2 Assortimento e misurazione del legname

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2 Assortimento e misurazione del legname"

Transcript

1 2 Assortimento e misurazione del legname 2.1 Assortimenti di legname In questo capitolo sono trattate le prescrizioni usate in Svizzera per l assortimento e per la misurazione. Legname tondo, tronchi Conifere legname lungo L3 legname semilungo L2 legname corto, toppi L1 Tondoni di latifoglie Legno da industria legno per pasta PM legno per cellulosa C legno per pannelli P legno per lana di legno L Legno da energia squartoni, tondelli trucioli legno da energia (intero) Prescrizioni in materia d assortimento e di misurazione e organizzazioni responsabili Norme per il commercio del legname grezzo in uso in Svizzera: Economia forestale Svizzera, Soletta Holzindustrie Schweiz, l associazione svizzera dell industria del legno Lignum / Holzwirtschaft Schweiz, Zurigo Holzbau Schweiz, Zurigo Sezione Ticino e Moesano Comunità svizzera per il legname da industria c/o Riegger GmbH, Zurigo AELSI Energia legno Svizzera Diversi assortimenti speciali, per esempio: pali per fondazioni, legno di risonanza. I vari assortimenti sono in parte classificati per qualità e dimensione. 10 CODOC 2007 / 2010

2 2.2 Strumenti di misura Gli strumenti di misura sono importanti per il lavoro del selvicoltore. La loro manipolazione accurata e corretta, come pure la manutenzione sono dunque particolarmente importanti. Strumenti per la misurazione della lunghezza Metro a nastro, nastro metrico autoavvolgente Doppio metro o metro pieghevole Barra metrica Per la misurazione della lunghezza si usa generalmente il nastro metrico. La precisione degli strumenti di misura va controllata periodicamente. La lunghezza deve essere verificata dopo la riparazione di un nastro metrico autoavvolgente! Strumenti per l accertamento del diametro Il calibro è sottoposto a taratura, poiché dalla sua precisione dipende l affidabilità del calcolo volumetrico. Contrassegno di taratura ufficiale Calibro Per diametri molto grossi è possibile usare un nastro diametrico. Misurazione in segheria o vendita a peso Nelle segherie si procede viepiù alla misurazione e classificazione elettronica del legname. Il peso costituisce sempre più spesso il parametro di vendita per i grandi assortimenti a buon mercato. CODOC 2007 /

3 2.3 Prescrizioni di misurazione e manipolazione degli strumenti di misura Misurazione delle lunghezze Punti di misura A dipendenza delle dimensioni della tacca direzionale o nel caso dell esecuzione di un taglio di sezionatura obliquo, si inizia a misurare in diversi punti. La freccia indica i punti d attacco dello strumento di misura. Se la tacca direzionale misura fino a un quarto del diametro, se ne misura la metà! Se la tacca direzionale misura fino a più di un quarto del diametro, non deve essere misurata! Nel caso di un taglio di sezionatura obliquo, si misura a partire dal punto più corto! Indicazione della lunghezza Nella misura in cui non ci sono stati altri accordi, la lunghezza che serve per il calcolo del volume solido si arrotonda al decimetro per le latifoglie e al mezzo metro per le conifere. Soprammisura in lunghezza Ogni taglio di sezionatura comporta una perdita sulla lunghezza. Per permettere all acquirente di sfruttare tutta la lunghezza pagata, ogni tronco deve avere una soprammisura in lunghezza. La soprammisura deve presentare la stessa qualità del resto del tronco. Come norma valgono: per le conifere 2% della lunghezza, ma almeno 10 cm e per le latifoglie 3%, ma almeno 15 cm. Le normative differenti dovranno essere oggetto di accordi particolari. Richieste del cliente Se l acquirente richiede p.es. una lunghezza di 5.20 m, si possono annotare 5.20 m come lunghezza di vendita. A questa va poi aggiunta la soprammisura. Di solito, i tronchi pregiati si misurano al decimetro. 12 CODOC 2007 / 2010

4 Accertamento del diametro Per calcolare il volume di un tronco, se ne misura la lunghezza e il diametro mediano (a metà del tronco). Il diametro mediano sotto la corteccia è inoltre impiegato per la classificazione. Lo schizzo seguente fornisce un esempio per le conifere m 4.08 m 8,16 m piede del tronco metà del tronco 2 % = 16 cm Richiesta del cliente: L = 8 m Nel caso di un ingrossamento nel punto da misurare, si prende la misura da ambo i lati dello stesso Il diametro va misurato con due misurazioni intersecate Corteccia 1 cm +1 cm = doppio spessore della corteccia 2 cm Nel caso in cui il punto da misurare cade su un ingrossamento anormale, il diametro sarà misurato a equidistanza sui due lati dell ingrossamento. La media dei due diametri corrisponde a quello necessario per il calcolo. È raro incontrare dei tronchi perfettamente rotondi. Non basta perciò una sola misurazione per determinare il diametro. Sono necessarie due misurazioni diverse, badando che le loro direzioni siano intersecate (di regola secondo il diametro più grande e quello più piccolo). Indicazione del diametro Il valore medio delle due misurazioni va arrotondato al centimetro inferiore. Valori misurati: 48 e 55 cm > Ø = 51 cm Deduzione della corteccia Il legno si misura sotto la corteccia. Nel caso di misurazioni sopra la corteccia, va fatta una deduzione, in valore percentuale o in centimetri, commisurata alle condizioni della corteccia. In assenza d altri accordi, valgono le percentuali di deduzione della corteccia menzionate nelle norme (allegato 3, pagine 76 e 77). Se il tronco non è scortecciato o non è cercinato sul punto di misura, deve essere dedotto il doppio dello spessore della corteccia. Lo spessore della corteccia varia da una specie all altra e deve perciò essere misurato. In assenza di precisazioni, il diametro mediano è sempre misurato senza la corteccia. Anche per la classificazione fanno stato le misure sotto la corteccia. La lista del legname deve indicare in modo chiaro se le misure sono state prese con o senza corteccia! Diametro del cimale Per molti assortimenti, è prescritto un diametro minimo del cimale. Questo si misura direttamente all estremità del cimale, sul punto più sottile sotto la corteccia, vedi norme per il commercio del legname grezzo in uso in Svizzera. CODOC 2007 /

5 2.4 Calcolo del volume Volume del tronco e volume del cilindro Il tronco, che osservato da un punto di vista geometrico rappresenta un cono tronco, è trasformato in un cilindro per il calcolo del volume. r x r = r 2 r 2 x = r 2 x 3.14 = A A L = 8 m A A x L = V La formula per il calcolo del volume del cilindro è dunque: volume (V) = area del cerchio mediano (A) x lunghezza (L) = r 2 x pi greco x L La determinazione del volume avviene in base alla lunghezza e al diametro mediano. Le indicazioni in cm del diametro mediano vanno trasposte direttamente in m, poiché la lunghezza è indicata in m e il volume è richiesto in m 3. Nel calcolo del volume si parte dal principio che il tronco si restringe regolarmente dal piede alla punta. Esempio: Per un tronco di faggio si misurano i seguenti valori: diametro mediano 40 cm (r = 0.20 m) lunghezza: 5.0 m Il risultato s arrotonda a due decimali. volume = 0.20 m x 0.20 m x 3.14 x 5 m = 0.63 m 3 Gli strumenti di rilevamento elettronici calcolano e indicano automaticamente il volume. In assenza di strumenti di rilevamento, il volume del tronco può essere determinato in base a una tavola di cubatura (vedi «Forstkalender»). Rilevamento in base alle misure esterne Misurazione per campione In questo caso, si misurano i tronchi situati all esterno della pila, si contano tutti i tronchi che la compongono e si fa un calcolo approssimativo. Il calcolo approssimativo può essere fatto con uno strumento di rilevamento elettronico o con l aiuto di tabelle grafiche. 14 CODOC 2007 / 2010

6 2.5 Classificazione del tondame Le esigenze per quanto riguarda la dimensione e la qualità del legno variano a dipendenza del tipo d impiego previsto. Dalla dimensione, dalla qualità e dalla specie dipende anche il ricavo dalla vendita del legname. A dipendenza dell acquirente, la classificazione avviene per: specie lunghezza (solo per le conifere) diametro qualità Le indicazioni dettagliate sono trattate con l aiuto delle norme per il commercio del legname grezzo in uso in Svizzera. Panoramica sulle norme per il commercio del legname grezzo in uso in Svizzera Classificazione secondo la lunghezza Conifere L0 meno di 3 m L1: legname corto, toppi 3 6 m L2: legname semilungo 6,5 14,5 m L3: legname lungo m Latifoglie tondame di latifoglie da 3 m o secondo accordo con l acquirente Soprammisura: conifere 2% della lunghezza, ma almeno 10 cm latifoglie 3% della lunghezza, ma almeno 15 cm Diametro delle classi in cm prima classe a b seconda classe a b terza classe a b quarta classe a b quinta classe sesta classe 60 e più Diametro minimo del cimale in cm (vale solo nel caso di conifere, per legname lungo L3) prima classe 14 seconda classe + terza classe 18 quarta classe 22 Qualità A: qualità al di sopra della media, esente da difetti B: qualità da buona a media, difetti leggeri C: qualità da media a inferiore alla media, difetti considerevoli D: legno da segare, che non appartiene alle qualità A, B, C Aspetti particolari cretti a stella, cuore rosso o bruno rami incurvamento fa stato il diametro più grande fa stato il diametro più piccolo il primo metro non si considera nella valutazione della qualità dei toppi di base CODOC 2007 /

7 2.6 Valutazione degli assortimenti adeguata L impiego a cui è destinato il legname contrattato, ha un influsso importante sul suo prezzo. Per un legno senza nodi, con anelli annuali ben distribuiti, uno stipettaio pagherà per esempio un prezzo più elevato di quello di una segheria che produce solo in massa. Al momento di classificare gli assortimenti di un albero, va perseguito il valore più alto possibile per l intero tronco, tenendo perciò conto delle richieste dei clienti. L azienda deve quindi accompagnare ogni taglio con una lista degli assortimenti! I tagli di sezionatura influiscono sui prezzi di vendita Sezionatura dialità Il taglio di sezionatura deve essere eseguito in modo ponderato, per assegnare a una classe qualità elevata quanto più possibile del legno di un tronco. Il selvicoltore/l apprendista ha una gran responsabilità, poiché una sezionatura «giusta» può significare una valorizzazione importante. 16 CODOC 2007 / 2010

8 Conifere L1 = legname corto, toppi 3-6 m Per questo assortimento, il punto del taglio di sezionatura sarà determinato in modo preponderante dalle richieste del cliente e dalla qualità del legno. Esempio: un acquirente vorrebbe in prevalenza dei tronchi di 5 m 5 m 5 m 4 m L2 = legname semilungo m Anche per questo assortimento, il taglio di sezionatura è determinato dalle richieste del cliente e dalla qualità del legno. L3 = legname lungo m La sezionatura influisce in modo particolarmente importante sulla classificazione del legname lungo. Quanto più si tagliano i tronchi, tanto meno potranno essere classificati in una classe elevata. Al momento di decidere i tagli di sezionatura, si deve tener conto della presenza di cancro, di forti infestazioni da vischio, di parti danneggiate e d incurvamenti. La corretta classificazione in L2 o L3 dipende anche dalla misura in cui è possibile sfruttare il legno del cimale. La lunghezza massima è determinata dal raggio delle curve delle strade d esbosco e dalla lunghezza massima autorizzata per l intero convoglio, al momento fissata in 25 m. Latifoglie Per il legno di latifoglie, il punto di sezionatura è determinato innanzitutto dal cambio di qualità. 6,4 m (A) 4,3 m (C) Ø 32 cm Ø 43 cm CODOC 2007 /

9 2.7 Legno da industria Legno per pasta abete rosso abete bianco Assortimenti di legno da industria Il legno da pasta è ridotto meccanicamente con grandi macine e trasformato in carta assieme alla cellulosa. Affinché il legno possa essere scortecciato bene e richieda pochi coloranti, le esigenze qualitative sono molto elevate. Legno per cellulosa abete rosso abete bianco faggio carpino (max. 10%) Il legno per cellulosa è ridotto in trucioli e, in seguito, disgregato tramite cottura in prodotti chimici in modo da separare le singole fibre di cellulosa. Si ottiene così la cellulosa che, assieme alla pasta di legno, è impiegata per la produzione di carta e cartone. Legno per pannelli tutte le conifere tutte le latifoglie eccetto la robinia (la quercia su accordo) nessun legno esotico! Il legno per pannelli è ridotto meccanicamente in trucioli o fibre e trasformato in pannelli di truciolato o di fibra di legno. Le esigenze qualitative sono meno elevate che nel caso del legno per cellulosa. Legno per lana di legno abete rosso abete bianco pino silvestre Con le specie a fibre lunghe è possibile produrre lana di legno, impiegata soprattutto per l imballaggio (p.es. di parti di macchine) e per le colture di fragole. Il legname di latifoglie non è adatto a questo impiego. 18 CODOC 2007 / 2010

10 Misurazione del legno da industria Ci sono diverse possibilità d impiego per il legno da industria. Esso è perciò suddiviso in assortimenti come segue: legno per pasta PM legno per cellulosa C legno per pannelli P legno per lana di legno L Per i diversi assortimenti, si fa pure la distinzione tra: legno di conifere C legno di latifoglie L A dipendenza della qualità, si può inoltre suddividere in classi: prima classe 1 seconda classe 2 CC2 significa dunque legno per cellulosa proveniente da conifere di seconda classe. Le prescrizioni esatte si trovano sulla cartina pieghevole della Comunità svizzera per il legname da industria. Il legno da industria può essere misurato in metri steri, in metri cubi o in tonnellate (peso fresco oppure atro). Metro stero (ms, come stero, ma senza soprammisura in altezza) La misura dello stero si ottiene moltiplicando la lunghezza, l altezza e la profondità di una catasta di legname. Per ogni catasta incrociata vanno dedotti 20 cm dalla lunghezza. Metro cubo Per la misurazione in metri cubi fanno stato le norme per la misurazione del tondame. Il peso a secco assoluto è calcolato alla consegna Peso Le unità di misura del peso sono la tonnellata atro e la tonnellata lutro. Peso atro = peso del legno assolutamente secco (umidità 0%) Secondo le nuove norme, 1 tonnellata atro corrisponde a conifere: o 2.25 m 3 o 3.21 ms latifoglie a legno duro: 1.60 m 3 o 2.29 ms Attenzione: i summenzionati fattori di conversione sono stati convenuti in questo modo dall industria del legno (cfr. norme), sono in realtà troppo bassi. Vedi anche tabella di conversione nel capitolo Tecnologia del legno e nel Forstkalender. Peso lutro Il legno normalmente secco (lutro) contiene una percentuale d acqua di ca. 15%. Questa può essere raggiunta lasciandolo seccare all aria per un tempo prolungato (sotto tetto). Per i conteggi, il controllo del prelievo, la stima dei carichi da fornire o la suddivisione dei trasporti collettivi, il volume delle cataste può essere calcolato nel bosco, in modo abbastanza preciso ed evitando di perder tempo, su campioni in base alle misure esterne (vedi Forstkalender, sotto Waldmass von Industrieholz lang ). CODOC 2007 /

11 2.8 Legno da energia Legname accatastato Il legname accatastato (legno da energia) è solitamente ancora venduto in steri in conformità alle seguenti indicazioni, che non fanno tuttavia parte delle norme per il commercio del legname grezzo. Le cataste di legna in steri sono costituite da squartoni e da tondelli. Rapporto tra il volume della catasta e il volume effettivo del legname: 1 stero = 0.70 m 3. Lo stero è una misura imprecisa. A dipendenza della specie arborea e della forma della catasta, il volume di legname effettivo può oscillare tra 0.65 e 0.75 m 3. Tabella di conversione nel capitolo «Tecnologia del legno» o nel «Forstkalender». Le cataste in steri richiedono parecchio lavoro Lunghezza Gli squartoni e i tondelli accatastati in steri misurano 1 m e sono sezionati senza soprammisura. Le facce delle estremità devono essere perpendicolari alla lunghezza. Per ogni catasta incrociata vanno dedotti 20 cm dalla lunghezza. Soprammisura in altezza Le cataste di legna da ardere fresca, vanno allestite con una soprammisura pari a 5% della loro altezza. La legna da ardere secca, non richiede soprammisura in altezza. Valori calorici La legna da ardere dovrebbe essere stoccata per 2 anni I fuochi nel caminetto o all aperto, ci hanno già permesso di notare che non tutte le specie legnose bruciano alla stessa velocità né producendo lo stesso calore. Le specie legnose presentano differenti parametri di combustione: vedi tabella sottostante. La legna da ardere definita secca deve essere stata stoccata per almeno 24 mesi, ben impilata, in un luogo ben aerato e al riparo dalle precipitazioni. 100 kg di legna assolutamente secca hanno un valore calorico uguale, indipendentemente dalla specie Paragone tra densità e valore calorico Specie Densità kg/m³ (normalmente secco) Valore calorico in % (faggio = 100%) abete rosso pino silvestre larice acero di monte quercia frassino faggio CODOC 2007 / 2010

12 Trucioli - cippato di legno Produzione di cippato Il cippato si vende in base al volume (il calcolo del volume avviene nel contenitore di trasporto). L allestimento di legna da ardere è molto oneroso e nella maggior parte dei casi non copre le spese dell azienda forestale. Dal punto di vista tecnico, comporta inoltre delle condizioni sfavorevoli per chi svolge il lavoro. Per queste ragioni si è cercato un modo razionale di preparare la legna da ardere e si è giunti alla preparazione di cippato. Sia la preparazione in bosco, sia la fornitura all utente possono essere eseguite in modo molto razionale. È fatta distinzione tra cippato secco e cippato umido. Da 1 m 3 di legname si ottengono 2.8 m 3 di cippato. Pellets I pellets sono impiegati come nuovo tipo di combustibile per i riscaldamenti automatici a legna. Dei resti di segheria (segatura, trucioli) sono pressati in minuscole «bricchette» (lunghe 3-4 cm e con Ø di ca. 0.6 cm). Riscaldamento automatico a pellets 1 m 3 di legna intera corrisponde a kg olio da riscaldamento 1 m 3 di cippato corrisponde a kg olio da riscaldamento 1 m 3 di pellets corrisponde a kg olio da riscaldamento CODOC 2007 /

13 2.9 La vendita del legname La vendita del legname è molto importante per l azienda forestale, poiché rappresenta l effettiva fonte di reddito. Un lavoro accurato e ben fatto nel bosco, può influire favorevolmente sul ricavo dalla vendita del legname. È dunque indispensabile riflettere in ogni fase del lavoro. Allestimento Il legname ben allestito costituisce una premessa importante per la classificazione. I seguenti lavori vanno eseguiti in modo accurato: raccolta del legname rispettosa del legno; taglio dei contrafforti radicali; tagli di sezionatura perpendicolari all asse del tronco; sramatura a filo corteccia e completa; taglio dei rigonfiamenti. Classificazione Il ricavo dalla vendita del legname dipende dalla sezionatura di qualità nel punto giusto e dal dimensionamento preciso delle sezioni. Vanno considerati gli aspetti indicati in seguito. Compiti del selvicoltore / dell apprendista: preparare accuratamente un taglio, comprese le misure di sicurezza; rispettare la lista degli assortimenti del taglio; rispettare con precisione le lunghezze e i diametri; rispettare la soprammisura; controllare le esigenze di qualità; consultare il forestale in caso d incertezza. La buona qualità dei tagli di sezionatura è importante per un buon ricavo dalla vendita del legname Compiti del forestale: curare i clienti; accogliere le richieste dei clienti e tenerne conto nel limite del possibile; controllare la configurazione degli assortimenti in base alla lista; discutere la lista degli assortimenti del taglio con gli esecutori. 22 CODOC 2007 / 2010

14 Sistemi di vendita Vendita del legname abbattuto La vendita avviene dopo la misurazione dei lotti allestiti. Questo sistema di vendita è il più diffuso in Svizzera. Vendita del legname in piedi (taglio da parte del venditore) Gli alberi martellati sono giudicati e comprati dall acquirente. Il venditore esegue il taglio, seleziona il legname e provvede alla cubatura. Il pagamento avviene in base al volume di legname misurato. Questo sistema di vendita è in uso in alcuni cantoni. Vendita del legname in piedi (taglio da parte dell acquirente) Come per il caso menzionato in precedenza, il contratto d acquisto è firmato prima dell abbattimento. È tuttavia l acquirente che organizza il taglio e provvede alla cubatura. In questo sistema di vendita è importante adottare degli accordi contrattuali chiari; p.es. indennità nel caso di danni al popolamento. Prezzi del legname e contratti I prezzi del legname sono esposti alle leggi del mercato, vale a dire che sono condizionati dall offerta e dalla richiesta e sono dunque molto variabili. Nelle norme per il commercio del legname grezzo in uso in Svizzera sono descritte altre informazioni sulla vendita del legname. Le norme contrattuali sono regolate dal Codice delle obbligazioni. Responsabilità del venditore Il venditore risponde della quantità e delle caratteristiche del legno, come stabilito nel contratto. Nella misura in cui il contratto non dispone altrimenti, il venditore risponde in base al Codice delle obbligazioni dei difetti nascosti che si potrebbero rivelare durante o dopo la lavorazione. (Norme per il commercio del legname grezzo in uso in Svizzera, capitolo 5.4.3) CODOC 2007 /

IL POTERE CALORIFICO DEL LEGNO di Bernardo Hellrigl

IL POTERE CALORIFICO DEL LEGNO di Bernardo Hellrigl Torna all indice Foto: A. Raise IL POTERE CALORIFICO DEL LEGNO di Bernardo Hellrigl Relatore Stefano Grigolato Dipartimento Territorio e Sistemi Agro-Forestali Università degli Studi di Padova Progetto

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Corso Riscaldamenti a legna. Claudio Caccia ing. el. STS, consulente energetico dipl. fed.

Corso Riscaldamenti a legna. Claudio Caccia ing. el. STS, consulente energetico dipl. fed. Panoramica e criteri di scelta dei riscaldamenti a legna Corso Riscaldamenti a legna Claudio Caccia ing. el. STS, consulente energetico dipl. fed. AELSI - Associazione per l energia del legno della Svizzera

Dettagli

Forme di legna per energia

Forme di legna per energia Forme di legna per energia Categorie di legna per energia (norma CH) Legno naturale (proveniente dal bosco o dalle segherie) Scarti di legno (resti dell industria di lavorazione del legno) Legno vecchio

Dettagli

COMUNE DI MUZZANA DEL TURGNANO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TAGLIO DELLA LEGNA DA ARDE IN TONDELLO

COMUNE DI MUZZANA DEL TURGNANO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TAGLIO DELLA LEGNA DA ARDE IN TONDELLO REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI MUZZANA DEL TURGNANO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TAGLIO DELLA LEGNA DA ARDE IN TONDELLO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL C.C. NR. 12 DEL 27.02.1997

Dettagli

UNITA di MISURA di VOLUME dei COMBUSTIBILI LEGNOSI. Numeri e nozioni di Xiloenergetica. www.agriforenergy.com QUADRO DI RIFERIMENTO

UNITA di MISURA di VOLUME dei COMBUSTIBILI LEGNOSI. Numeri e nozioni di Xiloenergetica. www.agriforenergy.com QUADRO DI RIFERIMENTO Numeri e nozioni di Xiloenergetica Per richiedere il volume rivolgersi a: Settore Politiche Forestali della Regione Piemonte Corso Stati Uniti, 21-10128 TORINO E_mail: tosettore.foreste14-@regione.piemonte.it

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

L'uso del legno nel comparto industriale regionale. Il legno da triturazione

L'uso del legno nel comparto industriale regionale. Il legno da triturazione L'uso del legno nel comparto industriale regionale Il legno da triturazione Fabbisogno di legname dell'industria Regionale Consumi regionali dell'industria della carta e del pannello Legname da triturazione:

Dettagli

ARBORICOLTURA DA LEGNO LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI

ARBORICOLTURA DA LEGNO LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI ARBORICOLTURA DA LEGNO LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI L arboricoltura da legno ha come primo scopo la produzione di assortimenti di pregio utilizzati

Dettagli

APPROVVIGIONAMENTO E COMMERCIALIZZAZIONE DELLA LEGNA DA ARDERE IN UN CONTESTO CONSORTILE

APPROVVIGIONAMENTO E COMMERCIALIZZAZIONE DELLA LEGNA DA ARDERE IN UN CONTESTO CONSORTILE APPROVVIGIONAMENTO E COMMERCIALIZZAZIONE DELLA LEGNA DA ARDERE IN UN CONTESTO CONSORTILE Torna all indice De Luca, E.* *CO.GE.FOR. Consorzio Gestione Forestale Il CO.GE.FOR. Il Consorzio di Gestione Forestale

Dettagli

LA BIOMASSA DAI BOSCHI DELL ALTO ADIGE

LA BIOMASSA DAI BOSCHI DELL ALTO ADIGE LA BIOMASSA DAI BOSCHI DELL ALTO ADIGE contenuto 1. attività della Forestale in Alto Adige 2. situazione boschiva 3. difficoltà di gestione 4. incentivi 5. cippato prezzi contratti 1. attività della Forestale

Dettagli

Esempio di CONTRATTO PER LA COMPRAVENDITA DI CIPPATO A CONTENUTO ENERGETICO (cfr. CEN/TS 14961:2005 e UNI/TS 11264)

Esempio di CONTRATTO PER LA COMPRAVENDITA DI CIPPATO A CONTENUTO ENERGETICO (cfr. CEN/TS 14961:2005 e UNI/TS 11264) Esempio di CONTRATTO PER LA COMPRAVENDITA DI CIPPATO A CONTENUTO ENERGETICO (cfr. CEN/TS 14961:2005 e UNI/TS 11264) Parti Contraenti Il presente contratto è stipulato tra: il fornitore Cooperativa AGROFORESTALE

Dettagli

Betulla pioppo larice abete

Betulla pioppo larice abete Pagina1 La carta è un materiale formato da milioni di fibre di cellulosa saldate tra loro e ad altri materiali (collanti, coloranti e sostanze minerali) Le fibre di cellulosa sono il materiale di cui è

Dettagli

IERI E OGGI. Cent anni fa: il banco di legno massello. Oggi: il banco di ferro e truciolare

IERI E OGGI. Cent anni fa: il banco di legno massello. Oggi: il banco di ferro e truciolare IL LEGNO IERI E OGGI Cent anni fa: il banco di legno massello Oggi: il banco di ferro e truciolare Il legno Definizione Le caratteristiche Sezione di un tronco La produzione: dal taglio alla segheria La

Dettagli

Condizioni generali di vendita per i fabbricanti di carta e cartoni della Comunità Europea (Sintesi normativa CEPAC)

Condizioni generali di vendita per i fabbricanti di carta e cartoni della Comunità Europea (Sintesi normativa CEPAC) Condizioni generali di vendita per i fabbricanti di carta e cartoni della Comunità Europea (Sintesi normativa CEPAC) Le cartiere europee si sono date delle Condizioni Generali di vendita e le hanno concordate

Dettagli

PRODUZIONE E CARATTERISTICHE ENERGETICHE DI LEGNA, CIPPATO E PELLET

PRODUZIONE E CARATTERISTICHE ENERGETICHE DI LEGNA, CIPPATO E PELLET PRODUZIONE E CARATTERISTICHE ENERGETICHE DI LEGNA, CIPPATO E PELLET Massimo Negrin - AIEL Valter Francescato AIEL Foreste e prelievi in Italia (D. Pettenella, L. Secco dip. TeSAF Università di Padova)

Dettagli

PRODUZIONE DEI TRONCHI

PRODUZIONE DEI TRONCHI MATERIALI: LEGNO IERI E OGGI Cent anni fa: il banco era di legno massello Oggi: il banco è di ferro e truciolare laminato QUANDO IL LEGNO ENTRAVA OVUNQUE 1) Macchinari 2) Strutture per le case 3) Mezzi

Dettagli

Progettazione METODOLOGIA DELLA PROGETTAZIONE. Creare un Prototipo

Progettazione METODOLOGIA DELLA PROGETTAZIONE. Creare un Prototipo Progettazione METODOLOGIA DELLA PROGETTAZIONE Creare un Prototipo Che cos è un prototipo Se pensiamo agli oggetti che usiamo e di cui ci serviamo abitualmente,ci accorgiamo che per la maggioranza dei casi

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado G.F. da Tolmezzo. CORSO DI TECNOLOGIA Studio dei materiali IL LEGNO

Scuola Secondaria di Primo Grado G.F. da Tolmezzo. CORSO DI TECNOLOGIA Studio dei materiali IL LEGNO Scuola Secondaria di Primo Grado G.F. da Tolmezzo CORSO DI TECNOLOGIA Studio dei materiali IL LEGNO IL LEGNO E uno dei materiali più antichi ed ha rappresentato per l uomo il modo di risolvere, per molti

Dettagli

Capitolo 3 - PRODOTTI DELLA SILVICOLTURA

Capitolo 3 - PRODOTTI DELLA SILVICOLTURA Capitolo 3 - PRODOTTI DELLA SILVICOLTURA Sommario a) Legna da ardere Sezione I Usi generali Distinzione Art. 1 Qualità 2 Pezzatura 3 Stagionatura 4 Provenienza 5 Forma del contratto 6 Prezzo 7 Contrattazione

Dettagli

Caratteristiche del legno di larice e di altre specie piemontesi in relazione al recupero sostenibile degli edifici

Caratteristiche del legno di larice e di altre specie piemontesi in relazione al recupero sostenibile degli edifici IL LEGNO PER LA SOSTENIBILITÀ IN EDILIZIA Centro Congressi Lingotto, Torino 6 giugno 2007 Caratteristiche del legno di larice e di altre specie piemontesi in relazione al recupero sostenibile degli edifici

Dettagli

DEPOSITO CIPPATO. La passione per la perfezione. Proposte di trasporto e stoccaggio. www.eta-italia.it. ... il mio sistema di riscaldamento

DEPOSITO CIPPATO. La passione per la perfezione. Proposte di trasporto e stoccaggio. www.eta-italia.it. ... il mio sistema di riscaldamento DEPOSITO CIPPATO... il mio sistema di riscaldamento Proposte di trasporto e stoccaggio La passione per la perfezione 1 La passione per la perfezione www.eta-italia.it Il legno, una scelta etica per l ambiente

Dettagli

Tradizione ed innovazione. La classificazione del legname massiccio strutturale.

Tradizione ed innovazione. La classificazione del legname massiccio strutturale. Convegno SICUREZZA E COMFORT NELLE ABITAZIONI CON STRUTTURE DI LEGNO Verona, 16 Giugno 2001 Tradizione ed innovazione. La classificazione del legname massiccio strutturale. Prof. Ing. Luca UZIELLI Prof.

Dettagli

LEZIONE 7. PROGETTO DI STRUTTURE IN LEGNO Parte I. Modelli e criteri. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A.

LEZIONE 7. PROGETTO DI STRUTTURE IN LEGNO Parte I. Modelli e criteri. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A. 2007-2008 Facoltà di Architettura Università degli Studi di Genova LEZIONE 7 PROGETTO DI STRUTTURE IN LEGNO Parte I. Modelli e criteri IL MATERIALE

Dettagli

TRONCHETTI E PELLET DI LEGNO

TRONCHETTI E PELLET DI LEGNO TRONCHETTI E PELLET DI LEGNO UNI EN ISO 14001:2004 CERTIQUALITY È MEMBRO DELLA FEDERAZIONE CISQ SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE CERTIFICATO produttore di pellet dal 1994 Fondata nel 1969, La TiEsse di Cimadolmo

Dettagli

SISTEMI INTEGRATI DI SEGHERIA, STAZIONARI E MOBILI:

SISTEMI INTEGRATI DI SEGHERIA, STAZIONARI E MOBILI: S.p.A. PLANKLINE SISTEMI INTEGRATI DI SEGHERIA, STAZIONARI E MOBILI: MINI PROFI 900 - MINI PROFI 1000 BICOUPE Nuovi modelli: maggiore produttività e agilità di manovra L esperienza conta PEZZOLATO S.p.A.

Dettagli

IMPIANTO PER PRODURRE PELLET

IMPIANTO PER PRODURRE PELLET IMPIANTO PER PRODURRE PELLET Informazioni sull investimento su un impianto di produzione pellet I primi passi per decidere se e come fare un impianto di produzione pellet. International Baltic Sia 31/01/2010

Dettagli

Schede tecniche per i sottoprodotti del legno

Schede tecniche per i sottoprodotti del legno Schede tecniche per i sottoprodotti del leg 5.1.1.040 Refili per uso industriale 5.1.1.050 Trucioli 5.1.1.060 Segatura per uso industriale 5.1.1.070 Cippato di abete n scortecciato 5.1.1.080 Cippato di

Dettagli

Cippatori a tamburo Serie PTH

Cippatori a tamburo Serie PTH PTH 1000/820 89, Envie (CN) 077 - Fax +39 0175 278421 - info@pezzolato.it www.pezzolato.it Cippatori a tamburo Serie PTH Ottima qualità del cippato da qualsiasi tipo di legno GREENLINE IMPIANTI STAZIONARI

Dettagli

BIOMASSE FORESTALI UTILIZZATE A SCOPO ENERGETICO

BIOMASSE FORESTALI UTILIZZATE A SCOPO ENERGETICO Le prospettive di sviluppo in Trentino analizzate in un convegno specialistico BIOMASSE FORESTALI UTILIZZATE A SCOPO ENERGETICO biomasse forestali Il convegno sulla valorizzazione energetica delle biomasse,

Dettagli

Una scelta logica: riscaldare con la legna.

Una scelta logica: riscaldare con la legna. Una scelta logica: riscaldare con la legna. Bosco curato. Calore piacevole. Clima sano. Riscaldare con la legna: un ciclo naturale senza spreco di risorse. Sappiamo tutti a cosa deve mirare una politica

Dettagli

Sottoprodotti derivanti dagli scarti di lavorazione del legno. Dr. Vanessa Gallo Segretario Generale FIPER

Sottoprodotti derivanti dagli scarti di lavorazione del legno. Dr. Vanessa Gallo Segretario Generale FIPER Sottoprodotti derivanti dagli scarti di lavorazione del legno Dr. Vanessa Gallo Segretario Generale FIPER Dati aggregati Fiper aggiornati al 31/12/2012 84 impianti di teleriscaldamento a biomassa 22 impianti

Dettagli

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche:

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche: IL LEGNO 1 Perché è importante il legno? E stato il primo combustibile usato dall uomo per scaldarsi, per cuocere i cibi e fondere i metalli. E stato il primo materiale utilizzato per costruire case, recinti,

Dettagli

Capitolo 11 - PRODOTTI DELLE INDUSTRIE DEL LEGNO

Capitolo 11 - PRODOTTI DELLE INDUSTRIE DEL LEGNO 1raccolta provinciale degli usi 21-07-2005 10:10 Pagina 140 Capitolo 11 - PRODOTTI DELLE INDUSTRIE DEL LEGNO Sommario a) Legno comune Sezione I Parte generale Contrattazioni in genere Clausola di approvazione

Dettagli

Il mercato del settore in Italia: evoluzione e prospettive

Il mercato del settore in Italia: evoluzione e prospettive Convegno BioSouth Il mercato del settore in Italia: evoluzione e prospettive prof. Sanzio Baldini, Presidente ITABIA docente Utilizzazioni forestali Università della Tuscia dott. Chiara Artese,, dottorando

Dettagli

Generalità sull energia eolica

Generalità sull energia eolica Generalità sull energia eolica Una turbina eolica converte l energia cinetica della massa d aria in movimento ad una data velocità in energia meccanica di rotazione. Per la produzione di energia elettrica

Dettagli

Cippatori a tamburo Serie PTH

Cippatori a tamburo Serie PTH PTH 400 9, Envie (CN) 77 - Fax +39 0175 278421 - info@pezzolato.it www.pezzolato.it Cippatori a tamburo Serie PTH Ottima qualità del cippato da qualsiasi tipo di legno GREENLINE PTH 300 PTH 400 PTH 400

Dettagli

1. INTRODUZIONE 2. VALUTAZIONE PRELIMINARE DEL FORNITORE

1. INTRODUZIONE 2. VALUTAZIONE PRELIMINARE DEL FORNITORE PQO.07 Pagina N : 1 Elaborato RESP. UFF. ACQUISTI : N Tot. Pagine: 8 Indice Rev.: 1 Verificato DIRETTORE GENERALE: Data emissione: 01-09-2004 Approvato RESP. ASS. : 1. INTRODUZIONE Nel presente Capitolato

Dettagli

LEGNO ENERGIA in ITALIA

LEGNO ENERGIA in ITALIA Presentazione LEGNO ENERGIA in ITALIA www.enama.it 56 Fra le rinnovabili i combustibili legnosi rappresentano già la seconda fonte di energia primaria (30%). Nel 2009 sono stati consumati 22,8 milioni

Dettagli

La filiera bosco legno energia: quale sviluppo? OPPORTUNITA E OBIETTIVI PER IL TERRITORIO E PER LE IMPRESE DEL CUNEESE

La filiera bosco legno energia: quale sviluppo? OPPORTUNITA E OBIETTIVI PER IL TERRITORIO E PER LE IMPRESE DEL CUNEESE La filiera bosco legno energia: quale sviluppo? OPPORTUNITA E OBIETTIVI PER IL TERRITORIO E PER LE IMPRESE DEL CUNEESE Marco Bussone Uncem Piemonte I boschi in Italia 68% latifoglie e 41,8% cedui Proprietà

Dettagli

Preparazione razionale del cippato nell ambito dell attività forestale

Preparazione razionale del cippato nell ambito dell attività forestale Preparazione razionale del cippato nell ambito dell attività Cippato di legna svizzera Riscaldare con legna proveniente dai nostri boschi, registra una popolarità in continuo aumento. Il numero dei riscaldamenti

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 3.7 Deformazione plastica LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Macchine per la fucinatura e lo stampaggio LIUC - Ingegneria Gestionale 2 Classificazione Macchine ad energia

Dettagli

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Master della filiera cereagricola Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Facoltà di Agraria Università di Teramo Impresa e mercati Parte prima L impresa L impresa e il suo problema economico L economia studia

Dettagli

NORMATIVE DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI A BIOMASSA

NORMATIVE DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI A BIOMASSA ETA Info NORMATIVE DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI A BIOMASSA... il mio sistema di riscaldamento 123 7 8 9 4 5 6 1 2 3 0. = BIOMASSE LEGNOSE Le biomasse legnose sono costituite essenzialmente da legno. Esse

Dettagli

COMBUSTIBLE ECOLOGICO 100% - NOCCIOLINO NOCCIOLINO DI OLIVA VERGINE PRESENTAZIONE

COMBUSTIBLE ECOLOGICO 100% - NOCCIOLINO NOCCIOLINO DI OLIVA VERGINE PRESENTAZIONE NOCCIOLINO DI OLIVA VERGINE PRESENTAZIONE Il NOCCIOLINO DI OLIVA VERGINE è un prodotto naturale, ottenuto solo ed esclusivamente con procedimenti meccanici durante la lavorazione delle olive. Durante la

Dettagli

2. la punta è di colore rosso o rosso-bianco-rosso, se contiene il nome/logo del sentiero da collocare sul campo bianco;

2. la punta è di colore rosso o rosso-bianco-rosso, se contiene il nome/logo del sentiero da collocare sul campo bianco; ALLEGATO 2 Criteri standard per la Segnaletica Verticale previsti dalla Commissione Centrale per l'escursionismo del CAI fatti propri dal DPGRT 61/R/2006 (Regolamento di attuazione della LR 17/1998 RET

Dettagli

IL CIPPATO LOCALE: UN APPROVVIGIONAMENTO

IL CIPPATO LOCALE: UN APPROVVIGIONAMENTO IL CIPPATO LOCALE: UN APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO SOSTENIBILE ED ECONOMICO Magnifica Comunità di Fiemme Massimo NEGRIN m.negrin@mcfiemme.eu Hotel Lagorai Cavalese 20 Gennaio 2012 Progetto BIO-EN-AREA

Dettagli

Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Dal 1 gennaio 2003, i clienti

Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Dal 1 gennaio 2003, i clienti Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Mercato libero Dal 1 gennaio 2003, i clienti possono liberamente scegliere da quale fornitore

Dettagli

Cippatori a tamburo Serie PTH

Cippatori a tamburo Serie PTH PTH 1000/820 M 9, Envie (CN) 77 - Fax +39 0175 278421 - info@pezzolato.it www.pezzolato.it Cippatori a tamburo Serie PTH Ottima qualità del cippato da qualsiasi tipo di legno GREENLINE PTH 1000/820 PTH

Dettagli

1 Articolo 20 dell ordinanza contro l inquinamento atmosferico (OIAt)

1 Articolo 20 dell ordinanza contro l inquinamento atmosferico (OIAt) Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni DATEC Ufficio federale dell ambiente UFAM Protezione dell aria e prodotti chimici N. registrazione/dossier: M143-0633

Dettagli

ANALISI DELLA DOMANDA E DELL'OFFERTA DI ENERGIA DA LEGNO A SCALA REGIONALE

ANALISI DELLA DOMANDA E DELL'OFFERTA DI ENERGIA DA LEGNO A SCALA REGIONALE Progetto strategico n.iii Renerfor Conferenza finale Aosta 9 maggio 2013 ANALISI DELLA DOMANDA E DELL'OFFERTA DI ENERGIA DA LEGNO A SCALA REGIONALE Situazione attuale e potenzialità di sviluppo della filiera

Dettagli

Legname di Castagno ad Uso Strutturale

Legname di Castagno ad Uso Strutturale Legname di Castagno ad Uso Strutturale Dott. For. Luchetti Marco Ufficio Normativa Assolegno di FederlegnoArredo Tel. +39 02 80604 328; mob. +39 333 2763278 marco.luchetti@federlegnoarredo.it Introduzione:

Dettagli

EPS-XPS PROCESSING MACHINES AND PLANTS

EPS-XPS PROCESSING MACHINES AND PLANTS EPS-XPS PROCESSING MACHINES AND PLANTS La srl progetta, costruisce, collauda ed installa impianti e macchine per la lavorazione dell EPS vantando 20 anni di esperienza nel settore. La continua ricerca

Dettagli

roduct LR1000 / LR1400 Sistema di taglio ad 1 albero www.untha.com

roduct LR1000 / LR1400 Sistema di taglio ad 1 albero www.untha.com roduct LR1000 / LR1400 Sistema di taglio ad 1 albero www.untha.com Campi di impiego Funzionamento e caratteristiche costruttive Le macchine frantumatrici LR1000 e LR1400 sono caratterizzate da una grande

Dettagli

IL BILANCIO TECNICO ECONOMICO GLOBALE DELLA PIATTAFORMA

IL BILANCIO TECNICO ECONOMICO GLOBALE DELLA PIATTAFORMA Capitolo 5 IL BILANCIO TECNICO ECONOMICO GLOBALE DELLA PIATTAFORMA Questo capitolo vuole essere uno strumento per calcolare il costo di produzione di una tonnellata di legno cippato mediante l organizzazione

Dettagli

DEFINIZIONE Una grandezza fisica è una classe di equivalenza di proprietà fisiche che possono essere misurate mediante un rapporto.

DEFINIZIONE Una grandezza fisica è una classe di equivalenza di proprietà fisiche che possono essere misurate mediante un rapporto. «Possiamo conoscere qualcosa dell'oggetto di cui stiamo parlando solo se possiamo eseguirvi misurazioni, per descriverlo mediante numeri; altrimenti la nostra conoscenza è scarsa e insoddisfacente.» (Lord

Dettagli

ANCE. Associazione Nazionale Costruttori Edili Seminario su Efficienza energetica e Fonti rinnovabili Pescara, 19 febbraio 2010

ANCE. Associazione Nazionale Costruttori Edili Seminario su Efficienza energetica e Fonti rinnovabili Pescara, 19 febbraio 2010 ANCE Associazione Nazionale Costruttori Edili Seminario su Efficienza energetica e Fonti rinnovabili Pescara, 19 febbraio 2010 Produzione di energia termica da biomasse: tecnologie ed esperienze Dott.

Dettagli

Il Consorzio Forestale dell Amiata: la valorizzazione dei boschi e dei suoi prodotti. Biomass+ Filiera corta per la Produzione di carbone certificato.

Il Consorzio Forestale dell Amiata: la valorizzazione dei boschi e dei suoi prodotti. Biomass+ Filiera corta per la Produzione di carbone certificato. Il Consorzio Forestale dell Amiata: la valorizzazione dei boschi e dei suoi prodotti. Biomass+ Filiera corta per la Produzione di carbone certificato. Nuoro 22/10/13 PEFC 18-23-01 Promuoviamo la gestione

Dettagli

Classificazione dell Olio di Oliva

Classificazione dell Olio di Oliva Classificazione dell Olio di Oliva Sulla base della qualità delle olive, della loro freschezza ed integrità, del grado di acidità e della lavorazione, gli oli di oliva vengono così classificati: 1 : OLIO

Dettagli

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Desiderate aggiornarvi sul mondo delle PMI? Ulteriori dettagli sui cicli di formazione PMI e sui Business Tools sono disponibili su www.bancacoop.ch/business

Dettagli

GLOSSARIO BOLLETTE GAS QUADRO SINTETICO

GLOSSARIO BOLLETTE GAS QUADRO SINTETICO GLOSSARIO BOLLETTE GAS Il Glossario è uno strumento rivolto ai clienti finali di gas (con consumi annui fino a 200.000 Smc) che intende rendere più comprensibili i termini utilizzati nelle bollette di

Dettagli

Dimensionamento dei riscaldamenti centrali a legna

Dimensionamento dei riscaldamenti centrali a legna Dimensionamento dei riscaldamenti centrali a legna 1. Introduzione Il dimensionamento corretto dei riscaldamenti centrali a legna permette un esercizio vantaggioso dal punto di vista economico ed energetico,

Dettagli

dataholz.com Denominazione: wsf

dataholz.com Denominazione: wsf Descrizione generale Per gli elementi di legno massiccio con incastri femmina e/o maschio si tratta di listelli di legno massiccio di conifera o di latifoglie con uno spessore (t) 14 mm, dotati in una

Dettagli

Qualità e sostenibilità ambientale della pioppicoltura in filiere legno-energia

Qualità e sostenibilità ambientale della pioppicoltura in filiere legno-energia Progetto Qualità e sostenibilità ambientale della pioppicoltura in filiere legno-energia Regione Lombardia Iniziativa svolta nell ambito del Programma regionale di ricerca in campo agricolo 2010-2012 con

Dettagli

Fuoco e fiamme senza fumo

Fuoco e fiamme senza fumo Fuoco e fiamme senza fumo Una campagna d informazione dei fumisti e degli spazzacamini dell APA in collaborazione con l Agenzia provinciale per l ambiente In guten Händen. In buone mani. Hanspeter Munter

Dettagli

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria Quale frequenza di lavoro scegliere Geometria del pezzo da trattare e sue caratteristiche elettromagnetiche

Dettagli

Gestione forestale buone pratiche e valorizzazione dei prodotti legnosi quali strumenti per rilanciare l economia montana

Gestione forestale buone pratiche e valorizzazione dei prodotti legnosi quali strumenti per rilanciare l economia montana Gestione forestale buone pratiche e valorizzazione dei prodotti legnosi quali strumenti per rilanciare l economia montana 1 Tarvisio, 8 marzo 2013 Studio Tecnico Forestale Provincia di Trento 6.206 km2

Dettagli

Domande a scelta multipla 1

Domande a scelta multipla 1 Domande a scelta multipla Domande a scelta multipla 1 Rispondete alle domande seguenti, scegliendo tra le alternative proposte. Cercate di consultare i suggerimenti solo in caso di difficoltà. Dopo l elenco

Dettagli

Pericolo d infortunio e regole di sicurezza nell abbattimento di alberi

Pericolo d infortunio e regole di sicurezza nell abbattimento di alberi Pericolo d infortunio e regole di sicurezza nell abbattimento di alberi Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza sul lavoro Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni

Dettagli

Il mercato del Pellet: situazione italiana analoga al fotovoltaico?

Il mercato del Pellet: situazione italiana analoga al fotovoltaico? Il mercato del Pellet: situazione italiana analoga al fotovoltaico? Giuseppe Tomassetti, FIRE mcter FOREST Milano, 25 giugno 2014 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia

Dettagli

La migliore alternativa al legno antico

La migliore alternativa al legno antico La migliore alternativa al legno antico RETROTIMBER combina l aspetto di legno vecchio con le caratteristiche statiche del legno appena tagliato. Sfridi di produzione prevedibili produciamo il vostro legname

Dettagli

PRODUZIONE DI PELLET IN BOSNIA ERZEGOVINA

PRODUZIONE DI PELLET IN BOSNIA ERZEGOVINA PRODUZIONE DI PELLET IN BOSNIA ERZEGOVINA Potenzialità di sviluppo e di investimento 1. L INDUSTRIA DEL LEGNO IN PELLET Il pellet è un combustibile densificato costituito da biomassa legnosa; il suo utilizzo

Dettagli

Fuoco e fiamme senza fumo

Fuoco e fiamme senza fumo Fuoco e fiamme senza fumo Una campagna d informazione dei fumisti e degli spazzacamini dell APA in collaborazione con l Agenzia provinciale per l ambiente In guten Händen. In buone mani. Michl Laimer Klaus

Dettagli

Centro studi MatER. Il Caso di Studio del Legno

Centro studi MatER. Il Caso di Studio del Legno Centro studi MatER Materia & Energia da Rifiuti Il Caso di Studio del Legno Riciclaggio e Ciclo di Recupero 10 Dicembre 2013 INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. IL RICICLAGGIO DEL LEGNO...3 3. IL RUOLO DI RILEGNO...5

Dettagli

V A D E M E C U M Energia dal legno

V A D E M E C U M Energia dal legno V A D E M E C U M Energia dal legno Ordinazioni: Energia legno Svizzera 6670 Avegno Tel. 091 796 36 03 Fax 091 796 36 04 info@energia-legno.ch www.energia-legno.ch Holzenergie Schweiz Neugasse 6, 8005

Dettagli

Soluzione per Micro Co-generazione 30/40/50 kwe + 60/80/100 kwt

Soluzione per Micro Co-generazione 30/40/50 kwe + 60/80/100 kwt PER CONTATTI E INFORMAZIONI: Società Cooperativa a r.l. - C.F./P. IVA 03527850360 Via Primo Manni,1/3 41026 Pavullo nel Frignano(MO) www.garibaldini.info 4.4 ambiente ed efficienza energetica e-mail: comagri@garibaldini.info

Dettagli

Modelli di Ottimizzazione

Modelli di Ottimizzazione Capitolo 2 Modelli di Ottimizzazione 2.1 Introduzione In questo capitolo ci occuperemo più nel dettaglio di quei particolari modelli matematici noti come Modelli di Ottimizzazione che rivestono un ruolo

Dettagli

Inquinamento atmosferico Limiti d emissione Tecniche di depurazione dei fumi Prospettive future

Inquinamento atmosferico Limiti d emissione Tecniche di depurazione dei fumi Prospettive future Aspetti Ambientali Combustione del legno e inquinamento atmosferico Inquinamento atmosferico Limiti d emissione Tecniche di depurazione dei fumi Prospettive future Luca Colombo, ufficio protezione aria,

Dettagli

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011. Il legno. Ing. Emanuele Zamperini

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011. Il legno. Ing. Emanuele Zamperini CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 Il legno IL LEGNO COME MATERIALE STRUTTURALE (1) PREMESSA: Il legno è un materiale: - di origine biologica; - disponibile in natura in elementi

Dettagli

Passion for timber PELLET & BRICCHETTI DI LEGNO. pfeifergroup.com

Passion for timber PELLET & BRICCHETTI DI LEGNO. pfeifergroup.com Passion for timber PELLET & BRICCHETTI DI LEGNO pfeifergroup.com FILOSOFIA Rispetto per l ambiente e le risorse. I nostri pellet e bricchetti sono lavorati esclusivamente da legno locale proveniente da

Dettagli

GLI ALBERI IL BOSCO IL LEGNO

GLI ALBERI IL BOSCO IL LEGNO PARTE PRIMA GLI ALBERI IL BOSCO IL LEGNO Gli alberi forestali della nostra Provincia Gli alberi che formano i boschi della nostra Provincia sono comuni a tutto l arco alpino, e non solo. In questo manuale

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 401/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 401/2006 DELLA COMMISSIONE IT L 70/12 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 9.3.2006 REGOLAMENTO (CE) N. 401/2006 DELLA COMMISSIONE del 23 febbraio 2006 relativo ai metodi di campionamento e di analisi per il controllo ufficiale

Dettagli

Verticale 80/160+40cw/ssb 5kw

Verticale 80/160+40cw/ssb 5kw Verticale 80/160+40cw/ssb 5kw Antenna verticale 80-160 H 20m + kit 40m Questa antenna ha la particolarità di essere realizzata in due parti una in alluminio per una altezza di metri 10, una seconda parte

Dettagli

Macchine ad alta produttività

Macchine ad alta produttività BOIS FACTORY 89, Envie (CN) 077 - Fax +39 0175 278421 - info@pezzolato.it www.pezzolato.it Macchine ad alta produttività Macchine professionali per la produzione di legna da ardere REDLINE BOIS FACTORY

Dettagli

2 Determinazione della potenza del generatore termico

2 Determinazione della potenza del generatore termico Determinazione della potenza del generatore termico 1 Procedimento L esatto dimensionamento delle installazioni di riscaldamento è essenziale per l utilizzo razionale dell energia negli edifici. Un esercizio

Dettagli

L 143/18 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 7.6.2005

L 143/18 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 7.6.2005 L 143/18 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 7.6.2005 DIRETTIVA 2005/38/CE DELLA COMMISSIONE del 6 giugno 2005 relativa ai metodi di campionamento e di analisi per il controllo ufficiale del tenore

Dettagli

0,209. formula che si risolve facilmente una volta misurata, con adatte apparecchiature, la percentuale in volume di CO 2

0,209. formula che si risolve facilmente una volta misurata, con adatte apparecchiature, la percentuale in volume di CO 2 Approfondimento Analisi dei fumi La regolazione della combustione basata su regole pratiche pecca evidentemente di precisione anche se presenta l indubbio vantaggio dell immediatezza di esecuzione; una

Dettagli

KGS/GMC BRICO 125-185-220

KGS/GMC BRICO 125-185-220 KGS/GMC BRICO 125-185-220 OPTIONALS 1 12 7 8 3 5 10 9 2 N DESCRIZIONE CODICE 1 Rulli a scomparsa per lo scorrimento pannelli GMC 00185 2 Prolungamento supporto intermedio ribaltabile (800 mm) GMC 00006

Dettagli

REGOLAMENTO CONCESSIONE LEGNAME USO INTERNO E LOTTI LEGNA DA ARDERE

REGOLAMENTO CONCESSIONE LEGNAME USO INTERNO E LOTTI LEGNA DA ARDERE AMMINISTRAZIONE SEPARATA BENI DI USO CIVICO DI JAVRÈ Casa Guste, 65 - Javrè 38080 Villa Rendena (TN) C.F. 86002930229 P.IVA 00343800223 APPROVATO CON DELIBERA N. 31 di data 26.09.2011 integrato con delibera

Dettagli

GLOSSARIO Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale

GLOSSARIO Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale GLOSSARIO Il Glossario è uno strumento rivolto ai clienti finali di energia elettrica (alimentati in Bassa tensione) e di gas (con consumi annui fino a 200.000 Smc) per rendere più comprensibili i termini

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE NR. 133 del 29.10.2008

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE NR. 133 del 29.10.2008 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE NR. 133 del 29.10.2008 OGGETTO: Deliberazione della Giunta Regionale nr. 1096 del 16 luglio 2008. Contributi Asse 3 del PSR 2007-2013. Approvazione progetto per la

Dettagli

LOCALIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DELLE FUGHE GAS:

LOCALIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DELLE FUGHE GAS: S.r.l. LOCALIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DELLE FUGHE GAS: evoluzioni e relative strumentazioni ing. Walter Brand HANS BRAND srl - Milano Fasi dell ispezione della rete secondo le linee guida ATIG Programmazione

Dettagli

Turchi s.r.l. Introduzione

Turchi s.r.l. Introduzione Progetto di una cabina per la verniciatura manuale delle pelli avente sistema di abbattimento a secco con filtri multistrato ignifughi raccoglivernice Introduzione Lo scopo di tale progetto è quello di

Dettagli

TAV. 10 20 gennaio 2013. Realizzazione di un percorso naturalistico sensoriale accessibile UN SENTIERO PER TUTTI in località Nudole - Val di Daone -

TAV. 10 20 gennaio 2013. Realizzazione di un percorso naturalistico sensoriale accessibile UN SENTIERO PER TUTTI in località Nudole - Val di Daone - PARCO NATURALE ADAMELLO BRENTA Parco Naturale Adamello Brenta Via Nazionale, 24 38080 Strembo TN Realizzazione di un percorso naturalistico sensoriale accessibile UN SENTIERO PER TUTTI in località Nudole

Dettagli

Testo alla base del Pitgame redatto dal prof. Yvan Lengwiler, Università di Basilea

Testo alla base del Pitgame redatto dal prof. Yvan Lengwiler, Università di Basilea Testo alla base del Pitgame redatto dal prof. Yvan Lengwiler, Università di Basilea Funzionamento di un mercato ben organizzato Nel Pitgame i giocatori che hanno poche informazioni private interagiscono

Dettagli

2) Il potere calorifico della biomassa ligno-cellulosica varia secondo. Fonte: catalogo Unical. % di umidità. Potere calorifico Kcal / Kg

2) Il potere calorifico della biomassa ligno-cellulosica varia secondo. Fonte: catalogo Unical. % di umidità. Potere calorifico Kcal / Kg Capitolo IV IL LEGNO Il legno è prodotto da alberi ed arbusti appartenenti alle più svariate specie botaniche presenti nel nostro pianeta. Le principali sostanze che lo compongono sono: cellulosa (40-50

Dettagli

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature LAVORO ELETTRICO In Italia la norma CEI 11-48 del 1998 stabilisce le prescrizioni generali per l esercizio sicuro degli impianti elettrici e per l esecuzione dei lavori su od in prossimità di tali impianti.

Dettagli

Sceda tecnica. La parete massiccia a strati incrociati senza colla

Sceda tecnica. La parete massiccia a strati incrociati senza colla Tusengrabl 23 39010 St. Pankraz / San Pancrazio (BZ) Tel. 0473785050 - Fax. 0473785668 e-mail: info@ligna-construct.com www.ligna-construct.com La parete massiccia a strati incrociati senza colla Campo

Dettagli

Disposizioni esecutive per la procedura di qualificazione con esame finale

Disposizioni esecutive per la procedura di qualificazione con esame finale Disposizioni esecutive relative alla procedure di qualificazione di Vetraia AFC/Vetraio AFC 1-1 Disposizioni esecutive per la procedura di qualificazione con esame finale relativa all ordinanza della SEFRI

Dettagli

Fotovoltaico. Quadro sintetico della tecnologia e degli impianti

Fotovoltaico. Quadro sintetico della tecnologia e degli impianti Fotovoltaico Quadro sintetico della tecnologia e degli impianti Sviluppata alla fine degli anni 50 nell ambito dei programmi spaziali, per i quali occorreva disporre di una fonte di energia affidabile

Dettagli