Monitoring online. - dove monitoriamo, - su quali e quanti eventi (Callot ) - con quali strumenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Monitoring online. - dove monitoriamo, - su quali e quanti eventi (Callot ) - con quali strumenti"

Transcript

1 Monitoring online - dove monitoriamo, - su quali e quanti eventi (Callot ) - con quali strumenti -cosavogliamo monitorare (timing, efficienza, allineamenti ) - su quali oggetti monitoriamo (tutti gli hit, hit mu, tracce mu) # Cosa ci serve nella fase di commissioning e cosa pensiamo di monitorare sempre durante il data taking - quando / con che frequenza (una tantum, a inizio run, in continuazione) - Abbiamo bisogno di Run speciali? # schedula temporale per scrivere il software di monitoring # suddivisione del lavoro / responsabilita` Roma

2 Dove come - su quali eventi # Nel Frontend (40 MHz) nelle ODE monitor ECS # Nel TELL1 (1 MHz) Noi abbiamo tools nell elettronica che ci permettono di fare monitoring che altri pensano di fare su eventi triggerati. Occorre studiare (perche da una parte e` utile avere ridondanze ma bisogna evitare sprechi) # Nella farm EFF (~2000 CPU) L1-HLT (1MHz 2 khz) Il monitor richiede risorse costose (non tanto per gli algoritmi ma per l accesso e la somma di istogrammi da 2000 nodi.) da evitare a meno che non sia necessario monitorare dati non disponibili piu` tardi. # Nella EFF- Calibration - Parte della Event Filter Farm dedicata al processamento di eventi speciali di calibrazione in genere da non scrivere su storage (calibrazione continua della risposta del Calorimetro) Noi non pensiamo di utilizzare questa possibilita` (??) (- Calibration pulse ciclati sui canali fisici. - Empty events..)

3 # Su gli eventi selezionati per il DAQ (2 khz) quando sono pronti per essere inviati a un writer. (~ 200 Hz del main stream fully reconstructed Hz di altri stream che overall contengono ~1500 Hz di Muoni selezionati con gli algoritmi di HLT) Task semplici di alta priorita` (event size, rates..) si possono effettuare su tutti gli eventi (nei server che li mandano ai writer?) Un monitoring server spedisce una frazione di questi eventi ad una Monitoring Farm MF (~~ 50 CPU) La MF sta in baracca con la EFF ma non e` connessa al readout network. Non c e` un output evento per evento. L output sono solo statistica e istogrammi. La MF deve poter leggere eventi da file per test fuori data taking, ma il suo main input sono i dati online. L input di ogni nodo puo` essere al livello di ~100Hz. Per diminuire il carico sulla rete (a prezzo di sviluppo di software dedicato) si puo` anche mandare solo parte di un evento

4 Alcuni nodi della MF saranno dedicati esclusivamente al rivelatore Mu. (~ 5? dipende anche da quanto vogliamo pagare). Qui possiamo fare quello che ci pare, per esempio se vogliamo idividuare quali hit sono associati a muoni, si possono effettuare algoritmi tipo fast tracking mu in HLT (il risultato del tracking gia` fatto e` andato perduto). Per il monitor del timing si puo` ragionevole pensare a ~ 500 Hz di eventi in totale che dovrebbero essere divisi tra diverse CPU. Warning di Callot: In case of need, the same code could run on several nodes, provided each node gets different events. This complicates the handling of events, and of histograms from this task: they have to be summed before being used. Our idea is to try to avoid this complication as much as possible Se si vogliono eventi ricostruiti (full tracking, PID ) si puo` contare su Hz in tutto (mu e non mu) che possono essere mandati alla MF. Probabilmente questi eventi saranno anche salvati temporaneamente sui dischi online (dell ordine del milione di eventi al giorno )

5 ISTOGRAMMI Histograms produced spontaneously by the monitoring tasks are processed in the general computing infrastructure, where anomalies are detected and alarms generated for the Shift Crew. Histograms are also accessible online by the histogram system, for presentation. PVSS is not the appropriate tool to handle histograms An activity to produce a histogram handling system should be started in the collaboration, well integrated with the Online and Computing projects - FORMAT ROOT - ACCESS using DIM protocol (access mechanism should perform an automatic addition of the histograms) - Histograms produced in electronics boards will have to be converted to the ROOT framework by the access system. This should be implemented in the CCPC or Control PC. - PRESENTER : Fitting, superimposing, addition of plots, efficiency computation from raw counters, are all useful features. ROOT? (layout, histogram scale should not be modified by every person on shift). - ANALYSIS code will be SD specific, but based on common tools, and should be integrated in the common histogramming framework.

6 Cosa vogliamo monitorare Occupancy Per evidenziare canali morti o inefficienti e canali rumorosi. (+ rough check of the system stability, efficiency) Questo tipo di monitoring puo` anche essere fatto con maggiore statistica sui contatori del DIALOG che sono accessibili via ECS (per di piu sui canali fisici ) Bisogna vedere come si puo` monitorare via ECS e decidere (se/) come farlo anche online. Esempio M5: sul DIALOG abbiamo ~10 MHz x 5 hit / fis.ch. ~ 2500 hit/sec per canale in media Gli istogrammi si riempiono rapidissimamente (overflow stop a tutti i canali trasferimento azzeramento) Ogni quanto si interrogano gli istogrammi? Banda di trasf. disponibile? La occupancy misurata con ECS nei canali poco popolati contiene piu` noise della occupancy misurata online sugli eventi triggerati (soprattutto all inizio se si lavora a bassa luminosita`)

7 occupancy ON LINE Histogrammi di illuminazione dei canali logici (26k) Se consideriamo 500 Hz (di eventi selezionati per il DAQ inviati a ~ 5 CPU della MF) ~1.5x10 4-6x10 4 hit/ora per canale. in M2 ~3x x10 4 in M3 Ci basterebbero ~ 100Hz? Bisogna fare delle slice intelligenti delle regioni accorpando opportunamente i canali per evidenziare buchi (canali morti o inefficienti) e picchi (canali rumorosi). Su ciascun istogramma cosi' costruito andranno segnalati quei canali che si distaccano troppo dal comportamento medio tipico della regione/stazione, con un taglio a N sigma o cose simili

8 Cluster size Monitoring del Cross-Talk (non si puo` fare via ECS) Il cluster size CS locale (average n. of adjacent hits fired per logical channel hit) puo` essere fatto su tutti gli hit. Con Xtalk 10% ~ eventi /canale ora in M3 Se si vuole fare una misura piu precisa del xtalk si possono selezionare hit di mu (per i quali si possono anche ragionevolmente sottrarre effetti di geometria e valutare il xtalk capacitivo). Misura da fare per calibrare la simulazione Pero` un monitor sugli hit di mu canale per canale sarebbe lento. Un monitor rapido si puo` fare sul CS integrato della camera (utile test di buon funzionamento insieme con l efficienza) Con xtalk 10% camera per camera in M3 su tutti gli hit > ~ 7x10 3 eventi/ora su gli hit mu > ~ 500 eventi/ora

9 Fine Timing Non si puo` fare via ECS Misura del TDC per gli hit assegnati ad una traccia Mu (bisogna fare un tracking nella MF) (gli hit di fondo hanno una distribuzione piu` larga e con massimi spostati nelle varie stazioni e regioni mentre gli hit di Mu hanno una distribuzione stretta e omogenea) # Operazione da fare nella fase di commissioning (fine tuning della sincronizzazione dei canali) # durante il data taking monitor continuo del lavoro delle camere Average time and RMS for each logical channel. - The average allows to check that the channel is well time-aligned inside the 25 ns. - The RMS (must be ~4 ns) is a good monitor of the correct MWPC working. Considerando una rate di 500 Hz di eventi Mu In 1 ora ~ 1.8 million muon hits per station (in M2, M3 ~ 5000 logical channels ~~ hit/chan).

10 efficienza Bisogna tenere una mappa di efficienza del rivelatore Mu da aggiornare continuamente La efficienza locale del rivelatore e` in qualche modo gia` monitorata dai tool considerati - canali morti. (occupancy, eventualmente sistema di impulsaggio). - camere (timing e crosstalk) Non farei misure vere e proprie di efficienza di tracking online Bisogna studiare altri indicatori utili - stabilita` di trigger rate destra sinistra, in zone del detector. - rapporti di occupancy integrata in stazioni, regioni, camere

11 Debugging e test Nella monitoring farm sara` bene preparare anche toolings software che non saranno necessariamente usati nel monitor del rivelatore a regime ma che serviranno per debugging iniziale e test. Probabilmente lo stesso manpower che prepara una cosa e` adatto a preparare l altra. In particolare le CPU della MF sembrano il luogo ideale per test che richiederanno la acquisizione di eventi. Ci vuole una comunicazione tra i nostri PC di controllo dell ECS e le nostre CPU della MF?

12 Allineamento All inizio durante il commissioning si avra` probabilmente molto a lungo il magnete Off. Per di piu sarebbe bene poter essere non dipendenti dal OT che potrebbe non essere tunato. Se si potesse fare un allineamento senza campo magnetico (ed eventualmente senza OT) sarebbe probabilmente molto utile. In seguito l allineamento si potra` fare meglio con l OT e con il campo magnetico On. Quindi entrambe le procedure (allineamento con e senza campo magnetico) dovrebbero essere studiate e previste (se l allineamento senza campo magnetico risulta significativo). Oltre a verificare se l allineamento hardware e` adeguato (~1 mm in R1 altrimenti va rifatto), dobbiamo decidere se vale la pena di fare un allineamento software per HLT???. In questo caso bisognerebbe prevedere un Run iniziale ogni volta che si e` aperto il detector Mu, dopo il quale si aggiornano i parametri della posizione delle camere. Per il VELO un Run speciale iniziale e` previsto dopo ogni fill (Oppure selezione di eventi tipo Velo Alignment dal readout supervisor ODIN, oppure uso di Nodi dedicati alla Farm)

13 # schedula temporale per scrivere il software di monitoring Non credo sia necessario fare del lavoro di sviluppo software urgentemente visto che sia il frame generale in cui si deve lavorare sia alcuni tool comuni non sono ancora pronti e neanche del tutto decisi. Pero` Sarebbe bene seguire da vicino gli orientamenti che si stanno formando e i progressi che si fanno nel gruppo commissioning e online. Sarebbe opportuno trovare qualcuno che possa fare lavoro vero a partire probabilmente da Settembre. # suddivisione del lavoro / responsabilita`

Work flow Elettronica di acquisizione

Work flow Elettronica di acquisizione Work flow Elettronica di acquisizione USB INTERFACE rej DAQ rej DAQ y in y in 1b 4b 2b 3b rej y in DAQ rej y in DAQ 9 vs 9 moduli di rivelazione FPGA COINCIDENCE UNIT TTL I/O rej DAQ y in 1a 2a rej y in

Dettagli

Stato del software per l analisi del test beam. 21/6/2002 Tommaso Boccali 1

Stato del software per l analisi del test beam. 21/6/2002 Tommaso Boccali 1 Stato del software per l analisi del test beam 21/6/2002 Tommaso Boccali 1 Analisi del test beam Review di quello che esiste 2 pacchetti software (TT6 e ROB) committati e usabili da tutti Set di macro

Dettagli

Le virtual machine e la memoria virtuale

Le virtual machine e la memoria virtuale Le virtual machine e la memoria virtuale Prof. Alberto Borghese Dipartimento di Scienze dell Informazione alberto.borghese@unimi.it Università degli Studi di Milano Riferimento Patterson 5: 5.6, 5.7. 1/29

Dettagli

Le virtual machine e la memoria virtuale

Le virtual machine e la memoria virtuale Le virtual machine e la memoria virtuale Prof. Alberto Borghese Dipartimento di Scienze dell Informazione alberto.borghese@unimi.it Università degli Studi di Milano Riferimento Patterson 5: 5.6, 5.7. 1/30

Dettagli

NA62 TDAQ status report. M. Sozzi Incontro con referee INFN CERN 25 Maggio 2012

NA62 TDAQ status report. M. Sozzi Incontro con referee INFN CERN 25 Maggio 2012 NA62 TDAQ status report M. Sozzi Incontro con referee INFN CERN 25 Maggio 2012 TDAQ in generale Distribuzione clock/trigger: progetto completato, nuovi moduli TTCex CERN non funzionanti (OK per 2012, nuovo

Dettagli

Il Sistema di Monitor e di Controllo della Farm On-line

Il Sistema di Monitor e di Controllo della Farm On-line Il Sistema di Monitor e di Controllo della Farm On-line, Bologna Incontro con i Referee di LHCb Bologna, 28.1.2005 Flusso dei dati in L1&HLT Front-end Electronics FE 1 FE FE FE FE FE FE FE 2 FE FE FE FE

Dettagli

Architettura di un computer

Architettura di un computer Architettura di un computer Modulo di Informatica Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Modulo di Informatica () Architettura A.A. 2012-2013 1 / 36 La tecnologia Cerchiamo di capire alcuni concetti su

Dettagli

Lezione 22 Trigger. Trigger: seleziona gli eventi interessanti fra tutte le collisioni. Decide se l evento deve essere letto ed immagazzinato.

Lezione 22 Trigger. Trigger: seleziona gli eventi interessanti fra tutte le collisioni. Decide se l evento deve essere letto ed immagazzinato. : seleziona gli eventi interessanti fra tutte le collisioni. Decide se l evento deve essere letto ed immagazzinato. Sistema di acquisizione dati (DAQ): raccoglie i dati prodotti dall apparato e li immagazzina

Dettagli

Corso di studi in Ingegneria Elettronica A.A. 2003/2004. Calcolatori Elettronici. Esercitazione n 2. Ing Giovanni Costa

Corso di studi in Ingegneria Elettronica A.A. 2003/2004. Calcolatori Elettronici. Esercitazione n 2. Ing Giovanni Costa Corso di studi in Ingegneria Elettronica A.A. 2003/2004 Calcolatori Elettronici Esercitazione n 2 Ing Giovanni Costa Sommario: Codici a correzione di errori Dispositivi per: Memorizzazione Output Input

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Gestione dei dischi. Gestione dei dischi e sistemi RAID

SISTEMI OPERATIVI. Gestione dei dischi. Gestione dei dischi e sistemi RAID SISTEMI OPERATIVI 08.c Gestione dei dischi e sistemi RAID Gestione dei dischi Caratteristiche dei dischi magnetici Schedulazione degli accessi al disco Sistemi RAID 1 Struttura meccanica 2 traccia testina

Dettagli

Sistema di Data Quality Monitor di CMS e trigger locale delle DT

Sistema di Data Quality Monitor di CMS e trigger locale delle DT Sistema di Data Quality Monitor di CMS e trigger locale delle DT Carlo Battilana & Stefano Marcellini Bologna CMS meeting, 21 Gennaio 2008 Outline 1. Introduzione al DQM di CMS e alla GUI (Obiettivi, Componenti

Dettagli

Introduzione. Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache...

Introduzione. Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache... Appunti di Calcolatori Elettronici Concetti generali sulla memoria cache Introduzione... 1 Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache...

Dettagli

Stato risorse di calcolo CDF in Italia

Stato risorse di calcolo CDF in Italia Stato risorse di calcolo CDF in Italia - August 31, 2011 S. Amerio (INFN Padova) Stato risorse a Fermilab Portale CDFGRID per accedere alle risorse di calcolo locali a Fermilab. Job in corso 5k CDFGRID

Dettagli

True CMS USER MANUAL

True CMS USER MANUAL DIGIVISION srl - Viale Piave 3-20129 MILANO Italy telefono ++39 02 7600 7932 - fax ++39 02 7601 6305 Ufficio vendite e-mail: vendite@digivision.it Supporto tecnico e-mail: lab@digivision.it True CMS USER

Dettagli

I processi. Un processo è una attività, controllata da un programma, che si svolge su un processore.

I processi. Un processo è una attività, controllata da un programma, che si svolge su un processore. I processi Cos è un processo? Un processo è una attività, controllata da un programma, che si svolge su un processore. Il programma è una entità statica che descrive la sequenza di istruzioni che devono

Dettagli

Modulo 8 Ethernet Switching

Modulo 8 Ethernet Switching Modulo 8 Ethernet Switching 8.1 Ethernet Switching 8.1.1 Bridging a livello 2 Aumentando il numero di nodi su un singolo segmento aumenta la probabilità di avere collisioni e quindi ritrasmissioni. Una

Dettagli

INFN-BOLOGNA-T3. L. Rinaldi

INFN-BOLOGNA-T3. L. Rinaldi INFN-BOLOGNA-T3 L. Rinaldi I siti Tier-3 nel modello di calcolo di Atlas Configurazione del sito INFN-BOLOGNA-T3 Attività di Analisi e Produzione Attività di Ricerca Tecnologica Richieste e supporto Light

Dettagli

Appunti di Sistemi e Automazione

Appunti di Sistemi e Automazione Appunti di Sistemi e Automazione Il modello o macchina di Von Neumann rappresenta un computer con i suoi componenti principali e la sua organizzazione logico-funzionale. Tale progetto risale al 1945/1946.

Dettagli

Semplici esempi di ROOT&LaTex per il Corso di Laboratorio di Interazioni Fondamentali

Semplici esempi di ROOT&LaTex per il Corso di Laboratorio di Interazioni Fondamentali Semplici esempi di ROOT&LaTex per il Corso di Laboratorio di Interazioni Fondamentali 14 e 17 Novembre 2014 Michael J. Morello 1 Introduzione! Le esperienze di Laboratorio sono la parte essenziale del

Dettagli

Sistema di Trigger e di Acquisizione dati di CMS c 2008 by Antonio Pierro November 3, 2008

Sistema di Trigger e di Acquisizione dati di CMS c 2008 by Antonio Pierro November 3, 2008 Sistema di Trigger e di Acquisizione dati di CMS c 2008 by Antonio Pierro November 3, 2008 1 Introduzione Dal punto di vista del computing, il DAQ di CMS consiste in un grande ambiente di calcolo distribuito,

Dettagli

BVBA POMAC-LUB-SERVICES SPRLKorte Bruggestraat 28 B-8970 Poperinge Tel. 057/33 48 36 Fax 057/33 61 27 info@pomac.be internet: www.pomac.

BVBA POMAC-LUB-SERVICES SPRLKorte Bruggestraat 28 B-8970 Poperinge Tel. 057/33 48 36 Fax 057/33 61 27 info@pomac.be internet: www.pomac. BVBA POMAC-LUB-SERVICES SPRLKorte Bruggestraat 28 B-8970 Poperinge UNITA LUBETOOL MC-EL-3P-4P-5P-6P-7P, MC-EL-3M-4M-5M-6M-7M, MC-EL-2P E MC- EL-2M Sono forniti completi di scatola di protezione metallica

Dettagli

01/05/2014. Dalla precedente lezione. Ruolo dei sistemi operativi. Esecuzione dei programmi

01/05/2014. Dalla precedente lezione. Ruolo dei sistemi operativi. Esecuzione dei programmi Marco Lapegna Laboratorio di Programmazione Dalla precedente lezione 6. I sistemi operativi LABORATORIO DI PROGRAMMAZIONE Corso di laurea in matematica I Sistemi Operativi Il linguaggi di programmazione

Dettagli

Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione.

Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione. Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione. Compito fondamentale di un S.O. è infatti la gestione dell

Dettagli

IS Governance. Francesco Clabot Consulenza di processo. francesco.clabot@netcom-srl.it

IS Governance. Francesco Clabot Consulenza di processo. francesco.clabot@netcom-srl.it IS Governance Francesco Clabot Consulenza di processo francesco.clabot@netcom-srl.it 1 Fondamenti di ISO 20000 per la Gestione dei Servizi Informatici - La Norma - 2 Introduzione Che cosa è una norma?

Dettagli

M12 X-4. Mixer Preamplifier MASTER 5 AUX TUNER TAPE CD 10-15 VOLUME BASS HIGH. MAINOUT 90-245V JACK 50/60 Hz 3 T1,25A. R 10 60-20 30 mic.

M12 X-4. Mixer Preamplifier MASTER 5 AUX TUNER TAPE CD 10-15 VOLUME BASS HIGH. MAINOUT 90-245V JACK 50/60 Hz 3 T1,25A. R 10 60-20 30 mic. M12 X-4 Mixer Preamplifier INPUT VOICE VOICE VOICE VOICE CH 1 PIOITY A CH PIOITY AUX TUNE TAPE CD MASTE STEEO MAINOUT M12 X-4 1 1 1 1 1 1-1 +1-1 +1 1 1 1 CHANNE 1 CHANNE 2 CHANNE 3 CHANNE4 SOUCES VOUME

Dettagli

Lezione 2 Principi Fondamentali di SO Interrupt e Caching. Sommario

Lezione 2 Principi Fondamentali di SO Interrupt e Caching. Sommario Lezione 2 Principi Fondamentali di SO Interrupt e Caching Sommario Operazioni di un SO: principi fondamentali Una visione schematica di un calcolatore Interazione tra SO, Computer e Programmi Utente 1

Dettagli

= 0, 098 ms. Da cui si ricava t 2 medio

= 0, 098 ms. Da cui si ricava t 2 medio 1. Una macchina ha uno spazio degli indirizzi a 32 bit e una pagina di 8 KB. La tabella delle pagine è completamente nell hardware, con una parola a 32 bit per voce. Quando parte un processo, la tabella

Dettagli

NEAL. Increase your Siebel productivity

NEAL. Increase your Siebel productivity NEAL Increase your Siebel productivity Improve your management productivity Attraverso Neal puoi avere il controllo, in totale sicurezza, di tutte le Enterprise Siebel che compongono il tuo Business. Se

Dettagli

ESPERIENZE DI ESECUZIONE DI GAP ANALYSIS E RELATIVI PIANI DI ADEGUAMENTO ALLA ISO 26262 9 Automotive Software Workshop. Ernesto Viale 1 Dicembre 2011

ESPERIENZE DI ESECUZIONE DI GAP ANALYSIS E RELATIVI PIANI DI ADEGUAMENTO ALLA ISO 26262 9 Automotive Software Workshop. Ernesto Viale 1 Dicembre 2011 ESPERIENZE DI ESECUZIONE DI GAP ANALYSIS E RELATIVI PIANI DI ADEGUAMENTO ALLA ISO 26262 9 Automotive Software Workshop Ernesto Viale 1 Dicembre 2011 Skytechnology srl Skytechnology è una società di ingegneria,

Dettagli

M12 X-4. Mixer Preamplifier MASTER 5 AUX TUNER TAPE CD 10-15. MAIN OUT 90-245V JACK 50/60Hz 3 T1,25A. R 10 60-20 30 mic. line AUX TUNER TAPE CD

M12 X-4. Mixer Preamplifier MASTER 5 AUX TUNER TAPE CD 10-15. MAIN OUT 90-245V JACK 50/60Hz 3 T1,25A. R 10 60-20 30 mic. line AUX TUNER TAPE CD M12 X-4 Mixer Preamplifier INPUT VOICE VOICE VOICE VOICE CH1 PIOITY A CH PIOITY AUX TUNE TAPE CD MASTE STEEO MAIN OUT M12 X-4 1 1 1 1 1 1-1 +1-1 +1 1 1 1 CHANNE 1 CHANNE 2 CHANNE3 CHANNE 4 SOUCES VOUME

Dettagli

idaq TM Manuale Utente

idaq TM Manuale Utente idaq TM Manuale Utente Settembre 2010 TOOLS for SMART MINDS Manuale Utente idaq 2 Sommario Introduzione... 5 Organizzazione di questo manuale... 5 Convenzioni... Errore. Il segnalibro non è definito. Installazione...

Dettagli

Big Data e Calcolo Parallelo

Big Data e Calcolo Parallelo Big Data e Calcolo Parallelo Luigi Roggia Tempi che cambiano... I sistemi informatici di ieri non sono più idonei a gestire le esigenze informative odierne Oggi più che mai è indispensabile ottimizzare

Dettagli

Realizzare un film con Windows Movie Maker

Realizzare un film con Windows Movie Maker Realizzare un film con Windows Movie Maker La Teca Didattica Movie Maker è un applicazione di Windows poco sfruttata a scuola, ma molto carina e facile da usare per realizzare piccoli film con i compagni

Dettagli

ACQUISTI PORTALE. Purchasing Portal

ACQUISTI PORTALE. Purchasing Portal ACQUISTI PORTALE Purchasing Portal Il portale acquisti della Mario De Cecco è ideato per: The Mario De Cecco purchase portal is conceived for: - ordinare on line in modo semplice e rapido i prodotti desiderati,

Dettagli

Gli studi dell HCI si concentrano spesso sull interfaccia

Gli studi dell HCI si concentrano spesso sull interfaccia Interazione Uomo-Macchina (e Usabilità) 1 Cos'è l'hci? Human-Computer Interaction (HCI) Possibile definizione (ACM) Human-computer interaction ti is a discipline i concerned with the design, evaluation

Dettagli

Portale Materiali Grafiche Tamburini. Grafiche Tamburini Materials Portal

Portale Materiali Grafiche Tamburini. Grafiche Tamburini Materials Portal Portale Materiali Grafiche Tamburini Documentazione utente italiano pag. 2 Grafiche Tamburini Materials Portal English user guide page 6 pag. 1 Introduzione Il Portale Materiali è il Sistema Web di Grafiche

Dettagli

Tipi classici di memoria. Obiettivo. Principi di localita. Gerarchia di memoria. Fornire illimitata memoria veloce. Static RAM. Problemi: Dynamic RAM

Tipi classici di memoria. Obiettivo. Principi di localita. Gerarchia di memoria. Fornire illimitata memoria veloce. Static RAM. Problemi: Dynamic RAM Obiettivo Tipi classici di memoria Fornire illimitata memoria veloce Problemi: costo tecnologia Soluzioni: utilizzare diversi tipi di memoria... Static RAM access times are 2-25ns at cost of $100 to $250

Dettagli

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant UNIONE DELLA A Solar Energy Storage Pilot Power Plant DELLA Project Main Goal Implement an open pilot plant devoted to make Concentrated Solar Energy both a programmable energy source and a distribution

Dettagli

Formazione e Apprendimento in Rete Open source. Il cloud computing. Dropbox e Google Drive ambienti di condivisione e collaborazione

Formazione e Apprendimento in Rete Open source. Il cloud computing. Dropbox e Google Drive ambienti di condivisione e collaborazione Formazione e Apprendimento in Rete Open source Il cloud computing Dropbox e Google Drive ambienti di condivisione e collaborazione Formazione insegnanti Generazione Web Lombardia Il Cloud, metafora per

Dettagli

Appunti di informatica. Lezione 6 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio

Appunti di informatica. Lezione 6 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio Appunti di informatica Lezione 6 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio RAM disco La RAM è basata su dispositivi elettronici, che funzionano con tempi molto rapidi, ma che necessitano di alimentazione

Dettagli

Corso di Introduzione all Informatica MS-WINDOWS. Esercitatore: Fabio Palopoli

Corso di Introduzione all Informatica MS-WINDOWS. Esercitatore: Fabio Palopoli Corso di Introduzione all Informatica MS-WINDOWS Esercitatore: Fabio Palopoli IL SISTEMA OPERATIVO Il Sistema Operativo è il software che permette l interazione tra uomo e macchina (hardware). Il S.O.

Dettagli

Lettura targhe con telecamere MOBOTIX

Lettura targhe con telecamere MOBOTIX Lettura targhe con telecamere MOBOTIX Premessa Le telecamere MOBOTIX non hanno a bordo un software in grado di effettuare la lettura dei caratteri della targa (OCR Optical Character Recognition) ma possono

Dettagli

Introduzione all ambiente di sviluppo

Introduzione all ambiente di sviluppo Laboratorio II Raffaella Brighi, a.a. 2005/06 Corso di Laboratorio II. A.A. 2006-07 CdL Operatore Informatico Giuridico. Introduzione all ambiente di sviluppo Raffaella Brighi, a.a. 2005/06 Corso di Laboratorio

Dettagli

Brochure Internet. Versione 2010.1 The Keyrules Company s.r.l. Pagina 2 di 8

Brochure Internet. Versione 2010.1 The Keyrules Company s.r.l. Pagina 2 di 8 Ogni organizzazione possiede un sistema di regole che la caratterizzano e che ne assicurano il funzionamento. Le regole sono l insieme coordinato delle norme che stabiliscono come deve o dovrebbe funzionare

Dettagli

Sincronizzazione distribuita: Mutua esclusione ed elezione

Sincronizzazione distribuita: Mutua esclusione ed elezione Sistemi Distribuiti Sincronizzazione distribuita: Mutua esclusione ed elezione 1 Mutua Esclusione (algoritmo centralizzato) a) Il Processo 1 chiede al coordinatore il permesso di entrare in una regione

Dettagli

HighWay/eXtraWay Project - Schema sintetico delle configurazioni hardware Manuale di riferimento. Generato da Doxygen 1.5.1-p1

HighWay/eXtraWay Project - Schema sintetico delle configurazioni hardware Manuale di riferimento. Generato da Doxygen 1.5.1-p1 HighWay/eXtraWay Project - Schema sintetico delle configurazioni hardware Manuale di riferimento Generato da Doxygen 1.5.1-p1 Fri Jan 4 11:10:14 2008 Indice Capitolo 1 Schema sintetico delle possibili

Dettagli

Computer, energia e inquinamento

Computer, energia e inquinamento Computer, energia e inquinamento Giovanni Organtini Dip. di Fisica Sapienza Università di Roma INFN-Sez. di Roma 1 Introduzione Perché sono qui? Il progetto LHC al CERN La questione ambientale Le soluzioni

Dettagli

Hardware, software e periferiche. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre

Hardware, software e periferiche. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Hardware, software e periferiche Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Riepilogo - Concetti di base dell informatica L'informatica è quel settore scientifico disciplinare

Dettagli

STATO ESPERIMENTO. ! MAGNETE: pare intravedersi una via di uscita

STATO ESPERIMENTO. ! MAGNETE: pare intravedersi una via di uscita STATO ESPERIMENTO! COMPASS è sul floor e sta prendendo buoni dati! Eccellente lavoro specialmente della componente italiana Complimenti! Tracciamento spettrometro è OK (MWPC, Straw Tubes, Micromega, GEM,

Dettagli

1. Spiegare le differenze fra le seguenti modalità di binding degli indirizzi:

1. Spiegare le differenze fra le seguenti modalità di binding degli indirizzi: 1. Spiegare le differenze fra le seguenti modalità di binding degli indirizzi: compile time, load time, execution time. Quale delle modalità precedenti necessita di un supporto hardware per poter essere

Dettagli

Sistemi Operativi GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 6.1

Sistemi Operativi GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 6.1 GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE 6.1 Gestione della Memoria Background Spazio di indirizzi Swapping Allocazione Contigua Paginazione 6.2 Background Per essere eseguito un programma deve trovarsi (almeno

Dettagli

STATO IMPLEMENTAZIONE ONVIF SU TELECAMERE MUNDUS SECURUS

STATO IMPLEMENTAZIONE ONVIF SU TELECAMERE MUNDUS SECURUS IMPLEMENTAZIONE ONVIF SU TELECAMERE MUNDUS SECURUS 1. Ambiente di sviluppo Sono stati analizzati diversi linguaggi e framework differenti utilizzabili per implementare i WebServices ONVIF. Il risultato

Dettagli

SOMMARIO. La CPU I dispositivi iti i di memorizzazione Le periferiche di Input/Output. a Montagn Maria

SOMMARIO. La CPU I dispositivi iti i di memorizzazione Le periferiche di Input/Output. a Montagn Maria Parte 4: HARDWARE SOMMARIO La CPU I dispositivi iti i di memorizzazione i Le periferiche di Input/Output na a Montagn Maria LA CPU CPU: Central Processing Unit. L unità centrale di processo si occupa dell

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Realizzazione di un'applicazione per l'acquisizione dati da un rivelatore a fibre scintillanti

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Gestione della memoria Domande di verifica. Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 18/06/2007

SISTEMI OPERATIVI. Gestione della memoria Domande di verifica. Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 18/06/2007 2007 SISTEMI OPERATIVI Gestione della memoria Domande di verifica Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 18/06/2007 Gestione della memoria 1. Si descriva il concetto di memoria virtuale (esame del 19-06-2006)

Dettagli

Sistemi Operativi 1. Mattia Monga. a.a. 2008/09. Dip. di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano, Italia mattia.monga@unimi.

Sistemi Operativi 1. Mattia Monga. a.a. 2008/09. Dip. di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano, Italia mattia.monga@unimi. 1 Mattia Dip. di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano, Italia mattia.monga@unimi.it a.a. 2008/09 1 c 2009 M.. Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia

Dettagli

I controlli generali IT riguardano l organizzazione della funzione IT, le attività di acquisizione e manutenzione del software, le procedure di sicurezza logica e fisica, i controlli sul funzionamento

Dettagli

What is LabVIEW???? Pietro Giannone. Dipartimento di Ingegneria Elettrica Elettronica e dei Sistemi. Università degli Studi di Catania

What is LabVIEW???? Pietro Giannone. Dipartimento di Ingegneria Elettrica Elettronica e dei Sistemi. Università degli Studi di Catania Università degli Studi di Catania Dipartimento di Ingegneria Elettrica Elettronica e dei Sistemi What is LabVIEW???? Pietro Giannone University of Catania Dipartimento di Ingegneria Elettrica Elettronica

Dettagli

PROGETTAZIONE FISICA

PROGETTAZIONE FISICA PROGETTAZIONE FISICA Memorizzazione su disco, organizzazione di file e tecniche hash 2 Introduzione La collezione di dati che costituisce una BDD deve essere fisicamente organizzata su qualche supporto

Dettagli

1.4a: Hardware (Processore)

1.4a: Hardware (Processore) 1.4a: Hardware (Processore) 2 23 nov 2011 Bibliografia Curtin, Foley, Sen, Morin Informatica di base, Mc Graw Hill Ediz. Fino alla III : cap. 3.8, 3.9 IV ediz.: cap. 2.6, 2.7 Questi lucidi 23 nov 2011

Dettagli

THETIS Water Management System for Settignano acqueduct (Firenze, Italy) Water Management System for Settignano aqueduct (Firenze, Italy)

THETIS Water Management System for Settignano acqueduct (Firenze, Italy) Water Management System for Settignano aqueduct (Firenze, Italy) THETIS for Settignano aqueduct (Firenze, Italy) YEAR: 2003 CUSTOMERS: S.E.I.C. Srl developed the Water Monitoring System for the distribution network of Settignano Municipality Aqueduct. THE PROJECT Il

Dettagli

Memoria secondaria. Sistemi Operativi mod. B 14.1

Memoria secondaria. Sistemi Operativi mod. B 14.1 Memoria secondaria Struttura del disco Scheduling del disco Gestione dell unità a disco Gestione dello spazio di swap La struttura RAID Affidabilità dei dischi Connessione dei dischi 14.1 Memoria secondaria

Dettagli

Capitolo 11 -- Silberschatz

Capitolo 11 -- Silberschatz Implementazione del File System Capitolo 11 -- Silberschatz Implementazione del File System File system: Definizione dell aspetto del sistema agli occhi dell utente Algoritmi e strutture dati che permettono

Dettagli

Architettura di un sistema di calcolo

Architettura di un sistema di calcolo Richiami sulla struttura dei sistemi di calcolo Gestione delle Interruzioni Gestione della comunicazione fra processore e dispositivi periferici Gerarchia di memoria Protezione. 2.1 Architettura di un

Dettagli

Il File System. È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati

Il File System. È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati Il File System È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati Le operazioni supportate da un file system sono: eliminazione di dati modifica

Dettagli

CONFIGURATION MANUAL

CONFIGURATION MANUAL RELAY PROTOCOL CONFIGURATION TYPE CONFIGURATION MANUAL Copyright 2010 Data 18.06.2013 Rev. 1 Pag. 1 of 15 1. ENG General connection information for the IEC 61850 board 3 2. ENG Steps to retrieve and connect

Dettagli

APPLICAZIONE COMPACTRIO DI RIFERIMENTO PER UN DATALOGGER A BORDO VEICOLO BASATO SU TIPS & TECHNIQUES

APPLICAZIONE COMPACTRIO DI RIFERIMENTO PER UN DATALOGGER A BORDO VEICOLO BASATO SU TIPS & TECHNIQUES APPLICAZIONE DI RIFERIMENTO PER UN DATALOGGER A BORDO VEICOLO BASATO SU COMPACTRIO Ryan King Q uesta applicazione presenta una soluzione software per un datalogger embedded stand-alone basato su hardware

Dettagli

Il Progetto di Centro di Reprocessing di BaBar: Monitoring e Simulazione

Il Progetto di Centro di Reprocessing di BaBar: Monitoring e Simulazione Il Progetto di Centro di Reprocessing di BaBar: Monitoring e Simulazione Moreno Marzolla Email marzolla@pd.infn.it WWW: http://www.pd.infn.it/~marzolla INFN Padova BaBar Collaboration & Dip. Informatica,

Dettagli

Solitamente la capacità è minore di un disco magnetico, ma la velocità è molto più alta.

Solitamente la capacità è minore di un disco magnetico, ma la velocità è molto più alta. C4. MEMORIA SECONDARIA Nel seguito verranno analizzati, oltre alla struttura dei dispositivi di memorizzazione, anche gli algoritmi di scheduling delle unità a disco, la formattazione dei dischi, la gestione

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica per chimica industriale e chimica applicata e ambientale LEZIONE 4 - parte II La memoria 1 La memoriaparametri di caratterizzazione Un dato dispositivo di memoria è caratterizzato da : velocità di accesso,

Dettagli

STRUTTURE DEI SISTEMI DI CALCOLO

STRUTTURE DEI SISTEMI DI CALCOLO STRUTTURE DEI SISTEMI DI CALCOLO 2.1 Strutture dei sistemi di calcolo Funzionamento Struttura dell I/O Struttura della memoria Gerarchia delle memorie Protezione Hardware Architettura di un generico sistema

Dettagli

Input/Output. Moduli di Input/ Output. gestiscono quantità di dati differenti a velocità diverse in formati diversi. n Grande varietà di periferiche

Input/Output. Moduli di Input/ Output. gestiscono quantità di dati differenti a velocità diverse in formati diversi. n Grande varietà di periferiche Input/Output n Grande varietà di periferiche gestiscono quantità di dati differenti a velocità diverse in formati diversi n Tutti più lenti della CPU e della RAM n Necessità di avere moduli di I/O Moduli

Dettagli

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 7: project management plan lista attività WBS e strumenti

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 7: project management plan lista attività WBS e strumenti Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 7: project management plan lista attività WBS e strumenti Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it folgieri@mtcube.com

Dettagli

Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione. Studio Elfra sas Via F.lli Ruffini 9 17031 Albenga SV 0182596058

Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione. Studio Elfra sas Via F.lli Ruffini 9 17031 Albenga SV 0182596058 by Studio Elfra sas Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione Aggiornato a Aprile 2009 Informatica di base 1 Elaborazione testi I word processor, o programmi per l'elaborazione

Dettagli

LA CONDIVISIONE ONLINE DEGLI ARCHIVI CONTABILI TRAMITE DROPBOX

LA CONDIVISIONE ONLINE DEGLI ARCHIVI CONTABILI TRAMITE DROPBOX LA CONDIVISIONE ONLINE DEGLI ARCHIVI CONTABILI TRAMITE DROPBOX 1) PREMESSA Gli studi commerciali e le aziende dislocate in più sedi operative potrebbero avere la necessità di condividere gli stessi archivi

Dettagli

SISTEMA BASATO SU PIATTAFORMA UAV PER MISURE A. Le radiazioni elettromagnetiche ad alta potenza per la sicurezza e la difesa

SISTEMA BASATO SU PIATTAFORMA UAV PER MISURE A. Le radiazioni elettromagnetiche ad alta potenza per la sicurezza e la difesa SISTEMA BASATO SU PIATTAFORMA UAV PER MISURE A LARGA BANDA DI CAMPI E.M. DI ELEVATA INTENSITÀ Ing. Raffaele Scuderi EM System Design & Framework Laboratory IDS Ingegneria dei Sistemi SpA Le radiazioni

Dettagli

Chapter 2. Il software di CMS

Chapter 2. Il software di CMS Chapter 2 Il software di CMS Negli ultimi esperimenti HEP (High Energy Physics) linguaggi e strumenti di ingegneria software orientati ad oggetti 1 sono diventati di uso comune per lo sviluppo delle infrastrutture

Dettagli

La macchina programmata Instruction Set Architecture (1)

La macchina programmata Instruction Set Architecture (1) Corso di Laurea in Informatica Architettura degli elaboratori a.a. 2014-15 La macchina programmata Instruction Set Architecture (1) Schema base di esecuzione Istruzioni macchina Outline Componenti di un

Dettagli

Protocolli di accesso multiplo

Protocolli di accesso multiplo Protocolli di accesso multiplo Quando l accesso ad una risorsa può avvenire da parte di più utenti indipendenti, si parla di risorsa condivisa ed è necessaria l implementazione di particolari protocolli

Dettagli

Dispensa di Informatica I.1

Dispensa di Informatica I.1 IL COMPUTER: CONCETTI GENERALI Il Computer (o elaboratore) è un insieme di dispositivi di diversa natura in grado di acquisire dall'esterno dati e algoritmi e produrre in uscita i risultati dell'elaborazione.

Dettagli

Scuola Primaria FINALE SQ. - 14/15 ESERCIZIO 1

Scuola Primaria FINALE SQ. - 14/15 ESERCIZIO 1 ESERCIZIO 1 Si ricordi che una regola di deduzione è un termine che ha la struttura: regola(,,). Tale termine indica una regola di nome che consente di dedurre

Dettagli

Prof.ssa Paola Vicard

Prof.ssa Paola Vicard Questa nota consiste perlopiù nella traduzione da Descriptive statistics di J. Shalliker e C. Ricketts, 2000, University of Plymouth Consideriamo come esempio il data set contenuto nel foglio excel esercizio2_dati.xls.

Dettagli

group STRUMENTO CANVIEW 3+ CANVIEW 3+ INSTRUMENT CLUSTER CAN J1939 ISOBUS - ISO11783 VT3 SOFTWARE DEVELOPMENT TOOLS IEC 61131

group STRUMENTO CANVIEW 3+ CANVIEW 3+ INSTRUMENT CLUSTER CAN J1939 ISOBUS - ISO11783 VT3 SOFTWARE DEVELOPMENT TOOLS IEC 61131 group STRUMENTO CANVIEW 3+ CANVIEW 3+ INSTRUMENT CLUSTER IEC 61131 VT3 SOFTWARE DEVELOPMENT TOOLS CAN J1939 ISOBUS - ISO11783 1 STRUMENTO CANVIEW 3+ CANVIEW 3+ INSTRUMENT CLUSTER 2 SPECIFICHE TECNICHE

Dettagli

Altri metodi di indicizzazione

Altri metodi di indicizzazione Organizzazione a indici su più livelli Altri metodi di indicizzazione Al crescere della dimensione del file l organizzazione sequenziale a indice diventa inefficiente: in lettura a causa del crescere del

Dettagli

il programma per la gestione dei reclami

il programma per la gestione dei reclami il programma per la gestione dei reclami BREVE DESCRIZIONE DELLE PRINCIPALI CARATTERISTICHE [gennaio 2006] PREMESSA: i dati che si possono leggere nelle seguenti immagini, sono tratti da basi di dati reali

Dettagli

Configurazione & Programmazione Profibus DP. in Ambiente Siemens TIA Portal

Configurazione & Programmazione Profibus DP. in Ambiente Siemens TIA Portal Configurazione & Programmazione Profibus DP in Ambiente Siemens TIA Portal Configurazione Optional: Aggiungere File GSD Inserire Masters e Slaves Inserire Sottorete Profibus DP e collegare tutte le interfacce

Dettagli

Verifica e Validazione (V & V) Software e difetti. Processo di V & V. Test

Verifica e Validazione (V & V) Software e difetti. Processo di V & V. Test Software e difetti Il software con difetti è un grande problema I difetti nel software sono comuni Come sappiamo che il software ha qualche difetto? Conosciamo tramite qualcosa, che non è il codice, cosa

Dettagli

Laboratorio di Reti di Comunicazione e Internet (MOD1)

Laboratorio di Reti di Comunicazione e Internet (MOD1) Politecnico di Milano Dipartimento di Elettronica e Informazione Laboratorio di Reti di Comunicazione e Internet (MOD1) Prof. Musumeci Prof. Tornatore Lezione n : 4 Es. 3: rit. attesa in coda con traffico

Dettagli

Virtualizzazione delle Periferiche. Corso di Sistemi Operativi

Virtualizzazione delle Periferiche. Corso di Sistemi Operativi Virtualizzazione delle Periferiche Corso di Sistemi Operativi Introduzione Una delle funzioni principali di un SO è di controllare tutte le periferiche connesse al PC SO deve: comandare i dispositivi ascoltare

Dettagli

Aritmetica dei Calcolatori 2

Aritmetica dei Calcolatori 2 Laboratorio di Architettura 13 aprile 2012 1 Operazioni bit a bit 2 Rappresentazione binaria con segno 3 Esercitazione Operazioni logiche bit a bit AND OR XOR NOT IN OUT A B A AND B 0 0 0 0 1 0 1 0 0 1

Dettagli

group CONTROLLO MACCHINA EZ Dig PRO MACHINE CONTROL

group CONTROLLO MACCHINA EZ Dig PRO MACHINE CONTROL group CONTROLLO MACCHINA EZ Dig PRO MACHINE CONTROL edizione/edition 11-2012 group CONTROLLO MACCHINA EZ Dig PRO Endless Digging Endless Digging EZ-Dig Pro è l innovativo sistema per il controllo macchina,

Dettagli

Il miglioramento delle performance produttive tramite l analisi di KPI: stabilimento food & beverage. Case history Parmalat

Il miglioramento delle performance produttive tramite l analisi di KPI: stabilimento food & beverage. Case history Parmalat Il miglioramento delle performance produttive tramite l analisi di KPI: stabilimento food & beverage. Case history Parmalat - Food-Beverage&Packaging Industry - Analisi del contesto esterno La competitività

Dettagli

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem.

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem. CRWM CRWM (Web Content Relationship Management) has the main features for managing customer relationships from the first contact to after sales. The main functions of the application include: managing

Dettagli

ETA CONSIGLIATA/RECOMMENDED AGE Indica per quale fascia di età è stato pensato il giocattolo. Suggested age group for the ride.

ETA CONSIGLIATA/RECOMMENDED AGE Indica per quale fascia di età è stato pensato il giocattolo. Suggested age group for the ride. 5 12 ETA CONSIGLIATA/RECOMMENDED AGE Indica per quale fascia di età è stato pensato il giocattolo. Suggested age group for the ride. UN BAMBINO/ONE CHILD Su questo gioco può salire al massimo un bambino.

Dettagli

Verifica e Validazione del Simulatore

Verifica e Validazione del Simulatore Verifica e del Simulatore I 4 passi principali del processo simulativo Formulare ed analizzare il problema Sviluppare il Modello del Sistema Raccolta e/o Stima dati per caratterizzare l uso del Modello

Dettagli

L architettura del calcolatore (Terza parte)

L architettura del calcolatore (Terza parte) L architettura del calcolatore (Terza parte) Ingegneria Meccanica e dei Materiali Università degli Studi di Brescia Prof. Massimiliano Giacomin I dispositivi periferici periferia parte centrale sottosistema

Dettagli

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003 Il clustering Sistemi Distribuiti 2002/2003 Introduzione In termini generali, un cluster è un gruppo di sistemi indipendenti che funzionano come un sistema unico Un client interagisce con un cluster come

Dettagli

LHCB DRAFT. *Stato dell esperimento e analisi finanziaria globale

LHCB DRAFT. *Stato dell esperimento e analisi finanziaria globale LHCB G. Martellotti CSN1 24-09 - 2003 DRAFT *Stato dell esperimento e analisi finanziaria globale G. Martellotti 30 m *Stato del rivelatore MU - Camere (proto/test/produz.) C. Forti 30 m - Elettronica

Dettagli

Scopo della lezione. Informatica. Informatica - def. 1. Informatica

Scopo della lezione. Informatica. Informatica - def. 1. Informatica Scopo della lezione Informatica per le lauree triennali LEZIONE 1 - Che cos è l informatica Introdurre i concetti base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare le applicazioni

Dettagli

Software testing. Lezione 3 Functional Testing Federica Spiga federica_spiga@yahoo.it. A.A. 2010-2011 Autori: A.Bei/F.Rabini/F.

Software testing. Lezione 3 Functional Testing Federica Spiga federica_spiga@yahoo.it. A.A. 2010-2011 Autori: A.Bei/F.Rabini/F. 1 Software testing Lezione 3 Functional Testing Federica Spiga federica_spiga@yahoo.it A.A. 2010-2011 Autori: A.Bei/F.Rabini/F.Spiga 2 Functional Testing Sotto la dicitura funzionale si raccolgono i criteri

Dettagli