Salute e diritti in materia di sessualità e riproduzione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Salute e diritti in materia di sessualità e riproduzione"

Transcript

1 P5_TA(2002)0359 Salute e diritti in materia di sessualità e riproduzione Risoluzione del Parlamento europeo sulla salute e i diritti sessuali e riproduttivi (2001/2128(INI)) Il Parlamento europeo, vista la Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo, adottata nel 1948, vista la Convenzione internazionale sui diritti civili e politici delle Nazioni Unite, adottata nel 1966, visto l'articolo 12 del Patto internazionale relativo ai diritti economici, sociali e culturali delle Nazioni Unite, adottato nel 1966, visti gli articoli 5 e 152 del trattato CE, vista la Carta dei diritti fondamentali dell'unione europea, vista la Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà fondamentali, visto l'articolo 12, paragrafo 1, l articolo 16, paragrafo 1, lettera e), della Convenzione sull'eliminazione di ogni forma di discriminazione nei confronti della donna, nonché le raccomandazioni generali nn. 21 e 24 della commissione per l'eliminazione della discriminazione contro le donne, visto l'articolo 24 della Convenzione internazionale dei diritti del bambino, adottata nel 1989, vista la Dichiarazione e il Programma d'azione della Conferenza delle Nazioni Unite sulla popolazione e lo sviluppo (ICPD) - (Il Cairo, 13 settembre 1994), e il Documento sulle azioni chiave della conferenza ICPD+ 5 (1999), vista la Dichiarazione e il Programma d'azione della Quarta Conferenza mondiale sulle donne (FWCW) - (Pechino, 15 settembre 1995) e il documento conclusivo della Conferenza FWCW + 5 (New York, 10 giugno 2000), vista la sua risoluzione del 29 settembre 1994 sui risultati della Conferenza mondiale del Cairo su popolazione e sviluppo 1 e la sua risoluzione del 4 luglio 1996 sul seguito dato a detta Conferenza 2, viste la sua risoluzione del 15 giugno 1995 sulla partecipazione dell'unione europea alla Quarta conferenza mondiale delle Nazioni Unite sulle donne: "Lotta per l'uguaglianza, lo sviluppo e la pace" 3, la sua risoluzione del 21 settembre 1995 sulla citata conferenza a 1 GU C 305 del , pag GU C 211 del , pag GU C 166 del , pag. 92. A5-0223/ Relatrice: Anne E.M. Van Lancker 24/06/2002/ 1

2 Pechino 1 e la sua risoluzione del 18 maggio sul seguito dato alla piattaforma d'azione di Pechino, vista la sua risoluzione del 9 marzo sulla situazione della salute delle donne nella Comunità europea, visto il Libro bianco della Commissione europea "Nuovo impulso per la gioventù europea" del 21 novembre 2001 (COM(2001) 681), visto il documento dell'organizzazione mondiale della sanità "Definizioni e indicatori in materia di pianificazione familiare, salute materna e infantile e salute riproduttiva utilizzati nell'ufficio regionale dell'oms per l'europa", marzo 1999, vista la relazione finale dello STOA "Consapevolezza della fertilità e contraccezione" (Programma di lavoro 1995), visto l'articolo 163 del suo regolamento, vista la relazione della commissione per i diritti della donna e le pari opportunità (A5-0223/2002), A. considerando che le donne e gli uomini dovrebbero avere la libertà di compiere le proprie scelte informate e responsabili quanto alla propria salute e ai propri diritti sessuali e riproduttivi, tenendo sempre presente l'importanza della salute degli altri, ed avere tutte le possibilità e i mezzi di farlo, B. considerando che le competenze della UE in questo settore consistono nel fornire orientamenti e nel suggerire utili iniziative per incoraggiare la cooperazione, C. considerando che le politiche dei governi che non tengono conto del consenso informato delle donne e degli uomini in materia di contraccettivi al fine di conseguire obiettivi demografici possono dar luogo a prassi coercitive, D. considerando le disparità in materia di salute e diritti sessuali e riproduttivi nell'ue e in seno agli Stati membri, e segnatamente le forti disuguaglianze riscontrabili tra donne europee per quanto riguarda l'accesso ai servizi di salute riproduttiva, alla contraccezione e all'interruzione volontaria di gravidanza, in funzione del reddito, del livello economico e/o del paese di residenza, E. considerando che gli studi dimostrano che il numero degli aborti praticati è inferiore in alcuni Stati membri che combinano una legislazione liberale in materia di interruzione della gravidanza con un'efficace educazione sessuale, con servizi di pianificazione familiare di alta qualità e con la disponibilità di un'ampia gamma di contraccettivi, che tuttavia alcuni Stati membri con politiche analoghe hanno ancora un numero elevato di aborti nonché un alto numero di gravidanze fra le adolescenti, F. considerando che occorre annettere importanza non soltanto all'interruzione di gravidanze indesiderate bensì anche, e in particolare, alla prevenzione delle stesse, 1 GU C 269 del , pag GU C 59 del , pag GU C 175 del , pag \ 24/06/2002 Relatrice: Anne E.M. Van Lancker - A5-0223/2002

3 G. considerando che per la prevenzione di gravidanze indesiderate sono responsabili non soltanto le donne bensì anche gli uomini, H. considerando che ai fini della prevenzione di gravidanze indesiderate risulta oltremodo rilevante una buona informazione nel settore della sessualità, della responsabilità nei confronti degli altri nell'ambito dei rapporti, salute, varie possibilità di prevenire le gravidanze, ecc. essendo inteso che i genitori e la scuola possono svolgere un ruolo di rilievo, I. considerando che una buona possibilità di accesso a tutte le forme di contraccezione contribuirebbe a ridurre le gravidanze indesiderate e le malattie trasmesse sessualmente, J. considerando che gli aborti praticati in condizioni di scarsa sicurezza costituiscono un grave rischio per la salute fisica e mentale delle donne, K. considerando i più elevati tassi abortivi e il minore ricorso alla contraccezione rispetto agli Stati membri, nonché la mancanza di informazione delle donne riguardo ad una educazione sessuale sistematica ed adeguata nei paesi candidati, L. considerando le carenze mediche e igieniche del sistema sanitario in molti paesi candidati all'adesione nonché l'insufficiente orientamento di tale sistema ai bisogni della popolazione, M. considerando il crescente tasso di gravidanze presso ragazze adolescenti, la mancanza di un educazione sessuale di qualità, nonché di servizi specifici e di consulenza per la salute sessuale e riproduttiva delle adolescenti in taluni Stati membri, N. considerando l'inquietante diffusione delle malattie sessualmente trasmissibili, il rischio di contatti sessuali non sicuri e la sopravvivenza di stereotipi che associano, erroneamente, il rischio di infezione da HIV/AIDS a determinati meccanismi di trasmissione, nonostante le informazioni fornite sulle misure preventive e i meccanismi di trasmissione nell'ue, nonché l'importanza di promuovere un elevato grado di salute sessuale quale mezzo per prevenire le malattie sessualmente trasmissibili, O. considerando che le violenze sessuali hanno conseguenze nefaste per la sessualità e la salute riproduttiva delle donne e delle giovani e che le mutilazioni genitali femminili hanno effetti dannosi sui rapporti sessuali, la gravidanza e il parto, P. considerando l attuale mancanza di statistiche complete prontamente disponibili sugli indicatori della salute sessuale e riproduttiva a livello europeo, Q. considerando il numero eccessivo di donne e il numero crescente di ragazze che incorrono in gravidanze indesiderate, R. considerando che la tematica della salute e diritti sessuali riproduttivi non può essere esaminata soltanto sotto il profilo dell'accesso ai contraccettivi e all'aborto, S. considerando che i contraccettivi sono utilizzati soprattutto dalle donne, T. considerando le difficoltà inerenti alla comparazione delle politiche in materia di salute sessuale e riproduttiva, sia all'interno dell'ue che tra l'ue e i paesi candidati, A5-0223/ Relatrice: Anne E.M. Van Lancker 24/06/2002/ 3

4 Per quanto riguarda la contraccezione 1. considera che una politica legislativa o regolamentare in materia di salute riproduttiva rientra nella sfera di competenza degli Stati membri, e che a questo settore si applica il principio di sussidiarietà; rileva tuttavia che l'ue può svolgere un ruolo di supporto attraverso lo scambio delle migliori prassi; 2. raccomanda ai governi degli Stati membri e dei paesi candidati di sviluppare una politica nazionale sulla salute sessuale e riproduttiva di alta qualità, in collaborazione con le organizzazioni pluralistiche della società civile, fornendo un'informazione globale circa le possibilità effettive e responsabili di pianificazione familiare e garantendo parità di accesso a tutti i metodi contraccettivi di alta qualità nonché a sistemi per promuovere la consapevolezza della fertilità; 3. raccomanda ai governi degli Stati membri e dei paesi candidati di garantire che le donne e gli uomini possano fornire il proprio pieno consenso informato sull'uso dei contraccettivi, nonché sui sistemi per promuovere la consapevolezza della fertilità; 4. invita i governi degli Stati membri e dei paesi candidati ad adoperarsi per fornire contraccettivi e servizi per la salute sessuale e riproduttiva a titolo gratuito, o ad un costo molto basso, per i gruppi meno abbienti, come i giovani, le minoranze etniche e gli emarginati; 5. raccomanda agli Stati membri di fare in modo che le persone che vivono in condizioni di povertà possano beneficiare di un migliore accesso ai servizi sanitari che si occupano di salute riproduttiva e sessuale, e di offrire loro in particolare la scelta dei contraccettivi e la prevenzione/diagnosi delle malattie sessualmente trasmissibili; 6. raccomanda ai governi degli Stati membri e dei paesi candidati di agevolare l'accesso alla contraccezione d'emergenza a prezzi accessibili (ad esempio la pillola del giorno dopo); 7. esorta i governi degli Stati membri e dei paesi candidati all'adesione a promuovere la ricerca scientifica nel settore della contraccezione maschile, in modo da assicurare la parità tra donne e uomini per quanto riguarda gli effetti dell'utilizzazione dei metodi contraccettivi; Per quanto riguarda le gravidanze indesiderate e l'aborto 8. sottolinea che l'aborto non dovrebbe essere promosso come un metodo di pianificazione familiare; 9. raccomanda ai governi degli Stati membri e dei paesi candidati di adoperarsi per attuare una politica sanitaria e sociale che consenta una riduzione del ricorso all'aborto, in particolare attraverso la fornitura di servizi di consultorio e pianificazione familiare e l'offerta di sostegno materiale e finanziario alle donne incinte in difficoltà, e di considerare l'aborto praticato in condizioni di scarsa sicurezza come una questione di rilevanza nell'ambito della salute pubblica; 10. raccomanda ai governi degli Stati membri e dei paesi candidati di garantire che vengano fornite informazioni imparziali, scientifiche e chiaramente comprensibili, nonché una consulenza analoga, sulla salute sessuale e riproduttiva, compresa la prevenzione delle 4\ 24/06/2002 Relatrice: Anne E.M. Van Lancker - A5-0223/2002

5 gravidanze indesiderate, ma anche sui rischi che comportano gli aborti pericolosi praticati in condizioni non adeguate; 11. invita i governi degli Stati membri e dei paesi candidati a fornire servizi specializzati in materia di salute sessuale e riproduttiva, che comprendano consulenza professionale e di alta qualità adeguata alle esigenze di gruppi specifici (ad es. gli immigranti), fornita da personale qualificato in varie discipline; sottolinea che tale consulenza deve essere riservata e neutra e che, in caso di legittima obiezione di coscienza, debba essere previsto l'intervento di un sostituto; la consulenza sull'aborto deve illustrare i rischi sanitari dell'aborto (di carattere fisico e psichico) come pure le possibilità alternative di soluzione (adozione, possibilità di sostegno in caso di decisione a favore del bambino); 12. raccomanda che, al fine di salvaguardare la salute e i diritti riproduttivi femminili, l'aborto debba essere legale, sicuro e accessibile a tutti; 13. invita i governi degli Stati membri e dei paesi candidati ad astenersi, in qualunque caso, dal perseguire le donne che si sono sottoposte ad aborto illegale; Per quanto riguarda la salute riproduttiva e sessuale / educazione sessuale degli adolescenti 14. sottolinea che la salute riproduttiva e sessuale degli adolescenti e le loro esigenze in ordine alla sessualità e alla riproduzione differiscono da quelle degli adulti; 15. ricorda che la partecipazione attiva dei giovani (diritti, opinioni e competenza) è importante nello sviluppo, nell'attuazione e nella valutazione dei programmi di educazione sessuale in cooperazione con altri attori, in particolare i genitori; a tal fine riveste importanza particolare il rafforzamento delle competenze parentali; 16. ricorda che l'educazione sessuale dovrebbe essere fornita in un modo differenziato sulla base del genere, ossia tenendo conto delle particolari sensibilità di ragazzi e ragazze, cominciare in età precoce, continuare fino all'età adulta, con un approccio mirato nelle varie fasi dello sviluppo della vita, e tenendo conto dei vari stili di vita; in tale contesto va prestata la debita attenzione alle malattie sessualmente trasmesse (come l'hiv/aids); 17. sottolinea che l'educazione sessuale deve essere considerata in modo globale e positivo, prestando attenzione agli aspetti psicosociali e biomedici e basandosi sul mutuo rispetto e sul senso reciproco di responsabilità; 18. invita i governi degli Stati membri e dei paesi candidati a ricorrere a vari metodi per raggiungere i giovani, ad esempio attraverso l'educazione formale ed informale, campagne pubblicitarie, marketing sociale per l'utilizzazione dei preservativi e progetti quali linee verdi telefoniche confidenziali, nonché a considerare le esigenze di gruppi specifici; incoraggia il ricorso ad educatori appartenenti allo stesso gruppo nell'ambito dell'educazione sessuale; 19. invita i governi degli Stati membri e dei paesi candidati a migliorare e ad estendere l'accesso dei giovani ai servizi sanitari (centri di pianificazione familiare, centri di giovani, istituti scolastici, ecc.), adeguando questi ultimi alle loro preferenze e necessità; 20. invita i governi degli Stati membri e dei paesi candidati ad assistere le adolescenti in stato di gravidanza, che desiderino interrompere la gravidanza o che intendano condurla a A5-0223/ Relatrice: Anne E.M. Van Lancker 24/06/2002/ 5

6 termine, e a garantire loro il proseguimento degli studi; 21. chiede ai governi degli Stati membri che mantengano e migliorino il livello di informazione della popolazione sull'infezione da HIV/AIDS, sui suoi meccanismi di trasmissione e sui comportamenti che favoriscono la trasmissione stessa, segnatamente nelle fasce sociali più emarginate e che incontrano maggiori difficoltà nell'accedere all'informazione; Per quanto riguarda la politica di salute sessuale e riproduttiva dell'ue in generale 22. si compiace per la ricerca attualmente in corso, su richiesta della Commissione europea, in materia di indicatori e definizioni armonizzate della salute sessuale e riproduttiva ed invita la Commissione a garantire la continuità di tali iniziative nel quadro del nuovo programma di azione comunitario in materia sanitaria; 23. invita i governi degli Stati membri e dei paesi candidati a fornire alla Commissione dati ed informazioni al fine di compilare una banca dati su base europea in materia di statistiche della salute sessuale e riproduttiva e a comporre un vademecum sulle migliori prassi e le esperienze positive nel settore della salute sessuale e riproduttiva; 24. invita i governi degli Stati membri e dei paesi candidati a fornire accesso ai servizi relativi alla salute sessuale e riproduttiva senza operare discriminazioni sulla base dell'orientamento sessuale, dell'identità di genere o dello stato civile; 25. raccomanda l'avvio di un processo di apprendimento reciproco, basato sui raffronti dei dati in materia di salute sessuale e riproduttiva e sulla condivisione delle esperienze positive e delle miglior prassi nei programmi e nelle politiche relative alla salute sessuale e riproduttiva degli Stati membri e dei paesi candidati; 26. invita la Commissione a fare propri i pareri dei giovani quanto alla salute e ai diritti sessuali e riproduttivi come tema importante nel seguito dato al Libro bianco sul nuovo impulso per la gioventù europea; 27. invita il Consiglio e la Commissione, nell'ambito della strategia di preadesione, a prevedere un maggiore sostegno tecnico e finanziario ai paesi candidati al fine di sviluppare ed attuare programmi di promozione della salute e standard di qualità nei servizi relativi alla salute sessuale e riproduttiva e ad assicurare che le iniziative esistenti dell'unione europea di assistenza all'europa orientale e all'asia centrale includano programmi di questo tipo; 28. invita la Commissione a tener conto dell'impatto devastante della politica "Città del Messico" applicata dall'amministrazione Bush, che ha negato finanziamenti alle organizzazioni non governative che, occasionalmente, consigliano alle donne quale ultima spiaggia il ricorso a cliniche in cui si pratica l'aborto, in particolare in vista dei programmi per l'europa centrale ed orientale; invita la Commissione a colmare la lacuna di bilancio provocata dall'attuazione di tale politica; 29. si rammarica, a tale proposito, dell'esito della sessione speciale dell'onu sui bambini del maggio 2002, nella quale, a risultato di una coalizione tra la Santa Sede, gli Stati Uniti e numerosi altri paesi membri dell'onu, non si è potuto addivenire a un accordo per un riferimento positivo all'estensione dell'accesso ai servizi di salute riproduttiva, compresa 6\ 24/06/2002 Relatrice: Anne E.M. Van Lancker - A5-0223/2002

7 l'informazione e l'istruzione in materia di salute sessuale e riproduttiva; invita il Consiglio e la Commissione a coordinare gli sforzi degli Stati membri al fine di garantire una migliore rappresentazione delle posizioni dell'ue a livello ONU in occasione di future manifestazioni; 30. invita la Commissione a garantire il controllo e la valutazione permanenti dell'icpd e della FWCW e ad inviare regolarmente al Parlamento europeo relazioni sintetiche in proposito; 31. si compiace per l'obiettivo fissato nel documento finale della FWCW + 5, relativo al conseguimento di un accesso universale ad un'assistenza sanitaria primaria di alta qualità entro il 2015, compresa l'assistenza sanitaria sessuale e riproduttiva; chiede al Consiglio, nel quadro della procedura di controllo e nei limiti delle sue competenze, di sviluppare indicatori e punti di riferimento per quanto riguarda le aree critiche e di inviare regolarmente al Parlamento europeo relazioni sintetiche in proposito; o o o 32. incarica il suo Presidente di trasmettere la presente risoluzione al Consiglio, alla Commissione e ai governi degli Stati membri e dei paesi candidati. A5-0223/ Relatrice: Anne E.M. Van Lancker 24/06/2002/ 7

Salute e diritti in materia di sessualità e riproduzione

Salute e diritti in materia di sessualità e riproduzione 12.11.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 271 E/369 30. ricorda che vedrebbe con favore un maggiore coinvolgimento del Parlamento europeo nel processo di nomina dei membri del comitato esecutivo

Dettagli

PROPOSTA DI RISOLUZIONE

PROPOSTA DI RISOLUZIONE PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Documento di seduta 24.9.2009 B7-0000/2009 PROPOSTA DI RISOLUZIONE presentata a seguito delle interrogazioni con richiesta di risposta orale B7-0000/2009 e B7-0000/2009 a norma

Dettagli

15571/17 ZAM/am 1 DG C 1

15571/17 ZAM/am 1 DG C 1 Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 11 dicembre 2017 (OR. en) 15571/17 RISULTATI DEI LAVORI Origine: Segretariato generale del Consiglio in data: 11 dicembre 2017 Destinatario: delegazioni n. doc.

Dettagli

NORMATIVA EUROPEA DISABILITA

NORMATIVA EUROPEA DISABILITA In Cammino con lo PSIR Welfare di seconda generazione Focus sulla filiera Disabili NORMATIVA EUROPEA DISABILITA 7 MAGGIO 2015 Paola Cermelli Presidente dell Ordine Assistenti Sociali Regione Liguria NORMATIVA

Dettagli

PROPOSTA DI RISOLUZIONE

PROPOSTA DI RISOLUZIONE PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Documento di seduta 31.1.2014 B7-0091/2014 PROPOSTA DI RISOLUZIONE presentata a seguito dell'interrogazione con richiesta di risposta orale B7-0106/2014 a norma dell'articolo

Dettagli

I bisogni di salute di genere con particolare riferimento al parto e alle scelte consapevoli sulla maternità. Modena 1 marzo 2006

I bisogni di salute di genere con particolare riferimento al parto e alle scelte consapevoli sulla maternità. Modena 1 marzo 2006 I bisogni di salute di genere con particolare riferimento al parto e alle scelte consapevoli sulla maternità Modena 1 marzo 2006 Dal programma salute donna.. favorire un attenzione alla salute femminile

Dettagli

n. doc. prec.: 9181/05 SAN 67 Oggetto: Conclusioni del Consiglio su obesità, alimentazione e attività fisica - Risultati dei lavori

n. doc. prec.: 9181/05 SAN 67 Oggetto: Conclusioni del Consiglio su obesità, alimentazione e attività fisica - Risultati dei lavori CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA Bruxelles, 6 giugno 2005 (09.06) (OR. EN) 9803/05 SAN 99 RELAZIONE del: Segretariato generale alle: Delegazioni n. doc. prec.: 9181/05 SAN 67 Oggetto: Conclusioni del Consiglio

Dettagli

MC.DEC/14/05/Corr.2 Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa 6 dicembre 2005 Consiglio dei ministri

MC.DEC/14/05/Corr.2 Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa 6 dicembre 2005 Consiglio dei ministri MC.DEC/14/05/Corr.2 Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa Consiglio dei ministri Lubiana 2005 ITALIANO Originale: INGLESE Secondo giorno della Tredicesima riunione MC(13) Giornale

Dettagli

8361/17 zam/ini/sp 1 DG B 2B

8361/17 zam/ini/sp 1 DG B 2B Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 25 aprile 2017 (OR. en) 8361/17 RISULTATI DEI LAVORI Origine: in data: 25 aprile 2017 Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni n. doc. prec.:

Dettagli

SALUTE GLOBALE: PRINCIPI GUIDA DELLA COOPERAZIONE ITALIANA

SALUTE GLOBALE: PRINCIPI GUIDA DELLA COOPERAZIONE ITALIANA Workshop Nazionale ISDE Italia Bosa, 12 Settembre 2009 SALUTE GLOBALE: PRINCIPI GUIDA DELLA COOPERAZIONE ITALIANA Enrico Materia LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Osservatorio Italiano sulla Salute

Dettagli

ASSEMBLEA PARLAMENTARE PARITETICA ACP-UE

ASSEMBLEA PARLAMENTARE PARITETICA ACP-UE ASSEMBLEA PARLAMENTARE PARETICA ACP-UE Commissione per gli affari politici 5.3.2009 AP/100.506/AM1-24 EMENDAMENTI 1-24 Progetto di relazione (AP/100.460) Corelatori: Ruth Magau (Sudafrica) e Filip Kaczmarek

Dettagli

96/694/CE: Raccomandazione del Consiglio del 2 dicembre 1996 riguardante la partecipazione delle donne e degli uomini al processo decisionale

96/694/CE: Raccomandazione del Consiglio del 2 dicembre 1996 riguardante la partecipazione delle donne e degli uomini al processo decisionale 96/694/CE: Raccomandazione del Consiglio del 2 dicembre 1996 riguardante la partecipazione delle donne e degli uomini al processo decisionale Gazzetta ufficiale n. L 319 del 10/12/1996 pag. 0011-0015 RACCOMANDAZIONE

Dettagli

Risoluzione del Parlamento europeo

Risoluzione del Parlamento europeo Risoluzione del Parlamento europeo del 14 gennaio 2004 SULLE PARI OPPORTUNITÀ PER LE DONNE E GLI UOMINI NELL'UNIONE EUROPEA (2003/2011(INI)) IL PARLAMENTO EUROPEO, vista la relazione della Commissione

Dettagli

CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA. Bruxelles, 4 ottobre 2005 (06.10) (OR. en) 12927/05 LIMITE JEUN 48 EDUC 138 SOC 364

CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA. Bruxelles, 4 ottobre 2005 (06.10) (OR. en) 12927/05 LIMITE JEUN 48 EDUC 138 SOC 364 CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA Bruxelles, 4 ottobre 2005 (06.10) (OR. en) 12927/05 LIME JEUN 48 EDUC 138 SOC 364 NOTA della: Presidenza al: Gruppo "Gioventù" n. doc. prec.: 12470/05 JEUN 47 EDUC 134 SOC

Dettagli

Pari Opportunità, Parità di genere e contrasto alla discriminazione di genere nei luoghi di lavoro.

Pari Opportunità, Parità di genere e contrasto alla discriminazione di genere nei luoghi di lavoro. Provincia di Ancona Pari Opportunità, Parità di genere e contrasto alla discriminazione di genere nei luoghi di lavoro. IL RUOLO DELLE CONSIGLIERE DI PARITA a cura di d.ssa Pina Ferraro CONSIGLIERA DI

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE Parlamento europeo 204-209 Commissione per l'occupazione e gli affari sociali 207/227(INI) 3.7.207 PROGETTO DI RELAZIONE sull'attuazione della strategia europea sulla disabilità (207/227(INI)) Commissione

Dettagli

I PRINCIPI GUIDA DELLA COOPERAZIONE ITALIANA PER LA SALUTE GLOBALE. Enrico Materia

I PRINCIPI GUIDA DELLA COOPERAZIONE ITALIANA PER LA SALUTE GLOBALE. Enrico Materia I PRINCIPI GUIDA DELLA COOPERAZIONE ITALIANA PER LA SALUTE GLOBALE Enrico Materia Padova, 2 dicembre 2016 ARCHITETTURA DELLA COOPERAZIONE ITALIANA (Lg. 125/2014) Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione

Dettagli

Carta dei Diritti della Bambina

Carta dei Diritti della Bambina Carta dei Diritti della Bambina Commissione Regionale per le Pari Opportunità Donna-Uomo della Toscana Via de Pucci, 4-50122 Firenze tel. 055.238.7817-7890 - fax 055.291.179 e-mail: commissione.p.o@consiglio.regione.toscana.it

Dettagli

CONFERENZA PARLAMENTARE UNIONE EUROPEA PAESI DEL PATTO DI STABILITA TEMA III. La lotta contro la criminalità organizzata Combattere i traffici

CONFERENZA PARLAMENTARE UNIONE EUROPEA PAESI DEL PATTO DI STABILITA TEMA III. La lotta contro la criminalità organizzata Combattere i traffici CONFERENZA PARLAMENTARE UNIONE EUROPEA PAESI DEL PATTO DI STABILA TEMA III La lotta contro la criminalità organizzata Combattere i traffici Bruxelles, 17-18 settembre 2001 DT\441998.doc PE 302.064 PE 302.064

Dettagli

ASSEMBLEA PARLAMENTARE PARITETICA ACP-UE. Commissione per gli affari sociali e l'ambiente AP/ /AA1-24

ASSEMBLEA PARLAMENTARE PARITETICA ACP-UE. Commissione per gli affari sociali e l'ambiente AP/ /AA1-24 ASSEMBLEA PARLAMENTARE PARETICA ACP-UE Commissione per gli affari sociali e l'ambiente 21.10.2011 AP/100.954/AA1-24 EMENDAMENTI 1-24 Progetto di relazione Musikari Kombo (Kenya) e Catherine Bearder (AP/100.954/A)

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per i diritti della donna e le pari opportunità. della commissione per i diritti della donna e le pari opportunità

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per i diritti della donna e le pari opportunità. della commissione per i diritti della donna e le pari opportunità PARLAMENTO EUROPEO 1999 2004 Commissione per i diritti della donna e le pari opportunità 25 giugno 2001 PARERE della commissione per i diritti della donna e le pari opportunità per la commissione per gli

Dettagli

SVILUPPO DELLE PARI OPPORTUNITÀ NEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE NEL MINISTERO DELLA DIFESA (DELIBERA CIVIT N 22/2011)

SVILUPPO DELLE PARI OPPORTUNITÀ NEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE NEL MINISTERO DELLA DIFESA (DELIBERA CIVIT N 22/2011) SVILUPPO DELLE PARI OPPORTUNITÀ NEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE NEL MINISTERO DELLA DIFESA (DELIBERA CIVIT N 22/2011) Referente per il Ministero della Difesa: Dott.ssa Gabriella MONTEMAGNO 1 CONTESTO

Dettagli

Distribuzione: Limitata 23 marzo 2011

Distribuzione: Limitata 23 marzo 2011 La risoluzione è stata preparata e presentata in sede UE dalla delegazione italiana ed approvata e acquisita dall Unione Europea. Successivamente è stata presentata dalla presidenza di turno UE (Ungheria)

Dettagli

Nella sessione del 17 novembre 2014 il Consiglio ha adottato le conclusioni del Consiglio che figurano nell'allegato della presente nota.

Nella sessione del 17 novembre 2014 il Consiglio ha adottato le conclusioni del Consiglio che figurano nell'allegato della presente nota. Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 17 novembre 2014 (OR. en) 15634/14 COAFR 320 COHAFA 119 SAN 437 NOTA Origine: Segretariato generale del Consiglio Destinatario: delegazioni n. doc. prec.: 15475/14

Dettagli

COMUNE DI SALERNO PIANO DI AZIONI POSITIVE ( 2015/2018 )

COMUNE DI SALERNO PIANO DI AZIONI POSITIVE ( 2015/2018 ) COMUNE DI SALERNO PIANO DI AZIONI POSITIVE ( 2015/2018 ) È vietata qualsiasi forma di discriminazione fondata, in particolare, sul sesso, la razza, il colore della pelle o l'origine etnica o sociale, le

Dettagli

Problemi e sfide. La povertà

Problemi e sfide. La povertà Problemi e sfide La povertà LO SVILUPPO UMANO NORD OVEST ATLANTICO EST Molto alto Alto Medio Basso Dati non disponibili INDIANO SUD La ricchezza nel mondo non è distribuita in modo omogeneo. La povertà

Dettagli

Educazione sanitaria e Promozione della salute

Educazione sanitaria e Promozione della salute Educazione sanitaria e Promozione della salute L educazione sanitaria Secondo OMS, l educazione sanitaria ha lo scopo di aiutare le popolazione ad acquisire la salute attraverso il proprio comportamento

Dettagli

DIRITTO PROGRAMMA UE «DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA» 2014-2020. Giustizia

DIRITTO PROGRAMMA UE «DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA» 2014-2020. Giustizia IL DIRITTO AL TUOFIANCO PROGRAMMA UE «DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA» 2014-2020 Giustizia FINANZIAMENTI EUROPEI PER I DIRITTI, L UGUAGLIANZA E LA CITTADINANZA Negli ultimi 50 anni, l Unione europea

Dettagli

VIA LE BARRIERE ALLA LIBERA SCELTA IN BURKINA FASO

VIA LE BARRIERE ALLA LIBERA SCELTA IN BURKINA FASO VIA LE BARRIERE ALLA LIBERA SCELTA IN BURKINA FASO Siamo noi che portiamo a termine la gravidanza, noi da sole! Dobbiamo poter decidere se vogliamo restare incinte o no! Bibata Ouédraogo, attivista per

Dettagli

DECISIONE N.536 ORDINE DEL GIORNO, CALENDARIO E ALTRE MODALITÀ ORGANIZZATIVE DEL SEMINARIO NEL QUADRO DELLA DIMENSIONE UMANA 2003

DECISIONE N.536 ORDINE DEL GIORNO, CALENDARIO E ALTRE MODALITÀ ORGANIZZATIVE DEL SEMINARIO NEL QUADRO DELLA DIMENSIONE UMANA 2003 PC.DEC/536 Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa Consiglio Permanente ITALIANO Originale: INGLESE 443 a Seduta Plenaria PC Giornale N.443, punto 3 dell'ordine del giorno DECISIONE

Dettagli

Centri Pianificazione Familiare EOC Opuscolo informativo sull attività nel 2013

Centri Pianificazione Familiare EOC Opuscolo informativo sull attività nel 2013 Centri Pianificazione Familiare EOC Opuscolo informativo sull attività nel 2013 In collaborazione con il Dipartimento della sanità e della socialità (DSS) Cantone Ticino Chi si rivolge ad un Centro di

Dettagli

TESTI APPROVATI. vista l'agenda politica per il volontariato in Europa dell'alleanza dell'anno europeo del volontariato 2011,

TESTI APPROVATI. vista l'agenda politica per il volontariato in Europa dell'alleanza dell'anno europeo del volontariato 2011, Parlamento europeo 2014-2019 TESTI APPROVATI P8_TA(2016)0425 Servizio volontario europeo Risoluzione del Parlamento europeo del 27 ottobre 2016 sul servizio volontario europeo e la promozione del volontariato

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di politica di cooperazione allo sviluppo (CSV)?

Di cosa parliamo quando parliamo di politica di cooperazione allo sviluppo (CSV)? Di cosa parliamo quando parliamo di politica di cooperazione allo sviluppo (CSV)? Come collochiamo la Politica di CSV dell UE nell ambito dell ordinamento giuridico UE e in particolare nel sistema delle

Dettagli

gazzetta ufficiale n. L 225 del 12/08/1998 pag

gazzetta ufficiale n. L 225 del 12/08/1998 pag Direttiva 98/59/CE del Consiglio del 20 luglio 1998 concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri in materia di licenziamenti collettivi gazzetta ufficiale n. L 225 del 12/08/1998

Dettagli

visto il trattato sul funzionamento dell'unione europea, in particolare l'articolo 209, paragrafo 1, e l'articolo 212, paragrafo 2,

visto il trattato sul funzionamento dell'unione europea, in particolare l'articolo 209, paragrafo 1, e l'articolo 212, paragrafo 2, L 335/6 REGOLAMENTO (UE) 2017/2306 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 12 dicembre 2017 che modifica il regolamento (UE) n. 230/2014 che istituisce uno strumento inteso a contribuire alla stabilità

Dettagli

Norme in materia di concreta attuazione in Puglia della legge n.194/78

Norme in materia di concreta attuazione in Puglia della legge n.194/78 GRUPPO NOI A SINISTRA PER LA PUGLIA Via Capruzzi n 212 BARI RELAZIONE Norme in materia di concreta attuazione in Puglia della legge n.194/78 Con la presente proposta di legge, recante Norme in materia

Dettagli

CODICE DELLE PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA

CODICE DELLE PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA Città di Ozieri Provincia di Sassari PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015 Ex art. 48 D.Lgs. n. 198/2006 CODICE DELLE PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA Allegato alla deliberazione della Giunta Comunale

Dettagli

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE (P.A.P.) PER IL TRIENNIO

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE (P.A.P.) PER IL TRIENNIO COMUNE DI SUMMONTE Provincia di Avellino PIANO DELLE AZIONI POSITIVE (P.A.P.) PER IL TRIENNIO 2017-2019 ai sensi dell art. 48 del D. Lgs. n. 198/2006 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma

Dettagli

All. 1 - Indicazioni operative alle Aziende Sanitarie in merito agli Spazi Giovani (S.G.) consultoriali (14 19 anni) Obiettivo: rendere equa in tutto

All. 1 - Indicazioni operative alle Aziende Sanitarie in merito agli Spazi Giovani (S.G.) consultoriali (14 19 anni) Obiettivo: rendere equa in tutto Indicazioni operative alle Aziende Sanitarie per la preservazione della fertilità e la promozione della salute sessuale, relazionale e riproduttiva degli adolescenti e dei giovani adulti Obiettivo: rafforzare

Dettagli

Intervento malattie rare. Associazione Dossetti 23 febbraio innanzitutto vorrei ringraziare l Associazione Culturale Nazionale ONLUS

Intervento malattie rare. Associazione Dossetti 23 febbraio innanzitutto vorrei ringraziare l Associazione Culturale Nazionale ONLUS Intervento malattie rare Associazione Dossetti 23 febbraio 2012 Carissimi, innanzitutto vorrei ringraziare l Associazione Culturale Nazionale ONLUS Giuseppe Dossetti per il loro cortese invito a partecipare

Dettagli

L Agenda 2030 contro tutte le disuguaglianze

L Agenda 2030 contro tutte le disuguaglianze L Agenda 2030 contro tutte le disuguaglianze Enrico Giovannini Università di Roma «Tor Vergata» Portavoce dell Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile Una visione integrata dello sviluppo, basata

Dettagli

Se l'accordo fosse confermato, il Consiglio potrebbe adottare le conclusioni allegate.

Se l'accordo fosse confermato, il Consiglio potrebbe adottare le conclusioni allegate. CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA Bruxelles, 18 maggio 2004 (19.05) (OR. EN) 9599/04 LIME EDUC 117 SOC 252 NOTA INTRODUTTIVA del: Segretariato generale del Consiglio al: Consiglio n. doc. prec.: 9174/04 EDUC

Dettagli

EMENDAMENTO 1 presentato da María Elena Valenciano Martínez-Orozco e Richard Howitt, a nome del gruppo PSE

EMENDAMENTO 1 presentato da María Elena Valenciano Martínez-Orozco e Richard Howitt, a nome del gruppo PSE 16.2.2005 B6-0086/1 EMENDAMENTO 1 Considerando D bis (nuovo) D bis. considerando che le norme delle Nazioni Unite per le imprese rappresentano un importante passo avanti nel processo relativo all'istituzione

Dettagli

Risoluzione 55/5. La Commissione stupefacenti,

Risoluzione 55/5. La Commissione stupefacenti, Risoluzione 55/5 Promuovere strategie e misure orientate ai bisogni specifici delle donne nel quadro di programmi e strategie completi e integrati per la riduzione della domanda La Commissione stupefacenti,

Dettagli

Definizione dei bilanci pubblici secondo la prospettiva del genere

Definizione dei bilanci pubblici secondo la prospettiva del genere P5_TA(2003)0323 Definizione dei bilanci pubblici secondo la prospettiva del genere Risoluzione del Parlamento europeo sul gender budgeting - la costruzione dei bilanci pubblici secondo la prospettiva di

Dettagli

Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 26.6.2014 COM(2014) 386 final 2014/0197 (COD) Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO che modifica il regolamento (CE) n. 1215/2009 del Consiglio recante

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA PER LA PROMOZIONE DEL BENESSERE E DELLA SALUTE DELLE DONNE NEL MONDO DEL LA VORO. Tra. Premesso:

PROTOCOLLO D'INTESA PER LA PROMOZIONE DEL BENESSERE E DELLA SALUTE DELLE DONNE NEL MONDO DEL LA VORO. Tra. Premesso: PROTOCOLLO D'INTESA PER LA PROMOZIONE DEL BENESSERE E DELLA SALUTE DELLE DONNE NEL MONDO DEL LA VORO Tra - Prefettura UTG di Forlì-Cesena - Consigliera di Parità della Provincia di Forlì-Cesena - Provincia

Dettagli

Redazione di un Piano d Azione per attuare la Carta Europea per l Uguaglianza e le Parità delle Donne e degli Uomini nella vita locale AICCRE

Redazione di un Piano d Azione per attuare la Carta Europea per l Uguaglianza e le Parità delle Donne e degli Uomini nella vita locale AICCRE FORMAGENERE, Area Formazione di Base, Modulo 6 - Massa Carrara, luglio 2012 Redazione di un Piano d Azione per attuare la Carta Europea per l Uguaglianza e le Parità delle Donne e degli Uomini nella vita

Dettagli

Conclusioni del Consiglio dell Unione Europea sul sostegno psicosociale in caso di emergenze e catastrofi

Conclusioni del Consiglio dell Unione Europea sul sostegno psicosociale in caso di emergenze e catastrofi Conclusioni del Consiglio dell Unione Europea sul sostegno psicosociale in caso di emergenze e catastrofi COUNCIL OF THE EUROPEAN UNION Council conclusions on psychosocial support in the event of emergencies

Dettagli

MANIFESTO EUROPEO SUI GIOVANI E LO SPORT

MANIFESTO EUROPEO SUI GIOVANI E LO SPORT CONSIGLIO D EUROPA 8^ Conferenza dei Ministri europei responsabili dello Sport Lisbona, 17 18 maggio 1995 MANIFESTO EUROPEO SUI GIOVANI E LO SPORT Articolo 1 Obiettivo Articolo 2 Definizioni Articolo 3

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA Doc. XII-quinquies n. 39 ASSEMBLEA PARLAMENTARE DELL'OSCE Sessione annuale di BAKU, Azerbaigian (28 giugno - 2 luglio 2014) Risoluzione sulle misure per prevenire

Dettagli

PARADISO INFERNALE DEI CARAIBI

PARADISO INFERNALE DEI CARAIBI PARADISO INFERNALE DEI CARAIBI Emanuela DE CICCO UNICEF Cosenza Università della Calabria, Arcavacata di Rende (CS) III Corso Multidisciplinare di Educazione ai Diritti 11 maggio 2010 HAITI Nazione dell

Dettagli

Seminario Provinciale Scuola&Volontariato La scuola promuove il volontariato: la sfida di Europa 2020

Seminario Provinciale Scuola&Volontariato La scuola promuove il volontariato: la sfida di Europa 2020 Seminario Provinciale Scuola&Volontariato La scuola promuove il volontariato: la sfida di Europa 2020 Milano 18 e 20 aprile 2012 L esperienza di volontariato per la formazione del cittadino europeo Dal

Dettagli

Politiche e programmi europei per la gestione dei flussi migratori Rimini 5 dicembre 2006

Politiche e programmi europei per la gestione dei flussi migratori Rimini 5 dicembre 2006 Politiche e programmi europei per la gestione dei flussi migratori 2007-2013 Rimini 5 dicembre 2006 Le politiche UE nel settore dell immigrazione Il contesto Tutti gli Stati membri sono caratterizzati

Dettagli

Sesso, per 4 ragazze su 10 la prima volta è senza precauzioni

Sesso, per 4 ragazze su 10 la prima volta è senza precauzioni Graziottin A. Busacca M. Sesso, per 4 ragazze su 10 la prima volta è senza precauzioni Presentazione del sondaggio nazionale su Le ragazze italiane: sessualità e contraccezione", realizzato dalla Società

Dettagli

DIPARTIMENTO MATERNO-INFANTILE

DIPARTIMENTO MATERNO-INFANTILE DIPARTIMENTO MATERNO-INFANTILE DIRETTORE: Dott. Luca Bonfiglio E un Dipartimento funzionale integrato Ospedale-Territorio, che integra tutte le Unità Operative Ospedaliere e Territoriali coinvolte nella

Dettagli

Risoluzione 41/128 dell Assemblea Generale delle Nazioni unite, 4 dicembre 1986.

Risoluzione 41/128 dell Assemblea Generale delle Nazioni unite, 4 dicembre 1986. DICHIARAZIONE SUL DIRITTO ALLO SVILUPPO Risoluzione 41/128 dell Assemblea Generale delle Nazioni unite, 4 dicembre 1986. L Assemblea Generale, Avendo presenti i fini e i principi della Carta delle Nazioni

Dettagli

Carta di Ottawa per la promozione della salute

Carta di Ottawa per la promozione della salute Carta di Ottawa per la promozione della salute 1 Conferenza Internazionale sulla Promozione della Salute del 1986 per stimolare l azione l a favore della Salute per Tutti per l anno l 2000 e oltre Promozione

Dettagli

visto il trattato che istituisce la Comunità europea, in particolare l articolo 100,

visto il trattato che istituisce la Comunità europea, in particolare l articolo 100, L 225/16 IT Gazzetta ufficiale delle Comunità europee 12. 8. 98 DIRETTIVA 98/59/CE DEL CONSIGLIO del 20 luglio 1998 concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri in materia di licenziamenti

Dettagli

Istituzioni e violenza

Istituzioni e violenza Istituzioni e violenza Lo stato dell arte in materia di legislazione internazionale, europea, nazionale sul tema della violenza alle donne 6 aprile 2011 Il tema della violenza contro le donne non ha trovato

Dettagli

Dipartimento Cure Primarie U.O. Consultori Spazio Giovani di Bologna Centro di Consultazione per adolescenti

Dipartimento Cure Primarie U.O. Consultori Spazio Giovani di Bologna Centro di Consultazione per adolescenti Dipartimento Cure Primarie U.O. Consultori Spazio Giovani di Bologna Centro di Consultazione per adolescenti SPAZIO GIOVANI E un Centro rivolto agli adolescenti (14-20 anni) e agli adulti del contesto

Dettagli

2.13. La collaborazione con le altre organizzazioni internazionali

2.13. La collaborazione con le altre organizzazioni internazionali 2.13. La collaborazione con le altre organizzazioni internazionali Il legame esistente tra il Consiglio d Europa e le altre organizzazioni internazionali è un legame molto stretto di collaborazione e cooperazione

Dettagli

9452/16 BUC/am/S 1 DG G 2B

9452/16 BUC/am/S 1 DG G 2B Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 25 maggio 2016 (OR. en) 9452/16 FISC 85 ECOFIN 502 RISULTATI DEI LAVORI Origine: in data: 25 maggio 2016 Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO. Documento di seduta. sulla salute e i diritti sessuali e riproduttivi (2001/2128(INI))

PARLAMENTO EUROPEO. Documento di seduta. sulla salute e i diritti sessuali e riproduttivi (2001/2128(INI)) PARLAMENTO EUROPEO 1999 Documento di seduta 2004 FINALE A5-0223/2002 6 giugno 2002 RELAZIONE sulla salute e i diritti sessuali e riproduttivi (2001/2128(INI)) Commissione per i diritti della donna e le

Dettagli

DISUGUAGLIANZE DIRITTI POVERTA DISUGUAGLIANZA DI GENERE Franco Bosello

DISUGUAGLIANZE DIRITTI POVERTA DISUGUAGLIANZA DI GENERE Franco Bosello DISUGUAGLIANZE DIRITTI POVERTA DISUGUAGLIANZA DI GENERE Franco Bosello 1989 2009 Se non siamo indignati, non siamo bene informati 1 RNL pro capite ($ $ USA, ppp 2010) Tasso Mortalità Infantile sotto 5

Dettagli

IT Unita nella diversità IT B8-0977/1. Emendamento

IT Unita nella diversità IT B8-0977/1. Emendamento 12.9.2016 B8-0977/1 1 Paloma López Bermejo, Maria Lidia Senra Rodríguez, Ángela Vallina, Marina Albiol Guzmán, Cornelia Ernst, Marie-Christine Vergiat, Tania González Peñas, Miguel Urbán Crespo, Lola Sánchez

Dettagli

Piano Azioni Positive Triennio

Piano Azioni Positive Triennio Piano Azioni Positive Triennio 2010-2012 Comune di Modena PG 112901/2010 Assessorato Pari Opportunità del 21/09/2010 Comitato Pari Opportunità Fonti normative: - Legge n. 125 del 10 aprile 1991 Azioni

Dettagli

Pechino 15 anni dopo - Piattaforma delle Nazioni Unite per la parità di genere

Pechino 15 anni dopo - Piattaforma delle Nazioni Unite per la parità di genere P7_TA-PROV(2010)0037 Pechino 15 anni dopo - Piattaforma delle Nazioni Unite per la parità di genere Risoluzione del Parlamento europeo del 25 febbaio 2010 su Pechino +15: Piattaforma d'azione delle Nazioni

Dettagli

La normativa comunitaria sulle pari opportunità in materia di pensioni (Direttiva 2006/54) 19 Dicembre 2008

La normativa comunitaria sulle pari opportunità in materia di pensioni (Direttiva 2006/54) 19 Dicembre 2008 La normativa comunitaria sulle pari opportunità in materia di pensioni (Direttiva 2006/54) 19 Dicembre 2008 Indice Le Pari Opportunità nell Ue slide 1-3 I Punti Salienti della Direttiva 2006/54 slide 4-6

Dettagli

EMENDAMENTI IT Unita nella diversità IT. Parlamento europeo 2015/2154(DEC) Progetto di parere Barbara Matera (PE571.

EMENDAMENTI IT Unita nella diversità IT. Parlamento europeo 2015/2154(DEC) Progetto di parere Barbara Matera (PE571. Parlamento europeo 2014-2019 Commissione per i diritti della donna e l'uguaglianza di genere 14.1.2016 2015/2154(DEC) EMENDAMENTI 1-17 Barbara Matera (PE571.787v01-00) Discarico 2014: Bilancio generale

Dettagli

Progetto Pari opportunità: studi e confronti

Progetto Pari opportunità: studi e confronti Progetto Pari opportunità: studi e confronti PROGETTAZIONE E SVILUPPO DI MODULI DIDATTICI SULLE DIFFERENZE DI GENERE Tutti sono eguali dinanzi alla legge e hanno diritto, senza alcuna discriminazione,

Dettagli

I Programmi Europa per i cittadini Giustizia Cittadinanza e Uguaglianza. Politica di coesione

I Programmi Europa per i cittadini Giustizia Cittadinanza e Uguaglianza. Politica di coesione I Programmi Europa per i cittadini Giustizia Cittadinanza e Uguaglianza Politica di coesione L Unione Europea per l uguaglianza, i diritti di cittadinanza, partecipazione e giustizia Lotta contro le discriminazioni

Dettagli

8936/16 sp/cap/sp 1 DG D 1 A

8936/16 sp/cap/sp 1 DG D 1 A Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 13 maggio 2016 (OR. en) Fascicolo interistituzionale: 2016/0020 (NLE) 8936/16 SCH-EVAL 82 SIRIS 82 COMIX 366 RISULTATI DEI LAVORI Origine: in data: 13 maggio 2016

Dettagli

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE. INVITO A PRESENTARE PROPOSTE EAC/01/10 Programma «Gioventù in azione» (2009/C 315/03)

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE. INVITO A PRESENTARE PROPOSTE EAC/01/10 Programma «Gioventù in azione» (2009/C 315/03) 23.12.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 315/3 V (Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE INVITO A PRESENTARE PROPOSTE EAC/01/10 Programma «Gioventù in azione» 2007-2013 (2009/C 315/03)

Dettagli

CONFERENZA MONDIALE SUI DIRITTI UMANI (VIENNA 1993) - DICHIARAZIONE FINALE I diritti umani delle donne e delle bambine sono parte inalienabile,

CONFERENZA MONDIALE SUI DIRITTI UMANI (VIENNA 1993) - DICHIARAZIONE FINALE I diritti umani delle donne e delle bambine sono parte inalienabile, Dichiarazione Universale dei Diritti Umani 1948 Art.1 Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti.. Art.2 Ad ogni individuo spettano tutti i diritti e tutte le libertà enunciate

Dettagli

*** PROGETTO DI RACCOMANDAZIONE

*** PROGETTO DI RACCOMANDAZIONE Parlamento europeo 2014-2019 Commissione per l'industria, la ricerca e l'energia 2017/0139(NLE) 5.12.2017 *** PROGETTO DI RACCOMANDAZIONE concernente il progetto di decisione del Consiglio relativa al

Dettagli

Piano Triennale delle Azioni Positive

Piano Triennale delle Azioni Positive CITTA DI GHEDI Provincia di Brescia ASSESSORATO ALLE PARI OPPORTUNITA Piano Triennale delle Azioni Positive 2016 2018 ALLEGATO ALLA DELIBERA n. 57 DEL 5 aprile 2016 PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE

Dettagli

COMUNE DI CALTANISSETTA

COMUNE DI CALTANISSETTA ALL. A COMUNE DI CALTANISSETTA PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2016/2018 Descrizione introduttiva Premesso che il D. Lgs. 11/04/2006 n. 198 e s.m.i., recante Codice delle pari opportunità

Dettagli

La salute riproduttiva delle Donne Aspetti sanitari, sociali e demografici. Centralità dei consultori e ruolo dell ostetrica nel percorso nascita

La salute riproduttiva delle Donne Aspetti sanitari, sociali e demografici. Centralità dei consultori e ruolo dell ostetrica nel percorso nascita La salute riproduttiva delle Donne Aspetti sanitari, sociali e demografici Centralità dei consultori e ruolo dell ostetrica nel percorso nascita Stefania Guidomei Responsabile DATeR Percorso Nascita e

Dettagli

Piano Azioni Positive Triennio

Piano Azioni Positive Triennio COMUNE DI MODENA Assessorato Pari Opportunità Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni Normativa di riferimento Piano

Dettagli

COMUNE DI CUVIO Provincia di Varese

COMUNE DI CUVIO Provincia di Varese COMUNE DI CUVIO Provincia di Varese PIANO delle Azioni Positive Triennio 2015/2017 Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 43 del 26.06.2015 1 1. PREMESSA Nell ambito delle iniziative promosse

Dettagli

*** PROGETTO DI RACCOMANDAZIONE

*** PROGETTO DI RACCOMANDAZIONE Parlamento europeo 2014-2019 Commissione per il commercio internazionale 2016/0052(NLE) 7.6.2016 *** PROGETTO DI RACCOMANDAZIONE concernente il progetto di decisione del Consiglio relativa alla conclusione

Dettagli

Art. 12 TUE Protocollo (n. 1) sul ruolo dei parlamenti nazionali nell Unione europea Protocollo (n. 2) sull applicazione dei principi di

Art. 12 TUE Protocollo (n. 1) sul ruolo dei parlamenti nazionali nell Unione europea Protocollo (n. 2) sull applicazione dei principi di Partecipazione dei parlamenti nazionali al processo decisionale dell UE Basi giuridiche Art. 12 TUE Protocollo (n. 1) sul ruolo dei parlamenti nazionali nell Unione europea Protocollo (n. 2) sull applicazione

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA Doc. XII-quinquies n. 36 ASSEMBLEA PARLAMENTARE DELL'OSCE Sessione annuale di BAKU, Azerbaigian (28 giugno - 2 luglio 2014) Risoluzione sulla riforma generale dell'immigrazione

Dettagli

CONCILIAZIONE TRA TEMPI DI VITA E TEMPI DI LAVORO

CONCILIAZIONE TRA TEMPI DI VITA E TEMPI DI LAVORO CONCILIAZIONE TRA TEMPI DI VITA E TEMPI DI LAVORO Presentazione della principale legislazione di settore dalla Comunità Europea alla Regione Puglia Giovanna Magistro (a cura di) premessa Con i finanziamenti

Dettagli

D E L E G A Z I O N E D I B R U X E L L E S LA NUOVA STRATEGIA EUROPEA PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PMI

D E L E G A Z I O N E D I B R U X E L L E S LA NUOVA STRATEGIA EUROPEA PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PMI D E L E G A Z I O N E D I B R U X E L L E S LA NUOVA STRATEGIA EUROPEA PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PMI Serie La lente sull Ue n 14 Nota di presentazione del documento pubblicato dalla Commissione

Dettagli

INTERVENTO ON. CENTEMERO

INTERVENTO ON. CENTEMERO a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 1099 INTERVENTO ON. CENTEMERO Informativa urgente del Governo in merito all'attuazione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE TENTORI, BRAGA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE TENTORI, BRAGA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1230 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI TENTORI, BRAGA Introduzione dell educazione di genere nelle attività didattiche delle scuole

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA SESSUALITA' E

EDUCAZIONE ALLA SESSUALITA' E EDUCAZIONE ALLA SESSUALITA' E SENSIBILIZZAZIONE ALL'AUTOPROTEZIONE DALLE MST GIOVANI DELLA CROCE ROSSA ITALIANA DI GIAVENO (TO) A CURA DEGLI ANIMATORI ABC ANDREA ORIZZONTE E STEFANO POLELLO Il taboo frequentemente

Dettagli

IT 154 IT. Condizionalità ex-ante generali

IT 154 IT. Condizionalità ex-ante generali Condizionalità ex-ante generali Area Condizionalità ex-ante Criteri di adempimento 1. Antidiscriminazione Esistenza di un meccanismo che garantisca l'attuazione e l'applicazione efficaci della direttiva

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO TESTI APPROVATI

PARLAMENTO EUROPEO TESTI APPROVATI PARLAMENTO EUROPEO 2014-2019 TESTI APPROVATI Giornata internazionale dei rom zingarofobia in Europa e riconoscimento, da parte dell'ue, della giornata commemorativa del genocidio dei rom durante la Seconda

Dettagli

Regione Calabria Azienda Sanitaria Provinciale Cosenza

Regione Calabria Azienda Sanitaria Provinciale Cosenza Referente per quanto comunicato Tel. 0982/491235-44 Fax 0982/427968 e-mail: consultorioamantea@libero.it PROGRAMMA DI ATTIVITA PER L ANNO 2016 Il Progetto Obiettivo Materno Infantile (POMI), adottato con

Dettagli

Interreg Adrion al via il primo bando!

Interreg Adrion al via il primo bando! La Newsletter di UPEL Bandi e finanziamenti europei A cura di Unione Provinciale Enti Locali Newsletter n. 2 18 febbraio 2016 http://www.upel.va.it Interreg Adrion al via il primo bando! Il programma ADRION

Dettagli

Proposta congiunta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

Proposta congiunta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA ALTO RAPPRESENTANTE DELL'UNIONE PER GLI AFFARI ESTERI E LA POLITICA DI SICUREZZA Bruxelles, 21.4.2017 JOIN(2017) 14 final 2017/0084 (NLE) Proposta congiunta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

Dettagli

Cosa sono i consultori? Chi trovi nei consultori? Quali servizi nei consultori? Con sultori familiari

Cosa sono i consultori? Chi trovi nei consultori? Quali servizi nei consultori? Con sultori familiari Cosa sono i consultori? Chi trovi nei consultori? Quali servizi nei consultori? Con sultori familiari Centro Consulenza Giovani Consultori immigrati Funzione di accoglienza Procreazione responsabile Percorso

Dettagli

RACCOMANDAZIONE SUL QUADRO PROMOZIONALE PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO 1

RACCOMANDAZIONE SUL QUADRO PROMOZIONALE PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO 1 Raccomandazione 197 RACCOMANDAZIONE SUL QUADRO PROMOZIONALE PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO 1 La Conferenza generale dell Organizzazione Internazionale del Lavoro, Convocata a Ginevra dal Consiglio

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 19 gennaio 2017

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 19 gennaio 2017 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 19 gennaio 2017 Delega di funzioni alla Sottosegretaria di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri, on. avv. Maria Elena BOSCHI. (17A01046) (GU

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 319/9

Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 319/9 20.10.2004 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 319/9 DIRETTIVA 2004/105/CE DELLA COMMISSIONE del 15 ottobre 2004 che determina i modelli di certificati fitosanitari ufficiali o di certificati fitosanitari

Dettagli

Tavola sinottica Testo Convenzione n. 183 Diritto svizzero Attuato Necessità d'adeguamento

Tavola sinottica Testo Convenzione n. 183 Diritto svizzero Attuato Necessità d'adeguamento Tavola sinottica Art. 1 Ai fini della presente Convenzione il termine «donna» si applica a tutte le persone di sesso femminile, senza discriminazione alcuna, ed il termine «bambino» a tutti i bambini,

Dettagli

DONNE E PROCESSI DECISIONALI: PER UNA POLITICA DELLA PRESENZA

DONNE E PROCESSI DECISIONALI: PER UNA POLITICA DELLA PRESENZA Ferrara 17 ottobre 2014 Giuditta Brunelli DONNE E PROCESSI DECISIONALI: PER UNA POLITICA DELLA PRESENZA ART. 2, comma 2, STATUTO UNIVERSITA DI FERRARA Unife garantisce il rispetto del principio costituzionale

Dettagli