TRIBUNALE DI NAPOLI UFFICIO DEL GIUDICE PER LE INDAGINI PRELIMINARI SEZIONE VI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TRIBUNALE DI NAPOLI UFFICIO DEL GIUDICE PER LE INDAGINI PRELIMINARI SEZIONE VI"

Transcript

1 N. 6013\13 R.G. notizie di reato N \13 R.G. GIP N. 220\2013 OCC TRIBUNALE DI NAPOLI UFFICIO DEL GIUDICE PER LE INDAGINI PRELIMINARI SEZIONE VI ORDINANZA DI APPLICAZIONE DI MISURA CAUTELARE Il Giudice per le indagini preliminari, dott. Maria Vittoria FOSCHINI, sulla richiesta di applicazione di misura cautelare della custodia in carcere avanzata dal P.M. in Sede e pervenuta in data , nei confronti di: 1. ALFIERO Andrea, nato a Roma il 28/07/1983, residente in Castel Volturno (CE) alla via del Mare n. 55; 2. ALFIERO Marco, nato a Roma il 05/08/1985, residente in Castel Volturno (CE) alla via del Mare n. 55; 3. ALFIERO Vittorio, nato a Roma il 20/02/1982, residente in Castel Volturno (CE) alla via del Mare n. 55; 4. ANNICELLI Francesco, nato a Mugnano di Napoli (NA) il , residente in Qualiano (NA) alla via Fabio Massimo n. 8; 5. CAPONE Mario, nato a Caserta il , residente in Castel Volturno (CE) alla via Parchitella n. 35; 6. CARABINO Gregorio, nato a Napoli il , residente a Crispano (NA) alla via E. Montale n. 19; 7. CAROFANO Nicola, nato ad Aversa (CE) il , residente in Villa Literno (CE) alla via Tagliamento n. 3; 8. CARROZZOLI Lorenzo, nato a Napoli il , residente in Castel Volturno (CE) alla via Ibiscum n. 30; 1

2 9. CATENA Federico, nato ad Aversa (CE) il , residente in Villa Literno (CE) alla via Aversa n. 5; 10. CITARELLA Francesco, nato a Pompei (NA) il 14/11/1970, residente in Terzigno (NA) alla via Nazionale n. 12/B; 11. COLELLA Giovanni Battista, nato a Marcianise (CE) il , residente in Capodrise (CE) alla via Ienco n. 17; 12. DEL PRETE Gaetano, nato a Napoli il 20/08/1980, ivi residente alla via Colonne n. 2/A scala D interno 6; 13. DI BERNARDO Giovanni, nato ad Aversa (CE) il , residente in Cesa (CE) alla via P. Nenni n. 3; 14. DI NAPOLI Antonio, nato a Napoli il 03/08/1960, residente in Melito di Napoli (NA) alla via San Vito n. 15 scala B int. 1; 15. DI NARDO Giovanni, nato a Mugnano di Napoli (NA) il 04/11/1978, residente in Giugliano in Campania (NA) alla via 13 Martiri n. 47, di fatto domiciliato in Trentola Ducenta (CE) alla via Ambra n. 41; 16. DI NARDO Michele, nato a Napoli il 27/09/1987, residente in Giugliano in Campania (NA) alla via Oasi del Sacro Cuore n. 235; 17. ESPOSITO Vincenzo, nato a Napoli il , ivi residente alla via Ghisleri lotto 10 parco Lucrezia ; 18. FORTELLI Pio, nato a Napoli il 31/07/1974, ivi residente alla via Federico Persico n. 62; 19. GIANNUZZI SAVELLI Massimo, nato a Napoli il , ivi residente alla via Federico Persico n. 62; 20. GIUGNO Raffaele, nato a Beckum (Germania) il 12/04/1974, residente in Villa di Briano (CE) alla via Rossini n. 3; 21. IMPERATORE Sergio, nato a Napoli il 25/03/1976, residente in Scisciano (NA) alla via Palazzuolo n. 42; 22. IOVINE Domenico, nato a Caserta il , residente in San Cipriano d Aversa (CE) al 1 vico di via F. Serao n. 4; 23. IOVINO Marcello, nato a Frignano (CE) il , residente in Frignano (CE) alla piazza della Repubblica n. 14; 24. LABERNARDA Raffaele, nato a Crotone il , residente in Strongoli (KR) alla via Telesio n. 6; 2

3 25. MARTINELLI Alfonso, nato a Caserta il , residente in San Cipriano d Aversa (CE) alla via del Giglio 2 vico n. 2; 26. MAZZA Massimiliano, nato a Napoli il , residente in San Giorgio a Cremano (NA) alla via Botteghelle n. 90; 27. MIRANDA Giovanni, nato a San Giuseppe Vesuviano (NA) il , residente in Poggiomarino (NA) alla via Turati n. 302; 28. MONTELLA Antonio, nato a Napoli il , residente in Casoria (NA) alla via Armando Diaz n. 32 scala A piano 3 int. 11; 29. MOSCA Vincenzo, nato a Salerno il , residente in Terzigno (Na) alla via 1 vicolo Baracca n. 12; 30. NARDULLI Alessandro, nato a Villaricca (NA) il 12/07/1979, residente in Giugliano in Campania (NA) alla via Galvani n. 3; 31. PARASCANDOLO Raffaele, nato a Napoli l , residente in Castel Volturno (CE) alla via Cosenza n. 1; 32. RUSSO Tammaro, nato a Villa Literno (CE) il 14/03/1970, ivi residente alla via Castello n. 12; 33. SAGLIANO Giuseppe, nato a Caserta l 8/10/1988, residente in Casapesenna (CE) alla via L. Da Vinci n. 1; 34. SPORTIELLO Antonio, nato a Giugliano in Campania (NA) il , ivi residente alla via F. Gioia n. 10 int. 11; 35. SPORTIELLO Luigi, nato a Giugliano in Campania (NA) il 15/06/1965, ivi residente alla via Santa Chiara n. 28; 36. SPORTIELLO Salvatore, nato a Giugliano in Campania (NA) il , ivi residente alla via A. Genovesi n. 36; 37. TUDISCO Dario, nato a Napoli il , residente in Ascoli Satriano (FG) alla via Pietro Nenni n. 7, di fatto domiciliato in Calvizzano (NA) alla via Raffaele Viviani n. 12; 38. UCCIERO Augusto, nato a Villa Literno (CE) il , ivi residente alla via Vittorio Emanuele III n. 12; 39. VENOSA Salvatore, nato a San Cipriano d Aversa (CE) il 22/05/1973, ivi residente al 2 vico del Giglio n. 5, in atto detenuto. 3

4 INDAGATI DI NARDO Giovanni, DI NARDO Michele, VENOSA Salvatore A) del reato di cui all art. 416 bis commi I, II, III, IV, V, VI ed VIII c.p. per avere partecipato, ciascuno nella consapevolezza della rilevanza causale del proprio apporto, ad un'associazione di tipo mafioso denominata clan dei casalesi, promossa, diretta ed organizzata, prima da BARDELLINO Antonio (anni ), poi da Francesco SCHIAVONE di Nicola, da Francesco BIDOGNETTI, da IOVINE Mario e da DE FALCO Vincenzo ( ), di seguito da Francesco SCHIAVONE di Nicola e da Francesco BIDOGNETTI, dopo l'arresto di questi ultimi due da Michele ZAGARIA e IOVINE Antonio, quali esponenti di vertice della fazione facente capo alla famiglia SCHIAVONE, e da BIDOGNETTI Domenico, BIDOGNETTI Aniello, BIDOGNETTI Raffaele, GUIDA Luigi, ALFIERO Nicola, SETOLA Giuseppe e CIRILLO Alessandro, quali componenti apicali che si avvicendavano alla guida della fazione facente capo alla famiglia BIDOGNETTI, infine, a seguito dell arresto dei citati ZAGARIA e IOVINE, da VENOSA Salvatore e RECCIA Oreste detto recchia e lepre, i quali, coalizzando attorno a loro gli esponenti in libertà dei gruppi VENOSA, IOVINE e ZAGARIA ed operando in San Cipriano d Aversa, Casapesenna, Cancello ed Arnone e sull'intera area della provincia di Caserta ed altrove, si avvalgono della forza di intimidazione del vincolo associativo e della condizione di assoggettamento ed omertà che ne deriva, per la realizzazione dei seguenti scopi: il controllo delle attività economiche, anche attraverso la gestione monopolistica di interi settori imprenditoriali e commerciali; il rilascio di concessioni e di autorizzazioni amministrative; l'acquisizione di appalti e servizi pubblici; l'illecito condizionamento dei diritti politici dei cittadini (ostacolando il libero esercizio del voto, procurando voti a candidati indicati dall'organizzazione in occasione di consultazioni elettorali) e, per tale tramite, il condizionamento della composizione e delle attività degli organismi politici rappresentativi locali; il condizionamento delle attività delle amministrazioni pubbliche, locali e centrali; il reinvestimento speculativo in attività imprenditoriali, immobiliari, finanziarie e commerciali degli ingenti capitali derivanti dalle attività delittuose, sistematicamente esercitate (estorsioni in danno di imprese affidatarie di pubblici e privati appalti e di esercenti attività commerciali, traffico di sostanze stupefacenti, usura ed altro); assicurare impunità agli affiliati attraverso il controllo, realizzato anche con la corruzione, di organismi istituzionali; l'affermazione del controllo egemonico sul territorio, realizzata anche attraverso la contrapposizione armata con organizzazioni criminose rivali nel tempo e la repressione violenta dei contrasti interni; il conseguimento, infine, per se e per gli altri affiliati di profitti e vantaggi ingiusti. In particolare, gli indagati partecipavano all associazione mafiosa con i ruoli di seguito meglio evidenziati: VENOSA Salvatore dirigendo il gruppo VENOSA- ZAGARIA- IOVINE, 4

5 determinando le nuove strategie di controllo del territorio, promuovendo riunioni per con gli affiliati ai citati clan per concordare le attività criminali da eseguire nei vari territori ed i ruoli dei singoli associati, incaricando alcuni affiliati per la convocazione degli imprenditori e commercianti e per la successiva raccolta delle tangenti nonché promuovendo e dirigendo la raccolta clandestina di scommesse su eventi sportivi utilizzando articolati e complessi sistemi informatici, realizzati da esperti del settore, in tutte le zone di influenza criminale ed in diverse parti del territorio nazionale, tra cui la provincia casertana, napoletana, catanese, palermitana, crotonese e barese, e servendosi di una pluralità di agenzie di scommesse, sale giochi, internet point, esercizi commerciali (quali bar, tabaccherie, cartolerie ed altro), condotte da gestori in gran parte consapevoli di agevolare l attività dell associazione camorristica localmente denominata clan dei casalesi, ed intervenendo personalmente sui soggetti intermediari allorquando i ricevitori delle scommesse ritardavano il pagamento delle provvigioni dovute; DI NARDO Giovanni e DI NARDO Michele promuovendo ed organizzando la raccolta clandestina di scommesse su eventi sportivi attraverso articolati e complessi sistemi informatici, realizzati da esperti del settore, esercitata sulle zone di influenza criminale ed in diverse parti del territorio nazionale, tra cui la provincia casertana, napoletana, catanese, palermitana, crotonese e barese, servendosi di una pluralità di agenzie di scommesse, sale giochi, internet point, esercizi commerciali (quali bar, tabaccherie, cartolerie ed altro), condotte da gestori in gran parte consapevoli di agevolare l attività dell associazione camorristica localmente denominata clan dei casalesi retta dal VENOSA. DI NARDO Giovanni promuovendo e gestendo il sistema di raccolta delle scommesse clandestine, l inserimento degli eventi e delle quote, l aggiornamento dei risultati, la creazione di nuovi utenti, tenendo i conti e i sotto-conti, provvedendo alla modifica delle giocate e dei risultati degli eventi ed ancora raccogliendo le provvigioni accreditate su carte postepay nella sua disponibilità ancorchè non formalmente intestategli DI NARDO Michele gestendo la raccolta delle provvigioni direttamente dalle mani dei singoli titolari degli account sui quali venivano accettate le scommesse illegali nei casi in cui non venivano accreditate direttamente su carte postepay nella disponibilità del fratello DI NARDO Giovanni, provvedendo alla consegna delle provvigioni, suddivise in quote, ai destinatari, tra i quali SPORTIELLO Luigi, secondo le indicazioni ricevute dal fratello, aggiornando costantemente il capo clan VENOSA Salvatore sull esecuzione del delicato compito assegnatogli, e fungendo anche da intermediario tra il capo VENOSA SALVATORE ed il fratello DI NARDO Giovanni. Con l aggravante per tutti del controllo di attività economiche in tutto o in parte finanziate con il prezzo, il prodotto o il profitto di delitti. Con l aggravante per VENOSA Salvatore di dirigere l associazione. Con l aggravante per DI NARDO Giovanni e DI NARDO Michele di promuovere ed organizzare l attività della raccolta delle scommesse di particolare e determinante importanza per la sopravvivenza dell associazione e perb ciò solo di promuovere ed organizzare il sodalizio criminale che dei proventi di tale attività si avvale per il pagamento degli stipendi, per le spese legali e per il sostentamento delle faimlie dei detenuti. 5

6 In San Cipriano d Aversa, Casapesenna, Castelvolturno, provincia di Caserta ed altre località del territorio nazionale almento dall aprile del 2012 fino ad almeno settembre SPORTIELLO Antonio, SPORTIELLO Luigi, SPORTIELLO Salvatore B) del reato di cui agli artt. 110 e 416 bis commi I, II, III, IV, V, VI ed VIII c.p. per avere concorso, ciascuno nella consapevolezza della rilevanza causale del proprio apporto, derivante per SPORTIELLO Luigi dalle sue profonde conoscenze del mondo delle scommesse e dei programmi realizzati da tecnici esperti informatici per la loro raccolta illegale e per SPORTIELLO Antonio e SPORTIELLO Salvatore dall essere titolari formali e/o di fatto di più attività economico imprenditoriali nel settore delle scommesse sportive, ubicate in Giugliano in Campania, all associazione camorristica di cui al capo A, in quanto, pur non essendo stabilmente inseriti nella predetta compagine associativa, contribuivano con gli associati DI NARDO Giovanni, DI NARDO Michele e VENOSA Salvatore, ciascuno di questi ultimi con i rispettivi ruoli sopra esposti, alla realizzazione dei seguenti scopi dell associazione: il controllo delle attività economiche anche attraverso la gestione monopolistica di interi settori imprenditoriali, con particolare riferimento al settore delle scommesse sportive; il reinvestimento in attività imprenditoriali, immobiliari, finanziarie e commerciali degli ingenti capitali derivati dall attività delittuosa, sistematicamente esercitata; l affermazione del controllo egemonico sul territorio; il conseguimento, in genere, per sé e per gli altri affiliati, di profitti e vantaggi ingiusti. In particolare, fornivano uno specifico e concreto contributo ai fini della conservazione e del rafforzamento del suddetto sodalizio mafioso ed al raggiungimento degli scopi associativi, ponendo in essere le condotte di seguito descritte: occupandosi dei rapporti con i titolari della società Seflow s.n.c., corrente in Codogno (LO) alla via Alberici n. 20, titolare dei server con i programmi informatici sfruttati per la raccolta illegale delle scommesse, provvedendo al pagamento del canone di locazione di tali server, mantenendo costanti contatti con i tecnici (CARABINO Gregorio, CITARELLA Francesco, DEL PRETE Gaetano ed IMPERATORE Luigi) che, dietro cospicuo compenso, avevano realizzato il software e ne curavano i periodici aggiornamenti e l adeguamento delle sue funzionalità alle esigenze dell organizzazione criminale che di volta in volta insorgevano, provvedendo quotidianamente all inserimento degli eventi e delle quote, all aggiornamento dei risultati, alla creazione di nuovi utenti, alla gestione dei conti e dei sotto-conti, alla modifica delle giocate e dei risultati degli eventi, alla rendicontazione delle provvigioni nonché raccogliendo le provvigioni dai singoli titolari degli account sui quali venivano accettate le scommesse illegali, accreditategli su carte postepay nella sua disponibilità, ancorchè non intestate; SPORTIELLO Antonio esercitando abusivamente la raccolta di scommesse su eventi sportivi, attraverso le piattaforme informatiche predisposte dal sodalizio mafioso diretto da VENOSA Salvatore, nei due corner ubicati in Giugliano in Campania alla 6

7 via Oasi del Sacro Cuore n. 61 e al corso Campano n. 584, rispettivamente intestati formalmente alla moglie LEGORANO Filomena ed al figlio SPORTIELLO Giuseppe, titolari di autorizzazione dell Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato sfruttata a copertura dell illecita attività, intervenendo personalmente sui gestori di agenzie di scommessa che operavano in regime di concorrenza, la cui operatività incideva così negativamente sui profitti della raccolta clandestina controllata dal sodalizio mafioso che egli rappresentava in Giugliano in Campania, provvedendo al versamento di una quota, definita come tassa, degli utili dell illecita attività esercitata in Giugliano in Campania nelle casse del clan cui concorreva, a titolo di distribuzione degli introiti e quale corrispettivo della conduzione in regime di monopolio della raccolta di scommesse clandestine, garantito dalla forza intimidatrice dell organizzazione di cui era espressione, così assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti (sul punto cfr. prog censurato sull Imei in uso a SPORTIELLO Luigi); SPORTIELLO Salvatore:esercitando abusivamente la raccolta di scommesse su eventi sportivi, attraverso le piattaforme informatiche predisposte dal sodalizio mafioso diretto da VENOSA Salvatore, presso la toto-ricevitoria denominata Milord, della quale risulta dipendente, ubicata in Giugliano in Campania alla via A. Palumbo n. 56, formalmente intestata alla cugina D ARBITRIO Maria Domenica, titolare di autorizzazione dell Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato sfruttata a copertura dell illecita attività, provvedendo al versamento di una quota, quantificata dallo stesso in euro all anno, degli utili dell illecita attività esercitata in Giugliano in Campania nelle casse del clan cui concorreva, a titolo di distribuzione degli introiti e quale corrispettivo della conduzione in regime di monopolio della raccolta di scommesse clandestine, garantito dalla forza intimidatrice dell organizzazione di cui era espressione, così assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti (sul punto cfr. prog. 551 censito sull utenza in uso a SPORTIELLO Salvatore) ed ancora preoccupandosi della tenuta della contabilità dei proventi illeciti e delle suddivisioni degli stessi in buste, secondo quote prestabilite, custodite nell agenzia Milord fino alla consegna ai destinatari, tra i quali il fratello SPORTIELLO Luigi, il sodalizio mafioso cui concorreva diecimila euro al paese, pari alla quota relativa a 4 mesi così assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti (sul punto cfr. prog. 698 censurato sull utenza attestata presso l agenzia di scommesse Milord di SPORTIELLO Salvatore). Accertato in San Cipriano d Aversa ed in altre zone della provincia di Caserta, nonché in Giugliano in Campania e nella provincia di Napoli, con ramificazioni in diverse parti del territorio nazionale (Sicilia, Calabria, Puglia), da aprile 2012 fino ad almeno settembre ALFIERO Andrea, ALFIERO Marco, ALFIERO Vittorio, ANNICELLI Francesco, CAPONE Mario, CARABINO Gregorio, CAROFANO Nicola, CARROZZOLI Lorenzo, CATENA Federico, CITARELLA Francesco, COLELLA Giovanni Battista, DEL PRETE Gaetano, DI BERNARDO Giovanni, DI NAPOLI Antonio, ESPOSITO Vincenzo, FORTELLI Pio, GIANNUZZI SAVELLI Massimo, GIUGNO Raffaele, IMPERATORE Sergio, IOVINE Domenico, IOVINO Marcello, 7

8 LABERNARDA Raffaele, MARTINELLI Alfonso, MAZZA Massimiliano, MIRANDA Giovanni, MONTELLA Antonio, MOSCA Vincenzo, NARDULLI Alessandro, PARASCANDOLO Raffaele, RUSSO Tammaro, SAGLIANO Giuseppe, TUDISCO Dario, UCCIERO Augusto C) del reato di cui all art. 416 commi I, II, III, VI, VIII c.p. e art. 7 L. 203/91 perché, nella consapevolezza della rilevanza causale del loro apporto, derivante dalle loro qualità di tecnici esperti informatici (CARABINO Gregorio, CITARELLA Francesco, DEL PRETE Gaetano, IMPERATORE Sergio), di titolari esclusivi di uno dei tanti siti illegali il Domitiabet attraverso i quali venivano raccolte le scommesse clandestine sugli eventi sportivi (i fratelli Andrea, Marco e Vittorio ALFIERO), di titolari formali e/o di fatto di attività economico imprenditoriali nel settore delle scommesse sportive (ANNICELLI Francesco, CAPONE Mario, CAROFANO Nicola, CATENA Federico, COLELLA Giovanni Battista, DI BERNARDO Giovanni, ESPOSITO Vincenzo, FORTELLI Pio, GIANNUZZI SAVELLI Massimo, GIUGNO Raffaele, IOVINE Domenico, IOVINO Marcello, LABERNARDA Raffaele, MARTINELLI Alfonso, MAZZA Massimiliano, MIRANDA Giovanni, MONTELLA Antonio, MOSCA Vincenzo, PARASCANDOLO Raffaele, RUSSO Tammaro, SAGLIANO Giuseppe, TUDISCO Dario, UCCIERO Augusto) e/o di collaboratori di fiducia degli stessi (DI NAPOLI Antonio e NARDULLI Alessandro, entrambi aiutanti di SPORTIELLO Salvatore, CARROZZOLI Lorenzo collaboratore di PARASCANDOLO Raffaele), si associavano tra loro e con gli affiliati al clan dei casalesi DI NARDO Giovanni, DI NARDO Michele e VENOSA Salvatore, nonché con i concorrenti esterni al medesimo sodalizio camorristico SPORTIELLO Antonio, SPORTIELLO Luigi e SPORTIELLO Salvatore, ciascuno nei rispettivi ruoli descritti nei capi che precedono, al fine di commettere un numero indeterminato di delitti di abusiva raccolta delle scommesse clandestine esercitata attraverso piattaforme informatiche all uopo realizzate e, per diversi di loro, parallelamente a quella legale, autorizzata e di copertura di quella illecita. In particolare, tutti fornivano uno specifico e concreto contributo ai fini della conservazione e del rafforzamento della suddetta associazione per delinquere ed al raggiungimento degli scopi associativi, ponendo in essere le condotte di seguito descritte: -CARABINO Gregorio, CITARELLA Francesco, DEL PRETE Gaetano ed IMPERATORE Luigi, tutti in qualità di tecnici esperti informatici ed in cambio di cospicui corrispettivi economici, realizzavano le piattaforme web sfruttate per la raccolta delle scommesse clandestine sugli eventi sportivi, gestendole sotto il profilo tecnico e procedendo a periodici aggiornamenti per adeguarle alle esigenze che di volta in volta insorgevano, così assicurando notevoli disponibilità finanziarie all associazione mafiosa capeggiata da VENOSA Salvatore, che sfruttava tali sistemi informatici, e indirettamente garantendone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti; -ALFIERO Andrea, ALFIERO Marco, ALFIERO Vittorio, titolari esclusivi di uno dei tanti siti illegali il Domitiabet attraverso i quali venivano raccolte le scommesse clandestine sugli eventi sportivi, promuovevano ed organizzavano sul litorale domitio della provincia casertana l accettazione delle giocate, così assicurando notevoli disponibilità finanziarie all associazione mafiosa capeggiata da 8

9 VENOSA Salvatore, che controllava tali sistemi informatici, e garantendone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti; -ANNICELLI Francesco, CAPONE Mario, CAROFANO Nicola, CARROZZOLI Lorenzo, CATENA Federico, COLELLA Giovanni Battista, DI BERNARDO Giovanni, ESPOSITO Vincenzo, FORTELLI Pio, GIANNUZZI SAVELLI Massimo, GIUGNO Raffaele, IOVINE Domenico, IOVINO Marcello, LABERNARDA Raffaele, MARTINELLI Alfonso, MAZZA Massimiliano, MIRANDA Giovanni, MONTELLA Antonio, MOSCA Vincenzo, PARASCANDOLO Raffaele, RUSSO Tammaro, SAGLIANO Giuseppe, TUDISCO Dario, UCCIERO Augusto, in qualità di titolari formali e/o di fatto di attività economico imprenditoriali nel settore delle scommesse sportive, attraverso i punti scommessa che conducevano inh varie lovcalità casertane e napoletane, promuovevano la raccolta clandestina delle giocate, anche attraverso la pubblicizzazione delle piattaforme su siti internet quali Subito.it, così contribuendo a diffondere capillarmente sul territorio, anche fuori dai confini della Campania in particolare in Sicilia ed in Puglia il sistema illegale di accettazione delle scommesse, con conseguente incremento delle disponibilità finanziare dell associazione mafiosa capeggiata da VENOSA Salvatore, in tal modo assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti; -DI NAPOLI Antonio e NARDULLI Alessandro, in qualità di collaboratori di fiducia di SPORTIELLO Salvatore ed attivamente impegnati nella conduzione della toto-ricevitoria denominata Milord di Giugliano in Campania, contribuendo alla periodica contabilizzazione degli ingenti profitti illeciti prodotti da tale agenzia, che venivano suddivisi in diverse quote prestabilite che, rispettivamente, confluivano nelle casse del clan capeggiato da VENOSA Salvatore, e degli altri associati, tra i quali SPORTIELLO Luigi, così assicurando notevoli disponibilità finanziarie alla citata associazione mafiosa, indirettamente garantendone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti. Con l aggravante per tutti: dall essere costituita l associazione da dieci o più associati; dall aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni di cui all art. 416 bis c.p. e di aver agevolato il clan dei casalesi esercitando continuativamente e capillarmente la raccolta delle scommesse clandestine, così alimentando le casse del clan a cui erano dirette le somme provento delle attività svolte, concorrendo in misura determinante alla sopravvivenza del sodalizio, consentendo il pagamento degli stipendi e di far fronte alle spese correnti, al controllo del territorio ed al mantenimento in vita della gestione in regime di monopolio della lucrosa attività criminale. Accertato in San Cipriano d Aversa ed in altre zone della provincia di Caserta, nonché in Giugliano in Campania e nella provincia di Napoli, con ramificazioni in diverse parti del territorio nazionale (Sicilia, Calabria, Puglia), da aprile 2012 fino ad almeno settembre DI NARDO Giovanni, SPORTIELLO Antonio, SPORTIELLO Luigi D) del reato di cui agli artt. 81 cpv, 110, 513 bis c.p. e art. 7 L. 203/1991 perché, agendo in concorso ed unione tra loro, nonché con altri soggetti allo stato non 9

10 identificati, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, mediante violenza e minaccia, consistita nell aver avvicinato il gestore di un agenzia abusiva di scommesse, ubicata in Giugliano in Campania alla 1^ traversa di via per Barracano e nell avergli intimato la cessazione della attività di scommesse e di non accettare più giocate al fine di evitare la concorrenza con le vicine agenzie di scommesse condotte da SPORTIELLO Antonio site in Giugliano in Campania alla via Oasi del Sacro Cuore n. 61 e al corso Campano n. 584, formalmente intestate a LEGORANO Filomena e SPORTIELLO Giuseppe, rispettivamente moglie e figlio di SPORTIELLO Antonio così costringendolo a chiudere l attività abusiva avviata (sul punto cfr. prog. 62 censurato sull Imei in uso a SPORTIELLO Luigi e prog censurato sull utenza in uso a DI NARDO Giovanni). Con l aggravante di aver commesso il fatto: esercitando la minaccia in più persone riunite; avvalendosi delle condizioni previste dall art. 416 bis c.p. ed al fine di agevolare l attività dell associazione camorristica localmente denominata clan dei casalesi, capeggiata da VENOSA Salvatore, che attraverso i proventi dell esercizio abusivo dell attività di scommessa alimentava le casse del clan, così assicurando la sopravvivenza dell organizzazione camorristica ed il perseguimento dei suoi fini illeciti. Accertato in Giugliano in Campania a maggio DI NARDO Giovanni, DI NARDO Michele, VENOSA Salvatore E) del reato di cui agli artt. 81 comma II e 110 c.p., agli artt. 86, 88 e 110 T.U.L.P.S., all art. 4 commi I e IV bis L. 401/1989 e all art. 7 L. 203/1991 perché, in concorso tra loro, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, nei rispettivi ruoli sopra descritti, al fine di procurarsi un illecito vantaggio, ancorché sprovvisti di autorizzazioni rilasciate dall Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato e di licenza di pubblica sicurezza, esercitavano abusivamente l organizzazione di scommesse riservate per legge allo Stato e/o al C.O.N.I., predisponendo, quindi, un complesso di persone e mezzi tra i quali ultimi i siti internet realizzati dai citati esperti informatici al fine di compiere gli atti attraverso i quali si articola la gestione delle scommesse, cioè l individuazione delle competizioni e degli eventi sui quali poter esprimere i pronostici, la fissazione delle quote e, soprattutto, l accettazione delle scommesse, ossia quelle operazioni collegate alla raccolta delle giocate (l incasso delle poste, il rilascio di ricevute) ed il pagamento delle eventuali vincite. Con l aggravante di aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni previste dall art. 416 bis c.p. ed al fine di agevolare l attività dell associazione camorristica localmente denominata clan dei casalesi, capeggiata da VENOSA Salvatore, che con i proventi delle scommesse clandestine contribuivano alle esigenze dell organizzazione camorristica, così assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti. Accertato in San Cipriano d Aversa, Csapesenna, Cancello ed Arnone ed in altre zone della provincia di Caserta, almeno da aprile 2012 fino ad almeno settembre

11 SPORTIELLO Luigi F) del reato di cui all art. 81 comma II c.p., agli artt. 86, 88 e 110 T.U.L.P.S., all art. 4 commi I e IV bis L. 401/1989 e all art. 7 L. 203/1991 perché, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, al fine di procurarsi un illecito vantaggio, ancorché sprovvisto di autorizzazioni rilasciate dall Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato e di licenza di pubblica sicurezza, esercitava abusivamente l organizzazione di scommesse riservate per legge allo Stato e/o al C.O.N.I., predisponendo, quindi, un complesso di persone e mezzi tra i quali ultimi i siti internet realizzati dai citati esperti informatici al fine di compiere gli atti attraverso i quali si articola la gestione delle scommesse, cioè l individuazione delle competizioni e degli eventi sui quali poter esprimere i pronostici, la fissazione delle quote e, soprattutto, l accettazione delle scommesse, ossia quelle operazioni collegate alla raccolta delle giocate (l incasso delle poste, il rilascio di ricevute) ed il pagamento delle eventuali vincite. Con l aggravante di aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni previste dall art. 416 bis c.p. ed al fine di agevolare l attività dell associazione camorristica localmente denominata clan dei casalesi, capeggiata da VENOSA Salvatore, che con i proventi delle scommesse clandestine contribuivano alle esigenze dell organizzazione camorristica, così assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti. Accertato in Giugliano in Campania ed in altre zone delle province di Napoli e Caserta, almeno da aprile 2012 fino ad almeno settembre CARABINO Gregorio G) del reato di cui all art. 81 comma II c.p., agli artt. 86, 88 e 110 T.U.L.P.S., all art. 4 commi I e IV bis L. 401/1989 e all art. 7 L. 203/1991 perché, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, al fine di procurarsi un illecito vantaggio, ancorché sprovvisto di autorizzazioni rilasciate dall Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato e di licenza di pubblica sicurezza, esercitava abusivamente l organizzazione di scommesse riservate per legge allo Stato e/o al C.O.N.I., predisponendo, quindi, un complesso di persone e mezzi tra i quali ultimi i siti internet realizzati da lui e dagli altri esperti informatici al fine di compiere gli atti attraverso i quali si articola la gestione delle scommesse, cioè l individuazione delle competizioni e degli eventi sui quali poter esprimere i pronostici, la fissazione delle quote e, soprattutto, l accettazione delle scommesse, ossia quelle operazioni collegate alla raccolta delle giocate (l incasso delle poste, il rilascio di ricevute) ed il pagamento delle eventuali vincite. Con l aggravante di aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni previste dall art. 416 bis c.p. ed al fine di agevolare l attività dell associazione camorristica localmente denominata clan dei casalesi, capeggiata da VENOSA Salvatore, che con i proventi delle scommesse clandestine contribuivano alle esigenze 11

12 dell organizzazione camorristica, così assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti. Accertato in provincia di Napoli e Caserta, almeno da aprile 2012 fino ad almeno settembre CITARELLA Francesco H) del reato di cui all art. 81 comma II c.p., agli artt. 86, 88 e 110 T.U.L.P.S., all art. 4 commi I e IV bis L. 401/1989 e all art. 7 L. 203/1991 perché, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, al fine di procurarsi un illecito vantaggio, ancorché sprovvisto di autorizzazioni rilasciate dall Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato e di licenza di pubblica sicurezza, esercitava abusivamente l organizzazione di scommesse riservate per legge allo Stato e/o al C.O.N.I., predisponendo, quindi, un complesso di persone e mezzi tra i quali ultimi i siti internet realizzati da lui e dagli altri esperti informatici al fine di compiere gli atti attraverso i quali si articola la gestione delle scommesse, cioè l individuazione delle competizioni e degli eventi sui quali poter esprimere i pronostici, la fissazione delle quote e, soprattutto, l accettazione delle scommesse, ossia quelle operazioni collegate alla raccolta delle giocate (l incasso delle poste, il rilascio di ricevute) ed il pagamento delle eventuali vincite. Con l aggravante di aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni previste dall art. 416 bis c.p. ed al fine di agevolare l attività dell associazione camorristica localmente denominata clan dei casalesi, capeggiata da VENOSA Salvatore, che con i proventi delle scommesse clandestine contribuivano alle esigenze dell organizzazione camorristica, così assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti. Accertato in provincia di Napoli e Caserta, almeno da aprile 2012 fino ad almeno settembre DEL PRETE Gaetano I) del reato di cui all art. 81 comma II c.p., agli artt. 86, 88 e 110 T.U.L.P.S., all art. 4 commi I e IV bis L. 401/1989 e all art. 7 L. 203/1991 perché, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, al fine di procurarsi un illecito vantaggio, ancorché sprovvisto di autorizzazioni rilasciate dall Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato e di licenza di pubblica sicurezza, esercitava abusivamente l organizzazione di scommesse riservate per legge allo Stato e/o al C.O.N.I., predisponendo, quindi, un complesso di persone e mezzi tra i quali ultimi i siti internet realizzati da lui e dagli altri esperti informatici al fine di compiere gli atti attraverso i quali si articola la gestione delle scommesse, cioè l individuazione delle competizioni e degli eventi sui quali poter esprimere i pronostici, la fissazione delle quote e, soprattutto, l accettazione delle scommesse, ossia quelle operazioni collegate alla raccolta delle giocate (l incasso delle poste, il rilascio di ricevute) ed il pagamento delle eventuali vincite. Con l aggravante di aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni previste dall art. 416 bis c.p. ed al fine di agevolare l attività dell associazione camorristica 12

13 localmente denominata clan dei casalesi, capeggiata da VENOSA Salvatore, che con i proventi delle scommesse clandestine contribuivano alle esigenze dell organizzazione camorristica, così assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti. Accertato in provincia di Napoli e Caserta, almeno da aprile 2012 fino ad almeno settembre IMPERATORE Sergio J) del reato di cui all art. 81 comma II c.p., agli artt. 86, 88 e 110 T.U.L.P.S., all art. 4 commi I e IV bis L. 401/1989 e all art. 7 L. 203/1991 perché, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, al fine di procurarsi un illecito vantaggio, ancorché sprovvisto di autorizzazioni rilasciate dall Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato e di licenza di pubblica sicurezza, esercitava abusivamente l organizzazione di scommesse riservate per legge allo Stato e/o al C.O.N.I., predisponendo, quindi, un complesso di persone e mezzi tra i quali ultimi i siti internet realizzati da lui e dagli altri esperti informatici al fine di compiere gli atti attraverso i quali si articola la gestione delle scommesse, cioè l individuazione delle competizioni e degli eventi sui quali poter esprimere i pronostici, la fissazione delle quote e, soprattutto, l accettazione delle scommesse, ossia quelle operazioni collegate alla raccolta delle giocate (l incasso delle poste, il rilascio di ricevute) ed il pagamento delle eventuali vincite. Con l aggravante di aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni previste dall art. 416 bis c.p. ed al fine di agevolare l attività dell associazione camorristica localmente denominata clan dei casalesi, capeggiata da VENOSA Salvatore, che con i proventi delle scommesse clandestine contribuivano alle esigenze dell organizzazione camorristica, così assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti. Accertato in provincia di Napoli e Caserta, almeno da aprile 2012 fino ad almeno settembre SPORTIELLO Antonio K) del reato di cui all art. 81 comma II c.p., all art. 4 commi I e IV bis L. 401/1989 e all art. 7 L. 203/1991 perché, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, al fine di procurarsi un illecito vantaggio, presso la cartolibreria corrente in Giugliano in Campania alla via Oasi del Sacro Cuore n. 61, formalmente intestata alla moglie LEGORANO Filomena, concessionaria di autorizzazione rilasciata da AAMS, e presso l esercizio commerciale denominato Cartoleria Innamorati, con sede in Giugliano in Campania al corso Campano n. 584, formalmente intestato al figlio SPORTIELLO Giuseppe, anche quest ultimo concessionario di autorizzazione rilasciata da AAMS, sfruttando entrambe le autorizzazioni quale copertura dell attività illegale, esercitava abusivamente l organizzazione di scommesse riservate per legge allo Stato e/o al C.O.N.I., predisponendo, quindi, un complesso di persone e mezzi tra i quali ultimi i siti internet realizzati dai citati esperti informatici al fine di compiere gli atti attraverso i quali si articola la gestione delle 13

14 scommesse, cioè l individuazione delle competizioni e degli eventi sui quali poter esprimere i pronostici, la fissazione delle quote e, soprattutto, l accettazione delle scommesse, ossia quelle operazioni collegate alla raccolta delle giocate (l incasso delle poste, il rilascio di ricevute) ed il pagamento delle eventuali vincite. Con l aggravante di aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni previste dall art. 416 bis c.p. ed al fine di agevolare l attività dell associazione camorristica localmente denominata clan dei casalesi, capeggiata da VENOSA Salvatore, che con i proventi delle scommesse clandestine contribuiva alle esigenze dell organizzazione camorristica, così assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti. Accertato in Giugliano in Campania almeno da aprile 2012 fino ad almeno settembre SPORTIELLO Salvatore, DI NAPOLI Antonio, NARDULLI Alessandro L) del reato di cui agli artt. 81 comma II, 110 c.p., all art. 4 commi I e IV bis L. 401/1989 e all art. 7 L. 203/1991 perché, in concorso tra loro, lo SPORTIELLO in qualità di titolare di fatto della toto-ricevitoria denominata Milord, ubicata in Giugliano in Campania alla via A. Palumbo n. 56, formalmente intestata alla cugina D ARBITRIO Maria Domenica, il DI NAPOLI ed il NARDULLI in qualità di fidati collaboratori dello SPORTIELLO, sfruttando quale copertura dell attività illegale l autorizzazione n per la raccolta di scommesse sportive on line, rilasciata alla citata D ARBITRIO il 30 ottobre 2002 dall Ufficio Zonale Concorsi e Pronostici di Napoli del C.O.N.I., con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, al fine di procurarsi un illecito vantaggio, esercitavano abusivamente l organizzazione di scommesse riservate per legge allo Stato e/o al C.O.N.I., predisponendo, quindi, un complesso di persone e mezzi tra i quali ultimi i siti internet realizzati dai citati esperti informatici al fine di compiere gli atti attraverso i quali si articola la gestione delle scommesse, cioè l individuazione delle competizioni e degli eventi sui quali poter esprimere i pronostici, la fissazione delle quote e, soprattutto, l accettazione delle scommesse, ossia quelle operazioni collegate alla raccolta delle giocate (l incasso delle poste, il rilascio di ricevute) ed il pagamento delle eventuali vincite. Con l aggravante di aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni previste dall art. 416 bis c.p. ed al fine di agevolare l attività dell associazione camorristica localmente denominata clan dei casalesi, capeggiata da VENOSA Salvatore, che con i proventi delle scommesse clandestine contribuiva alle esigenze dell organizzazione camorristica, così assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti. Accertato in Giugliano in Campania almeno da aprile 2012 fino ad almeno settembre ALFIERO Andrea, ALFIERO Marco, ALFIERO Vittorio M) del reato di cui agli artt. 81 comma II e 110 c.p., agli artt. 86, 88 e 110 T.U.L.P.S., all art. 4 commi I e IV bis L. 401/1989 e all art. 7 L. 203/1991 perché, in concorso tra loro, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, al fine di procurarsi un illecito vantaggio, ancorché sprovvisti di 14

15 autorizzazioni rilasciate dall Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato e di licenza di pubblica sicurezza, esercitavano abusivamente l organizzazione di scommesse riservate per legge allo Stato e/o al C.O.N.I., predisponendo, quindi, un complesso di persone e mezzi tra i quali ultimi i siti internet realizzati dai citati esperti informatici, al fine di compiere gli atti attraverso i quali si articola la gestione delle scommesse, cioè l individuazione delle competizioni e degli eventi sui quali poter esprimere i pronostici, la fissazione delle quote e, soprattutto, l accettazione delle scommesse, ossia quelle operazioni collegate alla raccolta delle giocate (l incasso delle poste, il rilascio di ricevute) ed il pagamento delle eventuali vincite. Con l aggravante di aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni previste dall art. 416 bis c.p. ed al fine di agevolare l attività dell associazione camorristica localmente denominata clan dei casalesi, capeggiata da VENOSA Salvatore, che con i proventi delle scommesse clandestine contribuivano alle esigenze dell organizzazione camorristica, così assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti. Accertato in Castel Volturno, sul litorale domitio ed in altre zone della provincia di Caserta, almeno da aprile 2012 fino ad almeno settembre ANNICELLI Francesco N) del reato di cui all art. 81 comma II c.p., all art. 4 commi I e IV bis L. 401/1989 e all art. 7 L. 203/1991 perché, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, al fine di procurarsi un illecito vantaggio, presso il bar Apocalypto Cafè, corrente in Giugliano in Campania al corso Campano n. 602, formalmente intestato alla moglie GRANATA Giuseppina, concessionaria di autorizzazione rilasciata da AAMS, sfruttata quale copertura dell attività illegale, esercitava abusivamente l organizzazione di scommesse riservate per legge allo Stato e/o al C.O.N.I., predisponendo, quindi, un complesso di persone e mezzi tra i quali ultimi i siti internet realizzati dai citati esperti informatici al fine di compiere gli atti attraverso i quali si articola la gestione delle scommesse, cioè l individuazione delle competizioni e degli eventi sui quali poter esprimere i pronostici, la fissazione delle quote e, soprattutto, l accettazione delle scommesse, ossia quelle operazioni collegate alla raccolta delle giocate (l incasso delle poste, il rilascio di ricevute) ed il pagamento delle eventuali vincite. Con l aggravante di aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni previste dall art. 416 bis c.p. ed al fine di agevolare l attività dell associazione camorristica localmente denominata clan dei casalesi, capeggiata da VENOSA Salvatore, che con i proventi delle scommesse clandestine contribuiva alle esigenze dell organizzazione camorristica, così assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti. Accertato in Giugliano in Campania almeno da aprile 2012 fino ad almeno settembre CAPONE Mario 15

16 O) del reato di cui all art. 81 comma II c.p., all art. 4 commi I e IV bis L. 401/1989 e all art. 7 L. 203/1991 perché, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, al fine di procurarsi un illecito vantaggio, presso la sala giochi denominata Ciak Video, ubicata in Castel Volturno alla via Nuova n. 17, per la quale è concessionario di autorizzazione rilasciata da AAMS, sfruttata quale copertura dell attività illegale, esercitava abusivamente l organizzazione di scommesse riservate per legge allo Stato e/o al C.O.N.I., predisponendo, quindi, un complesso di persone e mezzi tra i quali ultimi i siti internet realizzati dai citati esperti informatici al fine di compiere gli atti attraverso i quali si articola la gestione delle scommesse, cioè l individuazione delle competizioni e degli eventi sui quali poter esprimere i pronostici, la fissazione delle quote e, soprattutto, l accettazione delle scommesse, ossia quelle operazioni collegate alla raccolta delle giocate (l incasso delle poste, il rilascio di ricevute) ed il pagamento delle eventuali vincite. Con l aggravante di aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni previste dall art. 416 bis c.p. ed al fine di agevolare l attività dell associazione camorristica localmente denominata clan dei casalesi, capeggiata da VENOSA Salvatore, che con i proventi delle scommesse clandestine contribuiva alle esigenze dell organizzazione camorristica, così assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti. Accertato in Castel Volturno almeno da aprile 2012 fino ad almeno settembre CAROFANO Nicola P) del reato di cui all art. 81 comma II c.p., agli artt. 86, 88 e 110 T.U.L.P.S., all art. 4 commi I e IV bis L. 401/1989 e all art. 7 L. 203/1991 perché, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, al fine di procurarsi un illecito vantaggio, ancorché sprovvisto di autorizzazioni rilasciate dall Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato e di licenza di pubblica sicurezza, presso l Internet Point denominato La Piazza, ubicato in Villa Literno alla via Pedana n. 2, esercitava abusivamente l organizzazione di scommesse riservate per legge allo Stato e/o al C.O.N.I., predisponendo, quindi, un complesso di persone e mezzi tra i quali ultimi i siti internet realizzati dai citati esperti informatici al fine di compiere gli atti attraverso i quali si articola la gestione delle scommesse, cioè l individuazione delle competizioni e degli eventi sui quali poter esprimere i pronostici, la fissazione delle quote e, soprattutto, l accettazione delle scommesse, ossia quelle operazioni collegate alla raccolta delle giocate (l incasso delle poste, il rilascio di ricevute) ed il pagamento delle eventuali vincite. Con l aggravante di aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni previste dall art. 416 bis c.p. ed al fine di agevolare l attività dell associazione camorristica localmente denominata clan dei casalesi, capeggiata da VENOSA Salvatore, che con i proventi delle scommesse clandestine contribuiva alle esigenze dell organizzazione camorristica, così assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti. Accertato in Villa Literno almeno da aprile 2012 fino ad almeno settembre

17 PARASCANDOLO Raffaele, CARROZZOLI Lorenzo Q) del reato di cui agli artt. 81 comma II, 110 c.p., all art. 4 commi I e IV bis L. 401/1989 e all art. 7 L. 203/1991 perché, in concorso tra loro, il PARASCANDOLO in qualità di titolare dell internet point ubicato in Castel Volturno al viale Degli Oleandri n. 65, il CARROZZOLI in quanto suo fidato collaboratore, sfruttando quale copertura dell attività illegale l autorizzazione rilasciata da AAMS allo stesso PARASCANDOLO, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, al fine di procurarsi un illecito vantaggio, esercitavano abusivamente l organizzazione di scommesse riservate per legge allo Stato e/o al C.O.N.I., predisponendo, quindi, un complesso di persone e mezzi tra i quali ultimi i siti internet realizzati dai citati esperti informatici al fine di compiere gli atti attraverso i quali si articola la gestione delle scommesse, cioè l individuazione delle competizioni e degli eventi sui quali poter esprimere i pronostici, la fissazione delle quote e, soprattutto, l accettazione delle scommesse, ossia quelle operazioni collegate alla raccolta delle giocate (l incasso delle poste, il rilascio di ricevute) ed il pagamento delle eventuali vincite. Con l aggravante di aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni previste dall art. 416 bis c.p. ed al fine di agevolare l attività dell associazione camorristica localmente denominata clan dei casalesi, capeggiata da VENOSA Salvatore, che con i proventi delle scommesse clandestine contribuiva alle esigenze dell organizzazione camorristica, così assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti. Accertato in Castel Volturno almeno da aprile 2012 fino ad almeno settembre CATENA Federico R) del reato di cui all art. 81 comma II c.p., agli artt. 86, 88 e 110 T.U.L.P.S., all art. 4 commi I e IV bis L. 401/1989 e all art. 7 L. 203/1991 perché, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, al fine di procurarsi un illecito vantaggio, ancorché sprovvisto di autorizzazioni rilasciate dall Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato e di licenza di pubblica sicurezza, esercitava abusivamente l organizzazione di scommesse riservate per legge allo Stato e/o al C.O.N.I., predisponendo, quindi, un complesso di persone e mezzi tra i quali ultimi i siti internet realizzati dai citati esperti informatici al fine di compiere gli atti attraverso i quali si articola la gestione delle scommesse, cioè l individuazione delle competizioni e degli eventi sui quali poter esprimere i pronostici, la fissazione delle quote e, soprattutto, l accettazione delle scommesse, ossia quelle operazioni collegate alla raccolta delle giocate (l incasso delle poste, il rilascio di ricevute) ed il pagamento delle eventuali vincite. Con l aggravante di aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni previste dall art. 416 bis c.p. ed al fine di agevolare l attività dell associazione camorristica localmente denominata clan dei casalesi, capeggiata da VENOSA Salvatore, che con i proventi delle scommesse clandestine contribuiva alle esigenze 17

18 dell organizzazione camorristica, così assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti. Accertato in Villa Literno almeno da aprile 2012 fino ad almeno settembre COLELLA Giovanni Battista S) del reato di cui all art. 81 comma II c.p., all art. 4 commi I e IV bis L. 401/1989 e all art. 7 L. 203/1991 perché, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, al fine di procurarsi un illecito vantaggio, presso l Internet Point ubicato in Marcianise alla via S. Merola n. 13, per il quale è concessionario di autorizzazione rilasciata da AAMS, sfruttata quale copertura dell attività illegale, esercitava abusivamente l organizzazione di scommesse riservate per legge allo Stato e/o al C.O.N.I., predisponendo, quindi, un complesso di persone e mezzi tra i quali ultimi i siti internet realizzati dai citati esperti informatici al fine di compiere gli atti attraverso i quali si articola la gestione delle scommesse, cioè l individuazione delle competizioni e degli eventi sui quali poter esprimere i pronostici, la fissazione delle quote e, soprattutto, l accettazione delle scommesse, ossia quelle operazioni collegate alla raccolta delle giocate (l incasso delle poste, il rilascio di ricevute) ed il pagamento delle eventuali vincite. Con l aggravante di aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni previste dall art. 416 bis c.p. ed al fine di agevolare l attività dell associazione camorristica localmente denominata clan dei casalesi, capeggiata da VENOSA Salvatore, che con i proventi delle scommesse clandestine contribuiva alle esigenze dell organizzazione camorristica, così assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti. Accertato in Marcianise almeno da aprile 2012 fino ad almeno settembre DI BERNARDO Giovanni T) del reato di cui all art. 81 comma II c.p., agli artt. 86, 88 e 110 T.U.L.P.S., all art. 4 commi I e IV bis L. 401/1989 e all art. 7 L. 203/1991 perché, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, al fine di procurarsi un illecito vantaggio, ancorché sprovvisto di autorizzazioni rilasciate dall Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato e di licenza di pubblica sicurezza, esercitava abusivamente l organizzazione di scommesse riservate per legge allo Stato e/o al C.O.N.I., predisponendo, quindi, un complesso di persone e mezzi tra i quali ultimi i siti internet realizzati dai citati esperti informatici al fine di compiere gli atti attraverso i quali si articola la gestione delle scommesse, cioè l individuazione delle competizioni e degli eventi sui quali poter esprimere i pronostici, la fissazione delle quote e, soprattutto, l accettazione delle scommesse, ossia quelle operazioni collegate alla raccolta delle giocate (l incasso delle poste, il rilascio di ricevute) ed il pagamento delle eventuali vincite. Con l aggravante di aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni previste dall art. 416 bis c.p. ed al fine di agevolare l attività dell associazione camorristica localmente denominata clan dei casalesi, capeggiata da VENOSA Salvatore, che con i proventi delle scommesse clandestine contribuiva alle esigenze 18

19 dell organizzazione camorristica, così assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti. Accertato in Cesa almeno da aprile 2012 fino ad almeno settembre ESPOSITO Vincenzo U) del reato di cui all art. 81 comma II c.p., all art. 4 commi I e IV bis L. 401/1989 e all art. 7 L. 203/1991 perché, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, al fine di procurarsi un illecito vantaggio, presso il bar Esposito, ubicato in Napoli alla piazza Madonna dell Arco n. 19/20, di cui è titolare e per il quale è concessionario di autorizzazione rilasciata da AAMS, sfruttata quale copertura dell attività illegale, esercitava abusivamente l organizzazione di scommesse riservate per legge allo Stato e/o al C.O.N.I., predisponendo, quindi, un complesso di persone e mezzi tra i quali ultimi i siti internet realizzati dai citati esperti informatici al fine di compiere gli atti attraverso i quali si articola la gestione delle scommesse, cioè l individuazione delle competizioni e degli eventi sui quali poter esprimere i pronostici, la fissazione delle quote e, soprattutto, l accettazione delle scommesse, ossia quelle operazioni collegate alla raccolta delle giocate (l incasso delle poste, il rilascio di ricevute) ed il pagamento delle eventuali vincite. Con l aggravante di aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni previste dall art. 416 bis c.p. ed al fine di agevolare l attività dell associazione camorristica localmente denominata clan dei casalesi, capeggiata da VENOSA Salvatore, che con i proventi delle scommesse clandestine contribuiva alle esigenze dell organizzazione camorristica, così assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti. Accertato in Napoli almeno da aprile 2012 fino ad almeno settembre FORTELLI Pio V) del reato di cui all art. 81 comma II c.p., agli artt. 86, 88 e 110 T.U.L.P.S., all art. 4 commi I e IV bis L. 401/1989 e all art. 7 L. 203/1991 perché, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, al fine di procurarsi un illecito vantaggio, ancorché sprovvisto di autorizzazioni rilasciate dall Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato e di licenza di pubblica sicurezza, esercitava abusivamente l organizzazione di scommesse riservate per legge allo Stato e/o al C.O.N.I., predisponendo, quindi, un complesso di persone e mezzi tra i quali ultimi i siti internet realizzati dai citati esperti informatici al fine di compiere gli atti attraverso i quali si articola la gestione delle scommesse, cioè l individuazione delle competizioni e degli eventi sui quali poter esprimere i pronostici, la fissazione delle quote e, soprattutto, l accettazione delle scommesse, ossia quelle operazioni collegate alla raccolta delle giocate (l incasso delle poste, il rilascio di ricevute) ed il pagamento delle eventuali vincite. Con l aggravante di aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni previste dall art. 416 bis c.p. ed al fine di agevolare l attività dell associazione camorristica localmente denominata clan dei casalesi, capeggiata da VENOSA Salvatore, che 19

20 con i proventi delle scommesse clandestine contribuiva alle esigenze dell organizzazione camorristica, così assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti. Accertato in Napoli almeno da aprile 2012 fino ad almeno settembre GIANNUZZI SAVELLI Massimo W) del reato di cui all art. 81 comma II c.p., all art. 4 commi I e IV bis L. 401/1989 e all art. 7 L. 203/1991 perché, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, al fine di procurarsi un illecito vantaggio, presso il bar Unomass, ubicato in Napoli alla via Federico Persico n. 52/54, del quale è titolare e per il quale è concessionario di autorizzazione rilasciata da AAMS, sfruttata quale copertura dell attività illegale, esercitava abusivamente l organizzazione di scommesse riservate per legge allo Stato e/o al C.O.N.I., predisponendo, quindi, un complesso di persone e mezzi tra i quali ultimi i siti internet realizzati dai citati esperti informatici al fine di compiere gli atti attraverso i quali si articola la gestione delle scommesse, cioè l individuazione delle competizioni e degli eventi sui quali poter esprimere i pronostici, la fissazione delle quote e, soprattutto, l accettazione delle scommesse, ossia quelle operazioni collegate alla raccolta delle giocate (l incasso delle poste, il rilascio di ricevute) ed il pagamento delle eventuali vincite. Con l aggravante di aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni previste dall art. 416 bis c.p. ed al fine di agevolare l attività dell associazione camorristica localmente denominata clan dei casalesi, capeggiata da VENOSA Salvatore, che con i proventi delle scommesse clandestine contribuiva alle esigenze dell organizzazione camorristica, così assicurandone la sopravvivenza ed il perseguimento dei suoi fini illeciti. Accertato in Napoli almeno da aprile 2012 fino ad almeno settembre GIUGNO Raffaele X) del reato di cui all art. 81 comma II c.p., all art. 4 commi I e IV bis L. 401/1989 e all art. 7 L. 203/1991 perché, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, al fine di procurarsi un illecito vantaggio, presso i seguenti esercizi commerciali: bar Le Plasir, ubicato in Aversa al viale Europa n. 356; bar Le Plasir Caffè ubicato in San Marcellino alla via Verdi n. 6; Internet Point denominato VinciTù Pointbet, ubicato in Aversa al viale Europa n. 392, tutti concessionari di autorizzazioni rilasciate da AAMS, sfruttate quale copertura dell attività illegale, esercitava abusivamente l organizzazione di scommesse riservate per legge allo Stato e/o al C.O.N.I., predisponendo, quindi, un complesso di persone e mezzi tra i quali ultimi i siti internet realizzati dai citati esperti informatici al fine di compiere gli atti attraverso i quali si articola la gestione delle scommesse, cioè l individuazione delle competizioni e degli eventi sui quali poter esprimere i pronostici, la fissazione delle quote e, soprattutto, l accettazione delle 20

GUARDIA DI FINANZA. Nucleo Polizia Tributaria Roma G.I.C.O. PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA

GUARDIA DI FINANZA. Nucleo Polizia Tributaria Roma G.I.C.O. PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA MODUS OPERANDI LE CONDOTTE ILLECITE Imprenditori diretta espressione del clan dei casalesi; Costituzione di società

Dettagli

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA COMAG s.r.l.

Dettagli

Chiunque pubblicamente istiga a commettere uno o più reati è punito, per il solo fatto dell'istigazione:

Chiunque pubblicamente istiga a commettere uno o più reati è punito, per il solo fatto dell'istigazione: Titolo V - Dei delitti contro l'ordine pubblico Art. 414. Istigazione a delinquere. Chiunque pubblicamente istiga a commettere uno o più reati è punito, per il solo fatto dell'istigazione: 1. con la reclusione

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA denominata Libero Consorzio Comunale ai sensi della L.R. n. 8/2014

PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA denominata Libero Consorzio Comunale ai sensi della L.R. n. 8/2014 PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA denominata Libero Consorzio Comunale ai sensi della L.R. n. 8/2014 SERVIZIO PR.02 AVVOCATURA DETERMINAZIONE COMMISSARIALE N. 288 DEL 15/12/2014 OGGETTO: PROCEDIMENTO PENALE

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA Comunicato stampa In data 22.5.2014 il NPT- Guardia di Finanza di Genova ha dato esecuzione ad un ordinanza di applicazione di misure cautelari emessa

Dettagli

REATO DI RICICLAGGIO E FATTISPECIE CRIMINOSE DI CARATTERE TRANSNAZIONALE

REATO DI RICICLAGGIO E FATTISPECIE CRIMINOSE DI CARATTERE TRANSNAZIONALE FAMIGLIA DI REATI REATO DI RICICLAGGIO E FATTISPECIE CRIMINOSE DI CARATTERE TRANSNAZIONALE NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI L art. 10 della Legge 16 marzo 2006, n. 146 - "ratifica ed esecuzione della Convenzione

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione III

PARTE SPECIALE Sezione III PARTE SPECIALE Sezione III -Reati di criminalità organizzata -Reati di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita -Induzione a rendere dichiarazioni mendaci all

Dettagli

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE CENTRO ELETTRONICO DI DOCUMENTAZIONE

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE CENTRO ELETTRONICO DI DOCUMENTAZIONE CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE CENTRO ELETTRONICO DI DOCUMENTAZIONE concorso esterno UTENTE : fabio.licata@g967 DATA : 05/05/14 08:48:05-1 - Annotata Sez. 6, Sentenza n. 43107 del 09/11/2011 Ud. (dep. 22/11/2011

Dettagli

Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento:

Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento: Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento: MOG 231 - PSG COPIA CONTROLLATA N 1 REV. BREVE DESCRIZIONE

Dettagli

COMUNE DI S. STEFANO DI CAMASTRA PROVINCIA DI MESSINA

COMUNE DI S. STEFANO DI CAMASTRA PROVINCIA DI MESSINA COMUNE DI S. STEFANO DI CAMASTRA PROVINCIA DI MESSINA REGOLAMENTO PER INTERVENTI DI SOLIDARIETÀ E MISURE DI SOSTEGNO A FAVORE DELLE VITTIME DEI REATI ESTORSIONE E DI USURA. (Approvato con deliberazione

Dettagli

PARTE SPECIALE I DELITTI DI CRIMINALITA ORGANIZZATA

PARTE SPECIALE I DELITTI DI CRIMINALITA ORGANIZZATA PARTE SPECIALE I DELITTI DI CRIMINALITA ORGANIZZATA Energeko Gas Italia S.r.l. Versione 01 - Aggiornamento 01/2013 1 Sommario PARTE SPECIALE I DELITTI DI CRIMINALITA ORGANIZZATA... 1 1. I DELITTI DI CRIMINALITA

Dettagli

Circolare AAMS 14 Luglio 2003

Circolare AAMS 14 Luglio 2003 Circolare AAMS 14 Luglio 2003 D.M. 15 febbraio 2001, n.156. D. D. 30 maggio 2002 concernenti la raccolta telefonica e telematica delle giocate relative a scommesse. Chiarimenti della relativa disciplina.

Dettagli

Numeri di registro: n. 8658/04 R.G..N.R..; n. 18698/05 R.G.. GIP.

Numeri di registro: n. 8658/04 R.G..N.R..; n. 18698/05 R.G.. GIP. Procedimento penale: n. 8658/04 R.G..N.R..; n. 18698/05 R.G.. GIP. Rito ordinario 1. Dati identificativi del procedimento penale: Numeri di registro: n. 8658/04 R.G..N.R..; n. 18698/05 R.G.. GIP. Imputati:

Dettagli

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S 35131 PADOVA - Piazzale Stazione n. 6 - tel. 049.8759866-049.654879 - fax 049.8753348 C.F./P.IVA 04351050283 avvocati@studiolegaletosello.it

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE N 2051/11 r.g.n.r.; n. 211/12 R.G.T.; n 122/13 R.G.Sent. (rito ordinario)

PROCEDIMENTO PENALE N 2051/11 r.g.n.r.; n. 211/12 R.G.T.; n 122/13 R.G.Sent. (rito ordinario) PROCEDIMENTO PENALE N 2051/11 r.g.n.r.; n. 211/12 R.G.T.; n 122/13 R.G.Sent. (rito ordinario) 1. Dati identificativi del procedimento penale: Numeri di registro: n. 2051/11 r.g.n.r.; n. 211/12 R.G.T.;

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI Direzione Distrettuale Antimafia COMUNICATO STAMPA

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI Direzione Distrettuale Antimafia COMUNICATO STAMPA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI Direzione Distrettuale Antimafia COMUNICATO STAMPA OPERAZIONE ARCOBALENO In data odierna, sono state eseguite ordinanze di custodia cautelare e sequestri

Dettagli

Codice Penale. 270- bis. Associazioni con finalità di terrorismo anche internazionale o di eversione dell'ordine democratico (1).

Codice Penale. 270- bis. Associazioni con finalità di terrorismo anche internazionale o di eversione dell'ordine democratico (1). Codice Penale 270- bis. Associazioni con finalità di terrorismo anche internazionale o di eversione dell'ordine democratico (1). Chiunque promuove, costituisce, organizza, dirige o finanzia associazioni

Dettagli

RISULTATI DELLE INDAGINI TECNICHE PER LA MAPPATURA DEI TERRENI DESTINATI ALL AGRICOLTURA DELLA REGIONE CAMPANIA. Martedì 11 Marzo 2014

RISULTATI DELLE INDAGINI TECNICHE PER LA MAPPATURA DEI TERRENI DESTINATI ALL AGRICOLTURA DELLA REGIONE CAMPANIA. Martedì 11 Marzo 2014 RISULTATI DELLE INDAGINI TECNICHE PER LA MAPPATURA DEI TERRENI DESTINATI ALL AGRICOLTURA DELLA REGIONE CAMPANIA Martedì 11 Marzo 2014 1 OBIETTIVI DELL INDAGINE Individuazione dei siti interessati da sversamenti

Dettagli

CONVENZIONE. nato a Napoli l 8 gennaio 1976 domiciliato per la carica. presso la casa comunale di Melito di Napoli d intesa con l ANCI Campania.

CONVENZIONE. nato a Napoli l 8 gennaio 1976 domiciliato per la carica. presso la casa comunale di Melito di Napoli d intesa con l ANCI Campania. CONVENZIONE TRA Il Comune di Melito di Napoli in persona del legale rappresentante p.t., Avv. Venanzio Carpentieri, nato a Napoli l 8 gennaio 1976 domiciliato per la carica presso la casa comunale di Melito

Dettagli

Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006).

Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006). Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006). (Stralcio) Art. 1 (Omissis) 525. Il comma 6 dell articolo 110 del

Dettagli

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III LIBRO SECONDO Dei delitti in particolare TITOLO III Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III Della tutela arbitraria delle private ragioni Articolo 392 Esercizio arbitrario delle proprie

Dettagli

Esecuzione di 11 misure cautelari in carcere emesse dal G.I.P. presso il Tribunale di Perugia dott. Alberto Avenoso per i reati di:

Esecuzione di 11 misure cautelari in carcere emesse dal G.I.P. presso il Tribunale di Perugia dott. Alberto Avenoso per i reati di: Esecuzione di 11 misure cautelari in carcere emesse dal G.I.P. presso il Tribunale di Perugia dott. Alberto Avenoso per i reati di: Art. 416 co. I,II,III c.p.: Associazione per delinquere. Artt. 624, 625

Dettagli

Indice LE CONDOTTE TIPICHE -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice LE CONDOTTE TIPICHE -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 IL DELITTO DI ABUSO DI UFFICIO: APPROFONDIMENTI PROF. FABIO FOGLIA MANZILLO Indice 1 LE CONDOTTE TIPICHE --------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Comunicazione all Agenzia delle Entrate dell indirizzo PEC entro il 31.10.2014 - Esclusioni

Comunicazione all Agenzia delle Entrate dell indirizzo PEC entro il 31.10.2014 - Esclusioni STUDIO BROELTDDDDDDDDDDDDDDD STUDIO BORLETTO Dott. Alfio Via Santa Maria 23 10060 SCALENGHE (TO) Comunicazione all Agenzia delle Entrate dell indirizzo PEC entro il 31.10.2014 - Esclusioni 1 PREMESSA L

Dettagli

UNITA DI INFORMAZIONE FINANZIARIA

UNITA DI INFORMAZIONE FINANZIARIA UNITA DI INFORMAZIONE FINANZIARIA COMUNICAZIONE UIF SCHEMI RAPPRESENTATIVI DI COMPORTAMENTI ANOMALI AI SENSI DELL'ART. 6, COMMA 7, LETT. B) DEL D. LGS n. 231/2007- OPERATIVITÀ CONNESSA CON IL SETTORE DEI

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO II L AMBITO DI OPERATIVITÀ DELLA NORMA

INDICE SOMMARIO CAPITOLO II L AMBITO DI OPERATIVITÀ DELLA NORMA INDICE SOMMARIO Prefazione alla terza edizione............................. Prefazione alla seconda edizione........................... Prefazione alla prima edizione............................ V VII

Dettagli

Mafia, operazione "Discovery" nell'ennese con 12 arresti

Mafia, operazione Discovery nell'ennese con 12 arresti Mafia, operazione "Discovery" nell'ennese con 12 arresti di Redazione Sicilia Journal - 11, giu, 2015 http://www.siciliajournal.it/mafia-operazione-discovery-nellennese-con-12-arresti/ Maurizio Amendolia

Dettagli

STATUTO. L Associazione si affilia alla Federazione Italiana Giuoco Calcio, impegnandosi ad osservarne lo Statuto ed i Regolamenti.

STATUTO. L Associazione si affilia alla Federazione Italiana Giuoco Calcio, impegnandosi ad osservarne lo Statuto ed i Regolamenti. Art. 1 STATUTO E costituita l Associazione Sportiva dilettantistica. L Associazione in quanto non riconosciuta è disciplinata dagli art. 36 e seguenti del Codice Civile. L Associazione ha sede in Via.

Dettagli

REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ALLEGATO 2 REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1) CORRUZIONE La corruzione consiste in un accordo tra un privato ed un pubblico ufficiale o un incaricato di pubblico servizio mediante il

Dettagli

Lavori - Richiesta partecipazione a gare di importo inferiore a.150.000,00

Lavori - Richiesta partecipazione a gare di importo inferiore a.150.000,00 Lavori - Richiesta partecipazione a gare di importo inferiore a.150.000,00 Lavori - Modello A/1) La dichiarazione sostitutiva di cui al presente modello deve essere sottoscritta dal legale rappresentante

Dettagli

Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007.

Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007. ALLEGATO 1 Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007. L anno il giorno del mese di in Roma, con la presente

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE

IL CONSIGLIO REGIONALE 16 LEGGE REGIONALE 18 dicembre 2007, n. 39 Norme di attuazione della legge 7 dicembre 2007, n. 383 (Disciplina delle associazioni di promozione sociale). IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE n. 47391/10 9716/11 R.G. GIP. rito ordinario

PROCEDIMENTO PENALE n. 47391/10 9716/11 R.G. GIP. rito ordinario [Portici 5, 2008-2010] PROCEDIMENTO PENALE n. 47391/10 9716/11 R.G. GIP rito ordinario 1. Dati identificativi del procedimento. Numeri di registro: 47391/10 R.G. N.R. 9716/11 R.G. GIP- 14175/11 R.G.Dib..

Dettagli

- ASSOCIAZIONE EX ART. 9 CGS

- ASSOCIAZIONE EX ART. 9 CGS Roma, 6 novembre 2015 Il Procuratore Federale, esaminati gli atti di indagine posti in essere dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Catanzaro, espletata l attività istruttoria in sede disciplinare,

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE n. 37895/04 R.G. N.R. 18913/09 R.G. Trib. (rito ordinario)

PROCEDIMENTO PENALE n. 37895/04 R.G. N.R. 18913/09 R.G. Trib. (rito ordinario) Napoli, Chiaia, 2001-05 PROCEDIMENTO PENALE n. 37895/04 R.G. N.R. 18913/09 R.G. Trib. (rito ordinario) 1. Dati identificativi del procedimento. - Numeri di registro: 37895/04 R.G. N.R. 18913/09 R.G. Trib.

Dettagli

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016 Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016 Pag. 1 a 10 Sommario 1 Premessa...3 2 Programma per la Trasparenza e l Integrità...3 2.1 Il principio della Trasparenza e la politica per la Trasparenza...3

Dettagli

IITALIAN PENAL CODE. Per il solo fatto di partecipare all'associazione [c.p. 115], la pena è della reclusione da uno a cinque anni [c.p. 29, 32] (3).

IITALIAN PENAL CODE. Per il solo fatto di partecipare all'associazione [c.p. 115], la pena è della reclusione da uno a cinque anni [c.p. 29, 32] (3). IITALIAN PENAL CODE Art. 416 Codice Penale. Associazione per delinquere. 416. Associazione per delinquere (1). Quando tre o più persone si associano allo scopo di commettere più delitti [c.p. 576, n. 4],

Dettagli

Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all

Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all Indagine Fort Knox Roma, 08 aprile 2014 Indagine Fort Knox Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all

Dettagli

Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006

Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006 Il Commissario Straordinario del Governo per il Coordinamento delle Iniziative Antiracket e Antiusura Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006 Il Commissario Straordinario del Governo

Dettagli

Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE

Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE Art. 600 Riduzione in schiavitù Chiunque riduce una persona in schiavitù, o in una condizione analoga alla schiavitù, è punito con

Dettagli

C i t t à d i M a r i g l i a n o (Provincia di Napoli)

C i t t à d i M a r i g l i a n o (Provincia di Napoli) C i t t à d i M a r i g l i a n o (Provincia di Napoli) COPIA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 25 del 25.02.2013 OGGETTO : Partecipazione Avviso Pubblico Prevenzione e Contrasto ai Reati di Usura

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SPORTIVI DIRIGERE IL VOLLEY. Le problematiche fiscali e le buone prassi nella gestione

CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SPORTIVI DIRIGERE IL VOLLEY. Le problematiche fiscali e le buone prassi nella gestione CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SPORTIVI DIRIGERE IL VOLLEY Le problematiche fiscali e le buone prassi nella gestione delle Associazioni Sportive Dilettantistiche A cura del Dott. Fabio Romei Dottore

Dettagli

Unico Azionista. Dichiarazione unica. (ai sensi dell'art.47 D.P.R n.445/2000)

Unico Azionista. Dichiarazione unica. (ai sensi dell'art.47 D.P.R n.445/2000) Dichiarazione unica Ente aggiudicatore: Carbosulcis S.p.A Ufficio Appalti Miniera Monte Sinni c.a.p. 09010 Nuraxi figus (Gonnesa) (ai sensi dell'art.47 D.P.R n.445/2000) OGGETTO: Realizzazione Piano operativo

Dettagli

Roma, 15 aprile 2014

Roma, 15 aprile 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 15 aprile 2014 RISOLUZIONE N. 39/E OGGETTO: Istituzione dei codici tributo per il versamento, tramite il modello F24 Accise, dell imposta unica per le scommesse

Dettagli

Dichiarazione per la partecipazione in merito al possesso dei requisiti e delle capacità (da completare e restituire firmato)

Dichiarazione per la partecipazione in merito al possesso dei requisiti e delle capacità (da completare e restituire firmato) Oggetto: Gara a procedura aperta, da esperire ai sensi dell art.124 del D.L.vo 163/06 e s.m.i., per l Affidamento triennale del servizio di dosimetria personale ed ambientale, controllo dosimetrico con

Dettagli

Ministero dell economia e delle finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato

Ministero dell economia e delle finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato Prot. n. 1034/CGV Ministero dell economia e delle finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato Rimozione dei casi di offerta in assenza di autorizzazione, attraverso rete telematica, di giochi,

Dettagli

MODELLO EAS - VARIAZIONI DEI DATI GIÀ COMUNICATI

MODELLO EAS - VARIAZIONI DEI DATI GIÀ COMUNICATI MODELLO EAS - VARIAZIONI DEI DATI GIÀ COMUNICATI Riferimenti Art. 30, DL n. 185/2008 Art. 1, comma 1, DL n. 225/2010 Risoluzione Agenzia Entrate 6.12.2010, n. 125/E Circolare Agenzia Entrate 24.2.2011,

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A Doc. IV-bis n. 10 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE A PROCEDERE IN GIUDIZIO A I S E N S I D E L L A R T I C O L O 9 6 D E L L A C O S T I

Dettagli

PROTOCOLLO QUADRO NAZIONALE TRA MINISTERO DELL INTERNO ED ENEL contro le infiltrazioni della criminalità organizzata e per la tutela della legalità

PROTOCOLLO QUADRO NAZIONALE TRA MINISTERO DELL INTERNO ED ENEL contro le infiltrazioni della criminalità organizzata e per la tutela della legalità PROTOCOLLO QUADRO NAZIONALE TRA MINISTERO DELL INTERNO ED ENEL contro le infiltrazioni della criminalità organizzata e per la tutela della legalità Le Parti: Ministero dell Interno in persona del Ministro

Dettagli

SERVIZI DI TRASPORTO. Un esempio: fino a 1.000 69. Scopri le nuove tariffe dei servizi di trasporto.

SERVIZI DI TRASPORTO. Un esempio: fino a 1.000 69. Scopri le nuove tariffe dei servizi di trasporto. SERVIZI DI TRASPORTO Scopri le nuove tariffe dei servizi di trasporto. 59 Un esempio: fino a 1.000 69 Per ulteriori informazioni rivolgiti a qualsiasi Banco Informazioni in ESPOSIZIONE MOBILI, al Servizio

Dettagli

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs 8 giugno 2001 n. 231 Parte Speciale E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO di Fujitsu Technology Solutions S.p.A. Vers.

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE n. 2057/02 R.G.N.R. 4322/03 R.G. TRIB. a carico di V.S. + 1 (rito ordinario)

PROCEDIMENTO PENALE n. 2057/02 R.G.N.R. 4322/03 R.G. TRIB. a carico di V.S. + 1 (rito ordinario) Giugliano 5, 2001-02 PROCEDIMENTO PENALE n. 2057/02 R.G.N.R. 4322/03 R.G. TRIB. a carico di V.S. + 1 (rito ordinario) 1. Dati identificativi del procedimento. - Numeri di registro:2057/02 R.G.N.R. 4322/03

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE NELL ELENCO APERTO DI OPERATORI ECONOMICI PER LE PROCEDURE DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS N. 163/06

DOMANDA DI ISCRIZIONE NELL ELENCO APERTO DI OPERATORI ECONOMICI PER LE PROCEDURE DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS N. 163/06 MOD.A DOMANDA DI ISCRIZIONE NELL ELENCO APERTO DI OPERATORI ECONOMICI PER LE PROCEDURE DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS N. 163/06 (apposizione marca da bollo - ai sensi del DPR 642/72, allegato A, tariffa

Dettagli

C9902 - LOTTOMATICA SCOMMESSE/NEWCO Provvedimento n. 19433

C9902 - LOTTOMATICA SCOMMESSE/NEWCO Provvedimento n. 19433 BOLLETTINO N. 2 DEL 2 FEBBRAIO 2009 45 C9902 - LOTTOMATICA SCOMMESSE/NEWCO Provvedimento n. 19433 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 15 gennaio 2009; SENTITO il Relatore

Dettagli

SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA. nell'adunanza del 26 settembre 2007

SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA. nell'adunanza del 26 settembre 2007 SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA Del/Par n. 12 /2007 nell'adunanza del 26 settembre 2007 Composta dai seguenti magistrati: Pres. di Sezione Mario G. C. Sancetta Presidente Consigliere Francesco

Dettagli

Cass. pen. Sez. II, Sent., (ud. 16-12-2010) 21-02-2011, n. 6462

Cass. pen. Sez. II, Sent., (ud. 16-12-2010) 21-02-2011, n. 6462 Cass. pen. Sez. II, Sent., (ud. 16-12-2010) 21-02-2011, n. 6462 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA PENALE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dettagli

Ten.Col. Pasquale Arena Comando Provinciale G. di F. Roma I Gruppo - C.te I Nucleo Operativo

Ten.Col. Pasquale Arena Comando Provinciale G. di F. Roma I Gruppo - C.te I Nucleo Operativo Ten.Col. Pasquale Arena Comando Provinciale G. di F. Roma I Gruppo - C.te I Nucleo Operativo 2011 2012 fonte: AAMS Raccolta Vincite Spesa giocatori 2 Entrate «nette» Totale 79,9 61,3 18,5 8,8 scommesse

Dettagli

MARCHIO COLLETTIVO madeincolours REGOLAMENTO D USO

MARCHIO COLLETTIVO madeincolours REGOLAMENTO D USO MARCHIO COLLETTIVO madeincolours REGOLAMENTO D USO Articolo 1 - Titolarità e finalità del marchio 1. MADEINCOLOURS srl è titolare del marchio collettivo denominato madeincolours (il MARCHIO). 2. Mediante

Dettagli

IL MODELLO EAS: LA COMUNICAZIONE DEI DATI RILEVANTI AI FINI FISCALI

IL MODELLO EAS: LA COMUNICAZIONE DEI DATI RILEVANTI AI FINI FISCALI IL MODELLO EAS: LA COMUNICAZIONE DEI DATI RILEVANTI AI FINI FISCALI Cos è il modello EAS L art. 30, commi 1,2,3 e 3 bis del decreto legge 29 novembre 2008, n.185, convertito, con modificazioni dalla legge

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE n. 15220/12 10792/12 RG. Dib. rito ordinario

PROCEDIMENTO PENALE n. 15220/12 10792/12 RG. Dib. rito ordinario [Portici 12, 2011] PROCEDIMENTO PENALE n. 15220/12 10792/12 RG. Dib. rito ordinario 1. Dati identificativi del procedimento. Numeri di registro: 15220/12 R.G. M. 10792/12 RG. Dib.; RG. Appello 6763/14.

Dettagli

Regolamento. Per l uso e la gestione degli impianti sportivi comunali del Comune di Viano. COMUNE DI VIANO Provincia di Reggio Emilia

Regolamento. Per l uso e la gestione degli impianti sportivi comunali del Comune di Viano. COMUNE DI VIANO Provincia di Reggio Emilia COMUNE DI VIANO Provincia di Reggio Emilia UFFICIO SEGRETERIA SCUOLA - Via San Polo,1 42030 VIANO (RE) Regolamento Per l uso e la gestione degli impianti sportivi comunali del Comune di Viano Approvato

Dettagli

A Equitalia S.p.A. Alla Sogei S.p.A.

A Equitalia S.p.A. Alla Sogei S.p.A. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Settore Gestione Tributi Ufficio Gestione Dichiarazioni RISOLUZIONE N.23/E Roma, 24 febbraio 2011 Al Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento delle

Dettagli

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016 Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016 Documento Trasparenza: Codice di raggruppamento: Oggetto della modifica: TR.PRO.TRA TR.PRO.TRA Approvazione: Delegato Piero Buoncristiano Emissione:

Dettagli

COMUNE DI SANT ARCANGELO (Provincia di Potenza)

COMUNE DI SANT ARCANGELO (Provincia di Potenza) COMUNE DI SANT ARCANGELO (Provincia di Potenza) Corso Vittorio EMANUELE Cap. 85037 Codice Fiscale : 82000110765 Partita I.V.A. : 01000220762 Tel. : 0973 618315 - Fax: 0973 619286 Rep. n. del atti non registrati

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE Roma - 22 settembre 2015 IL CONTO FORMATIVO AZIENDALE (CFA) Le imprese aderenti a For.Agri versano all INPS lo 0,30% delle retribuzioni dei propri

Dettagli

COMUNE DI SALA CONSILINA Provincia di Salerno

COMUNE DI SALA CONSILINA Provincia di Salerno COMUNE DI SALA CONSILINA Provincia di Salerno GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE ORIGINALE numero 138 del 01-08-2012 OGGETTO: PROGETTO "ADOTTA UN CANE" - PROVVEDIMENTI. L'anno duemiladodici addì uno del mese

Dettagli

PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON LA REGIONE CAMPANIA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON LA REGIONE CAMPANIA PREMESSO CHE PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON LA REGIONE CAMPANIA PREMESSO CHE - L art. 19 del decreto legge 24 giungo 2014 n. 90, convertito con modificazioni dalla l. 11 agosto 2014, n. 114, ha ridefinito

Dettagli

CODICEETICO EDICONDOTTA

CODICEETICO EDICONDOTTA CODICEETICO EDICONDOTTA Dicembre2013 CODICE ETICO E DI CONDOTTA DEL GRUPPO ALMAVIVA ARTICOLO 1 - PREMESSA Il presente Codice Etico e di Condotta (Codice) definisce i principi etici di riferimento e le

Dettagli

MODELLO EAS ENTRO IL 31 MARZO IN CASO DI VARIAZIONI DEI DATI GIÀ COMUNICATI

MODELLO EAS ENTRO IL 31 MARZO IN CASO DI VARIAZIONI DEI DATI GIÀ COMUNICATI MODELLO EAS ENTRO IL 31 MARZO IN CASO DI VARIAZIONI DEI DATI GIÀ COMUNICATI Riferimenti Art. 30, DL n. 185/2008 Art. 1, comma 1, DL n. 225/2010 Risoluzione Agenzia Entrate 6.12.2010, n. 125/E Circolare

Dettagli

COMUNE DI ORTA DI ATELLA Provincia di Caserta VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE

COMUNE DI ORTA DI ATELLA Provincia di Caserta VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE Prot n.200/s del 27.05.2014 D.Legvo COMUNE DI ORTA DI ATELLA Provincia di Caserta VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE N. 102 Del 22.05.2014 OGGETTO Approvazione convenzione affidamento

Dettagli

Parte Speciale C : I reati con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico

Parte Speciale C : I reati con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico Parte Speciale C : I reati con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA COMAG s.r.l. IL 30/06/2009 PARTE SPECIALE C 1.1

Dettagli

LEGGE ANTICORRUZIONE. Le novità in materia di appalti

LEGGE ANTICORRUZIONE. Le novità in materia di appalti LEGGE ANTICORRUZIONE Le novità in materia di appalti LEGGE ANTICORRUZIONE LE NOVITÀ IN MATERIA DI APPALTI Bologna, 14 marzo 2013, dalle 9.00 alle 14.00 Sala riunioni, terzo piano, viale Aldo Moro 64, Bologna

Dettagli

All Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato

All Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato CAUSALE: Nuova iscrizione APPLICARE MARCA DA BOLLO SECONDO NORMATIVA VIGENTE Rinnovo Modulo RIES/C6 Richiesta di iscrizione nell elenco di cui all articolo 1 comma 533 come sostituito dall articolo 1 comma

Dettagli

Ministero dell economia e delle finanze IL DIRETTORE GENERALE DELL AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO

Ministero dell economia e delle finanze IL DIRETTORE GENERALE DELL AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO Prot. n. 2011/11181/Giochi/ADI Ministero dell economia e delle finanze IL DIRETTORE GENERALE DELL AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO Visto il Testo Unico di cui al Regio Decreto 18 giugno 1931,

Dettagli

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario MODELLO A Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALLA PROCEDURA DI SELEZIONE DEI SOGGETTI A CUI AFFIDARE LE ATTIVITA DI INFORMAZIONE E ORIENTAMENTO PER LE

Dettagli

Facoltà di Economia Sede di Latina CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN ANTIRICICLAGGIO A.A. 2014/2015. Regolamento

Facoltà di Economia Sede di Latina CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN ANTIRICICLAGGIO A.A. 2014/2015. Regolamento Facoltà di Economia Sede di Latina CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN ANTIRICICLAGGIO A.A. 2014/2015 Regolamento Articolo 1 - Introduzione L Università degli Studi di Roma La Sapienza, in attuazione di quanto

Dettagli

Regione Puglia. Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione DECRETO PRESIDENZIALE

Regione Puglia. Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione DECRETO PRESIDENZIALE Regione Puglia Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione DECRETO PRESIDENZIALE N. 050 di repertorio OGGETTO: Misura 3.13 POR PUGLIA 2000-2006. Osservatorio Permanente dell Innovazione Progetto

Dettagli

Note Esplicative. n) T.U.L.P.S., il Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, di cui al regio decreto 18

Note Esplicative. n) T.U.L.P.S., il Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, di cui al regio decreto 18 Note Esplicative Di seguito vengono riportate brevi note esplicative sulle attività connesse all esercizio e all utilizzo degli apparecchi di cui al comma 6 lettera a), art. 110 T.U.L.P.S. Ai soli fini

Dettagli

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1 REGOLAMENTO GENERALE DELLA CORTE COSTITUZIONALE 20 gennaio 1966 e successive modificazioni (Gazzetta Ufficiale 19 febbraio 1966, n. 45, edizione speciale) 1 CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici Art. 1

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE MONTECORVINO PUGLIANO AUTONOMIA 114 C.M.: SAIC86200P - CF: 95021480652

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE MONTECORVINO PUGLIANO AUTONOMIA 114 C.M.: SAIC86200P - CF: 95021480652 1 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE MONTECORVINO PUGLIANO AUTONOMIA 114 C.M.: SAIC86200P - CF: 95021480652 REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO DELL ELENCO DELLE DITTE DA INTERPELLARE PER L ACQUISIZIONE

Dettagli

Nota integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014

Nota integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014 N.A.A.A. ONLUS Via San Maurizio, 6 10073 CIRIE -TO- C.F. 92023940015 Nota integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014 PREMESSA Il bilancio consuntivo dell esercizio chiuso al 31/12/2014 si compone di

Dettagli

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 CAPITOLO 1 Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 Art 3. Modifica al codice penale in materia di riciclaggio 1. All Art. 648 bis, primo comma, del codice penale, che disciplina il diritto di riciclaggio le parole

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania. (Sezione Quinta) SENTENZA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania. (Sezione Quinta) SENTENZA N. 04045/2014 REG.PROV.COLL. N. 03024/2006 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quinta) ha pronunciato

Dettagli

GIOCO D'AZZARDO concetti numeri casi {04/10/2013} CentroStudi

GIOCO D'AZZARDO concetti numeri casi {04/10/2013} CentroStudi GIOCO D'AZZARDO concetti numeri casi {04/10/2013} CentroStudi UN'INDUSTRIA CHE NON CONOSCE CRISI? I DATI DI AAMS RACCOLTA GIOCHI GENNAIO OTTOBRE 2012 70 262 MILIONI DI EURO 38 404 MILIONI DI EURO (APPARECCHI)

Dettagli

Indice. Introduzione... Pag. 5 CAPITOLO PRIMO LA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA

Indice. Introduzione... Pag. 5 CAPITOLO PRIMO LA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA Indice Introduzione... Pag. 5 CAPITOLO PRIMO LA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA Premessa... «17 La criminalità organizzata nel mondo...» 20 Stati Uniti Cosa Nostra...» 22 Cina - Le Triadi...» 24 Cina - I Tong...»

Dettagli

RAIUTILE INFORMAZIONE

RAIUTILE INFORMAZIONE RAIUTILE INFORMAZIONE - Martedì 3 ottobre 2006 - NAPOLI: Scoperto un falso dentista. I capillari controlli economico-finanziari, effettuati sul territorio dai finanzieri del Comando Provinciale di Napoli,

Dettagli

Associazione Sportiva Dilettantistica STATUTO DEL CIRCOLO NAUTICO RIVA DI TRAIANO

Associazione Sportiva Dilettantistica STATUTO DEL CIRCOLO NAUTICO RIVA DI TRAIANO Associazione Sportiva Dilettantistica STATUTO DEL CIRCOLO NAUTICO RIVA DI TRAIANO STATUTO SOCIALE Art. 1 - Costituzione e sede Ai sensi delle disposizioni di Legge, è costituita l Associazione Sportiva

Dettagli

Videolotteries: obbligo di segnalazione delle giocate sopra Euro 1.000

Videolotteries: obbligo di segnalazione delle giocate sopra Euro 1.000 CIRCOLARE A.F. N.112 del 24 Luglio 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Videolotteries: obbligo di segnalazione delle giocate sopra Euro 1.000 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che i

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 137 del 21 Ottobre 2014 Ai gentili clienti Loro sedi Antiriciclaggio: gli esclusi dall esonero di comunicare, entro il 31 ottobre 2014, la PEC Gentile cliente, con la

Dettagli

provvedimento restrittivo. Le manette sono scattate per Giuseppe ARENA, 51enne nato a Catania, residente ad Augusta, Mosè BANDIERA,

provvedimento restrittivo. Le manette sono scattate per Giuseppe ARENA, 51enne nato a Catania, residente ad Augusta, Mosè BANDIERA, Siracusa Blitz antimafia per 28: coinvolta cellula clan Nardo. I Carabinieri del Comando Provinciale di Siracusa, hanno dato esecuzione di notte a 28 ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal

Dettagli

COMUNICATO STAMPA ROMA, 29 GENNAIO 2014

COMUNICATO STAMPA ROMA, 29 GENNAIO 2014 COMUNICATO STAMPA ROMA, 29 GENNAIO 2014 GUARDIA DI FINANZA: TUTELA DEI MERCATI FINANZIARI, CONTRASTO AL RICICLAGGIO, AGGRESSIONE AI PATRIMONI DELLA CRIMINALITA ORGANIZZATA, LOTTA AL CONTRABBANDO ED AL

Dettagli

Associazione culturale e sportiva

Associazione culturale e sportiva STATUTO Pag.1 TITOLO I - Denominazione - Sede Art.1 Nello spirito della Costituzione della Repubblica italiana ed in ossequio a quanto previsto dagli artt.36 e seguenti del Codice civile è costituita,

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE

STATUTO DELLA FONDAZIONE STATUTO DELLA FONDAZIONE Art. 1 Scopi Tra i costituiti, che si sono proposti di dare un impulso vivo e concreto allo sviluppo dell Europa e dell unità politica europea, attraverso progetti di studio, di

Dettagli

Il seme sotto la neve Rivista on line di critica sociale della Fondazione don Luigi Di Liegro (www.ilsemesottolaneve.org)

Il seme sotto la neve Rivista on line di critica sociale della Fondazione don Luigi Di Liegro (www.ilsemesottolaneve.org) Il seme sotto la neve Rivista on line di critica sociale della Fondazione don Luigi Di Liegro (www.ilsemesottolaneve.org) Numero 3 marzo 2008 Graziella Caselli, Rosa Maria Lipsi Rifiuti, il futuro è compromesso

Dettagli

ESAMI DI IDONEITA' PROFESSIONALE PER IL TRASPORTO SU STRADA DI VIAGGIATORI

ESAMI DI IDONEITA' PROFESSIONALE PER IL TRASPORTO SU STRADA DI VIAGGIATORI PROTOCOLLO, DATA E FASC. DA CITARE SEMPRE NELLA RISPOSTA (marca da bollo, 14,62) AREA FUNZIONALE TERRITORIO SETTORE POLITICHE DEITRASPORTI UFFICIO ALBO AUTOTRASPORTATORI Istanza per la sessione del Alla

Dettagli

Capitolo Quarto I delitti contro l ordine pubblico

Capitolo Quarto I delitti contro l ordine pubblico Capitolo Quarto I delitti contro l ordine pubblico Sommario: 1. Generalità: Il concetto di ordine pubblico. - 2. Associazione per delinquere (artt. 416 e 417 c.p.). - 3. Figure speciali di associazioni

Dettagli

ANDREA CASTELLO DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE VIA ASSAROTTI N. 3/3-16122 GENOVA TEL 010/8391347 - FAX 010/4207022 *****

ANDREA CASTELLO DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE VIA ASSAROTTI N. 3/3-16122 GENOVA TEL 010/8391347 - FAX 010/4207022 ***** ANDREA CASTELLO DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE VIA ASSAROTTI N. 3/3-16122 GENOVA TEL 010/8391347 - FAX 010/4207022 TRIBUNALE CIVILE DI GENOVA Ufficio Esecuzioni Immobiliari Procedura esecutiva

Dettagli

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 169 del 20/12/2013

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 169 del 20/12/2013 Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 169 del 20/12/2013 LEGGE REGIONALE 13 dicembre 2013, n. 43 Contrasto alla diffusione del gioco d azzardo patologico (GAP). IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO

Dettagli

Estero: IVA Regolamento comunitario Territorialità dei servizi Disposizioni Interpretative

Estero: IVA Regolamento comunitario Territorialità dei servizi Disposizioni Interpretative n 27 del 22 luglio 2011 circolare n 416 del 21 luglio 2011 referente BRUGNOLI/mr Estero: IVA Regolamento comunitario Territorialità dei servizi Disposizioni Interpretative Nella Gazzetta ufficiale dell

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA SUI REQUISITI DI ORDINE GENERALE E IDONEITA PROFESSIONALE

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA SUI REQUISITI DI ORDINE GENERALE E IDONEITA PROFESSIONALE Allegato III da inserire nella Busta A DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA SUI REQUISITI DI ORDINE GENERALE E IDONEITA PROFESSIONALE In caso di raggruppamenti temporanei di imprese o consorzi ordinari sia costituiti

Dettagli