ATECO.INFOCAMERE.IT - Semplificazione amministrativa della dichiarazione attività

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ATECO.INFOCAMERE.IT - Semplificazione amministrativa della dichiarazione attività"

Transcript

1 ATECO.INFOCAMERE.IT Semplificazione amministrativa della dichiarazione attività Presentazione di strumenti di ricerca attività, composizione della descrizione e di informativa della normativa REA 11 marzo 2015

2 Cosa serve per iniziare una attività ISCRIVERSI ALL ANAGRAFE TRIBUTARIA (AE) ISCRIVERSI ALL ANAGRAFE IMPRESE (RI) DENUNCIARE LA PROPRIA ATTIVITA (REA) DENUNCIARE LA PROPRIA ATTIVITA (SUAP) ISCRIVERSI ALLA PREVIDENZA SOCIALE (INPS) ASSICURARSI CONTRO I RISCHI PROFESSIONALI (INAIL) 2

3 QUANDO si dichiara l attività ATTIVITA LIBERA (ca. 40%) Operazione contestuale COMUNICA per: Iscrizione AE Iscrizione RI Denuncia REA Iscrizione INPS Iscrizione INAIL ATTIVITA CON SCIA (ca. 50%) Operazione contestuale COMUNICA /SUAP per: Iscrizione AE Iscrizione RI Comunicazione SCIA Denuncia REA Iscrizione INPS Iscrizione INAIL ATTIVITA CON AUTORIZZAZIONE (ca. 10%) Prima operazione con COMUNICA per: Seconda operazione con SUAP per: Terza operazione con COMUNICA per: Iscrizione AE Iscrizione RI Richiesta autorizzazioni SUAP Denuncia REA Iscrizione INPS Iscrizione INAIL

4 COME si dichiara l attività AE Codici ATECO. Autodichiarazione impresa. Associazione a studi di settore RI Descrizioni libere. Istruttoria per verifiche adempimenti. Traduzione descrizione in Codice ATECO / Associazione al codice ATECO AE SUAP Descrizioni libere. Inizio di associazione della attività a settori attività. Obiettivo DPR 160/2010 di arrivare ai codici ATECO anche per il SUAP. INPS Codici ATECO del RI usati per identificare i Commercianti, classificare i datori di lavoro (circolare ), etc. INAIL descrizioni libere. Istruttoria anche su altre informazioni correlate (prodotti, lavorazioni, mezzi di trasporto, etc) per identificare il rischio. 4

5 COSA si dichiara come attività MACRO SETTORI % Settore freq. (2013) Agricoltura 14,3% A Agricoltura, silvicoltura pesca B Estrazione di minerali da cave e miniere C Attività manifatturiere Industria 26,7 % D Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condiz E Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione d F Costruzioni Totale macro settore Commercio 27,1% G Commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparazione di aut Trasporto e spedizioni 3,1% H Trasporto e magazzinaggio Turismo 7,0% I Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione Credito e Assicurazioni 2,0% K Attività finanziarie e assicurative J Servizi di informazione e comunicazione L Attività immobiliari Servizi alle imprese M Attività professionali, scientifiche e tecniche ,4% N Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imp Totale macro settore O Amministrazione pubblica e difesa; assicurazione sociale 146 P Istruzione Q Sanità e assistenza sociale Altri settori 6,3% R Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e diver S Altre attività di servizi U Organizzazioni ed organismi extraterritoriali 8 Totale macro settore Totale complessivo

6 Genesi dei nuovi servizi Difficoltà ad individuare la propria attività Nel Registro Imprese si è sempre dichiarata l attività in forma libera. Vantaggio immediato per l impresa è la facilità nella compilazione della pratica Svantaggio frequente per Camera e Impresa è la necessità di maggiori chiarimenti e precisazioni dopo la prima dichiarazione Difficoltà ad individuare gli adempimenti necessari Senza una chiara individuazione della attività anche gli adempimenti conseguenti non sono facilmente individuabili Normativa nazionale e regionale sulle attività molto complessa Interpretazione delle norme spesso differenziata nelle Camere Dichiarazioni della attività anche ad altri enti 6

7 1. ATECO Caratteristiche delle due tipologie di dichiarazioni pro Certezza nella identificazione della attività di una impresa Facilità nella classificazione delle imprese Facilitazione nel dialogo tra PA (è il codice fiscale della attività) Necessità nei confronti a livello mondiale (la classificazione NACE corrisponde ai primi 4 caratteri ATECO) Sempre più usato nelle gare, appalti, etc per certificare l attività dell impresa contro A volte limitato. Arriva al massimo a 1224 attività (o classificazioni di attività) mentre le attività potenzialmente sono infinite. A volte ridondante. Per il commercio all ingrosso le norme/adempimenti sono univoche ma le informazioni economiche che si vogliono per esigenze statistiche sono maggiori. Per certe attività è una classificazione di più attività A volte è complesso. Per gestire anche casistiche future o non importanti si utilizzano dei codici generici 7

8 Caratteristiche delle due tipologie di dichiarazioni 2. Descrizione libera pro facile da utilizzare permette di descrivere nel dettaglio le informazioni sulla attività contro Impossibile da utilizzare per classificare le attività economiche Molto difficile da utilizzare nel dialogo tra PA Impossibile da utilizzare per individuare gli adempimenti in modo univoco e completo 8

9 Soluzione del Sistema Camerale Ateco.infocamere.it 1 Funzioni per individuare il codice ATECO Il dato serve per la denuncia AE RI INPS 2 Funzione per compilare la descrizione libera della attività in modo standard il dato serve per la denuncia RI SUAP INAIL 3 Funzione per conoscere gli adempimenti REA Le informazioni servono per la denuncia REA e in parte anche SUAP 4 Funzione per conoscere gli adempimenti SUAP Le informazioni servono per la denuncia SUAP (lavoro in progress) Il codice ATECO è la chiave che lega tutti questi strumenti. Abbiamo utilizzato solo i codici di massimo livello (come Agenzia Entrate) 9

10 Altri strumenti del Sistema Camerale correlati https://www.impresainungiorno.gov.it/areainformativa Strumento per conoscere gli adempimenti necessari per la denuncia SUAP vsri.infocamere.it (Vademecum Societario) Le informazioni per tutti gli adempimenti RI delle società (non solo legati alla attività) Le informazioni principali sulla modulistica AE INPS INAIL associata 10

11 11

12 1 Funzioni per individuare il codice ATECO Cos è ATECO Le attività possibili sono probabilmente decine di migliaia. ISTAT le raggruppa in una struttura gerarchica che parte con 21 sezioni e arriva a 1224 codici di massimo dettaglio. 12

13 1 Funzioni per individuare il codice ATECO Cos è ATECO 1. Codice ATECO 2. Declaratoria ATECO 3. Note di inclusione Facoltative Elencano tutte le attività incluse nel codice 4. Note di esclusione Facoltative Indicano che attività simili sono da gestire con altri codici 13

14 1 Funzioni per individuare il codice ATECO Cos è ATECO (... e anche le specifiche ministeriali...) 1. l oggetto della classificazione ATECO, normalmente indicato come attività, è il prodotto / servizio offerto dalla impresa a terzi (siano essi utenti finali o altre imprese); ne consegue che il modo migliore e più chiaro di descrivere la propria attività è quello di fare riferimento solo al prodotto / servizio offerto dalla impresa ( o ai più prodotti / servizi offerti) 2. ne consegue che è preferibile evitare di descrivere attività interne, accessorie e qualsiasi altra attività che costituisca semilavorato o attività preparatoria al prodotto / servizio offerto dalla impresa; in altre parole, interpretando nei termini di ciclo di produzione, si può dire che occorre descrivere solo quanto costituisce l output di tale ciclo: es. ciclo 1: R & S progettazione manifattura (produzione): si descrive solo manifattura es. ciclo 2: produzione di PVC produzione di bacinelle in PVC; si descrive solo manifattura bacinella in PVC; es. ciclo 3: consulenza installazione impianto idraulico: si descrive solo installazione impianto idraulico es. ciclo 4: consulenza (si vende la consulenza in se e per se ): si descrive consulenza come detto, meglio evitare di descrivere altre attività che non costituiscono prodotti / servizio finale offerto, in quanto esse possono rendere più difficoltosa l interpretazione in sede di classificazione; 14

15 1 Funzioni per individuare il codice ATECO Cos è ATECO (... e anche le specifiche ministeriali...) 3 la vendita costituisce oggetto di classificazione solo nel caso del commercio, in quanto solo in tale caso costituisce l oggetto della attività della impresa (in tutti gli altri caso costituisce solo il naturale esito di ogni attività d impresa tutte le imprese vendono); ne consegue che la vendita ( a volte richiamata secondo senso comune nei termini di commercio), deve essere citata in descrizione attività solo nel caso si tratti di commercio in senso stretto e non quanto si tratta della vendita del proprio prodotto / servizio offerto; es. descrizione attività: produzione e commercio di lampade se inteso come vendita proprio prodotto, meglio descrivere solo produzione 4. la installazione è oggetto di classificazione solo quando si tratti di installazione di attrezzature o macchinari non prodotti dall impresa stessa; ne consegue che essa deve essere descritta solo in questo caso e non quando si tratti della installazione di attrezzature o macchinari prodotti dalla stessa impresa; es.1: produzione installazione: si descrive solo produzione es.2: installazione: si descrive installazione; attenendosi a questa indicazione si rende più semplice l interpretazione della attività in sede di classificazione; 15

16 1 Funzioni per individuare il codice ATECO Cos è ATECO (... e anche le specifiche ministeriali...) 5. non è corretto descrivere la attività utilizzando la declaratoria dei codici Ateco tipo N.C.A. (attività Non Classificata in Altri codici), in quanto essa non consente di descrivere in modo chiaro quale sia il prodotto / servizio offerto; il SW Infocamere per la costruzione della descrizione attività ne consente l utilizzo, ma solo se oltre alla declaratoria, si specifica di che cosa si tratta attraverso l utilizzo delle note di inclusione al codice o aggiungendo una specifica a testo libero; si ricorda comunque che in ogni caso è corretto ricorrere al codice N.C.A. in quanto ci si sia assicurati: a) che la attività da descrivere appartiene proprio alla divisione Ateco inerente a quel codice N.C.A b) che la attività non sia descritta (inclusa) nell ambito di ogni altro codice di quella divisione; 6. stesso criterio di cui al punto 5, dovrebbe essere applicato anche in rapporto all utilizzo di declaratorie che pur non essendo definite in Ateco come N.C.A., sono comunque troppo generiche e che quindi non consentono anch esse, di descrivere in modo chiaro quale sia il prodotto / servizio offerto; ci si riferisce alle declaratorie che tipicamente recitano : altre attività di... (o definizioni equipollenti) es. descr.attiv. 1: altre attività di supporto alle rappresentazione artistiche; Necessario specificare che cosa si intende per...; ad esempio: organizzazione di spettacoli teatrali es. descr.attiv. 2: fabbricazione di altri componenti elettronici ( ) necessario specificare che cosa si intende per...; ad esempio: fabbricazione telefoni cellulari per quanto detto, molto meglio specificare che cosa si intende per...; ad esempio: muratore o installazione camini o qualsiasi altra attività a cui ci si riferisce; 16

17 1 Funzioni per individuare il codice ATECO + Strumento completo Per utenti esperti + Strumento semplice Strumento non completo Per chi conosce già il codice.. È sufficiente digitarlo 17

18 2 Funzione per compilare la descrizione in modo standard Agenzia Entrate Utilizza solo i codici di massimo livello (1224). Non accetta I codici intermedi. Non chiede ulteriori dettagli della attività e quindi l informazione utilizzabile è solo la declaratoria. Il Registro Imprese attualmente chiede una descrizione libera e quindi: Non riesce a controllare la piena corrispondenza della descrizione con una sola attività ISTAT (possono quindi esserci più attività indicate nella descrizione delle attività prevalenti e primarie; es. Coltivo mais e riso sono due codici ATECO: e 01.12) Non riesce a controllare la corrispondenza con il massimo livello di dettaglio ISTAT (es. Coltivo cereali coltivo mais: la prima descrizione è generica 01.1, la seconda è corretta ) + Permette di descrivere ulteriori informazioni sulla attività (di interesse soprattutto della impresa; Coltivo mais OGM) + Permette di descrivere l attività ISTAT con maggiore precisione rispetto alla declaratoria ISTAT (es. Volantinaggio come specifica attività di una declaratoria generica come ALTRI SERVIZI DI SOSTEGNO ALLE IMPRESE NCA ) 18

19 2 Funzione per compilare la descrizione in modo standard Proponiamo di usare il più possibile la declaratoria e le note di inclusione Una descrizione deve riguardare un solo codice E possibile inserire anche altre informazioni congruenti Rimandiamo alle funzionalità Starweb per un maggior dettaglio Funzione ateco utile per chi non usa Starweb Per chi ha capito la logica.. non è neppure necessario 19

20 3 Funzione per conoscere gli adempimenti REA Il Sistema Camerale ha istituito un gruppo di lavoro, composto da almeno un rappresentante per regione, che gestisce una banca dati in cui evidenziare e tenere aggiornate tutte le normative relative alle attività di impresa in modo univoco I diversi adempimenti normativi, probabilmente , sono state associati a codici ATECO. I controlli sulla documentazione afferiscono alla istruttoria della pratica REA/RI. Per queste informazioni il documento di sintesi è in genere sufficiente. Possono indicare che l attività è libera, che necessita di una SCIA oppure di una autorizzazione. Le norme nazionali sono complete e aggiornate ma esistono alcune norme regionali che possono cambiare le indicazioni nazionali. Le Camere di Commercio si stanno uniformando in una unica interpretazione della normativa 20

21 3 Funzione per conoscere gli adempimenti REA 21

22 3 Funzione per conoscere gli adempimenti REA Esempi di documenti di sintesi 1. Attività con autorizzazioni 2. Attività libera 22

23 3 Funzione per conoscere gli adempimenti REA Esempi di documenti di sintesi 3. Attività con SCIA 4. Attività con norme regionali 23

24 4 Funzione per conoscere gli adempimenti SUAP Esistono ulteriori informazioni (le normative di riferimento, informazioni di dettaglio sulla materia, precisazioni importanti sugli artigiani, alcuni adempimenti importanti SUAP) in un documento di dettaglio Per una visione completa degli adempimenti necessari per l Albo Artigiani si deve far riferimento all ufficio competente. Per una visione completa degli adempimenti necessari per il SUAP c è il link alla documentazione presente nel sito impresainungionro.it. Questo è possibile perchè abbiamo associato ogni codice ATECO ad un settore attività SUAP. Attualmente la lista degli adempimenti SUAP è visualizzata con la vecchia modalità (lista piatta). A breve avremo la nuova visualizzazione presente da questa estate sul sito (lista gerarchica) Nel 2015 lavoreremo per una integrazione più forte dei due strumenti 24

25 4 Funzione per conoscere gli adempimenti SUAP 25

26 4 Funzione per conoscere gli adempimenti SUAP Visualizzazione attuale Visualizzazione futura 26

27 Codifica ATECO AE Descrizione Attività RI Codifica ATECO RI 27

28 Codifica ATECO AE Descrizione Attività RI Codifica ATECO RI Da aprile 2013 per la gran parte delle imprese (in genere le monolocalizzate, cioè imprese con la sola sede legale) a fronte di una movimentazione sulla attività del Registro Imprese iscriviamo nel Registro Imprese i codici ATECO presenti nella Anagrafe Tributaria (il giorno successivo alle iscrizioni della pratica) Per le movimentazioni sulla attività rimanenti (in genere sulle plurilocalizzate, cioè imprese con più localizzazioni), i codici ATECO continuano ad essere ricavati dalla analisi delle descrizioni attività ed iscritti due giorni dopo l iscrizione della pratica. Primo passo verso uniformità tra PA della dichiarazione attività Le visure riportano l informazione della modalità di attribuzione dei codici ATECO. 28

29 Codifica ATECO AE Descrizione Attività RI Codifica ATECO RI Codifica ATECO ottenuta dalle descrizioni Registro Imprese Codifica ATECO ottenuta dall archivio Anagrafe Tributaria 29

30 Codifica ATECO AE Descrizione Attività RI Codifica ATECO RI OBIETTIVO DESCRIZIONE ATTIVITA REGISTRO IMPRESE CODICE ATECO AGENZIA ENTRATE = = CODICE ATECO REGISTR O IMPRESE MOLTO IMPORTANTE PER LE MONOLOCALIZZATE 30

31 Codifica ATECO AE Descrizione Attività RI Codifica ATECO RI Correzioni dei dati ATECO Se nell utilizzo della visura si riscontrano problemi sui codici la Camera di Commercio gestirà le correzioni secondo queste linee di principio: Avere nel Registro Imprese sempre presenti le descrizioni coerenti alle attività che l impresa chiede (ad esempio se mancano attività presenti solo in Agenzia Entrate occorre una nuova denuncia al Registro Imprese). Avere nelle monolocalizzate sempre I codici ATECO dell Anagrafe Tributaria allineati alle descrizioni attività dichiarate dall impresa nel RI (per cui se i dati presenti nella visura sono quelli ricavati da Agenzia Entrate e però non sono corretti prima di correggerli nel Registro Imprese si chiederà di correggerli nell Anagrafe Tributaria) 31

32 COMUNICASTARWEB dichiarazione attività Abbiamo predisposto un documento guida delle nuove funzioni Starweb. presente anche nella homepage di ateco.infocamere.it. Abbiamo inserito le funzionalità ATECO nelle: pratiche di inizio attività RI e AA pratiche di variazione attività RI e AA Sono strumenti per il momento opzionali presenti nelle: attività Prevalente di impresa attività primarie sede e UL attività secondarie sede e UL Non sono gestite le descrizioni Artigiane e Agricole (in prospettiva vorremmo eliminare queste duplicazioni di informazioni, in genere della attività prevalente di impresa) 32

33 COMUNICASTARWEB dichiarazione attività import/export Commercio all ingrosso Commercio ambulante Magliaia Funzione ATECO di ricerca attività con sistema esperto ricerche di mercato e sondaggi di opinione stuccatore seggiovie Restauro posa in opera di infissi rappresentante affittacamere Faccio il muratore scuola di coaching agente Riparazione meccanica di autoveicoli scommesse sportive commercio al dettaglio di abbigliamento Servizi logistici relativi alla distribuzione di merci bar Commercio al dettaglio procacciatore scommesse gestite dal coni commercio al dettaglio di prodotti alimentari sala scommesse ricovero cani manutenzione tombe intarsiatore torrefazione caffe vendo pane spazzacamino carrozziere ceramista elettricista d auto meccanico d auto 33

34 COMUNICASTARWEB dichiarazione attività Funzione ATECO di ricerca attività con sistema esperto 34

35 COMUNICASTARWEB dichiarazione attività Descrizione Attività : 3 tipi di compilazione Le carni sono OGM free Commercio al dettaglio di prodotti a base di carne 35

36 COMUNICASTARWEB dichiarazione attività Descrizione attività risultante e normativa REA Descrizione attività secondaria (sede e UL) Nella attuale versione è necessario inserire, nella frase di ricerca, tutte le attività secondarie che l impresa svolge. Nei risultati di ricerca sarà possibile selezionare più codici ATECO e comporre più descrizioni attività (sempre con la stessa logica precedentemente illustrata) Il risultato finale sarà una o più descrizione attività separate logicamente secondo lo standard ATECO 36

37 COMUNICASTARWEB dichiarazione attività Descrizione attività di Codici N.C.A. In ogni settore economico ATECO esistono dei codici che hanno una DECLARATORIA generica perchè raggruppano più attività, in genere poco importanti da non meritare un codice ad hoc oppure per gestire anche nuove attività che potrebbero nascere (NCA = Non Classificate Altrove). Per queste attività NON permettiamo di utilizzare la prima soluzione di compilazione della descrizione attività (quella con la sola declaratoria) ma chiediamo maggiori informazioni (utilizzando la seconda o terza soluzione di compilazione della descrizione attività) Distinta Campo note Nel campo Note della distinta viene prodotto una informativa per la Camera contenente tutti i codici ATECO utilizzati per comporre le descrizioni attività. 37

38 COMUNICASTARWEB dichiarazione attività Variazione attività della sede e della UL Questa operazione risulta critica, soprattutto per la mancata standardizzazione delle descrizioni (una descrizione = una attività = un codice ATECO) Abbiamo inserito i nuovi strumenti per la dichiarazione di NUOVA attività o di RIPRESA della attività Nella dichiarazione della attività PRIMARIA e delle attività SECONDARIE si devono considerare le descrizioni equivalenti presenti nella visura, le nuove dichiarazioni (di inizio, ripresa, sospensione, cessazione attività) e quindi comporre le attività risultati Documentazione Starweb presente sulla homepage di ateco.infocamere.it Manuale Starweb/Ateco Video elearning 38

39 COMUNICASTARWEB dichiarazione attività Comunicazione all Agenzia Entrate dei codici ATECO In Starweb è possibile compilare la pratica Agenzia Entrate in modo integrato. Si consiglia di compilare sempre la modulistica Agenzia Entrate quando si presentano modifiche della attività Registro Imprese Nel caso di modifica della attività prevalente al Registro Imprese con il nuovo strumento, viene preimpostato il codice ATECO relativo nella pratica Agenzia Entrate. 39

40 ATECO Semplificazione amministrativa della dichiarazione attività Grazie della attenzione 40

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Giugno 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VITERBO REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VITERBO REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Marzo 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VITERBO REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VITERBO REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Settembre 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI. Calabria REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI. Calabria REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ANCONA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2012 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ANCONA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2012 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2012 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: gennaio 2013 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 2 TRIMESTRE 2014 START-UP INNOVATIVE Elaborazioni a: Giugno 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità semestrale 1 Numero e

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: Giugno 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: Giugno 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CALTANISSETTA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CALTANISSETTA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2014 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: Giugno 2014 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DI IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese 1. Analisi

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DELLE IMPRESE REGISTRATE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 4 TRIMESTRE 2014 START-UP INNOVATIVE Elaborazioni a: 20 gennaio 2015 Principali evidenze A fine dicembre 2014 il numero di startup innovative

Dettagli

CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI

CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI 51 A AGRICOLTURA, SILVICOLTURA E PESCA 01 COLTIVAZIONI AGRICOLE E PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI, CACCIA E SERVIZI CONNESSI

Dettagli

La demografia delle imprese

La demografia delle imprese La demografia delle imprese Imprese registrate e attive per divisioni di attività economica (ATECO 2007) alla fine dei trimestri 2011. Iscrizioni e cessazioni trimestrali nel 2011 SEZIONE E DIVISIONE DI

Dettagli

C28 Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca 302 258-6 302 258 2 3

C28 Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca 302 258-6 302 258 2 3 Tav 1.1 Imprese registrate e attive per divisioni di attività economica (ATECO 2007) I e II trimestre 2012. Iscrizioni e cessazioni trimestrali Provincia di CREMONA Fonte: Infocamere, Stockview, 2012 SEZIONE

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VARESE REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VARESE REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011 CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011 elaborazioni a: Dicembre 2011 Tavola 1a - Dati strutturali: Imprese attive Imprese

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Provincia autonoma di Bolzano. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Provincia autonoma di Bolzano. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Provincia autonoma di Bolzano Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 30 settembre 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni

Dettagli

ISTRUZIONI PER INDIVIDUARE LA DURATA DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI, DIRIGENTI, PREPOSTI E DATORI DI LAVORO CHE SVOLGONO IL RUOLO DI RSPP

ISTRUZIONI PER INDIVIDUARE LA DURATA DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI, DIRIGENTI, PREPOSTI E DATORI DI LAVORO CHE SVOLGONO IL RUOLO DI RSPP G.QUATTRO SERVIZI S.R.L. via San Rocco, 7 35028 Piove di Sacco (PD) C.F e P.IVA 0348078 02 81 N R.E.A. PD 315121 www.gquattroservizi.it Tel. 049970 127 3 Fax 049 97 117 28 E-mail: info@gquattroservizi.it

Dettagli

OSSERVATORIO SULLE IMPRESE. Anno 2013. Camera di Commercio di Bergamo Servizio Studi e informazione economica

OSSERVATORIO SULLE IMPRESE. Anno 2013. Camera di Commercio di Bergamo Servizio Studi e informazione economica OSSERVATORIO SULLE IMPRESE Anno 2013 Camera di Commercio di Bergamo Servizio Studi e informazione economica Note e avvertenze Le imprese registrate comprendono oltre alle imprese attive anche le posizioni

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Piemonte. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Piemonte. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Piemonte Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 30 settembre 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Lombardia. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Lombardia. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Lombardia Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 gennaio 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011 Imprese nel complesso In Lombardia, nel secondo trimestre del 2011 le anagrafi camerali registrano un saldo positivo di 6.804 unità. Alla fine di giugno

Dettagli

L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio. - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica

L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio. - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica RAPPORTO 2010 L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica La demografia delle imprese Imprese registrate e attive

Dettagli

GUIDA ATECO.INFOCAMERE.IT

GUIDA ATECO.INFOCAMERE.IT Indice generale INTRODUZIONE AD ATECO.INFOCAMERE.IT...2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE...3 SEZIONE ELENCO ATTIVITA'...5 SEZIONE RICERCA ATTIVITA'...7 COSTRUZIONE DELLA DESCRIZIONE ATTIVITA'...8 SEZIONE

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Patrimonio della PA Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Dicembre 2013 INDICE 1 Premessa e sintesi 3 2 La rilevazione delle partecipazioni detenute

Dettagli

NOGA 2008 Nomenclatura generale delle attività economiche. Struttura

NOGA 2008 Nomenclatura generale delle attività economiche. Struttura NOGA 2008 Nomenclatura generale delle attività economiche Struttura Neuchâtel, 2008 La serie «Statistica della Svizzera» pubblicata dall Ufficio federale di statistica (UST) comprende i settori seguenti:

Dettagli

4 ore (unico modulo didattico)

4 ore (unico modulo didattico) Viale Luca Gaurico 257-00143 ROMA P. IVA e C.F. 05580001005 RI. 188796/1998 REA C.C.I.A.A. n 904271 Capitale Sociale 10.328,00 i.v. Tel. 06.51962114 Fax 06.51965686 commerciale@gruppo-quasar.it amministrazione@gruppo-quasar.it

Dettagli

Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007

Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007 Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007 Rischio BASSO (Datore di lavoro R.S.P.P. 16 ore - Formazione per i Dipendenti 4 ore modulo generale + 4 ore modulo

Dettagli

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 3 TRIMESTRE Camera di Commercio di Modena Via Ganaceto, 134 41100 Modena Tel. 059 208423 http://www.mo.camcom.it Natalità

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012 Imprese nel complesso In Lombardia, nel primo trimestre del 2012 le anagrafi camerali registrano un saldo negativo di 1.675 unità. Alla fine di marzo

Dettagli

Corso di formazione. La nuova Classificazione delle Attività Economiche ATECO 2007

Corso di formazione. La nuova Classificazione delle Attività Economiche ATECO 2007 Il programma del corso Corso di formazione La nuova Classificazione delle Attività Economiche ATECO 2007 Prima Parte: - - Le classificazioni economiche - Operation 2007 -La NACE Rev.2 - L ATECO 2007 Seconda

Dettagli

Glossario. Tavole relative alla Rilevazione Continua sulle Forze di lavoro condotta da ISTAT

Glossario. Tavole relative alla Rilevazione Continua sulle Forze di lavoro condotta da ISTAT Glossario Tavole relative alla Rilevazione Continua sulle Forze di lavoro condotta da ISTAT Forze di lavoro: comprendono le persone occupate e quelle in cerca di occupazione. Occupati: comprendono le persone

Dettagli

Registro Imprese LA COMUNICAZIONE UNICA E L ATTIVITA

Registro Imprese LA COMUNICAZIONE UNICA E L ATTIVITA Registro Imprese LA COMUNICAZIONE UNICA E L ATTIVITA INDICE Introduzione...1 Definizione di attività...2 La compilazione del modello Fedra...5 Inizio prima attività...7 Modifica Attività...10 Cessazione

Dettagli

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/07/2015

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/07/2015 OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 01: aggiornamento al 31/0/01 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega

Dettagli

1. IL COMMERCIO AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA

1. IL COMMERCIO AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA Il commercio nella provincia di Bologna - anno 2010 Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Bologna IL COMMERCIO NELLA PROVINCIA DI BOLOGNA - anno 2010 - Consistenza 1. IL COMMERCIO

Dettagli

Filiali di Unifidi Piacenza Parma Reggio Emilia Modena Bologna Ferrara Forlì Cesena Ravenna Rimini Unifidi Emilia Romagna

Filiali di Unifidi Piacenza Parma Reggio Emilia Modena Bologna Ferrara Forlì Cesena Ravenna Rimini Unifidi Emilia Romagna Filiali di Unifidi Piacenza Parma Reggio Emilia Modena Bologna Ferrara Forlì Cesena Ravenna Rimini Unifidi Emilia Romagna Chi può finanziare Unifidi? Tutte le PMI imprese iscritte alla CCIAA Artigianato

Dettagli

Questionario Merito Creditizio Cliente

Questionario Merito Creditizio Cliente Questionario Merito Creditizio Cliente COGNOME NOME CODICE FISCALE DATA DI NASCITA LUOGO DI RESIDENZA INDIRIZZO TIPO DOCUMENTO NUMERO DOCUMENTO DATA RILASCIO DOCUMENTO DATA SCADENZA DOCUMENTO RECAPITO

Dettagli

Senza una chiara individuazione della attività anche gli adempimenti conseguenti non sono facilmente individuabili

Senza una chiara individuazione della attività anche gli adempimenti conseguenti non sono facilmente individuabili Nel Registro Imprese si è sempre dichiarata l attività in forma libera. Vantaggio immediato per l impresa è la facilità nella compilazione della pratica Necessità frequente da parte della Camera di ricontattare

Dettagli

Tab. 1 - Domande cigd per provincia, sede legale aziendale, tipologia di impresa, num. massimo lavoratori coinvolti e fabbisogno. Valori assoluti.

Tab. 1 - Domande cigd per provincia, sede legale aziendale, tipologia di impresa, num. massimo lavoratori coinvolti e fabbisogno. Valori assoluti. Rapporto. Richiesta Cassa Integrazione Guadagni in deroga e mobilità in deroga e APPROFONDIMENTO del consuntivato decretato della Cigd. 30 giugno 2013 1 Nota introduttiva Alla data del 30 giugno 2013,

Dettagli

3. LA DINAMICA TRIMESTRALE DELLE IMPRESE ATTIVE

3. LA DINAMICA TRIMESTRALE DELLE IMPRESE ATTIVE 3. LA DINAMICA TRIMESTRALE DELLE IMPRESE ATTIVE L analisi in chiave congiunturale della demografia delle imprese deve essere presa con cautela: le decisioni relative all avvio o alla cessazione di un attività

Dettagli

La Legge 949/52 LE SPESE AMMISSIBILI. Investimenti agevolabili in conto interessi

La Legge 949/52 LE SPESE AMMISSIBILI. Investimenti agevolabili in conto interessi La Legge 949/52 La Legge 949/52 è rivolta alle imprese artigiane (anche in forma cooperativa e consortile) ed alle c.d. microimprese, ovvero secondo la definizione del MAP per come recepita dal Regolamento

Dettagli

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese Capitolo 24 Risultati economici delle imprese 24. Risultati economici delle imprese Per saperne di più... Eurostat. http://europa. eu.int/comm/eurostat. Imf. World economic outlook. Washington: 2012.

Dettagli

BREVE ANALISI DEL NUOVO ACCORDO SULLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI, DEI PREPOSTI DEI DIRIGENTI E DEI DATORI DI LAVORO CHE ASSUMONO IL RUOLO DI RSPP

BREVE ANALISI DEL NUOVO ACCORDO SULLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI, DEI PREPOSTI DEI DIRIGENTI E DEI DATORI DI LAVORO CHE ASSUMONO IL RUOLO DI RSPP BREVE ANALISI DEL NUOVO ACCORDO SULLA DEI LAVORATORI, DEI PREPOSTI DEI DIRIGENTI E DEI DATORI DI LAVORO CHE ASSUMONO IL RUOLO DI RSPP Nella seduta del 21 dicembre 2011 la Conferenza permanente per i rapporti

Dettagli

Rapporto. Richiesta Cassa Integrazione Guadagni in deroga e mobilità in deroga. 31 marzo 2012 Istanze di accesso 1

Rapporto. Richiesta Cassa Integrazione Guadagni in deroga e mobilità in deroga. 31 marzo 2012 Istanze di accesso 1 Rapporto. Richiesta Cassa Integrazione Guadagni in deroga e mobilità in deroga 31 marzo 2012 Istanze di accesso 1 Nota introduttiva Il primo trimestre del 2012 registra 1563 domande di accesso alla Cassa

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 1 TRIMESTRE 2015 STARTUP INNOVATIVE Elaborazioni a: 06 Aprile 2015 1 Principali evidenze A fine marzo 2015 il numero di startup innovative

Dettagli

Nota introduttiva. 1 Veneto Lavoro, Unità di crisi aziendali, settoriali e territoriali. 1

Nota introduttiva. 1 Veneto Lavoro, Unità di crisi aziendali, settoriali e territoriali. 1 Rapporto. Richiesta Cassa Integrazione Guadagni in deroga e mobilità in deroga e APPROFONDIMENTO del consuntivato decretato della Cigd. 30 aprile 2013 1 Nota introduttiva Alla data del 30 aprile 2013,

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali DIREZIONE TERRITORIALE del LAVORO di BRESCIA

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali DIREZIONE TERRITORIALE del LAVORO di BRESCIA Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali DIREZIONE TERRITORIALE del LAVORO di BRESCIA Comitato per il Lavoro e l Emersione del Sommerso - CLES - Relazione trimestrale sullo stato del mercato del

Dettagli

Rilevazione sbocchi occupazionali Alternanza scuola lavoro

Rilevazione sbocchi occupazionali Alternanza scuola lavoro Rilevazione sbocchi occupazionali Alternanza scuola lavoro Riferimenti per la compilazione delle schede In questo documento sono fornite indicazioni utili per la compilazione delle schede di rilevazione

Dettagli

Settembre 2014. Gennaio. Settembre 2015. di trasporto 179. mezzo di trasporto 51. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI.

Settembre 2014. Gennaio. Settembre 2015. di trasporto 179. mezzo di trasporto 51. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 30/09/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

MOVIMPRESE I trimestre 2015

MOVIMPRESE I trimestre 2015 MOVIMPRESE estre L ANDAMENTO DEMOGRAFICO DOPO UN ANNO DIFFICILE. PRIMI SEGNALI DI UNA INVERSIONE DI TENDENZA? Il primo trimestre dell anno è di consueto caratterizzato da valori demografici negativi, a

Dettagli

ESTRATTO Catalogo sicurezza 2012

ESTRATTO Catalogo sicurezza 2012 ESTRATTO Catalogo sicurezza 2012 1 REBIS LA SICUREZZA REBIS si pone al fianco delle Aziende, con due obiettivi fondamentali: Incrementare la cultura della sicurezza sui luoghi di lavoro per la prevenzione

Dettagli

Gennaio Ottobre 2015. Gennaio. lavoro. mezzo di trasporto 62. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. In itinere.

Gennaio Ottobre 2015. Gennaio. lavoro. mezzo di trasporto 62. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. In itinere. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/10/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

Le imprese individuali

Le imprese individuali Registro Imprese Le imprese individuali - L iscrizione - Il trasferimento sede da altra provincia - La denuncia di inizio, di modifica e di cessazione dell attività Indice Come descrivere l attività 1

Dettagli

Ad esempio è possibile ricavare il range dei costi assicurativi per alcune tipologie di lavoratori, riportati nella tabella seguente:

Ad esempio è possibile ricavare il range dei costi assicurativi per alcune tipologie di lavoratori, riportati nella tabella seguente: OT 24 Risparmiare sul premio INAIL da versare nel 2016 Ogni anno entro il 16 febbraio, il datore di lavoro è tenuto a comunicare all INAIL (mod. 1031) l ammontare totale delle retribuzioni corrisposte

Dettagli

Corso di formazione per RSPP Datore di lavoro - Aggiornamento quinquennale -

Corso di formazione per RSPP Datore di lavoro - Aggiornamento quinquennale - Studio di Consulenza e Formazione Consulting Professional Napoli - Corso Arnaldo Lucci 102 Celll.393.943.81.57 Centro di formazione Iscritta Albo Operatori Accreditati Servizi di Formazione n. 164 Riferimenti

Dettagli

GUIDA a STARweb. versione: 1.2 data: 28.01.2010 autori: Infocamere, CCIAA Venezia

GUIDA a STARweb. versione: 1.2 data: 28.01.2010 autori: Infocamere, CCIAA Venezia GUIDA a STARweb versione: 1.2 data: 28.01.2010 autori: Infocamere, CCIAA Venezia INDICE 1. La Comunicazione Unica con Starweb...5 1.1 Cos è la Comunicazione Unica... 5 1.1.1 Novità introdotte... 6 1.2

Dettagli

A partire dall estate del 2008, l economia internazionale ha subìto un forte rallentamento, innescatosi in un primo momento con la crisi dei mercati

A partire dall estate del 2008, l economia internazionale ha subìto un forte rallentamento, innescatosi in un primo momento con la crisi dei mercati A partire dall estate del 2008, l economia internazionale ha subìto un forte rallentamento, innescatosi in un primo momento con la crisi dei mercati finanziari, ma rafforzatosi poi con il crollo dei prezzi

Dettagli

Allegato I. La Formazione via e-learning sulla sicurezza e salute sul lavoro. Premessa

Allegato I. La Formazione via e-learning sulla sicurezza e salute sul lavoro. Premessa Allegato I La Formazione via e-learning sulla sicurezza e salute sul lavoro Premessa La formazione alla sicurezza svolta in aula ha rappresentato tradizionalmente il modello di formazione in grado di garantire

Dettagli

Registro Imprese. Guida rapida

Registro Imprese. Guida rapida Registro Imprese Guida rapida Indice La compilazione di Comunica con Starweb...1 Pratiche di Comunicazione Unica Impresa...4 Iscrizione di imprese individuali attive o inattive, di soggetto collettivo

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 4 TRIMESTRE 2015 STARTUP INNOVATIVE Elaborazioni a: 01 Gennaio 2016 Principali evidenze A fine dicembre 2015 il numero di startup innovative

Dettagli

Gennaio. Luglio L 2015 472 383. In occasione. di lavoro. di trasporto 65 In itinere. mezzo di trasporto 61. di lavoro Senza mezzo.

Gennaio. Luglio L 2015 472 383. In occasione. di lavoro. di trasporto 65 In itinere. mezzo di trasporto 61. di lavoro Senza mezzo. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/0/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 3 TRIMESTRE 2015 STARTUP INNOVATIVE Elaborazioni a: 07 Ottobre 2015 Principali evidenze A fine settembre 2015 il numero di startup innovative

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE SICUREZZA SUL LAVORO

CORSI DI FORMAZIONE SICUREZZA SUL LAVORO CORSI DI FORMAZIONE SICUREZZA SUL LAVORO Settembre 2014 Luglio 2015 CENNI SULLA NORMATIVA L accordo Stato Regioni del 21/12/2011 disciplina le modalità per la formazione dei lavoratori, preposti e dirigenti

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 Disciplina di riferimento POR Veneto 2007-2013, parte FESR. Asse 1 Linea d intervento 1.2 Ingegneria Finanziaria Azione 1.2.3. DGR

Dettagli

LE IMPRESE NEL CIRCONDARIO IMOLESE

LE IMPRESE NEL CIRCONDARIO IMOLESE LE IMPRESE NEL CIRCONDARIO IMOLESE CONSISTENZA E NATI-MORTALITÀ 1 SEMESTRE 2013 UFFICIO STATISTICA A cura di: Alessandro De Felice Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093445

Dettagli

Analisi e riflessioni sul sistema imprenditoriale provinciale. Annalisa Franceschetti Area Promozione Camera di Commercio di Macerata

Analisi e riflessioni sul sistema imprenditoriale provinciale. Annalisa Franceschetti Area Promozione Camera di Commercio di Macerata Analisi e riflessioni sul sistema imprenditoriale provinciale Annalisa Franceschetti Area Promozione Camera di Commercio di Macerata Andamento delle attività economiche Sedi di imprese e localizzazioni

Dettagli

Imprenditoria giovanile

Imprenditoria giovanile Imprenditoria giovanile Nel 2013 le imprese 1 iscritte alla Camera di Commercio di Brindisi sono 975, a fronte di 450 cessazioni (al netto delle cancellazioni d ufficio), con un saldo positivo di 525 unità.

Dettagli

Via Usciana n 132 Castelfranco di Sotto (PI) Tel 0571/1962649 Fax 0571/1962651 e-mail: info@professionistisicurezza.com INFORMATIVA OTTOBRE 2012

Via Usciana n 132 Castelfranco di Sotto (PI) Tel 0571/1962649 Fax 0571/1962651 e-mail: info@professionistisicurezza.com INFORMATIVA OTTOBRE 2012 INFORMATIVA OTTOBRE 2012 1) NUOVO SITO PROFESSIONISTISICUREZZA Vi invitiamo a visitare il nuovo sito di PROFESSIONISTISICUREZZA Studio di Consulenza & Formazione : www.professionistisicurezza.com dove

Dettagli

SMAIL IMPRESE E OCCUPAZIONE IN EMILIA-ROMAGNA. Sistema di Monitoraggio Annuale delle Imprese e del Lavoro. Aggiornamento al 30 giugno 2011 BOLOGNA

SMAIL IMPRESE E OCCUPAZIONE IN EMILIA-ROMAGNA. Sistema di Monitoraggio Annuale delle Imprese e del Lavoro. Aggiornamento al 30 giugno 2011 BOLOGNA SMAIL Sistema di Monitoraggio Annuale delle Imprese e del Lavoro BOLOGNA IMPRESE E OCCUPAZIONE IN EMILIA-ROMAGNA Aggiornamento al 30 giugno 2011 10 maggio 2012 Sistema informativosmail Emilia-Romagna Aggiornamento

Dettagli

- La denuncia di inizio, di modifica e di cessazione dell attività delle società

- La denuncia di inizio, di modifica e di cessazione dell attività delle società Registro Imprese - La denuncia di inizio, di modifica e di cessazione dell attività delle società - I trasferimenti di sede da altra provincia Come descrivere l attività Sintetica, chiara e concreta SI

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLE SCIA AL SUAP

PRESENTAZIONE DELLE SCIA AL SUAP PRESENTAZIONE DELLE SCIA AL SUAP Rev. 0 Novembre 2011 SOMMARIO INTRODUZIONE... 2 CHI GESTISCE IL SUAP... 2 SCIA CONTESTUALE / NON CONTESTUALE ALLA COMUNICAZIONE UNICA... 3 INDIVIDUAZIONE DEL SUAP COMPETENTE...

Dettagli

1 Cos è STARWEB... 3

1 Cos è STARWEB... 3 Scheda Prodotto 1 Cos è STARWEB... 3 2 STARWEB e la Comunicazione Unica... 5 2.1 Pratiche artigiane: le leggi regionali... 7 3 Novità 2009... 9 3.1 StarWeb senza limiti... 9 3.2 Pratiche relative al Commercio...

Dettagli

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 -

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - Sono 96.369 le imprese registrate alla Camera di commercio al 30 giugno 2015,

Dettagli

I SERVIZI AL LAVORO DEI CENTRI PER L IMPIEGO: PRESELEZIONE E INCONTRO DOMANDA - OFFERTA NEL PRIMO SEMESTRE 2011. (a cura di Donata Orlati)

I SERVIZI AL LAVORO DEI CENTRI PER L IMPIEGO: PRESELEZIONE E INCONTRO DOMANDA - OFFERTA NEL PRIMO SEMESTRE 2011. (a cura di Donata Orlati) I SERVIZI AL LAVORO DEI CENTRI PER L IMPIEGO: PRESELEZIONE E INCONTRO DOMANDA - OFFERTA NEL PRIMO SEMESTRE 2011 (a cura di Donata Orlati) I Centri per l Impiego provinciali, nell ambito dei servizi al

Dettagli

Struttura e dimensione delle imprese Archivio Statistico delle Imprese Attive (Asia) Anno 2008

Struttura e dimensione delle imprese Archivio Statistico delle Imprese Attive (Asia) Anno 2008 3 giugno 2010 Struttura e dimensione delle imprese Archivio Statistico delle Imprese Attive (Asia) Anno 2008 Direzione Centrale comunicazione ed editoria Tel. + 39 06.4673.2243-2244 Centro di informazione

Dettagli

del 30 novembre 2010

del 30 novembre 2010 Nuove versioni ComUnica e StarW eb del 30 novembre 2010 Da martedì 30 novembre 2010 saranno disponibili le nuove versioni StarWeb 3.3.13 e ComUnica 1.2.19 che consentiranno una migliore ed uniforme gestione

Dettagli

Il sistema economico locale: industria e terziario

Il sistema economico locale: industria e terziario Capitolo 6 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 6 Il sistema economico locale: industria e terziario In questo capitolo sono presentati gli indicatori

Dettagli

GUIDA ALLA FORMAZIONE DELLE PRINCIPALI FIGURE IMPIEGATE IN AMBITO SICUREZZA AZIENDALE

GUIDA ALLA FORMAZIONE DELLE PRINCIPALI FIGURE IMPIEGATE IN AMBITO SICUREZZA AZIENDALE GUIDA ALLA FORMAZIONE DELLE PRINCIPALI FIGURE IMPIEGATE IN AMBITO SICUREZZA AZIENDALE La presente ha come scopo quello di riassumere i principali profili normativi individuati dal D.lgs. 81/2008 focalizzando

Dettagli

Domanda di iscrizione. (Cognome e nome) (Corso/i) (Stato occupazionale)

Domanda di iscrizione. (Cognome e nome) (Corso/i) (Stato occupazionale) (Cognome e nome) (Corso/i) (Stato occupazionale) DOMANDA DI ISCRIZIONE - ANNO 2014/2015 1 DOMANDA DI ISCRIZIONE AL CORSO Codice Fiscale Cognome Nome Genere Maschio Femmina Nazionalità 1. Italiano 2. Comunitario

Dettagli

CAPITOLO 1 PRODUZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

CAPITOLO 1 PRODUZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI CAPITOLO 1 - LA PRODUZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.1 FONTI DEI DATI La produzione nazionale dei rifiuti speciali è stata quantificata a partire dalle informazioni contenute nelle banche dati MUD relative

Dettagli

2.1 L andamento infortunistico

2.1 L andamento infortunistico 2.1 L andamento infortunistico Anche nel 2012, in Toscana, prosegue l andamento infortunistico in diminuzione. Infatti, le denunce di infortunio pervenute, ammontano a 53.286 casi con una differenza di

Dettagli

ALLEGATO A ELEMENTI ESSENZIALI PER L ATTUAZIONE DI PIANI, PROGRAMMI E ATTI NORMATIVI (decisione G.R. n.4/2014)

ALLEGATO A ELEMENTI ESSENZIALI PER L ATTUAZIONE DI PIANI, PROGRAMMI E ATTI NORMATIVI (decisione G.R. n.4/2014) ALLEGATO A ELEMENTI ESSENZIALI PER L ATTUAZIONE DI PIANI, PROGRAMMI E ATTI NORMATIVI (decisione G.R. n.4/2014) 1 A. DESCRIZIONE DELLE FINALITÀ DELL'INTERVENTO L intervento ha come obiettivo di agevolare

Dettagli

STRUTTURA E DIMENSIONE DELLE IMPRESE

STRUTTURA E DIMENSIONE DELLE IMPRESE 1 giugno 2011 Anno 2009 STRUTTURA E DIMENSIONE DELLE IMPRESE Archivio Statistico delle Imprese Attive (Asia) Nel 2009 le imprese attive nell industria e nei servizi sono poco meno di 4,5 milioni e occupano

Dettagli

LE IMPRESE STRANIERE A VICENZA

LE IMPRESE STRANIERE A VICENZA Serie: RAPPORTI SULL ECONOMIA LOCALE (Rapporto n 91) LE IMPRESE STRANIERE A VICENZA Ufficio Statistica e Studi VICENZA LUGLIO 2013 1 LE IMPRESE STRANIERE NEL VICENTINO Definizioni Il grado di imprenditorialità

Dettagli

Ateco 2002 Ateco 2007 Dizione Ateco 2007

Ateco 2002 Ateco 2007 Dizione Ateco 2007 Commercio all'ingrosso e al dettaglio e riparazione di autoveicoli e motocicli 50.1 45.1 Commercio di autoveicoli 50.20.5 45.20.9 autolavaggio e altre attività di manutenzione 50.3 45.31.0 commercio all'ingrosso

Dettagli

4. Lavoro e previdenza

4. Lavoro e previdenza 4. Lavoro e previdenza L economia dell area pratese è strettamente legata all andamento del settore tessile/abbigliamento, come dimostra il fatto che le aziende di questo settore costituiscono il circa

Dettagli

Schede di settore. Commercio all'ingrosso, al dettaglio e riparazioni di beni

Schede di settore. Commercio all'ingrosso, al dettaglio e riparazioni di beni Aggiornamento ennaio 2008 Codice AtEco 2002 Istat: A+B Agricoltura, silvicoltura e pesca C Estrazione di minerali C + D + E Industria in senso stretto D Attività Manifatturiere Sistema Sardegna C+D+E+F

Dettagli

PROGRAMMA CORSO ASPP/RSPP mod. B

PROGRAMMA CORSO ASPP/RSPP mod. B PROGRAMMA CORSO ASPP/RSPP mod. B Essendo un modulo di specializzazione, esso tratta la natura dei rischi presenti nei luoghi di lavoro, correlati alle specifiche attività lavorative. La sua durata varia

Dettagli

IL REGISTRO INAIL DI ESPOSIZIONE A CANCEROGENI PROFESSIONALI

IL REGISTRO INAIL DI ESPOSIZIONE A CANCEROGENI PROFESSIONALI IL REGISTRO INAIL DI ESPOSIZIONE A CANCEROGENI PROFESSIONALI Premessa Presso l Inail è attivo un sistema informativo per la raccolta e l archiviazione di informazioni relative all esposizione professionale

Dettagli

Rapporto della Provincia di Brindisi 2012

Rapporto della Provincia di Brindisi 2012 Rapporto della Provincia di Brindisi 2012 L economia reale dal punto di osservazione delle Camere di Commercio A cura del Servizio Economia Locale C.C.I.A.A. di Brindisi, con la collaborazione dell Università

Dettagli

Tecnico Contabile Per Piccola E Media Impresa

Tecnico Contabile Per Piccola E Media Impresa Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione: 85 Caratteristiche del percorso formativo Tecnico Contabile Per Piccola E Media Impresa

Dettagli

ANALISI DEI DATI IVA ANNO D IMPOSTA 2009

ANALISI DEI DATI IVA ANNO D IMPOSTA 2009 ANALISI DEI DATI IVA ANNO D IMPOSTA 2009 IVA In questo paragrafo vengono esposti i dati sintetici che riguardano le dichiarazioni Iva presentate con il modello Unico 2010 e quelle inviate in forma autonoma

Dettagli

Progetto per la semplificazione amministrativa

Progetto per la semplificazione amministrativa Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura Lecce Città di Lecce Progetto per la semplificazione amministrativa ComUniica lla tua attiiviità commerciialle MODALITA OPERATIVE (VERS. 1.1. DEL

Dettagli

Stato dell'arte Comunicazione Unica

Stato dell'arte Comunicazione Unica Stato dell'arte Comunicazione Unica (dicembre 2009) (sono evidenziate in giallo le modifiche apportate al documento rispetto alla versione precedente) Dal 1 ottobre è partito il periodo transitorio di

Dettagli

GAMBETTOLA IN CIFRE. maschi femmine totale maschi femmine totale maschi femmine totale maschi femmine totale

GAMBETTOLA IN CIFRE. maschi femmine totale maschi femmine totale maschi femmine totale maschi femmine totale movimenti della popolazione GAMBETTOLA IN CIFRE Per amministrare un territorio è necessario scegliere fra diverse soluzioni possibili quelle che meglio si adattano alle situazioni reali, così come emergono

Dettagli

Piattaforma di Accesso al Registro Imprese in formato. Maria Luisa Garberi Gian Paolo Schianchi. Xml

Piattaforma di Accesso al Registro Imprese in formato. Maria Luisa Garberi Gian Paolo Schianchi. Xml Piattaforma di Accesso al Registro Imprese in formato Maria Luisa Garberi Gian Paolo Schianchi Xml PARIX si configura come un sistema informativo composto da: PARIX DATI: i dati di sintesi, estratti dal

Dettagli

I trimestre 2015 INDICATORI DEL LAVORO NELLE IMPRESE

I trimestre 2015 INDICATORI DEL LAVORO NELLE IMPRESE 17 giugno 2015 I trimestre 2015 INDICATORI DEL LAVORO NELLE IMPRESE A partire dalla data odierna l Istat arricchisce gli indicatori del lavoro nelle imprese con la diffusione degli indici, generale e settoriali,

Dettagli

Fiscalità di vantaggio per le piccole e micro imprese del Sulcis Iglesiente

Fiscalità di vantaggio per le piccole e micro imprese del Sulcis Iglesiente Fiscalità di vantaggio per le piccole e micro imprese del Sulcis Iglesiente Aggiornamento al 15 ottobre 2015 Sintesi dell intervento L applicazione del regime fiscale e contributivo di Zona Franca Urbana

Dettagli

Analisi dei flussi del Mercato del Lavoro della Provincia di Mantova

Analisi dei flussi del Mercato del Lavoro della Provincia di Mantova Osservatorio del Mercato del Lavoro Provincia di Mantova Analisi dei flussi del Mercato del Lavoro della Provincia di Mantova Rapporto a cura di: Rapporto Anno 2010 Centro di Ricerca Interuniversitario

Dettagli

Area Formazione. Ettore Romanò Responsabile Area Formazione

Area Formazione. Ettore Romanò Responsabile Area Formazione FORMAZIIONE OBBLIIGATORIIA IIN MATERIIA DII SIICUREZZA E SALUTE NEII LUOGHII DII LAVORO (art. 34 D. Lgs. 81/08 art. 37, comma 2, D. Lgs. 81/08) Caro imprenditore, i nuovi Accordi Stato Regioni hanno radicalmente

Dettagli