L impiego delle tecnologie FRP nel recupero strutturale di Edifici Storici

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L impiego delle tecnologie FRP nel recupero strutturale di Edifici Storici"

Transcript

1 L impiego delle tecnologie FRP nel recupero strutturale di Edifici Storici Autore: Lino Credali Ardea Progetti e Sistemi S.r.l. Casalecchio di Reno (Bologna) 1 - Premessa L impiego di materiali compositi, in particolare di fibre di carbonio, nel settore dell edilizia, ha avuto inizio in Italia a partire dalla metà degli anni 90 e nell arco di un solo decennio ha ottenuto un importante diffusione e sviluppo, in particolare nel recupero strutturale di edifici storici. Fra gli interventi più significativi si ritiene utile ricordare il restauro della Corte Benedettina di Legnaro, dove tali tecnologie furono applicate per la prima volta in un edificio storico su vasta scala (1), (2). E altresì possibile citare gli interventi relativi alla Basilica di S.Antonio, alla Chiesa di Santa Giustina di Padova, alla Reggia di Venaria Reale (Torino), alla Basilica di S. Petronio (Bologna), al Convento di S. Francesco (Massa Carrara), all Accademia Navale di Livorno, e altri di grande prestigio. La tecnologia dei materiali compositi ha dunque goduto di una notevole diffusione nel settore dell Edilizia in questi ultimi anni, divenendo di uso sempre più generale. Un importante sviluppo di studi e ricerche condotte presso Laboratori specializzati e Università, ha permesso di indagare le diverse problematiche individuando nuovi criteri per risolvere, in modo semplice e veloce, molti problemi difficilmente affrontabili mediante le tecniche tradizionali (3), (4). Il recente documento del CNR DT200/2004 (5), frutto di un eccezionale collaborazione tra Università e Aziende specializzate, ben rappresenta la sintesi del lavoro svolto, riporta le Norme di Riferimento per l applicazione dei compositi in edilizia e dà grande impulso all affermarsi di queste tecnologie sul mercato. Allo stato attuale dell arte ci è sembrato opportuno fare una breve sintesi delle esperienze maturate nel settore, per meglio presentare sia ai progettisti sia alle imprese le straordinarie opportunità offerte da queste tecnologie. 2 - Perché i Materiali Compositi I grandi vantaggi offerti dai materiali compositi, in particolare da quelli a base di fibre di carbonio, nascono dalle particolari proprietà delle fibre in combinazione con le caratteristiche peculiari delle 1

2 resine: le fibre infatti conferiscono al composito le proprietà meccaniche, mentre le resine conferiscono la forma al componente e trasmettono i carichi alla fibra, consentendo l adesione al supporto. Nel caso delle applicazioni in edilizia i materiali compositi presentano i seguenti vantaggi: - Elevate proprietà meccaniche. Le fibre di carbonio sono cinque volte più resistenti dell acciaio - Leggerezza della struttura. La densità della fibra è pari a 1,8g/cm 3 (nell acciaio è di 8 g/cm 3 ) - Scarsa invasività. Il materiale viene applicato sulla superficie esterna della struttura e, con uno spessore aggiunto di pochi millimetri, è facilmente occultabile da uno strato d intonaco - Assenza di fenomeni di corrosione. Non si richiede manutenzione, né a breve né a lungo termine - Grande resistenza alla fatica. L elevata capacità di dissipazione dell energia di deformazione è particolarmente importante in zone sismiche o per gli edifici in aree sottoposte ad elevati livelli di vibrazione dovuti a traffico pesante. In questi casi lo stato fessurativo di elementi rinforzati con le fibre si riduce drasticamente. - Reversibilità dell intervento. In quanto applicati in superficie sono facilmente rimovibili e non richiedono ripristini particolari della struttura - Semplicità e rapidità nella messa in opera. Non si richiede l ausilio di apparati di sollevamento, evitando le ben note problematiche di cantiere. 3 - Dove Utilizzarli Le tecnologie dei materiali compositi hanno trovato in questi anni un numero sempre più elevato di applicazioni in edilizia: dal rinforzo di strutture in calcestruzzo, al consolidamento di murature e strutture lignee. Più specificamente, secondo l esperienza maturata ad oggi, si possono schematizzare, in linea di massima, le seguenti destinazioni applicative: 3a- Strutture in calcestruzzo: - Rinforzo di travi a flessione - Rinforzo di travi a taglio - Rinforzo dei nodi trave pilastro - Rinforzo a compressione per confinamento di pilastri e rinforzo a flessione - Rinforzo di cordoli in calcestruzzo - Rinforzo di solai - Cerchiatura di edifici 3b-Strutture in muratura - Rinforzo di murature - Rinforzo a compressione per confinamento di pilastri e rinforzo a flessione 2

3 - Rinforzo di archi e volte - Creazione di cordoli e cerchiatura di edifici - Rinforzo scale 3c-Connettori I connettori di tipo Ardfix (6) nascono dalla necessità di trasferire il carico che il rinforzo esercita sulla superficie dell elemento rinforzato, all interno dello stesso, o di creare dei collegamenti sui due lati di una muratura o tra due parti di un elemento che richieda questo tipo di rinforzo. I connettori Ardfix, inoltre, possono essere utilizzati a modo di piolatura per aumentare la sicurezza dell adesione tra rinforzo e substrato; un aspetto, questo, particolarmente importante nel caso di murature o supporti fortemente degradati. I connettori Ardfix possono essere ciechi o passanti e vengono ottenuti mediante introduzione di una barra di carbonio in un foro, accompagnata da un nastro i cui lembi vengono poi risvoltati alla base del foro, sul rinforzo precedentemente applicato. Questo tipo di connettore, brevettato da Ardea s.r.l (6), trova numerosi riferimenti in letteratura ed è diventato di uso pressoché comune. Fig. 1 Esempio di connettore Ardfix di tipo passante 4 - La scelta delle fibre e dei materiali Le attuali tecnologie in composito offrono una vasta gamma di soluzioni tra le quali il progettista ha facoltà di scegliere quella che ritiene più idonea, caso per caso. Ecco che dunque, accanto all impiego di fibre di carbonio, altre soluzioni possono essere vantaggiosamente individuate, quali l utilizzo di fibre di vetro, di fibre aramidiche o di fibre da polimeri a cristalli liquidi (PBO). Inoltre la struttura e la morfologia del rinforzo possono assumere forme diverse; infatti il mercato offre la possibilità di impiegare componenti diversi, quali nastri da impregnare in situ oppure componenti semplici come barre e lamine in composito appositamente progettate, nonché l utilizzo di componenti strutturali più complessi, leggeri e capaci di svolgere più funzioni in un unico 3

4 componente. Poiché dunque le soluzioni offerte dalle tecnologie dei compositi sono molteplici e tutte di sicuro interesse, è importante considerare alcuni criteri di scelta, affinché i progettisti possano orientarsi tra un offerta alquanto diversificata (7). 4a-Fibre Nell applicazione dei materiali compositi in edilizia la scelta della fibra rappresenta un parametro di importanza fondamentale per individuare una soluzione tecnica ottimale e garantire un risultato duraturo. La scelta deve compiersi sulla base di dati progettuali ben precisi e in funzione di tutte le caratteristiche tecniche dei materiali C 1300 C 1500 C 1800 C Fig. 2 Immagine della struttura della grafite in una fibra di carbonio. Nel processo di grafitizzazione ad alta temperatura, la struttura si evolve fino a una forma lamellare formata dai piani degli anelli in pura grafite (8). Le fibre di carbonio. Costituite da carbonio purissimo, esse presentano una struttura cristallina esagonale tipica della grafite, con cristalli lamellari perfettamente orientati e sostanzialmente privi di difetti (fig.2). Questa particolare struttura inorganica, comune a tutte le fibre di carbonio, rende le fibre di carbonio uniche nel loro genere, influenzando in modo determinante tutte le caratteristiche chimiche, fisiche e meccaniche del materiale (8-10). Le fibre di vetro. Da sempre utilizzate nei compositi tradizionali per il loro basso costo, sono un materiale di larghissimo consumo nei settori tradizionali dei materiali compositi. Per quanto riguarda le applicazioni in edilizia, si deve considerare che le loro inferiori proprietà meccaniche rispetto alla fibra di carbonio richiedono nel dimensionamento, a parità di sollecitazioni, sezioni molto importanti, con notevole aumento del costo di applicazione e conseguente riduzione del vantaggio economico e tecnico. Le fibre aramidiche. Derivanti da polimeri a struttura organica, sono caratterizzate da mesofasi, ovvero fasi in grado di conservare un elevata cristallinità (LCP) anche in questi particolari stati fisici della materia. In pratica le fibre presentano al loro interno un sistema di autorinforzo sviluppato dallo stesso materiale polimerico che le compone. In virtù di questa struttura, non comune ai più tradizionali materiali polimerici, le fibre aramidiche presentano altissime proprietà meccaniche e un elevata capacità di assorbire l energia vibrazionale. 4

5 Nella scelta di queste fibre occorre tuttavia tenere conto che essendo costituite da polimeri organici, presentano, seppure in forma relativamente ridotta, una minore resistenza ad agenti esterni e una certa sensibilità all umidità (12) oltre a evidenti fenomeni di creep (10). 4b-La tipologia del rinforzo Tra le diverse tipologie di rinforzo (il mercato ne offre un numero elevato), i nastri unidirezionali sono i più utilizzati nelle applicazioni di ingegneria civile. Altre tipologie di rinforzo, come ad esempio i tessuti a trama e a ordito, i biassiali, i multiassiali e le reti, trovano impiego in situazioni particolari. I rinforzi pre-impregnati quali le lamine trovano principalmente applicazione per il rinforzo di solai. Le barre, che trovano generalmente largo impiego nella creazione di collegamenti e staffature, possono essere utilizzate anche in strutture precompresse. Anche in questo caso la scelta tra le diverse tipologie di rinforzo deve essere dettata da determinati criteri che, oltre alle sezioni di rinforzo utilizzate, tengano conto della morfologia e dei parametri strutturali e funzionali dei diversi tipi di rinforzo (7). 5 - Esempi di realizzazioni con compositi in fibra di carbonio Cordolatura con placcaggio di murature La cordolatura di edifici o di porzione di questi mediante placcaggio di murature, effettuata secondo sistemi tradizionali in acciaio, può essere eseguita mediante sostituzione della lamina d acciaio con nastri in fibra di carbonio di spessore e larghezza variabili, in funzione delle resistenze e delle sezioni di fibra richieste Nella pratica corrente, sulla base di nostre esperienze largamente consolidate, la cordolatura viene realizzata applicando nastri unidirezionali di fibra di carbonio di larghezza cm, preferibilmente sui due lati della muratura, stabilendo dei collegamenti tra i due nastri mediante connettori di tipo Ardfix (passanti). Il dimensionamento viene eseguito attraverso il calcolo delle sezioni di fibra di carbonio applicata. Si possono utilizzare nastri eventualmente sovrapposti per raggiungere le sezioni di fibra richieste. I connettori, secondo la tecnologia Ardfix, possono anche essere limitati allo spessore del muro (non-passanti). In ogni caso l applicazione dei connettori viene realizzata sempre con resina fresca (fresco su fresco), in modo da creare una struttura unica che, nel caso della messa in opera di due strati di rinforzo sui due lati di una muratura, permette di ottenere un reticolo perfettamente tridimensionale. Applicativo. Da notare che il basso spessore del rinforzo (1-2 mm) rende superflua la fresatura della muratura per alloggiare il rinforzo, il quale invece può essere nascosto all interno dello spessore dell intonaco. Nel caso di murature a vista, in particolare per quelle in tufo, la fresatura può essere un buon sistema per nascondere il rinforzo all interno del muro. 5

6 La Corte Benedettina di Legnaro rappresenta uno dei primi esempi nel recupero strutturale di edifici storici. La soluzione di creare delle cordolature per rinforzare l edificio è stata usata in larga misura: l intervento ha previsto la creazione di due cordoli che corrono all altezza del tetto e del soffitto, come evidenziato nella sezione di fig.3. I cordoli sono stati ottenuti laminando le due facce del muro, sul lato esterno e sul lato interno, e collegando i due laminati con rinforzi disposti a ± 45, secondo lo schema riportato in figura. Fig. 3 Rinforzo Complesso monumentale Ex Corte Benedettina di Legnaro (PD). Sezione corpo principale con cordoli in fibra di carbonio Fig. 4 Rinforzo Complesso monumentale Ex Corte Benedettina di Legnaro (PD). Cordoli orizzontali e verticali sulle murature, ottenuti per laminazione di nastri in carbonio sui due lati della muratura. Figg. 5-6 Rinforzo Complesso monumentale Ex Corte Benedettina di Legnaro (PD). Le arcate del chiostro sono state rinforzate con fibre di carbonio unidirezionale. A sinistra l immagine dello stato iniziale e a destra quella dello stato finale dell edificio prospiciente il chiostro. 6

7 Nel caso di Villa Bertani, in provincia di Reggio Emilia, dove la struttura aveva subito notevoli danni a causa del sisma (1996), le cordolature interne ed esterne a livello del solaio del sottotetto hanno sostituito i cordoli in calcestruzzo previsti da un progetto precedente. Nel corso dei lavori, dopo la messa in opera delle prime cerchiature, l edificio ha subìto una serie di scosse sismiche dovute a un nuovo terremoto (2000) senza subire ulteriori danni nonostante la situazione di precarietà in cui si trovava al momento la muratura. Figg. 7-8 Villa Bertani a Reggio Emilia. Cordoli orizzontali e verticali sulle murature, interne ed esterne Figg Villa Bertani a Reggio Emilia. A sinistra lo stato iniziale, a destra a fine lavori Particolarmente significativo l intervento al Grand Hotel di Alassio, dove la facciata di muratura in laterizio forato presentava uno stato fessurativo notevole. In questo caso le cerchiature e i controventamento, realizzati con nastri di fibra di carbonio, applicati esternamente e internamente, sono stati collegati mediante connettori Ardfix. Per la natura del laterizio, l operazione di foratura per l applicazione dei connettori è stata eseguita previa iniezione di malta localizzata nel punto di connessione. In tale modo è stata ottenuta una struttura reticolare sui due lati della facciata, che ha efficacemente svolto il compito assegnato. 7

8 Figg Grand Hotel di Alassio (SV). Recupero strutturale della facciata a mare mediante cordolature e controventamenti posti ai due lati della muratura e collegati con sistema Ardfix. Nel caso della Chiesa di S. Maria in Sovana (Grosseto) la cerchiatura esterna dell edificio, costituito da blocchi in tufo a vista, ha obbligato alla fresatura del tufo, per uno spessore di circa 10 cm. nelle aree in cui il rinforzo in carbonio doveva essere applicato. Il ripristino della parte fresata di tufo è stato realizzato con elementi dello stesso materiale, così che il rinforzo, incorporato nella parete, non ha sollevato problemi estetici. Nella parte interna, dove la presenza del tufo a vista poneva lo stesso problema, e in particolare per il rinforzo degli Archi della Navata Principale, è stato previsto un taglio della parete con inserimento di lamine in fibra di carbonio, aventi la funzione di contenimento della fessurazione degli archi e ridistribuzione dei carichi sulle colonne e sui muri di appoggio. Fig. 13 Chiesa di S. Maria in Sovana (GR). Rinforzo delle pareti laterali della navata centrale mediante fresatura della parete e inserimento di lamine in carbonio con andamento orizzontale e verticale a formare una trave-parete che riporta i carichi sulle colonne 8

9 Un altro esempio degno di essere citato è l intervento realizzato sui timpani della Biblioteca nella Basilica di S. Antonio a Padova, dove sono stati impiegati rinforzi ibridi in fibra carbonio-aramidica, per una migliore dissipazione dell energia di deformazione. Anche in questo caso i nastri di rinforzo sono stati applicati sui due lati della muratura e collegati tra loro mediante connettori Ardfix, formando una struttura reticolare. Figg Biblioteca Basilica di S.Antonio a Padova. Rinforzo dei timpani mediante applicazione di nastri in carbonio e aramidici sui due lati della muratura e inserimento connettori Ardfix. Consolidamento intradossale ed estradossale di volte La tecnologia dei materiali compositi ben si adatta al recupero di strutture voltate. La tecnica tradizionale, che normalmente utilizza cappe in calcestruzzo rinforzate con reti elettrosaldate, risulta estremamente invasiva: appesantisce la struttura creando di fatto una seconda volta e snaturando la funzione della prima, e inoltre rende complesso e oneroso il lavoro in cantiere. L intervento con il materiale composito consiste nell applicazione di nastri di rinforzo in carbonio, lasciandone inalterata la funzionalità, la traspirabilità e il peso. I nastri di rinforzo possono essere applicati sia all intradosso che all estradosso della volta e possono essere collegati alle pareti di appoggio o ad eventuali cerchiature delle stesse. Nel caso di interventi all estradosso non sono necessarie piolature in quanto con questa configurazione non si esercitano forze di distacco tra rinforzo e superficie della volta; nel caso di interventi all intradosso è invece opportuno applicare dei connettori a modo di piolatura, per prevenire possibili distacchi. Questa tipologia di intervento risulta essere particolarmente efficace, come dimostrato dagli innumerevoli interventi eseguiti negli ultimi anni. 9

10 Uno schema tipico utilizzato per una volta a padiglione è riportato nelle figure seguenti: i rinforzi posti all estradosso vengono collegati con la cerchiatura sulla parete mediante connettori Ardfix. Figg Schema di rinforzo di una volta a padiglione e sua realizzazione. Da notare il cordolo in fibra sulla muratura Fig. 18 Convento di S. Geminiano (Modena). Schema di volta a crociera con rinforzo intradossale in fibra di carbonio unidirezionale Fig. 19 Basilica di S. Petronio (Bologna). Rinforzo estradossale della navata centrale 10

11 Fig. 20 Duomo di Carpi (Modena). Rinforzo volte cappelle laterali Figg Chiesa di San Giorgio di Varignana (Bologna). Rinforzo estradossale delle volte e della navata centrale danneggiate dal sisma del Rinforzo intradossale di scale e balconate Il rinforzo di balconate o scale in muratura può essere realizzato sostituendo le lamine in acciaio usate tradizionalmente con nastri unidirezionali in fibra di carbonio. Il dimensionamento viene eseguito attraverso il calcolo delle sezioni di fibra di carbonio applicata. Si possono utilizzare nastri di larghezza cm e peso pari a g/m2, eventualmente sovrapposti per raggiungere le sezioni di fibra richieste e applicati secondo schemi già consolidati. Nel caso di strutture voltate può rendersi opportuno utilizzare dei connettori (Ardfix) per prevenire eventuali fenomeni di distacco in 11

12 condizioni estreme. I vantaggi del composito sono dunque numerosi: dalla semplicità della messa in opera (il nastro essendo laminato in situ, prende immediatamente la forma del supporto) al basso spessore del rinforzo (inferiore a 2-3 mm) facilmente occultabile all interno dell intonaco; dalla mancanza di fenomeni di corrosione (non sono da prevedere trattamenti protettivi o di manutenzione) a una maggiore efficienza. Infatti i bassi spessori di adesivo richiesti e la continuità dell adesione al supporto consentono al rinforzo di lavorare in modo puntuale e mirato lungo tutta la superficie di adesione. Il ridottissimo peso aggiunto per la struttura consente di evitare l insorgere di fenomeni negativi in caso di eventi sismici. Di seguito si riportano le immagini di tre tipologie di scale in muratura, di cui due ad arco ribassato e una a volta in civile abitazione. Quest ultima si trovava in condizioni di grande precarietà (ne era prevista la demolizione) e ha richiesto un largo impiego di un numero elevato di connettori al fine di garantire una buona adesione e un efficace collaborazione dei rinforzi posti nelle diverse direzioni. Figg Particolare dell inserimento di connettore Ardfix Condominio con scale a voltine estese per quattro piani in civile abitazione. Scala in Viale Silvani-Bologna Fig. 25 Condominio Viale Silvani (Bologna) Progetto di rinforzo scale in civile abitazione 12

13 Fig. 26 Palazzo S. Geminiano Facoltà di Giurisprudenza Università di Modena Intervento di rinforzo scale Nel recupero strutturale degli edifici storici possono presentarsi di sovente diversi problemi sui decori di facciata, sulle balconate e su cornicioni, colonnine, statue. Per queste tipologie di intervento le fibre di carbonio o le fibre aramidiche ben si prestano sia per il consolidamento strutturale sia per la messa in sicurezza. L applicazione di questi rinforzi su materiali lapidei è stata attentamente studiata e sperimentata con la messa a punto di tecnologie reversibili e poco invasive. Un esempio, che sarà oggetto di una comunicazione specifica, è il consolidamento della facciata e del paramento della Basilica della SS. Natività di Vicoforte a Cuneo, altre applicazioni sono state eseguite sui decori della facciata della Basilica Arcivescovile di San Pietro a Bologna. Di seguito vengono riportate le immagini di interventi su balconate, tematica molto frequente nei centri storici Piemontesi. Figg Intervento di rinforzo su una balconata in pietra di luserna a Busca e della balconata del Palazzo Comunale di Costigliole (Cuneo) 13

14 Il recupero delle strutture in calcestruzzo Il recupero di strutture in calcestruzzo diventa una vera e propria opera di restauro allorché riguarda edifici dell inizio del Novecento di grande pregio architettonico e appartenenti alla prima storia del calcestruzzo, che sempre più frequentemente vengono riattivati per impieghi più attuali. I compositi ben si adattano al recupero di queste strutture e in particolare al rinforzo di travi, sia a flessione che a taglio, e al rinforzo di pilastri, essendo in grado di migliorarne la capacità portante (tramite cerchiatura) e la resistenza alla flessione nonché di ottimizzare il collegamento travepilastro mediante intervento sul nodo. Le operazioni di ripristino del calcestruzzo ammalorato, i trattamenti di passivazione e protezione dei ferri, la ricostruzione delle parti mancanti e dei copriferri restano ugualmente necessarie, al pari che con le tecniche di intervento tradizionali, ma il rinforzo, in forma di nastro di carbonio applicato con resine epossidiche, viene introdotto al posto delle lamiere in acciaio. Le connessioni con barre di acciaio saldate alle lamiere possono essere sostituite dai connettori Ardfix. I vantaggi presentati dall impiego di materiali compositi, come già riportato nei punti precedenti, sono: semplificazione del cantiere, minore invasività, ridottissima aggiunta di peso, nessun trattamento di protezione (necessario nel caso di rinforzi in acciaio), nessun intervento di manutenzione. L applicazione di rinforzi per migliorare la resistenza al taglio delle travi, per il rinforzo dei nodi o per la cerchiatura di pilastri risulta molto semplificata e particolarmente efficiente, in virtù di una maggiore adattabilità alle superfici su cui i rinforzi sono applicati e dei minori ingombri che si creano (pochi millimetri per il carbonio, svariati centimetri per l acciaio). Fig. 29 Fonderia di Savigliano in Corso Mortara (Torino). Schema di rinforzo con materiali in fibra di carbonio 14

15 Figg Fonderia di Savigliano in Corso Mortara (Torino). Rinforzo travi e pilastri, rinforzo nodi collegamento trave-pilastro per cambiamento d uso. Fig. 32 Biblioteca Civica di Verona (costruita su progetto Arch. Nervi). Rinforzo travi, pilastri, nodi: miglioramento sismico Nella fig. 32 vengono riportate alcune interessanti immagini del rinforzo di travi e pilastri della Biblioteca Civica di Verona, a suo tempo costruita su progetto dell Architetto Nervi. Oggi, dovendo la struttura rispondere ad esigenze normative diverse, si è reso opportuna questa tipologia di intervento, che non ha minimamente alterato le forme, i volumi e l aspetto dell opera originaria. 15

16 Conclusioni La documentazione riportata ben presenta lo stato dell arte e le possibilità offerte dalle tecnologie dei materiali compositi nel recupero strutturale degli edifici storici. Queste tecniche infatti ben si adattano ad essere utilizzate in tutte le occasioni, ma principalmente evidenziano i loro aspetti positivi nel restauro delle strutture. Il recupero strutturale sull antico è operazione complessa e delicata, che spesso deve anticipare il più importante restauro delle superfici e delle componenti artistiche dell opera. La possibilità di utilizzare tecniche scarsamente invasive e di facile esecuzione rappresenta sicuramente un grande progresso e un eccezionale opportunità. Le esperienze maturate ad oggi in Italia hanno senza dubbio posto il nostro paese all avanguardia nel mondo, sia per l importanza delle opere realizzate, sia per la messa a punto di un importante know how in termini di materiali, sistemi e tecniche applicative. Ardea s.r.l. con la sua linea di prodotti Betontex derivante dal un importante brevetto (12) e grazie a una decennale esperienza di progettazione, ricerca e assistenza tecnica, si pone come leader in questo settore e presenta tutto il potenziale per un concreto approccio ai problemi di ristrutturazione. Bibliografia (1) L.Credali, A. Santini L Edilizia Building and Construction for Engineers Il rinforzo di strutture con FTS Betontex, Luglio /Agosto 1999, n 7/8, pag.78, Anno XIII (2) R.Poluzzi, L.Credali, E.Schiavina: Impiego di fibre di carbonio nella ristrutturazione statica ed architettonica del complesso ex Corte Benedettina di Legnaro (PD) - Secondo Seminario AICO SAIE (1999) (3) R.Poluzzi: Verifiche sperimentali sui benefici ottenibili nel rinforzo di membrature di cemento armato con applicazioni di fibre sintetiche - Atti Giornate AICAP - Torino (1999) (4) L.Credali: Rinforzi per edilizia Betontex, XXVI Convegno ATE - Strutture in Composito - Milano 21 Giugno L Edilizia, 8, 82 (1999) (5) C.N.R. - Consiglio Italiano delle Ricerche: Istruzioni per la progettazione, l esecuzione ed il controllo di interventi di consolidamento statico mediante l utilizzo di compositi fibrorinforzati - DT200 /2004 (2004) (6) IT. Patent MI 2062A000100, L. Credali - Ardea Progetti e Sistemi Srl (7) L. Credali Criteri di scelta per la progettazione e l applicazione di materiali compositi in edilizia Inarcos-,n 676, 33-43, gennaio (8) H.H.Yang: Aromatic High Strength Fibers,- SPE Monograph Series - John Willey & Sons (1989) (9) A.R.Bunsell: Fibre Reinforcements For Composites Materials, R.B.Pipes Series Editor Elsevier (1988) (10) M. H. Lafitte, A.R. Bunsell: The creep of Kevlar-29 fibers, Polym. Eng. Sci.(1985), 25, 3 (11) N.L. Hancox: Fibre Composite Hybrid Materials, Applied Science Publishers, London (1981) (12) EP , L.Credali Ardea Progetti e Sistemi Srl 16

Prof. L. Credali - ARDEA Progetti e Sistemi; Ing. A. Valva Libero Professionista D.T. Resinproget Prof. R. Poluzzi Università di Bologna. Premessa.

Prof. L. Credali - ARDEA Progetti e Sistemi; Ing. A. Valva Libero Professionista D.T. Resinproget Prof. R. Poluzzi Università di Bologna. Premessa. Conferenza AICO - Realizzazioni e Sviluppo di Tecnologie di Restauro e di Recupero Strutturale con Materiali Compositi Innovativi (FRP)- Fiera del Restauro Ferrara Venerdì 5 Aprile 2002 Recupero strutturale

Dettagli

Prodotti per l Edilizia e il Restauro - Tecnologie per l Ambiente e le Infrastrutture

Prodotti per l Edilizia e il Restauro - Tecnologie per l Ambiente e le Infrastrutture S.r.l. Prodotti per l Edilizia e il Restauro - Tecnologie per l Ambiente e le Infrastrutture DESCRIZIONE L uso dei rinforzi FRP SYTEM per il consolidamento di strutture in c.a., murature, legno e acciaio

Dettagli

MADE EXPO 2011. Ardea srl - Prof. Lino Credali

MADE EXPO 2011. Ardea srl - Prof. Lino Credali MADE EXPO 2011 La nostra organizzazione ARDEA PROGETTI S.r.l. E SISTEMI PRODUZIONE E VENDITA PROGETTAZIONE ASSISTENZA TECNICA RINFORZI FRP: Ardea S.r.l. FTS s.p.a. RESINE: Ardea S.r.l. Formulazione e Componenti

Dettagli

Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it

Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it Università degli Studi di Cassino Progettazione Sostenibile bl di Strutture tt Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI"DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERIDI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 13 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE

Dettagli

ESEMPIO DI CARATTERIZZAZIONE DI ALCUNI PRODOTTI TIPICI DI RIPRISTINO AD ALTA DURABILITA

ESEMPIO DI CARATTERIZZAZIONE DI ALCUNI PRODOTTI TIPICI DI RIPRISTINO AD ALTA DURABILITA ESEMPIO DI CARATTERIZZAZIONE DI ALCUNI PRODOTTI TIPICI DI RIPRISTINO AD ALTA DURABILITA 1 Progetto CARFIB integrato ai sistemi VHDRS MuCis 4. I SISTEMI RAZIONALI DI RINFORZO CON COMPOSITI NELLE COSTRUZIONI

Dettagli

MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI

MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI IL PROBLEMA DELLO SFONDELLAMENTO DEI SOLAI Con il termine sfondellame nto dei solai si indica la rottura e il distacco delle cartelle d intradosso delle pignatte (chiamate fondelle)

Dettagli

www.mpmsrl.com rinforzo statico con fibre di carbonio carbostar materiali protettivi milano

www.mpmsrl.com rinforzo statico con fibre di carbonio carbostar materiali protettivi milano www.mpmsrl.com rinforzo statico con fibre di carbonio carbostar materiali protettivi milano Tradizione, esperienza, innovazione tecnologica. mpm - Materiali Protettivi Milano - s.r.l. è un azienda italiana,

Dettagli

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco L evento sismico che ha colpito la città de L Aquila ha messo in evidenza le debolezze dei diversi sistemi costruttivi, soprattutto

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI" DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERI DI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 8 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI PREVISTI IN FASE

Dettagli

Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura. Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7.

Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura. Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7. Università di Pisa DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7. Danneggiamento e riparazione di elementi strutturali

Dettagli

Esempi di applicazione

Esempi di applicazione 1 I compositi firosi vengono impiegati ogni qualvolta vi sia da assorire uno sforzo di trazione pura o di trazione prodotta dalla flessione o dal taglio. Il rinforzo a flessione viene realizzato mediante

Dettagli

Ordinanza 3274. Progettazione di edifici in zona sismica CONSOLIDAMENTO. Ing. Marco Cauda marco.cauda@niphe.com

Ordinanza 3274. Progettazione di edifici in zona sismica CONSOLIDAMENTO. Ing. Marco Cauda marco.cauda@niphe.com Ordinanza 3274 Progettazione di edifici in zona sismica CONSOLIDAMENTO Ing. Marco Cauda marco.cauda@niphe.com Consolidamento Il consolidamento di strutture esistenti coinvolge problemi interdisciplinari:

Dettagli

Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana

Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana Strada Statale Valsesia, 20-13035 Lenta (VC), Tel. (+39) 331 2696084 segreteria@ingegneriasismicaitaliana.it www.ingegneriasismicaitaliana.it Connessioni dissipative

Dettagli

Soluzioni per edifici in muratura Sistemi Sika per il risanamento, la deumidificazione, il consolidamento e il rinforzo

Soluzioni per edifici in muratura Sistemi Sika per il risanamento, la deumidificazione, il consolidamento e il rinforzo Soluzioni per edifici in muratura Sistemi Sika per il risanamento, la deumidificazione, il consolidamento e il rinforzo Indice Risanamento, Deumidificazione e leganti Consolidamento idraulici. Sistemi

Dettagli

RINFORZO STRUTTURALE DEL CAPANNONE DELLA SANOFI AVENTIS A SEGUITO DEL SISMA DELL ABRUZZO DEL 6 APRILE 2009

RINFORZO STRUTTURALE DEL CAPANNONE DELLA SANOFI AVENTIS A SEGUITO DEL SISMA DELL ABRUZZO DEL 6 APRILE 2009 RINFORZO STRUTTURALE DEL CAPANNONE DELLA SANOFI AVENTIS A SEGUITO DEL SISMA DELL ABRUZZO DEL 6 APRILE 2009 L intervento è finalizzato al rinforzo dei pilastri con l impiego di materiali fibrorinforzati

Dettagli

uredil tenuta Rinforzi strutturali sicurezza Tutti i vantaggi di una grande squadra Forza Sistemi di rinforzo composito a matrice epossidica

uredil tenuta Rinforzi strutturali sicurezza Tutti i vantaggi di una grande squadra Forza Sistemi di rinforzo composito a matrice epossidica uredil Rinforzi strutturali Sistemi di rinforzo composito a matrice epossidica Forza tenuta sicurezza Tutti i vantaggi di una grande squadra Soluzioni certificate per i rinforzi compositi a matrice epossidica.

Dettagli

RESTAURO: CRITERI E TIPOLOGIE DI INTERVENTO. Benedetto Pizzo

RESTAURO: CRITERI E TIPOLOGIE DI INTERVENTO. Benedetto Pizzo RESTAURO: CRITERI E TIPOLOGIE DI INTERVENTO Benedetto Pizzo INTERVENTI STRUTTURALI Gli interventi strutturali su legno possono essere schematicamente divisi in: Interventi sugli elementi strutturali Vengono

Dettagli

www.seicocompositi.it soluzioni a sistemi edili innovativi e compositi

www.seicocompositi.it soluzioni a sistemi edili innovativi e compositi www.seicocompositi.it 360 soluzioni a sistemi edili innovativi e compositi L azienda SERVIZI_ PROGETTAZIONI VENDITA e ASSISTENZA Con tecnici altamente qualificati SEICO COMPOSITI offre un servizio completo

Dettagli

INTERVENTI SULLE STRUTTURE

INTERVENTI SULLE STRUTTURE INTERVENTI SULLE STRUTTURE 1 - Intervento di adeguamento. 2 - Intervento di miglioramento. 3 - Riparazione o intervento locale. INTERVENTI SULLE STRUTTURE IN C.A. 8.4.1. Intervento di adeguamento. È fatto

Dettagli

EDIFICI ESISTENTI IN MURATURA parte 5

EDIFICI ESISTENTI IN MURATURA parte 5 CORSO DI AGGIORNAMENTO SULLA NORMATIVA SISMICA DI CUI ALL ORDINANZA 3274 DEL 20 03 2003 EDIFICI ESISTENTI IN MURATURA parte 5 1 Interventi di riabilitazione di edifici esistenti in muratura in zona sismica.

Dettagli

DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO

DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO PREMESSA DELLO STUDIO ESEGUITO L edificio oggetto d intervento (fig.1) è situato nel Comune di Vittoria in Provincia di Ragusa. Si tratta di un edificio esistente con struttura portante mista, telai in

Dettagli

Ruredil linea. Sistemi di rinforzo e connessione strutturale con fibra in PBO. e matrice inorganica ecocompatibile

Ruredil linea. Sistemi di rinforzo e connessione strutturale con fibra in PBO. e matrice inorganica ecocompatibile innovazione Ruredil mondiale linea Sistemi di rinforzo e connessione strutturale con fibra in PBO e matrice inorganica ecocompatibile specifici per supporti in calcestruzzo e muratura Rinforzi strutturali

Dettagli

News. Rinnovare Milano Il recupero in varie fasi dell'edificio storico adiacente al "Corriere della Sera" ridà lustro a via Solferino

News. Rinnovare Milano Il recupero in varie fasi dell'edificio storico adiacente al Corriere della Sera ridà lustro a via Solferino Notizie ed articoli tecnici del gruppo 4 Rinnovare Milano Il recupero in varie fasi dell'edificio storico adiacente al "Corriere della Sera" ridà lustro a via Solferino Opera: edificio residenziale storico

Dettagli

Ripristino e consolidamento dei travetti portanti mediante applicazione di tessuti in fibra di carbonio FRP SYSTEM - FIBRE C-SHEET

Ripristino e consolidamento dei travetti portanti mediante applicazione di tessuti in fibra di carbonio FRP SYSTEM - FIBRE C-SHEET S.r.l. Prodotti per l Edilizia e il Restauro - Tecnologie per l Ambiente e le Infrastrutture Ripristino e consolidamento dei travetti portanti mediante applicazione di tessuti in fibra di carbonio FRP

Dettagli

Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti

Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti Gli interventi sulle strutture ad arco o a volta possono essere realizzati

Dettagli

Tecniche di rinforzo con materiali innovativi

Tecniche di rinforzo con materiali innovativi Interventi di recupero del patrimonio edilizio, Roma, 29.1.09 Tecniche di rinforzo con materiali innovativi Zila Rinaldi Università di Roma Tor Vergata Dip. di Ingegneria Civile Introduzione Perchè si

Dettagli

www.mpmsrl.com rinforzo statico con fibre di carbonio carbostar materiali protettivi milano

www.mpmsrl.com rinforzo statico con fibre di carbonio carbostar materiali protettivi milano www.mpmsrl.com rinforzo statico con fibre di carbonio carbostar materiali protettivi milano Tradizione, esperienza, innovazione tecnologica. Da oltre 50 anni MPM materiali protettivi milano s.r.l opera

Dettagli

Criteri per la scelta dell intervento

Criteri per la scelta dell intervento Edifici esistenti in c.a.: Esempi di intervento Giovanni Plizzari Università di Brescia plizzari@ing.unibs.it L Accademia del Costruire Gussago, 23 Marzo 2012 1/86 Criteri per la scelta dell intervento

Dettagli

Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali

Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali Corso di Riabilitazione Strutturale POTENZA, a.a. 2011 2012 Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali Dott. Marco VONA DiSGG, Università di Basilicata marco.vona@unibas.it http://www.unibas.it/utenti/vona/

Dettagli

Esempi Relazione di Calcolo

Esempi Relazione di Calcolo Esempi Relazione di Calcolo Introduzione Introduzione L ergonomia e la facilità di utilizzo di 3Muri permettono un agevole input e grande facilità di interpretazione dei risultati. La relazione di calcolo

Dettagli

SISTEMA TRALICCIO LPR PER IL RINFORZO DEI SOLAI DI LEGNO.

SISTEMA TRALICCIO LPR PER IL RINFORZO DEI SOLAI DI LEGNO. SISTEMA TRALICCIO LPR PER IL RINFORZO DEI SOLAI DI LEGNO. I dati esposti sono dati indicativi relativi alla produzione attuale e possono essere cambiati ed aggiornati dalla Peter Cox in qualsiasi momento

Dettagli

IO NON TREMO la prevenzione del rischio sismico Efficienza energetica e conservazione della muratura antisismica Fano 13 28 aprile 2013

IO NON TREMO la prevenzione del rischio sismico Efficienza energetica e conservazione della muratura antisismica Fano 13 28 aprile 2013 IO NON TREMO la prevenzione del rischio sismico Efficienza energetica e conservazione della muratura antisismica Fano 13 28 aprile 2013 IL CONSOLIDAMENTO DI MURATURE STORICHE ovvero: valutazione e caratteristiche

Dettagli

steinhauser.bz 1300209-01 06-13

steinhauser.bz 1300209-01 06-13 RIABILITAZIONE STRUTTURALE steinhauser.bz 1300209-01 06-13 VGZ LEGNO-LEGNO VGZ CONNETTORE TUTTO FILETTO TESTA CILINDRICA VGZ7xxx / VGZ9xxx Mediante l impiego di una sezione lignea all estradosso si realizza

Dettagli

I padiglioni A e C degli Spedali Civili di Brescia.

I padiglioni A e C degli Spedali Civili di Brescia. APPLICAZIONI DEL CAPITOLO 8 : COSTRUZIONI ESISTENTI. I padiglioni A e C degli Spedali Civili di Brescia. Relatore: Ing. Alessandro Aronica (MSC Associati S.r.l. Milano) IL TEAM IMPRESA GENERALE DI COSTRUZIONI:

Dettagli

Il consolidamento delle murature a faccia vista

Il consolidamento delle murature a faccia vista Il consolidamento delle murature a faccia vista Arch. Gianluigi Palmieri Presidente EDIL-CAM Introduzione Le murature con i paramenti esterni non protetti da intonaci rappresentano un importante percentuale

Dettagli

SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M.

SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M. SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M. Il patrimonio storico in Italia è largamente costituito da fabbricati e monumenti in muratura. Le tipologie costruttive e i materiali utilizzati sono i più vari (pietrame

Dettagli

Norme tecniche 2008 Le costruzioni in muratura

Norme tecniche 2008 Le costruzioni in muratura Norme tecniche 2008 Le costruzioni in muratura nuove ed esistenti ti con il D.M. 14 gennaio 2008 Esempi di interventi su edifici in muratura 22.10.2008 Esempi di interventi su edifici in muratura 1 Premessa

Dettagli

FRP; 4 24 28/02 01/03 2013 14/15 03 2013. 550,00 450,00 10%. A

FRP; 4 24 28/02 01/03 2013 14/15 03 2013. 550,00 450,00 10%. A Corso Tecnico Applicativo sull Utilizzo dei Materiali Compositi FRP SRG (Fibre di Carbonio, Vetro.) nel Settore Civile, dalla Conoscenza dei Materiali al Collaudo delle Opere Il corso Organizzato dal Centro

Dettagli

LA SICUREZZA E IL NOSTRO OBIETTIVO

LA SICUREZZA E IL NOSTRO OBIETTIVO EDILIZIA MODERNA FIBREBUILD Edilizia moderna LA SICUREZZA E IL NOSTRO OBIETTIVO L imponente patrimonio architettonico italiano comprende, oltre alle costruzioni storiche di grande valore storico e artistico,

Dettagli

Responsabile del procedimento

Responsabile del procedimento Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo SCHEDA SINOTTICA DELL INTERVENTO Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 9 febbraio 2011 recante: Valutazione e riduzione del rischio

Dettagli

Responsabile del procedimento

Responsabile del procedimento Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo SCHEDA SINOTTICA DELL INTERVENTO Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 9 febbraio 2011 recante: Valutazione e riduzione del rischio

Dettagli

Malte standard Prodotti cementizi compositi di ultima generazione: Confronto tra le proprietà fisico-meccaniche

Malte standard Prodotti cementizi compositi di ultima generazione: Confronto tra le proprietà fisico-meccaniche Malte standard Prodotti cementizi compositi di ultima generazione: Confronto tra le proprietà fisico-meccaniche malte standard Refor-tec UHPC HPFRCC HFE-tec SHCC ECC Modulo elastico [GPa] 8-30 40-50 8-25

Dettagli

LA SICUREZZA DI UNA MURATURA DALLE PRESTAZIONI ECCELLENTI ANCHE IN ZONA SISMICA

LA SICUREZZA DI UNA MURATURA DALLE PRESTAZIONI ECCELLENTI ANCHE IN ZONA SISMICA LA SICUREZZA DI UNA MURATURA DALLE PRESTAZIONI ECCELLENTI ANCHE IN ZONA SISMICA In un mercato dell edilizia che in generale pone sempre più l accento su soluzioni che siano ecocompatibili e performanti

Dettagli

ESEMPI DI ADEGUAMENTO SISMICO DI EDIFICI ESISTENTI

ESEMPI DI ADEGUAMENTO SISMICO DI EDIFICI ESISTENTI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI ESISTENTI: DIAGNOSI E CONSOLIDAMENTO ESEMPI DI ADEGUAMENTO SISMICO DI EDIFICI ESISTENTI ing. Giacomo Iannis (TECNOCHEM ITALIANA SpA) 210 210.000 compressive strength

Dettagli

SISTEMI DECORATIVI MICROCEMENTI PER PARETI, SOFFITTI E PAVIMENTI

SISTEMI DECORATIVI MICROCEMENTI PER PARETI, SOFFITTI E PAVIMENTI SISTEMI DECORATIVI MICROCEMENTI PER PARETI, SOFFITTI E PAVIMENTI INDICE creatività FINITURE esclusività 1. IL MICROCEMENTO 4 1.1. VANTAGGI E APPLICAZIONI DEL SISTEMA SikaDecor Nature 6 1.2. STRUTTURA DEL

Dettagli

LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI

LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI Le lastre Ytong, sono elementi armati autoportanti che permettono di realizzare solai e tetti di edifici residenziali, con una velocità di posa insuperabile rispetto

Dettagli

Analisi delle caratteristiche fisico-meccaniche dei materiali compositi, scelta di fibre e matrice, tecnologie di produzione.

Analisi delle caratteristiche fisico-meccaniche dei materiali compositi, scelta di fibre e matrice, tecnologie di produzione. Corso Tecnico Applicativo sull Utilizzo dei Materiali Compositi FRP SRG (Fibre di Carbonio, Vetro.) nel Settore Civile, dalla Conoscenza dei Materiali al Collaudo delle Opere Il corso Organizzato dal Centro

Dettagli

Allegati alle NTA. A - Allegati sulla qualità architettonica

Allegati alle NTA. A - Allegati sulla qualità architettonica Allegati alle NTA A - Allegati sulla qualità architettonica AGGIORNAMENTI: Variante n. 232 approvata con atto di C.C. n. 10 del 24.03.2015 A3 - Disciplinare tecnico per la conservazione e il recupero

Dettagli

CRITERI PROGETTUALI PER IL CONSOLIDAMENTO -Le strutture in legno-

CRITERI PROGETTUALI PER IL CONSOLIDAMENTO -Le strutture in legno- CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 CRITERI PROGETTUALI PER IL CONSOLIDAMENTO -Le strutture in legno- CONSOLIDAMENTO DEL LEGNO BIODEGRADATO Prima che il legno affetto da degrado

Dettagli

Piano di Manutenzione delle Parte Strutturale dell Opera

Piano di Manutenzione delle Parte Strutturale dell Opera Piano di Manutenzione delle Parte Strutturale dell Opera (Ai sensi del D.M. 14.01.2008, art. 10.1) 1. Premessa Il presente Piano di manutenzione è relativo alle opere strutturali da eseguire per il ripristino

Dettagli

NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi

NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi ANDILWall è un programma di calcolo per la progettazione e verifica sismica

Dettagli

TD13C. Betoncino strutturale di consolidamento e collaborazione statica

TD13C. Betoncino strutturale di consolidamento e collaborazione statica pag. 1 di 6 DESCRIZIONE è un betoncino pronto strutturale, reoplastico, antiritiro, ad alta resistenza meccanica, di calce idraulica naturale NHL 5 ed inerti selezionati. è ideale negli interventi di consolidamento,

Dettagli

I lavori sono stati affidati alla ditta Moranda Geom. Alfredo di Corteno Golgi (BS), con contratto d appalto del 14 marzo 2014.

I lavori sono stati affidati alla ditta Moranda Geom. Alfredo di Corteno Golgi (BS), con contratto d appalto del 14 marzo 2014. Il progetto di Risanamento e restauro conservativo dell ex sede della Società Operaia di Mutuo soccorso a Breno (BS) in Via Prudenzini è nato dalla necessità di recuperare un immobile di ampie dimensioni

Dettagli

PALAZZO DOMUS PAX LUGANO CONSOLIDAMENTO DI PARETI IN MURATURA

PALAZZO DOMUS PAX LUGANO CONSOLIDAMENTO DI PARETI IN MURATURA consulenza esecuzione impermeabilizzazione pavimentazioni rivestimenti rinforzi RINFORZI STRUTTURALI ANTISISMICI PALAZZO DOMUS PAX LUGANO CONSOLIDAMENTO DI PARETI IN MURATURA Stabilizzazione di pareti

Dettagli

STUDIO D INGEGNERIA Dott.Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI 24035 Curno (Bg) - Via R.Ruffilli, 2 Tel. 035463983, Fax. 035460404, e-mail:

STUDIO D INGEGNERIA Dott.Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI 24035 Curno (Bg) - Via R.Ruffilli, 2 Tel. 035463983, Fax. 035460404, e-mail: RELAZIONE TECNICO SPECIALISTICA DELL EDIFICIO MUNICIPALE DI AZZANO SANPAOLO BG- Curno, Novembre 2013 Tecnico incaricato Dott. Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI Descrizione dello stato di fatto II fabbricato

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

3.3 STRUTTURE DI COPERTURA INCLINATE IN LEGNO

3.3 STRUTTURE DI COPERTURA INCLINATE IN LEGNO COPERTURE COPERTURE INCLINATE derivanti dall impiego e/o dall assemblaggio a secco o a umido di componenti prefabbricati (spesso travi a sezione variabile, reticolari e non), in genere precompressi (perché

Dettagli

RINFORZO DI STRUTTURE MURARIE

RINFORZO DI STRUTTURE MURARIE CNR-DT 200/2004 Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo di Interventi di Consolidamento Statico mediante l utilizzo dicompositi Fibrorinforzati Materiali, strutture in c.a. e in c.a.p.,

Dettagli

LA SICUREZZA E IL NOSTRO OBIETTIVO

LA SICUREZZA E IL NOSTRO OBIETTIVO EDILIZIA STORICA FIBREBUILD Edilizia storica LA SICUREZZA E IL NOSTRO OBIETTIVO La fragilità e il degrado dei beni storicoarchitettonici, gli eventi sismici che colpiscono periodicamente il nostro territorio,

Dettagli

MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA

MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA INTRODUZIONE Il recente D.M. 14.1.2008 (N.T.C.), ha confermato ed ulteriormente migliorato le regole di progettazione per costruire in muratura armata, introdotte a livello

Dettagli

Sistema di consolidamento di solai in legno, acciaio e calcestruzzo. Il nuovo indirizzo della ristrutturazione.

Sistema di consolidamento di solai in legno, acciaio e calcestruzzo. Il nuovo indirizzo della ristrutturazione. Sistema di consolidamento di solai in legno, acciaio e calcestruzzo. Il nuovo indirizzo della ristrutturazione. Nuovo sistema di interconnessione più calcestruzzi strutturali Leca. L unione fa il rinforzo.

Dettagli

L impiego delle tecnologie FRP nel recupero strutturale di Edifici Storici

L impiego delle tecnologie FRP nel recupero strutturale di Edifici Storici L impiego delle tecnologie FRP nel recupero strutturale di Edifici Storici prof. Lino Credali Libero Docente in Chimica Macromolecolare, Amministratore Unico Ardea Progetti e Sistemi Srl 1 - PREMESSA L

Dettagli

Regione Campania - Genio Civile

Regione Campania - Genio Civile Regione Campania - Genio Civile Controllo di progetti relativi ad edifici in muratura Le tipologie strutturali degli edifici in muratura esistenti e la loro vulnerabiltà sismica B. Calderoni - D.A.P.S.

Dettagli

Rinforzo e messa in sicurezza di strutture in muratura mediante materiali compositi.

Rinforzo e messa in sicurezza di strutture in muratura mediante materiali compositi. I materiali compositi nella riqualificazione strutturale ed antisismica. Normative, criteri di calcolo, verifiche strutturali, tecnologie ed interventi. Mantova, 4 Ottobre 2012 Rinforzo e messa in sicurezza

Dettagli

Tecniche per il Restauro

Tecniche per il Restauro Tecniche per il Restauro arch. Luisa De Marco Corso di laurea in Restauro Architettonico AA. 2004-2005 21 gennaio 2005 Consolidamenti di elementi e componenti costruttive il consolidamento degli elementi

Dettagli

11. Criteri di analisi e di verifica

11. Criteri di analisi e di verifica 11. Criteri di analisi e di verifica Il progetto dell edificio esistente riflette naturalmente lo stato delle conoscenze al tempo della costruzione e può contenere difetti di impostazione e di realizzazione,

Dettagli

3.5.20 Strutture orizzontali

3.5.20 Strutture orizzontali 3.5.20 Strutture orizzontali Le strutture orizzontali, destinate alla divisione dei piani possono essere piane o ad arco: costituite cioè da solai o da volte. Fra tutte le strutture esse sono le più delicate

Dettagli

Via Giacobbi 5, 40134 Bologna Tel. 051/61.41.772 P.IVA 01900471200. Comune di Cremona. Cavalcavia di Cremona RELAZIONE TECNICA

Via Giacobbi 5, 40134 Bologna Tel. 051/61.41.772 P.IVA 01900471200. Comune di Cremona. Cavalcavia di Cremona RELAZIONE TECNICA Comune di Cremona Cavalcavia di Cremona RELAZIONE TECNICA Analisi e consolidamento statico Progettista strutturale: Bologna, Settembre 2007 1 Descrizione del ponte Il ponte oggetto della valutazione sismica

Dettagli

Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali...

Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali... LabCos! 4LabCos! Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali... LabCos! LabCos! il problema della spinta, oltre a quello dei carichi verticali! Strutture inflesse! Strutture spingenti! Un arco

Dettagli

per il Calcolo del le piastre di rinforzo

per il Calcolo del le piastre di rinforzo per il Calcolo del le piastre di rinforzo IUAV - VENEZIA H 9661 BIBLIOTECA CENTRALE ~é? tt- C{(:,6( CONSOLIDAMENTO E MANUTENZIONE DELLE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO Ciro Scialò SECONDA EDIZIONE ~. ISTITUTO

Dettagli

Sistemi di rinforzo e connessione strutturale. con fibra in PBO e matrice inorganica ecocompatibile, specifici per supporti in calcestruzzo e muratura

Sistemi di rinforzo e connessione strutturale. con fibra in PBO e matrice inorganica ecocompatibile, specifici per supporti in calcestruzzo e muratura Sistemi e connessione strutturale con fibra in PBO e matrice inorganica ecocompatibile, specifici per supporti in calcestruzzo e muratura Sistema composito FRM con rete in PBO e matrice inorganica ecocompatibile

Dettagli

Generalità sui provvedimenti tecnici

Generalità sui provvedimenti tecnici 14 Problemi Strutturali dei Monumenti e dell Edilizia Storica Immagini lezioni 2012 Generalità sui provvedimenti tecnici fuori piano arch. Mariateresa Guadagnuolo 1 Sintesi schematica di dissesti da sisma

Dettagli

GUIDA AI PRODOTTI BETONTEX IPN SISTEMA BETONTEX IPN INTERPENETRATED POLYMER NETWORK PER IL RINFORZO DI STRUTTURE EDILI

GUIDA AI PRODOTTI BETONTEX IPN SISTEMA BETONTEX IPN INTERPENETRATED POLYMER NETWORK PER IL RINFORZO DI STRUTTURE EDILI LE GUIDE BETONTEX GUIDA AI PRODOTTI BETONTEX IPN SISTEMA BETONTEX IPN INTERPENETRATED POLYMER NETWORK PER IL RINFORZO DI STRUTTURE EDILI UN NUOVO SISTEMA BASATO SU RESINE ALL ACQUA A STRUTTURA RETICOLATA

Dettagli

riabilitazione delle strutture

riabilitazione delle strutture riabilitazione delle strutture Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Civile per la Protezione dai Rischi Naturali Orientamento: Strutture e Rischio Sismico Crediti formativi: CFU 6 Docente: Gianmarco

Dettagli

Messa in sicurezza Rinforzi Strutturali Adeguamenti Sismici Resistenza al Fuoco Anticorrosione

Messa in sicurezza Rinforzi Strutturali Adeguamenti Sismici Resistenza al Fuoco Anticorrosione News TECHNOLOGY MICROCALCESTRUZZI Duttili ad Elevata Energia di Frattura e Rapida o Rapidissima Agibilità Strutturale HPFRC - High Performance Fiber Reinforced Concretes UHPFRCC - Ultra High Performance

Dettagli

CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA

CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA AA 2008-2009 Arch. Elisa Adorni Legno LEGNO: materiale con caratteristiche molto variabili a seconda delle specie arboree Fattori climatici e morfologia

Dettagli

10 I SOLAI. 10.1 Gli elementi costitutivi di un solaio

10 I SOLAI. 10.1 Gli elementi costitutivi di un solaio 10 I SOLAI 10.1 Gli elementi costitutivi di un solaio I solai sono strutture piane aventi la funzione di portare i carichi presenti sulle costruzioni e di trasferirli alle strutture su cui si appoggiano.

Dettagli

BASATI SULLA GERARCHIA DELLE RESISTENZE. Footer Text

BASATI SULLA GERARCHIA DELLE RESISTENZE. Footer Text ARGOMENTI: MATERIALI E PRODOTTI DA COSTRUZIONE TIPOLOGIE STRUTTURALI E DETTAGLI COSTRUTTIVI AZIONI SULLE COSTRUZIONI RISPOSTA SISMICA E CRITERI DI PROGETTAZIONE BASATI SULLA GERARCHIA DELLE RESISTENZE

Dettagli

. Pagina 210 D E S C R I Z I O N E

. Pagina 210 D E S C R I Z I O N E 1 Pagina 209 C RIPRISTINI STRUTTURALI C01 Preparazioni delle superfici C02 Inghisaggi, ancoraggi ed iniezioni nel cemento armato C03 Ripristino del cemento armato C04 Rinforzo strutturale del cemento armato

Dettagli

/Referenze Rinforzi strutturali - Ristrutturazioni

/Referenze Rinforzi strutturali - Ristrutturazioni /Referenze Rinforzi strutturali - Ristrutturazioni Teknè s.r.l. - Via Conte Ugo di Carpegna,3-20821 Meda (MB) P.I. e C.F. 03314560966 T. 0362 347357 - F. 0362 347357 - M.348 7237928 info@tekne.mi.it -

Dettagli

IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN

IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Architettura, Costruzioni e Strutture IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN MURATURA Ing. Elena Seri IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN MURATURA

Dettagli

SISTEMA ANTIRIBALTAMENTO PRE E POST SISMA PER TRAMEZZI, TAMPONATURE, PARTIZIONI

SISTEMA ANTIRIBALTAMENTO PRE E POST SISMA PER TRAMEZZI, TAMPONATURE, PARTIZIONI SISTEMA ANTIRIBALTAMENTO PRE E POST SISMA PER TRAMEZZI, TAMPONATURE, PARTIZIONI SCHEMA APPLICATIVO 1) Chiusura con malta bicomponente tipo BS 38/39 2,5 MuCis 2) realizzazione del foro e inserimento del

Dettagli

I MATERIALI INNOVATIVI PER LA

I MATERIALI INNOVATIVI PER LA CONVEGNO DI STUDIO: SINERGIE PER UN CONDOMINIO SICURO I MATERIALI INNOVATIVI PER LA RIQUALIFICAZIONE IMMOBILIARE Dott. Ing. Saverio Spadea Dottore di Ricerca in Ingegneria delle Strutture e del Recupero

Dettagli

Interventi per il miglioramento sismico di edifici con struttura in cemento armato e/o muratura

Interventi per il miglioramento sismico di edifici con struttura in cemento armato e/o muratura Interventi per il miglioramento sismico di edifici con struttura in cemento armato e/o muratura Ing. Barbara Farinelli, Domus srl, GLIS Il Sistema CAM Cuciture Attive dei Manufatti Il sistema CAM - Materiali

Dettagli

Analisi sismica di edifici in muratura e misti

Analisi sismica di edifici in muratura e misti Analisi sismica di edifici in muratura e misti Parte 3 1 1. Verifiche meccanismi locali 2. Interventi locali (cerchiature, catene, rinforzo solai) 3. Collegamento 3Muri Axis VM per calcolo fondazioni ed

Dettagli

Potenzialità di materiali avanzati per il miglioramento sismico di strutture in c.a. Andrea Prota

Potenzialità di materiali avanzati per il miglioramento sismico di strutture in c.a. Andrea Prota Potenzialità di materiali avanzati per il miglioramento sismico di strutture in c.a. Andrea Prota Ricercatore di Tecnica delle Costruzioni Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università degli Studi

Dettagli

MANUALE DI MANUTENZIONE

MANUALE DI MANUTENZIONE Comune di Lavello Provincia di Potenza PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE DI MANUTENZIONE (Articolo 38 D.P.R. 207/10) OGGETTO: Lavori di consolidamento a valle del fabbricato della Protezione Civile COMMITTENTE:

Dettagli

Inserimento di un nuovo solaio

Inserimento di un nuovo solaio Inserimento di un nuovo solaio DIRETTIVE TECNICHE Regioni Basilicata, Calabria e Campania, sisma del 9/9/1998 [ ] Cordoli in c.a.: verificare preliminarmente la fattibilità e l'efficienza di interventi

Dettagli

Il costo del corso è di 450.00 iva esclusa; agli iscritti degli ordini professionali della Sicilia è riservato uno sconto del 10%.

Il costo del corso è di 450.00 iva esclusa; agli iscritti degli ordini professionali della Sicilia è riservato uno sconto del 10%. Corso Tecnico Applicativo sull Utilizzo dei Materiali Compositi FRP SRG (Fibre di Carbonio, Vetro.) nel Settore Civile, dalla Conoscenza dei Materiali al Collaudo delle Opere Il corso Organizzato dal Centro

Dettagli

Il risparmio nelle fondazioni e nel tempo di realizzazione.

Il risparmio nelle fondazioni e nel tempo di realizzazione. L acciaio sta assumendo sempre più un ruolo di primo piano nel settore delle costruzioni sia civili che industriali. La durata, la resistenza alla corrosione, le caratteristiche meccaniche, di resistenza

Dettagli

Isolamento acustico di pareti in laterizio: verifica delle prestazioni in opera

Isolamento acustico di pareti in laterizio: verifica delle prestazioni in opera Cis Edil s.r.l. Via C. Iotti, 92 42045 LUZZARA - REGGIO EMILIA Tel 0522.976128 - Fax 0522.977919 www.cisedil.it - info@cisedil.it Isolamento acustico di pareti in laterizio: verifica delle prestazioni

Dettagli

Consolidamento di edifici esistenti in cemento armato. 2S.I. s.r.l.

Consolidamento di edifici esistenti in cemento armato. 2S.I. s.r.l. Consolidamento di edifici esistenti in cemento armato 2S.I. s.r.l. www.2si.it Ing. Marco Pizzolato Ing. Gennj Venturini 201310 Introduzione Una volta modellato un edificio esistente è possibile assegnare

Dettagli

tecnologia viadotti 0 120022012 A N N I

tecnologia viadotti 0 120022012 A N N I tecnologia viadotti 0 12002 201 2 A N N I te.via. te.via. nasce nel 2002, ha sede a Vermezzo (MI) in via Ravello 12, su un area complessiva di 3.000 mq. te.via. è un azienda specializzata nel ripristino,

Dettagli

DESCRIZIONE GENERALE DELLE OPERAZIONI DA ESEGUIRE IN CASO DI CONSOLIDAMENTO STATICO DEL SOLAIO.

DESCRIZIONE GENERALE DELLE OPERAZIONI DA ESEGUIRE IN CASO DI CONSOLIDAMENTO STATICO DEL SOLAIO. DESCRIZIONE GENERALE DELLE OPERAZIONI DA ESEGUIRE IN CASO DI CONSOLIDAMENTO STATICO DEL SOLAIO. Verifica statica della struttura esistente, al fine di determinare la portata del solaio esistente; redazione

Dettagli

Comune di BRESCIA PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE DI UN FABBRICATO ESISTENTE

Comune di BRESCIA PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE DI UN FABBRICATO ESISTENTE Comune di BRESCIA PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE DI UN FABBRICATO ESISTENTE RELAZIONE DI CALCOLO OPERE IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO NORMALE, IN MURATURA PORTANTE ED IN FERRO (ai sensi dell'art. 4 della

Dettagli

Diocesi di Reggio Emilia Guastalla

Diocesi di Reggio Emilia Guastalla Diocesi di Reggio Emilia Guastalla Sisma maggio 2012 Edifici di Culto Scheda sintetica di valutazione dei danni oggetto: Quadro economico riassuntivo (da allegare alla relazione tecnica) Noi sottoscritti

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA Edifici in muratura portante 2 1 Cosa è ANDILWall? ANDILWall è un software di analisi strutturale che utilizza il motore di calcolo SAM II, sviluppato presso l Università degli Studi di Pavia e presso

Dettagli

Very High Durability Repair & Prevention Systems

Very High Durability Repair & Prevention Systems 18 FASCIATURE CON MATERIALI COMPOSITI: STRUTTURE VOLTATE IN MATTONI O PIETRA INDICE ANALITICO DELLE OPERE a) Preparazione del supporto b) Preparazione delle piste che ospiteranno il tessuto in materiale

Dettagli

Sistema Antisfondellamento

Sistema Antisfondellamento Sistema Antisfondellamento 10/2010 Perchè la sicurezza non è una materia opzionale Sistema Antisfondellamento Il Sistema innovativo per la soluzione del fenomeno dello sfondellamento Knauf con esperienza

Dettagli