Comune di Campodipietra

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Campodipietra"

Transcript

1 Comune di Campodipietra Provincia di Campobasso C.A.P CAMPODIPIETRA (CB) P.zza della Rimembranza - Tel. (0874) FAX (0874) ORDINANZA n 42/2006 OGGETTO : Disciplina Degli orari dei pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande e delle attività di intrattenimento pubblico. IL SINDACO RITENUTO opportuno rivedere le disposizioni di cui all ordinanza n 116 del 21/10/96, alla luce delle evoluzioni e dei cambiamenti dell abitudini della cittadinanza, introducendo nuovi criteri per consentire una migliore gestione degli orari dei pubblici esercizi e un migliore servizio all utenza; VISTO l art 50 del T.U.E.L. 18 agosto 2000 n.267, che attribuisce al Sindaco la competenza a coordinare gli orari degli esercizi e dei servizi pubblici; VISTO l art.54 del D.P.R. n. 616/77, che attribuisce ai Comuni le funzioni amministrative relative alla fissazione degli orari di apertura e chiusura dei pubblici esercizi di vendita e consumo di alimenti e bevande; VISTO l art.8 della legge n.287/91, in virtù del quale il Sindaco determina l orario minimo e massimo dell attività di pubblico esercizio di vendita e consumo di alimenti e bevande; VISTO l art.9 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza approvato con R.D. 18/6/1931, n.773; CONSIDERATO che tra le funzioni di Polizia Amministrativa di cui al Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza (T.U.L.P.S.) approvato con R.D. n. 773/31, attribuite dall art.19 del D.P.R. n.616/77 ai Comuni, figurano le autorizzazioni di Polizia Amministrativa per l esercizio delle attività di pubblici spettacoli, intrattenimenti e giochi previsti dagli artt. 68, 69 e 86 del T.U.L.P.S. citato; CONSIDERATO che tale competenza risulta confermata dall art.161 del d.lgs. n.112/98, il quale conferisce alle Regioni ed agli Enti Locali tutte le funzioni e i compiti di Polizia Amministrativa nelle materie ad essi rispettivamente trasferite od attribuite, fatte salve le riserve allo Stato di cui all art. 160 del decreto citato; RITENUTO opportuno fissare una disciplina omogenea degli orari di apertura e chiusura degli esercizi pubblici di cui agli artt. 68, 69 e 86 del T.U.L.P.S. citato, attualmente non disciplinato, orari che sono prevalentemente serali e notturni; 1

2 Visto il parere espresso dalla Confcommercio in data 14/07/2006 acquisito al Protocollo generale dell'ente al n 4047 del 17/07/2006 ; PER le ragioni innanzi indicate, ORDINA La seguente disciplina degli orari delle attività di somministrazione di alimenti e bevande nei pubblici esercizi e delle attività complementari svolte al loro interno di pubblico intrattenimento, spettacolo e giochi leciti. 1. AMBITO DI APPLICAZIONE I pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, su area pubblica o su area privata, disciplinati dalla presente Ordinanza sono i seguenti, secondo la classificazione dell art.5 della legge n.287/91: Esercizi di tipo A: esercizi di ristorazione, per la somministrazione di pasti e di bevande, comprese quelle aventi un contenuto alcolico superiore al 21 per cento di volume, (ristoranti, trattorie, tavole calde, pizzerie ed esercizi similari); Esercizi di tipo B: esercizi per la somministrazione di bevande, comprese quelle alcoliche di qualsiasi gradazione, nonché di latte, di dolciumi, compresi i generi di pasticceria, gelateria e prodotti di gastronomia (bar, caffè, pub, gelaterie, pasticcerie ed esercizi similari, bar con estensione igienica ad alcuni prodotti limitati di ristorazione), Esercizi di tipo C: esercizi di tipo A) e tipo B), in cui la somministrazione di alimenti e bevande viene effettuata congiuntamente ad attività di trattenimento e svago, in sale da ballo, sale da gioco, locali notturni, stabilimenti balneari ed esercizi similari; Esercizi di tipo D: esercizi di cui al tipo B nei quali è esclusa la somministrazione di bevande alcoliche di qualsiasi gradazione. Sono esclusi dal campo di applicazione della presente Ordinanza gli esercizi ricompresi nell elenco di cui all art.3, comma 6 della legge n. 287/91 ad eccezione di quelli richiamati alla lettera d). 2. FASCIA ORARIA DI APERTURA MASSIMA PER GLI ESERCIZI DI TIPO A-B-D La fascia oraria di apertura massima consentita per gli esercizi di tipo A-B e D è la seguente: dalle ore 05,00 alle ore 00,30 del giorno seguente con protrazione alle ore 01,00 nei giorni di venerdì, sabato e prefestivi. 3. FASCIA ORARIA MINIMA DI APERTURA OBBLIGATORIA PER GLI ESERCIZI DI TIPO A-B-D La fascia oraria di apertura minima obbligatoria per gli esercizi di tipo A-B- e D è la seguente: per gli esercizi di tipo A: sei ore di apertura; per gli esercizi di tipo B e D: otto ore di apertura. 2

3 4. FASCIA ORARIA DI APERTURA MASSIMA PER GLI ESERCIZI DI TIPO C Nei giorni feriali, esclusi il venerdì dalle ore 15,00 alle ore 01,00; Nei giorni del venerdì, prefestivi e festivi dalle ore 15,00 alle ore 02, FASCIA ORARIA DI APERTURA MINIMA PER GLI ESERCIZI DI TIPO C Nei giorni feriali, esclusi il venerdì dalle ore 19,00 alle ore 24,00; Nei giorni del venerdì, prefestivi e festivi dalle ore 19,00 alle ore 01,00. Nell ambito delle predette fasce di apertura massima ogni singolo esercente deve scegliere l orario di esercizio garantendo comunque la fascia oraria minima di apertura. L orario prescelto non deve essere inferiore a quello minimo stabilito e non può eccedere l orario massimo. In riferimento all orario prescelto è consentito all esercente di posticipare l apertura rispetto all orario massimo fissato e di anticipare la chiusura dell esercizio rispetto all orario minimo fissato, fino ad un massimo di un ora e di effettuare una chiusura intermedia dell esercizio fino ad un massimo di due ore consecutive. Per gli esercizi in possesso di autorizzazioni sia della tipologia A che della tipologia B, la disciplina applicabile è quella riferita alla tipologia d esercizio dell attività prevalente. 6. DEROGHE AGLI ORARI DI CHIUSURA. Le deroghe agli orari di chiusura notturna concessi cessano di avere efficacia con l entrata in vigore della presente ordinanza. Sono consentite deroghe agli orari di chiusura notturna disposti dalla presente Ordinanza, nei seguenti casi: 1. Su domanda dell interessato. L istruttoria per l eventuale concessione della deroga richiesta dovrà tenere conto delle specificità ambientali nelle quali opera il pubblico esercizio e più precisamente: a. garantire che l impatto ambientale dell esercizio rispetti le regole della convivenza civile e la vivibilità della zona; b. prevenire ed eliminare gli inconvenienti derivanti dall intralcio dei veicoli al traffico ed alla circolazione stradale; c. vietare lo svolgimento delle attività di giochi, di intrattenimenti e spettacoli vari e musicali autorizzati; d. limitare alla sola somministrazione all interno del locale; e. vietare la somministrazione di bevande alcoliche aventi un contenuto alcolico superiore al 21 per cento di volume. Le deroghe concesse dovranno essere temporanee, comunque fino ad un massimo di un anno 3

4 dalla data del rilascio. 2. Nei seguenti giorni, con protrazione oraria di chiusura sino alle ore 02,00; Dicembre 1 5 Gennaio in occasione di manifestazioni di pubblico spettacolo autorizzate dal Comune; E data facoltà al Sindaco di emanare ordinanze di deroga agli orari di chiusura per particolari motivi di interesse pubblico. 7. CHIUSURA INFRASETTIMANALE E TEMPORANEA. E data facoltà agli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande di osservare, nel corso della settimana, una giornata di chiusura infrasettimanale dell esercizio. La scelta di effettuare la giornata di chiusura infrasettimanale deve essere esercitata all atto della comunicazione dell orario di esercizio; ogni variazione della giornata di chiusura infrasettimanale dovrà essere comunicata al comune almeno otto giorni prima. Nel caso in cui, nell articolazione del proprio orario di esercizio, l esercente abbia scelto di praticare la chiusura infrasettimanale, questa potrà essere derogata, senza necessità di comunicazione, nei seguenti casi: Nel periodo 1 maggio 30 settembre; Nella settimana precedente la Pasqua; Nel mese di dicembre; Nei giorni: 1 gennaio 6 gennaio 14 febbraio 8 marzo 19 marzo. in occasione di manifestazioni di pubblico spettacolo autorizzate dal Comune; Il giorno di chiusura settimanale prescelto dovrà rimanere invariato per almeno un mese. La chiusura temporanea degli esercizi di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande è comunicata al pubblico mediante l esposizione di apposito cartello leggibile dall esterno e, se di durata superiore a 30 giorni consecutivi, anche al comune, con almeno 3 giorni di anticipo. 8. ORARIO DELLE DISCOTECHE, SALE DA BALLO, NIGHT CLUB. Le attività di pubblico spettacolo e di intrattenimento e svago, poste al chiuso e all aperto, devono osservare gli orari massimi stabiliti per gli esercizi di somministrazione al pubblico di tipo C. Al solo scopo di consentire l evacuazione del pubblico, è concessa mezz ora di comporto sull orario di chiusura prescelto, nell ambito di quello previsto dal comma precedente. 9. DIFFUSIONE DI MUSICA DI ASACOLTO - KARAOK-E PIANO/BAR SIA DAL VIVO CHE CON SUPPORTI MAGNETICI ESERCITATA COME ATTIVITA ACCESSORIA NEGLI ESERCIZI PUBBLICI. Nei pubblici esercizi l attività accessoria di intrattenimento musicale può prolungarsi fino alle ore 00,30 all aperto e fino all'orario di chiusura al chiuso a condizione che le emissioni sonore rispettino la normativa in materia di inquinamento acustico. 10. ORARI GIOCHI LECITI. 4

5 Nei pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, si possono effettuare giochi leciti, se debitamente autorizzati, dalle ore 09,00 sino all orario di chiusura. Nei locali di pubblico spettacolo ed intrattenimento i giochi leciti possono essere effettuati durante tutto l orario di apertura. Negli esercizi autorizzati come sale giochi, l orario deve essere compreso fra le ore 09,00 e le ore 24, OBBLIGHI. I titolari di attività di pubblico esercizio hanno l obbligo di comunicare preventivamente al Comune l orario adottato e l eventuale giorno di chiusura infrasettimanale, ove prescelto, con almeno otto giorni di anticipo e di renderli noti al pubblico con l esposizione di apposito cartello, ben visibile sia all esterno che all interno del locale. La comunicazione predisposta dall esercente deve contenere: 1. orario giornaliero di apertura e di chiusura dell esercizio e eventuale orario di chiusura intermedia; 2. l eventuale giornata di chiusura settimanale; 3. la facoltà di utilizzare la deroga di cui al precedente punto 6. Le comunicazioni e i cartelli orari vigenti restano validi, sempre che gli orari di apertura e di chiusura in essi indicati non siano contrastanti con le disposizioni di cui al presente provvedimento. Ove non si ravvisino le condizioni di cui al comma precedente, gli esercenti dovranno provvedere all adeguamento degli orari di apertura e di chiusura ed alla sostituzione del relativo cartello, previa comunicazione al Comune, entro lo stesso termine di cui al comma 1. Oltre agli obblighi sopra indicati gli esercenti dei pubblici esercizi in via generale devono: 1. tenere esposte nel locale dell esercizio, in luogo visibile al pubblico, la licenza o autorizzazione e la tariffa dei prezzi ( art.180, comma 1^, Reg. esecuzione T.U.L.P.S.); 2. tenere in luogo visibile al pubblico l elenco delle bevande alcoliche aventi un contenuto in alcool superiore a 21 volume, che si trova in vendita nell esercizio; 3. astenersi di somministrare al minuto bevande alcoliche di qualsiasi specie, come prezzo di scommessa o di gioco né effettuare la vendita a prezzo ragguagliato ad ora o frazione di ora ( art.181 Reg. T.U.L.P.S.); 4. tenere accesa una luce alla porta principale dell esercizio, dall imbrunire sino alla chiusura dell esercizio ( art.185 Reg. T.U.L.P.S.); 5. non impiegare ragazzi minori di anni 18 alla somministrazione al minuto di bevande alcoliche ( art.188 Reg. T.U.L.P.S.); 6. non somministrare bevande alcoliche ai minori di anni 16 ed alle persone che appaiono affette da malattia di mente o che si trovano in manifeste condizioni di deficienza psichica a causa di 5

6 qualsiasi altra infermità oppure in stato di manifesta ubriachezza (artt.689 e 691 Cod. Penale); 7. non rifiutare le prestazioni nel proprio esercizio a chiunque lo domandi e ne corrisponda il prezzo, senza legittimo motivo e salvi i casi di cui agli artt.689 e 691 del cod. Penale, appena sopra; 8. garantire che l impatto ambientale dell esercizio rispetti le regole della convivenza civile e la vivibilità della zona; 9. limitare il rumore installando anche i limitatori di emissione acustica, previsti dal D.M. 18/09/1997 per le sale da ballo, le discoteche e gli apparecchi musicali. 12. SANZIONI. Le violazioni alla presente Ordinanza per inosservanza degli orari di somministrazione di alimenti e bevande, laddove compatibili, sono punite con le sanzioni amministrative pecuniarie, accessorie e interdittive previste dall art.10 della legge n.287/91 e successive modificazioni ed integrazioni e dagli articoli 17 ter e quater del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza. L inosservanza delle altre disposizioni disciplinate dalla presente ordinanza sono punite con le sanzioni previste dalle norme vigenti in materia. 13. ENTRATA IN VIGORE. Le disposizioni contenute nella presente Ordinanza entrano in vigore il giorno 21/09/2006. Dalla data della entrata in vigore della presente ordinanza è abrogata qualsiasi precedente disposizione in materia di apertura e chiusura degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande e delle attività ad essi collegate ed equiparate, nonché delle attività di pubblico spettacolo ed intrattenimento. Il presente provvedimento è adottato fatti salvi i diritti acquisiti dai lavoratori dipendenti del settore con il Contratto Nazionale di lavoro. La presente è: 1. Pubblicata all Albo Pretorio del Comune; 2. Pubblicizzata sul sito Internet del Comune; 3. Trasmessa per il controllo e per l opportuna conoscenza al Comando Polizia Municipale, alla Questura di Campobasso, al Comando Compagnia e Stazione Carabinieri di Toro, al Comando Guardia di Finanza di Campobasso, ai gestori dei pubblici esercizi e alle organizzazioni locali dei consumatori, alla Confcommercio, Confesercenti e Confconsumatori. Dalla Residenza comunale, lì 14 settembre 2006 IL SINDACO Gianluca Cefaratti 6

COMUNE DI PRADAMANO REGOLAMENTO

COMUNE DI PRADAMANO REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA DICIPLINA DELL ORARIO DELLE ATTIVITA DI PUBBLICO SPETTACOLO ED INTRATTENIMENTO E SVAGO DISCIPLINATE DAL T.U.L.P.S. Approvato con deliberazioni del Consiglio Comunale n. 49 dell 11/10/1999

Dettagli

T.U.L.P.S. pag. 1 di 5. Provincia di UDINE

T.U.L.P.S. pag. 1 di 5. Provincia di UDINE T.U.L.P.S. pag. 1 di 5 COMUNE DI Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DELLE ATTIVITA DI SVAGO ED INTRATTENIMENTO DISCIPLINATE DAL T.U.L.P.S. Approvato con deliberazioni consiliari

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LIBERALIZZAZIONE DEL TURNO DI CHIUSURA SETTIMANALE E PERLA DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA DEI PUBBLICI ESERCIZI

REGOLAMENTO PER LA LIBERALIZZAZIONE DEL TURNO DI CHIUSURA SETTIMANALE E PERLA DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA DEI PUBBLICI ESERCIZI C CITTA DI CORIGLIANO CALABRO C REGOLAMENTO PER LA LIBERALIZZAZIONE DEL TURNO DI CHIUSURA SETTIMANALE E PERLA DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA DEI PUBBLICI ESERCIZI D.L. 24 Gennaio 2012, n.

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE LA DISCIPLINA PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ORARI DEI PUBBLICI ESERCIZI Adottato con deliberazione consiliare n.49 dd. 26 novembre 1999.

Dettagli

Prot. n Lì, 11 aprile 2008 ORDINANZA N. 7 IL SINDACO O R D I N A

Prot. n Lì, 11 aprile 2008 ORDINANZA N. 7 IL SINDACO O R D I N A Prot. n. 5192 Lì, 11 aprile 2008 ORDINANZA N. 7 OGGETTO: Determinazione degli orari degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande. Legge Regionale 21.09.2007, n. 29. IL SINDACO VISTO che in

Dettagli

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Provincia di Venezia ORARI DEGLI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Provincia di Venezia ORARI DEGLI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Provincia di Venezia ORARI DEGLI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE 1 ART.1 (FASCIA ORARIA DI APERTURA PER TIPOLOGIA DI ESERCIZIO) 1. ESERCIZIO DI

Dettagli

Comune di Viadana Provincia di Mantova

Comune di Viadana Provincia di Mantova Ufficio Commercio e Attività Produttive Prot.n. Ordinanza n. DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA DEGLI ESERCIZI PUBBLICI DI VENDITA E SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE IL SINDACO VISTO l'art.8

Dettagli

Provincia di Sassari

Provincia di Sassari COMUNE DI VALLEDORIA Provincia di Sassari ORDINANZA SINDACALE n. 11 del 10 luglio 2008 Prot. n.4687 OGGETTO: Determinazione orario per le attività di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande

Dettagli

COMUNE di LIONI. Provincia di Avellino ORDINANZA DEL: SETTORE AMMINISTRATIVO N. 7 DEL

COMUNE di LIONI. Provincia di Avellino ORDINANZA DEL: SETTORE AMMINISTRATIVO N. 7 DEL COMUNE di LIONI Provincia di Avellino ORIGINALE Registro Generale n. 21 ORDINANZA DEL: SETTORE AMMINISTRATIVO N. 7 DEL 20-06-2011 Oggetto: INTEGRAZIONE ORDINANZA RECANTE LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA

Dettagli

COMUNE DI CESANO BOSCONE SETTORE TERRITORIO ED AMBIENTE Servizio sviluppo del territorio

COMUNE DI CESANO BOSCONE SETTORE TERRITORIO ED AMBIENTE Servizio sviluppo del territorio COMUNE DI CESANO BOSCONE SETTORE TERRITORIO ED AMBIENTE Servizio sviluppo del territorio ORDINANZA N 30 DEL 16/12/2008 IL SINDACO Nel rispetto dei principi stabiliti: dalla Legge Regionale n. 30 del 24.12.2003

Dettagli

PROVINCIA DI PISTOIA

PROVINCIA DI PISTOIA ORDINANZA N 9 COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE PROVINCIA DI PISTOIA OGGETTO: DISCIPLINA DEGLI ORARI PER LE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE E PERLE ATTIVITA ARTIGIANALI ASSIMILATE.

Dettagli

COMUNE DI PIANIGA PROVINCIA DI VENEZIA C.a.p Piazza San Martino, 1

COMUNE DI PIANIGA PROVINCIA DI VENEZIA C.a.p Piazza San Martino, 1 COMUNE DI PIANIGA PROVINCIA DI VENEZIA C.a.p. 30030 Piazza San Martino, 1 Tel. 041 5196211 Fax 041 469460 P.IVA 01654230273 E-mail: info@comune.pianiga.ve.it C.F. 90000660275 Prot. 8457 Pianiga, 05/05/2005

Dettagli

COMUNE DI CAMPONOGARA Provincia di Venezia

COMUNE DI CAMPONOGARA Provincia di Venezia COMUNE DI CAMPONOGARA Provincia di Venezia Piazza Mazzini, 1 - Tel 041/5139928 - Fax 041/5139938 C.F. 00662440270-30010 CAMPONOGARA (Venezia) Sportello Unico per le Attività Produttive Resp. Procedimento:

Dettagli

Approvati con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 47 del (precedente delibera di C.C. n. 84 del )

Approvati con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 47 del (precedente delibera di C.C. n. 84 del ) INDIRIZZI E CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI E DELLE GIORNATE DI APERTURA/CHIUSURA DEI PUBBLICI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Legge regionale 26 luglio 2003, n. 14 Disciplina

Dettagli

COMUNE DI SANGUINETTO Provincia di Verona

COMUNE DI SANGUINETTO Provincia di Verona COMUNE DI SANGUINETTO Provincia di Verona DISCIPLINA TRANSITORIA IN MATERIA DI AUTORIZZAZIONE ALLA SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE (art. 15 D.L. 30 dicembre 1992, n.512) PREMESSA Il

Dettagli

COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA ORDINANZA DEL SINDACO N. 1 DEL Ufficio: SETTORE POLIZIA E ATT. PRODUTTIVE

COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA ORDINANZA DEL SINDACO N. 1 DEL Ufficio: SETTORE POLIZIA E ATT. PRODUTTIVE COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA ORDINANZA DEL SINDACO N. 1 DEL 19-01-2012 Ufficio: SETTORE POLIZIA E ATT. PRODUTTIVE Oggetto: Liberalizzazioni in materia di orari e di chiusura domenicale e

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DEI PUBBLICI ESERCIZI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DEI PUBBLICI ESERCIZI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DEI PUBBLICI ESERCIZI Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 16 del 02.02.2000 Approvato dal Co.Re.Co. in data 06.03.2000 prot.n. 21606

Dettagli

COPIA CONFORME ALL ORIGINALE PER USO AMMINISTRATIVO E D UFFICIO DELLA ORDINANZA N. 33 DEL ORDINANZA DEL SINDACO N.

COPIA CONFORME ALL ORIGINALE PER USO AMMINISTRATIVO E D UFFICIO DELLA ORDINANZA N. 33 DEL ORDINANZA DEL SINDACO N. COMUNE DI ALBA ADRIATICA PROVINCIA DI TERAMO COPIA CONFORME ALL ORIGINALE PER USO AMMINISTRATIVO E D UFFICIO DELLA ORDINANZA N. 33 DEL 03-07-2015 Alba Adriatica, lì 03-07-2015 Registro Generale n. 68 ORDINANZA

Dettagli

O R D I N A N Z A Registro Generale n. 33

O R D I N A N Z A Registro Generale n. 33 CITTÀ DI NARNI Provincia di Terni O R D I N A N Z A Registro Generale n. 33 ORIGINALE Ufficio: AREA BENI CULTURALI E SVILUPPO ECONOMICO N. 1 DEL 17-03-2015 Oggetto: disciplina orari di svolgimento pubblici

Dettagli

Comune di Costacciaro (Provincia di Perugia)

Comune di Costacciaro (Provincia di Perugia) Comune di Costacciaro (Provincia di Perugia) C O P I A D I O R D I N A N Z A N.14 DEL 20-02-2012 Oggetto: LIBERALIZZAZIONI IN MATERIA DI ORARI E DI CHIUSURA DOMENICALE E FESTIVA DELLE ATTIVITA' COMMERCIALI

Dettagli

SETTORE ANNONA / ATTIVITA PRODUTTIVE IL SINDACO

SETTORE ANNONA / ATTIVITA PRODUTTIVE IL SINDACO SETTORE ANNONA / ATTIVITA PRODUTTIVE IL SINDACO VISTO che a norma dell art.50, comma 7, del D.Lgs.267/2000 TUEL, spetta al Sindaco coordinare e riorganizzare, sulla base degli indirizzi espressi dal consiglio

Dettagli

ORDINANZA. Rep. n. 54/2008 prot. n del 18 luglio 2008

ORDINANZA. Rep. n. 54/2008 prot. n del 18 luglio 2008 Città di Asolo Provincia di Treviso ORDINANZA Rep. n. 54/2008 prot. n. 13841 del 18 luglio 2008 OGGETTO: DETERMINAZIONE DEGLI ORARI DEGLI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Legge Regionale

Dettagli

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA Provincia di Milano Via Roma, Trezzo sull Adda

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA Provincia di Milano Via Roma, Trezzo sull Adda COMUNE DI TREZZO SULL ADDA Provincia di Milano Via Roma, 5 20056 Trezzo sull Adda Trezzo sull Adda, 06/02/2008 ORDINANZA Registro Ordinanze N 14 del 19/02/2008 Prot. 2739 Agli OPERATORI COMMERCIALI DI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE SALE GIOCHI

REGOLAMENTO PER LE SALE GIOCHI Comune di Modena Settore Promozione dello sviluppo e innovazione economica REGOLAMENTO PER LE SALE GIOCHI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 128 del 11/2/1985 e modificato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI PONZANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI PONZANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI PONZANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA CONFORME ALL ORIGINALE PER USO AMMINISTRATIVO E D UFFICIO DELLA ORDINANZA N. 41 DEL 18-05-2015 Registro Generale n. 41 ORDINANZA DEL SINDACO n. 6 del

Dettagli

Comune di Pozzolengo Provincia di Brescia

Comune di Pozzolengo Provincia di Brescia Comune di Pozzolengo Provincia di Brescia ORDINANZA del SINDACO in materia di orari di attività dei pubblici esercizi di somministrazione alimenti e bevande Prot. n. 2494 Reg. Ord. n. 12/2005 Premesso:

Dettagli

COMUNE DI MONTEROSSO AL MARE Cinque Terre - Provincia della Spezia

COMUNE DI MONTEROSSO AL MARE Cinque Terre - Provincia della Spezia COMUNE DI MONTEROSSO AL MARE Cinque Terre - Provincia della Spezia DISCIPLINA DEGLI ORARI DI ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ ECONOMICHE Considerato: Ordinanza n 59 del 06/11/2010 IL SINDACO che l art. 11 del

Dettagli

COMUNE DI ISOLA DELLA SCALA

COMUNE DI ISOLA DELLA SCALA Ord. n. 71 Prot. n. 8610/08 ORDINANZA PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ORARI DEGLI ESERCIZI PUBBLICI, DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE E DI ATTIVITA PARTICOLARI. IL SINDACO Vista la

Dettagli

COMUNE DI GAZZO Piazza IV Novembre n 1 CAP 35010 - PROVINCIA DI PADOVA

COMUNE DI GAZZO Piazza IV Novembre n 1 CAP 35010 - PROVINCIA DI PADOVA Prot. n. 801 COMUNE DI GAZZO Reg. ordinanze n. 3 Reg. pubbl. n. 25 ORDINANZA PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ORARI DEGLI ESERCIZI PUBBLICI E DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE

Dettagli

C O M U N E D I A L M E S E P R O V I N C I A D I T O R I N O

C O M U N E D I A L M E S E P R O V I N C I A D I T O R I N O C O M U N E D I A L M E S E P R O V I N C I A D I T O R I N O P i a z z a M a r t i r i d e l l a L i b e r t à, 4 8 - C A P 1 0 0 4 0 A L M E S E ( T O ) T e l. 0 1 1. 9 3. 5 0. 2 0 1 F a x 0 1 1. 9 3.

Dettagli

CITTA DI IMOLA. Settore Comando Polizia Municipale Servizio Interventi Economici

CITTA DI IMOLA. Settore Comando Polizia Municipale Servizio Interventi Economici CITTA DI IMOLA Provincia di Bologna Settore Comando Polizia Municipale Servizio Interventi Economici E-mail: interventi.economici@comune.imola.it INDIRIZZI E CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI

Dettagli

DISCIPLINA DEGLI ORARI DEI PUBBLICI ESERCIZI E DELLO SVOLGIMENTO DI PICCOLI INTRATTENIMENTI MUSICALI ALL INTERNO DEGLI STESSI I L S I N D A C O

DISCIPLINA DEGLI ORARI DEI PUBBLICI ESERCIZI E DELLO SVOLGIMENTO DI PICCOLI INTRATTENIMENTI MUSICALI ALL INTERNO DEGLI STESSI I L S I N D A C O Piazza Vittorio Emanuele Tel. 0925-70111 Fax 0925/70218 92013 MENFI (AG) Ordinanza n 7 del 01 marzo 2012 DISCIPLINA DEGLI ORARI DEI PUBBLICI ESERCIZI E DELLO SVOLGIMENTO DI PICCOLI INTRATTENIMENTI MUSICALI

Dettagli

ORDINANZA in materia di orari di attività dei pubblici esercizi di somministrazione alimenti e bevande IL SINDACO

ORDINANZA in materia di orari di attività dei pubblici esercizi di somministrazione alimenti e bevande IL SINDACO ORDINANZA in materia di orari di attività dei pubblici esercizi di somministrazione alimenti e bevande Prot. n. 2723 Ord. n. 17 IL SINDACO Premesso: - che la Regione Lombardia, in attuazione degli artt.

Dettagli

IL SINDACO ORDINA DICHIARA. questa ordinanza immediatamente esecutiva ed in vigore dalla data della sua sottoscrizione; DISPONE

IL SINDACO ORDINA DICHIARA. questa ordinanza immediatamente esecutiva ed in vigore dalla data della sua sottoscrizione; DISPONE OGGETTO: DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA DEI PUBBLICI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE E DELLE ATTIVITÀ DI INTRATTENIMENTO E SVAGO. IL SINDACO richiamata l'ordinanza n.

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA AREA RISORSE UMANE E FINANZIARIE U F F I C I O SPORTELLO UNICO ATTIVITA' PRODUTTIVE

COMUNE DI SENIGALLIA AREA RISORSE UMANE E FINANZIARIE U F F I C I O SPORTELLO UNICO ATTIVITA' PRODUTTIVE COMUNE DI SENIGALLIA AREA RISORSE UMANE E FINANZIARIE U F F I C I O SPORTELLO UNICO ATTIVITA' PRODUTTIVE ORDINANZA n 216 del 01/06/2017 Oggetto: SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA' ACCESSORIE NEGLI STABILIMENTI

Dettagli

Comune di Viadana Provincia di Mantova

Comune di Viadana Provincia di Mantova Ufficio Commercio e Attività Produttive Prot.n. Ordinanza n. DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA DEI NEGOZI E DELLE ALTRE ATTIVITA' DI VENDITA AL DETTAGLIO IL SINDACO VISTI gli artt.11 e 13 del D.LGS. 31/3/98,

Dettagli

Comune di Vicenza IL SINDACO

Comune di Vicenza IL SINDACO Prot. n Oggetto: ordinanza per la determinazione degli orari degli esercizi pubblici, delle attività di somministrazione di alimenti e bevande e delle attività particolari IL SINDACO VISTI gli artt. 50

Dettagli

CITTA DI MONOPOLI PROVINCIA DI BARI RIPARTIZIONE VII^ SEZIONE COMMERCIO - ANNONA ORDINANZA NR.210

CITTA DI MONOPOLI PROVINCIA DI BARI RIPARTIZIONE VII^ SEZIONE COMMERCIO - ANNONA ORDINANZA NR.210 CITTA DI MONOPOLI PROVINCIA DI BARI RIPARTIZIONE VII^ SEZIONE COMMERCIO - ANNONA Prot.nr.33439 Monopoli,18/07/2008 ORDINANZA NR.210 OGGETTO: Disciplina degli orari di apertura e chiusura degli esercizi

Dettagli

ESERCIZI PER LA SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE Domanda di autorizzazione Ai sensi dell art. 3 della Legge 287/1991

ESERCIZI PER LA SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE Domanda di autorizzazione Ai sensi dell art. 3 della Legge 287/1991 Bollo 14.62 Al Sig. SINDACO del Comune di MESAGNE (BR) ESERCIZI PER LA SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE Domanda di autorizzazione Ai sensi dell art. 3 della Legge 287/1991 Il sottoscritto

Dettagli

DISCIPLINA ORARI DEGLI ESERCIZI DI COMMERCIO IN SEDE FISSA, DI SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE, ATTIVITA ARTIGIANALI

DISCIPLINA ORARI DEGLI ESERCIZI DI COMMERCIO IN SEDE FISSA, DI SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE, ATTIVITA ARTIGIANALI C O M U N E D I M O N T E R I G G I O N I P R O V I N C I A D I S I E N A DISCIPLINA ORARI DEGLI ESERCIZI DI COMMERCIO IN SEDE FISSA, DI SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE, ATTIVITA ARTIGIANALI 1 SOMMARIO

Dettagli

IL SINDACO. ORDINANZA N 15 del 18/03/2010

IL SINDACO. ORDINANZA N 15 del 18/03/2010 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) 2 SERVIZIO ASSETTO ED UTILIZZAZIONE DEL TERRITORIO Unità Operativa S.U.A.P. Sportello Unico Attività Produttive e Polizia Amministrativa ORDINANZA N 15 del 18/03/2010

Dettagli

COMUNE DI ARTEGNA Provincia Di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI

COMUNE DI ARTEGNA Provincia Di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI COMUNE DI ARTEGNA Provincia Di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI Approvato con deliberazione dl Consiglio Comunale n. 45 del 26.11.2001. Art. 1 Nastro

Dettagli

DECRETO 30 luglio 2008

DECRETO 30 luglio 2008 Tabelle dei tassi alcoolemici Dal 23/09/2008 entra in vigore il nuovo decreto che obbliga i locali ad esporre le tabelle informative sull'assunzione di alcool. Le tabelle con le indicazioni sui tassi alcolemici

Dettagli

Orario di apertura e chiusura degli esercizi di vendita al dettaglio in sede fissa e del commercio su aree pubbliche in forma itinerante.

Orario di apertura e chiusura degli esercizi di vendita al dettaglio in sede fissa e del commercio su aree pubbliche in forma itinerante. COMUNE DI CASTEL SAN GIORGIO Provincia di Salerno Settore Commercio ORDINANZA N 22 Castel San Giorgio lì, 24/ 02/2011 Orario di apertura e chiusura degli esercizi di vendita al dettaglio in sede fissa

Dettagli

COMUNE DI POIRINO. Provincia di Torino ORDINANZA RIPARTIZIONE SERVIZI ALLA POPOLAZIONE N. 95 DEL IL SINDACO

COMUNE DI POIRINO. Provincia di Torino  ORDINANZA RIPARTIZIONE SERVIZI ALLA POPOLAZIONE N. 95 DEL IL SINDACO COMUNE DI POIRINO Provincia di Torino www.comune.poirino.to.it COPIA ORDINANZA RIPARTIZIONE SERVIZI ALLA POPOLAZIONE N. 95 DEL 07-07-2011 Oggetto: ORARI ESERCIZI COMMERCIALI..OMISSIS IL SINDACO ORDINA

Dettagli

Oggetto: DISCIPLINA DEGLI ORARI DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI DI VENDITA AL DETTAGLIO. IL SINDACO

Oggetto: DISCIPLINA DEGLI ORARI DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI DI VENDITA AL DETTAGLIO. IL SINDACO Comune di Bologna Ord. P.G. 294395/08 integrata da Ord. 106104/11 Oggetto: DISCIPLINA DEGLI ORARI DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI DI VENDITA AL DETTAGLIO. IL SINDACO Premesso che con propria ordinanza P.G.n.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE 1 INDICE Art. 1 Normativa di riferimento Art. 2 Denuncia di Inizio di Attività Produttiva (DIAP) Art. 3 Disposizioni

Dettagli

C I T T À D I S A R Z A N A

C I T T À D I S A R Z A N A SARZANA, 09.04.2009 ORIGINALE Ordinanza n 68 Oggetto = orari degli esercizi pubblici di somministrazione di alimenti e bevande e delle attività artigianali complementari ed affini I L S I N D A C O RICHIAMATE

Dettagli

SERVIZIO ATTIVITÀ PRODUTTIVE. Oggetto: Orari di apertura degli esercizi pubblici della somministrazione di alimenti e bevande.

SERVIZIO ATTIVITÀ PRODUTTIVE. Oggetto: Orari di apertura degli esercizi pubblici della somministrazione di alimenti e bevande. SERVIZIO ATTIVITÀ PRODUTTIVE Prot. n. 18509/9020 Ordinanza n. 188 Oggetto: Orari di apertura degli esercizi pubblici della somministrazione di alimenti e bevande. IL SINDACO Preso atto che, da una indagine

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA Attività di somministrazione alimenti e bevande in pubblico esercizio Ai sensi dell art. 2 del D. L.vo 6/8/2012 n. 147 e dell art. 19 della Legge 241/90 IL SOTTOSCRITTO

Dettagli

COMUNE DI ARBA. Regolamento comunale per l apertura e la gestione di sale giochi

COMUNE DI ARBA. Regolamento comunale per l apertura e la gestione di sale giochi COMUNE DI ARBA Regolamento comunale per l apertura e la gestione di sale giochi Adottato con deliberazione consiliare n. 9 del 28.04.2010 1 Articolo 1 Ambito di applicazione. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

COMUNE DI ROVATO (Provincia di Brescia) CRITERI COMUNALI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI DI SALA GIOCHI

COMUNE DI ROVATO (Provincia di Brescia) CRITERI COMUNALI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI DI SALA GIOCHI COMUNE DI ROVATO (Provincia di Brescia) CRITERI COMUNALI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI DI SALA GIOCHI Approvato con deliberazione consiliare n. 91 del 22.12.2008 Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1.

Dettagli

Prot Moniga del Garda, lì 8/6/2017. Ordinanza N. 3/2017

Prot Moniga del Garda, lì 8/6/2017. Ordinanza N. 3/2017 Prot.0003664 Moniga del Garda, lì 8/6/2017 Ordinanza N. 3/2017 DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI DIFFUSIONE SONORA NEGLI SPAZI PUBBLICI ED APERTI AL PUBBLICO ILSINDACO Premesso Considerato Rilevato Preso atto

Dettagli

Apertura degli esercizi pubblici durante il periodo estivo: arriva chiarezza dal Comune di Macchiagodena

Apertura degli esercizi pubblici durante il periodo estivo: arriva chiarezza dal Comune di Macchiagodena Apertura degli esercizi pubblici durante il periodo estivo: arriva chiarezza dal Comune di Macchiagodena Il sindaco di Macchiagodena, Felice Ciccone, in una nota prova a fare chiarezza sugli orari di apertura

Dettagli

COMUNE DI APRILIA PROVINCIA DI LATINA

COMUNE DI APRILIA PROVINCIA DI LATINA COMUNE DI APRILIA PROVINCIA DI LATINA ORDINANZA N. 01 DEL 08.01.2009 SULLA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE IL SINDACO Visti gli artt. 11, 12 e 13 del D.Lgs. 31 marzo 1998 n. 114 recanti

Dettagli

PUBBLICO ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE- SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA'

PUBBLICO ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE- SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' Al COMUNE DI BAGNOLO DEL SALENTO (Provincia di LECCE) PUBBLICO ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE- SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA'

Dettagli

COMUNE DI SAN BENEDETTO VAL DI SAMBRO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI SAN BENEDETTO VAL DI SAMBRO PROVINCIA DI BOLOGNA COMUNE DI SAN BENEDETTO VAL DI SAMBRO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI INTRATTENIMENTO E SVAGO NEGLI ESERCIZI PUBBLICI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE APPROVATO

Dettagli

COMUNE DI CASALECCHIO DI RENO Assessorato Attività produttive

COMUNE DI CASALECCHIO DI RENO Assessorato Attività produttive COMUNE DI CASALECCHIO DI RENO Assessorato Attività produttive ORDINANZA N. 64 Addì, 07 giugno 2004 Oggetto: Disciplina comunale degli orari di apertura e di chiusura delle attività di somministrazione

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA Città della Disfida Medaglia d oro al merito civile

COMUNE DI BARLETTA Città della Disfida Medaglia d oro al merito civile COMUNE DI BARLETTA Città della Disfida Medaglia d oro al merito civile -ESERCIZI COMMERCIALI -PUBBLICI ESERCIZI -MERCATI DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA, DELLE GIORNATE DI RIPOSO SETTIMANALE

Dettagli

ORDINANZA DEL SINDACO

ORDINANZA DEL SINDACO ORDINANZA DEL SINDACO N 35 del 27-07-2017 Dipartimento DIPARTIMENTO AFFARI GENERALI E COMUNICAZIONE Servizio SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE (SUAP) Oggetto: MISURE PER LA TUTELA DELLA SALUTE

Dettagli

COMUNE DI RUBIERA (Provincia di Reggio Emilia)

COMUNE DI RUBIERA (Provincia di Reggio Emilia) COMUNE DI RUBIERA (Provincia di Reggio Emilia) SETTORE AFFARI GENERALI ED ISTITUZIONALI SERVIZIO COMMERCIO Ordinanza n. 125/15.4.2 Oggetto: L.R. 26/7/2003 n. 14 ORARI DI APERTURA E CHIUSURA DEGLI ESERCIZI

Dettagli

COMUNE DI CENTO PROVINCIA DI FERRARA Via M. Provenzali, Cento (FE) Web:

COMUNE DI CENTO PROVINCIA DI FERRARA Via M. Provenzali, Cento (FE) Web: COMUNE DI CENTO PROVINCIA DI FERRARA Via M. Provenzali, 15 44042 Cento (FE) Web: www.comune.cento.fe.it ORDINANZA DEL SINDACO n.17/2008 di repertorio IL SINDACO PREMESSO che con gli artt. 11-12-13 del

Dettagli

Comune di Valsamoggia Provincia di Bologna

Comune di Valsamoggia Provincia di Bologna Comune di Valsamoggia Provincia di Bologna Servizio Proponente : Polizia Municipale - Comando REGISTRO ORDINANZE N. 70 DEL 06/03/2015 ORDINANZA OGGETTO: Ordinanza limitazione somministrazione bevande alcoliche

Dettagli

CITTA DI GALLIPOLI. (Provincia di Lecce) IL SINDACO

CITTA DI GALLIPOLI. (Provincia di Lecce) IL SINDACO CITTA DI GALLIPOLI (Provincia di Lecce) IL SINDACO COPIA Ordinanza n. 181 del 05/08/2015 Oggetto: Disposizioni sull'attività di intrattenimento negli stabilimenti balneari - Art.50 del D.lgs. n. 267/2000

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO Provincia di Arezzo

COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO Provincia di Arezzo COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO Provincia di Arezzo Reg. Ordinanze N 55 Castiglion Fiorentino, 07-05-2012 IL COMMISSARIO STRAORDINARIO ASSUNTI i poteri del Sindaco in virtù del Decreto del Presidente della

Dettagli

Comune di Carbonate Provincia di Como. Domanda di autorizzazione all esercizio di somministrazione alimenti e bevande

Comune di Carbonate Provincia di Como. Domanda di autorizzazione all esercizio di somministrazione alimenti e bevande Bollo 14,62 Comune di Carbonate Provincia di Como Domanda di autorizzazione all esercizio di somministrazione alimenti e bevande Ai sensi della Legge Regionale 30/2003 Il/la sottoscritto/a data di nascita

Dettagli

Trattenimenti danzanti e attività di spettacolo (accessorie) interni a pubblici esercizi

Trattenimenti danzanti e attività di spettacolo (accessorie) interni a pubblici esercizi - Ufficio competente Per essere autorizzati allo svolgimento di trattenimenti danzanti all interno dei pubblici esercizi è necessario rivolgersi all' Unità Licenze Mercati Scoperti, Locali di Pubblico

Dettagli

COMUNE DI NOVARA AREA SICUREZZA DEL CITTADINO POLIZIA AMMINISTRATIVA SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE COMMERCIO

COMUNE DI NOVARA AREA SICUREZZA DEL CITTADINO POLIZIA AMMINISTRATIVA SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE COMMERCIO COMUNE DI NOVARA AREA SICUREZZA DEL CITTADINO POLIZIA AMMINISTRATIVA SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE COMMERCIO Prot. n. 9817 Novara, lì 10.02.2012 RI 04/789 ORDINANZA SINDACALE N. 56 (1) OGGETTO: Disciplina

Dettagli

OGGETTO: DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE E DI ATTIVITA PARTICOLARI IL SINDACO

OGGETTO: DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE E DI ATTIVITA PARTICOLARI IL SINDACO CITTÀ DI LEGNAGO Ufficio Attività Economiche Via XX Settembre, 29 37045 Legnago (Verona) Tel. 0442/634827 - Fax 0442/634803 e-mail: fiorella.zanetti@comune.legnago.vr.it web: www.comune.legnago.vr.it Reg.Ord.n.471

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C e D (NUOVE/SUBINGRESSO Ecc.)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C e D (NUOVE/SUBINGRESSO Ecc.) AL COMUNE DI LUCERA UFFICIO SUAP SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C e D (NUOVE/SUBINGRESSO Ecc.) Il sottoscritto nato a il e residente

Dettagli

Estratto dalla Legge 29 luglio 2010, n. 120 - Disposizioni in materia di sicurezza stradale (GU n. 175 del 29-7-2010 - Suppl. Ordinario n.171) - Entrata in vigore del provvedimento: 13/08/2010....omissis...

Dettagli

COMUNE DI RESCALDINA PROVINCIA DI MILANO UFFICIO COMMERCIO

COMUNE DI RESCALDINA PROVINCIA DI MILANO UFFICIO COMMERCIO COMUNE DI RESCALDINA PROVINCIA DI MILANO UFFICIO COMMERCIO Prot. n. 22849 A TUTTI GLI ESERCIZI DEL COMMERCIO FISSO AI TITOLARI DI PUBBLICO ESERCIZIO LORO INDIRIZZI OGGETTO: Calendario di apertura e chiusura

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA Città della Disfida Medaglia d oro al merito civile

COMUNE DI BARLETTA Città della Disfida Medaglia d oro al merito civile COMUNE DI BARLETTA Città della Disfida Medaglia d oro al merito civile -ESERCIZI COMMERCIALI -PUBBLICI ESERCIZI -MERCATI DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA, DELLE GIORNATE DI RIPOSO SETTIMANALE

Dettagli

IL SINDACO IL SINDACO. Luigi Costi

IL SINDACO IL SINDACO. Luigi Costi Mirandola lì. 11.04.2009 Prot. 5526./8.4 Ordinanza n. 6 Oggetto: Modifica alla disposizione n.13 del 11.05.2000 prot.9314 Orari di apertura e chiusura degli esercizi di vendita al dettaglio in sede fissa

Dettagli

Attività Produttive. Somministrazione Somministrazione di alimenti e bevande (esercizi ordinari ) Descrizione

Attività Produttive. Somministrazione Somministrazione di alimenti e bevande (esercizi ordinari ) Descrizione Attività Produttive Somministrazione Somministrazione di alimenti e bevande (esercizi ordinari ) Descrizione PUBBLICI ESERCIZI, SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE. a) esercizi di ristorazione, per la

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PUBBLICI ESERCIZI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE ED ATTIVITÀ COLLEGATE

REGOLAMENTO COMUNALE PUBBLICI ESERCIZI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE ED ATTIVITÀ COLLEGATE COMUNE DI MONTELLA Provincia di Avellino REGOLAMENTO COMUNALE PUBBLICI ESERCIZI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE ED ATTIVITÀ COLLEGATE SALE GIOCO E GIOCHI LECITI Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI CASTELNUOVO DEL GARDA

COMUNE DI CASTELNUOVO DEL GARDA COMUNE DI CASTELNUOVO DEL GARDA PROVINCIA DI VERONA Area Economico - Finanziaria TEL. 045 6459920 FAX 045 6459921 /Piazza degli Alpini, 4 37014 Castelnuovo del Garda C.F. 00667270235 e-mail: ragioneria@castelnuovodg.it

Dettagli

ALLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE DEL COMUNE DI ROSSANO

ALLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE DEL COMUNE DI ROSSANO Da inviare al S.U.A.P. almeno 10 giorni prima mediante posta elettronica certificata, al seguente indirizzo di PEC: suaprossano@legalmail.it ALLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE DEL COMUNE DI

Dettagli

COMUNE DI SIENA DIREZIONE TERRITORIO

COMUNE DI SIENA DIREZIONE TERRITORIO COMUNE DI SIENA DIREZIONE TERRITORIO REGOLAMENTO PER IL CONTRASTO DEL FENOMENO DELL'ABUSO DI SOSTANZE ALCOLICHE NEL CENTRO STORICO PATRIMONIO MONDIALE UNESCO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

CITTA' DI GUIDONIA MONTECELIO (Provincia di Roma)

CITTA' DI GUIDONIA MONTECELIO (Provincia di Roma) ~l CITTA' DI GUIDONIA MONTECELIO (Provincia di Roma) Ordinanza n... j.. 9.lJ... Piazza Matteotti, 20 00012 Guidonia M. AREA VI- U.O. ATTIVITA' ECONOMICO PRODUTTIVE FAX 07741342629 c. f. 02777620580 - p.i.

Dettagli

COMUNE DI FORTE DEI MARMI (Provincia di Lucca) 3 SETTORE SERVIZI FINANZIARI

COMUNE DI FORTE DEI MARMI (Provincia di Lucca) 3 SETTORE SERVIZI FINANZIARI COMUNE DI FORTE DEI MARMI (Provincia di Lucca) 3 SETTORE SERVIZI FINANZIARI Piazza Dante, 1 55042 Forte dei Marmi Lucca C.F. e P.I. 00138080460 tel. 0584/2801 Fax 0584/280246 Ufficio Demanio Forte dei

Dettagli

COMUNE DI FORLI' VP/vp Prot. n. /2010

COMUNE DI FORLI' VP/vp Prot. n. /2010 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO SERVIZIO GESTIONE TERRITORIALE UNITA COMMERCIO IN SEDE FISSA, ATTIVITA PRODUTTIVE ED AGRIGOLTURA VP/vp Prot. n. /2010 Oggetto: Adeguamento

Dettagli

CITTA' DI TORINO DIREZIONE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO ATTIVITÀ INTEGRATE Ufficio Studi e Formazione Ufficio Studi

CITTA' DI TORINO DIREZIONE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO ATTIVITÀ INTEGRATE Ufficio Studi e Formazione Ufficio Studi CITTA' DI TORINO DIREZIONE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO ATTIVITÀ INTEGRATE Ufficio Studi e Formazione Ufficio Studi CIRCOLARE N. 106 Operativa OGGETTO: Attività Produttive. Videogiochi. Ordinanza

Dettagli

Fac simile domanda per autorizzazione alla protrazione oraria in deroga

Fac simile domanda per autorizzazione alla protrazione oraria in deroga BOLLO 14,62 Fac simile domanda per autorizzazione alla protrazione oraria in deroga Al Comune di Ferrara Ufficio Pubblici Esercizi Via Boccaleone, 19 44121 FERRARA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLA DEROGA

Dettagli

ORDINANZA SINDACALE N 21 del 22 ottobre 2010

ORDINANZA SINDACALE N 21 del 22 ottobre 2010 COMUNE DI SEDINI Provincia di Sassari Via La Rampa,20-07035 Sedini Tel 079/589200 Fax 079/589216 C.F. 80003520907 P.Iva 01257180909 E-mail comunedisedini@tiscali.it www.comune.sedini.ss.it ORDINANZA SINDACALE

Dettagli

COMUNE DI RADDA IN CHIANTI

COMUNE DI RADDA IN CHIANTI COMUNE DI RADDA IN CHIANTI ORDINANZA N 16 del 29 maggio 2010 OGGETTO: Orari di apertura e chiusura degli esercizi commerciali al dettaglio in sede fissa, delle rivendite della stampa, degli esercizi di

Dettagli

(senza zone sottoposte a tutela) Approvato dal Consiglio di Amministrazione del CELVA con deliberazione n. 96/2016 del 6 dicembre 2016

(senza zone sottoposte a tutela) Approvato dal Consiglio di Amministrazione del CELVA con deliberazione n. 96/2016 del 6 dicembre 2016 REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE AI SENSI DELLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 854 DEL 1 LUGLIO 2016 (senza zone sottoposte a tutela) Approvato

Dettagli

Gianluca Segatto Ufficio Tutela dell Ambiente e del Territorio

Gianluca Segatto Ufficio Tutela dell Ambiente e del Territorio Gianluca Segatto Ufficio Tutela dell Ambiente e del Territorio Pubblici esercizi Inquinamento acustico Leggi e regolamenti di riferimento Legge prov.le n. 66 del 20.11.1978 e D.P.G.P. n. 4 del 6.3.1989

Dettagli

COMUNE DI BUTTAPIETRA Provincia di Verona

COMUNE DI BUTTAPIETRA Provincia di Verona COMUNE DI BUTTAPIETRA Provincia di Verona Piazza Roma 2 - CAP 37060 C.F. 80025180235 P.IVA 01361440231 Tel. 045/6660383 6660002 6660477 Fax 6660485 UFFICIO COMMERCIO Prot. 8478 ORDINANZA N. 35 DISCIPLINA

Dettagli

Orari dei pubblici esercizi e similari

Orari dei pubblici esercizi e similari ORDINANZA N. 46 DEL 20/1/06 PROT. 2871 OGGETTO: orari di apertura e chiusura degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande e delle attività ad essi collegate o assimilabili, nonché delle attività

Dettagli

COMUNE DI PISA COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Delibera n. 162 Del 27 Ottobre 2009

COMUNE DI PISA COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Delibera n. 162 Del 27 Ottobre 2009 COMUNE DI PISA COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Delibera n. 162 Del 27 Ottobre 2009 OGGETTO: DISPOSIZIONI CIRCA LE MODALITÀ DI APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PER LA VIOLAZIONE DELLE

Dettagli

COMUNE DI NIMIS PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DEI PUBBLICI ESERCIZI E DELLE ATTIVITA COMMERCIALI

COMUNE DI NIMIS PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DEI PUBBLICI ESERCIZI E DELLE ATTIVITA COMMERCIALI COMUNE DI NIMIS PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DEI PUBBLICI ESERCIZI E DELLE ATTIVITA COMMERCIALI - Adottato con deliberazione di Consiglio comunale n. 44 del 27/12/2001 TITOLO

Dettagli

LEGGE 25 agosto 1991, n Aggiornamento della normativa sull'insediamento e sull'attivita' dei pubblici esercizi. Vigente al:

LEGGE 25 agosto 1991, n Aggiornamento della normativa sull'insediamento e sull'attivita' dei pubblici esercizi. Vigente al: LEGGE 25 agosto 1991, n. 287 Aggiornamento della normativa sull'insediamento e sull'attivita' dei pubblici esercizi. Vigente al: 6-6-2013 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

COMUNE DI SANT'ANGELO IN VADO

COMUNE DI SANT'ANGELO IN VADO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI SANT'ANGELO IN VADO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Comunicata ai Capigruppo Consiliari C O P I A il Nr. Prot. DISPOSIZIONI CIRCA LE MODALITA' DI APPLICAZIONE

Dettagli

copia informatica corrispondente all'originale dell'atto formatosi digitalmente

copia informatica corrispondente all'originale dell'atto formatosi digitalmente ORDINANZA SINDACALE n. 36 DEL 25/10/2016 OGGETTO: DISCIPLINA COMUNALE DEGLI ORARI DI APERTURA E DI ESERCIZIO DELLE SALE GIOCHI, SALE VLT E DEGLI ORARI DI FUNZIONAMENTO DEGLI APPARECCHI CON VINCITA IN DENARO

Dettagli

Controlli sulle imprese di competenza della Polizia Locale - Art. 25 d.lgs. n. 33/2013.

Controlli sulle imprese di competenza della Polizia Locale - Art. 25 d.lgs. n. 33/2013. Controlli sulle imprese di competenza della Polizia Locale - Art. 25 d.lgs. n. 33/2013. Tipologia dei controlli, modalità e criteri. Il Comando di Polizia Locale svolge i controlli sulle attività produttive

Dettagli

Ministero delle Attività Produttive

Ministero delle Attività Produttive Ministero delle Attività Produttive DIREZIONE GENERALE PER IL COMMERCIO, LE ASSICURAZIONI ED I SERVIZI Ufficio D2 Disciplina Commercio Risoluzione del 11/08/2006 prot. n. 0007383. OGGETTO: Legge n. 287

Dettagli

Vicopisano Comune in Provincia di Pisa

Vicopisano Comune in Provincia di Pisa Vicopisano Comune in Provincia di Pisa Servizio 3 Area Tecnica Via del Pretorio n 1 e-mail suap@comune.vicopisano.pi.it C.F. 00230610503 Tel. 050796534-512 Fax 050796540 ORDINANZA N.09 DEL 07/02/2011 OGGETTO:

Dettagli

REGOLAMENTO SALE GIOCHI

REGOLAMENTO SALE GIOCHI APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 74 DEL 23.10.1997 MODIFICATO CON DELIBERA DI C.C. N. 15 DEL 28.02.2000 REGOLAMENTO SALE GIOCHI REGOLAMENTO SALE - GIOCHI ART. 1 A norma dell art. 19 punto 8) del DPR 24/7/1977

Dettagli

Comune di Robbiate Provincia di Lecco

Comune di Robbiate Provincia di Lecco DISCIPLINA DEGLI ORARI DI: NEGOZI E ALTRE ATTIVITA DI VENDITA AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA, ATTIVITA DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE, ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE NEI PUBBLICI ESERCIZI, ATTIVITA DI INTRATTENIMENTO

Dettagli