoccupazione. Futuro è un indice (con base=100 rispetto al 2005) calcolato dall'istat basato su un questionario in merito alla percezione del clima economico futuro. Sebbene siamo interessati a verificare la significatività di tutte le variabili, in questa analisi particolare attenzione verrà rivolta alla variabile futuro in quanto cattura il livello delle aspettative sull'andamento economico. Il modello di breve si distingue da quello di lungo periodo oltre che per l'inserimento della variabile futuro anche nel tipo di unità di misura adottate. Se prima modellavamo la quota ovvero la spesa pro capite nel gioco d'azzardo diviso la spesa pro capite delle famiglie, ora la variabile dipendente è la raccolta complessiva del gioco. Il motivi per cui si effettua questo cambio sono due: l'impossibilità di accedere a valori di spesa pro capite delle famiglie di tipo mensile e l'ipotesi che in un arco relativamente breve come 3 anni la popolazione non abbia avuto aumenti significativi. Lo stesso tipo di ragionamento riguarda il PIL che non è più pro capite ma aggregato. Prima di procedere alla regressione con l'ols è necessario ripetere su ogni variabile i test effettuati sul lungo periodo. Si inizia con l'analisi grafica di ogni variabile con il tempo, successivamente per ognuna di esse si verifica la presenza di un trend regredendola con il tempo, e infine verrà eseguito il Dickey Fuller test per verificare la presenza o meno di un union root process.

15 RACCOLTA rac tempo C'è una forte significatività del tempo per la variabile raccolta. Passiamo dunque a osservare se la variabile presenta un union root attraverso il Dickey-Fuller test Come si evince dal test, purtroppo non si può rifiutare l'ipotesi che rho=1.

16 PIL pil. base tempo Anche per il PIL si evidenzia la presenza del trend. E anche in questo caso non possiamo escludere l'ipotesi che l'autocorrelazione sia higly persistent

17 DISOCCUPAZIONE 9.8 disocc tempo Identici risultati per la disoccupazione: presenza di un trend significativo. Anche per la disoccupazione non si può rifiutare l'ipotesi che rho sia pari a 1

18 FUTURO futuro tempo Anche se in questo caso la t-statistic di tempo è più piccola rispetto a quella delle altre variabili, si osserva comunque un trend negativo molto significativo. Futuro è sicuramente la variabile con la minore probabilità di presentare un union root process, tuttavia il p- value approssimato è del 15% circa e quindi non siamo in grado di rifiutare l'ipotesi nulla con relativa certezza. Da questa prima analisi si evince quindi la presenza di non stazionarietà che renderebbe il nostro modello inattendibile. Possiamo però provare a vedere se le variabili sono cointegrate tra loro.

19 Per farlo eseguiamo il DF sui residui del modello originale Ecco quindi il modello senza l'effetto del tempo: Si calcolano i residui Residuals tempo e si testano con il DF Dai risultati possiamo rifiutare l'ipotesi di non cointegrazione ( l'errore non presenta una union root) e quindi è possibile operare con il modello utilizzando le variabili detrendizzate i cui coefficienti dovrebbero essere attendibili.

20 Per detrendizzare ogni singola variabile (indipendente e dipendente) si effettua la regressione di ognuna con il tempo e quindi si ottengono i residui di tale modello. Il nostro modello finale quindi è dato dalla regressione dei residui rispetto al tempo della raccolta sui residui rispetto al tempo delle variabili esplicative: Dai risultati si evince una forte significatività statistica delle variabili PIL e FUTURO. In particolare si osserva che sia il PIL che FUTURO sono correlate negativamente con la RACCOLTA a probabile dimostrazione che riduzioni del reddito e del livello di fiducia sul futuro dell'economia hanno un impatto positivo sul gioco d'azzardo. che una riduzione di un milione di euro del PIL provoca una riduzione delle giocate pari a 220'000 euro (chiaramente non è una valutazione molto esplicativa del fenomeno date le unità di misura). Non risulta invece statisticamente rilevante la variabile DISOCCUPAZIONE. Per scrupolo comunque proviamo ad effettuare anche una regressione GLS al fine di confermare la correttezza dei coefficienti. Si esegue pertanto il Prais

21 I coefficienti cambiano leggermente e si osserva che la variabile PIL perde un po della sua significatività statistica mentre la nostra variabile di controllo (FUTURO) rimane molto rilevante e ovviamente negativamente correlata con la raccolta.

22 Bibliografia

23 Conclusioni Nell analisi di lungo periodo non emerge alcun risultato significativo che avvalori la tesi dell elaborato. Nell'analisi di breve periodo invece emerge soprattutto una significativa correlazione tra la proxy del livello dell'aspettativa economica (soprannominata futuro) e il livello di gioco d'azzardo. Non è da escludere quindi l'ipotesi che, quando le cose vanno male, e soprattutto ci si aspetta che non migliorino, cresca l'appetibilità di scorciatoie facili come il gioco d'azzardo. Questo mette in serio dubbio il presupposto di razionalità economica degli individui, almeno per quanto riguarda la popolazione di riferimento. Fatte queste considerazioni riteniamo che sia opportuno aprire un dibattito di policy in merito al gioco, che riveda l attuale politica di tassazione delle vincite e della regolamentazione delle opportunità di gioco, a favore dell incremento delle prime e una riduzione delle seconde. L AAMS ci tiene a sottolineare che la diminuzione delle aliquote favorisce l aumento del gioco d azzardo, e quindi della base imponibile, ma questa tesi sembra essere dettata più dal desiderio di tutelare gli interessi degli operatori sul mercato, che da una seria analisi delle caratteristiche della domanda. La stessa risulta, a nostro avviso, guidata maggiormente da fattori emozionali che da valutazioni ponderate e razionali. Inoltre pur consentito che a seguito di una simile manovra si riduca il gettito fiscale, andrebbero considerate le conseguenze negative che l eccesso del gioco d azzardo produce, sia in termini sociali che socio-assistenziali. Lo stato dunque quale criterio di benessere persegue?

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 = 1

Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 = 1 Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 Capitolo 3. L'analisi della varianza. Il problema dei confronti multipli. La soluzione drastica di Bonferroni ed il test

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Alessandro Gandolfo e Valeria De Bonis. Discussion Papers Collana di E-papers del Dipartimento di Economia e Management Università di Pisa

Alessandro Gandolfo e Valeria De Bonis. Discussion Papers Collana di E-papers del Dipartimento di Economia e Management Università di Pisa Discussion Papers Collana di E-papers del Dipartimento di Economia e Management Università di Pisa Alessandro Gandolfo e Valeria De Bonis Il modello italiano di tassazione del gioco d azzardo: linee guida

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

Se si insiste non si vince

Se si insiste non si vince Se si insiste non si vince Livello scolare: 2 biennio Abilità interessate Valutare la probabilità in diversi contesti problematici. Distinguere tra eventi indipendenti e non. Valutare criticamente le informazioni

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

IL GOVERNO SIA ALL ALTEZZA DELLA SFIDA DEL GREEN DEAL LA CURA DA CAVALLO STA UCCIDENDO IL MINISTERO DELL AMBIENTE

IL GOVERNO SIA ALL ALTEZZA DELLA SFIDA DEL GREEN DEAL LA CURA DA CAVALLO STA UCCIDENDO IL MINISTERO DELL AMBIENTE IL GOVERNO SIA ALL ALTEZZA DELLA SFIDA DEL GREEN DEAL LA CURA DA CAVALLO STA UCCIDENDO IL MINISTERO DELL AMBIENTE Il dibattito nel nostro Paese da tempo rincorre le emergenze istituzionali, economiche,

Dettagli

4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA)

4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA) 4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA) L analisi della varianza è un metodo sviluppato da Fisher, che è fondamentale per l interpretazione statistica di molti dati biologici ed è alla

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 Nel 2014 la raccolta premi complessiva realizzata dalle imprese di assicurazione italiane e dalle rappresentanze in Italia di imprese extra europee continua il trend

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

General Linear Model. Esercizio

General Linear Model. Esercizio Esercizio General Linear Model Una delle molteplici applicazioni del General Linear Model è la Trend Surface Analysis. Questa tecnica cerca di individuare, in un modello di superficie, quale tendenza segue

Dettagli

LE TENDENZE DI MEDIO-LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PENSIONISTICO E SOCIO-SANITARIO

LE TENDENZE DI MEDIO-LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PENSIONISTICO E SOCIO-SANITARIO LE TENDENZE DI MEDIO-LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PENSIONISTICO E SOCIO-SANITARIO Previsioni elaborate con i modelli della Ragioneria Generale dello Stato aggiornati al 2014 Roma, Giugno 2014 Il presente

Dettagli

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007 A STATISTICA (A-K) a.a. 007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del numero degli occupati (valori x 000) in una provincia

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

1. Scopo dell esperienza.

1. Scopo dell esperienza. 1. Scopo dell esperienza. Lo scopo di questa esperienza è ricavare la misura di tre resistenze il 4 cui ordine di grandezza varia tra i 10 e 10 Ohm utilizzando il metodo olt- Amperometrico. Tale misura

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS 1 Analisi del punto di equilibrio o di pareggio Consiste nella determinazione grafica o matematica del quantitativo di vendita al quale i costi totali e i ricavi

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di laurea in biotecnologia. Corso di Statistica Medica. Analisi dei dati quantitativi :

Università del Piemonte Orientale. Corso di laurea in biotecnologia. Corso di Statistica Medica. Analisi dei dati quantitativi : Università del Piemonte Orientale Corso di laurea in biotecnologia Corso di Statistica Medica Analisi dei dati quantitativi : Confronto tra due medie Università del Piemonte Orientale Corso di laurea in

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

Capitolo 12 La regressione lineare semplice

Capitolo 12 La regressione lineare semplice Levine, Krehbiel, Berenson Statistica II ed. 2006 Apogeo Capitolo 12 La regressione lineare semplice Insegnamento: Statistica Corso di Laurea Triennale in Economia Facoltà di Economia, Università di Ferrara

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

errore I = numero soggetti (I = 4) K = numero livelli tratt. (K = 3) popolazione varianza dovuta ai soggetti trattamento

errore I = numero soggetti (I = 4) K = numero livelli tratt. (K = 3) popolazione varianza dovuta ai soggetti trattamento Analisi della varianza a una via a misure ripetute (Anova con 1 fattore within) modello strutturale dell'analisi della varianza a misure ripetute con 1 fattore: y = μ ik 0 +π i +α k + ik ε ik interazione

Dettagli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Prot. R.U. 20990 IL DIRETTORE DELL AGENZIA Visto il Regolamento generale delle lotterie nazionali approvato con Decreto del Presidente della Repubblica 20 novembre 1948, n.1677 e successive modificazioni;

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Adotta il seguente regolamento:

Adotta il seguente regolamento: REGOLAMENTO RECANTE MODIFICAZIONI AL DECRETO DEL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE 19 GIUGNO 2003, n. 179 RECANTE NORME CONCERNENTI I CONCORSI PRONOSTICI SU BASE SPORTIVA, AI SENSI DELL ARTICOLO 16

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Profilo per paese L', con un 3 complessivo pari a 0,36, è venticinquesima nella classifica dei Stati membri dell'. Nell'ultimo anno ha fatto progressi

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

Nota su Crescita e Convergenza

Nota su Crescita e Convergenza Nota su Crescita e Convergenza S. Modica 28 Ottobre 2007 Nella prima sezione si considerano crescita lineare ed esponenziale e le loro proprietà elementari. Nella seconda sezione si spiega la misura di

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE

STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE La presentazione dei dati per molte ricerche mediche fa comunemente riferimento a frequenze, assolute o percentuali. Osservazioni cliniche conducono sovente

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano

2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano 2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano Domenico Siniscalco 2.1 Premessa L Italia è un paese di grandi risparmiatori. Comunque la si misuri in rapporto al reddito disponibile

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

STATISTICHE DOCUMENTI PMV IN SOL

STATISTICHE DOCUMENTI PMV IN SOL STATISTICHE DOCUMENTI PMV IN SOL INTRODUZIONE A cura del Coordinamento del Polo regionale del Veneto Vicenza, 12 ottobre 2011 PREMESSA Le istruzioni fornite nel 2010 per la compilazione del PMV riferito

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli