Rapporto Speciale 2009 MANAGERIALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rapporto Speciale 2009 MANAGERIALE"

Transcript

1 Rapporto Speciale 2009 FORMAZIONE MANAGERIALE

2 RAPPORTO SPECIALE 2009 La formazione al tempo della crisi di Rosamaria Sarno Le tematiche, le modalità, i percorsi più richiesti da imprenditori e manager. Dagli esperti di alcune delle principali business school, università e associazioni del settore il quadro della situazione alla luce dell attuale momento congiunturale Che spazio c è per la formazione manageriale in tempo di crisi? In teoria, proprio nei periodi difficili, la business education dovrebbe rientrare tra le priorità delle aziende e delle organizzazioni. Ma nella pratica, che cosa succede? C è un effettivo ricorso a progetti formativi e, se sì, quali sono oggi le principali esigenze? Abbiamo cercato di esplorare gli attuali orizzonti del mondo della formazione manageriale chiedendo il parere degli esperti di alcune delle principali scuole di management, università e associazioni di settore italiane. Abbiamo posto loro una serie di domande-base come spunti di riflessione chiedendo comunque di segnalare ulteriori elementi ritenuti di rilievo per tracciare un corretto quadro della situazione alla luce dell attuale momento congiunturale. Ecco i principali punti su cui abbiamo coinvolto gli esperti: Su quali tematiche imprenditori e manager chiedono l intervento delle scuole di formazione? Sono più richiesti i grandi eventi o i percorsi individuali? I corsi interaziendali o quelli su commessa? E l e-learning: regge agli scossoni della crisi o, come altre meteore, ha perso luce e attrazione, superato da esigenze sempre più pratiche di confronto, di sostegno, di cambiamento? Su quali punti focali leadership, capacità di innovare, risoluzione creativa dei problemi, capacità di intervenire sulle strutture creative, etica le scuole di formazione devono lavorare in modo particolare in questo periodo? Quali modalità formative vengono proposte? Si punta su quelle più innovative o si ritorna su soluzioni che già in passato hanno funzionato? L uso della metafora, sportiva, letteraria, teatrale e così via continua a essere utilizzata ai fini formativi? O si preferisce declinare la business education secondo paradigmi più «concreti»? Negli Usa la valanga di licenziamenti e il blocco delle assunzioni, soprattutto nel settore bancario, hanno spinto molti giovani a prendersi un periodo di pausa per frequentare un Mba, con l obiettivo di poter avere migliori chance sul fronte lavoro. In Italia si sta verificando un fenomeno simile oppure si preferisce optare per corsi più brevi e intensivi? I corsi di formazione fungono anche da occasione di business networking? Se sì, quali sono i più efficaci? Di seguito riportiamo i contributi raccolti. Non c è dubbio, in gran sintesi, che la fase congiunturale ha fatto ridefinire i budget, non solo in termini quantitativi, ma anche di modalità e di obiettivi. Si scelgono programmi focalizzati su risultati a breve, finalizzati a generare cambiamento ed effetti immediati, privilegiando le strutture che possono garantire qualità e concretezza; si va affermando il coaching, crescono i percorsi individuali, si riconosce efficacia all action learning mentre si fa ricorso all e-learning solo per veicolare informazioni tecniche o come rinforzo del processo formativo. Sul fronte dei contenuti, l innovazione, la leadership intesa come capacità di guidare il cambiamento, l apertura internazionale, la dimensione etica, la comunicazione sono i driver strategici della formazione manageriale. È soprattutto forte la richiesta di personalizzazione dei percorsi formativi perché, ora più che mai, non è tempo di soluzioni uguali per tutti. 76

3 FORMAZIONE MANAGERIALE Alta formazione per contrastare la crisi di Giuseppe Caldiera, direttore generale della Fondazione CUOA L attuale recessione economica ha indotto le organizzazioni aziendali a un mutamento. A livello di formazione lo stiamo recependo chiaramente; una delle prime caratteristiche che rileviamo è la forte attenzione all alta formazione da parte delle persone. Rispetto al passato sono, infatti, gli investimenti degli individui a dimostrare i livelli di crescita più consistenti. Accanto a questo fenomeno notiamo una crescente attenzione nei confronti dell upgrading delle competenze da parte degli HR manager. Nostre analisi lo dicono esplicitamente: nel prossimo biennio il 94% dei manager intende investire in un proprio aggiornamento e il 62% dichiara di essere interessato a investire anche in attività formativa per i propri collaboratori. A livello di tematiche, il maggiore interesse si registra nei confronti di organizzazione aziendale, marketing, comunicazione e commerciale/vendite. In un indagine di marzo, realizzata al fine di monitorare le misure messe in atto dalle imprese per opporsi alla crisi, la formazione emerge come elemento vitale: il 92% del campione da noi analizzato afferma che le aziende in questo momento devono sviluppare le possibilità di formazione e l 83% sostiene che la formazione è un elemento strategico per contrastare la crisi. In misura più specifica, il 76% degli intervistati reputa la formazione manageriale maggiormente adeguata a supportare le aziende in questo momento. La crisi sta dunque velocizzando una mutazione nelle imprese e, mai come in questo momento, è la capacità degli uomini di impresa di saper guardare all investimento in conoscenza come alla vera chiave per sconfiggere l immobilità dell economia. Se questo è il messaggio che arriva dal mercato, ora sono però le business school a dover capire che, se la formazione cambierà il modo di reagire alla crisi, a sua volta la crisi impone modelli di fruizione della proposta formativa sempre più flessibili e specialistici. Sono crescenti, infatti, le domande da parte dei manager di usufruire di percorsi brevi, dedicati a precise tematiche, all interno di percorsi formativi più lunghi. Per quanto riguarda gli Mba, registriamo una forte richiesta proveniente dai singoli manager che, a causa di crisi aziendali o per il semplice fatto che il mercato del lavoro in questo momento è poco reattivo, scelgono di aumentare le proprie competenze per essere pronti alla ripartenza ; abbiamo notato inoltre un ritorno di ex allievi Mba che scelgono di utilizzare moduli formativi brevi tramite l e-learning. Coniugare emozionalità, apprendimento e risultati di Pier Sergio Caltabiano, presidente di AIF - Associazione italiana formatori e direttore generale di CTC - Centro di formazione manageriale e gestione d impresa della Camera di Commercio di Bologna Individuare le esigenze formative delle aziende, oggi, risulta essere un operazione piuttosto complessa: di fronte a scenari critici, le imprese sono orientate a ridurre i costi, in primis la voce formazione, ponendo l Italia sempre più lontano dai comportamenti manageriali europei. In questa situazione, imprenditori e manager richiedono soprattutto azioni orientate allo sviluppo commerciale e all affinamento delle competenze amministrative, per ridurre i costi mantenendo la massima efficienza. Nell ambito della formazione manageriale, i percorsi individuali seppur costosi sono tra i più richiesti, perché comportano una verticalizzazione dell attenzione sul destinatario, mentre i corsi interaziendali hanno una funzione importante per le imprese micro e piccole, in cui mancano adeguate risorse per la formazio- Giugno

4 RAPPORTO SPECIALE 2009 ne in house, che caratterizza quelle medie e grandi. L e-learning non decolla, invece, mancando della componente emozionale, importante motore per l apprendimento; risulta tuttavia utile come rinforzo a livello informativo per le tematiche logico-sequenziali. Le strutture di formazione devono essere in grado di intervenire ad alto livello qualitativo su tutti gli ambiti cognitivi, con un time to market immediato. Gli approcci creativi e innovativi alle dimensioni critiche aziendali sono tra le aree di maggiore attualità; anche la dimensione etica nelle attività economiche è un tema prioritario, da toccare trasversalmente in tutti i percorsi formativi. Tra le modalità utilizzate, oltre a quelle tradizionali, sono molto efficaci quelle esperienziali e basate sulle metafore, che rappresentano un potente strumento di sedimentazione degli apprendimenti. Sugli executive master e gli Mba i dati sono discordanti: qui il problema consiste nel mantenere, di fronte agli attuali scenari occupazionali, gli stessi livelli di placement del passato. Corsi e seminari costituiscono un ottima occasione di business networking; tuttavia, all interno di un percorso di formazione questo non deve essere il fine, bensì una dinamica parallela contraddistinta dalla condivisione di un esperienza importante di apprendimento, elemento di socializzazione fondamentale. Coniugare emozionalità, apprendimento e responsabilità al risultato: è la principale sfida per i formatori. FORMAZIONE MANAGERIALE Investire sulla «passione» per l azienda di Ferruccio Cicogna, direttore Divisione Imprese di ASAM - Associazione per gli studi aziendali e manageriali - Università Cattolica del Sacro Cuore Trentotto anni di lavoro trascorsi in Italia e all estero in qualità di responsabile dapprima di Sviluppo del business e successivamente delle Risorse umane mi hanno insegnato che un apprendimento efficace richiede, come conditio sine qua non, che le persone si sentano realmente vicine alla struttura in cui sono inserite e che sentano di poter dare un contributo utile alla sua crescita. Indipendentemente dal contesto socio-economico di riferimento, ciò rappresenta un aspetto basilare sul quale impostare qualunque percorso di crescita professionale. Le criticità che le aziende si trovano a vivere nello scenario congiunturale attuale, pertanto, non rendono la formazione «più necessaria» di prima, giacché essa lo è per sua stessa natura; rendono, invece, ancora più importante che le persone abbiano coscienza di essere delle risorse su cui l impresa investe per uno sviluppo reale. In concreto, il clima organizzativo in azienda non deve essere negativo e manipolatorio. Trasmettere la passione del cosa e del come compete all azienda. Gestire totalmente i processi formativi all esterno non giova alla costituzione di una simile consapevolezza, poiché rende «intermediato» l investimento sulle risorse, creando così un allontanamento tra l azienda e il suo personale: distanza che la scoperta dell e-learning, subentrata come trend negli ultimi tempi, ha ulteriormente accentuato. Le best practice, invece, sono quelle basate sul principio del «fare insieme», che sta progressivamente sostituendo l insegnamento ex cathedra, proponendo esercitazioni interattive, come i business game, in grado di favorire un identità comune e una leader- 78

5 MASTER EXECUTIVE ECUTIVE E in: in: MANAGEMENT DELL INNOVAZIONE IONE IMPRENDITORIALITÀ IALITÀ HIGH TECH eu MASTER in: i MANAGEMENT, NT, INNOVAZIONE NOVA EA E INGEGNERIA DEI DM SERVIZI (MAINS) ne.sssup.it

6 RAPPORTO SPECIALE 2009 FORMAZIONE MANAGERIALE ship vera. Si possono svolgere queste attività nella propria sede o in contesti più ludici, purché siano «tra di noi»: all esterno si può cercare un supporto, ma si perde il piacere di vivere la formazione assieme alle «proprie persone». Questo pensiero riceve conferma da esperienze vissute sul campo e da ricerche effettuate da Asam, presso aziende della nostra associazione e non. Ciò che raccomandiamo alle aziende di fare è, quindi, di ascoltare e aiutare a fare. Questa è la vera innovazione. E funziona, come ci testimoniano direttamente le persone dipendenti in azienda. Creatività al servizio del business di Flaminia Fazi, presidente di U2COACH La stretta sui costi sta inducendo le aziende a ridurre gli investimenti in iniziative ritenute non strettamente necessarie; sta, inoltre, dirottando risorse sui progetti di accompagnamento individuale o di team, con modalità di coaching che ben si allineano all esigenza di aumentare il Roi della formazione. Questa tuttavia non riesce a garantire da sola una risposta efficace ai rapidi riadattamenti richiesti dalle importanti sfide economiche di oggi; molte aziende stanno investendo sulla creatività spinte dall intuizione che la soluzione sia nella rottura degli schemi. La sfida maggiore sarà come incanalare la creatività a servizio del business; occorrerà inoltre operare una trasformazione sul modello di leadership predominante, lavorando sulle dimensioni caratterizzanti e sui comportamenti organizzativi. In questo contesto, ritengo che la gestione e la motivazione delle persone, la capacità di sviluppare le capacità (abilità) dei collaboratori ed elevare il loro livello di performance, la visione strategica, siano le aree di intervento sulle quali si sente il bisogno di lavorare con più attenzione. Nonostante il quadro appena delineato, la formazione tradizionale risulta ancora uno strumento efficace per ragionare su nuovi modelli di riferimento; è necessario inoltre incrementare l accesso al coaching, di cui si apprezzeranno gli effetti positivi tra pochi anni. Sempre valido anche l utilizzo delle metafore a fini formativi: esse si confermano buoni strumenti per comunicare più rapidamente concetti complessi, ottime nella proposta di modelli, nelle esposizioni teoriche, nella fase di ideazione o di narrazione dei progetti, per i quali oggi sono necessarie molta concretezza e capacità di realizzazione, pianificazione strategica, visione, nonché processi continui di miglioramento di tipo Fuzzy. In Italia manca molto la cultura dell autoformazione e della responsabilità soggettiva; qui, come all estero, la perdita di lavoro può essere vissuta come un opportunità per crescere e investire in cultura e professionalità, avviando sistemi virtuosi di valorizzazione del capitale umano che possono solo aiutare a superare la crisi, magari anche grazie a un buon networking. No alle «mode», sì all action learning e al coaching di Marco Vergeat, consigliere ASFOR responsabile Corporate Learning, presidente e a.d. di SUMMIT In che modo la crisi influenza le decisioni delle aziende sulla formazione manageriale? Quanto e come si investe? Come cambia la domanda? A queste domande rispondono le ricerche di Asfor-Associazione italiana per la formazione manageriale, che quest anno hanno coinvolto circa 100 aziende e che saranno presentate alla Luiss di Roma il 18 giugno. Vediamo in sintesi i primi risultati. Domina il senso di urgenza e prevale una forte focalizzazione sui risultati di breve periodo. Salvo eccezioni si privilegia la formazione manageriale finalizzata a guidare il cambiamento e a realiz- 80

7 43 Cor i protagonisti Made Italy dal rdel d in y dal1963 r9 3 3 CE C E r razio EM Master per l internazionalizzazione delle imprese e Fausto De Franceschi chi MASTER CorCE. CE. UN FUTURO GRANDE COME IL MONDO. Allarga gli orizzonti del tuo futuro uro professionale: scegli il Master CorCE per l'internazionalizzazione delle imprese. L'ICE investe da lungo tempo sulla formazione, fattore fondamentale per il successo delle aziende italiane sui mercati internazionali. Il Master per l'internazionalizzazione one delle imprese "CorCE Fausto de Franceschi" forma dal 1963 professionisti competenti ed aggiornati in materia di internazionalizzazione nazionalizzazione e di scambi con l'estero, risorsa preziosa per le aziende che guardano ai mercati esteri come fattore strategico di sviluppo. Il Master è riservato a 20 brillanti neolaureati in discipline economiche, giuridiche, politico-sociali e linguistiche con ottima conoscenza nza dell inglese e di una seconda lingua straniera. Il percorso rso formativo prevede sei mesi d'aula, due mesi di stage in Italia presso aziende che operano sui mercati internazionali e due mesi di stage all'estero. Il CorCE è accreditato ASFOR come Master specialistico e vanta un placement superiore all'80%. L accesso al Master è riservato ai candidati che superano le selezioni, è gratuito to e con borsa di studio. Il bando sarà pubblicato a fine giugno 2009 su ICE Istituto nazionale per il Commercio Estero

8 RAPPORTO SPECIALE 2009 FORMAZIONE MANAGERIALE zare i risultati di business, a scapito dei programmi che sono più orientati allo sviluppo delle persone. Le tematiche su cui principalmente si investe sono quelle del cambiamento, dell innovazione, della leadership necessaria a guidare nella turbolenza e nell incertezza dei mercati e poi a riaccendere lo sviluppo, dell apertura internazionale. Una parte delle aziende coinvolte nelle ricerche mostra interesse anche per la cultura della sostenibilità e della sicurezza. Sugli investimenti i comportamenti delle aziende dipendono da vari fattori e sono molto differenziati: si va da riduzioni del 10% a un -50% e oltre per i settori più in difficoltà, ma ci sono anche aziende che confermano gli investimenti del 2008 e casi molto rari di leggero incremento. Ciò che accomuna tutti è l attenzione ai costi: si riducono radicalmente le durate dei programmi, si elimina la residenzialità, si sfruttano tutte le possibili forme di finanziamento a partire naturalmente da Fondimpresa e Fondirigenti. Le aziende prendono le distanze da approcci troppo teorici, dalle «mode», da ciò che appare superfluo. Si privilegia l action learning, il lavorare su progetti reali; l aula diviene più simile a un laboratorio, il coaching un supporto alla performance del singolo e del team. Le reti di trainer interni vengono rinforzate, mentre a docenti part time e testimonial viene richiesto di diffondere conoscenze e valori contestualizzati, credibili, utili. Il ricorso all e-learning rimane stabile, indispensabile quando devono essere veicolate informazioni sul prodotto, sulle procedure o sulla normativa a un utenza ampia e decentrata. Continua, invece, ad ampliarsi l interesse per l apprendimento collaborativo e informale e per il social networking. Infine, sul fronte delle scelte fatte dai singoli individui, si registra un aumento delle iscrizioni per gli Mba internazionali, in lingua inglese e part time. Crescono, rispetto allo scorso anno, di circa il 50% le manifestazioni di interesse da parte dei giovani che lavorano in azienda e del 10-15% le iscrizioni effettive. Naturalmente vengono scelte le business school e i programmi più qualificati. Parola d ordine: concretezza di Andrea Piccaluga, presidente di SIAF SCUOLA INTERNAZIONALE DI ALTA FORMA- ZIONE e docente della SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA di Pisa Chi investe in formazione in tempi di crisi? Qualcuno lo fa e sono due gli elementi che ho il piacere di evidenziare, riguardo a come le imprese stanno affrontando questo periodo a dir poco difficile. Il primo è quello della concretezza. Ci sono infatti imprese che si rifiutano di adottare un atteggiamento passivo di fronte alla crisi e cercano di «rilanciare», mettendo in pratica azioni innovative e originali, sia dal classico lato del contenimento dei costi sia da quello della proposta di nuovi servizi, gratuiti o a pagamento, per rafforzare i rapporti con la clientela e tutta la supply chain in un periodo in cui i loro competitor spesso mettono in atto una disperata diminuzione dei prezzi e della qualità. Invece di subire la crisi queste imprese cercano di sorprendere i concorrenti, provando a consolidare alcuni elementi del proprio vantaggio competitivo. Per rilanciare la propria azione necessitano interventi formativi sufficientemente innovativi, ma allo stesso tempo molto concreti, in grado di produrre risultati positivi già nel breve periodo. 82

9 CFMT e CIBIESSE PER DARE FORMA AI VOSTRI PROGETTI CFMT è il centro di formazione a cui le migliori aziende del terziario affidano i propri manager per consolidarne le competenze grazie ad una vasta gamma di servizi personalizzati pensati insieme ai più qualificati esperti del settore. E non solo. È la Knowledge Community d eccellenza del terziario. Una realtà dinamica, in continua evoluzione, fondata dai manager per i manager, centro propulsore di business e di innovazione. Con CIBIESSE, la Business School empowered by CFMT, estende i confini della Community fino ad accogliere tutti i talenti presenti in azienda. Un Network costruito passo dopo passo sul campo, che accompagna le aziende nel disegnare progetti su misura e trasformarli in realtà. CFMT Milano: Via P.C. Decembrio, 28 T Roma: Via M. Bianchini, 51 T Al centro CFMT e CIBIESSE. Due interlocutori che integrano le proprie specializzazioni e lavorano in sincronia per essere il Partner capace di affiancare l azienda nel modellare il proprio futuro e nel trovare la propria forma all altezza delle sfide e delle complessità del mercato. CIBIESSE Milano: Via P.C. Decembrio, 28 T IL NETWORK PER DARE FORMA AL FUTURO DELL IMPRESA

10 RAPPORTO SPECIALE 2009 FORMAZIONE MANAGERIALE All estero ma con consapevolezza I dati relativi all export italiano indicano al momento un peggioramento della nostra performance sui mercati internazionali, sebbene qualche piccolo segnale di inversione di tendenza lo si inizi a percepire. «Le aziende che sembrano meglio tenere in questa fase così difficile», afferma Luigi Ferrelli, dirigente dell Area Formazione manageriale dell Ice (foto al centro), «sono quelle che negli anni hanno guardato ai mercati internazionali in un ottica di sviluppo strategico, che sono state in grado di essere presenti su più mercati e di farlo con modalità diverse. Certamente, a monte, deve esserci entusiasmo e capacità di innovare. Quanto ai mercati, non si può non continuare a guardare ai grandi Paesi che più di recente sono emersi sulla ribalta internazionale, la Cina e l India in particolare. Per la collocazione del nostro Paese, poi, credo che resti fondamentale il bacino del Mediterraneo». Ma le imprese italiane sono consapevoli dell importanza di dotarsi di figure specializzate per poter operare sui mercati esteri? «Sebbene nel corso degli ultimi anni le cose siano andate rapidamente cambiando, i mercati internazionali continuano a essere affrontati da troppe Pmi in maniera, diciamo così, estemporanea», sostiene Ferrelli. «In questo senso, la consapevolezza della necessità di affidarsi a specialisti nei processi di internazionalizzazione d impresa non è ancora diffusa quanto sarebbe auspicabile. Credo si debba lavorare affinché le aziende guardino ai mercati internazionali consce della loro complessità, ma anche delle grandi opportunità di crescita che possono offrire. Lavorare con l estero significa esportare, ma anche, ad esempio, delocalizzare con intelligenza, cioè senza rincorrere elusivamente il basso costo della manodopera, creare delle filiere di approvvigionamento, insomma avviare operazioni che esigono di mettere in campo competenze forti». Fondamentale, dunque, poter operare con specialisti competenti, che vanno formati adeguatamente. «Le esigenze di formazione delle aziende impegnate sui mercati internazionali possono variare in misura significativa in relazione alle loro dimensioni, al loro settore di appartenenza e agli stessi mercati su cui operano o intenderebbero operare» spiega Ferrelli. «Ciò premesso, mi sento di poter dire che alcune tematiche di marketing internazionale, ad esempio il pricing, tutto quanto attiene al tema cruciale della logistica e dei trasporti, i pagamenti (in particolare come ridurre il rischio di mancato pagamento in una transazione internazionale), la contrattualistica, la valorizzazione e la tutela della proprietà industriale e intellettuale, la dimensione culturale nel business internazionale, sono tutti ambiti sui quali, trasversalmente, le aziende dovrebbero concentrare i propri sforzi di formazione e aggiornamento». Il secondo elemento è quello della formazione per gli imprenditori della ricerca made in Italy. Sono infatti sempre più numerosi i giovani dottori di ricerca interessati ad acquisire le competenze manageriali necessarie per avviare nuove imprese high-tech, spesso spin-off delle università. Sono ottimi ricercatori, possono diventare ottimi manager. Per loro è necessario organizzare corsi con struttura modulare, in modo che possano proseguire con l attività imprenditoriale quotidiana. A loro si aggiungono gli imprenditori delle tante imprese high-tech che operano come fornitori delle nostre grandi (anche se troppo poche) imprese ad alta tecnologia. Nel complesso si tratta di imprenditori e manager che anche oggi registrano una crescita del fatturato, anticipando la ripresa, e che quindi ci fanno ben sperare per il comparto high-tech dell economia italiana. Investire sulle proprie competenze di Roberto Quaglia, direttore generale di ESCP EUROPE per l Italia Sul fronte della formazione manageriale stiamo assistendo a una rifocalizzazione dell orizzonte temporale degli interventi: minori investimenti su competenze con ritorno nel medio-lungo periodo a favore di investimenti con ritorno immediato. Sono richiesti programmi 84

11 LA PERSONA GIUSTA AL POSTO GIUSTO! Milano 2 Luglio 2009 Mettere le persone giuste al posto giusto vuol dire far lavorare le persone sui loro punti di forza, facendo sprigionare un energia che da sola riuscirebbe a far uscire qualsiasi azienda dalla maggior parte delle situazioni difficili. È solo questione di fortuna o di alchimia emotiva fra il selezionatore e il candidato? La risposta è NO! A patto di avere uno strumento adeguato e unico nel suo genere. Profiles International arriva finalmente in Italia con la Scuola di Palo Alto come National Director. Con la qualità ormai nota al mondo aziendale, il Gruppo Palo Alto durante questa giornata illustrerà come utilizzare uno degli strumenti più utilizzati al mondo (118 Paesi) per riuscire a collocare una persona all interno del ruolo che più gli si addice. Diretto al mondo delle Risorse Umane, il Profilo XT e il Checkpoint 360 TM offrono una soluzione moderna, un assessment online e immediatamente fruibile per ottenere il massimo rendimento dalle risorse. Applicando benchmark mondiali, o costruiti ad-hoc per ogni specifico ruolo aziendale, il Profilo XT è capace di disegnare e di designare la persona giusta al posto giusto. Un occasione da non perdere! Assessment Individuale con benchmark internazionale COMPRESO NELLA QUOTA DI PARTECIPAZIONE QUOTA (+ IVA) Italy a Palo Alto Company BUSINESS & MANAGEMENT SCHOOL W W. L O A LT O. I T W W. I E R N T I O N A L. I T Tel Fax

12 RAPPORTO SPECIALE 2009 formativi che sviluppino competenze essenziali per la realizzazione di processi di cambiamento e che ne velocizzino al massimo gli impatti sui conti economici, come per esempio capability building sul fronte commerciale e dello sviluppo dei ricavi. Un altro ambito su cui registriamo interesse è quello dei seminari/workshop a livello top-management finalizzati all allineamento strategico, alla ridefinizione delle strategie o allo sviluppo di scenari futuri. Inoltre, in una fase come questa in cui alcune pratiche manageriali sono state messe in dubbio dal punto di vista etico abbiamo registrato una certa attenzione per il tema business ethics. Il cambiamento più rilevante non lo abbiamo notato fra corsi inter-aziendali e su commessa, quanto piuttosto all interno del segmento corsi inter-aziendali. In questo ambito, infatti, abbiamo registrato una forte riduzione delle iscrizioni di partecipanti finanziati da aziende (B2B) in favore di iscrizioni da parte di partecipanti autofinanziati (B2C). Quest ultimo aumento ha più che compensato la riduzione del canale B2B. Probabilmente, questo fenomeno è spiegabile da un lato con la riduzione dei budget formativi da parte delle aziende e dall altro con una maggiore pressione competitiva sui manager, che per conservare il ruolo acquisito, cambiare lavoro o riposizionarsi decidono di investire sullo sviluppo delle proprie competenze. Nella formazione manageriale di competenza, inoltre, l e-learning continua a rivelarsi un utile strumento di complemento, elemento di un blended approach che utilizza sia strumenti ad alto impatto/costo (la classe, i gruppi di lavoro, i role play) sia strumenti a più basso impatto/costo per gestire fasi di trasferimento di conoscenza o di informazioni. In libreria, di metafora in metafora Cinema, teatro, musica, cucina, sport. Il mondo della formazione continua a fare ricorso alla metafora come strumento didattico e gli esperti dei vari settori trasferiscono le proprie competenze ed esperienze in nuovi volumi. Nel libro Rugby. Dal campo all azienda (Guerini e Associati) Claudia Cavaliere, Paolo Mulazzi e Riccardo Paterni portano i lettori su un campo dove due squadre si affrontano in una battaglia cruenta ma corretta per la conquista di una palla ovale. «Il rugby non è solo uno sport affascinante», dicono, «ma anche portatore di un insieme di principi che possono essere applicati a qualsiasi realtà organizzativa complessa, in particolare al mondo aziendale: guarda ai momenti di crisi come a preziose occasioni di crescita. Una lezione strategica in un contesto come quello attuale, in cui la capacità di adattarsi a scenari in continua evoluzione assume un importanza determinante per la sopravvivenza dell organizzazione». Supportati dalle testimonianze di sportivi del mondo ovale, gli autori accompagnano il lettore alla scoperta dei valori che orientano il gioco del rugby e degli strumenti che questo sport può offrire alla teoria del management: evoluzione, adattamento situazionale, etica, identità, obiettivi condivisi, leadership. Attinge invece alle esperienze di un contesto atipico per la formazione ma al contempo familiare per tutti il libro di Andrea Ceriani Il manager in cucina. Ricette per la felicità in azienda (Guerini e Associati). Il vostro team ha perso lo spirito di innovazione? Per riscoprirlo, preparate insieme un pranzo in cui, per ciascuna portata, occorra variare un ingrediente a sorpresa. La gestione degli imprevisti è il vostro punto debole? Provate a cimentarvi nella realizzazione di un menu «povero» improvvisando con gli ingredienti trovati nel frigo. «Per apprendere o ritrovare le alchimie della cooperazione o la pratica del comando, per superare la paura del cambiamento o cementare un gruppo litigioso, a volte non bastano corsi e manuali», sostiene l autore. «Occorre fare, e l arte culinaria è una metafora perfetta del fare aziendale: serve organizzazione, gestione delle risorse, cura degli obiettivi, spirito di squadra e, naturalmente, un pizzico di follia». Ecco allora 21 menu completi con tanto di ricette, per tutti i palati e per tutte le esigenze: dalla creatività all innovazione, dal far carriera allo stimolo della fantasia, dal superamento delle difficoltà allo stupore. Dopo aver suggerito in Music Manager 86

13 FORMAZIONE MANAGERIALE Dal problem solving al problem setting di Michelangelo Patron, direttore generale di CFMT - Centro Formazione Management del Terziario In tempi di crisi anche la formazione manageriale vive un momento di forte discontinuità: alle business school si chiedono risposte più concrete e di immediata applicabilità. Soluzioni nelle quali l a p p r e n d i m e n t o passi sempre più attraverso la capacità di trasferire esperienze e di proporre momenti di riflessione generatori di stimoli, più che nozioni. Si assiste a una polarizzazione della domanda di formazione: cresce la richiesta di iniziative di base che permettano un aggiornamento e un completamento della propria professionalità, ma risultano affollati anche i corsi di nicchia caratterizzati da maggiore originalità, in linea con l idea che la formazione «standard» oggi non basti più a difendere la propria posizione professionale, che occorra qualche plus in termini di modelli, metodologie ed esperienze. Si fa più forte, dunque, la necessità di programmi formativi che offrano alle persone un maggiore valore utile sul piano professionale e alle aziende un forte collegamento con la strategia dell impresa. Oggi, ad esempio, si tende a fornire una visione come ogni azienda possa attingere valori, motivazione e suggerimenti pratici dal mondo della musica, Franco Marzo prosegue la sua indagine sull ispirazione musicale in ambito manageriale indicando un modello organizzativo fondato sui paradigmi musicali: timbro, ritmo, armonia e melodia. Nel suo nuovo libro B.A.C.H., Business Analysis of Corporate Harmony (FrancoAngeli) propone il superamento del tradizionale approccio valutativo basato sul confronto tra punti di forza e di debolezza e tra minacce e opportunità, per concentrarsi sul senso dell impresa e sul suo modo di operare. «Per trasmettere energia al pubblico degli stakeholder», dice, «l impresa deve cercare i modi per riuscire a farlo vibrare, ottenendone il consenso e l applauso (produttività, acquisto dei prodotti, sostegno economico finanziario), ovvero energia di ritorno». Il volume suggerisce un nuovo tipo di ascolto: l ascolto surround dove il teatro è il mercato globale, la musica l output e l orchestra l azienda. Quest ultima deve essere una tribù-orchestra con una storia, una cultura e un senso profondi, indipendentemente dal genere che ha deciso di suonare: rock, jazz, folk o gospel. Non sono recentissimi ma risultano sempre molto validi i due volumi curati da Francesco Bogliari Cinema per manager e Letteratura per manager (Etas): il primo propone la lettura in chiave manageriale di 50 grandi film, capolavori senza tempo e opere recenti appartenenti a tutti i generi dal western alla commedia da cui si possono trarre spunti di riflessione e discussione su concetti come leadership, cambiamento, creatività, organizzazione, ruoli, talento, mobbing, diversità ecc. Il secondo propone un viaggio nella letteratura di tutti i tempi alla scoperta degli insegnamenti per il business di oggi. Sono 50 opere letterarie di vario genere dal romanzo alla poesia, dal racconto al diario e di varie epoche e lingue da leggere in chiave d impresa: «Accanto ai grandi autori della letteratura mondiale moderna e contemporanea», spiega Bogliari, «il lettore trova anche scrittori non professionisti e autori italiani recenti. Solo due titoli sono dedicati espressamente a tematiche aziendali, economiche e del lavoro, tutte le altre sono opere letterarie pure, scelte per le metafore che ne possono derivare in chiave d impresa, a riprova della universalità della letteratura». Giugno

14 RAPPORTO SPECIALE 2009 generale che consenta al manager di riconoscere le buone idee presenti nella propria organizzazione, di moltiplicarne il valore inserendole in circuiti di uso ampio, aziendali o di rete, e di mantenerne il controllo sull uso e dunque sui ricavi corrispondenti. Questo tipo di metodologia risponde all esigenza di presidiare le interdipendenze, quindi i legami tra una molteplicità di campi, avendo in mente la natura sistemica dell impresa e delle sue reti. Essere esperti di problem solving non basta più: oggi i problemi sono infatti da riconoscere e costruire. È in questo problem setting che il management di qualità genera valore per le aziende, perché esplora strade che non sono facilmente visibili e percorsi non ancora battuti. All efficienza il manager deve affiancare la capacità di fare il proprio mestiere con flessibilità, aderendo rapidamente a cambiamenti che non possono essere previsti in anticipo, affrontando i problemi in modo creativo, anticipando la domanda di mercato. La professionalità, in un contesto del genere, deve necessariamente appoggiarsi a un sapere di base che sia ampio, pluridisciplinare e possibilmente plurinazionale, e che tuttavia consenta di raggiungere l eccellenza in specifiche funzioni. La soluzione sta nell idea di una «specializzazione reversibile»: occorre organizzare il sapere professionale delle persone e delle scuole in modo modulare, una sorta di «Sistema Lego delle professionalità» che da un lato fornisca una solida base generale di linguaggi e di codici professionali, ma che dall altro consenta l innesto di tanti «mattoncini» (idee, competenze, soluzioni) diversi. Fondamentale, inoltre, l importanza dei legami a rete e dei rapporti di condivisione dei progetti e dei rischi, che consentono di «navigare nel mare in tempesta» senza sfasciare i sistemi di relazione e di business in essere. Non solo formazione quindi, ma una knowledge community che accolga manager, consulenti, formatori, esperti, al fine di condividere conoscenza, stimoli e idee per sviluppare competenze, cultura e innovazione. Un modo moderno e funzionale per creare quell osmosi sempre più necessaria tra teorie, modelli e pratica quotidiana sul campo, che permetta di connettersi e collaborare alla costruzione del nuovo futuro. FORMAZIONE MANAGERIALE Partner a 360 di Simone Oliva, responsabile Area Formazione HR & Sviluppo manageriale di CEGOS ITALIA Nel primo trimestre 2009 ci si era aspettati una contrazione della domanda di formazione, ma in realtà il sostanziale cambiamento si è avuto in altro senso: oggi le aziende cercano partner a 360, in grado di eseguire un analisi dei bisogni e di sviluppare programmi di medio e lungo periodo a sostegno dello sviluppo manageriale e organizzativo. Abbiamo riscontrato una maggiore attenzione alla dimensione manageriale delle professioni: processo decisionale, problem solving e creatività, dinamica di gruppo; in merito ai percorsi a sostegno dello sviluppo personale, invece, anche in Italia sta prendendo finalmente piede il coaching, soprattutto come strumento di sostegno per figure manageriali di nuova nomina. I corsi interaziendali hanno un po sofferto nel primo trimestre dell anno a favore degli interventi in azienda, anche se i best seller sui fondamenti di management e le tecniche di vendita hanno retto. Una strada da percorrere è senza dubbio quella dell e-learning: la tecnologia a disposizione ne fa oggi una soluzione molto allettante soprattutto nell ambito di pacchetti blended, dove a distanza è possibile lavorare su follow up, intersessioni e attività di pre-work. Riguardo a setting e modalità formative la soluzione dell aula regge, anche se riscontriamo una rinnovata attenzione nei confronti di outdoor training, sport e metafore quali arte, musica e teatro. Queste ultime, in particolare quella teatrale, risultano particolarmente apprezzate, soprattutto per quanto riguarda i temi dello sviluppo personale, delle comunicazione e della dinamica di gruppo. Un mercato come quello attuale, rallentato in tutte le sue dinamiche, sta purtroppo limitando l ingresso nel mondo del lavoro ai più giovani, a volte bloccando carriere potenzialmente luminose; molti «si rifugiano» 88

15

16 RAPPORTO SPECIALE 2009 nella formazione (master, corsi di specializzazione ecc.), creando in alcuni casi persino l eccesso di un utenza «perpetua» che, come risultato, produce una generazione ipercompetente ma sotto-utilizzata. La formazione interaziendale ha però il pregio di favorire attività di networking, soprattutto quando a partecipare sono decisori di differenti funzioni (corsi di sviluppo manageriale, corsi legati allo sviluppo di competenze quali comunicazione, negoziazione e così via). Non è raro che ai nostri eventi entrino in contatto buyer e venditori di realtà dello stesso settore o che si realizzino movimenti del management da azienda ad azienda. Non è più tempo di formazione standardizzata di Marco Masella, presidente della SCUOLA DI PALO ALTO La crisi ci costringe a portare soluzioni reali. Le aziende stanno ponendo l accento sulle performance delle persone e sullo sviluppo e il mantenimento dei talenti. Le imprese «sane» vogliono conoscere il potenziale di ogni collaboratore e come farlo esprimere al meglio. Mai come in questo momento gli assessment stanno diventando fonte d informazione basilare: le aziende hanno bisogno di sapere come ottenere il massimo dalle persone. Gli HR devono poter mettere la persona giusta al posto giusto e gli strumenti più utili a questo scopo sono quelli che indicano di cosa ogni singola persona ha bisogno per esprimersi al meglio. È finito il tempo dei seminari uguali per tutti; le scuole devono essere in grado di capire, attraverso l uso di strumenti di misurazione delle persone, di cosa esse hanno bisogno e con quale quantità. Come affrontare il contesto odierno? Parafrasando il titolo di un vecchio volume di Sheldon Kopp (1975): «Se incontri il guru per la strada uccidilo»; i grandi guru del management e dell economia hanno individuato e individuano le «loro» soluzioni, ma attualmente le aziende hanno bisogno di strumenti semplici ed efficaci che rispondano a domande complesse per sopravvivere a periodi così difficili. Fondamentali risultano, allora, l introduzione di tecniche di analisi dei ruoli e di verifica delle coincidenze di ruolo e l aggiornamento e l approfondimento delle tematiche relative alla comunicazione. Nell ambito della formazione manageriale, sempre più spesso ci troviamo di fronte a contraddizioni estreme. Nei momenti di crisi, per alcune aziende essa è fonte d ispirazione, per altre un costo da tagliare. Come sempre, ci si basa sul tipo d esperienza vissuta: il concetto di formazione viene associato a quello di costo per percorsi formativi modesti; la formazione di qualità, invece, viene percepita come investimento. In generale, oggi le aziende che vogliono ottenere risultati in tempi brevi si affidano a una formazione di qualità elevata, che possa fermarsi nel cuore delle persone e che renda memorabile l esperienza vissuta. Incidere sulla strategia di Fabio Venturi, titolare di STUDIO VENTURI Attualmente gli interventi richiestici dalle aziende in ambito formativo sono quelli di training al customer service per fidelizzare i clienti; ci viene anche richiesto di formare i tecnici dell assistenza, per vendere contratti di manutenzione e ricambi e recuperare così la caduta di fatturato e i margini dei prodotti. Nel settore vendite servono invece nuovi strumenti e stimoli per commerciali sotto budget. Il training qui riguarda la vendita complessa, la gestione di una zona e la negoziazione per difendere i margini. Rileviamo un incremento nel ricorso alla formazione in azienda, con forti richieste di personalizzazione che sfociano anche in coaching. Tuttavia, in questo momento di crisi, riteniamo che la formazione manageriale debba incidere sulla strategia. Le aziende che fanno solo TQM e/o Lean 90

17 FORMAZIONE MANAGERIALE Production migliorano l efficacia operativa nel breve termine, a detrimento della strategia nel lungo periodo. Se a questo sommano, poi, una cultura aggressiva che aumenta volumi e fatturato con cut price e proliferazione di prodotti, nei mercati maturi possono rischiare di cadere nella trappola della crescita e compromettere i profitti. Oggi il key issue comune è «Come rafforzare le basi strategiche per assicurare la crescita profittevole?». Si può investire nell innovazione di prodotto, ma il sogno di leadership tecnologica e lo status di pioniere rimangono per la maggior parte delle aziende un sogno! Si può anche investire nell innovazione di valore (strategia Oceano Blu), ma questa richiede anni di gestione e non dà garanzia di risultati. Le aziende con profitti eccellenti hanno gli stessi prodotti e gli stessi costi di quelle a media redditività, ma utilizzano diversamente il marketing. Hanno abbandonato la cultura aggressiva e competono pacificamente. Cambiano il marketing per elaborare un offerta di valore che genera una migliore qualità del fatturato, perché incrementa i margini unitari e quindi il profitto. Questa sfida stimola in noi formatori un maggiore impegno verso i nostri clienti. Promossa la formazione dai risultati immediati di Giusy Civardi, responsabile di FESTO Academy - Industrial Management School La crisi in atto porta le aziende a un attenta riflessione sulle voci di spesa e a una focalizzazione sulle azioni di breve periodo, che producono interventi sui costi non sempre efficaci al fine di sostenere e sviluppare la prima voce del conto economico, i ricavi. La formazione manageriale, in questo nuovo scenario di mercato, è richiesta soprattutto come leva per generare cambiamento, con effetti non solo sul domani ma anche su un orizzonte temporale di medio periodo; è questa la strategia utilizzata da chi crede nelle proprie risorse umane e le ritiene un asset centrale per lo sviluppo. In ogni caso, gran parte delle aziende ha ridotto drasticamente il budget per la formazione, evidenziando una netta separazione fra la formazione percepita come bene superfluo e la formazione che può generare immediati risultati. La business education non può che indirizzarsi verso quest ultima scelta, formulando interventi finalizzati a «far succedere le cose», a lavorare in ottica di riduzione degli sprechi (ottica Lean) in più ambiti, dalla supply chain alle vendite, fino alla Ricerca & Sviluppo, soprattutto con l obiettivo di forte integrazione tra questi ultimi processi. Le scuole di management devono sempre più orientare la propria offerta facendo percepire al cliente che la formazione è un veicolo indispensabile e non un «bene superfluo». In questa prospettiva i punti focali devono essere ancorati ai processi chiave (vendita, produzione e innovazione) e devono offrire conoscenze specialistiche e di sistema, strumenti, metodologie, confronti con altre realtà; tutti elementi che devono poter essere utilizzati immediatamente nel proprio contesto lavorativo. Quando si vogliono ottenere risultati rapidamente spendibili, è meglio puntare su corsi brevi e intensivi, rivolti all esercizio di un ruolo e che consentano un immediata misurazione della loro efficacia. I percorsi individuali e i corsi interaziendali risultano essere sempre un ottimo veicolo di confronto, la risposta ideale per la crescita professionale di risorse su cui si punta (percorsi) o per l acquisizione di competenze specifiche (seminari tematici). La formazione su commessa è invece la soluzione ottimale alla richiesta di cambiamento, che transita dalle e sulle persone, ed è costruita a partire dal contesto del cliente, con risultati tangibili nel breve periodo e spesso integrata con supporti specialistici consulenziali. In tal caso mi sembra più appropriato parlare non tanto di formazione, quanto di «formulenza», i cui ritorni devono essere immediati, soprattutto sul conto economico. Su quali modalità formative è meglio puntare? Interazione, uso di business game in cui si sperimentano situazioni quasi dal vivo, e poi gli elementi base, di sempre, che sono concretezza, competenze ed esperienza. Giugno

18 RAPPORTO SPECIALE 2009 Lifelong learning per il manager che diventa consulente di Rosamaria Sarno L esperienza acquisita in azienda è condizione utile ma non sufficiente. La formazione è strumento basilare sia per acquisire le competenze del nuovo ruolo sia per mantenersi «appetibili» sul mercato Spontaneamente o «spintaneamente», sono tanti i manager che oggi escono dalle aziende e si ripropongono sul mercato in un altro ruolo: commercialisti, immobiliaristi, formatori, chef, persino illusionisti. Ma i più, tolto il cappello da manager, indossano quello da consulente. Secondo le stime di Manageritalia, l Associazione dirigenti, quadri e professional del terziario, nel 2008 su diecimila dirigenti licenziati o costretti ad andarsene, si sono dati alla consulenza: lo fanno in modo continuativo e solo ogni tanto. Anche perché è difficile rientrare in azienda, se non a costo di un incarico inferiore rispetto al precedente (ma anche questa strada non sempre porta a risultati positivi). «Dopo un anno dall uscita dall azienda, per licenziamento o spinta ad andarsene, solo il 12,4% dei manager ritrova un incarico migliore o in linea con il precedente, mentre il 69,7% lo trova inferiore o precario», spiega Claudio Pasini, presidente di Manageritalia, «di questi, il 35% trova un incarico come consulente in modo continuativo o saltuario». E qui non può non entrare in gioco la formazione, con corsi, seminari, master e altre soluzioni di education management. «Appare evidente che la formazione è strumento indispensabile per mantenersi appetibile in azienda e sul mercato», osserva Pasini, «una formazione continua, realizzata prima e dopo un eventuale perdita dell incarico, risulta essere vitale, da un lato per apprendere competenze necessarie a vivere il nuovo ruolo, dall altro per mantenere e aggiornare quelle specialistiche e manageriali che assicurano valore e vendibilità. Tant è che il Centro Formazione Management del Terziario prevede che i dirigenti possano continuare a seguire corsi di formazione per un anno dopo l uscita dal contratto e, sempre con la supervisione del Cfmt, vengano proposti corsi ai quasi professional iscritti, che molto spesso sono ex dirigenti che oggi operano con contratti di consulenza». «È fondamentale», sostiene il presidente di Manageritalia, «una formazione improntata al marketing di se stessi, alla gestione di risorse umane in contesti di non dipendenza o di conflitti in situazioni di minore governance dei processi. Tanto più se il manager deve ricollocarsi come consulente: in questo caso gli si richiede anche e soprattutto di migliorare ancor più la propria capacità di giocare su un autorevolezza che non deriva dall'autorità, ma dal saper fare il manager, senza alcuna leva strategica e organizzativa. Anche qui la formazione può rivelarsi un utile opportunità: in questo caso quella interaziendale, seguita dal Claudio Pasini, presidente di Manageritalia consulente insieme con i dirigenti ancora in azienda, può con- 92

19 FORMAZIONE MANAGERIALE sentire uno scambio interculturale indispensabile al primo per vivere e capire come sta evolvendo il contesto odierno». L ossimoro del manager/consulente Per Pasini la soluzione di un manager che diventa consulente è comunque un ripiego sia per lo stesso professionista sia, ancor di più, per l azienda e per l economia nazionale. «Infatti, per riuscire a competere sul mercato, un impresa ha bisogno di una gestione manageriale che, sopra una certa soglia minima e per certi ruoli, deve essere garantita non solo perché lo prevede la legge da professionisti con precisi incarichi, responsabilità e inquadramento contrattuale. È chiaro che un consulente proprio per il tipo di rapporto contrattuale stabilito con l azienda ben difficilmente riesce ad assumere appieno ruolo e responsabilità o, comunque, a fornire un contributo completo». Il problema non sta tanto nel costo; si possono infatti stipulare contratti a termine e, soprattutto, con una retribuzione che preveda una forte parte variabile e legata ai risultati raggiunti. «Il nodo», afferma il presidente di Manageritalia, «sta piuttosto nella mancanza di volontà da parte dell imprenditore o del management aziendale di lasciare a una figura necessaria le funzioni manageriali e la giusta dose di delega e autonomia: questo è l atavico problema dell economia nazionale, dove troppe aziende hanno assoluto bisogno di competenze manageriali per essere competitive ma sono riluttanti a farle operare appieno e quindi limitano la loro capacità di generare valore. Insomma, il manager/consulente non solo è un ossimoro, ma è anche e soprattutto un freno alla produttività, alla crescita e allo sviluppo». E conclude provocatoriamente: «Insomma, forse dovremmo inventarci un executive master su come guidare e gestire un azienda o parte di essa senza averne il timone. Difficile, ma non impossibile se tanti lo fanno». Giorgio Ambrogioni, presidente di Federmanager L associazionismo contro la solitudine Una specifica ricerca sui professional realizzata da Federmanager, l associazione dei dirigenti industriali, e da Federprofessional, associazione delle alte professionalità indipendenti, indica una sostanziale continuità tra le due esperienze lavorative, quella da dipendente e la successiva da consulente, e che i due fattori determinanti per il successo del lavoro autonomo risultano le skill acquisite in azienda (44% degli intervistati) e la rete di relazioni costruita nel tempo (40%). L area di competenza è la medesima per il 64,1% mentre il 14,6% ha dovuto ampliare o comunque parzialmente modificare il proprio campo d azione e per il 15,5% le materie oggetto del nuovo lavoro non corrispondono per niente al lavoro precedentemente svolto. Giorgio Ambrogioni, presidente di Federmanager, sottolinea però la grande differenza esistente tra i manager che diventano consulenti per libera scelta e quelli che invece sono costretti a lasciare il proprio lavoro: «I primi hanno un percorso più facile, entrano spesso in strutture già affermate con l obiettivo di affrontare nuove sfide. Per i secondi il percorso è sicuramente molto più complesso perché si trovano di fronte a un mercato della consulenza che si va inflazionando e in cui è difficile riuscire a individuare le opportunità ancora disponibili». Giugno

20 RAPPORTO SPECIALE 2009 FORMAZIONE MANAGERIALE Ambrogioni pone l accento anche sul fattore solitudine, sulla difficoltà da parte dell ex dirigente di reinventarsi come imprenditore di se stesso, di approcciare i problemi in modo diverso rispetto al precedente incarico: «Da colletto bianco diventa colletto solo, senza la struttura alle spalle che lo proteggeva, con tutte le tutele sanitarie, previdenziali, infortunistiche ecc. L impatto è durissimo. Va inoltre sottolineato un aspetto più delicato: la manutenzione e implementazione delle competenze. Se si è consulenti in un grande studio associato, si hanno possibilità di confronto e di alimentazione della propria professionalità; se si è invece un consulente isolato, il rischio è quello di vedere depauperata, con un ritmo molto accelerato, la propria capacità di restare sul mercato. I primi anni si mette a frutto quello che si è appreso in azienda, ma col tempo queste competenze diventano obsolete se non le si sottopongono a manutenzione. Ecco quindi la necessità di strumenti di aggiornamento e il ruolo delle strutture associative che si sostituiscono alle aziende dando supporto a livello psicologico e pratico sul fronte servizi. È per questo che per gli ex dirigenti e gli ex quadri abbiamo creato Federprofessional». Tamponare le scelte avventate delle Pmi Quanto alle opportunità, vanno segnalate alcune particolarità del sistema economico italiano: in un Paese come il nostro in cui dominano le Pmi c è un forte bisogno di consulenza e l età più matura gioca a favore. «Spesso il piccolo imprenditore tende a non entrare in sintonia con il giovane rampante, preferisce l over 50, meno scalpitante e di cui si fida di più, anche perché molte volte ha la sua stessa età», sostiene Ambrogioni che però sottolinea anche la necessità di fare network: «Quando la piccola impresa prende un consulente cerca di far giocare alla stessa figura più ruoli: ecco quindi che, se ad esempio si viene chiamati per il controllo di gestione e poi vengono richieste risposte in materie contigue, si deve poter attingere alla rete dei propri colleghi. Infine, c è un altro fattore positivo: sono convinto che oggi le Pmi stanno reagendo alla crisi licenziando dirigenti e quadri tecnici, che costano di più ma sono anche figure critiche per l azienda. Quando la crisi sarà passata, si renderanno conto che hanno dismesso asset fondamentali, che probabilmente, se capaci, si sono riallocati: allora avranno bisogno di tamponare ricorrendo ai consulenti in attesa di ricostruire la propria struttura. È importante quindi che i manager atipici siano pronti a cogliere le opportunità offerte dalle scelte avventate di queste Pmi». Quanto alla formazione, Ambrogioni riconosce che quella di qualità costa: «Spesso è costruita su misura, quindi i neo consulenti o si inseriscono in soluzioni associative serie, uscendo da una logica autoreferenziale all inizio molti pensano di potercela fare da soli e facendosi assistere nel loro percorso di ricerca di nuove opportunità, oppure fanno solo male a se stessi. D altra parte, oggi lo stato di inoccupato non è più considerato una vergogna perché il rischio di dover uscire dall azienda fa parte del Dna professionale del dirigente, nessuno si può sentire immune da questo rischio. Ecco perché è importante creare sinergie e dare risposte serie: noi abbiamo stretto un alleanza con Apco-Associazione professionale italiana dei consulenti di direzione e organizzazione per offrire ai soci di Federprofessional la possibilità di ottenere la formazione e la certificazione di qualità Apco, mentre gli associati Apco potranno accedere ai nostri fondi di categoria e beneficiare dei nostri sistemi di tulela sanitaria, assicurativa, fiscale e legale». Una norma Uni per l autodiagnosi E Francesco D Aprile, presidente Apco, conferma l assoluta necessità di aggiornamento costante per l ex manager: «Il valore aggiunto del consulente costituito da competenze, metodi ed esperienze costruiti su progetti gestiti verso una pluralità di clienti in una condizione di autonomia e indipendenza è complementare a quello del manager. L esperienza acquisita in azienda è condizione utile ma non sufficiente perché ci si possa trasformare in consulenti. Sottolineerei innanzitutto le implicazioni connesse alla prospettiva di autonomia, che passa attraverso il rispetto di un rigoroso codice etico. Quindi un sistema di competenze che non si esaurisce in quelle tecniche o di industry. Non si può tra- 94

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Guida 2014 Attività & Progetti

Guida 2014 Attività & Progetti Guida 2014 Attività & Progetti Sommario pag. Premessa... 4 Obiettivo di questa GUIDA... 4 Lista Progetti... 4 Referenti Progetti... 5 I. Progetto UN FIOCCO IN AZIENDA... 6 Benefici del Programma II. Progetto

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

SPC Scuola di Process Counseling

SPC Scuola di Process Counseling SPC Scuola di Process Counseling In uno scenario professionale e sociale in cui la relazione è il vero bisogno di individui e organizzazioni, SPC propone un modello scientifico che unisce l attenzione

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Art. 1 - Attivazione Master di II livello L Istituto di MANAGEMENT ha attivato presso la Scuola Superiore Sant Anna di Pisa, ai sensi dell art. 3 dello

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli