RELAZIONE DI TIROCINIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE DI TIROCINIO"

Transcript

1 RELAZIONE DI TIROCINIO Modellistica di antenne a microstriscia DI Risso Stefano matr Tutor accademico: Chiar.mo Prof. Gian Luigi Gragnani Svolto presso il Laboratorio di Elettromagnetismo Applicato del DIBE Anno accademico: Durata tirocinio: 120 ore

2 Introduzione Il tirocinio ha lo scopo di capire il funzionamento delle antenne a patch e studiare come varia il comportamento dell'antenna a fronte di modifiche sia per quanto riguarda le dimensioni della struttura (Lenght,Weight) sia in caso di variazione dei parametri quali l'altezza (h) e la costante dielettrica del substrato (E r ). Generalità sulle antenne a microstriscia Le antenne a microstriscia, particolarmente nella configurazione a patch a forma rettangolare, come quella analizzata da noi, sono al giorno d' oggi molto utilizzate per le loro interessanti caratteristiche;tra le quali si annoverano il basso profilo, la leggerezza, la robustezza meccanica e la compatibilità con i circuiti integrati.variando la geometria le patch risultano molto versatili in termini di frequenza di risonanza, polarizzazione, pattern di irradiazione e valori di impedenza di ingresso. Comunemente vengono usate configurazioni strutturali per l elemento radiante di tipo quadrato o rettangolare, come nel caso dell'antenna in esame, ma anche circolare. Oltre a queste caratteristiche positive sono presenti anche diversi svantaggi, tra i quali la bassa efficienza e la ridotta larghezza di banda.quest ultimo fattore è probabilmente il più critico che solitamente si cerca di limitare aumentando lo spessore del substrato dielettrico posto al di sotto del patch; questa soluzione può però causare una diminuzione dell efficienza dell antenna per effetto dell innesco di onde superficiali.una generica antenna a microstriscia risulta costituita da un elemento metallico molto sottile posto ad una distanza h da un piano di massa; l'elemento radiante è progettato in modo che il massimo del diagramma di radiazione si abbia nella direzione normale all antenna. Viene indotta dal segnale proveniente dalla linea di alimentazione una corrente superficiale sul patch, rilevante in prossimità della frequenza di risonanza, che genera una campo elettrico verticale tra il patch e il piano di massa. Al di sopra di un substrato dielettrico che lo separa dal piano di massa è posto l'elemento radiante.i valori di permittività del substrato variano tipicamente tra 2.2 e 12.Substrati spessi con bassi valori di er sono preferibili per quanto riguarda le prestazioni delle antenne poiché consentono di ottenere efficienze superiori con bande più larghe, occupando però più spazio.

3 Substrati sottili con elevati valori di costante dielettrica sono invece più indicati per l utilizzo nei circuiti a microonde perché in questo caso i campi sono maggiormente confinati (minimizzando radiazioni ed accoppiamenti indesiderati);risulta però inferiore l' efficienza a causa delle elevate perdite che questa soluzione comporta, ed anche la larghezza di banda è in genere minore. Siccome le antenne a microstriscia sono spesso integrate con altri dispositivi a microonde, è necessario trovare delle soluzioni di compromesso.l'alimentazione del patch si può effettuare tramite linea a microstriscia o cavo coassiale. L'unico grado di libertà,una volta scelta la geometria del patch e le caratteristiche del substrato,che si ha in entrambi i casi, è dato dalla posizione del punto di alimentazione variando il quale è possibile realizzare il valore di impedenza di ingresso del patch necessario all adattamento tra patch e rete di alimentazione. Nel nostro caso la patch viene alimentata mediante linea a microstriscia che è stampata sullo stesso piano del patch ed è connessa direttamente al suo bordo. Simulatore numerico Mstrip40 E' stato usato il simulatore numerico Mstrip40 [1] per la simulazione dell'antenna,che è un programma freeware scritto per l'analisi di antenne a microstriscia,multistrato,modellate arbitrariamente dall'utente.per realizzare la simulazione il programma utilizza la tecnica del metodo dei Momenti che permette di determinare le correnti superficiali che si generano su un oggetto investito da campo elettromagnetico. L' applicazione del Mom nel programma Mstrip40 è basato sulla suddivione del dominio in rettangoli che devono rispettare la condizione per cui le loro dimensioni siano almeno un ordine di grandezza inferiori alla minima lunghezza d`onda nel range di frequenza di interesse. Questo metodo consente di approssimare le equazioni integrali in un sistema di N equazioni lineari algebriche. Nel nostro caso la patch era composta da tanti segmenti come riportato in figura:

4 Sono state condotte prove sull' antenna in esame articolandole in varie sessioni : I. Serie di simulazioni tenute mantenendo costante h e facendo variare E 1 e E 2. II. Serie di simulazioni tenendo costante E 1 ad un valore di 4.8 e facendo variare h tra -10% e +10%. III. Serie di simulazioni tenendo costante E 1 ad un valore di 4.7 e facendo variare h tra -10% e +10%. IV. Serie di simulazioni tenendo costante E 1 ad un valore di 4.6 e facendo variare h tra -10% e +10%. V. Serie di simulazioni tenendo costante E 1 e facendo variare la larghezza totale della patch in un range di compreso tra -20% e +20%. VI. Serie di simulazioni tenendo costante E 1 e facendo variare la lunghezza totale della patch in un range di compreso tra -20% e +20%. dove: E1= parte reale della costante dielettrica E2= parte immaginaria della costante dielettrica h= altezza substrato I risultati più significativi per lo studio sono stati salvati e approfonditi con la creazione di tabelle e grafici (frequenza in Ghz / fattore di riflessione in db) con Excel. Si è notato come ognuna delle variabili prese in esame, sia particolarmente sensibile anche a minime modifiche,dando quindi alla nostra antenna prestazioni diverse. Tutte le variabili in gioco risultano avere estrema importanza per l' apporto ad una maggior efficienza dell'antenna. L' antenna a patch ha i seguenti valori di partenza (su cui poi sono state apportate successive modifiche): Dimensione larghezza : 15mm Dimensione lunghezza: 12mm Altezza substrato : 1,3mm Costante dielettrica (E 1 ) : 4.8

5 Per le prime 4 prove è stato discretizzato il patch utilizzando piccole celle quadrate da 0,5 mm. Ne seguono i calcoli delle nostre misure: 0,5 * 30 = 15 mm(weight) 0,5 * 24 = 12 mm(lenght) Le prove sono state interamente condotte utilizzando una frequency start di 5,6 Ghz e una frequency stop di 5,85 Ghz, un numero di passi pari a 15(cioè i punti in cui calcolare i parametri) e il radius settato a 50, dove con radius si intende il range (in termini di segmenti) di reciproca influenza e accoppiamento tra i diversi segmenti facenti parte della medesima struttura. Ci siamo serviti in prima battuta della carta di smith per analizzare il parametro S 11. Ci interessa trovare il punto con S 11 minore di tutti. Questo ci permetterà di conoscere la frequenza di risonanza(f r ) dell'antenna e la resistenza di radiazione. Z Zo = impedenza di ingresso. Quindi nel nostro caso 50 ohm * 1.04 = 52 ohm. I calcoli risulteranno ovviamente piu o meno accurati in base al numero di passi che vengono utilizzati. Maggiore è il numero di passi, più il tempo di attesa cresce per le simulazioni.

6 0-5 5,55 5,6 5,65 5,7 5,75 5,8 5,85 5, f requenza (GHz) Il grafico, di cui sopra, mostra come si comporta l'andamento del parametro S11, che indica la riflessione sulla porta di alimentazione dell' antenna al variare della frequenza: tipicamente si desiderano valori di S 11 almeno inferiori ai -10 db.il grafico è relativo alla simulazione dell'antenna con E1= 4.6,e h = 1.3. Il software Mstrip40 consente anche di calcolare e visualizzare il diagramma di radizione così come le correnti sulle patch.alla frequenza di risonanza la distribuzione di corrente sull'antenna presa in esame è risultata come in figura a destra mentre a sinistra viene riportato il diagramma di radiazione: Modello analitico Passando al calcolo analitico si sono osservati e confrontati i dati così ottenuti con quelli precedentemente reperiti con il calcolo numerico. In paricolare si è calcolata la frequenza di risonanza efficace. Per fare ció abbiamo considerato gli effetti di bordo che sono funzione del rapporto L/h e della costante Er del substrato. Siccome influenzano la frequenza di risonanza,è molto importante tenere conto di questi effetti. Abbiamo così calcolato la costante dielettrica efficace utlizzando la formula:

7 Gli effetti di bordo determinano un aumento ΔL delle dimensioni del patch che abbiamo calcolato analiticamente: Cosi facendo la lunghezza efficace della patch risulta L eff = L + 2ΔL. Utilizzando il modello a cavità e assumendo la presenza del solo modo TM 010 si ha che: Per i casi migliori sono stati svolti i calcoli ottenendo così una frequenza di risonanza di 5.61 Ghz,che risulta essere un valore molto vicino a quella che è risultato dalle simulazioni utilizzando il software Mstrip40. E' stato constatato anche che se lo spessore del substrato aumenta,di conseguenza aumenta anche ΔL(quindi la lunghezza efficace), diminuisce la frequenza efficace di risonanza. Abbiamo inoltre confrontato tutti i risultati ottenuti utilizzando un altro software che implementa le formule presentate in precedenza, utilizzando lo stesso procedimento anche per il calcolo dell'impedenza di ingresso, un parametro che analiticamente è risultato difficoltoso da calcolare.i risultati ottenuti urilizzando le formule analitiche approssimate rispecchiano quasi fedelmente i grafici ottenuti con le simulazioni.

8 Sono state svolte simulazioni e grafici per ognuna delle prove riportate nella tabella sottostante: [1] Mstrip40 Manual -www.e-technik.fh-diel.de BIBLIOGRAFIA [2] C.A. Balanis, Antenna Theory Analysis And Design,2 nd edition

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA Tesi di Laurea PROGETTAZIONE ASSISTITA AL CALCOLATORE DI ANTENNE PATCH Laureando:

Dettagli

1 Le equazioni di Maxwell e le relazioni costitutive 1 1.1 Introduzione... 1 1.2 Richiami sugli operatori differenziali...... 4 1.2.1 Il gradiente di uno scalare... 4 1.2.2 La divergenza di un vettore...

Dettagli

Descrizione generale delle principali strutture guidanti

Descrizione generale delle principali strutture guidanti Descrizione generale delle principali strutture guidanti (estratto da P. Bernardi, M. Cavagnaro, Appunti di microonde: Strutture guidanti e giunzioni, ed Ingegneria 2000, 2008) Una delle caratteristiche

Dettagli

UNIVERSITÀ DI SIENA TESI DI LAUREA

UNIVERSITÀ DI SIENA TESI DI LAUREA UNIVERSITÀ DI SIENA TESI DI LAUREA Autore: Luis Alberto Hernández de Paz Proffesore: Gabriele Minatti Febraio 2011 INDICE 1. Antenne a microstriscia 1.1 Introduzione 1.2 Caratteristiche delle antenne a

Dettagli

Guide d onda. Cerchiamo soluzioni caratterizzate da una propagazione lungo z

Guide d onda. Cerchiamo soluzioni caratterizzate da una propagazione lungo z GUIDE D ONDA Guide d onda Cerchiamo soluzioni caratterizzate da una propagazione lungo z Onde progressive e regressive Sostituendo nell equazione d onda ( essendo Valido anche per le onde regressive Equazione

Dettagli

Antenne per Radioastronomia

Antenne per Radioastronomia Antenne per Radioastronomia Giorgio Sironi Dipartimento di Fisica G.Occhialini Milano 11 Gennaio 2008 1 L Antenna ha la funzione di trasferire con la massima efficienza il segnale elettromagnetico dal

Dettagli

Introduzione alle onde Elettromagnetiche (EM)

Introduzione alle onde Elettromagnetiche (EM) Introduzione alle onde Elettromagnetiche (EM) Proprieta fondamentali L energia EM e il mezzo tramite il quale puo essere trasmessa informazione tra un oggetto ed un sensore (e.g. radar) o tra sensori/stazioni

Dettagli

Indice. Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione americana. Capitolo 1 Introduzione: onde e fasori 1

Indice. Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione americana. Capitolo 1 Introduzione: onde e fasori 1 Indice Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione americana VII IX Capitolo 1 Introduzione: onde e fasori 1 Generalità 1 1.1 Dimensioni, unità di misura e notazione 2 1.2 La natura dell elettromagnetismo

Dettagli

Esempi di progetto di antenne a patch per terminali

Esempi di progetto di antenne a patch per terminali Esempi di progetto di antenne a patch per terminali Docente: Filiberto Bilotti Sommario Antenne a patch di forma poligonale Antenna a patch per terminali UMTS Antenne a patch di forma poligonale con shorting

Dettagli

1.1.1 Panoramica su vari tipi di antenne

1.1.1 Panoramica su vari tipi di antenne 6 CAPITOLO 1. Introduzione Figura 1.1: Schematizzazione del comportamento di un antenna in trasmissione (a) e in ricezione (b). Nel caso in cui l onda guidata sia relativa ad un modo TEM in una linea di

Dettagli

Politecnico di Torino

Politecnico di Torino olitecnico di Torino Laurea Specialistica in Ingegneria A.A. 2005/2006 Corso di COMATIBILITÀ ELETTROMAGNETICA Misura in camera anecoica del guadagno di un antenna Yagi Barbagallo Giuseppe matr. 126521

Dettagli

Como 3 aprile 2004 Gara nazionale qualificati Operatore elettronico per le telecomunicazioni 1. Seconda Prova

Como 3 aprile 2004 Gara nazionale qualificati Operatore elettronico per le telecomunicazioni 1. Seconda Prova Como 3 aprile 2004 Gara nazionale qualificati Operatore elettronico per le telecomunicazioni Si consiglia di leggere attentamente il testo proposto prima di segnare la risposta. Seconda Prova La prova

Dettagli

GUIDE D ONDA. Il fabbro - Jefferson David Chalfant. Carlo Vignali - I4VIL 2004

GUIDE D ONDA. Il fabbro - Jefferson David Chalfant. Carlo Vignali - I4VIL 2004 GUIDE D ONDA. Il fabbro - Jefferson David Chalfant Carlo Vignali - I4VIL 2004 Cavi coassiali. Applicando un segnale di tensione V all ingresso del cavo, inizia a scorrere corrente I solo in ragione della

Dettagli

Antenne per i telefoni cellulari

Antenne per i telefoni cellulari Antenne per i telefoni cellulari annamaria.cucinotta@unipr.it http://www.tlc.unipr.it/cucinotta 1 Requisiti terminali mobili I principali vincoli da tenere in conto nella progettazione di un antenna per

Dettagli

Programma software ALDENA per ambiente Windows per la previsione dei campi elettromagnetici generati da antenne trasmittenti

Programma software ALDENA per ambiente Windows per la previsione dei campi elettromagnetici generati da antenne trasmittenti Programma software ALDENA per ambiente Windows per la previsione dei campi elettromagnetici generati da antenne trasmittenti I principi di funzionamento Distribuito da: MPB srl - Via Giacomo Peroni 400/402-00131

Dettagli

Tecniche di schermatura

Tecniche di schermatura E.M.I. Shield e Grounding: analisi applicata ai sistemi di cablaggio strutturato Tecniche di schermatura Pier Luca Montessoro pierluca.montessoro@diegm.uniud.it SCHERMI - 1 Copyright: si veda nota a pag.

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE TECNICA E PROFESSIONALE. "G. da VERRAZZANO" sez. Nautico PORTO SANTO STEFANO GR

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE TECNICA E PROFESSIONALE. G. da VERRAZZANO sez. Nautico PORTO SANTO STEFANO GR ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE TECNICA E PROFESSIONALE "G. da VERRAZZANO" sez. Nautico PORTO SANTO STEFANO GR Documento dell Insegnante per la Classe: VA ind.: T.M. anno scolastico: 2009/2010 Materia:

Dettagli

Informazioni Tecniche

Informazioni Tecniche Informazioni Tecniche Principi di Risparmio Energetico Principio della restituzione dell energia persa per resistenza sotto forma di energia efficace 01 Elettroni di scambio da vibrazioni del reticolo

Dettagli

LE ANTENNE INTRODUZIONE

LE ANTENNE INTRODUZIONE LE ANTENNE INTRODUZIONE Le antenne sono dispositivi impiegati nella trasmissione e nella ricezione di onde elettromagnetiche. La forma di un antenna è molto variabile e dipende dal tipo di impiego: radiotelegrafia,

Dettagli

Misure di compatibilità elettromagnetica (EMC: ElectroMagnetic Compatibility)

Misure di compatibilità elettromagnetica (EMC: ElectroMagnetic Compatibility) Misure di compatibilità elettromagnetica (EMC: ElectroMagnetic Compatibility) Compatibilità Elettromagnetica sta ad indicare l idoneità di un apparecchio o di un sistema a funzionare nel proprio campo

Dettagli

Tecniche di Misura e Strumentazione per l adeguamento alle nuove

Tecniche di Misura e Strumentazione per l adeguamento alle nuove Tecniche di Misura e Strumentazione per l adeguamento alle nuove Normative Alessandro ROGOVICH Dept. of Information Engineering, Pisa University, Pisa, Italy Microwave & Radiation Laboratory alessandro.rogovich@iet.unipi.it

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE SPERIMENTALE DELLE PROPRIETÀ ELETTROMAGNETICHE DI MATERIALI PLASTICI MEDIANTE METODI RISONANTI

CARATTERIZZAZIONE SPERIMENTALE DELLE PROPRIETÀ ELETTROMAGNETICHE DI MATERIALI PLASTICI MEDIANTE METODI RISONANTI ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA CAMPUS DI CESENA SCUOLA DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA E DELLE TELECOMUNICAZIONI CARATTERIZZAZIONE SPERIMENTALE DELLE

Dettagli

Antenne. Generatore HF

Antenne. Generatore HF Antenne I V I Generatore HF 1 V I I Generatore HF Dipolo λ/2 Massima impedenza minima impedenza TX 2 trasmettitore linea a n t e n n a d i p o l o λ Lunghezza dipolo = 0,98 ------------- 2 Si dimostra

Dettagli

Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D

Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D 2 Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D Introduzione Questo documento riporta un confronto tra i risultati di un analisi di risposta sismica locale condotta con il codice di calcolo LSR2D (Stacec

Dettagli

Lezione n. 3. Tipi di antenne. Impatto ambientale dei campi elettromagnetici

Lezione n. 3. Tipi di antenne. Impatto ambientale dei campi elettromagnetici Lezione n. 3 Tipi di antenne Impatto ambientale dei campi elettromagnetici Ripasso - 1 A(r) e J i (r') d τ 4 π r r' ' τ j k r r' zona di campo vicino reattivo zona di campo vicino radiativo (Fresnel) zona

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

Elettronica Introduzione

Elettronica Introduzione Elettronica Introduzione Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Introduzione 4 marzo 2015 Valentino Liberali (UniMI) Elettronica

Dettagli

MEZZI DI RTASMISSIONE 1 DOPPINO TELEFONICO 2 CAVO COASSIALE 1 MULTI 2 MONO 1 ONDE RADIO 2 MICROONDE 3 INFRAROSSI 4 LASER

MEZZI DI RTASMISSIONE 1 DOPPINO TELEFONICO 2 CAVO COASSIALE 1 MULTI 2 MONO 1 ONDE RADIO 2 MICROONDE 3 INFRAROSSI 4 LASER 1 ELETTRICI 2 OTTICI 3 WIRELESS MEZZI DI RTASMISSIONE 1 DOPPINO TELEFONICO 2 CAVO COASSIALE 1 MULTI 2 MONO 1 ONDE RADIO 2 MICROONDE 3 INFRAROSSI 4 LASER MODALI ELETTRICI PARAMETRI 1 IMPEDENZA 2 VELOCITA'

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "G. MARCONI" Via Milano n. 51-56025 PONTEDERA (PI)

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. MARCONI Via Milano n. 51-56025 PONTEDERA (PI) ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSE: DISCIPLINA: Telecomunicazioni- pag. 1 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - CLASSE: DISCIPLINA: Monte ore annuo

Dettagli

Principi costruttivi e progettazione di Gioacchino Minafò IW9 DQW. Tratto dal sito web WWW.IT9UMH.ALTERVISTA.ORG

Principi costruttivi e progettazione di Gioacchino Minafò IW9 DQW. Tratto dal sito web WWW.IT9UMH.ALTERVISTA.ORG Principi costruttivi e progettazione di Gioacchino Minafò IW9 DQW Le antenne a quadro (o telaio) Il principio di funzionamento di un'antenna a quadro è differente da quello delle comuni antenne filari

Dettagli

STAGE LNL 2013 TEMA A: ACCELERATORI DI PARTICELLE RELAZIONE FINALE

STAGE LNL 2013 TEMA A: ACCELERATORI DI PARTICELLE RELAZIONE FINALE STAGE LNL 2013 TEMA A: ACCELERATORI DI PARTICELLE RELAZIONE FINALE Cavità risonanti Introduzione alle cavità risonanti Struttura dell' esperimento Network Analyzer Bead Pulling Studio dei modi di risonanza

Dettagli

Banco a microonde Introduzione

Banco a microonde Introduzione Banco a microonde Introduzione Il sistema e costituito (vedi figura 1) da una sorgente direzionale di onde elettromagnetiche polarizzate di frequenza di 9.5 GHz ( = 3.16 cm) e da un rivelatore direzionale

Dettagli

AP 677 SPLITTER ADSL/POTS

AP 677 SPLITTER ADSL/POTS AP 677 SPLITTER ADSL/POTS MONOGRAFIA DESCRITTIVA EDIZIONE Settembre 2006 MON. 205 REV. 2.1 1 di 9 INDICE 1.0 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DELL APPARATO 3 2.0 CARATTERISTICHE TECNICHE 3 2.1 CARATTERISTICHE

Dettagli

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015 1 Giochi d ombra [Punti 10] Una sorgente di luce rettangolare, di lati b e c con b > c, è fissata al soffitto di una stanza di altezza L = 3.00 m. Uno schermo opaco quadrato di lato a = 10cm, disposto

Dettagli

Modulo del software GHERAP per la valutazione radio protezionistica del campo EM generato da segnali impulsivi (radar)

Modulo del software GHERAP per la valutazione radio protezionistica del campo EM generato da segnali impulsivi (radar) Modulo del software GHERAP per la valutazione radio protezionistica del campo EM generato da segnali impulsivi (radar) www.studioingsapone.it Pagina 1 di 10 Premessa Questo modulo rappresenta una opzione

Dettagli

Modellistica delle linee di trasmissione

Modellistica delle linee di trasmissione Modellistica delle linee di trasmissione PARTE I Modelli equivalenti nel dominio del tempo e della frequenza prof. Antonio Maffucci A. Maffucci, Modellistica delle linee di trasmissione parte 1 [pag. 1/81]

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE " VILLAGGIO DEI RAGAZZI " (MADDALONI) PIANO DI LAVORO. Anno scolastico 2005/2006

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE  VILLAGGIO DEI RAGAZZI  (MADDALONI) PIANO DI LAVORO. Anno scolastico 2005/2006 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE " VILLAGGIO DEI RAGAZZI " (MADDALONI) PIANO DI LAVORO Anno scolastico 2005/2006 Materia di insegnamento: TELECOMUNICAZIONI Ore settimanali: 3 Classe: 4^ Sezione: A Docente

Dettagli

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua 6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua L insieme di equazioni riportato di seguito, costituisce un modello matematico per il motore in corrente continua (CC) che può essere rappresentato

Dettagli

MICROONDE E ONDE MILLIMETRICHE. Segnali con frequenze tra f=300 MHz e f=300 GHz e lunghezze d onda tra λ=1 m e λ=1 mm.

MICROONDE E ONDE MILLIMETRICHE. Segnali con frequenze tra f=300 MHz e f=300 GHz e lunghezze d onda tra λ=1 m e λ=1 mm. MICOONDE rogramma del corso (a.a. 1/11): 1) guide d onda metalliche e risonatori ) teoria dei circuiti a microonde 3) strutture periodiche e filtri 4) componenti passivi per le microonde 5) introduzione

Dettagli

Gli analizzatori di rete vettoriali (VNA - Vector Network

Gli analizzatori di rete vettoriali (VNA - Vector Network I vantaggi delle misure nel dominio del tempo mediante un VNA Christian Sattler Business development m anager Anritsu - Germany Alcuni VNA possono visualizzare i dati anche nel dominio del tempo, fornendo

Dettagli

RICCARDO SANTOBONI ANNA RITA TICARI. Fondamenti di Acustica e Psicoacustica

RICCARDO SANTOBONI ANNA RITA TICARI. Fondamenti di Acustica e Psicoacustica RICCARDO SANTOBONI ANNA RITA TICARI Fondamenti di Acustica e Psicoacustica 1 2 Riccardo Santoboni Anna Rita Ticari Fondamenti di Acustica e Psicoacustica 3 Terza edizione (2008) 4 Sommario 5 6 Sommario

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Ettore Majorana CASSINO. Le Antenne. (Dispensa per il corso di Telecomunicazioni)

Istituto Tecnico Industriale Statale Ettore Majorana CASSINO. Le Antenne. (Dispensa per il corso di Telecomunicazioni) Le Antenne (Dispensa per il corso di Telecomunicazioni) Anno IV della specializzazione Elettronica e Telecomunicazioni Pagina 1 1. Campi elettromagnetici ed onde elettromagnetiche Dovrebbe essere noto

Dettagli

Studio di geometrie di antenne su PCB per trasmissione wireless Ultra-WideBand

Studio di geometrie di antenne su PCB per trasmissione wireless Ultra-WideBand Alma Mater Studiorum Università di Bologna Scuola di Scienze Corso di Laurea in Fisica Studio di geometrie di antenne su PCB per trasmissione wireless Ultra-WideBand Relatore: Dott. Alessandro Gabrielli

Dettagli

η = ALTRE ANTENNE di Gianni Turco, ik0ziz

η = ALTRE ANTENNE di Gianni Turco, ik0ziz ALTRE ANTENNE di Gianni Turco, ik0ziz VLF-LF Le antenne VLF-FL sono riconducibili a radiatori cilindrici verticali su un piano di massa. Sono elettricamente corte, dato l alto valore della lunghezza d

Dettagli

Caratteristiche della mitigazione passiva del campo magnetico nella gamma di frequenza 1 khz 100 khz

Caratteristiche della mitigazione passiva del campo magnetico nella gamma di frequenza 1 khz 100 khz Caratteristiche della mitigazione passiva del campo magnetico nella gamma di frequenza 1 khz 100 khz Zucca, M. (1), Roccato, P. (2), Chiampi, M. (2), Bottauscio, O. (1) (1) I.N.Ri.M. Istituto Nazionale

Dettagli

METODI DI ANALISI DELL EFFICACIA DI DISPOSITIVI PER LA RIDUZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI GENERATI DA TELEFONI CELLULARI

METODI DI ANALISI DELL EFFICACIA DI DISPOSITIVI PER LA RIDUZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI GENERATI DA TELEFONI CELLULARI METODI DI ANALISI DELL EFFICACIA DI DISPOSITIVI PER LA RIDUZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI GENERATI DA TELEFONI CELLULARI RIASSUNTO L. Anglesio, S. Adda, A. Benedetto, M. Tasso, G. d Amore

Dettagli

Impianti di riscaldamento. Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia

Impianti di riscaldamento. Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia Impianti di riscaldamento Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia Sono i sistemi più utilizzati nell edilizia residenziale dove spesso sono di solo riscaldamento, ma possono

Dettagli

30 RISONANZE SULLE LINEE DI TRASMISSIONE

30 RISONANZE SULLE LINEE DI TRASMISSIONE 3 RISONANZE SULLE LINEE DI TRASMISSIONE Risuonatori, ovvero circuiti in grado di supportare soluzioni risonanti( soluzioni a regime sinusoidali in assenza di generatori) vengono largamente utilizzati nelle

Dettagli

PROGETTAZIONE MECCANICA CON COSMOS/Works. Informazioni di base

PROGETTAZIONE MECCANICA CON COSMOS/Works. Informazioni di base PROGETTAZIONE MECCANICA CON COSMOS/Works Informazioni di base Che cos è COSMOS/Works? COSMOS/Works è un software per sviluppare progettazioni essenzialmente meccaniche completamente integrato col modellatore

Dettagli

NOTE TECNICHE. I kit telefonici sono composti da: -unità interne. -unità esterna. -alimentatori switching. -antenne

NOTE TECNICHE. I kit telefonici sono composti da: -unità interne. -unità esterna. -alimentatori switching. -antenne Skylink Engineering Sas Via XXIV Maggio, 2-20035 Lissone (MI) Tel. 039/245.74.92 - Fax. 039/245.75.91 www.skylinksas.com - info@skylinksas.com NOTE TECNICHE I kit telefonici consentono di portare i segnali

Dettagli

Prof. Sergio Baragetti. Progettazione FEM

Prof. Sergio Baragetti. Progettazione FEM Prof. Sergio Baragetti Progettazione FEM Perché gli Elementi Finiti Le teorie classiche della meccanica, studiate nei corsi precedenti, sono risolutive nella grande maggioranza dei casi: problemi piani,

Dettagli

Modellazione 3D della Via Lattea. in Unity

Modellazione 3D della Via Lattea. in Unity Modellazione 3D della Via Lattea Tutor accademici: Prof. Francesco Isgrò Prof. Giuseppe Longo in Unity Tutor aziendale: Dott. Massimo Brescia P. D Andrea Idea Realizzare una simulazione della Via Lattea:

Dettagli

ISTITUTO TECNICO AERONAUTICO A. FERRARIN - CATANIA

ISTITUTO TECNICO AERONAUTICO A. FERRARIN - CATANIA ISTITUTO TECNICO AERONAUTICO A. FERRARIN - CATANIA A. S. 2012-2013 ELETTROTECNICA, ELETTRONICA, AUTOMAZIONE CLASSE 3 Sez. C Prof. Fiorio Walter - Prof. Distefano Antonino LIVELLO DI PARTENZA: La classe

Dettagli

LICEO STATALE A.VOLTA COLLE DI VAL D ELSA PROGRAMMA DI FISICA SVOLTO NELLA CLASSE VA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

LICEO STATALE A.VOLTA COLLE DI VAL D ELSA PROGRAMMA DI FISICA SVOLTO NELLA CLASSE VA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 LICEO STATALE A.VOLTA COLLE DI VAL D ELSA PROGRAMMA DI FISICA SVOLTO NELLA CLASSE VA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Insegnante: LUCIA CERVELLI Testo in uso: Claudio Romeni FISICA E REALTA Zanichelli Su alcuni

Dettagli

Le domande più comuni del tema di esame per radioamatore La risposta esatta è in corsivo, evidenziata e sottolineata

Le domande più comuni del tema di esame per radioamatore La risposta esatta è in corsivo, evidenziata e sottolineata Le domande più comuni del tema di esame per radioamatore La risposta esatta è in corsivo, evidenziata e sottolineata D: La capacità di un condensatore a facce piane parallele: R1: Aumenta al diminuire

Dettagli

Tecniche volt-amperometriche in DC Tecniche volt-amperometriche in AC Tecniche di zero: ponte in DC Tecniche di zero: ponte in AC

Tecniche volt-amperometriche in DC Tecniche volt-amperometriche in AC Tecniche di zero: ponte in DC Tecniche di zero: ponte in AC Misura di impedenze Misura di impedenze Tecniche volt-amperometriche in D Tecniche volt-amperometriche in A Tecniche di zero: ponte in D Tecniche di zero: ponte in A Obiettivi della lezione Metodologici

Dettagli

Definizione di mutua induzione

Definizione di mutua induzione Mutua induzione Definizione di mutua induzione Una induttanza produce un campo magnetico proporzionale alla corrente che vi scorre. Se le linee di forza di questo campo magnetico intersecano una seconda

Dettagli

Prova Parziale 1 Corso di Biosensori - Ing. Mazzei (22 Aprile 2013)

Prova Parziale 1 Corso di Biosensori - Ing. Mazzei (22 Aprile 2013) Prova Parziale 1 Corso di Biosensori - Ing. Mazzei (22 Aprile 2013) Esercizio 1 Considerando la seguente tabella riportante i dati raccolti per la taratura di un sensore di temperatura. Si determini: -

Dettagli

ISTITUTO TECNICO DEI TRASPORTI E LOGISTICA NAUTICO SAN GIORGIO NAUTICO C.COLOMBO. CLASSE 3 A sez. 3CI

ISTITUTO TECNICO DEI TRASPORTI E LOGISTICA NAUTICO SAN GIORGIO NAUTICO C.COLOMBO. CLASSE 3 A sez. 3CI CLASSE 3 A sez. 3CI MATERIA: Elettrotecnica, laboratorio 1. Contenuti del corso DOCENTI: SILVANO Stefano FERRARO Silvano Unità didattica 1: Gli strumenti di misura Il concetto di misura, errori di misura

Dettagli

FACOLTA' DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA

FACOLTA' DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA' DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA TESI DI LAUREA IDENTIFICAZIONE DI MODELLI A MULTIPORTA PER LA CARATTERIZZAZIONE E LA SIMULAZIONE

Dettagli

METODOLOGIA DI PROGETTAZIONE DI AMPLIFICATORI FINALI DI POTENZA A MICROONDE PER APPLICAZIONI ATV

METODOLOGIA DI PROGETTAZIONE DI AMPLIFICATORI FINALI DI POTENZA A MICROONDE PER APPLICAZIONI ATV METODOLOGIA DI PROGETTAZIONE DI AMPLIFICATORI FINALI DI POTENZA A MICROONDE PER APPLICAZIONI ATV A. Meazza 1 1 Tel: +39 02 26598639; e-mail: andrea.meazza@ericsson.com Abstract: Nel presente lavoro viene

Dettagli

Rientrano in questa categoria i seguenti metodi: - Pile Echo Test o Low Strain Test. - Ammettenza meccanica

Rientrano in questa categoria i seguenti metodi: - Pile Echo Test o Low Strain Test. - Ammettenza meccanica Prove dinamiche e metodi sonici per la determinazione della capacità portante e la verifica in sito dell integrità del materiale costitutivo di diaframmi in c.a. La descrizione seguente dettaglia sulle

Dettagli

Antenne e Propagazione. Alberto Tibaldi

Antenne e Propagazione. Alberto Tibaldi Antenne e Propagazione Alberto Tibaldi 10 febbraio 2011 Indice 1 Introduzione e nozioni preliminari 5 1.1 Introduzione alle antenne..................... 5 1.2 Equazioni fondamentali......................

Dettagli

Radiometro integrato al silicio per la prevenzione di incendi boschivi

Radiometro integrato al silicio per la prevenzione di incendi boschivi Radiometro integrato al silicio per la prevenzione di incendi boschivi A. Fonte, B. Neri Radio-Frequency & Microwave Integrated Circuits Laboratory Università di Pisa Sommario Introduzione alla radiometria

Dettagli

ANTENNA HALF-SLOPER. PER 160m

ANTENNA HALF-SLOPER. PER 160m ANTENNA HALF-SLOPER BY IK4CIE Vittorio PER 160m Anzitutto preciso che si chiama "sloper" e non "slooper" dal vocabolo inglese "slope" che vuole dire "inclinato". Il termine "sloper" indica un dipolo completo

Dettagli

TX Figura 1: collegamento tra due antenne nello spazio libero.

TX Figura 1: collegamento tra due antenne nello spazio libero. Collegamenti Supponiamo di avere due antenne, una trasmittente X e una ricevente X e consideriamo il collegamento tra queste due antenne distanti X X Figura : collegamento tra due antenne nello spazio

Dettagli

Metodologia di calcolo per pompe a ingranaggi esterni Articolo pubblicato sulla rivista oleodinamica e pneumatica 03/2013 Gibellini Matteo

Metodologia di calcolo per pompe a ingranaggi esterni Articolo pubblicato sulla rivista oleodinamica e pneumatica 03/2013 Gibellini Matteo In questo articolo verrà descritta la metodologia di calcolo per la progettazione delle pompe a ingranaggi esterni con dentatura ad evolvente sviluppato dall autore per conto di Galtech S.p.A. con l obiettivo

Dettagli

Catene di Misura. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/

Catene di Misura. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Catene di Misura Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Piero Malcovati Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia piero.malcovati@unipv.it Piero Malcovati

Dettagli

NORMATIVA REGIONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELL'INQUINAMENTO DA CAMPI ELETTROMAGNETICI

NORMATIVA REGIONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELL'INQUINAMENTO DA CAMPI ELETTROMAGNETICI LEGGE REGIONALE N. 30 DEL 05-04-2000 REGIONE BASILICATA NORMATIVA REGIONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELL'INQUINAMENTO DA CAMPI ELETTROMAGNETICI Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N.

Dettagli

Sperimentazioni & Misure: progetto ATMOSFERA

Sperimentazioni & Misure: progetto ATMOSFERA Sperimentazioni & Misure: progetto ATMOSFERA Flavio Falcinelli RadioAstroLab s.r.l. 60019 Senigallia (AN) - Italy - Via Corvi, 96 Tel: +39 071 6608166 - Fax: +39 071 6612768 info@radioastrolab.it www.radioastrolab.it

Dettagli

Report di misura di attenuazione radio. Palizzata planare realizzata con elementi tubolari in vetroresina di fornitura ATP srl

Report di misura di attenuazione radio. Palizzata planare realizzata con elementi tubolari in vetroresina di fornitura ATP srl Report di misura di attenuazione radio Dispositivo in esame: Palizzata planare realizzata con elementi tubolari in vetroresina di fornitura ATP srl Committente: Prove eseguite da: ATP Srl CLAMPCO Sistemi

Dettagli

COMUNE DI BRUGNERA PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE

COMUNE DI BRUGNERA PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE COMUNE DI BRUGNERA PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE Analisi radioelettrica relativa alla realizzazione del piano comunale di settore per la localizzazione delle stazioni radio base nel Comune

Dettagli

Progetto di Sistema Radar per il Monitoraggio di Traffico Automobilistico

Progetto di Sistema Radar per il Monitoraggio di Traffico Automobilistico UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI Progetto di Sistema Radar per il Monitoraggio di Traffico Automobilistico Tesi

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

I.I.S. N. BOBBIO DI CARIGNANO - PROGRAMMAZIONE PER L A. S. 2014-15

I.I.S. N. BOBBIO DI CARIGNANO - PROGRAMMAZIONE PER L A. S. 2014-15 I.I.S. N. BOBBIO DI CARIGNANO - PROGRAMMAZIONE PER L A. S. 2014-15 DISCIPLINA: FISICA (Indirizzi scientifico e scientifico sportivo) CLASSE: QUARTA (tutte le sezioni) COMPETENZE DISCIPLINARI ABILITA CONTENUTI

Dettagli

I PROBLEMI ALGEBRICI

I PROBLEMI ALGEBRICI I PROBLEMI ALGEBRICI La risoluzione di problemi è una delle attività fondamentali della matematica. Una grande quantità di problemi è risolubile mediante un modello algebrico costituito da equazioni e

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

SSL: Laboratorio di fisica

SSL: Laboratorio di fisica Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento Tecnologie Innovative SSL SSL: Laboratorio di fisica Resistenza nel vuoto Massimo Maiolo & Stefano Camozzi Giugno 2006 (Doc. SSL-060618

Dettagli

Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Automazione. Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^

Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Automazione. Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^ Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Automazione Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^ Elettrotecnica Tipologie di segnali Unità di misura delle grandezze elettriche Simbologia

Dettagli

Relazione di Fine Tirocinio

Relazione di Fine Tirocinio Relazione di Fine Tirocinio 9 luglio 214 Tirocinante: Luca Bianchini Ciampoli Tutor: Prof. Ing. Andrea Benedetto 1 Figura 1: Materiali utilizzati: (a) A1 ghiaia; (b) A2 sabbia grossolana; (c) A3 sabbia

Dettagli

ET CONTROLLO CORRENTI INDOTTE CORSO PER OPERATORI DI II LIVELLO TOTALE ORE : 88 PARTE 1 - PRINCIPI DEL CONTROLLO CON CORRENTI INDOTTE 1.1) Scopo e limitazioni del metodo di controllo con correnti indotte

Dettagli

COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Ufficio Tecnico c.a.p. 31010 Piazza Municipio, 13 tel. 0438/498834 c.f.: 82006050262 fax 0438/492190

COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Ufficio Tecnico c.a.p. 31010 Piazza Municipio, 13 tel. 0438/498834 c.f.: 82006050262 fax 0438/492190 Allegato sub A alla delibera di C.C. n 64 del 23/12/2008 COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Ufficio Tecnico c.a.p. 31010 Piazza Municipio, 13 tel. 0438/498834 c.f.: 82006050262 fax 0438/492190

Dettagli

8 Linee di trasmissione nel dominio del tempo

8 Linee di trasmissione nel dominio del tempo 8 Linee di trasmissione nel dominio del tempo Introduzione La trasmissione d informazioni a distanza radiocollegamento) che utilizza la propagazione libera del campo elettromagnetico e.m.) è molto diffusa

Dettagli

Esempi di Progettazione Fotovoltaica. Relatore: Ing. Raffaele Tossini

Esempi di Progettazione Fotovoltaica. Relatore: Ing. Raffaele Tossini Esempi di Progettazione Fotovoltaica ESEMPI:IMPIANTO DA 55 KWP Radiazione solare ESEMPI:IMPIANTO DA 55 KWP DIAGRAMMA DELLE OMBRE ESEMPI:IMPIANTO DA 55 KWP ESEMPI:IMPIANTO DA 55 KWP INVERTER ESEMPI:IMPIANTO

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO Allegato A2.11 ANALISI DELLE POTENZIALITA DI SVILUPPO DI PRODUZIONE EOLICA Riferimento al capitolo 3.3 della Relazione di sintesi PEAP GR A cura

Dettagli

Come visto precedentemente l equazione integro differenziale rappresentativa dell equilibrio elettrico di un circuito RLC è la seguente: 1 = (1)

Come visto precedentemente l equazione integro differenziale rappresentativa dell equilibrio elettrico di un circuito RLC è la seguente: 1 = (1) Transitori Analisi nel dominio del tempo Ricordiamo che si definisce transitorio il periodo di tempo che intercorre nel passaggio, di un sistema, da uno stato energetico ad un altro, non è comunque sempre

Dettagli

INQUINAMENTO DA CAMPI ELETTROMAGNETICI A

INQUINAMENTO DA CAMPI ELETTROMAGNETICI A INQUINAMENTO DA CAMPI ELETTROMAGNETICI A RADIOFREQUENZA DOVUTI AD IMPIANTI PER TELEFONIA MOBILE: VALUTAZIONE DEL LIVELLO DI FONDO AMBIENTALE CON MODELLI PREVISIONALI E RILEVAZIONI STRUMENTALI Rapporto

Dettagli

Propagazione nelle fibre ottiche

Propagazione nelle fibre ottiche Propagazione nelle fibre ottiche Appunti dal Corso di Complementi di Campi Elettromagnetici Fac. di Ingegneria, Università di Pavia, a.a. 2003-2004 La teoria delle guide dielettriche può essere usata per

Dettagli

ÉTUDE COMPATIBILITÉ ELECTROMAGNETIQUE VERS TIERS / STUDIO COMPATIBILITA ELETTROMAGNETICA VERSO IMPIANTI TERZI CAVIDOTTO 132 KV VENAUS-SUSA

ÉTUDE COMPATIBILITÉ ELECTROMAGNETIQUE VERS TIERS / STUDIO COMPATIBILITA ELETTROMAGNETICA VERSO IMPIANTI TERZI CAVIDOTTO 132 KV VENAUS-SUSA SOMMAIRE / INDICE RESUME/RIASSUNTO... 3 1. GENERALITA... 4 2. NORME DI RIFERIMENTO... 6 2.1 CEI 103-6 LIMITI RELATIVI ALLA SICUREZZA (DELLE PERSONE)... 6 2.2 CEI 103-6 LIMITI RELATIVI AL DANNO AGLI IMPIANTI...

Dettagli

SCARICATORI DI TENSIONE PER IMPIEGO NEI SISTEMI IN CAVO ELETTRICO AD ALTA TENSIONE.

SCARICATORI DI TENSIONE PER IMPIEGO NEI SISTEMI IN CAVO ELETTRICO AD ALTA TENSIONE. SCARICATORI DI TENSIONE PER IMPIEGO NEI SISTEMI IN CAVO ELETTRICO AD ALTA TENSIONE. Descrizione del problema Nei cavi elettrici con isolamento solido, il conduttore isolato è rivestito con una guaina o

Dettagli

TRASMETTITORE TX-FM-MID/EN

TRASMETTITORE TX-FM-MID/EN TRASMETTITORE TX-FM-MID/EN Il TX-FM-MID/EN è un modulo trasmettitore di dati digitali con modulazione FSK. PIN-OUT 10 1 CONNESSIONI Pin 1 TX Dati Ingresso dati con resistenza di ingresso di 50 kω minimi.

Dettagli

POLITECNICO DI BARI. Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Tesi di laurea in Antenne e Compatibilità Elettromagnetica

POLITECNICO DI BARI. Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Tesi di laurea in Antenne e Compatibilità Elettromagnetica POLITECNICO DI BARI Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Tesi di laurea in Antenne e Compatibilità Elettromagnetica IMPIEGO DEL METODO DEI MOMENTI PER LA PROGETTAZIONE PARAMETRICA

Dettagli

TEORIA MODALE IN UNA GUIDA CIRCOLARE

TEORIA MODALE IN UNA GUIDA CIRCOLARE 3 TEORIA MODALE IN UNA GUIDA CIRCOLARE Per studiare la propagazione in fibra ottica dal punto di vista della teoria elettromagnetica bisogna partire dalle equazioni di Maxwell, in questo capitolo si discute

Dettagli

La misura di forza avviene mediante celle di carico (dette anche Bilance o Dinamometri).

La misura di forza avviene mediante celle di carico (dette anche Bilance o Dinamometri). Misure di forza 1 Misure di forza La misura di forza avviene mediante celle di carico (dette anche Bilance o Dinamometri). Le celle di carico possono essere suddivise in due categorie che, in funzione

Dettagli

Esercitazione di Laboratorio - Leve di 1-2 - 3 genere TITOLO ESERCITAZIONE: VERIFICA DELLE LEGGI DELLE LEVE

Esercitazione di Laboratorio - Leve di 1-2 - 3 genere TITOLO ESERCITAZIONE: VERIFICA DELLE LEGGI DELLE LEVE TITOLO ESERCITAZIONE: VERIFICA DELLE LEGGI DELLE LEVE PREREQUISITI RICHIESTI PER LO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITÀ DI LABORATORIO L alunno deve conoscere la definizione di forza, la definizione di momento.

Dettagli

Analisi non lineari statiche e dinamiche valutate con il software: ETABS

Analisi non lineari statiche e dinamiche valutate con il software: ETABS Dipartimento di Ingegneria CORSO DI LAUREA IN INGENGNERIA CIVILE PER LA PROTEZIONE DAI RISCHI NATURALI Relazione di fine tirocinio Analisi non lineari statiche e dinamiche valutate con il software: ETABS

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA n. 006_08_SE

RAPPORTO DI PROVA n. 006_08_SE LABORATORIO ELETTROMAGNETICO RAPPORTO DI PROVA n. 006_08_SE Misura di efficacia di schermatura alle onde elettromagnetiche su stuoia coprimaterasso in cotone contenente tessuto conduttivo. CLIENTE: DUEMME

Dettagli

Seminario Keysight Microlease

Seminario Keysight Microlease Seminario Keysight Microlease Aprile 2015 Ambienti di prova anecoici Roadshow Testing efficace Microlease Keysight Ambienti di prova anecoici Torino, 13 Aprile 2015 Milano, 15 Aprile 2015 Padova, 17 Aprile

Dettagli

Studio di oscillatori controllati in tensione (VCO) a basso rumore di fase per applicazioni RF

Studio di oscillatori controllati in tensione (VCO) a basso rumore di fase per applicazioni RF Studio di oscillatori controllati in tensione (VCO) a basso rumore di fase per applicazioni RF Luca Dodero Relatore Chiar.mo Prof. Ing. Daniele Caviglia Introduzione Il grande sviluppo degli ultimi anni

Dettagli

Argomenti delle lezioni del corso di Elettromagnetismo 2010-11

Argomenti delle lezioni del corso di Elettromagnetismo 2010-11 Argomenti delle lezioni del corso di Elettromagnetismo 2010-11 14 marzo (2 ore) Introduzione al corso, modalità del corso, libri di testo, esercitazioni. Il fenomeno dell elettricità. Elettrizzazione per

Dettagli