VADEMECUM PER L OSPITE ALBERGHIERO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VADEMECUM PER L OSPITE ALBERGHIERO"

Transcript

1 VADEMECUM PER L OSPITE ALBERGHIERO I T A L I A N O EXPO 2015

2 Per effettuare una scelta consapevole della struttura alberghiera che ti ospiterà per l evento Expo è necessario conoscere quali sono le tipologie di aziende alberghiere presenti sul territorio della Lombardia. Esistono, infatti, due tipi di aziende alberghiere: ALBERGO RESIDENZA TURISTICO ALBERGHIERE (RTA) Negli alberghi potrai trovare una sistemazione prevalentemente in camere. Nelle residenze turistico alberghiere l alloggio è in appartamenti con uno o più locali e con servizio autonomo di cucina. 02 aprile 2015

3 GLI ALBERGHI Gli alberghi sono tra loro differenti a seconda della struttura e dei servizi che offrono. Ad esempio la dicitura albergo meublè o garnì significa che viene offerto l alloggio e di solito anche la prima colazione ed il bar ma non c è il servizio ristorante. Mentre nell albergo centro benessere potrai trovare impianti e attrezzature per il relax, il benessere e la rigenerazione fisica nonché tutti i servizi minimi offerti dagli hotel a tre stelle. Nel motel troverai, invece, il servizio di autorimessa, con box o parcheggio per tanti posti macchina quante sono le camere degli ospiti maggiorate del 10% oltre ai servizi di ristorante o tavola calda o fredda e bar. Vengono offerti anche servizi di primo intervento di assistenza ai turisti motorizzati e di riferimento carburante anche tramite convenzioni. Gli alberghi utilizzano prevalentemente il nome di HOTEL. Le stelle degli hotel Regione Lombardia, con un proprio Regolamento (n. 5/2009), ha stabilito quali sono gli standard minimi di qualità per la classificazione degli alberghi. Il numero di stelle che viene riconosciuto agli hotel va da una stella ad un massimo di cinque. Per essere un grand hotel bisogna avere almeno quattro stelle. Per essere un grand hotel lusso bisogna avere cinque stelle ed eccezionali requisiti di qualità tipici degli esercizi di classe internazionale. Ecco le differenze che potrai trovare in relazione ai principali servizi a seconda del diverso numero di stelle: Ricevimento (orari, servizio notturno, trasporto bagagli e custodia valori): stelle ricevimento servizio notturno custodia valori 12/24 h addetto a chiamata addetto a chiamata cassaforte albergo cassaforte albergo cassaforte albergo e cassette sicurezza 50% delle camere cassette di sicurezza in tutte le camere cassette di sicurezza in tutte le camere 12/24 h 16/24 h addetto a chiamata 16/24 h portiere di notte 24/24 h portiere di notte

4 Tutti gli alberghi devono in ogni caso fornire il servizio di trasporto bagagli negli orari in cui è garantito il ricevimento. Nel locale di ricevimento devono essere esposti in modo ben visibile i prezzi minimi e massimi praticati N.B. La Legge italiana prevede che gli albergatori sono responsabili di ogni deterioramento, distruzione o sottrazione delle cose portate dal Cliente in albergo, con il limite massimo di cento volte il costo della camera per giornata. Se ad esempio il prezzo dell alloggio è di 80 euro a notte il limite massimo di risarcimento sarà di euro. Detto limite non opera se il fatto è dovuto a colpa dell albergatore o lo stesso se si è rifiutato di ricevere in custodia le cose che aveva l obbligo di accettare. Se le cose sono state consegnate in custodia all albergo la responsabilità è illimitata. L albergatore non sarà, però, responsabile se il fatto è stato causato dal Cliente stesso, ovvero dovuto a forza maggiore o alla natura della cosa. E necessario in ogni caso denunciare il fatto all albergatore senza ritardo. In caso di furto è assolutamente consigliabile presentare denuncia presso le Autorità di Polizia. Lingue estere non obbligatorie non obbligatorie almeno una lingua estera almeno due lingue estere almeno tre lingue estere Le lingue parlate vengono liberamente scelte dall albergo. Pulizia delle camere e cambio biancheria La pulizia delle camere deve essere quotidiana per tutti i tipi di hotel, con anche un riordino pomeridiano negli alberghi a quattro e cinque stelle. Oltre ad ogni cambio Cliente il cambio biancheria deve avvenire secondo le seguenti frequenze: cambio biancheria da camera una volta alla settimana / due volte alla settimana tutti i giorni cambio biancheria da BAGNO due volte alla settimana / tre volte alla settimana tutti i giorni

5 N.B. Puoi sempre scegliere di cambiare con meno frequenza la biancheria a tutela dell ambiente. Numero di camere Il numero di camere minimo è di sette per tutti gli alberghi indipendentemente dal numero di stelle. N.B. La denominazione Suite può essere utilizzata esclusivamente in caso di camere di superficie sufficiente ad offrire spazi distinti per la zona notte e per la zona salotto/soggiorno Dotazione camere Tutte le camere devono avere: Letto, comodino con punto luce o piano di appoggio per ogni posto letto, sedia o altra seduta per letto, tavolino, armadio, specchio, cestino, dispositivo per chiamare il personale. Gli hotel a partire dalle due stelle devono avere anche uno sgabello o un piano apposito per i bagagli. Negli hotel a tre stelle ci sarà anche il televisore ed un telefono per chiamare l esterno o il personale ed almeno la metà delle camere deve essere dotata di cassetta di sicurezza. Con la quarta e quinta stella potrai trovare anche una poltrona, la tv satellitare, la connessione ad internet, il frigo bar e la cassetta di sicurezza in ogni camera. Gli hotel a cinque stelle devono, inoltre, garantire misure per ridurre i rumori. N.B. non sono obbligatorie le cassaforti a muro: le cassette di sicurezza possono essere installate anche all interno degli armadi Bagni in camera e relative dotazioni Gli hotel da tre a cinque stelle sono tutti dotati di bagno in camera con acqua calda e fredda. La presenza del locale bagno non è obbligatoria per gli hotel a una stella e deve esserci in almeno il 60% delle camere negli hotel a due stelle. Il bagno deve essere provvisto di: lavandino, WC, bidet, vasca o doccia chiamata di emergenza asciugamani e teli bagno in numero adeguato agli ospiti, un tappetino materiale d uso per l igiene della persona cestino rifiuti e sacchetti igienici Con la terza stella troverai l asciugacapelli e negli hotel a quattro e cinque stelle potrai avere anche l accappatoio.

6 Bagni comuni Gli hotel a una stella con camere senza bagno privato devono avere un bagno ad uso comune ogni 8 posti letto. Gli hotel a due stelle un bagno ogni 6 posti letto, con un minimo in entrambi i casi di un bagno per piano. In tutti i servizi igienici è prevista la chiamata di emergenza. Dotazione dell albergo (riscaldamento, ascensore, aria condizionata) Tutti gli hotel devono garantire il riscaldamento nella stagione invernale. Negli hotel a due e tre stelle con più di due piani (escluso il piano terreno) dovrà esserci anche l ascensore. Negli hotel a quattro o cinque stelle l ascensore dovrà essere presente qualunque sia il numero dei piani. Gli hotel a cinque stelle devono avere anche un ascensore di servizio o un montacarichi Gli hotel a quattro e cinque stelle situati a quote altimetriche inferiori a 500 metri sul livello del mare dovranno essere dotati di aria condizionata nei locali comuni e nelle camere. N.B. Gli alberghi possono essere esonerati dall obbligo dell ascensore o del montacarichi (ove previsti) nel caso in cui gli stessi non siano realizzabili in base alle Leggi vigenti in materia. Pertanto, in caso di necessità, bisognerà informarsi sulla effettiva presenza dell ascensore nella struttura. Prima colazione Gli hotel, tranne quelli ad una stella, devono offrire il servizio di prima colazione in sale o aree comuni destinate anche ad altri usi. Gli hotel a quattro e cinque stelle devono garantire il servizio in sala apposita o ristorante e in camera negli orari previsti per la colazione. Ristorante Il servizio ristorante è previsto come obbligatorio solo negli alberghi a cinque stelle ma, solitamente, è un servizio prestato in Lombardia in molti alberghi anche di classi inferiori. Gli hotel a cinque stelle devono anche garantire il servizio in camera negli orari previsti per la ristorazione. Bar 12 ore su 24 anche in camera 16 ore su 24 anche in camera 16 ore su 24 e 24 ore su 24 in camera Negli hotel a una o due stelle non è previsto come servizio obbligatorio ma è sostituito da un Punto Ristoro, anche con distributore automatico.

7 Sala riunioni La presenza di un area riservata per le riunioni è obbligatoria negli hotel a quattro e cinque stelle. Servizi vari (parcheggio, lavaggio e stiratura, internet) Tutti gli hotel devono garantire il servizio di fax e fotocopiatrice. Dalla terza stella ci sarà anche il servizio internet ed il personale dovrà essere in divisa. Gli hotel a quattro stelle dovranno, inoltre, garantire il lavaggio e la stiratura della biancheria con consegna entro 24 ore ed il parcheggio dalle 8 alle 22 per almeno il 50% delle camere. Con la quinta stella dovrà essere garantito il servizio di lavaggio e stiratura biancheria con consegna in giornata e parcheggio 24 ore su 24 per almeno l 80% delle camere. N.B. Poiché gli Hotel possono avvalersi di un servizio di lavaggio esterno, la consegna entro i tempi stabiliti deve essere garantita compatibilmente con gli orari di apertura di detti esercizi; gli hotel non devono necessariamente garantire il posto auto all interno della propria struttura: possono anche avvalersi di convenzioni con autorimesse. LE RTA Le stelle delle residenze turistiche alberghiere vanno da due a quattro come stabilito dal Regolamento di Regione Lombardia, che ha anche individuato gli standard minimi di qualità delle RTA. Ricevimento (orari, servizio notturno, trasporto bagagli e custodia valori): stelle ricevimento servizio notturno trasporto bagagli custodia valori 12/24 h addetto disponibile a chiamata addetto disponibile a chiamata non obbligatorio non obbligatoria 14/24 h 8/24 h custodia valori 16/24 h addetto al servizio di notte 12/24 h Custodia valori cassette di sicurezza negli appartamenti o cassaforte della RTA

8 Nel locale di ricevimento devono essere esposti in modo ben visibile i prezzi minimi e massimi praticati. Lingue estere non obbligatorie almeno una lingua estera almeno due lingue estere Le lingue parlate vengono liberamente scelte dalla RTA. Pulizia delle camere, cambio biancheria, lavaggio e stiratura stelle pulizia cambio biancheria letto cambio biancheria bagno 2 volte la settimana a giorni alterni 2 volte la settimana a giorni alterni a giorni alterni 2 volte la settimana tutti i giorni tutti i giorni tutti i giorni Il cambio biancheria viene effettuato ad ogni cambio cliente Nelle RTA a quattro stelle è previsto come obbligatorio anche il servizio di lavaggio e stiratura della biancheria. N.B. Puoi sempre scegliere di cambiare con meno frequenza la biancheria a tutela dell ambiente. Dotazione degli appartamenti Gli appartamenti oltre ad essere dotati degli arredi della zona notte (letti, coperte, armadio, grucce, cassetti, comodini o ripiani, lampade o appliques) devono avere anche un tavolo con tante sedie quanti sono i posti letto. L appartamento dovrà essere fornito di acqua calda e fredda e di tutto l occorrente per cucinare: due fuochi o piastre cottura, frigorifero, lavello con scolapiatti e tutto il corredo necessario: pentole, scolapasta, posate, bicchieri, piatti, insalatiera, tazze, caffettiera, zuccheriera, lattiera, apribottiglie, spremiagrumi, grattugia, cavatappi, tovaglia, tovaglioli, strofinacci da cucina e pattumiera con sacchetti di plastica. Dovranno esserci inoltre anche gli attrezzi per le pulizie. Le strutture a tre e quattro stelle dovranno avere anche: poltrone o divano nel soggiorno, televisore, telefono per la chiamata esterna o al personale, necessario per scrivere e cucire. Nelle RTA a quattro stelle le poltrone o divani nel soggiorno dovranno essere di numero pari alle persone ospitabili e ci dovranno essere ambienti distinti per camere e soggiorno (senza obbligo di una separazione con struttura fissa). Con la quarta stella troverai in più il forno (che può essere a microonde) e l antenna satellitare.

9 Dotazione dei bagni Tutti gli appartamenti sono dotati di lavandino, WC, doccia o vasca, materiali d uso per l igiene della persona, teli bagno, asciugamani e salviette per il numero degli occupanti, carta igienica con riserva, sacchetti igienici, cestino rifiuti, specchio con presa elettrica, mensola e scopino. Nelle RTA a tre e quattro stelle oltre al sapone troverai anche il bagnoschiuma. L asciugacapelli è obbligatorio solamente nelle RTA a quattro stelle. Dotazione della RTA (riscaldamento, aria condizionata, ascensore, parcheggio) Tutte le RTA devono garantire il riscaldamento nella stagione invernale ed un posto telefonico. Nelle RTA a due e tre stelle con più di due piani (escluso il piano terreno) dovrà esserci anche l ascensore. Con la quarta stella l ascensore dovrà essere presente qualunque sia il numero dei piani. Le RTA a tre e quattro stelle situate a quote altimetriche inferiori a 600 metri sul livello del mare dovranno essere altresì dotate di aria condizionata o impianto analogo. Con la quarta stella ci sarà anche il servizio parcheggio auto 24/24 ore ed il personale sarà munito di divisa. N.B. Le RTA possono essere esonerate dall obbligo dell ascensore nel caso in cui lo stesso non sia realizzabile in base alle Leggi vigenti in materia. Pertanto, in caso di necessità, bisognerà informarsi sulla effettiva presenza dell ascensore nella struttura. Prima colazione e ristorante I servizi di prima colazione e ristorante non sono obbligatori nelle RTA. Ti ricordiamo che tutti gli appartamenti hanno la cucina autonoma. Bar non obbligatario 12/24 ore in locale comune o nelle unità abitative 14/24 ore in locale comune o nelle unità abitative Manutenzione Per tutte le categorie di RTA è previsto il servizio di assistenza di manutenzione degli appartamenti e di riparazione e sostituzione di arredi, corredi e dotazioni.

10 Ricordati che quelli sopra descritti sono i requisiti minimi che una struttura (albergo, RTA) deve avere per il numero di stelle che possiede. È possibile, pertanto, che le aziende alberghiere offrano servizi in più rispetto ai minimi da garantire. Pertanto è sempre meglio informarsi direttamente presso la struttura per verificare tutti i servizi che vengono in effetti offerti. SERVIZI DI OSPITALITÀ TURISTICI NON ALBERGHIERI Tra i servizi di ospitalità turistici non alberghieri possiamo trovare, ad esempio, case, affittacamere e bed & breakfast. Anche le attività ricettive non alberghiere devono possedere standard obbligatori minimi. In particolare il bed & breakfast è l attività di carattere saltuario svolta da privati che utilizzano parte della propria casa per offrire un servizio a conduzione familiare di alloggio e prima colazione. I prezzi minimi e massimi praticati devono essere esposti in modo ben visibile nel locale di ricevimento. L attività può essere esercitata in non più di quattro stanze con un massimo di dodici posti letto. Quando l attività si svolge in più di una stanza devono essere garantiti almeno due servizi igienici per unità abitativa. Gli ospiti devono poter accedere alle loro camere senza attraversare la camera da letto ed i servizi destinati al titolare o ad altri ospiti. La pulizia delle stanze e la sostituzione della biancheria deve essere svolta almeno tre volte la settimana e, comunque, ad ogni cambio ospite. La pulizia del bagno deve essere quotidiana. Il responsabile è tenuto ad avere una polizza di assicurazione di responsabilità civile per eventuali danni agli ospiti. SEGNALAZIONI PER DISSERVIZI Se la struttura che hai scelto non rispetta i requisiti che hai letto in questo opuscolo e comunque non ti ritieni soddisfatto della qualità del servizio offerto puoi inoltrare una segnalazione a VERSO LA RIFORMA DEL TURISMO IN LOMBARDIA Segnaliamo che è in fase di approvazione un progetto di Legge di Regione Lombardia che riforma tutta la normativa in materia di turismo. Il progetto di Legge prevede, tra l altro, una nuova classificazione delle strutture ricettive ed anche una griglia di valutazione dei servizi aggiuntivi che vengono forniti dalle strutture in più rispetto agli standard minimi che devono essere garantiti. Nelle griglia dovrà essere anche indicata la data di costruzione della struttura od altrimenti la data dell ultima ristrutturazione. Il bed & breakfast potrà essere sia a conduzione familiare che in forma imprenditoriale. è anche prevista l introduzione di una Tourist Card che consentirà la fruizione integrata dei diversi servizi turistici, l accesso a musei, mezzi pubblici di trasporto.

11 FAQ Quante stelle può avere al massimo un hotel? Un hotel può avere al massimo cinque stelle. Un hotel a cinque stelle può anche avere la denominazione grand hotel lusso se possiede eccezionali requisiti di qualità tipici degli esercizi di classe internazionale. Quante camere deve avere un hotel? Il numero minimo di camere è sette per tutti gli alberghi Gli hotel devono avere il parcheggio? Non tutte le categorie di hotel sono obbligate ad avere il parcheggio. Negli hotel a quattro stelle il parcheggio è garantito per almeno il 50% delle camere dalle 8 alle 22. Negli hotel a cinque stelle 24 ore su 24 per almeno l 80 % delle camere. L albergo con la dicitura motel garantisce il servizio di autorimessa, box o parcheggio per tanti posti macchina quante sono le camere degli ospiti maggiorate del 10%. Da quante stelle è obbligatorio il televisore in camera? Il televisore in camera deve essere garantito dalla terza stella. Con la quarta stella avrai anche la TV satellitare. Da quante stelle è obbligatorio avere il bagno in camera? Gli hotel da tre a cinque stelle sono tutti dotati di bagno in camera con acqua calda e fredda. Gli hotel a due stelle devono avere il bagno in almeno il 60% delle camere. Gli hotel devono avere l asciugacapelli in camera? L asciuga capelli è obbligatorio dalla terza stella In quali hotel posso trovare un area riservata per le riunioni? Negli hotel a quattro e cinque stelle è obbligatoria la presenza di una sala riunioni Da quante stelle è obbligatorio avere l aria condizionata in camera? Dalla quarta stella se l hotel è situato ad una quota altimetrica inferiore a 500 metri sul livello del mare. Quale è la principale differenza tra hotel e residenza turistico alberghiera? Gli hotel forniscono una sistemazione prevalentemente in camera. Nelle RTA l alloggio è in appartamenti con uno o più locali e con servizio autonomo di cucina. Quante stelle può avere al massimo una RTA? Le RTA possono avere al massimo quattro stelle con un minimo di due Nelle RTA è obbligatorio il servizio di parcheggio? 24 ore su 24 ma solo nelle strutture a quattro stelle Le RTA offrono il servizio di prima colazione e ristorante? Solitamente no, ma c è una cucina attrezzata nell appartamento. Quali sono le norme che regolano gli standard minimi degli hotel e delle RTA in Lombardia? La Legge di Regione Lombardia n. 15/2007ed il Regolamento di Regione Lombardia n. 5/ aprile 2015

12 UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE DELLA LOMBARDIA corso Lodi 8/A Milano tel 02/ ASSOUTENTI LOMBARDIA via Pinturicchio Milano tel 02/ CONFCONSUMATORI LOMBARDIA via De Amicis Milano tel 02/ MOVIMENTO DIFESA DEL CITTADINO LOMBARDIA c/o Fondazione Legambiente via Vida Milano - tel 393/ lombardia.difesadelcittadino.it Realizzato nell ambito del Programma generale di intervento 2013 della Regione Lombardia con l utilizzo dei fondi del Ministero dello sviluppo economico

PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA UFFICIO TURISMO MODELLO C

PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA UFFICIO TURISMO MODELLO C PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA UFFICIO TURISMO MODELLO C RESIDENZE TURISTICO ALBERGHIERE Legge Regionale n. 15 del 16/07/2007 Regolamento Regionale n. 5 del 7/12/2009 Pubblicato sul BURL n. 50-1 Suppl. Ord.

Dettagli

Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo

Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo MODELLO B ALBERGHI Legge Regionale n. 15 del 16/07/2007 Regolamento Regionale n. 5 del 7/12/2009 Pubblicato sul BURL n. 50-1

Dettagli

Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo

Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo MODELLO C RESIDENZE TURISTICO ALBERGHIERE Legge Regionale n. 15 del 16/07/2007 Regolamento Regionale n. 5 del 7/12/2009 Pubblicato

Dettagli

Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo

Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo MODELLO A ALBERGHI Legge Regionale n. 15 del 16/07/2007 Regolamento Regionale n. 5 del 7/12/2009 Pubblicato sul BURL n. 50-1

Dettagli

REQUISITI OBBLIGATORI PER VILLAGGI-ALBERGO E RESIDENZE TURISTICO-ALBERGHIERE

REQUISITI OBBLIGATORI PER VILLAGGI-ALBERGO E RESIDENZE TURISTICO-ALBERGHIERE Allegato C Dgr n. del pag. 1 /5 ALLEGATOC alla Dgr n. 807 del 7 maggio 014 giunta regionale 9^ legislatura REQUISITI OBBLIGATORI PER VILLAGGI-ALBERGO E RESIDENZE TURISTICO-ALBERGHIERE N. REQUISITI DIMENSIONALI

Dettagli

PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TURISMO ALBERGHI. Allegato A

PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TURISMO ALBERGHI. Allegato A PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TURISMO ALBERGHI Allegato A Standard qualitativi obbligatori minimi per gli alberghi di prima classificazione rispetto alla data in vigore del Regolamento Regionale 7 dicembre

Dettagli

SERVIZI IGIENICI E BAGNI AD USO COMUNE

SERVIZI IGIENICI E BAGNI AD USO COMUNE ALLEGATO PROSPETTO DI DEFINIZIONE DEGLI STANDARD MINIMI NAZIONALI DEI SERVIZI E DELLE DOTAZIONI PER LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ALBERGHI ALBERGHI AD UNA STELLA SERVIZIO DI RICEVIMENTO assicurato 12 ore su

Dettagli

PROVINCIA DI MONZA E DELLABRIANZA UFFICIO TURISMO MODELLO A

PROVINCIA DI MONZA E DELLABRIANZA UFFICIO TURISMO MODELLO A PROVINCIA DI MONZA E DELLABRIANZA UFFICIO TURISMO MODELLO A Legge Regionale n. 15 del 16/07/2007 Regolamento Regionale n. 5 del 7/12/2009 Pubblicato sul BURL n. 50-1 Suppl. Ord. Del 14/12/2009 ALLEGATO

Dettagli

ALLEGATI ALLA LEGGE REGIONALE 16/01/2002, N. 002. TABELLA A (riferita all articolo 175) ALLEGATO <<A>>

ALLEGATI ALLA LEGGE REGIONALE 16/01/2002, N. 002. TABELLA A (riferita all articolo 175) ALLEGATO <<A>> ALLEGATI ALLA LEGGE REGIONALE 16/01/2002, N. 002. TABELLA A (riferita all articolo 175) QUALIFICA APT Dirigente Funzionario Consigliere Segretario Coadiutore Agente tecnico Commesso QUALIFICA RUOLO UNICO

Dettagli

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 22 novembre 2010, n. 31)

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 22 novembre 2010, n. 31) Legge regionale 7 dicembre 2009, n. 50 Definizione delle tipologie dei servizi forniti dalle imprese turistiche nell'ambito dell'armonizzazione della classificazione alberghiera (BUR n. 22 dell 1 dicembre

Dettagli

CLASSIFICAZIONE ALBERGHI DENUNCIA DELLA CLASSIFICA

CLASSIFICAZIONE ALBERGHI DENUNCIA DELLA CLASSIFICA Mod 5/Alb CLASSIFICAZIONE ALBERGHI DENUNCIA DELLA CLASSIFICA SEZIONE 1 GENERALITA DELL ESERCIZIO Denominazione dell esercizio Comune.Frazione/località... Indirizzo.. Telefono.. Telex Telefax. www..e-mail

Dettagli

Art. 1 (Disposizioni in materia di classificazione alberghiera)

Art. 1 (Disposizioni in materia di classificazione alberghiera) Legge regionale 7 dicembre 2009, n. 50 Definizione delle tipologie dei servizi forniti dalle imprese turistiche nell'ambito dell'armonizzazione della classificazione alberghiera. (BUR n. 22 dell 1 dicembre

Dettagli

STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE AD UNA STELLA

STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE AD UNA STELLA Allegato n. 1 - Circolare AVA n. 38/08 PROSPETTO DI DEFINIZIONE DEGLI STANDARD MINIMI NAZIONALI DEI SERVIZI E DELLE DOTAZIONI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE STRUTTURE RICETTIVE

Dettagli

LIVELLI di CLASSIFICA

LIVELLI di CLASSIFICA ALLEGATO C REQUISITI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ALBERGHI 1 PRESTAZIONI DI SERVIZI LIVELLI di CLASSIFICA DESCRIZIONE DEI REQUISITI 1 3 4 1.1 Numero di ore giornaliere in cui sono assicurati

Dettagli

LA CLASSIFICAZIONE ALBERGHIERA IN LOMBARDIA

LA CLASSIFICAZIONE ALBERGHIERA IN LOMBARDIA LA CLASSIFICAZIONE ALBERGHIERA IN LOMBARDIA Il contratto di albergo Il contratto di albergo viene considerato un contratto atipico con il quale l albergatore si impegna a fornire al cliente, dietro corrispettivo,

Dettagli

(giorno/mese/anno) con sede in Comune Via N

(giorno/mese/anno) con sede in Comune Via N DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO E DI CERTIFICAZIONE RESA DA UN IMPRESA ALBERGHIERA IN RELAZIONE AL POSSESSO DEI REQUISITI PER LA CLASSIFICAZIONE A DUE STELLE NEL PERIODO 1/1/2011 31/12/2015 (L.R.

Dettagli

REQUISITI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICA DEGLI ALBERGHI

REQUISITI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICA DEGLI ALBERGHI Servizio 3 Politiche del Lavoro, I - 61121 Pesaro - Via Mazzolari, 4 della Formazione, Sociali, Tel. 0721.3592531/2507/2503 Culturali e Turismo Fax 0721.33930 PEC: provincia.pesarourbino@legalmail.it P.O.

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato del Turismo, Artigianato e Commercio. TABELLA B Allegata alla denuncia dei requisiti

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato del Turismo, Artigianato e Commercio. TABELLA B Allegata alla denuncia dei requisiti DENOMINAZIONE DEL COMPLESSO. LOCALITA.. TABELLA B Allegata alla denuncia dei requisiti Requisiti (obbligati e fungibili) degli ALBERGHI, con i relativi punteggi 1 PRESTAZIONE DI SERVIZI 1.01 - Servizio

Dettagli

MILANO - LUNEDÌ, 14 DICEMBRE 2009. Sommario

MILANO - LUNEDÌ, 14 DICEMBRE 2009. Sommario REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - LUNEDÌ, 14 DICEMBRE 2009 1º SUPPLEMENTO ORDINARIO Sommario Anno XXXIX - N. 263 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - 45% - art. 2, comma 20/b

Dettagli

(giorno/mese/anno) con sede in Comune Via N

(giorno/mese/anno) con sede in Comune Via N DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO E DI CERTIFICAZIONE RESA DA UN IMPRESA ALBERGHIERA IN RELAZIONE AL POSSESSO DEI REQUISITI PER LA CLASSIFICAZIONE A QUATTRO STELLE NEL PERIODO 1/1/2011 31/12/2015

Dettagli

DENUNCIA DEI REQUISITI DELLA STRUTTURA RICETTIVA

DENUNCIA DEI REQUISITI DELLA STRUTTURA RICETTIVA ALLA PROVINCIA REGIONALE 3 Dipartimento 2 Ufficio dirigenziale Unità operativa alberghi e statistica di settore Corso Cavour 98121 MESSINA DENUNCIA DEI REQUISITI DELLA STRUTTURA RICETTIVA _I_ sottoscritt,

Dettagli

Valida dal al GENERALITÀ DELLA STRUTTURA RICETTIVA

Valida dal al GENERALITÀ DELLA STRUTTURA RICETTIVA (strutture gia autorizzate) DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE Servizio Sviluppo Sistema Turistico Regionale COMUNE di DENUNCIA DELLE ATTREZZATURE E DEI SERVIZI PER LA CLASSIFICAZIONE DELL ALBERGO/DIPENDENZA

Dettagli

MODELLO «A1.2 bis» ALBERGO/DIPENDENZA

MODELLO «A1.2 bis» ALBERGO/DIPENDENZA MODELLO «A1.2 bis» ALBERGO/DIPENDENZA (strutture di nuova costruzione o ristrutturazione) DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE Servizio Sviluppo Sistema Turistico Regionale COMUNE di DENUNCIA DELLE ATTREZZATURE

Dettagli

TABELLA A (Art. 27) LIVELLO DI CLASSIFICA. DESCRIZIONE DEI REQUISITI 1 stella. 1. PRESTAZIONI DI SERVIZI 1.01 Direttore di albergo X X X X

TABELLA A (Art. 27) LIVELLO DI CLASSIFICA. DESCRIZIONE DEI REQUISITI 1 stella. 1. PRESTAZIONI DI SERVIZI 1.01 Direttore di albergo X X X X TABELLA A (Art. 27) REQUISITI MINIMI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ESERCIZI RICETTIVI ALBERGHIERI (alberghi, motels, alberghi residenziali, alberghi diffusi, villaggi-albergo e beauty-farm)

Dettagli

Art. 1. (Oggetto) Art. 2. (Aziende alberghiere)

Art. 1. (Oggetto) Art. 2. (Aziende alberghiere) 1 di 10 05/01/2009 22.08 Legge regionale 24 gennaio 1995, n. 14. (Testo coordinato) Nuova classificazione delle aziende alberghiere. (B.U. 25 gennaio 1995, suppl. al n. 4) Modificata da l.r. 91/1995, l.r.

Dettagli

Tabella delle classificazioni alberghiere

Tabella delle classificazioni alberghiere Tabella delle classificazioni alberghiere SERVIZIO DI RICEVIMENTO 12 ore su 24 A DUE STELLE 12 ore su 24 A TRE STELLE 16 ore su 24 16 ore su 24 24 ore su 24 SERVIZIO DI NOTTE SERVIZIO DI TRASPORTO BAGAGLI

Dettagli

Valida dal al GENERALITÀ DELLA STRUTTURA RICETTIVA

Valida dal al GENERALITÀ DELLA STRUTTURA RICETTIVA - (strutture gia autorizzate) DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE Servizio Sviluppo Sistema Turistico Regionale COMUNE di DENUNCIA DELLE ATTREZZATURE E DEI SERVIZI PER LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ALBERGHI,

Dettagli

Vista la legge regionale 16 gennaio 2002, n. 2, recante Disciplina organica del turismo, e successive modificazioni ed integrazioni; Visto l articolo

Vista la legge regionale 16 gennaio 2002, n. 2, recante Disciplina organica del turismo, e successive modificazioni ed integrazioni; Visto l articolo Vista la legge regionale 16 gennaio 2002, n. 2, recante Disciplina organica del turismo, e successive modificazioni ed integrazioni; Visto l articolo 178 della sopraccitata legge regionale, ai sensi del

Dettagli

Provincia di Reggio Calabria

Provincia di Reggio Calabria Provincia di Reggio Calabria Settore 10 - T urismo DENUNCIA DELLE ATTREZZATURE E DEI SERVIZI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE AZIENDE ALBERGHIERE Comune di Validità dal 01 gennaio 2010 al 31 dicembre 2014

Dettagli

2002 - Aggiornamento CE0602ur16 VOCE E 6.2 LRG/XVI,1. TURISMO ED INDUSTRIA ALBERGHIERA L.R. 28 aprile 1997, n. 12

2002 - Aggiornamento CE0602ur16 VOCE E 6.2 LRG/XVI,1. TURISMO ED INDUSTRIA ALBERGHIERA L.R. 28 aprile 1997, n. 12 LEGGE REGIONALE 28 aprile 1997, n. 12 «Nuova classificazione delle aziende alberghiere e regolamentazione delle case ed appartamenti per vacanze». (B.U. 2 maggio 1997, n. 18, 1º suppl. ord.) Titolo I ATTIVITÀ

Dettagli

Tabella B - CLASSIFICAZIONE R.T.A. E DIPENDENZE DI R.T.A

Tabella B - CLASSIFICAZIONE R.T.A. E DIPENDENZE DI R.T.A Tabella B - CLASSIFICAZIONE R.T.A. E DIPENDENZE DI R.T.A - Tabella B - Parte prima: requisiti e dotazioni CARATTERISTICHE STRUTTURALI PER LA CLASSIFICAZIONE DI R.T.A. E DIPENDENZE -4 STELLE Completare

Dettagli

CLASSIFICAZIONE HOTELS La normativa sugli alberghi

CLASSIFICAZIONE HOTELS La normativa sugli alberghi CLASSIFICAZIONE HOTELS La normativa sugli alberghi La classificazione degli esercizi alberghieri è regolata dalla legge.tutti gli esercizi alberghieri devono evidenziare all esterno, accanto alla propria

Dettagli

TABELLA B (Art. 38) REQUISITI MINIMI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE COUNTRY-HOUSE

TABELLA B (Art. 38) REQUISITI MINIMI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE COUNTRY-HOUSE TABELLA B (Art. 38) PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE COUNTRY-HOUSE 1. Buono stato di conservazione e manutenzione dell immobile 2. Arredamento delle unità abitative funzionale e di buona fattura 3. Un locale

Dettagli

C O M U N E D I M A T T I N A T A Provincia di Foggia Settore IV - Polizia Municipale Attività Produttive Tel. 0884-550310 Fax 559870

C O M U N E D I M A T T I N A T A Provincia di Foggia Settore IV - Polizia Municipale Attività Produttive Tel. 0884-550310 Fax 559870 C O M U N E D I M A T T I N A T A Provincia di Foggia Settore IV - Polizia Municipale Attività Produttive Tel. 0884-550310 Fax 559870 AL SIGNOR SINDACO Attività Produttive DEL COMUNE DI MATTINATA SEGNALAZIONE

Dettagli

VIII LEGISLATURA 74A Seduta Lunedì 30 novembre 2009

VIII LEGISLATURA 74A Seduta Lunedì 30 novembre 2009 VIII LEGISLATURA 74A Seduta Lunedì 30 novembre 2009 Deliberazione n. 395 (Estratto del processo verbale) OGGETTO: Legge regionale - Definizione delle tipologie dei servizi forniti dalle imprese turistiche

Dettagli

Indicare ragione sociale dell Ente/Coop/Assoc. tel. fax. e mail. DICHIARA

Indicare ragione sociale dell Ente/Coop/Assoc. tel. fax. e mail. DICHIARA Pag. 1 di 5 Oggetto: - Legge Regione Lazio n 13 del 06/08/2007 s.m.i. Regolamento Regionale Nuova disciplina delle strutture ricettive extralberghiere n.8 del 7 agosto 2015. Classificazione per l esercizio

Dettagli

Settore Risorse Culturali e Turistiche, Lavoro, Sviluppo della Persona e delle Comunità. Servizio Turismo e Promozione dei Territori

Settore Risorse Culturali e Turistiche, Lavoro, Sviluppo della Persona e delle Comunità. Servizio Turismo e Promozione dei Territori ALLEGATO A Piazza Mantegna n 6-46100 Mantova tel. 0376 357521 fax 0376 357525 lara.rigoni@provincia.mantova.it PEC : provinciadimantova@legalmail.it www.provincia.mantova.it Settore Risorse Culturali e

Dettagli

12 16 24 24 nelle unità abitative a cura del personale addetto 2

12 16 24 24 nelle unità abitative a cura del personale addetto 2 Tabella A Sezione A1 Requisiti minimi obbligatori per la classificazione degli esercizi ricettivi alberghieri GIA AUTORIZZATI NOTA: La struttura ricettiva alberghiera deve possedere tutti i requisiti indicati

Dettagli

SEZIONE 1^ - GENERALITÀ DELL ESERCIZIO. 1. Denominazione della struttura. 2. Via Località. Comune CAP Provincia (sigla) Telefono Fax

SEZIONE 1^ - GENERALITÀ DELL ESERCIZIO. 1. Denominazione della struttura. 2. Via Località. Comune CAP Provincia (sigla) Telefono Fax REGIONE DEL VENETO Amministrazione Provinciale di DENUNCIA DELLE ATTREZZATURE E DEI SERVIZI PER LA CLASSIFICAZIONE DI AFFITTACAMERE ATTIVITA RICETTIVE IN ESERCIZI DI RISTORAZIONE (art. 3 L.R. 33/00) SEZIONE

Dettagli

ALLEGATO B-33sexies. Classificazione per l esercizio di attività extralberghiera di Hostel o Ostelli in categoria Unica

ALLEGATO B-33sexies. Classificazione per l esercizio di attività extralberghiera di Hostel o Ostelli in categoria Unica SUAP COMUNE DI CIVITAVECCHIA Ultimo Aggiornamento:23/09/2015 ALLEGATO B-33sexies Modello di autocertificazione di classificazione Hostel o Ostelli Legge Regionale n 13 del 06/08/2007 e s.m.i. Regolamento

Dettagli

PROVINCIA DI PISTOIA UFFICIO TURISMO Piazza San Leone, 1, 51100 Pistoia - Tel. 0573 3741- Fax. 0573 374401 Sito internet: www.provincia.pistoia.

PROVINCIA DI PISTOIA UFFICIO TURISMO Piazza San Leone, 1, 51100 Pistoia - Tel. 0573 3741- Fax. 0573 374401 Sito internet: www.provincia.pistoia. Pagina 1 di 6 TUSR16 PROVINCIA DI PISTOIA UFFICIO TURISMO Piazza San Leone, 1, 51100 Pistoia - Tel. 0573 3741- Fax. 0573 374401 Sito internet: www.provincia.pistoia.it Sportello Unico Attività Produttive

Dettagli

Classificazione per l esercizio di attività extralberghiera di Country House o Residenze di campagne in categoria Unica

Classificazione per l esercizio di attività extralberghiera di Country House o Residenze di campagne in categoria Unica Modello di autocertificazione per la classificazione di Country House o Residenze di campagna pag. 1 di 6 Oggetto: - Legge Regione Lazio n 13 del 06/08/2007 s.m.i Regolamento Regionale Nuova disciplina

Dettagli

appartamenti dello stesso stabile Quali sono i requisiti necessari per la classificazione di un affittacamere nelle categorie prima, seconda e terza?

appartamenti dello stesso stabile Quali sono i requisiti necessari per la classificazione di un affittacamere nelle categorie prima, seconda e terza? 1 2 Chi rilascia l'autorizzazione per l'apertura di una struttura ricettiva extra alberghiera classificata? Quali documenti sono necessari per la classifica di un affittacamere? La Provincia provvede a

Dettagli

RESIDENZE TURISTICO ALBERGHIERE

RESIDENZE TURISTICO ALBERGHIERE RESIDENZE TURISTICO ALBERGHIERE Legge Regionale n. 15 del 16 Luglio 2007 (allegato C al Regolamento Regionale n. 5 del 7 Dicembre 2009) Allegato C STANDARD QUALITATIVI OBBLIGATORI MINIMI PER LE RESIDENZE

Dettagli

RESIDENZE TURISTICO ALBERGHIERE Legge Regionale n. 15 del 16 Luglio 2007 (allegato C al Regolamento Regionale n. 5 del 7 Dicembre 2009)

RESIDENZE TURISTICO ALBERGHIERE Legge Regionale n. 15 del 16 Luglio 2007 (allegato C al Regolamento Regionale n. 5 del 7 Dicembre 2009) RESIDENZE TURISTICO ALBERGHIERE Legge Regionale n. 15 del 16 Luglio 2007 (allegato C al Regolamento Regionale n. 5 del 7 Dicembre 2009) Allegato C STANDARD QUALITATIVI OBBLIGATORI MINIMI PER LE RESIDENZE

Dettagli

Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia

Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia 20 21 22 23 febbraio 2012 Istituto Moreschi via San Michele del Carso, 25 - Milano 1 2 3 INDICE 1. Riferimenti normativi 2. Funzioni

Dettagli

REQUISITI OBBLIGATI E FUNGIBILI - ALBERGHI - 1

REQUISITI OBBLIGATI E FUNGIBILI - ALBERGHI - 1 L attività di albergo è regolata dall art. 86 del T.U.L.P.S. approvato con R.D. n 773 del 8/06/93 e dalla L.R. n 5del 5/03/984. Per il rilascio dell autorizzazione amministrativa è indispensabile compilare

Dettagli

Allegati da A1 ad A6 alla proposta di regolamento regionale concernente:

Allegati da A1 ad A6 alla proposta di regolamento regionale concernente: Allegati da A1 ad A6 alla proposta di regolamento regionale concernente: Modifiche regolamento regionale 24 ottobre 2008, n. 17 (Disciplina delle Strutture Ricettive Alberghiere) e successive modifiche.

Dettagli

Tabella A - CLASSIFICAZIONE ALBERGHI E DIPENDENZE DI ALBERGHI

Tabella A - CLASSIFICAZIONE ALBERGHI E DIPENDENZE DI ALBERGHI Tabella A - CLASSIFICAZIONE ALBERGHI E DIPENDENZE DI ALBERGHI - Tabella A - Parte prima: requisiti e dotazioni CARATTERISTICHE STRUTTURALI PER L OTTENIMENTO DELLA CLASSIFICAZIONE STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE

Dettagli

Allegato D - Requisiti obbligatori per villaggi albergo e residenze turistico-alberghiere

Allegato D - Requisiti obbligatori per villaggi albergo e residenze turistico-alberghiere Allegato D - Requisiti obbligatori per villaggi albergo e residenze turistico-alberghiere REQUISITI OBBLIGATORI PER VILLAGGI-ALBERGO E RESIDENZE TURISTICO-ALBERGHIERE 1.00 PRESTAZIONE DI SERVIZI STELLE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE APPARTAMENTI TURISTICI DI QUALITA APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERA N. 13 DEL 18.07.2013 Pagina 1 di 5 REGOLAMENTO COMUNALE APPARTAMENTI TURISTICI DI QUALITA Art. 1 - Oggetto

Dettagli

GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA

GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PARTE PRIMA PALERMO - VENERDÌ 13 LUGLIO 2001 - N. 35 SI PUBBLICA DI REGOLA IL VENERDI' DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE: VIA CALTANISSETTA

Dettagli

IMPIANTI, INFRASTRUTTURE E COMPLEMENTI PER IL COMFORT DELLE CAMERE

IMPIANTI, INFRASTRUTTURE E COMPLEMENTI PER IL COMFORT DELLE CAMERE ALLEGATO A - REQUISITI MINIMI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE ALBERGHIERE A2 IMPIANTI, INFRASTRUTTURE E COMPLEMENTI PER IL COMFORT DELLE CAMERE CLASSIFICAZIONE 1 stella 2 stelle 3 stelle

Dettagli

SEZIONE PRIMA. REQUISITI DIMENSIONALI E STRUTTURALI OBBLIGATORI 2 3 3s. ALLEGATOB alla Dgr n. 1521 del 12 agosto 2014. Allegato B Dgr n. del pag.

SEZIONE PRIMA. REQUISITI DIMENSIONALI E STRUTTURALI OBBLIGATORI 2 3 3s. ALLEGATOB alla Dgr n. 1521 del 12 agosto 2014. Allegato B Dgr n. del pag. Allegato B Dgr n. del pag. /7 ALLEGATOB alla Dgr n. 5 del agosto 0 giunta regionale 9^ legislatura N. REQUISITI OBBLIGATORI PER ALBERGHI DIFFUSI STELLE NOTE SEZIONE PRIMA REQUISITI DIMENSIONALI E STRUTTURALI

Dettagli

Delib.G.R. 17 settembre 2007, n. 1011 (1). - Art. 28, comma 1, L.R. n. 9/2006. La Giunta regionale. omissis. Delibera

Delib.G.R. 17 settembre 2007, n. 1011 (1). - Art. 28, comma 1, L.R. n. 9/2006. La Giunta regionale. omissis. Delibera Delib.G.R. 17 settembre 2007, n. 1011 (1). Definizione dei requisiti tecnici relativi alle strutture ricettive extraalberghiere - Art. 28, comma 1, L.R. n. 9/2006. (1) Pubblicata nel B.U. Marche 24 settembre

Dettagli

MODULO DI DENUNCIA PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE AZIENDE ALBERGHIERE (L.R. 03.05.1985, n 26)

MODULO DI DENUNCIA PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE AZIENDE ALBERGHIERE (L.R. 03.05.1985, n 26) MODULO DI DENUNCIA PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE AZIENDE ALBERGHIERE (L.R. 03.05.1985, n 26) Comune di SEZIONE 1 - GENERALITA DELL ESERCIZIO 1. Denominazione dell esercizio 2. Indirizzo Frazione o Località

Dettagli

DICHIARA. Logo del Comune. Autocertificazione classificazione alberghiera

DICHIARA. Logo del Comune. Autocertificazione classificazione alberghiera Autocertificazione classificazione alberghiera Oggetto: -Legge Regionale n 13 del 06/08/2007 e s.m.i. Regolamento Regionale 24/10/2008, n.17 e s.m.i. Classificazione per la struttura ricettiva alberghiera

Dettagli

Tabella A - CLASSIFICAZIONE ALBERGHI E DIPENDENZE DI ALBERGHI. Spazi comuni

Tabella A - CLASSIFICAZIONE ALBERGHI E DIPENDENZE DI ALBERGHI. Spazi comuni Tabella A - CLASSIFICAZIONE ALBERGHI E DIPENDENZE DI ALBERGHI - Tabella A - Parte prima: requisiti e dotazioni CARATTERISTICHE STRUTTURALI PER LA CLASSIFICAZIONE DI ALBERGHI E DIPENDENZE 4 STELLE SUPERIOR

Dettagli

classificazione alberghiera

classificazione alberghiera AGGIORNAMENTI 1 Armonizzazione della classificazione alberghiera di Carla SABATINI Contenuto del provvedimento. Sulla Gazzetta Ufficiale n. 34 dell 11 febbraio 2009 è stato pubblicato il decreto 21 ottobre

Dettagli

DECRETO PRESIDENZIALE Regolamento di esecuzione ed attuazione dell art. 3, comma 6 della legge regionale 2 agosto 2013, n.11.

DECRETO PRESIDENZIALE Regolamento di esecuzione ed attuazione dell art. 3, comma 6 della legge regionale 2 agosto 2013, n.11. SCHEMA DI REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA DI ALBERGO DIFFUSO AI SENSI DELL ARTICOLO 3 COMMA 6 DELLA LEGGE REGIONALE 2 AGOSTO 2013, N. 11 NORME PER IL RICONOSCIMENTO DELL ALBERGO DIFFUSO IN

Dettagli

per la Provincia Settore 5 Ufficio TURISMO Piazza del Municipio, 4 57123 LIVORNO

per la Provincia Settore 5 Ufficio TURISMO Piazza del Municipio, 4 57123 LIVORNO Al S.U.A.P. del COMUNE di per la Provincia Settore 5 Ufficio TURISMO Piazza del Municipio, 4 57123 LIVORNO Ai fini dell attribuzione della classificazione il Comune, ai sensi del c. 3, art. 20 del Regolamento,

Dettagli

SEZIONE 1 GENERALITA DELL ESERCIZIO. Telefono Fax e-mail. Generalità proprietario immobile. Indirizzo tel. Generalità dell affittuario

SEZIONE 1 GENERALITA DELL ESERCIZIO. Telefono Fax e-mail. Generalità proprietario immobile. Indirizzo tel. Generalità dell affittuario REGIONE EMILIA ROMAGNA ASSESSORATO AL TURISMO Comune di: DENUNCIA DELLE ATTREZZATURE E DEI SERVIZI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE AZIENDE ALBERGHIERE (Legge Regionale 30 Novembre 1981, n. 42 e successive

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI BED AND BREAKFAST VARIAZIONE DELL ATTIVITA (da comunicare entro 15 giorni dalla variazione)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI BED AND BREAKFAST VARIAZIONE DELL ATTIVITA (da comunicare entro 15 giorni dalla variazione) SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI BED AND BREAKFAST VARIAZIONE DELL ATTIVITA (da comunicare entro 15 giorni dalla variazione) AL COMUNE DI FOSSATO DI VICO UFFICIO ATTIVITA PRODUTTIVE

Dettagli

Il sottoscritto: Cognome Nome C.F. Sesso M _ F _

Il sottoscritto: Cognome Nome C.F. Sesso M _ F _ SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI VARIAZIONI NELL ATTIVITA DI AFFITTACAMERE (da comunicare entro 15 giorni dalla variazione) Il presente modello può essere presentato con le seguenti

Dettagli

Tabella A - CLASSIFICAZIONE ALBERGHI E DIPENDENZE DI ALBERGHI. Spazi comuni

Tabella A - CLASSIFICAZIONE ALBERGHI E DIPENDENZE DI ALBERGHI. Spazi comuni Tabella A - CLASSIFICAZIONE ALBERGHI E DIPENDENZE DI ALBERGHI - Tabella A - Parte prima: requisiti e dotazioni CARATTERISTICHE STRUTTURALI PER LA CLASSIFICAZIONE DI ALBERGHI E DIPENDENZE 3 STELLE SUPERIOR

Dettagli

AVVISI DI RETTIFICA LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 2 7.9.2007 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 29

AVVISI DI RETTIFICA LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 2 7.9.2007 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 29 2 7.9.2007 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 29 AVVISI DI RETTIFICA LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 7 agosto 2007, n. 6/R Modifiche al regolamento

Dettagli

ALLEGATO <<B>> Riferito allarticolo 23, comma 1. Requisiti minimi qualitativi per la classificazione delle residenze turistico alberghiere.

ALLEGATO <<B>> Riferito allarticolo 23, comma 1. Requisiti minimi qualitativi per la classificazione delle residenze turistico alberghiere. ALLEGATO Riferito allarticolo 23, comma 1 Requisiti minimi qualitativi per la classificazione delle residenze turistico alberghiere Avvertenze a)nelle dipendenze di residenze turistico alberghiere

Dettagli

Il/La sottoscritto/a nato a (prov. ) il / /, residente in (prov. ) via n. int., cittadinanza, C.F. tel. cell. fax e-mail PEC

Il/La sottoscritto/a nato a (prov. ) il / /, residente in (prov. ) via n. int., cittadinanza, C.F. tel. cell. fax e-mail PEC SCIA TURISMO CLASSIFICAZIONE N. /20 Spazio riservato al protocollo Al III DIPARTIMENTO - 2 SERVIZIO POLITICHE CULTURALI DEL TURISMO E DELLO SPORT della PROVINCIA REGIONALE di CATANIA Via Nuovaluce 67/A

Dettagli

Standard qualitativi obbligatori minimi per gli alberghi di prima classificazione rispetto alla data di entrata in vigore del regolamento

Standard qualitativi obbligatori minimi per gli alberghi di prima classificazione rispetto alla data di entrata in vigore del regolamento Lombardia Reg. reg. 7-12-2009 n. 5 Definizione degli standard qualitativi obbligatori minimi per la classificazione degli alberghi e delle residenze turistico-alberghiere, nonché degli standard obbligatori

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI AFFITTACAMERE

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI AFFITTACAMERE SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI AFFITTACAMERE Il presente modello può essere presentato con le seguenti modalità: tramite PEC all indirizzo suape@pec.comune.perugia.it, a mezzo posta

Dettagli

CLASSIFICAZIONE RESIDENZE TURISTICO-ALBERGHIERE DENUNCIA DELLA CLASSIFICA SEZIONE 1 GENERALITA DELL ESERCIZIO

CLASSIFICAZIONE RESIDENZE TURISTICO-ALBERGHIERE DENUNCIA DELLA CLASSIFICA SEZIONE 1 GENERALITA DELL ESERCIZIO Mod 5/RTA CLASSIFICAZIONE RESIDENZE TURISTICO-ALBERGHIERE DENUNCIA DELLA CLASSIFICA SEZIONE 1 GENERALITA DELL ESERCIZIO Denominazione dell esercizio Comune.Frazione/località... Indirizzo.. Telefono Telex.

Dettagli

SEZIONE 1^ - GENERALITA DELL ESERCIZIO

SEZIONE 1^ - GENERALITA DELL ESERCIZIO AL COMUNE DI POGGIO RENATICO Sportello Unico delle Attività Produttive REGIONE EMILIA ROMAGNA ASSESSORATO AL TURISMO DENUNCIA DELLE ATTREZZATURE E DEI SERVIZI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE AZIENDE ALBERGHIERE

Dettagli

PROVINCIA DI PISTOIA UFFICIO TURISMO Piazza San Leone, 1, 51100 Pistoia - Tel. 0573 3741- Fax. 0573 374401 Sito internet: www.provincia.pistoia.

PROVINCIA DI PISTOIA UFFICIO TURISMO Piazza San Leone, 1, 51100 Pistoia - Tel. 0573 3741- Fax. 0573 374401 Sito internet: www.provincia.pistoia. TUSR14 PROVINCIA DI PISTOIA UFFICIO TURISMO Piazza San Leone, 1, 51100 Pistoia - Tel. 0573 3741- Fax. 0573 374401 Sito internet: www.provincia.pistoia.it Sportello Unico Attività Produttive SUAP del Comune

Dettagli

(1) Pubblicato nel B.U. Lombardia 14 dicembre 2009, n. 50, suppl. ord. n. 1. La Giunta regionale ha approvato. Il Presidente della regione

(1) Pubblicato nel B.U. Lombardia 14 dicembre 2009, n. 50, suppl. ord. n. 1. La Giunta regionale ha approvato. Il Presidente della regione Leggi Regionali d'italia Lombardia Reg. reg. 7-12-2009 n. 5 Definizione degli standard qualitativi obbligatori minimi per la classificazione degli alberghi e delle residenze turisticoalberghiere, nonché

Dettagli

Classificazione per l esercizio di attività extralberghiera di Bed and Breakfast o B&B in categoria Unica

Classificazione per l esercizio di attività extralberghiera di Bed and Breakfast o B&B in categoria Unica Pag. 1 di 5 Oggetto: - Legge Regione Lazio n 13 del 06/08/2007 s.m.i Regolamento Regionale Nuova disciplina delle strutture ricettive extralberghiere n.8 del 7 agosto 2015 Classificazione per l esercizio

Dettagli

(barrare la casella di interesse) per il seguente esercizio di attività extralberghiera di Case e appartamenti per vacanze :

(barrare la casella di interesse) per il seguente esercizio di attività extralberghiera di Case e appartamenti per vacanze : in forma non imprenditoriale ed in forma imprenditoriale Pag. 1 di 8 Oggetto: - Legge Regione Lazio n 13 del 06/08/2007 s.m.i. Regolamento Regionale Nuova disciplina delle strutture ricettive extralberghiere

Dettagli

Classificazione per l esercizio di attività extralberghiera di Bed and Breakfast o B&B in categoria Unica

Classificazione per l esercizio di attività extralberghiera di Bed and Breakfast o B&B in categoria Unica Pag. 1 di 5 Oggetto: - Legge Regione Lazio n 13 del 06/08/2007 s.m.i Regolamento Regionale Nuova disciplina delle strutture ricettive extralberghiere n.8 del 7 agosto 2015 Classificazione per l esercizio

Dettagli

SUAP DELLE VALLI SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE

SUAP DELLE VALLI SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE SUAP DELLE VALLI SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE PRESSO LA COMUNITÀ MONTANA VALLE SUSA E VAL SANGONE S.C.I.A - SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ ESERCIZIO DI BED & BREAKFAST Al Comune di

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 11-02-2010 REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 11-02-2010 REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 11-02-2010 REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA Modifiche alla legge regionale 2/2002 in materia di turismo e alla legge regionale 4/2005 recante interventi per il sostegno e lo sviluppo

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI AFFITTACAMERE

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI AFFITTACAMERE SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) I AFFITTACAMERE Il presente modello può essere presentato con le seguenti modalità: tramite PEC all indirizzo comune.bastiaumbra@postacert.umbra.it a

Dettagli

Pagina 1 di cassette di sicurezza per il 50% delle camere e cassaforte dell albergo per le restanti camere (4)

Pagina 1 di cassette di sicurezza per il 50% delle camere e cassaforte dell albergo per le restanti camere (4) Pagina 1 di 17 ALLEGATO A (art. 24, comma 1) STANDARD QUALITATIVI OBBLIGATORI MINIMI PER LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ALBERGHI, DISTINTI PER CLASSE 1. Prestazione di servizi 1.01 Servizi di ricevimento e di

Dettagli

Tabella A - CLASSIFICAZIONE ALBERGHI E DIPENDENZE DI ALBERGHI. Spazi comuni

Tabella A - CLASSIFICAZIONE ALBERGHI E DIPENDENZE DI ALBERGHI. Spazi comuni Tabella A - CLASSIFICAZIONE ALBERGHI E DIPENDENZE DI ALBERGHI - Tabella A - Parte prima: requisiti e dotazioni CARATTERISTICHE STRUTTURALI PER LA CLASSIFICAZIONE DI ALBERGHI E DIPENDENZE 2 STELLE Completare

Dettagli

Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia

Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia 6 7 8 12 novembre 2012 Istituto Moreschi via San Michele del Carso, 25 Milano 0 1 INDICE 1. Riferimenti normativi 2. Funzioni

Dettagli

MODELLO «A3» COUNTRY HOUSE RESIDENZE RURALI. Valida dal al GENERALITÀ DELLA STRUTTURA RICETTIVA

MODELLO «A3» COUNTRY HOUSE RESIDENZE RURALI. Valida dal al GENERALITÀ DELLA STRUTTURA RICETTIVA DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE Servizio Sviluppo Sistema Turistico Regionale COMUNE di DENUNCIA DELLE ATTREZZATURE E DEI SERVIZI E REQUISITI MINIMI QUALITATIVI DELLE COUNTRY HOUSE RESIDENZE RURALI

Dettagli

REQUISITI DIMENSIONALI E STRUTTURALI. 3 come n. 2, maggiorata del quindici per cento X X. 4 come n. 2, maggiorata del venticinque per cento X X

REQUISITI DIMENSIONALI E STRUTTURALI. 3 come n. 2, maggiorata del quindici per cento X X. 4 come n. 2, maggiorata del venticinque per cento X X Allegato B Dgr n. del pag. 1 /10 ALLEGATOB alla Dgr n. 807 del 27 maggio 2014 giunta regionale 9^ legislatura N. REQUISITI OBBLIGATORI PER ALBERGHI / HOTEL STELLE NOTE SEZIONE PRIMA REQUISITI DIMENSIONALI

Dettagli

Delibera n. 29 del Consiglio Comunale del 28.06.2004 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ALLOGGIO E PRIMA COLAZIONE

Delibera n. 29 del Consiglio Comunale del 28.06.2004 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ALLOGGIO E PRIMA COLAZIONE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ALLOGGIO E PRIMA COLAZIONE Delibera n. 29 del Consiglio Comunale del 28.06.2004 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ALLOGGIO E PRIMA COLAZIONE INDICE TITOLO I Pag. 1 Art. 1 Pag.

Dettagli

Legge Regionale Sicilia 23/12/2000 n.32, B.U.R. 23/12/2000 n.61

Legge Regionale Sicilia 23/12/2000 n.32, B.U.R. 23/12/2000 n.61 Legge Regionale Sicilia 23/12/2000 n.32, B.U.R. 23/12/2000 n.61 (con modifiche e aggiunte L.R. n. 6 del 03/05/01, L. R. n. 26/03/02 e L. R. n. 4 del 16/04/03) DISPOSIZIONI PER L'ATTUAZIONE DEL POR 2000-2006

Dettagli

MODELLO «D/2» CASE PER FERIE E CENTRI PER SOGGIORNI SOCIALI COMUNE DI. Valida dal al GENERALITÀ DELLA STRUTTURA RICETTIVA

MODELLO «D/2» CASE PER FERIE E CENTRI PER SOGGIORNI SOCIALI COMUNE DI. Valida dal al GENERALITÀ DELLA STRUTTURA RICETTIVA DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE Servizio Sviluppo Sistema Turistico Regionale COMUNE DI DENUNCIA DELLE ATTREZZATURE E DEI SERVIZI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE CASE PER FERIE / CENTRI PER SOGGIORNI

Dettagli

Prot. n. 68762 Mantova, 04 dicembre 2008. Avviso pubblico di procedura comparativa. Il Dirigente

Prot. n. 68762 Mantova, 04 dicembre 2008. Avviso pubblico di procedura comparativa. Il Dirigente PROVINCIA DI MANTOVA SETTORE RISORSE TURISTICO-CULTURALI, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITÀ, POLITICHE SOCIALI E LAVORO Via Principe Amedeo n. 30 46100 Mantova Tel.: 0376/357529 - Fax 0376/357510 Prot.

Dettagli

ALBERGO/DIPENDENZA. Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 200

ALBERGO/DIPENDENZA. Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 200 MOD.COM/ALB-DIP DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE COMUNE di ALBERGO/DIPENDENZA Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 200 1 SEMESTRE (scrivere a macchina o in stampatello) 2 SEMESTRE

Dettagli

ALBERGHI Legge Regionale n. 15 del 16 Luglio 2007 (allegato A al Regolamento Regionale n. 5 del 7 Dicembre 2009)

ALBERGHI Legge Regionale n. 15 del 16 Luglio 2007 (allegato A al Regolamento Regionale n. 5 del 7 Dicembre 2009) ALBERGHI Legge Regionale n. 15 del 16 Luglio 2007 (allegato A al Regolamento Regionale n. 5 del 7 Dicembre 2009) Allegato A STANDARD QUALITATIVI OBBLIGATORI MINIMI PER GLI ALBERGHI DI PRIMA CLASSIFICAZIONE

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA Poste Italiane - Spedizione in a.p. Tab. D Aut. DCO/DC - CZ/038/2003 valida dal 4 febbraio 2003 Supplemento straordinario n. 8 al n. 22 dell 1 dicembre 2009 PartiIeII-Anno XL REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 14.8.2007 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 26 EMANA. il seguente Regolamento: Sommario

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 14.8.2007 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 26 EMANA. il seguente Regolamento: Sommario SEZIONE I 14.8.2007 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 26 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 7 agosto 2007, n. 46R Modifiche al regolamento emanato

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 22 marzo 2012, n. 6

REGOLAMENTO REGIONALE 22 marzo 2012, n. 6 9810 REGOLAMENTO REGIONALE 22 marzo 2012, n. 6 Regolamento attuativo dell attività ricettiva di albergo diffuso di cui alla l.r. n.17/2011 IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Visto l art. 121 della Costituzione,

Dettagli

Classificazione/variazione della classificazione per la struttura ricettiva alberghiera di : (1) ai sensi dell art.7 e 10 del r.r.

Classificazione/variazione della classificazione per la struttura ricettiva alberghiera di : (1) ai sensi dell art.7 e 10 del r.r. Oggetto: -Legge Regionale n 13 del 06/08/2007 art.25 comma 2. Regolamento Regionale 24/10/2008, n.17 e s.m.i. Classificazione/variazione della classificazione per la struttura ricettiva alberghiera di

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI BED AND BREAKFAST

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI BED AND BREAKFAST SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) I BE AN BREAKFAST Il presente modello può essere presentato con le seguenti modalità: tramite PEC all indirizzo comune.bastiaumbra@postacert.umbra.it

Dettagli

PROVINCIA DI PAVIA SETTORE PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROMOZIONE DEL TERRITORIO DELLA COMUNITA E DELLA PERSONA

PROVINCIA DI PAVIA SETTORE PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROMOZIONE DEL TERRITORIO DELLA COMUNITA E DELLA PERSONA PROVINCIA DI PAVIA SETTORE PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROMOZIONE DEL TERRITORIO DELLA COMUNITA E DELLA PERSONA Residenze Turistico Alberghiere R.T.A. Allegato C Regolamento Regionale 7 dicembre 2009

Dettagli

ALBERGHI. Legge Regionale n. 15 del 16 Luglio 2007 (allegato A al Regolamento Regionale n. 5 del 7 Dicembre 2009) Allegato A

ALBERGHI. Legge Regionale n. 15 del 16 Luglio 2007 (allegato A al Regolamento Regionale n. 5 del 7 Dicembre 2009) Allegato A ALBERGHI Legge Regionale n. 15 del 16 Luglio 2007 (allegato A al Regolamento Regionale n. 5 del 7 Dicembre 2009) Allegato A STANDARD QUALITATIVI OBBLIGATORI MINIMI PER GLI ALBERGHI Il presente Modello

Dettagli

BUSINESS HOTEL " La porta del Monferrato"

BUSINESS HOTEL  La porta del Monferrato BUSINESS HOTEL " La porta del Monferrato" Categoria: Alberghi, Residenze turistico-alberghiere N. Stelle: 3 Indirizzo: strada Valenza 4/G - 15033 - Casale Monferrato Descrizione: Albergo moderno e funzionale,

Dettagli

HOTEL LONDRA. Categoria: Alberghi, Residenze turistico-alberghiere

HOTEL LONDRA. Categoria: Alberghi, Residenze turistico-alberghiere HOTEL LONDRA Categoria: Alberghi, Residenze turistico-alberghiere Descrizione attività: L'Hotel Londra è un albergo storico ricavato da prestigioso edificio dei primi anni del secolo. La nostra posizione

Dettagli