PERCHÉ LIBREOFFICE È L'UNICO EREDE DI OPENOFFICE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PERCHÉ LIBREOFFICE È L'UNICO EREDE DI OPENOFFICE"

Transcript

1 PERCHÉ LIBREOFFICE È L'UNICO EREDE DI OPENOFFICE La storia di LibreOffice e quella di Apache OpenOffice, i due fork del "vecchio" OpenOffice sponsorizzato da Sun, è strettamente legata, e allo stesso tempo profondamente diversa. LibreOffice è il progetto voluto dalla comunità di OpenOffice, e in quanto tale è l'unico erede dello stesso OpenOffice, del quale esalta e sublima il valori legati al software libero, a cui aggiunge quelli della meritocrazia, della governance della comunità e dell'indipendenza dalle aziende. Apache OpenOffice, invece, nasce per iniziativa di IBM e di coloro che avevano mal digerito il fork di LibreOffice, perché sapevano che questo li avrebbe messi in una posizione marginale all'interno di una comunità basata sulla meritocrazia e sull'indipendenza dalle aziende. Siccome siamo molto pazienti, riprendiamo - per l'ennesima volta - le fila della storia, per chiarire i motivi che stanno dietro a queste affermazioni, che possono suonare - alle orecchie di chi non ha seguito l'evoluzione dei due progetti - un po' eccessive, o addirittura immotivate. Essendo l'unico italiano tra i fondatori di The Document Foundation, ho una visione di parte, per cui invito i lettori a verificare le informazioni, perché è giusto che sia così. In questo modo, essi si renderanno conto di quale progetto rispetta la trasparenza propria del software libero e quale, invece, usa i mezzi tipici del software proprietario. Conferenza di Lione (2006) Torniamo indietro nel tempo alla OOoCon di Lione del settembre 2006, quando Michael Bemmer - responsabile della StarDivision di Sun, il laboratorio di R&D di StarOffice e OpenOffice, con sede ad Amburgo - ha presentato una serie di slide che cercavano di rispondere ad alcune tra le obiezioni che provenivano dalla comunità: OpenOffice stava crescendo bene, con l'aggiunta di moduli e funzionalità, ma mancava un disegno strategico in grado di accompagnare questa crescita con un'attività di refactoring del codice sorgente, che stava "esplodendo" sotto il profilo dei riferimenti incrociati; il rapporto tra sviluppatori pagati dalle aziende - Sun, RedHat e SUSE - e volontari era nettamente sbilanciato a favore dei primi, perché la gestione del progetto di sviluppo rendeva molto complesso per i secondi l'accesso al codice sorgente e rallentava l'integrazione delle patch (famosa quella di Kohei Yoshida integrata dopo 28 mesi per motivi ancora oggi del tutto oscuri);

2 in generale, l'ingresso nella comunità era più difficile rispetto alla media dei progetti open source, e la gestione del community manager Louis Suarez Potts (che nella vita avrebbe potuto fare di tutto, oppure il contrario di tutto, tranne il community manager) teneva lontani più che avvicinare i volontari. Le slide di Michael Bemmer rispondevano, in parte, alle obiezioni. Peccato, però, che siano state completamente disattese dalla realtà, in quanto nulla di quello che c'era scritto è stato poi realizzato da Sun. Questo, ovviamente, non ha soddisfatto la comunità, che nel frattempo era cresciuta rispetto al 2000, anno dell'annuncio del progetto OOo, quando era nata sulle ali dell'entusiasmo di un gruppo di pionieri come Sophie Gautier, e aveva accolto al suo interno professionisti come il sottoscritto, in grado di tenere testa a Sun su temi come il marketing e la comunicazione. Il gruppo di volontari che esprimeva la leadership "indipendente" del progetto ha quindi continuato a lavorare al progetto di fondazione annunciato da Sun con lo stesso comunicato stampa che presentava OOo, e perennemente rimandato. Conferenza di Pechino (2008) Facciamo un salto in avanti di 2 anni e pochi mesi, e arriviamo alla OOoCon di Pechino di novembre 2008, quando IBM annuncia l'ingresso nella comunità OOo ovviamente "à la IBM", con un contratto che le permette di ignorare bellamente la licenza copyleft e sfruttare il lavoro dei volontari per Symphony, un software proprietario. Sun detiene la proprietà intellettuale su tutto il codice di OOo, visto che richiede agli sviluppatori volontari di firmare un "contributor agreement" che le cede tutti i diritti sul codice sorgente, per cui può concedere il codice sorgente stesso nella forma e nei modi che ritiene più opportuni, senza dover interpellare nessuno. Per comprendere la genesi di questa concessione su licenza del codice sorgente bisogna fare un salto indietro di 4 anni e andare al 2003, quando IBM presenta la prima versione di Symphony, sfruttando il fatto che OOo 1.1 viene rilasciato con una doppia licenza: LGPL (Lesser GNU Public license, copyleft) e SISSL (Sun Industry Standard Software License, permissiva). IBM, naturalmente, sceglie la licenza permissiva e trasforma il codice open source di OOo nel codice proprietario di Symphony (che è un freeware), sostenendo che la licenza permissiva è quella che attirerà decine di aziende nell'orbita di OOo. Un'affermazione che viene smentita dalla storia, in quanto l'unica azienda a essere attratta dalla licenza permissiva per un software come OOo è proprio IBM, e non solo in quello specifico momento storico, ma fino a oggi, a quasi 11 anni di distanza (nonostante l'impegno profuso in tutti questi anni per trovare partner).

3 Questo del rapporto tra IBM e le licenze permissive è un passaggio fondamentale per la storia di OOo, che spiega molte delle cose successe tra il 2011 e il 2014, ma viene ignorato dalla maggior parte delle persone in quanto si perde nella storia. Ritorniamo al 2008, quando IBM firma il contratto con Sun che le permette di attingere al codice di OOo 3.0, che è maturato rispetto a quello di OOo 1.1, che è un'antologia di bug, ed è praticamente inutilizzabile. Il problema, per IBM, sta nel fatto che OOo viene rilasciato con la sola licenza LGPL dall'annuncio della versione 2.0, per cui se non ci fosse il contratto con Sun sarebbe costretta a sottostare al dettato della licenza copyleft e a condividere i propri contributi con la comunità. Alla OOoCon di Pechino, Michael Karasik - responsabile del locale laboratorio di ricerca IBM - presenta la strategia di sviluppo di Symphony, con una serie di nuovi moduli (come Dandelion, per l'editing collaborativo) che alla fine dovrebbero essere integrati anche all'interno di OOo. Come nel caso della presentazione di Michael Bemmer, anche quella di Michael Karasik viene ampiamente disattesa. Sun e Oracle (2009) Verso la fine del 2008, Sun intavola trattative con IBM e con un'altra azienda (HP?) per una fusione, senza nessun risultato. Il 20 aprile 2009 Oracle annuncia l'accordo per l'acquisizione di Sun, sorprendendo tutti ma non gli osservatori più attenti, che conoscono perfettamente i due motivi tattici dell'operazione: evitare che le SparcStation su cui girano i database Oracle del Pentagono finiscano nelle mani di IBM, e tenere sotto controllo lo sviluppo di MySQL perché non diventi pericoloso per i database Oracle. All'epoca ero Presidente del Progetto Linguistico Italiano OOo (PLIO), e quando mi viene chiesto un commento rispondo che si tratta della cosa peggiore per OOo perché il modello di business di Oracle non è compatibile con quello del software libero e men che meno con quello di OOo, che non esiste a causa dell'insipienza di Sun nell'ambito del marketing. Purtroppo, non potevo immaginare che la dismissione di OOo da parte di Oracle, ampiamente prevedibile, avrebbe portato all'evento catastrofico della donazione del codice e del marchio ad Apache Software Foundation, ispirata da IBM in virtù del contratto firmato con Sun nel Ma andiamo con ordine. L'acquisizione di Sun da parte di Oracle viene esaminata con attenzione dalla commissione antitrust dell'unione Europea, per il potenziale monopolio che deriva dalla combinazione tra Oracle e MySQL, e questo rallenta la conclusione della trattativa fino al 27 gennaio 2010.

4 Nel frattempo, la OOoCon di Orvieto del novembre 2009 conferma il totale disinteresse di Oracle per il progetto OOo. L'azienda, infatti, viene rappresentata da un funzionario senza budget, che ha il compito - evidentemente - di gestire la transizione. Il segnale è talmente forte e chiaro che i leader della comunità OOo decidono di prendere in mano la situazione e accelerare il processo che porta al fork e alla nascita della fondazione indipendente. La genesi di LibreOffice (2010) L'attività inizia a febbraio 2010 e ha l'obiettivo di arrivare all'annuncio entro l'anno, in quanto si stima che la chiusura di OOo da parte di Oracle avvenga alla fine del 2010 o all'inizio del In realtà, l'annuncio arriva ad aprile 2011, alla fine del processo che in quattro trimestri trasforma OOo - e l'intera StarDivision di Amburgo - in un costo, che può essere eliminato con il plauso degli analisti. Durante la primavera e l'estate il lavoro del gruppo dei leader della comunità continua a ritmo serrato su tutti i fronti, con la cooptazione di nuovi elementi che completano il team in alcune aree, anche perché alcuni dei membri originari non partecipano all'attività (e saranno i primi a schierarsi contro il fork). L'obiettivo del gruppo dei fondatori "attivi", che alla fine è composto da 16 persone (diversi tedeschi, un paio di francesi e un paio di brasiliani, un olandese, un danese, un ceco, un inglese, un irlandese e un italiano, il sottoscritto), è quello di arrivare alla OOoCon di Budapest con tutti gli elementi in posizione, per poter discutere durante un'unica riunione tutti i dettagli dell'annuncio. Durante la conferenza i membri del gruppo partecipano ai lavori in modo del tutto normale, senza sollevare il minimo sospetto né tra gli sviluppatori né tra i volontari. Io faccio i soliti interventi sul marketing e sulla comunità italiana, che è presente con tre membri: il sottoscritto, Andrea Pescetti e Paolo Pozzan. La riunione dei fondatori avviene il 2 settembre 2010, in un ristorante del centro di Budapest, mentre il resto dei partecipanti alla conferenza partecipa all'evento "sociale" su un battello che fa una minicrociera sul Danubio. Durante la riunione vengono decise la data dell'annuncio, alla fine di settembre, i componenti dello Steering Committee (che ha il compito di guidare il progetto), e la strategia verso Oracle e IBM, a cui verrà proposto di unirsi al progetto. Ovviamente, si tratta di una proposta "politica" perché è chiaro a tutti che Oracle e IBM non hanno nessuna intenzione di unirsi alla comunità, che eliminerebbero - anche fisicamente - molto volentieri. Sabato 11 settembre c'è la prima conference call dello Steering Committee, alla quale partecipo da Grosseto, dove sono per il meeting delle associazioni italiane

5 del software libero, durante la quale vengono decisi il nome della fondazione - The Document Foundation - e il nome del software: LibreOffice. LibreOffice e la comunità italiana di OpenOffice A questo punto, è arrivato il momento di coinvolgere la comunità italiana, per cui convoco una riunione straordinaria dei soci del PLIO, che si tiene in due sessioni. Durante le due riunioni, e nei giorni immediatamente successivi, alcuni membri del PLIO attaccano il sottoscritto in modo anche abbastanza volgare, e il progetto LibreOffice - e di conseguenza The Document Foundation - per motivi che ancora oggi ho difficoltà a comprendere, e su cui preferisco sorvolare. Gli attacchi continuano fino al 25 gennaio 2011, fino a quando non decido che è giunto il momento di troncare qualsiasi relazione con quella parte della comunità italiana di OpenOffice, e per sempre. La comunità italiana sarà l'unica nel panorama OOo, a essere formalmente divisa, con una parte schierata con le aziende contro la comunità stessa. L'Italia, che era il Paese più avanzato dell'ecosistema OOo, diventa il principale alleato di IBM nel progetto di divisione della comunità con Apache OpenOffice. Il progetto AOO, infatti, non è espressione di una comunità, ma di un'azienda - IBM - e di un gruppo di individui ostili a The Document Foundation e LibreOffice. La strategia IBM per Apache OpenOffice IBM convince Oracle a trasferire il brand OpenOffice e il codice sorgente dell'applicazione ad Apache Software Foundation con la segreta speranza che la maggioranza della comunità LibreOffice passi ad Apache OpenOffice, in modo da "eliminare" LibreOffice e bloccare il processo di costituzione di The Document Foundation. Quando è chiaro che questo non avverrà mai, trasferisce il codice sorgente di Symphony ad Apache Foundation e assume cinque sviluppatori che arrivano da StarDivision per fare in modo che il progetto decolli, almeno in apparenza, e che questo ritardi la crescita di LibreOffice. Poco dopo, inizia la strategia di comunicazione contro The Document Foundation e LibreOffice, che ha l'obiettivo di indebolire il progetto nella sua fase più delicata - quella del consolidamento della struttura - sempre nella speranza che fallisca e lasci la strada spianata ad Apache OpenOffice. Intorno a LibreOffice si è combattuta una battaglia decisiva per la libertà e l'indipendenza del software libero sul desktop. I sostenitori di AOO hanno fatto il gioco di IBM (e indirettamente di Microsoft, e poi vedremo il perché), anche se in qualche caso pensavano di fare quello degli utenti.

6 In realtà, gli obiettivi nefasti - per il software libero - del progetto IBM erano perfettamente chiari dal 2011 (e non è un caso se il 99% della comunità OOo che era passato a LibreOffice è poi rimasto con LibreOffice), per cui quelli che hanno sostenuto Apache OpenOffice lo hanno fatto sapendo - o facendo finta di non sapere - che si trattava di un progetto destinato a morire dopo tre anni. Inizia il viaggio di LibreOffice Ritorniamo al 28 settembre 2010, il giorno dell'annuncio del progetto che vede il codice sorgente di OOo trovare una nuova casa che rappresenta la comunità, The Document Foundation, e un nuovo nome, LibreOffice, che sottolinea gli aspetti di libertà e indipendenza. Il progetto è sostenuto da Google, Novell e RedHat, a cui ben presto si aggiunge anche Canonical, e da Free Software Foundation. Oracle viene invitata ad aderire, e a donare il marchio OpenOffice. Per tutta risposta, chiede che tutti i membri del Community Council coinvolti nel progetto LibreOffice si dimettano per un evidente conflitto di interessi. LibreOffice parte con 20 sviluppatori, che crescono rapidamente - grazie al geniale meccanismo degli easy hacks - e in un mese superano le 100 unità sulla scorta dell'entusiasmo dell'annuncio. Peraltro, continueranno a crescere in modo ininterrotto fino a oggi, arrivando a superare le 900 unità, di cui circa 300 attivi su base annua e circa 100 attivi su base mensile. Gli sviluppatori, che hanno le idee chiare, iniziano l'operazione di pulizia del codice sorgente attesa da 5 anni, che porta all'eliminazione di librerie deprecate, alla traduzione dei commenti in inglese (che consente anche agli sviluppatori che non parlano tedesco di orientarsi nel codice sorgente), all'eliminazione di metodi anch'essi abbandonati da anni, che si traduce - dopo due release problematiche per questa attività di pulizia - in un miglioramento sostanziale della qualità. Il 25 gennaio 2011 viene annunciato LibreOffice 3.3, e io vengo accusato di fare il doppio gioco, perché sono ancora presidente del PLIO. Questa è la goccia che fa traboccare un vaso ormai strapieno, per cui mi dimetto immediatamente dal ruolo di presidente e da quello di socio del PLIO. Oracle abbandona OpenOffice Come da copione, all'inizio del secondo trimestre dell'anno fiscale Oracle annuncia l'intenzione di abbandonare OOo. La chiusura del progetto OOo, però, non può avvenire senza l'accordo con IBM, forte del contratto che assicura l'accesso al codice sorgente di OOo almeno fino al 2013 (purtroppo, non è chiaro se il contratto firmato nel 2008 avesse durata di 5 o 6 anni, ma questo ha un'importanza marginale). IBM intravede l'opportunità di mettere le mani, senza sforzo, sul progetto OOo,

7 per cui convince (costringe?) Oracle a trasferire il marchio e il codice sorgente di OOo ad Apache Software Foundation. In questo modo, riesce ad avere la sua adorata licenza permissiva, che le permette di tenere in ostaggio la comunità grazie alla spada di Damocle della chiusura e della trasformazione del software da Open Source a proprietario, e di controllare il progetto grazie alle caratteristiche della governance di ASF, che premia le aziende rispetto agli individui. Nasce il progetto Apache OpenOffice di IBM Il 1 giugno 2011 Oracle comunica, con uno scarno post su un blog, il trasferimento del marchio e del codice sorgente di OOo ad ASF, mentre IBM - che in teoria è estranea all'operazione - annuncia l'evento e lancia la sua strategia di attacco a The Document Foundation e LibreOffice con un post di Rob Weir. Per chi non lo conoscesse, Rob Weir è un ingegnere che IBM ha ereditato da Lotus, e che si occupa dello standard ODF come esperto di standardizzazione. In quest'ambito, è sicuramente una persona competente. Il problema, però, è che IBM gli affida la comunicazione, e in questo ambito Rob Weir è un disastro. Rob Weir chiama a raccolta tutti coloro che contribuiscono a LibreOffice, chiedendogli di chiudere il progetto e passare ad Apache OpenOffice. Questo, ovviamente, senza fare i conti con il fatto che non capisce una cippa di comunità open source, per cui l'invito si schianta nel vuoto (con l'eccezione della comunità italiana, che prosegue con la sua ostilità e passa ad Apache OpenOffice). A questo punto, Rob Weir cerca di dimostrare - giocando sui dati e falsificando quelli di Apache OpenOffice - che la crescita di LibreOffice è priva di significato, e una volta compreso che il confronto è impari fa in modo che le cifre imbarazzanti di Apache OpenOffice perdano completamente di valore mettendo insieme il codice sorgente al sito e al wiki, per cui diventa impossibile capire quanti sono gli sviluppatori attivi. In realtà, il numero è facile da individuare, perché sono talmente pochi da poter essere confusi con una gita scolastica, anche mettendo dentro quelli che scrivono solo HTML. Peraltro, siccome tutte le bugie hanno le gambe corte, il "trucco" escogitato da Rob Weir si traduce nel fatto che AOO è scritto per meno del 50% in C++ e per più del 40% in HTML. Come ho già detto, l'obiettivo di IBM, che concepisce il progetto Apache OpenOffice con la complicità di Apache Software Foundation (tanto che Don Harbison, dipendente IBM, userà il titolo "Apache OpenOffice Project Manager" sul profilo LinkedIn senza che il Board of Director di Apache Foundation chieda spiegazioni) non è quello di investire sul software ma di eliminare LibreOffice.

8 Ovviamente, un progetto del genere ha una finestra di vita definita, che nella tradizione delle grandi corporation statunitensi è di tre anni: se alla fine di questo periodo l'obiettivo della scomparsa di LibreOffice (e The Document Foundation) non verrà raggiunto, IBM uscirà dal progetto Apache OpenOffice. La situazione è chiara per chiunque abbia un po' di competenza nel mondo del software, al punto che riesco a descriverla con tre anni di anticipo, per cui chi ha sostenuto che AOO era un progetto solido per la presenza di IBM - e ha suggerito la migrazione ad Apache OpenOffice piuttosto che a LibreOffice - lo ha fatto per motivi che è estremamente difficile - se non impossibile - comprendere. Se fossi una delle pubbliche amministrazioni italiane - perché le migrazioni ad Apache OpenOffice sono avvenute solo in Italia - che hanno migrato ad AOO, in quanto qualcuno mi ha convinto che si trattava di una scelta migliore rispetto a LibreOffice, oggi cercherei di capire per quale motivo sono stato spinto in una direzione che equivaleva a un vicolo cieco. La "comunità" di Apache OpenOffice IBM e la comunità italiana, che è attiva solo in Italia e solo contro il sottoscritto, The Document Foundation e LibreOffice, perché non c'è traccia di attività a favore di Apache OpenOffice (con l'esclusione di Andrea Pescetti e Paolo Pozzan), sono sostenute da alcuni personaggi abbastanza noti nella comunità OOo: il community manager di OOo, che ritiene di avere diritto allo stesso ruolo, e non riuscirà mai ad accettare il concetto della meritocrazia (anche se la visione della meritocrazia all'interno di Apache Software Foundation è peculiare, ed è influenzata dall'orientamento troppo favorevole rispetto alle aziende); il messicano messo a capo, per motivi sconosciuti, del progetto linguistico spagnolo, che trasforma in una sorta di oligarchia con un gruppo di sudditi, al punto da deprimere la comunità ispanica fino ad arrivare vicino alla scomparsa di OOo dai Paesi di lingua spagnola; il francese messo a capo del port per MacOS, che riesce a litigare con tutti, e alla fine litiga anche con il management del progetto Apache OpenOffice, per incompatibilità di carattere con gli altri sviluppatori (con alcuni riesce anche a venire alle mani durante la conferenza di Lione). IBM scatena una "campagna acquisti" degna del calciomercato, ma riesce ad aggregare intorno ad Apache OpenOffice solo un vero sviluppatore argentino, per amicizia con uno dei suoi cinque dipendenti, e una serie di personaggi folcloristici che fanno dell'amore per la "permissiva" Apache License la loro ragione di vita. Questi affiancano Rob Weir nella crociata contro TDF e LibreOffice, che assume i suoi toni più virulenti nel 2012 e nel 2013, perché il tempo scorre inesorabile, e

9 con il passare del tempo aumenta la differenza di vitalità tra i due progetti. Dall'inizio del 2012, con la nascita ufficiale di TDF, è chiaro a tutti che il progetto è solido, e comincia a crescere anche in termini di utenti. Ovvero, non c'è speranza che chiuda, e non c'è speranza che si ridimensioni con un esodo verso Apache OpenOffice. La breve storia di Apache OpenOffice Il progetto nasce a giugno 2011, ma gli sviluppatori buttano via un anno in modo inutile per eliminare il codice sorgente con licenza copyleft funzionante ma inviso a IBM. La prima release di Apache OpenOffice, la 3.4, arriva a maggio 2012, e non contiene nessuna novità, a parte i bug e le regressioni introdotti per sostituire il codice sorgente perfettamente funzionante rilasciato con licenza LGPL. Vengono persino sostituite le font libere con font rilasciate con Apache License. La "caccia alle streghe" copyleft non impedisce però di trovare compromessi quando elementi indispensabili come il motore per la correzione ortografica e i dizionari sono rilasciati con licenza copyleft, e non esistono alternative, per cui è impossibile sostituirli. In questo caso, la licenza copyleft diventa "accettabile" anche per IBM, come licenza "esterna". La seconda e la terza release di Apache OpenOffice sfruttano come novità le funzionalità sviluppate da IBM per Symphony: barra laterale e accessibilità. Tolte queste, non offrono nulla di nuovo, ma il solo fatto che esistano crea confusione sul mercato e induce molti utenti a guardare ad AOO come a un progetto attivo con un futuro in evoluzione. Naturalmente, Rob Weir è cosciente del fatto che il progetto Apache OpenOffice chiuderà dopo aver "consumato" il codice sorgente di Symphony perché non ha un numero sufficiente di sviluppatori, e non riesce ad attrarne di nuovi. Inoltre, ha fallito il suo obiettivo aziendale, in quanto The Document Foundation e LibreOffice godono di ottima salute e hanno conquistato un posto nella storia del software libero. Lentamente, ma inesorabilmente, i contributi cominciano a calare, fino a quando - esattamente tre anni dopo il lancio - IBM abbandona il progetto. Rob Weir lascia il suo ruolo nel comitato tecnico OASIS per la standardizzazione di ODF, e questo - che rappresenta un danno per tutto il software libero - conferma il fatto che IBM utilizza il software libero in modo esclusivamente tattico. Infatti, se l'obiettivo del progetto IBM fosse stato quello di sostenere lo sviluppo di Apache OpenOffice, così come sostenevano gli "esperti" italiani, gli sviluppatori avrebbero dovuto continuare a lavorare indipendentemente dal successo di TDF

10 e LibreOffice. Invece, gli sviluppatori - tra cui il release manager - scompaiono dal progetto da un giorno all'altro, e questo conferma - anche se non era necessario - quello che si sapeva dal 2011, e che tutti avevano capito da tempo. Apache Software Foundation, Microsoft e IBM Qualcuno potrebbe chiedersi perché Apache Software Foundation, che aveva avuto problemi con IBM per il progetto Harmony (stessa fine, ovvero abbandono degli sviluppatori), è stata un'altra volta al gioco sapendo in anticipo come questo sarebbe andato a finire, e sostenendo una strategia ostile a un altro progetto di software libero). La spiegazione, purtroppo, è molto semplice: ASF è uno strumento in mano a Microsoft e IBM. Probabilmente, solo in pochi sanno che il President di ASF è un dipendente Microsoft, che risponde al nome di Ross Gardler (e da autentico sostenitore del software libero usa un Nokia Lumia e un Surface con Windows 8), e sono altrettanto pochi a sapere che il Past President di ASF, Jim Jagielski, è il President di Outercurve Foundation, un'emanazione di Microsoft. Ma non basta, perché anche Gianugo Rabellino, un personaggio storico di ASF, è un dipendente Microsoft. Microsoft attinge a piene mani dai ranghi di Apache Software Foundation perché la fondazione - nella realtà - è ideologicamente più vicina al software proprietario che a quello open source, come dimostra la licenza "permissiva" studiata in modo tale da proteggere i diritti delle grandi aziende. A questo punto, il senso della mia affermazione sulla battaglia per la libertà e l'indipendenza del software libero sul desktop, combattuta intorno a LibreOffice, dovrebbe essere chiaro. Naturalmente, la vittoria di questa battaglia ha avuto una serie di conseguenze positive per LibreOffice e una serie di conseguenze negative per Apache OpenOffice. Continua il viaggio di LibreOffice LibreOffice è uno tra i principali progetti di software libero e il più importante sul desktop, così come confermano i risultati della ricerca Future of Open Source che lo mettono al terzo posto dopo i progetti cloud OpenStack e Docker, e alla pari con il CMS Drupal. Questo riconoscimento arriva dopo quattro anni e mezzo dall'annuncio del progetto e dopo quattro anni dalla prima release, ed è una conferma della bontà del lavoro compiuto dagli sviluppatori (e di conseguenza delle idee dei fondatori). Bontà dimostrata dai risultati di Coverity Scan sulla qualità del codice sorgente, secondo i quali LibreOffice è il progetto di software libero con il minor numero di

11 difetti per righe di codice sorgente, in rapporto alle dimensioni del codice sorgente stesso. La comunità LibreOffice si appresta rilasciare la versione 5.0 alla fine del mese di luglio, con novità importanti come la versione Windows a 64bit, e la prima fase di revisione dell'interfaccia utente e delle funzioni di usabilità. Inoltre, nell'ultimo trimestre del 2015 o nel primo del 2016 LibreOffice arriverà su Android - dove c'è già una prima versione del viewer - e sul cloud. La fine di Apache OpenOffice I successi di LibreOffice confermano che le critiche alla scelta della licenza copyleft e alla rinuncia al copyright assignment erano profondamente sbagliate, così come la definizione di "software sperimentale" attribuita a LibreOffice. Credo sia opportuno sottolineare come queste critiche siano arrivate soprattutto dalla comunità italiana di Apache OpenOffice. C'è anche stato chi ha affermato che il sostegno da parte di IBM garantiva il futuro, la stabilità e la qualità di Apache OpenOffice. Del futuro e della stabilità abbiamo già detto, e della qualità - purtroppo - c'è molto da dire, soprattutto in quest'ultimo scorcio del Infatti, Apache OpenOffice è affetto da un problema di sicurezza che può essere risolto solo eliminando manualmente un file, perché non ha sviluppatori a sufficienza per fornire una patch del codice sorgente. Nonostante ciò, il software può essere scaricato regolarmente dal sito, dove non c'è alcuna menzione del problema - se non nell'archivio della mailing list "annunci" - per cui gli utenti sono esposti a una vulnerabilità senza esserne consapevoli. Quello che è peggio è che ci sono circa 100 milioni di utenti Windows il cui unico contatto con il software libero è rappresentato dall'installazione di OpenOffice o Apache OpenOffice. Questi utenti non solo non vedono molte innovazioni da quattro anni a questa parte, ma oggi sono addirittura esposti a una vulnerabilità senza che questo fatto venga citato nella pagina di download, per consentirgli di effettuare una scelta consapevole. Qualcosa mi dice che la vulnerabilità è stata nascosta anche agli enti che hanno migrato ad Apache OpenOffice, perché LibreOffice era "sperimentale" e Apache OpenOffice una "garanzia". Il futuro di LibreOffice Fortunatamente, LibreOffice non ha più bisogno di Apache OpenOffice, perché tutto quello di interessante che era stato sviluppato da IBM - la barra laterale e le funzioni di accessibilità - è stato integrato, così come le pochissime funzionalità sviluppate in modo specifico per AOO.

12 Quindi, tutti coloro che - saggiamente - hanno scelto di passare a LibreOffice per gli evidenti vantaggi rispetto a tutte le altre suite per ufficio open source, e per le caratteristiche del progetto - dinamismo, indipendenza, meritocrazia, community governance - possono dormire sonni tranquilli. LibreOffice 5.0, LibreOffice per Android e LibreOffice Online sono alle porte. Questo testo viene rilasciato con licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale per consentirne la diffusione più ampia, pur proteggendo la paternità di tutte le affermazioni.

Open Source e business

Open Source e business Open Source e business I paradigmi attuali e l'esempio di Apache Software Foundation Andrea Pescetti pescetti@apache.org Presentazione Volontario di Free Software Foundation dal 2001 Volontario del progetto

Dettagli

LibreOffice. Corsi Linux 2011

LibreOffice. Corsi Linux 2011 LibreOffice Corsi Linux 2011 Nota bene Queste slide non riguardano come far funzionare LibreOffice, ma in particolarità le funzionalità del programma, la storia e l'installazione del programma LibreOffice

Dettagli

The Document Foundation. Italo Vignoli

The Document Foundation. Italo Vignoli The Document Foundation Italo Vignoli PRO vs CONTRO The Document Foundation e' nata PRO PRO il software libero PRO la liberta' degli utenti PRO la liberta' dei documenti PRO il futuro del SW desktop PRO

Dettagli

The Document Foundation. Italo Vignoli

The Document Foundation. Italo Vignoli The Document Foundation Italo Vignoli PRO vs CONTRO The Document Foundation e' nata PRO PRO il software libero PRO la liberta' degli utenti PRO la liberta' dei documenti PRO il futuro del SW desktop PRO

Dettagli

Software proprietario

Software proprietario Open Source Software proprietario NO Fino a tutti glianni sessanta, anche se in misura decrescente, la componente principale e costosa di un computer era l hardware. Da ciò la scelta dei produttori di

Dettagli

OpenOffice.org 2.0. e i Database. Introduzione all'uso dei Database con

OpenOffice.org 2.0. e i Database. Introduzione all'uso dei Database con OpenOffice.org 2.0 e i Database Introduzione all'uso dei Database con OpenOffice.org 2.0 Versione 0.99 Dicembre 2005 OpenOffice.org 2.0 & i Database - 2005 Filippo Cerulo Soft.Com Sas www.softcombn.com

Dettagli

Il mercato italiano Open Source: domanda e offerta 1

Il mercato italiano Open Source: domanda e offerta 1 Il mercato italiano Open Source: domanda e offerta 1 Oltre il 12% delle aziende italiane usa soluzioni Open Source.(Istat 2007). Sarebbero molte di più se ci fosse una sufficiente diffusione della conoscenza

Dettagli

Definizione di Open Source

Definizione di Open Source L Open Source Definizione di Open Source In informatica, open source (termine inglese che significa sorgente aperta) indica un software i cui autori (più precisamente i detentori dei diritti) ne permettono,

Dettagli

Report: confronto dei 3 cms più usati

Report: confronto dei 3 cms più usati Report: confronto dei 3 cms più usati Inutile girarci attorno, i cms più usati sono tre Wordpress, Joomla e Drupal. Partiamo dalle cose in comune. Tutti e tre sono open source ovvero il codice è libero

Dettagli

LICENZE D'USO E TIPOLOGIE DI SOFTWARE

LICENZE D'USO E TIPOLOGIE DI SOFTWARE LICENZE D'USO E TIPOLOGIE DI SOFTWARE Il software è tutelato dalle leggi sul diritto d'autore, in maniera simile a quanto avviene per le opere letterarie. Il contratto che regola l'uso del software è la

Dettagli

Software Libero. Nicola Asuni

Software Libero. Nicola Asuni Software Libero Nicola Asuni Software "programmi e procedure utilizzati per far eseguire determinati compiti agli elaboratori elettronici (computer) o qualsiasi altro apparato con capacità di elaborazione

Dettagli

Introduzione a OpenOffice.org Mauro Barattin e Massimo Masson, 24 marzo 2011 Www.OpenOffice.org

Introduzione a OpenOffice.org Mauro Barattin e Massimo Masson, 24 marzo 2011 Www.OpenOffice.org Introduzione a OpenOffice.org Mauro Barattin e Massimo Masson, 24 marzo 2011 Www.OpenOffice.org Introduzione a OpenOffice.org Mauro Barattin e Massimo Masson, 24 marzo 2011 Cos'è OpenOffice.org Insieme

Dettagli

Corso: Informatica+ Andrea Cremonini. Lezione del 09/02/2015

Corso: Informatica+ Andrea Cremonini. Lezione del 09/02/2015 Corso: Informatica+ Andrea Cremonini Lezione del 09/02/2015 1 Office Automation 1/2 Con la definizione di Office Automation ci riferiamo a computer e software usati per creare digitalmente, raccogliere,

Dettagli

ERP OPEN SOURCE STATO DELL ARTE PRESENTAZIONE EVENTI 2010

ERP OPEN SOURCE STATO DELL ARTE PRESENTAZIONE EVENTI 2010 ERP OPEN SOURCE STATO DELL ARTE PRESENTAZIONE EVENTI 2010 INTRODUZIONE Open Source, una semplice definizione: Un software si definisce Open Source quando il codice sorgente e le istruzioni interne al programma

Dettagli

Guida all'uso di StarOffice 5.2

Guida all'uso di StarOffice 5.2 Eraldo Bonavitacola Guida all'uso di StarOffice 5.2 Introduzione Dicembre 2001 Copyright 2001 Eraldo Bonavitacola-CODINF CODINF COordinamento Docenti INFormati(ci) Introduzione Pag. 1 INTRODUZIONE COS'È

Dettagli

INTRODUZIONE AL SOFTWARE LIBERO STEFANO IANNUCCI 02/13/12 1

INTRODUZIONE AL SOFTWARE LIBERO STEFANO IANNUCCI 02/13/12 1 INTRODUZIONE AL SOFTWARE LIBERO STEFANO IANNUCCI 02/13/12 1 Agenda Introduzione: limiti del software proprietario Definizione di software libero Vantaggi del software libero Per end-user (persone, aziende)

Dettagli

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0)

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) E necessario rispondere a tutte le domande riportate di seguito, selezionando la risposta ritenuta migliore o quella che meglio descrive

Dettagli

Brevetti Software. Come abbiamo sconfitto i brevettatori di software. Storia di una legge che poteva potrà diventare realtà. Parma, 26 Novembre 2005

Brevetti Software. Come abbiamo sconfitto i brevettatori di software. Storia di una legge che poteva potrà diventare realtà. Parma, 26 Novembre 2005 Brevetti Software Come abbiamo sconfitto i brevettatori di software Andrea Scrimieri a.scrimieri@xnet solutions.it Storia di una legge che poteva potrà diventare realtà Parma, 26 Novembre 2005 Disclaimer

Dettagli

Utilizzare QuizFaber. liberamente tratto dal sito di Luca Galli, ideatore di QuizFaber. Vincenzo Storace

Utilizzare QuizFaber. liberamente tratto dal sito di Luca Galli, ideatore di QuizFaber. Vincenzo Storace Utilizzare QuizFaber liberamente tratto dal sito di Luca Galli, ideatore di QuizFaber Vincenzo Storace Anno 2011 Sommario Prima di iniziare (Installazione)... 3 La finestra principale del programma...

Dettagli

Capitolo 1 Introduzione a Gambas

Capitolo 1 Introduzione a Gambas Capitolo 1 Introduzione a Gambas Gambas è stato creato inizialmente da Benoit Minisini, un residente della periferia di Parigi. Secondo Benoit, Gambas è un linguaggio Basic con estensioni per la programmazione

Dettagli

in collaborazione con l'università degli studi di Bergamo Facoltà d'ingegneria presenta:

in collaborazione con l'università degli studi di Bergamo Facoltà d'ingegneria presenta: in collaborazione con l'università degli studi di Bergamo Facoltà d'ingegneria presenta: OpenOffice.org Relatore: Antonio Milesi La suite Office Open Source Cosa è OpenOffice.org? Da Star Division a OpenOffice.org

Dettagli

Interoperabilità dei Documenti Digitali e Libertà degli Utenti

Interoperabilità dei Documenti Digitali e Libertà degli Utenti Interoperabilità dei Documenti Digitali e Libertà degli Utenti L'esigenza dell'interoperabilità Il problema dell'interoperabilità dei documenti digitali è nato con l'ingresso del personal computer in azienda,

Dettagli

Le fondamenta di qualsiasi attività commerciale (online e offline)

Le fondamenta di qualsiasi attività commerciale (online e offline) Seminario gratuito in 5 lezioni: Scopri cos'è e come funziona Google AdWords, lo strumento più efficace per farti trovare 24 ore su 24 da potenziali clienti interessati ad acquistare i tuoi prodotti e

Dettagli

giovaniconsumatori.it

giovaniconsumatori.it giovaniconsumatori.it IL PERCORSO yes project Young E-Safe Project? progetto europeo del 2003! creare un network della conoscenza (scuola elettronica del consumo), capace di favorire iniziative informative

Dettagli

IBM Lotus Connections 2.0 offre software sociale per imprese

IBM Lotus Connections 2.0 offre software sociale per imprese Annuncio IBM Europe Software ZP08-0277, 10 giugno 2008 IBM Lotus Connections 2.0 offre software sociale per imprese Indice In sintesi Panoramica Descrizione In sintesi Informazioni di riferimento Disponibilità

Dettagli

ALTRA ECONOMIA. Le licenze nel software. di virtualmondo. terza parte del seminario sul software libero. per contatti luciano@aniene.

ALTRA ECONOMIA. Le licenze nel software. di virtualmondo. terza parte del seminario sul software libero. per contatti luciano@aniene. ALTRA ECONOMIA Le licenze nel software di virtualmondo terza parte del seminario sul software libero per contatti luciano@aniene.net Le licenze L'utilizzo del software può essere concesso gratuitamente

Dettagli

Software Libero e GNU/Linux

Software Libero e GNU/Linux Corso introduttivo a GNU/Linux Padova Software Libero e GNU/Linux Gianluca Moro Faber Libertatis Associazione di Promozione Sociale Faber Libertatis - http://faberlibertatis.org/ Linux che cos'è? Linux

Dettagli

OPEN SOURCE CLOSED SOURCE

OPEN SOURCE CLOSED SOURCE OPEN SOURCE CLOSED SOURCE VS Con questi due termini si intendono due strategie di distribuzione software. Questi due modelli si differenziano per le modalità di: REALIZZAZIONE DISTRIBUZIONE MANUTENZIONE

Dettagli

OpenOffice.org 2.0. e i Database. Introduzione all'uso dei Database con

OpenOffice.org 2.0. e i Database. Introduzione all'uso dei Database con OpenOffice.org 2.0 e i Database Introduzione all'uso dei Database con OpenOffice.org 2.0 Versione 0.99 Dicembre 2005 OpenOffice.org 2.0 & i Database - 2005 Filippo Cerulo Soft.Com Sas www.softcombn.com

Dettagli

Le licenze The cathedral and the bazaar Il mercato Open Source l'open Source come soluzione aziendale

Le licenze The cathedral and the bazaar Il mercato Open Source l'open Source come soluzione aziendale L'OPEN SOURCE COME MODELLO AZIENDALE Le licenze The cathedral and the bazaar Il mercato Open Source l'open Source come soluzione aziendale LE LICENZE La licenza Libera più conosciuta è la GNU General Public

Dettagli

Policy sulla concorrenza leale

Policy sulla concorrenza leale Policy sulla concorrenza leale Policy globali Novartis 1 settembre 2014 Versione FC 001.V1.IT 1. Introduzione 1.1 Scopo Ci impegniamo a esercitare una concorrenza libera e leale e a non violare le leggi

Dettagli

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti 10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti Nel 2013 hanno chiuso in Italia oltre 50.000 aziende, con un aumento di oltre

Dettagli

LE PORTE DELL ACCESSO. iniziativa realizzata nell ambito delle attività di promozione del CSV Napoli

LE PORTE DELL ACCESSO. iniziativa realizzata nell ambito delle attività di promozione del CSV Napoli LE PORTE DELL ACCESSO iniziativa realizzata nell ambito delle attività di promozione del CSV Napoli Le porte dell accesso incontri seminariali per costruire strumenti di inclusione informatica e di contrasto

Dettagli

MINIGUIDA PER RISORSE SU CLASH OF CLANS

MINIGUIDA PER RISORSE SU CLASH OF CLANS MINIGUIDA PER RISORSE SU CLASH OF CLANS Visto che le richieste in chat sono sempre maggiori ed è difficile riassumere in poche righe il sistema che utilizzo per fare risorse in poco tempo, ho pensato che

Dettagli

LugSaronno. Linux day a Saronno. 22 ottobre 2011. I.C.S. Aldo Moro - Saronno

LugSaronno. Linux day a Saronno. 22 ottobre 2011. I.C.S. Aldo Moro - Saronno LugSaronno Linux day a Saronno 22 ottobre 2011 I.C.S. Aldo Moro - Saronno Cosa è il software libero Libertà di eseguire il programma per qualsiasi scopo ( libertà 0 ) Libertà di studiare il programma e

Dettagli

Suite OpenOffice. Introduzione a

Suite OpenOffice. Introduzione a Suite OpenOffice Introduzione a Cosa è OpenOffice.org? OpenOffice.org è una suite per ufficio composta da: elaboratore di testi foglio di calcolo creatore di presentazioni gestore di basi di dati Writer

Dettagli

Compensation Plan Ufficiale per gli Affiliati ad Empower Network

Compensation Plan Ufficiale per gli Affiliati ad Empower Network Compensation Plan Ufficiale per gli Affiliati ad Empower Network Empower Network e nato con due obiettivi: 1. formazione e mettendoti in mano un sistema che lavora direttamente con la, aiutandoti ad ottenere

Dettagli

Benvenuti nella guida completa a PHP5 e MySQL!

Benvenuti nella guida completa a PHP5 e MySQL! Introduzione Benvenuti nella guida completa a PHP5 e MySQL! Gli autori di questo libro, sebbene ammettano di essere di parte, ritengono che il linguaggio di scripting Web PHP possa essere considerato il

Dettagli

L INNOVAZIONE TECNOLOGICA E L OPEN SOURCE AL SERVIZIO DELLA PA INAIL CONSULENZA PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA Alessandro Simonetta Guido Borsetti

L INNOVAZIONE TECNOLOGICA E L OPEN SOURCE AL SERVIZIO DELLA PA INAIL CONSULENZA PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA Alessandro Simonetta Guido Borsetti L INNOVAZIONE TECNOLOGICA E L OPEN SOURCE AL SERVIZIO DELLA PA INAIL CONSULENZA PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA Alessandro Simonetta Guido Borsetti Premessa Il rapporto tra open source e innovazione è un

Dettagli

Fare software nel 2008: l Open Source e il ruolo delle imprese

Fare software nel 2008: l Open Source e il ruolo delle imprese Dipartimento di Elettronica e Informazione Fare software nel 2008: l Open Source e il ruolo delle imprese Eugenio Capra eugenio.capra@polimi.it IBM Softwareland, Monza, 18 settembre 2008 Cos è l Open Source?

Dettagli

Open Source. Sommaruga Andrea Guido. Collegio dei Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Monza e Brianza. Nov 2009

Open Source. Sommaruga Andrea Guido. Collegio dei Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Monza e Brianza. Nov 2009 http://sommaruga.stnet.net 1 Open Source Sommaruga Andrea Guido Collegio dei Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Monza e Brianza http://sommaruga.stnet.net 2 3 http://sommaruga.stnet.net 3

Dettagli

Tutorial Creative Commons

Tutorial Creative Commons Tutorial Creative Commons Fare musica è molto divertente, ma lo è ancora di più se potete farlo con altre persone - ed è qui che interviene il progetto OpenSounds. OpenSounds vi consente di produrre musica

Dettagli

Il software. E' una serie di istruzioni eseguite dal PC.

Il software. E' una serie di istruzioni eseguite dal PC. Corso "Software Open Source per il commercio elettronico Modulo: Applicazioni di ecommerce L'OPEN SOURCE Il software E' una serie di istruzioni eseguite dal PC. I programmatori Sono degli informatici che

Dettagli

LeggiXme. Installazione Il programma richiede che nel computer sia installato il Framework 3.5, una raccolta di librerie Microsoft di libero utilizzo.

LeggiXme. Installazione Il programma richiede che nel computer sia installato il Framework 3.5, una raccolta di librerie Microsoft di libero utilizzo. LeggiXme Installazione Il programma richiede che nel computer sia installato il Framework 3.5, una raccolta di librerie Microsoft di libero utilizzo. Il programma può funzionare anche se è installato solo

Dettagli

Corso base GNU/Linux 2014. Latina Linux Group. Sito web: www.llg.it. Mailing list:http://lists.linux.it/listinfo/latina

Corso base GNU/Linux 2014. Latina Linux Group. Sito web: www.llg.it. Mailing list:http://lists.linux.it/listinfo/latina Corso base GNU/Linux 2014 Latina Linux Group Sito web: www.llg.it Mailing list:http://lists.linux.it/listinfo/latina 1 / 34 Obiettivi di questo incontro Fornire delle informazioni di base sul funzionamento

Dettagli

PHP e MySQL entrano a scuola. caso di adozione di software libero in un istituto tecnico commerciale programmatori

PHP e MySQL entrano a scuola. caso di adozione di software libero in un istituto tecnico commerciale programmatori PHP e MySQL entrano a scuola caso di adozione di software libero in un istituto tecnico commerciale programmatori Chi siamo Siamo un gruppo di insegnanti di informatica e di esercitazioni di informatica

Dettagli

NON FARSI FREGARE DA PRESUNTI WEB DESIGNER. La prima guida in Italia per chi vuole evitare fregature

NON FARSI FREGARE DA PRESUNTI WEB DESIGNER. La prima guida in Italia per chi vuole evitare fregature NON FARSI FREGARE DA PRESUNTI WEB DESIGNER La prima guida in Italia per chi vuole evitare fregature Fedeweb http://www.fedeweb..net 1 Questo ebook e distribuito sotto licenza Creative Commons: Attribuzione-Non

Dettagli

FORSETI BLOG. Readcast. Ottobre 2013 Speciale Linux Day. http://blog.forseti.it/

FORSETI BLOG. Readcast. Ottobre 2013 Speciale Linux Day. http://blog.forseti.it/ FORSETI BLOG Readcast Ottobre 2013 Speciale Linux Day http://blog.forseti.it/ Indice di Denis Turrina 3 Forseti Blog - Ottobre 2013 3 di Denis Turrina Denis Turrina Dottore in Sicurezza dei Sistemi e delle

Dettagli

Introduzione al Software Libero e a GNU/Linux

Introduzione al Software Libero e a GNU/Linux Introduzione al Software Libero e a GNU/Linux Enrico Albertini 1 Di cosa stiamo parlando? L'hardware è la parte del computer che possiamo toccare, ciò che è composto da atomi. Il software, invece, è una

Dettagli

I Costi Occulti della Migrazione dei Dati

I Costi Occulti della Migrazione dei Dati I Costi Occulti della Migrazione dei Dati Brett Callow Copyright Acronis, Inc., 2000 2008 Quando si sostituiscono o consolidano i sistemi e si incontrano esigenze in continua crescita rispetto alle capacità,

Dettagli

Secondo la Free Software Foundation, un software si può definire libero solo se garantisce quattro "libertà fondamentali":

Secondo la Free Software Foundation, un software si può definire libero solo se garantisce quattro libertà fondamentali: OPEN SOFTWARE Tecnicamente, Open Source significa a codice sorgente aperto. La maggior parte dei programmi sono infatti scritti in linguaggi (più o meno) leggibili dagli umani, quali il C, C++, C#, ecc.;

Dettagli

Materiale informativo per i soci

Materiale informativo per i soci Materiale informativo per i soci dell'associazione Culturale ACROS Premessa sul Software Libero e Open Source Il concetto di software libero si può ritenere strettamente legato a quello di libero scambio

Dettagli

I Server. Andrea Sommaruga: I server e le OSC (12:15-13:00) I Sistemi Operativi alternativi: Distribuzioni Linux,

I Server. Andrea Sommaruga: I server e le OSC (12:15-13:00) I Sistemi Operativi alternativi: Distribuzioni Linux, I Server Andrea Sommaruga: I server e le OSC (12:15-13:00) I Sistemi Operativi alternativi: Distribuzioni Linux, FreeBSD, ecc. Apache / Tomcat / Jakarta / Samba e l'accesso a Windows Antivirus, firewall,

Dettagli

Simone Aliprandi IL LICENSING DI DATI E LE PRINCIPALI LICENZE OPEN DATA

Simone Aliprandi IL LICENSING DI DATI E LE PRINCIPALI LICENZE OPEN DATA www.copyleft-italia.it www.aliprandi.org www.array.eu Simone Aliprandi IL LICENSING DI DATI E LE PRINCIPALI LICENZE OPEN DATA qualche informazione su di me Copyleft-Italia: www.copyleft-italia.it Array

Dettagli

Problemi Organizzativi e di Project Management

Problemi Organizzativi e di Project Management Open Source: La Migrazione Andrea Sommaruga: Come migrare (10:45-11:15) Problemi Organizzativi e di Project Management Vincoli Sistemistici Necessità di interventi formativi Programmi e formati di conversione

Dettagli

Italo Vignoli. come le pubbliche amministrazioni possono migrare a Libre Office e allo standard ODF

Italo Vignoli. come le pubbliche amministrazioni possono migrare a Libre Office e allo standard ODF Italo Vignoli come le pubbliche amministrazioni possono migrare a Libre Office e allo standard ODF Testo dell Art. 68 del CAD 1. Le pubbliche amministrazioni acquisiscono programmi informatici o parti

Dettagli

Costruzione della Comunità DoQui Marco Curci Innova Puglia

Costruzione della Comunità DoQui Marco Curci Innova Puglia Costruzione della Comunità DoQui Marco Curci Innova Puglia 1 Costruzione della Comunità DoQui Indice dei Contenuti principi, regole e modelli organizzativi licensing del software open source nella PA opportunità,,

Dettagli

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI SPECIAL REPORT I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI Come assicurarti soldi e posto di lavoro nel bel mezzo della crisi economica. www.advisortelefonica.it Complimenti! Se stai leggendo

Dettagli

L Open Source un mondo che forse dovresti conoscere? Viaggio alla scoperta dell open source e le sue caratteristiche.

L Open Source un mondo che forse dovresti conoscere? Viaggio alla scoperta dell open source e le sue caratteristiche. L Open Source un mondo che forse dovresti conoscere? Viaggio alla scoperta dell open source e le sue caratteristiche. Le licenze Cosa è la licenza? licenza o contratto d'uso è il contratto con il quale

Dettagli

L interfaccia di P.P.07

L interfaccia di P.P.07 1 L interfaccia di P.P.07 Barra Multifunzione Anteprima delle slide Corpo della Slide Qui sotto vediamo la barra multifunzione della scheda Home. Ogni barra è divisa in sezioni: la barra Home ha le sezioni

Dettagli

2.0: Facebook per dialogare con i clienti e promuovere un territorio. A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.

2.0: Facebook per dialogare con i clienti e promuovere un territorio. A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara. 2.0: Facebook per dialogare con i clienti e promuovere un territorio A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Novembre 2015 Dal Web 1.0 al Web 2.0 WEB 1.0 USO LA RETE WEB 2.0 SONO IN RETE WEB

Dettagli

IBM Software. Intersettoriale. IBM Blueworks Live. Snellire, documentare ed eseguire facilmente i processi nel cloud

IBM Software. Intersettoriale. IBM Blueworks Live. Snellire, documentare ed eseguire facilmente i processi nel cloud IBM Software Intersettoriale IBM Blueworks Live Snellire, documentare ed eseguire facilmente i processi nel cloud 2 IBM Blueworks Live Punti salienti Documentare - Scoprire, modellare e documentare processi

Dettagli

Introduzione al Software Libero 1

Introduzione al Software Libero 1 Introduzione al Software Libero 1 Roberto Di Cosmo Università di Parigi 7 & INRIA Roquencourt http://www.dicosmo.org Parma, 15 Aprile 2003 Qualche definizione 2 Freeware software gratuito Shareware software

Dettagli

OPEN SOURCE. Concetti chiave e implicazioni per le scelte aziendali (fornitori e utenti)

OPEN SOURCE. Concetti chiave e implicazioni per le scelte aziendali (fornitori e utenti) OPEN SOURCE Concetti chiave e implicazioni per le scelte aziendali (fornitori e utenti) OBIETTIVI Cosa sono i sw open source? Cosa li distingue dai sofware non open? Quali implicazioni per: I professionisti

Dettagli

Long tail e SEO, il grande equivoco

Long tail e SEO, il grande equivoco Long tail e SEO, il grande equivoco Di Articolo originale: The Great Misconception of Long-Tail Keywords and SEO http://www.highrankings.com/long-tail-keywords-292 20 ottobre 2010 Mentre scrivo, sono appena

Dettagli

Applicazioni mobile Perchè investire e quali tecnologie usare

Applicazioni mobile Perchè investire e quali tecnologie usare GIANLUCA VAGLIO Applicazioni mobile Perchè investire e quali tecnologie usare 2010 Gianluca Vaglio www.gianlucavaglio.net Avvertenze legali AVVERTENZE LEGALI Copyright 2010 Gianluca Vaglio. La presente

Dettagli

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet!

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! Analisi delle problematiche più comuni di un investimento sul web con evidenziazione dei principali fattori di fallimento

Dettagli

ECDL. Giovanni Franza

ECDL. Giovanni Franza Giovanni Franza Lo scenario Necessità di conoscenze di informatica applicata Riferimento il saper fare, in maniera informata. Fattore di crescita professionale per la persona. Utilità per l'interlocutore

Dettagli

La via cinese alle riforme neoliberiste

La via cinese alle riforme neoliberiste Wan Zhe La via cinese alle riforme neoliberiste 50 Aspenia 73 2016 La Cina sta aggiornando il proprio modello di sviluppo con l adattamento delle teorie economiche neoliberiste la supply side economics

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

Normativa sui Cookie cosa dice la legge, come adeguarsi e quali siti lo devono fare

Normativa sui Cookie cosa dice la legge, come adeguarsi e quali siti lo devono fare Normativa sui Cookie cosa dice la legge, come adeguarsi e quali siti lo devono fare Nella giornata del 3 giugno 2015 è entrata in vigore in Italia la tanto discussa cookie law conformemente a quanto stabilito

Dettagli

OpenOffice.org Come rendersi indipendenti da MS Office

OpenOffice.org Come rendersi indipendenti da MS Office Pisa - 21/01/2010 Seminari Liberi del GULP OpenOffice.org Come rendersi indipendenti da MS Office Nicola Corti & Alessandra Santi Una strana pubblicità Io sono il nuovo computer che state per acquistare.

Dettagli

SpesaModerna Per ANDROID

SpesaModerna Per ANDROID SpesaModerna Per ANDROID Presentazione Questo manuale vuole essere un punto di inizio per l'utilizzo dell'applicazione Spesamoderna.it per Smartphone e tablet con sistema operativo Android. L'applicazione,

Dettagli

Migrazione delle soluzioni SAP. a Linux? I tre passaggi per una strategia di successo. Indice dei contenuti

Migrazione delle soluzioni SAP. a Linux? I tre passaggi per una strategia di successo. Indice dei contenuti Migrazione delle soluzioni SAP a Linux? I tre passaggi per una strategia di successo Indice dei contenuti 1. Comprendere a fondo le opzioni Linux a disposizione.................... 2 2. Creare un business

Dettagli

Infrastrutture spaziali ed Open Source: nuove sfide per la Pubblica Amministrazione. Maurizio Trevisani

Infrastrutture spaziali ed Open Source: nuove sfide per la Pubblica Amministrazione. Maurizio Trevisani Infrastrutture spaziali ed Open Source: nuove sfide per la Pubblica Amministrazione Maurizio Trevisani Gli obiettivi della Pubblica Amministrazione Programmare, pianificare, gestire: nel modo migliore,sulla

Dettagli

IBM Intelligent Operations Center for Cloud ottimizza la gestione delle città grazie a un modello Software-as-a-Service

IBM Intelligent Operations Center for Cloud ottimizza la gestione delle città grazie a un modello Software-as-a-Service ZP11-0355, 26 luglio 2011 IBM Intelligent Operations Center for Cloud ottimizza la gestione delle città grazie a un modello Software-as-a-Service Indice 1 Panoramica 3 Descrizione 2 Prerequisiti fondamentali

Dettagli

Ruth P. Stevens LEAD GENERATION. Generare nuovi contatti commerciali con strumenti d avanguardia

Ruth P. Stevens LEAD GENERATION. Generare nuovi contatti commerciali con strumenti d avanguardia Ruth P. Stevens LEAD GENERATION Generare nuovi contatti commerciali con strumenti d avanguardia Sommario L autrice, ringraziamenti...ix Capitolo 1 Introduzione alla lead generation... 1 Definiamo i termini:

Dettagli

Come appassionato di informatica da quasi 30 anni, non ho mai dimenticato le difficoltà iniziali che si incontrano quando si vuole iniziare a capire

Come appassionato di informatica da quasi 30 anni, non ho mai dimenticato le difficoltà iniziali che si incontrano quando si vuole iniziare a capire Introduzione ix Come appassionato di informatica da quasi 30 anni, non ho mai dimenticato le difficoltà iniziali che si incontrano quando si vuole iniziare a capire come si usa un computer. All'epoca in

Dettagli

Autopromozione Clinica sul Web

Autopromozione Clinica sul Web Autopromozione Clinica sul Web Corso on-line Free - Progetto Open-Psy www.humantrainer.com Il primo sito web che sponsorizza corsi free per Psicologi Professionisti Lezione N 1 Dicembre 2002 Programma

Dettagli

Open Source: quali software utilizzare nella PA

Open Source: quali software utilizzare nella PA Webinar FormezPA 8 giugno 2011 Open Source: quali software utilizzare nella PA Mauro Murgioni mmurgioni@formez.it ? Codice sorgente #include main() { printf( "Hello, world" ); } Disclaimer Questa

Dettagli

Come fare a leggere questi dati generati da un programma windows?

Come fare a leggere questi dati generati da un programma windows? Come fare a leggere questi dati generati da un programma windows? A questo punto siamo in possesso di tutti gli elementi per sfruttare appieno le potenzialità di Linux: sappiamo destreggiarci (mai abbastanza)

Dettagli

Le licenze d uso. Le principali tipologie di licenze

Le licenze d uso. Le principali tipologie di licenze Le licenze d uso La legge 633/41 attribuisce in via esclusiva all autore dell opera software tutti i diritti derivanti dall opera stessa, e vieta e punisce ogni abuso che leda questi diritti esclusivi.

Dettagli

Architetture Applicative

Architetture Applicative Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 6 Marzo 2012 Architetture Architetture Applicative Introduzione Alcuni esempi di Architetture Applicative Architetture con più Applicazioni Architetture

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor

Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor Estratto dal progetto Foundations for Work per gentile concessione di DiversityWorks (Progetto n. 2012-1-GB2-LEO05-08201) Introduzione Perché

Dettagli

IlohaMail. Manuale Utente. a cura di andrea sommaruga Progetto di Documentazione IlohaMail

IlohaMail. Manuale Utente. a cura di andrea sommaruga Progetto di Documentazione IlohaMail IlohaMail Manuale Utente a cura di andrea sommaruga Progetto di Documentazione IlohaMail Versione 1 Indice 1 Per cominciare... 2 1.1 Introduzione... 2 1.2 La Login...2 1.3 La personalizzazione...3 1.4

Dettagli

LORENZO DE SANTIS E-COMMERCE DA ZERO A CENTO

LORENZO DE SANTIS E-COMMERCE DA ZERO A CENTO LORENZO DE SANTIS E-COMMERCE DA ZERO A CENTO Metodi per Creare da Zero un Sito Web per il Tuo Business Online 2 Titolo E-COMMERCE DA ZERO A CENTO Autore Lorenzo De Santis Editore Bruno Editore Sito internet

Dettagli

Open Source Solutions per le Aziende e la Pubblica Aministrazione

Open Source Solutions per le Aziende e la Pubblica Aministrazione Open Source Solutions per le Aziende e la Pubblica Aministrazione cura di nizan natural interfacing zone with alternative network [nizan] natural interfacing zone with alternative networks via Marconi,14

Dettagli

Euro Stoxx 50 (indice)

Euro Stoxx 50 (indice) Euro Stoxx 50 (indice) AGGIORNAMENTO del 27 novembre 2011 Trimestrale Considerata l elevata escursione settimanale del prezzo diamo uno sguardo ai percorsi trimestrali. 10 8 6 L aspetto è veramente preoccupante,

Dettagli

Linux e Open Source: Libero! Non "gratis"...

Linux e Open Source: Libero! Non gratis... Linux e Open Source: Libero! Non "gratis"... Di Colucci Martino. 1 Cos'è Linux Linux è un sistema operativo alternativo al più blasonato Windows OS (o al cugino Macintosh) È parente stretto della famiglia

Dettagli

''I 5 Passi per Dupplicare il modo di fare Network Marketing'' ---> 5) lezione: ''Come Ottimizzare la tua Presenza in facebook e nei Gruppi''

''I 5 Passi per Dupplicare il modo di fare Network Marketing'' ---> 5) lezione: ''Come Ottimizzare la tua Presenza in facebook e nei Gruppi'' J.AThePowerOfSponsorship Di Giuseppe Angioletti http://www.segretidei7uero.altervista.org ''I 5 Passi per Dupplicare il modo di fare Network Marketing'' ---> 5) lezione: ''Come Ottimizzare la tua Presenza

Dettagli

Evoluzione di Internet, licenze e diritti Software

Evoluzione di Internet, licenze e diritti Software Evoluzione di Internet, licenze e diritti Software A cura di Marziana Monfardini Licenze e diritti software La tutela del software Copyright e diritto d autore Legge 633/41 Articolo 2 Sono protetti i programmi

Dettagli

Configurare e Gestire le ACLs in oneye 0.8

Configurare e Gestire le ACLs in oneye 0.8 Configurare e Gestire le ACLs in oneye 0.8 Ti stai chiedendo come funzionano in Controlli di Accesso in oneye, ma non sai come utilizzarli? Continua a leggere. In questa guida, mostrerò come sia possibile

Dettagli

interscambio di documenti

interscambio di documenti interscambio di documenti GLI ARCHIVI INFORMATICI: PROBLEMATICHE DI INTEGRITA' NEL TEMPO Fondazione dell'ordine degli Ingegneri della Provincia di Milano Commissione per l'ingegneria dell'informazione

Dettagli

www.novell.it Domande frequenti per i partner WorkloadIQ Domande frequenti 17 agosto 2010

www.novell.it Domande frequenti per i partner WorkloadIQ Domande frequenti 17 agosto 2010 Domande frequenti per i partner www.novell.it WorkloadIQ Domande frequenti 17 agosto 2010 C h e c o s ' è i l m e r c a t o d e l l ' I n t e l l i g e n t W o r k l o a d M a n a g e m e n t? Il mercato

Dettagli

MediaWiki. Giuseppe Frisoni

MediaWiki. Giuseppe Frisoni MediaWiki Giuseppe Frisoni MediaWiki: costruire insieme 1/2 L'enorme successo di Wikipedia, la nota enciclopedia online, è sotto gli occhi di tutti; cosa meno nota, invece, è la piattaforma con cui è progettata.

Dettagli

OpenOffice.org 2.0. e i Database. Introduzione all'uso dei Database con

OpenOffice.org 2.0. e i Database. Introduzione all'uso dei Database con OpenOffice.org 2.0 e i Database Introduzione all'uso dei Database con OpenOffice.org 2.0 Versione 0.99 Dicembre 2005 OpenOffice.org 2.0 & i Database - 2005 Filippo Cerulo Soft.Com Sas www.softcombn.com

Dettagli

Le licenze Creative Commons Alcuni diritti riservati

Le licenze Creative Commons Alcuni diritti riservati Le licenze Creative Commons Alcuni diritti riservati Progetto Open Class 2.0 8 novembre 2012 Federico Morando Questa presentazione è rilasciata con licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo

Dettagli