ATECO.INFOCAMERE.IT - Semplificazione amministrativa della dichiarazione attività

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ATECO.INFOCAMERE.IT - Semplificazione amministrativa della dichiarazione attività"

Transcript

1 ATECO.INFOCAMERE.IT Semplificazione amministrativa della dichiarazione attività Presentazione di strumenti di ricerca attività, composizione della descrizione e di informativa della normativa REA 11 marzo 2015

2 Cosa serve per iniziare una attività ISCRIVERSI ALL ANAGRAFE TRIBUTARIA (AE) ISCRIVERSI ALL ANAGRAFE IMPRESE (RI) DENUNCIARE LA PROPRIA ATTIVITA (REA) DENUNCIARE LA PROPRIA ATTIVITA (SUAP) ISCRIVERSI ALLA PREVIDENZA SOCIALE (INPS) ASSICURARSI CONTRO I RISCHI PROFESSIONALI (INAIL) 2

3 QUANDO si dichiara l attività ATTIVITA LIBERA (ca. 40%) Operazione contestuale COMUNICA per: Iscrizione AE Iscrizione RI Denuncia REA Iscrizione INPS Iscrizione INAIL ATTIVITA CON SCIA (ca. 50%) Operazione contestuale COMUNICA /SUAP per: Iscrizione AE Iscrizione RI Comunicazione SCIA Denuncia REA Iscrizione INPS Iscrizione INAIL ATTIVITA CON AUTORIZZAZIONE (ca. 10%) Prima operazione con COMUNICA per: Seconda operazione con SUAP per: Terza operazione con COMUNICA per: Iscrizione AE Iscrizione RI Richiesta autorizzazioni SUAP Denuncia REA Iscrizione INPS Iscrizione INAIL

4 COME si dichiara l attività AE Codici ATECO. Autodichiarazione impresa. Associazione a studi di settore RI Descrizioni libere. Istruttoria per verifiche adempimenti. Traduzione descrizione in Codice ATECO / Associazione al codice ATECO AE SUAP Descrizioni libere. Inizio di associazione della attività a settori attività. Obiettivo DPR 160/2010 di arrivare ai codici ATECO anche per il SUAP. INPS Codici ATECO del RI usati per identificare i Commercianti, classificare i datori di lavoro (circolare ), etc. INAIL descrizioni libere. Istruttoria anche su altre informazioni correlate (prodotti, lavorazioni, mezzi di trasporto, etc) per identificare il rischio. 4

5 COSA si dichiara come attività MACRO SETTORI % Settore freq. (2013) Agricoltura 14,3% A Agricoltura, silvicoltura pesca B Estrazione di minerali da cave e miniere C Attività manifatturiere Industria 26,7 % D Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condiz E Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione d F Costruzioni Totale macro settore Commercio 27,1% G Commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparazione di aut Trasporto e spedizioni 3,1% H Trasporto e magazzinaggio Turismo 7,0% I Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione Credito e Assicurazioni 2,0% K Attività finanziarie e assicurative J Servizi di informazione e comunicazione L Attività immobiliari Servizi alle imprese M Attività professionali, scientifiche e tecniche ,4% N Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imp Totale macro settore O Amministrazione pubblica e difesa; assicurazione sociale 146 P Istruzione Q Sanità e assistenza sociale Altri settori 6,3% R Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e diver S Altre attività di servizi U Organizzazioni ed organismi extraterritoriali 8 Totale macro settore Totale complessivo

6 Genesi dei nuovi servizi Difficoltà ad individuare la propria attività Nel Registro Imprese si è sempre dichiarata l attività in forma libera. Vantaggio immediato per l impresa è la facilità nella compilazione della pratica Svantaggio frequente per Camera e Impresa è la necessità di maggiori chiarimenti e precisazioni dopo la prima dichiarazione Difficoltà ad individuare gli adempimenti necessari Senza una chiara individuazione della attività anche gli adempimenti conseguenti non sono facilmente individuabili Normativa nazionale e regionale sulle attività molto complessa Interpretazione delle norme spesso differenziata nelle Camere Dichiarazioni della attività anche ad altri enti 6

7 1. ATECO Caratteristiche delle due tipologie di dichiarazioni pro Certezza nella identificazione della attività di una impresa Facilità nella classificazione delle imprese Facilitazione nel dialogo tra PA (è il codice fiscale della attività) Necessità nei confronti a livello mondiale (la classificazione NACE corrisponde ai primi 4 caratteri ATECO) Sempre più usato nelle gare, appalti, etc per certificare l attività dell impresa contro A volte limitato. Arriva al massimo a 1224 attività (o classificazioni di attività) mentre le attività potenzialmente sono infinite. A volte ridondante. Per il commercio all ingrosso le norme/adempimenti sono univoche ma le informazioni economiche che si vogliono per esigenze statistiche sono maggiori. Per certe attività è una classificazione di più attività A volte è complesso. Per gestire anche casistiche future o non importanti si utilizzano dei codici generici 7

8 Caratteristiche delle due tipologie di dichiarazioni 2. Descrizione libera pro facile da utilizzare permette di descrivere nel dettaglio le informazioni sulla attività contro Impossibile da utilizzare per classificare le attività economiche Molto difficile da utilizzare nel dialogo tra PA Impossibile da utilizzare per individuare gli adempimenti in modo univoco e completo 8

9 Soluzione del Sistema Camerale Ateco.infocamere.it 1 Funzioni per individuare il codice ATECO Il dato serve per la denuncia AE RI INPS 2 Funzione per compilare la descrizione libera della attività in modo standard il dato serve per la denuncia RI SUAP INAIL 3 Funzione per conoscere gli adempimenti REA Le informazioni servono per la denuncia REA e in parte anche SUAP 4 Funzione per conoscere gli adempimenti SUAP Le informazioni servono per la denuncia SUAP (lavoro in progress) Il codice ATECO è la chiave che lega tutti questi strumenti. Abbiamo utilizzato solo i codici di massimo livello (come Agenzia Entrate) 9

10 Altri strumenti del Sistema Camerale correlati https://www.impresainungiorno.gov.it/areainformativa Strumento per conoscere gli adempimenti necessari per la denuncia SUAP vsri.infocamere.it (Vademecum Societario) Le informazioni per tutti gli adempimenti RI delle società (non solo legati alla attività) Le informazioni principali sulla modulistica AE INPS INAIL associata 10

11 11

12 1 Funzioni per individuare il codice ATECO Cos è ATECO Le attività possibili sono probabilmente decine di migliaia. ISTAT le raggruppa in una struttura gerarchica che parte con 21 sezioni e arriva a 1224 codici di massimo dettaglio. 12

13 1 Funzioni per individuare il codice ATECO Cos è ATECO 1. Codice ATECO 2. Declaratoria ATECO 3. Note di inclusione Facoltative Elencano tutte le attività incluse nel codice 4. Note di esclusione Facoltative Indicano che attività simili sono da gestire con altri codici 13

14 1 Funzioni per individuare il codice ATECO Cos è ATECO (... e anche le specifiche ministeriali...) 1. l oggetto della classificazione ATECO, normalmente indicato come attività, è il prodotto / servizio offerto dalla impresa a terzi (siano essi utenti finali o altre imprese); ne consegue che il modo migliore e più chiaro di descrivere la propria attività è quello di fare riferimento solo al prodotto / servizio offerto dalla impresa ( o ai più prodotti / servizi offerti) 2. ne consegue che è preferibile evitare di descrivere attività interne, accessorie e qualsiasi altra attività che costituisca semilavorato o attività preparatoria al prodotto / servizio offerto dalla impresa; in altre parole, interpretando nei termini di ciclo di produzione, si può dire che occorre descrivere solo quanto costituisce l output di tale ciclo: es. ciclo 1: R & S progettazione manifattura (produzione): si descrive solo manifattura es. ciclo 2: produzione di PVC produzione di bacinelle in PVC; si descrive solo manifattura bacinella in PVC; es. ciclo 3: consulenza installazione impianto idraulico: si descrive solo installazione impianto idraulico es. ciclo 4: consulenza (si vende la consulenza in se e per se ): si descrive consulenza come detto, meglio evitare di descrivere altre attività che non costituiscono prodotti / servizio finale offerto, in quanto esse possono rendere più difficoltosa l interpretazione in sede di classificazione; 14

15 1 Funzioni per individuare il codice ATECO Cos è ATECO (... e anche le specifiche ministeriali...) 3 la vendita costituisce oggetto di classificazione solo nel caso del commercio, in quanto solo in tale caso costituisce l oggetto della attività della impresa (in tutti gli altri caso costituisce solo il naturale esito di ogni attività d impresa tutte le imprese vendono); ne consegue che la vendita ( a volte richiamata secondo senso comune nei termini di commercio), deve essere citata in descrizione attività solo nel caso si tratti di commercio in senso stretto e non quanto si tratta della vendita del proprio prodotto / servizio offerto; es. descrizione attività: produzione e commercio di lampade se inteso come vendita proprio prodotto, meglio descrivere solo produzione 4. la installazione è oggetto di classificazione solo quando si tratti di installazione di attrezzature o macchinari non prodotti dall impresa stessa; ne consegue che essa deve essere descritta solo in questo caso e non quando si tratti della installazione di attrezzature o macchinari prodotti dalla stessa impresa; es.1: produzione installazione: si descrive solo produzione es.2: installazione: si descrive installazione; attenendosi a questa indicazione si rende più semplice l interpretazione della attività in sede di classificazione; 15

16 1 Funzioni per individuare il codice ATECO Cos è ATECO (... e anche le specifiche ministeriali...) 5. non è corretto descrivere la attività utilizzando la declaratoria dei codici Ateco tipo N.C.A. (attività Non Classificata in Altri codici), in quanto essa non consente di descrivere in modo chiaro quale sia il prodotto / servizio offerto; il SW Infocamere per la costruzione della descrizione attività ne consente l utilizzo, ma solo se oltre alla declaratoria, si specifica di che cosa si tratta attraverso l utilizzo delle note di inclusione al codice o aggiungendo una specifica a testo libero; si ricorda comunque che in ogni caso è corretto ricorrere al codice N.C.A. in quanto ci si sia assicurati: a) che la attività da descrivere appartiene proprio alla divisione Ateco inerente a quel codice N.C.A b) che la attività non sia descritta (inclusa) nell ambito di ogni altro codice di quella divisione; 6. stesso criterio di cui al punto 5, dovrebbe essere applicato anche in rapporto all utilizzo di declaratorie che pur non essendo definite in Ateco come N.C.A., sono comunque troppo generiche e che quindi non consentono anch esse, di descrivere in modo chiaro quale sia il prodotto / servizio offerto; ci si riferisce alle declaratorie che tipicamente recitano : altre attività di... (o definizioni equipollenti) es. descr.attiv. 1: altre attività di supporto alle rappresentazione artistiche; Necessario specificare che cosa si intende per...; ad esempio: organizzazione di spettacoli teatrali es. descr.attiv. 2: fabbricazione di altri componenti elettronici ( ) necessario specificare che cosa si intende per...; ad esempio: fabbricazione telefoni cellulari per quanto detto, molto meglio specificare che cosa si intende per...; ad esempio: muratore o installazione camini o qualsiasi altra attività a cui ci si riferisce; 16

17 1 Funzioni per individuare il codice ATECO + Strumento completo Per utenti esperti + Strumento semplice Strumento non completo Per chi conosce già il codice.. È sufficiente digitarlo 17

18 2 Funzione per compilare la descrizione in modo standard Agenzia Entrate Utilizza solo i codici di massimo livello (1224). Non accetta I codici intermedi. Non chiede ulteriori dettagli della attività e quindi l informazione utilizzabile è solo la declaratoria. Il Registro Imprese attualmente chiede una descrizione libera e quindi: Non riesce a controllare la piena corrispondenza della descrizione con una sola attività ISTAT (possono quindi esserci più attività indicate nella descrizione delle attività prevalenti e primarie; es. Coltivo mais e riso sono due codici ATECO: e 01.12) Non riesce a controllare la corrispondenza con il massimo livello di dettaglio ISTAT (es. Coltivo cereali coltivo mais: la prima descrizione è generica 01.1, la seconda è corretta ) + Permette di descrivere ulteriori informazioni sulla attività (di interesse soprattutto della impresa; Coltivo mais OGM) + Permette di descrivere l attività ISTAT con maggiore precisione rispetto alla declaratoria ISTAT (es. Volantinaggio come specifica attività di una declaratoria generica come ALTRI SERVIZI DI SOSTEGNO ALLE IMPRESE NCA ) 18

19 2 Funzione per compilare la descrizione in modo standard Proponiamo di usare il più possibile la declaratoria e le note di inclusione Una descrizione deve riguardare un solo codice E possibile inserire anche altre informazioni congruenti Rimandiamo alle funzionalità Starweb per un maggior dettaglio Funzione ateco utile per chi non usa Starweb Per chi ha capito la logica.. non è neppure necessario 19

20 3 Funzione per conoscere gli adempimenti REA Il Sistema Camerale ha istituito un gruppo di lavoro, composto da almeno un rappresentante per regione, che gestisce una banca dati in cui evidenziare e tenere aggiornate tutte le normative relative alle attività di impresa in modo univoco I diversi adempimenti normativi, probabilmente , sono state associati a codici ATECO. I controlli sulla documentazione afferiscono alla istruttoria della pratica REA/RI. Per queste informazioni il documento di sintesi è in genere sufficiente. Possono indicare che l attività è libera, che necessita di una SCIA oppure di una autorizzazione. Le norme nazionali sono complete e aggiornate ma esistono alcune norme regionali che possono cambiare le indicazioni nazionali. Le Camere di Commercio si stanno uniformando in una unica interpretazione della normativa 20

21 3 Funzione per conoscere gli adempimenti REA 21

22 3 Funzione per conoscere gli adempimenti REA Esempi di documenti di sintesi 1. Attività con autorizzazioni 2. Attività libera 22

23 3 Funzione per conoscere gli adempimenti REA Esempi di documenti di sintesi 3. Attività con SCIA 4. Attività con norme regionali 23

24 4 Funzione per conoscere gli adempimenti SUAP Esistono ulteriori informazioni (le normative di riferimento, informazioni di dettaglio sulla materia, precisazioni importanti sugli artigiani, alcuni adempimenti importanti SUAP) in un documento di dettaglio Per una visione completa degli adempimenti necessari per l Albo Artigiani si deve far riferimento all ufficio competente. Per una visione completa degli adempimenti necessari per il SUAP c è il link alla documentazione presente nel sito impresainungionro.it. Questo è possibile perchè abbiamo associato ogni codice ATECO ad un settore attività SUAP. Attualmente la lista degli adempimenti SUAP è visualizzata con la vecchia modalità (lista piatta). A breve avremo la nuova visualizzazione presente da questa estate sul sito (lista gerarchica) Nel 2015 lavoreremo per una integrazione più forte dei due strumenti 24

25 4 Funzione per conoscere gli adempimenti SUAP 25

26 4 Funzione per conoscere gli adempimenti SUAP Visualizzazione attuale Visualizzazione futura 26

27 Codifica ATECO AE Descrizione Attività RI Codifica ATECO RI 27

28 Codifica ATECO AE Descrizione Attività RI Codifica ATECO RI Da aprile 2013 per la gran parte delle imprese (in genere le monolocalizzate, cioè imprese con la sola sede legale) a fronte di una movimentazione sulla attività del Registro Imprese iscriviamo nel Registro Imprese i codici ATECO presenti nella Anagrafe Tributaria (il giorno successivo alle iscrizioni della pratica) Per le movimentazioni sulla attività rimanenti (in genere sulle plurilocalizzate, cioè imprese con più localizzazioni), i codici ATECO continuano ad essere ricavati dalla analisi delle descrizioni attività ed iscritti due giorni dopo l iscrizione della pratica. Primo passo verso uniformità tra PA della dichiarazione attività Le visure riportano l informazione della modalità di attribuzione dei codici ATECO. 28

29 Codifica ATECO AE Descrizione Attività RI Codifica ATECO RI Codifica ATECO ottenuta dalle descrizioni Registro Imprese Codifica ATECO ottenuta dall archivio Anagrafe Tributaria 29

30 Codifica ATECO AE Descrizione Attività RI Codifica ATECO RI OBIETTIVO DESCRIZIONE ATTIVITA REGISTRO IMPRESE CODICE ATECO AGENZIA ENTRATE = = CODICE ATECO REGISTR O IMPRESE MOLTO IMPORTANTE PER LE MONOLOCALIZZATE 30

31 Codifica ATECO AE Descrizione Attività RI Codifica ATECO RI Correzioni dei dati ATECO Se nell utilizzo della visura si riscontrano problemi sui codici la Camera di Commercio gestirà le correzioni secondo queste linee di principio: Avere nel Registro Imprese sempre presenti le descrizioni coerenti alle attività che l impresa chiede (ad esempio se mancano attività presenti solo in Agenzia Entrate occorre una nuova denuncia al Registro Imprese). Avere nelle monolocalizzate sempre I codici ATECO dell Anagrafe Tributaria allineati alle descrizioni attività dichiarate dall impresa nel RI (per cui se i dati presenti nella visura sono quelli ricavati da Agenzia Entrate e però non sono corretti prima di correggerli nel Registro Imprese si chiederà di correggerli nell Anagrafe Tributaria) 31

32 COMUNICASTARWEB dichiarazione attività Abbiamo predisposto un documento guida delle nuove funzioni Starweb. presente anche nella homepage di ateco.infocamere.it. Abbiamo inserito le funzionalità ATECO nelle: pratiche di inizio attività RI e AA pratiche di variazione attività RI e AA Sono strumenti per il momento opzionali presenti nelle: attività Prevalente di impresa attività primarie sede e UL attività secondarie sede e UL Non sono gestite le descrizioni Artigiane e Agricole (in prospettiva vorremmo eliminare queste duplicazioni di informazioni, in genere della attività prevalente di impresa) 32

33 COMUNICASTARWEB dichiarazione attività import/export Commercio all ingrosso Commercio ambulante Magliaia Funzione ATECO di ricerca attività con sistema esperto ricerche di mercato e sondaggi di opinione stuccatore seggiovie Restauro posa in opera di infissi rappresentante affittacamere Faccio il muratore scuola di coaching agente Riparazione meccanica di autoveicoli scommesse sportive commercio al dettaglio di abbigliamento Servizi logistici relativi alla distribuzione di merci bar Commercio al dettaglio procacciatore scommesse gestite dal coni commercio al dettaglio di prodotti alimentari sala scommesse ricovero cani manutenzione tombe intarsiatore torrefazione caffe vendo pane spazzacamino carrozziere ceramista elettricista d auto meccanico d auto 33

34 COMUNICASTARWEB dichiarazione attività Funzione ATECO di ricerca attività con sistema esperto 34

35 COMUNICASTARWEB dichiarazione attività Descrizione Attività : 3 tipi di compilazione Le carni sono OGM free Commercio al dettaglio di prodotti a base di carne 35

36 COMUNICASTARWEB dichiarazione attività Descrizione attività risultante e normativa REA Descrizione attività secondaria (sede e UL) Nella attuale versione è necessario inserire, nella frase di ricerca, tutte le attività secondarie che l impresa svolge. Nei risultati di ricerca sarà possibile selezionare più codici ATECO e comporre più descrizioni attività (sempre con la stessa logica precedentemente illustrata) Il risultato finale sarà una o più descrizione attività separate logicamente secondo lo standard ATECO 36

37 COMUNICASTARWEB dichiarazione attività Descrizione attività di Codici N.C.A. In ogni settore economico ATECO esistono dei codici che hanno una DECLARATORIA generica perchè raggruppano più attività, in genere poco importanti da non meritare un codice ad hoc oppure per gestire anche nuove attività che potrebbero nascere (NCA = Non Classificate Altrove). Per queste attività NON permettiamo di utilizzare la prima soluzione di compilazione della descrizione attività (quella con la sola declaratoria) ma chiediamo maggiori informazioni (utilizzando la seconda o terza soluzione di compilazione della descrizione attività) Distinta Campo note Nel campo Note della distinta viene prodotto una informativa per la Camera contenente tutti i codici ATECO utilizzati per comporre le descrizioni attività. 37

38 COMUNICASTARWEB dichiarazione attività Variazione attività della sede e della UL Questa operazione risulta critica, soprattutto per la mancata standardizzazione delle descrizioni (una descrizione = una attività = un codice ATECO) Abbiamo inserito i nuovi strumenti per la dichiarazione di NUOVA attività o di RIPRESA della attività Nella dichiarazione della attività PRIMARIA e delle attività SECONDARIE si devono considerare le descrizioni equivalenti presenti nella visura, le nuove dichiarazioni (di inizio, ripresa, sospensione, cessazione attività) e quindi comporre le attività risultati Documentazione Starweb presente sulla homepage di ateco.infocamere.it Manuale Starweb/Ateco Video elearning 38

39 COMUNICASTARWEB dichiarazione attività Comunicazione all Agenzia Entrate dei codici ATECO In Starweb è possibile compilare la pratica Agenzia Entrate in modo integrato. Si consiglia di compilare sempre la modulistica Agenzia Entrate quando si presentano modifiche della attività Registro Imprese Nel caso di modifica della attività prevalente al Registro Imprese con il nuovo strumento, viene preimpostato il codice ATECO relativo nella pratica Agenzia Entrate. 39

40 ATECO Semplificazione amministrativa della dichiarazione attività Grazie della attenzione 40

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Patrimonio della PA Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Dicembre 2013 INDICE 1 Premessa e sintesi 3 2 La rilevazione delle partecipazioni detenute

Dettagli

- La denuncia di inizio, di modifica e di cessazione dell attività delle società

- La denuncia di inizio, di modifica e di cessazione dell attività delle società Registro Imprese - La denuncia di inizio, di modifica e di cessazione dell attività delle società - I trasferimenti di sede da altra provincia Come descrivere l attività Sintetica, chiara e concreta SI

Dettagli

Guida a. versione: 1.60 data: 26.03.2015 autore: Infocamere collaborazioni: CCIAA di Venezia

Guida a. versione: 1.60 data: 26.03.2015 autore: Infocamere collaborazioni: CCIAA di Venezia Guida a versione: 1.60 data: 26.03.2015 autore: Infocamere collaborazioni: CCIAA di Venezia INDICE 1. La Comunicazione Unica con ComunicaStarweb... 6 1.1 Cos è la Comunicazione Unica... 6 1.1.1 Novità

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

GLOSSARIO DI ALCUNI TERMINI USATI NELLA PUBBLICAZIONE

GLOSSARIO DI ALCUNI TERMINI USATI NELLA PUBBLICAZIONE GLOSSARIO DI ALCUNI TERMINI USATI NELLA PUBBLICAZIONE Altre forme giuridiche (A.F.) Tipologia che raccoglie tutte le imprese aventi forma giuridica diversa da quelle che rientrano nei seguenti raggruppamenti:

Dettagli

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE UNICA

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE UNICA Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Asti CAMERE DI COMMERCIO DI ALESSANDRIA, ASTI, BIELLA, NOVARA,VERCELLI UFFICIO DEL REGISTRO DELLE IMPRESE GUIDA ALLA COMUNICAZIONE UNICA Marzo 2010

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Registro Imprese La CANCELLAZIONE di: Imprese Individuali Società di Persone Società di Capitale dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Indice Introduzione pag. 3 Cancellazione

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

CABINA DI REGIA SPORTELLI UNICI DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DELLA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO & TAVOLO DI COORDINAMENTO UTENTI SUAP

CABINA DI REGIA SPORTELLI UNICI DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DELLA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO & TAVOLO DI COORDINAMENTO UTENTI SUAP CABINA DI REGIA SPORTELLI UNICI DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DELLA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO & TAVOLO DI COORDINAMENTO UTENTI SUAP STANDARDIZZAZIONE PROCEDURE - NOTA 2/2014 Sommario CESSAZIONE ATTIVITÀ DI

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

SPORTELLO UNICO PREVIDENZIALE Modello per la richiesta telematica del Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC)

SPORTELLO UNICO PREVIDENZIALE Modello per la richiesta telematica del Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC) SPORTELLO UNICO PREVIDENZIALE Modello per la richiesta telematica del Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC) MODELLO UNIFICATO: 1) APPALTI DI LAVORI PUBBLICI Quadri da compilare : "A" + "B"

Dettagli

RIUTILIZZO E RICICLO DEI RIFIUTI SOLIDI: UNA NUOVA OPPORTUNITÀ DI SVILUPPO

RIUTILIZZO E RICICLO DEI RIFIUTI SOLIDI: UNA NUOVA OPPORTUNITÀ DI SVILUPPO reusing&recycling RIUTILIZZO E RICICLO DEI RIFIUTI SOLIDI: UNA NUOVA OPPORTUNITÀ DI SVILUPPO Mo. Re. & Mo. Re. per una governance innovativa della gestione dei rifiuti. Programma LIFE08 ENV/IT/437 Azione

Dettagli

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014 Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal 1 gennaio 2014 A cura di Leonardo Pascarella Aggiornamento DICEMBRE 2014 Responsabile:

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

GLI INFORTUNI NELLE SCUOLE. Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte

GLI INFORTUNI NELLE SCUOLE. Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte Perché questa particolare attenzione sugli infortuni? L'analisi degli incidenti/infortuni costituisce un momento di Art. 29 comma 3 Dlgs 81/08 fondamentale

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO. ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85

AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO. ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 MOD. 2 - Busta A AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE 1. L istanza di riconoscimento dei CFP, deve essere presentata esclusivamente al CNI mediante una compilazione online di apposito modulo disponibile sulla piattaforma della formazione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE I problemi del sistema vigente Lo Sportello Unico per le attività Produttive (SUAP) non ha avuto diffusione su tutto il territorio nazionale e non ha sostituito

Dettagli

Al SUAP. Denominazione società/ditta

Al SUAP. Denominazione società/ditta COMUNICAZIONE SUBINGRESSO DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO L.R. 28/2005 e s.m.i. Codice del Commercio art.74 e D.P. G.R. n. 15/R del 1 aprile 2009 Regolamento di attuazione della legge n. 28/2005

Dettagli

GUIDA ALLA SPEDIZIONE DELLA PRATICA CUR PER IL MANTENIMENTO DELL ISCRIZIONE ALL ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI

GUIDA ALLA SPEDIZIONE DELLA PRATICA CUR PER IL MANTENIMENTO DELL ISCRIZIONE ALL ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI GUIDA ALLA SPEDIZIONE DELLA PRATICA CUR PER IL MANTENIMENTO DELL ISCRIZIONE ALL ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI 1. Dotazioni informatiche minime: Pc con accesso ad internet Contratto Telemaco

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

La start-up innovativa

La start-up innovativa La start-up innovativa Guida sintetica per utenti esperti sugli adempimenti societari Per maggiori informazioni: http://startup.registroimprese.it Adempimenti amministrativi ed informazioni sulle nuove

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE UTILIZZO DEL SOFTWARE FEDRA PLUS - MODULISTICA FEDRA E PROGRAMMI COMPATIBILI - MODELLO S1 TRASFERIMENTO SEDE DA ALTRA PROVINCIA ISTRUZIONI TRIVENETO PARAGRAFO 5.4 E 12.4 Si fa presente

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

Aggiornamento dell Albo dei fornitori di beni e servizi

Aggiornamento dell Albo dei fornitori di beni e servizi MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA ASSE IV LEADER Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale: l Europa investe nelle zone rurali Programma di Sviluppo

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

Metodologia per l attribuzione del codice Ateco 2007 - Registro Asia

Metodologia per l attribuzione del codice Ateco 2007 - Registro Asia istat working papers Metodologia per l attribuzione del codice Ateco 2007 - Registro Asia N.5 2011 Simone Ambroselli istat working papers Metodologia per l attribuzione del codice Ateco 2007 - Registro

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

Accesso all Area di Lavoro

Accesso all Area di Lavoro Accesso all Area di Lavoro Una volta che l Utente ha attivato le sue credenziali d accesso Username e Password può effettuare il login e quindi avere accesso alla propria Area di Lavoro. Gli apparirà la

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

Progetto SINTESI. Dominio Provinciale. Guida alla compilazione del form di Accreditamento. -Versione Giugno 2013-

Progetto SINTESI. Dominio Provinciale. Guida alla compilazione del form di Accreditamento. -Versione Giugno 2013- Progetto SINTESI Dominio Provinciale Guida alla compilazione del form di Accreditamento -Versione Giugno 2013- - 1 - Di seguito vengono riportate le indicazioni utili per la compilazione del form di accreditamento

Dettagli

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI MODULO S3 Scioglimento, liquidazione, cancellazione dal Registro Imprese AVVERTENZE GENERALI Finalità del modulo Il modulo va utilizzato per l iscrizione nel Registro Imprese dei seguenti atti: scioglimento

Dettagli

GUIDA ALLO SPESOMETRO IN SUITE NOTARO 4.1 SP4A

GUIDA ALLO SPESOMETRO IN SUITE NOTARO 4.1 SP4A GUIDA ALLO SPESOMETRO IN SUITE NOTARO 4.1 SP4A Comunicazione Spesometro 2 Attivazione 2 Configurazioni 3 Classificazione delle Aliquote IVA 3 Dati soggetto obbligato 4 Opzioni 5 Nuovo adempimento 6 Gestione

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

Guida alla compilazione dei modelli di denuncia di inizio attività

Guida alla compilazione dei modelli di denuncia di inizio attività CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI SALERNO 84100 Salerno Via Roma, 29 (Sede di Rappresentanza) - Via S. Allende, 19/21 (Sede Operativa) - Telefono 089.30.68.111 - Telefax 089.33.48.65

Dettagli

Manuale di classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali ed assistenziali in base all'articolo 49 della legge 88/1989

Manuale di classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali ed assistenziali in base all'articolo 49 della legge 88/1989 Giugno 2014 ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE DIREZIONE CENTRALE ENTRATE Manuale di classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali ed assistenziali in base all'articolo 49 della legge 88/1989

Dettagli

AVCP Generatore di XML

AVCP Generatore di XML AVCP Generatore di XML Perché è necessario... 2 Come Funziona... 3 Appalto... 3 Indice... 5 Anagrafiche... 6 Lotto... 7 Partecipanti... 9 Partecipante in Solitario (Partecipante)... 9 Partecipante in Raggruppamento...

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 0047 Versione 002 2014) Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA'

Dettagli

Comunicazioni all'anagrafe Tributaria

Comunicazioni all'anagrafe Tributaria ISTRUZIONI E NOTE PERMESSO DI COSTRUIRE, CERTIFICATO DI AGIBILITA' O ALTRO ATTO DI ASSENSO DENCIA DI INIZIO ATTIVITA' (DIA) La comunicazione relativa alle DIA ed ai Permessi di costruire rilasciati dai

Dettagli

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.140 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 20 marzo 2015 Organismo Pagatore AGEA

Dettagli

Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro

Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Il presente Rapporto è stato realizzato da un gruppo di ricerca congiunto

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet Lavoro Occasionale Accessorio Internet 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo del documento... 3 1.2 Normativa... 3 1.3 Attori del Processo... 4 1.4 Accesso Internet... 5 1.4.1 Accesso Internet da Informazioni...

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Nuova scadenza presentazione domande di contributo: martedì 30 giugno 2015, ore 12.00

Nuova scadenza presentazione domande di contributo: martedì 30 giugno 2015, ore 12.00 Bando per la concessione di contributi a fondo perduto alle imprese del commercio e del turismo del Distretto ValleLambro - Distretto dell attrattività territoriale integrata turistica e commerciale per

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

Dr. Rag. D Antuono Emilio

Dr. Rag. D Antuono Emilio Aggiornato al 26/02/2013 Copyright Riproduzione Riservata IL REVERSE CHARGE IN EDILIZIA L Art. 1 comma 44 della legge n. 296/2006 ha introdotto nel nostro sistema il meccanismo del REVERSE CHARGE o INVERSIONE

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

ALBO FORNITORI GTT - DOMANDA DI AMMISSIONE

ALBO FORNITORI GTT - DOMANDA DI AMMISSIONE Allegato 1 - Domanda di ammissione ALBO FORNITORI GTT - DOMANDA DI AMMISSIONE DICHIARAZIONE (da rendere da parte dei soggetti a ciò tenuti e accompagnata dalla copia di un documento di identità personale

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 FORMAZIONE DI UN ELENCO DI OPERATORI ECONOMICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (ART.125 D. LGS. 163/2006) Ai sensi dell art.125 del D. Lgs. 163/2006 e s.m.i, la Fondazione

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

l agenzia 5 in f orma

l agenzia 5 in f orma l agenzia 5 in f orma 2004 GLI ADEMPIMENTI FISCALI PER L AVVIO DI UN ATTIVITÀ AGENZIA DELLE ENTRATE Ufficio Relazioni Esterne INDICE I. INTRODUZIONE 2 II. DITTA INDIVIDUALE O SOCIETÀ DI PERSONE? 3 Ditta

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per le Erogazioni in Agricoltura Regolamento per l istituzione di un elenco di operatori economici di fiducia ai sensi dell art. 125, comma 12 del D.lgs. n. 163

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 25/06/2014

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 25/06/2014 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 25/06/2014 Circolare n. 80 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

INDICE. Presentazione 3

INDICE. Presentazione 3 L APPRENDISTATO NEI TRASPORTI DELLA PROVINCIA DI ROMA L IMPATTO E LE POTENZIALITÀ DI UNA POLITICA ATTIVA DEL LAVORO, TRA DINAMICHE DI SVILUPPO E MUTAMENTI DEI FABBISOGNI FORMATIVI DELLE IMPRESE Roma, Dicembre

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione XXI Registro delle Imprese Roma, 29 agosto 2014, prot.

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

(1) Livello Inquadramento

(1) Livello Inquadramento di Mutualità ed Assistenza MACERATA Via Gramsci, 38 Tel. 0733 230243 Fax. 0733 232145 E mail: info@cassaedilemacerata.it www. cassaedilemacerata.it DATI ANAGRAFICI DEL LAVORATORE ( per i nuovi assunti

Dettagli