UNI EN ISO Requisiti di qualità per la saldatura per fusione dei materiali metallici.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNI EN ISO 3834. Requisiti di qualità per la saldatura per fusione dei materiali metallici. info@marcelomartorelli.mobi"

Transcript

1 UNI EN ISO 3834 Requisiti di qualità per la saldatura per fusione dei materiali metallici

2 Introduzione alle norme UNI EN ISO 3834:2006 Perché considerare la UNI EN ISO 3834:2006 nella propria azienda? La norma in questione è spesso richiamata da altre norme di settore al fine di gestire il processo speciale della saldatura. Direttive/Regolamenti Standard Titolo standard 09/105/EC Ex 84/404/EEC (SPVD) 97/23/EC (PED) 99/36/EC (TPED) 89/106/EEC (CPD) 305/2011 (CPR) UNI EN EN EN EN EN EN EN EN 1090 Recipienti semplici a pressione, non esposti alla fiamma, destinati a contenere aria o azoto Recipienti a pressione non esposti a fiamma Tubazioni industriali metalliche Caldaie a tubi d acqua e apparecchiature ausiliarie Generatori di vapore Recipienti criogenici di grandi dimensioni trasportabili sotto vuoto Cisterne per trasporto di merci pericolose Realizzazione di strutture in acciaio e alluminio 01/16/EC (CRSD) 94/48/EC (HSRD) EN Saldatura di veicoli ferroviari e relative componenti

3 Introduzione alle norme UNI EN ISO 3834:2006 EN ISO

4 Introduzione alle norme UNI EN ISO 3834:2006 EN ISO Prospetto A.3

5 Introduzione alle norme UNI EN ISO 3834:2006 EN ISO Prospetto A.3

6 Introduzione alle norme UNI EN ISO 3834:2006 EN ISO Prospetto A.3

7 Introduzione alle norme UNI EN ISO 3834:2006 EN ISO Prospetto A.3

8 Introduzione alle norme UNI EN ISO 3834:2006 EN ISO Prospetto 12

9 Introduzione alle norme UNI EN ISO 3834:2006 EN ISO Prospetto 13

10 Introduzione alle norme UNI EN ISO 3834:2006 EN ISO Prospetto 14

11 Introduzione alle norme UNI EN ISO 3834:2006 EN ISO Prospetto 15

12 Introduzione alle norme UNI EN ISO 3834:2006 EN ISO Cap

13 Introduzione alle norme UNI EN ISO 3834:2006 UNI EN ISO 3834 UNI EN ISO :2006 Requisiti di qualità per la saldatura per fusione dei materiali metallici. Parte 1: Criteri per la scelta del livello appropriato dei requisiti di qualità. UNI EN ISO :2006 Requisiti di qualità per la saldatura per fusione dei materiali metallici. Parte 2: Requisiti di qualità estesi. UNI EN ISO :2006 Requisiti di qualità per la saldatura per fusione dei materiali metallici. Parte 3: Requisiti di qualità normali. UNI EN ISO :2006 Requisiti di qualità per la saldatura per fusione dei materiali metallici. Parte 4: Requisiti di qualità elementari. UNI EN ISO :2006 Requisiti di qualità per la saldatura per fusione dei materiali metallici. Parte 5: Documenti ai quali è necessario conformarsi per poter dichiarare la conformità ai requisiti di qualità di cui alle parti 2, 3 e 4. UNI EN ISO :2006 Guida alla scelta della parte appropriata della ISO 3834 (2, 3, 4) e sulle modalità di raggiungimento dei relativi requisiti.

14 Introduzione alle norme UNI EN ISO 3834:2006 Alcuni criteri di scelta secondo la ISO Livello qualitativo del manufatto e tipo di servizio Complessità costruttiva del manufatto Criticità del prodotto rispetto alla sicurezza Materiali in uso e possibili criticità metallurgiche Tipologia dei procedimenti di saldatura in uso e il loro livello di automazione Criticità dei possibili difetti di fabbricazione in relazione alle condizioni di esercizio del prodotto

15 Introduzione alle norme UNI EN ISO 3834:2006 Per la scelta della part opportuna della norma viene in aiuto la UNI EN ISO : Appendice A

16 Introduzione alle norme UNI EN ISO 3834:2006 UNI EN ISO : Appendice A

17 Introduzione alle norme UNI EN ISO 3834:2006 UNI EN ISO : Appendice A

18 Introduzione alle norme UNI EN ISO 3834:2006 UNI EN ISO : Appendice A

19 Introduzione alle norme UNI EN ISO 3834:2006 UNI EN ISO : Appendice A

20 Introduzione alle norme UNI EN ISO 3834:2006 UNI EN ISO : Appendice A

21 Introduzione alle norme UNI EN ISO 3834:2006 UNI EN ISO : Appendice A

22 Introduzione alle norme UNI EN ISO 3834:2006 UNI EN ISO : Appendice A

23 Norma UNI EN ISO : SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente norma, parte della ISO3834, definisce i requisiti di qualità completi per la saldatura per fusione dei materiali metallici, sia in officina che nei cantieri di installazione. 1 - Materiale di base 3 2 Zona termicamente alterata (ZTA) Materiale d apporto (ZF) 1

24 Norma UNI EN ISO : RIESAME DEI REQUISITI E RIESAME TECNICO Il costruttore deve riesaminare i requisiti contrattuali e ogni altro requisito, nonché i dati tecnici forniti dal committente o i dati aziendali quando la costruzione è progettata dal costruttore. Il costruttore deve dichiarare la sua capacità di soddisfare tutti i requisiti e deve assicurare una pianificazione adeguata di tutte le attività legate alla qualità.

25 Norma UNI EN ISO : RIESAME DEI REQUISITI a) la norma di prodotto da usare, insieme a eventuali requisiti supplementari; b) requisiti di carattere legale o regolamentare; c) eventuali requisiti supplementari stabiliti dal costruttore; d) la capacità del costruttore di soddisfare i requisiti prescritti. 5.3 RIESAME TECNICO a) specificazione del/dei materiale/i base e delle caratteristiche del giunto saldato; c) posizione, accessibilità e sequenza delle saldature; d) la specificazione di procedure di saldatura, di procedure di controlli non distruttivi e di procedure di trattamento termico; f) la qualificazione del personale; i) le ispezioni e i controlli; j) la subfornitura; k) i trattamenti termici dopo saldatura; n) dimensioni e dettagli della preparazione dei giunti e dei giunti finiti; p) condizioni ambientali; q) gestione delle non conformità.

26 Norma UNI EN ISO : SUBFORNITURA Quando il costruttore intende usare servizi o attività di subfornitura (saldatura, ispezione, controlli non distruttivi, trattamenti termici), deve dare al subfornitore tutte le informazioni necessarie per soddisfare i requisiti applicabili. Il subfornitore deve fornire rapporti e documentazione relativi al suo lavoro secondo le modalità che possono essere specificate dal costruttore.

27 Norma UNI EN ISO : SUBFORNITURA [Processo di saldatura] Informazioni da fornire al subfornitore 1) Dettagli dei giunti (spessore, forma, sostegno o ripresa a rovescio) 2) Informazioni del riesame tecnico relative ai requisiti di qualità del prodotto (es 97/23/CE) 3) Informazioni relative ad eventuali trattamenti termici post-saldatura (PWHT) Documenti/Registrazioni da ricevere dal subfornitore 1) Copia delle proprie WPS (Welding Procedure Specification) 2) Copia delle WPARS (Welding Procedure Approval Record) 3) Copia delle WPQ (Welder Performance Qualification) 4) Procedure per NC 5) Registrazioni delle PWHT

28 Norma UNI EN ISO : PERSONALE DI SALDATURA Il costruttore deve disporre di personale sufficiente e competente per effettuare la pianificazione, la fabbricazione e la supervisione della produzione di saldatura secondo i requisiti specificati. 7.2 SALDATORI E OPERATORI DI SALDATURA I saldatori e gli operatori di saldatura devono essere qualificati mediante una prova adeguata secondo la ISO3834-5:2006 Prospetto 1 (ISO9606, ISO287). [Tornare slide 32]

29 Norma UNI EN ISO : PERSONALE DI COORDINAMENTO DELLE ATTIVITA DI SALDATURA Il costruttore deve disporre di idoneo personale di coordinamento delle attività di saldatura secondo la ISO3834-5:2006 Prospetto 2. Gli istituti IIW e EWF prevedono diverse figure professionali: I/EWE (International / European Welding Engineer ) I/EWT (International / European Welding Technologist) I/EWS (International / European Welding Specialist) O PERSONE AVENTI PERCORSO FORMATIVO EQUIVALENTE (la cui formazione sia documentabile )

30 Norma UNI EN ISO : PERSONALE DI COORDINAMENTO DELLE ATTIVITA DI SALDATURA Il costruttore deve disporre di idoneo personale di Coordinamento delle attività di saldatura. Tali persone, essendo responsabili delle attività riguardanti la qualità, devono avere AUTORITA sufficienti per permettere che siano prese azioni necessarie. I COMPITI e le RESPONSABILITA di tali persone devono essere definiti chiaramente.

31 Norma UNI EN ISO : PERSONALE ADDETTO A ISPEZIONI, E PROVE Il personale addetto ai controlli non distruttivi deve essere qualificato. UNI EN473/ISO9712 NELLA QUALIFICA DEL PERSONALE ADDETTO AI CONTROLLI NON DISTRUTTIVI (CND) NON CONTA PIU SOLO L ESPERIENZA MA SERVE NECESSARIAMENTE RICORRERE AD UN ENTE TERZO

32 Norma UNI EN ISO :2006 CONTROLLI NON DISTRUTTIVI (CND) Si riportano le principali tipologie di controlli non distruttivi: CND Norma di riferimento Accettabilità VT Esame visivo EN ISO EN 5817 PT Esame ai liquidi penetranti EN ISO EN ISO MT Esame con particelle magnetiche EN ISO EN ISO RT Esame radiografico EN ISO EN ISO UT Esame agli ultrasuoni EN ISO EN ISO [Tornare slide 34]

33 Norma UNI EN ISO : ATTREZZATURE Le attrezzature minime necessarie possono essere le seguenti: - saldatrici e altre macchine; - attrezzature per la preparazione dei lembi e delle superfici, nonché per il taglio, incluso il taglio termico; - attrezzature per il preriscaldo e il trattamento termico dopo saldatura, inclusi dispositivi di misura della temperatura; - dispositivi di accoppiamento e di fissaggio delle parti; - gru e attrezzature di movimentazione usate per la produzione di saldatura; - dispositivi di protezione individuale e altre attrezzature di sicurezza, direttamente attinenti al procedimento di fabbricazione applicabile; - forni, fornetti per elettrodi, ecc. usati per il trattamento dei materiali di apporto di saldatura; - attrezzature per la pulitura delle superfici; - attrezzature per le prove distruttive e per i controlli non distruttivi; - morsetti e pinze per la saldatura.

34 Norma UNI EN ISO : ATTREZZATURE Il costruttore deve tenere una lista delle attrezzature essenziali, usate per la produzione; Nuove attrezzature devono essere provate e l esito va registrato; Il costruttore deve possedere piani di manutenzione documentati (i piani possono essere limitati alle sole parti delle attrezzature che sono essenziali per il processo di saldatura).

35 Norma UNI EN ISO : SALDATURA E ATTIVITÀ CONNESSE 10.1 PIANIFICAZIONE DELLA PRODUZIONE Il fabbricante deve seguire un adeguato piano di produzione compatibile con le strutture di produzione e di collaudo utilizzate nella fabbricazione del prodotto SPECIFICHE DELLE PROCEDURE DI SALDATURA (WPS)

36 Norma UNI EN ISO : QUALIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DELLE SALDATURE Le procedure di saldatura devono essere qualificate prima della produzione [Tornare slide 32]

37 Norma UNI EN ISO : ISTRUZIONI DI LAVORO Il costruttore può usare la specifica di procedura di saldatura direttamente in officina a scopo di istruzione. In alternativa, si possono usare istruzioni di lavoro dedicate. Tali istruzioni di lavoro dedicate devono essere preparate sulla base di una specifica di procedura di saldatura qualificata e non richiedono una qualificazione separata PROCEDURE PER LA PREPARAZIONE E IL CONTROLLO DI DOCUMENTI Il costruttore deve predisporre e tenere aggiornate procedure per la preparazione e il controllo di documenti di qualità appropriati (per esempio specifica di procedura di saldatura, verbale di qualifica di procedura di saldatura, certificati di qualifica di saldatori e di operatori di saldatura).

38 Norma UNI EN ISO : MATERIALI DI APPORTO DI SALDATURA 11.1 GENERALITA Devono essere specificate responsabilità e procedure per il controllo dei materiali di apporto di saldatura PROVE PER LOTTO Devono essere richieste prove per lotto dei materiali di apporto solamente se specificato [per esempio nel contratto stipulato secondo la PED 97/23/EC] IMMAGAZZINAMENTO E MOVIMENTAZIONE Il costruttore deve preparare e applicare procedure per l immagazzinamento, la movimentazione e l impiego dei materiali di apporto, in modo da evitare assorbimento di umidità, ossidazione, danneggiamenti, ecc. Le procedure devono essere conformi alle raccomandazioni del fabbricante dei materiali di apporto.

39 Norma UNI EN ISO : IMMAGAZZINAMENTO DEI MATERIALI BASE L immagazzinamento deve essere fatto in modo che i materiali base, inclusi quelli forniti dal cliente, non subiscano danneggiamenti. L identificazione deve essere mantenuta durante l immagazzinamento. [L identificazione deve essere garantita e mantenuta durante l immagazzinamento e durante le fasi di prelievo; l organizzazione deve avere procedure scritte per l identificazione e la rintracciabilità dei materiali di base compresi materiali interni, quelli acquistati e quelli eventualmente forniti dal cliente].

40 Norma UNI EN ISO : TRATTAMENTO TERMICO DOPO LA SALDATURA [PWHT] Il trattamento termico post-saldatura è scarsamente applicabile al settore delle costruzioni. Il costruttore deve essere completamente responsabile delle specifiche e della esecuzione di ogni trattamento termico dopo saldatura. I documenti ISO ai quali è richiesta la conformità per soddisfare i requisiti di qualità sono specificati nella ISO :2005 Prospetto 6 seguendo la ISO/TR

41 Norma UNI EN ISO : ISPEZIONI E CONTROLLI RIGUARDANTI LA SALDATURA Si devono effettuare le ispezioni e le prove applicabili negli stadi appropriati del Processo di fabbricazione, in modo da assicurare la conformità ai requisiti del contratto ISPEZIONE E PROVE PRIMA DELLA SALDATURA 14.3 ISPEZIONE E PROVE DURANTE LA SALDATURA I documenti ISO ai quali è richiesta la conformità per soddisfare i requisiti di qualità sono specificati nella ISO :2005 Prospetto ISPEZIONE E PROVE DOPO LA SALDATURA

42 Norma UNI EN ISO : NON CONFORMITA ED AZIONI CORRETTIVE [procedurate] - Si devono prendere misure per controllare elementi o attività che non sono conformi ai requisiti specificati, in modo da prevenire inavvertitamente la loro accettazione - Quando la riparazione e/o la rilavorazione è eseguita dal costruttore, devono essere disponibili descrizioni delle procedure appropriate in tutti i posti di lavoro dove è eseguita la riparazione o la rilavorazione - Qualora sia eseguita [subfornitore] la riparazione, i pezzi devono essere di nuovo sottoposti a ispezioni, prove e riesame in conformità ai requisiti originali.

43 Norma UNI EN ISO : TARATURA E CONVALIDA DI ATTREZZATURE DI MISURA, ISPEZIONE E PROVA Il costruttore deve essere responsabile dell adeguata taratura o convalida delle attrezzature per le misure, l ispezione e le prove. Tutte le attrezzature usate per valutare la qualità della costruzione devono essere adeguatamente controllate e devono essere tarate o convalidate a intervalli specificati. I documenti ISO ai quali è richiesta la conformità per soddisfare i requisiti di qualità sono specificati nella ISO :2005 Prospetto 9. - Strumenti per la misura delle caratteristiche elettriche - Manometri utilizzati - Chiavi dinamometriche - Termometri per forni e preriscaldi - Tutti gli strumenti campione utilizzati per tarare

44 Norma UNI EN ISO : DOCUMENTI DI REGISTRAZIONE DELLA QUALITÀ I documenti di attestazione della qualità devono comprendere, quando applicabile: - documentazione del riesame dei requisiti e del riesame tecnico; - documenti di ispezione del materiale base; - documenti di ispezione dei materiali di apporto; - specifiche delle procedure di saldatura; - documenti di manutenzione delle attrezzature; - verbali di qualificazione delle procedure di saldatura (WPQR); - certificati dei saldatori o degli operatori di saldatura; - piano di produzione; - certificati del personale addetto ai controlli non distruttivi; - specifiche delle procedure di trattamento termico e registrazioni dei trattamenti termici; - procedure e rapporti dei controlli non distruttivi e delle prove distruttive; - documenti relativi ai controlli dimensionali; - documenti relativi alle riparazioni ed alle non conformità; - altri documenti, se richiesti. Se non è prescritto diversamente, i documenti di attestazione della qualità devono essere conservati per un periodo minimo di cinque anni.

45 LaseriedellenormeUNIENISO3834:2006 E un piacere crescere insieme Grazie per l attenzione!

Requisiti di qualità per la saldatura di tubazioni di polietilene per il convogliamento di gas combustibili, di acqua e di altri fluidi in pressione

Requisiti di qualità per la saldatura di tubazioni di polietilene per il convogliamento di gas combustibili, di acqua e di altri fluidi in pressione NORMA ITALIANA Requisiti di qualità per la saldatura di tubazioni di polietilene per il convogliamento di gas combustibili, di acqua e di altri fluidi in pressione UNI 11024 GENNAIO 2003 Quality requirements

Dettagli

CORSI DI CARATTERE METALLURGICO

CORSI DI CARATTERE METALLURGICO Via Valle Piana 80/28 CORSI DI CARATTERE METALLURGICO ESECUZIONE ED INTERPRETAZIONE DI ESAMI METALLOGRAFICI Tecnici di laboratorio e controllo qualità Nell ambito del controllo della qualità di componenti

Dettagli

NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI:

NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: UNI EN 3834 -Requisiti per la qualità della saldatura UNI EN ISO 9001 -Sistemi di gestione qualità UNI EN ISO 9001 -Sistemi di gestione qualità Centri di trasformazione:

Dettagli

RCS 01 REQUISITI SPECIFICI PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE DEL COORDINATORE DELLA SALDATURA. Pag. 1/10 Rev. 02. Regolamento RCS 01

RCS 01 REQUISITI SPECIFICI PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE DEL COORDINATORE DELLA SALDATURA. Pag. 1/10 Rev. 02. Regolamento RCS 01 CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE DEL Pag. 1/10 Rev. 02 02 13/01/2016 01 29/12/2015 Aggiunta Premessa, sistemato indice, completati par. 4 e 5, aggiunte Leggi Revisione par. 5 Inserimento modalità e durata

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo SC001 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO. 0.2 Documenti IGQ di riferimento. Edizione 2 06/10/10

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo SC001 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO. 0.2 Documenti IGQ di riferimento. Edizione 2 06/10/10 SCHEMA per la certificazione dei tubi di acciaio per il convogliamento di acqua e di altri liquidi acquosi, di cui alla norma UNI EN 10224 - Ed. Marzo 2006 Il presente documento è stato approvato dalla

Dettagli

Riunione Ispettori CSI Spa. Milano, 21 Novembre 2014

Riunione Ispettori CSI Spa. Milano, 21 Novembre 2014 Riunione Ispettori CSI Spa Milano, 21 Novembre 2014 LA NORMATIVA NAZIONALE ( e quella UE) GLI ATTORI COINVOLTI D.M. 14.09.2005 Nuove Norme Tecniche Costruzioni D.M. 14.01.08 Nuove Norme Tecniche Costruzioni

Dettagli

CENTRO DI TRASFORMAZIONE

CENTRO DI TRASFORMAZIONE DEFINIZIONE (NTC 11.3.1.7): Un impianto esterno alla fabbrica... che riceve dal produttore di acciaio elementi base... e confeziona elementi strutturali direttamente impiegabili in cantiere I centri di

Dettagli

Know how in pillole: Il COORDINATORE DELLA SALDATURA Welding Coordinator Competenze e Responsabilità nei Sistemi UNI EN ISO 3834 e UNI EN 1090

Know how in pillole: Il COORDINATORE DELLA SALDATURA Welding Coordinator Competenze e Responsabilità nei Sistemi UNI EN ISO 3834 e UNI EN 1090 Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la serie di Newsletter legate agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV costituiti o in fase di costituzione. Questa volta la pillola formativa si riferisce al

Dettagli

Il controllo tecnico delle strutture metalliche

Il controllo tecnico delle strutture metalliche Il controllo tecnico delle strutture metalliche Marco Torricelli, Ingegnere, Controllo Tecnico Strutture Il controllo tecnico delle strutture metalliche è regolato dal Decreto Ministeriale del 14/1/08

Dettagli

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE di componenti per strutture di acciaio e d alluminio cui alla norma UNI EN 1090-1:2012 0 STORIA Edizione

Dettagli

Agrigento, 18 giugno 2014. Geom. Raffaello Dellamotta Tel. 0541-322.234 r.dellamotta@giordano.it

Agrigento, 18 giugno 2014. Geom. Raffaello Dellamotta Tel. 0541-322.234 r.dellamotta@giordano.it . Come identificarlo, certificarlo e controllarlo attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011 Specificazione e qualificazione delle procedure di saldatura per materiali metallici come richiesto dalla EN

Dettagli

Il ruolo di sorveglianza in saldatura del Direttore Lavori nei cantieri edili

Il ruolo di sorveglianza in saldatura del Direttore Lavori nei cantieri edili 75 Convegno ATE - ASSOCIAZIONE TECNOLOGI PER L EDILIZIA: Il ruolo di sorveglianza in saldatura del Direttore Lavori nei cantieri edili Materiale a cura di: DOTT. ING. CARMELO CATALANO (AREA SALDATURA AQM:

Dettagli

Manuale della qualità delle saldature secondo la norma UNI EN ISO 3834:2006 parte seconda requisiti di qualità estesa

Manuale della qualità delle saldature secondo la norma UNI EN ISO 3834:2006 parte seconda requisiti di qualità estesa Manuale della qualità delle saldature secondo la norma UNI EN ISO 3834:2006 parte seconda requisiti di qualità estesa UNI EN ISO 3834:2006 parte 2 Pag. 1 di 11 NORMA UNI EN ISO 3834:2006-2 Capitolo del

Dettagli

I PROCESSI SPECIALI NELL INDUSTRIA

I PROCESSI SPECIALI NELL INDUSTRIA I PROCESSI SPECIALI NELL INDUSTRIA (SALDATURA, CONTROLLI NON DISTRUTTIVI, TRATTAMENTI TERMICI E SUPERFICIALI, LAVORAZIONI SPECIALI) COME VALIDARE I PROCESSI PER GARANTIRE LA QUALITÀ, L AFFIDABILITÀ E LA

Dettagli

MODULI DI CONFORMITA I & F BUREAU VERITAS ITALIA

MODULI DI CONFORMITA I & F BUREAU VERITAS ITALIA MODULI DI CONFORMITA DIRETTIVA 97/23/EC del 29/05/1997 MODULO A (Controllo di fabbricazione interno) Nell ambito di questa procedura il fabbricante si accerta e dichiara che le attrezzature a pressione

Dettagli

Professionisti nella consulenza, formazione e certificazione in saldatura

Professionisti nella consulenza, formazione e certificazione in saldatura Professionisti nella consulenza, formazione e certificazione in saldatura Masterweld Nata agli inizi del 2010, dall unione di due professionisti, Masterweld ha come obiettivo principale quello di fronteggiare

Dettagli

Saldature in cantiere alla luce della prossima entrata in vigore della UNI EN 1090

Saldature in cantiere alla luce della prossima entrata in vigore della UNI EN 1090 Saldature in cantiere alla luce della prossima entrata in vigore della UNI EN 1090 Come noto per gli addetti del settore, dal 1 Luglio 2014 diventerà obbligatoria anche in Italia l applicazione della UNI

Dettagli

Nuova edizione Linee Guida La gestione e controllo del processo di protezione dalla corrosione

Nuova edizione Linee Guida La gestione e controllo del processo di protezione dalla corrosione Convegno AICQ Settore trasporto su rotaia Giovedì 11 Dicembre 2014 Nuova edizione Linee Guida La gestione e controllo del processo di protezione dalla corrosione Introduzione alle Linee Guida AICQ La necessità

Dettagli

La norma EN 1090-1: il controllo del processo di progettazione e le specifiche per la produzione

La norma EN 1090-1: il controllo del processo di progettazione e le specifiche per la produzione Regolamento (UE) n.305/11 e norme del gruppo EN1090 La Marcatura CE delle strutture metalliche alla luce delle Norme tecniche per le Costruzioni Firenze, 30/10/2014 La norma EN 1090-1: il controllo del

Dettagli

www.airliquidewelding.it

www.airliquidewelding.it www.airliquidewelding.it Con il 1 luglio 2014 diventa cogente la norma EN 1090-1: 2009/EC 1-2011. La norma è rivolta ai produttori di componenti strutturali in acciaio o in alluminio, o parti di essi,

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE MECCANICA; PRODUZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE; IMPIANTISTICA Processo Lavorazioni Meccaniche

Dettagli

La messa in opera delle strutture metalliche: dall accettazione delle opere in cantiere al montaggio delle strutture. Ing. Igor SOLUSTRI ICIC SPA

La messa in opera delle strutture metalliche: dall accettazione delle opere in cantiere al montaggio delle strutture. Ing. Igor SOLUSTRI ICIC SPA REGOLAMENTO (UE) N.305/11 E NORME DEL GRUPPO EN1090 LA MARCATURA CE DELLE STRUTTURE METALLICHE ALLA LUCE DELLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI FIRENZE, 30/10/2014 La messa in opera delle strutture metalliche:

Dettagli

LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA EN 1090-1

LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA EN 1090-1 LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA RINA Services S.p.A. LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA 1. Il panorama normativo: opere

Dettagli

EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001. Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205

EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001. Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205 EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001 Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205 Sommario Come è nata la EN 9100 Gli Standard Aerospaziali Emessi In studio La Norma EN 9100 - I

Dettagli

MANUALE DEL CONTROLLO DELLA PRODUZIONE DI FABBRICA - F.P.C.

MANUALE DEL CONTROLLO DELLA PRODUZIONE DI FABBRICA - F.P.C. MANUALE DEL CONTROLLO DELLA PRODUZIONE IN FABBRICA RIFERITO ALLA NORMA EN 1090-1:2009+A1:2011 Esecuzione di strutture di acciaio e di alluminio - Parte 1: Requisiti per la valutazione di conformità dei

Dettagli

REQUISITI PROCESSO DI SALDATURA di cui al par. 11.3.4.5 delle NTC2008

REQUISITI PROCESSO DI SALDATURA di cui al par. 11.3.4.5 delle NTC2008 Requisito Travi PREM 2015 di cui al par. 11.3.4.5 delle NTC2008 Procedimento all arco elettrico (ammessi procedimenti diversi previa adeguata doc. tecnica e sperimentale) Qualifica (certificati) saldatori

Dettagli

SOMMARIO 1. CALCESTRUZZO... 2 2. ACCIAIO DA C.A. (DEL TIPO B450C)... 3 3. ACCIAIO PER CARPENTERIA METALLICA... 4 MANDANTE:

SOMMARIO 1. CALCESTRUZZO... 2 2. ACCIAIO DA C.A. (DEL TIPO B450C)... 3 3. ACCIAIO PER CARPENTERIA METALLICA... 4 MANDANTE: SOMMARIO 1. CALCESTRUZZO... 2 2. ACCIAIO DA C.A. (DEL TIPO B450C)... 3 3. ACCIAIO PER CARPENTERIA METALLICA... 4 1 1. Calcestruzzo Classe di esposizione: XC1 (elevazione) XC2 (fondazione) Classe di consistenza:

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE

ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE Mod. Val. 6 Rev. 05 del 28/08/2015 1/4 RELAZIONE TECNICA PER ATTIVITA' CONNESSA ALL'APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA 2010/35/UE DI BOMBOLE QUADRO A Protocollo UOT n del Produzione su commessa: QUADRO B FABBRICANTE

Dettagli

ACCREDIA e la certificazione del personale addetto ai controlli non distruttivi: gli Organismi di Certificazione Accreditati

ACCREDIA e la certificazione del personale addetto ai controlli non distruttivi: gli Organismi di Certificazione Accreditati ACCREDIA e la certificazione del personale addetto ai controlli non distruttivi: gli Organismi di Certificazione Accreditati reggiani@tec-eurolab.com 1 TECNOLOGIA DEI MATERIALI (ACCREDIA DL) PND PROVE

Dettagli

Cosa si intende per Marcatura CE?

Cosa si intende per Marcatura CE? Cosa si intende per Marcatura CE? Attraverso l'apposizione del Marchio CE, il fabbricante, il suo rappresentante o l'importatore assicurano che il prodotto sia conforme ai requisiti richiesti dalle Direttive

Dettagli

International Studies Ltd

International Studies Ltd www.internationalstudies.ltd.uk info@internationalstudies.ltd.uk pag. 1 di 6 Utilizzo dell acciaio in edilizia mediante saldatura e redazione delle WPS L'impiego dei processi di saldatura nel settore delle

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei profilati cavi di acciai non legati e a grano fine per impieghi strutturali di cui alle norme UNI

Dettagli

Centri di Trasformazione: requisiti secondo il D.M. 14 gennaio 2008

Centri di Trasformazione: requisiti secondo il D.M. 14 gennaio 2008 75 Convegno ATE - ASSOCIAZIONE TECNOLOGI PER L EDILIZIA: Le Saldature in Cantiere Centri di Trasformazione: requisiti secondo il D.M. 14 gennaio 2008 Materiale a cura di: P.I. BENEDETTO SCOTTI (AREA CONSULTING

Dettagli

I futuri obblighi di marcatura dei manufatti Dalla Iso3834 alla EN 1090

I futuri obblighi di marcatura dei manufatti Dalla Iso3834 alla EN 1090 Seminario: Elementi strutturali in acciaio; I futuri obblighi di marcatura dei manufatti Dalla Iso3834 alla EN 1090 Relatore: Ing. Filippo Lago Certification Product Manager Distretto Nord est RINA Services

Dettagli

UNI EN ISO 15614-2 Specificazione e qualificazione delle procedure di saldatura per materiali metallici - Prove di

UNI EN ISO 15614-2 Specificazione e qualificazione delle procedure di saldatura per materiali metallici - Prove di DESCRIZIONE FIGURA PROFESSIONALE Il presente Regolamento definisce le modalità di qualificazione e certificazione delle seguenti Figure Professionali: Saldatore: persona che esegue manualmente l operazione

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA 1 SCOPO... 1 2 RIFERIMENTI... 1 3 APPLICABILITÀ... 1 4 CLAUSOLE GENERALI... 2 4.1 Accesso allo stabilimento... 2 4.2 Riservatezza... 2 4.3 Sub-fornitura... 2 4.4 Garanzia... 2 5 DISPOSIZIONI IN MATERIA

Dettagli

VERIFICHE SUI GIUNTI DI SALDATURA DI GEOMEMBRANE IN HDPE PER L IMPERMEABILIZZAZIONE DEL SUOLO DI DISCARICHE CONTROLLATE

VERIFICHE SUI GIUNTI DI SALDATURA DI GEOMEMBRANE IN HDPE PER L IMPERMEABILIZZAZIONE DEL SUOLO DI DISCARICHE CONTROLLATE VERIFICHE SUI GIUNTI DI SALDATURA DI GEOMEMBRANE IN HDPE PER L IMPERMEABILIZZAZIONE DEL SUOLO DI DISCARICHE CONTROLLATE (ai sensi della Norma UNI 10567) La C.S.A. srl svolge le funzioni di Ente di Controllo

Dettagli

EN 1090?? Lorch Schweißtechnik GmbH www.lorch.eu

EN 1090?? Lorch Schweißtechnik GmbH www.lorch.eu EN 1090?? Lorch Schweißtechnik GmbH www.lorch.eu DM 14-01-2008 Nuove Norme Tecniche per le Costruzioni EN 1090 Marcatura CE delle strutture in acciaio UNI EN ISO 3834.1:2006 Requisiti di Qualità per la

Dettagli

NORME SULLA DESIGNAZIONE E CONTROLLO DEI GIUNTI SALDATI

NORME SULLA DESIGNAZIONE E CONTROLLO DEI GIUNTI SALDATI TRENITALIA S.p.A. UNITA' TECNOLOGIE MATERIALE ROTABILE DIREZIONE RICERCA, INGEGNERIA E COSTRUZIONI TECNICA E RICERCA Tecnologie Specialistiche NORME SULLA DESIGNAZIONE E CONTROLLO DEI GIUNTI SALDATI Specifica

Dettagli

Rappresentazione delle saldature

Rappresentazione delle saldature TIPI DI GIUNTI SALDATI (UNI 1307-2a parte) Si definisce giunto saldato la zona in cui avviene il collegamento dei pezzi mediante saldatura. Le superfici minori dei pezzi, vicine e interessate alla saldatura,

Dettagli

Trieste 28 Febbraio 2011

Trieste 28 Febbraio 2011 CERTIFICAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE ISO 3834: 2009 Requisiti di qualità della saldatura per fusione dei materiali metallici Trieste 28 Febbraio 2011 Roberto Silvestrin I patentini per la saldatura I

Dettagli

Regole particolari per la certificazione di procedimenti di brasatura (BPS) e di saldatura (WPS)

Regole particolari per la certificazione di procedimenti di brasatura (BPS) e di saldatura (WPS) Regole particolari per la certificazione di procedimenti di brasatura (BPS) e di saldatura (WPS) 1 31-05-2013 Aggiunta cert. procedimenti di saldatura ISP ISG DIR 0 22-03-2013 Emissione cert. Procedimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA QUALIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI SALDATURA/BRASATURA

REGOLAMENTO PER LA QUALIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI SALDATURA/BRASATURA Pagina 1 di 5 Indice 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. TERMINI E DEFINIZIONI... 2 1. RICHIESTA DI CERTIFICAZIONE ED AVVIO ITER CERTIFICATIVO... 2 4. ESECUZIONE DEI SAGGI... 3 4.1 Attività presso

Dettagli

2016 Percorsi di Crescita Professionale

2016 Percorsi di Crescita Professionale CALENDARIO CORSI DI FORMAZIONE 2016 Percorsi di Crescita Professionale Percorsi di crescita professionale CONTROLLI NON DISTRUTTIVI Corsi sui vari metodi dei Controlli Non Distruttivi per formare operatori

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP007 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO 0.2 DOCUMENTI IGQ DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP007 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO 0.2 DOCUMENTI IGQ DI RIFERIMENTO SCHEMA per il rilascio del certificato di costanza della prestazione ai fine della marcatura CE di segnali permanenti di cui alla norma UNI EN 12899 1 ed. 2008 0 STORIA Edizione 0 14/10/2009 Schema per

Dettagli

CEPAS srl Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: certificazione@cepas.it Sito internet: www.cepas.

CEPAS srl Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: certificazione@cepas.it Sito internet: www.cepas. Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: certificazione@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu PROCEDURA GESTIONALE sigla: PG10 Pag. 1 di 7 - AUDITOR E RESPONSABILI DEL

Dettagli

Mario MARZIANO Divisione Industria Innovation & NDT Manager Mob. (+39) 342 1913516 mail: mario.marziano@it.bureauveritas.com

Mario MARZIANO Divisione Industria Innovation & NDT Manager Mob. (+39) 342 1913516 mail: mario.marziano@it.bureauveritas.com Applicazione dei Controlli Non Distruttivi (CnD) su "Strutture metalliche Marcate CE in Acciaio e Alluminio" nell'ambito della Conformità alla Norma UNI EN 1090-1 Mario MARZIANO Divisione Industria Innovation

Dettagli

Condizioni generali di fornitura Specifica AERON

Condizioni generali di fornitura Specifica AERON INDICE 1 - SCOPO...2 2 APPLICABILITÀ E RESPONSABILITÀ...2 3 - RIFERIMENTI E DEFINIZIONI...2 4 - DESCRIZIONE ATTIVITÀ...3 4.1 ACCESSO ALLO STABILIMENTO...3 4.2 IMBALLO PER LA SPEDIZIONE (IN AGGIUNTA AL

Dettagli

SEMINARIO Macchine e attrezzature di lavoro: i controlli del datore di lavoro sugli apparecchi di sollevamento materiali.

SEMINARIO Macchine e attrezzature di lavoro: i controlli del datore di lavoro sugli apparecchi di sollevamento materiali. Settore Ricerca, Certificazione e Verifica Dipartimento Tecnologie di Sicurezza SEMINARIO Macchine e attrezzature di lavoro: i controlli del datore di lavoro sugli apparecchi di sollevamento materiali

Dettagli

Materiali e prodotti per uso strutturale: Acciaio

Materiali e prodotti per uso strutturale: Acciaio I controlli di accettazione dei materiali e componenti strutturali: calcestruzzo, acciaio, acciaio da carpenteria metallica MECI 2015 Lariofiere 11 aprile 2015 Materiali e prodotti per uso strutturale:

Dettagli

La marcatura CE per le pietre naturali

La marcatura CE per le pietre naturali La marcatura CE per le pietre naturali Volargne,, 28-11-2006 Clara Miramonti Funzionario Tecnico Divisione Costruzioni UNI Norme europee armonizzate sui prodotti di pietra per pavimentazioni esterne 21

Dettagli

Gli autori hanno realizzato questa pubblicazione nell ambito dell attività del Centro Studi Saldatura dell Associazione Italiana di Metallurgia

Gli autori hanno realizzato questa pubblicazione nell ambito dell attività del Centro Studi Saldatura dell Associazione Italiana di Metallurgia A09 140 Gli autori hanno realizzato questa pubblicazione nell ambito dell attività del Centro Studi Saldatura dell Associazione Italiana di Metallurgia (AIM), coadiuvati dai seguenti componenti del Centro:

Dettagli

SCHEMA. Mandato CEN M/120 Prodotti metallici per impieghi strutturali e loro accessori.

SCHEMA. Mandato CEN M/120 Prodotti metallici per impieghi strutturali e loro accessori. SCHEMA per la certificazione del controllo di produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei prodotti di alluminio e di leghe di alluminio cui alla norma UNI EN 15088:2006 0 STORIA Edizione 0 08/06/2012

Dettagli

, ' *-- ' " $!,"""&& # " $%

, ' *-- '  $!,&& #  $% ! "#$ %"&"" $$' " (#! %")" * +'#!", ' *-- ' " $!,"""&& # " $% &' ())* %")" + +' # ++,! " %"" '+'$ " $( ++ %"&"" ' " '! $- &(.)'.())/ &/0 # $ %. " (' ' 1 + $ *2.&)/.33./ 0' 12' 3, & 4 5 3./.22, 4) 5 " &

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA QUALITA 1 di 11 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI FORNITURE DI PRODOTTI SULLA BASE DI DOCUMENTI DI PIANIFICAZIONE DELLA Parte PARTE I I.1 PREMESSA Titolo I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE

Dettagli

¼¼DIGISTAR PULSE ¼¼DIGITECH VISION PULSE

¼¼DIGISTAR PULSE ¼¼DIGITECH VISION PULSE UN PASSO NEL FUTURO Con i generatori inverter CONVEX, DIGISTAR e DIGITECH vision PULSE si entra nel futuro della saldatura MIG/MAG: inneschi perfetti e bagno di saldatura sempre sotto controllo grazie

Dettagli

Implementazione e certificazione del sistema di gestione per la qualità in conformità alle norme ISO 9001 -ISO 3834

Implementazione e certificazione del sistema di gestione per la qualità in conformità alle norme ISO 9001 -ISO 3834 I.S.I.S. A. Malignani - Udine Implementazione e certificazione del sistema di gestione per la qualità in conformità alle norme ISO 9001 -ISO 3834 09/06/2011 Franco Diracca - Quasar srl Cosa chiede la legge?

Dettagli

EN 1090. La marcatura CE diventa più facile. www.saf-fro.it

EN 1090. La marcatura CE diventa più facile. www.saf-fro.it EN 1090 La marcatura CE diventa più facile www.saf-fro.it EN 1090 PACCHETTO PER CERTIFICAZIONE EN 1090. Copertura delle applicazioni per saldatura superiore all 80%: Per ulteriori informazioni, visitate

Dettagli

Sistema di gestione. Criteri di acquisto e di controllo dell acciaio per opere. in carpenteria metallica pagina 1 di 7

Sistema di gestione. Criteri di acquisto e di controllo dell acciaio per opere. in carpenteria metallica pagina 1 di 7 in carpenteria metallica pagina 1 di 7 0 2014-07-07 Aggiornamenti secondo Reg. Eu. 305-2011 Servizio QSA Luca Bosi REV DATA DESCRIZIONE DELLE MODIFICHE PREPARATO VERIFICATO E APPROVATO 1.0 SCOPO Si stabiliscono

Dettagli

METAL SERVICES GROUP www.metalservices.it www.labmet.it www.ndtservices.it. Your Business Partner In Testing And Inspection

METAL SERVICES GROUP www.metalservices.it www.labmet.it www.ndtservices.it. Your Business Partner In Testing And Inspection METAL SERVICES GROUP www.metalservices.it www.labmet.it www.ndtservices.it Your Business Partner In Testing And Inspection METAL SERVICES GROUP COMPANY PROFILE 2 Laboratori di Prova in ITALIA 1 Laboratori

Dettagli

MARCATURA CE DIRETTIVA 97/23 PED

MARCATURA CE DIRETTIVA 97/23 PED MARCATURA CE DIRETTIVA 97/23 PED (Pressure Equipment Directive) Campo di applicazione La Direttiva si applica alla progettazione, fabbricazione e valutazione di conformità delle attrezzature a pressione

Dettagli

Linee Guida AICQ Incollaggio Parte 5 Manutenzione e Riparazione

Linee Guida AICQ Incollaggio Parte 5 Manutenzione e Riparazione Direzione Tecnica Ingegneria Rotabili e Tecnologie di Base Tecnologie Meccaniche e Sistemi Frenanti - Sistemi e Componenti Meccanici - Sistemi Frenanti - Processi Speciali Autori: Nannini Andrea e-mail:

Dettagli

ISO/IEC 17025 : 2005 per i Laboratori di Prova

ISO/IEC 17025 : 2005 per i Laboratori di Prova ISO/IEC 17025 : 2005 per i Laboratori di Prova Perugia, 30 giugno 2005 D.ssa Daniela Vita ISO/IEC 17025:2005 1 Differenza tra UNI EN ISO 9001:2000 e ISO/IEC 17025:2005 La norma UNI EN ISO 9001:2000 definisce

Dettagli

LE STRUTTURE DI CARPENTERIA METALLICA: DALLA DIRETTIVA PRODOTTI DA COSTRUZIONE ALLE NORME EN 1090

LE STRUTTURE DI CARPENTERIA METALLICA: DALLA DIRETTIVA PRODOTTI DA COSTRUZIONE ALLE NORME EN 1090 LE STRUTTURE DI CARPENTERIA METALLICA: DALLA DIRETTIVA PRODOTTI DA COSTRUZIONE ALLE NORME EN 1090 COME DEVONO OPERARE LE OFFICINE DI FABBRICAZIONE DI PRODOTTI METALLICI CHE DEVONO ESSERE INCORPORATE IN

Dettagli

La qualifica dei saldatori: la nuova ISO 9606-1: 2013

La qualifica dei saldatori: la nuova ISO 9606-1: 2013 La qualifica dei saldatori: la nuova ISO 9606-1: 2013 A cura di Agostino Paggin Direttore Tecnico presso International Weld QUALIFICA DEI SALDATORI È uscita lo scorso 21 novembre la nuova norma UNI EN

Dettagli

Pacchetti WPS universali per saldature MIG/MAG e MMA

Pacchetti WPS universali per saldature MIG/MAG e MMA Pacchetti WPS universali per saldature MIG/MAG e MMA Adeguatevi alla norma EN 1090 con Kemppi Vantaggi La soluzione più completa disponibile oggi, che copre il lavoro sia in officina che in cantiere per

Dettagli

GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE

GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE Procedura Operativa 11/02/11 Pag. 1 di 8 GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE PER MISURAZIONI E MONITORAGGI 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli /

Dettagli

GESTIONE DELLA PRODUZIONE

GESTIONE DELLA PRODUZIONE 25/02/2011 Pag. 1 di 5 GESTIONE DELLA PRODUZIONE 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4. RESPONSABILITÀ... 2 5. DEFINIZIONI...

Dettagli

Aspetti tecnici della norma per le costruzioni in acciaio. Fabio Querci RINA Services S.p.A. Product Certification Central Italy

Aspetti tecnici della norma per le costruzioni in acciaio. Fabio Querci RINA Services S.p.A. Product Certification Central Italy Aspetti tecnici della norma per le costruzioni in acciaio Fabio Querci RINA Services S.p.A. Product Certification Central Italy 1 Scelta della classe di esecuzione, il primo passo: I COMPONENTI SONO IDENTIFICATI

Dettagli

4.6 APPROVVIGIONAMENTO

4.6 APPROVVIGIONAMENTO Unione Industriale 43 di 94 4.6 APPROVVIGIONAMENTO 4.6.1 Generalità Il capitolo indica le modalità con le quali la filatura conto terzi deve gestire il rapporto di subfornitura nell ambito di un sistema

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA QUALIFICAZIONE E CERTIFICAZIONE DEL PERSONALE ADDETTO ALLA SALDATURA

REGOLAMENTO PER LA QUALIFICAZIONE E CERTIFICAZIONE DEL PERSONALE ADDETTO ALLA SALDATURA Pagina 1 di 7 Indice 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 3. TERMINI E DEFINIZIONI... 2 4. DOMANDA DI CERTIFICAZIONE ED AVVIO ITER CERTIFICATIVO... 2 5. ESECUZIONE DEI

Dettagli

Il Decreto 11 Aprile 2011: Novità, applicazioni, conseguenze. Ing.Vittorio Mazzocchi Gennaio 2012

Il Decreto 11 Aprile 2011: Novità, applicazioni, conseguenze. Ing.Vittorio Mazzocchi Gennaio 2012 Il Decreto 11 Aprile 2011: Novità, applicazioni, conseguenze Ing.Vittorio Mazzocchi Gennaio 2012 Indice Introduzione pag. 3 Soggetti previsti per le verifiche periodiche pag. 4-6 Registro nazionale e registri

Dettagli

CONTROLLO SALDATURE IN SITO STRUTTURA METALLICA SALDATA XXXXXXXXXXX

CONTROLLO SALDATURE IN SITO STRUTTURA METALLICA SALDATA XXXXXXXXXXX CONTROLLO SALDATURE IN SITO STRUTTURA METALLICA SALDATA XXXXXXXXXXXX Prova n 958/AA 27 aprile 2011 Committente: Relatore: XXXXXXXXXXX ing. Andrea Cimino Ristrutturazione edificio in centro storico Rif:

Dettagli

SCHEMA per la certificazione dei tubi, raccordi ed accessori di ghisa sferoidale e relativi giunti per fognature, di cui alla norma UNI EN 598:2009

SCHEMA per la certificazione dei tubi, raccordi ed accessori di ghisa sferoidale e relativi giunti per fognature, di cui alla norma UNI EN 598:2009 SCHEMA per la certificazione dei tubi, raccordi ed accessori di ghisa sferoidale e relativi giunti per fognature, di cui alla norma UNI EN 598:2009 Il presente documento è stato approvato dalla Commissione

Dettagli

Sistema di Qualificazione delle imprese per i servizi di manutenzione dei mezzi d opera

Sistema di Qualificazione delle imprese per i servizi di manutenzione dei mezzi d opera Sistema di Qualificazione delle imprese per i servizi di manutenzione dei mezzi d opera Schede Tecniche Indice Rev. 4 settembre 2011 Scheda Rev. Titolo Pag. MO 4 Manutenzione ordinaria, Verifiche Annuali

Dettagli

CONTROLLO INIZIALE, SORVEGLIANZA, CONTROLLO PERIODICO, REVISIONE PROGRAMMATA ED IL COLLAUDO DEGLI ESTINTORI DI INCENDIO, QUALE NORMA SEGUIRE?

CONTROLLO INIZIALE, SORVEGLIANZA, CONTROLLO PERIODICO, REVISIONE PROGRAMMATA ED IL COLLAUDO DEGLI ESTINTORI DI INCENDIO, QUALE NORMA SEGUIRE? Il 20 Giugno 2013 dopo 10 anni è stata diffusa la nuova norma per gli estintori di incendio nella sua parte 1, la norma UNI 9994-1 edizione Giugno 2013 va a sostituire la norma UNI 9994:2003. Qui sotto

Dettagli

CONTRIBUTI FORMAZIONE CORSO CND: METODO PARTICELLE MAGNETICHE (MT)

CONTRIBUTI FORMAZIONE CORSO CND: METODO PARTICELLE MAGNETICHE (MT) JKO Consulting s.r.l. Sede Legale :Viale delle Nazioni Unite, 80 38057 Pergine Valsugana fraz. Canale (TN) Sede Operativa: Via IV Novembre 95b 38121 TRENTO Tel: 348/4150336 fax: 02/70033828 SKYPE: letizia_ver

Dettagli

ACCIAI PER STRUTTURE METALLICHE E STRUTTURE COMPOSTE

ACCIAI PER STRUTTURE METALLICHE E STRUTTURE COMPOSTE ACCIAI PER STRUTTURE METALLICHE E STRUTTURE COMPOSTE Documentazione di conformità secondo le nuove Norme Tecniche delle Costruzioni (DM 14 Gennaio 2008) Ing. Lorenzo Di Gregorio PRESIDER Srl Bastia Umbra,

Dettagli

«REGOLAMENTO SPECIFICO» per la Certificazione di Sistemi di Gestione per la Saldatura in accordo alle norme UNI EN ISO 3834 (parti 2 a - 3 a - 4 a )

«REGOLAMENTO SPECIFICO» per la Certificazione di Sistemi di Gestione per la Saldatura in accordo alle norme UNI EN ISO 3834 (parti 2 a - 3 a - 4 a ) Document No.: Revision: Date: Replace: Page: ZEOIT-4-RG129 (I)_ISO 3834 4 2014-10-22 3 1 of 18 Prepared by: Reviewed by: Approved by: Valid for: C. Coppa F.V. Ferrari, P. Talucci Z. Beltrami All in DNV

Dettagli

VT CONTROLLO VISIVO CORSO PER OPERATORI DI II LIVELLO TOTALE ORE : 40 PARTE 1 - PRINCIPI DEL METODO VT 1.0) FONDAMENTI DELL ESAME VT - Energia luminosa - Formazione dell'immagine - Sorgenti luminose -

Dettagli

La nuova UNI EN 1090-1

La nuova UNI EN 1090-1 . Come identificarlo, certificarlo e controllarlo attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011 La nuova UNI EN 1090-1 Agrigento, 18 giugno 2014 Geom. Raffaello Dellamotta Tel. 0541-322.324 r.dellamotta@giordano.it

Dettagli

REQUISITI QUALITA Conformi alla norma ISO 3834-2

REQUISITI QUALITA Conformi alla norma ISO 3834-2 REQUISITI QUALITA Conformi alla norma ISO 3834-2 Coordinatore di Saldartura Responsabile coordinamento attività di Saldatura (CS) Welding Engineer Compiti e responsabilità secondo ISO 473 PROCEDIMENTI

Dettagli

Laboratorio prove, Analisi e controlli

Laboratorio prove, Analisi e controlli Laboratorio prove, Analisi e controlli ENVIRONMENT & SUSTAINABILITY Marine Energy Business Assurance Transport & Infrastructures IFIs, Banks and Investors INNOVATION chi SIAMO RINA SERVICES S.p.A. è la

Dettagli

Operatore TIG automatica (orbitale)

Operatore TIG automatica (orbitale) Operatore TIG automatica (orbitale) GTAW(TIG) MANUALE E ORBITALE Parametri che influenzano la saldatura TIG TUNGSTEN INERT GAS, ovvero saldatura con elettrodo di tungsteno in atmosfera di gas inerte Diametro

Dettagli

Direttiva PED 97/23/CE

Direttiva PED 97/23/CE Direttiva PED 97/23/CE La Direttiva Attrezzature a Pressione, 97/23/CE, comunemente nota come Direttiva PED, è una direttiva emanata dall Unione Europea, recepita in Italia con il D.Lgs N. 93/2000. Essa

Dettagli

RELAZIONE TECNICA VV.F

RELAZIONE TECNICA VV.F VAR. MET.: DERIVAZ. PER MARATEA DN 250 (10 ) - 75 bar L = 508 m RELAZIONE TECNICA VV.F 3 Nov. 12 Emissione per permessi con inserita P.E. Faragasso Lupinacci Barci 2 Giu. 12 Variato tracciato Inserita

Dettagli

Lo stabilimento di Costa Volpino, una delle più grandi trafile a freddo in Europa, vanta una tradizione di oltre cinquant anni nello sviluppo e

Lo stabilimento di Costa Volpino, una delle più grandi trafile a freddo in Europa, vanta una tradizione di oltre cinquant anni nello sviluppo e Lo stabilimento di Costa Volpino, una delle più grandi trafile a freddo in Europa, vanta una tradizione di oltre cinquant anni nello sviluppo e fornitura di prodotti di medio e grande diametro con elevate

Dettagli

Presentazione. Posizione e copertura

Presentazione. Posizione e copertura Carta dei servizi Presentazione GUBIMEC S.r.l. nasce nel 2012 come frutto di un attenta analisi del mercato e delle esigenze dell industria nazionale. L azienda cresce costantemente anche grazie alla sempre

Dettagli

LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA EN 1090-1

LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA EN 1090-1 LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA EN 1090-1 Igor SOLUSTRI RINA Services S.p.A. Product Certification Central Italy LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI

Dettagli

Centro Sviluppo & Formazione

Centro Sviluppo & Formazione Centro Sviluppo & Formazione www.airliquidewelding.com Gli obiettivi Fondato nel 1902, il gruppo AIR LIQUIDE vanta più di un secolo di presenza nel settore dei gas industriali e medicinali, in cui ha un

Dettagli

Corso sui CONTROLLI NON DISTRUTTIVI DI STRUTTURE E MANUFATTI IN ACCIAIO

Corso sui CONTROLLI NON DISTRUTTIVI DI STRUTTURE E MANUFATTI IN ACCIAIO Corso sui CONTROLLI NON DISTRUTTIVI DI STRUTTURE E MANUFATTI IN ACCIAIO Formazione certificata Formazione certificata valida per l accesso valida per all ESAME l accesso I-II LIVELLO all ESAME RINA II

Dettagli

Lista di controllo Saldatura e taglio (procedimenti ad arco)

Lista di controllo Saldatura e taglio (procedimenti ad arco) Sicurezza realizzabile Lista di controllo Saldatura e taglio (procedimenti ad arco) Potete affermare che nella vostra azienda gli impianti di saldatura ad arco sono sicuri? Le persone addette alla saldatura

Dettagli

Settore Trasporto su Rotaia

Settore Trasporto su Rotaia Linee Guida - Protezione dalla corrosione nel Settore Ferroviario Parte 4 Formazione, Qualificazione e Certificazione del Personale Parte 2 Certificazione aziendale di Terza Parte Parte 2: Gestione e Controllo

Dettagli

Viega Megapress. Il sistema a pressare per tubi di acciaio a parete normale.

Viega Megapress. Il sistema a pressare per tubi di acciaio a parete normale. Viega Megapress Il sistema a pressare per tubi di acciaio a parete normale. Descrizione sistema Impiego previsto Il sistema Megapress è adatto all impiego per impianti di riscaldamento, raffreddamento

Dettagli

DEL MARCHIO BV SU TUBI FLESSIBILI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER ALLACCIAMENTO DI APPARECCHI A GAS PER USO DOMESTICO E SIMILARE A NORMA UNI 11353

DEL MARCHIO BV SU TUBI FLESSIBILI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER ALLACCIAMENTO DI APPARECCHI A GAS PER USO DOMESTICO E SIMILARE A NORMA UNI 11353 PROCEDURA OPERATIVA REGOLE PARTICOLARI PER LA IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER GAS PER USO DOMESTICO E 0 24/06/2011 LTM CSI del 07/07/2011 1 di 8 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2 RIFERIMENTI NORMATIVI

Dettagli

DIRETTIVA 97/23/CE PED PER LE ATTREZZATURE ED INSIEMI A PRESSIONE SEMINARIO INFORMATIVO DICEMBRE 2003

DIRETTIVA 97/23/CE PED PER LE ATTREZZATURE ED INSIEMI A PRESSIONE SEMINARIO INFORMATIVO DICEMBRE 2003 DIRETTIVA 97/23/CE PED PER LE ATTREZZATURE ED INSIEMI A PRESSIONE SEMINARIO INFORMATIVO DICEMBRE 2003 IL D.LGS 93 DEL 25.02.2000 E LA DIRETTIVA PED PER LE APPARECCHIATURE E GLI IMPIANTI A PRESSIONE LA

Dettagli

PARAPETTI PROVVISORI PREFABBRICATI: MANUTENZIONE E MESSA IN SERVIZIO

PARAPETTI PROVVISORI PREFABBRICATI: MANUTENZIONE E MESSA IN SERVIZIO PARAPETTI PROVVISORI PREFABBRICATI: MANUTENZIONE E MESSA IN SERVIZIO l di Luigi Cortis Primo ricercatore e Luca Rossi Ricercatore Dipartimento Tecnologie di Sicurezza ISPESL Osservatorio a cura dell Ufficio

Dettagli

Lezione. Tecnica delle Costruzioni

Lezione. Tecnica delle Costruzioni Lezione Tecnica delle Costruzioni Collegamenti saldati Procedimenti di saldatura Sorgente termica che produce alta temperatura in modo localizzato Fusione del materiale base più il materiale di apporto

Dettagli

revisione data verifica approvazione Pagina 1 29/06/2012 RQ LTM 1 di 8

revisione data verifica approvazione Pagina 1 29/06/2012 RQ LTM 1 di 8 PROCEDURA OPERATIVA REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE PROCESSI DI SALDATURA, IN ACCORDO ALLE NORME: EN 15085-2 ed EN 15085-2 in accordo alle Linee Guida ANSF 1 29/06/2012 RQ LTM 1 di 8 INDICE 1. GENERALITA...

Dettagli

MACCHINE SICURE. MACCHINE SICURE Vittore Carassiti - INFN FE 1

MACCHINE SICURE. MACCHINE SICURE Vittore Carassiti - INFN FE 1 Vittore Carassiti - INFN FE 1 LA SICUREZZA DEI LUOGHI DI LAVORO Ha il suo riferimento base in un numero di direttive comunitarie di tipo sociale Esse sono state recepite in blocco in Italia mediante il

Dettagli