D.M. 18/12/1975 D.M. 13/09/1977

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "D.M. 18/12/1975 D.M. 13/09/1977"

Transcript

1 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SOC IGIENE E SANITA PUBBLICA Direttore f.f. Gianmartino Biollo Sede Centrale: Via IV Novembre Omegna Tel /23 Fax Sede Operativa Omegna Via IV Novembre 294 Tel Fax Sede Operativa Verbania Viale S. Anna 83 Tel Fax Sede Operativa Domodossola Via Scapaccino 47 Tel Fax PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI 1. STRUTTURE SCOLASTICHE PUBBLICHE E ASSIMILABILI D.M. 18/12/1975 D.M. 13/09/ STRUTTURE RICETTIVE D.P.G.R. n. 1/R del 11/03/2011 (requisiti e modalità per l attività di gestione delle strutture ricettive alpinistiche nonché requisiti tecnico-edilizi ed igienico-sanitari occorrenti al loro funzionamento art. 17 L.R. 18/02/2010 n. 8 -) L.R. n. 38 del 30/12/2009 L.R. n. 22 del 30/09/02 (potenziamento della capacità turistica alberghiera. Modifiche ed integrazioni alle L.R. 31/85 e L.R. 34/88 e L.R. 18/99) L.R. n. 15 del 02/07/1999 ( rifugi alpini e rifugi escursionistici) L.R. n. 14 del 24/01/1995 (nuova classificazione delle aziende alberghiere) L.R. n. 38 del 23/03/1995 (disciplina dell agriturismo) L.R. n. 34 del 14/07/1988 (modifiche ed integrazioni alle norme igienico sanitarie delle strutture ricettive alberghiere ed extralberghiera, L.R. 31/85) L.R. n. 31 del 15/04/1985 (disciplina delle strutture ricettive extralberghiera) L.R. n. 54 del 31/08/1979 (disciplina dei complessi ricettivi all aperto) e s.m.i. 1

2 3. STRUTTURE SPORTIVE E RICREATIVE Piscine Accordo del 16/01/2003 tra Stato e Regioni relativo agli aspetti igienico sanitari concernenti la costruzione, la manutenzione e la vigilanza delle piscine ad uso natatorio (Pubblicato sulla G.U. n. 51 del 03/03/2003) Piscine Atto d intesa tra Stato e Regioni relativo agli aspetti igienico sanitari concernenti la costruzione, la manutenzione e la vigilanza delle piscine ad uso natatorio 17/02/1992 (Pubblicato sul suppl. ord. alla G.U. n. 39 del 17/02/1992) Piscine - Circolare Regione Piemonte prot. n. 4073/48/767 del 21/06/1995 (indicazioni operative) D.M. 18/03/1996 (norme di sicurezza per la costruzione e l esercizio degli impianti sportivi) D.M. 06/06/05 (modifiche al D.M. 18/03/1996) 4. STRUTTURE SANITARIE D.G.R. n del 14/09/2009 (Allegato A e tabella 1 pubblicata su II Suppl. allegato al B.U.R. n. 37/2009) 5. STRUTTURE SOCIO ASSISTENZIALI D.G.R. n del 14/09/2009 (Allegato A e tabella 1 pubblicata su II Suppl. allegato al B.U.R. n. 37/2009) 2

3 6. STRUTTURE PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI BARBIERE, PARRUCCHIERE, ESTETISTA, SOLARIUM, TATUAGGI E PIERCING 7. STRUTTURE ADIBITE AD ATTIVITA COMMERCIALI NO-FOOD D.L. n. 7 del 31/01/2007 ( indicazioni inerenti la fase di prima applicazione nella materia di esercizio dell attività di acconciatore ed estetista) D.P.G.R. n. 6/R del 07/04/2003 (regolamento regionale delle attività di SOLARIUM) D.P.G.R. n. 46 del 22/05/2003 (prime indicazioni tecnico sanitarie per l esecuzione dell attività di tatuaggio e di piercing) D.P.G.R. n. 78 del 4/11/1999 (prime indicazioni tecnico-operative per l esecuzione di attività di SOLARIUM) L.R. n. 54 del 09/12/1992 (norme di attuazione della legge n. 1/90) Legge n. 1 del 04/01/1990 (disciplina dell attività di estetista) Legge n del 23/12/1970 (modifiche alla legge n. 161/63) Legge n. 161 del 14/02/1963 (disciplina dell attività di barbiere, parrucchiere ed affini) Indicazioni guida dell ASL VCO (in attesa dei Regolamenti Comunali) L.R. n. 9 del 29/04/2003 (Norme per il recupero funzionale dei rustici) D.G.R del 01/08/2003. D.M. Sanità 09/06/1999 (modificazioni in materia dell altezza minima e requisiti igienico sanitari principali locali d abitazione) L.R. n. 21 del 06/08/1998 (norme per il recupero ai fini abitativi dei sottotetti) D.M. 05/07/1975 I.M. 20/06/1896 (dei regolamenti locali sull Igiene del suolo e dell abitato) 3

4 8. UFFICI, STUDI PROFESSIONALI L.R. n. 9 del 29/04/2003 (Norme per il recupero funzionale dei rustici) D.G.R del 01/08/2003. D.M. Sanità 09/06/1999 (modificazioni in materia dell altezza minima e requisiti igienico sanitari principali locali d abitazione) L.R. n. 21 del 06/08/1998 (norme per il recupero ai fini abitativi dei sottotetti) D.M. 05/07/ STRUTTURA ADIBITE ALLA PRODUZIONE, TRASFORMAZIONE, CONFEZIONAMENTO E VENDITA DI GENERI ALIMENTARI E BEVANDE D.P.G.R n. 2/R del 3/03/2008 pubblicato sul BUR n. 10 del 6/03/ LOCALI DI RITROVO PER PUBBLICO SPETTACOLO Circolare n. 16/1951 Ministero degli Interni Normative prevenzione incendi 11. LOCALI PER FUMATORI Legge n. 3 del 16/01/2003 D.P.C.M. 23/12/2003 (attuazione dell art. 51, comma 2 legge n.3/2003) 12. STABILIMENTI BALNEARI Regolamento tipo d igiene Regione Piemonte del novembre

5 13. PALESTRE, SCUOLE DI Regolamento tipo d igiene Regione Piemonte del novembre 1991 DANZA 14. LAVANDERIE Regolamento tipo d igiene Regione Piemonte del novembre 1991 Per quanto non specificato nei singoli argomenti si applicano le norme più restrittive dei Regolamenti comunali (edilizio, d igiene ecc.) In carenza di norme comunali si ritiene applicabile il Regolamento Tipo Regionale, suppl. straordinario al B.U.R. n. 46/1991 Aggiornamento file al 25 marzo

ALLEGATO 1. Riferimenti normativi

ALLEGATO 1. Riferimenti normativi ALLEGATO 1 Rassegna delle normative di riferimento che disciplinano i requisiti igienico sanitari per la edificazione ristrutturazione ampliamento di fabbricati adibiti a diversi usi Struttura Riferimenti

Dettagli

OGGETTO: Nota Regione Piemonte Precisazioni in merito all art. 48 LR 56/77, così come modificato dalla LR 3/2013 e al DPR 380/01

OGGETTO: Nota Regione Piemonte Precisazioni in merito all art. 48 LR 56/77, così come modificato dalla LR 3/2013 e al DPR 380/01 Via Conte Verde, 125-14100 ASTI Casella Postale 130 Tel. +39 0141.481111 Fax. +39 0141.484095 e-mail: protocollo@pec.asl.at.it P.I. / Cod. Fisc. 01120620057 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE

Dettagli

Servizio Igiene e Sanità Pubblica TIPOLOGIE ATTIVITA E PROCEDIMENTI (art. 35, D.L.vo n. 33/2013) Aggiornato al 8 settembre 2015

Servizio Igiene e Sanità Pubblica TIPOLOGIE ATTIVITA E PROCEDIMENTI (art. 35, D.L.vo n. 33/2013) Aggiornato al 8 settembre 2015 Servizio Igiene e Sanità Pubblica TIPOLOGIE ATTIVITA E PROCEDIMENTI (art. 35, D.L.vo n. 33/2013) Aggiornato al 8 settembre 2015 Descrizione del amministrativo e indicazione dei riferimenti normativi utili

Dettagli

ELABORATO DAL TARIFFARIO DELLA PREVENZIONE REGIONE TOSCANA Prossimo aggiornamento ISTAT: 01/08/2011

ELABORATO DAL TARIFFARIO DELLA PREVENZIONE REGIONE TOSCANA Prossimo aggiornamento ISTAT: 01/08/2011 ELABORATO DAL TARIFFARIO DELLA PREVENZIONE REGIONE TOSCANA Prossimo aggiornamento ISTAT: 01/08/2011 Per calcolare le somme spettanti all Azienda Sanitaria si procederà come segue: 1) Si cerca nell elenco

Dettagli

Azienda USL n.12 di Viareggio Dipartimento di Prevenzione

Azienda USL n.12 di Viareggio Dipartimento di Prevenzione ELABORATO DAL TARIFFARIO DELLA PREVENZIONE REGIONE TOSCANA Prossimo aggiornamento ISTAT: 01/08/2010 Per calcolare le somme spettanti all Azienda Sanitaria si procederà come segue: 1) Si cerca nell elenco

Dettagli

detergenti Rilascio autorizzazione sanitaria per apertura ambulatori e studi veterinari 6 Rilascio autorizzazione amministrativa per custodia di cani

detergenti Rilascio autorizzazione sanitaria per apertura ambulatori e studi veterinari 6 Rilascio autorizzazione amministrativa per custodia di cani UNITA ORGANIZZATIVA COMPETENTE: SERVIZIO SPORTELLO UNICO EDILIZIA ED ATTIVITA PRODUTTIVE Sportello: ATTIVITA PRODUTTIVE 1 Rilascio autorizzazione per esercizio attività agrituristica 2 Rilascio autorizzazione

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 2 del 16 maggio Servizio di Igiene e Sanità Pubblica

Carta dei Servizi rev. 2 del 16 maggio Servizio di Igiene e Sanità Pubblica Carta dei Servizi rev. 2 del 16 maggio 2011 Servizio di Igiene Azienda Ulss n. 22 Bussolengo VR Dipartimento di Prevenzione Servizio di Igiene Valeggio sul Mincio via S. M. Crocifissa di Rosa presso il

Dettagli

Sportello Unico Attività Produttive (S.U.A.P.) COMUNE DI CATANZARO TABELLA DEI DIRITTI DI ISTRUTTORIA S.U.A.P.

Sportello Unico Attività Produttive (S.U.A.P.) COMUNE DI CATANZARO TABELLA DEI DIRITTI DI ISTRUTTORIA S.U.A.P. Sportello Unico Attività Produttive (S.U.A.P.) COMUNE DI CATANZARO TABELLA DEI DIRITTI DI ISTRUTTORIA S.U.A.P. ALLEGATO A ATTIVITA TURISTICO RICETTIVE (apertura,subingresso e variazioni) ATTIVITA ALBERGHIERA

Dettagli

ATTIVITA' rientranti a titolo esemplificativo. Importo Contributo. Primaria, Secondaria e Costo. % di applicazione. Costo Medio di Costruzione /mq

ATTIVITA' rientranti a titolo esemplificativo. Importo Contributo. Primaria, Secondaria e Costo. % di applicazione. Costo Medio di Costruzione /mq CATEGORIE ATTIVITA' rientranti a titolo esemplificativo A RESIDENZA e attività affini A1 Residenza ordinaria residenza ordinaria ai sensi dell'articolo 57, comma 2, lettera b), della legge urbanistica

Dettagli

UFFICIO SUAP ATTIVITA REQUISITI SOGGETTIVI REQUISITI OGGETTIVI CRITERI DI CONTROLLO MODALITA DI CONTROLLO

UFFICIO SUAP ATTIVITA REQUISITI SOGGETTIVI REQUISITI OGGETTIVI CRITERI DI CONTROLLO MODALITA DI CONTROLLO UFFICIO SUAP ELENDO DELLE TIPOLOGIE DI CONTROLLO CUI SONO ASSOGGETTATE LE IMPRESE IN RAGIONE DELLA DIMENSIONE E DEL SETTORE DI ATTIVITA IN OTTEMPERANZA ALLE DISPOSIZIONI EX ART. 25 DEL D.LGS n 33/2013,

Dettagli

EMISSIONI NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE: DAL 18 FEBBRAIO 2012, QUALCOSA È CAMBIATO

EMISSIONI NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE: DAL 18 FEBBRAIO 2012, QUALCOSA È CAMBIATO Pagina 1 di 9 EMISSIONI NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE: DAL 18 FEBBRAIO 2012, QUALCOSA È CAMBIATO Dal 18 febbraio 2012, sono in vigore due importanti novità per le piccole e medie imprese (di seguito, PMI),

Dettagli

Notifica Sanitaria (Reg. CE n. 852/2004) con ricevuta diritti ASL - SUAP

Notifica Sanitaria (Reg. CE n. 852/2004) con ricevuta diritti ASL - SUAP DENOMINAZIONE OGGETTO ADEMPIMENTI SANITARI Notifica Sanitaria (Reg. CE n. 852/2004) Comunicazione sanitaria per produzione, preparazione, confezionamento, deposito distribuzione, trasporto sostanze alimentari

Dettagli

AZIENDA USL 3 PISTOIA. UNITA' ORGANIZZATIVA(s ettore - sezione) RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO. G.O.A.P. Gruppo Operativo Attività Produttive

AZIENDA USL 3 PISTOIA. UNITA' ORGANIZZATIVA(s ettore - sezione) RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO. G.O.A.P. Gruppo Operativo Attività Produttive Gruppo 1 2 3 relative a procedimento semplificato con VIA relative a procedimenti semplificati relative a procedimenti mediante autocertificazione 96 gg. dal deposito 72 gg. dal deposito 48 gg. dal deposito

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo II PRINCIPI GENERALI

INDICE SOMMARIO. Capitolo II PRINCIPI GENERALI xiii INDICE SOMMARIO Capitolo I NOZIONI INTRODUTTIVE 1.1. Premessa... 1 1.2. L autorita` di polizia... 4 1.3. Evoluzione legislativa... 5 1.3.1. La legislazione previgente... 5 1.3.2. La vigente normativa...

Dettagli

ACUSTICA IN EDILIZIA. PROCEDURE AMMINISTRATIVE aggiornato al 04/10/2012

ACUSTICA IN EDILIZIA. PROCEDURE AMMINISTRATIVE aggiornato al 04/10/2012 ACUSTICA IN EDILIZIA PROCEDURE AMMINISTRATIVE aggiornato al 04/10/2012 LA NORMATIVA L. 447/95 legge quadro sull inquinamento acustico. L.R. 52/2000 disposizioni per la tutela dell ambiente in materia di

Dettagli

TIPOLOGIE DI PROCEDIMENTO. Termine conclusione. 60 gg. SI. 60 gg. SI

TIPOLOGIE DI PROCEDIMENTO. Termine conclusione. 60 gg. SI. 60 gg. SI Descrizione breve Esercizi di vicinato Forme speciali di vendita Rif. Normativi 50/2012 - Regolame nto regionale D.G.R.V. 1047/2013 50/2012 Unità responsabile Responsabile del procedimento Responsabile

Dettagli

UFFICIO COMMERCIO STABILE TABELLA DEGLI ATTI DI COMPETENZA S.C.I.A. E AUTORIZZAZIONI RELATIVE ALLE ATTIVITA'COMMERCIALI AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA

UFFICIO COMMERCIO STABILE TABELLA DEGLI ATTI DI COMPETENZA S.C.I.A. E AUTORIZZAZIONI RELATIVE ALLE ATTIVITA'COMMERCIALI AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA UFFICIO COMMERCIO STABILE S.C.I.A. E AUTORIZZAZIONI RELATIVE ALLE ATTIVITA'COMMERCIALI AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA ESERCIZIO DI VICINATO, DISTRIBUTORI AUTOMATICI, COMMERCIO ELETTRONICO,VENDITA PER CORRISPONDENZA,VENDITA

Dettagli

Al SUAP Comune di MELZO - Codice ISTAT - F119

Al SUAP Comune di MELZO - Codice ISTAT - F119 Al SUAP Comune di MELZO - Codice ISTAT - F119 SEMPLIFICAZIONE DEGLI ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI IN MATERIA AMBIENTALE GRAVANTI SULLE IMPRESE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETA DI NON SUPERAMENTO

Dettagli

giugno 2016 TABELLA FUNZIONI E CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE COMUNE DI ROVERETO adeguata art. 87 comma 1 LP 15/2015

giugno 2016 TABELLA FUNZIONI E CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE COMUNE DI ROVERETO adeguata art. 87 comma 1 LP 15/2015 giugno 2016 TABELLA FUNZIONI E CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE COMUNE DI ROVERETO adeguata art. 87 comma 1 CATEGORIE ATTIVITA a titolo esemplificativo Percentuale di applicazione Primaria, secondaria e costo

Dettagli

Notifica Sanitaria (Reg. CE n. 852/2004) con ricevuta diritti ASL - SUAP

Notifica Sanitaria (Reg. CE n. 852/2004) con ricevuta diritti ASL - SUAP DENOMINAZIONE OGGETTO STRUTTURA ORGANIZZATIVA COMPETENTE RESPONSABILE PROCEDIMENTO RESPONSABILE PROVVEDIMENTO FINALE TERMINE DI CONCLUSIONE MODULISTICA ALLEGATI NORMATIVA DI RIFERIMENTO EVENTUALE OPERATIVITA':

Dettagli

quattrolinee Allegato 10 Riferimenti normativi Ph - Davide Bozzalla

quattrolinee Allegato 10 Riferimenti normativi Ph - Davide Bozzalla quattrolinee Allegato 10 Ph - Davide Bozzalla Riferimenti normativi www.torinofascuola.it info@torinofascuola.it NORMATIVA DI RIFERIMENTO L elenco è riportato a titolo indicativo, restando onere dei concorrenti

Dettagli

Dati turistici suddivisi per PROVINCE

Dati turistici suddivisi per PROVINCE Direzione Turismo, Sport, Parchi e Tempo Libero Anno Dati turistici suddivisi per PROVINCE SCHEDA - A ESERCIZI RICETTIVI Tipologie Settore Alberghiero / Extralberghiero Esercizi / Camere / Letti / Bagni

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 11/43/CU11/C5-C11 SCHEMA DI REGOLAMENTO AI SENSI DELL ART. 49, COMMA 4- QUATER DEL DECRETO LEGGE 31 MAGGIO 2010, N. 78, CONVERTITO, CON MODIFICAZIONI,

Dettagli

PRATICA N. Numero SUAP Tipologia Attività Enti Coinvolti Industria. Regione Data AVVIO Procedimento. Agricoltura

PRATICA N. Numero SUAP Tipologia Attività Enti Coinvolti Industria. Regione Data AVVIO Procedimento. Agricoltura C I T T À D I B R A SUAP Sportello Unico per le Attività Produttive Timbro del Protocollo Generale PRATICA N. Allo Sportello Unico per le Attività Produttive COMUNE DI BRA Piazza Caduti Libertà n. 14 12042

Dettagli

TABELLA C. Allegato della delibera di Giunta Comunale n. 81 del 28/04/2015 TIPOLOGIA DI INTERVENTO DIRITTI DI ISTRUTTORIA DIRITTI DI SEGRETERIA

TABELLA C. Allegato della delibera di Giunta Comunale n. 81 del 28/04/2015 TIPOLOGIA DI INTERVENTO DIRITTI DI ISTRUTTORIA DIRITTI DI SEGRETERIA TABELLA C Allegato della delibera di Giunta Comunale n. 81 del 28042015 SUAP Edilizia PROCEDIMENTO AUTOMATIZZATO ai sensi ART. 5 DPR 16010 PROCEDIMENTO UNICO ai sensi ART. 7 DPR 16010 CONFORMITA PROGETTO

Dettagli

n. attività operazione euro

n. attività operazione euro Allegato A n. attività operazione euro 1 esercizi di vicinato vendita e mutamento del settore merceologico, subingresso 2 forme speciali di vendita vendita e mutamento del settore merceologico, subingresso

Dettagli

ASL NO DI NOVARA PROGRAMMAZIONE ATTIVITA S.I.S.P.

ASL NO DI NOVARA PROGRAMMAZIONE ATTIVITA S.I.S.P. ASL NO DI NOVARA PROGRAMMAZIONE ATTIVITA S.I.S.P. Tabella 1. RISORSE ANNO 2014 STIMA ANNO 2015 Qualifica N. unità N. mesi lavorati Qualifica N. unità N. mesi lavorati Dirigenti medici 9 107 Dirigenti medici

Dettagli

Via G.B. Ghio, Chiavari (Ge) Codice Fiscale e P. Iva ,00 8,00 6,00 4,00 2,00 0,00 10,00 5,00 0,00 1 9,18 10,00 9,00 2 7,13 8,00

Via G.B. Ghio, Chiavari (Ge) Codice Fiscale e P. Iva ,00 8,00 6,00 4,00 2,00 0,00 10,00 5,00 0,00 1 9,18 10,00 9,00 2 7,13 8,00 Via G.B. Ghio, - 0 Chiavari (Ge) Codice Fiscale e P. Iva 0000 AREA AMMINISTRATIVA struttura procedimento indice di rischio S.C. GESTIONE RISORSE UMANE conferimento incarichi professionali reclutamento

Dettagli

Tutela della salute in piscina ruolo del servizio di igiene pubblica

Tutela della salute in piscina ruolo del servizio di igiene pubblica Tutela della salute in piscina ruolo del servizio di igiene pubblica Roberto ZACCO Tecnico della Prevenzione ASL Città di Torino Dipartimento di Prevenzione Rischi specifici igienico sanitari Rischio Biologico

Dettagli

1. Specifiche relative all attività

1. Specifiche relative all attività ALLEGATO E-11 SCIA ai fini della attivazione dello scarico delle acque reflue assimilate alle acque reflue domestiche (L.R. 27/86 - Circolare prot. 19906 del 4 aprile 2002 della Regione Siciliana - Ass.to

Dettagli

TABELLA D SPAZI DI PARCHEGGIO 7 MARZO 2016

TABELLA D SPAZI DI PARCHEGGIO 7 MARZO 2016 TABELLA D SPAZI DI PARCHEGGIO 7 MARZO 2016 FUNZIONI E QUANTITA' MINIME CATEGORIE ATTIVITA' rientranti a titolo esemplificativo A RESIDENZA E ATTIVITÀ AFFINI A1 Residenza ordinaria residenza ordinaria ai

Dettagli

764,01 mq. 61,12 8% 15% 3 /3. interventi di recupero. interventi di recupero. nuova costruzione. nuova costruzione. RESIDENZA e attività affini

764,01 mq. 61,12 8% 15% 3 /3. interventi di recupero. interventi di recupero. nuova costruzione. nuova costruzione. RESIDENZA e attività affini Allegato parte integrante alla deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 di data 23 settembre 2015 TABELLA FUNZIONI, COSTO DI COSTRUZIONE E CONTRIBUTO DI CONCESSIONE art. 87 della L.P. 15/2015 CATEGORIE

Dettagli

SUAP CASTEGGIO.

SUAP CASTEGGIO. SUAP CASTEGGIO comune.casteggio@pec.provincia.pv.it COMUNI ASSOCIATI ALLO SUAP CASTEGGIO: 1) Comune di Casteggio Capofila - 2) Comune di Santa Giuletta 3) Comune di Bastida Pancarana 4) Comune di Castelletto

Dettagli

COMUNE DI PONSO (Provincia di Padova)

COMUNE DI PONSO (Provincia di Padova) TABELLA DEI DIRITTI DI ISTRUTTORIA PER PRESENTAZIONE PRATICHE TABELLA DIRITTI DI ISTRUTTORIA PRATICHE ATTIVITA PRODUTTIVE ALLEGATO SUB A alla delibera di G. M. n. 75 del 17.08.2017 COMMERCIO IN AREA PRIVATA

Dettagli

ELENCO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI E DELLE ATTIVITA' SERVIZIO ATTIVITA' PRODUTTIVE TITOLARE DEL POTERE SOSTITUTIVO DIRIGENTE 3^ AREA ASSETTO USO E SVILUPPO DEL TERRITORIO SERVIZIO Procedimento Responsabile

Dettagli

DIRITTI DI SEGRETERIA SUAP

DIRITTI DI SEGRETERIA SUAP DIRITTI DI SEGRETERIA SUAP Il pagamento dei diritti di segreteria SUAP dovrà essere effettuato a favore del Comune di Motta San Giovanni, utilizzando una delle seguenti modalità: - Versamento sul c.c.cp.

Dettagli

COMUNE DI MOLTENO. DIRITTI DI SEGRETERIA SU ATTI URBANISTICO-EDILIZI Tariffa in Euro. Fino a 300 mc. 103,00

COMUNE DI MOLTENO. DIRITTI DI SEGRETERIA SU ATTI URBANISTICO-EDILIZI Tariffa in Euro. Fino a 300 mc. 103,00 COMUNE DI MOLTENO DIRITTI DI SEGRETERIA SU ATTI URBANISTICO-EDILIZI Tariffa in Euro PERMESSO DI COSTRUIRE AUTORIZZAZIONE AMBIENTALE Residenziali: Fino a 300 mc. 103,00 da 301 a 500 mc. 155,00 da 501 a

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 1 del 1 ottobre Servizio di Igiene e Sanità Pubblica

Carta dei Servizi rev. 1 del 1 ottobre Servizio di Igiene e Sanità Pubblica Carta dei Servizi rev. 1 del 1 ottobre 2008 Servizio di Igiene Azienda ULSS n. 22 Bussolengo VR Dipartimento di Prevenzione Servizio di Igiene Valeggio sul Mincio Via S.M. Crocifissa di Rosa - presso Ospedale

Dettagli

COMUNE DI MOLTENO Provincia di Lecco

COMUNE DI MOLTENO Provincia di Lecco COMUNE DI MOLTENO Provincia di Lecco Via S. Giorgio, 1 23847 Molteno Tel. 031.3573824 Fax 031.870.231 Partita IVA 00506390137 DIRITTI DI SEGRETERIA E DI ISTRUTTORIA Area Pianificazione Urbanistica ed Edilizia

Dettagli

ASSESSORATO ALLE ATTIVITA ECONOMICHE, TURISMO, SPORT SERVIZIO PROMOZIONE SVILUPPO U.O. ATTIVITA ECONOMICHE. Indice. 1. commercio in sede fissa 2

ASSESSORATO ALLE ATTIVITA ECONOMICHE, TURISMO, SPORT SERVIZIO PROMOZIONE SVILUPPO U.O. ATTIVITA ECONOMICHE. Indice. 1. commercio in sede fissa 2 ASSESSORATO ALLE ATTIVITA ECONOMICHE, TURISMO, SPORT SERVIZIO PROMOZIONE SVILUPPO U.O. ATTIVITA ECONOMICHE RACCOLTA ED ELABORAZIONE DEI DATI STATISTICI RELATIVI ALLE ATTIVITA ECONOMICHE ( 1 ) PERIODO 1

Dettagli

BOLLETTINO DELLE LEGGI REGIONALI

BOLLETTINO DELLE LEGGI REGIONALI BOLLETTINO DELLE LEGGI REGIONALI aggiornamento: 6 aprile 2016 Nota: il Bollettino delle leggi regionali curato dalla Direzione Legislazione Mercato Privato dell Ance viene pubblicato con cadenza periodica

Dettagli

COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA

COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA Bollo 16,00 AL RESPONSABILE DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE IL/I SOTTOSCRITTO/I Primo richiedente Gestore Proprietario Altro Residente a / N iscrizione Registro Imprese Provincia di In

Dettagli

Aspetti normativi della disciplina per le attività di Acconciatore ed Estetista

Aspetti normativi della disciplina per le attività di Acconciatore ed Estetista Aspetti normativi della disciplina per le attività di Acconciatore ed Estetista Normativa di riferimento Attività Barbieri, parrucchieri e affini Disciplina Legge 14.02.1963 n.161 Estetista Legge 4.1.1990

Dettagli

INDICI DI VALUTAZIONE COMPLESSIVA DEL RISCHIO 2015

INDICI DI VALUTAZIONE COMPLESSIVA DEL RISCHIO 2015 REGIONE LIGURIA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. Chiavarese Via G.B. Ghio, 9-0 Chiavari (Ge) - Codice Fiscale e P. Iva 000099 INDICI DI VALUTAZIONE COMPLESSIVA DEL RISCHIO 0 conf erimento incarichi prof essionali,9,00

Dettagli

COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE e ATTIVITA PRODUTTIVE

COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE e ATTIVITA PRODUTTIVE COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE e ATTIVITA PRODUTTIVE ADEMPIMENTI DI CUI ALL ART. 25, comma 1 e 2, D.lgs 33/2013 CONTROLLI ALLE IMPRESE ATTIVITA PRODUTTIVE

Dettagli

DIRITTI DI ISTRUTTORIA PROVVEDIMENTI IN CAPO ALL UFFICIO TERRITORIALE PER LA CRESCITA SUAP INVIO TRAMITE PEC

DIRITTI DI ISTRUTTORIA PROVVEDIMENTI IN CAPO ALL UFFICIO TERRITORIALE PER LA CRESCITA SUAP INVIO TRAMITE PEC Allegati sub. A alla delibera di Consiglio della Federazione n. --- del 11/03/2014 DIRITTI DI ISTRUTTORIA PROVVEDIMENTI IN CAPO ALL UFFICIO TERRITORIALE PER LA CRESCITA SUAP - 2014 INVIO TRAMITE PEC PROVVEDIMENTI

Dettagli

AREA POLIZIA LOCALE COMMERCIO. Schede di settore Elenco dei procedimenti UFFICIO POLIZIA LOCALE

AREA POLIZIA LOCALE COMMERCIO. Schede di settore Elenco dei procedimenti UFFICIO POLIZIA LOCALE AREA POLIZIA LOCALE COMMERCIO Schede di settore Elenco dei procedimenti UFFICIO POLIZIA LOCALE 1 Segnalazione dei cittadini per sopralluoghi - attività regolamenti comunali 10 gg 2 Concessioni circolazione

Dettagli

Una normativa in evoluzione

Una normativa in evoluzione Decreto Ministeriale 110 del 12.05.2011 Regolamento di attuazione dell art.10 comma 1 Legge 1/90 Una normativa in evoluzione Trovato Giulia ASL TO5 S.C.I.S.P. S.S. Igiene dell abitato Torino, 16.04.2013

Dettagli

Rischi per la salute degli sportivi nelle piscine e nei centri benessere

Rischi per la salute degli sportivi nelle piscine e nei centri benessere Servizio di Igiene e Sanità Pubblica Rischi per la salute degli sportivi nelle piscine e nei centri benessere Milano, 2 marzo 2017 Adriano Giancarlo Strada ATS MILANO: COMPETENZA TERRITORIALE Cologno Monzese

Dettagli

ALLEGATO A. S.U.A.P. Diritti di segreteria e spese di istruttoria

ALLEGATO A. S.U.A.P. Diritti di segreteria e spese di istruttoria ALLEGATO A S.U.A.P. Diritti di segreteria e spese di istruttoria Approvato con deliberazione CC n. 9 del 21.01.2016 DESCRIZIONE ATTI EDILIZIA ATTIVITA' PRODUTTIVE Spese di istruttoria (in Euro) Provvedimento

Dettagli

(SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA )

(SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ) CIRCOLO ADERENTE AD ENTI RICONOSCIUTI DAL MINISTERO DELL INTERNO AL SETTORE ATTIVITA PRODUTTIVE Serv. Commercio DEL COMUNE DI S A N R E M O OGGETTO: SCIA - SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA CONCERNENTE

Dettagli

RICHIESTA DI ATTIVAZIONE PROCEDURA S.U.A.P. Il/La sottoscritt Cognome e Nome Luogo e data di nascita CF

RICHIESTA DI ATTIVAZIONE PROCEDURA S.U.A.P. Il/La sottoscritt Cognome e Nome Luogo e data di nascita CF Strutture Ricettive Bollo 11,00 Al Responsabile S.U.A.P. del Comune di RICHIESTA DI ATTIVAZIONE PROCEDURA S.U.A.P. Il/La sottoscritt Cognome e Nome Luogo e data di nascita CF in proprio in qualità di titolare

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO DI PREVENZIONE, IGIENE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO (SPISAL) Recapito telefonico: 0-885500 Certificazione concernente la sicurezza sanitaria di impianto di distribuzione carburanti Art.

Dettagli

ELENCO PROCEDIMENTI OGGETTO DI INDIVIDUAZIONE DEL TERMINE FINALE

ELENCO PROCEDIMENTI OGGETTO DI INDIVIDUAZIONE DEL TERMINE FINALE Tabella 1 ELENCO PROCEDIMENTI OGGETTO DI INDIVIDUAZIONE DEL TERMINE FINALE N. Procedimento Atto iniziale Provvedimento finale Termine Servizio Responsabile procedimento 1. CARBURANTI - Installazione e

Dettagli

Piano degli Interventi Variante n. 11

Piano degli Interventi Variante n. 11 Comune di Vigonza Piano degli Interventi Variante n. 11 Norme tecniche Novembre 2014 Comune di Vigonza Piano degli Interventi Sindaco Nunzio Tacchetto Segretario Comunale Daniela Guzzon Responsabile del

Dettagli

Oneri di Urbanizzazione Primaria e Secondaria

Oneri di Urbanizzazione Primaria e Secondaria Oneri di Urbanizzazione Primaria e Secondaria Gli oneri si applicano alla superficie lorda, determinata ai soli fini del presente provvedimento, dalla somma delle S.U.L., così come previsto dall art. 3

Dettagli

PROCEDIMENTI COMMERCIO/SUAP

PROCEDIMENTI COMMERCIO/SUAP PROCEDIMENTI COMMERCIO/ PROCEDIMEN TO Normativa di riferimento Inizio del procediment o (d ufficio o su istanza di ) Responsabile del procedimento (cognome e nome; Provvedimento espresso (per es Determinazione

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Struttura Complessa Igiene e Sanità Pubblica

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Struttura Complessa Igiene e Sanità Pubblica DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Struttura Complessa Igiene e Sanità Pubblica Direttore: Dott.ssa Ivana Descrizione/ oggetto del procedimento e fonte normativa e/o regolamentare Responsabile dell'istruttoria

Dettagli

PROGRAMMA GENERALE PER TOTALE 40 0RE ( 6 ore per i primi 6 corsi e 4 ore per il VII corso)

PROGRAMMA GENERALE PER TOTALE 40 0RE ( 6 ore per i primi 6 corsi e 4 ore per il VII corso) CALENDARIO CORSI PER AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PREVENZIONE INCENDI OBBLIGATORIO PER IL MANTENIMENTO DELL'ISCRIZIONE NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL'INTERNO PREVISTO DALL ART. 7 DEL D.M. 5/8/011 PROGRAMMA

Dettagli

Città di Porto Sant Elpidio (Provincia di Fermo)

Città di Porto Sant Elpidio (Provincia di Fermo) Città di Porto Sant Elpidio (Provincia di Fermo) Via Umberto I, 485 c.a.p. 63821 C.F. 81003650447 P. IVA 00357220441 I.A.: www.elpinet.it AREA 2 " SERVIZI ISTITUZIONALI, FINANZIARI E ATTIVITA' PRODUTTIVE"

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ S.C.I.A. per attività di Palestra Allo Sportello Unico Imprese del Comune di... SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (ai sensi dell articolo 86 del TULPS, nonché dell articolo 19 della legge n.

Dettagli

90 giorni. 90 giorni

90 giorni. 90 giorni Trasferimento di sede di grande struttura di vendita 90 giorni Ampliamento grande struttura di vendita 90 giorni Ampliamento e variazione merceologica grande struttura di vendita 90 giorni Apertura media

Dettagli

Art. 1. Ambito di applicazione

Art. 1. Ambito di applicazione Decreto del Presidente della Repubblica 19 ottobre 2011, n. 227 Regolamento per la semplificazione di adempimenti amministrativi in materia ambientale gravanti sulle imprese, a norma dell'articolo 49,

Dettagli

11AC.2016/D /9/2016

11AC.2016/D /9/2016 DIPARTIMENTO PRESIDENZA UFFICIO SISTEMI CULTURALI E TURISTICI. COOPERAZIONE INTERNAZIONALE 11AC 11AC.2016/D.00896 14/9/2016 L.R. 6/2008 - Disciplina della classificazione delle strutture ricettive e di

Dettagli

Leggi, Regolamenti, Atti della Regione e dello Stato

Leggi, Regolamenti, Atti della Regione e dello Stato Pag. 10 Bollettino Ufficiale della Regione Abruzzo Anno XLIV - N. 28 Ordinario (16.07.2014) PARTE I Leggi, Regolamenti, Atti della Regione e dello Stato ATTI DELLA REGIONE DELIBERAZIONI GIUNTA REGIONALE

Dettagli

APRIRE UNA NUOVA ATTIVITA

APRIRE UNA NUOVA ATTIVITA Redatta il 03/12/ - Pag.1 di 16 per COMMERCIO AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA AVVIO, IL TRASFERIMENTO DI SEDE, IL SUBENTRO, IL CAMBIAMENTO DI RAGIONE SOCIALE, LA SOSPENSIONE, LA CESSAZIONE DI ATTIVITA - SCIA

Dettagli

Criteri di assimilazione alle acque reflue domestiche. Valore limite di emissione 1 Portata mc/giorno d15 2 ph 5,5-3 Temperatura C d 30

Criteri di assimilazione alle acque reflue domestiche. Valore limite di emissione 1 Portata mc/giorno d15 2 ph 5,5-3 Temperatura C d 30 ALLEGATO A (previsto dall articolo 2) Criteri di assimilazione alle acque reflue domestiche Tabella 1. Parametro/sostanza Unità di misura Valore limite di emissione 1 Portata mc/giorno d15 2 ph 5,5-3 Temperatura

Dettagli

Tabella A - spazi di parcheggio TABELLA A. (articolo 13 del regolamento) SPAZI DI PARCHEGGIO FUNZIONI E STANDARD

Tabella A - spazi di parcheggio TABELLA A. (articolo 13 del regolamento) SPAZI DI PARCHEGGIO FUNZIONI E STANDARD TABELLA A (articolo 13 del regolamento) SPAZI DI PARCHEGGIO FUNZIONI E STANDARD (allegato al Decreto del Presidente della Provincia 19 maggio 2017, n. 8-61/leg) CATEGORIE FUNZIONI/ATTIVITA a titolo esemplificativo

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO. TERMINE FINALE (in giorni)

NORMATIVA DI RIFERIMENTO. TERMINE FINALE (in giorni) Unità organizzativa responsabile: Servizi Polizia Locale/ Polizia Amministrativa/commercio - Responsabile del servizio: Commissario Teresa Trapani Istruttore Amministrativo Rita Rotterdam Tel. 0323 864313-

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI SUBINGRESSO/CESSAZIONE/ SOSPENSIONE E RIPRESA/CAMBIAMENTO RAGIONE SOCIALE DI ATTIVITÀ PRODUTTIVA

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI SUBINGRESSO/CESSAZIONE/ SOSPENSIONE E RIPRESA/CAMBIAMENTO RAGIONE SOCIALE DI ATTIVITÀ PRODUTTIVA Regione Lombardia MODULISTICA REGIONALE UNIFICATA S.C.I.A. MODELLO B Al Comune di Codice ISTAT SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI SUBINGRESSO/CESSAZIONE/ SOSPENSIONE E RIPRESA/CAMBIAMENTO RAGIONE SOCIALE DI ATTIVITÀ

Dettagli

a cura di Cantieri d Alta Quota

a cura di Cantieri d Alta Quota 1 Rifugi e bivacchi quadro normativo di riferimento a cura di Cantieri d Alta Quota Il presente documento nasce con lo scopo di raccogliere informazioni relative alle principali normative e regolamenti

Dettagli

Tariffario prestazioni Servizio Igiene Pubblica Alimenti

Tariffario prestazioni Servizio Igiene Pubblica Alimenti Tariffario prestazioni Servizio Igiene Pubblica Alimenti CODICE IP DESCRIZIONE PREZZO (compreso IVA) 1.0 0203 Spese di accesso a Km. 0.63 1.1 0001 Sopralluogo conoscitivo 1.2 0002 Sopralluogo con relazione

Dettagli

cod_int tit_int flg_tipo_proc des_cud SUAPVENEZIA GRUPPO

cod_int tit_int flg_tipo_proc des_cud SUAPVENEZIA GRUPPO cod_int tit_int flg_tipo_proc des_cud SUAPVENEZIA GRUPPO 51000007 Realizzazione nuovo scarico di acque reflue assimilabili alle domestiche che recapitano in rete fognaria pubblica AUTORIZZAZIONE Comune

Dettagli

ELENCO DEI PROCEDIMENTI

ELENCO DEI PROCEDIMENTI COMUNE di FORMIA Provincia di Latina SUAP ELENCO DEI PROCEDIMENTI Procedimento Realizzazione grande struttura di vendita Subingresso per atto tra vivi ed a causa di morte nella grande struttura di vendita

Dettagli

Comune di Bosisio Parini Provincia di Lecco. diritti di segreteria area pianificazione urbanistica suap

Comune di Bosisio Parini Provincia di Lecco. diritti di segreteria area pianificazione urbanistica suap Piazza Giuseppe Parini, diritti di segreteria area pianificazione urbanistica suap AVVISO DIRITTI DI SEGRETERIA UFFICIO TECNICO IN VIGORE dal..6 Certificati di destinazione urbanistica.a Fino a mappali

Dettagli

NORMATIVA. Raccolta della principale normativa del Settore S.U.A.P. Attivita Produttive

NORMATIVA. Raccolta della principale normativa del Settore S.U.A.P. Attivita Produttive NORMATIVA Raccolta della principale normativa del Settore S.U.A.P. Attivita Produttive Agg. 04/10/2011 Sono presenti collegamenti ai siti www.normattiva.it http://consiglionline.lombardia.it/normelombardia/accessibile/main.aspx

Dettagli

UFFICIO ASSOCIATO SUAP

UFFICIO ASSOCIATO SUAP COMUNITA' COLLINARE DEL FRIULI TIPOLOGIE DEI PROCEDIMENTI ART.35 DLgs 33/2013 UFFICIO ASSOCIATO SUAP Titolare di P.O. : Eva Benetti, telefono 0432 889507 - fax 0432 889818 suap@san-daniele.it PEC: suap.comunitacollinare@certgov.fvg.it

Dettagli

PEC. 045/ /

PEC. 045/ / PROCEDIMENTO Acconciatori ed estetisti nuove aperture, trasferimento di sede, titolarità, cambio responsabile tecnico Accreditamento strutture sanitarie RIFERIMENTI NORMATIVI, D.L. 7/2007, L. 1/90 Comunale

Dettagli

5^ SETTORE URBANISTICA, AMBIENTE E ATTIVITA PRODUTTIVE

5^ SETTORE URBANISTICA, AMBIENTE E ATTIVITA PRODUTTIVE 5^ DENOMINAZIONE DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE CONCES DI SUOLO PER POSTEGGIO RINUNCIA COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE REVOCA CONCES DI POSTEGGIO SOSPEN CONCES DI POSTEGGIO AUSL, CCIAA 90 GG Hera, Polizia

Dettagli

presenta SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) AI SENSI DEL D.Lgs 23 MAGGIO 2011, N 79

presenta SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) AI SENSI DEL D.Lgs 23 MAGGIO 2011, N 79 AL SETTORE ATTIVITA PRODUTTIVE SERV. COMMERCIO POLIZIA AMM.VA DEL COMUNE DI Il sottoscritto nato a il - residente in via N., - codice fiscale n, legale rappresentante della società con sede in via n. codice

Dettagli

Allegato A: Diritti di istruttoria SUAP

Allegato A: Diritti di istruttoria SUAP COMUNE DI MELITO DI NAPOLI PROVINCIA DI NAPOLI 1 V SETTORE - Assetto e Sviluppo del territorio Disciplinare di organizzazione e funzionamento dello Sportello Unico per le Attività Produttive Allegato A:

Dettagli

COLLEGAMENTO AL SITO DELLA REGIONE SICILIA MODULISTICA SUAP

COLLEGAMENTO AL SITO DELLA REGIONE SICILIA MODULISTICA SUAP COLLEGAMENTO AL SITO DELLA REGIONE SICILIA MODULISTICA SUAP Nome Descrizione Modulo Ente File A 25 Dichiarazione agibilitàdichiarazione agibilità per SUAP un impianto produttivo di beni e servizi A1 Conformità

Dettagli

Legge Regionale 3 gennaio 2005 n.1 DETERMINAZIONE DEGLI ONERI CONCESSORI

Legge Regionale 3 gennaio 2005 n.1 DETERMINAZIONE DEGLI ONERI CONCESSORI COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D ARNO Legge Regionale 3 gennaio 2005 n.1 DETERMINAZIONE DEGLI ONERI CONCESSORI e INCENITIVI ECONOMICI PER L UTILIZZO DEL REGOLAMENTO DI EDILIZIA BIOSOSTENIBILE -RES Approvata

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE A.S.L.TO1 DI TORINO

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE A.S.L.TO1 DI TORINO DIPARTIMENTO INTEGRATO DI PREVENZIONE S.C. IGIENE E SANITA PUBBLICA S.S. IGIENE DEL TERRITORIO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE A.S.L.TO1 DI TORINO S.C. IGIENE E SANITA PUBBLICA S.S. IGIENE DEL TERRITORIO UFFICIO

Dettagli

VENDITA STAMPA QUOTIDIANA E PERIODICA Punti vendita esclusivi e non 50,00

VENDITA STAMPA QUOTIDIANA E PERIODICA Punti vendita esclusivi e non 50,00 TABELLA DIRITTI SUAP TABELLA B COMMERCIO IN SEDE FISSA ESERCIZIO FINO A 250 MQ.: Nuovo esercizio apertura Subingresso Reintestazione - Variazioni Trasferimento di sede Ampliamento o riduz. Superficie di

Dettagli

1) C.F.P. MARY JO SAS

1) C.F.P. MARY JO SAS 1) C.F.P. MARY JO SAS VIA PASSARELLI, N. 118/126 84078 - VALLO DELLA LUCANIA tel. 0974/717367 1) ACCONCIATORE L.174/2005 C 2) ACCONCIATORE - SPECIALIZZAZIONE L.174/2005 C 1602/01 1602/02 Q/B 1800 I Q/A

Dettagli

Unità Organizzativa Responsabile: Servizio Commercio e Attività produttive

Unità Organizzativa Responsabile: Servizio Commercio e Attività produttive Unità Organizzativa Responsabile: Servizio Commercio e Attività produttive DEL Apertura / trasferimento sede / ampliamento superficie / sub ingresso in esercizio di vicinato (superficie di vendita fino

Dettagli

Allo Sportello Unico Attività Produttive Comune di Sulmona

Allo Sportello Unico Attività Produttive Comune di Sulmona Allo Sportello Unico Attività Produttive Comune di Sulmona STRUTTURE TURISTICHE EXTRALBERGHIERE - AFFITTACAMERE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA - SCIA ai sensi della L.R. 75/1995 e del D.Lgs.

Dettagli

A CUI SONO ASSOGGETTATE LE IMPRESE DEL COMUNE DI ALBINO AI SENSI DELLA NORMATIVA VIGENTE

A CUI SONO ASSOGGETTATE LE IMPRESE DEL COMUNE DI ALBINO AI SENSI DELLA NORMATIVA VIGENTE ELENCO DELLE TIPOLOGIE di CONTROLLO A CUI SONO ASSOGGETTATE LE IMPRESE DEL COMUNE DI ALBINO AI SENSI DELLA NORMATIVA VIGENTE art. 25 c.1 lett. b) d.lgs. 33/2013 L'ufficio commercio, controlla la regolarità

Dettagli

Emana il seguente regolamento:

Emana il seguente regolamento: Il testo che segue è stato rielaborato dallo STAFF ANIT (www.anit.it) per semplificarne la lettura. Si raccomanda di fare sempre riferimento anche al testo originale. Decreto del Presidente della Repubblica

Dettagli

DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO E COMMERCIO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N

DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO E COMMERCIO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO E COMMERCIO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 2011-150.0.0.-1 L'anno 2011 il giorno 03 del mese di Gennaio il sottoscritto Cha Pierpaolo in qualita' di Direttore della Direzione

Dettagli

PRESENTA SCIA (SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ) relativamente al SUBINGRESSO

PRESENTA SCIA (SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ) relativamente al SUBINGRESSO Subingresso PE ALLO SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE DEL COMUNE DI SANREMO Il sottoscritto nato a il - residente in via N., - codice fiscale n, legale rappresentante della società con sede in via n.

Dettagli

Legge regionale LIGURIA 12 novembre 2014, n. 32 (Artt. 1, 16, 20, 21, 34, 38, 46, 53 e 61).

Legge regionale LIGURIA 12 novembre 2014, n. 32 (Artt. 1, 16, 20, 21, 34, 38, 46, 53 e 61). Legge regionale LIGURIA 12 novembre 2014, n. 32 (Artt. 1, 16, 20, 21, 34, 38, 46, 53 e 61). Testo unico in materia di strutture turistico ricettive e norme in materia di imprese turistiche. TITOLO I Norme

Dettagli

EROGATORE : DIPARTIMENTO PREVENZIONE MEDICO - SERVIZIO IGIENE E PREVENZIONE NEGLI AMBIENTI DI VITA. Valore aziendale previsto Tempi medi anno 2015

EROGATORE : DIPARTIMENTO PREVENZIONE MEDICO - SERVIZIO IGIENE E PREVENZIONE NEGLI AMBIENTI DI VITA. Valore aziendale previsto Tempi medi anno 2015 EROGATORE : DIPARTIMENTO PREVENZIONE MEDICO - SERVIZIO IGIENE E PREVENZIONE NEGLI AMBIENTI DI VITA 9. Vigilanza strutture sanitarie 10. Vigilanza strutture scolastiche e socioassistenziali 11. Vigilanza

Dettagli

SERVIZI ALLE IMPRESE AUTORIZZAZIONE ENTRO IL AUTORIZZAZIONE E CONTESTUALE CONCESSIONE DEL POSTEGGIO.

SERVIZI ALLE IMPRESE AUTORIZZAZIONE ENTRO IL AUTORIZZAZIONE E CONTESTUALE CONCESSIONE DEL POSTEGGIO. SERVIZI ALLE IMPRESE IN SEDE FISSA: ESERCIZI DI VICINATO (APERTURA, AMPLIAMENTO, RIDUZIONE, SUBINGRESSO E CESSAZIONE ATTIVITA') IN SEDE FISSA: MEDIE STRUTTURE DI VENDITA (APERTURA, AMPLIAMENTO) ART. 18

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA DI AGRITURISMO. Legge Regionale n.38 del 31 luglio 2012

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA DI AGRITURISMO. Legge Regionale n.38 del 31 luglio 2012 SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA DI AGRITURISMO Legge Regionale n.38 del 31 luglio 2012 DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETA (Art. 47 D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445) AL S.U.A.P - Sportello

Dettagli