Profilo stampante con Argyll

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Profilo stampante con Argyll"

Transcript

1 Profilo stampante con Argyll Autore:Filippo Veniero Argyll è un software per la gestione dei profili.icc disponibile come Open Source, potete scaricare l'eseguibile liberamente sul sito Il programma è disponibile per Windows, Mac e Linux e consente di creare profili ICC per scanner, monitor, e stampanti RGB & CMYK, tutti i dettagli con la relativa documentazione sono disponibile sul sito. Unico neo del software ( se di neo si può parlare ) è la mancanza di un interfaccia grafica, almeno per la creazione dei profili stampanti, che costringe ad utilizzare il Terminal e la vecchia linea di comando. Per quelli che hanno cominciato ad usare il pc quando il DOS la faceva ancora da padrone non credo che ci siano grossi problemi, per quelli che sono venuti dopo magari potrebbe esserci qualche difficoltà, ma si tratta solo di prenderci la mano, quindi state tranquilli e non preoccupatevi =P Per questo test utilizzeremo insieme con Argyll un Xrite I1 PRO gentilmente offerto da MS Informatica ( ) e lavoreremo con SO Ubuntu Per la stampa abbiamo usato una Epson Wp4525 su una carta normale ( che non ha nulla a che vedere con la fotografia, avrei voluto in prestito anche la Epson 4900 ma al momento non era disponibile, comunque il prima possibile farò un nuovo test con una macchina di fascia alta ed una carta fine art ). Il procedimento che faremo sarà applicabile ad una qualunque stampante a getto di inchiostro con una qualsiasi carta. Per prima cosa andiamo sul sito di Argyll e scarichiamo il programma. In realtà non si tratta di un programma, bensì di una raccolta di programmi che, eseguiti nella

2 giusta sequenza, permettono di generare un file di patch, convertirlo in immagine, eseguire delle letture con lo strumento e infine creare il profilo. Non serve nessuna installazione, basta unzippare il tutto in una cartella, nel nostro caso il software si trova /home/ifilgood/argyll_v1.3.5 Ricordare che lavorando con Ubuntu abbiamo a disposizione il completamento automatico dei nomi e delle directory, basta cominciare a scrivere Arg... e poi premere il tasto TAB che il sistema va a completare automaticamente il nome ( funzione mooooolto comoda :-) All'interno della cartella di Argyll_V1.3.5 c'è una subdirectory BIN dove sono contenuti tutti i file che ci servono per la generazione del profilo. Se non avete ancora installato la stampante è il momento di farlo ( basta collegare il cavo usb e Ubuntu cercherà automaticamente i driver, oppure, se avete la stampante condivisa in rete, IMPOSTAZIONI DI SISTEMA--> STAMPA--> Aggiungi stampante--> stampante di rete Il sistema cercherà la stampante nella rete ed una volta individuata provvederà ad installare i driver). Prendiamo lo spettrofotometro e colleghiamolo al pc ( Ubuntu mi ha riconosciuto senza problemi lo strumento senza l'installazione esterna di alcun software ). Apriamo il Terminal e cominciamo: Per prima cosa andiamo a generare il file delle patch, il comando da utilizzare è TARGEN nella cartella bin Se proviamo a digitare targen il programma ci dà tutti flag disponibili targen Generate Target deviceb test chart color values, Version Author: Graeme W. Gill, licensed under the AGPL Version 3 usage: targen [options] outfile Diagnostic: Too few arguments, got 0 expect at least 1 -v [level] Verbose mode [optional level 1..N] -d col_comb choose colorant combination from the following: 0: Print grey 1: Video grey 2: Print RGB 3: Video RGB 4: CMYK 5: CMY

3 6: CMYK + Light CM 7: CMYK + Light CMK 8: CMYK + Red + Blue 9: CMYK + Orange + Green 10: CMYK + Light CMK + Light Light K 11: CMYK + Orange + Green + Light CM 12: CMYK + Light CM + Medium CM -D colorant Add or delete colorant from combination: (Use -?? to list known colorants) -G Generate good optimized points rather than Fast -e patches White test patches (default 4) -s steps Single channel steps (default grey 50, color 0) -g steps Grey axis RGB or CMY steps (default 0) -m steps Multidimensional device space cube steps (default 0) -f patches Add iterative & adaptive full spread patches to total (default grey 0, color 836) Default is Optimised Farthest Point Sampling (OFPS) -t Use incremental far point for full spread -r Use device space random for full spread -R Use perceptual space random for full spread -q Use device space-filling quasi-random for full spread -Q Use perceptual space-filling quasi-random for full spread -i Use device space body centered cubic grid for full spread -I Use perceptual space body centered cubic grid for full spread -a angle Simplex grid angle for B.C.C. grid, default A adaptation Degree of adaptation of OFPS (default 0.1, -c profile used 1.0) -l ilimit Total ink limit in %(default = none) -p power Optional power-like value applied to all device values. -c profile Optional device ICC or MPP pre-conditioning profile filename (Use "none" to turn off any conditioning) -N emphasis Degree of neutral axis patch concentration 0-1. (default 0.50) -F L,a,b,rad Filter out samples outside Lab sphere. -w Dump diagnostic outfilel.wrl file (Lab locations) -W Dump diagnostic outfiled.wrl file (Device locations) outfile Base name for output(.ti1) Ok la cosa può far impressione vista la prima volta, ma non c'è nulla di cui spaventarsi :-) ecco il comando da utilizzare: targen -v -d2 -f[numero_di_patch] wp4525 ed ecco la spiegazione -v attiva la modalità verbose, scrive a video quello che sta facendo il software -d2 comunica al software di generare una patch per un stampante RGB -f[numero_di_patch] indica il numero di patch ( per buon profilo ne servono da 1000 a 2000 ) -c è un opzione che non abbiamo usato ma che può tornare utile, serve per generare le patch tenendo in considerazione un profilo precedentemente creato.

4 wp4525 è il nome del file con estensione.t1 che andrà a creare, naturalmente se vogliamo metterlo in una cartella differente sarà sufficiente mettere per esteso il percorso. Il file creato contiene i dati che andremo a convertire in immagine, stampare e poi leggere. PRINTTARG Con questo comando andremo a creare un file immagine dal file.t1 prima generato. Generate Target PostScrip file, Version Author: Graeme W. Gill, licensed under the AGPL Version 3 Diagnostic: Not enough arguments usage: printtarg [-v] [-i instr] [-r] [-s] [-p size] basename -v Verbose mode -i SS i1 CM Select target instrument (default DTP41) 20 = DTP20, 22 = DTP22, 41 = DTP41, 51 = DTP51, SS = SpectroScan, i1 = i1pro, CM = ColorMunki -h Use hexagon patches for SS, double density for CM -a scale Scale patch size and spacers by factor (e.g or 1.5 etc.) -A scale Scale spacers by additional factor (e.g or 1.5 etc.) -r Don't randomize patch location -s Create a scan image recognition (.cht) file -S Same as -s, but don't generate wide orientation strip. -c Force colored spacers -b Force B&W spacers -n Force no spacers -f Create PostScript DeviceN Color fallback -w g r s n White colorspace encoding DeviceGray (def), DeviceRGB, Separation or DeviceN -k g c s n Black colorspace encoding DeviceGray (def), DeviceCMYK, Separation or DeviceN -e Output EPS compatible file -t [res] Output 8 bit TIFF raster file, optional res DPI (default 100) -T [res] Output 16 bit TIFF raster file, optional res DPI (default 100) -C Don't use TIFF compression -N Use TIFF alpha N channels more than 4 -Q nbits Quantize test values to fit in nbits -R rsnum Use given random start number -K file.cal Apply printer calibration to patch values and include in.ti2 -I file.cal Include calibration in.ti2 (but don't apply it) -x pattern Use given strip indexing pattern (Default = "A-Z, A-Z") -y pattern Use given patch indexing pattern (Default = -m margin Set a page margin in mm (default 6.0 mm) -M margin Set a page margin in mm and include it in TIFF -P Don't limit strip length -L Suppress any left paper clip border -p size Select page size from: A4 [210.0 x mm]

5 A4R [297.0 x mm] A3 [297.0 x mm] (default) A2 [420.0 x mm] Letter [215.9 x mm] LetterR [279.4 x mm] Legal [215.9 x mm] 4x6 [101.6 x mm] 11x17 [279.4 x mm] -p WWWxHHH Custom size, WWW mm wide by HHH mm high basname Base name for input(.ti1), output(.ti2) and output(.ps/.eps/.tif) Ecco la sintassi printtarg -v -ii1-t360 -pa4 wp4525 ed ecco cosa stiamo facendo -v attiva la modalità verbose -ii1 fa sapere al software che useremo un Xrite I1 Pro per le letture -t360 chiediamo la generazione di un file TIFF con risoluzione di 360dpi -pa4 facciamo organizzare le patch per essere stampate su fogli A4 wp4525 indica il file sorgente da cui generare l'immagine naturalmente se con targen abbiamo richiesto molte patch dovremo stampare più pagine. Ecco un pagine esempio di patch in formato tiff. Da notare che le righe sono associate ad una lettera o ad un coppia di lettere se sono molte, molto utile per non perdere il riferimento in fase di lettura. Una volta generati i file procediamo con la stampa.

6 Stampa dei file Per la stampa useremo GIMP (ottimo software Open per il ritocco grafico) Se non l'avete ancora installato fatelo perchè ne vale la pena, basta andare in Ubuntu Software Center e cercare Gimp ( al momento siamo alle versione 2.8.0) IMPORTANTE: la creazione di un profilo si basa su impostazioni già esistenti; mi spiego ho la necessità di partire da parametri già settati ( ad esempio il livello massimo di inchiostro che la carta può accettare, altezza della testina di stampa etc etc) quindi solitamente si parte scegliendo una carta simile a quella che sto profilando tra quelle disponibili nel driver di stampa ( Luster, Glossy o altro) e COSA IMPORTANTISSIMA devo DISABILITARE LA GESTIONE DEL COLORE altrimenti il driver di stampa va ad adattare il file al tipo di carta, cosa che non vogliamo. La generazione del profilo dipende anche dalla risoluzione di stampa usata, quindi se creo il profilo stampando con una certa risoluzione dovrò stampare SEMPRE con quella risoluzione. Nulla vieta di partire da zero per creare un profilo, ma c'è molto più lavoro da fare ed abbiamo bisogno di un rip di stampa che bypassi il driver. Una volta stampato il file è necessario aspettare che l'inchiostro si asciughi, alcune filosofie di pensiero vogliono che la lettura sia fatta il giorno dopo, chi ha fatto le prove leggendo la chart ad intervalli regolari ha sicuramente notato che passati i primi 10 minuti le letture sono praticamente identiche, quindi un tempo di attesa di min sono più che sufficienti. Passiamo ora alla lettura. Sistemiamo la chart su di un piano liscio e pulito, per evitare che polvere o altro interferisca con la lettura, se la carta è molto sottile è meglio mettere al di sotto della chart un altro foglio dello stesso tipo, altrimenti lo strumento potrebbe fare delle letture errate a causa del colore del piano.

7 L'I1 ha in dotazione uno speciale righello per far scorrere lo strumento in modo preciso. Se utilizzate un altro spettrofotometro ( ad esempio il ColorMunki) vi conviene usare un normale righello per guidare la lettura senza sconfinare in altre righe. Chartread Read Target Test Chart, Version Author: Graeme W. Gill, licensed under the AGPL Version 3 usage: chartread [-options] outfile -v Verbose mode -c listno Set communication port from the following list (default 1) -t Use transmission measurement mode -d Use display measurement mode (white Y relative results) -y c l Display type (if emissive), c = CRT, l = LCD -e Emissive for transparency on a light box -p Measure patch by patch rather than strip -x [lx] Take external values, either L*a*b* (-xl) or XYZ (-xx). -n Don't save spectral information (default saves spectral) -l Save CIE as D50 L*a*b* rather than XYZ -L Save CIE as D50 L*a*b* as well as XYZ -r Resume reading partly read chart -I file.cal Override calibration info from.ti2 in resulting.ti3 -F filter Set filter configuration (if aplicable): n None p Polarising filter 6 D65 u U.V. Cut -N Disable auto calibration of instrument -B Disable auto bi-directional strip recognition -H Use high resolution spectrum mode (if available) -T ratio Modify strip patch consistency tolerance by ratio -S Suppress wrong strip & unexpected value warnings -W n h x Override serial port flow control: n = none, h = HW, x = Xon/Xoff -D [level] Print debug diagnostics to stderr outfile Base name for input[ti2]/output[ti3] file Ed ecco il comando chartread -v -H -c1 -B wp4525 -v attiva la modalità verbose

8 -H attiva la modalità alta risoluzione di lettura -c1 comunica al software quale strumento utilizzare e a quale porta collegarsi -B disabilita la lettura bidirezionale wp4525 è il nome del file.ti2 che readchart userà come riferimento per scrivere un file.ti3 delle letture. In pratica usa il file di lettura wp4525.ti2 per avvertirci in caso di lettura errata Una volta lanciato il comando ci verrà chiesto di mettere lo strumento sul punto di bianco per la calibrazione e poi di cominciare la lettura. Basta seguire le istruzioni e leggere riga per riga, partendo dal lato dove si trova la lettera chiesta. In caso di lettura errata o troppo veloce il programma ci avvertirà e basterà rifare la lettura della singola riga. Terminate le letture possiamo passare alla generazione vera e propria del profilo. COLPROF Create ICC profile, Version Author: Graeme W. Gill, licensed under the AGPL Version 3 Diagnostic: Too few arguments, got 0 expect at least 1 usage: colprof [-options] inoutfile -v Verbose mode -A manufacturer Manufacturer description string -M model Model description string

9 -D description Profile Description string (Default "inoutfile") -C copyright Copyright string -Z [tmnb] Attributes: Transparency, Matte, Negative, BlackAndWhite -q lmhu Quality - Low, Medium (def), High, Ultra -b [lmhun] Low quality B2A table - or specific B2A quality or none for input device -y Verify A2B profile -ni Don't create input (Device) shaper curves -np Don't create input (Device) grid position curves -no Don't create output (PCS) shaper curves -nc Don't put the input.ti3 data in the profile -k zhxr Black value target: z = zero K, h = 0.5 K, x = max K, r = ramp K (def.) -k p stle stpo enpo enle shape stle: K level at White stpo: start point of transition Wh Bk 1.0 enpo: End point of transition Wh Bk 1.0 enle: K level at Black shape: 1.0 = straight, concave, convex -K parameters Same as -k, but target is K locus rather than K value itself -l tlimit override total ink limit, 0-400% (default from.ti3) -L klimit override black ink limit, 0-100% (default from.ti3) -a lxxgsmgs Algorithm type override l = Lab clut (def.), x = XYZ clut, X = display XYZ clut + matrix g = gamma+matrix, s = shaper+matrix, m = matrix only, G = single gamma+matrix, S = single shaper+matrix -u If Lut input profile, make it absolute (non-standard) -un Same as u, but don't extrapolate clut white & black using matrix -U scale If input profile, scale media white point by scale -R Restrict white <= 1.0, black and primaries to be +ve -i illum Choose illuminant for print/transparency spectral data: A, C, D50 (def.), D65, F5, F8, F10 or file.sp -o observ Choose CIE Observer for spectral data: 1931_2 (def), 1964_10, S&B 1955_2, shaw, J&V 1978_2 -f Use Fluorescent Whitening Agent compensation -r avgdev Average deviation of device+instrument readings as a percentage (default 0.50%) -s src.icc Apply gamut mapping to output profile perceptual B2A table for given source space -S src.icc Apply gamut mapping to output profile perceptual and saturation B2A table -np Use colormetric source gamut to make output profile perceptual table -ns Use colormetric source gamut to make output profile saturation table -g src.gam Use source image gamut as well for output profile gamut mapping -p absprof,... Incorporate abstract profile(s) into output tables -t intent Override gamut mapping intent for output profile perceptual table: -T intent Override gamut mapping intent for output profile saturation table: a - Absolute Colorimetric (in Jab) [ICC Absolute Colorimetric] aw - Absolute Colorimetric (in Jab) with scaling to fit white point aa - Absolute Appearance r - White Point Matched Appearance [ICC Relative Colorimetric] la - Luminance axis matched Appearance

10 p - Perceptual (Preferred) (Default) [ICC Perceptual] pa - Perceptual Apperance ms - Saturation s - Enhanced Saturation [ICC Saturation] al - Absolute Colorimetric (Lab) rl - White Point Matched Appearance (Lab) -c viewcond set input viewing conditions for output profile CIECAM02 gamut mapping, either an enumerated choice, or a parameter -d viewcond set output viewing conditions for output profile CIECAM02 gamut mapping either an enumerated choice, or a parameter Also sets out of gamut clipping CAM space. either an enumerated choice, or a series of parameters:value changes pp - Practical Reflection Print (ISO-3664 P2) pe - Print evaluation environment (CIE ) pc - Critical print evaluation environment (ISO-3664 P1) mt - Monitor in typical work environment mb - Bright monitor in bright work environment md - Monitor in darkened work environment jm - Projector in dim environment jd - Projector in dark environment pcd - Photo CD - original scene outdoors ob - Original scene - Bright Outdoors cx - Cut Sheet Transparencies on a viewing box -P Create gamut gammap_p.wrl and gammap_s.wrl diagostics -O outputfile Override the default output filename. inoutfile Base name for input.ti3/output.icc file ed ecco la stringa colprof -v -qh -no -ni -np -id50 -o 1931_2 -S AdobeRGB1998.icc -cmt -dpp wp4525 questa è un po' più complessa -v modalità verbose -qh determina la qualità del profilo ( in questo casa alta ) -no -ni -np dicono ad Argyll di non utilizzare le curve di ingresso/uscita dei profili ICC. -id50 tipo di sorgente luminosa usata ( come standard di solito si usa D50 daylight 5000K) -o 1931_2 tipo di osservatore standard ( per chi vuole approfondire la cosa -S AdobeRGB1998.icc specifica il tipo di profilo icc usato per gestire gli intenti di rendering. Se non avete il file AdobeRGB1998.icc lo potete scaricare sul sito Adobe. -cmt -dpp Questi due parametri dicono ad Argyll di considerare come condizione di visione per il profilo sorgente quella di un monitor in un tipico ambiente di lavoro (-cmt ) e come condizione di visione quella di una stampa osservata nelle condizioni di osservazione tipiche secondo la ISO-3664 P2

11 Il computer comincerà con la creazione del profilo, il tempo di elaborazione varia a seconda della velocità del processore e del numero di punti usati una volta finito avremo il profilo chiesto di nome wp4525.icc Se desiderate firmare il profilo potete usare i flag -A -M -D -C ed aggiungere descrizione, modello, copyright. Ultimo passo, check del profilo. Argyll consente di confrontare il profilo creato con i dati di partenza tramite il comando profcheck Check accuracy of ICC profile, Version Author: Graeme W. Gill, licensed under the AGPL Version 3 usage: profcheck [-options] data.ti3 iccprofile.icm -v [level] Verbosity level (default 1), 2 to print each DE -c Show CIE94 delta E values -k Show CIEDE2000 delta E values -w create VRML visualisation (iccprofile.wrl) -x Use VRML axes -m Make VRML lines a minimum of 0.5 -e Color vectors acording to delta E -d devval1,deval2,devvaln Specify a device value to sort against -p Sort device value by PCS (Lab) target -i illum Choose illuminant for print/transparency spectral data:

12 A, C, D50 (def.), D65, F5, F8, F10 or file.sp -o observ Choose CIE Observer for spectral data: 1931_2 (def), 1964_10, S&B 1955_2, shaw, J&V 1978_2 -f Use Fluorescent Whitening Agent compensation -I intent r = relative colorimetric, a = absolute (default) data.ti3 Test data file iccprofile.icm Profile to check against profcheck -v2 -k -i D50 -o 1931_2 -w wp4525.ti3 wp4525.icc > profilocheck.log -v2 attiva modalità verbose -k mostra i valori di DeltaE -id50 sogente luminosa standard -o 1931_2 osservatore standard -w crea una visualizzazione 3D dei punti con i relativi errori wp4525.ti3 wp4525.icc file da confrontare profilocheck.log file di uscita con il log Nel file di log possiamo trovare l'errore DeltaE 2000 ( tra parentesi quadre), il numero della patch, i valori RGB in scala 0-1, i valori Lab previsti dal profilo e quelli letti dallo strumento. Nell'ultima riga del file, invece, abbiamo l'errore massimo, l'errore medio e l'errore quadratico medio espressi sempre in DeltaE Per aprire il file.wrl useremo Blender

13 Il file indica nello spazio Lab tramite dei vettori, gli errori scritti nel file di log. Spero di essere stato abbastanza chiaro, per qualunque info o chiarimento potete scrivermi a oppure aggiungermi su fb https://www.facebook.com/ifilgood ciaoooooo (Ki segue gli altri non arriva mai primo)

vrebbe apparire uguale o molto simile

vrebbe apparire uguale o molto simile Colore I fondamenti della gestione digitale Di Mauro Boscarol Fotocamere, monitor e stampanti non interpretano in modo univoco le informazioni cromatiche di un immagine. Per ottenere una corrispondenza

Dettagli

Manuale tecnico avanzato per la Creazione dei Profili ICC e Device-Link tramite

Manuale tecnico avanzato per la Creazione dei Profili ICC e Device-Link tramite Manuale tecnico avanzato per la Creazione dei Profili ICC e Device-Link tramite 2 Indice Le caratteristiche di Power Profiler... 4 I vantaggi di Power Profiler.... 4 Lo standard ICC.... 5 Cosa sono i profili

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Introduzione. Esempio 1. Soluzione: SPOSTA_1.BAT

Introduzione. Esempio 1. Soluzione: SPOSTA_1.BAT Introduzione Un file batch è un file di testo di tipo ASCII che contiene una sequenza di comandi DOS. I file batch devono avere estensione.bat I comandi DOS all interno dei programmi batch sono eseguiti

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Sistemi digitali per l ufficio sempre più efficienti e facili da usare Ottenere massima efficienza ed elevata professionalità, pur mantenendo

Dettagli

Modulo 2 - Appendice 3 L'editor vi e cenni su sed

Modulo 2 - Appendice 3 L'editor vi e cenni su sed 1 Modulo 2 - Appendice 3 L'editor vi e cenni su sed Laboratorio di Sistemi Operativi I Anno Accademico 2008-2009 Copyright 2005-2007 Francesco Pedullà, Massimo Verola Copyright 2001-2005 Renzo Davoli,

Dettagli

DEFT Zero Guida Rapida

DEFT Zero Guida Rapida DEFT Zero Guida Rapida Indice Indice... 1 Premessa... 1 Modalità di avvio... 1 1) GUI mode, RAM preload... 2 2) GUI mode... 2 3) Text mode... 2 Modalità di mount dei dispositivi... 3 Mount di dispositivi

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Dati importati/esportati

Dati importati/esportati Dati importati/esportati Dati importati Al workspace MATLAB script Dati esportati file 1 File di testo (.txt) Spreadsheet Database Altro Elaborazione dati Grafici File di testo Relazioni Codice Database

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa di Ilaria Lorenzo e Alessandra Palma Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa Code::Blocks

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

Famiglie di font. roman ( normale ) corsivo o italic grassetto o bold grassetto corsivo o bold italic

Famiglie di font. roman ( normale ) corsivo o italic grassetto o bold grassetto corsivo o bold italic Famiglie di font Nella maggior parte dei casi, un font appartiene a una famiglia I font della stessa famiglia hanno lo stesso stile grafico, ma presentano varianti Le varianti più comuni sono: roman (

Dettagli

per Scanner Serie 4800/2400

per Scanner Serie 4800/2400 Agosto, 2003 Guida d installazione e guida utente per Scanner Serie 4800/2400 Copyright 2003 Visioneer. Tutti i diritti riservati. La protezione reclamata per il copyright include tutte le forme, gli aspetti

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment Bloodshed Dev-C++ Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio IDE = Integrated Development Environment Gerardo Pelosi 01 Ottobre 2014 Pagina 1 di 8 Dev-C++ - Installazione Potete

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

sull argomento scelto ( evidenziare il testo passandoci sopra con il tasto sinistro del mouse e copiare premendo i tasti Ctrl + C )

sull argomento scelto ( evidenziare il testo passandoci sopra con il tasto sinistro del mouse e copiare premendo i tasti Ctrl + C ) This work is licensed under the Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License. To view a copy of this license, visit http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/3.0/.

Dettagli

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 Download Si può scaricare gratuitamente la versione per il proprio sistema operativo (Windows, MacOS, Linux) dal sito: http://www.codeblocks.org

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

Appendice I. Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice

Appendice I. Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice . Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice Ordinamento di osservazioni: PROC SORT PROC SORT DATA=fa il sort è numerico

Dettagli

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min elettropiloti 0 mm 0 mm solenoids Elettropilota Solenoid valve 0 mm 00.44.0 ACCESSORI - ACCESSORIES 07.049.0 Connettore per elettropilota 0 mm con cavetto rosso/nero, lunghezza 400 mm - connector for 0

Dettagli

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Utilizzare Dev-C++ Tutti i programmi che seranno realizzati richiedono progetti separati

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

Installazione LINUX 10.0

Installazione LINUX 10.0 Installazione LINUX 10.0 1 Principali passi Prima di iniziare con l'installazione è necessario entrare nel menu di configurazione del PC (F2 durante lo start-up) e selezionare nel menu di set-up il boot

Dettagli

Windows Compatibilità

Windows Compatibilità Che novità? Windows Compatibilità CODESOFT 2014 é compatibile con Windows 8.1 e Windows Server 2012 R2 CODESOFT 2014 Compatibilità sistemi operativi: Windows 8 / Windows 8.1 Windows Server 2012 / Windows

Dettagli

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers La procedura di installazione è divisa in tre parti : Installazione dell archivio MySql, sul quale vengono salvati

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) Ver. 1.0 (marzo 2009) ultimo aggiornamento aprile 2009 Easy Peasy è una distribuzione

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore Cicli in Visual Basic for Application Le strutture del programma che ripetono l'esecuzione di una o più istruzioni sono chiamate Cicli. Alcune strutture per i cicli sono costruite in modo da venire eseguite

Dettagli

Manuale installazione KNOS

Manuale installazione KNOS Manuale installazione KNOS 1. PREREQUISITI... 3 1.1 PIATTAFORME CLIENT... 3 1.2 PIATTAFORME SERVER... 3 1.3 PIATTAFORME DATABASE... 3 1.4 ALTRE APPLICAZIONI LATO SERVER... 3 1.5 ALTRE APPLICAZIONI LATO

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

ELEMENTI DI GRAFICA IN AMBIENTE DEV-PASCAL v. 9.2

ELEMENTI DI GRAFICA IN AMBIENTE DEV-PASCAL v. 9.2 ELEMENTI DI GRAFICA IN AMBIENTE DEV-PASCAL v. 9.2 MODULI GRAPH, DOS E CRT Una volta entrati in ambiente DEV-Pascal possiamo cominciare ad editare un programma nel modo che conosciamo. Se dobbiamo far uso

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Nuovo metodo per l'installazione delle stampanti su Windows

Nuovo metodo per l'installazione delle stampanti su Windows Nuovo metodo per l'installazione delle stampanti su Windows Questo documento illustra come installare una stampante in ambiente Windows con un nuovo metodo. Il vecchio metodo, principalmente consigliato

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Manuale utente Data ultima revisione: 22/10/2008 Fondamenti di informatica Università Facoltà Corso di laurea Politecnico di Bari 1 a Facoltà di

Dettagli

Istruzioni per l uso Sartorius

Istruzioni per l uso Sartorius Istruzioni per l uso Sartorius Descrizione dell interfaccia per le bilance Entris, ED, GK e GW Indice Impiego previsto Indice.... 2 Impiego previsto.... 2 Funzionamento.... 2 Uscita dati.... 3 Formato

Dettagli

sed: editor non interattivo di file di testo (1974 nei Bell Labs come evoluzione di grep, Lee E. McMahon)

sed: editor non interattivo di file di testo (1974 nei Bell Labs come evoluzione di grep, Lee E. McMahon) Sed & Awk Sed e Awk sed: editor non interattivo di file di testo (1974 nei Bell Labs come evoluzione di grep, Lee E. McMahon) awk: linguaggio per l'elaborazione di modelli orientato ai campi (1977, Bell

Dettagli

1 Stampanti HP Deskjet 6500 series

1 Stampanti HP Deskjet 6500 series 1 Stampanti HP Deskjet 6500 series Per trovare la risposta a una domanda, fare clic su uno dei seguenti argomenti: HP Deskjet 6540-50 series Avvisi Funzioni speciali Introduzione Collegamento alla stampante

Dettagli

Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk. by Gassi Vito info@gassielettronica.com

Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk. by Gassi Vito info@gassielettronica.com Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk by Gassi Vito info@gassielettronica.com Questa breve guida pratica ci consentirà installare Zeroshell su pen drive o schede

Dettagli

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Guida all'installazione di SLPct Manuale utente Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Premessa Il redattore di atti giuridici esterno SLpct è stato implementato da Regione

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

[Operazioni Preliminari]

[Operazioni Preliminari] [Operazioni Preliminari] Si consiglia di leggere interamente questo manuale prima di procedere alle operazioni di aggiornamento del KeyB Organ. 1] Per aggiornare firmware, suoni e parametri del KeyB Organ

Dettagli

explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012

explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012 explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012 1 Indice 1. Descrizione del sistema e Requisiti hardware e software per l installazione... 4 1.1 Descrizione del

Dettagli

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE Mediatrix 2102 ATA Guida all installazione EUTELIAVOIP Rev1-0 pag.2 INDICE SERVIZIO EUTELIAVOIP...3 COMPONENTI PRESENTI NELLA SCATOLA DEL MEDIATRIX 2102...3 COLLEGAMENTO

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Industry Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Dispositivi utilizzati: - 2 LOGO! 0BA7 (6ED1 052-1MD00-0AB7) - Scalance X-208 LOGO! 0BA7 Client IP: 192.168.0.1 LOGO! 0BA7 Server IP:

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

Setup e installazione

Setup e installazione Setup e installazione 2 Prima di muovere i primi passi con Blender e avventurarci nel vasto mondo della computer grafica, dobbiamo assicurarci di disporre di due cose: un computer e Blender. 6 Capitolo

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 2ª) ver. Classe 3BN (elettronica) marzo 22 Giorgio Carpignano I.I.S. Primo LEVI - TORINO Il menù per oggi Lettura dei pulsanti Comunicazione

Dettagli

Simplex Gestione Hotel

Simplex Gestione Hotel Simplex Gestione Hotel Revisione documento 01-2012 Questo documento contiene le istruzioni per l'utilizzo del software Simplex Gestione Hotel. E' consentita la riproduzione e la distribuzione da parte

Dettagli

Alb@conference GO e Web Tools

Alb@conference GO e Web Tools Alb@conference GO e Web Tools Crea riunioni virtuali sempre più efficaci Strumenti Web di Alb@conference GO Guida Utente Avanzata Alb@conference GO Per partecipare ad un audioconferenza online con Alb@conference

Dettagli

Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12

Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12 Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice Maccarone Maccarone Maccarone integra 10 LED POWER TOP alta efficienza, in tecnologia FULL COLOR che permette di raggiungere colori e sfumature ad alta definizione. Ogni singolo led full color di Maccarone

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

lavorare con dati tabellari in ArcGis

lavorare con dati tabellari in ArcGis lavorare con dati tabellari in ArcGis 1. gestione delle tabelle 2. aggregazione di dati tabellari 3. relazioni con tabelle esterne 4. modifica di dati tabellari (1) gestione delle tabelle Tipi di tabelle

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it izticket Il programma izticket permette la gestione delle chiamate di intervento tecnico. E un applicazione web, basata su un potente application server java, testata con i più diffusi browser (quali Firefox,

Dettagli

APRS su Linux con Xastir, installazione dai sorgenti

APRS su Linux con Xastir, installazione dai sorgenti APRS su Linux con Xastir Installazione dai sorgenti L installazione di Xastir Per installare Xastir non è richiesto essere un guru di Linux, anche se una conoscenza minima della piattaforma è necessaria.

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Guida alle impostazioni generali

Guida alle impostazioni generali Istruzioni per l uso Guida alle impostazioni generali 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Collegamento della macchina Impostazioni di sistema Impostazioni Copiatrice/Document server Impostazioni fax Impostazioni Stampante

Dettagli

Manuale d Uso. Ref: 04061

Manuale d Uso. Ref: 04061 Manuale d Uso Ref: 04061 1 Grazie per aver acquistato il lettore digitale ENERGY SISTEM INNGENIO 2000. Questo manuale fornisce istruzioni operative dettagliate e spiegazioni delle funzioni per godere al

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

Parking su Sedo. Manuale d uso e lettura delle statistiche

Parking su Sedo. Manuale d uso e lettura delle statistiche Parking su Sedo Manuale d uso e lettura delle statistiche Indice Introduzione 1. Statistics 1.1 Select Domains 1.1.1 Selezione attraverso le lettere inziali 1.1.2 Domain contains 1.2 Domain List 1.3 Creazione

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS SISTEMI DI RECUPERO RESIDENZIALE HOME RECOVERY SYSTEMS RECUPERO DI CALORE AD ALTA EFFICIENZA HIGH EFFICIENCY HEAT RECOVERY VENTILAZIONE A BASSO CONSUMO LOW ENERGY VENTILATION SISTEMI DI RICAMBIO CONTROLLATO

Dettagli

E-VISION Tempo. Timer luci a microprocessore. Manuale d uso e installazione

E-VISION Tempo. Timer luci a microprocessore. Manuale d uso e installazione E-VISION Tempo Timer luci a microprocessore Manuale d uso e installazione ELOS E-VISION - Tempo Controllo Luci Acquario a Microprocessore. 1. Semplice da programmare 2. Gestisce sia lampade a led sia lampade

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

MANUALE DOS INTRODUZIONE

MANUALE DOS INTRODUZIONE MANUALE DOS INTRODUZIONE Il DOS è il vecchio sistema operativo, che fino a qualche anno fa era il più diffuso sui PC, prima dell avvento di Windows 95 e successori. Le caratteristiche principali di questo

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

Ingresso mv c.c. Da 0 a 200 mv 0,01 mv. Uscita di 24 V c.c. Ingresso V c.c. Da 0 a 25 V 0,001 V. Ingresso ma c.c. Da 0 a 24 ma 0,001 ma

Ingresso mv c.c. Da 0 a 200 mv 0,01 mv. Uscita di 24 V c.c. Ingresso V c.c. Da 0 a 25 V 0,001 V. Ingresso ma c.c. Da 0 a 24 ma 0,001 ma 715 Volt/mA Calibrator Istruzioni Introduzione Il calibratore Fluke 715 Volt/mA (Volt/mA Calibrator) è uno strumento di generazione e misura utilizzato per la prova di anelli di corrente da 0 a 24 ma e

Dettagli

/*dichiarazioni*/ // le frasi sono contenute in stringhe, cioè array di char char f1[max]; int i, giusto,len;

/*dichiarazioni*/ // le frasi sono contenute in stringhe, cioè array di char char f1[max]; int i, giusto,len; /* Date in ingresso una frase, dire se una è palindroma */ #include #define MAX 100 int main() /*dichiarazioni*/ // le frasi sono contenute in stringhe, cioè array di char char f1[max]; int i,

Dettagli

KV-S5055C. Innovativo meccanismo di alimentazione fogli. Scanner documenti a colori

KV-S5055C. Innovativo meccanismo di alimentazione fogli. Scanner documenti a colori Scanner documenti a colori KV-S5055C - Rilevamento documenti pinzati - Rilevamento ad ultrasuoni foglio doppio - Eccellente meccanismo del rullo. Inserimento documenti misti. Modalità carta lunga. 90 ppm

Dettagli

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni Funzioni Le funzioni Con il termine funzione si intende, in generale, un operatore che, applicato a un insieme di operandi, consente di calcolare un risultato, come avviene anche per una funzione matematica

Dettagli

Manipolazione di testi: espressioni regolari

Manipolazione di testi: espressioni regolari Manipolazione di testi: espressioni regolari Un meccanismo per specificare un pattern, che, di fatto, è la rappresentazione sintetica di un insieme (eventualmente infinito) di stringhe: il pattern viene

Dettagli

Codici sorgenti di esempio per l'invio di email da pagine WEB per gli spazi hosting ospitati presso ITESYS SRL.

Codici sorgenti di esempio per l'invio di email da pagine WEB per gli spazi hosting ospitati presso ITESYS SRL. Data: 8 Ottobre 2013 Release: 1.0-15 Feb 2013 - Release: 2.0 - Aggiunta procedura per inviare email da Windows con php Release: 2.1-20 Mar 2013 Release: 2.2-8 Ottobre 2013 - Aggiunta procedura per inviare

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte)

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 10 CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) WEB SERVER PROXY FIREWALL Strumenti di controllo della rete I contenuti di questo documento, salvo diversa indicazione, sono rilasciati

Dettagli

Ambienti di sviluppo integrato

Ambienti di sviluppo integrato Ambienti di sviluppo integrato Un ambiente di sviluppo integrato (IDE - Integrated Development Environment) è un ambiente software che assiste i programmatori nello sviluppo di programmi Esso è normalmente

Dettagli