Il ruolo di ALTEC in Gaia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il ruolo di ALTEC in Gaia"

Transcript

1 Il ruolo di ALTEC in Gaia Michele MARTINO Navigare tra le Stelle: il satellite Gaia, una nuova rivoluzione astrofisica? Torino, Palazzo Lascaris, 14.Nov.2014

2 Cos è ALTEC E il centro di eccellenza italiano per la fornitura di servizi ingegneristici e logistici a supporto delle operazioni e dell utilizzazione della Stazione Spaziale Internazionale e dello sviluppo e della realizzazione delle missioni di esplorazione planetaria. E una società pubblico-privata partecipata da Thales Alenia Space (51%), dall Agenzia Spaziale Italiana (29%) e dal consorzio pubblico ICARUS (20%) costituito dagli enti locali (Regione Piemonte, Provincia di Torino, Comune di Torino, Camera di Commercio) e da Finmeccanica. Ha sede a Torino in corso Marche ed ha proprio personale distaccato presso il NASA Johnson Space Center a Houston, presso l European Astronauts Center a Colonia e al Columbus Control Centre a Monaco. 14.Nov.2014 Page 2

3 Le attività principali Il supporto operativo, ingegneristico e logistico alla ISS (sia per i moduli MPLM/PMM che rappresentano il contributo diretto italiano, sia per il modulo Columbus che rappresenta il contributo europeo), l addestramento degli astronauti, ed il supporto agli esperimenti in orbita in particolare di biomedicina La gestione operativa dei componenti italiani del ground segment della ISS (ALTEC Mission Support Center e ALTEC Engineering Support Center) Lo sviluppo e la gestione del segmento di terra dei programmi ESA IXV ed ExoMars (ROCC), lo sviluppo e gestione di centri processamento dati scientifici (Gaia DPCT) Il contributo alla realizzazione e gestione di test facility per P/L ottici in collaborazione con OATO (OPSYS) La partecipazione ai programmi di ricerca del Distretto Aerospaziale Piemontese (SMAT, STEPS) ed Europei (FP7: Cross Drive, UIW) la promozione della cultura spaziale. SUPPORTO ISS P,, PMM LOGISTICS CENTER FLIGHT CONTROL CREW TRAINING HUMAN SPACE FLIGHT & BIOMED 14.Nov.2014 Page 3

4 Le attività principali CENTRO CONTROLLO E GESTIONE DATI ALTEC MSC ALTEC ESC CENTRO CONTROLLO E GESTIONE DATI ESPLORAZIONE PLANETARIA IXV MCC GAIA DPCT EXOMARS ROCC PROGRAMMI DI RICERCA SMAT F2 STEPS 2 FP7 FP7 TEST FACILITIES PROMOZIONE CULTURA SPAZIALE OPSYS 14.Nov.2014 Page 4

5 La collaborazione tra ALTEC ed INAF-OATO I proficui rapporti ed i lunghi anni di collaborazione tra industria spaziale torinese e i team scientifici di INAF-OATO, L esperienza maturata da ALTEC nella progettazione, implementazione e gestione (secondo gli standard spaziali ESA/NASA) di infrastrutture operative di terra La disponibilità sul territorio di infrastrutture operative all avanguardia per il supporto alle missioni spaziali sono stati gli ingredienti essenziali che hanno permesso nel 2005, l avvio dell iniziativa congiunta per lo sviluppo del Data Processing Center Torino (DPCT) della missione Gaia, uno dei sei centri europei dedicato al processamento scientifico dei dati del satellite. Lo sviluppo del DPCT è ufficialmente iniziato a luglio del Nov.2014 Page 5

6 Perchè il DPCT Il DPCT rappresenta un contributo importante dell Italia alla missione Gaia Due sono i requisiti/obiettivi primari del suo sviluppo Requisiti specifici di missione Realizzare l Astrometric Verification Unit (AVU) della missione, attraverso l esecuzione giornaliera delle pipeline dei sistemi scientifici AIM e BAM, e l esecuzione ciclica (DRC) del sistema GSR; Ospitare ed integrare l Initial Gaia Source List (IGSL) DB, Supportare l esecuzione dell esperimento GAREQ. Obiettivi di medio-lungo termine Fornire l infrastruttura, il SW, i processi, le reprocessing capabilities, i dati e le competenze a supporto della comunità scientifica Italiana per il massimo utilizzo di tutti i risultati della missione, Questo aspetto va ben oltre l accesso e lo sfruttamento scientifico del catalogo (prodotto dal consorzio DPAC), permettendo l accesso e l estrazione di dati dal Mission Data Base di cui il DPCT manterrà copia. 14.Nov.2014 Page 6

7 Il contesto operativo della missione N. 1 ESA DSN Ground Station allocata per 8 ore al giorno (Cebreros, New Norcia, Malargue) 30-40GB dati trasmessi a terra al giorno a 5 Mbps ESA-ESOC Darmstadt Germany DPCT ALTEC INAF-OATO Distribuzione dati tra i centri in modalità «hub & spoke» via Internet DPCG Osservatorio di Ginevra N. 6 Centri di Data Processing distribuiti sul territorio Europeo DPCI Osservatorio di Cambridge DPCC CNES Tolosa DPCE ESAC Madrid Science Operations Centre GAIA MDB MAIN DB Centralizzato di tutti i dati ricevuti e prodotti DPCB Università di Barcellona 14.Nov.2014 Page 7

8 Le sfide del progetto SW scientifici sviluppati da OATo molto diversi tra di loro in termini di: Volume di dati trattati Quantità di processing richiesto Complessità e maturità degli algoritmi, che si traduce in differenti schedule implementative, anche con il rischio di revisioni sostanziali del SW in corso d opera Modalità operative Quantità di dati da trattare enorme, dell ordine delle centinaia di Terabytes, sia strutturati in DB che su file system Vincoli sui tempi di processing dei singoli moduli SW, con richieste di performance elevate sia in termini di I/O che di esecuzione Missione operativa con tempi lunghi (5 anni di missione + 3 ulteriori di data reduction) Schedule di sviluppo molto compressa Budget limitato, soprattutto per la piattaforma HW e SW di sistema Incertezze sulla data di lancio e sulla dimensione finale del MDB 14.Nov.2014 Page 8

9 Scelte Progettuali Disaccoppiamento e standardizzazione delle interfacce tra il SW scientifico e il SW di infrastruttura: Rendere trasparente al team scientifico la complessità dell infrastruttura Concentrarsi sugli aspetti scientifici e di trattamento del dato e non sulle problematiche tecniche (HW, network, security, DB, file system, backup, etc) Supportare lo sviluppo in parallelo dei prodotti SW, ciascuno con schedule ed obbiettivi differenti Semplificare l integrazione incrementale nelle varie fasi del progetto Utilizzo del DBMS Oracle per la gestione dell archivio dei dati: Disponibilità, scalabilità ed affidabilità del sistema Gestione di grandi moli di dati in ambito scientifico (es. LHC al CERN) Funzionalità di cluster DB, partitioning e gestione diretta dello storage Know-how esistente sia in ALTEC che in INAF-OATo Ottima collaborazione e forte disponibilità in termini di supporto diretto al progetto da parte della società Oracle, anche sul lungo periodo 14.Nov.2014 Page 9

10 Scelte Progettuali Chiara divisione di compiti tra team industriale e scientifico, con costante coordinamento tecnico-programmatico tra il PI ed il System Engineer del DPCT, e condivisione delle scelte tecniche e metodologiche ALTEC è stato responsabile della: definizione e progettazione del DPCT e delle sue interfacce (interne ed esterne) definizione, acquisizione ed integrazione della piattaforma HW definizione ed implementazione del DB sviluppo, integrazione e test del SW di infrastruttura del DPCT integrazione e test dei diversi SW scientifici a livello di DPCT integrazione e test del DPCT a livello di DPAC attività di coordinamento tecnico a livello DPAC del DPCT, di configuration management e product/quality assurance attività di gestione operativa dell intero centro, in collaborazione con il team scientifico dell OATO 14.Nov.2014 Page 10

11 L Architettura del DPCT 14.Nov.2014 Page 11

12 Il SW Infrastrutturale del DPCT RMS: Run Manager Subsystem, fornisce la logica di controllo per il coordinamento e la gestione dell esecuzione del SW di infrastruttura, interagisce con gli altri componenti per reagire rapidamante agli eventi DTS: Data Transfer System, è il componente che gestisce completamente in automatico la ricezione e trasmissione, nonchè la notifica ai processi SW, di tutti i dati in input e output PFS: Processing Framework Subsystem, rappresenta il componente SW che permette l esecuzione del codice scientifico sui nodi del cluster di processing. Senza tale modulo il SW OATo non può essere eseguito. DSS: Data Storage Subsystem, fornisce le funzionalità per l accesso ed utilizzo in modo efficiente dello storage del centro (sia come DB che file system) DAAS: Data Access and Analysis Subsystem fornisce al team di scienziati le funzionalità necessarie all analisi ed utilizzo dei dati SMAS: System Monitoring and Administration Subsystem, effettua il monitoraggio e l amministrazione dell intero sistema HW e SW 14.Nov.2014 Page 12

13 Daily Pipeline DPCE gbin gbin BAM AIM MDB gbin gbin Ingestion Ingestion 50GB each day Raw Data Processing Raw Data Processing Infra Management Ingestion Backup Monitoring/ Analysis Extraction RDP Monitoring Retraction Daily Report Daily Calibration DPCT DPCT Repository Data Management Processing DB Fine Selection Daily Report Time Nov.2014 Page 13

14 DRC Pipeline DPCE gbin gbin GSR MDB gbin gbin Ingestion System Coefficient Generation First MDB 20 TB... Last MDB 100 TB Ingestion Solution Ingestion Solver fits Infra Management Backup Solution Analysis Solution Rotation Extraction GSR-AGIS Comparison DPCT 1 cycle minimum 6 months DPCT Repository Data Management Processing DB CINECA End Ciclo n End Ciclo n Nov.2014 Page 14

15 Architettura HW OPS STORAGE UNITS Tape Library T&D Storage Unit High Capacity Disks High Capacity Disks High Capacity Disks High Capacity Disks High Capacity Disks High Capacity Disks High Capacity Disks High Performance Disks High Performance Disks High Performance Disks High Performance Disks TD TD Ctrl-1 Ctrl-2 Ctrl-1 Ctrl-2 Ctrl-1 Ctrl-2 Ctrl-1 Ctrl-2 STORAGE TD TD OPS SAN SWITCH Oracle DB Server Cluster SRV Management & Monitroing Servers SRV Test and Development Servers SRV Processing Servers Cluster SRV PROCESSING SRV SRV SRV Shared Memory Processing Server DPCT LANs LAYER 3 CENTRAL AGGREGATION SWITCH DPCT LAN Layer 2 NETWORK SWITCH DPCT OPS ROOM NETWORK SWITCH FW-1 FW-2 NETWORK DPCT Web Servers for WI-FI External Service Provision DPCT Room User Access Point DMZ SWITCH SRV USER Consoles WS I/F Switch / Router-1 I/F Switch / Router-2 Printer GARR Switch / Router 14.Nov.2014 Page 15

16 Architettura HW Sistema di storage (2 unità completamente ridondate) ad alta affidabilità e con capacità iniziale complessiva di 450 TB, con crescita incrementale fino a un PetaByte a fine missione Doppio livello di backup: disco e tape Cluster per il DB e processamento di dati costituito da 4+12 servers per un numero complessivo di 512 core e 4TB di RAM. Ulteriore espansione pianificata pari a 180 core e 1.5 TB RAM Connessioni alla storage area network in fibra ottica (8 Gbps) Rete locale ad alta velocità (10 Gbps in fibra ottica) Collegamento Internet a 1 Gbps (300 Mbps garantiti) attraverso la rete GARR per il trasferimento dati con DPCE Piattaforma di sviluppo, test e validazione indipendente dalla piattaforma operativa Monitoraggio continuo del sistema 24x7, con intervento e riparazione di guasti entro 6 ore 14.Nov.2014 Page 16

17 Architettura HW Per l esecuzione di una parte della pipeline del modulo di Global Sphere Reconstruction (GSR), il DPCT utilizzerà, gestendo la pipeline da remoto, il supercomputer FERMI IBM BlueGene/Q del Cineca di Bologna, tra i più potenti supercomputer al mondo. 14.Nov.2014 Page 17

18 Architettura HW In ALTEC è disponibile la DPCT Operations Room dove il team operativo ha a disposizione tutti gli strumenti per il supporto alla missione e l analisi dei dati. 14.Nov.2014 Page 18

19 Operazioni di Missione 19.Dic.2013: lancio ed inizio operazioni di missione del DPCT 3.Gen.2014: progressiva accensione dello strumento, inizio del processing dei dati di missione del BAM per il supporto alle attività di commissioning del satellite e di calibrazione della strumentazione 31.Gen.2014 inizio del processing dei dati di AIM 18.Lug.2014: fine del commissioning del satellite ed inizio della missione scientifica (Early Operations) Alcuni numeri ad oggi: GB di files ricevuti ogni giorno al DPCT Astro Observation ricevute workflow eseguiti, job processati 300 AVU/BAM e 290 AVU/AIM processing completati 31.5 TB di dati immagazzinati nell archivio del DPCT In parallelo alle attività operative, proseguono quelle di sviluppo e finalizzazione del sistema GSR che entrerà in funzione a metà del 2015, e la sua integrazione sia a livello di DPCT che di DPAC. 14.Nov.2014 Page 19

20 Team Operativo del DPCT Tutte le operazioni di missione sono condotte da un team integrato di ALTEC ed OATo. ALTEC ha la responsabilità dell operatività di tutta l infrastruttura del centro e dell interfaccia verso il DPAC (DPCT Manager), affiancato in questa attività dal DPCT Science Manager e dal DPCT Scientific Operation Manager di OATo responsabili di tutta l attività operativa scientifica del centro 14.Nov.2014 Page 20

21 ...oltre la missione Gaia Al termine della missione Gaia il DPCT ospiterà l intero database della missione, i prodotti intermedi rilasciati al termine di ogni ciclo e i dati grezzi. Questi dati dovranno essere resi disponibili per molti anni alla comunità scientifica per l esecuzione di nuove calibrazioni e a supporto di nuovi esperimenti e studi scientifici. Per maneggiare l enorme quantità di dati raccolti si dovranno utilizzare strumenti e metodologie nuove, ma differenti da quelli utilizzati per soddisfare i requisiti di missione, e poter così sfruttare al meglio le informazioni collezionate. Per questa ragione, e tenendo conto della vasta attività di ricerca e sviluppo sulla problematica nota con il termine di Big Data, ALTEC ha aderito come partner al Master on Big Data Engineering organizzato dal Politecnico di Torino e finanziato dalla Regione Piemonte (uno dei primi a livello nazionale), acquisendo risorse dedicate orientate alla formazione di nuovi profili tecnici nel settore ( data scientist ). Il primo esperimento di un progetto interamente sviluppato con le tecnologie dei Big Data è la tesi del master in cui si proverà a mettere in relazione i dati di Gaia con altri dati scientifici esistenti. Al progetto parteciperanno ALTEC, OATo e il Politecnico di Torino. L archivio completo di Gaia apre inoltre la possibilità ad un loro utilizzo tecnologico, a supporto delle fasi di definizione di future missioni spaziali, per gli aspetti di navigazione spaziale e studio del degrado dei componenti elettronici causato dall esposizione alle radiazioni per lunghi periodi. 14.Nov.2014 Page 21

22 Conclusioni Il DPCT, ad oggi, sta raggiungendo progressivamente tutti gli obiettivi previsti, sia di progetto che di missione. Questo è un risultato importante ed è il frutto di un intenso lavoro di team: dell ASI, che ha coordinato tutti gli aspetti programmatici e contrattuali, permettendo il rispetto delle milestone del programma ed evitando che questi potessero impattare la già compressa schedule di attività; del team scientifico di OATo e del team industriale di ALTEC che hanno saputo integrarsi, mettendo a fattor comune la cultura e l approccio scientifico con la cultura e l approccio industriale, perseguendo insieme lo stesso obiettivo. 14.Nov.2014 Page 22

23 Conclusioni Il progetto ha permesso ad ALTEC di farsi conoscere ulteriormente a livello nazionale ed internazionale, soprattutto alla comunità scientifica di Astrofisica Ha offerto l opportunità per incrementare il proprio know-how e le proprie capacità sia nell ambito della gestione e processamento di grandi moli di dati, sia nell ambito dell High Performance Computing, settori ritenuti importanti per il futuro della società e particolarmente innovativi dal punto di vista tecnologico Ha permesso inoltre di realizzare infrastrutture operative complesse che possono offrire numerose opportunità per: Lo sviluppo di sistemi avanzati e tecnologie di supporto alla ricerca scientifica, Lo sviluppo di iniziative legate alla conservazione dei dati per l utilizzo scientifico a lungo termine (con capacità di riprocessamanto) La fornitura di servizi ed infrastrutture per la comunità scientifica. Con il progetto Gaia, ALTEC ha voluto investire soprattutto sui giovani. Il team che ha realizzato e sta operando il DPCT è costituito prevalentemente da giovani laureati del Politecnico e dell Università di Torino. 14.Nov.2014 Page 23

24 14.Nov.2014 Page 24

IL DATA PROCESSING CENTER ITALIANO (DPCT)

IL DATA PROCESSING CENTER ITALIANO (DPCT) IL DATA PROCESSING CENTER ITALIANO (DPCT) Michele MARTINO / Filomena SOLITRO / Rosario MESSINEO ALTEC S.p.A. Corso Marche 79 Torino L Italia in GAIA, Roma, Sala Cimino, INAF Hq 14.Febbraio.2013 Chi è ALTEC

Dettagli

Missione Gaia: ALTEC, DPAC, DPCT

Missione Gaia: ALTEC, DPAC, DPCT Missione Gaia: ALTEC, DPAC, DPCT Teramo, 12 Marzo 2015 AGENDA ALTEC Infrastrutture di ALTEC Centri di Controllo e Gestione Dati Principali Programmi in Corso DPAC Gaia Data Flow Architetture dei DPCs DPCT

Dettagli

INAF-Osservatorio astronomico di Torino Technical Report nr.155

INAF-Osservatorio astronomico di Torino Technical Report nr.155 INAF-Osservatorio astronomico di Torino Technical Report nr.155 Gaia Data Access and Analysis System Approccio sistematico alla realizzazione di una visualizzazione dei dati funzionale alle attività di

Dettagli

GAIA Dal Tera al Peta

GAIA Dal Tera al Peta GAIA Dal Tera al Peta Il "social network" nella Galassia? Roberto Morbidelli @ INAF OATo Con l indispensabile supporto e consulenza di Deborah Busonero e Mario G. Lattanzi @ INAF - OATo Rosario Messineo;

Dettagli

AstroGalTec 27-03-2015

AstroGalTec 27-03-2015 AstroGalTec 27-03-2015 Cos è un archivio Astronomico. È un luogo di conservazione stabile di eventi astronomici osservati. È una raccolta di criteri di catalogazione dei contenuti e delle attività connesse

Dettagli

Gara n. 4066. Fornitura di un sistema per il consolidamento della Piattaforma di Service Management SINTESI DELL APPALTO

Gara n. 4066. Fornitura di un sistema per il consolidamento della Piattaforma di Service Management SINTESI DELL APPALTO Gara n. 4066 Fornitura di un sistema per il consolidamento della Piattaforma di Service Management SINTESI DELL APPALTO Pagina 1 di 5 INDICE 1. CARATTERISTICHE DEL SISTEMA INFORMATICO DEL GSE... 3 2. PROGETTO

Dettagli

La Missione STS-126 / ISS ULF2 ALTEC LA MISSIONE STS-126 / ISS ULF2. Torino, 17 Novembre 2008 1

La Missione STS-126 / ISS ULF2 ALTEC LA MISSIONE STS-126 / ISS ULF2. Torino, 17 Novembre 2008 1 ALTEC LA MISSIONE STS-126 / ISS ULF2 Torino, 17 Novembre 2008 1 GENERALE 27 volo dello Shuttle alla Stazione Spaziale Internazionale ISS Missione di Utilizzazione e di Logistica Decollo: 14 Novembre, 2008

Dettagli

Applicazioni di Realtà Virtuale per lo Spazio

Applicazioni di Realtà Virtuale per lo Spazio Applicazioni di Realtà Virtuale per lo Spazio Il punto di vista di un utente di sistemi VR. Valter Basso Alenia Spazio S.p.A. Stada Antica di Collegno 253 10146 Torino vbasso@to.alespazio.it Enrico Gaia

Dettagli

UNA PIATTAFORMA PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE IN CLOUD Roberto Monsorno R. Monsorno

UNA PIATTAFORMA PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE IN CLOUD Roberto Monsorno R. Monsorno Institute for Applied Remote Sensing Technology for Environmental Monitoring UNA PIATTAFORMA PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE IN CLOUD Roberto Monsorno 1 Overview Introduzione EURAC Esperienza e Futuro Ground

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

REALIZZAZIONE SALA CED

REALIZZAZIONE SALA CED REALIZZAZIONE SALA CED CAPITOLATO TECNICO SOMMARIO 1 Realizzazione sala CED 2 Specifiche minime dell intervento 1. REALIZZAZIONE SALA CED L obiettivo dell appalto è realizzare una Server Farm di ultima

Dettagli

ZeroUno. Approccio al Cloud. 14 Marzo 2011

ZeroUno. Approccio al Cloud. 14 Marzo 2011 ZeroUno Approccio al Cloud 14 Marzo 2011 I Servizi Cloud: dimensioni abilitanti Il percorso che abilita un azienda all erogazione (Provider) e/o alla fruizione (Consumer) di Servizi Cloud (Private, Public,Hybrid)

Dettagli

BIG DATA @ Data Center ReCaS Bari

BIG DATA @ Data Center ReCaS Bari BIG DATA @ Data Center ReCaS Bari Roberto Bellotti Università degli Studi di Bari Aldo Moro & Istituto Nazionale di Fisica Nucleare 18 settembre 2015 Bari Indice Il Data Center ReCaS @ Bari BIG DATA et

Dettagli

ITSM Trasformation L iniziativa TelecomItalia. Ing. ConoFranco Miragliotta

ITSM Trasformation L iniziativa TelecomItalia. Ing. ConoFranco Miragliotta ITSM Trasformation L iniziativa TelecomItalia Ing. ConoFranco Miragliotta L azienda Gruppo Telecom Italia I numeri del Gruppo (al 31 dicembre 2007) 8 i Paesi in cui il Gruppo Telecom Italia è presente

Dettagli

Stefano Bucci Technology Director Sales Consulting. Roma, 23 Maggio 2007

Stefano Bucci Technology Director Sales Consulting. Roma, 23 Maggio 2007 L Information Technology a supporto delle ALI: Come coniugare un modello di crescita sostenibile con le irrinuciabili caratteristiche di integrazione, sicurezza ed elevata disponibilità di un Centro Servizi

Dettagli

ICT Information &Communication Technology

ICT Information &Communication Technology ICT Information &Communication Technology www.tilak.it Profile Tilak Srl, azienda specializzata in soluzioni in ambito Communication Technology opera nell ambito dei servizi di consulenza, formazione e

Dettagli

Progettazione di Sistemi Spaziali con la metodologia dell ingegneria concorrente/collaborativa. Unità QTA - Presentazione ASI CEF 1

Progettazione di Sistemi Spaziali con la metodologia dell ingegneria concorrente/collaborativa. Unità QTA - Presentazione ASI CEF 1 Progettazione di Sistemi Spaziali con la metodologia dell ingegneria concorrente/collaborativa Unità QTA - Presentazione ASI CEF 1 Contenuti ASI Concurrent Engineering Metodologia e Facility Indice: Descrizione

Dettagli

Architetture dei WIS. Definizione di WIS. Benefici dei WIS. Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012

Architetture dei WIS. Definizione di WIS. Benefici dei WIS. Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Architetture dei WIS Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Definizione di WIS Un WIS può essere definito come un insieme di applicazioni in grado di reperire, cooperare e fornire informazioni utilizzando

Dettagli

Infrastrutture e Architetture di sistema

Infrastrutture e Architetture di sistema Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi B2_1 V1.1 Infrastrutture e Architetture di sistema Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

Titolo progetto: ConsoliData. Ambito di intervento: ICT e dispositivi sensoriali. Struttura di riferimento : Coordinatore di progetto: INFN

Titolo progetto: ConsoliData. Ambito di intervento: ICT e dispositivi sensoriali. Struttura di riferimento : Coordinatore di progetto: INFN Titolo progetto: ConsoliData Ambito di intervento: ICT e dispositivi sensoriali Struttura di riferimento : Coordinatore di progetto: INFN Altri EPR coinvolti: - Altri organismi e soggetti coinvolti: Descrizione

Dettagli

Implementazione ed ottimizzazione di algoritmi di processamento radargrammetrico ed interferometrico per la produzione di DEM da immagini COSMO SkyMed

Implementazione ed ottimizzazione di algoritmi di processamento radargrammetrico ed interferometrico per la produzione di DEM da immagini COSMO SkyMed Implementazione ed ottimizzazione di algoritmi di processamento radargrammetrico ed interferometrico per la produzione di DEM da immagini COSMO SkyMed AGENZIA SPAZIALE ITALIANA BANDO PERIODICO RISERVATO

Dettagli

Il progetto di Potenziamento del Centro Nazionale Multimissione di Matera Ettore LOPINTO - ASI

Il progetto di Potenziamento del Centro Nazionale Multimissione di Matera Ettore LOPINTO - ASI Il progetto di Potenziamento del Centro Nazionale Multimissione di Matera Ettore LOPINTO - ASI ASI, Roma, 24 Gennaio 2011 1 I razionali SOMMARIO L attuale CNM Le attività previste La timeline e i dati

Dettagli

Case History: Potenziare l attuale Data Center Di.Tech

Case History: Potenziare l attuale Data Center Di.Tech Elisabetta Rigobello Case History: Potenziare l attuale Data Center Di.Tech Roma, 5 febbraio 2015 SOMMARIO Chi è Di.Tech Il progetto: Obiettivi Infrastruttura di partenza Motivazioni di una scelta Prossimi

Dettagli

Ricca - Divisione I.T.

Ricca - Divisione I.T. Ricca - Divisione I.T. Information Technology & Security Partner Profilo B.U. e Offerta Servizi Ricca Divisione I.T. Information Technology & Security Partner La Mission La nostra missione è divenire il

Dettagli

Esperimenti di Cloud Computing in ENEA-GRID

Esperimenti di Cloud Computing in ENEA-GRID Conferenza GARR 2011 Bologna, 8-10 Novembre Esperimenti di Cloud Computing in ENEA-GRID Ing. Giovanni Ponti, Ph.D. ENEA C.R. Portici giovanni.ponti@enea.it Joint work with A. Secco, F. Ambrosino, G. Bracco,

Dettagli

Archiviazione e Backup/Restore su WAN. Stefano Spitoni s.spitoni@cineca.it

Archiviazione e Backup/Restore su WAN. Stefano Spitoni s.spitoni@cineca.it Archiviazione e Backup/Restore su WAN Stefano Spitoni s.spitoni@cineca.it thanks to high performance computing and networking, terabytes of data are being transformed into knowledge about the origins of

Dettagli

Software Libero infrastrutturale: l'esperienza ENEA. Antonio Colavincenzo Gianfilippo Giannini

Software Libero infrastrutturale: l'esperienza ENEA. Antonio Colavincenzo Gianfilippo Giannini Software Libero infrastrutturale: l'esperienza ENEA Antonio Colavincenzo Gianfilippo Giannini 1 Kelyon Fonda il suo business esclusivamente sull'open source Offre soluzioni open per il settore pharma,

Dettagli

Allegato. Servizio Hosting Virtual DataCenter di Regione Lombardia. per l ENTE UCL Asta del Serio

Allegato. Servizio Hosting Virtual DataCenter di Regione Lombardia. per l ENTE UCL Asta del Serio Allegato Servizio Hosting Virtual DataCenter di Regione Lombardia per l ENTE UCL Asta del Serio Contesto Il percorso condotto da Regione Lombardia (RL) per la razionalizzazione dei CED degli ENTI si inserisce

Dettagli

Connettività a banda larga per le scuole torinesi

Connettività a banda larga per le scuole torinesi Connettività a banda larga per le scuole torinesi Il Progetto Scuola 2.0 Marcello Maggiora Politecnico di Torino Calogero Martorana CSI Piemonte Sandro Pera CSP Innovazione nelle ICT Roberto Recchia CSP

Dettagli

Oracle & INAF: "La macchina delle stelle"

Oracle & INAF: La macchina delle stelle Oracle & INAF: "La macchina delle stelle" Ezio Caudera Oracle Italy Roberto Morbidelli INAF -OATo 1 Oracle & INAF Oracle collabora da anni con la comunità scientifica di INAF e i suoi partner e, negli

Dettagli

PROGETTO Backup Consolidation

PROGETTO Backup Consolidation PROGETTO Backup Consolidation BENEFICI DELLA SOLUZIONE Consolidamento: il primo vantaggio della soluzione proposta è quello di ottenere una soluzione unica per il salvataggio dei dati dell intero CED.

Dettagli

La soluzione di Cloud Backup e Disaster Recovery

La soluzione di Cloud Backup e Disaster Recovery Pavia 15 Marzo 2012 Mauro Bruseghini CTO, R&D B.L.S. Consulting S.r.l. La soluzione di Cloud Backup e Disaster Recovery Disaster Recovery 2 Cosa di intende per Disaster Recovery? Insieme di soluzioni tecnice

Dettagli

1. Hard Real Time Linux (Laurea VO o specialistica)

1. Hard Real Time Linux (Laurea VO o specialistica) 20/9/06 Elenco Tesi Disponibili Applied Research & Technology Dept. La Società MBDA La MBDA Italia è un azienda leader nella realizzazione di sistemi di difesa che con i suoi prodotti è in grado di soddisfare

Dettagli

I SERVIZI DI DATA VENDING DI BORSA ITALIANA. Milano 3 Ottobre 2005. Training & Congress Center - Palazzo Mezzanotte

I SERVIZI DI DATA VENDING DI BORSA ITALIANA. Milano 3 Ottobre 2005. Training & Congress Center - Palazzo Mezzanotte I SERVIZI DI DATA VENDING DI BORSA ITALIANA Milano Training & Congress Center - Palazzo Mezzanotte La soluzione ASP di BIt Systems Titolo capitolo I Servizi di Data Vending di Borsa Italiana Offre soluzioni

Dettagli

Allegato B DOCUMENTO DI SLA (Service Level Agreement) Colf&Badanti Web

Allegato B DOCUMENTO DI SLA (Service Level Agreement) Colf&Badanti Web Allegato B DOCUMENTO DI SLA (Service Level Agreement) Colf&Badanti Web 1 INDICE 1. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO 3 2. SLA RELATIVO ALLA INFRASTRUTTURA PRIMARIA 3 2.1. Dati di targa... 3 2.2. Banda virtuale

Dettagli

Corporate profile Via A. Carrante 1/F - 70124 BARI tel. 080.21 49 681 - fax 080.21 40 682 www.mastergroupict.com info@mastergroupict.

Corporate profile Via A. Carrante 1/F - 70124 BARI tel. 080.21 49 681 - fax 080.21 40 682 www.mastergroupict.com info@mastergroupict. Corporate profile Chi siamo MasterGroup ICT è un Azienda globale di Formazione e Consulenza ICT che supporta l evoluzione delle competenze individuali e l innovazione delle organizzazioni. Si propone al

Dettagli

Cloudian S3 Object Storage

Cloudian S3 Object Storage Cloudian S3 Object Storage Riccardo Donati Head of IT Department Casale SA Via G. Pocobelli, 6 6900 Lugano - Switzerland AGENDA Chi è Casale Esigenze Perché Cloudian? Il Proge7o Benefit Il contributo di

Dettagli

Aspetti critici rete LAN e WAN per i Tier-2. R.Gomezel

Aspetti critici rete LAN e WAN per i Tier-2. R.Gomezel Aspetti critici rete LAN e WAN per i Tier-2 R.Gomezel Modello rete FARM SAN Rack_farm Rack_farm NAS STK Tape Library Caratteristiche collegamenti Usare switch a 48 porte per ogni rack + numero uplink Porte

Dettagli

Il futuro del web hosting passa per il cloud computing

Il futuro del web hosting passa per il cloud computing Il futuro del web hosting passa per il cloud computing continuos on demand scalability Antonio Baldassarra Seeweb S.r.l. GMFE Soiel Village - Bologna, 24 Aprile 2009 Un utile premessa..

Dettagli

Digital Archive and Gov t Content Management

Digital Archive and Gov t Content Management Digital Archive and Gov t Content Management IBM CoC Solutions 20012 IBM Corporation IBM Digital Archive & Govt Content Management Exec Summary La soluzione è stata sviluppata da IBM in collaborazione

Dettagli

CORSO I.F.T.S TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA GESTIONE DI DATABASE

CORSO I.F.T.S TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA GESTIONE DI DATABASE CORSO I.F.T.S TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA GESTIONE DI DATABASE Ing. Mariano Di Claudio Lezione del 24/09/2014 Indice 1. Aspetti di Data Management CouchBase 2. Aspetti Architetturali Infrastruttura

Dettagli

Sicurezza: esperienze sostenibili e di successo. Accesso unificato e sicuro via web alle risorse ed alle informazioni aziendali: l esperienza FERPLAST

Sicurezza: esperienze sostenibili e di successo. Accesso unificato e sicuro via web alle risorse ed alle informazioni aziendali: l esperienza FERPLAST Sicurezza: esperienze sostenibili e di successo Accesso unificato e sicuro via web alle risorse ed alle informazioni aziendali: l esperienza FERPLAST Dott. Sergio Rizzato (Ferplast SpA) Dott. Maurizio

Dettagli

Una soluzione di Gestione Documentale e gli aspetti di Information LifeCycle Management. il progetto di Monte dei Paschi di Siena

Una soluzione di Gestione Documentale e gli aspetti di Information LifeCycle Management. il progetto di Monte dei Paschi di Siena Una soluzione di Gestione Documentale e gli aspetti di Information LifeCycle Management il progetto di Monte dei Paschi di Siena Claudio Favaro Global Technology Services IBM Italia L esigenza iniziale

Dettagli

Il Telecontrollo Cloud Virtualizzato

Il Telecontrollo Cloud Virtualizzato Il Telecontrollo Cloud Virtualizzato Dare vita ad un network intelligente di impianti distribuiti sul territorio, migliorando la sostenibilità e massimizzando la competitività globale. Laura Graci e Domenico

Dettagli

La componente tecnologica dei. sistemi informativi. Architettura hw. Componenti di una architettura hw

La componente tecnologica dei. sistemi informativi. Architettura hw. Componenti di una architettura hw Informatica o Information Technology La componente tecnologica dei sistemi informativi m. rumor Architettura del Sistema tecnologico Sistema tecnologico: insieme di componenti connessi e coordinati che

Dettagli

Direzione Sistemi Informativi SPECIFICA TECNICA. Progetto di consolidamento dei sistemi per la gestione dei Data Base del GSE.

Direzione Sistemi Informativi SPECIFICA TECNICA. Progetto di consolidamento dei sistemi per la gestione dei Data Base del GSE. Direzione Sistemi Informativi SPECIFICA TECNICA Progetto di consolidamento dei sistemi per la gestione dei Data Base del GSE Pagina 1 di 10 INDICE 1. CARATTERISTICHE DEL SISTEMA INFORMATICO DEL GSE...3

Dettagli

Allegato 1 Specifiche tecniche ambiente CNPADC. Giugno 2013

Allegato 1 Specifiche tecniche ambiente CNPADC. Giugno 2013 Allegato 1 Specifiche tecniche ambiente CNPADC Giugno 2013 Sommario 1 PREMESSA... 3 2 COMPONENTE TECNOLOGICA DEL SERVIZIO... 3 3 COMPONENTE APPLICATIVA DEL SERVIZIO... 5 3.1 Infrastruttura tecnologica,

Dettagli

Architettura SW Definizione e Notazioni

Architettura SW Definizione e Notazioni Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Stili Architetturali E. TINELLI Architettura SW Definizione e Notazioni Definizione ANSI/IEEE Std Std1471-2000

Dettagli

ZenProject. Soluzione: Web Project Management Solution. Brief Tour. Intro Features Tecnologia Requisiti Portfolio

ZenProject. Soluzione: Web Project Management Solution. Brief Tour. Intro Features Tecnologia Requisiti Portfolio ZenProject Soluzione: Web Project Management Solution Brief Tour Interzen è un marchio registrato nell Unione Europea. 1.14 Introduzione alla soluzione Soluzione interamente progettata su architettura

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Oracle: "La macchina delle stelle"

Oracle: La macchina delle stelle Oracle: "La macchina delle stelle" Ezio Caudera Giorgio Papalettera Oracle Italy 1 Oracle & INAF: Mission Oracle collabora da anni con la comunità scientifica di INAF e i suoi partner e, negli ultimi 5,

Dettagli

La piattaforma Oracle10g per la Continuita Operativa

La piattaforma Oracle10g per la Continuita Operativa La piattaforma Oracle10g per la Continuita Operativa Roma, 10 maggio 2006 Alfredo Valenza Principal Sales Consultant - Oracle Italia alfredo.valenza@oracle.com Cause di un disastro 3% 18% 18% 4% 14% 4%

Dettagli

Capitolato Tecnico. Per l infrastruttura hardware e servizi per la. migrazione verso sistemi aperti. del CED per il trattamento economico

Capitolato Tecnico. Per l infrastruttura hardware e servizi per la. migrazione verso sistemi aperti. del CED per il trattamento economico Capitolato Tecnico Per l infrastruttura hardware e servizi per la migrazione verso sistemi aperti del CED per il trattamento economico della Polizia di Stato 1/18 INDICE 1 OGGETTO DELLA FORNITURA... 3

Dettagli

Var Group Approccio concreto e duraturo Vicinanza al Cliente Professionalità e metodologie certificate In anticipo sui tempi Soluzioni flessibili

Var Group Approccio concreto e duraturo Vicinanza al Cliente Professionalità e metodologie certificate In anticipo sui tempi Soluzioni flessibili Var Group, attraverso la sua società di servizi, fornisce supporto alle Aziende con le sue risorse e competenze nelle aree: Consulenza, Sistemi informativi, Soluzioni applicative, Servizi per le Infrastrutture,

Dettagli

UNITA / NOME FIRMA DATA TST Massimo Calabrese. TST Roberto Ibba

UNITA / NOME FIRMA DATA TST Massimo Calabrese. TST Roberto Ibba Pagina: 1 di 11 PREPARATO VERIFICATO APPROVATO UNITA / NOME FIRMA DATA TST Massimo Calabrese TST Massimo Firme Calabrese riportate sull originale agli atti TST Roberto Ibba Registro delle modifiche Data

Dettagli

Intrusion Detection System

Intrusion Detection System Intrusion Detection System Snort Giampaolo Fresi Roglia gianz@security.dico.unimi.it Sommario Collocazione in rete Scenari di installazione Snort Installazione e Configurazione su Debian Rete di esempio

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n. 42-37122 Verona - tel. 045/8075511 Fax 045/8075640 ALLEGATO 1.1 1 Premessa L Azienda ha implementato negli anni una rete di comunicazione tra le proprie

Dettagli

La trasformazione in atto nei Data center

La trasformazione in atto nei Data center La trasformazione in atto nei Data center Data Center Hands On Milano, 13 marzo 2012 Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it I nuovi dispositivi Videocamera Console & Player Tablet Smart TV Dual screen

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO. 2. Un apparato di lettura/scrittura DVD IBM 7226-1U3 completa di DVD ram.

CAPITOLATO TECNICO. 2. Un apparato di lettura/scrittura DVD IBM 7226-1U3 completa di DVD ram. CAPITOLATO TECNICO Il presente appalto ha ad oggetto il noleggio operativo per un periodo di cinque anni di un elaboratore atto a gestire il sistema informativo della Stazione appaltante. Il noleggio deve

Dettagli

ELATOS WEB SOFTWARE GESTIONALE ASP

ELATOS WEB SOFTWARE GESTIONALE ASP ELATOS WEB SOFTWARE GESTIONALE ASP L OUTSOURCING È uno degli strumenti manageriali, di carattere tattico e strategico, che hanno conosciuto maggiore espansione nel corso dell ultimo decennio e che continuerà

Dettagli

Alfonso Ponticelli. Soluzioni Tivoli di Security Information and Event Management

Alfonso Ponticelli. Soluzioni Tivoli di Security Information and Event Management Alfonso Ponticelli Soluzioni Tivoli di Security Information and Event Management Compliance and Security secondo IBM Gestione delle identità e controllo degli accessi alle risorse aziendali: le soluzioni

Dettagli

Computer all IRA - 72 Sistemi Privati - 20 Pubblici, Studenti, Ospiti - 26 Macchine di servizio - 118 Computer - 30 Apparati di rete (router, switch)

Computer all IRA - 72 Sistemi Privati - 20 Pubblici, Studenti, Ospiti - 26 Macchine di servizio - 118 Computer - 30 Apparati di rete (router, switch) Computer all IRA - 72 Sistemi Privati - 20 Pubblici, Studenti, Ospiti - 26 Macchine di servizio - 118 Computer - 30 Apparati di rete (router, switch) Macchine di servizio W1 D1 Iranet M1 H1 DB Tape-srv

Dettagli

enclose CRM Engineering Cloud Services IL CRM AS A SERVICE DI ENGINEERING runs on Microsoft Dynamics CRM

enclose CRM Engineering Cloud Services IL CRM AS A SERVICE DI ENGINEERING runs on Microsoft Dynamics CRM enclose Engineering Cloud Services CRM runs on Microsoft Dynamics CRM IL CRM AS A SERVICE DI ENGINEERING EncloseCRM EncloseCRM è la proposta Software as a Service di Engineering per offrire al mercato

Dettagli

Cloud Computing Stato dell arte, Opportunità e rischi

Cloud Computing Stato dell arte, Opportunità e rischi La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi IT attraverso l'impiego

Dettagli

Progetto per la realizzazione di una Cloud per l'area Padovana

Progetto per la realizzazione di una Cloud per l'area Padovana Progetto per la realizzazione di una Cloud per l'area Padovana Versione 0.3.2 14 Ottobre 2013 Introduzione Il modello di calcolo basato su paradigma GRID si e' rivelato di grande successo perche' ha permesso

Dettagli

Progetto di Interesse strategico NEXTDATA. Unità CASPUR

Progetto di Interesse strategico NEXTDATA. Unità CASPUR Progetto di Interesse strategico NEXTDATA Rendicontazione scientifica per il periodo di riferimento 01/01/2012-31/12/2012 Unità CASPUR WP 2.5 - Archivio digitale di dati numerici e previsionali 1. Attività

Dettagli

Prospettive dei servizi cloud in ENEA-GRID

Prospettive dei servizi cloud in ENEA-GRID Workshop congiunto INFN CCR GARR 2012 Napoli, 14-17 Maggio Prospettive dei servizi cloud in ENEA-GRID Ing. Giovanni Ponti, Ph.D. ENEA C.R. Portici giovanni.ponti@enea.it Sommario Introduzione al Cloud

Dettagli

Architetture e strumenti per la sicurezza informatica

Architetture e strumenti per la sicurezza informatica Università Politecnica delle Marche Architetture e strumenti per la sicurezza informatica Ing. Gianluca Capuzzi Agenda Premessa Firewall IDS/IPS Auditing Strumenti per l analisi e la correlazione Strumenti

Dettagli

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra.

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. FASTCLOUD È un dato di fatto che le soluzioni IT tradizionali richiedono investimenti

Dettagli

I Sistemi Centrali Server consolidation, TCO, TCA. Sistemi Centrali Copyright IBM Corp., 2008. All rights reserved.

I Sistemi Centrali Server consolidation, TCO, TCA. Sistemi Centrali Copyright IBM Corp., 2008. All rights reserved. I Server consolidation, TCO, TCA Infrastruttura Informatica Eterogenea I Problemi Nel modello Client Server in genere : Un Server = Una Funzione, Il Modello Client Server una proliferazione incontrollata

Dettagli

Service Control Room «Il monitoraggio integrato dei Servizi Digitali» 04/12/2014

Service Control Room «Il monitoraggio integrato dei Servizi Digitali» 04/12/2014 Service Control Room «Il monitoraggio integrato dei Servizi Digitali» 04/12/2014 1. Il contesto INAIL 2. Perché una Service Control Room 3. Il modello di funzionamento definito 4. I primi risultati del

Dettagli

Infrastrutture tecnologiche Open Source Based in ambienti mission critical

Infrastrutture tecnologiche Open Source Based in ambienti mission critical Infrastrutture tecnologiche Open Source Based in ambienti mission critical Come, quando e perché? Antonio Baldassarra Seeweb S.r.l. Open Source Expo - Rovigo, 28 settembre 2007 Perchè

Dettagli

Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino. Roma, 27 marzo 2014

Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino. Roma, 27 marzo 2014 Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino Roma, 27 marzo 2014 Informatica Trentina: società di sistema Società a capitale interamente pubblico per la diffusione di servizi ICT al comparto pubblico

Dettagli

Impresa Semplice CONDIVIDI

Impresa Semplice CONDIVIDI Selling Kit rev.1 Condividi Impresa Semplice CONDIVIDI La soluzione semplice di gestione documentale Selling Kit Gestione documentale: overview di mercato Un elemento di criticità per la gestione del Business

Dettagli

2 Obiettivi di SMAT F1 Gli obiettivi di SMAT F1 possono essere riassunti come di seguito:

2 Obiettivi di SMAT F1 Gli obiettivi di SMAT F1 possono essere riassunti come di seguito: 1 SMAT F1 e SMAT: sorveglianza, monitoraggio e salvaguardia delle risorse ambientali e infrastrutturali del territorio SMAT-F1 è un progetto di ricerca finanziato dalla Regione Piemonte, nato nell ambito

Dettagli

Infrastrutture tecnologiche in ambienti mission critical

Infrastrutture tecnologiche in ambienti mission critical Infrastrutture tecnologiche in ambienti mission critical Come, quando e perché? Antonio Baldassarra Seeweb S.r.l. Smau e-academy - Milano, 17 ottobre 2007 Un utile premessa.. sul

Dettagli

19/06/2006 Template Documentation 1

19/06/2006 Template Documentation 1 19/06/2006 Template Documentation 1 La gestione e il controllo dei rischi operativi richiede un approccio multi-disciplinare, che comprende tra l altro i temi della sicurezza e della business continuity.

Dettagli

Analisi e sviluppo di un sistema automatico per la segnalazione di stati anomali dei job del Data Center S.Co.P.E.

Analisi e sviluppo di un sistema automatico per la segnalazione di stati anomali dei job del Data Center S.Co.P.E. Tesi di Laurea Analisi e sviluppo di un sistema automatico per la segnalazione di stati anomali dei job del Data Center S.Co.P.E. Anno Accademico 2011/2012 Relatore Ch.mo prof. Marcello Cinque Correlatore

Dettagli

Allegato Tecnico Database As A Service

Allegato Tecnico Database As A Service Allegato Tecnico Database As A Service Nota di lettura 1 Descrizione del servizio 1.1 Definizioni e acronimi 1.2 Oracle DATABASE AS A SERVICE 1.3 Attivazione del servizio Configurazione Network Configurazione

Dettagli

Chi siamo e cosa offriamo

Chi siamo e cosa offriamo Chi siamo e cosa offriamo AutoCAD Revit LT 2015 System Integrator per informatica tecnica nato nel 95 Consulenza a 360 in ambito informatico: Software CAD/CAM per la progettazione tecnica in diversi settori

Dettagli

L iniziativa Cloud DT

L iniziativa Cloud DT L iniziativa Cloud DT Francesco Castanò Dipartimento del Tesoro Ufficio per il Coordinamento Informatico Dipartimentale (UCID) Roma, Luglio 2011 Il Cloud Computing Alcune definizioni Il Cloud Computing

Dettagli

AREE DI COMPETENZA ESPERIENZE MATURATE. ENGENIO s.r.l. via Messina, 15 20154 Milano amm.cv.società.rev1 P.IVA/CF 06590090962

AREE DI COMPETENZA ESPERIENZE MATURATE. ENGENIO s.r.l. via Messina, 15 20154 Milano amm.cv.società.rev1 P.IVA/CF 06590090962 AREE DI COMPETENZA ESPERIENZE MATURATE ENGENIO s.r.l. Premessa ENGENIO s.r.l. è una società di ingegneria che nasce nel secondo trimestre del 2009 con lo scopo di offrire un supporto ingegneristico alle

Dettagli

L obiettivo che si pone è di operare nei molteplici campi dell informatica aziendale, ponendosi come partner di riferimento per l utenza aziendale.

L obiettivo che si pone è di operare nei molteplici campi dell informatica aziendale, ponendosi come partner di riferimento per l utenza aziendale. E una realtà nelle tecnologie informatiche dal 1990. Dalla nascita del nucleo iniziale, con le attività di assistenza tecnica e di formazione, alla realtà attuale, di specialisti a tutto campo nei servizi

Dettagli

APM: come e perchè. Un approccio strutturato ed efficace. Maurizio Rossini, Consoft Sistemi

APM: come e perchè. Un approccio strutturato ed efficace. Maurizio Rossini, Consoft Sistemi APM: come e perchè Un approccio strutturato ed efficace. Maurizio Rossini, Consoft Sistemi APM: il contesto BACK END SAP PSFT MAINFRAME USER NETWORK FRONT END Siebel IMS DB CTG MIDDLEWARE DB2 CICS WAN/

Dettagli

PICCOLE E MEDIE IMPRESE, UNA SOLUZIONE AD HOC. Soluzioni per le PMI

PICCOLE E MEDIE IMPRESE, UNA SOLUZIONE AD HOC. Soluzioni per le PMI PICCOLE E MEDIE IMPRESE, UNA SOLUZIONE AD HOC Soluzioni per le PMI Windows Server 2012 e System Center 2012 Informazioni sul copyright 2012 Microsoft Corporation. Tutti i diritti sono riservati. Il presente

Dettagli

Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica

Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica CAPITOLATO TECNICO PER UN SERVIZIO DI MANUTENZIONE, GESTIONE ED EVOLUZIONE DELLA COMPONENTE AUTOGOVERNO DEL SISTEMA INFORMATIVO

Dettagli

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA VI

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA VI STATO MAGGIORE DELLA DIFESA VI Reparto Sistemi C4I e Trasformazione EUROPEAN COMMISSION Directorate-General for Communications Networks, Content and Technology Going Local Italia L esperienza formativa

Dettagli

Come Funziona. Virtualizzare con VMware

Come Funziona. Virtualizzare con VMware Virtualize IT Il Server? Virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente

Dettagli

Cloud Computing Stato dell arte, Opportunità e rischi

Cloud Computing Stato dell arte, Opportunità e rischi La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi IT attraverso l'impiego

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI E DEL PERSONALE Divisione III Sistemi Informativi RDO PER LA FORNITURA DI SERVIZI PER LA CONDUZIONE

Dettagli

Panoramica delle funzionalita

Panoramica delle funzionalita Panoramica delle funzionalita Edizioni vsphere 4 Gestione su larga scala di applicazioni di produzione critiche DRS / DPM Storage vmotion Host Profiles Distributed Switch DRS / DPM Storage vmotion Prodotti

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Dalle reti a e Cazzaniga Paolo Dip. di Scienze Umane e Sociali paolo.cazzaniga@unibg.it Dalle reti a Outline 1 Dalle reti a Dalle reti a Le reti Quando possiamo parlare di rete di calcolatori? Quando abbiamo

Dettagli

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration COSA FACCIAMO SEMPLIFICHIAMO I PROCESSI DEL TUO BUSINESS CON SOLUZIONI SU MISURA EXTRA supporta lo sviluppo

Dettagli

Sistemi Web Tolleranti ai Guasti

Sistemi Web Tolleranti ai Guasti Sistemi Web Tolleranti ai Guasti Candidato: Paolo Romano Relatore: Prof. Salvatore Tucci Correlatore: Prof. Bruno Ciciani Sommario Il problema: garantire semantica exactly once alle transazioni Web. Sistema

Dettagli

Hitachi Systems CBT S.p.A.

Hitachi Systems CBT S.p.A. Hitachi Systems CBT S.p.A. EasyCloud : Cloud Business Transformation LA TECNOLOGIA AL SERVIZIO DEL RINNOVAMENTO AZIENDALE Accompagniamo aziende di ogni dimensione e settore nella trasformazione strategica

Dettagli

Total Security Knowledge Management Solution. Per Una Gestione Integrata Della Sicurezza Dell Azienda

Total Security Knowledge Management Solution. Per Una Gestione Integrata Della Sicurezza Dell Azienda Total Security Knowledge Management Solution Per Una Gestione Integrata Della Sicurezza Dell Azienda 3S Team SpA Nel 2004 la Sysdata Team SPA, oggi 3S Team SpA Software & Security Solutions - è entrata

Dettagli

Presentazione aziendale

Presentazione aziendale pkm027-534-1.0 Presentazione aziendale Domenico Laforenza, Daniela Drimaco Roma, 14 Aprile 2011 Introduzione Planetek Italia S.r.l. è una società leader nella consulenza multi-disciplinare per lo sviluppo

Dettagli

Modulo Piattaforma Concorsi Interattivi

Modulo Piattaforma Concorsi Interattivi Modulo Piattaforma Concorsi Interattivi 1 Che cosa è Message Activator Message Activator è una piattaforma software che permette la comunicazione diretta alla Customer Base utilizzando una molteplicità

Dettagli

Affidamento della progettazione e messa in opera di una infrastruttura tecnologia per la realizzazione di un sistema di continuità operativa ICT

Affidamento della progettazione e messa in opera di una infrastruttura tecnologia per la realizzazione di un sistema di continuità operativa ICT ALLEGATO 1 AL CAPITOLATO TECNICO Affidamento della progettazione e messa in opera di una infrastruttura tecnologia per la realizzazione di un sistema di continuità operativa ICT NUOVO BLADE CENTER PRESSO

Dettagli

Data Warehousing e Data Mining

Data Warehousing e Data Mining Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Sistemi e Informatica A.A. 2011-2012 I primi passi Data Warehousing e Data Mining Parte 2 Docente: Alessandro Gori a.gori@unifi.it OLTP vs. OLAP OLTP vs.

Dettagli