Le disposizioni a tutela del consumatore

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le disposizioni a tutela del consumatore"

Transcript

1 Le disposizioni a tutela del consumatore 1

2 L IVASS (ex ISVAP) Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo 2

3 IVASS Natura e funzioni Inquadramento istituzionale E una Autorità indipendente, istituita con legge con il compito di vigilare: sulle imprese di assicurazione e di riassicurazione operanti in Italia; sui gruppi assicurativi e sui conglomerati finanziari comprendenti imprese di assicurazione e di riassicurazione; sugli intermediari di assicurazione e di riassicurazione; sui periti di assicurazione; su ogni altro operatore del mercato assicurativo. 3

4 IVASS Natura e funzioni Funzioni Sono previste dalla legge, che assegna all Istituto i seguenti poteri: concedere autorizzazioni; emanare regolamenti e provvedimenti prescrittivi; gestire il registro degli agenti, dei broker e dei periti di assicurazione; ricevere reclami nei confronti di tutti gli operatori del mercato; compiere accertamenti anche attraverso ispezioni; adottare provvedimenti cautelari e repressivi; irrogare sanzioni. 4

5 IVASS Natura e funzioni Funzioni (segue) L Istituto svolge inoltre le seguenti attività: emana raccomandazioni e disposizioni per la sana e prudente gestione del mercato e la correttezza dei comportamenti dei soggetti vigilati; impartisce disposizioni volte a promuovere la protezione del consumatore; sviluppa le conoscenze del mercato assicurativo attraverso indagini statistiche ed economiche; promuove forme di collaborazione con le Autorità di vigilanza degli altri Stati membri della Comunità europea per meglio perseguire i fini istituzionali. 5

6 L intermediazione assicurativa dei subagenti, dei produttori e dei dipendenti dei collaboratori nei rami danni Requisiti e obblighi 6

7 L intermediazione assicurativa Requisiti L esercizio dell intermediazione assicurativa dei soggetti suindicati, è consentita fuori dai locali del soggetto per il quale essi operano (mediatori e agenti di assicurazione, banche, imprese di assicurazione) a condizione: che essi siano iscritti a cura dei loro preponenti nell apposita sezione del registro degli intermediari tenuto dall Isvap; che posseggano il godimento dei diritti civili ed i requisiti di onorabilità stabiliti dalla legge (art. 110, comma 1, Cod.Ass.), condizione richiesta anche per l intermediazione svolta all interno dei locali; che abbiano conseguito una formazione professionale adeguata all attività svolta (possesso di attestato), condizione richiesta anche per l intermediazione svolta all interno dei locali. 7

8 L intermediazione assicurativa Obblighi Attualmente gli obblighi a carico degli intermediari suindicati emergono dalla Direttiva 2002/92/CE, dalla Circolare 533/D/2004 dell Isvap e dagli artt. da 117 a 121 del Codice delle Assicurazioni e si distinguono in obblighi relativi alla persona dell intermediario ed obblighi relativi al contratto. Obblighi relativi alla persona dell intermediario Tali obblighi principalmente consistono nell indicare al consumatore: la propria identità ed il proprio indirizzo; il registro nel quale è iscritto ed i mezzi per verificarne l iscrizione; le procedure per presentare ricorso contro l intermediario stesso e quelle per risolvere stragiudizialmente le controversie. 8

9 L intermediazione assicurativa Obblighi relativi al contratto L intermediario (in questo caso inteso come collaboratore dell Agente, Subagente, Produttore, ecc.) deve specificare al cliente, prima della conclusione del contratto: che agisce per conto dell Agente, che a sua volta ripete l incarico da una o più compagnie (da indicare), alle quali è contrattualmente legato In ogni caso, l intermediario, anche in base alle informazioni fornite dal contraente: propone e consiglia un prodotto adeguato alle sue esigenze; previamente illustrandone le caratteristiche essenziali e le prestazioni alle quali è obbligata la Compagnia. 9

10 L intermediazione assicurativa Obblighi relativi all incasso dei premi Obblighi relativi all incasso dei premi L incasso dei premi deve avvenire: o tramite versamento su conto corrente separato, intestato al preponente dell intermediario (impresa di assicurazioni, agente, mediatore) o intestato allo stesso intermediario nella sua qualità di subagente, di produttore, di collaboratore dell agenzia generale o del mediatore; o tramite assegno bancario intestato all intermediario (subagente, produttore o collaboratore), o in contanti, che dovranno essere tempestivamente versati sul conto corrente separato come sopra intestato. 10

11 La struttura della Circolare ISVAP 551/D

12 La struttura della Circolare ISVAP 551/D 1. Informativa per i contraenti Informativa precontrattuale Informativa in corso di contratto 2. Disposizioni specifiche 3. Adeguatezza dell offerta assicurativa e conflitti di interesse 4. Fusione tra gestioni separate e fondi interni 5. Disposizioni finali e abrogazioni L ISVAP ha ricalcato la logica prevista per i prodotti finanziari percorrendo modalità proprie 12

13 La struttura della Circolare ISVAP 551/D 1. Informativa per i contraenti Informativa precontrattuale Informativa in corso di contratto 2. Disposizioni specifiche 3. Adeguatezza dell offerta assicurativa e conflitti di interesse 4. Fusione tra gestioni separate e fondi interni 5. Disposizioni finali e abrogazioni 13

14 I. Informativa per i contraenti - Informativa precontrattuale - 14

15 Informativa precontrattuale Prima della sottoscrizione di una proposta/polizza di assicurazione sulla vita gli intermediari assicurativi devono consegnare, al potenziale contraente, un Fascicolo informativo. Il Fascicolo informativo possiede determinate caratteristiche 15

16 Fascicolo informativo -Caratteristiche generali- Art. 2 Informativa precontrattuale Documenti numerati con indicazione del numero totale delle pagine Data ultimo aggiornamento dei dati Copertina Denominazione, logo, simbolo della società e del gruppo di appartenenza Intestazione con tipologia di contratto e nome commerciale Frase in grassetto Il presente Fascicolo informativo, contenente Scheda sintetica, Nota informativa, Condizioni di assicurazione, Glossario e Modulo di proposta/polizza, deve essere consegnato al contraente prima della sottoscrizione della proposta di assicurazione Avvertenza in grassetto Prima della sottoscrizione leggere attentamente la Scheda Sintetica e la Nota informativa Contratti in forma collettiva: previsione contrattuale disciplinante obblighi e modalità di consegna delle condizioni di polizza 16

17 Fascicolo informativo -Criteri di redazione- Art. 3 Informativa precontrattuale Uso di espressioni chiare e sintetiche con le prestazioni offerte, le garanzie e gli eventuali rischi finanziari a carico del contraente Caratteri di stampa non inferiori a 11 e accorgimenti grafici per rendere agevole la lettura (circolare n.249/95 recitava: [..] dovrà essere cura dell impresa utilizzare caratteri di stampa che, per dimensione, consentano un agevole lettura delle singole informazioni) Evidenza delle clausole che prevedono rischi, limitazioni, oneri e scadenze a carico del contraente e delle Avvertenze Coerenza delle informazioni e delle clausole Uso dei termini garanzia e garantito solo con riferimento ai contratti per i quali l impresa presta direttamente la garanzia finanziaria Uso del termine capitale protetto solo nei contratti per i quali è prevista l adozione di particolari tecniche di gestione che mirano a minimizzare la possibilità di perdita del capitale investito 17

18 Fascicolo informativo -Documenti- Art. 2 Informativa precontrattuale Aggiornati entro il 31/3 di ogni anno* Scheda sintetica Nota informativa Novità assoluta Innovazioni Condizioni di assicurazione Glossario Modulo di proposta/polizza * In caso di modifiche antecedenti a tale termine: integrazione dei documenti in circolazione e pubblicazione della notizia sul sito internet 18

19 Scheda sintetica -Caratteristiche generali- Art. 6 Informativa precontrattuale Nel caso di polizze consistenti nell abbinamento di diverse tipologie contrattuali la Scheda Sintetica contiene gli schemi delle diverse tipologie contrattuali Indica il tasso di rendimento da usare per la determinazione del Costo percentuale medio annuo : individuato dall Istituto che provvede, se necessario, al relativo aggiornamento. In fase di prima applicazione è fissato nella misura del 4% annuo. In pratica l obiettivo è di evidenziare un confronto del rendimento al 4% tra un investimento senza costi e un investimento con costo. Sono vietate formulazioni che fanno riferimento ad una approvazione del loro contenuto da parte dell Istituto La scheda sintetica consente al cliente di confrontare, tra di loro, i diversi prodotti vita 19

20 Visione globale Scheda sintetica- Contratti con partecipazione agli utili Contratti unit linked Contratti Index linked 1 2 Informazioni generali Caratteristiche del contratto Prestazioni assicurative e garanzie offerte Costi Prestazioni assicurative* Rischi finanziari a carico del contraente Costi e scomposizione del premio 6 7 Illustrazione dei dati storici di rendimento** Diritto di ripensamento * La Sezione può riportare il titolo garanzie offerte se e solo se ci sono garanzie finanziarie offerte dall impresa e nel caso di polizze FIP realizzate con polizze Unit linked **Nel caso di polizze FIP unit linked i dati storici di rendimento devono riferirsi sia ai fondi di ramo III che a quelli rivalutabili di rami I in cui è realizzata la rendita se rivalutabile 20

21 21

22 Nota informativa: le novità Informativa precontrattuale L'informativa analitica già presente nella nota informativa è stata ulteriormente dettagliata, all'obbligo di riportare in forma tabellare tutti i costi gravanti sul contratto si è aggiunto: per le polizze unit-linked, l'obbligo di indicare il total expenses ratio storico (indicatore che fornisce la misura dei costi che mediamente hanno gravato sul patrimonio medio del Fondo),i dati storici di rendimento confrontati con il benchmark, la volatilità dichiarata ex-ante e quella osservata ex-post e l'indicazione del turnover di portafoglio. per le polizze con partecipazione agli utili è stata prevista la consegna al contraente di un progetto personalizzato - ossia elaborato in base ai dati della polizza sottoscritta - che riporta lo sviluppo dei versamenti e delle prestazioni per ciascun anno del contratto sotto due ipotesi di rendimento finanziario: a) quello minimo garantito contrattualmente b) quello indicato dall'isvap, pari attualmente al 4% annuo. per le polizze FIP (forme individuali pensionistiche), l'obbligo di consegna del progetto personalizzato è stato previsto anche per quelle realizzate tramite polizze unit linked. 22

23 La Nota informativa -Caratteristiche generali- Art. 7-8 Informativa precontrattuale È differenziata per ogni tipologia di contratto Nel caso di contratti di puro rischio contiene la rappresentazione delle tabelle illustrative dei premi Nel caso di polizze consistenti nell abbinamento di diverse tipologie contrattuali, la Nota informativa contiene gli schemi delle diverse tipologie contrattuali Nel caso di contratti con partecipazione agli utili contiene un Progetto esemplificativo 23

24 Visione globale nota informativa- A B Contratti con partecipazione agli utili Informazioni sulle prestazioni assicurative e sulle garanzie offerte Contratti unit linked Informazioni sull impresa di assicurazione Contratti Index linked Informazioni sulle prestazioni assicurative e sui rischi finanziari C Informazioni sulla gestione separata Informazioni sul fondo a cui sono collegate le prestazioni assicurative* Informazioni sul parametro di riferimento a cui sono collegate le prestazioni assicurative D E Informazioni sui costi, sconti e regime fiscale Altre informazioni sul contratto F Progetto esemplificativo delle prestazioni Dati storici sul fondo *Per le polizze FIP sono anche riportate le informazioni sulla gestione separata per l operazione di rendita 24

25 Nota informativa Informativa precontrattuale Sezione A: Informazioni sull impresa di assicurazione Informazioni generali (ampliate) Conflitto di interessi (novità)* * Esempio: L impresa deve astenersi dall effettuare operazioni con frequenza non necessaria per la realizzazione degli obiettivi assicurativi, che generano costi per il cliente e ricavi per l azienda 26

26 Condizioni di assicurazione -Caratteristiche- Art. 2 Informativa precontrattuale Comprendono Contratti Unit Linked Regolamento del fondo interno Contratti a prestazioni rivalutabili Regolamento della gestione interna separata 27

27 Fascicolo informativo -Il glossario- Art. 2 Informativa precontrattuale Aggiornati entro il 31/3 di ogni anno* Scheda sintetica Nota informativa Condizioni di assicurazione Glossario Modulo di proposta/polizza * In caso di modifiche antecedenti a tale termine: integrazione dei documenti in circolazione e pubblicazione della notizia sul sito internet 28

28 Il modulo di proposta/polizza -Caratteristiche 1^parte- Art. 5 Informativa precontrattuale Nel caso in cui siano usate procedure informatiche di emissione dei contratti deve essere garantita l identità tra le informazioni acquisite dall impresa e quelle riportate nella copia consegnata al contraente e rispettata la numerazione progressiva all interno del Fascicolo informativo Deve contenere una dichiarazione da far sottoscrivere al contraente che comprova la consegna del Fascicolo informativo Devono essere descritte le modalità di pagamento del premio consentite dalla compagnia 29

29 Il modulo di proposta/polizza -Caratteristiche 2^parte- Art. 5 Informativa precontrattuale Contratti che prevedono prestazioni per il caso morte o coperture per cui sono necessarie informazioni sullo stato di salute dell assicurato vengono evidenziate le seguenti avvertenze relative alla compilazione del questionario sanitario: Le dichiarazioni non veritiere, inesatte o reticenti rese dal soggetto legittimato a fornire le informazioni richieste per la conclusione del contratto possono compromettere il diritto alla prestazione Prima della sottoscrizione del questionario il soggetto legittimato a fornire le informazioni deve verificare l esattezza delle dichiarazioni riportate nel questionario L assicurato può chiedere di essere sottoposto a visita medica per certificare l effettivo stato di salute, con evidenza del costo a suo carico 30

30 I. Informativa per i contraenti - Informativa in corso di contratto - 31

31 Fase contrattuale: le novità Informazioni in corso di contratto Ampliamento dell informativa Negli estratti conto annuali inviati al cliente sono state previste alcune informazioni aggiuntive: per le polizze unit-linked - l'aggiornamento dei dati storici del fondo presenti in nota informativa. All'impresa inoltre è stato fatto obbligo di pubblicare sul proprio sito il fascicolo informativo, il rendiconto annuale della gestione separata, il prospetto annuale della composizione della gestione separata e il rendiconto annuale di gestione del fondo interno. per le polizze index-linked - alla pubblicazione giornaliera del valore dell'indice o del valore di riferimento è stata aggiunta la pubblicazione del rating dell'emittente. L impresa ha l obbligo di inviare al cliente un avviso in caso di perdite finanziarie del suo investimento superiori al 30%. 32

32 Comunicazioni ai contraenti Lettera conferma di investimento premi contratti UL Pubblicazioni su quotidiani e siti internet Modifiche in corso di contratto Estratto conto annuale inviato al cliente Comunicazione in caso di perdite Comunicazione in caso di variazione tasso garantito Comunicazione in caso di esercizio di opzioni contrattuali Informazioni in corso di contratto 33

33 III. Adeguatezza dell offerta assicurativa e conflitti di interesse 34

34 Adeguatezza dell offerta assicurativa e conflitti di interesse È stato previsto che le imprese diano disposizione agli intermediari assicurativi di: raccogliere informazioni dal contraente, e conservarne traccia documentale, al fine di valutare l'adeguatezza del contratto offerto. astenersi dall'offrire contratti inadeguati alle esigenze del cliente. Inoltre, nell'offerta e nell esecuzione dei contratti di assicurazione sulla vita le imprese devono evitare di compiere operazioni in cui ci sia un conflitto di interessi e, se ciò non fosse possibile, devono comunque operare in modo da non recare pregiudizio ai clienti, dotandosi di procedure per l'individuazione e la gestione degli eventuali conflitti 35

35 Art. 27 Adeguatezza Regole di comportamento Comportarsi con diligenza, correttezza e trasparenza Acquisire le informazioni necessarie a valutare le esigenze assicurative e previdenziali Non recare pregiudizi agli interessi dei contraenti 36

36 Comportarsi con diligenza, correttezza e trasparenza Diligenza Curare costantemente la propria formazione e aggiornamento professionale, anche integrando le iniziative proposte dalla Compagnia assicurativa Correttezza I comportamenti sono ispirati a lealtà e correttezza, nel rispetto del principio di buona fede Trasparenza Fornire ai clienti tutte le informazioni necessarie alla salvaguardia dei loro interessi Professionalità Conoscere e rispettare tutte le disposizioni legislative e regolamentari che disciplinano l attività Garantire la riservatezza sulle informazioni acquisite in ordine di fatti, dati, notizie relative al cliente 37

37 Acquisire le informazioni necessarie a valutare le esigenze assicurative e previdenziali Art. 28 Caratteristiche personali (età, attività lavorativa, nucleo familiare) Esperienza in materia di investimenti Situazione finanziaria e assicurativa Aspettative relative all investimento (coperture, durata e rischi finanziari) 38

38 Non recare pregiudizi agli interessi dei contraenti Un cliente tradito è un cliente perso! 39

39 Esercitazione Obiettivo: ripassare i temi trattati Attività: rispondere alle domande del questionario Modalità: individuale + plenaria Tempo: 15 (individuale) + 30 (plenaria) 40

40 Il sistema di adeguatezza QIS 41

41 Modello QIS - riepilogo supporti - Fino al 30 novembre incontro con il cliente Questionario assicurativo Modulo raccolta dati senza firma cliente Verifica dell adeguatezza attraverso (no valore contrattuale) supporto elettronico o cartaceo Preventivo anonimo o personalizzato (se fuori dall agenzia) Nota informativa Modulo raccolta dati senza firma cliente (no valore contrattuale) Preventivo anonimo o personalizzato (se dati 551 noti) Fascicolo informativo (versione standard non personalizzata) Polizza (firmata dal cliente) Privacy industriale (firmata dal cliente) Condizioni di assicurazione Dal 1 Dicembre 2005 Alla sottoscrizione della soluzione Fascicolo Informativo Scheda sintetica Nota Informativa Condizioni di assicurazione Glossario Polizza (firmata dal cliente) Privacy industriale (firmata dal cliente) Progetto personalizzato* * Solo per le polizze rivalutabili 42

42 Il questionario 43

43 Questionario: regole generali Raccolta dati Il questionario: avrà numerazione univoca; dovrà essere compilato sia per le persone fisiche che per le persone giuridiche nella persona del legale rappresentante; verrà sottoscritto dal cliente e dall acquisitore; Il rilascio al cliente della copia sottoscritta non è obbligatorio. Validità dati Le informazioni presenti sul questionario una volta inserite nei sistemi informativi possono essere utilizzate per un periodo massimo di 12 mesi. Gestione dati I dati relativi a clienti comuni saranno fruibili per agenzie diverse facenti parte della stessa compagnia. 44

44 Questionario: obiettivi Informare Profilare 45

45 Questionario TRASPARENZA Informare Il questionario presenta un testo introduttivo che informa il cliente degli obiettivi dello strumento Egregio Signore, Gentile Signora, Dal 1 dicembre 2005, l Istituto di Vigilanza delle Assicurazioni Private (ISVAP) ha introdotto nuove regole di trasparenza e adeguatezza dei prodotti di assicurazione sulla vita. Ciò significa una maggiore tutela del consumatore grazie ad una sua maggiore consapevolezza verso il prodotto di protezione, previdenza, risparmio e investimento che desidera acquistare. Il questionario che segue ci consente di acquisire, nel suo interesse, ogni informazione utile a valutare l adeguatezza della nostra offerta assicurativa rispetto alle sue specifiche esigenze. La ringraziamo per la sua collaborazione. 46

46 Questionario TRASPARENZA Profilare Le informazioni fornite dal cliente vengono riportate sul questionario cartaceo, al fine di consentire una proposta adeguata alle reali esigenze del cliente con particolare attenzione a: profilo di rischio, orizzonte temporale e impegno economico. Al termine della compilazione è richiesto al cliente di firmare il questionario e le eventuali liberatorie. 47

47 Questionario NON ADEGUATEZZA: età > 90 alla scadenza del prodotto 48

48 Questionario Il questionario è costituito da 7 DOMANDE COMPLESSIVE: NON ADEGUATEZZA: pensionato che intende sottoscrivere Sistema Previdenza 49

49 Questionario NON ADEGUATEZZA: risposta NO, ma intende sottoscrivere le polizze Temporanee Caso Morte e Soluzione Vita Intera 50

50 Questionario NON ADEGUATEZZA: risposta SI, in corrispondenza di un area di bisogno, qualora il cliente voglia sottoscrivere soluzioni della stessa area 51

51 Questionario 52

52 Questionario 53

53 Questionario 54

54 Questionario Quando scatta l inadeguatezza? 55

55 Inadeguatezza Domanda 7 In caso di scelta in unica soluzione, se si verificano le seguenti due condizioni: - il premio minimo di tariffa è superiore al valore massimo della fascia di importo indicata dal cliente - il premio di polizza è superiore al valore massimo della fascia di importo indicata dal cliente. In caso di scelta da rateizzare nel corso del tempo, se si verificano le seguenti due condizioni: - il prodotto tra il premio annuo/ricorrente minimo di tariffa e la durata pagamento premi minima è superiore al valore massimo della fascia di importo indicata dal cliente. - il prodotto tra premio annuo/ricorrente e durata pagamento premi di polizza è superiore al valore massimo della fascia di importo indicato dal cliente. 56

56 Questionario 57

57 La guida al controllo La griglia di profilazione 58

58 Guida al controllo Obiettivo: controllare Le risposte ottenute alle domande del questionario vengono controllate dal consulente che disporrà del supporto Guida al controllo delle risposte del questionario 59

59 Guida al controllo 60

60 La griglia di profilazione CHIAREZZA Obiettivo: profilare Le risposte fornite dal cliente concorrono a individuarne il profilo; a tal fine è stata sviluppata una griglia cartacea e on line, che prevede diverse variabili: Area di bisogno Tipo di premio Tipo di gestione Profilo di rischio Orizzonte temporale Prodotto ed eventuale stile di gestione 61

61 La griglia di profilazione cartaceo CHIAREZZA 62

62 Rifiuto a fornire le risposte In caso di rifiuto da parte del potenziale contraente a fornire le informazioni richieste dal Questionario, verrà inserita in Polizza fra le altre dichiarazioni contrattuali la seguente attestazione: Statistiche Dichiaro di essere consapevole del fatto che l intermediario assicurativo in ragione del mio rifiuto di fornire le informazioni richieste non è stato in grado di effettuare la valutazione dell adeguatezza del presente contratto, rispetto al mio profilo ed ai miei bisogni. 63

63 Soluzione non adeguata Statistiche Nel caso in cui il potenziale contraente richieda all intermediario assicurativo di stipulare una soluzione assicurativa risultante non adeguata alla luce delle risposte al Questionario, verrà inserita in Polizza fra le altre dichiarazioni contrattuali la seguente attestazione: Dichiaro di essere stato informato dall intermediario assicurativo che il presente contratto risulta inadeguato rispetto al mio profilo ed ai miei bisogni, quali rilevati dallo stesso intermediario assicurativo in base alle informazioni da me fornite. 64

64 Passaggio alla fase successiva alla sottoscrizione del contratto: CONSEGNA DEL FASCICOLO INFORMATIVO 65

65 551: processo operativo QIS 66

66 Trattativa fuori dall agenzia 1 4 Compilazione questionario e firma 2 Calcolo adeguatezza Off-line 3 Consegna (opzionale) Fascicolo informativo standard 6 Inserimento dei dati a sistema, emissione e stampa del fascicolo informativo e della polizza Archiviazione del Questionario e della documentazione contrattuale (comprensiva delle eventuali dichiarazioni in tema di rifiuto dati e inadeguatezza). 5 Consegna a mano: Fascicolo Informativo personalizzato: Scheda sintetica Polizza Dati raccolti con il questionario Nota Informativa Condizioni contrattuali Glossario Progetto personalizzato (per le polizze rivalutabili) 67

67 Processo QIS: adeguamento a 551 (1) Presentazione del questionario L intermediario incontra il potenziale cliente e raccoglie le informazioni necessarie per il calcolo dell adeguatezza e l emissione della polizza. 68

68 Processo QIS: adeguamento a 551 (2) Profilazione della potenziale clientela L intermediario verifica l adeguatezza tramite il supporto cartaceo, identificando la soluzione adeguata al cliente. (3) Consegna del Fascicolo Informativo standard* L intermediario illustra le caratteristiche specifiche del contratto e consegna alla potenziale clientela il Fascicolo Informativo relativo alla specifica soluzione assicurativa individuata. * Opzionale 69

69 Processo QIS: adeguamento a 551 (4) Inserimento dati a sistema L intermediario inserisce a sistema i dati in suo possesso: il calcolo dell adeguatezza (ovvero l individuazione della soluzione assicurativa adeguata) viene effettuato dal sistema informativo della Compagnia. In seguito viene stampato il fascicolo informativo ed emessa la polizza 70

70 Processo QIS: adeguamento a 551 (5) Consegna della documentazione contrattuale completa A seguito dell imputazione dei dati sul sistema informativo della Compagnia, si potrà procedere alla consegna di tutti i documenti previsti dalla normativa in vigore. Nell ambito del documento di Polizza sarà contenuta anche la stampa delle risposte al Questionario, che potranno così essere verificate e conservate unitamente al resto della documentazione contrattuale. 71

71 Processo QIS: adeguamento a 551 (6) Archiviazione del Questionario e della documentazione L originale del Questionario, corredato dalle firme dell interessato e dell intermediario assicurativo, verrà trasmesso in busta chiusa insieme alla polizza agli uffici di Direzione della Compagnia che provvederà all archiviazione. 72

72 Trattativa in agenzia 1 Compilazione questionario e firma 4 Archiviazione del Questionario e della documentazione contrattuale (comprensiva delle eventuali dichiarazioni in tema di rifiuto dati e inadeguatezza). 3 2 Calcolo adeguatezza On-line Consegna a mano: Fascicolo Informativo: Scheda sintetica Polizza Dati raccolti con il questionario Nota Informativa Condizioni contrattuali Glossario Progetto personalizzato (per le polizze rivalutabili) 73

La vendita dei Prodotti Assicurativi

La vendita dei Prodotti Assicurativi La vendita dei Prodotti Assicurativi I prodotti assicurativi formano sempre di più oggetto di campagne di vendita. Vogliamo fornire ai colleghi una breve nota che riepiloghi i punti essenziali della normativa

Dettagli

UDL. L intermediazione assicurativa

UDL. L intermediazione assicurativa L intermediazione assicurativa Norme sull intermediazione assicurativa il codice delle assicurazioni e il regolamento ISVAP n. 5 del 16/10/2006: l attuazione delle direttive UE e la regolamentazione degli

Dettagli

DOCUMENTAZIONE ALLEGATA ALLA PROPOSTA/QUESTIONARIO DI RESPONSABILITA CIVILE. contenente:

DOCUMENTAZIONE ALLEGATA ALLA PROPOSTA/QUESTIONARIO DI RESPONSABILITA CIVILE. contenente: DOCUMENTAZIONE ALLEGATA ALLA PROPOSTA/QUESTIONARIO DI RESPONSABILITA CIVILE contenente: - ALLEGATO 7A al regolamento ISVAP n.5 del 16 ottobre 2006 - ALLEGATO 7B al regolamento ISVAP n.5 del 16 ottobre

Dettagli

INCONTRO CAMERA DI COMMERCIO (Relatore Dott. R. Soldati)

INCONTRO CAMERA DI COMMERCIO (Relatore Dott. R. Soldati) INCONTRO CAMERA DI COMMERCIO (Relatore Dott. R. Soldati) 1. Presentazione: Normativa vigente (Codice delle Assicurazioni) Authorities (ISVAP/IVASS + Antitrust) Registro Unico Intermediari Legge Bersani

Dettagli

ISVAP - REGOLAMENTO n. 5 del 16 OTTOBRE 2006. Confronto parte formazione ed informativa all assicurato con bozza di regolamento del 4 agosto 2006

ISVAP - REGOLAMENTO n. 5 del 16 OTTOBRE 2006. Confronto parte formazione ed informativa all assicurato con bozza di regolamento del 4 agosto 2006 ISVAP - REGOLAMENTO n. 5 del 16 OTTOBRE 2006 Confronto parte formazione ed informativa all assicurato con bozza di regolamento del 4 agosto 2006 Parte I - Disposizioni di carattere generale Art. 2 - (Definizioni)

Dettagli

MODULO DI PROPOSTA DI ASSICURAZIONE PER LA. Responsabilità Civile del Medico Laureato in Medicina e Chirurgia, Odontoiatria, Biologia

MODULO DI PROPOSTA DI ASSICURAZIONE PER LA. Responsabilità Civile del Medico Laureato in Medicina e Chirurgia, Odontoiatria, Biologia MODULO DI PROPOSTA DI ASSICURAZIONE PER LA Responsabilità Civile del Medico Laureato in Medicina e Chirurgia, Odontoiatria, Biologia ALLEGATO n. 7A Regolamento ISVAP N. 5/2006 ISVAP Istituto di Diritto

Dettagli

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 ALLEGATO 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI Ai sensi delle disposizioni del D.lgs. n. 209/2005 (Codice delle assicurazioni

Dettagli

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 ALLEGATO 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI Ai sensi delle disposizioni del D.lgs. n. 209/2005 (Codice delle assicurazioni

Dettagli

MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP. 5/2006

MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP. 5/2006 MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP. 5/2006 SEZIONE A (ex modello 7A) COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI

Dettagli

MODULO DI PROPOSTA DI ASSICURAZIONE PER LA. Responsabilità Civile del Medico Laureato in Medicina e Chirurgia, Odontoiatria, Biologia

MODULO DI PROPOSTA DI ASSICURAZIONE PER LA. Responsabilità Civile del Medico Laureato in Medicina e Chirurgia, Odontoiatria, Biologia MODULO DI PROPOSTA DI ASSICURAZIONE PER LA Responsabilità Civile del Medico Laureato in Medicina e Chirurgia, Odontoiatria, Biologia 1 Proposal Form R.C. del Medico Laureato in Medicina e Chirurgia, Odontoiatria,

Dettagli

NUOVI DOVERI DI INFORMATIVA: ALCUNE NOVITÀ RILEVANTI INTRODOTTE DALLA CIRCOLARE ISVAP 551 Roberto Manzato

NUOVI DOVERI DI INFORMATIVA: ALCUNE NOVITÀ RILEVANTI INTRODOTTE DALLA CIRCOLARE ISVAP 551 Roberto Manzato NUOVI DOVERI DI INFORMATIVA: ALCUNE NOVITÀ RILEVANTI INTRODOTTE DALLA CIRCOLARE ISVAP 551 Roberto Manzato IRSA giornata di studi Le nuove regole di trasparenza per gli intermediari assicurativi: profili

Dettagli

MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO IVASS. 5/2006

MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO IVASS. 5/2006 MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO IVASS. 5/2006 SEZIONE A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI

Dettagli

Insurance Broker COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI

Insurance Broker COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI Insurance Broker MOD. 7 A Prima di far sottoscrivere una proposta o, qualora non prevista, un contratto di assicurazione gli intermediari consegnano al contraente copia della presente comunicazione informativa

Dettagli

PROPOSTA DI CONTRATTO DI ASSICURAZIONE

PROPOSTA DI CONTRATTO DI ASSICURAZIONE CAP. SOC. EURO 87.720.000 I. V. - R.E.A. (MI) 842196 - COD. FISC./PART. IVA/NUMERO DI REGI- STRO DELLE IMPRESE DI MILANO 01749470157 - SOCIETÀ CON UNICO SOCIO - SOCIETÀ SOGGETTA ALL ATTIVITÀ DI DIREzIONE

Dettagli

Fascicolo Informativo Precontrattuale. Responsabilità Civile professionale in convenzione SMI

Fascicolo Informativo Precontrattuale. Responsabilità Civile professionale in convenzione SMI Fascicolo Informativo Precontrattuale Responsabilità Civile professionale in convenzione SMI Gentile dottore, La invitiamo a leggere con attenzione le informazioni che seguono, preparate con l intento

Dettagli

RESIDENZA / VIA NUMERO CIVICO LOCALITA / COMUNE PROVINCIA

RESIDENZA / VIA NUMERO CIVICO LOCALITA / COMUNE PROVINCIA MODULO DI ADESIONE Polizza di Assicurazione RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE per COLPA GRAVE dei Dipendenti di Aziende Ospedaliere e Sanitarie Convenzione CGIL Funzione Pubblica Milano DATI DEL CONTRAENTE

Dettagli

POLIZZA INFORTUNI DEI CONSIGLIERI E DEI DIPENDENTI DELL ORDINE Caratteristiche e Prestazioni

POLIZZA INFORTUNI DEI CONSIGLIERI E DEI DIPENDENTI DELL ORDINE Caratteristiche e Prestazioni POLIZZA INFORTUNI DEI CONSIGLIERI E DEI DIPENDENTI DELL ORDINE Caratteristiche e Prestazioni OGGETTO L assicurazione vale per gli infortuni subiti nell espletamento della carica di Componente del Consiglio

Dettagli

INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO SI DICHIARA QUANTO SEGUE

INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO SI DICHIARA QUANTO SEGUE ALLEGATO 7B INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO PREMESSO che ai sensi della vigente normativa, l intermediario assicurativo

Dettagli

COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI

COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP. 5/2006 SEZIONE A (ex modello 7A) COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI

Dettagli

MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP. 5/2006

MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP. 5/2006 MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP. 5/2006 SEZIONE A (ex modello 7A) COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI

Dettagli

COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI

COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI Ai sensi delle disposizioni del d. lgs. n. 209/2005 del reg. ISVAP n. 5/2006 in tema

Dettagli

INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO N. 7A

INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO N. 7A ALLEGATO N. 7A e 7B del Regolamento ISVAP n. 5/2006 INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO N. 7A Comunicazione informativa

Dettagli

MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART.49 REGOLAMENTO ISVAP 5/2006

MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART.49 REGOLAMENTO ISVAP 5/2006 MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART.49 REGOLAMENTO ISVAP 5/2006 SEZIONE A (ex modello 7A) COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI

Dettagli

REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015

REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015 REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DEFINIZIONE DELLE MISURE DI SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE E DEGLI ADEMPIMENTI NEI RAPPORTI CONTRATTUALI TRA IMPRESE DI ASSICURAZIONI, INTERMEDIARI

Dettagli

MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP. 5/2006

MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP. 5/2006 MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP. 5/2006 SEZIONE A (ex modello 7A) COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI

Dettagli

MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP. 5/2006

MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP. 5/2006 MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP. 5/2006 SEZIONE A (ex modello 7A) COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI

Dettagli

INFORMATIVA PRE CONTRATTUALE

INFORMATIVA PRE CONTRATTUALE Spettabila PBroker di Fabbio Nupieri Piazza Gesù e Maria n. 20 80135 - Napoli T. +39 081 5447973 / F. +39 081 19571954. E-mail: info@pbroker.it Sito: www.pbroker.it COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI

Dettagli

MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO IVASS/ISVAP 5/2006 SEZIONE A

MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO IVASS/ISVAP 5/2006 SEZIONE A MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO IVASS/ISVAP 5/2006 SEZIONE A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI

Dettagli

INFORMATIVA ALL'ASSICURATO ( allegati per l'assicurato )

INFORMATIVA ALL'ASSICURATO ( allegati per l'assicurato ) INFORMATIVA ALL'ASSICURATO ( allegati per l'assicurato ) Il presente fascicolo contiene: Contratto Assicurativo o Tutela Legale NB: Assolve funzione di Contratto Assicurativo e Ricevuta Fiscale (eventualmente

Dettagli

Denominazione: (in caso di Studio Associato o Società)

Denominazione: (in caso di Studio Associato o Società) MODULO PROPOSTA PER L ASSICURAZIONE DEGLI ESBORSI CONSEGUENTI A RESPONSABILITÀ CIVILE PER L'ATTIVITA' DI ASSISTENZA FISCALE MEDIANTE APPOSIZIONE DEI VISTI DI CONFORMITA' SULLE DICHIARAZIONI AI SENSI DELL'ART.

Dettagli

MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO IVASS. 5/2006

MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO IVASS. 5/2006 MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO IVASS. 5/2006 SEZIONE A (ex modello 7A) COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI

Dettagli

INFORMAZIONI SULLE ASPETTATIVE IN RELAZIONE AL PRESENTE CONTRATTO

INFORMAZIONI SULLE ASPETTATIVE IN RELAZIONE AL PRESENTE CONTRATTO AGENZIE DELLE ENTRATE di MILANO 2 MEDIOLANUM INTERNATIONAL LIFE LTD COD. FISC./PART. IVA. 8255456O- NUMERO DI REGISTRO DELLA COMPAGNIA 255456 - SEDE LEGALE: IONA, BUILDING, SHELBOURNE ROAD, DUBLINO 4,

Dettagli

INFORMAZIONI RELATIVE AL CONTRAENTE

INFORMAZIONI RELATIVE AL CONTRAENTE ADEGUATEZZA RAMO VITA Art. 120 comma 3 del Codice delle Assicurazioni Art. 52 del Regolamento ISVAP 5/2006 QUADERNO 2 Questionario per la valutazione dell Adeguatezza dei Contratti di Assicurazione Vita

Dettagli

Alessandro Pierantoni Broker di assicurazioni

Alessandro Pierantoni Broker di assicurazioni MODELLO 7/A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI Ai sensi delle disposizioni del d.lgs n. 209/2005 (Codice delle assicurazioni

Dettagli

MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP. 5/2006. SEZIONE A (ex modello 7A)

MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP. 5/2006. SEZIONE A (ex modello 7A) MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP. 5/2006 SEZIONE A (ex modello 7A) COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI

Dettagli

Cognome e nome/ragione sociale. Codice Fiscale/Par luogo Sesso. N tel. e-mail Indirizzo di residenza CAP Prov. NOTE: Firma del Cliente

Cognome e nome/ragione sociale. Codice Fiscale/Par luogo Sesso. N tel. e-mail Indirizzo di residenza CAP Prov. NOTE: Firma del Cliente QUESTIONARIO EX ART. 52 REG. IVASS 5/2006 PER LA VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA DEI CONTRATTI ASSICURATIVI AUTO Gentile Cliente, il presente questionario, la cui proposizione è per noi obbligatoria ai sensi

Dettagli

SCHEMA DI SCHEDA SINTETICA CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA E DI CAPITALIZZAZIONE CON PARTECIPAZIONE AGLI UTILI

SCHEMA DI SCHEDA SINTETICA CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA E DI CAPITALIZZAZIONE CON PARTECIPAZIONE AGLI UTILI Allegato 1 SCHEMA DI SCHEDA SINTETICA CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA E DI CAPITALIZZAZIONE CON PARTECIPAZIONE AGLI UTILI Inserire la seguente avvertenza: ATTENZIONE: LEGGERE ATTENTAMENTE LA NOTA

Dettagli

Conferimento mandato di brokeraggio e ricevuta di consegna di documentazione precontrattuale e informative

Conferimento mandato di brokeraggio e ricevuta di consegna di documentazione precontrattuale e informative Conferimento mandato di brokeraggio e ricevuta di consegna di documentazione precontrattuale e informative Il Sottoscritto: Spettabile Limestreet srl Via G. Savonarola, snc - 20149 Milano Fax num. 02 4210

Dettagli

INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO N. 7A

INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO N. 7A ALLEGATO N. 7A e 7B del Regolamento ISVAP n. 5/2006 INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO N. 7A Comunicazione informativa

Dettagli

SCHEMA DI SCHEDA SINTETICA CONTRATTO CON PARTECIPAZIONE AGLI UTILI DESTINATO AD ATTUARE UNA FORMA PENSIONISTICA INDIVIDUALE

SCHEMA DI SCHEDA SINTETICA CONTRATTO CON PARTECIPAZIONE AGLI UTILI DESTINATO AD ATTUARE UNA FORMA PENSIONISTICA INDIVIDUALE Allegato 4 SCHEMA DI SCHEDA SINTETICA CONTRATTO CON PARTECIPAZIONE AGLI UTILI DESTINATO AD ATTUARE UNA FORMA PENSIONISTICA INDIVIDUALE Inserire la seguente avvertenza: ATTENZIONE: LEGGERE ATTENTAMENTE

Dettagli

STATUS BROKER S.R.L. Via E.Masi, 21-40137 Bologna Telefono (051) 344776 (r.a.) - Fax (051) 301013 E-mail: statusbroker@statusgruppo.

STATUS BROKER S.R.L. Via E.Masi, 21-40137 Bologna Telefono (051) 344776 (r.a.) - Fax (051) 301013 E-mail: statusbroker@statusgruppo. MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO IVASS. 5/2006 SEZIONE A (modello 7A) COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI

Dettagli

info@gavabroker.it www.gavabroker.it

info@gavabroker.it www.gavabroker.it Proposta di assicurazione per la Responsabilità Civile Professionale dei Progettisti Liberi Professionisti o delle Società di Ingegneria derivante dagli incarichi di progettazione ex Legge Merloni AVVISO

Dettagli

SCHEMA DI SCHEDA SINTETICA CONTRATTO UNIT LINKED

SCHEMA DI SCHEDA SINTETICA CONTRATTO UNIT LINKED Allegato 2 SCHEMA DI SCHEDA SINTETICA CONTRATTO UNIT LINKED Inserire la seguente avvertenza: ATTENZIONE: LEGGERE ATTENTAMENTE LA NOTA INFORMATIVA PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DEL CONTRATTO. La presente Scheda

Dettagli

REGOLAMENTO N. 23 DEL 9 MAGGIO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 23 DEL 9 MAGGIO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 23 DEL 9 MAGGIO 2008 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DEI PREMI E DELLE CONDIZIONI DI CONTRATTO NELL ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA PER I VEICOLI A MOTORE E NATANTI, DI

Dettagli

MODULO DI ADESIONE. inviare a mezzo fax allo 06.89.28.01.34 o e-mail info@dpbroker.it Per informazioni Tel. 06.70.30.57.89

MODULO DI ADESIONE. inviare a mezzo fax allo 06.89.28.01.34 o e-mail info@dpbroker.it Per informazioni Tel. 06.70.30.57.89 MODULO DI ADESIONE inviare a mezzo fax allo 06.89.28.01.34 o e-mail info@dpbroker.it Per informazioni Tel. 06.70.30.57.89 Polizza di Assicurazione di Responsabilità Civile Professionale per Colpa Grave

Dettagli

INFORMAZIONI E DOCUMENTI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE. Ai sensi degli art. 120 D.Lgs 209/2005 e del

INFORMAZIONI E DOCUMENTI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE. Ai sensi degli art. 120 D.Lgs 209/2005 e del Qwzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxc vbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmrt yuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopas dfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklz xcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnm qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd

Dettagli

INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO N. 7A

INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO N. 7A INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO N. 7A Comunicazione informativa sugli obblighi di comportamento cui gli Intermediari

Dettagli

1 CONTRAENTE (coincide con il primo intestatario del conto corrente Mediolanum Freedom collegato)

1 CONTRAENTE (coincide con il primo intestatario del conto corrente Mediolanum Freedom collegato) CAP. SOC. EURO 87.720.000 I. V. - R.E.A. (MI) 842196 - COD. FISC./PART. IVA/NUMERO DI REGI- STRO DELLE IMPRESE DI MILANO 01749470157 - SOCIETÀ CON UNICO SOCIO - SOCIETÀ SOGGETTA ALL ATTIVITÀ DI DIREzIONE

Dettagli

Tutela e Medicina Onlus Responsabilità Civile Professionale dei Medici Soci di SIN (Società Italiana di Neurologia)

Tutela e Medicina Onlus Responsabilità Civile Professionale dei Medici Soci di SIN (Società Italiana di Neurologia) Assicurato Responsabilità Civile Professionale dei Medici Soci di SIN (Società Italiana di Neurologia) MODULO DI ADESIONE alla Convenzione N ITOMM11B1008049B0000 (scadenza 31.03.2016) COGNOME NOME CODICE

Dettagli

Nuova Tariffa U100 - Assicurazione a vita intera a premio unico con versamenti aggiuntivi - Vitattiva Carati

Nuova Tariffa U100 - Assicurazione a vita intera a premio unico con versamenti aggiuntivi - Vitattiva Carati DIREZIONE GENERALE CIRCOLARE N. 38/2006 ASSICURATIVA Bologna, 20 Luglio 2006 A tutte le Agenzie A tutti gli Ispettori della Direzione Centrale Commerciale e Marketing Agli Ispettori della Revisione Agenzie

Dettagli

REGOLAMENTO N. 35 DEL 26 MAGGIO 2010

REGOLAMENTO N. 35 DEL 26 MAGGIO 2010 REGOLAMENTO N. 35 DEL 26 MAGGIO 2010 Regolamento concernente la disciplina degli obblighi di informazione e della pubblicità dei prodotti assicurativi, di cui al titolo XIII del decreto legislativo 7 settembre

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

DUAL Commercialisti visto di conformità

DUAL Commercialisti visto di conformità P.I. LINE - "Visto di Conformità" DUAL Commercialisti visto di conformità Proposta di assicurazione R.C. professionale il Visto di Conformità (Ed. 02.2014) Questa Proposta si applica a professionisti e

Dettagli

REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA COSTITUZIONE E L AMMINISTRAZIONE DELLE GESTIONI SEPARATE DELLE IMPRESE CHE ESERCITANO L ASSICURAZIONE SULLA VITA, AI SENSI DELL ARTICOLO 191,

Dettagli

DIREZIONE GENERALE CIRCOLARE N. 46/2007 ASSICURATIVA Bologna, 30 Agosto 2007

DIREZIONE GENERALE CIRCOLARE N. 46/2007 ASSICURATIVA Bologna, 30 Agosto 2007 DIREZIONE GENERALE CIRCOLARE N. 46/2007 ASSICURATIVA Bologna, 30 Agosto 2007 A tutte le Agenzie Ai Responsabili di Area Commerciali Agli Specialisti Sviluppo Rete Agenziale Ai Consulenti Gestione Agenzie

Dettagli

ISVAP Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo

ISVAP Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo Roma 4 giugno 2004 Prot. n. 418028 Allegati 1 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI ISVAP Istituto di

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE -ADDETTO AL FRONT OFFICE ASSICURAZIONI- DESCRIZIONE PROFILO

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SUL MEDIATORE CREDITIZIO

FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SUL MEDIATORE CREDITIZIO ALLEGATO 4.1 FOGLIO INFORMATIVO Redatto in conformità a quanto previsto dalla normativa vigente ed in particolare ai sensi dell art. 16 della legge 108/1996, del titolo VI del T.U. Bancario e successive

Dettagli

Alle Rappresentanze Generali per l Italia delle Imprese estere di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI

Alle Rappresentanze Generali per l Italia delle Imprese estere di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI Polizze di assicurazione: distribuzione, incasso e pubblicità dei prodotti ( ISVAP, circolare 04.06.2004 n. 533 ) Con la circolare n. 533 del 4 giugno 2004 l'isvap ha stabilito le regole di indirizzo cui

Dettagli

Global Assicurazioni S.p.A. a custodire l originale

Global Assicurazioni S.p.A. a custodire l originale GLOBAL VALORE PROTETTO TARIFFA A VITA INTERA A PREMIO UNICO V1 GA VERSIONE AD ACCUMULO BANCA CONVENZIONE FILIALE ABI CAB PROPOSTA Stipulata il CONTRAENTE Cognome/Rag.soc. Nome Sesso Codice Fiscale/P.IVA

Dettagli

Regolamento Isvap n. 23 del 9 maggio 2008

Regolamento Isvap n. 23 del 9 maggio 2008 Regolamento Isvap n. 23 del 9 maggio 2008 1 Oggetto - 1 Regolamento concernente la disciplina della trasparenza dei premi e delle condizioni di contratto nell assicurazione obbligatoria per i veicoli a

Dettagli

CONTRATTI DI CAPITALIZZAZIONE RICHIESTA DI LIQUIDAZIONE. (Modello 976)

CONTRATTI DI CAPITALIZZAZIONE RICHIESTA DI LIQUIDAZIONE. (Modello 976) CONTRATTI DI CAPITALIZZAZIONE T.F.M. Ramo 156 RICHIESTA DI LIQUIDAZIONE (Modello 976) UNIPOL ASSICURAZIONI S.p.A. VITA E PREVIDENZA INTEGRATIVA Liquidazioni Collettive e Rendite Via Stalingrado 45-40128

Dettagli

POLIZZA PER L ASSICURAZIONE DI PRESTAZIONI PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI IN FORMA DI RENDITA VITALIZIA

POLIZZA PER L ASSICURAZIONE DI PRESTAZIONI PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI IN FORMA DI RENDITA VITALIZIA POLIZZA PER L ASSICURAZIONE DI PRESTAZIONI PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI IN FORMA DI RENDITA VITALIZIA CONTRATTO n 9.021.307 CONTRAENTE: FONDO PENSIONE DEL GRUPPO SAN PAOLO IMI TRA FONDO PENSIONE DEL PERSONALE

Dettagli

APPENDICE INTEGRATIVA DEL FASCICOLO INFORMATIVO PER CONTRATTI DANNI STIPULATI A DISTANZA

APPENDICE INTEGRATIVA DEL FASCICOLO INFORMATIVO PER CONTRATTI DANNI STIPULATI A DISTANZA APPENDICE INTEGRATIVA DEL FASCICOLO INFORMATIVO PER CONTRATTI DANNI STIPULATI A DISTANZA La presente appendice integrativa costituisce parte integrante del Fascicolo informativo. Il presente documento

Dettagli

MODULO CONFORME ALL ALLEGATO 7/A ai sensi dell art. 49 del Regolamento ISVAP n.5/2006 e succ.

MODULO CONFORME ALL ALLEGATO 7/A ai sensi dell art. 49 del Regolamento ISVAP n.5/2006 e succ. MODULO CONFORME ALL ALLEGATO 7/A ai sensi dell art. 49 del Regolamento ISVAP n.5/2006 e succ. COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI

Dettagli

Principali modifiche al Regolamento ISVAP 5/2006 Le modifiche al regolamento introdotte dal provvedimento 2720/2009 sono indicate in rosso

Principali modifiche al Regolamento ISVAP 5/2006 Le modifiche al regolamento introdotte dal provvedimento 2720/2009 sono indicate in rosso Principali modifiche al Regolamento ISVAP 5/2006 Le modifiche al regolamento introdotte dal 2720/2009 sono indicate in rosso Esame semplificato per l iscrizione alla sezione A del RUI per iscritti alle

Dettagli

QUESTIONARIO PER LA SELEZIONE DEI GESTORI FINANZIARI DEL COMPARTO GARANTITO DEL FONDO PENSIONE PEGASO

QUESTIONARIO PER LA SELEZIONE DEI GESTORI FINANZIARI DEL COMPARTO GARANTITO DEL FONDO PENSIONE PEGASO QUESTIONARIO PER LA SELEZIONE DEI GESTORI FINANZIARI DEL COMPARTO GARANTITO DEL FONDO PENSIONE PEGASO Il presente questionario costituisce parte integrante della richiesta pubblica di offerta di servizi

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione, denominata

Dettagli

Indirizzo Comune Provincia CAP ABI CAB Paese estero di residenza. Documento di riconoscimento N. Documento Rilasciato da

Indirizzo Comune Provincia CAP ABI CAB Paese estero di residenza. Documento di riconoscimento N. Documento Rilasciato da La presente Proposta è stata depositata in CONSOB il 25 ottobre 2013 ed è valida dal 28 ottobre 2013 al 13 dicembre 2013 PLANET INDEX ALHENA Agenzia Filiale Produttore Codice Agenzia Codice Filiale Codice

Dettagli

SCHEMA DI NOTA INFORMATIVA CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA E DI CAPITALIZZAZIONE

SCHEMA DI NOTA INFORMATIVA CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA E DI CAPITALIZZAZIONE SCHEMA DI NOTA INFORMATIVA CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA E DI CAPITALIZZAZIONE Inserire la seguente frase: La presente Nota informativa è redatta secondo lo schema predisposto dall ISVAP, ma il

Dettagli

Questionario R.C. Merloni e Normativa

Questionario R.C. Merloni e Normativa Le informazioni trascritte nel presente modulo sono ad uso esclusivo di Euroconsul S.r.l. e verranno trattate con la massima riservatezza al solo fine di ottenere la quotazione del rischio dalle principali

Dettagli

REGOLAMENTO N. 23 DEL 9 MAGGIO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 23 DEL 9 MAGGIO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 23 DEL 9 MAGGIO 2008 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DEI PREMI E DELLE CONDIZIONI DI CONTRATTO NELL ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA PER I VEICOLI A MOTORE E NATANTI, DI

Dettagli

REGOLAMENTO N. 35 DEL 26 MAGGIO 2010

REGOLAMENTO N. 35 DEL 26 MAGGIO 2010 REGOLAMENTO N. 35 DEL 26 MAGGIO 2010 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DEGLI OBBLIGHI DI INFORMAZIONE E DELLA PUBBLICITA DEI PRODOTTI ASSICURATIVI, DI CUI AL TITOLO XIII DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

Responsabilità Civile Patrimoniale

Responsabilità Civile Patrimoniale PROPOSTA/QUESTIONARIO DI ASSICURAZIONE PER LA Responsabilità Civile Patrimoniale per Amministratori e Dipendenti di Enti/Aziende Pubbliche GAVA Broker Srl Ed. 11/2013 Pagina 1 di 15 ALLEGATO n. 7A Regolamento

Dettagli

CIG Comitato Italiano Gas

CIG Comitato Italiano Gas Contratta dallo Spett.le CIG Comitato Italiano Gas codice fiscale n. 80067510158 20122 MILANO Via Larga 2 decorrenza h 0:00 01/01/2014 scadenza h 24:00 31/12/2016 frazionamento annuale scadenza 1 rata

Dettagli

Fac-Simile. Pramerica Life S.p.A. PROPOSTA Banca Esperia Coupon

Fac-Simile. Pramerica Life S.p.A. PROPOSTA Banca Esperia Coupon PROPOSTA Banca Esperia Coupon Pramerica Life S.p.A. Una Società controllata, coordinata e diretta da Prudential Financial Inc. USA - Socio Unico QUESTIONARIO PER LA VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA DEL CONTRATTO

Dettagli

Agenzia Generale 2241. MILANO ASSICURAZIONI div. LA PREVIDENTE. Natali & Del Ninno. Servizi Assicurativi

Agenzia Generale 2241. MILANO ASSICURAZIONI div. LA PREVIDENTE. Natali & Del Ninno. Servizi Assicurativi AVVERTENZE: - Questo preventivo è stato redatto sulla base della Convenzione denominata CAMPERSERENO, che contraddistingue le agevolazioni tariffarie concesse in esclusiva per i soci del CAMPER CLUB ITALIANO

Dettagli

INFORMAZIONI E DOCUMENTI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE

INFORMAZIONI E DOCUMENTI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE INFORMAZIONI E DOCUMENTI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE Ai sensi degli art. 120 D.Lgs 209/2005 e del Regolamento IVASS 5/2006 e successive modifiche Gentile cliente La invitiamo a

Dettagli

RESPONSABILITÀ CIVILE DELL AVVOCATO

RESPONSABILITÀ CIVILE DELL AVVOCATO PROPOSTA DI ASCURAZIONE PER LA RESPONSABILITÀ CIVILE DELL AVVOCATO 1 - DATI DEL PROPONENTE Cognome e nome Iscrizione all Albo Numero Data Indirizzo di residenza Ubicazione dello studio Indirizzo di corrispondenza

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI Il presente documento, recante lo schema di Regolamento sulle modalità di adesione alle forme pensionistiche complementari,

Dettagli

ARISCOM COMPAGNIA DI ASSICURAZIONI S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE Resp. Civile Professionale Patrocinatore Stragiudiziale Accordo ANEIS

ARISCOM COMPAGNIA DI ASSICURAZIONI S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE Resp. Civile Professionale Patrocinatore Stragiudiziale Accordo ANEIS ARISCOM COMPAGNIA DI ASSICURAZIONI S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE Resp. Civile Professionale Patrocinatore Stragiudiziale Accordo ANEIS Il presente Fascicolo Informativo contenente la Nota Informativa,

Dettagli

FONDAPI QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE E DELLE CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO

FONDAPI QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE E DELLE CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO FONDAPI QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE E DELLE CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO 1. Descrizione delle caratteristiche delle rendite da erogare stabilite dal Fondo a. Tipologia di Rendita:

Dettagli

MODULO DI PROPOSTA PER POLIZZA MALATTIA. Modulo di Proposta per Polizza Malattia Pagina 1 di 10

MODULO DI PROPOSTA PER POLIZZA MALATTIA. Modulo di Proposta per Polizza Malattia Pagina 1 di 10 MODULO DI PROPOSTA PER POLIZZA MALATTIA Pagina 1 di 10 ALLEGATO n. 7A Regolamento ISVAP N. 5/2006 ISVAP Istituto di Diritto Pubblico Legge 12 Agosto 1982, n. 576 COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI

Dettagli

AmministranD&O - la soluzione D&O per la Piccola e Media Impresa

AmministranD&O - la soluzione D&O per la Piccola e Media Impresa Assicurando Sede legale ( ) Codice Fiscale/P. IVA Data di inizio attività Periodo di durata della polizza dalle ore 24.00 del alle ore 24.00 del Intermediario Banca Popolare di Marostica s.c.p.a.a r.l.

Dettagli

PROPOSTA PER L ASSICURAZIONE DELLE RESPONSABILITA' PATRIMONIALE

PROPOSTA PER L ASSICURAZIONE DELLE RESPONSABILITA' PATRIMONIALE POLIZZA RESPONSABILITA PATRIMONIALE DIPENDENTE/AMMINISTRATORI ENTE PUBBLICO Franchigia Retroattività Postuma Tipo polizza Nessuna 5 anni termine di prescrizione come a termine di legge 5 anni in caso di

Dettagli

INFORMATIVA ALLA CLIENTELA

INFORMATIVA ALLA CLIENTELA Pag. 1 di 6 INFORMATIVA ALLA CLIENTELA Regolamento IVASS (ex ISVAP) n. 5/2006 art. 49 - ALLEGATO 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SO TENUTI NEI CONFRONTI

Dettagli

LA TRASPARENZA FA BENE A TUTTI

LA TRASPARENZA FA BENE A TUTTI LA TRASPARENZA FA BENE A TUTTI Come cambiano le norme e quali sono gli impatti sull operatività legata al rapporto con il cliente BROCHURE INFORMATIVA PER GLI ESERCIZI COMMERCIALI CONVENZIONATI, AGENTI

Dettagli

PROTEZIONE GUIDA APPENDICE INTEGRATIVA CONTRATTI COLLOCATI A DISTANZA

PROTEZIONE GUIDA APPENDICE INTEGRATIVA CONTRATTI COLLOCATI A DISTANZA 1/6 PROTEZIONE GUIDA APPENDICE INTEGRATIVA CONTRATTI COLLOCATI A DISTANZA CONTRATTO DI ASSICURAZIONE DI RESPONSABILITÀ CIVILE PER LA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI A MOTORE Autovetture La presente Appendice

Dettagli

COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI

COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI ALLEGATO N. 7A Prima di far sottoscrivere una proposta o, qualora non prevista, un contratto di assicurazione gli intermediari consegnano al contraente copia della presente comunicazione informativa 1

Dettagli

SERVIZI VIGILANZA ASSICURATIVA I E II SEZIONI ATTUARIATO e AUTORIZZAZIONI E MERCATO Roma 23 Luglio 2008

SERVIZI VIGILANZA ASSICURATIVA I E II SEZIONI ATTUARIATO e AUTORIZZAZIONI E MERCATO Roma 23 Luglio 2008 SERVIZI VIGILANZA ASSICURATIVA I E II SEZIONI ATTUARIATO e AUTORIZZAZIONI E MERCATO Roma 23 Luglio 2008 Prot. n. 19-08-004183 All.ti n. vari Alle Imprese di assicurazione che esercitano i rami vita con

Dettagli

COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI

COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI Prima di far sottoscrivere una proposta o, qualora non prevista, un contratto di

Dettagli

E' quanto stabilisce il Regolamento Isvap 9 maggio 2008, pubblicato in Gazzetta Ufficiale 20 maggio 2008, n. 117.

E' quanto stabilisce il Regolamento Isvap 9 maggio 2008, pubblicato in Gazzetta Ufficiale 20 maggio 2008, n. 117. Assicurazioni private: nuovi obblighi di trasparenza dal 1 ottobre 2008 ISVAP, regolamento 09.05.2008, G.U. 20.05.2008 Previsti per le compagnie assicurative e gli intermediari nuovi obblighi di trasparenza

Dettagli

La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie

La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie Padova, 18 giugno 2010 Aiga, Sezione di Padova Le regole di comportamento nella distribuzione dei prodotti finanziari emessi

Dettagli

Schema di Scheda sintetica dei contratti index linked

Schema di Scheda sintetica dei contratti index linked ELENCO ALLEGATI Allegato 1 Schema di Scheda sintetica dei contratti di assicurazione sulla vita e di capitalizzazione con partecipazione agli utili Allegato 2 Schema di Scheda sintetica dei contratti unit

Dettagli

PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006

PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 L'ISVAP ha pubblicato sul proprio sito il Provvedimento 2720 del 2 luglio 2009, che

Dettagli

Documento sulla politica di investimento. Redatto ai sensi della Deliberazione COVIP del 16 marzo 2012

Documento sulla politica di investimento. Redatto ai sensi della Deliberazione COVIP del 16 marzo 2012 Documento sulla politica di investimento Redatto ai sensi della Deliberazione COVIP del 16 marzo 2012 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 28 Marzo 2013 Sommario 1 PREMESSA...3 2 OBIETTIVI

Dettagli

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI SEGRETERIA NAZIONALE 00198 ROMA VIA TEVERE, 46 TEL. 06.84.15.751/2/3/4 FAX 06.85.59.220 06.85.52.275 SITO INTERNET: www.fabi.it E-MAIL: federazione@fabi.it FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI Ai Sindacati

Dettagli

02.80509477 FISAC CARE SRL. CARE S.r.L. Via G. Carducci, 37-20123 Milano - email: preventivi.fisac@brokercare.com

02.80509477 FISAC CARE SRL. CARE S.r.L. Via G. Carducci, 37-20123 Milano - email: preventivi.fisac@brokercare.com 02.80509477 FISAC CARE SRL CARE S.r.L. Via G. Carducci, 37-20123 Milano - email: preventivi.fisac@brokercare.com MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP 5/2006 SEZ. A

Dettagli

CONVENZIONE N. 1013020

CONVENZIONE N. 1013020 CONVENZIONE PER L ASSICURAZIONE TEMPORANEA DI GRUPPO PER LA GARANZIA CONTRO IL RISCHIO DI MORTE PER ISCRITTI AL FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DEL GRUPPO BANCARIO INTESA Il FONDO PENSIONI PER IL PERSONALE

Dettagli

Lettera di incarico per la ricerca e la stipula di coperture assicurative. Ditta/denominazione: Indirizzo: _ Città CAP _

Lettera di incarico per la ricerca e la stipula di coperture assicurative. Ditta/denominazione: Indirizzo: _ Città CAP _ Lettera di incarico per la ricerca e la stipula di coperture assicurative. Incarico conferito da: Ditta/denominazione: Indirizzo: _ Città CAP _ recapiti: telefono fisso cell. Email _ fax _ a favore di:

Dettagli