LA PREVIDENZA E L ASSISTENZA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA PREVIDENZA E L ASSISTENZA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI"

Transcript

1 LA PREVIDENZA E L ASSISTENZA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI

2 La presente edizione è stata chiusa in redazione il 5 aprile 2013 La proprietà intellettuale della presente Opera (cui sono allegati alcuni testi normativi) La previdenza e l Assistenza dei Dottori Commercialisti, tutti i diritti di utilizzazione, in esclusiva, in perpetuo e per tutto il mondo, anche mediante la pubblicazione sul sito web istituzionale e l eventuale ristampa in proprio, sono riservati alla Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza a favore dei Dottori Commercialisti (l Autore). I testi, anche se curati con scrupolosa attenzione, non possono comportare specifiche responsabilità per involontari errori, inesattezze, incompletezze e/o per il loro utilizzo parziale o scorretto; pertanto, l utente è tenuto a controllare l esattezza, la completezza e l aggiornamento del materiale utilizzato, sul sito web istituzionale della Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza a favore dei Dottori Commercialisti L Autore non si assume alcuna responsabilità per danni diretti o indiretti causati da quanto sopra descritto.

3 In ogni libro che si rispetti, l autore fa precedere il testo da una dedica a qualcuno che significa molto per lui, o che molto lo ha aiutato nella sua realizzazione. Questo non è un libro convenzionale: è la testimonianza di un percorso, compiuto dall intera categoria, e non è stato scritto da una sola mano, ma da molte, molte, mani. La migliore dedica, quindi, viene dalla categoria e va, attraverso il suo strumento previdenziale, alla categoria stessa: per essersi fatta carico della responsabilità derivante dall autonomia riconosciutale circa 20 anni or sono, apportando per tempo le necessarie correzioni al sistema; per essersi dotata di una sostenibilità previdenziale il cui orizzonte temporale va ben al di là dei cinquant anni finora trascorsi dalla sua istituzione. E con la dedica, in occasione del 50 compleanno della Cassa dei Dottori Commercialisti, un augurio: quello di sapersi sempre rinnovare ed adeguare ai mutamenti economico-sociali che il futuro ci porterà. Renzo Guffanti

4

5 Indice CAPITOLO 1 - RAPPORTO ANAGRAFICO Pre-iscrizione... 1 Iscrizione... 3 Esonero... 4 Cancellazione... 5 Continuità dell esercizio professionale ai fini previdenziali... 6 Incompatibilità con l esercizio della professione... 7 NORMATIVA RAPPORTO ANAGRAFICO... 8 CAPITOLO 2 RAPPORTO CONTRIBUTIVO Contributo Soggettivo...19 Contributo Integrativo Contributo di Maternità Adempimenti contributivi Contribuzione dovuta dai pensionati Ruoli Restituzione dei contributi soggettivi Rimborso di somme non dovute Ripristino dei contributi Regolarizzazione Spontanea Sistema Sanzionatorio Riscatto del tirocinio, del corso legale di laurea e del servizio militare Ricongiunzione... 41

6 Prescrizione dei contributi Eventi calamitosi NORMATIVA RAPPORTO CONTRIBUTIVO CAPITOLO 3 PRESTAZIONI PENSIONISTICHE Pensione di vecchiaia...89 Pensione di vecchiaia anticipata Pensione unica contributiva Totalizzazione dei periodi assicurativi Supplemento di pensione Pensione di invalidità Pensione di inabilità Prestazioni ai superstiti Metodo di calcolo delle prestazioni pensionistiche Contributo di solidarietà Liquidazione dei trattamenti pensionistici Prescrizione dei trattamenti pensionistici NORMATIVA PRESTAZIONI PENSIONISTICHE CAPITOLO 4 PRESTAZIONI ASSISTENZIALI Tutela della maternità Interventi economici aventi particolare incidenza sul bilancio familiare Assegni di partecipazione a spese funerarie Borse di studio Assegni di concorso nelle spese di ospitalità in case di riposo per anziani, cronici o lungodegenti Assegni a favore di genitori di figli portatori di handicap e portatori di handicap orfani di associati

7 Contributo per spese per assistenza infermieristica domiciliare Premi per benemerenze particolari Tutela sanitaria NORMATIVA PRESTAZIONI ASSISTENZIALI CAPITOLO 5 RICORSI AMMINISTRATIVI Ricorsi NORMATIVA RICORSI AMMINISTRATIVI CAPITOLO 6 PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI Procedimenti amministrativi NORMATIVA PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMUNICARE CON LA CASSA 201 Contatti

8

9 PRE-ISCRIZIONE 1. RAPPORTO ANAGRAFICO 1 CAPITOLO 1 - Rapporto anagrafico Pre-iscrizione La pre-iscrizione è l istituto riservato ai tirocinanti che consente di ottenere una copertura previdenziale pari al periodo del tirocinio (cui aggiungere, facoltativamente, un periodo massimo di ulteriori 3 anni) laddove venga presentata domanda di iscrizione alla Cassa entro 2 anni dal termine della pre-iscrizione stessa. I tirocinanti, inclusi coloro che percepiscono una borsa di studio, possono accedere alla pre-iscrizione facendo apposita domanda alla Cassa. La domanda di pre-iscrizione deve essere presentata perentoriamente prima dell iscrizione all Albo ed entro 5 anni dalla data di iscrizione al Registro dei praticanti. Nel modulo di domanda ciascun tirocinante deve specificare l anno di decorrenza della pre-iscrizione, che può avere inizio dal 1 gennaio dell anno d iscrizione al Registro dei praticanti oppure dal 1 gennaio di uno degli anni successivi. Sono esclusi dalla pre-iscrizione i tirocinanti iscritti o che siano stati iscritti ad altro Ente di previdenza obbligatoria, per lo stesso periodo e per la medesima attività. Cessazione della pre-iscrizione La cessazione della pre-iscrizione avviene a seguito di: a. iscrizione ordinaria alla Cassa; b. richiesta di cancellazione da parte del tirocinante; c. raggiungimento del periodo massimo degli ulteriori 3 anni successivi a quelli del tirocinio. Decorrenza Relativamente alle tipologie sopra indicate, la cessazione della pre-iscrizione decorre: dal 31 dicembre dell anno precedente quello di iscrizione ordinaria alla Cassa (tipologia a); dal 31 dicembre dell anno di presentazione della domanda di cancellazione (tipologia b); dal 31 dicembre dell anno in cui è stato raggiunto il periodo massimo di pre-iscrizione (tipologia c). 1

10 1. RAPPORTO ANAGRAFICO PRE-ISCRIZIONE Restituzione dei contributi versati a titolo di pre-iscrizione La restituzione può essere richiesta dal tirocinante contestualmente o successivamente alla cancellazione ovvero laddove non venga presentata domanda d iscrizione ordinaria alla Cassa entro 2 anni dal termine della pre-iscrizione. Sono restituiti tutti i contributi versati durante il periodo di pre-iscrizione, maggiorati degli interessi. Contribuzione dovuta dai pre-iscritti La pre-iscrizione comporta il versamento di un contributo fisso annuale da scegliere, di anno in anno, tra i 3 seguenti importi: Anni Contributo fisso annuale , , , , , , , , , , , , , , ,00 Tab. n. 1: fasce contributive pre-iscritti In caso di retrodatazione della pre-iscrizione, al contributo annuale si aggiunge un importo di Euro 30,00 per ciascuna annualità precedente l anno di presentazione della domanda. Termini di versamento Il 30 giugno di ogni anno scade il termine di versamento del contributo annuale, da corrispondere nella misura scelta da ciascun tirocinante. Coloro che entro la data di scadenza del versamento non avessero ricevuto la comunicazione dell avvenuta pre-iscrizione dovranno effettuare il pagamento entro il termine indicato nella comunicazione di avvenuta pre-iscrizione. Ogni versamento effettuato oltre il termine sarà soggetto al pagamento di una sanzione fissa pari a Euro 30,00. Dall anno 2013 per i pre-iscritti alla Cassa è disponibile una specifica sezione all interno dei Servizi online del sito nell area riservata ai Dottori Commercialisti, per usufruire di diversi strumenti che consentiranno, tra l altro, di visualizzare il proprio estratto conto, generare il MAV per il pagamento dei contributi, variare i propri dati anagrafici e ottenere la certificazione dei versamenti. Riferimenti Normativi: Regolamento di Disciplina del Regime Previdenziale Art. 20-bis La pre-iscrizione per i tirocinanti (vedi pag. 12) 2

11 ISCRIZIONE 1. RAPPORTO ANAGRAFICO Iscrizione L iscrizione alla Cassa è obbligatoria qualora sussistano entrambi i seguenti requisiti: a. iscrizione all Albo, sezione A, con abilitazione alla professione di Dottore Commercialista; b. apertura della partita IVA con codice attività di Dottore Commercialista (ex 7412A) o equiparabili e/o partecipazione in associazione professionale all interno della quale l interessato svolga l attività di Dottore Commercialista. L iscrizione alla Cassa avviene mediante presentazione della domanda di iscrizione da inviare entro sei mesi dalla maturazione di entrambi i requisiti richiesti. Oltre tale termine le domande saranno considerate tardive e l iscrizione soggetta al versamento di una sanzione. L iscrizione decorre dal 1 gennaio dell anno in cui coesistono i requisiti richiesti. Il Dottore Commercialista iscritto a più Albi professionali deve optare, entro sei mesi dalla maturazione di entrambi i requisiti di cui ai sopra indicati punti a) e b), per l iscrizione ad una delle Casse professionali di riferimento. I Dottori Commercialisti che iniziano l attività professionale e si iscrivono alla Cassa per la prima volta prima di aver compiuto 35 anni di età, godono di un regime contributivo agevolato rispetto agli iscritti ordinari, per i primi tre anni d iscrizione quando siano corrispondenti ai primi tre anni di esercizio (vedi capitolo Rapporto Contributivo par. Contributo soggettivo e par. Contributo integrativo). I Dottori Commercialisti che si iscrivono nuovamente alla Cassa dopo essersi cancellati e che hanno richiesto la restituzione dei contributi possono chiedere di versare tutta la contribuzione di cui avevano già ottenuto la restituzione (vedi capitolo Rapporto Contributivo par. Ripristino dei contributi). Riferimenti Normativi: Legge 29 gennaio 1986, n Art. 22 Iscrizione alla Cassa (vedi pag. 8) - Art. 32 Iscritti in più Albi professionali (vedi pag. 8) Statuto Titolo II: Iscrizione e associazione alla Cassa - Art. 5 Iscrizione e associazione (vedi pag. 9) Statuto Titolo II: Iscrizione e associazione alla Cassa - Art. 6 Cessazione dell iscrizione e reiscrizione (vedi pag. 10) 3

12 1. RAPPORTO ANAGRAFICO ESONERO Esonero I Dottori Commercialisti in possesso dei requisiti di iscrizione, ma: a. iscritti ad un altra forma di previdenza obbligatoria per lo svolgimento di un attività diversa da quella di Dottore Commercialista, oppure b. beneficiari di un trattamento pensionistico diretto derivante dall iscrizione ad un altra forma di previdenza obbligatoria, possono avvalersi della facoltà di non iscriversi alla Cassa. Il Dottore Commercialista che sceglie di non iscriversi alla Cassa, deve presentare domanda di esonero, comunicare annualmente il reddito netto professionale e il volume di affari IVA prodotto e versare la contribuzione integrativa. L esonero dall iscrizione alla Cassa potrebbe far sorgere gli obblighi nei confronti della Gestione Separata Inps. Dal momento in cui cessa il titolo per l esonero (es: cessazione rapporto di lavoro dipendente) il Dottore Commercialista ha sei mesi per effettuare l iscrizione ordinaria alla Cassa, pena l applicazione delle relative sanzioni. Il Dottore Commercialista che, pur in possesso di un titolo di esonero sceglie di iscriversi alla Cassa, è tenuto a presentare domanda di iscrizione. In questo caso l iscrizione decorre dal 1 gennaio dell anno di presentazione della domanda fatto salvo diversa richiesta dell interessato finalizzata alla retrodatazione della decorrenza nei limiti prescrizionali vigenti, con l obbligo di versamento di tutta la contribuzione. Riferimenti Normativi: Legge 29 gennaio 1986, n Art. 22 Iscrizione alla Cassa (vedi pag. 8) - Art. 32 Iscritti in più Albi professionali (vedi pag. 8) Statuto Titolo II: Iscrizione e associazione alla Cassa - Art. 5 Iscrizione e associazione (vedi pag. 9) Statuto Titolo II: Iscrizione e associazione alla Cassa - Art. 6 Cessazione dell iscrizione e reiscrizione (vedi pag. 10) 4

13 CANCELLAZIONE 1. RAPPORTO ANAGRAFICO Cancellazione I Dottori Commercialisti, per la definizione della posizione assicurativa, devono inviare la richiesta di cancellazione dalla Cassa qualora venga meno uno dei requisiti previsti per l iscrizione; coloro che sono iscritti anche ad un altra forma di previdenza obbligatoria per lo svolgimento di un attività diversa da quella di Dottore Commercialista o beneficiari di un trattamento pensionistico diretto derivante dall iscrizione ad un altra forma di previdenza obbligatoria, possono decidere se rimanere iscritti oppure cancellarsi. In quest ultimo caso la prosecuzione dell attività professionale potrebbe far sorgere l obbligo di iscrizione alla Gestione Separata Inps. La cancellazione dalla Cassa, quindi, può essere richiesta a seguito di: a. chiusura della partita iva individuale; b. recesso da studio associato in assenza di partita iva individuale; c. cancellazione dall Albo professionale e/o trasferimento nell Elenco Speciale non Esercenti; d. iscrizione ad altra forma di previdenza obbligatoria o titolarità di pensione da parte di altri Enti; e. iscrizione ad altra Cassa professionale di previdenza. Decorrenza La cancellazione dalla Cassa decorre: dal 31 dicembre dell anno in cui è cessata l attività professionale per le tipologie a), b), c); dal 31 dicembre dell anno di presentazione della domanda per la tipologia d); dal 31 dicembre dell anno di iscrizione ad altra Cassa professionale per la tipologia e). Effetti In virtù dell avvenuta cancellazione, è facoltà richiedere la restituzione dei contributi soggettivi versati qualora ne ricorrano le condizioni (vedi capitolo Rapporto Contributivo par. Restituzione dei contributi soggettivi e capitolo Prestazioni pensionistiche par. Pensione unica contributiva). Riferimenti Normativi: Statuto Titolo II: Iscrizione e associazione alla Cassa - Art. 6 Cessazione dell iscrizione e reiscrizione (vedi pag. 10) 5

14 1. RAPPORTO ANAGRAFICO CONTINUITÀ DELL ESERCIZIO PROFESSIONALE AI FINI PREVIDENZIALI Continuità dell esercizio professionale ai fini previdenziali Nel regime vigente dal 2007, la continuità dell esercizio professionale ai fini previdenziali è riconosciuta per ogni anno in presenza di un volume di affari IVA almeno pari a quello di riferimento del contributo minimo integrativo relativo allo stesso anno. Tale volume di affari IVA ai soli fini di verifica della continuità dell esercizio professionale si intende in ogni caso sussistere in presenza di avvenuto versamento della contribuzione minima integrativa dovuta nell anno. Riferimenti Normativi: Regolamento di Disciplina del Regime Previdenziale Art. 6 Continuità dell esercizio professionale ai fini previdenziali (vedi pag. 10) 6

15 INCOMPATIBILITÀ CON L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE 1. RAPPORTO ANAGRAFICO Incompatibilità con l esercizio della professione La Cassa effettua la verifica di condizioni di incompatibilità con l esercizio della professione di Dottore Commercialista, con il coinvolgimento ove necessario dell Ordine professionale. Tale analisi può concludersi con: 1. esclusione, alla data dell accertamento, della presenza di condizioni di incompatibilità; 2. presenza di condizioni di incompatibilità per un periodo superiore all anno. La verifica viene avviata dalla Cassa d ufficio prima dell attribuzione di prestazioni previdenziali e assistenziali o su richiesta dell iscritto. Fino alla conclusione del procedimento la Cassa non procede all erogazione dei trattamenti previdenziali/assistenziali. Effetti Le cariche incompatibili con l esercizio della professione sono individuate dalla legge, dalle circolari interpretative e dalle note informative emanate nel tempo dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili. Gli anni dichiarati incompatibili non sono utili ai fini previdenziali e assistenziali. I contributi versati (fatto salvo il contributo integrativo calcolato sul volume di affari IVA) verranno rimborsati su richiesta, in quanto non più dovuti alla Cassa. Riferimenti Normativi: Legge 29 gennaio 1986, n. 21 Art. 22, comma 3, Iscrizione alla Cassa (vedi pag. 8) Regolamento di Disciplina del Regime Previdenziale Art. 7 Incompatibilità con l esercizio della professione (vedi pag. 12) Deliberazione n. 56/12 del 16/05/2012 (vedi pag. 14) D.Lgs. 28 giugno 2005, n. 139 Art. 4 Incompatibilità (vedi pag. 18) 7

16 1. RAPPORTO ANAGRAFICO NORMATIVA NORMATIVA RAPPORTO ANAGRAFICO Legge 29 gennaio 1986, n. 21 Art Iscrizione alla Cassa 1. Sono obbligatoriamente iscritti alla Cassa i Dottori Commercialisti iscritti all Albo professionale che esercitano la libera professione con carattere di continuità. L iscrizione è facoltativa per i Dottori Commercialisti iscritti a forme di previdenza obbligatoria o beneficiari di altra pensione, in conseguenza di diversa attività da loro svolta, anche precedentemente alla iscrizione all Albo professionale. L iscrizione alla Cassa si intende compiuta a tutti gli effetti, contributivi e previdenziali, con decorrenza dal 1 gennaio dell anno in cui avviene. 2. Coloro che sono tenuti all iscrizione alla Cassa devono presentare domanda alla Cassa stessa entro sei mesi dalla data di inizio dell esercizio della professione. In caso di omessa domanda, l iscrizione avviene d ufficio, con comunicazione all interessato, e l iscritto è tenuto a versare, oltre ai contributi dovuti, rivalutati in base alle tabelle di cui al comma 2 dell articolo 15, una penalità pari al quarto dell importo non rivalutato dei contributi dovuti per l intero periodo di ritardo. 3. L accertamento della sussistenza del requisito dell esercizio della professione avviene sulla base dei criteri stabiliti dal comitato dei delegati ed è effettuato dalla Cassa periodicamente e comunque prima dell erogazione dei trattamenti previdenziali e assistenziali. 4. Non comportano la perdita dell anzianità di iscrizione i periodi di inattività professionale, purché sia mantenuta l iscrizione all albo, dovuti a: a. inabilità, debitamente provata, per malattia o altre cause; b. permanenza all estero per motivi di studio; c. esercizio delle funzioni di ministro, di membro del Parlamento, nazionale ed europeo, di consigliere regionale, di presidente della giunta provinciale o di sindaco di comune capoluogo di provincia o con popolazione superiore a abitanti. 5. Durante i periodi di inattività professionale di cui al comma precedente sono comunque dovuti dagli iscritti i contributi previsti dagli articoli 10 e 11. Essi possono supplire alle deficienze di reddito professionale rispetto a quello massimo conseguito nel quinquennio anteriore al periodo di inattività, rivalutato a norma dell articolo 15, versando volontariamente il contributo di cui all articolo 10, rapportato al reddito stesso, nonché il contributo di cui all articolo 11, rapportato a un volume di affari pari a quindici volte il contributo soggettivo complessivamente versato. Ai fini del calcolo della pensione, il reddito professionale annuo sarà assunto nella misura presa a base per la contribuzione. 6. Agli effetti del presente articolo, l iscrizione nell elenco speciale, prevista dall ultimo comma dell articolo 11 del D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382, equivale all iscrizione nell Albo professionale. Legge 29 gennaio 1986, n. 21 Art Iscritti in più Albi professionali 1. L iscritto alla Cassa, iscritto o che si iscriva anche in Albi relativi ad altre professioni, deve optare per una delle Casse di previdenza delle professioni nel cui Albo è iscritto entro sei mesi dall entrata in vigore della presente legge o dalla nuova iscrizione. 2. Sono salvi i diritti acquisiti da coloro che all entrata in vigore della legge hanno già maturato il diritto a pensione nei confronti della Cassa. 8

17 NORMATIVA 1. RAPPORTO ANAGRAFICO 3. La mancata opzione di cui al comma 1 comporta la cancellazione d ufficio dalla Cassa di previdenza ed assistenza dei dottori commercialisti e la restituzione dei contributi a norma del comma 1 dell articolo Il reddito professionale denunciato ai fini dell IRPEF si considera comunque interamente conseguito nell ambito della professione nella cui Cassa il dottore commercialista permane iscritto. 5. In deroga alle norme di qualsiasi Cassa di previdenza relativa a libere professioni, ogni contribuzione soggettiva ed oggettiva è dovuta esclusivamente alla Cassa per cui il professionista ha optato e nella misura stabilita dalle norme relative alla Cassa stessa. STATUTO Titolo II: Iscrizione e associazione alla Cassa Art. 5 Iscrizione e associazione 5.1. Sono obbligatoriamente iscritti alla Cassa, e quindi associati, in virtù delle disposizioni vigenti, i Dottori Commercialisti iscritti agli Albi professionali che esercitano la libera professione con carattere di continuità, anche se in pensione L accertamento della sussistenza del requisito dell esercizio della professione è effettuato sulla base dei criteri stabiliti dalla Assemblea dei delegati Coloro che sono tenuti all iscrizione alla Cassa devono presentare domanda alla Cassa stessa entro sei mesi dalla data di inizio della professione. In caso di omessa domanda, l iscrizione, esaminati i presupposti della sua obbligarietà, avviene d ufficio con comunicazione all interessato il quale è obbligato a versare i contributi dovuti debitamente rivalutati e le penali secondo le vigenti disposizioni L iscrizione alla Cassa si intende compiuta a tutti gli effetti, contributivi e previdenziali, con decorrenza dal primo gennaio dell anno in cui avviene La qualità di iscritto comporta l associazione alla Cassa con la facoltà di esercitare le prerogative di cui al successivo articolo Il domicilio legale di ogni iscritto, per quanto concerne i rapporti con la Cassa, è quello risultante dalla comunicazione dell Ordine di appartenenza ovvero quello reso noto dall iscritto con apposita comunicazione Possono avvalersi della facoltà di non iscriversi alla Cassa i Dottori Commercialisti iscritti agli Albi ed esercenti la professione che siano iscritti ad altre forme di previdenza obbligatoria o beneficiari di altra pensione, in conseguenza di diversa attività da loro svolta, anche precedentemente all iscrizione all Albo professionale. A tal fine, gli interessati devono comunicare e documentare alla Cassa, nel termine previsto per l iscrizione, le condizioni che li esonerano da tale obbligo Il rapporto fra periodi di inattività professionale e anzianità di iscrizione è regolato dalla normativa già vigente al momento della trasformazione della Cassa e da eventuali successive modifiche. 9

18 1. RAPPORTO ANAGRAFICO NORMATIVA STATUTO Titolo II: Iscrizione e associazione alla Cassa Art. 6 Cessazione dell iscrizione e reiscrizione 6.1. L iscrizione alla Cassa cessa, con conseguente cessazione del rapporto associativo: a. per cancellazione dall Albo professionale o per effettiva cessazione dell attività professionale comprovata anche dalla contestuale disattivazione della correlata posizione fiscale; b. per l opzione, in relazione all esercizio di un ulteriore professione, a favore di altro Ente gestore di previdenza obbligatoria per liberi Professionisti; c. per cancellazione d ufficio, qualora l Associato non eserciti l opzione a favore di essa entro sei mesi dalla nuova iscrizione secondo le norme di cui all articolo 32 della L. 29 gennaio 1986, n. 21; d. per decesso dell Associato; e. su richiesta dell Associato ai sensi del comma 7 del precedente articolo In caso di ricostituzione dei presupposti, si procede a nuova iscrizione. Ove il professionista reiscritto abbia ottenuto in precedenza la restituzione dei contributi, questi ha facoltà di ripristinare il periodo pregresso di anzianità, secondo le norme del Regolamento. Regolamento di Disciplina del Regime Previdenziale Art. 6 - Continuità dell esercizio professionale ai fini previdenziali 1. Ai fini previdenziali di cui al comma 1 dell art. 22 della L. 21/86, per continuità dell esercizio professionale, relativamente al periodo , si intende il raggiungimento di uno dei seguenti limiti delle medie quinquennali di reddito o di volume di affari: Quinquenni Reddito netto professionale Volume affari Iva , , , , , , , ,45 La Cassa non riconosce, per la determinazione della anzianità assicurativo-contributiva, le corrispondenti singole annualità in cui i redditi e i volumi di affari IVA dichiarati siano inferiori ai limiti sopra indicati. 2. I limiti di cui al comma 1 del presente articolo non si applicano nel primo triennio di esercizio professionale ed all ultimo biennio precedente il pensionamento. 3. Per i quinquenni di cui al comma 1, il termine per l accertamento della sussistenza dell esercizio professionale è fissato in cinque anni e decorre dal 01/01/2007 o, se successivo, dal momento in cui l associato abbia inviato alla Cassa tutte le comunicazioni obbligatorie dei redditi professionali netti e dei volumi di affari IVA dichiarati nel periodo oggetto di accertamento. 10

19 NORMATIVA 1. RAPPORTO ANAGRAFICO 4. I limiti di cui al comma 1 del presente articolo non si applicano: con riferimento alle annualità interessate da eventi che abbiano dato luogo alla erogazione di prestazioni previdenziali di inabilità ed invalidità e, con riferimento a quest ultima, anche alle annualità durante le quali la prestazione stessa sia erogata; con riferimento alle annualità interessate da eventi che abbiano dato luogo a prestazioni assistenziali per stato di bisogno; con riferimento alle annualità interessate da eventi di maternità o comunque significativamente interessate da decorso di gravidanza; con riferimento alle annualità interessate da prolungata e documentata inabilità per malattia o altre cause che impediscano l esercizio della professione; con riferimento alle annualità ed ai soggetti interessati da eventi eccezionali calamitosi così come individuati dalle disposizioni speciali in materia; con riferimento alle annualità durante le quali l iscritto permanga all estero per motivi di studio, producendo idonea documentazione; con riferimento alle annualità durante le quali l iscritto eserciti le funzioni di membro del Parlamento, nazionale ed europeo, di ministro, di vice ministro, di sottosegretario, di consigliere regionale, di assessore regionale, di presidente della giunta provinciale, di assessore provinciale, di sindaco o assessore di comune con popolazione superiore a abitanti, nonché le ulteriori funzioni previste dall art. 2, lett. r) del D.I. 25 maggio 2001, attuativo dell art. 86, comma 2 del D.Lgs. 267/2000. Durante i periodi di inattività professionale di cui sopra sono comunque dovuti dagli iscritti i contributi previsti dagli articoli 1 e 2 del presente Regolamento, fatto salvo quanto disposto dal D.I. 25 maggio 2001 sopra indicato. Essi possono supplire alle deficienze di reddito professionale netto rispetto a quello massimo conseguito nel quinquennio anteriore al periodo di inattività, rivalutato a norma dell art. 15 della L. 21/86, versando volontariamente il contributo soggettivo di cui all art. 1 del presente Regolamento rapportato al reddito stesso, nonché il contributo integrativo di cui all art. 2 del presente Regolamento rapportato ad un volume di affari IVA pari a 15 volte il contributo soggettivo complessivamente versato. 5. Il Consiglio di Amministrazione, in riferimento al periodo di cui al comma 1 del presente articolo, valuta ai fini del riconoscimento della anzianità assicurativa e contributiva casi per i quali, pur in carenza dei requisiti di cui allo stesso comma 1, sia diversamente e adeguatamente documentato l esercizio della professione di Dottore Commercialista. A tal fine gli interessati, ove non superino i valori minimi reddituali e di volumi di affari come fissati al comma 1, possono produrre al Consiglio di Amministrazione documentazione avente ad oggetto eventuali fatti e situazioni particolari, di carattere contingente, le cui conseguenze abbiano inciso e/o incidano sullo svolgimento dell attività professionale, tali da aver comportato una discontinuità dei redditi e dei volumi di affari IVA conseguiti e dichiarati. 6. Per i periodi successivi al quinquennio , la verifica della continuità dell esercizio professionale ai fini previdenziali di cui al comma 1 dell art. 22 della L. 21/86, non viene effettuata con riferimento a periodi di rilevazione quinquennale, bensì annuale. La continuità è riconosciuta - per ogni anno - in presenza di un volume di affari Iva almeno pari a quello di riferimento del contributo minimo integrativo relativo allo stesso anno 3. Tale volume di affari Iva - ai soli fini di cui al presente comma - si intende in ogni caso sussistere in presenza di avvenuto versamento della contribuzione minima integrativa dovuta nell anno. 3 Volume di affari Iva corrispondente al contributo minimo: 2007: : :

20 1. RAPPORTO ANAGRAFICO NORMATIVA 7. L ordinaria attività di verifica ed accertamento delle inadempienze contributive, nei termini previsti dalla relativa disciplina, esplica i suoi effetti anche ai fini dell accertamento del requisito della continuità dell esercizio professionale di cui al comma 6 del presente articolo. 8. A decorrere dal 1/1/2007, per i primi tre anni di iscrizione alla Cassa, la continuità dell esercizio professionale viene comunque riconosciuta. 9. Le annualità non riconosciute per carenza del requisito dell esercizio professionale, ai sensi del presente articolo, sono annullate con diritto alla restituzione della sola contribuzione soggettiva versata, maggiorata degli interessi al tasso legale pro tempore vigente, calcolati a decorrere dal primo gennaio dell anno successivo al relativo versamento. La contribuzione soggettiva versata per le annualità successive al 31 dicembre 2003 non riconosciute per carenza del requisito dell esercizio professionale non concorre alla formazione del montante contributivo di cui all art. 10 del presente Regolamento, ancorché non richiesta a rimborso dall iscritto. Regolamento di Disciplina del Regime Previdenziale Art. 7 Incompatibilità con l esercizio della professione 1. Ai fini previdenziali ed assistenziali, non si considerano utili alla maturazione dell anzianità di iscrizione i periodi continuativi o cumuli di periodi frazionati superiori all anno o multipli di esso, durante i quali l attività professionale sia stata concretamente svolta in una delle condizioni di incompatibilità, previste dall art. 3 del D.P.R. 1067/1953 e successive integrazioni o modificazioni. 12 Regolamento di Disciplina del Regime Previdenziale Art. 20-bis - La pre-iscrizione per i tirocinanti 1. I soggetti che dal 1/1/2004 svolgano o abbiano svolto il periodo di tirocinio professionale di cui all art. 1, comma 1, L. 17/2/1992, n. 206 di modifica dell art. 2 del D.P.R. 1067/1953 nonché in base alle successive integrazioni e modificazioni, possono presentare alla Cassa apposita domanda di pre-iscrizione entro il termine massimo di 5 anni decorrente dalla data di iscrizione al Registro dei praticanti. 2. Possono ottenere la pre-iscrizione alla Cassa tutti coloro che non siano iscritti per la stessa attività ad altro Ente di previdenza obbligatoria, anche se per il periodo di tirocinio percepiscono una borsa di studio. 3. La pre-iscrizione può decorrere, a scelta dell interessato: a) dal 1 gennaio dell anno di inizio del tirocinio; b) dal 1 gennaio di uno degli anni di tirocinio successivi al primo. 4. La pre-iscrizione cessa su richiesta dell interessato con effetto: dal 31 dicembre dell anno della richiesta stessa; dal 31 dicembre dell anno precedente la decorrenza dell iscrizione ordinaria alla Cassa; comunque dal termine del triennio utile ai fini dell iscrizione all Albo professionale, successivo alla conclusione del periodo di tirocinio. 5. La pre-iscrizione comporta il versamento obbligatorio di una contribuzione fissa annualmente dovuta scelta dal praticante, anno per anno, pari alternativamente a: 500,00; 1.000,00; 2.000,00.

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEL REGIME PREVIDENZIALE 1

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEL REGIME PREVIDENZIALE 1 REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEL REGIME PREVIDENZIALE 1 1 Aggiornato all ultima modifica approvata il 7/3/13 INDICE SCOPI E PRINCIPI TITOLO I CONTRIBUTI Articolo 1 Contributo soggettivo Articolo 2 Contributo

Dettagli

DIREZIONE PRESTAZIONI

DIREZIONE PRESTAZIONI DIREZIONE PRESTAZIONI Regolamento di disciplina del Regime Previdenziale (Deliberazione dell AdD del 27-28/11/2003) (D.I. 14 luglio 2004) La svolta del sistema previdenziale: come cambiano le prestazioni

Dettagli

PREVIDENZA. obbligatoria degli Agrotecnici TITOLO I: DEI SOGGETTI - DEI CONTRIBUTI - DELLE SANZIONI ARTICOLO 1 ARTICOLO 2

PREVIDENZA. obbligatoria degli Agrotecnici TITOLO I: DEI SOGGETTI - DEI CONTRIBUTI - DELLE SANZIONI ARTICOLO 1 ARTICOLO 2 Regolamento della gestione approvato con decreto interministeriale del 25 marzo 1998 PREVIDENZA obbligatoria degli Agrotecnici TITOLO I: DEI SOGGETTI - DEI CONTRIBUTI - DELLE SANZIONI CAPO PRIMO DEI SOGGETTI

Dettagli

A cura di: Guido Cresto Luca Quer Marcello Alessandro Resca Verdiana Federica Santarossa Stefania Telesca Delegati Cassa per la circoscrizione di

A cura di: Guido Cresto Luca Quer Marcello Alessandro Resca Verdiana Federica Santarossa Stefania Telesca Delegati Cassa per la circoscrizione di A cura di: Guido Cresto Luca Quer Marcello Alessandro Resca Verdiana Federica Santarossa Stefania Telesca per la circoscrizione di Torino, Pinerolo e Ivrea D. COS E LA CASSA DI PREVIDENZA? R. La Cassa

Dettagli

LA CASSA FORENSE CARATTERISTICHE DELLA CASSA

LA CASSA FORENSE CARATTERISTICHE DELLA CASSA LA CASSA FORENSE CARATTERISTICHE DELLA CASSA La Cassa è stata istituita con legge 8 gennaio 1952 ed è stata trasformata, a decorrere da 1 gennaio 1995, in fondazione con personalità giuridica di diritto

Dettagli

BREVIARIO SULLA PREVIDENZA FORENSE di Giulio Pignatiello Delegato nazionale alla Cassa Forense

BREVIARIO SULLA PREVIDENZA FORENSE di Giulio Pignatiello Delegato nazionale alla Cassa Forense IL PRATICANTE E LA CASSA. Il praticante non ha alcun tipo di obbligo nei confronti della Cassa. Non deve inviare il MODELLO 5, non deve applicare in fattura il contributo integrativo del 4% e di conseguenza

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale.

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale. Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale Roma, 03/10/2013 Circolare n. 140 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti.

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti. Direzione Centrale Pensioni Roma, 18/11/2015 Circolare n. 184 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

Capitolo 7 La previdenza forense

Capitolo 7 La previdenza forense Parte prima L ordinamento forense Capitolo 7 La previdenza forense Sommario 1. La cassa nazionale di previdenza e assistenza forense. - 2. Gli organi della cassa. - 3. Il patrimonio e la sua gestione.

Dettagli

La Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti. Latina, 18 novembre 2014

La Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti. Latina, 18 novembre 2014 La Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti Latina, 18 novembre 2014 La Previdenza dei Dottori Commercialisti o1 La previdenza dei Dottori Commercialisti: La posizione assicurativa Dottore Commercialista

Dettagli

SOMMARIO. Presentazione... Prefazione...

SOMMARIO. Presentazione... Prefazione... SOMMARIO Presentazione... Prefazione... V VII Capitolo I - Profili generali della previdenza forense 1. La previdenza dei liberi professionisti... 3 2. (Segue): caratteristiche generali del regime previdenziale

Dettagli

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE DIPARTIMENTO WELFARE Politiche Previdenziali SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE a cura di Maria Rita Gilardi Roma, 23 gennaio 2006 1 Articolo 1 Totalizzazione

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 09/09/2011

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 09/09/2011 Direzione Centrale Pensioni Roma, 09/09/2011 Circolare n. 116 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza a favore dei Dottori Commercialisti

Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza a favore dei Dottori Commercialisti Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza a favore dei Dottori Commercialisti Le prestazioni previdenziali LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI DIRETTE Pensione di vecchiaia Pensione di vecchiaia anticipata Supplemento

Dettagli

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA La Gestione separata (G.S.) è una gestione pensionistica separata di nome e di fatto. Infatti la contribuzione ivi versata viene accreditata

Dettagli

REGOLAMENTO RISCATTI E RICONGIUNZIONI. Art. 1 - Soggetti, modalità e termini per i riscatti

REGOLAMENTO RISCATTI E RICONGIUNZIONI. Art. 1 - Soggetti, modalità e termini per i riscatti REGOLAMENTO RISCATTI E RICONGIUNZIONI Art. 1 - Soggetti, modalità e termini per i riscatti 1.1 - Gli iscritti ad Inarcassa possono riscattare: a) il periodo legale dei corsi di laurea d ingegneria e di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA - Approvato con nota Ministeriale del 25 ottobre 2004 e modifiche approvate con successiva nota Ministeriale del 24 luglio 2006 - Testo integrato in vigore

Dettagli

Il sistema previdenziale di categoria. Fondi di Previdenza ENPAM

Il sistema previdenziale di categoria. Fondi di Previdenza ENPAM Il sistema previdenziale di categoria Fondi di Previdenza ENPAM Obbligatorietà dei Fondi I Fondi di Previdenza ENPAM sono tutti ad iscrizione obbligatoria ed automatica: 1) FONDO DI PREVIDENZA GENERALE

Dettagli

Art. 1 Iscrizione obbligatoria alla Cassa

Art. 1 Iscrizione obbligatoria alla Cassa REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL ART. 21 COMMI 8 E 9 LEGGE N. 247/2012 (Delibera del Comitato dei Delegati del 31 gennaio 2014 e successive modificazioni - Approvato con nota ministeriale del 7 agosto 2014

Dettagli

Costo del lavoro. La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma.

Costo del lavoro. La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma. Costo del lavoro Esempi di calcolo La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma Ai sensi dell art. 2222 c.c. è lavoratore autonomo colui

Dettagli

aiga Associazione Italiana Giovani Avvocati

aiga Associazione Italiana Giovani Avvocati aiga Associazione Italiana Giovani Avvocati VADEMECUM CASSA FORENSE 1 ISCRIZIONE ALLA CASSA L Iscrizione alla Cassa Forense è obbligatoria al raggiungimento e/o al superamento di uno dei due limiti reddituali

Dettagli

PREVIDENZA OBBLIGATORIA E FORME ASSISTENZIALI L ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA

PREVIDENZA OBBLIGATORIA E FORME ASSISTENZIALI L ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA Anno 2012 PREVIDENZA OBBLIGATORIA E FORME ASSISTENZIALI L ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA Percorso ENPAPI: previdenziale ENTRAT ISCRIZIONE A GESTION E CONTRIBUZIONE

Dettagli

BREVE VADEMECUM IN MATERIA DI - PREVIDENZA FORENSE -

BREVE VADEMECUM IN MATERIA DI - PREVIDENZA FORENSE - BREVE VADEMECUM IN MATERIA DI - PREVIDENZA FORENSE - Premessa La Previdenza Forense è materia complessa, che riguarda tutti gli Avvocati. Oggi è argomento di dibattito, spesso anche acceso, date le novità

Dettagli

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA REGOLAMENTO DI PREVIDENZA INDICE PARTE I DEI SOGGETTI, DEI CONTRIBUTI E DELLE SANZIONI pag. 6 PARTE II ATTUAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI PREVIDENZA A FAVORE DEGLI ISCRITTI E DEI LORO FAMILIARI pag. 18 PARTE

Dettagli

INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE

INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE Il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili, nella seduta del 1 marzo 2012,

Dettagli

FONDI DI PREVIDENZA LE TABELLE PER IL CALCOLO DEI TRATTAMENTI CON DECORRENZA 2014

FONDI DI PREVIDENZA LE TABELLE PER IL CALCOLO DEI TRATTAMENTI CON DECORRENZA 2014 FONDI DI PREVIDENZA LE TABELLE PER IL CALCOLO DEI TRATTAMENTI CON DECORRENZA 2014 Si rinnova anche per il 2014 il tradizionale appuntamento con le nuove tabelle per il calcolo dei trattamenti previdenziali

Dettagli

Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li FNP-CISL - Loro Sedi -

Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li FNP-CISL - Loro Sedi - Dipartimento Politiche Previdenziali, Fisco, Prezzi e Tariffe, Rapporti con gli Enti e i CIV Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li

Dettagli

Le pensioni in CUMULO ART.1 COMMI 239-246 LEGGE 24.12.2012, N 228 LEGGE DI STABILITA 2013

Le pensioni in CUMULO ART.1 COMMI 239-246 LEGGE 24.12.2012, N 228 LEGGE DI STABILITA 2013 Le pensioni in CUMULO ART.1 COMMI 239-246 LEGGE 24.12.2012, N 228 LEGGE DI STABILITA 2013 RICONGIUNZIONE Lavoratori iscritti a due o più forme di assicurazione: AGO INPS - IVS dipendenti e autonomi TOTALIZZAZIONE

Dettagli

Approvato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministero dell Economia e delle Finanze.

Approvato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministero dell Economia e delle Finanze. Approvato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministero dell Economia e delle Finanze. REGOLAMENTO DI PREVIDENZA INDICE PARTE I DEI SOGGETTI, DEI CONTRIBUTI E DELLE SANZIONI

Dettagli

OBBLIGO DI ISCRIZIONE FACOLTA DI ISCRIZIONE

OBBLIGO DI ISCRIZIONE FACOLTA DI ISCRIZIONE LE FINALITÀ DI PREVIDENZA OBBLIGATORIA PREVIDENZA COMPLEMENTARE Collegio Provinciale IPASVI di Gorizia L ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA ISTITUITA IL 24/3/1998

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTRIBUTI

REGOLAMENTO DEI CONTRIBUTI REGOLAMENTO DEI CONTRIBUTI (Testo approvato dal Comitato dei Delegati nella seduta del 5 settembre 2012) ART. 1 TIPOLOGIA DEI CONTRIBUTI 1. Sono dovuti alla Cassa in forza di quanto disposto dall art.

Dettagli

Pensione di reversibilità. ENPAM INPS ( ex-inpdap)

Pensione di reversibilità. ENPAM INPS ( ex-inpdap) Pensione di reversibilità ENPAM INPS ( ex-inpdap) La pensione di reversibilità, anche conosciuta come pensione ai superstiti, è una prestazione economica erogata, a domanda, in favore dei superstiti La

Dettagli

La Previdenza del Pediatra di libera scelta

La Previdenza del Pediatra di libera scelta ENTE NAZIONALE PREVIDENZA ED ASSISTENZA ENTE NAZIONALE MEDICI PREVIDENZA ED ODONTOIATRI ED ASSISTENZA DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI La Previdenza del Pediatra di libera scelta Pietro Fusilli Responsabile

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO DI PREVIDENZA GENERALE

REGOLAMENTO DEL FONDO DI PREVIDENZA GENERALE REGOLAMENTO DEL FONDO DI PREVIDENZA GENERALE Testo in vigore dal 1 gennaio 2013 Art. 1 (Campo di applicazione) 1. La previdenza e l assistenza a favore della generalità degli iscritti al Fondo di Previdenza

Dettagli

REGOLAMENTO. per l attuazione delle attività di previdenza TITOLO I ISCRITTI CAPO PRIMO ISCRITTI. Articolo 1 Iscritti all Ente

REGOLAMENTO. per l attuazione delle attività di previdenza TITOLO I ISCRITTI CAPO PRIMO ISCRITTI. Articolo 1 Iscritti all Ente REGOLAMENTO per l attuazione delle attività di previdenza TITOLO I ISCRITTI CAPO PRIMO ISCRITTI Articolo 1 Iscritti all Ente 1. Gli psicologi iscritti agli Albi degli Ordini regionali e provinciali, nelle

Dettagli

FONDI DI PREVIDENZA LE TABELLE PER IL CALCOLO DEI TRATTAMENTI CON DECORRENZA 2013

FONDI DI PREVIDENZA LE TABELLE PER IL CALCOLO DEI TRATTAMENTI CON DECORRENZA 2013 FONDI DI PREVIDENZA LE TABELLE PER IL CALCOLO DEI TRATTAMENTI CON DECORRENZA 2013 Alla fine del mese di gennaio arrivano come sempre i dati Istat sull inflazione registrata nell anno precedente e si può

Dettagli

Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it

Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it L' INPS pubblica un articolato messaggio per fornire chiarimenti in ordine alla applicazione dei principi contenuti nella riforma delle pensioni,

Dettagli

LA CASSA RISPONDE RACCOLTA DEI QUESITI PIÙ ATTUALI PUBBLICATI SU CNPADC NEWS

LA CASSA RISPONDE RACCOLTA DEI QUESITI PIÙ ATTUALI PUBBLICATI SU CNPADC NEWS RACCOLTA DEI QUESITI PIÙ ATTUALI PUBBLICATI SU CNPADC NEWS Rapporto Anagrafico Newsletter N. 1 Dicembre 2009... Sono un Dottore Commercialista neoiscritto alla Cassa con decorrenza 01/01/2009 agevolato

Dettagli

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti Analisi degli Enti del decreto 509/1994 LA PENSIONE DELL AVVOCATO CASSA FORENSE Indice Considerazioni di carattere generale La contribuzione

Dettagli

Osservatorio sull ENPAPI

Osservatorio sull ENPAPI Novembre 2011 www.logicaprevidenziale.it Sommario Osservatorio sull ENPAPI Ente di Previdenza per gli Infermieri (E.N.P.A.P.I)... 3 1.1 Quadro Generale... 3 1.2 L Assetto Contabile... 6 1.3 Dal 2000 al

Dettagli

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti:

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti: Totalizzazione dei contributi È stata prevista da recenti disposizioni legislative per consentire l acquisizione del diritto ad un unica pensione di vecchiaia, di anzianità o ai superstiti a quei lavoratori

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO IN VIGORE DAL 23 LUGLIO 2012

NUOVO REGOLAMENTO IN VIGORE DAL 23 LUGLIO 2012 NUOVO REGOLAMENTO IN VIGORE DAL 23 LUGLIO 2012 Il Comitato Amministratore nella seduta del 18/01/2012 ha approvato il testo del nuovo Regolamento. il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, avente

Dettagli

Protocollo: 350/Pres./2010 Al Dott. Ing./Arch. Professionista iscritto Professionista non iscritto LORO SEDI

Protocollo: 350/Pres./2010 Al Dott. Ing./Arch. Professionista iscritto Professionista non iscritto LORO SEDI CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI PRESIDENZA Protocollo: 350/Pres./2010 Al Dott. Ing./Arch. Professionista iscritto Professionista non iscritto

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 31/07/2014

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 31/07/2014 Direzione Centrale Pensioni Roma, 31/07/2014 Circolare n. 95 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Legge 228/2012 Disposizioni in materia di cumulo

Legge 228/2012 Disposizioni in materia di cumulo Legge 228/2012 Disposizioni in materia di cumulo Abrogazione legge 322/58 in particolari situazioni Cumulo periodi contributivi per pensione Vecchiaia Reversibilità Inabilità Corso agenti sociali FNP CISL

Dettagli

Comitato dei Delegati

Comitato dei Delegati Comitato dei Delegati 9 settembre 2013 La necessità di una riforma del sistema previdenziale I provvedimenti adottati 1. Aumento dell'aliquota del soggettivo e del massimale sul reddito; 2. Aumento del

Dettagli

Circolare N.86 del 8 Giugno 2011. Contributi volontari 2011. La prima scadenza è al 30 giugno

Circolare N.86 del 8 Giugno 2011. Contributi volontari 2011. La prima scadenza è al 30 giugno Circolare N.86 del 8 Giugno 2011 Contributi volontari 2011. La prima scadenza è al 30 giugno Contributi volontari 2011: la prima scadenza è al 30 giugno Gentile cliente, con la presente desideriamo ricordarle

Dettagli

VERIFICA DI FATTISPECIE DI INCOMPATIBILITA CON L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI COMMERCIALISTA E DI ESPERTO CONTABILE

VERIFICA DI FATTISPECIE DI INCOMPATIBILITA CON L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI COMMERCIALISTA E DI ESPERTO CONTABILE LINEE GUIDA PER LA VERIFICA DI FATTISPECIE DI INCOMPATIBILITA CON L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI COMMERCIALISTA E DI ESPERTO CONTABILE a cura del Consiglio dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli

Dettagli

OGGETTO: Dlgs 30 aprile 1997, n. 184 Chiarimenti in materia di prosecuzione volontaria.

OGGETTO: Dlgs 30 aprile 1997, n. 184 Chiarimenti in materia di prosecuzione volontaria. ISTITUTO Roma, 17 maggio 2006 NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA Direzione Generale Direzione Centrale Pensioni Ufficio I - Normativa e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI (Testo approvato dal Comitato dei Delegati nella seduta del 5 settembre 2012) ART. 1 PRESTAZIONI 1. La Cassa corrisponde le seguenti prestazioni previdenziali:

Dettagli

Vademecum per i praticanti Dottori Commercialisti: la pre iscrizione ed il riscatto dei periodi di tirocinio di FERDINANDO BOCCIA

Vademecum per i praticanti Dottori Commercialisti: la pre iscrizione ed il riscatto dei periodi di tirocinio di FERDINANDO BOCCIA Vademecum per i praticanti Dottori Commercialisti: la pre iscrizione ed il riscatto dei periodi di tirocinio di FERDINANDO BOCCIA Da sempre l UNGDCEC ha avuto a cuore il futuro previdenziale di tutti i

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI. Art. 1 PRESTAZIONI

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI. Art. 1 PRESTAZIONI REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI Art. 1 PRESTAZIONI 1. La Cassa corrisponde le seguenti prestazioni previdenziali: a) Pensione di vecchiaia; b) Pensione di anzianità; c) Pensione di invalidità;

Dettagli

Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA 2012

Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA 2012 Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA 2012 1 Art. 4 Art. 5 Art. 7 Contributo soggettivo c.2 Contributo facoltativo c.4 Contributo figurativo Contributo integrativo

Dettagli

pari o inferiori a tre volte il T.M. Inps superiori a tre volte il T.M Inps e pari o inferiori a quattro volte il trattamento minimo Inps

pari o inferiori a tre volte il T.M. Inps superiori a tre volte il T.M Inps e pari o inferiori a quattro volte il trattamento minimo Inps Novità introdotte dalla Legge n 147/13 in materia previdenziale e assistenziale Per il triennio 2014-2016 la rivalutazione automatica dei trattamenti pensionistici, secondo il meccanismo stabilito dall

Dettagli

Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati

Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati Pensione di vecchiaia Con almeno 57 anni, sia uomini che donne possono conseguire la pensione di vecchiaia. Si prescinde

Dettagli

SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN

SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN 2014 1 Previdenza ENPAM Il fondo di Previdenza Generale è composto da: Quota A Quota B 2 QUOTA

Dettagli

superstiti sono cu-mulabili con i redditi del beneficiario, nei limiti di cui al-la Tabella F allegato 1. Il trattamento derivante dal cumulo dei

superstiti sono cu-mulabili con i redditi del beneficiario, nei limiti di cui al-la Tabella F allegato 1. Il trattamento derivante dal cumulo dei Circolare INPS del 25 agosto 1995 n. 234 Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensio- nistico obbligatorio e complementare. Pensioni ai superstiti e trattamenti di invalidità. Nuovi limiti

Dettagli

1. SOGGETTI CHE ACCEDONO A PENSIONE CON IL SISTEMA CONTRIBUTIVO

1. SOGGETTI CHE ACCEDONO A PENSIONE CON IL SISTEMA CONTRIBUTIVO ISTITUTO TUTELA ASSISTENZA COMMERCIO TURISMO E SERVIZI CONFESERCENTI 1. SOGGETTI CHE ACCEDONO A PENSIONE CON IL SISTEMA CONTRIBUTIVO (art. 1, comma 40, della legge n. 335 del 1995) Nei confronti dei soggetti

Dettagli

1. Il meccanismo di adeguamento alla speranza di vita

1. Il meccanismo di adeguamento alla speranza di vita 379 Contributi obbligatori Contributi da riscatto Contributi figurativi Contributi volontari Schema della contribuzione sono imposti dalla legge ai fini del diritto e della misura dei trattamenti pensionistici

Dettagli

Servizio Prestazioni. FONDAZIONE ENASARCO: tutti i diritti riservati

Servizio Prestazioni. FONDAZIONE ENASARCO: tutti i diritti riservati 1 PRESTAZIONI INTEGRATIVE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI PENSIONE ai SUPERSTITI Gestione INDENNITÀ di SCIOGLIMENTO del RAPPORTO di AGENZIA PENSIONE di VECCHIAIA PENSIONE di INVALIDITÀ PENSIONE di INABILITÀ

Dettagli

Gorizia, 21 ottobre 2014

Gorizia, 21 ottobre 2014 Gorizia, 21 ottobre 2014 1 «L avvocato, sin da giovane, deve essere consapevole della suo c.d. percorso previdenziale, allo scopo non solo di sfruttare appieno le opportunità offerte, ma anche -eventualmente-

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI DEL FONDO DI PREVIDENZA GENERALE

REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI DEL FONDO DI PREVIDENZA GENERALE REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI DEL FONDO DI PREVIDENZA GENERALE Norme di attuazione delle disposizioni di cui al titolo IV del regolamento del Fondo di Previdenza Generale (Approvate dal Consiglio

Dettagli

Circolare n. 36 del 9 dicembre 2014

Circolare n. 36 del 9 dicembre 2014 Circolare n. 36 del 9 dicembre 2014 DLgs. 21.11.2014 n. 175 di semplificazioni fiscali - Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE 1 Premessa...

Dettagli

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA ENPAPI

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA ENPAPI Approvato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministero dell Economia e delle Finanze in data 29 marzo 2013 REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 04-01-2013. Messaggio n. 219

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 04-01-2013. Messaggio n. 219 Direzione Centrale Pensioni Roma, 04-01-2013 Messaggio n. 219 OGGETTO: Articolo 24, del d.l. n. 201 convertito dalla legge n. 214 del 2011: nuove disposizioni in materia di trattamenti pensionistici riguardanti

Dettagli

MOD. 5/2012: INVIO TELEMATICO OBBLIGATORIO

MOD. 5/2012: INVIO TELEMATICO OBBLIGATORIO MOD. 5/2012: INVIO TELEMATICO OBBLIGATORIO LA CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA FORENSE RICORDA CHE anche quest anno l invio, da parte di tutti gli iscritti agli Albi Forensi, della comunicazione

Dettagli

MINIGUIDA PER UNA RAPIDA CONSULTAZIONE ALLA PENSIONE DEL FONDO GENERALE ENPAM. a cura di Marco Perelli Ercolini

MINIGUIDA PER UNA RAPIDA CONSULTAZIONE ALLA PENSIONE DEL FONDO GENERALE ENPAM. a cura di Marco Perelli Ercolini MINIGUIDA PER UNA RAPIDA CONSULTAZIONE ALLA PENSIONE DEL FONDO GENERALE ENPAM a cura di Marco Perelli Ercolini 2005 LA PREVIDENZA DEI MEDICI CON ATTIVITA PROFESSIONALE A RAPPORTO DI LAVORO IN DIPENDENZA

Dettagli

Pensione di reversibilità ENPAM-INPS ( EX-INPDAP)

Pensione di reversibilità ENPAM-INPS ( EX-INPDAP) Pensione di reversibilità ENPAM-INPS ( EX-INPDAP) INDICE Definizione- Differenti regole in ENPAM ed in INPS Slide 3 ENPAM - Pensione indiretta e pensione di reversibilità ai superstiti-superstiti Slide

Dettagli

sportello previdenza ogni mercoledì dalle 11.30 alle 12.30 previo appuntamento a info@avvocati.ud.it

sportello previdenza ogni mercoledì dalle 11.30 alle 12.30 previo appuntamento a info@avvocati.ud.it sportello previdenza ogni mercoledì dalle 11.30 alle 12.30 previo appuntamento a info@avvocati.ud.it obbligo iscrizione praticanti NO praticanti con patrocinio NO obbligo avvocati NO obbligo salvo superamento

Dettagli

LEGGE REGIONALE 21 SETTEMBRE 2012, N. 6

LEGGE REGIONALE 21 SETTEMBRE 2012, N. 6 CONSIGLIO REGIONALE LEGGE REGIONALE 21 SETTEMBRE 2012, N. 6 Trattamento economico e regime previdenziale dei membri del Consiglio della Regione autonoma Trentino-Alto Adige 1 Art. 1 (Trattamento economico

Dettagli

Comitato dei Delegati

Comitato dei Delegati Comitato dei Delegati 9 settembre 2013 La necessità di una riforma del sistema previdenziale I provvedimenti adottati 1. Aumento dell'aliquota del soggettivo e del massimale sul reddito; 2. Aumento del

Dettagli

Comune di Cento REGOLAMENTO SUI CRITERI APPLICATIVI DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.)

Comune di Cento REGOLAMENTO SUI CRITERI APPLICATIVI DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) Comune di Cento REGOLAMENTO SUI CRITERI APPLICATIVI DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) Art. 1 Oggetto del regolamento 1.Il presente regolamento è lo strumento per la disciplina

Dettagli

LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. Vademecum

LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. Vademecum LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. Vademecum 2015 FONDO DI PREVIDENZA GENERALE Contributi Obbligatorietà della contribuzione pag. 4 Contributi fissi Quota A pag. 5 Contributi di riscatto Quota A

Dettagli

Pensione lavoratori autonomi

Pensione lavoratori autonomi Pensione lavoratori autonomi SOGGETTI INTERESSATI: le speciali regole riguardanti i requisiti per il diritto alla pensione di vecchiaia e di anzianità dei lavoratori «autonomi» interessano le seguenti

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2012 TELEMATICO ATTENZIONE

NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2012 TELEMATICO ATTENZIONE NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2012 TELEMATICO (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della Legge

Dettagli

SPAZIO RISERVATO ALL ENTE NOME

SPAZIO RISERVATO ALL ENTE NOME ENTE DI PREVIDENZA SPAZIO RISERVATO ALL ENTE Comunicazione obbligatoria ai sensi del Decreto Legislativo 103/96 da inviare all Ente entro e non oltre il 15.9.2014 EPPI 03/2013 COGNOME NOME CODICE FISCALE

Dettagli

TESTO DDL. ART. 2 1. Il FITQ provvede alle prestazioni previste dalla presente legge con le seguenti entrate:

TESTO DDL. ART. 2 1. Il FITQ provvede alle prestazioni previste dalla presente legge con le seguenti entrate: Disegno di legge concernente Riforma della disciplina in materia di prestazioni integrative del trattamento di quiescenza e norme per l erogazione del trattamento di fine rapporto. Modificazioni alla L.R.

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 14/06/2012

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 14/06/2012 Direzione Centrale Pensioni Roma, 14/06/2012 Circolare n. 84 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO Facciamo il punto sulla normativa pensionistica di cui sono destinatari i lavoratori delle forze di polizia attualmente vigente, a seguito

Dettagli

n. 7/8 - luglio/agosto 2010

n. 7/8 - luglio/agosto 2010 n. 7/8 - luglio/agosto 2010 A cura di Roberto Battaglia Segretario SPI-CGIL Emilia Romagna Roberta Lorenzoni Dipartimento previdenza SPI-CGIL Emilia Romagna Argomenti Pensione di reversibilità: requisiti

Dettagli

ENPAPI ENPAPI. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica

ENPAPI ENPAPI. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica FINALITA ASSICURA LA COPERTURA PREVIDENZIALE OBBLIGATORIA IN FAVORE DEGLI ISCRITTI, DEI LORO FAMILIARI E SUPERSTITI ATTRAVERSO

Dettagli

Allegato O C.C.N.L. Accordo attuativo sulla previdenza complementare

Allegato O C.C.N.L. Accordo attuativo sulla previdenza complementare In data 29 gennaio 2000 Allegato O C.C.N.L. Accordo attuativo sulla previdenza complementare ANCE FENEAL UIL FILCA CISL FILLEA - CGIL tra e quali Parti unitariamente intese come Parti istitutive rispettivamente

Dettagli

CIRCOLARE N. 17 Agli Enti di Patronato

CIRCOLARE N. 17 Agli Enti di Patronato ISTITUTO Roma lì, 23/05/2005 NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA Direzione Centrale Pensioni Ufficio I - Normativa e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it Ai Direttori delle

Dettagli

REGOLAMENTO EX ART. 19 BIS DEL REGOLAMENTO DELL ENTE PER L EROGAZIONE DEI TRATTAMENTI DI ASSISTENZA

REGOLAMENTO EX ART. 19 BIS DEL REGOLAMENTO DELL ENTE PER L EROGAZIONE DEI TRATTAMENTI DI ASSISTENZA Via Vicenza, 7-00185 Roma REGOLAMENTO EX ART. 19 BIS DEL REGOLAMENTO DELL ENTE PER L EROGAZIONE DEI TRATTAMENTI DI ASSISTENZA Approvato dal Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Dettagli

1. Decesso dell assicurato o pensionato in assenza di un coniuge superstite avente i requisiti per la pensione indiretta o di reversibilità.

1. Decesso dell assicurato o pensionato in assenza di un coniuge superstite avente i requisiti per la pensione indiretta o di reversibilità. Circolare INPS del 27 giugno 2001 n. 132 OGGETTO: Articolo 9, comma 3, della legge n. 898/1970, nel testo sostituito dall articolo 13 della legge 6 marzo 1987, n. 74. Attribuzione al coniuge divorziato,

Dettagli

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale IANUTOLO GROS E ASSOCIATI - BIELLA

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale IANUTOLO GROS E ASSOCIATI - BIELLA IANUTOLO GROS E ASSOCIATI - BIELLA Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale 1 1 PREMESSA In attuazione della delega per la riforma del sistema fiscale

Dettagli

1 - Assicurati che possono far valere contribuzione in più gestioni assicurative Per quanto riguarda gli assicurati che fanno valere contribuzione in

1 - Assicurati che possono far valere contribuzione in più gestioni assicurative Per quanto riguarda gli assicurati che fanno valere contribuzione in Circolare INPS del 7 giugno 2002 n. 108 Legge 2 luglio 2001, n. 248, di conversione del decreto-legge 3 maggio 2001, n. 158. Legge 27 novembre 2001, n. 417 di conversione del decreto-legge 28 settembre

Dettagli

TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI

TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI A chi si rivolge La totalizzazione può essere esercitata dai soggetti iscritti a due o più forme di previdenza obbligatoria. Requisiti Pensione di vecchiaia: occorre avere

Dettagli

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale 2.2015 Gennaio Sommario 1. PREMESSA... 2 2. PRECOMPILAZIONE DEI MODELLI 730 DA PARTE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE...

Dettagli

Direzione Centrale delle Prestazioni. Direzione Centrale delle Entrate Contributive. Direzione Centrale Vigilanza sulle Entrate ed Economia Sommersa

Direzione Centrale delle Prestazioni. Direzione Centrale delle Entrate Contributive. Direzione Centrale Vigilanza sulle Entrate ed Economia Sommersa Direzione Centrale delle Prestazioni Direzione Centrale delle Entrate Contributive Direzione Centrale Vigilanza sulle Entrate ed Economia Sommersa Direzione Centrale Finanza, Contabilità e Bilancio Direzione

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Aggiornamento del 30 gennaio 2015 1. REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI I contributi versati al FOPEN dal 1^ gennaio 2007 sono deducibili dal reddito complessivo dell aderente per

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTRIBUTI. Art. 1 Tipologia dei contributi

REGOLAMENTO DEI CONTRIBUTI. Art. 1 Tipologia dei contributi REGOLAMENTO DEI CONTRIBUTI Art. 1 Tipologia dei contributi 1. Sono dovuti alla Cassa in forza di quanto disposto dell art. 1, comma 3 del D.lgs 30/6/1994 n. 509 ed in conformità a quanto stabilito dal

Dettagli

MINIGUIDA PER UNA RAPIDA CONSULTAZIONE ALLA PENSIONE DEL FONDO GENERALE ENPAM. a cura di Marco Perelli Ercolini

MINIGUIDA PER UNA RAPIDA CONSULTAZIONE ALLA PENSIONE DEL FONDO GENERALE ENPAM. a cura di Marco Perelli Ercolini MINIGUIDA PER UNA RAPIDA CONSULTAZIONE ALLA PENSIONE DEL FONDO GENERALE ENPAM a cura di Marco Perelli Ercolini 2009 LA PREVIDENZA DEI MEDICI e DEGLI ODONTOIATRI CON ATTIVITA PROFESSIONALE A RAPPORTO DI

Dettagli

Comune di Castelfiorentino

Comune di Castelfiorentino REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 91 del 21.12.2001) ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1 - Il presente

Dettagli

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato Previdenza LE Pensioni Gli ultimi aggiornamenti sugli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato il tetto di retribuzione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE

REGOLAMENTO DEL FONDO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE REGOLAMENTO DEL FONDO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE ALLEGATO B Testo in vigore Art. 1 Testo emendato Art. 1 Il Fondo di Previdenza a favore dei Medici di Medicina Generale, Pediatri di libera scelta,

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Posizione Assicurativa Coordinamento Generale Legale.

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Posizione Assicurativa Coordinamento Generale Legale. Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Posizione Assicurativa Coordinamento Generale Legale Roma, 01/04/2016 Circolare n. 58 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli