IRRIGAZIONE. Diffusione di portinnesti deboli, Infittimento sesti d impianto, Nuove tecniche irrigue

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IRRIGAZIONE. Diffusione di portinnesti deboli, Infittimento sesti d impianto, Nuove tecniche irrigue"

Transcript

1 IRRIGAZIONE Nei nuovi impianti fin dall inizio si installa l impianto d irrigazione. In passato l irrigazione era riservata agli agrumi e specie coltivate in zone siccitose. Motivi dello sviluppo dell irrigazione: Diffusione di portinnesti deboli, Infittimento sesti d impianto, Nuove tecniche irrigue

2 EFFETTI DELL IRRIGAZIONE La disponibilità di acqua influenza l hatitus vegetoriproduttivo. VEGETAZIONE Carenza di acqua: - Riduce lo sviluppo della pianta (germogli foglie) - Ingiallimenti fogliari e filloptosi - Riduce la lunghezza degli internodi e numero di nodi/germoglio PRODUZIONE Carenza di acqua: - Diminuzione della produzione

3 - Riduzione della pezzatura e peggioramento dei caratteri organolettici; - Riduzione gemme a frutto e allegagione AVVERSITA L aumento dell umidità e bagnatura degli organi della pianta, può favorire lo sviluppo di crittogame e fisiopatie: - Spacco dei frutti: eccesso di acqua in fase di maturazione; - Acque contenenti ferro in irrigazione sovrachioma favoriscono rugginosità dei frutti; - Sviluppo di peronospora e muffa grigia nella vite - Marciumi del colletto in molte specie frutticole

4 APPORTI PERDITE BILANCIO IDRICO APPORTI = pioggia, apporti di falda, irrigazione PERDITE = ETP, percolazione profonda, ruscellamento. I = (Etp + Pr + P) (Pioggia + umidà suolo) ETc = Etp x Kc Esempio mese di aprile Etc mensile = 1.8 mm/d (Etp) x 0.45 (Kc) x 30 gg= 24,3 mm/mq 243 m3 /ha mese Pioggia 50 mm = 500 m3/ha Bilancio = 500 m3 243 m3 = m3

5 In caso di inerbimento un consumo idrico + 20%: Etc 24,3 mm/mq = 243 m3 /ha x 1,20 =292 m3 Qualora se tiene conto dell umidità del suolo,sarà: U % C.C. (capacità di campo) 28% U % P.C.I. (punto critico d intervento) 23% Umidità disponibile 5% = m2 x 0.3 m (h) x 1.3 t/m3 (d) x 0.05 (umidità nel suolo) = 195 m3 QUINDI: 195 m3 (umidità disponibile) m3 (pioggia) 243 (Etc) = +452 La riserva dura per x giorni: 452 : Etc m3/gg prof. R. Andrei - I.T.A.S- Treviglio 5

6 METODI IRRIGUI GRAVITAZIONALI ASPERSIONE MICROIRRIGAZIONE (goccia spruzzo) La scelta dipende da. - Disponibilità di acqua - Caratteristiche del terreno - clima: t, pioggia, umidità, vento - Esigenze specie - Costi

7 GRAVITAZIONALE Principali caratteristiche: INFILTRAZIONE LATERALE SCORRIMENTO SOMMERSIONE (conca) - Quantità d acqua impiegata rilevante - Difficile uniformità di distribuzione; - Accurato livellamento del terreno - Limitati costi di impianto

8 Aspersione: Sovrachioma Sottochioma ASPERSIONE CARATTERISTICHE: - Buona uniformità di distribuzione; - Notevoli quantità di acqua impiegata, inferiori ai metodi gravitazionali; - Erogazione dell acqua disturbata dal vento; - Polivalenza. Irrigazione antibrina;

9 MICROIRRIGAZIONE - GOCCIA - SPRUZZO CARATTERISTICHE: Impiego di piccoli volumi di acqua Funzionamento a bassa pressione, per i gocciolatori 1 5 atm., per spruzzatori 2 atm. Distribuzione con lungo periodo d adacquamento Applicazione dell acqua a intervalli frequenti

10 GOCCIA Meno costo e minori quantità di acqua rispetto ai sistemi a spruzzo e pioggia CARATTERISTICHE principali - Massima efficienza con impiego di corpi d acqua limitati - Costo d impianto contenuto, bassa pressione 1 2 atm - Irrigazione avviene ogni 2 3 gg, giusta umidità nel suolo - Investe solo una parte del terreno meno infestanti- - Piante irrigate a goccia presentano un apparato radicale ridotto - I gocciolatori si otturano facilmente - Portata d a 2-8 l/ora - Possono essere: comuni, autocompensanti, autopulenti

11 ESEMPIO DI BILANCIO IDRICO

12 Su una superficie di m2 è previsto, ex-novo, un impianto di un meleto con i seguenti sesti d impianto: 1,5 sulla fila e 2,5 tra le file 1.5x2.5= 3.75 mq/pianta mq / 3.75mq/ pianta= 1600 piante/ha In previsione di realizzare di un impianto d irrigazione che sopperisca la carenza idrica nel periodo estivo, e considerando anche l utilizzo di portinnesti nanizzanti con un apparato radicale poco sviluppato (M9), il proprietario delega un tecnico ( Perito Agrario) per la progettazione dell impianto. Il perito incaricato, dopo aver fatto le dovute indagini sulle condizioni pedo-climatiche della zona, raccolto i dati utili alla progettazione, evidenzia la seguente situazione:

13 APRILE ETP mm/d 2,8 Kc 0,4, pioggia (12 giorno 10 mm, 17 3 mm, mm) U % 30 (umidità iniziale), U.C.I. 22 %(umidità critica d intervento), P.A18 % (punto d appassimento), h 0,40 m (profondità apparato radicale), d 1,25 t/m3 (densità apparente); MAGGIO: ETP mm/d 3,3, Kc 0,6, pioggia (15 16, 17 giorno 35 mm (totale in tre giorni), 25 e 26 giorno 30 mm), U 27,13 % (umidità iniziale) U.C.I. 22% (umidità critica d intervento) P.A. 18% (punto d appassimento), h 0,40 m (profondità apparato radicale), d 1,25 t/m3 (densità apparente)

14 GIUGNO ETP mm/d 5,6, Kc 0,8, pioggia (15 e 16 giorno 15 mm, ), U 29 % (umidità iniziale) U.C.I. 22% (umidità critica d intervento) P.A. 18% (punto d appassimento), h 0,40 m (profondità apparato radicale), d 1,25 t/m3 (densità LUGLIO ETP mm/d 7,1, Kc 1.0, pioggia (9 2 mm, mm 16 giorno 5 mm, ), U 22 % (umidità iniziale) U.C.I. 22% (umidità critica d intervento),p.a. 18% (punto d appassimento), h 0,40 m (profondità apparato radicale), d 1,25 t/m3 (densità

15 AGOSTO ETP mm/d 7,1, Kc 1.1, pioggia (13 giorno 2 mm, 20 giorno 7 mm ), U 22 % (umidità iniziale) U.C.I. 22% (umidità critica d intervento), P.A. 18% (punto d appassimento), h 0,40 m (profondità apparato radicale), d 1,25 t/m3 (densità Il perito incaricato, al fine della progettazione dell impianto deve calcolare, per ciascun mese, i seguenti parametri: a) bilancio idrico mensile b) se c è necessità di irrigare, quando intervenire con il primo intervento ipotizza un numero di interventi irrigui e la durata di ciascun turno per distribuire il volume d adacquamento calcolato.

16 Mese di Aprile Consumo mensile: Etc x 30 = ETP(2.8) mm/d x Kc (0.4) x 30 g= 33,6 mm/d = 336 m3 Riserva facilmente utilizzabile = 30% - 22% = 8% = 6.000m2 (ha) x 0,40 (h) x 1,25 t/m3 (d.a.) x 8% = 240 m3. Bilancio = 240 m m3 (pioggia) 336 m3 ETc = +154 m3 ; No irrigazione. Mese di Maggio Consumo mensile: Etc x 30 = ETP (3.3) x Kc (0.6) x 30= 59,4 mm/d = 594 m3

17 Riserva facilmente utilizzabile = 27.13% - 22% = 5,13% = 6.000m2 (ha) x 0,40 (h) x 1,25 t/m3 (d.a.) x 5,13% = 154 m3. Bilancio = 154 m m3 (pioggia) 594 m3 ETc = m3 ; No irrigazione. Mese di Giugno Mese di Giugno Consumo mensile: Etc x 30 = ETP (5.6) x Kc (0.8) x 30= 134,4 mm/d = 1344 m3 Riserva facilmente utilizzabile = 29-22% =7% = 6.000m2 (ha) x 0,40 (h) x 1,25 t/m3 (d.a.) x 7% = 210 m3.

18 Bilancio = 210 m m3 (pioggia) 1344 m3 ETc = m3 IRRIGAZIONE. Dobbiamo sapere in quanto tempo si esaurisce la RFU Primo intervento devono passare = 210 m3 /44,8 ETC/gg = 5 Dopo 5 giorni si effettua il primo intervento, ed è necessario somministrare il fabbisogno giornaliero fino al 15 giorno ( prevista pioggia). QUANT ACQUA? 10gg x 44,8 m3/gg =448 m3 Al 15 e 16 gg giungono le piogge e apportano 150 m3 Questa riserva quanto dura? 150 m3 / 44,8 m3/gg =3.34 gg. Quindi fino al 19 gg. Siamo coperti. Dal 19 al 30 si irrigherà regolarmente apportando 11gg x 44,8 m3/gg = 992,8 m3

19 Mese di Luglio Consumo mensile: Etc x 30 = ETP (7.1) x Kc (1.0) x 30= 213 mm/d = 2130 m3 Non c è umidità nel suolo, niente RIFU Bilancio = m3 (pioggia) 2130 m3 ETc = ; irrigazione. Per i primi otto giorni si somministra :71 m3/gg x 8.0 =568 m3. I 20 m3 delle piogge al 9 giorno si consumano in un tempo irrisorio, siamo costretti ad intervenire con un ulteriore volume di adacquamento pari a 51 m3. Fino al 12 gg si apportano 71m3 x 2 gg = 142 m3. le piogge del 12 gg. (20mm = 200m3) si consumano in 200 m3/ 71 m3 = 2.8 gg. = 3gg Il 16 c è una pioggia di 5mm pari a 50m3. si esauriscono in circa 1 gg inoltre siamo costretti ad integrare con 21m3. Nei giorni successivi l irrigazione procede seguendo

20 Il fabbisogno. 71 m3 x 14 gg = 994 m3 QUANTI INTERVENTI FARE? DURATA DI OGNI INTERVENTO? Prevedo quattro interventi: 1860/4 = 465 m3 N piante 1,5 x 2,5 = 3,75 m2 /pianta = 6.000/3,75= 1600 piante Totale irrigatori con un R di 1,5 m = 800 x 50 l/ora (portata) = l/ora = 40 m3 465 m3 (volume adacquamento) / 40 m3/ora = 11,6 ore

21 Mese di Agosto Consumo mensile: Etc x 30 = ETP (7.1) x Kc (1.1) x 30= 234 mm/d = 2340 m3 Bilancio = + 90 m3 (pioggia) 2340 m3 ETc = m3 irrigazione gg = m gg = m gg = m3 Prevedo cinque interventi: 2250/5 = 450 m3 N piante 1,5 x 2,5 = 3,75 m2 /pianta = 6.000/3,75= 1600 piante Totale irrigatori con un R di 1,5 m = 800 x 50 l/ora (portata) = l/ora = 40 m3 450 m3 (volume adacquamento) / 40 m3/ora = 11,25 ore

Corso di Idraulica Agraria ed Impianti Irrigui

Corso di Idraulica Agraria ed Impianti Irrigui Corso di Idraulica Agraria ed Impianti Irrigui Docente: Ing. Demetrio Antonio Zema Lezione n. 11: Generalità sugli impianti irrigui Anno Accademico 2011-2012 2012 1 Metodi irrigui 2 Metodi irrigui Modalità

Dettagli

H2O ACCADUEO 2014. Acqua e produzioni alimentari: scenari, tecnologie, politiche

H2O ACCADUEO 2014. Acqua e produzioni alimentari: scenari, tecnologie, politiche H2O ACCADUEO 2014 Acqua e produzioni alimentari: scenari, tecnologie, politiche IL PUNTO DI VISTA DEI PRODUTTORI Sala Madrigale Bologna Fiere 23 Ottobre 2014 Giampiero Reggidori APOCONERPO-OP Filiera dell

Dettagli

Risparmio idrico. Luca Barbero Sett. Provinciale Agricoltura

Risparmio idrico. Luca Barbero Sett. Provinciale Agricoltura Luca Barbero Sett. Provinciale Agricoltura Perché risparmiare acqua in agricoltura? Non è un bene infinito Riduzione riserva terrestre acqua dolce Scioglimento dei ghiacci competizione utilizzatori (aumento

Dettagli

ALLEGATO B: LINEA GUIDA PER L IRRIGAZIONE DELLE PRODUZIONI INTEGRATE

ALLEGATO B: LINEA GUIDA PER L IRRIGAZIONE DELLE PRODUZIONI INTEGRATE ALLEGATO B: LINEA GUIDA PER L IRRIGAZIONE DELLE PRODUZIONI INTEGRATE ASPETTI GENERALI Si fa riferimento a quanto riportato nel documento Principi e criteri generali per le pratiche agronomiche della produzione

Dettagli

TECNICHE INNOVATIVE DI IRRIGAZIONE E FERTIRRIGAZIONE

TECNICHE INNOVATIVE DI IRRIGAZIONE E FERTIRRIGAZIONE presenta: TECNICHE INNOVATIVE DI IRRIGAZIONE E FERTIRRIGAZIONE PER IMPIANTO E GESTIONE DELL ALBICOCCHETO 15 MARZO 2013 Scanzano J.co (MT) OBIETTIVI DI UNA CORRETTA GESTIONE IDRICA Gli apporti idrici tramite

Dettagli

Il verde pensile nel clima mediterraneo. Tecniche di irrigazione riuso e criticità. arch. Sonia Pecchioli

Il verde pensile nel clima mediterraneo. Tecniche di irrigazione riuso e criticità. arch. Sonia Pecchioli Il verde pensile nel clima mediterraneo Tecniche di irrigazione riuso e criticità arch. Sonia Pecchioli A cosa serve un impianto di irrigazione? Scopo dell irrigazione è somministrare il quantitativo d

Dettagli

STRUMENTI di SUPPORTO alle DECISIONI per l USO IRRIGUO dell ACQUA

STRUMENTI di SUPPORTO alle DECISIONI per l USO IRRIGUO dell ACQUA STRUMENTI di SUPPORTO alle DECISIONI per l USO IRRIGUO dell ACQUA Seminario: La gestione delle acque nel territorio agricolo Ordine Dottori Agronomi e Dottori Forestali della Provincia di Padova Marco

Dettagli

GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI IRRIGAZIONE

GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI IRRIGAZIONE GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI IRRIGAZIONE Decisiva ai fini del risparmio idrico è la scelta del come irrigare: fra i diversi sistemi d irrigazione dovrà essere adottato quello che, in rapporto al terreno,

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna Assessorato dell Agricoltura e Riforma Agro-Pastorale. Irrigare

Regione Autonoma della Sardegna Assessorato dell Agricoltura e Riforma Agro-Pastorale. Irrigare SERVIZIO AGROMETEOROLOGICO REGIONALE PER LA SARDEGNA Regione Autonoma della Sardegna Assessorato dell Agricoltura e Riforma Agro-Pastorale Irrigare Opuscolo divulgativo per l ottimizzazione della pratica

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IDRAULICA, GEOTECNICA ED AMBIENTALE CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO TESI DI LAUREA

Dettagli

METODOLOGIE DI VALUTAZIONE DEI FABBISOGNI IRRIGUI A SCALA AZIENDALE E COMPRENSORIALE

METODOLOGIE DI VALUTAZIONE DEI FABBISOGNI IRRIGUI A SCALA AZIENDALE E COMPRENSORIALE METODOLOGIE DI VALUTAZIONE DEI FABBISOGNI IRRIGUI A SCALA AZIENDALE E COMPRENSORIALE L'irrigazione degli agrumi nella Sicilia orientale: considerazioni sulla qualità delle acque degli invasi Alberto Continella

Dettagli

EIMA 2003 - CONFERENZA STAMPA. Illustrazione dei dati rilevati in campo sull efficienza dei rotoloni e degli impianti a goccia

EIMA 2003 - CONFERENZA STAMPA. Illustrazione dei dati rilevati in campo sull efficienza dei rotoloni e degli impianti a goccia EIMA 2003 - CONFERENZA STAMPA Relazione del dr. Giorgio Gazzotti, agronomo Illustrazione dei dati rilevati in campo sull efficienza dei rotoloni e degli impianti a goccia Dati rilevati in campo sull efficienza

Dettagli

Allegato C al Decreto n. 50 del 11.05.2012 pag. 1/40

Allegato C al Decreto n. 50 del 11.05.2012 pag. 1/40 giunta regionale Allegato C al Decreto n. 50 del 11.05.2012 pag. 1/40 PSR - REGIONE DEL VENETO. MISURA 214/i AZIONE 3 (alternativa 1, 2 e 2bis) PER GLI IMPEGNI DI Riduzione del 25% dei volumi irrigui per

Dettagli

Simulazione prova Esame di stato per Agrotecnici

Simulazione prova Esame di stato per Agrotecnici Il candidato tratti il controllo dell'evapotraspirazione nella tecnica colturale delle specie arboree da frutto, per una produzione quali-quantitativa ottimale ed eco-compatibile. L irrigazione ha avuto

Dettagli

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ CILIEGIO Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti Norme Tecniche di Coltura. SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

Dettagli

APPLICAZIONI PRATICHE SULLE SPECIE AGRARIE COLTURE ORTICOLE

APPLICAZIONI PRATICHE SULLE SPECIE AGRARIE COLTURE ORTICOLE APPLICAZIONI PRATICHE SULLE SPECIE AGRARIE COLTURE ORTICOLE Cipolla La sensibilità della cipolla nei confronti della disponibilità di acqua è notevole. Ciò è determinato dall apparato radicale che tende

Dettagli

ERSAT: prova dimostrativa di subirrigazione a goccia su vigneto di nuovo impianto

ERSAT: prova dimostrativa di subirrigazione a goccia su vigneto di nuovo impianto ERSAT: prova dimostrativa di subirrigazione a goccia su vigneto di nuovo impianto a cura di Giuseppe Pia, Renzo Peretto, Luigi Petillo. Cos è la subirrigazione a goccia. La subirrigazione a goccia, altrimenti

Dettagli

ISTRUZIONI DI BASE PER L USO DEL SERVIZIO PILOTAGGIO DELL'IRRIGAZIONE A SCALA AZIENDALE E CONSORTILE ASSISTITO DA SATELLITE-IRRISAT

ISTRUZIONI DI BASE PER L USO DEL SERVIZIO PILOTAGGIO DELL'IRRIGAZIONE A SCALA AZIENDALE E CONSORTILE ASSISTITO DA SATELLITE-IRRISAT PILOTAGGIO DELL'IRRIGAZIONE A SCALA AZIENDALE E CONSORTILE ASSISTITO DA SATELLITE-IRRISAT PSR CAMPANIA 2007/2013 MISURA 124 ISTRUZIONI DI BASE PER L USO DEL SERVIZIO www.consulenzairrigua.it PROGETTO REALIZZATO

Dettagli

Gestione Sostenibile dell Irrigazione. Massimo Rocchitta. Bari 4 Febbario 2011

Gestione Sostenibile dell Irrigazione. Massimo Rocchitta. Bari 4 Febbario 2011 Gestione Sostenibile dell Irrigazione Paola Ugas Massimo Rocchitta Bari 4 Febbario 2011 Gestione Sostenibile dell Irrigazione Paola Ugas - L acqua è un elemento di sviluppo economico e sociale - Fino agli

Dettagli

Irrigazione per ASPERSIONE

Irrigazione per ASPERSIONE RISPARMIO IDRICO / METODI E SISTEMI IRRIGUI Irrigazione per ASPERSIONE La sollecitazione ad un uso più parsimonioso e corretto dell acqua vede nella sostituzione dei metodi scarsamente efficienti, con

Dettagli

12. Nozioni elementari e applicazioni pratiche di tecnica irrigua

12. Nozioni elementari e applicazioni pratiche di tecnica irrigua 12. Nozioni elementari e applicazioni pratiche di tecnica irrigua Marcello Bertolacci Introduzione Cognizioni tecniche e impianti d irrigazione opportunamente progettati e realizzati sono le basi fondamentali

Dettagli

In uno scenario di aumento dei costi

In uno scenario di aumento dei costi analisi dei costi di esercizio Come scegliere il rotolone più adatto alle proprie esigenze di Giuseppe Taglioli, Giulia Villani, Matteo Boscarato In uno scenario di aumento dei costi di beni e servizi

Dettagli

Agrital Ricerche Stefano Carrano marzo 2006

Agrital Ricerche Stefano Carrano marzo 2006 Impianto e cure colturali di Lampone e Rovo Agrital Ricerche Stefano Carrano marzo 2006 Propagazione Introduzione - lampone Questo lavoro è nato da una precedente raccolta di diapositive destinata ad un

Dettagli

La difesa antibrina soprachioma

La difesa antibrina soprachioma Breve nota di tecnica di difesa attiva antibrina Arpa-Simc Area Agrometeorologia e Territorio (Dai risultati del progetto DISGELO) Le tecniche di difesa attiva di maggior interesse si basano principalmente

Dettagli

MAGAZINE. Anche un piccolo impianto di irrigazione, L irrigazione in terrazzo. Sommario

MAGAZINE. Anche un piccolo impianto di irrigazione, L irrigazione in terrazzo. Sommario Anche un piccolo impianto di irrigazione, come quello di un balcone o di un terrazzo, richiede, per essere realizzato correttamente, una serie di conoscenze ed accortezze. Di seguito si riportano una serie

Dettagli

FOR.CASEO.MAREMMA RELAZIONE TECNICA DI COLLAUDO

FOR.CASEO.MAREMMA RELAZIONE TECNICA DI COLLAUDO RELAZIONE TECNICA DI COLLAUDO PREMESSA: Il presente progetto è inserito all interno del PIF Valorizzazione del latte di bufala e del latte vaccino della Maremma Toscana PROGETTO FOR.CASEO.MAREMMA 1. TIPOLOGIA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA LA PIOGGIA.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA LA PIOGGIA. DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA LA PIOGGIA Marco Acutis Corso di studi in Produzione e Protezione delle Piante e dei Sistemi del Verde L acqua Fondamentale

Dettagli

SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE

SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE La Serra Nuova dedicata ad alcuni ambienti del Sud Africa rappresenta una delle sfide più ardue per chi lavora nell Orto Botanico di Torino. Su una superficie di

Dettagli

Sistemi di irrigazione

Sistemi di irrigazione Sistemi di irrigazione Obiettivi dell irrigazione Correzione deficit idrico adattamento dell ambiente alle esigenze delle colture coltivazione colture esotiche Riduzione della dipendenza delle produzioni

Dettagli

MIGLIORAMENTO DEI SISTEMI D IRRIGAZIONE E DELLE TECNICHE COLTURALI (2015-2018)

MIGLIORAMENTO DEI SISTEMI D IRRIGAZIONE E DELLE TECNICHE COLTURALI (2015-2018) Centro Trasferimento Tecnologico MIGLIORAMENTO DEI SISTEMI D IRRIGAZIONE E DELLE TECNICHE COLTURALI (2015-2018) Stefano Pedò Franco Michelotti Riva del Garda - 26 febbraio 2016 Premesse Premessa La riorganizzazione

Dettagli

I funghi hanno la funzione di decomporre le sostanze morte e così consentono alla sostanza organica di mettersi in circolo nel terreno.

I funghi hanno la funzione di decomporre le sostanze morte e così consentono alla sostanza organica di mettersi in circolo nel terreno. I funghi hanno la funzione di decomporre le sostanze morte e così consentono alla sostanza organica di mettersi in circolo nel terreno. L eccesso di piogge (forze lunari) in presenza di calore, aumenta

Dettagli

Riteniamo importante affrontare in questo contributo alcune delle criticità

Riteniamo importante affrontare in questo contributo alcune delle criticità ECONOMIA E TECNICA Suggerimenti per il migliore utilizzo di sistemi esperti per l irrigazione Bartolomeo Dichio* - Giuseppe Montanaro - Cristos Xiloyannis Dip.to delle Culture Europee e del Mediterraneo:

Dettagli

Managing water is managing life

Managing water is managing life USO EFFICIENTE DELLE RISORSE IDRICHE IN AGRICOLTURA, STRUMENTI E PROSPETTIVE The new way to design Managing water is managing life Workshop Camera di Commercio 22/10/2014 Palermo 1 Irrigazione e uniformità

Dettagli

ALLEGATO 4 APPLICAZIONE PER LA STIMA DELL EVAPOTRASPIRAZIONE EFFETTIVA DELLE COLTURE

ALLEGATO 4 APPLICAZIONE PER LA STIMA DELL EVAPOTRASPIRAZIONE EFFETTIVA DELLE COLTURE ALLEGATO 4 APPLICAZIONE PER LA STIMA DELL EVAPOTRASPIRAZIONE EFFETTIVA DELLE COLTURE L applicazione realizzata si propone la stima dei consumi idrici delle colture attraverso l integrazioni di più moduli

Dettagli

1. TITOLO DELLA MISURA : Gestione delle risorse idriche in agricoltura

1. TITOLO DELLA MISURA : Gestione delle risorse idriche in agricoltura UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE TOSCANA PIANO DI SVILUPPO RURALE REGOLAMENTO CE 1257/1999 MISURA 9.6 Gestione delle risorse idriche in agricoltura Regolamento CE 445/02 lettera q PARTE I ADEMPIMENTI

Dettagli

QUANDO E QUANTO IRRIGARE

QUANDO E QUANTO IRRIGARE QUANDO E QUANTO IRRIGARE Il bilancio idrico della coltura - ossia il calcolo, continuamente aggiornato, della quantità d acqua presente nello strato di terreno occupato dalle radici - costituisce un ottima

Dettagli

Disciplinare di Produzione SEDANO BIANCO DI SPERLONGA I.G.P. -Art 1- Denominazione e sua tutela

Disciplinare di Produzione SEDANO BIANCO DI SPERLONGA I.G.P. -Art 1- Denominazione e sua tutela Disciplinare di Produzione SEDANO BIANCO DI SPERLONGA I.G.P. -Art 1- Denominazione e sua tutela L indicazione Geografica Protetta (IGP) Sedano Bianco di Sperlonga è riservata esclusivamente al sedano ecotipo

Dettagli

CONCETTI BASE SULLA SALINITA DEI SUOLI. Quando parliamo di salinità dei suoli o mezzi di coltura ci incamminiamo in un concetto molto vasto

CONCETTI BASE SULLA SALINITA DEI SUOLI. Quando parliamo di salinità dei suoli o mezzi di coltura ci incamminiamo in un concetto molto vasto CONCETTI BASE SULLA SALINITA DEI SUOLI Quando parliamo di salinità dei suoli o mezzi di coltura ci incamminiamo in un concetto molto vasto con diverse sfumature, per incominciare definiamo che cosa si

Dettagli

ACQUA, ARIA E TERRENO

ACQUA, ARIA E TERRENO ACQUA, ARIA E TERRENO PREMESSA Gli impianti d irrigazione a goccia svolgono un ruolo fondamentale negli apporti irrigui alle colture. Se utilizzato correttamente permette un sano sviluppo della pianta

Dettagli

Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali

Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali FACOLTA DI AGRARIA Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali Corso di Agronomia e Sistemi foraggeri Modulo di Sistemi foraggeri ESERCITAZIONE - QUESTIONARIO n. 2 Nome e cognome... n. di matricola.

Dettagli

PIER GINO MEGALE DISPENSE TRATTE DALLE LEZIONI DI IDRAULICA AGRARIA TENUTE PRESSO LA FACOLTÀ DI AGRA- RIA DELL UNIVERSITÀ DI PISA

PIER GINO MEGALE DISPENSE TRATTE DALLE LEZIONI DI IDRAULICA AGRARIA TENUTE PRESSO LA FACOLTÀ DI AGRA- RIA DELL UNIVERSITÀ DI PISA PIER GINO MEGALE QUADERNI DI IDRAULICA AGRARIA DISPENSE TRATTE DALLE LEZIONI DI IDRAULICA AGRARIA TENUTE PRESSO LA FACOLTÀ DI AGRA- RIA DELL UNIVERSITÀ DI PISA ANNO ACCADEMICO 2008-2009 SECONDA EDIZIONE

Dettagli

Gestione delle risorse idriche in aree rurali del Libano

Gestione delle risorse idriche in aree rurali del Libano Gestione delle risorse idriche in aree rurali del Libano Il caso della Piana di Marjayoun Khiam Arianna Facchi Unità di Ingegneria Agraria CICSAA INQUADRAMENTO GEOGRAFICO LIBANO SIRIA ISRAELE GIORDANIA

Dettagli

Estratto dal settimanale Terra e Vita n. 16/2004, pagg. 51-52

Estratto dal settimanale Terra e Vita n. 16/2004, pagg. 51-52 Estratto dal settimanale Terra e Vita n. 16/2004, pagg. 51-52 Ve.Pro.L.G. Esempio d applicazione del software, nell assistenza tecnica per ottimizzare l impiego di acqua e di energia negli impianti di

Dettagli

(funghi, muffe e batteri) alle radici ed al colletto della pianta. Al contrario, la carenza d acqua, porta la pianta a stress da appassimento ed a

(funghi, muffe e batteri) alle radici ed al colletto della pianta. Al contrario, la carenza d acqua, porta la pianta a stress da appassimento ed a L ACQUA L elemento acqua è costituente degli esseri viventi, sia animali che vegetali, superando in alcuni casi anche il 90% della composizione. L acqua per le piante è un elemento indispensabile in quanto

Dettagli

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987)

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Prima regola: oltre un certo carico produttivo per ceppo la qualità diminuisce ( ) Fittezza in relazione

Dettagli

AGRICOLTURA. H114D - Studio sui Sistemi d'irrigazione

AGRICOLTURA. H114D - Studio sui Sistemi d'irrigazione AGRICOLTURA H114D - Studio sui Sistemi d'irrigazione 1. Introduzione L irrigazione, tecnica mediante la quale viene apportata alla terra nella quantità, ritmi e qualità opportuni quell alimento indispensabile

Dettagli

CORSO D'AGGIORNAMENTO PER PERITI ESTIMATORI- CESAR 2016 1

CORSO D'AGGIORNAMENTO PER PERITI ESTIMATORI- CESAR 2016 1 I CONTENUTI DELLA PRESENTAZIONE SONO STATI ELABORATI DAL GRUPPO DI LAVORO COSTITUITO DA: Balduzzi Giancarlo, Fratini Paolo, Gianesini Stefano, Lapioli Antonello, Luciani Luigi, Marmiroli Matteo, Martella

Dettagli

Calcolo dell Impronta Idrica dell Azienda Mutti

Calcolo dell Impronta Idrica dell Azienda Mutti Calcolo dell Impronta Idrica dell Azienda Mutti Dr. Monia Santini Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici e Università degli Studi della Tuscia Risorse idriche e cambiamento climatico nel Mediterraneo

Dettagli

Schede di tecnica irrigua per l agricoltura

Schede di tecnica irrigua per l agricoltura In un contesto caratterizzato da un crescente squilibrio tra la domanda e l offerta di acqua per l uso agricolo, i margini di manovra a disposizione degli operatori del settore diventano sempre più ristretti.

Dettagli

ACTINIDIA E GELATE: METODI DI PREVISIONE E MEZZI DI DIFESA. Andrea Cicogna Centro Servizi Agrometeorologici ERSA

ACTINIDIA E GELATE: METODI DI PREVISIONE E MEZZI DI DIFESA. Andrea Cicogna Centro Servizi Agrometeorologici ERSA ACTINIDIA E GELATE: METODI DI PREVISIONE E MEZZI DI DIFESA Andrea Cicogna Centro Servizi Agrometeorologici ERSA Mariangela Sandra Università di Udine PREMESSA Le gelate, pur non rappresentando un avversità

Dettagli

L uso razionale dell acqua in vigneto A

L uso razionale dell acqua in vigneto A Irrigazione soprachioma in un vigneto nell area di Soave (VR). Il metodo di somministrazione dell acqua implica forti perdite per evaporazione. L uso razionale dell acqua in vigneto A livello globale,

Dettagli

Principi d impiantistica e consigli tecnici per realizzare un impianto di micro irrigazione

Principi d impiantistica e consigli tecnici per realizzare un impianto di micro irrigazione Principi d impiantistica e consigli tecnici per realizzare un impianto di micro irrigazione Dott. Davide Canone Dipartimento di Scienze,Progetto e politiche del territorio Politecnico e Università di Torino

Dettagli

garantiscono completamente quanto sopra un anno su due, statisticamente.

garantiscono completamente quanto sopra un anno su due, statisticamente. Direzione Ambiente Linee guida per la verifica dei fabbisogni irrigui, la revisione delle concessioni e il calcolo dei riparti in condizioni di magra Quant4 Software di calcolo dei fabbisogni irrigui comprensoriali

Dettagli

AZIENDA SPERIMENTALE Vittorio Tadini Loc. Gariga - 29027 Podenzano Piacenza

AZIENDA SPERIMENTALE Vittorio Tadini Loc. Gariga - 29027 Podenzano Piacenza AZIENDA SPERIMENTALE Vittorio Tadini Loc. Gariga - 29027 Podenzano Piacenza CONFRONTO TRA DIVERSI SISTEMI IRRIGUI SU POMODORO DA INDUSTRIA ANNO 2006 Questa attività promossa dall Azienda Sperimentale V.

Dettagli

PRESIDENZA COMUNICATO

PRESIDENZA COMUNICATO COMUNICATO POR FESR 2007-2013 Linea di attività 4.1.5.a Azioni volte al risparmio idrico attraverso il riutilizzo delle acque reflue depurate - Indirizzi per la predisposizione del Piano di Monitoraggio

Dettagli

Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008

Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008 Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008 H2O - Deficit totale (mm) -200-150 -100-50 0 50 100 Situazione dei terreni rispetto alla condizione di Capacità di Campo Precipitazioni intense a fine

Dettagli

valori, qualità, consigli Il corso della vita.

valori, qualità, consigli Il corso della vita. Utenze Servizio domestiche idrico acqua Acqua Hera valori, qualità, consigli Il corso della vita. L acqua è un valore che non va mai fuori corso il ciclo dell acqua Siamo la seconda società italiana nei

Dettagli

Notizie Sull'Azienda

Notizie Sull'Azienda Notizie Sull'Azienda Forma di conduzione Distribuzione percentuale della Forma di Conduzione (regione Abruzzo) % delle aziende con Conduzione diretta del coltivatore con solo manodopera familiare % delle

Dettagli

Ciclo idrologico nel bacino

Ciclo idrologico nel bacino Condensazione Evapotraspirazione Precipitazione Evaporazione Suolo Falda Precipitazione Intercettazione Ruscellamento Infilotrazione Ipodermico Ricarica Traspirazione Flusso di base Portata del fiume Evaporazione

Dettagli

BUSINESS PLAN IMPIANTO DI PAULOWNIA

BUSINESS PLAN IMPIANTO DI PAULOWNIA BUSINESS PLAN IMPIANTO DI PAULOWNIA BUSINESS PLAN IMPIANTO DI PAULOWNIA clone 112. La coltivazione di paulownia, presenta le seguenti principali caratteristiche: a) Facilità colturale; b) Adattabilità

Dettagli

Irrigazione a goccia e fertirrigazione delle colture estensive

Irrigazione a goccia e fertirrigazione delle colture estensive Irrigazione a goccia e fertirrigazione delle colture estensive Schema di un moderno impianto di fertirrigazione a goccia Arpa Speciali è una azienda fortemente coinvolta da molti anni nel Mercato dei fertilizzanti

Dettagli

Planta. Sementi e Soluzioni per l Agricoltura

Planta. Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Una nuova gamma di prodotti per l agricoltura italiana Ibridi di mais IBRIDO Classe FAO Giorni GDM 437 300 105 SNH 9402 400 115

Dettagli

Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013

Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013 Consiglio dell Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013 3 dicembre

Dettagli

NOZIONI DI NORMATIVA E TECNICHE SUL RISPARMIO IDRICO

NOZIONI DI NORMATIVA E TECNICHE SUL RISPARMIO IDRICO Il buon uso dell acqua NOZIONI DI NORMATIVA E TECNICHE SUL RISPARMIO IDRICO Indice Introduzione... 1 Effetti della siccità sull agricoltura... 2 Danni alle colture... 3 Irrigazione: una pratica necessaria...

Dettagli

EVAPOTRASPIRAZIONE. Marco Acutis. Corso di studi in Produzione e Protezione delle Piante e dei Sistemi del Verde

EVAPOTRASPIRAZIONE. Marco Acutis. Corso di studi in Produzione e Protezione delle Piante e dei Sistemi del Verde EVAPOTRASPIRAZIONE Marco Acutis Corso di studi in Produzione e Protezione delle Piante e dei Sistemi del Verde L evapotraspirazione EVAPOTRASPIRAZIONE = CONSUMI IDRICI DI UNA COLTURA EVAPORAZIONE DAL SUOLO

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE VIALE MATTEOTTI DA PIAZZA I MAGGIO FINO A I

RIQUALIFICAZIONE VIALE MATTEOTTI DA PIAZZA I MAGGIO FINO A I C O M U N E D I C E R V I A TRAVERSA RIQUALIFICAZIONE VIALE MATTEOTTI DA PIAZZA I MAGGIO FINO A I Sommario PREMESSA... 3 PROGETTO DELLE OPERE A VERDE... 3 LO STATO ATTUALE... 3 IL PROGETTO... 6 PRINCIPALI

Dettagli

SPECIALE EIMA a cura di G.Guidoboni e R.Genovesi ALI GOCCIOLANTI

SPECIALE EIMA a cura di G.Guidoboni e R.Genovesi ALI GOCCIOLANTI SPECIALE EIMA a cura di G.Guidoboni e R.Genovesi ALI GOCCIOLANTI Si assiste oggi ad una grande diffusione della microirrigazione, grazie all affinamento degli studi agronomici e tecnologici e ad una migliore

Dettagli

IRRIPRO: THE NEW WAY TO DESIGN

IRRIPRO: THE NEW WAY TO DESIGN IRRIPRO: THE NEW WAY TO DESIGN IrriPro rappresenta il più avanzato software presente sul mercato capace di progettare impianti di irrigazione di qualsiasi complessità e grandezza in modo facile, potente

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO BOSCO GOLENA SAN MARTINO PIANO MANUTENZIONE QUINQUENNALE

PROGETTO ESECUTIVO BOSCO GOLENA SAN MARTINO PIANO MANUTENZIONE QUINQUENNALE PROGETTO ESECUTIVO BOSCO GOLENA SAN MARTINO IMBOSCHIMENTO TERRENI NON AGRICOLI PIANO MANUTENZIONE QUINQUENNALE COMMITTENTE: Comune di Viadana PROGETTISTA RINNOVA GREEN ENERGY SRL dott. for. Alberto Bergonzi

Dettagli

Progetto Miglioramento della Qualità della Produzione dell olio di oliva ed impatto ambientale

Progetto Miglioramento della Qualità della Produzione dell olio di oliva ed impatto ambientale A G E A Agenzia per le erogazioni in agricoltura Progetto Miglioramento della Qualità della Produzione dell olio di oliva ed impatto ambientale Associazione Produttori Olivicoli C.N.O. aderente al Finanziato

Dettagli

Tuttavia, resta ancora molto lavoro da fare per giungere ad una facile quantificazione dei benefici in fase progettuale.

Tuttavia, resta ancora molto lavoro da fare per giungere ad una facile quantificazione dei benefici in fase progettuale. FISICA DEL SISTEMA VERDE PENSILE VERDE PENSILE E RISPARMIO ENERGETICO Attualmente le politiche di risparmio energetico nel settore abitativo dedicano grande attenzione alle prestazioni termiche offerte

Dettagli

In uno scenario di aumento dei costi di beni e servizi

In uno scenario di aumento dei costi di beni e servizi SPERIMENTAZIONE IRRIGUA DI 6 ANNI IN UNA LOCALITÀ IN TOSCANA Costi irrigui a confronto tra pioggia e goccia su pomodoro Dalla prova su sei anni descritta in questo articolo si evidenzia una migliore risposta

Dettagli

Pro e contro dell irrigazione del mais con ala gocciolante

Pro e contro dell irrigazione del mais con ala gocciolante PROVE SVOLTE A FERRARA NEL 2015 Pro e contro dell irrigazione del mais con ala gocciolante di Fabio Galli, Alessandro Zago, Andrea Biondi stagionale degli ultimi anni, molto spesso caratterizzato da estati

Dettagli

IL VALORE AMBIENTALE DELL IRRIGAZIONE LA RICARICA DELLA FALDA

IL VALORE AMBIENTALE DELL IRRIGAZIONE LA RICARICA DELLA FALDA Con il patrocinio di 14 SETTEMBRE 2015 IL VALORE AMBIENTALE DELL IRRIGAZIONE LA RICARICA DELLA FALDA Relatore: ing. Umberto Niceforo direttore Consorzio Brenta Le radici nella geografia e nella storia

Dettagli

CICLO DELL ACQUA. Marco Carozzi

CICLO DELL ACQUA. Marco Carozzi CICLO DELL ACQUA Marco Carozzi Sommario Ciclo biogeochimico La molecola d acqua: breve introduzione Ciclo dell acqua ed elementi del ciclo evaporazione, evapotraspirazione, condensazione, precipitazioni,

Dettagli

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali Obiettivo 1 EROSIONE DEL SUOLO Obiettivo 2 SOSTANZA ORGANICA DEL SUOLO Obiettivo 3 STRUTTURA DEL SUOLO Obiettivo 4 LIVELLO MINIMO DI MANTENIMENTO Regione Campania - Assessorato Agricoltura e alle Attività

Dettagli

Clorosi ferrica, disponibilità di altri elementi nutritivi e necessità di acqua irrigua sono alcuni dei maggior punti dolenti della coltura.

Clorosi ferrica, disponibilità di altri elementi nutritivi e necessità di acqua irrigua sono alcuni dei maggior punti dolenti della coltura. home >> schede tecniche colturali di sintesi >> Actinidia Actinidia Premessa Strana coltura quella del kiwi, poiché, per vantaggiose condizioni di mercato e per le potenzialità produttive, ha trovato collocazione

Dettagli

Relazione di sintesi:

Relazione di sintesi: San Stino di Livenza 04/09/2009 Relazione di sintesi: Strumentazione utilizzata: Termocamera Flir B400_western mat.402003050, obiettivo FOV 25 *19 /0.4 m, obiettivo grandangolare 10 mm/ 45, In riferimento

Dettagli

indice MANUALE DELLA SUBIRRIGAZIONE VERS. 1,1 Premessa Cos è la subirrigazione e sua evoluzione Vantaggi della subirrigazione Aspetti progettuali

indice MANUALE DELLA SUBIRRIGAZIONE VERS. 1,1 Premessa Cos è la subirrigazione e sua evoluzione Vantaggi della subirrigazione Aspetti progettuali indice 1 Premessa 2 Cos è la subirrigazione e sua evoluzione 3 Vantaggi della subirrigazione 4 Aspetti progettuali 5 Procedura per l interramento delle ali gocciolanti Siplast per gli impianti in subirrigazione

Dettagli

TURNING INFORMATION INTO PROFITS. La gestione dell'irrigazione con i sistemi di. dell'integrated Crop Management

TURNING INFORMATION INTO PROFITS. La gestione dell'irrigazione con i sistemi di. dell'integrated Crop Management La gestione dell'irrigazione con i sistemi di monitoraggio PESSL, a supporto dell'integrated Crop Management Indice Indice Il contesto (1) Il futuro dell agricoltura deve essere sostenibile Il contesto

Dettagli

Il ruolo dell irrigazione nel futuro dei seminativi

Il ruolo dell irrigazione nel futuro dei seminativi Il ruolo dell irrigazione nel futuro dei seminativi Angelo Caliandro Paolo Mannini L USO DELL ACQUA IN AGRICOLTURA Agricola 27% Civile 19% Civile 20% Agricola 50% Industria 30% Industria 54% EUROPA ITALIA

Dettagli

COMUNE DI SAN GILLIO. Qualche semplice consiglio per risparmiare l acqua

COMUNE DI SAN GILLIO. Qualche semplice consiglio per risparmiare l acqua Qualche semplice consiglio per risparmiare l acqua L acqua è una risorsa essenziale. Ci sostiene, ci unisce, ci aiuta a crescere. Senza l acqua, le nostre società non potrebbero sopravvivere. Dipendiamo

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

LEPRE EZIO Agenzia servizi tecnicommerciali

LEPRE EZIO Agenzia servizi tecnicommerciali LPR ZIO genzia servizi tecnicommerciali Via S. Sebastiano, 30 Cellulare +39 3486033543 00032 Carpineto Romano (Roma) mail ezio.lepre@libero.it Monitoraggio del clima e del microclima in agricoltura Una

Dettagli

COMUNE DI ARPINO. Provincia di Frosinone

COMUNE DI ARPINO. Provincia di Frosinone COMUNE DI ARPINO Provincia di Frosinone Marca da Bollo 16,00 Al Sig. SINDACO del Comune di ARPINO OGGETTO: Richiesta di autorizzazione allo scarico di acque reflue domestiche sul suolo mediante sub-irrigazione,

Dettagli

Evoluzione delle tecniche di distribuzione irrigua per essere al passo con le esigenze delle aziende agricole e con i cambiamenti climatici in atto

Evoluzione delle tecniche di distribuzione irrigua per essere al passo con le esigenze delle aziende agricole e con i cambiamenti climatici in atto Evoluzione delle tecniche di distribuzione irrigua per essere al passo con le esigenze delle aziende agricole e con i cambiamenti climatici in atto Dr. Francesco Marotta (Consorzio di bonifica Destra Sele)

Dettagli

Il clima che cambia: evidenze storiche e scenari di evoluzione futura

Il clima che cambia: evidenze storiche e scenari di evoluzione futura Il clima che cambia: evidenze storiche e scenari di evoluzione futura Prof. Stefano Tibaldi UniBo e ARPA Emilia-Romagna Romagna Acque - Società delle Fonti S.p.A. Prospettive nella gestione della risorsa

Dettagli

IMPIANTO DEL VIGNETO

IMPIANTO DEL VIGNETO IMPIANTO DEL VIGNETO Irrigazione R.Genovesi L irrigazione del vigneto, in climi nei quali le precipitazioni arrivano a coprire una parte rilevante dei fabbisogni idrici delle piante, può assumere il significato

Dettagli

Un analisi dell uso dell acqua nel vivaismo ornamentale e possibili strategie per una maggiore efficienza dell irrigazione e della fertilizzazione

Un analisi dell uso dell acqua nel vivaismo ornamentale e possibili strategie per una maggiore efficienza dell irrigazione e della fertilizzazione Seminario tecnico La razionalizzazione dell irrigazione e della fertilizzazione nel settore vivaisttico Ce. Spe. Vi., 5 giugno 2008 Un analisi dell uso dell acqua nel vivaismo ornamentale e possibili strategie

Dettagli

I contenuti della Fertilizzazione

I contenuti della Fertilizzazione Fertilizzazione I contenuti della Fertilizzazione I contenuti della Fertilizzazione Selezionando la voce Fertilizzazione dell Indice Generale di AGRIMEDIA si passa all indice visualizzato accanto. Con

Dettagli

L acqua è sempre più preziosa. Utilizzala al meglio con il mais ARTESIAN. NOVITà

L acqua è sempre più preziosa. Utilizzala al meglio con il mais ARTESIAN. NOVITà L acqua è sempre più preziosa. Utilizzala al meglio con il mais ARTESIAN. NOVITà Gli ibridi di mais ad alta efficienza idrica L acqua è una delle risorse chiave per la maiscoltura. Un adeguata disponibilità

Dettagli

Acqua = Oro blu. Save the water

Acqua = Oro blu. Save the water Save the water seconda edizione Acqua = Oro blu Nel 2050 si prevede che la popolazione mondiale raggiungerà i 9 miliardi di persone, aumentando vertiginosamente la domanda complessiva di risorse naturali.

Dettagli

COS.MO. COSTRUZIONI S.P.A.

COS.MO. COSTRUZIONI S.P.A. COS.MO. COSTRUZIONI S.P.A. Via Gorizia 76 38122 TRENTO tel. 0461 932330 fax. 0461 933241 e-mail: info@cosmocostruzioni.it Cos è l energia? I fisici definiscono l'energia come la capacità di compiere un

Dettagli

ACQUE REFLUE INDUSTRIALI.

ACQUE REFLUE INDUSTRIALI. OGGETTO: D. Lgs. n 152/2006 e successive modifiche ed integrazioni, L.R. n 5/2006. Istanza di autorizzazione allo scarico di (barrare la casella di interesse): ACQUE REFLUE INDUSTRIALI. 7 - lettera a)

Dettagli

Il Mais LA CARTA D IDENTITÀ CARATTERISTICHE DELLA PIANTA. Save the water. organi Fiorali

Il Mais LA CARTA D IDENTITÀ CARATTERISTICHE DELLA PIANTA. Save the water. organi Fiorali Save the water seconda edizione LA CARTA D IDENTITÀ Il Mais Pianta di origine sub-tropicale con un ciclo produttivo di circa 140 giorni, vuole temperature elevate per tutto il suo ciclo vitale (l ideale

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Le potenzialità di produzione energetica delle derivazioni di pianura L'esperienza del Consorzio di Bonifica Ledra - Tagliamento

Le potenzialità di produzione energetica delle derivazioni di pianura L'esperienza del Consorzio di Bonifica Ledra - Tagliamento Le potenzialità di produzione energetica delle derivazioni di pianura L'esperienza del Consorzio di Bonifica Ledra - Tagliamento Ing. Stefano Bongiovanni MALNISIO, 16 GIUGNO 2011 PRESA DI OSPEDALETTO CONSORZIO

Dettagli

Irrigare il mais. Come?

Irrigare il mais. Come? Irrigare il mais Come? Prima di tutto pensiamo all ambiente e ad ottimizzare la risorsa ACQUA Come? Le alternative sono almeno due la Manichetta o l Irrigatore (con recupero indipendente a motore) Quale

Dettagli

Misura del vento: la velocità

Misura del vento: la velocità Il vento Il vento si origina in seguito a differenze di pressione, che ne rappresentano la forza motrice, a loro volta derivanti principalmente da differenze di temperatura tra masse di aria. Il vento

Dettagli

CO.DI.P.A. CONSORZIO DIFESA PRODUZIONI AGRICOLE

CO.DI.P.A. CONSORZIO DIFESA PRODUZIONI AGRICOLE POLIZZA COLLETTIVA AVVERSITA ATMOSFERICHE 2015 RISCHI NON AGEVOLATI Contraente CO.DI.P.A. CONSORZIO DIFESA PRODUZIONI AGRICOLE Indirizzo C.A.P. Comune CORSO PORTA NUOVA, 98 37122 VERONA Codice Fiscale/Partita

Dettagli