TRIBUNALE DI NAPOLI UFFICIO DEL GIUDICE PER LE INDAGINI PRELIMINARI SEZIONE VI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TRIBUNALE DI NAPOLI UFFICIO DEL GIUDICE PER LE INDAGINI PRELIMINARI SEZIONE VI"

Transcript

1 N. 6013\13 R.G. notizie di reato N \13 R.G. GIP N. 220\2013 OCC TRIBUNALE DI NAPOLI UFFICIO DEL GIUDICE PER LE INDAGINI PRELIMINARI SEZIONE VI ORDINANZA DI APPLICAZIONE DI MISURA CAUTELARE Il Giudice per le indagini preliminari, dott. Maria Vittoria FOSCHINI, sulla richiesta di applicazione di misura cautelare della custodia in carcere avanzata dal P.M. in Sede e pervenuta in data , nei confronti di: 1. ALFIERO Andrea, nato a Roma il 28/07/1983, residente in Castel Volturno (CE) alla via del Mare n. 55; 2. ALFIERO Marco, nato a Roma il 05/08/1985, residente in Castel Volturno (CE) alla via del Mare n. 55; 3. ALFIERO Vittorio, nato a Roma il 20/02/1982, residente in Castel Volturno (CE) alla via del Mare n. 55; 4. ANNICELLI Francesco, nato a Mugnano di Napoli (NA) il , residente in Qualiano (NA) alla via Fabio Massimo n. 8; 5. CAPONE Mario, nato a Caserta il , residente in Castel Volturno (CE) alla via Parchitella n. 35; 6. CARABINO Gregorio, nato a Napoli il , residente a Crispano (NA) alla via E. Montale n. 19; 7. CAROFANO Nicola, nato ad Aversa (CE) il , residente in Villa Literno (CE) alla via Tagliamento n. 3; 8. CARROZZOLI Lorenzo, nato a Napoli il , residente in Castel Volturno (CE) alla via Ibiscum n. 30; 1

2 9. CATENA Federico, nato ad Aversa (CE) il , residente in Villa Literno (CE) alla via Aversa n. 5; 10. CITARELLA Francesco, nato a Pompei (NA) il 14/11/1970, residente in Terzigno (NA) alla via Nazionale n. 12/B; 11. COLELLA Giovanni Battista, nato a Marcianise (CE) il , residente in Capodrise (CE) alla via Ienco n. 17; 12. DEL PRETE Gaetano, nato a Napoli il 20/08/1980, ivi residente alla via Colonne n. 2/A scala D interno 6; 13. DI BERNARDO Giovanni, nato ad Aversa (CE) il , residente in Cesa (CE) alla via P. Nenni n. 3; 14. DI NAPOLI Antonio, nato a Napoli il 03/08/1960, residente in Melito di Napoli (NA) alla via San Vito n. 15 scala B int. 1; 15. DI NARDO Giovanni, nato a Mugnano di Napoli (NA) il 04/11/1978, residente in Giugliano in Campania (NA) alla via 13 Martiri n. 47, di fatto domiciliato in Trentola Ducenta (CE) alla via Ambra n. 41; 16. DI NARDO Michele, nato a Napoli il 27/09/1987, residente in Giugliano in Campania (NA) alla via Oasi del Sacro Cuore n. 235; 17. ESPOSITO Vincenzo, nato a Napoli il , ivi residente alla via Ghisleri lotto 10 parco Lucrezia ; 18. FORTELLI Pio, nato a Napoli il 31/07/1974, ivi residente alla via Federico Persico n. 62; 19. GIANNUZZI SAVELLI Massimo, nato a Napoli il , ivi residente alla via Federico Persico n. 62; 20. GIUGNO Raffaele, nato a Beckum (Germania) il 12/04/1974, residente in Villa di Briano (CE) alla via Rossini n. 3; 21. IMPERATORE Sergio, nato a Napoli il 25/03/1976, residente in Scisciano (NA) alla via Palazzuolo n. 42; 22. IOVINE Domenico, nato a Caserta il , residente in San Cipriano d Aversa (CE) al 1 vico di via F. Serao n. 4; 23. IOVINO Marcello, nato a Frignano (CE) il , residente in Frignano (CE) alla piazza della Repubblica n. 14; 24. LABERNARDA Raffaele, nato a Crotone il , residente in Strongoli (KR) alla via Telesio n. 6; 2

3 25. MARTINELLI Alfonso, nato a Caserta il , residente in San Cipriano d Aversa (CE) alla via del Giglio 2 vico n. 2; 26. MAZZA Massimiliano, nato a Napoli il , residente in San Giorgio a Cremano (NA) alla via Botteghelle n. 90; 27. MIRANDA Giovanni, nato a San Giuseppe Vesuviano (NA) il , residente in Poggiomarino (NA) alla via Turati n. 302; 28. MONTELLA Antonio, nato a Napoli il , residente in Casoria (NA) alla via Armando Diaz n. 32 scala A piano 3 int. 11; 29. MOSCA Vincenzo, nato a Salerno il , residente in Terzigno (Na) alla via 1 vicolo Baracca n. 12; 30. NARDULLI Alessandro, nato a Villaricca (NA) il 12/07/1979, residente in Giugliano in Campania (NA) alla via Galvani n. 3; 31. PARASCANDOLO Raffaele, nato a Napoli l , residente in Castel Volturno (CE) alla via Cosenza n. 1; 32. RUSSO Tammaro, nato a Villa Literno (CE) il 14/03/1970, ivi residente alla via Castello n. 12; 33. SAGLIANO Giuseppe, nato a Caserta l 8/10/1988, residente in Casapesenna (CE) alla via L. Da Vinci n. 1; 34. SPORTIELLO Antonio, nato a Giugliano in Campania (NA) il , ivi residente alla via F. Gioia n. 10 int. 11; 35. SPORTIELLO Luigi, nato a Giugliano in Campania (NA) il 15/06/1965, ivi residente alla via Santa Chiara n. 28; 36. SPORTIELLO Salvatore, nato a Giugliano in Campania (NA) il , ivi residente alla via A. Genovesi n. 36; 37. TUDISCO Dario, nato a Napoli il , residente in Ascoli Satriano (FG) alla via Pietro Nenni n. 7, di fatto domiciliato in Calvizzano (NA) alla via Raffaele Viviani n. 12; 38. UCCIERO Augusto, nato a Villa Literno (CE) il , ivi residente alla via Vittorio Emanuele III n. 12; 39. VENOSA Salvatore, nato a San Cipriano d Aversa (CE) il 22/05/1973, ivi residente al 2 vico del Giglio n. 5, in atto detenuto. 3

4 INDAGATI DI NARDO Giovanni, DI NARDO Michele, VENOSA Salvatore A) del reato di cui all art. 416 bis commi I, II, III, IV, V, VI ed VIII c.p. per avere partecipato, ciascuno nella consapevolezza della rilevanza causale del proprio apporto, ad un'associazione di tipo mafioso denominata clan dei casalesi, promossa, diretta ed organizzata, prima da BARDELLINO Antonio (anni ), poi da Francesco SCHIAVONE di Nicola, da Francesco BIDOGNETTI, da IOVINE Mario e da DE FALCO Vincenzo ( ), di seguito da Francesco SCHIAVONE di Nicola e da Francesco BIDOGNETTI, dopo l'arresto di questi ultimi due da Michele ZAGARIA e IOVINE Antonio, quali esponenti di vertice della fazione facente capo alla famiglia SCHIAVONE, e da BIDOGNETTI Domenico, BIDOGNETTI Aniello, BIDOGNETTI Raffaele, GUIDA Luigi, ALFIERO Nicola, SETOLA Giuseppe e CIRILLO Alessandro, quali componenti apicali che si avvicendavano alla guida della fazione facente capo alla famiglia BIDOGNETTI, infine, a seguito dell arresto dei citati ZAGARIA e IOVINE, da VENOSA Salvatore e RECCIA Oreste detto recchia e lepre, i quali, coalizzando attorno a loro gli esponenti in libertà dei gruppi VENOSA, IOVINE e ZAGARIA ed operando in San Cipriano d Aversa, Casapesenna, Cancello ed Arnone e sull'intera area della provincia di Caserta ed altrove, si avvalgono della forza di intimidazione del vincolo associativo e della condizione di assoggettamento ed omertà che ne deriva, per la realizzazione dei seguenti scopi: il controllo delle attività economiche, anche attraverso la gestione monopolistica di interi settori imprenditoriali e commerciali; il rilascio di concessioni e di autorizzazioni amministrative; l'acquisizione di appalti e servizi pubblici; l'illecito condizionamento dei diritti politici dei cittadini (ostacolando il libero esercizio del voto, procurando voti a candidati indicati dall'organizzazione in occasione di consultazioni elettorali) e, per tale tramite, il condizionamento della composizione e delle attività degli organismi politici rappresentativi locali; il condizionamento delle attività delle amministrazioni pubbliche, locali e centrali; il reinvestimento speculativo in attività imprenditoriali, immobiliari, finanziarie e commerciali degli ingenti capitali derivanti dalle attività delittuose, sistematicamente esercitate (estorsioni in danno di imprese affidatarie di pubblici e privati appalti e di esercenti attività commerciali, traffico di sostanze stupefacenti, usura ed altro); assicurare impunità agli affiliati attraverso il controllo, realizzato anche con la corruzione, di organismi istituzionali; l'affermazione del controllo egemonico sul territorio, realizzata anche attraverso la contrapposizione armata con organizzazioni criminose rivali nel tempo e la repressione violenta dei contrasti interni; il conseguimento, infine, per se e per gli altri affiliati di profitti e vantaggi ingiusti. In particolare, gli indagati partecipavano all associazione mafiosa con i ruoli di seguito meglio evidenziati: VENOSA Salvatore dirigendo il gruppo VENOSA- ZAGARIA- IOVINE, 4

5 determinando le nuove strategie di controllo del territorio, promuovendo riunioni per con gli affiliati ai citati clan per concordare le attività criminali da eseguire nei vari territori ed i ruoli dei singoli associati, incaricando alcuni affiliati per la convocazione degli imprenditori e commercianti e per la successiva raccolta delle tangenti nonché promuovendo e dirigendo la raccolta clandestina di scommesse su eventi sportivi utilizzando articolati e complessi sistemi informatici, realizzati da esperti del settore, in tutte le zone di influenza criminale ed in diverse parti del territorio nazionale, tra cui la provincia casertana, napoletana, catanese, palermitana, crotonese e barese, e servendosi di una pluralità di agenzie di scommesse, sale giochi, internet point, esercizi commerciali (quali bar, tabaccherie, cartolerie ed altro), condotte da gestori in gran parte consapevoli di agevolare l attività dell associazione camorristica localmente denominata clan dei casalesi, ed intervenendo personalmente sui soggetti intermediari allorquando i ricevitori delle scommesse ritardavano il pagamento delle provvigioni dovute; DI NARDO Giovanni e DI NARDO Michele promuovendo ed organizzando la raccolta clandestina di scommesse su eventi sportivi attraverso articolati e complessi sistemi informatici, realizzati da esperti del settore, esercitata sulle zone di influenza criminale ed in diverse parti del territorio nazionale, tra cui la provincia casertana, napoletana, catanese, palermitana, crotonese e barese, servendosi di una pluralità di agenzie di scommesse, sale giochi, internet point, esercizi commerciali (quali bar, tabaccherie, cartolerie ed altro), condotte da gestori in gran parte consapevoli di agevolare l attività dell associazione camorristica localmente denominata clan dei casalesi retta dal VENOSA. DI NARDO Giovanni promuovendo e gestendo il sistema di raccolta delle scommesse clandestine, l inserimento degli eventi e delle quote, l aggiornamento dei risultati, la creazione di nuovi utenti, tenendo i conti e i sotto-conti, provvedendo alla modifica delle giocate e dei risultati degli eventi ed ancora raccogliendo le provvigioni accreditate su carte postepay nella sua disponibilità ancorchè non formalmente intestategli DI NARDO Michele gestendo la raccolta delle provvigioni direttamente dalle mani dei singoli titolari degli account sui quali venivano accettate le scommesse illegali nei casi in cui non venivano accreditate direttamente su carte postepay nella disponibilità del fratello DI NARDO Giovanni, provvedendo alla consegna delle provvigioni, suddivise in quote, ai destinatari, tra i quali SPORTIELLO Luigi, secondo le indicazioni ricevute dal fratello, aggiornando costantemente il capo clan VENOSA Salvatore sull esecuzione del delicato compito assegnatogli, e fungendo anche da intermediario tra il capo VENOSA SALVATORE ed il fratello DI NARDO Giovanni. Con l aggravante per tutti del controllo di attività economiche in tutto o in parte finanziate con il prezzo, il prodotto o il profitto di delitti. Con l aggravante per VENOSA Salvatore di dirigere l associazione. Con l aggravante per DI NARDO Giovanni e DI NARDO Michele di promuovere ed organizzare l attività della raccolta delle scommesse di particolare e determinante importanza per la sopravvivenza dell associazione e perb ciò solo di promuovere ed organizzare il sodalizio criminale che dei proventi di tale attività si avvale per il pagamento degli stipendi, per le spese legali e per il sostentamento delle faimlie dei detenuti. 5

6 In San Cipriano d Aversa, Casapesenna, Castelvolturno, provincia di Caserta ed altre località del territorio nazionale almento dall aprile del 2012 fino ad almeno settembre SPORTIELLO Antonio, SPORTIELLO Luigi, SPORTIELLO Salvatore B) del reato di cui agli artt. 110 e 416 bis commi I, II, III, IV, V, VI ed VIII c.p. per avere concorso, ciascuno nella consapevolezza della rilevanza causale del proprio apporto, derivante per SPORTIELLO Luigi dalle sue profonde conoscenze del mondo delle scommesse e dei programmi realizzati da tecnici esperti informatici per la loro raccolta illegale e per SPORTIELLO Antonio e SPORTIELLO Salvatore dall essere titolari formali e/o di fatto di più attività economico imprenditoriali nel settore delle scommesse sportive, ubicate in Giugliano in Campania, all associazione camorristica di cui al capo A, in quanto, pur non essendo stabilmente inseriti nella predetta compagine associativa, contribuivano con gli associati DI NARDO Giovanni, DI NARDO Michele e VENOSA Salvatore, ciascuno di questi ultimi con i rispettivi ruoli sopra esposti, alla realizzazione dei seguenti scopi dell associazione: il controllo delle attività economiche anche attraverso la gestione monopolistica di interi settori imprenditoriali, con particolare riferimento al settore delle scommesse sportive; il reinvestimento in attività imprenditoriali, immobiliari, finanziarie e commerciali degli ingenti capitali derivati dall attività delittuosa, sistematicamente esercitata; l affermazione del controllo egemonico sul territorio; il conseguimento, in genere, per sé e per gli altri affiliati, di profitti e vantaggi ingiusti. In particolare, fornivano uno specifico e concreto contributo ai fini della conservazione e del rafforzamento del suddetto sodalizio mafioso ed al raggiungimento degli scopi associativi, ponendo in essere le condotte di seguito descritte: occupandosi dei rapporti con i titolari della società Seflow s.n.c., corrente in Codogno (LO) alla via Alberici n. 20, titolare dei server con i programmi informatici sfruttati per la raccolta illegale delle scommesse, provvedendo al pagamento del canone di locazione di tali server, mantenendo costanti contatti con i tecnici (CARABINO Gregorio, CITARELLA Francesco, DEL PRETE Gaetano ed IMPERATORE Luigi) che, dietro cospicuo compenso, avevano realizzato il software e ne curavano i periodici aggiornamenti e l adeguamento delle sue funzionalità alle esigenze dell organizzazione criminale che di volta in volta insorgevano, provvedendo quotidianamente all inserimento degli eventi e delle quote, all aggiornamento dei risultati, alla creazione di nuovi utenti, alla gestione dei conti e dei sotto-conti, alla modifica delle giocate e dei risultati degli eventi, alla rendicontazione delle provvigioni nonché raccogliendo le provvigioni dai singoli titolari degli account sui quali venivano accettate le scommesse illegali, accreditategli su carte postepay nella sua disponibilità, ancorchè non intestate; SPORTIELLO Antonio esercitando abusivamente la raccolta di scommesse su eventi sportivi, attraverso le piattaforme informatiche predisposte dal sodalizio mafioso diretto da VENOSA Salvatore, nei due corner ubicati in Giugliano in Campania alla 6

7 via Oasi del Sacro Cuore n. 61 e al corso Campano n. 584, rispettivamente intestati formalmente alla moglie LEGORANO Filomena ed al figlio SPORTIELLO Giuseppe, titolari di autorizzazione dell Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato sfruttata a copertura dell illecita attività, intervenendo personalmente sui gestori di agenzie di scommessa che operavano in regime di concorrenza, la cui operatività incideva così negativamente sui profitti della raccolta clandestina controllata dal sodalizio mafioso che egli rappresentava in Giugliano in Campania, provvedendo al versamento di una quota, definita come tassa, degli utili dell illecita attività esercitata in Giugliano in Campania nelle casse del clan cui concorreva, a titolo di distribuzione degli introiti e quale corrispettivo della conduzione in regime di monopolio della raccolta di scommesse clandestine, garantito dalla forza intimidatrice dell organizzazione di cui era espressione, così assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti (sul punto cfr. prog censurato sull Imei in uso a SPORTIELLO Luigi); SPORTIELLO Salvatore:esercitando abusivamente la raccolta di scommesse su eventi sportivi, attraverso le piattaforme informatiche predisposte dal sodalizio mafioso diretto da VENOSA Salvatore, presso la toto-ricevitoria denominata Milord, della quale risulta dipendente, ubicata in Giugliano in Campania alla via A. Palumbo n. 56, formalmente intestata alla cugina D ARBITRIO Maria Domenica, titolare di autorizzazione dell Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato sfruttata a copertura dell illecita attività, provvedendo al versamento di una quota, quantificata dallo stesso in euro all anno, degli utili dell illecita attività esercitata in Giugliano in Campania nelle casse del clan cui concorreva, a titolo di distribuzione degli introiti e quale corrispettivo della conduzione in regime di monopolio della raccolta di scommesse clandestine, garantito dalla forza intimidatrice dell organizzazione di cui era espressione, così assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti (sul punto cfr. prog. 551 censito sull utenza in uso a SPORTIELLO Salvatore) ed ancora preoccupandosi della tenuta della contabilità dei proventi illeciti e delle suddivisioni degli stessi in buste, secondo quote prestabilite, custodite nell agenzia Milord fino alla consegna ai destinatari, tra i quali il fratello SPORTIELLO Luigi, il sodalizio mafioso cui concorreva diecimila euro al paese, pari alla quota relativa a 4 mesi così assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti (sul punto cfr. prog. 698 censurato sull utenza attestata presso l agenzia di scommesse Milord di SPORTIELLO Salvatore). Accertato in San Cipriano d Aversa ed in altre zone della provincia di Caserta, nonché in Giugliano in Campania e nella provincia di Napoli, con ramificazioni in diverse parti del territorio nazionale (Sicilia, Calabria, Puglia), da aprile 2012 fino ad almeno settembre ALFIERO Andrea, ALFIERO Marco, ALFIERO Vittorio, ANNICELLI Francesco, CAPONE Mario, CARABINO Gregorio, CAROFANO Nicola, CARROZZOLI Lorenzo, CATENA Federico, CITARELLA Francesco, COLELLA Giovanni Battista, DEL PRETE Gaetano, DI BERNARDO Giovanni, DI NAPOLI Antonio, ESPOSITO Vincenzo, FORTELLI Pio, GIANNUZZI SAVELLI Massimo, GIUGNO Raffaele, IMPERATORE Sergio, IOVINE Domenico, IOVINO Marcello, 7

8 LABERNARDA Raffaele, MARTINELLI Alfonso, MAZZA Massimiliano, MIRANDA Giovanni, MONTELLA Antonio, MOSCA Vincenzo, NARDULLI Alessandro, PARASCANDOLO Raffaele, RUSSO Tammaro, SAGLIANO Giuseppe, TUDISCO Dario, UCCIERO Augusto C) del reato di cui all art. 416 commi I, II, III, VI, VIII c.p. e art. 7 L. 203/91 perché, nella consapevolezza della rilevanza causale del loro apporto, derivante dalle loro qualità di tecnici esperti informatici (CARABINO Gregorio, CITARELLA Francesco, DEL PRETE Gaetano, IMPERATORE Sergio), di titolari esclusivi di uno dei tanti siti illegali il Domitiabet attraverso i quali venivano raccolte le scommesse clandestine sugli eventi sportivi (i fratelli Andrea, Marco e Vittorio ALFIERO), di titolari formali e/o di fatto di attività economico imprenditoriali nel settore delle scommesse sportive (ANNICELLI Francesco, CAPONE Mario, CAROFANO Nicola, CATENA Federico, COLELLA Giovanni Battista, DI BERNARDO Giovanni, ESPOSITO Vincenzo, FORTELLI Pio, GIANNUZZI SAVELLI Massimo, GIUGNO Raffaele, IOVINE Domenico, IOVINO Marcello, LABERNARDA Raffaele, MARTINELLI Alfonso, MAZZA Massimiliano, MIRANDA Giovanni, MONTELLA Antonio, MOSCA Vincenzo, PARASCANDOLO Raffaele, RUSSO Tammaro, SAGLIANO Giuseppe, TUDISCO Dario, UCCIERO Augusto) e/o di collaboratori di fiducia degli stessi (DI NAPOLI Antonio e NARDULLI Alessandro, entrambi aiutanti di SPORTIELLO Salvatore, CARROZZOLI Lorenzo collaboratore di PARASCANDOLO Raffaele), si associavano tra loro e con gli affiliati al clan dei casalesi DI NARDO Giovanni, DI NARDO Michele e VENOSA Salvatore, nonché con i concorrenti esterni al medesimo sodalizio camorristico SPORTIELLO Antonio, SPORTIELLO Luigi e SPORTIELLO Salvatore, ciascuno nei rispettivi ruoli descritti nei capi che precedono, al fine di commettere un numero indeterminato di delitti di abusiva raccolta delle scommesse clandestine esercitata attraverso piattaforme informatiche all uopo realizzate e, per diversi di loro, parallelamente a quella legale, autorizzata e di copertura di quella illecita. In particolare, tutti fornivano uno specifico e concreto contributo ai fini della conservazione e del rafforzamento della suddetta associazione per delinquere ed al raggiungimento degli scopi associativi, ponendo in essere le condotte di seguito descritte: -CARABINO Gregorio, CITARELLA Francesco, DEL PRETE Gaetano ed IMPERATORE Luigi, tutti in qualità di tecnici esperti informatici ed in cambio di cospicui corrispettivi economici, realizzavano le piattaforme web sfruttate per la raccolta delle scommesse clandestine sugli eventi sportivi, gestendole sotto il profilo tecnico e procedendo a periodici aggiornamenti per adeguarle alle esigenze che di volta in volta insorgevano, così assicurando notevoli disponibilità finanziarie all associazione mafiosa capeggiata da VENOSA Salvatore, che sfruttava tali sistemi informatici, e indirettamente garantendone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti; -ALFIERO Andrea, ALFIERO Marco, ALFIERO Vittorio, titolari esclusivi di uno dei tanti siti illegali il Domitiabet attraverso i quali venivano raccolte le scommesse clandestine sugli eventi sportivi, promuovevano ed organizzavano sul litorale domitio della provincia casertana l accettazione delle giocate, così assicurando notevoli disponibilità finanziarie all associazione mafiosa capeggiata da 8

9 VENOSA Salvatore, che controllava tali sistemi informatici, e garantendone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti; -ANNICELLI Francesco, CAPONE Mario, CAROFANO Nicola, CARROZZOLI Lorenzo, CATENA Federico, COLELLA Giovanni Battista, DI BERNARDO Giovanni, ESPOSITO Vincenzo, FORTELLI Pio, GIANNUZZI SAVELLI Massimo, GIUGNO Raffaele, IOVINE Domenico, IOVINO Marcello, LABERNARDA Raffaele, MARTINELLI Alfonso, MAZZA Massimiliano, MIRANDA Giovanni, MONTELLA Antonio, MOSCA Vincenzo, PARASCANDOLO Raffaele, RUSSO Tammaro, SAGLIANO Giuseppe, TUDISCO Dario, UCCIERO Augusto, in qualità di titolari formali e/o di fatto di attività economico imprenditoriali nel settore delle scommesse sportive, attraverso i punti scommessa che conducevano inh varie lovcalità casertane e napoletane, promuovevano la raccolta clandestina delle giocate, anche attraverso la pubblicizzazione delle piattaforme su siti internet quali Subito.it, così contribuendo a diffondere capillarmente sul territorio, anche fuori dai confini della Campania in particolare in Sicilia ed in Puglia il sistema illegale di accettazione delle scommesse, con conseguente incremento delle disponibilità finanziare dell associazione mafiosa capeggiata da VENOSA Salvatore, in tal modo assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti; -DI NAPOLI Antonio e NARDULLI Alessandro, in qualità di collaboratori di fiducia di SPORTIELLO Salvatore ed attivamente impegnati nella conduzione della toto-ricevitoria denominata Milord di Giugliano in Campania, contribuendo alla periodica contabilizzazione degli ingenti profitti illeciti prodotti da tale agenzia, che venivano suddivisi in diverse quote prestabilite che, rispettivamente, confluivano nelle casse del clan capeggiato da VENOSA Salvatore, e degli altri associati, tra i quali SPORTIELLO Luigi, così assicurando notevoli disponibilità finanziarie alla citata associazione mafiosa, indirettamente garantendone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti. Con l aggravante per tutti: dall essere costituita l associazione da dieci o più associati; dall aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni di cui all art. 416 bis c.p. e di aver agevolato il clan dei casalesi esercitando continuativamente e capillarmente la raccolta delle scommesse clandestine, così alimentando le casse del clan a cui erano dirette le somme provento delle attività svolte, concorrendo in misura determinante alla sopravvivenza del sodalizio, consentendo il pagamento degli stipendi e di far fronte alle spese correnti, al controllo del territorio ed al mantenimento in vita della gestione in regime di monopolio della lucrosa attività criminale. Accertato in San Cipriano d Aversa ed in altre zone della provincia di Caserta, nonché in Giugliano in Campania e nella provincia di Napoli, con ramificazioni in diverse parti del territorio nazionale (Sicilia, Calabria, Puglia), da aprile 2012 fino ad almeno settembre DI NARDO Giovanni, SPORTIELLO Antonio, SPORTIELLO Luigi D) del reato di cui agli artt. 81 cpv, 110, 513 bis c.p. e art. 7 L. 203/1991 perché, agendo in concorso ed unione tra loro, nonché con altri soggetti allo stato non 9

10 identificati, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, mediante violenza e minaccia, consistita nell aver avvicinato il gestore di un agenzia abusiva di scommesse, ubicata in Giugliano in Campania alla 1^ traversa di via per Barracano e nell avergli intimato la cessazione della attività di scommesse e di non accettare più giocate al fine di evitare la concorrenza con le vicine agenzie di scommesse condotte da SPORTIELLO Antonio site in Giugliano in Campania alla via Oasi del Sacro Cuore n. 61 e al corso Campano n. 584, formalmente intestate a LEGORANO Filomena e SPORTIELLO Giuseppe, rispettivamente moglie e figlio di SPORTIELLO Antonio così costringendolo a chiudere l attività abusiva avviata (sul punto cfr. prog. 62 censurato sull Imei in uso a SPORTIELLO Luigi e prog censurato sull utenza in uso a DI NARDO Giovanni). Con l aggravante di aver commesso il fatto: esercitando la minaccia in più persone riunite; avvalendosi delle condizioni previste dall art. 416 bis c.p. ed al fine di agevolare l attività dell associazione camorristica localmente denominata clan dei casalesi, capeggiata da VENOSA Salvatore, che attraverso i proventi dell esercizio abusivo dell attività di scommessa alimentava le casse del clan, così assicurando la sopravvivenza dell organizzazione camorristica ed il perseguimento dei suoi fini illeciti. Accertato in Giugliano in Campania a maggio DI NARDO Giovanni, DI NARDO Michele, VENOSA Salvatore E) del reato di cui agli artt. 81 comma II e 110 c.p., agli artt. 86, 88 e 110 T.U.L.P.S., all art. 4 commi I e IV bis L. 401/1989 e all art. 7 L. 203/1991 perché, in concorso tra loro, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, nei rispettivi ruoli sopra descritti, al fine di procurarsi un illecito vantaggio, ancorché sprovvisti di autorizzazioni rilasciate dall Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato e di licenza di pubblica sicurezza, esercitavano abusivamente l organizzazione di scommesse riservate per legge allo Stato e/o al C.O.N.I., predisponendo, quindi, un complesso di persone e mezzi tra i quali ultimi i siti internet realizzati dai citati esperti informatici al fine di compiere gli atti attraverso i quali si articola la gestione delle scommesse, cioè l individuazione delle competizioni e degli eventi sui quali poter esprimere i pronostici, la fissazione delle quote e, soprattutto, l accettazione delle scommesse, ossia quelle operazioni collegate alla raccolta delle giocate (l incasso delle poste, il rilascio di ricevute) ed il pagamento delle eventuali vincite. Con l aggravante di aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni previste dall art. 416 bis c.p. ed al fine di agevolare l attività dell associazione camorristica localmente denominata clan dei casalesi, capeggiata da VENOSA Salvatore, che con i proventi delle scommesse clandestine contribuivano alle esigenze dell organizzazione camorristica, così assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti. Accertato in San Cipriano d Aversa, Csapesenna, Cancello ed Arnone ed in altre zone della provincia di Caserta, almeno da aprile 2012 fino ad almeno settembre

11 SPORTIELLO Luigi F) del reato di cui all art. 81 comma II c.p., agli artt. 86, 88 e 110 T.U.L.P.S., all art. 4 commi I e IV bis L. 401/1989 e all art. 7 L. 203/1991 perché, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, al fine di procurarsi un illecito vantaggio, ancorché sprovvisto di autorizzazioni rilasciate dall Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato e di licenza di pubblica sicurezza, esercitava abusivamente l organizzazione di scommesse riservate per legge allo Stato e/o al C.O.N.I., predisponendo, quindi, un complesso di persone e mezzi tra i quali ultimi i siti internet realizzati dai citati esperti informatici al fine di compiere gli atti attraverso i quali si articola la gestione delle scommesse, cioè l individuazione delle competizioni e degli eventi sui quali poter esprimere i pronostici, la fissazione delle quote e, soprattutto, l accettazione delle scommesse, ossia quelle operazioni collegate alla raccolta delle giocate (l incasso delle poste, il rilascio di ricevute) ed il pagamento delle eventuali vincite. Con l aggravante di aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni previste dall art. 416 bis c.p. ed al fine di agevolare l attività dell associazione camorristica localmente denominata clan dei casalesi, capeggiata da VENOSA Salvatore, che con i proventi delle scommesse clandestine contribuivano alle esigenze dell organizzazione camorristica, così assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti. Accertato in Giugliano in Campania ed in altre zone delle province di Napoli e Caserta, almeno da aprile 2012 fino ad almeno settembre CARABINO Gregorio G) del reato di cui all art. 81 comma II c.p., agli artt. 86, 88 e 110 T.U.L.P.S., all art. 4 commi I e IV bis L. 401/1989 e all art. 7 L. 203/1991 perché, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, al fine di procurarsi un illecito vantaggio, ancorché sprovvisto di autorizzazioni rilasciate dall Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato e di licenza di pubblica sicurezza, esercitava abusivamente l organizzazione di scommesse riservate per legge allo Stato e/o al C.O.N.I., predisponendo, quindi, un complesso di persone e mezzi tra i quali ultimi i siti internet realizzati da lui e dagli altri esperti informatici al fine di compiere gli atti attraverso i quali si articola la gestione delle scommesse, cioè l individuazione delle competizioni e degli eventi sui quali poter esprimere i pronostici, la fissazione delle quote e, soprattutto, l accettazione delle scommesse, ossia quelle operazioni collegate alla raccolta delle giocate (l incasso delle poste, il rilascio di ricevute) ed il pagamento delle eventuali vincite. Con l aggravante di aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni previste dall art. 416 bis c.p. ed al fine di agevolare l attività dell associazione camorristica localmente denominata clan dei casalesi, capeggiata da VENOSA Salvatore, che con i proventi delle scommesse clandestine contribuivano alle esigenze 11

12 dell organizzazione camorristica, così assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti. Accertato in provincia di Napoli e Caserta, almeno da aprile 2012 fino ad almeno settembre CITARELLA Francesco H) del reato di cui all art. 81 comma II c.p., agli artt. 86, 88 e 110 T.U.L.P.S., all art. 4 commi I e IV bis L. 401/1989 e all art. 7 L. 203/1991 perché, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, al fine di procurarsi un illecito vantaggio, ancorché sprovvisto di autorizzazioni rilasciate dall Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato e di licenza di pubblica sicurezza, esercitava abusivamente l organizzazione di scommesse riservate per legge allo Stato e/o al C.O.N.I., predisponendo, quindi, un complesso di persone e mezzi tra i quali ultimi i siti internet realizzati da lui e dagli altri esperti informatici al fine di compiere gli atti attraverso i quali si articola la gestione delle scommesse, cioè l individuazione delle competizioni e degli eventi sui quali poter esprimere i pronostici, la fissazione delle quote e, soprattutto, l accettazione delle scommesse, ossia quelle operazioni collegate alla raccolta delle giocate (l incasso delle poste, il rilascio di ricevute) ed il pagamento delle eventuali vincite. Con l aggravante di aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni previste dall art. 416 bis c.p. ed al fine di agevolare l attività dell associazione camorristica localmente denominata clan dei casalesi, capeggiata da VENOSA Salvatore, che con i proventi delle scommesse clandestine contribuivano alle esigenze dell organizzazione camorristica, così assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti. Accertato in provincia di Napoli e Caserta, almeno da aprile 2012 fino ad almeno settembre DEL PRETE Gaetano I) del reato di cui all art. 81 comma II c.p., agli artt. 86, 88 e 110 T.U.L.P.S., all art. 4 commi I e IV bis L. 401/1989 e all art. 7 L. 203/1991 perché, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, al fine di procurarsi un illecito vantaggio, ancorché sprovvisto di autorizzazioni rilasciate dall Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato e di licenza di pubblica sicurezza, esercitava abusivamente l organizzazione di scommesse riservate per legge allo Stato e/o al C.O.N.I., predisponendo, quindi, un complesso di persone e mezzi tra i quali ultimi i siti internet realizzati da lui e dagli altri esperti informatici al fine di compiere gli atti attraverso i quali si articola la gestione delle scommesse, cioè l individuazione delle competizioni e degli eventi sui quali poter esprimere i pronostici, la fissazione delle quote e, soprattutto, l accettazione delle scommesse, ossia quelle operazioni collegate alla raccolta delle giocate (l incasso delle poste, il rilascio di ricevute) ed il pagamento delle eventuali vincite. Con l aggravante di aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni previste dall art. 416 bis c.p. ed al fine di agevolare l attività dell associazione camorristica 12

13 localmente denominata clan dei casalesi, capeggiata da VENOSA Salvatore, che con i proventi delle scommesse clandestine contribuivano alle esigenze dell organizzazione camorristica, così assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti. Accertato in provincia di Napoli e Caserta, almeno da aprile 2012 fino ad almeno settembre IMPERATORE Sergio J) del reato di cui all art. 81 comma II c.p., agli artt. 86, 88 e 110 T.U.L.P.S., all art. 4 commi I e IV bis L. 401/1989 e all art. 7 L. 203/1991 perché, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, al fine di procurarsi un illecito vantaggio, ancorché sprovvisto di autorizzazioni rilasciate dall Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato e di licenza di pubblica sicurezza, esercitava abusivamente l organizzazione di scommesse riservate per legge allo Stato e/o al C.O.N.I., predisponendo, quindi, un complesso di persone e mezzi tra i quali ultimi i siti internet realizzati da lui e dagli altri esperti informatici al fine di compiere gli atti attraverso i quali si articola la gestione delle scommesse, cioè l individuazione delle competizioni e degli eventi sui quali poter esprimere i pronostici, la fissazione delle quote e, soprattutto, l accettazione delle scommesse, ossia quelle operazioni collegate alla raccolta delle giocate (l incasso delle poste, il rilascio di ricevute) ed il pagamento delle eventuali vincite. Con l aggravante di aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni previste dall art. 416 bis c.p. ed al fine di agevolare l attività dell associazione camorristica localmente denominata clan dei casalesi, capeggiata da VENOSA Salvatore, che con i proventi delle scommesse clandestine contribuivano alle esigenze dell organizzazione camorristica, così assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti. Accertato in provincia di Napoli e Caserta, almeno da aprile 2012 fino ad almeno settembre SPORTIELLO Antonio K) del reato di cui all art. 81 comma II c.p., all art. 4 commi I e IV bis L. 401/1989 e all art. 7 L. 203/1991 perché, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, al fine di procurarsi un illecito vantaggio, presso la cartolibreria corrente in Giugliano in Campania alla via Oasi del Sacro Cuore n. 61, formalmente intestata alla moglie LEGORANO Filomena, concessionaria di autorizzazione rilasciata da AAMS, e presso l esercizio commerciale denominato Cartoleria Innamorati, con sede in Giugliano in Campania al corso Campano n. 584, formalmente intestato al figlio SPORTIELLO Giuseppe, anche quest ultimo concessionario di autorizzazione rilasciata da AAMS, sfruttando entrambe le autorizzazioni quale copertura dell attività illegale, esercitava abusivamente l organizzazione di scommesse riservate per legge allo Stato e/o al C.O.N.I., predisponendo, quindi, un complesso di persone e mezzi tra i quali ultimi i siti internet realizzati dai citati esperti informatici al fine di compiere gli atti attraverso i quali si articola la gestione delle 13

14 scommesse, cioè l individuazione delle competizioni e degli eventi sui quali poter esprimere i pronostici, la fissazione delle quote e, soprattutto, l accettazione delle scommesse, ossia quelle operazioni collegate alla raccolta delle giocate (l incasso delle poste, il rilascio di ricevute) ed il pagamento delle eventuali vincite. Con l aggravante di aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni previste dall art. 416 bis c.p. ed al fine di agevolare l attività dell associazione camorristica localmente denominata clan dei casalesi, capeggiata da VENOSA Salvatore, che con i proventi delle scommesse clandestine contribuiva alle esigenze dell organizzazione camorristica, così assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti. Accertato in Giugliano in Campania almeno da aprile 2012 fino ad almeno settembre SPORTIELLO Salvatore, DI NAPOLI Antonio, NARDULLI Alessandro L) del reato di cui agli artt. 81 comma II, 110 c.p., all art. 4 commi I e IV bis L. 401/1989 e all art. 7 L. 203/1991 perché, in concorso tra loro, lo SPORTIELLO in qualità di titolare di fatto della toto-ricevitoria denominata Milord, ubicata in Giugliano in Campania alla via A. Palumbo n. 56, formalmente intestata alla cugina D ARBITRIO Maria Domenica, il DI NAPOLI ed il NARDULLI in qualità di fidati collaboratori dello SPORTIELLO, sfruttando quale copertura dell attività illegale l autorizzazione n per la raccolta di scommesse sportive on line, rilasciata alla citata D ARBITRIO il 30 ottobre 2002 dall Ufficio Zonale Concorsi e Pronostici di Napoli del C.O.N.I., con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, al fine di procurarsi un illecito vantaggio, esercitavano abusivamente l organizzazione di scommesse riservate per legge allo Stato e/o al C.O.N.I., predisponendo, quindi, un complesso di persone e mezzi tra i quali ultimi i siti internet realizzati dai citati esperti informatici al fine di compiere gli atti attraverso i quali si articola la gestione delle scommesse, cioè l individuazione delle competizioni e degli eventi sui quali poter esprimere i pronostici, la fissazione delle quote e, soprattutto, l accettazione delle scommesse, ossia quelle operazioni collegate alla raccolta delle giocate (l incasso delle poste, il rilascio di ricevute) ed il pagamento delle eventuali vincite. Con l aggravante di aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni previste dall art. 416 bis c.p. ed al fine di agevolare l attività dell associazione camorristica localmente denominata clan dei casalesi, capeggiata da VENOSA Salvatore, che con i proventi delle scommesse clandestine contribuiva alle esigenze dell organizzazione camorristica, così assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti. Accertato in Giugliano in Campania almeno da aprile 2012 fino ad almeno settembre ALFIERO Andrea, ALFIERO Marco, ALFIERO Vittorio M) del reato di cui agli artt. 81 comma II e 110 c.p., agli artt. 86, 88 e 110 T.U.L.P.S., all art. 4 commi I e IV bis L. 401/1989 e all art. 7 L. 203/1991 perché, in concorso tra loro, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, al fine di procurarsi un illecito vantaggio, ancorché sprovvisti di 14

15 autorizzazioni rilasciate dall Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato e di licenza di pubblica sicurezza, esercitavano abusivamente l organizzazione di scommesse riservate per legge allo Stato e/o al C.O.N.I., predisponendo, quindi, un complesso di persone e mezzi tra i quali ultimi i siti internet realizzati dai citati esperti informatici, al fine di compiere gli atti attraverso i quali si articola la gestione delle scommesse, cioè l individuazione delle competizioni e degli eventi sui quali poter esprimere i pronostici, la fissazione delle quote e, soprattutto, l accettazione delle scommesse, ossia quelle operazioni collegate alla raccolta delle giocate (l incasso delle poste, il rilascio di ricevute) ed il pagamento delle eventuali vincite. Con l aggravante di aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni previste dall art. 416 bis c.p. ed al fine di agevolare l attività dell associazione camorristica localmente denominata clan dei casalesi, capeggiata da VENOSA Salvatore, che con i proventi delle scommesse clandestine contribuivano alle esigenze dell organizzazione camorristica, così assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti. Accertato in Castel Volturno, sul litorale domitio ed in altre zone della provincia di Caserta, almeno da aprile 2012 fino ad almeno settembre ANNICELLI Francesco N) del reato di cui all art. 81 comma II c.p., all art. 4 commi I e IV bis L. 401/1989 e all art. 7 L. 203/1991 perché, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, al fine di procurarsi un illecito vantaggio, presso il bar Apocalypto Cafè, corrente in Giugliano in Campania al corso Campano n. 602, formalmente intestato alla moglie GRANATA Giuseppina, concessionaria di autorizzazione rilasciata da AAMS, sfruttata quale copertura dell attività illegale, esercitava abusivamente l organizzazione di scommesse riservate per legge allo Stato e/o al C.O.N.I., predisponendo, quindi, un complesso di persone e mezzi tra i quali ultimi i siti internet realizzati dai citati esperti informatici al fine di compiere gli atti attraverso i quali si articola la gestione delle scommesse, cioè l individuazione delle competizioni e degli eventi sui quali poter esprimere i pronostici, la fissazione delle quote e, soprattutto, l accettazione delle scommesse, ossia quelle operazioni collegate alla raccolta delle giocate (l incasso delle poste, il rilascio di ricevute) ed il pagamento delle eventuali vincite. Con l aggravante di aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni previste dall art. 416 bis c.p. ed al fine di agevolare l attività dell associazione camorristica localmente denominata clan dei casalesi, capeggiata da VENOSA Salvatore, che con i proventi delle scommesse clandestine contribuiva alle esigenze dell organizzazione camorristica, così assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti. Accertato in Giugliano in Campania almeno da aprile 2012 fino ad almeno settembre CAPONE Mario 15

16 O) del reato di cui all art. 81 comma II c.p., all art. 4 commi I e IV bis L. 401/1989 e all art. 7 L. 203/1991 perché, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, al fine di procurarsi un illecito vantaggio, presso la sala giochi denominata Ciak Video, ubicata in Castel Volturno alla via Nuova n. 17, per la quale è concessionario di autorizzazione rilasciata da AAMS, sfruttata quale copertura dell attività illegale, esercitava abusivamente l organizzazione di scommesse riservate per legge allo Stato e/o al C.O.N.I., predisponendo, quindi, un complesso di persone e mezzi tra i quali ultimi i siti internet realizzati dai citati esperti informatici al fine di compiere gli atti attraverso i quali si articola la gestione delle scommesse, cioè l individuazione delle competizioni e degli eventi sui quali poter esprimere i pronostici, la fissazione delle quote e, soprattutto, l accettazione delle scommesse, ossia quelle operazioni collegate alla raccolta delle giocate (l incasso delle poste, il rilascio di ricevute) ed il pagamento delle eventuali vincite. Con l aggravante di aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni previste dall art. 416 bis c.p. ed al fine di agevolare l attività dell associazione camorristica localmente denominata clan dei casalesi, capeggiata da VENOSA Salvatore, che con i proventi delle scommesse clandestine contribuiva alle esigenze dell organizzazione camorristica, così assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti. Accertato in Castel Volturno almeno da aprile 2012 fino ad almeno settembre CAROFANO Nicola P) del reato di cui all art. 81 comma II c.p., agli artt. 86, 88 e 110 T.U.L.P.S., all art. 4 commi I e IV bis L. 401/1989 e all art. 7 L. 203/1991 perché, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, al fine di procurarsi un illecito vantaggio, ancorché sprovvisto di autorizzazioni rilasciate dall Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato e di licenza di pubblica sicurezza, presso l Internet Point denominato La Piazza, ubicato in Villa Literno alla via Pedana n. 2, esercitava abusivamente l organizzazione di scommesse riservate per legge allo Stato e/o al C.O.N.I., predisponendo, quindi, un complesso di persone e mezzi tra i quali ultimi i siti internet realizzati dai citati esperti informatici al fine di compiere gli atti attraverso i quali si articola la gestione delle scommesse, cioè l individuazione delle competizioni e degli eventi sui quali poter esprimere i pronostici, la fissazione delle quote e, soprattutto, l accettazione delle scommesse, ossia quelle operazioni collegate alla raccolta delle giocate (l incasso delle poste, il rilascio di ricevute) ed il pagamento delle eventuali vincite. Con l aggravante di aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni previste dall art. 416 bis c.p. ed al fine di agevolare l attività dell associazione camorristica localmente denominata clan dei casalesi, capeggiata da VENOSA Salvatore, che con i proventi delle scommesse clandestine contribuiva alle esigenze dell organizzazione camorristica, così assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti. Accertato in Villa Literno almeno da aprile 2012 fino ad almeno settembre

17 PARASCANDOLO Raffaele, CARROZZOLI Lorenzo Q) del reato di cui agli artt. 81 comma II, 110 c.p., all art. 4 commi I e IV bis L. 401/1989 e all art. 7 L. 203/1991 perché, in concorso tra loro, il PARASCANDOLO in qualità di titolare dell internet point ubicato in Castel Volturno al viale Degli Oleandri n. 65, il CARROZZOLI in quanto suo fidato collaboratore, sfruttando quale copertura dell attività illegale l autorizzazione rilasciata da AAMS allo stesso PARASCANDOLO, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, al fine di procurarsi un illecito vantaggio, esercitavano abusivamente l organizzazione di scommesse riservate per legge allo Stato e/o al C.O.N.I., predisponendo, quindi, un complesso di persone e mezzi tra i quali ultimi i siti internet realizzati dai citati esperti informatici al fine di compiere gli atti attraverso i quali si articola la gestione delle scommesse, cioè l individuazione delle competizioni e degli eventi sui quali poter esprimere i pronostici, la fissazione delle quote e, soprattutto, l accettazione delle scommesse, ossia quelle operazioni collegate alla raccolta delle giocate (l incasso delle poste, il rilascio di ricevute) ed il pagamento delle eventuali vincite. Con l aggravante di aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni previste dall art. 416 bis c.p. ed al fine di agevolare l attività dell associazione camorristica localmente denominata clan dei casalesi, capeggiata da VENOSA Salvatore, che con i proventi delle scommesse clandestine contribuiva alle esigenze dell organizzazione camorristica, così assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti. Accertato in Castel Volturno almeno da aprile 2012 fino ad almeno settembre CATENA Federico R) del reato di cui all art. 81 comma II c.p., agli artt. 86, 88 e 110 T.U.L.P.S., all art. 4 commi I e IV bis L. 401/1989 e all art. 7 L. 203/1991 perché, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, al fine di procurarsi un illecito vantaggio, ancorché sprovvisto di autorizzazioni rilasciate dall Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato e di licenza di pubblica sicurezza, esercitava abusivamente l organizzazione di scommesse riservate per legge allo Stato e/o al C.O.N.I., predisponendo, quindi, un complesso di persone e mezzi tra i quali ultimi i siti internet realizzati dai citati esperti informatici al fine di compiere gli atti attraverso i quali si articola la gestione delle scommesse, cioè l individuazione delle competizioni e degli eventi sui quali poter esprimere i pronostici, la fissazione delle quote e, soprattutto, l accettazione delle scommesse, ossia quelle operazioni collegate alla raccolta delle giocate (l incasso delle poste, il rilascio di ricevute) ed il pagamento delle eventuali vincite. Con l aggravante di aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni previste dall art. 416 bis c.p. ed al fine di agevolare l attività dell associazione camorristica localmente denominata clan dei casalesi, capeggiata da VENOSA Salvatore, che con i proventi delle scommesse clandestine contribuiva alle esigenze 17

18 dell organizzazione camorristica, così assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti. Accertato in Villa Literno almeno da aprile 2012 fino ad almeno settembre COLELLA Giovanni Battista S) del reato di cui all art. 81 comma II c.p., all art. 4 commi I e IV bis L. 401/1989 e all art. 7 L. 203/1991 perché, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, al fine di procurarsi un illecito vantaggio, presso l Internet Point ubicato in Marcianise alla via S. Merola n. 13, per il quale è concessionario di autorizzazione rilasciata da AAMS, sfruttata quale copertura dell attività illegale, esercitava abusivamente l organizzazione di scommesse riservate per legge allo Stato e/o al C.O.N.I., predisponendo, quindi, un complesso di persone e mezzi tra i quali ultimi i siti internet realizzati dai citati esperti informatici al fine di compiere gli atti attraverso i quali si articola la gestione delle scommesse, cioè l individuazione delle competizioni e degli eventi sui quali poter esprimere i pronostici, la fissazione delle quote e, soprattutto, l accettazione delle scommesse, ossia quelle operazioni collegate alla raccolta delle giocate (l incasso delle poste, il rilascio di ricevute) ed il pagamento delle eventuali vincite. Con l aggravante di aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni previste dall art. 416 bis c.p. ed al fine di agevolare l attività dell associazione camorristica localmente denominata clan dei casalesi, capeggiata da VENOSA Salvatore, che con i proventi delle scommesse clandestine contribuiva alle esigenze dell organizzazione camorristica, così assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti. Accertato in Marcianise almeno da aprile 2012 fino ad almeno settembre DI BERNARDO Giovanni T) del reato di cui all art. 81 comma II c.p., agli artt. 86, 88 e 110 T.U.L.P.S., all art. 4 commi I e IV bis L. 401/1989 e all art. 7 L. 203/1991 perché, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, al fine di procurarsi un illecito vantaggio, ancorché sprovvisto di autorizzazioni rilasciate dall Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato e di licenza di pubblica sicurezza, esercitava abusivamente l organizzazione di scommesse riservate per legge allo Stato e/o al C.O.N.I., predisponendo, quindi, un complesso di persone e mezzi tra i quali ultimi i siti internet realizzati dai citati esperti informatici al fine di compiere gli atti attraverso i quali si articola la gestione delle scommesse, cioè l individuazione delle competizioni e degli eventi sui quali poter esprimere i pronostici, la fissazione delle quote e, soprattutto, l accettazione delle scommesse, ossia quelle operazioni collegate alla raccolta delle giocate (l incasso delle poste, il rilascio di ricevute) ed il pagamento delle eventuali vincite. Con l aggravante di aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni previste dall art. 416 bis c.p. ed al fine di agevolare l attività dell associazione camorristica localmente denominata clan dei casalesi, capeggiata da VENOSA Salvatore, che con i proventi delle scommesse clandestine contribuiva alle esigenze 18

19 dell organizzazione camorristica, così assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti. Accertato in Cesa almeno da aprile 2012 fino ad almeno settembre ESPOSITO Vincenzo U) del reato di cui all art. 81 comma II c.p., all art. 4 commi I e IV bis L. 401/1989 e all art. 7 L. 203/1991 perché, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, al fine di procurarsi un illecito vantaggio, presso il bar Esposito, ubicato in Napoli alla piazza Madonna dell Arco n. 19/20, di cui è titolare e per il quale è concessionario di autorizzazione rilasciata da AAMS, sfruttata quale copertura dell attività illegale, esercitava abusivamente l organizzazione di scommesse riservate per legge allo Stato e/o al C.O.N.I., predisponendo, quindi, un complesso di persone e mezzi tra i quali ultimi i siti internet realizzati dai citati esperti informatici al fine di compiere gli atti attraverso i quali si articola la gestione delle scommesse, cioè l individuazione delle competizioni e degli eventi sui quali poter esprimere i pronostici, la fissazione delle quote e, soprattutto, l accettazione delle scommesse, ossia quelle operazioni collegate alla raccolta delle giocate (l incasso delle poste, il rilascio di ricevute) ed il pagamento delle eventuali vincite. Con l aggravante di aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni previste dall art. 416 bis c.p. ed al fine di agevolare l attività dell associazione camorristica localmente denominata clan dei casalesi, capeggiata da VENOSA Salvatore, che con i proventi delle scommesse clandestine contribuiva alle esigenze dell organizzazione camorristica, così assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti. Accertato in Napoli almeno da aprile 2012 fino ad almeno settembre FORTELLI Pio V) del reato di cui all art. 81 comma II c.p., agli artt. 86, 88 e 110 T.U.L.P.S., all art. 4 commi I e IV bis L. 401/1989 e all art. 7 L. 203/1991 perché, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, al fine di procurarsi un illecito vantaggio, ancorché sprovvisto di autorizzazioni rilasciate dall Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato e di licenza di pubblica sicurezza, esercitava abusivamente l organizzazione di scommesse riservate per legge allo Stato e/o al C.O.N.I., predisponendo, quindi, un complesso di persone e mezzi tra i quali ultimi i siti internet realizzati dai citati esperti informatici al fine di compiere gli atti attraverso i quali si articola la gestione delle scommesse, cioè l individuazione delle competizioni e degli eventi sui quali poter esprimere i pronostici, la fissazione delle quote e, soprattutto, l accettazione delle scommesse, ossia quelle operazioni collegate alla raccolta delle giocate (l incasso delle poste, il rilascio di ricevute) ed il pagamento delle eventuali vincite. Con l aggravante di aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni previste dall art. 416 bis c.p. ed al fine di agevolare l attività dell associazione camorristica localmente denominata clan dei casalesi, capeggiata da VENOSA Salvatore, che 19

20 con i proventi delle scommesse clandestine contribuiva alle esigenze dell organizzazione camorristica, così assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti. Accertato in Napoli almeno da aprile 2012 fino ad almeno settembre GIANNUZZI SAVELLI Massimo W) del reato di cui all art. 81 comma II c.p., all art. 4 commi I e IV bis L. 401/1989 e all art. 7 L. 203/1991 perché, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, al fine di procurarsi un illecito vantaggio, presso il bar Unomass, ubicato in Napoli alla via Federico Persico n. 52/54, del quale è titolare e per il quale è concessionario di autorizzazione rilasciata da AAMS, sfruttata quale copertura dell attività illegale, esercitava abusivamente l organizzazione di scommesse riservate per legge allo Stato e/o al C.O.N.I., predisponendo, quindi, un complesso di persone e mezzi tra i quali ultimi i siti internet realizzati dai citati esperti informatici al fine di compiere gli atti attraverso i quali si articola la gestione delle scommesse, cioè l individuazione delle competizioni e degli eventi sui quali poter esprimere i pronostici, la fissazione delle quote e, soprattutto, l accettazione delle scommesse, ossia quelle operazioni collegate alla raccolta delle giocate (l incasso delle poste, il rilascio di ricevute) ed il pagamento delle eventuali vincite. Con l aggravante di aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni previste dall art. 416 bis c.p. ed al fine di agevolare l attività dell associazione camorristica localmente denominata clan dei casalesi, capeggiata da VENOSA Salvatore, che con i proventi delle scommesse clandestine contribuiva alle esigenze dell organizzazione camorristica, così assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti. Accertato in Napoli almeno da aprile 2012 fino ad almeno settembre GIUGNO Raffaele X) del reato di cui all art. 81 comma II c.p., all art. 4 commi I e IV bis L. 401/1989 e all art. 7 L. 203/1991 perché, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, al fine di procurarsi un illecito vantaggio, presso i seguenti esercizi commerciali: bar Le Plasir, ubicato in Aversa al viale Europa n. 356; bar Le Plasir Caffè ubicato in San Marcellino alla via Verdi n. 6; Internet Point denominato VinciTù Pointbet, ubicato in Aversa al viale Europa n. 392, tutti concessionari di autorizzazioni rilasciate da AAMS, sfruttate quale copertura dell attività illegale, esercitava abusivamente l organizzazione di scommesse riservate per legge allo Stato e/o al C.O.N.I., predisponendo, quindi, un complesso di persone e mezzi tra i quali ultimi i siti internet realizzati dai citati esperti informatici al fine di compiere gli atti attraverso i quali si articola la gestione delle scommesse, cioè l individuazione delle competizioni e degli eventi sui quali poter esprimere i pronostici, la fissazione delle quote e, soprattutto, l accettazione delle 20

Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all

Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all Indagine Fort Knox Roma, 08 aprile 2014 Indagine Fort Knox Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA COMANDO PROVINCIALE AREZZO

GUARDIA DI FINANZA COMANDO PROVINCIALE AREZZO GUARDIA DI FINANZA COMANDO PROVINCIALE AREZZO SENATO DELLA REPUBBLICA X COMMISSIONE (INDUSTRIA, COMMERCIO E TURISMO) INDAGINE FORT KNOX AUDIZIONE DEL Colonnello t.issmi Dario Solombrino Comandante Provinciale

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni;

IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni; Prot. n. 4084 AGENZIA DELLE DOGANE E DEI MONOPOLI IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni; VISTO l articolo 12, comma 1, lettera m), del decreto-legge

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI CONFERITI DAL COMUNE DI DESIO

INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI CONFERITI DAL COMUNE DI DESIO Area Affari Generali Servizio Società Partecipate INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI CONFERITI DAL COMUNE DI DESIO Di seguito si riportano i dati relativi alle partecipazioni in società

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati I circoli privati rappresentano, da sempre, un problema nella gestione delle attività di controllo sul territorio

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento?

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento? IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI A chi mi rivolgo? L' dell garantisce a tutti i soggetti interessati l'esercizio dei diritti d informazione e di accesso ai documenti amministrativi, e favorisce la conoscenza

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v.

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CROTONE Prot. n. 25161 del 21/05/2012 BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA Fornitura di Prodotti Disinfestanti e Derattizzanti

Dettagli

PARTE SPECIALE 3 Altri reati

PARTE SPECIALE 3 Altri reati MODELLO ORGANIZZATIVO ai sensi del D.Lgs. 231/2001 PAGINA 1 DI 13 - SOMMARIO 1. TIPOLOGIA DI REATI... 3 1.1 DELITTI CONTRO LA PERSONALITA INDIVIDUALE... 3 1.2 SICUREZZA SUL LAVORO... 3 1.3 RICETTAZIONE,

Dettagli

TITOLOPROGETTO SEDE DI ATTUAZIONE N. VOL... ED IO AVRÒ CURA DI TE A CASTELLAMMARE - Viale Europa -

TITOLOPROGETTO SEDE DI ATTUAZIONE N. VOL... ED IO AVRÒ CURA DI TE A CASTELLAMMARE - Viale Europa - BANDO PER LA SELEZIONE DI 2.005 VOLONTARI DA IMPIEGARE IN PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA EUROPEO GARANZIA GIOVANI NELLA REGIONE CAMPANIA Art. 1 Progetti e sedi di

Dettagli

ORDINANZA DI APPLICAZIONE DI MISURE CAUTELARI - artt. 272 e segg. c.p.p. - Il Giudice delle indagini preliminari, dott.ssa Flavia Costantini,

ORDINANZA DI APPLICAZIONE DI MISURE CAUTELARI - artt. 272 e segg. c.p.p. - Il Giudice delle indagini preliminari, dott.ssa Flavia Costantini, 30546/10 R.G. Mod. 21 TRIBUNALE DI ROMA Ufficio VI GIP ORDINANZA DI APPLICAZIONE DI MISURE CAUTELARI - artt. 272 e segg. c.p.p. - Il Giudice delle indagini preliminari, dott.ssa Flavia Costantini, visti

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

------ Francesco Menditto Magistrato del Tribunale di Napoli - sezione per l applicazione delle misure di prevenzione- ------ Sommario

------ Francesco Menditto Magistrato del Tribunale di Napoli - sezione per l applicazione delle misure di prevenzione- ------ Sommario Gli strumenti di aggressione ai patrimoni illecitamente accumulati dalle organizzazioni di tipo mafioso : normativa, prassi e criticità dei procedimenti giudiziari -sequestro e confisca, penale e di prevenzione-

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Prot. n. 4582/1 Foggia, 20.8.2013 IL DIRIGENTE

Prot. n. 4582/1 Foggia, 20.8.2013 IL DIRIGENTE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la PUGLIA Direzione Generale Ufficio IX Ambito Territoriale Foggia Prot. n. 4582/1 Foggia, 20.8.2013 IL DIRIGENTE

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. ALEMANNO RICCARDO Data di nascita 21/02/1971

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. ALEMANNO RICCARDO Data di nascita 21/02/1971 INFORMAZIONI PERSONALI Nome ALEMANNO RICCARDO Data di nascita 21/02/1971 Qualifica I Fascia Amministrazione ASL CASERTA (EX ASL 1 e 2) Incarico attuale Dirigente ASL I fascia - Unità Operativa Veterinaria

Dettagli

Comune di Bitonto. Nome e Cognome. Luogo e data di nascita BARI 2-4-1987

Comune di Bitonto. Nome e Cognome. Luogo e data di nascita BARI 2-4-1987 Comune di Bitonto CARELLI PASQUALE Luogo e data di nascita BARI 2-4-1987 Spese CICCARONE GIOVANNI P. Luogo e data di nascita BITONTO 28/5/1962 CUOCCIO FRANCESCO P. Luogo e data di nascita BARI 24/10/1977

Dettagli

GRADUATORIA D'ISTITUTO PER NOMINE A TEMPO DETERMINATO - DEFINITIVA DENOMINAZIONE : SALERNO "MONTERISI" LORIA COMUNE : SALERNO

GRADUATORIA D'ISTITUTO PER NOMINE A TEMPO DETERMINATO - DEFINITIVA DENOMINAZIONE : SALERNO MONTERISI LORIA COMUNE : SALERNO AB77 - CHITARRA PAG. 1008 000001 BARONE MARIO SA/135710 0,00 0,00 6,00 126,00 66,00 15,00 Q X 213,00 2014 02/12/1985 (NA) BRNMRA85T02L245D VIA CARMINIELLO 7, E 14 80058 TORRE ANNUNZIATA (NA) SAMM17400V

Dettagli

Chiarimenti in materia di rilascio di garanzie

Chiarimenti in materia di rilascio di garanzie Chiarimenti in materia di rilascio di garanzie L andamento del ciclo economico e le numerose norme che, a vario titolo, richiedono la presentazione di garanzie a supporto di obbligazioni assunte hanno

Dettagli

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Molti sono i reati che confinano con quello di cui all articolo 572 del codice penale. Si tratta di fattispecie penali che possono avere

Dettagli

COMUNE DI SALICE SALENTINO Provincia di LECCE *** *** *** IV SETTORE SERVIZIO ECONOMICO FINANZIARIO TRIBUTI

COMUNE DI SALICE SALENTINO Provincia di LECCE *** *** *** IV SETTORE SERVIZIO ECONOMICO FINANZIARIO TRIBUTI Prot. n. 7889 del 3 Luglio 2013 COMUNE DI SALICE SALENTINO Provincia di LECCE *** *** *** IV SETTORE SERVIZIO ECONOMICO FINANZIARIO TRIBUTI ELENCO IN ORDINE CRONOLOGICO DEI PAGAMENTI DEI DEBITI DI SORTE

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

Adotta il seguente regolamento:

Adotta il seguente regolamento: REGOLAMENTO RECANTE MODIFICAZIONI AL DECRETO DEL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE 19 GIUGNO 2003, n. 179 RECANTE NORME CONCERNENTI I CONCORSI PRONOSTICI SU BASE SPORTIVA, AI SENSI DELL ARTICOLO 16

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 21 NOVEMBRE 2007, N. 231 (PUBBLICATO NELLA G.U. N. 290 DEL 14 DICEMBRE 2007, S.O. N. 268) ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2005/60/CE CONCERNENTE LA PREVENZIONE DELL UTILIZZO DEL SISTEMA

Dettagli

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali?

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? 1 R. Per gli enti non commerciali non sussiste, ai fini civilistici, relativamente

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Tassi di Assenza e di Maggior presenza del personale in servizio presso COMUNE DI SALERNO dal 01 03 2015 al 31 03 2015 GG. LAVORATIVI TOTALE PERSONALE

Tassi di Assenza e di Maggior presenza del personale in servizio presso COMUNE DI SALERNO dal 01 03 2015 al 31 03 2015 GG. LAVORATIVI TOTALE PERSONALE GRECO GIUSEPPE Dirigente DIREZIONE/SEGRETERIA (INGGRECO), EDILIZIA SCOLASTICA, MAN.PATRIMONIO ABITATIVO, MANUTENZIONE IMPIANTI ELETTRICI, PUBBLICA ILLUMINAZIONE UOPI ASSENZA ASSENZA/ PRESENZA PRESENZA/

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI MILANO Ufficio del Giudice per le Indagini Preliminari - dr. Giuseppe Gennari -

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI MILANO Ufficio del Giudice per le Indagini Preliminari - dr. Giuseppe Gennari - n. 12195/10 R.G.N.R. mod. 21 n. 1288/10 R.G.GIP TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI MILANO Ufficio del Giudice per le Indagini Preliminari - dr. Giuseppe Gennari - ORDINANZA DI APPLICAZIONE DI MISURA CAUTELARE

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI CASERTA Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Provincia Di Caserta nel mese 12/2012.

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI CASERTA Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Provincia Di Caserta nel mese 12/2012. Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Provincia Di Caserta nel mese /0. Pag. di 8 assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge 04, avis, allattamento,

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI 1 ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA del 12 ottobre 2014 PROVINCIA DI POTENZA VERBALE DELLE OPERAZIONI DELL UFFICIO ELETTORALE 2 VERBALE DELLE OPERAZIONI DELL UFFICIO ELETTORALE 1. INSEDIAMENTO DELL

Dettagli

GENERAL MOTORS ITALIA S.R.L.

GENERAL MOTORS ITALIA S.R.L. GENERAL MOTORS ITALIA S.R.L. Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ex art. 6, 3 comma, Decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231, Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ'

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' AL COMUNE DI Ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 19 commi

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - N. RS Anno 2009 N.7088 RGR Anno 1996 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n.7088

Dettagli

Elenco Ditte. : (A1) : MILANO - NAPOLI Tratto : Barberino di Mugello - Incisa Valdarno Lotto 7 : [I1AA] FIRENZE (FI) Ditta

Elenco Ditte. : (A1) : MILANO - NAPOLI Tratto : Barberino di Mugello - Incisa Valdarno Lotto 7 : [I1AA] FIRENZE (FI) Ditta N. ORDINE 1 Commessa 110110-19 (A1) MILANO - NAPOLI Tratto Barberino di Mugello - Incisa Valdarno Lotto 7 Ditta BONCOMPAGNI Giuseppe n. a Citerna il 07.01.1952 propr. per 1/2;BONCOMPAGNI Luigi n. a Citerna

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE SS-13-HM-SDO06 GRADUATORIA TITOLARI SU DOTAZIONE ORGANICA PROVINCIALE - SC. SEC. DI II GRADO PAG. 1 SI COMUNICANO, ORDINATI PER DATI ANAGRAFICI E

Dettagli