LE ASSICURAZIONI PER IL VOLONTARIATO a cura di Rosalia Marzocca in collaborazione con Cesvot Settore Organizzazione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE ASSICURAZIONI PER IL VOLONTARIATO a cura di Rosalia Marzocca in collaborazione con Cesvot Settore Organizzazione"

Transcript

1 LE ASSICURAZIONI PER IL VOLONTARIATO a cura di Rosalia Marzocca in collaborazione con Cesvot Settore Organizzazione ***** PREMESSA ***** Il CESVOT si propone con questa scheda tecnica di offrire alle Associazioni di Volontariato un valido strumento divulgativo che consenta un primo fondamentale orientamento per gli operatori del settore in materia assicurativa. A tale scopo sono fornite le informazioni basilari per favorire una chiara ed esaustiva presa di coscienza delle norme previste in favore dei volontari delle organizzazioni di volontariato ed enunciate nella legge n 266 dell 11 agosto 1991, meglio conosciuta come legge - quadro sul volontariato e per consentirne la loro precisa e corretta osservanza. 1

2 BREVI CENNI SULL ATTIVITA E SULLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO ***** La legge n 266 dell 11 agosto 1991 deve la propria ragion d essere all intento dello Stato Italiano in generale di conferire risalto alle attività di quelle associazioni ed organizzazioni che, per il fatto di perseguire finalità di particolare valore sociale, appaiono meritevoli di riconoscimento e di sostegno. La legge - quadro sul volontariato ha dettato i principi generali che presiedono alla disciplina dei rapporti tra le organizzazioni di volontariato da un lato e lo Stato, le Regioni e gli Enti Locali dall altro. La predetta legge, oltre a riconoscere il valore sociale e la funzione altamente morale dell attività di volontariato, garantisce l interesse della collettività nazionale a promuoverne lo sviluppo, stabilendo, tra l altro, i principi cui le Regioni e le Province autonome devono attenersi nel disciplinare i rapporti tra le istituzioni pubbliche e le organizzazioni di volontariato. Secondo, infatti, quanto dispone la norma di cui all art. 1 legge n 266 / 91 Finalità e oggetto della legge: co. 1 La Repubblica Italiana riconosce il valore sociale e la funzione dell attività di volontariato come espressione di partecipazione, solidarietà e pluralismo, ne promuove lo sviluppo salvaguardandone l autonomia e ne favorisce l apporto originale per il conseguimento delle finalità di carattere sociale, civile e culturale individuate dallo Stato, dalle Regioni, dalle Province autonome di Trento e di Bolzano e dagli Enti Locali ; co. 2: La presente legge stabilisce i principi cui le Regioni e le Province autonome devono attenersi nel disciplinare i rapporti fra le istituzioni pubbliche e le organizzazioni di volontariato nonché i criteri cui debbono uniformarsi le amministrazioni statali e gli Enti Locali nei medesimi rapporti. La legge n 266 dell 11 agosto 1991 definisce ed individua l organizzazione di volontariato come quella struttura collettiva, liberamente costituitasi, che persegue fini solidaristici, priva di ogni e qualsivoglia scopo di lucro sia diretto che indiretto, caratterizzata dalla democraticità dell organizzazione, dall elettività e gratuità delle cariche sociali e dalle prevalenti prestazioni effettuate dagli aderenti, i cosiddetti soci volontari, che svolgono il loro lavoro in modo personale, volontario, spontaneo e gratuito, nel pieno rispetto dei valori costituzionali della libertà individuale e della solidarietà sociale. Come prevede la norma di cui all art. 3 legge n 266 / 91 Organizzazioni di volontariato: co. 1 E considerata organizzazione di volontariato ogni organismo liberamente costituito al fine di 2

3 svolgere l attività di cui all art. 2, che si avvalga in modo determinante e prevalente delle prestazioni personali, volontarie e gratuite dei propri aderenti ; co. 2: Le organizzazioni di volontariato possono assumere la forma giuridica che ritengono più adeguata al perseguimento dei loro fini, salvo il limite di compatibilità con lo scopo solidaristico. Per espressa previsione normativa che le organizzazioni di volontariato, così definite, devono procedere a tutelare il volontario sia da un punto di vista personale, assicurandolo contro gli infortuni e le malattie che lo stesso può contrarre nell esercizio dell attività istituzionale, sia dal punto di vista dei rapporti con i terzi tramite apposita assicurazione sulla responsabilità civile per i danni cagionati nell esercizio dell attività medesima. 3

4 L OBBLIGATORIETA DELLA COPERTURA ASSICURATIVA PER I VOLONTARI DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO ***** La legge n 266 dell 11 agosto 1991 ha imposto alle organizzazioni di volontariato l obbligo di stipulare polizze assicurative a copertura degli infortuni e delle malattie legate allo svolgimento dell attività istituzionale dell associazione nonché polizze assicurative della responsabilità civile per i danni cagionati a terzi dall esercizio dell attività stessa. Il suddetto obbligo assicurativo deve essere adempiuto da tutte le organizzazioni di volontariato iscritte nei registri regionali ( si ritiene, comunque, che anche quello non iscritte debbano adempiere a tale obbligo), assicurando quindi la possibilità di soddisfare eventuali danni futuri e garantendo la tutela dei soggetti terzi. Se ne deduce, quindi, che l assicurazione dei soci e degli aderenti contro gli infortuni e le malattie connessi all attività prestata, nonché per la responsabilità civile verso terzi, è un requisito dell associazione di volontariato in quanto tale, che deve sussistere perché questa possa concretamente operare. Tale requisito è indispensabile ai fini dell iscrizione nel registro regionale. L iter procedurale operativo concernente l obbligo di assicurare gli aderenti all organizzazione di volontariato è stato espressamente delineato nel decreto del Ministro dell Industria, del Commercio e dell Artigianato 14 febbraio 1992 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n 44 del 22 febbraio 1992, come modificato dal decreto del Ministro dell Industria, del Commercio e dell Artigianato 16 novembre 1992, intitolato: Modificazioni al decreto ministeriale 14 febbraio 1992, concernente le modalità relative all obbligo assicurativo per le associazioni di volontariato. L art. 1 1 del suddetto decreto, in attuazione di quanto previsto e disposto nella legge - quadro sul volontariato, stabilisce meccanismi assicurativi semplificati, riconoscendo la possibilità di stipulare contratti di assicurazione in forma collettiva e / o in forma numerica 2, ovvero polizze che offrano 1 Art. 1 del Decreto del Ministero dell Industria, del Commercio e dell Artigianato 14 febbraio 1992 Assicurazione degli aderenti ad organizzazioni di volontariato: Le organizzazioni di volontariato di cui alla legge 11 agosto 1991, n 266, sono obbligate ad assicurare i propri aderenti, che prestano attività di volontariato, contro gli infortuni e le malattie connessi allo svolgimento dell attività stessa, nonchè per la responsabilità civile per i danni cagionati a terzi dall esercizio dell attività medesima. 2 Art. 2 del Decreto del Ministero dell Industria, del Commercio e dell Artigianato 14 febbraio 1992 Polizze assicurative: 1. Le assicurazioni di cui all articolo precedente possono essere stipulate in forma collettiva o in forma numerica. 2. Le assicurazioni di cui al coma precedente sono quelle che, in forza di un unico vincolo contrattuale, determinano una molteplicità di rapporti assicurativi riguardanti una pluralità di soggetti assicurati determinati o determinabili, con riferimento al registro di cui all art Le predette assicurazioni, sulla base delle risultanze del registro di cui al successivo art. 3, devono garantire tutti i soggetti che risultano aderenti alle organizzazioni di volontariato e che prestano attività di volontariato. Le garanzie assicurative decorrono dalle ore 24 4

5 un unica copertura assicurativa per una pluralità di persone. In pratica è consentito con un solo contratto di garantire tutti i soggetti iscritti nel registro degli aderenti all organizzazione di volontariato, costituendo quindi un unico vincolo contrattuale destinato a creare una pluralità di rapporti assicurativi in capo a soggetti determinati o determinabili in base alle informazioni fornite dall ente. La differenza fondamentale fra le due forme contrattualistiche assicurative previste dal suindicato decreto, si ravvisa nella circostanza che nel primo caso, la forma collettiva detta anche nominativa, il vincolo contrattuale è destinato ad una pluralità di rapporti assicurativi anche con massimali diversi in capo a soggetti ben individuati, pertanto è necessario comunicare prontamente ogni variazione inerente al volontario assicurato; mentre, nella seconda fattispecie, la forma numerica, i soggetti destinatari del rapporto contrattuale sono determinati in base alle informazioni fornite dall ente. Qualunque sia la forma di polizza prescelta, contratto di assicurazione in forma collettiva o contratto di assicurazione in forma numerica, l iscrizione nell apposito registro degli aderenti, regolamentato dal richiamato decreto ministeriale di attuazione della legge n 266 / 91, riconosce al soggetto destinatario lo status di volontario e, come tale, lo status di titolare del rapporto assicurativo. Preme rilevare che la polizza collettiva può essere con o senza regolazione di premio a seconda che i volontari siano elencati in polizza nominativa, determinando per ognuno i singoli capitali (polizza collettiva senza regolazione del premio), oppure venga fissato un unico e determinato costo (polizza collettiva con regolazione del premio). La suddetta polizza consente di sgravare le organizzazioni di volontariato dalle innumerevoli incombenze che derivano dal mantenimento di singoli contratti assicurativi, garantendo coperture assicurative omogenee a tutti i soggetti assicurati, fornendo loro la massima tutela. Il decreto del Ministero dell Industria, del Commercio e dell Artigianato 14 febbraio 1992 che ha specificato l obbligo e i meccanismi semplificati dell assicurazione collettiva prevede espressamente: a) l obbligo di assicurare i volontari che operano attivamente all interno dell organizzazione di volontariato, del giorni di iscrizione nel registro. 5. Per coloro che cessano dall adesione alle organizzazioni di volontariato le garanzie assicurative perdono efficacia dalle ore 24 del giorno dell annotazione della cancellazione nel registro. 6. Le organizzazioni di volontariato devono comunicare all assicuratore presso cui vengono stipulate le polizze i nominativi dei soggetti di cui al comma 3 e le successive variazioni, contestualmente all iscrizione nel registro previsto dall art. 3. 5

6 b) l obbligo di comunicare alla compagnia assicurativa i nominativi e le variazioni (ingressi e cessazioni dei volontari), c) l obbligo di tenere il libro soci, meglio definito registro degli aderenti, numerato, bollato e vidimato. Con riguardo al suindicato punto c) del decreto ministeriale 14 febbraio 1992, preme rilevare che, sotto il profilo civilistico, la legge non impone espressamente l obbligo di tenuta di particolari libri, né tantomeno il rispetto di particolari formalità nella tenuta degli stessi da parte delle associazioni di volontariato, con l unica eccezione costituita dal libro dei soci, il registro degli aderenti che svolgono concretamente l attività di volontariato. Se ne deduce, quindi, che per adempiere agli obblighi assicurativi imposti dal decreto sia di fondamentale importanza compilare accuratamente il registro dei soci volontari e tenerlo sempre aggiornato, soprattutto a fini assicurativi. Tale registro, prima di essere utilizzato, deve essere numerato progressivamente in ogni sua pagina e bollato, o meglio vidimato, inizialmente in ogni suo foglio da un notaio, o da un segretario comunale o altro pubblico ufficiale preposto a tali adempimenti. E necessario che l autorità che provvede alla bollatura o vidimazione iniziale del registro dei volontari aderenti all associazione di volontariato dichiari, nell ultima pagina del registro, il numero delle pagine che sono state vidimate e di cui il medesimo registro è composto. La norma di cui all art. 3 3 del decreto 14 febbraio 1992 del Ministero dell Industria del Commercio e dell Artigianato dispone dettagliatamente in ordine alla funzione e alla tenuta del registro dei volontari aderenti alle associazioni di volontariato. Tale registro è di fondamentale importanza giacché descrive ed individua in modo inequivocabile i soggetti che operano in qualità di volontari per il conseguimento dei fini che si propone l associazione di volontariato. 3 Art. 3 del Decreto del MICA 14 febbraio 1992 Adempimenti delle organizzazioni di volontariato: 1. Le organizzazioni di volontariato debbono tenere il registro degli aderenti che prestano attività di volontariato. Il registro, prima di essere posto in uso, deve essere numerato progressivamente in ogni sua pagina e bollato in ogni foglio da un notaio, o da un segretario comunale, o da altro pubblico ufficiale abilitato a tali adempimenti. L autorità che ah provveduto alla bollatura deve, altresì, dichiarare, nell ultima pagina del registro, il numero di fogli che lo compongono. 2. Nel registro devono essere indicati per ciascun aderente le complete generalità, il luogo e la data di nascita e la residenza. 3. I soggetti che aderiscono all organizzazione di volontariato in data successiva e quella dell istituzione del registro devono essere iscritti in quest ultimo nello stesso giorno in cui sono ammessi a far parte dell organizzazione. 4. Nel registro devono essere altresì indicati i nominativi dei soggetti che, per qualunque causa cessino di far parte dell organizzazione di volontariato. L annotazione nel registro va effettuata lo stesso giorno in cui la cessazione si verifica. 5. Il registro deve essere barrato ogni qualvolta si annoti una variazione degli aderenti che prestano attività di volontariato, ed il soggetto preposto alla tenuta dello stesso o un suo delegato deve apporvi la data e la propria firma. 6

7 Ciascun volontario, prima di essere iscritto all organizzazione di volontariato, deve essere identificato attraverso un documento di riconoscimento, quale la carta d identità, il passaporto o la patente in corso di validità al momento dell iscrizione. Successivamente nel registro degli aderenti all associazione di volontariato devono essere inseriti i dati anagrafici di ciascun volontario o meglio le complete generalità e precisamente il nome, il cognome, il luogo e la data di nascita, la residenza, il codice fiscale, la professione, unitamente alla data di iscrizione all associazione, data in cui l aderente è ammesso a far parte dell organizzazione e può, pertanto, iniziare la propria attività di volontariato. Il registro funzionerà come diario delle entrate e delle uscite. E, infatti, di fondamentale importanza che ogni variazione concernente la persona dell associato (ad esempio cessazione dalla qualità di aderente all organizzazione, decesso, ect ) sia immediatamente annotata nel registro, con l apposizione della firma da parte di colui che è preposto alla corretta tenuta del documento, e sia prontamente comunicata alla compagnia di assicurazione con la quale l associazione ha stipulato la polizza assicurativa in favore del volontario. Nel registro devono essere indicati i nominativi dei soggetti che per qualunque causa cessino di far parte dell organizzazione di volontariato. In tal caso l annotazione nel registro va effettuata lo stesso giorno in cui la cessazione si verifica. I volontari che aderiscono all organizzazione di volontariato in data successiva a quella di istituzione del registro devono essere iscritti in quest ultimo nello stesso giorno in cui sono ammessi a far parte dell organizzazione. E, infatti, nel registro degli aderenti all associazione di volontariato che si ravvisano tutti gli elementi essenziali e necessari perché possa essere redatta in favore del volontario una polizza assicurativa infortuni, malattie e responsabilità civile nei confronti dei terzi. Le coperture assicurative decorrono dalle ore 24 (ventiquattro) del giorno di iscrizione del nuovo volontario nel registro degli aderenti all organizzazione di volontariato; mentre perdono efficacia dalle ore 24 (ventiquattro) del giorno di annotazione della cancellazione dell aderente dal registro. Naturalmente le garanzie assicurative dovranno essere determinate esclusivamente in considerazione dell attività esercitata, valutando adeguatamente tutti i possibili rischi connessi. Solo e soltanto i soggetti che sono individuati con esatta determinazione nel registro degli aderenti, potranno essere risarciti in caso di sinistro; giacché la copertura assicurativa riguarda esclusivamente i volontari che svolgono la loro attività di volontariato e non qualunque altro individuo che opera all interno dell associazione di volontariato. 7

8 FACSIMILE DEL REGISTRO DEGLI ADERENTI ***** Il giorno del mese dell anno si iscrivono all associazione denominata con sede in, via, n, CAP i seguenti soggetti: 1) Sig., nato a, il, c.f., residente in, via, n, di professione ; 2) Sig., nato a, il, c.f., residente in, via, n, di professione ; 3) Sig., nato a, il, c.f., residente in, via, n, di professione ; 4) Sig., nato a, il, c.f., residente in, via, n, di professione ; Il giorno del mese dell anno cessano l attività di volontariato in favore dell associazione denominata con sede in, via, n, CAP i seguenti soggetti: 1) Sig., nato a, il, c.f., residente in, via, n, di professione ; 2) Sig., nato a, il, c.f., residente in, via, n, di professione ; 3) Sig., nato a, il, c.f., residente in, via, n, di professione. 8

9 Luogo e data Firma del responsabile alla tenuta del registro BREVI CENNI SUL CONTRATTO DI ASSICURAZIONE ***** Secondo quanto dispone la norma di cui all art del cod. civ.: L assicurazione è il contratto con il quale l assicuratore, verso pagamento di un premio, si obbliga a rivalere l assicurato, entro i limiti convenuti, del danno ad esso prodotto da un sinistro, ovvero a pagare un capitale o una rendita al verificarsi di un evento attinente alla vita umana. Il contratto di assicurazione appartiene alla categoria dei contratti di adesione. La funzione primaria del contratto di assicurazione si ravvisa nel trasferimento del rischio dall assicurato all assicuratore dietro pagamento del premio assicurativo. Tutti i tipi di contratto di assicurazione sono caratterizzati dalla certezza attuale dell assicurato di una copertura risarcitoria riguardo ad un danno futuro ed eventuale, caratterizzandosi l assicurazione per il fatto che l assicuratore fornisce all assicurato una sicurezza o una garanzia. L assicuratore, fin dal momento della conclusione del contratto, assume il rischio che si verifichi l evento dannoso, eliminando così tale rischio per il soggetto assicurato. Nel contratto di assicurazione il rischio che il contratto trasferisce all assicuratore è quello al quale le cose o gli individui assicurati sono esposti per il caso fortuito, la forza maggiore o per il fatto doloso o colposo del terzo, nonché il rischio che dipende dal fatto dello stesso assicurato se commesso con colpa lieve. Non sono indennizzati i sinistri che dipendono da dolo dell assicurato o da colpa grave. Qualora, infatti, l assicuratore abbia agito con dolo o colpa grave, rendendo all assicuratore dichiarazioni inesatte o comportandosi con reticenza, ingannandolo quindi sull entità del rischio assunto, l assicuratore può, entro 3 (tre) mesi dalla scoperta dell inesattezza delle dichiarazioni o della reticenza, chiedere l annullamento del contratto, così come dispone la norma di cui all art cod.civ.. 4 ART cod. civ. Dichiarazioni inesatte e reticenze con dolo o colpa grave: Le dichiarazioni inesatte e le reticenze del contraente, relative a circostanze tali che l assicuratore non avrebbe dato il suo consenso o non lo avrebbe dato alle medesime condizioni se avesse conosciuto il vero stato delle cose, sono causa di annullamento del contratto quando il contraente ha agito con dolo o colpa grave. L assicuratore decade dal diritto d impugnare il contratto se, entro tre mesi dal giorno in cui ha conosciuto l inesattezza della dichiarazione o la reticenza, non dichiara al contraente di voler esercitare l impugnazione. L assicuratore ha diritto ai premi relativi al periodo di assicurazione in corso al momento in cui ha domandato l annullamento e, in ogni caso, al premio convenuto per il primo anno. Se il sinistro si verifica prima che sia decorso il termine indicato dal comma precedente, egli non è tenuto a pagare la somma assicurata. 9

10 La prestazione dell assicuratore ha carattere eventuale, giacché l assicuratore dovrà pagare solo se si verificherà il sinistro. Il contratto di assicurazione è un contratto aleatorio, in quanto la prestazione dell assicuratore è incerta relativamente al momento in cui sarà dovuta ed è possibile che vi sia una sproporzione tra la prestazione medesima e l importo dei premi riscossi dall assicuratore. Si tratta, altresì, di un contratto consensuale che si perfeziona, quindi, con il consenso espresso delle parti contrattuali, pertanto, ad ogni variazione rispetto al contratto originario dovrà corrispondere una comunicazione bilaterale ad entrambe le parti contrattuali, al fine di consentire all assicuratore di adeguare il premio assicurativo proporzionalmente in ragione del grado del rischio, e precisamente: - in caso di diminuzione applicare una riduzione del premio, - in caso di aggravamento operarne un aumento. Secondo, infatti quanto prevede la norma di cui all art del cod. civ. Aggravamento del rischio: Il contraente ha l obbligo di dare immediato avviso all assicuratore dei mutamenti che aggravano il rischio in modo tale che, se il nuovo stato di cose esistito fosse stato conosciuto dall assicuratore al momento della conclusione del contratto, l assicuratore non avrebbe consentito l assicurazione o l avrebbe consentita per un premio più elevato. Il contratto di assicurazione comincia a decorrere dalle ore 24 del giorno della sua conclusione; resta tuttavia sospeso fino quando il contraente non adempie al pagamento del premio o della prima rata del medesimo. Il contratto di assicurazione è un contratto di durata, o meglio un contratto ad esecuzione continuata, in quanto la garanzia alla quale è tenuto l assicuratore si protrae per tutto il tempo stabilito per l efficacia del contratto. Essendo un contratto di durata, il recesso unilaterale e la risoluzione non hanno alcuna influenza sulle prestazioni già eseguite o in corso di esecuzione. La durata dell assicurazione, infatti, è stabilita nel contratto e, qualora trattasi di un contratto della durata decennale, trascorso il decennio ciascuna delle parti può recedere dal contratto medesimo. L assicuratore può recedere dal contratto, dandone comunicazione per iscritto all assicurato entro un mese dal giorno in cui ha ricevuto l avviso o ha avuto in altro modo conoscenza dell aggravamento del rischio. Se l assicurazione riguarda più persone o più cose, il contratto è valido per quelle persone o per quelle cose alle quali non si riferisce la dichiarazione inesatta o la reticenza. 10

11 Il recesso dell assicuratore ha effetto immediato se l aggravamento è tale che l assicuratore non avrebbe consentito l assicurazione; ha effetto dopo 15 (quindici) giorni, se l aggravamento del rischio è tale che per l assicurazione sarebbe stato richiesto un premio maggiore. Spettano all assicuratore i premi relativi al periodo di assicurazione in corso al momento in cui è comunicata la dichiarazione di recesso. Se il sinistro si verifica prima che siano trascorsi i termini per la comunicazione e per l efficacia del recesso, l assicuratore non risponde qualora l aggravamento del rischio sia tale che egli non avrebbe consentito l assicurazione se il nuovo stato di cose fosse esistito al momento del contratto; altrimenti, la somma dovuta è ridotta, tenuto conto del rapporto tra il premio stabilito nel contratto e quello che sarebbe stato fissato se il maggiore rischio fosse esistito al tempo del contratto stesso. Il contratto di assicurazione è un contratto che richiede la forma scritta ad probationem, è un contratto, quindi, che deve essere provato per iscritto così come previsto dalla norma di cui all art cod. civ. Prova del contratto che dispone: Il contratto di assicurazione deve essere provato per iscritto. L assicuratore è obbligato a rilasciare al contraente la polizza di assicurazione o altro documento da lui sottoscritto. L assicuratore è anche tenuto a rilasciare, a richiesta e a spese del contraente, duplicati o copie della polizza; ma in tal caso può esigere la presentazione o la restituzione dell originale. Il documento che ne fornisce la prova è rappresentato dalla polizza di assicurazione. E un contratto predisposto dall impresa di assicurazione su moduli uniformi che contengono una serie di quesiti in merito alle condizioni di rischio ai quali il contraente è tenuto a rispondere in maniera veritiera pena l annullabilità del contratto. 11

12 LE VARIE TIPOLOGIE ASSICURATIVE ***** Le associazioni di volontariato hanno l obbligo di assicurare tutti coloro che all interno dell organizzazione prestano l attività di volontariato, contro gli infortuni, le malattie e la responsabilità civile nei confronti dei terzi connesse allo svolgimento dell attività medesima. Tra le varie tipologie assicurative è compreso anche il rischio in itinere dei volontari che si spostano per raggiungere il luogo dove prestano l attività di volontariato, pertanto la copertura assicurativa è estesa anche al viaggio di andata e di ritorno e a tutte le attività in itinere riferite al progetto di volontariato a cui il volontario partecipa. L assicurazione tuttavia non prevede il rimborso delle spese mediche e, per questo, non ha le stesse caratteristiche di una polizza sanitaria specifica o di un assicurazione vera e propria. E previsto che le assicurazioni riguardino solo i rischi connessi o derivanti dallo svolgimento dell attività di volontariato e pertanto le coperture assicurative devono essere specifiche per l attività e quindi solo per gli eventi che riguardano l organizzazione di volontariato. Secondo, infatti, quanto dispone la norma di cui all art. 4 legge n 266 / 91 Assicurazioni degli aderenti ad organizzazioni di volontariato: co. 1: Le organizzazioni di volontariato debbono assicurare i propri aderenti, che prestano attività di volontariato, contro gli infortuni e le malattie connessi allo svolgimento dell attività stessa, nonché per la responsabilità civile verso terzi ; co. 2: Con decreto del Ministero dell Industria, del Commercio e dell Artigianato da emanarsi entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, sono individuati meccanismi assicurativi semplificati, con polizze anche numeriche o collettive, e sono disciplinati i relativi controlli. La suindicata norma impone, quindi, alle associazioni di volontariato di assicurare tutti gli aderenti, stipulando una polizza di assicurazione contro i rischi derivanti dallo svolgimento delle attività praticate dalle associazioni di volontariato, ricorrendo necessariamente alle imprese private di assicurazione. Tale norma prevede, quali soggetti destinatari della copertura assicurativa, gli aderenti che prestano attività di volontariato, ricomprendendo in questa categoria sia i soci, sia tutti coloro che 12

13 intervengano a qualsiasi titolo, ma in qualità di volontari, nello svolgimento delle funzioni dell organizzazione. Se ne deduce, quindi, che la predetta disposizione di legge nasce proprio al fine di garantire il volontario contro eventi a lui dannosi che possano verificarsi nello svolgimento della propria attività di volontariato. Tale disposizione obbliga, in particolare, a garantire a tutti gli aderenti all associazione di volontariato che prestano la propria attività all interno dell organizzazione due distinte tipologie di assicurazioni: 1) l assicurazione contro gli infortuni e le malattie connesse con l attività di volontariato; 2) l assicurazione per la responsabilità civile verso i terzi per eventuali danni loro cagionati. Le persone assicurate, quindi, sono tutti gli aderenti all associazione che prestano l attività di volontariato. Per l identificazione delle persone assicurate e per la determinazione del loro numero nell ambito di ciascuna organizzazione si deve tener necessariamente conto di quanto annotato nel registro dei volontari la cui tenuta presso ogni associazione è obbligatoria in conformità di quanto disposto nel Decreto Ministeriale 14 febbraio 1992 e successivo D.M. 16 novembre L assicurazione contro gli infortuni è la garanzia principale con la quale viene garantito, in caso di morte per infortunio dell assicurato, un capitale ai soggetti beneficiari designati e, in caso di invalidità permanente a seguito di infortunio o malattia, un capitale in percentuale secondo le lesioni riportate. L assicurazione per malattia garantisce il rimborso delle spese mediche sostenute in conseguenza della malattia e/o dell infortunio, per accertamenti, presidi terapeutici e cure a domicilio, in ambulatorio, in strutture ospedaliere o in centri di riabilitazione. Infine l assicurazione per la responsabilità civile verso i terzi tutela gli aderenti all organizzazione di volontariato da eventuali richieste di risarcimento avanzate da soggetti terzi per i danni involontariamente provocati nell esercizio dell attività di volontariato esercitata. Le suddette garanzie assicurative decorrono dalle ore 24 del giorno di iscrizione nel registro, mentre per coloro che cessano dall attività, le garanzie perdono efficacia dalle ore 24 del giorno della cancellazione nel registro medesimo. L obbligo per tutte le organizzazioni di volontariato di munirsi delle predette coperture assicurative è requisito indispensabile senza il quale le medesime organizzazioni non possono stipulare convenzioni con lo Stato, le Regioni, le Province autonome e tutti gli enti pubblici e / o privati che 13

14 siano, così come espressamente previsto dalla norma di cui all art. 7 5 della legge n 266 dell 11 agosto 1991 e all art della legge regionale Toscana n 28 del 22 aprile 1993 e succ. modifiche. Qualora non sia stata inserita nella domanda di iscrizione al registro regionale del volontariato, deve essere prodotta una dichiarazione sottoscritta dal rappresentante legale, che l obbligo assicurativo previsto dalla norma di cui all art. 2, comma 4, della legge n 266 / 1991, è stato assolto secondo le modalità indicate nel decreto ministeriale del 14 febbraio 1992, relativamente agli adempimenti contemplati nell art. 3 del suddetto decreto. Bisogna sottolineare, infine, che il comma 4 del summenzionato art. 7 della legge 266/91 prevede espressamente che La copertura assicurativa di cui all art. 4 è elemento essenziale della convenzione e gli oneri relativi sono a carico dell ente con il quale viene stipulata la convenzione medesima. 5 ART. 7 Convenzioni. 1. Lo Stato, le Regioni, le Province autonome, gli Enti locali e gli altri Enti pubblici, possono stipulare convenzioni con le organizzazioni di volontariato iscritte da almeno sei mesi nei registri di cui all art. 6 e che dimostrino attitudine e capacità operativa. 2 Le convenzioni devono contenere disposizioni dirette a garantire l esistenza delle condizioni necessarie a svolgere con continuità le attività oggetto di convenzione, nonché il rispetto dei diritti e della dignità degli utenti. Devono inoltre prevedere forme di verifica delle prestazioni, di controllo della loro qualità e le modalità di rimborso spese. 4. La copertura assicurativa di cui all art. 4 è elemento essenziale della convenzione e gli oneri relativi sono a carico dell ente con il quale viene stipulata la convenzione medesima. 6 ART. 10 Convenzioni: 1. Al fine di contribuire alla realizzazione di programmi di interesse regionale e locale, la regione, gli Enti locali e gli altri enti pubblici possono convenzionarsi con le organizzazioni di volontariato iscritte da sei mesi nell albo di cui all art. 4. l attività convenzionata deve consistere in prestazioni anche integrative di quelle erogate dai servizi, fatti salvi gli accordi regionali pubblici e le convenzioni - tipo di cui al comma Le convenzioni devono contenere: a) l indicazione dell attività oggetto del rapporto convenzionale; b) l indicazione del numero dei volontari adibiti all erogazione delle prestazioni oggetto della convenzione nonché degli eventuali lavoratori dipendenti o autonomi con specificazione della loro qualifica; c) l individuazione delle modalità e i tempi di impiego degli addetti di cui alle precedente lett. b; d) l indicazione nominativa dei responsabili delle attività oggetto della convenzione; e) disposizioni atte a garantire il rispetto delle norme di cui all art. 4 della legge 11 agosto 1991, n 266, in materia di assicurazione del personale volontario, adibito all erogazione delle prestazioni, contro gli infortuni, e le malattie connessi allo svolgimento delle prestazioni stesse nonché per la responsabilità civile verso terzi; f) l elencazione dei beni immobili, delle attrezzature, delle risorse con cui l organizzazione di volontariato assicura lo svolgimento delle prestazioni oggetto della convenzione, messi a disposizione dall organizzazione stessa o ad essa concesse in comodato dall ente convenzionato; g) l indicazione delle spese rimborsabili, le modalità e i tempi di accertamento e di rimborso delle stesse; h) disposizioni atte ad assicurare la verifica dello svolgimento delle prestazioni e di controllo della loro qualità; i) disposizioni atte a garantire il rispetto da parte del personale dell organizzazione di volontariato della normativa regionale vigente per gli operatori dei servizi pubblici in materia di tutela dei diritti dell utente;l) nel caso previsto dall art. 11, una clausola espressa con cui si autorizza e si disciplina l accesso nelle strutture ivi indicate da parte dell organizzazione di volontariato, individuando tempi e modalità per l erogazione delle prestazioni nonché modalità per l acquisizione dell assenso di cui al comma 1 dello stesso articolo; m) disposizioni atte a garantire l obbligo di comunicazione delle variazioni degli elementi di cui alle lett. b, c, d, f, del presente comma da parte dell organizzazione di volontariato all ente convenzionato; n) durata delle convenzioni e casi e modalità di disdetta delle stesse. 2 bis. Gli oneri delle convenzioni devono essere rendicontati all ente erogatore con cadenza periodica e / o finale. 3 Le convenzioni possono prevedere le modalità di partecipazione dei volontari aderenti all organizzazione a corsi professionali organizzati dagli enti pubblici. 4 Il Consiglio regionale può, per settori specifici di intervento, approvare accordi regionali e convenzioni - tipo in cui sia previsto espressamente quali sono le clausole inderogabili da parte dell ente contraente e quali invece possono essere derogate. In ogni caso le convenzioni possono prevedere clausole aggiuntive ed integrative rispetto a quelle di cui alla convenzione - tipo. 14

per le organizzazioni di volontariato

per le organizzazioni di volontariato Le per le organizzazioni di volontariato A cura del Dott. Emidio Valeri Broker assicurativo e Consulente del C.S.V. di Teramo Prima Edizione maggio 2004 Seconda Edizione maggio 2013 Terza Edizione giugno

Dettagli

Polizza Nazionale del Volontariato

Polizza Nazionale del Volontariato PROGETTO SICUREZZA PER IL TERZO SETTORE Polizza Nazionale del Volontariato Con questo slogan è stata presentata nell Aprile 98 a Padova, nell ambito della Manifestazione CIVITAS ed in occasione della 1^

Dettagli

Polizza Nazionale del Volontariato

Polizza Nazionale del Volontariato PROGETTO SICUREZZA PER IL TERZO SETTORE Polizza Nazionale del Volontariato IL VOLONTARIATO NON E UN GIOCO! ANCHE UN ATTO DI SOLIDARIETA PORTA LA TUA FIRMA IN TERMINI DI RESPONSABILITA PERSONALE Con questo

Dettagli

POLIZZA NAZIONALE DEL VOLONTARIATO CONDIZIONI PARTICOLARI (1)

POLIZZA NAZIONALE DEL VOLONTARIATO CONDIZIONI PARTICOLARI (1) POLIZZA NAZIONALE DEL VOLONTARIATO Persone assicurate CONDIZIONI PARTICOLARI (1) Le persone assicurate sono tutti gli aderenti che prestano attività di volontariato; in particolare: per l identificazione

Dettagli

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 28-05-1992, N. 15 DISCIPLINA DEL VOLONTARIATO

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 28-05-1992, N. 15 DISCIPLINA DEL VOLONTARIATO REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 28-05-1992, N. 15 DISCIPLINA DEL VOLONTARIATO Preambolo IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL COMMISSARIO DEL GOVERNO Ha apposto il visto IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

GLI ASPETTI PRINCIPALI DELLA CONVENZIONE

GLI ASPETTI PRINCIPALI DELLA CONVENZIONE CONVENZIONE ASSICURATIVA PER LE ODV Attraverso un accordo con l importante broker assicurativo AON il Centro di Servizi Vol. To, in continuità con la precedente esperienza di Idea Solidale, consente alle

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 11

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 11 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 11 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BIANCONI e CARRARA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29 APRILE 2008 Modifiche alla legge 11 agosto 1991, n. 266, in

Dettagli

Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41

Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41 REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41 www.granterre.it Art. 1 Il presente Regolamento

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE ASSICURAZIONE INFORTUNI SINDACO E CONSIGLIO

CAPITOLATO SPECIALE ASSICURAZIONE INFORTUNI SINDACO E CONSIGLIO CAPITOLATO SPECIALE ASSICURAZIONE INFORTUNI SINDACO E CONSIGLIO ENTE CONTRAENTE: COMUNE DI B I B B I E N A Decorrenza: dalle ore 24 del 30 Giugno 2010 Scadenza: alle ore 24 del 30 Giugno 2012 1 DEFINIZIONI

Dettagli

Roma, 09 settembre 2003

Roma, 09 settembre 2003 RISOLUZIONE N. 178/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 09 settembre 2003 Oggetto: Istanza di interpello. Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Articolo 48 del TUIR: regime tributario dei

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE

IL CONSIGLIO REGIONALE 16 LEGGE REGIONALE 18 dicembre 2007, n. 39 Norme di attuazione della legge 7 dicembre 2007, n. 383 (Disciplina delle associazioni di promozione sociale). IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE

Dettagli

Garanzie Massimali (fino a) franchigia. 50% del costo, fino a 500,00 NO

Garanzie Massimali (fino a) franchigia. 50% del costo, fino a 500,00 NO Caratteristiche del prodotto Lastminute.com ed Elvia sono lieti di offrirvi una polizza a copertura delle Spese di Annullamento per il Vostro viaggio. Per consentirvi di verificare che il prodotto assicurativo

Dettagli

CAPITOLATO DI ASSICURAZIONE PER LE SPESE LEGALI E PERITALI NORME CHE REGOLANO L ASSICURAZIONE IN GENERALE

CAPITOLATO DI ASSICURAZIONE PER LE SPESE LEGALI E PERITALI NORME CHE REGOLANO L ASSICURAZIONE IN GENERALE CAPITOLATO DI ASSICURAZIONE PER LE SPESE LEGALI E PERITALI DEFINIZIONI Nel testo che segue si intendono: per "assicurazione": il contratto di assicurazione; per "polizza": il documento che prova l'assicurazione;

Dettagli

Il Contratto di Assicurazione

Il Contratto di Assicurazione Il Contratto di Assicurazione Concas Alessandra Il Contratto di Assicurazione, è un contratto mediante il quale una parte, che prende il nome di assicurato, versa all'altra parte, che prende il nome di

Dettagli

CONOSCERE L ASSICURAZIONE

CONOSCERE L ASSICURAZIONE CONOSCERE L ASSICURAZIONE VIDEO N. 6 Quando c è la salute, c è tutto LA SALUTE, IL BENE PIÙ PREZIOSO Da quando nasciamo, e per tutta la vita, la salute è il bene più prezioso che abbiamo. Spesso però non

Dettagli

CONSULENTI DEL LAVORO. Responsabilità Civile Professionale. Manuale Operativo

CONSULENTI DEL LAVORO. Responsabilità Civile Professionale. Manuale Operativo CONSULENTI DEL LAVORO Responsabilità Civile Professionale Manuale Operativo 10 ottobre 2014 Introduzione Il manuale è costituito di due parti principali: Risposte ai quesiti più frequenti in relazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO D.R. N. 688 DEL 10/12/2007 (sostituisce il testo emanato con D.R. n. 449 del 06/09/2007.) REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO CAPO I Art. 1 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Via Paracelso, 14-20864 Agrate Brianza (MB) Tel. 039.6056804 - Fax 039.6899940

Via Paracelso, 14-20864 Agrate Brianza (MB) Tel. 039.6056804 - Fax 039.6899940 Via Paracelso, 14-20864 Agrate Brianza (MB) Tel. 039.6056804 - Fax 039.6899940 Filo diretto Assicurazioni S.p.A. - Via Paracelso, 14-20864 Agrate Brianza (MB) - Tel. 039.6056804 - Fax 039.6899940 - www.filodiretto.it

Dettagli

COMUNE DI CAMPAGNOLA CREMASCA (CR)

COMUNE DI CAMPAGNOLA CREMASCA (CR) COMUNE DI CAMPAGNOLA CREMASCA (CR) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI VOLONTARIATO NELL AMBITO DI PROGRAMMI DI INTERVENTO INTEGRATI PARTE I PRINCIPI ART. 1 ATTIVITA DI VOLONTARIATO 1. L attività

Dettagli

POLIZZA COLLETTIVA INFORTUNI e MALATTIA

POLIZZA COLLETTIVA INFORTUNI e MALATTIA POLIZZA COLLETTIVA INFORTUNI e MALATTIA NOTA INFORMATIVA PER I CONTRATTI DI ASSICURAZIONE INFORTUNI E MALATTIA Nota Informativa Mod. 5002002140/S ed. 2011-03 Ultimo aggiornamento 01/03/2011 Ai sensi dell

Dettagli

Condizioni di assicurazione

Condizioni di assicurazione Mod. 5251 RCA - Ed. 08/14 Autovetture Condizioni di assicurazione 1 di 96 2 di 96 1.1 DECORRENZA DELLA GARANZIA E PAGAMENTO DEL PREMIO L assicurazione ha effetto dal giorno e dall ora indicati in polizza

Dettagli

Art. 1 - OGGETTO DELL INCARICO

Art. 1 - OGGETTO DELL INCARICO CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO DELL AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI DELLA PROVINCIA DI TRENTO Art. 1 - OGGETTO DELL INCARICO Il servizio ha per

Dettagli

S.I.S.Di.C. - Commissione Responsabilità civile DISEGNO DI LEGGE. Norme sulla riparazione e prevenzione dei danni da attività sanitaria

S.I.S.Di.C. - Commissione Responsabilità civile DISEGNO DI LEGGE. Norme sulla riparazione e prevenzione dei danni da attività sanitaria S.I.S.Di.C. - Commissione Responsabilità civile DISEGNO DI LEGGE Norme sulla riparazione e prevenzione dei danni da attività sanitaria Art. 1 Responsabilità per danni da attività sanitaria 1. Le aziende

Dettagli

UDA. Assicurazioni e contratto assicurativo: schema riassuntivo. Il concetto di assicurazione e gli eventi assicurabili

UDA. Assicurazioni e contratto assicurativo: schema riassuntivo. Il concetto di assicurazione e gli eventi assicurabili Assicurazioni e contratto assicurativo: schema riassuntivo Il concetto di assicurazione e gli eventi assicurabili La percezione dei rischi e i bisogni assicurativi i principi generali che regolano l assicurazione

Dettagli

CONVENZIONE TRA CENTRO UNIVERSITARIO SPORTIVO ITALIANO C.U.S.I. CARIGE ASSICURAZIONI S.p.A.

CONVENZIONE TRA CENTRO UNIVERSITARIO SPORTIVO ITALIANO C.U.S.I. CARIGE ASSICURAZIONI S.p.A. CONVENZIONE TRA CENTRO UNIVERSITARIO SPORTIVO ITALIANO C.U.S.I. E CARIGE ASSICURAZIONI S.p.A. TRA CUSI CENTRO UNIVERSITARIO SPORTIVO ITALIANO con sede in Roma 00195 Via A. Brofferio,7 di seguito denominato

Dettagli

Inabilità temporanea totale al lavoro dell assicurato

Inabilità temporanea totale al lavoro dell assicurato UD4 UD4 Lesione degli interessi e protezione del credito L interesse comune di di portare a termine il il rimborso dei canoni di di leasing può subire una lesione nel caso in in cui l utilizzatore non

Dettagli

PROPOSTA Pramerica Zero Imprevisti. Pramerica Life S.p.A. Una Società controllata, coordinata e diretta da Prudential Financial Inc.

PROPOSTA Pramerica Zero Imprevisti. Pramerica Life S.p.A. Una Società controllata, coordinata e diretta da Prudential Financial Inc. PROPOSTA Pramerica Zero Imprevisti Pramerica Life S.p.A. Una Società controllata, coordinata e diretta da Prudential Financial Inc. USA - Socio Unico S C E L T A O P Z I O N E Le prestazioni di polizza

Dettagli

POLIZZE ASSICURATIVE STAGIONE SPORTIVA 2015/2016

POLIZZE ASSICURATIVE STAGIONE SPORTIVA 2015/2016 CIRCOLARE N. 3 Alle Società che hanno acquisito il titolo sportivo per la partecipazione al Campionato Serie B 2015/2016 Milano, 3 Luglio 2015 POLIZZE ASSICURATIVE STAGIONE SPORTIVA 2015/2016 Premessa

Dettagli

FABINFORMA NOTIZIARIO A CURA DEL COORDINAMENTO NAZIONALE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO

FABINFORMA NOTIZIARIO A CURA DEL COORDINAMENTO NAZIONALE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO NOTIZIARIO A CURA DEL COORDINAMENTO ASSICURAZIONE INVALIDITA' PERMANENTE DA MALATTIA Anno 2004 PRESTAZIONI Art. 1 - Assicurati Art. 2 - Prestazioni SOMMARIO DELIMITAZIONE DELL ASSICURAZIONE Art. 3 Limiti

Dettagli

Essenziale. Nota Informativa. Aviva Italia S.p.A. Gruppo Aviva

Essenziale. Nota Informativa. Aviva Italia S.p.A. Gruppo Aviva Essenziale Nota Informativa Aviva Italia S.p.A. Gruppo Aviva NOTA INFORMATIVA La presente Nota Informativa è redatta secondo lo schema predisposto dall ISVAP ma il suo contenuto non è soggetto alla preventiva

Dettagli

POLIZZA RC FAMIGLIA INDICE DICHIARAZIONI DEL CONTRAENTE O ASSICURATO 2 DEFINIZIONI 2 CONDIZIONI GENERALI DI ASSICURAZIONE 3

POLIZZA RC FAMIGLIA INDICE DICHIARAZIONI DEL CONTRAENTE O ASSICURATO 2 DEFINIZIONI 2 CONDIZIONI GENERALI DI ASSICURAZIONE 3 POLIZZA RC FAMIGLIA INDICE DICHIARAZIONI DEL CONTRAENTE O ASSICURATO 2 DEFINIZIONI 2 CONDIZIONI GENERALI DI ASSICURAZIONE 3 NORME CHE REGOLANO L'ASSICURAZIONE IN GENERALE 5 Il presente fascicolo è redatto

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO E CONSULTA DEGLI ORGANISMI ASSOCIATIVI E DI VOLONTARIATO SOCIALE

REGOLAMENTO ALBO E CONSULTA DEGLI ORGANISMI ASSOCIATIVI E DI VOLONTARIATO SOCIALE REGOLAMENTO ALBO E CONSULTA DEGLI ORGANISMI ASSOCIATIVI E DI ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEL REGOLAMENTO L Amministrazione Comunale di Trapani - ai sensi della L.r. n 10/91, della L.r. n 22/94 e del vigente

Dettagli

Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato: Regolamento per l istituzione e la tenuta

Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato: Regolamento per l istituzione e la tenuta Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato: Regolamento per l istituzione e la tenuta Approvato con delibera C.C. n. 61 del 17.12.2004 Art. 1 - Finalità 1. Il presente regolamento disciplina la

Dettagli

COMUNE DI FOSSO Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL VOLONTARIATO

COMUNE DI FOSSO Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL VOLONTARIATO COMUNE DI FOSSO Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL VOLONTARIATO TITOLO I PRINCIPI E FINALITA DEL REGOLAMENTO Art.1 - Principi ispiratori L Amministrazione Comunale conferisce al presente

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ Via Contea, 1 31055 QUINTO DI TREVISO Cod. Fisc. 94020520261 Iscritta al registro regionale delle Associazioni di Volontariato al n. TV/0130 ONLUS STATUTO ASSOCIAZIONE

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Agevolazioni al trasferimento del portafoglio e del personale delle imprese di assicurazione poste in liquidazione coatta amministrativa

Agevolazioni al trasferimento del portafoglio e del personale delle imprese di assicurazione poste in liquidazione coatta amministrativa D.L. 26 settembre 1978, n. 576 convertito, con modificazioni, nella L. 24 novembre 1978, n. 738 (G.U. 28 settembre 1978, n. 272; G.U. 25 novembre 1978, n. 330) Agevolazioni al trasferimento del portafoglio

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE PER IMMOBILI AD USO DIVERSO DALL ABITAZIONE

CONTRATTO DI LOCAZIONE PER IMMOBILI AD USO DIVERSO DALL ABITAZIONE CONTRATTO DI LOCAZIONE PER IMMOBILI AD USO DIVERSO DALL ABITAZIONE Art. 1 Con la presente scrittura privata da valersi ad ogni effetto di legge tra le parti, la ditta individuale xxxx di xxxxx Claudia,

Dettagli

REGOLAMENTO N. 29 DEL 16 MARZO 2009. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 29 DEL 16 MARZO 2009. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 29 DEL 16 MARZO 2009 REGOLAMENTO CONCERNENTE LE ISTRUZIONI APPLICATIVE SULLA CLASSIFICAZIONE DEI RISCHI ALL INTERNO DEI RAMI DI ASSICURAZIONE AI SENSI DELL ARTICOLO 2 DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELL ALBO DELLE LIBERE ASSOCIAZIONI E DEGLI ORGANISMI DI PARTECIPAZIONE. INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Istituzione dell

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER IL CONSEGUIMENTO DELL ATTESTATO DI IDONEITÀ PROFESSIONALE PER IL TRASPORTO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE SU STRADA DI MERCI

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER IL CONSEGUIMENTO DELL ATTESTATO DI IDONEITÀ PROFESSIONALE PER IL TRASPORTO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE SU STRADA DI MERCI REGOLAMENTO PROVINCIALE PER IL CONSEGUIMENTO DELL ATTESTATO DI IDONEITÀ PROFESSIONALE PER IL TRASPORTO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE SU STRADA DI MERCI O DI VIAGGIATORI (D. Lgs. n. 395/2000 e successive

Dettagli

POLIZZA NAUTICA. per l assicurazione di unità da diporto

POLIZZA NAUTICA. per l assicurazione di unità da diporto POLIZZA NAUTICA per l assicurazione di unità da diporto Condizioni di Assicurazione Sommario 1 Definizioni 2 Condizioni Generali di Assicurazione valide per tutte le garanzie 3 Garanzie: Responsabilità

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTITO SOCIALE della Cooperativa Solidarietà Soc. Coop. di Volontariato Sociale a r.l..

CONTRATTO DI PRESTITO SOCIALE della Cooperativa Solidarietà Soc. Coop. di Volontariato Sociale a r.l.. COPIA PER IL RICHIEDENTE CONTRATTO DI PRESTITO SOCIALE della Cooperativa Solidarietà Soc. Coop. di Volontariato Sociale a r.l.. Il sottoscritto.............., codice fiscale., nato a......, il / /, domiciliato

Dettagli

In ordine alla durata, si prendono in considerazione le due ipotesi previste dall art. 62, lett. a) del d. lgs. n. 276/2003.

In ordine alla durata, si prendono in considerazione le due ipotesi previste dall art. 62, lett. a) del d. lgs. n. 276/2003. Nota esplicativa dello schema di contratto a progetto Lo schema di contratto di collaborazione coordinata e continuativa a progetto prevede, nell ambito delle singole clausole, alcune soluzioni alternative

Dettagli

Consiglio Nazionale degli Ordini dei Consulenti del Lavoro. Manuale operativo RC PROFESSIONALE COMPLETA

Consiglio Nazionale degli Ordini dei Consulenti del Lavoro. Manuale operativo RC PROFESSIONALE COMPLETA Consiglio Nazionale degli Ordini dei Consulenti del Lavoro Manuale operativo RC PROFESSIONALE COMPLETA Contatti e informazioni: Professionisti.italy@marsh.com 05.2015 Introduzione Il manuale è costituito

Dettagli

COMMISSIONE DI CERTIFICAZIONE Viale Jacopo Berengario, 51 41121 Modena tel. +39 059.2056745/2 - fax. +39 059.2056743

COMMISSIONE DI CERTIFICAZIONE Viale Jacopo Berengario, 51 41121 Modena tel. +39 059.2056745/2 - fax. +39 059.2056743 CONTRATTO DI PRESTAZIONE D OPERA EX ARTT. 2222 E SS. C.C. La..., in persona del suo legale rappresentante, sig.., nato a.. ( ) il / /, con sede legale in. ( ), Via.., C.F. e P.IVA:.., di seguito denominata

Dettagli

Assicurazione professionale

Assicurazione professionale Assicurazione professionale dei medici-chirurghi e odontoiatri Caratteristiche per una copertura assicurativa ideale massima Caratteristiche per una copertura assicurativa ideale massima Nell analisi delle

Dettagli

ALLEGATO 5 Schema di Contratto

ALLEGATO 5 Schema di Contratto ALLEGATO 5 Schema di Contratto Allegato 5: Schema di contratto Pag. 1 SCHEMA DI CONTRATTO GARA A PROCEDURA APERTA, INDETTA AI SENSI DEL D. LGS. N. 163/06, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE MODIFICHE ALLA LEGGE QUADRO PER IL VOLONTARIATO 266/91

PROPOSTA DI LEGGE MODIFICHE ALLA LEGGE QUADRO PER IL VOLONTARIATO 266/91 PROPOSTA DI LEGGE MODIFICHE ALLA LEGGE QUADRO PER IL VOLONTARIATO 266/91 Art. 1. Finalità e oggetto della legge 1. La Repubblica italiana riconosce il valore sociale e la funzione dell attività di volontariato

Dettagli

REGOLAMENTO DEL REGISTRO PROVINCIALE E DELLA CONSULTA DEI SERVIZI SOCIALI E DEL TERZO SETTORE. TITOLO I (Registro Provinciale del Terzo Settore)

REGOLAMENTO DEL REGISTRO PROVINCIALE E DELLA CONSULTA DEI SERVIZI SOCIALI E DEL TERZO SETTORE. TITOLO I (Registro Provinciale del Terzo Settore) REGOLAMENTO DEL REGISTRO PROVINCIALE E DELLA CONSULTA DEI SERVIZI SOCIALI E DEL TERZO SETTORE TITOLO I (Registro Provinciale del Terzo Settore) ART. 1 (Principi fondamentali) La Provincia Regionale di

Dettagli

ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA

ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA 11 UN OBBLIGO O UN OPPORTUNITA? LINEE GUIDA PER UNA SCELTA CONSAPEVOLE Vicenza, 13 giugno 2012 AGENDA DELL INCONTRO 22 NOVITA LEGISLATIVE IL NUOVO OBBLIGO DI

Dettagli

REGOLAMENTO. Fondo mètasalute

REGOLAMENTO. Fondo mètasalute REGOLAMENTO Fondo mètasalute 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente regolamento disciplina il funzionamento di mètasalute, il Fondo di assistenza sanitaria integrativa per i lavoratori dell industria metalmeccanica

Dettagli

Associazione Famiglie Persone con Disabilità I.R.P.E.A. Padova (organizzazione di volontariato) STATUTO

Associazione Famiglie Persone con Disabilità I.R.P.E.A. Padova (organizzazione di volontariato) STATUTO Associazione Famiglie Persone con Disabilità I.R.P.E.A. Padova (organizzazione di volontariato) STATUTO 1 ART. 1* (Denominazione e sede) L organizzazione di volontariato, denominata: «Associazione Famiglie

Dettagli

Comune di Riofreddo. Provincia di Roma. Regolamento Comunale del Gruppo Volontari. Regolamento Comunale del Gruppo Volontari

Comune di Riofreddo. Provincia di Roma. Regolamento Comunale del Gruppo Volontari. Regolamento Comunale del Gruppo Volontari Comune di Riofreddo Provincia di Roma Regolamento Comunale del Gruppo Volontari Approvato con delibera del Consiglio Comunale nr. 03 del 08 Febbraio 1 Premessa L istituzione di un gruppo di volontari nel

Dettagli

Ufficio Programmazione Risorse Umane. Circolari e Documenti vari sui Cotratti prestazione d'opera (ex art.2222)

Ufficio Programmazione Risorse Umane. Circolari e Documenti vari sui Cotratti prestazione d'opera (ex art.2222) Ufficio Programmazione Risorse Umane Circolari e Documenti vari sui Cotratti prestazione d'opera (ex art.2222) Ufficio Personale Siena, 26 SET. 2000 Ai Presidi di Facoltà Ai Direttori di Dipartimento Ai

Dettagli

ROMA, 12 GIUGNO 2014. Gli intermediari iscritti nella sezione B del RUI

ROMA, 12 GIUGNO 2014. Gli intermediari iscritti nella sezione B del RUI ROMA, 12 GIUGNO 2014 1. I reclami concernenti l accertamento dell osservanza delle disposizioni del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 disciplinanti la trasparenza e le modalità di offerta al

Dettagli

ALBO REGIONALE DEI PERITI, DEGLI ISTRUTTORI E DEI DELEGATI TECNICI

ALBO REGIONALE DEI PERITI, DEGLI ISTRUTTORI E DEI DELEGATI TECNICI L.R. 08 Gennaio 1986, n. 8 Istituzione dell' albo regionale dei periti, degli istruttori e dei delegati tecnici per il conferimento di incarichi connessi ad operazioni in materia di usi civici (1) TITOLO

Dettagli

POLIZZA VOLONTARIO SICURO

POLIZZA VOLONTARIO SICURO POLIZZA VOLONTARIO SICURO CONDIZIONI PARTICOLARI DI ASSICURAZIONE DEFINIZIONI Nel testo che segue si intendono: per "Legge sul volontariato : la legge-quadro sul volontariato del 11 agosto 1991, n 266;

Dettagli

STATUTO SIENA BASEBALL MONTERIGGIONI A.S.D. TITOLO I - Denominazione sede

STATUTO SIENA BASEBALL MONTERIGGIONI A.S.D. TITOLO I - Denominazione sede STATUTO SIENA BASEBALL MONTERIGGIONI A.S.D. TITOLO I - Denominazione sede Articolo 1 - Nello spirito della Costituzione della Repubblica Italiana ed in ossequio a quanto previsto dagli artt.36 e seguenti

Dettagli

CIRCOLARE N. 303 del 2 Giugno 1997

CIRCOLARE N. 303 del 2 Giugno 1997 CIRCOLARE N. 303 del 2 Giugno 1997 OGGETTO: art. 123 del decreto legislativo n. 175 del 17 marzo 1995: obblighi di informativa nei contratti di assicurazione diretta diversa dalla assicurazione sulla vita.

Dettagli

Comune di Vallarsa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI AD ENTI ED ASSOCIAZIONI

Comune di Vallarsa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI AD ENTI ED ASSOCIAZIONI Comune di Vallarsa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI AD ENTI ED ASSOCIAZIONI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 34 del 3/8/2005 modificato con delibera del Consiglio

Dettagli

CONVENZIONE. Visti. Premesso

CONVENZIONE. Visti. Premesso CONVENZIONE L anno il giorno del mese di, in Palermo, nella sede di Via ; tra RAP spa Risorse Ambiente Palermo- (cod. fiscale 06232420825), di seguito Azienda, con sede in Piazzetta Cairoli Palermo, rappresentata

Dettagli

Statuto Regolamento. del Gruppo Comunale di Volontariato di Protezione Civile.

Statuto Regolamento. del Gruppo Comunale di Volontariato di Protezione Civile. Statuto Regolamento del Gruppo Comunale di Volontariato di Protezione Civile. approvato con delibera della Giunta Comunale n. 29 del 18.03.2004 modificato con delibera della Giunta Comunale n. 216 del

Dettagli

CONVENZIONE N. 1013020

CONVENZIONE N. 1013020 CONVENZIONE PER L ASSICURAZIONE TEMPORANEA DI GRUPPO PER LA GARANZIA CONTRO IL RISCHIO DI MORTE PER ISCRITTI AL FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DEL GRUPPO BANCARIO INTESA Il FONDO PENSIONI PER IL PERSONALE

Dettagli

ARISCOM COMPAGNIA DI ASSICURAZIONI S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE Resp. Civile Professionale Patrocinatore Stragiudiziale Accordo ANEIS

ARISCOM COMPAGNIA DI ASSICURAZIONI S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE Resp. Civile Professionale Patrocinatore Stragiudiziale Accordo ANEIS ARISCOM COMPAGNIA DI ASSICURAZIONI S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE Resp. Civile Professionale Patrocinatore Stragiudiziale Accordo ANEIS Il presente Fascicolo Informativo contenente la Nota Informativa,

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo Pubblicata sul BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE LOMBARDIA n 38 del 21 settembre

Dettagli

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa a cura dell Avv. Elio Garibaldi 1 RECENTI ORIENTAMENTI DOTTRINALI E GIURISPRUDENZIALI IN ARGOMENTO DI RESPONSABILITA SANITARIA Responsabilità contrattuale

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO-TIPO

SCHEMA DI CONTRATTO-TIPO SCHEMA DI CONTRATTO-TIPO CONTRATTO DI APPALTO PRIVATO PER OPERE RELATIVE A IMMOBILI CIVILI Tra... d ora in avanti denominato il committente residente in. C.F... P. IVA - da una parte e.. d ora in avanti

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale 1. Il presente regolamento disciplina i criteri e le modalità della formazione continua,

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.3/2008 * * * * * * * * * * * *

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.3/2008 * * * * * * * * * * * * Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.3/2008 OGGETTO: Nuova disciplina delle dimissioni volontarie * * * * * * * * * * * * In Gazzetta Ufficiale n. 42 del 19 febbraio 2008 è stato

Dettagli

Assicurazione facoltativa d indennità giornaliera Secondo la Legge federale sull assicurazione malattie (LAMal)

Assicurazione facoltativa d indennità giornaliera Secondo la Legge federale sull assicurazione malattie (LAMal) Assicurazione facoltativa d indennità giornaliera Secondo la Legge federale sull assicurazione malattie (LAMal) Condizioni generali d assicurazione (CGA) Edizione gennaio 2009 (versione 2013) Ente assicurativo:

Dettagli

CONVENZIONE D'INSERIMENTO LAVORATIVO TEMPORANEO CON FINALITÀ FORMATIVE ex art. 12 LEGGE n. 68/99

CONVENZIONE D'INSERIMENTO LAVORATIVO TEMPORANEO CON FINALITÀ FORMATIVE ex art. 12 LEGGE n. 68/99 CONVENZIONE D'INSERIMENTO LAVORATIVO TEMPORANEO CON FINALITÀ FORMATIVE ex art. 12 LEGGE n. 68/99 Il giorno Tra la PROVINCIA DI ROVIGO con sede legale in Rovigo, via Celio, 10, C.F. 93006330299 rappresentata

Dettagli

POLIZZA INFORTUNI DEI CONSIGLIERI E DEI DIPENDENTI DELL ORDINE Caratteristiche e Prestazioni

POLIZZA INFORTUNI DEI CONSIGLIERI E DEI DIPENDENTI DELL ORDINE Caratteristiche e Prestazioni POLIZZA INFORTUNI DEI CONSIGLIERI E DEI DIPENDENTI DELL ORDINE Caratteristiche e Prestazioni OGGETTO L assicurazione vale per gli infortuni subiti nell espletamento della carica di Componente del Consiglio

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Norme sulla riparazione e prevenzione dei danni da attività medica. Art. 1 Responsabilità per danni da attività medica

DISEGNO DI LEGGE. Norme sulla riparazione e prevenzione dei danni da attività medica. Art. 1 Responsabilità per danni da attività medica S.I.S.Di.C - Commissione Responsabilità civile Disegno di legge d iniziativa del Coordinatore Prof. M. Zana DISEGNO DI LEGGE Norme sulla riparazione e prevenzione dei danni da attività medica Art. 1 Responsabilità

Dettagli

S T A T U T O. Art. 1 COSTITUZIONE ASSOCIAZIONE

S T A T U T O. Art. 1 COSTITUZIONE ASSOCIAZIONE S T A T U T O Art. 1 COSTITUZIONE ASSOCIAZIONE 1) In attuazione dell articolo 46 del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del comparto degli Enti pubblici non economici stipulato il 6 luglio 1995,

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE A SOCIO (Statuto art. 4-5 - 6 7)

DOMANDA DI AMMISSIONE A SOCIO (Statuto art. 4-5 - 6 7) ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE "FAMIGLIA DI NAZARETH DI TRENTO legge 7 dicembre 2000 n 383 38100 Trento Via Saluga, 7. Tel. 0461 980093 - Fax 0461 260718- E-mail: sacrafamigliatrento@pssf.it DOMANDA

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO

PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI E DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO AVENTI SEDE NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI CROTONE Articolo 1 Finalità ed Istituzione dell Albo

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA 1 PROTOCOLLO DI INTESA tra C.A.E.S. ITALIA CONSORZIO ASSICURATIVO ETICO SOLIDALE con sede legale in Milano (MI) Via Gavirate 145 P.IVA 05378850969, iscritto nel registro delle imprese di Milano al n 1817375,

Dettagli

SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO

SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO REPUBBLICA ITALIANA L anno duemila. il giorno. del mese di. nella sede della stazione appaltante sita.., alla via.. n..., avanti a me dott, autorizzato a ricevere atti e contratti

Dettagli

UD1. Le assicurazioni legate al credito

UD1. Le assicurazioni legate al credito UD1 Le assicurazioni legate al credito UD1 Le assicurazioni legate al credito Acquisto di beni e servizi Quali esigenze di tutela si legano al momento dell acquisto del bene finanziato e quali sono le

Dettagli

Circolare N.120 del 4 Settembre 2012. Professioni regolamentate. Più tempo per la copertura assicurativa

Circolare N.120 del 4 Settembre 2012. Professioni regolamentate. Più tempo per la copertura assicurativa Circolare N.120 del 4 Settembre 2012 Professioni regolamentate. Più tempo per la copertura assicurativa Professioni regolamentate: più tempo per la copertura assicurativa Gentile cliente, con la presente

Dettagli

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato CONTRATTO FRA IL COMUNE DI GENOVA E... PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO A FAVORE DI MINORI E NUCLEI DI NAZIONALITÀ STRANIERA SEGUITI DALL UFFICIO CITTADINI SENZA TERRITORIO PERIODO...

Dettagli

CONVENZIONE. Il giorno VENTINOVE del mese di DICEMBRE dell anno DUEMILANOVE in Corvino San Quirico TRA

CONVENZIONE. Il giorno VENTINOVE del mese di DICEMBRE dell anno DUEMILANOVE in Corvino San Quirico TRA CONVENZIONE Il giorno VENTINOVE del mese di DICEMBRE dell anno DUEMILANOVE in Corvino San Quirico TRA L Amministrazione comunale di Corvino San Quirico (PV) C.F. 0046037018 di seguito indicata come il

Dettagli

ASSICURAZIONE PROFESSIONALE 2012-13

ASSICURAZIONE PROFESSIONALE 2012-13 ASSICURAZIONE PROFESSIONALE 2012-13 Il Consiglio Nazionale, al fine di favorire l accesso degli iscritti a una copertura assicurativa completa ed economica, ha confermato anche per il prossimo anno, con

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CITTADINANZA ATTIVA

REGOLAMENTO PER LA CITTADINANZA ATTIVA COMUNE di CADELBOSCO di SOPRA!" #$!% REGOLAMENTO PER LA CITTADINANZA ATTIVA APPROVATO con Deliberazione C.C. n. 60 del 05/11/2015 ART. 1. - PRINCIPI E FINALITA' 1. Il Comune di Cadelbosco di Sopra (di

Dettagli

9 $VVLFXUD]LRQH: il contratto di assicurazione; 9 &RQWUDHQWH: il soggetto che stipula l assicurazione;

9 $VVLFXUD]LRQH: il contratto di assicurazione; 9 &RQWUDHQWH: il soggetto che stipula l assicurazione; '(),1,=,21, Nel testo che segue si intendono per: 9 $VVLFXUD]LRQH: il contratto di assicurazione; 9 3ROL]]D: il documento che prova l assicurazione; 9 &RQWUDHQWH: il soggetto che stipula l assicurazione;

Dettagli

CONTRATTO TIPO DI MANUTENZIONE SOFTWARE

CONTRATTO TIPO DI MANUTENZIONE SOFTWARE CONTRATTO TIPO DI MANUTENZIONE SOFTWARE Clausola tipo 1 Definizioni L Assistenza telefonica e/o online ha ad oggetto un servizio di call center di helpline via telefonica e/o telematica (via email o web

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Prodotto offerto da Banca Nazionale del Lavoro Spa, tramite Agenzia Finanziatore Indirizzo Telefono Sito web

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano Regolamento Comunale per la promozione e la valorizzazione delle Libere Forme Associative Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n 24 del 27.06.2007 1/5

Dettagli

CONTRATTO TIPO AFFITTO D AZIENDA

CONTRATTO TIPO AFFITTO D AZIENDA CONTRATTO TIPO di AFFITTO D AZIENDA CONTRATTO D AFFITTO D AZIENDA Tra i signori: A..., di seguito concedente, nato a..., il..., codice fiscale..., partita IVA..., residente in..., via..., nella sua qualità

Dettagli

POLIZZA II RISCHIO PER LA RESPONSABILITA' CIVILE DEL RISCHIO FERROVIARIO

POLIZZA II RISCHIO PER LA RESPONSABILITA' CIVILE DEL RISCHIO FERROVIARIO POLIZZA II RISCHIO PER LA RESPONSABILITA' CIVILE DEL RISCHIO FERROVIARIO Ottobre 2015 DEFINIZIONI I seguenti vocaboli, indicati nella polizza, significano : Contraente TPER S.p.A. che stipula il contratto

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE PROFESSIONALE

CONTRATTO DI PRESTAZIONE PROFESSIONALE CONTRATTO DI PRESTAZIONE PROFESSIONALE L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal Direttore del Dipartimento/Centro o Preside

Dettagli

Codice Fiscale, Partita I.v.a. e iscrizione al Registro delle Imprese di Padova n. 04689260281 Rea di Padova n. 410310

Codice Fiscale, Partita I.v.a. e iscrizione al Registro delle Imprese di Padova n. 04689260281 Rea di Padova n. 410310 CHI È SALVA SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO Le mutue sono state istituite e sono regolamentate dalla Legge 3818 del 15 aprile 1886 recentemente rivista dall art 23 della Legge 17 Dicembre 2012, n.221, Conversione

Dettagli

REGOLAMENTO ASSIDIM TITOLO 2 ASSISTENZE VITA IN CASO DI MORTE E INVALIDITA PERMANENTE MORTE CON INDENNITA SOSTITUTIVA PREAVVISO

REGOLAMENTO ASSIDIM TITOLO 2 ASSISTENZE VITA IN CASO DI MORTE E INVALIDITA PERMANENTE MORTE CON INDENNITA SOSTITUTIVA PREAVVISO MORTE REGOLAMENTO ASSIDIM TITOLO 2 ASSISTENZE VITA IN CASO DI MORTE E INVALIDITA PERMANENTE MORTE CON INDENNITA SOSTITUTIVA PREAVVISO Edizione aggiornata al 16/02/2015 le parti variate rispetto all edizione

Dettagli

Il presente fascicolo informativo, contenente:

Il presente fascicolo informativo, contenente: Contratto per l Assicurazione dei rischi di morte dovuta a infortunio, invalidità permanente totale, inabilità temporanea totale, ricovero ospedaliero dovuti a infortunio o malattia CPI Creditor Protection

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO Regione Veneto Provincia di Venezia Comune di Caorle STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO LA VITA: GIOIA DI VIVERE Michela Dorigo 1 ART. 1 (Denominazione e sede) L organizzazione di volontariato,

Dettagli

TITOLO PRIMO: COSTITUZIONE TITOLO SECONDO: FINALITA

TITOLO PRIMO: COSTITUZIONE TITOLO SECONDO: FINALITA STATUTO Coordinamento Nazionale per la tutela dai campi elettromagnetici CO.NA.CEM. ONLUS TITOLO PRIMO: COSTITUZIONE Art. 1 - Costituzione e denominazione. 1 E costituita l Associazione denominata «Coordinamento

Dettagli

2. La responsabilità dell amministratore è solo verso i condomini o si riverbera anche nei confronti dei terzi?

2. La responsabilità dell amministratore è solo verso i condomini o si riverbera anche nei confronti dei terzi? LE RESPONSABILITÀ DELL AMMINISTRATORE A cura di: Avv. Salvatore Chiacchio Unioncasa 1. In cosa si sostanzia la responsabilità dell amministratore? 2. La responsabilità dell amministratore è solo verso

Dettagli

Comune di Villa di Tirano

Comune di Villa di Tirano Comune di Villa di Tirano! "" #$% &' ( CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO 1. OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto l affidamento del servizio

Dettagli