Tavolo di Sanità Elettronica. Riuso delle componenti realizzate nel progetto "Rete dei centri di prenotazione - Cup on line"

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tavolo di Sanità Elettronica. Riuso delle componenti realizzate nel progetto "Rete dei centri di prenotazione - Cup on line""

Transcript

1 Tavolo di Sanità Elettronica Riuso delle componenti realizzate nel progetto "Rete dei centri di prenotazione - Cup on line" Roma, 14 Dicembre 2011

2 IL RIUSO Mettersi insieme è un inizio, rimanere insieme è un progresso, collaborare insieme un successo. (Henry Ford) Roma, 14 Dicembre 2011 Pag. 2

3 IL RIUSO Il riuso del software nella pubblica amministrazione, è uno strumento di e-government, non solo perché permette di risparmiare, ma anche perché consente di condividere le «best practices» (esperienze e criteri organizzativi) per fornire al cittadino servizi uniformi. Roma, 14 Dicembre 2011 Pag. 3

4 Normativa vigente in materia di riuso Ø Il CAD consente che le amministrazioni decidano di acquisire programmi informatici forniti con licenza - a codice chiuso o aperto - oppure di effettuare il riuso di programmi informatici sviluppati per conto e a spese della medesima o di altre amministrazioni. (CAD art. 68). Ø L amministrazione può anche valutare di adottare un soluzione combinata, facendo sviluppare un prodotto totalmente nuovo oppure adattando alle proprie esigenze un prodotto esistente e disponibile, basandolo su prodotti open source (CAD art. 68). Roma, 14 Dicembre 2011 Pag. 4

5 Normativa vigente in materia di riuso Ø In ogni caso, il CAD dispone che qualora le amministrazioni facciano sviluppare programmi informatici per le proprie esigenze, si assicurino la possibilità di disporne ai fini di riuso. Il principio è valido sia nel caso di prodotti nuovi, sia nel caso di prodotti adattati (CAD artt. 68 e 69). Ø Le pubbliche amministrazioni che sono titolari di programmi applicativi realizzati su specifiche indicazioni del committente pubblico, hanno l obbligo di dare i programmi, in formato sorgente e completi della documentazione disponibile, in uso gratuito ad altre pubbliche amministrazioni che li richiedono e che intendano adattarli alle proprie esigenze, salvo motivate ragioni (CAD art. 69). Roma, 14 Dicembre 2011 Pag. 5

6 Normativa vigente in materia di riuso D.Lgs. 7 marzo 2005, n Codice dell'amministrazione Digitale 68. Analisi comparativa delle soluzioni. 1. Le pubbliche amministrazioni, nel rispetto della legge 7 agosto 1990, n. 241, e del decreto legislativo 12 febbraio 1993, n. 39, acquisiscono, secondo le procedure previste dall'ordinamento, programmi informatici a seguito di una valutazione comparativa di tipo tecnico ed economico tra le seguenti soluzioni disponibili sul mercato: a) sviluppo di programmi informatici per conto e a spese dell'amministrazione sulla scorta dei requisiti indicati dalla stessa amministrazione committente; b) riuso di programmi informatici sviluppati per conto e a spese della medesima o di altre amministrazioni; c) acquisizione di programmi informatici di tipo proprietario mediante ricorso a licenza d'uso; d) acquisizione di programmi informatici a codice sorgente aperto; e) acquisizione mediante combinazione delle modalità di cui alle lettere da a) a d). 2. Le pubbliche amministrazioni nella predisposizione o nell'acquisizione dei programmi informatici, adottano soluzioni informatiche, quando possibile modulari, basate sui sistemi funzionali resi noti ai sensi dell art.70, che assicurino l'interoperabilità e la cooperazione applicativa e consentano la rappresentazione dei dati e documenti in più formati, di cui almeno uno di tipo aperto, salvo che ricorrano motivate ed eccezionali esigenze. 2-bis. Le amministrazioni pubbliche comunicano tempestivamente al DigitPA l'adozione delle applicazioni informatiche e delle pratiche tecnologiche, e organizzative, adottate, fornendo ogni utile informazione ai fini della piena conoscibilità delle soluzioni adottate e dei risultati ottenuti, anche per favorire il riuso e la più ampia diffusione delle migliori pratiche. 3. Per formato dei dati di tipo aperto si intende un formato dati reso pubblico e documentato esaustivamente. 4. Il DigitPA istruisce ed aggiorna, con periodicità almeno annuale, un repertorio dei formati aperti utilizzabili nelle pubbliche amministrazioni e delle modalità di trasferimento dei formati. Roma, 14 Dicembre 2011 Pag. 6

7 Normativa vigente in materia di riuso D.Lgs. 7 marzo 2005, n Codice dell'amministrazione Digitale 69. Riuso dei programmi informatici. 1. Le pubbliche amministrazioni che siano titolari di programmi applicativi realizzati su specifiche indicazioni del committente pubblico, hanno obbligo di darli in formato sorgente, completi della documentazione disponibile, in uso gratuito ad altre pubbliche amministrazioni che li richiedono e che intendano adattarli alle proprie esigenze, salvo motivate ragioni. 2. Al fine di favorire il riuso dei programmi informatici di proprietà delle pubbliche amministrazioni, ai sensi del comma1, nei capitolati o nelle specifiche di progetto è previsto ove possibile, che i programmi appositamente sviluppati per conto e a spese dell'amministrazione siano facilmente portabili su altre piattaforme e conformi alla definizione e regolamentazione effettuata da DigitPA, ai sensi dell' articolo 68, comma Le pubbliche amministrazioni inseriscono, nei contratti per l'acquisizione di programmi informatici o di singoli moduli, di cui al comma 1, clausole che garantiscano il diritto di disporre dei programmi ai fini del riuso da parte della medesima o di altre amministrazioni. 4. Nei contratti di acquisizione di programmi informatici sviluppati per conto e a spese delle amministrazioni, le stesse possono includere clausole, concordate con il fornitore, che tengano conto delle caratteristiche economiche ed organizzative di quest'ultimo, volte a vincolarlo, per un determinato lasso di tempo, a fornire, su richiesta di altre amministrazioni, servizi che consentono il riuso delle applicazioni. Le clausole suddette definiscono le condizioni da osservare per la prestazione dei servizi indicati. Roma, 14 Dicembre 2011 Pag. 7

8 Cosa mette a disposizione il progetto Un Sistema Avanzato di Prenotazione sovra territoriale realizzato in ambiente «Open source» che permette «la federazione» dei CUP locali Roma, 14 Dicembre 2011 Pag. 8

9 In altre parole far cooperare più CUP dopo aver definito l'offerta federata Roma, 14 Dicembre 2011 Pag. 9

10 Componenti rilasciati Il Progetto mette a disposizione per il loro riuso i seguenti componenti: Ø Ø Ø Ø Ø Ø Sistema CUP locale (Centro Unico di Prenotazione) contenente tutte le funzioni richieste per la corretta gestione dell offerta e della domanda di prestazioni sanitarie Piattaforma di interoperabilità (CUP Delegato, CUP Orchestratore) per l effettuazione della condivisione della domanda e dell offerta tramite messaging multipoint tra i sistemi CUP distribuiti sul territorio regionale e nazionale Security suite modulo che permette di configurare e gestire utenti profilarne i ruoli e i sevizi per più amministrazioni nei termini previsti dalle Linee Guida del progetto ICAR Sistema Gestione delle Risorse (GRA) in grado di gestire un insieme più ampio di offerta di prestazioni sanitarie comprendente le prestazioni ADI i Ricoveri, interoperabile con i relativi sistemi gestionali ADT (Ammissione Dimissione e Trasferimento), ADI (Assistenza Domiciliare Integrata) e laddove presenti, con i sistemi di Order Entry ospedalieri. System monitoring per il controllo di tutte le componenti del sistema Sistema di reporting avanzato basato su Data Warehouse federato Roma, 14 Dicembre 2011 Pag. 10

11 Chi ha realizzato i componenti Le Regioni Componenti UMBRIA CUP locale (front office e back office), Gestore Risorse Avanzato e componente Ottimizzatore liste di attesa EMILIA ROMAGNA VENETO MARCHE Componente di cooperazione CUP Delegato, CUP orchestratore e Security suite Gestore Risorse Avanzato ADI e Ricoveri e System monitoring P.A. TRENTO Datawarehouse e Sistema di reporting Roma, 14 Dicembre 2011 Pag. 11

12 Come riusare le componenti rilasciate dal progetto Prenotazione on line Roma, 14 Dicembre 2011

13 I possibili scenari di utilizzo Regione A Servizi disponibili CUP CD Regione B CO-Regione A CO-Regione B CD/CUP CD/CUP CD/CUP 1.Erogabilità: verifica dele regole in federazione 2.Disponibilità: verifica della disponibilità in agenda e 3.Prenotazione: appuntamento in agenda CUP Intra regionale CUP Inter regionale Roma, 14 Dicembre 2011 Pag. 13

14 I Scenario Utilizzo del CUP Delegato e CUP Orchestratore Azienda 1 CUP aziendale Cup Delegato Azienda 2 CUP aziendale Cup Delegato C U P Orchestratore Azienda N CUP aziendale Cup Delegato Legenda: moduli del progetto prenotazione on line applicativi preesistenti localizzazioni necessarie Roma, 14 Dicembre 2011 Pag. 14

15 II Scenario Sostituzione degli applicativi CUP obsoleti con il modulo Open Cup Azienda 1 Open CUP Cup Delegato Azienda 2 Open CUP Cup Delegato C U P Orchestratore Azienda N CUP aziendale Cup Delegato Legenda: moduli del progetto prenotazione on line applicativi preesistenti localizzazioni necessarie Roma, 14 Dicembre 2011 Pag. 15

16 III Scenario Interfaccia unica per CUP regionale Azienda 1 CUP aziendale Cup Delegato Azienda 2 CUP aziendale Cup Delegato C U P Orchestratore CUP Locale Cup Delegato Azienda N CUP aziendale Cup Delegato CUP REGIONALE Legenda: moduli del progetto prenotazione on line applicativi preesistenti localizzazioni necessarie Roma, 14 Dicembre 2011 Pag. 16

17 Scenari I e II Da ogni Cup aziendale preesistente è possibile prenotare sia le prestazioni aziendali che quelle in federazione con altre Aziende. v CUP regionale ottenuto con federazione di tutta l offerta locale v Possibilità di governo via datawarehouse regionale v Implementazione scalabile nel tempo e conseguente diminuzione della complessità e dell impatto del progetto v Necessità di realizzare un interfaccia tra CUP pre esistenti e CUP delegato v Sistema Open CUP innovativo (tecnologia e funzionalità) v Costi di avviamento dei CUP locali sostituiti Roma, 14 Dicembre 2011 Pag. 17

18 Scenario III v CUP Regionale ottenuto con Open CUP v Offerta regionale tramite la federazione dell offerta locale v Doppio canale di prenotazione: ü locale via CUP pre esistenti ü Regionale via Open CUP v Governo del sistema via datawarehouse regionale v Necessità di realizzare interfaccia tra CUP aziendale e CUP delegato v Sostituzione progressiva delle funzioni di front office dei CUP pre esistenti Roma, 14 Dicembre 2011 Pag. 18

19 Roma, 14 Dicembre 2011 Considerazioni finali

20 Punti di attenzione v Attenta valutazione delle condizioni al contorno nella individuazione delle prestazioni che definiscono l offerta federata (tempi di attesa, mobilità attiva e passiva, ecc.) v Organizzazione del progetto di riuso v Definizione accordi inter aziendali, inter Regionali in merito all offerta federata Roma, 14 Dicembre 2011 Pag. 20

21 Definizione della offerta federata Ø Gli accordi di servizio sono indispensabili Ø Fissano gli impegni reciproci tra le Regione e tra le Aziende Ø Definiscono le REGOLE di FEDERAZIONE (prestazioni federate, ecc) Ø Le regole di federazione vengono riportate e gestite nel modulo CUP ORCHESTRATORE Roma, 14 Dicembre 2011 Pag. 21

22 Road Map di un progetto per il riuso delle componenti del CUP on line Ø Analisi di adeguatezza della soluzione e scelta dei moduli Ø Valutazione di convenienza economica Ø Elaborazione studio di fattibilità Ø Richiesta di riuso alla Regione/i che ha prodotto i moduli che si intendono utilizzare Ø Definizione protocollo di intesa tra Amministrazione/i che concede il riuso e Amministrazione che intende effettuare il riuso Ø Avvio progetto di riuso Roma, 14 Dicembre 2011 Pag. 22

23 Roma, 14 Dicembre 2011 Q & A

La normativa sul riuso del software nella P. A. e l esperienza Toscana

La normativa sul riuso del software nella P. A. e l esperienza Toscana La normativa sul riuso del software nella P. A. e l esperienza Toscana Caterina Flick Linux Day Grosseto, 27 ottobre 2007 1/13 P.A. e acquisizione di software Secondo la normativa vigente le amministrazioni

Dettagli

Open source e Pubblica Amministrazione: ha ancora senso parlarne? Flavia Marzano

Open source e Pubblica Amministrazione: ha ancora senso parlarne? Flavia Marzano Open source e Pubblica Amministrazione: ha ancora senso parlarne? Flavia Marzano Le 4 libertà Libertà 0: Libertà di eseguire il programma per qualsiasi scopo. Libertà 1: Libertà di studiare il programma

Dettagli

Sviluppo, Acquisizione e Riuso

Sviluppo, Acquisizione e Riuso Bari, 24 Luglio 2006 Dati delle Pubbliche Amministrazioni e servizi in rete Sviluppo, Acquisizione e Riuso Codice dell Amministrazione Digitale Capo VI, artt. 67-70 1 Art. 67: Modalità di sviluppo e acquisizione

Dettagli

Tavolo di Sanità Elettronica progetto: "Rete dei centri di prenotazione - Cup on line"

Tavolo di Sanità Elettronica progetto: Rete dei centri di prenotazione - Cup on line Tavolo di Sanità Elettronica progetto: "Rete dei centri di prenotazione - Cup on line" Roma, 28 Giugno 2011 La storia Ø Ha origine nel corso del 2005 dal primo Piano di e-government Obiettivo Programma

Dettagli

Progetto Prenotazione on line. Roma, 12 Maggio 2011

Progetto Prenotazione on line. Roma, 12 Maggio 2011 Progetto Prenotazione on line Roma, 12 Maggio 2011 CHI È VENUTO PRIMA DI NOI HA FATTO MOLTO, MA NON HA FATTO TUTTO (Seneca) Roma, 12 Maggio 2011 Pag. 2 La storia Ha origine nel corso del 2005 dal primo

Dettagli

Comune di Spoleto QUESITI E RISPOSTE

Comune di Spoleto QUESITI E RISPOSTE Procedura aperta per fornitura chiavi in mano di una suite applicativa gestionale Web based completamente integrata e comprensiva dei relativi servizi di assistenza e manutenzione QUESITI E RISPOSTE Quesito

Dettagli

OS E PA. Open source e Pubblica Amministrazione a che punto siamo? Paolo Coppola Assessore all Innovazione ed e-government Comune di Udine

OS E PA. Open source e Pubblica Amministrazione a che punto siamo? Paolo Coppola Assessore all Innovazione ed e-government Comune di Udine OS E PA Open source e Pubblica Amministrazione a che punto siamo? Paolo Coppola Assessore all Innovazione ed e-government Comune di Udine CODICE DELL'AMMINISTRAZIONE DIGITALE Decreto legislativo 7 marzo

Dettagli

Direttiva 19 dicembre 2003 Sviluppo ed utilizzazione dei programmi informatici da parte delle pubbliche amministrazioni. G.U. 7 febbraio 2004, n.

Direttiva 19 dicembre 2003 Sviluppo ed utilizzazione dei programmi informatici da parte delle pubbliche amministrazioni. G.U. 7 febbraio 2004, n. www.cnipa.gov.it 1/5 Sviluppo ed utilizzazione dei programmi informatici da parte delle pubbliche amministrazioni. IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto il regio decreto 18 novembre 1923,

Dettagli

Questi sistemi hanno le tipiche caratteristiche di tutti i sistemi software custom:

Questi sistemi hanno le tipiche caratteristiche di tutti i sistemi software custom: 3.9 NORMATIVA SUL RIUSO DEL SOFTWARE NELLA PA La Commissione propone che la commmissione tecnico-giuridica che studi la revisione della normativa, di cui alla proposta n. 3.1, valuti anche la problematica

Dettagli

PROGETTO PILOTA PRENOTAZIONE ON LINE

PROGETTO PILOTA PRENOTAZIONE ON LINE PROGETTO PILOTA PRENOTAZIONE ON LINE DIT (Dipartimento per l Innovazione e le Tecnologie), con ruolo di PM, progettazione condivisa, verifica e controllo Umbria con ruolo di capofila Emilia Romagna Marche

Dettagli

Scheda descrittiva del Sistema CUP ON LINE

Scheda descrittiva del Sistema CUP ON LINE del Sistema CUP Pagina 1 di 21 Sommario Applicazione... 4 Amministrazioni... 4 Descrizione... 4 Contesto... 4 Realizzatore... 4 Tipologia di applicazione software... 4 Documentazione disponibile:... 6

Dettagli

LE GARE PER L AGGIUDICAZIONE DI CONTRATTI DI APPALTO RELATIVI A LAVORI, SERVIZI E FORNITURE DI ALTA TECNOLOGIA E DIGITALI. L ACQUISIZIONE DI SOFTWARE

LE GARE PER L AGGIUDICAZIONE DI CONTRATTI DI APPALTO RELATIVI A LAVORI, SERVIZI E FORNITURE DI ALTA TECNOLOGIA E DIGITALI. L ACQUISIZIONE DI SOFTWARE STEFANO D ANCONA LE GARE PER L AGGIUDICAZIONE DI CONTRATTI DI APPALTO RELATIVI A LAVORI, SERVIZI E FORNITURE DI ALTA TECNOLOGIA E DIGITALI. L ACQUISIZIONE DI SOFTWARE DA PARTE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI.

Dettagli

Open Source Day Presented by Red Hat

Open Source Day Presented by Red Hat Open Source Day Presented by Red Hat Per innovazione, efficienza e per legge: l'open Source nella PA di Carlo Piana Array http://arraylaw.eu 2 3 M.K. Ghandi (1869-1948) Ignore Laugh Fight Win 4 Fasi di

Dettagli

Software libero, hardware libero e bene comune

Software libero, hardware libero e bene comune Software libero hardware libero e bene comune Ivrea, 26 Giugno 2015 Bene Comune Casa Comune Beni Comuni Laudato si Bene Comune: 28 occorrenze Casa Comune: titolo e 12 occorrenze Laudato si IV. IL PRINCIPIO

Dettagli

Esperienze di utilizzo dello standard HL7 Regione Emilia Romagna

Esperienze di utilizzo dello standard HL7 Regione Emilia Romagna Esperienze di utilizzo dello standard HL7 Regione Emilia Romagna Il Progetto SOLE - Sanità On LinE e gli standard Stefano Micocci e Marco Devanna CUP 2000 15 settembre 2010 SOLE-100206 Di cosa parleremo

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 1990 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori GRASSI, ALLOCCA e TECCE COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 30 GENNAIO 2008 Norme in materia di pluralismo informatico

Dettagli

I VANTAGGI. Flessibilità

I VANTAGGI. Flessibilità E-LEARNING E-LEARNING La proposta E-Learning della suite Agorà di Dedagroup A CHI SI RIVOLGE L OFFERTA fornisce al cliente un sistema complementare di formazione a distanza sui prodotti della suite Agorà

Dettagli

Valutazione tecnico economica dell acquisizione del software

Valutazione tecnico economica dell acquisizione del software Valutazione tecnico economica dell acquisizione del software un possibile approccio Pierluigi Mazzuca Direttore Customer & Partner experience Microsoft Italia Agenda La normativa corrente in materia di

Dettagli

COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE)

COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE) COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE) Comune di Vigonovo Sistemi Informativi Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni

Dettagli

Introduzione alla Cooperazione applicativa in Campania

Introduzione alla Cooperazione applicativa in Campania Introduzione alla Cooperazione applicativa in Campania Cos è SPICCA è una infrastruttura costituita dall insieme di risorse hardware e componenti applicative, rappresenta la piattaforma per la realizzazione

Dettagli

C O M U N E D I C A S T E N A S O Provincia di Bologna VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O M U N E D I C A S T E N A S O Provincia di Bologna VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O M U N E D I C A S T E N A S O Provincia di Bologna VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ATTO n. 153 del 26/11/2009 OGGETTO: LINEE DI INDIRIZZO PER L ADOZIONE DI SOLUZIONI SOFTWARE OPEN SOURCE

Dettagli

Norme in materia di adozione del software libero e open source, dei formati di dati aperti e dei diritti digitali del cittadino. Art.

Norme in materia di adozione del software libero e open source, dei formati di dati aperti e dei diritti digitali del cittadino. Art. Disegno di legge Norme in materia di adozione del software libero e open source, dei formati di dati aperti e dei diritti digitali del cittadino Art.1 Finalità 1. La Provincia autonoma di Trento, in qualità

Dettagli

Gassino t.se, 16 dicembre 2014

Gassino t.se, 16 dicembre 2014 2014_12_mozione_open_sourceopensource - pagina 1 di 6 Gassino t.se, 16 dicembre 2014 Oggetto: Mozione Open Source a: Sindaco della Città di Gassino Torinese Sig. Paolo Cugini Assessore di competenza Il

Dettagli

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale 1. Livello infrastrutturale Il Cloud, inteso come un ampio insieme di risorse e servizi fruibili da Internet che possono essere dinamicamente

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011

REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011 REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011 Codice DB1107 D.D. 19 novembre 2010, n. 1316 Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007-2013 - Ricorso alla procedura negoziata, ai sensi dell'art. 57, comma 2, lettera b)

Dettagli

DigitPA LINEE GUIDA. Centro di competenza del riuso. DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 140

DigitPA LINEE GUIDA. Centro di competenza del riuso. DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 140 LINEE GUIDA PER L INSERIMENTO ED IL RIUSO DI PROGRAMMI INFORMATICI O PARTI DI ESSI PUBBLICATI NELLA BANCA DATI DEI PROGRAMMI INFORMATICI RIUTILIZZABILI DI DIGITPA DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina

Dettagli

Relazione accompagnamento Studio di Fattibilità Tecnica COMUNE DI TURRI. Provincia Medio Campidano

Relazione accompagnamento Studio di Fattibilità Tecnica COMUNE DI TURRI. Provincia Medio Campidano COMUNE DI TURRI Provincia Medio Campidano Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery ai sensi della Circolare n.58 di DigitPA del

Dettagli

CMDBuild per la automazione delle pratiche dei Servizi Sociali

CMDBuild per la automazione delle pratiche dei Servizi Sociali CMDBuild per la automazione delle pratiche dei Servizi Sociali www.cmdbuild.org www.tecnoteca.com Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com Open Source 2 La definizione più nota: libertà di eseguire il programma

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni COMUNE DI VILLA BARTOLOMEA (Provincia di Verona) Corso Fraccaroli 70, 37049 Villa Bartolomea VR Tel. 0442.659077 Fax 0442.659033 Progetto: Gestione Istanze (MyInstance) Piano di informatizzazione delle

Dettagli

Lombardia Informatica S.p.A. Bando di gara d appalto

Lombardia Informatica S.p.A. Bando di gara d appalto Lombardia Informatica S.p.A. Bando di gara d appalto I.1) Denominazione indirizzi e punti di contatto: Lombardia Informatica S.p.A., Funzione Acquisti e Affari Generali, Via Taramelli n. 26, 20124, Milano,

Dettagli

Una comunità di utenti e sviluppatori, l esperienza di PAFlow PROVINCIA DI PRATO

Una comunità di utenti e sviluppatori, l esperienza di PAFlow PROVINCIA DI PRATO PROVINCIA DI PRATO STEFANO BARGIOTTI 1 Elementi specifici del progetto Sistema Integrato, Multiente, in tecnologia WEB per la gestione del protocollo informatico, gestione atti e flussi documentali Apertura

Dettagli

Gli aggiornamenti della normativa italiana e Il Codice dell Amministrazione digitale dlgs 82/05

Gli aggiornamenti della normativa italiana e Il Codice dell Amministrazione digitale dlgs 82/05 Gli aggiornamenti della normativa italiana e Il Codice dell Amministrazione digitale dlgs 82/05 Comune di Nembro Progetti dematerializzazione del Comune di Bergamo 26/092011 Finalità e caratteristiche

Dettagli

- gli artt. 68, 69 e 70 del Decreto legislativo 07 marzo 2005, n. 82 e ss.mm.ii., recante Codice dell'amministrazione Digitale (CAD);

- gli artt. 68, 69 e 70 del Decreto legislativo 07 marzo 2005, n. 82 e ss.mm.ii., recante Codice dell'amministrazione Digitale (CAD); REGIONE PIEMONTE BU50 11/12/2014 Codice DB2101 D.D. 23 ottobre 2014, n. 242 Approvazione dello schema di Convenzione tra la Regione Piemonte e la Regione Lazio per il riuso del software gestionale della

Dettagli

Check list per la valutazione di adeguatezza e Indice di adeguatezza

Check list per la valutazione di adeguatezza e Indice di adeguatezza Check list per la valutazione di adeguatezza e Indice di adeguatezza DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 16 Indice 1. PREMESSA... 3 2. ELEMENTI DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA DELLA SOLUZIONE...

Dettagli

DigitPA. VISTI gli articoli 16 e 16 bis del decreto Legge 29 novembre 2008, n. 185 convertito con modificazioni dalla Legge 28 gennaio 2009 n.

DigitPA. VISTI gli articoli 16 e 16 bis del decreto Legge 29 novembre 2008, n. 185 convertito con modificazioni dalla Legge 28 gennaio 2009 n. DigitPA VISTO l art. 6, comma 1 bis, del decreto legislativo 7 marzo 2005 n. 82 (indicato in seguito con l acronimo CAD), come modificato dal decreto legislativo 30 dicembre 2010 n. 235; VISTI gli articoli

Dettagli

PIATTAFORMA COMUNE ED INTEGRAZIONE TRA LE AMMINISTRAZIONI LINEA AMICA FASE 2

PIATTAFORMA COMUNE ED INTEGRAZIONE TRA LE AMMINISTRAZIONI LINEA AMICA FASE 2 PIATTAFORMA COMUNE ED INTEGRAZIONE TRA LE AMMINISTRAZIONI LINEA AMICA FASE 2 Evoluzione del Network di Linea Amica Meno costi per le PA, più efficienza per il cittadino 15 Marzo 2011 OGGI Linea Amica:

Dettagli

VISTO il Piano strategico di attuazione del Sistema Telematico Molise approvato della Giunta Regionale con delibera n. 650 del 17/05/2004;

VISTO il Piano strategico di attuazione del Sistema Telematico Molise approvato della Giunta Regionale con delibera n. 650 del 17/05/2004; AVVISO di MANIFESTAZIONE D INTERESSE PER LA FORNITURA DI PROGRAMMI APPLICATIVI AD INTEGRAZIONE DI QUELLI DEL PROGETTO SIMEL (Riuso463 DigitPA) e CONNESSI SERVIZI DI MANUTENZIONE Il Dirigente del Servizio

Dettagli

Il nuovo sistema integrato regionale per la sanità sarda

Il nuovo sistema integrato regionale per la sanità sarda DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Il nuovo sistema integrato regionale per la sanità sarda Giovedì 2 ottobre 2008 Obiettivo Il progetto Sistema informativo sanitario

Dettagli

La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source

La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source Dipartimento per l Innovazione e le Tecnologie Paola Tarquini Sommario Iniziative in atto Una possibile strategia per la diffusione del Software

Dettagli

proposta di legge n. 316

proposta di legge n. 316 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 316 a iniziativa dei Consiglieri ALTOMENI, BRANDONI, AMAGLIANI, BINCI, PETRINI, COMI, MOLLAROLI, ORTENZI, D ISIDORO, CAPPONI presentata in data

Dettagli

L impatto delle politiche di riuso sull open source

L impatto delle politiche di riuso sull open source L impatto delle politiche di riuso sull open source Andrea Corradini andrea@di.unipi.it Dipartimento di Informatica, Pisa Open Source e Riuso: giornata di discussione e confronto fra enti e aziende Pisa,

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

COMUNE DI TREZZANO ROSA Provincia di Milano

COMUNE DI TREZZANO ROSA Provincia di Milano COMUNE DI TREZZANO ROSA Provincia di Milano 20060 Trezzano Rosa Piazza XXV Aprile, 1 C.F. 83502090158 P.IVA 04670940156 info@comune.trezza norosa.mi.it www.comune.trezzanorosa.mi.it Tel. 02 920199 Tecnico

Dettagli

Il processo di produzione dell informazione statistica e l opzione open source

Il processo di produzione dell informazione statistica e l opzione open source Il processo di produzione dell informazione statistica e l opzione Roma, 4 marzo 2008 Giulio Barcaroli 1 Il processo di produzione dell informazione statistica e l opzione All interno dell ISTAT da alcuni

Dettagli

FORMAZIONE AVANZATA LA GESTIONE E VALUTAZIONE DEI CONTRATTI, PROGETTI E SERVIZI ICT NELLA PA

FORMAZIONE AVANZATA LA GESTIONE E VALUTAZIONE DEI CONTRATTI, PROGETTI E SERVIZI ICT NELLA PA FORMAZIONE AVANZATA LA GESTIONE E VALUTAZIONE DEI CONTRATTI, PROGETTI E SERVIZI ICT NELLA PA 1. Premessa Il nuovo Codice dell Amministrazione Digitale, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 10 gennaio 2011

Dettagli

Capitolato speciale per la fornitura di

Capitolato speciale per la fornitura di ALLEGATO A Capitolato speciale per la fornitura di Servizi di verifica procedurale e funzionale delle componenti di servizio della Community Network dell'umbria nell'ambito del piano di Semplificazione

Dettagli

Sistema di Interoperabilità e di Cooperazione Applicativa Evoluta in sicurezza (SPICCA) CUReP

Sistema di Interoperabilità e di Cooperazione Applicativa Evoluta in sicurezza (SPICCA) CUReP Sistema di Interoperabilità e di Cooperazione Applicativa Evoluta in sicurezza (SPICCA) un caso d uso Centro Integrato di Prenotazione della Regione Campania CUReP DIT WorkShop Cup on line interregionale

Dettagli

e.toscana Compliance visione d insieme

e.toscana Compliance visione d insieme Direzione Generale Organizzazione e Sistema Informativo Area di Coordinamento Ingegneria dei Sistemi Informativi e della Comunicazione I.T.S.A.E. e.toscana Compliance visione d insieme Gennaio 2007 Versione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA IL RETTORE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA IL RETTORE Si trasmette esclusivamente a mezzo e-mail Verona, 23 Ottobre 2008 Prot. 49100 Tit. I/6 Ai signori Docenti e Ricercatori Ai signori Dirigenti e Personale Tecnico Amministrativo LORO SEDI Oggetto: Software

Dettagli

Concertazione e cooperazione applicativa nel progetto Comunas

Concertazione e cooperazione applicativa nel progetto Comunas Concertazione e cooperazione applicativa nel progetto Comunas Fabrizio Gianneschi Regione Autonoma della ardegna Alcuni dati Circa 1.700.000 abitanti 377 Comuni 83% sotto i 5.000 abitanti 30% ha una intranet

Dettagli

LA NORMATIVA SUL FLOSS NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ITALIANA

LA NORMATIVA SUL FLOSS NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ITALIANA LA NORMATIVA SUL FLOSS NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ITALIANA Letterio Bavastrelli 20 Agosto 2012 Una copia di questo documento è disponibile sul sito http://messinagnulinux.altervista.org Copyright (C)

Dettagli

Pisa Convegno Legautonomie

Pisa Convegno Legautonomie Spunti di riflessione sui nuovi scenari della amministrazione pubblica digitale Pisa Convegno Legautonomie 25 ottobre 2010 Elena Tabet Il lungo cammino dell amministrazione digitale Istituzione di un Autorità

Dettagli

Continuità operativa e disaster recovery nella pubblica amministrazione

Continuità operativa e disaster recovery nella pubblica amministrazione Continuità operativa e disaster recovery nella pubblica amministrazione DEFINIZIONI Linee Guida per il DR delle PA, DigitPA 2011 Continuità Operativa (CO) Continuità Operativa: l insieme delle attività

Dettagli

Codice dell Amministrazione digitale

Codice dell Amministrazione digitale Dlgs. 7 marzo 2005, n. 82 Codice dell Amministrazione digitale (Estratto relativo ai soli articoli riguardanti il Sistema pubblico di connettività) Capo VIII Sistema pubblico di connettività e rete internazionale

Dettagli

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery COMUNE DI PALOMONTE Provincia di Salerno Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery ai sensi della Circolare n.58 di DigitPA del

Dettagli

Gli Open Data della Regione del Veneto: da INSPIRE a RNDT

Gli Open Data della Regione del Veneto: da INSPIRE a RNDT Brescia, Webinar11 Formez Novembre PA - 27 2010 Novembre 2013 1 Gli Open Data della Regione del Veneto: da INSPIRE a RNDT Massimo Foccardi (*), Delio Brentan (*), Monica Cestaro (**) (*) Regione del Veneto

Dettagli

Infrastrutture spaziali ed Open Source: nuove sfide per la Pubblica Amministrazione. Maurizio Trevisani

Infrastrutture spaziali ed Open Source: nuove sfide per la Pubblica Amministrazione. Maurizio Trevisani Infrastrutture spaziali ed Open Source: nuove sfide per la Pubblica Amministrazione Maurizio Trevisani Gli obiettivi della Pubblica Amministrazione Programmare, pianificare, gestire: nel modo migliore,sulla

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FORMAZIONE AVANZATA e-government 1. Premessa Oggi l innovazione nella pubblica amministrazione (PA) e, in particolare,

Dettagli

ICT per la Sanità in Emilia Romagna

ICT per la Sanità in Emilia Romagna ICT per la Sanità in Emilia Romagna Roma, 18 maggio 2012 L innovazione digitale per la sostenibilità del SSN 2 giornata nazionale della sanità elettronica Cabina di Regia 22 Maggio 2008 0 Sommario Vision,

Dettagli

CITTA' DI LADISPOLI Città Metropolitana di Roma Capitale

CITTA' DI LADISPOLI Città Metropolitana di Roma Capitale DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 104 DEL 19/01/2016 AREA II - SETTORE 2 - POLITICHE DELLE ENTRATE - SERVIZI INFORMATICI - SPORT Responsabile dell'istruttoria: UMBERTO AVVERSARI OGGETTO: BANDO PUBBLICO PER

Dettagli

A che punto siamo in Calabria? A cura di Luigi Labonia luigi.lab@libero.it

A che punto siamo in Calabria? A cura di Luigi Labonia luigi.lab@libero.it A che punto siamo in Calabria? A cura di Luigi Labonia luigi.lab@libero.it Direttiva 19 dicembre 2003 Sviluppo ed utilizzazione dei programmi informatici da parte delle pubbliche amministrazioni. Pubblicata

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Servizi al Cittadino SETTORE : Caboni Ignazio. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 26/11/2014. in data

COMUNE DI SESTU. Servizi al Cittadino SETTORE : Caboni Ignazio. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 26/11/2014. in data COMUNE DI SESTU SETTORE : Responsabile: Servizi al Cittadino Caboni Ignazio DETERMINAZIONE N. in data 2193 26/11/2014 OGGETTO: Sistema informativo gestionale dei servizi demografici passaggio alla piattaforma

Dettagli

Un caso concreto di dematerializzazione e semplificazione dei processi inter -amministrazioni: la gestione dei contratti dei docenti

Un caso concreto di dematerializzazione e semplificazione dei processi inter -amministrazioni: la gestione dei contratti dei docenti FORUMPA 2008 13 maggio 2008 Un caso concreto di dematerializzazione e semplificazione dei processi inter -amministrazioni: la gestione dei contratti dei docenti Modello applicativo e tecnologico dott.ssa

Dettagli

Costruzione della Comunità DoQui Marco Curci Innova Puglia

Costruzione della Comunità DoQui Marco Curci Innova Puglia Costruzione della Comunità DoQui Marco Curci Innova Puglia 1 Costruzione della Comunità DoQui Indice dei Contenuti principi, regole e modelli organizzativi licensing del software open source nella PA opportunità,,

Dettagli

Il nostro GRUPPO dal 1980 al servizio del mondo delle costruzioni. Ing. Giovanni Marani amministratore delegato

Il nostro GRUPPO dal 1980 al servizio del mondo delle costruzioni. Ing. Giovanni Marani amministratore delegato Il nostro GRUPPO dal 1980 al servizio del mondo delle costruzioni Ing. Giovanni Marani amministratore delegato STR 4 sedi sul territorio nazionale 30 tra Partner e Partner Gold Collaborazioni con i più

Dettagli

Premesso che il Sistema di e-learning federato per la pubblica amministrazione dell Emilia-Romagna (SELF):

Premesso che il Sistema di e-learning federato per la pubblica amministrazione dell Emilia-Romagna (SELF): CONVENZIONE PER L ADESIONE AL SISTEMA DI E-LEARNING FEDERATO DELL EMILIA-ROMAGNA PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L UTILIZZO DEI SERVIZI PER LA FORMAZIONE Premesso che il Sistema di e-learning federato

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PER LA COSTRUZIONE, GESTIONE E MANUTENZIONE SITO WEB ISTITUZIONALE DELL UNIONE DEI COMUNI DELL APPENNINO BOLOGNESE.

CAPITOLATO TECNICO PER LA COSTRUZIONE, GESTIONE E MANUTENZIONE SITO WEB ISTITUZIONALE DELL UNIONE DEI COMUNI DELL APPENNINO BOLOGNESE. CAPITOLATO TECNICO PER LA COSTRUZIONE, GESTIONE E MANUTENZIONE SITO WEB ISTITUZIONALE DELL UNIONE DEI COMUNI DELL APPENNINO BOLOGNESE. Articolo 1 Oggetto dell appalto 1. L appalto ha per oggetto la progettazione,

Dettagli

LEGGE REGIONALE 24 luglio 2012, n. 20. Norme sul software libero, accessibilità di dati e documenti e hardware documentato

LEGGE REGIONALE 24 luglio 2012, n. 20. Norme sul software libero, accessibilità di dati e documenti e hardware documentato 26115 LEGGE REGIONALE 24 luglio 2012, n. 20 Norme sul software libero, accessibilità di dati e documenti e hardware documentato La seguente legge: IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA

Dettagli

Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto Regolamento per la gestione delle procedure di pubblicazione all albo online

Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto Regolamento per la gestione delle procedure di pubblicazione all albo online Raccolta Regolamenti ARPAV n. 35 Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto Regolamento per la gestione delle procedure di pubblicazione all albo online Approvato con deliberazione

Dettagli

Provincia di Rimini Servizio Infrastrutture Territoriali e Tecnologiche Ufficio Sistemi Informativi. Scambio dati digitali Cittadini Provincia

Provincia di Rimini Servizio Infrastrutture Territoriali e Tecnologiche Ufficio Sistemi Informativi. Scambio dati digitali Cittadini Provincia Servizio Infrastrutture Territoriali e Tecnologiche Scambio dati digitali Cittadini Provincia Ruggero Ruggeri Silvia Sarti Maggio 2012 Progetto Interscambio Dati Introduzione Obiettivo del seguente progetto

Dettagli

Caratteristiche di una soluzione ECM per la gestione del fascicolo elettronico

Caratteristiche di una soluzione ECM per la gestione del fascicolo elettronico e-government, e-democracy Normative, tecnologie, innovazione, organizzazione per l efficienza e trasparenza nella PA Venerdì 8 ottobre 2010 Villa Miani, Roma Andrea Venturato Caratteristiche di una soluzione

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE VII APPENDICE I CASI DI STUDIO Servizi pubblici territoriali online

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni, segnalazioni

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni, segnalazioni COMUNE DI SANTA GIUSTINA IN COLLE (PD) * * * Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni, segnalazioni 1 CONTESTO La realizzazione del Piano di informatizzazione

Dettagli

IL SEGRETARIO GENERALE ai sensi del D.lgs. 30/03/2001 n. 165 e successive modificazioni ed integrazioni

IL SEGRETARIO GENERALE ai sensi del D.lgs. 30/03/2001 n. 165 e successive modificazioni ed integrazioni Determinazione dirigenziale n. 1 del 07/01/2013 Oggetto : Servizio di supporto alle attività di digitalizzazione dei flussi documentali dell'albo Gestori Ambientali. Affidamento all'unioncamere Molise

Dettagli

Pubblicata nel Bollettino ufficiale della Regione Umbria n. 37 del 2 agosto 2006. promulga la seguente legge: Capo I Principi generali

Pubblicata nel Bollettino ufficiale della Regione Umbria n. 37 del 2 agosto 2006. promulga la seguente legge: Capo I Principi generali Legge Regionale 25 luglio 2006, n. 11 Norme in materia di pluralismo informatico sulla adozione e la diffusione del software a sorgente aperto e sulla IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato LA PRESIDENTE

Dettagli

LE TECNOLOGIE PER IL CAMBIAMENTO 2

LE TECNOLOGIE PER IL CAMBIAMENTO 2 LE TECNOLOGIE PER IL CAMBIAMENTO 2 CITTADINANZA DIGITALE: GLI STRUMENTI La cooperazione applicativa - ICAR Andrea Nicolini PM ICAR - CISIS Roma, 1 ottobre 2010 Agenda E-gov in Italia negli ultimi 10 anni

Dettagli

Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82

Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82 CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE (CAD) Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82 Modifiche ed integrazioni introdotte dal decreto-legge 22 giugno 2012 n. 83 e 6 luglio 2012 n 95 (convertiti con modificazioni,

Dettagli

tra la Regione Toscana con sede in, Via/Piazza, n. (Cod. fisc. ), rappresentato da ;

tra la Regione Toscana con sede in, Via/Piazza, n. (Cod. fisc. ), rappresentato da ; Allegato 1 Convenzione per l interscambio informativo tra Regione Toscana e gli Enti Locali toscani tra la Regione Toscana con sede in, Via/Piazza, n. (Cod. fisc. ), rappresentato da ; e Comune / Unione

Dettagli

Provincia di Genova. Convegno: Una rete di Amministrazioni in Rete Roma - Forum PA 2006. I Centri Servizi Territoriali

Provincia di Genova. Convegno: Una rete di Amministrazioni in Rete Roma - Forum PA 2006. I Centri Servizi Territoriali Provincia di Genova Convegno: Una rete di Amministrazioni in Rete Roma - Forum PA 2006 I Centri Servizi Territoriali Mauro Solari Assessore Innovazione e semplificazione amministrativa Linee d azione II

Dettagli

PROVINCIA DI FORLI'-CESENA RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA)

PROVINCIA DI FORLI'-CESENA RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA) PROVINCIA DI FORLI'-CESENA REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA) Approvato con Delibera di G.P. n. 141775/456 del 06/12/2013

Dettagli

Indice strutturato dello studio di fattibilità

Indice strutturato dello studio di fattibilità Indice strutturato dello studio di fattibilità DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 10 Indice 1 2 SPECIFICITÀ DELLO STUDIO DI FATTIBILITÀ IN UN PROGETTO DI RIUSO... 3 INDICE STRUTTURATO DELLO

Dettagli

DETERMINAZIONE DELL'AMMINISTRATORE UNICO N. 41 DEL 30 MARZO 2016

DETERMINAZIONE DELL'AMMINISTRATORE UNICO N. 41 DEL 30 MARZO 2016 DETERMINAZIONE DELL'AMMINISTRATORE UNICO N. 41 DEL 30 MARZO 2016 OGGETTO: ACQUISIZIONE PER LE FORNITURE INFORMATICHE E DI SERVIZI DI OPEN SOURCE PER L ATTIVITÀ DI SETUP, PERSONALIZZAZIONE, MANUTENZIONE

Dettagli

Adesione al Nodo nazionale dei pagamenti elettronici SPC (Sistema Pubblico di Connettivita').

Adesione al Nodo nazionale dei pagamenti elettronici SPC (Sistema Pubblico di Connettivita'). REGIONE PIEMONTE BU19 08/05/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 15 aprile 2014, n. 37-7454 Adesione al Nodo nazionale dei pagamenti elettronici SPC (Sistema Pubblico di Connettivita'). A relazione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Avviso relativo alle azioni previste dall Accordo ai sensi dell art. 9 del decreto legislativo 28 agosto

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni Regione Veneto Provincia di Treviso Comune di Castelfranco Veneto Servizio Sistemi Informativi Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni

Dettagli

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile L. 18 giugno 2009, n. 69 1 e 2 Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile (Estratto relativo all Amministrazione digitale) Art. 24

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE TECNOLOGICA Alle amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma 2, del d.lgs.

Dettagli

COMUNE DI CASTELCUCCO

COMUNE DI CASTELCUCCO COMUNE DI CASTELCUCCO Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni ai sensi art. 24, comma 3 bis D.L. n. 90/2014 e s.m.i. SOMMARIO 1 CONTESTO

Dettagli

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica del Comune di Rotondi (Av)

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica del Comune di Rotondi (Av) Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica del Comune di Rotondi (Av) Circolare DigitPA 1 dicembre 2011 n. 58 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 30 del

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Area Segretario Generale DIRETTORE CRISCUOLO avv. PASQUALE Numero di registro Data dell'atto 304 09/03/2015 Oggetto : Affidamento diretto alla ditta INF.OR Srl con

Dettagli

Nuove soluzioni e nuovi strumenti per migliorare i risultati nell amministrazione e nella gestione delle strutture alberghiere

Nuove soluzioni e nuovi strumenti per migliorare i risultati nell amministrazione e nella gestione delle strutture alberghiere Nuove soluzioni e nuovi strumenti per migliorare i risultati nell amministrazione e nella gestione delle strutture alberghiere 6 MARZO 2014 BUSINESS VALUE SRL BUSINESS VALUE è una società di consulenza

Dettagli

Premesso che: Considerato che:

Premesso che: Considerato che: REGIONE PIEMONTE BU39 25/09/2014 Codice DB2101 D.D. 26 maggio 2014, n. 145 Convenzione per la condivisione di esperienze e soluzioni finalizzate allo sviluppo, alla realizzazione, all'avviamento e alla

Dettagli

BANDO VOUCHER DIGITALE Per enti locali in forma associata per la digitalizzazione e la semplificazione della PA lombarda

BANDO VOUCHER DIGITALE Per enti locali in forma associata per la digitalizzazione e la semplificazione della PA lombarda BANDO VOUCHER DIGITALE Per enti locali in forma associata per la digitalizzazione e la semplificazione della PA lombarda 1 Finalità dell intervento... 2 2 Modello di riferimento... 2 3 Soggetti abilitati

Dettagli

Pagamenti elettronici e MUDE Piemonte

Pagamenti elettronici e MUDE Piemonte P. Palermo Direzione Soluzioni Applicative Area Bilancio, Programmazione e Procurement Torino, novembre 2014 La Piattaforma Pagamenti Piemonte 2 Pagamenti elettronici: situazione attuale Pagamenti elettronici

Dettagli

L Open Source nella Pubblica

L Open Source nella Pubblica L Open Source nella Pubblica Amministrazione Vittorio Pagani Responsabile Osservatorio Open Source - CNIPA 1 Riflessioni su alcune caratteristiche del software OS disponibilità del codice sorgente: possibilità

Dettagli

AVVISO n. 29/2010: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo super senior

AVVISO n. 29/2010: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo super senior AVVISO n. 29/2010: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo super senior, di Esperto di servizi e tecnologie per l egovernment

Dettagli

Note generali per l implementazione di un Archivio aziendale

Note generali per l implementazione di un Archivio aziendale Note generali per l implementazione di un Archivio aziendale Un Titolario (Piano di classificazione di tutti i documenti); un Archivio unico aziendale e Protocollo; un Sistema di Gestione documentale;

Dettagli

Domenico Longhi. Dalla Informazione Geografica alla Infrastruttura Geografica. Le attività delle Regioni

Domenico Longhi. Dalla Informazione Geografica alla Infrastruttura Geografica. Le attività delle Regioni Dalla Informazione Geografica alla Infrastruttura Geografica Le attività delle Regioni Il nuovo contesto EUROPA INSPIRE INfrastructure for SPatial InfoRmation in Europe Lo sviluppo dei sistemi informativi

Dettagli

Ciclo di Vita Evolutivo

Ciclo di Vita Evolutivo Ciclo di Vita Evolutivo Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Modello del ciclo di vita Stabiliti gli obiettivi ed i requisiti Si procede: All analisi del sistema nella sua interezza Alla progettazione

Dettagli

Allegato alla delibera di Giunta Comunale n. 28 del 20.04.2015

Allegato alla delibera di Giunta Comunale n. 28 del 20.04.2015 Allegato alla delibera di Giunta Comunale n. 28 del 20.04.2015 REGOLAMENTO: Modalità di pubblicazione del catalogo dei dati, dei metadati e delle relative banche dati e per l esercizio della facoltà di

Dettagli