BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 32 attualmente il Fondo Coopertoscana è gestito direttamente dalla Regione Toscana;

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 32 attualmente il Fondo Coopertoscana è gestito direttamente dalla Regione Toscana;"

Transcript

1 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 32 attualmente il Fondo Coopertoscana è gestito direttamente dalla Regione Toscana; Ravvisata la necessità di modificare quanto previsto al punto 10 del dispositivo della delibera n. 295/2006; A voti unanimi DELIBERA 1.Di sostituire il punto 10 del dispositivo della delibera n. 295 del 2 Maggio 2006 con la seguente dicitura: L impresa dovrà presentare una garanzia fideiussoria di importo pari al 50% del debito totale, con una durata non inferiore ai sei mesi successivi alla scadenza del beneficio concesso e rilasciata da una banca, una compagnia assicurativa, da un intermediario finanziario iscritto all art. 107 del T.U.B. o all art. 106 del T.U.B. e autorizzato da specifico Decreto Ministeriale. 2.Di dare mandato alle strutture regionali competenti per l attuazione delle disposizioni di cui alla presente delibera. In ragione del particolare rilievo del provvedimento, che per il suo contenuto deve essere portato a conoscenza della generalità dei cittadini, se ne dispone la pubblicazione per intero sul Bollettino Ufficiale della Regione Toscana ai sensi dell art.2, comma 3, della L.R. 18/1996. DELIBERAZIONE 23 luglio 2007, n. 546 Segreteria della Giunta Il Direttore Generale Valerio Pelini L.R. 3/94: Accordi di reciprocità relativi all interscambio di cacciatori per la stagione venatoria ed accordo interregionale per la predisposizione di calendari venatori omogenei. Autorizzazione alla sottoscrizione. LA GIUNTA REGIONALE Vista la Legge n. 157 del 11 febbraio 1992 Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio ; Vista la legge regionale n. 3 del 12 gennaio 1994 di recepimento della L. 157/1992 che prevede l emanazione di regolamenti di attuazione; Visto il d.p.g.r. 25 febbraio 2004 n. 13/r Testo Unico dei regolamenti regionali in materia di gestione faunisticovenatoria in attuazione della legge regionale 12 gennaio 1994 n. 3 e in particolare l articolo 23 che prevede specifici accordi tra la Toscana e le altre regioni; Visto l articolo 15 della legge regionale 10 giugno 2002 n. 20 Calendario venatorio e modifiche alla legge regionale 12 gennaio 1994 n. 3 che dà facoltà alla Giunta regionale di determinare le forme e le modalità di caccia tenuto conto delle condizioni di reciprocità; Considerato che l Amministrazione regionale toscana ha intenzione di attivare accordi di reciprocità con le regioni Lazio e Umbria relativamente all interscambio dei cacciatori per la stagione venatoria 2007/2008 e di formalizzare un accordo interregionale volto a garantire calendari venatori il più possibile omogenei fra le regioni del centro Italia; Vista la bozza di accordo di reciprocità predisposta dai competenti uffici delle regioni Toscana e Lazio che costituisce parte integrante del presente atto (allegato A); Vista la bozza di accordo di reciprocità predisposta dai competenti uffici delle regioni Toscana e Umbria che costituisce parte integrante del presente atto (allegato B); Vista altresì la bozza di accordo interregionale concordata con le Regioni Toscana, Abruzzo, Marche, Lazio e Umbria e volto ad introdurre date e modalità omogenee di svolgimento dell attività venatoria (allegato C); Dato atto che l accordo inerente date e modalità omogenee di svolgimento dell attività venatoria nelle Regioni dell Italia centrale non comporta modificazioni del calendario regionale toscano; Ritenuto opportuno autorizzare il Presidente della Giunta Regionale, o un suo delegato, alla sottoscrizione dei suddetti accordi; A voti unanimi DELIBERA 1. di autorizzare il Presidente della Giunta Regionale, o un suo delegato, alla sottoscrizione degli accordi di reciprocità relativi all interscambio dei cacciatori delle regioni Toscana, Lazio e Umbria per la stagione venatoria 2007/2008 di cui agli allegati A e B che sono parte integrante del presente provvedimento. 2. di autorizzare il Presidente della Giunta Regionale, o un suo delegato, alla sottoscrizione dell accordo interregionale elaborato tra le Regioni Abruzzo, Marche,

2 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 32 Toscana, Lazio e Umbria di cui all allegato C per la predisposizione di calendari venatori omogenei che fa parte integrante del presente provvedimento. Il presente provvedimento è soggetto a pubblicazione ai sensi dell articolo 2, comma 3 della l.r. 18/96. In ragione del particolare rilievo del provvedimento, che per il suo contenuto deve essere portato a conoscenza 83 della generalità dei cittadini, se ne dispone la pubblicazione per intero, compresi gli allegati, sul Bollettino Ufficiale della Regione Toscana. Segreteria della Giunta Il Direttore Generale Valerio Pelini SEGUONO ALLEGATI

3 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 32 REGIONE DELL UMBRIA GIUNTA REGIONALE ACCORDO TRA LE REGIONI UMBRIA E TOSCANA SULL INTERSCAMBIO DEI CACCIATORI PER LA STAGIONE VENATORIA 2007/2008 Premesso: - che la normativa della Regione Umbria che disciplina la caccia programmata prevede l accesso di cacciatori non residenti in Umbria, previa determinazione da parte della giunta regionale di quote riservate mediante accordi interregionali o interprovinciali basati su criteri di reciprocità; - che tale quota, all interno dei quantitativi complessivi, riservata ai cacciatori non residenti, pari al 10% dei cacciatori ammissibili in ciascun ATC, è distinta in 2% per la residenza venatoria, 4% per l iscrizione ad un ulteriore ATC e per il 4% per l accesso giornaliero per la caccia alla selvaggina migratoria; - che il DPGR 13/r/2004 della Regione Toscana prevede la possibilità di ammissione all iscrizione all ATC di un numero di cacciatori non residenti pari al 4% degli iscritti e prevede inoltre, per la caccia alla migratoria o agli ungulati, tenendo conto dei rapporti di reciprocità l accesso giornaliero in mobilità di cacciatori non residenti in numero non superiore al 5% dei cacciatori ammissibili; CONSIDERATA la necessità di regolamentare l interscambio di cacciatori al fine di realizzare una equilibrata distribuzione degli stessi nei rispettivi territori, nel rispetto delle norme richiamate e delle disposizioni contenute nei Calendari venatori di ciascuna Regione; Fra le Regioni dell Umbria e della Toscana SI CONVIENE QUANTO SEGUE A. Il presente accordo ha validità per la stagione venatoria 2007/2008. I cacciatori provenienti dalle due Regioni che intendono richiedere la residenza venatoria nella Regione diversa da quella di residenza, hanno la priorità su quelli che richiedono l iscrizione agli ATC (come ulteriore ATC), ed hanno diritto a svolgere l attività venatoria a partire dal primo giorno della stagione venatoria nell osservanza del Calendario venatorio. Per i cacciatori che richiedono l iscrizione all ATC, non come residenza venatoria, il primo giorno utile di caccia è la terza domenica di settembre. C. La Regione Toscana, nei rapporti di reciprocità di cui all art. 23 del DPGR 13/r/2004 consente, in via prioritaria, l esercizio venatorio sul proprio territorio ai cacciatori provenienti dalla Regione dell Umbria con le seguenti modalità: Accoglimento in via prioritaria, fino ad un massimo di 700 unità delle domande di iscrizione agli ATC dei cacciatori umbri, nei limiti previsti dalla normativa per l iscrizione agli ATC toscani. Tali iscrizioni consentono ai cacciatori umbri di cacciare tutte le specie previste nell ATC prescelto a partire dalla data prevista al punto B. I cacciatori interessati dovranno presentare domanda all ATC prescelto nei termini fissati dalla normativa regionale. La comunicazione dell avvenuta ammissione ed il pagamento della quota di iscrizione costituiscono titolo per l esercizio venatorio. Messa a disposizione, previa prenotazione, dei posti giornalieri disponibili ai sensi dell art. 23 del DPGR 13/r/2004 garantendo, se richiesto, un minimo di 1000 posti riservati ai cacciatori umbri da usufruire negli ATC toscani a partire dal 1 ottobre per la caccia alla selvaggina migratoria o agli ungulati. D. La Regione dell Umbria consente in via prioritaria, l esercizio venatorio sul proprio territorio ai cacciatori provenienti dalla Toscana con le seguenti modalità: Accoglimento in via prioritaria, fino ad un massimo di 700 unità, delle domande di iscrizione agli ATC dei cacciatori toscani nei limiti dei posti riservati, previsti dalla normativa per l iscrizione agli ATC dell Umbria. Tali iscrizioni consentono, ai cacciatori toscani di cacciare tutte le specie previste nell ATC prescelto a partire dalla data prevista al punto B; i cacciatori interessati devono presentare domanda nei termini fissati dal

4 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N regolamento regionale 19/95, al Comitato di gestione dell ATC. La comunicazione della avvenuta ammissione e il pagamento della quota di partecipazione costituiscono titolo per l esercizio venatorio; Messa a disposizione di n posti, da utilizzare previa prenotazione telefonica, negli ATC dell Umbria da parte dei cacciatori toscani unitamente ai cacciatori provenienti da altre regioni con cui siano stabiliti analoghi accordi, nel modo seguente: ATC n. 1 fino a posti, ATC n. 2 fino a posti, ATC n. 3 fino a posti, per un massimo di 20 giornate complessive di caccia alla selvaggina migratoria, a partire dal 1 ottobre. E. Ai fini della teleprenotazione la Regione Toscana (ARSIA) mette a disposizione della Regione Umbria l accesso al proprio sistema regionale di prenotazione secondo specifici accordi con la suddetta Regione. Il sistema di prenotazione consentirà ai cacciatori di usufruire della mobilità. I cacciatori interessati dovranno presentare domanda alla Regione Toscana nei termini previsti per ottenere il codice individuale di accesso Per i cacciatori già in possesso di codice e pertanto legittimati all accesso al sistema tale domanda si intende effettuata al momento della prima prenotazione F. Per l esercizio della caccia al cinghiale in battuta, le squadre provenienti dalle Regioni sottoscrittrici sono accolte nella misura minima prevista dai rispettivi regolamenti regionali. I cacciatori delle due regioni, iscritti nella precedente stagione venatoria in squadre locali, sono riconfermati per la durata del presente accordo, previa iscrizione all ATC di competenza. G. Oltre a quanto stabilito dal presente accordo le Province dell Umbria e della Toscana, nell ambito della propria competenza, possono stringere in deroga ulteriori specifici accordi. H. Il presente accordo può essere modificato in caso di rilevanti modifiche della regolamentazione della caccia che incidano sulle condizioni di reciprocità venatoria attualmente esistenti. I. I servizi preposti alla materia dalle Regioni Umbria e Toscana provvederanno al dettaglio tecnico-operativo per una corretta gestione del presente accordo. REGIONE TOSCANA L ASSESSORE Susanna Cenni REGIONE UMBRIA L ASSESSORE Lamberto Bottini

5 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 32 ACCORDO INTERREGIONALE REGIONI ABRUZZO, LAZIO, MARCHE, TOSCANA E UMBRIA PER LA PREDISPOSIZIONE DI CALENDARI VENATORI OMOGENEI VISTO l art. 18 della legge 11 febbraio 1992 n. 157 che attribuisce alle Regioni la competenza ad approvare i calendari venatori; DATO ATTO che l approvazione di calendari venatori disomogenei fra le Regioni confinanti del centro Italia ha determinato notevoli difficoltà nella gestione dei flussi di cacciatori; DATO ATTO, altresì, che situazioni di concentrazione di cacciatori in determinate giornate o periodi in limitate località hanno talvolta generato un incidenza forte e negativa sulla fauna selvatica oggetto di prelievo venatorio vanificando i risultati raggiunti attraverso il costante impegno dei cacciatori residenti; COSIDERATO quindi opportuno procedere a rendere omogenei i calendari venatori delle regioni del centro Italia relativamente a date di apertura anticipata, data di apertura generale della stagione venatoria, specie e periodi di prelievo e carnieri giornalieri al fine di garantire una maggiore conservazione faunistica e di migliorare la gestione dei flussi di cacciatori; CONSIDERATO che gli uffici competenti delle diverse regioni hanno individuato un nucleo di regole da adottare come base per la redazione di calendari venatori omogenei a partire dalla prossima stagione venatoria ; gli Assessori competenti alla caccia delle Regioni Abruzzo, Lazio, Marche, Toscana e Umbria sottoscrivono il seguente accordo: Punto 1) I calendari venatori regionali non dovranno eccedere le seguenti disposizioni : A) Apertura anticipata primo giorno utile di settembre e prima domenica successiva, solo da appostamento, alle seguenti specie: tortora, colombaccio, corvidi, merlo, germano, marzaiola, alzavola; B) Attività venatoria nel mese di settembre apertura generale della stagione venatoria dalla terza domenica di settembre; C) Definizione dei periodi di prelievo per le seguenti specie: lepre dalla terza domenica di settembre all 8 dicembre; D) Carniere giornaliero migratoria: 20 capi complessivi; beccaccia: 3 capi; stanziale: 2 capi complessivi (lepre 1 capo); Punto 2) Modalità di disciplina degli accessi interregionali: i cacciatori delle singole Regioni possono accedere agli ATC delle altre Regioni previa iscrizione; l apertura anticipata è effettuata esclusivamente nell ATC di residenza venatoria; dal 1 ottobre è consentito l accesso in mobilità per il prelievo della selvaggina migratoria e degli ungulati secondo le modalità previste dalle normative regionali e dagli eventuali accordi di reciprocità sottoscritti tra le Amministrazioni. Punto 3) Le Regioni disciplinano autonomamente tutto ciò che non è oggetto del presente accordo con possibilità di introdurre deroghe in senso restrittivo alle regole di cui sopra. Roma, 30 aprile 2007 L Assessore della Regione Abruzzo L Assessore della Regione Lazio L Assessore della Regione Marche L Assessore della Regione Toscana (Susanna Cenni) L Assessore della Regione Umbria (Lamberto Bottini)

6 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N REGIONE TOSCANA Giunta Regionale REGIONE LAZIO Assessorato all Agricoltura Dipartimento Economico ed Occupazionale Direzione Regionale Agricoltura ACCORDO TRA LE REGIONI TOSCANA E LAZIO SULL INTERSCAMBIO DEI CACCIATORI PER LA STAGIONE VENATORIA 2007/2008 Premesso che: - il D.P.G.R. 25 febbraio 2004, n.13/r Testo unico dei regolamenti regionali in materia di gestione faunistico venatoria in attuazione della legge regionale 12 gennaio 1994, n.3 prevede la possibilità di ammissione negli A.T.C. toscani di cacciatori non residenti secondo i limiti e le modalità stabilite dall articolo 23; - analogamente, la normativa della Regione Lazio prevede la possibilità, tenuto conto dei rapporti di reciprocità, di ammissione nei propri A.T.C. fino al 2% del numero degli aventi diritto, di cacciatori non residenti, nonché fino al 4% l accesso giornaliero per la sola caccia alle specie di fauna selvatica migratoria. Fra le regioni della Toscana e del Lazio, SI CONVIENE QUANTO SEGUE: a) i cacciatori provenienti da ciascuna delle due regioni che intendono richiedere la residenza venatoria nell altra, hanno la priorità su quelli che richiedono l iscrizione ad ulteriori A.T.C., ed hanno diritto a svolgere l attività venatoria a partire dal primo giorno della stagione venatoria nell osservanza dei Calendari Venatori; i cacciatori di una delle due Regioni che ottengono la residenza venatoria nell altra acquisiscono il diritto ad usufruire, nel rispetto dei tetti di accesso stabiliti nelle rispettive normative, del pacchetto delle giornate per la caccia alla selvaggina migratoria. b) La regione Toscana, nei rapporti di reciprocità di cui all art.23 del T.U. dei regolamenti, consente in via prioritaria l esercizio venatorio sul proprio territorio ai cacciatori provenienti dalla Regione Lazio, fatta salva la previsione di cui al punto a), con le seguenti modalità: b1) accoglimento in via prioritaria, nei limiti previsti dalla normativa, delle domande di iscrizione ad un A.T.C. toscano (che non sia di residenza venatoria), prodotte da cacciatori laziali. Per tale iscrizione, come ulteriore A.T.C., valgono le disposizioni di seguito riportate in ordine al primo giorno utile di caccia: - in caso di aperture coincidenti, i cacciatori laziali possono accedere agli A.T.C. della Regione Toscana a partire dalla terza domenica di settembre; I cacciatori interessati all iscrizione presentano nei termini di domanda al comitato di gestione dell A.T.C.. La comunicazione dell avvenuta ammissione dal parte dell A.T.C. ed il pagamento della quota di partecipazione costituiscono titolo per l esercizio venatorio; b2) messa a disposizione, previa prenotazione, dei posti giornalieri disponibili per la mobilità venatoria, garantendo un minimo di 1000 posti riservati ai cacciatori laziali da usufruire negli A.T.C. toscani a partire dal 1 ottobre di ogni anno per la caccia alla selvaggina migratoria (da appostamento fatta eccezione per la caccia alla beccaccia che può essere svolta in forma vagante con l uso del cane) o agli ungulati, per un massimo di 18 giornate per cacciatore. c) La Regione Lazio, nei rapporti si di seguito specificati, consente, in via provvisoria, l esercizio venatorio sul proprio territorio ai cacciatori provenienti dalla Regione Toscana, fatta salva la previsione di cui al punto a), con le seguenti modalità: c1) accoglimento, in via prioritaria, nei limiti previsti dalla normativa per l iscrizione di cacciatori toscani in un A.T.C. del Lazio, che non sia di residenza venatoria. Per tali

7 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 32 cacciatori toscani in un A.T.C. del Lazio, che non sia di residenza venatoria. Per tali iscrizioni, come ulteriore A.T.C., valgono le disposizioni di seguito riportate in ordine al primo giorno utile di caccia: - in caso di aperture coincidenti, i cacciatori toscani possono accedere agli A.T.C. della Regione Lazio a partire dalla terza domenica di settembre; I cacciatori interessati dovranno presentare domanda nei termini fissati dalla normativa regionale. La comunicazione dell avvenuta ammissione ed il pagamento della quota di iscrizione costituiscono titolo per l esercizio venatorio; c2) messa a disposizione dei cacciatori toscani di n.1000 posti giornalieri utilizzabili per la caccia in mobilità alla selvaggina migratoria (da appostamento fatta eccezione per la caccia alla beccaccia che può essere svolta in forma vagante con l uso del cane) negli A.T.C. laziali, a partire dal 1 ottobre 2007, per un massimo di 18 giornate per cacciatore, previa prenotazione secondo il protocollo tecnico allegato predisposto dagli uffici regionali competenti. Sul territorio della Provincia di Viterbo, nel mese di gennaio, la caccia alla selvaggina migratoria è consentita solo da appostamento. d) Le prenotazioni avvengono con il sistema di teleprenotazione. Al fine di poter esperire i dovuti controlli, la Regione Toscana provvederà a rendere disponibile alle Province del Lazio l accesso telematico al proprio archivio per il controllo diretto delle prenotazioni in tempo reale. Ai fini della teleprenotazione la Regione Toscana (ARSIA) mette a disposizione dei cacciatori laziali l accesso al proprio sistema regionale di prenotazione. d1) la Regione Toscana gestisce le prenotazioni dei cacciatori toscani che intendono svolgere, a partire dal 1 ottobre, la caccia alla selvaggina migratoria in un A.T.C. della Regione Lazio. e) Per l esercizio della caccia al cinghiale in battuta, le squadre provenienti dalle Regioni sottoscrittrici sono accolte nella misura e con le modalità previste dai rispettivi regolamenti regionali. f) Il presente accordo può essere modificato in caso di rilevanti modifiche della regolamentazione della caccia che incidano sulle condizioni di reciprocità venatoria attualmente esistenti. g) Il servizio preposto alla materia della Regione Lazio ed i servizi preposti alla materia delle Province del Lazio, competenti per territorio, provvederanno al dettaglio tecnico-operativo per una corretta gestione del presente accordo e sono impegnati allo scambio delle informazioni, con particolare riguardo ai dati consuntivi relativi all applicazione dell accordo medesimo. Oltre a quanto stabilito dal presente accordo le Province del Lazio e della Toscana, nell ambito della propria competenza, possono stringere in deroga ulteriori specifici accordi. REGIONE TOSCANA L Assessore Susanna Cenni REGIONE LAZIO L Assessore Daniela Valentini PROTOCOLLO TECNICO La Regione Lazio, ancora per la stagione venatoria 2007/2008, si avvarrà del sistema di teleprenotazione della regione Toscana (ARSIA) per la gestione dei flussi tra le regioni, TOSCANA e LAZIO con le disposizioni tecniche di seguito riportate. Il sistema di teleprenotazione potrà consentire l accesso massimo di posti giornalieri, per i cacciatori toscani che intendono svolgere l'attività venatoria in mobilità nella Regione Lazio, come di seguito specificato per ogni ATC: Prov. Viterbo ATC VTl: 170 ATC VT2: 160 Prov. Latina ATC LT1: 92 ATCLT2: 40 Prov. Rieti ATCRI1: 88 ATCRI2: 76 Prov. Frosinone ATCFR1: 67 ATCFR2: 60

A voti unanimi DELIBERA

A voti unanimi DELIBERA 32 3.9.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 35 migratoria da appostamento o per la caccia agli ungulati secondo la normativa vigente e utilizzando il sistema regionale di prenotazione

Dettagli

da appostamento fisso nei laghi artificiali e nelle superfici allagate artificialmente, alzavola, germano reale e marzaiola in Provincia di Pistoia;

da appostamento fisso nei laghi artificiali e nelle superfici allagate artificialmente, alzavola, germano reale e marzaiola in Provincia di Pistoia; 16 2.9.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 35 dell art. 18, comma 2 della legge 157/1992 e dell art. 30 della legge regionale 3/1994; Viste le specifiche richieste inviate dalle province

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 26-08-2013 (punto N 15 ) Delibera N 711 del 26-08-2013 Proponente GIANNI SALVADORI DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 25-08-2015 (punto N 18 ) Delibera N 837 del 25-08-2015 Proponente MARCO REMASCHI DIREZIONE AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE Pubblicita

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE Norme per il prelievo venatorio e per la protezione della fauna selvatica omeoterma. Art. 1 Finalità

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE Norme per il prelievo venatorio e per la protezione della fauna selvatica omeoterma. Art. 1 Finalità Gruppo Consiliare Forza Italia Consiglio regionale della Toscana Proposta di Legge n. 210 Prot. n. 10755/2.6 del 23.08.2007 PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE Norme per il prelievo venatorio e per la protezione

Dettagli

REGIONE TOSCANA CALENDARIO VENATORIO REGIONALE STAGIONE VENATORIA (L.R.T. N 20/2002) Capo I. Art. 1 Stagione venatoria e giornate di caccia

REGIONE TOSCANA CALENDARIO VENATORIO REGIONALE STAGIONE VENATORIA (L.R.T. N 20/2002) Capo I. Art. 1 Stagione venatoria e giornate di caccia REGIONE TOSCANA CALENDARIO VENATORIO REGIONALE (L.R.T. N 20/2002) Capo I STAGIONE VENATORIA Art. 1 Stagione venatoria e giornate di caccia 1. La stagione venatoria ha inizio la terza domenica di settembre

Dettagli

REGIONE TOSCANA. LEGGE REGIONALE 10 giugno 2002, n Bollettino Ufficiale della Regione Toscana - n. 13

REGIONE TOSCANA. LEGGE REGIONALE 10 giugno 2002, n Bollettino Ufficiale della Regione Toscana - n. 13 REGIONE TOSCANA LEGGE REGIONALE 10 giugno 2002, n. 20 19.6.2002 Bollettino Ufficiale della Regione Toscana - n. 13 Modificata con L.R. n. 45 del 20 dicembre 2002 Avviso di rettifica B.U. 5 luglio 2002,

Dettagli

PROVINCIA DI MASSA-CARRARA SETTORE AGRICOLTURA E FORESTE SERVIZIO CACCIA E PESCA

PROVINCIA DI MASSA-CARRARA SETTORE AGRICOLTURA E FORESTE SERVIZIO CACCIA E PESCA Dec. di Medaglia d oro al V.M. PROVINCIA DI MASSA-CARRARA SETTORE AGRICOLTURA E FORESTE SERVIZIO CACCIA E PESCA DPGR n 13/R del 25/02/2004 modificato ex DPGR n 48/r del 29/07/2005 ed art. 28 comma 3 lett.

Dettagli

CAPO I CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2016/2017. Articolo 1 (Caccia programmata)

CAPO I CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2016/2017. Articolo 1 (Caccia programmata) CAPO I CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2016/2017 Articolo 1 (Caccia programmata) 1. Ai fini della razionale gestione delle risorse faunistiche sull intero territorio della Liguria si applica

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 29-08-2011 (punto N 16 ) Delibera N 734 del 29-08-2011 Proponente GIANNI SALVADORI DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE

Dettagli

CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2002/2003

CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2002/2003 ALLEGATO 1 ALLEGATO A CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2002/2003 Articolo 1. (Caccia programmata). 1. Ai fini della razionale gestione delle risorse faunistiche sull intero territorio della

Dettagli

AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE, CACCIA E PESCA POLITICHE DI PREVENZ. E CONSERVAZ. FAUNA SELVATICA DETERMINAZIONE. Estensore PETRUCCI BRUNO

AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE, CACCIA E PESCA POLITICHE DI PREVENZ. E CONSERVAZ. FAUNA SELVATICA DETERMINAZIONE. Estensore PETRUCCI BRUNO REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE, CACCIA E PESCA POLITICHE DI PREVENZ. E CONSERVAZ. FAUNA SELVATICA DETERMINAZIONE N. G09028 del 05/08/2016 Proposta n. 11874 del 04/08/2016

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferrero:

A relazione dell'assessore Ferrero: REGIONE PIEMONTE BU38S1 22/09/2016 Deliberazione della Giunta Regionale 19 settembre 2016, n. 30-3945 L.157/1992. L.r. 5/2012.DGR n. 21-3140 dell'11.4.2016 e s.m.i..approvazione piani di prelievo numerico

Dettagli

REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE Mod. B Atto che non comporta impegno di spesa Seduta del 02-09-2014 DELIBERAZIONE N. 416 OGGETTO: DGR 411/2014 "CALENDARIO E REGOLAMENTO PER LA STAGIONE VENATORIA 2014/2015".

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferrero: Vista la legge 11 febbraio 1992, n. 157 e s.m.i.;

A relazione dell'assessore Ferrero: Vista la legge 11 febbraio 1992, n. 157 e s.m.i.; REGIONE PIEMONTE BU39S3 25/09/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 22 settembre 2014, n. 16-337 L. 157/1992. L.r. 5/2012. DGR n. 31-7448 del 15.4.2014 e s.m.i.. Approvazione dei piani di prelievo

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento agricoltura, turismo, formazione e lavoro Politiche della montagna e della fauna selvatica - Settore

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento agricoltura, turismo, formazione e lavoro Politiche della montagna e della fauna selvatica - Settore CAPO I CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2017/2018 Articolo 1 (Caccia programmata) 1. Ai fini della razionale gestione delle risorse faunistiche sull intero territorio della Liguria si applica

Dettagli

Decreto Presidenziale

Decreto Presidenziale Istituzione dei Comuni per il governo dell area vasta Scuole, Strade e Sistemi di trasporto, Territorio e Ambiente Gestione associata di servizi e assistenza ai Comuni SERV POLITICHE RURALI Decreto Presidenziale

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA LIGURIA

CONSIGLIO REGIONALE DELLA LIGURIA CONSIGLIO REGIONALE DELLA LIGURIA PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA DEI CONSIGLIERI REGIONALI: Franco ORSI Francesco BRUZZONE Gabriele SALDO Franco ROCCA Matteo MARCENARO Giovanni MACCHIAVELLO Alessio SASO

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Giunta Regionale della Campania DECRETO DIRIGENZIALE DIPARTIMENTO Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali CAPO DIPARTIMENTO DIRETTORE GENERALE / DIRIGENTE STAFF DIPARTIMENTO DIRIGENTE UNITA

Dettagli

CAPO I. CALENDARIO VENATORIO PER LE STAGIONI VENATORIE 2008/2009, 2009/2010 e 2010/2011. Articolo 1 (Caccia programmata)

CAPO I. CALENDARIO VENATORIO PER LE STAGIONI VENATORIE 2008/2009, 2009/2010 e 2010/2011. Articolo 1 (Caccia programmata) LEGGE REGIONALE 6 GIUGNO 2008 N. 12 Calendario venatorio regionale triennale e modifiche alla legge regionale 1 luglio 1994, n. 29 (norme regionali per la protezione della fauna omeoterma e per il prelievo

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. CACCIA E PESCA NELLE ACQUE INTERNE ##numero_data##

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. CACCIA E PESCA NELLE ACQUE INTERNE ##numero_data## DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. CACCIA E PESCA NELLE ACQUE INTERNE ##numero_data## Oggetto: Modalità di restituzione all attività venatoria delle ZRC e dei CPURFS nel territorio dell ATC PS 2. VISTO il

Dettagli

CAPO I CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2014/2015. Articolo 1 (Caccia programmata)

CAPO I CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2014/2015. Articolo 1 (Caccia programmata) Anno XLV - N. 16 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte II 16.04.2014 - pag. 32 CAPO I CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2014/2015 Articolo 1 (Caccia programmata) 1. Ai fini della

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI VERONA

IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI VERONA IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI VERONA Vista la legge 11 febbraio 1992, n. 157, ed in particolare gli articoli 9 e 18 in ordine, rispettivamente, alle competenze della Provincia di materia di prelievo

Dettagli

CAPO I CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2013/2014

CAPO I CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2013/2014 CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2013/2014. ARTICOLO 34, COMMA 4, LEGGE REGIONALE 1 LUGLIO 1994, N. 29 (NORME REGIONALI PER LA PROTEZIONE DELLA FAUNA OMEOTERMA E PER IL PRELIEVO VENATORIO)

Dettagli

REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE Mod. B Atto che non comporta impegno dispesa Seduta del 20-09-2014 DELIBERAZIONE N. 447 OGGETTO: CALENDARIO E REGOLAMENTO PER LA STAGIONE VENATORIA 2014/2015. MODIFICA ARTICOLO

Dettagli

REGIONE TOSCANA UFFICI REGIONALI GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA UFFICI REGIONALI GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA UFFICI REGIONALI GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 27-12-2017 (punto N 35 ) Delibera N 1503 del 27-12-2017 Proponente MARCO REMASCHI DIREZIONE AGRICOLTURA E SVILUPPO

Dettagli

51 - legge re alla legge regionale 10 giugno 2002, n. 20 Calendario

51 - legge re alla legge regionale 10 giugno 2002, n. 20 Calendario domenica di settembre e 1 febbraio - 15 marzo il prelievo è consentito per cinque giorni la settimana escluso il martedì e il venerdì.. della Regione. E fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e

Dettagli

REGIONE LAZIO DIPARTIMENTO ISTITUZIONALE E TERRITORIO. Decreto del Presidente

REGIONE LAZIO DIPARTIMENTO ISTITUZIONALE E TERRITORIO. Decreto del Presidente REGIONE LAZIO Dipartimento Direzione Regionale DIPARTIMENTO ISTITUZIONALE E TERRITORIO AGRICOLTURA Decreto del Presidente DECRETO N. T00021 DEL 30 GENNAIO 2014 Oggetto: Stagione venatoria 2013/2014. Posticipo

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa Allegato B Relazione illustrativa Il riordino istituzionale, con il quale la Regione ha riassunto a livello centrale tutte le funzioni amministrative in materia di caccia, prima attribuite alle province,

Dettagli

DECRETO N Del 28/09/2017

DECRETO N Del 28/09/2017 DECRETO N. 11727 Del 28/09/2017 Identificativo Atto n. 507 DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA Oggetto CALENDARIO VENATORIO REGIONALE 2017-2018: GIORNATE INTEGRATIVE SETTIMANALI DI CACCIA DA APPOSTAMENTO FISSO

Dettagli

SETTORE ATTIVITA' FAUNISTICO VENATORIA, PESCA DILETTANTISTICA E PESCA IN MARE

SETTORE ATTIVITA' FAUNISTICO VENATORIA, PESCA DILETTANTISTICA E PESCA IN MARE REGIONE TOSCANA DIREZIONE AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE SETTORE ATTIVITA' FAUNISTICO VENATORIA, PESCA DILETTANTISTICA E PESCA IN MARE Responsabile di settore: BANTI PAOLO Decreto non soggetto a controllo

Dettagli

DECRETO N Del 29/09/2016

DECRETO N Del 29/09/2016 DECRETO N. 9541 Del 29/09/2016 Identificativo Atto n. 5334 PRESIDENZA Oggetto AUTORIZZAZIONE AL PRELIEVO DI AVIFAUNA TIPICA ALPINA NEI COMPRENSORI ALPINI DI BRESCIA BRESCIA CA1 PONTE DI LEGNO, CA2 EDOLO,

Dettagli

Cosa cambia: cultura della sicurezza pianificazione e programmazione regionale faunistico-venatoria nuovi organismi informativi e consultivi

Cosa cambia: cultura della sicurezza pianificazione e programmazione regionale faunistico-venatoria nuovi organismi informativi e consultivi 1 Cosa cambia: cultura della sicurezza pianificazione e programmazione regionale faunistico-venatoria nuovi organismi informativi e consultivi governance regionale istituti faunistici e faunistico-venatori

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 12 giugno 2012, n. 1224

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 12 giugno 2012, n. 1224 19585 seguito di competenza, ai sensi e per gli effetti della L.R. n.27/1998 e R.R. n.6/2000 5. di pubblicare il presente atto sul BURP; 6. di notificare il presente provvedimento, per quanto di competenza,

Dettagli

REGOLAMENTO del 11/02/2011, n. 1

REGOLAMENTO del 11/02/2011, n. 1 REGOLAMENTO del 11/02/2011, n. 1 Modifica ed integrazione del Nuovo regolamento per la gestione degli Ambiti Territoriali di caccia (A.T.C.) emanato con D.P.G.R. n 626/2003. LA GIUNTA REGIONALE ha deliberato

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento della caccia al cinghiale

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento della caccia al cinghiale PROVINCIA DI ROMA Regolamento della caccia al cinghiale Adottato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 41 del 13/09/2010 1 REGOLAMENTO DELLA CACCIA AL CINGHIALE NELLA PROVINCIA DI ROMA Art. 34

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA A

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA A AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA A DELLA PROVINCIA DI MATERA Ufficio del Presidente e sede legale Via Cappelluti n. 35-75100 Matera Matera 30/11/2017 Prot. n. 67/17 CACCIA ALLA SPECIE VOLPE (Vulpes vulpes)

Dettagli

PROVINCIA DI LUCCA Il Presidente della Giunta Provinciale

PROVINCIA DI LUCCA Il Presidente della Giunta Provinciale PROVINCIA DI LUCCA Il Presidente della Giunta Provinciale VISTA LA LEGGE 11 FEBBRAIO 1992 N. 157, NORME PER LA PROTEZIONE DELLA FAUNA SELVATICA OMEOTERMA E PER IL PRELIEVO VENATORIO; VISTA LA LEGGE REGIONALE

Dettagli

PROVINCIA DI MASSA-CARRARA Dec. di Medaglia d Oro al V.M.

PROVINCIA DI MASSA-CARRARA Dec. di Medaglia d Oro al V.M. Allegato All. A alla deliberazione G. P. n XX del XXXXXXX PROVINCIA DI MASSA-CARRARA Dec. di Medaglia d Oro al V.M. VISTO il Testo Coordinato della Legge Regionale n. 3 del 12/01/94;VISTA la Legge Regionale

Dettagli

DECRETO N Del 27/09/2016

DECRETO N Del 27/09/2016 DECRETO N. 9417 Del 27/09/2016 Identificativo Atto n. 473 DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA Oggetto CALENDARIO VENATORIO REGIONALE 2016-2017: GIORNATE INTEGRATIVE SETTIMANALI DI CACCIA DA APPOSTAMENTO FISSO

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 2 agosto 2016, n. 1211 Programma Venatorio regionale annata 2016/2017.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 2 agosto 2016, n. 1211 Programma Venatorio regionale annata 2016/2017. 43724 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 2 agosto 2016, n. 1211 Programma Venatorio regionale annata 2016/2017. L Assessore all Agricoltura - Risorse Agroalimentarí, dr Leonardo di Gioia, sulla base

Dettagli

SETTORE ATTIVITA' FAUNISTICO VENATORIA, PESCA DILETTANTISTICA E PESCA IN MARE

SETTORE ATTIVITA' FAUNISTICO VENATORIA, PESCA DILETTANTISTICA E PESCA IN MARE REGIONE TOSCANA DIREZIONE AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE SETTORE ATTIVITA' FAUNISTICO VENATORIA, PESCA DILETTANTISTICA E PESCA IN MARE Responsabile di settore: BANTI PAOLO Decreto non soggetto a controllo

Dettagli

CALENDARIO VENATORIO REGIONALE L.R.

CALENDARIO VENATORIO REGIONALE L.R. CALENDARIO VENATORIO REGIONALE L.R. 10 giugno 2002 n.20 (da ultimo modificata con L R.T. del 18 giugno 2012 n. 29) Capo I - STAGIONE VENATORIA Art. 01 - Stagione venatoria e giornate di caccia 1. La stagione

Dettagli

Regione Lazio. Atti del Presidente della Regione Lazio. 31/01/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 10 - Supplemento n.

Regione Lazio. Atti del Presidente della Regione Lazio. 31/01/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 10 - Supplemento n. Regione Lazio Atti del Presidente della Regione Lazio Decreto del Presidente della Regione Lazio 30 gennaio 2013, n. T00007 Stagione venatoria 2012/2013. Posticipo al 10 febbraio 2013 della chiusura della

Dettagli

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga CAPO I

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga CAPO I REGIONE LIGURIA ----------- LEGGE REGIONALE 1 GIUGNO 2011 N. 12 CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LE STAGIONI 2011/2012, 2012/2013 E 2013/2014. MODIFICHE AGLI ARTICOLI 6 E 34 DELLA LEGGE REGIONALE 1 LUGLIO

Dettagli

CALENDARIO VENATORIO REGIONE TOSCANA. Settore Attività Faunistico Venatorie 2017/2018

CALENDARIO VENATORIO REGIONE TOSCANA. Settore Attività Faunistico Venatorie 2017/2018 REGIONE TOSCANA Settore Attività Faunistico Venatorie 2017 2018 2017/2018 2017/2018 2017/2018 2017/2018 MASSA CARRARA - LUCCA - PISTOIA 2017 2018 ALLEGATO A) ALLA DELIBERA DI GIUNTA REGIONALE N. 711 DEL

Dettagli

Vista la legge 11 febbraio 1992, n. 157 (Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio) e successive modifiche

Vista la legge 11 febbraio 1992, n. 157 (Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio) e successive modifiche Vista la legge 11 febbraio 1992, n. 157 (Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio) e successive modifiche e integrazioni; Vista la legge regionale 6 marzo 2008,

Dettagli

Regolamento per la caccia al cinghiale

Regolamento per la caccia al cinghiale Ambito territoriale di Caccia VV 2 Regolamento per la caccia al cinghiale Art. 1 1 Finalità Il presente regolamento, nel rispetto delle norme vigenti, disciplina e pianifica la caccia alla specie del cinghiale.

Dettagli

Giunta Regionale della Campania /08/

Giunta Regionale della Campania /08/ DECRETO DIRIGENZIALE AREA GENERALE DI COORDINAMENTO A.G.C. 11 Sviluppo Attività Settore Primario COORDINATORE DIRIGENTE SETTORE Dr. Massaro Francesco Dr.ssa Lombardo Daniela DECRETO N DEL A.G.C. SETTORE

Dettagli

R E G I O N E C A L A B R I A

R E G I O N E C A L A B R I A R E G I O N E C A L A B R I A ASSESSORATO AGRICOLTURA FORESTE FORESTAZIONE IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE VISTA la L.R. n 9/96; VISTA la L.R. n 1 del 11/01/2006 che all art. 12 comma 1 modifica la

Dettagli

LEGGE REGIONALE 01 Giugno 2011 n. 12

LEGGE REGIONALE 01 Giugno 2011 n. 12 LEGGE REGIONALE 01 Giugno 2011 n. 12 BOLLETTINO UFFICIALE REGIONALE 01/06/2011 n. 9 LEGGE N.12 del 2011 - Calendario venatorio regionale per le stagioni 2011/2012, 2012/2013 e 2013/2014. Modifiche agli

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE CACCIA LA SPEZIA SETTEMBRE 2014

AMBITO TERRITORIALE CACCIA LA SPEZIA SETTEMBRE 2014 AMBITO TERRITORIALE CACCIA LA SPEZIA SETTEMBRE 2014 In adempimento alla L.R. 29/94 art. 22 c. 2 si procede alla presentazione del programma annuale degli interventi per l attività faunistica dell Ambito

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 1263/2016 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 01 del mese di agosto dell' anno 2016 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori: via

Dettagli

AVVISO PUBBLICO CORSO DI FORMAZIONE PER CONDUTTORI DI CANE LIMIERE IN GIRATA E OPERATORI DI GIRATA Destinatari del corso

AVVISO PUBBLICO CORSO DI FORMAZIONE PER CONDUTTORI DI CANE LIMIERE IN GIRATA E OPERATORI DI GIRATA Destinatari del corso ATCFR1 L A.T.C.FR/1 intende effettuare il corso di cui al seguente AVVISO che, stante la ristrettezza dei tempi, viene pubblicato in data odierna e fatta salva l autorizzazione da parte della Regione Lazio.

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Lazio

Bollettino Ufficiale della Regione Lazio Repubblica Italiana Bollettino Ufficiale della Regione Lazio Disponibile in formato elettronico sul sito: www.regione.lazio.it Legge Regionale n.12 del 13 agosto 2011 Data 30/01/2014 Numero 9 Supplemento

Dettagli

L esercizio venatorio nella stagione 2014/2015, è consentito con le seguenti modalità:

L esercizio venatorio nella stagione 2014/2015, è consentito con le seguenti modalità: ALLEGATO A CALENDARIO VENATORIO PER LA STAGIONE 2014/2015 L esercizio venatorio nella stagione 2014/2015, è consentito con le seguenti modalità: 1) SPECIE E PERIODI DI ATTIVITA' VENATORIA 1.1. Ai fini

Dettagli

133 della specie minilepre (Sylvilagus floridanus) in Regione Toscana ai sensi dell art. 37 L.R. 3/1994. LA GIUNTA REGIONALE

133 della specie minilepre (Sylvilagus floridanus) in Regione Toscana ai sensi dell art. 37 L.R. 3/1994. LA GIUNTA REGIONALE 19.7.2017 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 29 del D.Lgs. 198/2006 in euro 4.459,14 (per un totale per il quadriennio pari ad euro 17.836,56), limite oltre il quale la Regione Toscana non

Dettagli

SETTORE ATTIVITA' FAUNISTICO VENATORIA, PESCA DILETTANTISTICA E PESCA IN MARE

SETTORE ATTIVITA' FAUNISTICO VENATORIA, PESCA DILETTANTISTICA E PESCA IN MARE REGIONE TOSCANA DIREZIONE AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE SETTORE ATTIVITA' FAUNISTICO VENATORIA, PESCA DILETTANTISTICA E PESCA IN MARE Responsabile di settore: BANTI PAOLO Decreto non soggetto a controllo

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO PER LO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA VENATORIA DELLA CACCIA AL CINGHIALE E DELLA ISCRIZIONE DELLE SQUADRE CINGHIALISTE. Art.

REGOLAMENTO INTERNO PER LO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA VENATORIA DELLA CACCIA AL CINGHIALE E DELLA ISCRIZIONE DELLE SQUADRE CINGHIALISTE. Art. REGOLAMENTO INTERNO PER LO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA VENATORIA DELLA CACCIA AL CINGHIALE E DELLA ISCRIZIONE DELLE SQUADRE CINGHIALISTE. Art. 1 Consistenza della Specie Il Comitato di Gestione dell ATC

Dettagli

Art Stagione venatoria e giornate di caccia

Art Stagione venatoria e giornate di caccia Legge Regionale 10 giugno 2002, n. 20 Calendario venatorio e modifiche alla legge regionale 12 gennaio 1994, n. 3 (Recepimento della Legge 11 febbraio 1992, n. 157 "Norme per la protezione della fauna

Dettagli

Dott.ssa Maria Cristina Benassi Servizio Territorio Rurale, Organizzazione degli Ambiti Territoriali riali di Caccia e caccia programmata

Dott.ssa Maria Cristina Benassi Servizio Territorio Rurale, Organizzazione degli Ambiti Territoriali riali di Caccia e caccia programmata LEGGE REGIONALE N. 1/2009 Calendario venatorio regionale - LR 1/09 Legge triennale: 2009/10, 2010/11, 2011/12 TRIENNALI PIACENZA PARMA 1 Calendario venatorio regionale - LR 1/09 Rapporti tra Province e

Dettagli

ATC CN5 Cortemilia CACCIATORI TEMPORANEI - ANNATA VENATORIA 2013/2014 REGOLAMENTO PER LA CACCIA DI SELEZIONE AGLI UNGULATI

ATC CN5 Cortemilia CACCIATORI TEMPORANEI - ANNATA VENATORIA 2013/2014 REGOLAMENTO PER LA CACCIA DI SELEZIONE AGLI UNGULATI ATC CN5 Cortemilia CACCIATORI TEMPORANEI - ANNATA VENATORIA 2013/2014 REGOLAMENTO PER LA CACCIA DI SELEZIONE AGLI UNGULATI Delibera del Comitato di gestione dell ATC CN5 n.25 del 25/6/2013 ai sensi della

Dettagli

10.2.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N.

10.2.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. domenica di settembre e 1 febbraio - 15 marzo il prelievo è consentito per cinque giorni la settimana escluso il martedì e il venerdì.. La presente legge è pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione.

Dettagli

COMITATO DI GESTIONE AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA N PISTOIA PROT. N. 308/15 DELIBERA N APRILE 2015

COMITATO DI GESTIONE AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA N PISTOIA PROT. N. 308/15 DELIBERA N APRILE 2015 COMITATO DI GESTIONE AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA N. 16 - PISTOIA PROT. N. 308/15 DELIBERA N. 40 16 APRILE 2015 OGGETTO: QUOTE DI ACCESSO ALLA CACCIA AL CINGHIALE IN BATTUTA, ALLA CACCIA DI SELEZIONE

Dettagli

DECRETO N Del 23/11/2016

DECRETO N Del 23/11/2016 DECRETO N. 12088 Del 23/11/2016 Identificativo Atto n. 6847 PRESIDENZA Oggetto DETERMINAZIONE IN ORDINE ALLE DISPOSIZIONI INTEGRATIVE AL CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE VENATORIA 2016/2017

Dettagli

visti i commi 2 e 3 dell articolo 40 della l.r. 4 maggio 2012 n. 5 Legge finanziaria per l anno 2012 ;

visti i commi 2 e 3 dell articolo 40 della l.r. 4 maggio 2012 n. 5 Legge finanziaria per l anno 2012 ; REGIONE PIEMONTE BU38S2 /09/14 Deliberazione della Giunta Regionale 16 settembre 14, n. 2-3 L. 7/1992. L.r. 5/12. D.G.R. n. 31-7448 del.04.14 e s.m.i. Approvazione dei piani numerici di prelievo della

Dettagli

3) Il giorno 4 ottobre 2007 è vietato l'esercizio venatorio in tutto il Comune di Assisi.

3) Il giorno 4 ottobre 2007 è vietato l'esercizio venatorio in tutto il Comune di Assisi. REGIONE UMBRIA CALENDARIO VENATORIO STAGIONE 2007/2008 A) SPECIE CACCIABILI E PERIODI. 1) i giorni 1 e 2 settembre 2007 è consentito il prelievo delle specie: TORTORA MERLO COLOMBACCIO GERMANO REALE MARZAIOLA

Dettagli

PROVINCIA DI PESCARA SETTORE IV - POLITICHE AMBIENTALI, ENERGETICHE E GENIO CIVILE

PROVINCIA DI PESCARA SETTORE IV - POLITICHE AMBIENTALI, ENERGETICHE E GENIO CIVILE Determina 2013-0003213 del 19/12/2013 Pagina 1 di 5 PROVINCIA DI PESCARA SETTORE IV - POLITICHE AMBIENTALI, ENERGETICHE E GENIO CIVILE Oggetto: Regolamentazione dell'utilizzo del cane da seguita nel periodo

Dettagli

L esercizio venatorio, nella stagione 2013/2014, è consentito con le seguenti modalità:

L esercizio venatorio, nella stagione 2013/2014, è consentito con le seguenti modalità: ALLEGATO A La Giunta regionale Vista la legge 11 febbraio 1992, n. 157 Visto l art. 11- quaterdecies della legge 2 dicembre 2005, n. 248 Visto l art. 40 della l.r. 4 maggio 2012, n. 5 Vista la D.G.R. n.

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi GIUNTA REGIONALE Atto del Dirigente a firma unica: DETERMINAZIONE n 13138 del 12/08/2016 Proposta: DPG/2016/13687 del 12/08/2016 Struttura proponente: Oggetto:

Dettagli

26/09/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 77. Regione Lazio

26/09/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 77. Regione Lazio Regione Lazio DIREZIONE AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE, CACCIA E PESCA Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 19 settembre 2017, n. G12713 L. R. n. 17/95, art. 23 - DGR 496/2017. Approvazione Avviso

Dettagli

SETTORE ATTIVITA' FAUNISTICO VENATORIA, PESCA DILETTANTISTICA E PESCA IN MARE

SETTORE ATTIVITA' FAUNISTICO VENATORIA, PESCA DILETTANTISTICA E PESCA IN MARE REGIONE TOSCANA DIREZIONE AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE SETTORE ATTIVITA' FAUNISTICO VENATORIA, PESCA DILETTANTISTICA E PESCA IN MARE Responsabile di settore: BANTI PAOLO Decreto soggetto a controllo di

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi GIUNTA REGIONALE Atto del Dirigente a firma unica: DETERMINAZIONE n 13140 del 12/08/2016 Proposta: DPG/2016/13679 del 12/08/2016 Struttura proponente: Oggetto:

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana deliberazione n. 30 : Approvazione requisiti, manuali e procedure di accreditamento ai sensi della legge regionale 23 febbraio 1999, n. 8 e successive modifiche e integrazioni

Dettagli

R E G I O N E C A L A B R I A

R E G I O N E C A L A B R I A R E G I O N E C A L A B R I A ASSESSORATO AGRICOLTURA FORESTE FORESTAZIONE IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE VISTA la L. n 157/92; VISTA la L.R. n 9/96; VISTA la L.R. n 1 del 11/01/2006 che all art.

Dettagli

MILANO - GIOVEDÌ, 5 AGOSTO Sommario. [5.4.0] Calendario venatorio regionale... 3 Legge regionale 2 agosto n. 18

MILANO - GIOVEDÌ, 5 AGOSTO Sommario. [5.4.0] Calendario venatorio regionale... 3 Legge regionale 2 agosto n. 18 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - GIOVEDÌ, 5 AGOSTO 2004 1º SUPPLEMENTO ORDINARIO Sommario Anno XXXIV - N. 183 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - 45% - art. 2, comma 20/b -

Dettagli

Adesione ad ambito territoriale di caccia - A.T.C.

Adesione ad ambito territoriale di caccia - A.T.C. Adesione ad ambito territoriale di caccia - A.T.C. A chi è rivolto il servizio: A tutti i cacciatori che intendano praticare l esercizio venatorio all interno di uno dei 5 Ambiti Territoriali di Caccia

Dettagli

TESSERINO VENATORIO REGIONE LAZIO TESSERINO N REPUBBLICA ITALIANA

TESSERINO VENATORIO REGIONE LAZIO TESSERINO N REPUBBLICA ITALIANA La caccia è uno strumento a salvaguardia del territorio, una fonte di risorse ed un opportunità per il rispetto e la tutela dell ambiente. REPUBBLICA ITALIANA REGIONE LAZIO Il titolare di questo tesserino

Dettagli

Comprensorio alpino n. 6 Bassano, Campolongo Valstagna, Conco, Lusiana e Marostica. Facoltà assentite per la stagione

Comprensorio alpino n. 6 Bassano, Campolongo Valstagna, Conco, Lusiana e Marostica. Facoltà assentite per la stagione Comprensorio alpino n. 6 Bassano, Campolongo Valstagna, Conco, Lusiana e Marostica. Facoltà assentite per la stagione 2014 2015 Addestramento cani. (Punto 1 Calendario venatorio Z.A.) Riserva di Camplongo

Dettagli

ATTIVITA VENATORIA STAGIONE 2017/2018 NELL A.T.C. AL 4

ATTIVITA VENATORIA STAGIONE 2017/2018 NELL A.T.C. AL 4 ATTIVITA VENATORIA STAGIONE 2017/2018 NELL A.T.C. AL 4 SPECIE CACCIABILI APERTURA CHIUSURA TORTORA CORNACCHIA NERA, CORNACCHIA GRIGIA, GAZZA, GHIANDAIA PREAPERTURA DA APPOSTAMENTO TEMPORANEO IL 2 3-6 SETTEMBRE

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO AMBITI NATURALI, CACCIA E PESCA

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO AMBITI NATURALI, CACCIA E PESCA PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO AMBITI NATURALI, CACCIA E PESCA Prot. Generale N. 0011100 / 2014 Atto N. 462 OGGETTO: Autorizzazione

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi GIUNTA REGIONALE Atto del Dirigente a firma unica: DETERMINAZIONE n 14242 del 12/09/2016 Proposta: DPG/2016/14781 del 12/09/2016 Struttura proponente: Oggetto:

Dettagli

DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO SVILUPPO RURALE

DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO SVILUPPO RURALE REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO SVILUPPO RURALE SETTORE ATTIVITA' FAUNISTICA-VENATORIA, PESCA DILETTANTISTICA,

Dettagli

COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PRIVATE

COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PRIVATE CITTA DI PISTICCI (Provincia di Matera) COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PRIVATE NORME SUL PROCEDIMENTO PER IL RILASCIO AUTORIZZAZIONI PER APERTURA, AMPLIAMENTO, CONCENTRAZIONE E ACCORPAMENTO MEDIE STRUTTURE

Dettagli

Sanità. dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle ed il martedì e giovedì pomeriggio dalle alle 17.30

Sanità. dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle ed il martedì e giovedì pomeriggio dalle alle 17.30 Anno XLIV - N.41 Speciale (12.04.2013) Bollettino Ufficiale della Regione Abruzzo Pag. 1 Direzione, Redazione e Amministrazione: Ufficio BURA Speciale n. 34 del 21 Marzo 2014 Sanità UFFICIO BURA L'AQUILA

Dettagli

DISPOSIZIONI INTEGRATIVE AL CALENDARIO VENATORIO REGIONALE 2016/2017 E CONTESTUALE MODIFICA DELLA DELIBERAZIONE N DEL 19 LUGLIO 1994

DISPOSIZIONI INTEGRATIVE AL CALENDARIO VENATORIO REGIONALE 2016/2017 E CONTESTUALE MODIFICA DELLA DELIBERAZIONE N DEL 19 LUGLIO 1994 DELIBERAZIONE N X / Seduta del Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali FABRIZIO SALA Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI FRANCESCA BRIANZA CRISTINA CAPPELLINI LUCA

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 9

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 9 A voti unanimi 27.2.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 9 DELIBERA di dare mandato all Autorità di Gestione del POR CRO FSE 2007-2013 di avviare le procedure per la rimodulazione del

Dettagli

R E G I O N E C A L A B R I A

R E G I O N E C A L A B R I A R E G I O N E C A L A B R I A ASSESSORATO AGRICOLTURA FORESTE FORESTAZIONE IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE VISTA la L.R. n 9/96; VISTA la L.R. n 1 del 11/01/2006 che all art. 12 comma 1 modifica la

Dettagli

CALENDARIO VENATORIO

CALENDARIO VENATORIO CALENDARIO VENATORIO 2010-2011 MODIFICATO in seguito all'ordinanza TAR Calabria Sezione II, 5/11/2010, n. 774. ************************************************ R E G I O N E C A L A B R I A ASSESSORATO

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 8 DELIBERAZIONE 16 febbraio 2015, n. 133

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 8 DELIBERAZIONE 16 febbraio 2015, n. 133 25.2.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 8 DELIBERAZIONE 16 febbraio 2015, n. 133 Funzionamento del sistema di attestazione volontaria delle pratiche per la sicurezza del paziente (PSP).

Dettagli

REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DEL CINGHIALE NEL TERRITORIO DELL ATC PS2

REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DEL CINGHIALE NEL TERRITORIO DELL ATC PS2 Ambito Territoriale di Caccia Pesaro 2 REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DEL CINGHIALE NEL TERRITORIO DELL ATC PS2 (Reg. Reg. n. 3/12 e ss. mm. e ii.) Stagione Venatoria 2013-2014 ART.

Dettagli

Comprensorio alpino n. 2

Comprensorio alpino n. 2 Comprensorio alpino n. 2 Arsiero, Laghi, Lastebasse, Pedemonte, Posina, Tonezza, Valdastico Facoltà assentite per la stagione 2014 2015 Caccia specialistica (Punto 2 calendario venatorio Z.A.). In tutte

Dettagli

IL DIRIGENTE DELL AREA AMBIENTE E CONSERVAZIONE DELLA NATURA RENDE NOTO

IL DIRIGENTE DELL AREA AMBIENTE E CONSERVAZIONE DELLA NATURA RENDE NOTO IL DIRIGENTE DELL AREA AMBIENTE E CONSERVAZIONE DELLA NATURA Vista la legge 11/02/1992 n. 157 recante norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio e successive modifiche

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 23 del 17/08/2017

Decreto Dirigenziale n. 23 del 17/08/2017 Decreto Dirigenziale n. 23 del 17/08/2017 Direzione Generale 07 Direzione Generale per le Politiche Agricole, Alimentari e Forestali Oggetto dell'atto: Calendario venatorio 2017/2018 caccia al cinghiale

Dettagli

T E S S E R I N O. fonte: R E P U B B L I C A I T A L I A N A REGIONE CAMPANIA

T E S S E R I N O. fonte:  R E P U B B L I C A I T A L I A N A REGIONE CAMPANIA 1 FRONTESPIZIO [STEMMA] R E P U B B L I C A I T A L I A N A [STEMMA] T E S S E R I N O N. PER L'ESERCIZIO VENATORIO IN TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE ANNATA VENATORIA XXXX - XXXX 1 2 FORMA DI CACCIA E ATC

Dettagli

Ambito Territoriale di Caccia ASCOLI PICENO Via Salaria Inferiore, Ascoli Piceno

Ambito Territoriale di Caccia ASCOLI PICENO Via Salaria Inferiore, Ascoli Piceno Ambito Territoriale di Caccia ASCOLI PICENO Via Salaria Inferiore, 84 63100 Ascoli Piceno CORSO FORMATIVO per l abilitazione alla figura tecnica di CACCIATORE DI CINGHIALE IN FORMA COLLETTIVA (lett. e),

Dettagli

Decreto Deliberativo del Presidente IL PRESIDENTE. N. 102 del 18 Giugno 2015

Decreto Deliberativo del Presidente IL PRESIDENTE. N. 102 del 18 Giugno 2015 Decreto Deliberativo del Presidente N. 102 del 18 Giugno 2015 Oggetto: Modifiche al D.D.P. n. 91 del 29.05.2015 Caccia in selezione al cinghiale in provincia di Siena per la stagione venatoria 2015-2016

Dettagli

così come modificato con Decreto del Presidente della Giunta regionale del 2 febbraio 2015, n. 11/R in materia di apprendistato;

così come modificato con Decreto del Presidente della Giunta regionale del 2 febbraio 2015, n. 11/R in materia di apprendistato; 9.12.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 49 Il presente atto è pubblicato integralmente sul BURT ai sensi degli articoli 4, 5 e 5 bis della l.r. 23/2007 e sulla banca dati degli atti

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi GIUNTA REGIONALE Atto del Dirigente a firma unica: DETERMINAZIONE n 14081 del 07/09/2016 Proposta: DPG/2016/14548 del 06/09/2016 Struttura proponente: Oggetto:

Dettagli

Determinazione n. 2671 del 05/10/2015

Determinazione n. 2671 del 05/10/2015 PROVINCIA DI GROSSETO FRONTESPIZIO Determinazione n. 2671 del 05/10/2015 IP N 2882/2015 OGGETTO: Disposizioni relativamente al regolamento regionale di attuazione della LRT 3/1994 artt. 88 comma 1, 90

Dettagli