RICERCA BIBLICA A cura di Luciana Graceffo NON TEMERE, NON TEMETE, NON AVERE PAURA, NON ABBIATE PAURA, NON SPAVENTARTI, NON SPAVENTATEVI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RICERCA BIBLICA A cura di Luciana Graceffo NON TEMERE, NON TEMETE, NON AVERE PAURA, NON ABBIATE PAURA, NON SPAVENTARTI, NON SPAVENTATEVI"

Transcript

1 RICERCA BIBLICA A cura di Luciana Graceffo NON TEMERE, NON TEMETE, NON AVERE PAURA, NON ABBIATE PAURA, NON SPAVENTARTI, NON SPAVENTATEVI QUANTE VOLTE, IN CHE MODO E IN QUALI CONTESTI VENGONO PRONUNCIATE QUESTE PAROLE DI CONSOLAZIONE DAL PADRE NELLA BIBBIA PER FARCI CORAGGIO MOSTRANDO TUTTO IL SUO AMORE PER NOI

2 INTRODUZIONE L uomo durante tutta la sua esistenza affronta sempre molte sofferenze e paure che nascono dalle molteplici situazioni quotidiane della vita. Qualcuna non si supera, qualcun altra sì, con altre invece si impara a conviverci. Queste paure ci fanno anche sentire in colpa per mancanza di fede o di forza di volontà nel superarle, creando a volte ancora più disagio in noi. Ma non tutto dipende da noi. E non è ancora del tutto certo che si tratta solo di una debolezza della volontà o invece di altro che magari la scienza dovrà ancora scoprire. Perciò credo che Gesù, oggi, non ci discriminerebbe per qualche paura irrisolta, anzi ci è più vicino, perché lui ha provato ogni sorta di dolore e di paura, al punto limite di sudare sangue, si pensi all Orto degli Ulivi, o al dolore fisico e morale della Croce, non lo ha risolto in quell istante, ma lo ha assunto per noi, ha dovuto passarci attraverso, per volontà divina, per obbedienza, ma soprattutto per amore. Solo Dio ha poi riscattato i suoi dolori e patimenti con la Resurrezione. Perciò credo che dobbiamo sì combattere ogni paura con tutta la nostra volontà, le nostre forze e con l aiuto del Signore, ma senza ulteriormente colpevolizzarci o lasciarci colpevolizzare da chi non ci comprende se non riusciamo a superarle. Dobbiamo invece integrarle nel nostro cammino come parte della nostra fragilità di essere umani. Penso, che si possa amare molto e fare molte cose buone pur avendo molte paure che creano limiti. E a ciascuno il proprio limite! Perciò non essendo d accordo con chi ci punta sempre il dito contro con le solite frasi del tipo devi reagire e superare ecc... solo perché così l altro è sollevato dal dovere essere vicino o farsi carico di quella persona e situazione scomoda, ho voluto capire meglio il perché il Signore abbia spesso ripetuto nella Bibbia di non temere, di non avere paura e di avere coraggio, a grandi uomini in primis (e non piccoli come me e alcuni di noi) e attraverso di loro a tutto il popolo dall inizio della nostra storia sino ad oggi. Oggi attraverso voci di grandi Papi, quali Giovanni Paolo II: Non temete, non abbiate paura mi rendo conto che tutta una vita è sempre alternata da paure più o meno grandi, anche terribili a secondo delle circostanze sia personali che comunitarie, come malattie fisiche e morali o fatti sociali come le guerre, o calamità naturali. Quindi ritengo che sia lecito avere anche tanta paura specie nella società attuale così traballante e priva di punti di riferimento solidi e rassicuranti. Anche la nostra fede spesso traballa e dunque chi non ha alcuna paura o timore, penso mi spaventi di più di chi vanta di non averne è poco umano. Sto facendo questa ricerca, in parte per poter trovare nella Parola di Dio, quel sostegno spirituale in più che mi incoraggi nelle più svariate situazioni di timore e mi aiuti a capirle meglio, a metabolizzarle, qualche volta a superarle e possibilmente a vincerle altrimenti imparare a conviverci ma serenamente. Credo in parte che la paura è anch essa compagna di viaggio della nostra vita terrena: di paura in paura, si attraversano le difficoltà della vita, sino alla vittoria finale sulla paura della morte, vinta da nostro Signore, ma a volte si teme e si muore con paura, senza nessuno a fianco. Non condivido neppure la teoria che tutte le paure derivino dalla sola paura di morire, come sostengono la maggior parte degli psichiatri, studiosi o guide o guru e quant altro... Ad esempio, spesso diciamo che abbiamo più paura di soffrire, del modo in cui si muore che non del morire stesso; abbiamo paura del dolore, abbiamo paura della solitudine, ma abbiamo più paura di vivere a volte perciò credo che ogni paura ha un suo fondamento che è in parte mistero individuale e quindi non solo collegato ad un'unica paura di morire. Certo di fondo c è per tutti la paura di morire, ma non sempre le nostre paure nascono solo da questo pensiero. Penso invece, che la paura maggiore sia quella di non sentirsi amati e di essere soli, di soffrire soli, di morire soli. Solitudine dunque, isolamento e non perché si ha mancanza di fede, ma probabilmente perché non si riesce a viverla nel modo giusto, nel contesto giusto, difficile trovare la propria armonia spirituale potendola condividere con persone affini e non sempre è colpa nostra, ma di un evoluzione al negativo che ha diviso anziché unire le persone e la comunità, per il diverso stile di vita individuale, sociale, ecc Per quanto riguarda la scelta dei passi biblici, ho usato un criterio personale, ho raccolto i passi secondo tre casistiche: dove è il Signore in prima persona a parlare, quelli in cui parla attraverso i 2

3 suoi angeli ed infine quelli in cui parla per bocca dei suoi profeti rassicurando e incoraggiando Israele, suo popolo eletto, a non temere e a non avere paura durante tutta la sua vita e vale anche per noi; sì perché la Bibbia ci parla ancora oggi e ci dice le stesse parole di allora in un contesto nuovo da saper cogliere e interpretare. Ancora oggi è sempre nuova e attuale la Parola di due millenni fa. Ho scelto come testo di ricerca la Bibbia della Nuovissima versione dai testi originali ed. San Paolo ed e inizio a scrivere nell anno paolino ( ). Mi è stato utile come riferimento, un estratto di alcuni dei passi biblici con le parole che mi interessavano tratto da programma specifico avuto da don Silvio Barbaglia, biblista, che ringrazio molto anche per i suoi preziosi chiarimenti, pur se la ricerca nasce da una seconda lettura integrale della Bibbia. Rendo partecipi di questa ricerca, frutto di lettura-ascolto-preghiera-meditazione e talvolta distrazione, tutti coloro che vorranno condividerla, con l auspicio di poterla completare presto, visto il lungo tempo che richiede, l impegno serio e la costanza, sperando di offrire anche a chi avrà occasione di leggerla (spero in un futuro non troppo lontano), un po di beneficio spirituale, morale ed emotivo che io stessa ho ricevuto nello scriverla e nel rileggerla, cosa che auguro anche a voi con mia grande gioia. Non date troppa importanza alle mie riflessioni più personali, quanto alla Parola di Dio che si rivela e raggiunge ciascuno individualmente ed intimamente nel profondo del suo cuore e nella sua storia unica ed ineguagliabile agli occhi di Dio Padre: Non temere, perché Dio ha ascoltato la voce del ragazzo là dove si trova. (Gen 21,17) e vi potrà dire ancor di più di quanto non abbia espresso il mio pensiero. Ringrazio Riccardo Dellupi per l immagine di copertina e don Filippo Ciampanelli che mi è stato di incoraggiamento quando ho espresso il desiderio di imbattermi in questa lunga ricerca biblica che è diventata meravigliosa avventura, nonostante le lunghe pause e interruzioni. Ringrazio il Signore che mi ha dato desiderio di cercarlo sempre più e sentirlo più vicino talvolta con la sua consolazione, anche con questo scritto. Quel Dio che si fa cercare mentre ci viene incontro e si fa trovare da chi lo cerca, anzi precede chi lo mette al primo posto nella sua vita. Luciana Graceffo 3

4 ANTICO TESTAMENTO 4

5 CAP. I GENESI Gen 15,1 In seguito a questi fatti, la parola del Signore fu rivolta ad Abram in visione, in questi termini: Non temere, Abram! Io sono il tuo scudo; la tua ricompensa sarà grande assai. Il Signore dice direttamente ad Abram di non temere. Dopo alcuni fatti di guerra, infatti Abram era andato a liberare il suo parente Lot che era stato preso prigioniero e recuperò così tutta la sua roba, i suoi beni, le donne e il suo popolo (Gen 14,16). Rifletto e penso che Dio protegge chi lotta per la giustizia e lo incoraggia a non temere, non solo, gli dice anche: Io sono il tuo scudo, gli dà una garanzia di presenza e protezione reale. Egli riserva ai retti l assistenza, scudo per chi cammina integralmente (Pro 2,7). Quale parola può esserci di più confortante di questa? Spesso ci dicono di non temere, di avere coraggio, ma quanti ci hanno mai detto Io sono il tuo scudo? Straordinaria questa premura del Padre sin dall inizio. Forse anche noi dovremmo farci scudo di chi ha paura. O incontrare qualcuno che incarni le parole del Padre facendosi nostro scudo quando siamo noi ad avere paura. Ma se così non capitasse non dimentichiamo che queste parole del Padre sono rivolte proprio oggi anche a noi. Egli oggi dice a me Io sono il tuo scudo per la misericordia che ha avuto verso l umanità mandandoci suo Figlio Gesù Cristo. Gen 21,17 Ma Dio udì la voce del ragazzo e un angelo di Dio chiamò Agar dal cielo e le disse: Che hai tu, Agar? Non temere, perché Dio ha ascoltato la voce del ragazzo là dove si trova. Dio parla ad Agar attraverso un angelo, e la rassicura dicendole che Dio ha udito la voce del ragazzo. Certo il Signore mantiene la sua parola data ad Abramo prima, ed ora ad Agar e al ragazzo. Dio fu sempre con il ragazzo, là dove si trova, perché non dobbiamo pensare sempre di dover cercare Dio girando qua e là, perché lui sa esattamente dove ci troviamo soprattutto nella difficoltà. E seppur Abramo e Sara fecero l errore di interpretare che la loro discendenza sarebbe nata dalla schiava di lei, Agar, il Signore benedisse comunque tutta la discendenza di Abramo avuta anche dalla schiava secondo le usanze di quel tempo. Dio ci fa promesse, ci parla e noi possiamo interpretare in modo errato e agire affrettatamente pensando di dare una mano al Signore, invece lo facciamo per noi, non abbiamo avuto pazienza o non abbiamo creduto a sufficienza che Dio mantiene le sue promesse e le realizza al di là delle azioni giuste o sbagliate che commettiamo noi uomini, senza giudicarci. Con questo, il libero arbitrio che ci ha donato e ha rispettato, non deve essere scusa per fare cose sbagliate. Ricordiamoci che Dio scruta i cuori e sa quando il cuore dell uomo è malizioso o puro, sia pur nell errore. Gen 26,24 e durante quella notte gli apparve il Signore e disse: Io sono il Dio di Abramo, tuo padre: non temere, perché io sono con te. Ti benedirò e moltiplicherò la tua discendenza in grazia di Abramo, mio servo. Il Signore rassicura Isacco con la sua benedizione e gli dice di non temere perché io sono con te. Cosa c è di più grande del sentirsi dire dal Signore io sono con te!! E cosa ci sarebbe di più confortante nel dirlo a qualcuno o sentircelo dire, nei nostri timori io sono con te ora nel 5

6 momento della necessità. E una garanzia di vicinanza che il Signore sempre mantiene, noi uomini invece, non ne siamo sempre capaci. E quell apparizione : quella notte apparve il Signore sottolinea proprio quell essere presente al momento opportuno, come solo il Signore sa fare e tal volta, anche qualche bravo cristiano. Gen 43, 23 Ma quello disse: State in pace, non temete! E il vostro Dio e il Dio dei padri vostri che vi ha messo un tesoro nei sacchi; il vostro denaro è già pervenuto a me. E condussero loro Simeone. Giuseppe, figlio di Israele (Giacobbe), durante la carestia, finge di non riconoscere i suoi fratelli che lo avevano venduto e neppure loro lo avevano riconosciuto. In Giuseppe vi era lo Spirito di Dio, ed essendo buono li aveva aiutati dando loro il grano e restituendo anche il loro denaro, seppur aveva agito con astuzia per rivedere tutta la famiglia. Ma era proprio la sua bontà a suscitare in loro la paura, perché il rimorso di averlo venduto li angosciava. A rassicurare i fratelli fu il capo della casa di Giuseppe, per bontà divina: E il vostro Dio e il Dio dei padri vostri che vi ha messo un tesoro nei sacchi. Certo il Signore non tiene mai conto del male che compiamo, anzi se ne serve per trarne in seguito un bene maggiore. La bontà in cambio di un torto ricevuto anche grave, può commuovere il cuore delle persone e portarle al pentimento. E il Signore in vista del nostro pentimento ci ricompensa in maniera inaspettata mettendoci addirittura un tesoro nei nostri sacchi... Egli non aspetta che il nostro ritorno per ritornare a sua volta a benedirci con abbondanza e darci molto più di quanto meritiamo. Gen 46,3 Riprese: Io sono Dio, il Dio di tuo padre. Non temere di scendere in Egitto, perché laggiù io farò di te un grande popolo. Dio disse ad Israele (Giacobbe) in una visione notturna Io sono Dio non temere di scendere in Egitto. Il Signore ha il potere di cambiare i progetti degli uomini, che sono distruttivi, per realizzare il suo progetto costruttivo e salvifico che assicura una discendenza numerosa, per conservare in vita il suo popolo e lo fa a volte in un modo particolare e stupefacente parlando attraverso visioni e sogni. Non solo dice a Giacobbe non temere, ma aggiunge Io scenderò con te e io te ne farò anche risalire (Gen 46, 4). Quale Dio straordinario abbiamo: il Dio con noi. Certo non dobbiamo confondere le nostre visioni o i nostri sogni con i suoi, ma per riconoscerli c è solo da attendere ed aver fiducia che si realizzino per capire che vengono da lui. Spesso sono contrari ai nostri desideri e alle nostre aspettative, ma ci conducono sicuramente ad una situazione più sana e migliore di quella che avremmo perseguito noi, soli, senza Dio. Gen 50,19 Ma Giuseppe disse loro: Non temete! Sono io forse al posto di Dio? Giuseppe, essendo un uomo buono e timorato di Dio, consola i suoi fratelli che hanno paura di essere trattati da lui da nemici dal momento in cui muore il padre Giacobbe. E un grande esempio di perdono e di timor di Dio. Giuseppe non solo li perdona, ma sa anche consolarli con parole e atti concreti. 6

7 Anche i cristiani oggi sono chiamati a tale perdono, ricordando che nella misura in cui perdoneremo, saremo perdonati rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori. Ma siamo capaci di farlo come Giuseppe? Gen 50, 21 Or dunque non temete, io provvederò al sostentamento per voi e per i vostri bambini. Così li consolò e fece loro coraggio. Ancora Giuseppe ripete ai suoi fratelli di non temere provvedendo concretamente a tutti i bisogni ed infondendo loro coraggio. Quanto oggi siamo in grado di perdonare ed infondere coraggio anche usando i nostri beni? E quanto siamo capaci di accollarci, possibilità economiche permettendo, il sostentamento di tutta la parentela che magari un giorno ci aveva venduti traditi offesi odiati? Spesso avvengono litigi fra parenti, ma si rimane chiusi nell onta che produce ancor più separazioni che durano spesso tutta una vita, per l incapacità di mettere da parte l orgoglio o di fare il primo passo. Per l incapacità di leggere il vero significato salvifico che fa parte del progetto di Dio, il quale è capace di trarre un maggior bene dal male. Pensiamo a cosa potremmo fare nella nostra piccola cerchia familiare o piccola comunità o ancor più allargando lo sguardo, per tutta l umanità sofferente. CAP. II ESODO Es 14,13 Mosè disse al popolo: Non temete: siate saldi e vedrete la salvezza che il Signore opera per voi oggi: poiché gli Egiziani che vedete oggi non li vedrete mai più. Il Signore libera il suo popolo e combatte per esso (Es 14,14) per dargli tranquillità. Ora Mosè dice al popolo di non temere perché sta per vedere la salvezza che è opera del Signore. La grandezza e il potere di Dio si manifestano davanti ai nostri occhi e quando il Signore interviene con mano forte, noi non dobbiamo fare nulla, solo avere fiducia, fede in Dio. Siate saldi ci dice il profeta, perché è il Signore che fa tutto, combatte per noi, non abbandona mai il suo popolo anche se apparentemente tutto va male e tutto gli è contro e lo lascia soffrire in modo pesante. Ma Dio non dimentica il suo popolo, non ci dimentica, non si dimentica di nessuno di noi, delle nostre schiavitù personali. Non solo ci libera dai nemici, ma ci dice anche non li vedrete mai più. Solo il Signore, quando agisce mantiene la sua parola, ed è per sempre. E il Dio della Parola, che non parla invano, come tanti oggi, ma sa anche metterla in pratica e mantenerla in eterno: vedrete la salvezza che opera per voi oggi, allora come adesso anche per noi e per sempre con Gesù. E immenso il suo amore per noi uomini, anche se a volte incomprensibile. Es 20,20 Mosè disse al popolo: Non temete, perché è per provarvi che Dio è venuto, e perché il suo timore sia sempre presente e non pecchiate. Mose dice al popolo di non temere perché Dio li ha messi alla prova affinché non pecchino. Essi temevano di morire se Dio avesse parlato loro senza un tramite, dal monte Sinai come aveva prestabilito. Il Signore ancora oggi ci prova, ma ci incoraggia a rimanergli fedele senza peccare, non vuole che abbiamo paura di lui, non ci prova per spaventarci, ma per correggerci, per fortificarci. 7

8 Mi viene in mente quando non si fa una cosa per paura della punizione, ma non è così che è gradita a Dio, lui vuole che non si faccia il male perché è sbagliato e che lo temiamo per rispetto e per amore e non per paura di essere puniti, semplicemente per amore, perciò ci prova. L Amore chiede amore. CAP. III Nm 14,9 Solo, non ribellatevi al Signore e non temete il popolo della terra, perché è pane per noi: la loro difesa si è allontanata da noi, mentre il Signore è con noi. Non abbiate paura di loro. Mosè e Aronne si prostrarono davanti ai figli d Israele e dissero loro di non temere a non avere paura del popolo che occupava la terra promessa (Canaan) dove scorre latte e miele. Vi vivevano dei giganti molto forti e questo provocò la ribellione a Dio da parte del popolo scelto. Ora anche noi siamo come il popolo d Israele, timorosi dei cambiamenti che ci prospetta il Padre, che sono sempre un maggior bene per noi, ma spesso ci appaiono come cose irraggiungibili, come ostacoli insormontabili, come i giganti inaffrontabili. A volte sono le nostre paure ad ostacolarci per la mancanza di un fiducioso abbandono alla volontà del Padre che certamente vuole condurci in un luogo migliore per noi, liberandoci dalle nostre schiavitù personali; dobbiamo avere fiducia che lui sa meglio di noi ciò che è bene per noi. Non dobbiamo dunque arrenderci davanti alle difficoltà quando riconosciamo che è volontà del Padre di intraprendere una certa direzione, perché è quella giusta per noi per arrivare al luogo dove scorre latte e miele, perché è là che ci vuole condurre, in una terra di benessere anche se apparentemente dobbiamo lottare contro qualcosa più grande di noi, come i giganti, e abbiamo paura. Ma la cosa da non dimenticare, è che lo ha voluto il Padre, ed egli è con noi, il Signore è con noi, questa è la cosa più importante, perché se lui è con noi, chi può essere contro di noi? Dobbiamo avere fiducia totale, anche se una meta sembra impossibile da raggiungere, perché se è Dio volerla è Dio che la realizza. Dobbiamo oggi ancor più essergli grati perché ha fatto il prodigio più grande e ineguagliabile: ci ha dato suo figlio Gesù. Dobbiamo pregare che egli ci conceda maggior fede, fiducia e abbandono nella sua guida infallibile. Nm 21,34 Il Signore disse a Mosè: Non aver paura di lui, perché te l ho dato in mano, lui e tutto il suo popolo con la sua terra: farai a lui come hai fatto a Sicon, re amorreo che sta in Chesbon. Il Signore disse a Mosè di non avere paura del re Og, re di Basan e del suo popolo. Il Signore protegge e dà vittoria al popolo di Israele sopra tutti i suoi nemici mettendoglieli in mano. Ci esorta a non avere paura davanti ai nostri nemici anche se ci sembrano troppo potenti, perché lui ci garantisce la vittoria per guadagnarci la terra promessa. Certo avrebbe potuto consegnarcela su un piatto d argento, invece lascia che l uomo percorra la sua strada, la vita terrena anche tortuosa, ma con la sua protezione che ci spiana la strada. Dobbiamo credere e fidarci di lui, egli vuole che anche noi facciamo qualcosa per lui, chiede la nostra cooperazione, la nostra lotta e accettazione della nostra croce e ci aiuta a portarla senza togliercela. Così come anche Gesù l ha portata per noi. 8

9 CAP. IV DEUTERONOMIO Dt 1,17 Nel giudizio non fate preferenza di persona, ascoltate il piccolo e il grande, non abbiate timore di nessuno, poiché il giudizio è di Dio! Un caso per voi troppo difficile, riferitelo a me e io lo ascolterò. In questo passo Mosè ha scelto dei collaboratori saggi, perché il popolo è troppo numeroso per poterlo giudicare da solo nelle sue controversie. Mosè dunque istruisce i saggi e dice loro di non avere timore di nessuno. Questo ci deve fare riflettere a lungo Se si giudica in modo retto, non bisogna temere nessuno e neppure il Signore, poiché è proprio il giudizio che appartiene a Dio. Inoltre se un caso difficile turba il giudizio dei collaboratori, c è sempre Mosè pronto ad ascoltarlo. Anche oggi come allora, quando non siamo certi di aver interpretato bene delle situazioni, ricorriamo al consiglio di persone più esperte e più sagge o più competenti. Dobbiamo ricordare in tutte le nostre situazioni sia materiali che spirituali, ciò che il Signore ci mostra attraverso Mosè: che c è sempre qualcuno che ci ascolterà e risolverà i conflitti, e questo qualcuno è il tramite di Dio. Coloro che sono chiamati a giudicare si ricordino che parlano a giudizio di Dio. E una bella responsabilità, ma se fatta con amore per la giustizia, senza preferenze, secondo Dio, non devono temere e così pure tutti noi nelle nostre piccole dinamiche conflittuali quotidiane nelle relazioni con gli altri. Dt 1,21 Ecco il Signore ha messo la terra davanti a te: sali, conquistala come ti ha detto il Signore, Dio dei tuoi padri; non aver paura e non scoraggiarti. Mosè dice al popolo di non avere paura e non scoraggiarsi: come ti ha detto il Signore. E sempre il Signore che parla attraverso Mosè, chiedendo a volte cose oggi incomprensibili: sali, conquistala.. Ma è proprio in queste parole che il Signore ci dona la libertà di agire, chiede la nostra collaborazione anche nelle lotte più difficili, altrimenti noi non avremmo più libera volontà o arbitrio nel seguirlo e nel scegliere di obbedire o meno. Tutto ciò che si ottiene facilmente spesso stanca in fretta e il Padre lo sa, perciò ci educa alla conquista e alla fatica per raggiungere a volte un bene più grande che durerà a lungo. Certo le richieste dell AT sono a volte esagerate, inconcepibili per noi oggi che abbiamo ricevuto una legge nuova, un dono grandissimo che ha perfezionato l antica legge e ci propone metodi più miti seppur altrettanto faticosi e impegnativi: la legge dell amore, del dialogo, del perdono, la croce, quella di Gesù, Colui che ha combattuto per noi e vinto una volta e per tutte, tutte le antiche guerre, divisioni e battaglie, portandoci la Salvezza. Siamo una generazione fortunata, ma molti non se ne sono accorti. Dt 1,29 Vi ho detto: Non spaventatevi, non abbiate paura di loro. Il Signore vostro Dio che cammina innanzi a voi, egli stesso combatterà per voi come ha fatto in Egitto, sotto i vostri occhi Ancora Mosè dice al popolo di non spaventarsi. Grande è il nostro Dio che nel condurci verso la libertà e nella terra promessa, cammina innanzi a noi: Il Signore vostro Dio che cammina innanzi a voi, egli stesso combatterà per voi, in queste parole c è tutta la premura del Padre che ci rassicura e assicura che porterà a compimento egli stesso la promessa, camminando davanti a noi e 9

10 combattendo per noi. Questo fa proprio pensare che stando davanti, egli ci ripara dai pericoli e si espone lui in prima persona e noi dietro, protetti da lui, non dobbiamo che seguirlo e fidarci che anche nelle battaglie più ardue, lui è davanti a noi e combatte per noi in prima persona. Certo devono essere cause giuste e non nostre pretese e battaglie egoistiche, altrimenti lui potrà solo stare dietro e recuperaci quando siamo stramazzati a terra inutilmente. Dt 3,2 E il Signore mi ha detto: Non temerlo; io infatti ho messo in tuo potere lui, tutto il suo popolo e la sua terra. Lo tratterai come hai trattato Sicon, re degli Amorrei, che abitava in Chesbon. Il Signore dice a Mosè di non temere Og, re di Basan che gli ha fatto guerra con tutto il suo popolo forte e numeroso. Anche di fronte ai re e ad un popolo numeroso il Signore ci rende vittoriosi. Anche oggi l abuso di potere, le ingiustizie, le avversità sembrano tante quanto un popolo forte e numeroso che ci muove guerra e non può che schiacciarci, ma il Signore anche oggi ci dice di non temerlo perché chi segue il Signore non deve temere nulla. Dio ama chi ama la sua legge e lo protegge. Dio in Gesù ci rende vittoriosi anche dinnanzi alla morte. Dt 3,22 Non abbiate paura di loro, poiché lo stesso Signore vostro Dio combatte per voi. Mosè ricorda quanto aveva ordinato a Giosuè: di non avere paura dei regni che avrebbe passato perché il Signore stesso avrebbe combattuto per loro. Ancora il Dio che mantiene la parola e la sua promessa di donare al suo popolo la terra promessa sconfiggendo tutti i suoi nemici, e combattendo per esso. Dio è fedele sempre anche di fronte alle infedeltà del suo popolo, proprio come oggi. Dt 7,18 Non temerle: ricorda bene quanto ha fatto il Signore tuo Dio al faraone e a tutto l Egitto, Mosè dice ancora al suo popolo di non temere le nazioni per quanto siano più numerose di loro e possono spaventare. Ma la cosa che mi colpisce è questa: ricorda bene, molto interessante ricorda bene, dunque il ricordare aiuta a non temere! Spesso noi dimentichiamo il bene che abbiamo ricevuto e riceviamo tutti i giorni mentre non dimentichiamo affatto il male e tutto ciò che ci ha spaventato. Dunque, io per prima devo fare allenamento a ricordare tutto il bene che Dio mi ha fatto durante il percorso della mia vita attraverso le persone, per ciò che sono, ciò che ho, ciò che mi circonda, i miei affetti, le mie relazioni con gli altri, tutti gli ostacoli o i problemi superati, le paure passate e molto altro che ciascuno può aggiungere personalmente. E un difficile allenamento anche perché spesso si presentano nuove prove da superare, ma se mi soffermo un po, da un punto di vista spirituale posso solo confermare che tutto è servito al miglior bene dell anima, basta rileggere ogni cosa dal punto di vista del Padre, del Vangelo. E un procedere sì irto, ma con fatica si raggiungono le vette e il panorama da lassù è stupendo, facendo dimenticare ogni fatica, come la donna che soffre le doglie del parto, ma quando vede il bimbo si rianima e le dimentica di fronte a una gioia più grande. 10

11 Dt 7,21 Non spaventarti innanzi a loro, poiché il Signore tuo Dio è in mezzo a te: un Dio grande e terribile. Mosè incoraggia ancora il popolo a non spaventarsi davanti alle grandi nazioni nemiche. L uomo della storia dimentica spesso la promessa di Dio anche se lo ha incoraggiato ripetute volte con segni e prodigi e non fa che ricadere nello sconforto e nell insicurezza. Quel popolo che ha visto i prodigi che Dio ha operato davanti ai suoi occhi, non ha ancora sicurezza e fede in Dio. Sono le nostre ricadute di oggi nello scoraggiamento, nell impazienza, nel pessimismo quando la prova è un po più dura perché perdiamo di vista il vero bene che sta oltre, più in alto. Ma essendo uomini di dura cervice ed attaccati alle nostre piccole sicurezze, se ci vengono a mancare ci sentiamo persi. E importante avere in questi momenti, però, un Mosè che ci incoraggia, che ci ricorda e ci ripete all infinito le cose belle e positive, e talvolta anche terribili che Dio ha fatto per nostro amore. I consacrati in prima persona e poi tutti noi, dobbiamo veramente soprattutto nella prova diventare come i nostri Padri antichi, come Mosè, incoraggiandoci l un l altro, perché ci fa sentire meno smarriti, meno soli e soprattutto rende manifesto l amore di Dio che ha bisogno anche di noi uomini per farcene dono. Dt 18,22 Quando il profeta parla in nome del Signore, ma la parola non si compie, quella è una parola che il Signore non ha pronunziato. Il profeta ha parlato per presunzione; non temerlo. Mosè istruisce il popolo con i decreti e le prescrizioni avute dal Signore affinché possa vivere tranquillo e felice. Fra questi vi è quello di non seguire falsi profeti è un epidemia che dilaga oggi come allora, i falsi profeti oggi sono numerosissimi, venditori di illusioni di felicità. Basta pensare agli spot televisivi, alle sette, a gruppi integralisti, a guide e guru che pensano di avere in mano la soluzione per tutti i problemi, e così via Ma il Signore si è veramente preoccupato del suo popolo, una volta che ha raggiunto la terra promessa lo istruisce e non gli fa mancare un vero profeta. Però mette in guarda e dice anche come riconoscere un vero profeta: la parola che ha pronunziato a nome del Signore si compirà. Quindi attenzione, non dobbiamo avere fretta di sapere quel che succederà, saranno i fatti concreti che ce lo diranno quando si compiranno. Dobbiamo proprio chiedere un dono di pazienza per poter attendere le cose del Signore, come Maria, maestra dell attesa. Dt 20,1 Quando andrai in guerra contro i tuoi nemici e vedrai cavalli, carri e un popolo più numeroso di te, non ne avere paura: perché il Signore tuo Dio è con te, lui che ti ha fatto uscire dalla terra d Egitto. Sempre Mosè ci ricorda le parole di protezione del Signore riguardo al suo popolo. Sembra un po ripetitivo questo non temere i nemici che il Signore sconfiggerà con noi, per noi, ma non è mai abbastanza, quando si attraversano momenti di paure e di angosce come questo vicino alla guerra, sentirsi incoraggiare e assicurare che il Signore non si tira indietro ma è con te. Quante volte avremmo desiderato, o desideriamo in alcune particolari circostanze, di sentirci ripetere all infinito di non avere paura perché c è qualcuno presente con noi che ci assicura il superamento di quella prova che sembra impossibile con le nostre sole forze. Perciò dobbiamo pensare che da soli non sempre possiamo superare le nostre paure, c è Dio, ma ci sono anche gli uomini di Dio che ci aiutano e ognuno di noi è uomo di Dio che può incoraggiare a nome suo. 11

12 Dt 20,3 e dirà loro: Ascolta, Israele, voi che state oggi per combattere contro i vostri nemici: non venga meno il vostro cuore, non abbiate paura, non spaventatevi e non tremate davanti a loro! Mosè istruisce il popolo a nome del Signore dicendo che nel momento imminente alla battaglia, il sacerdote si accosterà e gli parlerà incoraggiandolo a non avere paura e non spaventarsi davanti ai nemici. Come posso notare Dio non fa mancare nei momenti più difficili chi parli a nome suo: il sacerdote dunque chiede ad Israele di ascoltarlo, Ascolta, Israele, non venga meno il tuo cuore, non abbiate paura il Signore avanza con voi per combattere contro i vostri nemici, per salvarvi (Dt 20,3-4). E proprio un annuncio di salvezza che prelude la Salvezza ultima che ci porterà con Gesù. Oltre a Mosè, il Signore sceglierà al popolo un re, sacerdoti e un profeta. Quindi più persone che lo rassicurano. Talvolta capita che nel momento della paura, dell angoscia, del bisogno, delle contese, non ci basta una sola persona che ci aiuti, ma ci necessitano più persone, mediatori di salvezza, che ci donino sostegno, forza e speranza, che ci benedicano, che ci perdonino ecc perciò Dio che è premuroso e attento alle nostre necessità materiali, emotive e spirituali, anche in questo caso non ha fatto mancare tali uomini al suo popolo. Anche noi oggi abbiamo bisogno di non dimenticare di dare o chiedere questi sostegni al momento opportuno, amando e mettendo da parte l orgoglio, l odio o qualsiasi altro ostacolo che ci impedisce di farlo. Dt 31,6 Siate forti, siate valorosi! Non abbiate paura, non spaventatevi dinnanzi a loro, perché il Signore tuo Dio è lui che cammina con te: non ti abbandonerà e non ti trascurerà. Mosè rivolge ad Israele le parole che il Signore gli ha detto, alla fine della sua missione lasciando a Giosuè, prescelto dal Signore il compito di portare il popolo dentro la terra promessa. Mosè potrà solo vederla dal monte. Ma le parole che lascia al popolo sono ancor più incisive e confortanti, non solo gli dice non abbiate paura e non spaventatevi dei nemici, ma sottolinea la costante protezione e presenza del Signore in mezzo al suo popolo, come è anche oggi con noi e la sua presenza è una garanzia costante e fedele, perché il Signore tuo Dio è lui che cammina con te: non ti abbandonerà e non ti trascurerà. Si è proprio così, non ci abbandona e non ci trascura il Signore, semmai siamo noi ad allontanarci e a trascurarlo. Solo Dio è sempre fedele. CAP. V GIOSUE GS 1,9 Non sono forse io che ti comando questo, di essere forte e coraggioso? Non temere dunque e non avvilirti, perché è con te, in ogni tuo passo, Dio, tuo Signore. Dio parla a Giosuè, dicendogli di levarsi ed attraversare il Giordano con tutto il popolo, per conquistare e prendere possesso della terra promessa. Come aveva stabilito Dio, tocca a Giosuè dopo la morte di Mosè, di portare a compimento l esodo del popolo. Il Signore dice a Giosuè parole magnifiche: non ti deluderò né ti abbandonerò (Gs 1,5) e gli comanda di essere forte e coraggioso. Glielo comanda, un comando è come un ordine, quindi va eseguito, non c è alternativa, non c è scelta, non solo lo incoraggia, ma gli dà anche direttive ben precise. Certo a volte siamo paralizzati dai comandi che ci impongono e appaiono troppo faticosi, ma la vittoria con il Signore è garantita. I comandi del Signore sono per la vita e non per la morte. Quando una causa è giusta ed è 12

13 per il bene di tutti, bisogna proprio andare avanti, è un ordine, con la certezza che il Signore è con noi e nulla potrà vincerci perché è con te, in ogni tuo passo, Dio, tuo Signore. Gs 8,1 Il Signore disse a Giosuè: Non temere e non scoraggiarti. Prendi con te tutti quelli atti alla guerra e va attacca Ai. Vedi, io ti ho dato in mano il re di Ai con tutto il suo popolo, la sua città e il suo territorio. Il Signore parla a Giosuè e gli dice di non temere e non scoraggiarsi e prepararsi con tutti quelli atti alla guerra per attaccare Ai. Glieli mette in mano. La vittoria è assicurata. Quando il nemico ci fa paura ci scoraggiamo subito, ma il Signore è il primo a incoraggiarci. Di fronte alle difficoltà, egli ci indica spesso come affrontarle e ci suggerisce anche le strategie da adottare come ha fatto con Giosuè. Non dobbiamo scoraggiarci ma aprirci a un ascolto più profondo per trovare quelle risposte che ci aiutano ad affrontare le situazioni per superarle, a trovare le strategie giuste per risolverle. Confidiamo nel Signore sempre, restiamo in ascolto di lui. Gs 10,8 Il Signore disse a Giosuè: Non aver paura di loro, perché io te li do nelle mani; nessuno di quelli potrà resisterti. Il Signore dice a Giosuè di non aver paura dei re che si erano coalizzati con il re di Gerusalemme e stavano per assalirlo con tutte le loro forze. Qui il Signore li mette nelle mani di Giosuè, dicendo di non aver paura!! Mentre il popolo combatte con tutte le sue forze, il Signore gli viene in aiuto scagliando dal cielo pietre così grosse, da uccidere moltissimi nemici, più che quelli uccisi di spada (Gs 10,11). Dio, ancora oggi, mette i suoi e dunque i nostri nemici nelle nostre mani, dice io te li do nelle mani è un dire molto incoraggiante. E proprio vero che anche quando una lotta sembra sfinirci, arriva prodigiosamente un aiuto inaspettato che in breve tempo porta a termine quanto avremmo dovuto fare impiegando molto più tempo e molti più sforzi. In questo passo il Signore interviene in modo prodigioso e insolito: scaglia grosse pietre dal cielo. Nelle nostre battaglie quotidiane può agire a volte attraverso l intervento di una persona, un angelo diremmo, in questo caso, che provvidenzialmente ci risolve un problema grande, ci libera da ostacoli che ci impediscono di poter raggiungere una meta, o ci tira fuori da una situazione spiacevole. Non dobbiamo mancare di fiducia e credere nella Provvidenza. Il Signore è un Dio presente che vede ogni cosa e interviene in molteplici modi, dobbiamo allenare l occhio e il cuore per sapere riconoscere che è lui che in realtà si sta curando di noi. Gs 10,25 Disse quindi loro Giosuè: Non temete e non perdetevi di coraggio, ma siate forti e valorosi, perché così il Signore tratterà tutti i vostri nemici, contro i quali dovrete combattere. Giosuè dice ai capi dell esercito del suo popolo di non perdersi di coraggio ma di essere forti e valorosi, e uccide davanti ai loro occhi i re nemici, mostrando loro la sorte che il Signore darà a tutti i loro nemici. Il Signore fu con Giosuè come con Mosè, combatté con lui e protesse il suo popolo da tutti i nemici. Dunque Giosuè rassicura i capi combattenti incoraggiandoli ad essere valorosi e forti. E sempre umana la paura a cui fa seguito un po di debolezza e mancanza di volontà a reagire. 13

14 Dobbiamo a volte recuperare, anche nelle nostre fatiche e lotte quotidiane, quella forza interiore che viene dal Signore e riacquistare quella dignità che fa di noi degli uomini valorosi e non vili. Questo è ciò che Dio vuole da noi, quest atteggiamento è a lui gradito e da lui sostenuto, perciò dobbiamo veramente alimentare la nostra fede per convincerci che è proprio così, che c è il Dio sempre con noi. Gs 11,6 Ma il Signore rassicurò Giosuè: Non aver timore di quelli, perché domani, alla stessa ora, io li mostrerò tutti uccisi davanti a Israele; farai tagliare i garretti ai loro cavalli e farai bruciare i loro carri. Il Signore rassicura Giosuè perché l indomani avrebbe nuovamente combattuto contro una moltitudine di eserciti, ingenti come la sabbia sulla spiaggia del mare con cavalli e carri numerosissimi, che si erano coalizzati per combattere contro Israele. Anche in questo caso, come nel precedente il Signore assicura la vittoria, nonostante la sproporzione di forze. E così fu!! La parola del Signore è fedele. Così Giosuè occupò tutto il paese che il Signore gli dette in eredità. Quindi si riposò dalla guerra. Qui è proprio il compimento della parola e della promessa del Signore, nonostante le molte infedeltà del popolo. Il Signore realizza il suo progetto, per grazia, per suo volere, perché il popolo con le poche forze fisiche e da solo non avrebbe potuto farcela. E quindi un dono gratuito, fatto per amore. Spesso noi ci arrendiamo anche quando ci cimentiamo in qualche buon progetto, scoraggiandoci per i tanti ostacoli che incontriamo nel realizzarlo, a tal punto che tante volte rinunciamo ad andare avanti. Dovremmo invece ricordare sempre il fine per cui lo abbiamo iniziato ed imparare a portare a termine ogni cosa buona anche se ostacolata, per amore gratuito, per fedeltà, come quella del Signore per noi. Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date (Mt 10,8). Semplicemente per amore, e il compenso lo riceveremo se non in questa vita terrena, in quella eterna. CAP. VI GIUDICI Gdc 6,10 Vi dissi che ero il Signore, Dio vostro e perciò di non temere gli dèi degli Amorrei, nella cui terra voi abitate; ma voi non avete dato ascolto alla mia voce. Israele dopo aver preso possesso della terra promessa, alla morte di Giosuè e di tutti i testimoni che avevano visto i prodigi del Signore, ricominciò ad offendere il Signore seguendo altri dèi, allora divampò ancora l ira del Signore, che però non mancava di ascoltare il loro grido di aiuto. Così Dio stesso inviò un profeta che disse agli Israeliti come il Signore aveva liberato il popolo dalla schiavitù dell Egitto e che non avrebbe dovuto temere gli Amorrei; ma il popolo non aveva ascoltato la voce di Dio. Nonostante tutti tradimenti Dio manda sempre il suo messaggero e non abbandona mai completamente il suo popolo, ma lo prova per educarlo. Siamo sempre pieni di buoni propositi quando riceviamo la grazia del Signore o ascoltiamo i suoi profeti di oggi: i sacerdoti, le religiose, i vari gruppi di preghiere, i vari incontri spirituali; spesso usciamo ricolmi di buone intenzione che tendono a svanire piano piano quando rientriamo nelle nostre incombenze quotidiane. In fondo anche noi oggi siamo come il vecchio popolo di Israele, sempre pronto ad allontanarsi dalla Parola di Dio e a prostituirci con altri dèi: il potere, i soldi, la carriera, le compagnie sbagliate, le trasgressioni, i tradimenti, le sette, e così via Ci sembra facile quasi, giudicare ottuso questo popolo di Israele al quale siamo legati grazie a Gesù: ma noi siamo meno ottusi? E per quanto pensiamo di essere più avvantaggiati dalla grazia di avere Gesù nostro 14

15 Salvatore, non siamo forse ancora più duri di cervice dei nostri predecessori che si sono allontanati dalla volontà di Dio? In fondo è come una storia che si ripete, anche se ci sembra così lontana nel tempo, ma attuale nelle lotte e nelle dinamiche che ci uniscono o ci allontanano dal Padre. Gdc 6,23 Il Signore gli disse: La pace sia con te. Non temere ché non morrai! Il Signore dice a Gedeone: la pace sia con te. Non temere Egli ha scelto Gedeone per salvare Israele dalle mani dei Madianiti. E il Signore che sceglie gli uomini adatti ad ogni impresa, come quando scelse i suoi apostoli e Maria. La risposta è sempre individuale e differente, c è chi subito lascia tutto e segue, chi prontamente risponde Eccomi, come Maria, ma c è anche chi ha bisogno più tempo per credere ed ha bisogno di prove, come in seguitotommaso. Anche Gedeone ha bisogno di prove e di essere rassicurato dal Signore, il quale prontamente gliele dà, non si sottrae nel doversi fare accogliere, ma rassicura, talvolta direttamente, talvolta attraverso i suoi intermediari. E ciò avviene anche oggi come allora, magari sono meno eclatanti i segni che Lui ci dà come prova della sua volontà, ma un cuore veramente aperto al suo ascolto sa riconoscerli. Prestiamo ascolto perché quando il Signore ci chiama a una missione, ci dona prove della sua volontà, pace e sicurezza: La pace sia con te, dice a Gedeone, la pace sia con noi per chi segue le sue vie. CAP. VII PRIMO LIBRO DI SAMUELE 1 Sam 12,20 Rispose Samuele al popolo: Non abbiate paura! Sì, voi avete fatto tutto questo male, però non vogliate allontanarvi dal Signore, ma servite a lui con tutto il vostro cuore. Il popolo continua a tradire la fiducia del Signore e subito dimentica la sua legge e il bene che ha fatto per esso, ma dimentica anche il male che il Signore gli ha inflitto a causa di questi continui tradimenti. E sempre un popolo che non sa camminare diritto e devia sempre a destra o a sinistra, anche in questa circostanza preferisce chiedere un re che lo guidi, perché non si sente abbastanza rassicurato dal Signore che è invece presente, questo provoca un ulteriore tradimento, un male da aggiungere a tutti i peccati. Samuele fa capire al popolo che ha sbagliato a fare questa richiesta che per altro il Signore gli ha accordato, così nuovamente pentito chiede aiuto e intercessione presso Samuele, il quale parla al popolo dicendogli di non avere paura anche se si è comportato male e di non allontanarsi dal Signore, ma di continuare a servirlo con tutto il cuore. Il Signore non si stanca e non rigetta il suo popolo nonostante l ostinazione ai continui tradimenti, peccati e sbagli. Anche oggi succede di allontanarci dal Signore e confidare su qualche persona che ci sembra apparentemente ed erroneamente più affidabile e vicina di questo Dio che sentiamo a volte lontano, sempre più lontano da non riuscire più a vederlo con gli occhi del cuore che si sono chiusi alla luce vera e quando all improvviso ce ne rendiamo conto, pensiamo sempre sia ormai inutile o troppo tardi. Invece questo passo è proprio significativo e importante e ci dice proprio che nella misura in cui si prende coscienza di essere lontani da Dio, a lui basta di tornare a servirlo con tutto il nostro cuore, questo ci dice Samuele: ma servite a lui con tutto il vostro cuore. Il Signore chiede il nostro cuore, lui che scruta i cuori è sempre pronto a riaccoglierci a perdonarci a venirci incontro e come in questo caso a lasciare anche chi intercede presso di lui e ci istruisce per ritrovare la retta via! Dio chiede la fedeltà del nostro cuore, non ci chiede altro. Non solo, in cambio ci dà molto di più, pace, benedizione, amore, guida e un giorno la vita eterna. 15

16 1 Sam 22,23 Rimani con me, non aver paura! Perché chi cerca la vita mia cerca la tua, per questo sarai ben custodito presso di me. Davide dice ad Ebiatar, unico scampato della città dei sacerdoti passati a fil di spada da Doeg per ordine di Saul, di non aver paura! Davide era l unto predestinato da Dio a divenire nuovo re, il suo operare aveva suscitato la gelosia di Saul, ma Davide si salva per la grande amicizia con il figlio di Saul, Gionata, che lo aveva già riconosciuto come futuro re, stringendo con lui un patto di fedeltà eterno. Il Signore quando sceglie qualcuno, anche se gli fa fare un cammino difficile e pericoloso come quello che ha fatto fare a Davide, gli fornisce tutte le protezioni per compiere la sua volontà e quel prescelto a sua volta protegge Ebiatar il superstite figlio del sacerdote. Il Signore si prende cura dei suoi. Eppure Davide come Iefte, dovette nascondersi e diventare capo di avventurieri e fuorilegge, seppur era il prescelto dal Signore per divenire re. Questo mi fa ripensare che il Signore va oltre le apparenze anche sociali e scruta i cuori, ed innalza chi, come e quando vuole, al di là di quel che sembra agli uomini giusto o sbagliato. E perciò che dobbiamo ancor più pensare quanto sia pericoloso e sbagliato giudicare gli altri anche se apparentemente trasgressori della legge. Legge che probabile è solo quella di uomini, ma non quella di Dio. 1 Sam 23,17 Gli disse: Non temere perché la mano di mio padre non ti potrà raggiungere; anzi tu regnerai su Israele e io ti sarò secondo. Anche mio padre Saul sa che è così!. Gionata va a trovare Davide che si è dovuto rifugiare nel deserto sulle montagne di Zif, per non essere ucciso da Saul. E gli dice a Davide di non temere, perché si salverà dalla mano di Saul e diventerà re al suo posto. Gionata incoraggia Davide a nome del Signore profetizzando sul suo futuro. Anche qui sembra che per Davide sia impossibile ormai realizzare la volontà di Dio, ma è proprio Lui che la realizza anche per vie tortuose. Quando Dio ci chiede di fare qualcosa per lui, non significa che sarà tutto facile e avremo una via privilegiata, anzi al contrario, è molto spesso una via di croce e i santi ce ne sono ancora oggi testimoni. Ma non ci mancherà la sua grazia, la sua protezione, la sua forza e la sua volontà nel realizzarla, così pure la sua consolazione. Unico nostro compito è dire di sì, accettare come ha fatto Maria in modo perfetto: Ecco la serva del Signore, si faccia di me come hai detto tu (Lc 1,38) o come hanno fatto i profeti, anche se volte con più resistenza come Giona o Geremia. Al Signore basta il nostro sì, il nostro abbandono nelle sue mani con piena fiducia, sapendo che seppur non sarà un facile cammino, sicuramente realizza non la nostra, ma la sua volontà. CAP. VIII SECONDO LIBRO DI SAMUELE 2 Sam 9,7 Davide gli disse: Non temere, perché voglio usare benevolenza con te a motivo di Gionata tuo padre. Ti restituisco tutti i campi di Saul tuo padre e tu prenderai cibo sempre alla mia mensa. Il re Davide fa chiamare il figlio di Gionata, storpio ai due piedi, per rendergli tutti i campi di Saul suo padre ed invitarlo a mensa con lui per sempre. Davide in precedenza aveva detto: Gli zoppi e i ciechi sono odiati da Davide. Per questo motivo si dice: Né cieco né zoppo entrerà nella casa!. (2Sam 5,8). Ciò che prima è odiato può essere in seguito amato. Cambiano le circostanze e 16

17 bisogna essere più buoni, sempre aperti al perdono e all amore. Davide dice a Merib-Baal, figlio di Gionata, figlio di Saul, di non temere. Ora qui il re Davide benedetto in tutto dal Signore, a sua volta usa benevolenza alla discendenza di Saul a motivo del suo amico Gionata. Ciò mi fa pensare che è il Signore stesso che agisce attraverso le persone che egli sceglie. E anche se Dio aveva rigettato Saul, proprio attraverso Davide, dona un altra possibilità alla sua discendenza. Perché Dio è sempre misericordioso, anche se talvolta incomprensibile nel suo agire, specialmente nei racconti di questi libri dell Antico Testamento. Ma bisogna accettare anche il nostro limite nel non poter comprendere il tutto del mistero di Dio che solo in cielo ci verrà svelato nella sua pienezza. CAP. IX PRIMO LIBRO DEI RE I Re 17,13 Elia le disse: Non temere, va pure e fa come hai detto; prima però fammi con essa un piccolo pane e portamelo, poi ne farai per te e tuo figlio. Elia guidato dal Signore a un vedova le dice di non temere, di fare un pane per sé e per il figlio, ma prima di portarne uno piccolo a lui. Era un periodo di siccità a causa del peccato, come punizione per l idolatria. La vedova aveva solo un po di farina e un po d olio poi più niente. Elia, il più celebre dei profeti del Signore, le dice rassicurandola: La giara della farina non giungerà mai vuota, sino al giorno in cui il Signore non invierà la pioggia sulla faccia della terra.(i Re 17,14). Questo piccolo pane mi rimanda al pane eucaristico, eterna memoria del Signore. Cibo che sazia per sempre. Ella andò e fece come le disse Elia.( I Re 17,15). Qui c è proprio tanto da imparare e prendere come esempio di generosità e fiducioso abbandono alla parola di Dio. Credere che è Parola del Signore quella che sente anche se paradossalmente le chiede tutto quello che ha e anche se aveva l ultima manciata di farina e un po d olio, per sé e per il figlio e poi più niente era pronta a morire di fame con suo figlio. La vedova di questo libro, mi ricorda anche il racconto dell obolo della vedova (Mc 12,42-44), anche lei generosamente dà più di quanto può, il necessario e non il superfluo, come invece facevano e fa forse ancor la maggioranza della gente. Certo il Signore ricompensa chi dona generosamente e come la vedova, non teme di fare, andare, dare, rispondendo alla richiesta del bisognoso, anche se gli chiede tutto. Dio è ancor più generoso della nostra generosità. Dona loro una ricchezza maggiore, proprio perché ha già saggiato i cuori. Ricordo anche quando Salomone chiede a Dio la Sapienza per governare bene il suo popolo (2Cr 1,11) e non avendo chiesto altro, il Signore dona a lui tutto: salute, ricchezza, oltre al più alto grado di Sapienza. Salomone ha saputo chiedere con generosità, non per se stesso, ma per il bene di tutti. Chissà cosa avremmo fatto noi trovandoci al loro posto? E nella nostra vita, siamo capaci di sentire e capire che Dio ci sta chiedendo qualcosa o forse tutto? O è meglio farci sordi o fingere di non capire? Cosa vede il Signore oggi nei nostri cuori, sono capaci di non temere? Il Figlio di Dio, quando tornerà, troverà ancora la fede sulla terra? CAP. X SECONDO LIBRO DEI RE 2 Re 1,15 L angelo del Signore disse ad Elia: Discendi con lui e non temere da parte sua!. L angelo del Signore disse ad Elia di non temere di discendere con il comandante del re. Elia aveva paura di discendere dal re, un angelo gli era apparso per dirgli di andare incontro ai messaggeri del re e dire loro che c era un Dio in Israele, perché dunque consultare Baal-Zebub? Perciò predice che 17

18 il re non si alzerà più dal letto e morrà. Allora il re mandò a chiamare Elia, ma Elia temeva di andare dal re. Il Signore decide quando è il momento opportuno per muoverci, per fidarci di chi ci invita Per ben due volte stermina chi è venuto a chiamarlo, ma la terza volta il Signore permette ad Elia di andare. Quante volte ci siamo affidati a cattive compagnie, senza invocare il Signore, senza ricordarci e chiederci se lui ne fosse contento. E quante volte grazie alle nostre decisioni abbiamo sbagliato strada, o scelte, o affetti. Forse non sempre ci siamo ricordati di parlarne al Signore, nella nostra preghiera, o consigliandoci con persone sagge o sapienti, o invocando uno spirito di consiglio. Il Signore ama il suo gregge perciò si fa presente in tutti i campi della nostra vita, sia nelle battaglie che nelle gioie. Ad Elia dà una parola di conforto dopo una parola di comando: Discendi e non temere. Una è di movimento, e indica una strada e un cammino, l altra rafforza interiormente, riguarda lo stato emotivo, perché è ciò di cui l uomo ha più bisogno: sapere dove andare ed esserne rassicurato che possa farcela. Con la protezione del Signore, Elia e tutti noi, possiamo discendere, andando in basso senza temere nulla, anche se il luogo può essere pericoloso. Siamo sotto la sua protezione e benedetti. Affidiamoci dunque al suo consiglio prima di ogni cosa ed egli ci farà capire cosa dovremo fare, mettendo Dio davanti a tutte le nostre cose e davanti a tutti il cammino è sicuro. Certo non sarà facile per noi, così poco profeti, in quanto incapaci di sentire la sua voce presi da troppi rumori del mondo, ascoltare il suo consiglio, sentirlo, ma questo non ci deve scoraggiare, anzi come Elia, dobbiamo perseverare anche nella preghiera mettendoci in discussione. E rischioso decidere da soli, presi dalle nostre false sicurezze o dal proprio bisogno, o dall impulso. E più facile non pensare troppo in certi momenti e tanto meno chiedere parere al Padre, ma è diverso il risultato. Dio vuole il nostro bene. Impariamo ad ascoltarlo. 2 Re 6,16 Quegli rispose: Non temere, perché c è più gente con noi che con loro. Eliseo rassicura il suo servo dicendogli di non temere i nemici che li circondano, nonostante la situazione sia totalmente avversa. Sono infatti circondati dagli eserciti del re di Aram. Ma la fiducia in Dio e il potere che Egli ha dato ad Eliseo, lo rende capace di un miracolo. Con la sua preghiera rende i nemici ciechi e li vince, ma non si vendica, non li uccide pur avendone la possibilità. Anzi offre loro cibo: pane e acqua. D allora le bande di Aram non tornarono più nel territorio d Israele. Certo qui Eliseo ci dà un grande esempio di misericordia e perdono, trattando da amici i nemici. Offre loro una possibilità di riscatto. Spesso nella vita quotidiana lavorativa o di relazione questo non succede, se si può sconfiggere, umiliare, ostacolare, è più facile farlo che non perdonare ed essere misericordiosi. Ma vediamo che il risultato ottenuto da Eliseo è stato quello di non essere più attaccato, mentre quando si rivaleggia il risultato è quello di incrementare l odio e le separazioni. E l insegnamento del Padre che ci fa capire come comportarci attraverso la testimonianza di questo uomo di Dio. Anche noi se vogliamo possiamo essere uomini di Dio e con la fede e la preghiera possiamo trovare il modo giusto di liberarci dai nostri nemici, senza ucciderli, ma usando benevolenza come ha fatto Eliseo e trovare pace. 2 Re 19,5-6 I servi del re Ezechia vennero da Isaia e questi disse loro: «Direte al vostro signore: Così parla il Signore: Non temere per le parole che hai udito e con le quali i servi del re di Assiria mi hanno Oltraggiato» 18

19 Il profeta Isaia parla a nome del Signore e dice ai servi di Ezechia di dire al loro re di non temere le parole di oltraggio verso di Lui e l intento di scoraggiarlo nel confidare nel Signore. Il re d Assiria è certo di sconfiggerlo e vuole la sua resa, si sente superiore a Dio che non potrà fare nulla per Ezechia; gli chiede di seguire lui e non credere che Dio lo salverà. Vediamo dunque, la presunzione di chi si sente invincibile perché tutto gli è a favore: forza, potenza, vittorie, beni, abbondanza ma molta arroganza e fiducia nelle sole forze del suo umano potere. Ma Dio in un attimo cambia le sorti di popoli e persone: ha rovesciato i potenti dai troni e ha innalzato gli umili (Lc 1,52), mi viene subito in mente questa frase, perché è proprio ciò che il Signore ha fatto sin ora, per tutto il corso della storia del suo popolo, fino a noi. Nel momento in cui pensiamo di contare sulla nostra potenza, Dio ci rende all improvviso impotenti, per ricordarci che da Lui viene ogni cosa, perché senza di me non potete fare nulla (Gv 15,5). Questo lo fa non perché non ci ama o ci vuole sottomettere in modo forzato, ma solo per aiutarci a rimanere umili e fedeli, per impedirci di farci del male e distruggerci. Il Signore a questo fatto e alla preghiera che gli rivolge Ezechia con fede, risponde ancora attraverso Isaia con parole uniche incoraggianti: Io proteggerò questa città e la salverò per amor mio e per amore di Davide, mio servo (2Re 19,34). Grande è l amore del Padre per il suo popolo e per Davide suo fedele re. Dio ama, protegge e salva chi è fedele. CAP. XI PRIMO LIBRO DELLE CRONACHE 1 Cr 22,13 Allora avrai successo, se avrai cura di praticare i precetti e le norme che il Signore prescrisse a Mosè riguardo a Israele. Sii forte e coraggioso, non temere e non abbatterti! Il re Davide parla a suo figlio Salomone, istruendolo su come costruire il tempio al Signore. Come aveva detto il Signore stesso a Davide: Egli costruirà un tempio al mio nome; (1Cr 22,10). Davide pensando a suo figlio Salomone giovane e debole, e volendo assicurare una magnifica dimora per il Signore, fece abbondanti preparativi di materiale, prima di morire. Dunque si rivolse al figlio Salomone raccomandandogli di aver cura di praticare i precetti e le norme del Signore scritte da Mosè. E tutta una lotta tra il popolo infedele e la grazia del perdono di Dio che suscitando uomini che ritornano a lui, riscatta continuamente il suo popolo. Sii forte e coraggioso, non temere e non abbatterti! Davide da uomo vissuto, conosce le debolezze e gli errori dell uomo e si preoccupa di lasciargli una formula da ricordare, un testamento da mettere in pratica, che assicura al figlio e di conseguenza a tutto il popolo, il successo. Allora avrai successo, se avrai cura di praticare i precetti e le norme. Ecco cosa ancora oggi dice a noi il Signore, di avere cura di praticare i suoi precetti per avere il successo, che è la tranquillità e la pace gli concederò la tranquillità da tutti i suoi nemici e nei suoi giorni darò pace e tranquillità a Israele. (1Cr 22,9). Non si può chiedere di più dalla vita che avere pace e tranquillità, quella che il mondo non conosce, ma solo seguendo i precetti del Signore, egli stesso ce la dona già qui sulla terra, nei nostri cuori. Questa è la condizione, una richiesta di fedeltà che il Signore ci chiede sin dal principio. E poca cosa in confronto a quello che lui ci dona in cambio e alla fine la vita eterna. 1 Cr 28, 20 Davide disse a Salomone, figlio suo: Sii forte, fatti coraggio, mettiti all opera, non temere, non abbatterti, perché il Signore Dio, il mio Dio, è con te. Egli non ti lascerà e non ti abbandonerà, finchè non avrai terminato tutto il lavoro al servizio del tempio del Signore. Davide parla al figlio Salomone profetizzando. Questo passo cita le più belle parole che Davide dice in perfetta comunione con Dio. Egli è certo dell amore di Dio per l uomo, così come è certo che se 19

20 chiede un servizio, che è sempre per il bene di tutti, non gli fa mancare ogni sostegno. Qui c è proprio la presenza di Dio nel suo volere, nel suo chiedere e fa dire a Davide: il mio Dio, è con te. Egli non ti lascerà e non ti abbandonerà..e di forte conforto sapere che anche se siamo deboli, perché così Davide vedeva suo figlio Salomone: giovane e debole (vedi ancora 1Cr29,1), se Dio ci chiede qualcosa anche di grandioso, dobbiamo metterci all opera senza temere e abbatterci se ci saranno ostacoli, certi che il Signore nostro Dio è con noi, con tutto il suo amore, il suo sostegno l aiuto, certi che ci porterà sino al termine del compito che ci ha affidato, magari con l aiuto delle persone più adatte che ci farà incontrare. Non importa l età se giovani, adulti, anziani, forti o deboli. Coraggio!! Non lasciamoci scoraggiare. E un passo sì da leggere e meditare, ma a me suscita contemplazione mi lascia come Maria che dopo aver udito le parole dell angelo, serbava in cuore tutte le cose, forse meravigliosamente stupita, parole da non dimenticare, troppo belle come queste: il mio Dio, è con te. Egli non ti lascerà e non ti abbandonerà finchè non avrai terminato tutto il lavoro. CAP. XII SECONDO LIBRO DELLE CRONACHE 2 Cr 20,15 Questi disse: «Voi tutti di Giuda, abitanti di Gerusalemme e tu, re Giosafat, prestate attenzione! Così vi dice il Signore: Non temete e non lasciatevi intimorire davanti a questa moltitudine, perché la guerra non è cosa vostra, ma di Dio». Acazièl sul quale si posò lo spirito del Signore in mezzo all assemblea profetò a tutti gli abitanti di Giuda, di Gerusalemme e al re Giosafat, sul come agire di fronte a un grandissimo attacco di guerra che avrebbero subito e dal quale era impossibile uscirne vittoriosi, poiché Giosafat in questa circostanza e nella paura, si era rivolto al Signore invocandolo. Già, ma Dio è il vittorioso e lo sarà ancor più in Gesù nel NT che sarà vittorioso sulla morte. Anche qui il presagio di questo popolo è solo di morte, avendo per nemici una moltitudine sproporzionata alle proprie forze. Ed è proprio questo che fa subito pensare alla potenza di Dio che tutto può davanti a casi impossibili agli uomini. E spesso usa questo potere per ricordarci che non sono le nostre forze o la nostra intelligenza a far andar bene le cose. A volte neppure tutta la nostra forza può bastare ed ecco Dio interviene, ma la condizione è quella di chiedere il suo aiuto, di rivolgerci a lui, sperando contro ogni speranza e affidando a lui cause i cui esiti non possono più dipendere da noi. Ciò non significa che non dobbiamo fare nulla e rimanere passivi ad aspettare che faccia tutto lui. NO! Anzi ci dice di muoverci, di metterci in azione e confidare in lui: domani scendete contro di loro (2Cr 20,16). Da parte nostra occorre fare ciò che è possibile, ma essere consapevoli che il lieto fine dipende dal Signore. Questo è un altro passo che mi fa subito pensare a un Dio che non vuole che l uomo faccia guerra, seppur l AT è una guerra unica ma il profeta dice a nome del Signore: la guerra non è cosa vostra. Dobbiamo affidare ogni nostra causa a Dio, non avere pensieri di vendetta o guerra anche quando sono gli altri ad attaccarci per primi, perché: la guerra non è cosa vostra, ma di Dio. Già! Solo a Dio appartiene il giudizio e noi in qualsiasi cosa avversa non dobbiamo farci giustizia da soli, sicuramente ne usciremmo sconfitti. E in questo passo, proprio il re Giosafat si è rivolto a Dio, con suppliche, digiuni, invocando il suo aiuto e il Signore lo ha ascoltato. Dio ascolta sempre ogni uomo che si rivolge a lui con tutto il cuore. Nell AT, istruisce il suo popolo attraverso i suoi profeti. E oggi attraverso il Profeta perfetto, Gesù Cristo, che con la sua Parola ci indica già, in ogni situazione avversa o preoccupante, ma anche felice e, grande o piccola che sia, qual è il giusto atteggiamento per viverla e a volte non manca di inviarci i suoi consigli attraverso persone, che fanno sentire ai nostri cuori le risposte o confermano quanto già intuivamo e non riuscivamo a cogliere. 20

LA VITA: UN DONO DA SCOPRIRE CON GESÙ

LA VITA: UN DONO DA SCOPRIRE CON GESÙ TEMPI E UNITÀ TEMI DEGLI INCONTRI OBIETTIVI RIFERIMENTI BIBLICI RIFERIMENTI AL ICFR 4 pp. 58-71 CELEBRAZIONI Cammino di catechesi per fanciulli e ragazzi Quinta tappa LA VITA: UN DONO DA SCOPRIRE CON GESÙ

Dettagli

CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA COMMISSIONE EPISCOPALE PER LA DOTTRINA DELLA FEDE, L ANNUNCIO E LA CATECHESI LETTERA AI CERCATORI DI DIO

CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA COMMISSIONE EPISCOPALE PER LA DOTTRINA DELLA FEDE, L ANNUNCIO E LA CATECHESI LETTERA AI CERCATORI DI DIO CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA COMMISSIONE EPISCOPALE PER LA DOTTRINA DELLA FEDE, L ANNUNCIO E LA CATECHESI LETTERA AI CERCATORI DI DIO Presentazione Questa Lettera ai cercatori di Dio è stata preparata

Dettagli

La Famiglia cristiana in cammino con lo stile di Cristo

La Famiglia cristiana in cammino con lo stile di Cristo La Famiglia cristiana in cammino con lo stile di Cristo Vincent van Gogh - Il buon Samaritano PRESENTAZIONE DEL TEMA Come ufficio Diocesano di Pastorale Familiare vogliamo affrontare la problematica educativa

Dettagli

SPERARE CONTRO OGNI SPERANZA

SPERARE CONTRO OGNI SPERANZA SPERARE CONTRO OGNI SPERANZA 1 INCONTRO LA PAROLA: dal Vangelo secondo Luca 23, 33-49 La domanda che nasce spontanea dalla lettura del testo sembra quasi banale: Ma come puoi tu portare salvezza, portare

Dettagli

«Anche a te una spada trafiggerà l anima»

«Anche a te una spada trafiggerà l anima» «Anche a te una spada trafiggerà l anima» (Lc 2, 35) «A Gerusalemme c era un uomo di nome Simeone, uomo giusto e timorato di Dio, che aspettava il conforto d Israele; lo Spirito Santo che era sopra di

Dettagli

«Non sia fatta la mia, ma la tua volontà»

«Non sia fatta la mia, ma la tua volontà» «Non sia fatta la mia, ma la tua volontà» (Lc 22, 42) «Uscito se ne andò, come al solito, al monte degli Ulivi; anche i discepoli lo seguirono. Giunto sul luogo, disse loro: Pregate, per non entrare in

Dettagli

LUCIANO MONARI VESCOVO DI BRESCIA. Come il Padre ha mandato me, anch io mando voi. Gv 20,21

LUCIANO MONARI VESCOVO DI BRESCIA. Come il Padre ha mandato me, anch io mando voi. Gv 20,21 LUCIANO MONARI VESCOVO DI BRESCIA Come il Padre ha mandato me, anch io mando voi Gv 20,21 LETTERA PASTORALE PER L ANNO 2013-2014 LUCIANO MONARI vescovo di brescia Come il Padre ha mandato me, anch io

Dettagli

La speranza dell uomo

La speranza dell uomo Ellen G. White La speranza dell uomo Edizioni ADV Titolo originale dell opera: The Desire of ages Traduzione dall inglese: Franco Santini Revisione: Alessandra Olivucci Grafica: Valeria Cesarale Sesta

Dettagli

LE BEATITUDINI. (Mt 5, 3-10) Conferenza di p. Alberto Maggi presso l associazione I beati costruttori di pace. Padova 2006

LE BEATITUDINI. (Mt 5, 3-10) Conferenza di p. Alberto Maggi presso l associazione I beati costruttori di pace. Padova 2006 LE BEATITUDINI (Mt 5, 3-10) Conferenza di p. Alberto Maggi presso l associazione I beati costruttori di pace. Padova 2006 trasposizione da audioregistrazione non rivista dall'autore Nota: la trasposizione

Dettagli

Henri Rossier. Oude Sporen

Henri Rossier. Oude Sporen Henri Rossier IL LIBRO DEI GIUDICI Oude Sporen 2 Il libro dei Giudici INHOUD Introduzione...4 1. Capitoli 1, 2 e 3 Principi generali...6 1.1 Condizione d Israele alla morte di Giosuè (leggere cap. 1:1-16)6

Dettagli

Segni dei Tempi. Ellen G. White. La via migliore

Segni dei Tempi. Ellen G. White. La via migliore Segni dei Tempi Ellen G. White La via migliore Segni dei Tempi, anno XLIII, n. 4/96 Pubblicazione trimestrale registrata presso il tribunale di Firenze al n. 837 del 12/02/54 Direttore responsabile: Franco

Dettagli

GIUSTINO DIALOGO CON TRIFONE

GIUSTINO DIALOGO CON TRIFONE GIUSTINO DIALOGO CON TRIFONE Prologo I - 1. Una mattina stavo passeggiando per gli ambulacri del sisto, quando incontrai un tale, insieme ad altri, che mi disse: Buongiomo, filosofo. E, detto questo, si

Dettagli

Paulo Coelho. Manuale del guerriero della luce. Traduzione di Rita Desti

Paulo Coelho. Manuale del guerriero della luce. Traduzione di Rita Desti Paulo Coelho Manuale del guerriero della luce Traduzione di Rita Desti NOTA DELL'AUTORE A eccezione del Prologo e dell'epilogo, i testi raccolti nel presente volume sono stati pubblicati nella rubrica

Dettagli

ALLA SCUOLA DELLO SPIRITO SANTO

ALLA SCUOLA DELLO SPIRITO SANTO Jacques Philippe ALLA SCUOLA DELLO SPIRITO SANTO EDIZIONI DEHONIANE BOLOGNA Titolo originale dell opera: A l Ecole de VEsprit-Saint Traduzione dal francese di Mariarosaria Spagnolo Edizioni Dehoniane,

Dettagli

LA LETTERA AI ROMANI

LA LETTERA AI ROMANI LA LETTERA AI ROMANI INTRODUZIONE L Apostolo Paiolo attraverso questa lettera ci rivolge un messaggio impegnativo, interpella direttamente la nostra vita e ci invita, con la sua esperienza di fariseo prima

Dettagli

Se tu conoscessi il dono di Dio

Se tu conoscessi il dono di Dio Diocesi di Treviso Anno pastorale 2013-2014 Se tu conoscessi il dono di Dio Riscoprire il nostro battesimo Sussidio per la formazione degli adulti nelle Parrocchie e nelle Collaborazioni A cura dell Ufficio

Dettagli

VII. Geremia, una fede lacerante

VII. Geremia, una fede lacerante VII Geremia, una fede lacerante Il tempo in cui visse Geremia L intestazione del libro (Ger 1, 1-3) di Geremia offre alcune indispensabili notizie: chi è Geremia e il tempo della sua attività profetica.

Dettagli

Tornare. i n n a m o r a rs i

Tornare. i n n a m o r a rs i Tariffa Assoc. Senza Fini di Lucro: Poste Italiane S.P.A - In A.P -D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27/02/ 2004 n 46) art. 1, comma 2, DCB/43/2004 - Arezzo - Anno XIII n 2/2009 ad Tornare i n n a m o r a rs

Dettagli

LE LETTERE ALLE CHIESE DELL ASIA

LE LETTERE ALLE CHIESE DELL ASIA LE LETTERE ALLE CHIESE DELL ASIA Riflessioni dal libro dell Apocalisse a cura di Andrea Miola 2 Prefazione Nel 1997 ho tenuto, presso la chiesa di Cristo di Udine, una serie di lezioni sulle lettere alle

Dettagli

ECCLESIASTE «Ho applicato il mio cuore a cercare e a investigare con sapienza tutto ciò che si fa sotto il cielo» (Eccl.1:13)

ECCLESIASTE «Ho applicato il mio cuore a cercare e a investigare con sapienza tutto ciò che si fa sotto il cielo» (Eccl.1:13) ECCLESIASTE «Ho applicato il mio cuore a cercare e a investigare con sapienza tutto ciò che si fa sotto il cielo» (Eccl.1:13) (Argentino Quintavalle) INTRODUZIONE L Ecclesiaste appartiene alla letteratura

Dettagli

Gesù e le donne nei 4 vangeli: alcuni incontri.

Gesù e le donne nei 4 vangeli: alcuni incontri. Gesù e le donne nei 4 vangeli: alcuni incontri. Un antica preghiera rabbinica dice: «Benedetto sei tu Signore nostro Dio, re dell universo, che non mi hai fatto nascere pagano, schiavo o donna». Parole

Dettagli

Preghiere - Introduzione

Preghiere - Introduzione Preghiere - Introduzione Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia, e vende tutti i suoi averi e compra quel campo. Il

Dettagli

Butindaro Giacinto. Messaggi per chi ancora non conosce Dio

Butindaro Giacinto. Messaggi per chi ancora non conosce Dio Butindaro Giacinto Messaggi per chi ancora non conosce Dio Presentazione Mi rivolgo a te che ancora non conosci Dio; questi messaggi sono proprio per te. Essi si prefiggono infatti di portarti alla conoscenza

Dettagli

Come essere se stessi

Come essere se stessi Pic-dossier Come essere se stessi Raccolta tratta dal giornale Il Ritorno Foto di F. Errera tratta da http://www.dfn.it/arte/efc/veron3.htm Pubblicazione dell ottobre 2008 Impaginazione a cura di Monica

Dettagli

LETTERA AI ROMANI CIRCOSTANZE

LETTERA AI ROMANI CIRCOSTANZE LETTERA AI ROMANI CIRCOSTANZE Le lettere di Paolo sono dirette sempre a comunità cristiane che lui stesso aveva fondate. La comunità di Roma, invece, Paolo ne l'ha fondata ne l'ha visitata, prima di scrivere

Dettagli

coppia". Questo vi fa capire quanto sia utile il dono della Chiesa che, dall'esterno, ravviva ciò che Dio, dall'interno, dice al vostro cuore.

coppia. Questo vi fa capire quanto sia utile il dono della Chiesa che, dall'esterno, ravviva ciò che Dio, dall'interno, dice al vostro cuore. : letture bibliche per la liturgia della parola, rito del matrimonio e benedizioni degli sposi dal nuovo Rito del Matrimonio della CEI (Conferenza Episcopale Italiana), presentato il 4 ottobre 2004. Cari

Dettagli

Conferenza Episcopale Italiana

Conferenza Episcopale Italiana Conferenza Episcopale Italiana EDUCARE ALLA VITA BUONA DEL VANGELO Orientamenti pastorali dell Episcopato italiano per il decennio 2010-2020 PRESENTAZIONE Gli Orientamenti pastorali per il decennio 2010-2020

Dettagli

P E N T E C O S T A L E

P E N T E C O S T A L E La tua parola è una lampada al mio piede e una luce sul mio sentiero (Salmo 119:105) Risveglio P E N T E C O S T A L E Organo ufficiale delle Chiese Cristiane Evangeliche Assemblee di Dio in Italia MARZO

Dettagli

E SE DIO RIFIUTA LA RELIGIONE?

E SE DIO RIFIUTA LA RELIGIONE? 1 P. Alberto Maggi OSM APPUNTI Cefalù - 2004 E SE DIO RIFIUTA LA RELIGIONE? Introduzione Nel trattare questo argomento, occorre prima distinguere tra religione e spiritualità. La spiritualità nasce dall

Dettagli

VIVERE NEL MONDO E NON ESSERE DEL MONDO

VIVERE NEL MONDO E NON ESSERE DEL MONDO COORDINAMENTO NAZIONALE GRUPPI FAMIGLIA 2000 - ANNO DEL GIUBILEO VIVERE NEL MONDO E NON ESSERE DEL MONDO SUSSIDIO PER GLI INCONTRI DEI GRUPPI FAMIGLIA Edito da: ASSOCIAZIONE "FORMAZIONE E FAMIGLIA" Introduzione

Dettagli