LA PREVIDENZA E L ASSISTENZA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA PREVIDENZA E L ASSISTENZA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI"

Transcript

1 LA PREVIDENZA E L ASSISTENZA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI

2 La presente edizione è stata chiusa in redazione il 5 aprile 2013 La proprietà intellettuale della presente Opera (cui sono allegati alcuni testi normativi) La previdenza e l Assistenza dei Dottori Commercialisti, tutti i diritti di utilizzazione, in esclusiva, in perpetuo e per tutto il mondo, anche mediante la pubblicazione sul sito web istituzionale e l eventuale ristampa in proprio, sono riservati alla Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza a favore dei Dottori Commercialisti (l Autore). I testi, anche se curati con scrupolosa attenzione, non possono comportare specifiche responsabilità per involontari errori, inesattezze, incompletezze e/o per il loro utilizzo parziale o scorretto; pertanto, l utente è tenuto a controllare l esattezza, la completezza e l aggiornamento del materiale utilizzato, sul sito web istituzionale della Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza a favore dei Dottori Commercialisti L Autore non si assume alcuna responsabilità per danni diretti o indiretti causati da quanto sopra descritto.

3 In ogni libro che si rispetti, l autore fa precedere il testo da una dedica a qualcuno che significa molto per lui, o che molto lo ha aiutato nella sua realizzazione. Questo non è un libro convenzionale: è la testimonianza di un percorso, compiuto dall intera categoria, e non è stato scritto da una sola mano, ma da molte, molte, mani. La migliore dedica, quindi, viene dalla categoria e va, attraverso il suo strumento previdenziale, alla categoria stessa: per essersi fatta carico della responsabilità derivante dall autonomia riconosciutale circa 20 anni or sono, apportando per tempo le necessarie correzioni al sistema; per essersi dotata di una sostenibilità previdenziale il cui orizzonte temporale va ben al di là dei cinquant anni finora trascorsi dalla sua istituzione. E con la dedica, in occasione del 50 compleanno della Cassa dei Dottori Commercialisti, un augurio: quello di sapersi sempre rinnovare ed adeguare ai mutamenti economico-sociali che il futuro ci porterà. Renzo Guffanti

4

5 Indice CAPITOLO 1 - RAPPORTO ANAGRAFICO Pre-iscrizione... 1 Iscrizione... 3 Esonero... 4 Cancellazione... 5 Continuità dell esercizio professionale ai fini previdenziali... 6 Incompatibilità con l esercizio della professione... 7 NORMATIVA RAPPORTO ANAGRAFICO... 8 CAPITOLO 2 RAPPORTO CONTRIBUTIVO Contributo Soggettivo...19 Contributo Integrativo Contributo di Maternità Adempimenti contributivi Contribuzione dovuta dai pensionati Ruoli Restituzione dei contributi soggettivi Rimborso di somme non dovute Ripristino dei contributi Regolarizzazione Spontanea Sistema Sanzionatorio Riscatto del tirocinio, del corso legale di laurea e del servizio militare Ricongiunzione... 41

6 Prescrizione dei contributi Eventi calamitosi NORMATIVA RAPPORTO CONTRIBUTIVO CAPITOLO 3 PRESTAZIONI PENSIONISTICHE Pensione di vecchiaia...89 Pensione di vecchiaia anticipata Pensione unica contributiva Totalizzazione dei periodi assicurativi Supplemento di pensione Pensione di invalidità Pensione di inabilità Prestazioni ai superstiti Metodo di calcolo delle prestazioni pensionistiche Contributo di solidarietà Liquidazione dei trattamenti pensionistici Prescrizione dei trattamenti pensionistici NORMATIVA PRESTAZIONI PENSIONISTICHE CAPITOLO 4 PRESTAZIONI ASSISTENZIALI Tutela della maternità Interventi economici aventi particolare incidenza sul bilancio familiare Assegni di partecipazione a spese funerarie Borse di studio Assegni di concorso nelle spese di ospitalità in case di riposo per anziani, cronici o lungodegenti Assegni a favore di genitori di figli portatori di handicap e portatori di handicap orfani di associati

7 Contributo per spese per assistenza infermieristica domiciliare Premi per benemerenze particolari Tutela sanitaria NORMATIVA PRESTAZIONI ASSISTENZIALI CAPITOLO 5 RICORSI AMMINISTRATIVI Ricorsi NORMATIVA RICORSI AMMINISTRATIVI CAPITOLO 6 PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI Procedimenti amministrativi NORMATIVA PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMUNICARE CON LA CASSA 201 Contatti

8

9 PRE-ISCRIZIONE 1. RAPPORTO ANAGRAFICO 1 CAPITOLO 1 - Rapporto anagrafico Pre-iscrizione La pre-iscrizione è l istituto riservato ai tirocinanti che consente di ottenere una copertura previdenziale pari al periodo del tirocinio (cui aggiungere, facoltativamente, un periodo massimo di ulteriori 3 anni) laddove venga presentata domanda di iscrizione alla Cassa entro 2 anni dal termine della pre-iscrizione stessa. I tirocinanti, inclusi coloro che percepiscono una borsa di studio, possono accedere alla pre-iscrizione facendo apposita domanda alla Cassa. La domanda di pre-iscrizione deve essere presentata perentoriamente prima dell iscrizione all Albo ed entro 5 anni dalla data di iscrizione al Registro dei praticanti. Nel modulo di domanda ciascun tirocinante deve specificare l anno di decorrenza della pre-iscrizione, che può avere inizio dal 1 gennaio dell anno d iscrizione al Registro dei praticanti oppure dal 1 gennaio di uno degli anni successivi. Sono esclusi dalla pre-iscrizione i tirocinanti iscritti o che siano stati iscritti ad altro Ente di previdenza obbligatoria, per lo stesso periodo e per la medesima attività. Cessazione della pre-iscrizione La cessazione della pre-iscrizione avviene a seguito di: a. iscrizione ordinaria alla Cassa; b. richiesta di cancellazione da parte del tirocinante; c. raggiungimento del periodo massimo degli ulteriori 3 anni successivi a quelli del tirocinio. Decorrenza Relativamente alle tipologie sopra indicate, la cessazione della pre-iscrizione decorre: dal 31 dicembre dell anno precedente quello di iscrizione ordinaria alla Cassa (tipologia a); dal 31 dicembre dell anno di presentazione della domanda di cancellazione (tipologia b); dal 31 dicembre dell anno in cui è stato raggiunto il periodo massimo di pre-iscrizione (tipologia c). 1

10 1. RAPPORTO ANAGRAFICO PRE-ISCRIZIONE Restituzione dei contributi versati a titolo di pre-iscrizione La restituzione può essere richiesta dal tirocinante contestualmente o successivamente alla cancellazione ovvero laddove non venga presentata domanda d iscrizione ordinaria alla Cassa entro 2 anni dal termine della pre-iscrizione. Sono restituiti tutti i contributi versati durante il periodo di pre-iscrizione, maggiorati degli interessi. Contribuzione dovuta dai pre-iscritti La pre-iscrizione comporta il versamento di un contributo fisso annuale da scegliere, di anno in anno, tra i 3 seguenti importi: Anni Contributo fisso annuale , , , , , , , , , , , , , , ,00 Tab. n. 1: fasce contributive pre-iscritti In caso di retrodatazione della pre-iscrizione, al contributo annuale si aggiunge un importo di Euro 30,00 per ciascuna annualità precedente l anno di presentazione della domanda. Termini di versamento Il 30 giugno di ogni anno scade il termine di versamento del contributo annuale, da corrispondere nella misura scelta da ciascun tirocinante. Coloro che entro la data di scadenza del versamento non avessero ricevuto la comunicazione dell avvenuta pre-iscrizione dovranno effettuare il pagamento entro il termine indicato nella comunicazione di avvenuta pre-iscrizione. Ogni versamento effettuato oltre il termine sarà soggetto al pagamento di una sanzione fissa pari a Euro 30,00. Dall anno 2013 per i pre-iscritti alla Cassa è disponibile una specifica sezione all interno dei Servizi online del sito nell area riservata ai Dottori Commercialisti, per usufruire di diversi strumenti che consentiranno, tra l altro, di visualizzare il proprio estratto conto, generare il MAV per il pagamento dei contributi, variare i propri dati anagrafici e ottenere la certificazione dei versamenti. Riferimenti Normativi: Regolamento di Disciplina del Regime Previdenziale Art. 20-bis La pre-iscrizione per i tirocinanti (vedi pag. 12) 2

11 ISCRIZIONE 1. RAPPORTO ANAGRAFICO Iscrizione L iscrizione alla Cassa è obbligatoria qualora sussistano entrambi i seguenti requisiti: a. iscrizione all Albo, sezione A, con abilitazione alla professione di Dottore Commercialista; b. apertura della partita IVA con codice attività di Dottore Commercialista (ex 7412A) o equiparabili e/o partecipazione in associazione professionale all interno della quale l interessato svolga l attività di Dottore Commercialista. L iscrizione alla Cassa avviene mediante presentazione della domanda di iscrizione da inviare entro sei mesi dalla maturazione di entrambi i requisiti richiesti. Oltre tale termine le domande saranno considerate tardive e l iscrizione soggetta al versamento di una sanzione. L iscrizione decorre dal 1 gennaio dell anno in cui coesistono i requisiti richiesti. Il Dottore Commercialista iscritto a più Albi professionali deve optare, entro sei mesi dalla maturazione di entrambi i requisiti di cui ai sopra indicati punti a) e b), per l iscrizione ad una delle Casse professionali di riferimento. I Dottori Commercialisti che iniziano l attività professionale e si iscrivono alla Cassa per la prima volta prima di aver compiuto 35 anni di età, godono di un regime contributivo agevolato rispetto agli iscritti ordinari, per i primi tre anni d iscrizione quando siano corrispondenti ai primi tre anni di esercizio (vedi capitolo Rapporto Contributivo par. Contributo soggettivo e par. Contributo integrativo). I Dottori Commercialisti che si iscrivono nuovamente alla Cassa dopo essersi cancellati e che hanno richiesto la restituzione dei contributi possono chiedere di versare tutta la contribuzione di cui avevano già ottenuto la restituzione (vedi capitolo Rapporto Contributivo par. Ripristino dei contributi). Riferimenti Normativi: Legge 29 gennaio 1986, n Art. 22 Iscrizione alla Cassa (vedi pag. 8) - Art. 32 Iscritti in più Albi professionali (vedi pag. 8) Statuto Titolo II: Iscrizione e associazione alla Cassa - Art. 5 Iscrizione e associazione (vedi pag. 9) Statuto Titolo II: Iscrizione e associazione alla Cassa - Art. 6 Cessazione dell iscrizione e reiscrizione (vedi pag. 10) 3

12 1. RAPPORTO ANAGRAFICO ESONERO Esonero I Dottori Commercialisti in possesso dei requisiti di iscrizione, ma: a. iscritti ad un altra forma di previdenza obbligatoria per lo svolgimento di un attività diversa da quella di Dottore Commercialista, oppure b. beneficiari di un trattamento pensionistico diretto derivante dall iscrizione ad un altra forma di previdenza obbligatoria, possono avvalersi della facoltà di non iscriversi alla Cassa. Il Dottore Commercialista che sceglie di non iscriversi alla Cassa, deve presentare domanda di esonero, comunicare annualmente il reddito netto professionale e il volume di affari IVA prodotto e versare la contribuzione integrativa. L esonero dall iscrizione alla Cassa potrebbe far sorgere gli obblighi nei confronti della Gestione Separata Inps. Dal momento in cui cessa il titolo per l esonero (es: cessazione rapporto di lavoro dipendente) il Dottore Commercialista ha sei mesi per effettuare l iscrizione ordinaria alla Cassa, pena l applicazione delle relative sanzioni. Il Dottore Commercialista che, pur in possesso di un titolo di esonero sceglie di iscriversi alla Cassa, è tenuto a presentare domanda di iscrizione. In questo caso l iscrizione decorre dal 1 gennaio dell anno di presentazione della domanda fatto salvo diversa richiesta dell interessato finalizzata alla retrodatazione della decorrenza nei limiti prescrizionali vigenti, con l obbligo di versamento di tutta la contribuzione. Riferimenti Normativi: Legge 29 gennaio 1986, n Art. 22 Iscrizione alla Cassa (vedi pag. 8) - Art. 32 Iscritti in più Albi professionali (vedi pag. 8) Statuto Titolo II: Iscrizione e associazione alla Cassa - Art. 5 Iscrizione e associazione (vedi pag. 9) Statuto Titolo II: Iscrizione e associazione alla Cassa - Art. 6 Cessazione dell iscrizione e reiscrizione (vedi pag. 10) 4

13 CANCELLAZIONE 1. RAPPORTO ANAGRAFICO Cancellazione I Dottori Commercialisti, per la definizione della posizione assicurativa, devono inviare la richiesta di cancellazione dalla Cassa qualora venga meno uno dei requisiti previsti per l iscrizione; coloro che sono iscritti anche ad un altra forma di previdenza obbligatoria per lo svolgimento di un attività diversa da quella di Dottore Commercialista o beneficiari di un trattamento pensionistico diretto derivante dall iscrizione ad un altra forma di previdenza obbligatoria, possono decidere se rimanere iscritti oppure cancellarsi. In quest ultimo caso la prosecuzione dell attività professionale potrebbe far sorgere l obbligo di iscrizione alla Gestione Separata Inps. La cancellazione dalla Cassa, quindi, può essere richiesta a seguito di: a. chiusura della partita iva individuale; b. recesso da studio associato in assenza di partita iva individuale; c. cancellazione dall Albo professionale e/o trasferimento nell Elenco Speciale non Esercenti; d. iscrizione ad altra forma di previdenza obbligatoria o titolarità di pensione da parte di altri Enti; e. iscrizione ad altra Cassa professionale di previdenza. Decorrenza La cancellazione dalla Cassa decorre: dal 31 dicembre dell anno in cui è cessata l attività professionale per le tipologie a), b), c); dal 31 dicembre dell anno di presentazione della domanda per la tipologia d); dal 31 dicembre dell anno di iscrizione ad altra Cassa professionale per la tipologia e). Effetti In virtù dell avvenuta cancellazione, è facoltà richiedere la restituzione dei contributi soggettivi versati qualora ne ricorrano le condizioni (vedi capitolo Rapporto Contributivo par. Restituzione dei contributi soggettivi e capitolo Prestazioni pensionistiche par. Pensione unica contributiva). Riferimenti Normativi: Statuto Titolo II: Iscrizione e associazione alla Cassa - Art. 6 Cessazione dell iscrizione e reiscrizione (vedi pag. 10) 5

14 1. RAPPORTO ANAGRAFICO CONTINUITÀ DELL ESERCIZIO PROFESSIONALE AI FINI PREVIDENZIALI Continuità dell esercizio professionale ai fini previdenziali Nel regime vigente dal 2007, la continuità dell esercizio professionale ai fini previdenziali è riconosciuta per ogni anno in presenza di un volume di affari IVA almeno pari a quello di riferimento del contributo minimo integrativo relativo allo stesso anno. Tale volume di affari IVA ai soli fini di verifica della continuità dell esercizio professionale si intende in ogni caso sussistere in presenza di avvenuto versamento della contribuzione minima integrativa dovuta nell anno. Riferimenti Normativi: Regolamento di Disciplina del Regime Previdenziale Art. 6 Continuità dell esercizio professionale ai fini previdenziali (vedi pag. 10) 6

15 INCOMPATIBILITÀ CON L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE 1. RAPPORTO ANAGRAFICO Incompatibilità con l esercizio della professione La Cassa effettua la verifica di condizioni di incompatibilità con l esercizio della professione di Dottore Commercialista, con il coinvolgimento ove necessario dell Ordine professionale. Tale analisi può concludersi con: 1. esclusione, alla data dell accertamento, della presenza di condizioni di incompatibilità; 2. presenza di condizioni di incompatibilità per un periodo superiore all anno. La verifica viene avviata dalla Cassa d ufficio prima dell attribuzione di prestazioni previdenziali e assistenziali o su richiesta dell iscritto. Fino alla conclusione del procedimento la Cassa non procede all erogazione dei trattamenti previdenziali/assistenziali. Effetti Le cariche incompatibili con l esercizio della professione sono individuate dalla legge, dalle circolari interpretative e dalle note informative emanate nel tempo dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili. Gli anni dichiarati incompatibili non sono utili ai fini previdenziali e assistenziali. I contributi versati (fatto salvo il contributo integrativo calcolato sul volume di affari IVA) verranno rimborsati su richiesta, in quanto non più dovuti alla Cassa. Riferimenti Normativi: Legge 29 gennaio 1986, n. 21 Art. 22, comma 3, Iscrizione alla Cassa (vedi pag. 8) Regolamento di Disciplina del Regime Previdenziale Art. 7 Incompatibilità con l esercizio della professione (vedi pag. 12) Deliberazione n. 56/12 del 16/05/2012 (vedi pag. 14) D.Lgs. 28 giugno 2005, n. 139 Art. 4 Incompatibilità (vedi pag. 18) 7

16 1. RAPPORTO ANAGRAFICO NORMATIVA NORMATIVA RAPPORTO ANAGRAFICO Legge 29 gennaio 1986, n. 21 Art Iscrizione alla Cassa 1. Sono obbligatoriamente iscritti alla Cassa i Dottori Commercialisti iscritti all Albo professionale che esercitano la libera professione con carattere di continuità. L iscrizione è facoltativa per i Dottori Commercialisti iscritti a forme di previdenza obbligatoria o beneficiari di altra pensione, in conseguenza di diversa attività da loro svolta, anche precedentemente alla iscrizione all Albo professionale. L iscrizione alla Cassa si intende compiuta a tutti gli effetti, contributivi e previdenziali, con decorrenza dal 1 gennaio dell anno in cui avviene. 2. Coloro che sono tenuti all iscrizione alla Cassa devono presentare domanda alla Cassa stessa entro sei mesi dalla data di inizio dell esercizio della professione. In caso di omessa domanda, l iscrizione avviene d ufficio, con comunicazione all interessato, e l iscritto è tenuto a versare, oltre ai contributi dovuti, rivalutati in base alle tabelle di cui al comma 2 dell articolo 15, una penalità pari al quarto dell importo non rivalutato dei contributi dovuti per l intero periodo di ritardo. 3. L accertamento della sussistenza del requisito dell esercizio della professione avviene sulla base dei criteri stabiliti dal comitato dei delegati ed è effettuato dalla Cassa periodicamente e comunque prima dell erogazione dei trattamenti previdenziali e assistenziali. 4. Non comportano la perdita dell anzianità di iscrizione i periodi di inattività professionale, purché sia mantenuta l iscrizione all albo, dovuti a: a. inabilità, debitamente provata, per malattia o altre cause; b. permanenza all estero per motivi di studio; c. esercizio delle funzioni di ministro, di membro del Parlamento, nazionale ed europeo, di consigliere regionale, di presidente della giunta provinciale o di sindaco di comune capoluogo di provincia o con popolazione superiore a abitanti. 5. Durante i periodi di inattività professionale di cui al comma precedente sono comunque dovuti dagli iscritti i contributi previsti dagli articoli 10 e 11. Essi possono supplire alle deficienze di reddito professionale rispetto a quello massimo conseguito nel quinquennio anteriore al periodo di inattività, rivalutato a norma dell articolo 15, versando volontariamente il contributo di cui all articolo 10, rapportato al reddito stesso, nonché il contributo di cui all articolo 11, rapportato a un volume di affari pari a quindici volte il contributo soggettivo complessivamente versato. Ai fini del calcolo della pensione, il reddito professionale annuo sarà assunto nella misura presa a base per la contribuzione. 6. Agli effetti del presente articolo, l iscrizione nell elenco speciale, prevista dall ultimo comma dell articolo 11 del D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382, equivale all iscrizione nell Albo professionale. Legge 29 gennaio 1986, n. 21 Art Iscritti in più Albi professionali 1. L iscritto alla Cassa, iscritto o che si iscriva anche in Albi relativi ad altre professioni, deve optare per una delle Casse di previdenza delle professioni nel cui Albo è iscritto entro sei mesi dall entrata in vigore della presente legge o dalla nuova iscrizione. 2. Sono salvi i diritti acquisiti da coloro che all entrata in vigore della legge hanno già maturato il diritto a pensione nei confronti della Cassa. 8

17 NORMATIVA 1. RAPPORTO ANAGRAFICO 3. La mancata opzione di cui al comma 1 comporta la cancellazione d ufficio dalla Cassa di previdenza ed assistenza dei dottori commercialisti e la restituzione dei contributi a norma del comma 1 dell articolo Il reddito professionale denunciato ai fini dell IRPEF si considera comunque interamente conseguito nell ambito della professione nella cui Cassa il dottore commercialista permane iscritto. 5. In deroga alle norme di qualsiasi Cassa di previdenza relativa a libere professioni, ogni contribuzione soggettiva ed oggettiva è dovuta esclusivamente alla Cassa per cui il professionista ha optato e nella misura stabilita dalle norme relative alla Cassa stessa. STATUTO Titolo II: Iscrizione e associazione alla Cassa Art. 5 Iscrizione e associazione 5.1. Sono obbligatoriamente iscritti alla Cassa, e quindi associati, in virtù delle disposizioni vigenti, i Dottori Commercialisti iscritti agli Albi professionali che esercitano la libera professione con carattere di continuità, anche se in pensione L accertamento della sussistenza del requisito dell esercizio della professione è effettuato sulla base dei criteri stabiliti dalla Assemblea dei delegati Coloro che sono tenuti all iscrizione alla Cassa devono presentare domanda alla Cassa stessa entro sei mesi dalla data di inizio della professione. In caso di omessa domanda, l iscrizione, esaminati i presupposti della sua obbligarietà, avviene d ufficio con comunicazione all interessato il quale è obbligato a versare i contributi dovuti debitamente rivalutati e le penali secondo le vigenti disposizioni L iscrizione alla Cassa si intende compiuta a tutti gli effetti, contributivi e previdenziali, con decorrenza dal primo gennaio dell anno in cui avviene La qualità di iscritto comporta l associazione alla Cassa con la facoltà di esercitare le prerogative di cui al successivo articolo Il domicilio legale di ogni iscritto, per quanto concerne i rapporti con la Cassa, è quello risultante dalla comunicazione dell Ordine di appartenenza ovvero quello reso noto dall iscritto con apposita comunicazione Possono avvalersi della facoltà di non iscriversi alla Cassa i Dottori Commercialisti iscritti agli Albi ed esercenti la professione che siano iscritti ad altre forme di previdenza obbligatoria o beneficiari di altra pensione, in conseguenza di diversa attività da loro svolta, anche precedentemente all iscrizione all Albo professionale. A tal fine, gli interessati devono comunicare e documentare alla Cassa, nel termine previsto per l iscrizione, le condizioni che li esonerano da tale obbligo Il rapporto fra periodi di inattività professionale e anzianità di iscrizione è regolato dalla normativa già vigente al momento della trasformazione della Cassa e da eventuali successive modifiche. 9

18 1. RAPPORTO ANAGRAFICO NORMATIVA STATUTO Titolo II: Iscrizione e associazione alla Cassa Art. 6 Cessazione dell iscrizione e reiscrizione 6.1. L iscrizione alla Cassa cessa, con conseguente cessazione del rapporto associativo: a. per cancellazione dall Albo professionale o per effettiva cessazione dell attività professionale comprovata anche dalla contestuale disattivazione della correlata posizione fiscale; b. per l opzione, in relazione all esercizio di un ulteriore professione, a favore di altro Ente gestore di previdenza obbligatoria per liberi Professionisti; c. per cancellazione d ufficio, qualora l Associato non eserciti l opzione a favore di essa entro sei mesi dalla nuova iscrizione secondo le norme di cui all articolo 32 della L. 29 gennaio 1986, n. 21; d. per decesso dell Associato; e. su richiesta dell Associato ai sensi del comma 7 del precedente articolo In caso di ricostituzione dei presupposti, si procede a nuova iscrizione. Ove il professionista reiscritto abbia ottenuto in precedenza la restituzione dei contributi, questi ha facoltà di ripristinare il periodo pregresso di anzianità, secondo le norme del Regolamento. Regolamento di Disciplina del Regime Previdenziale Art. 6 - Continuità dell esercizio professionale ai fini previdenziali 1. Ai fini previdenziali di cui al comma 1 dell art. 22 della L. 21/86, per continuità dell esercizio professionale, relativamente al periodo , si intende il raggiungimento di uno dei seguenti limiti delle medie quinquennali di reddito o di volume di affari: Quinquenni Reddito netto professionale Volume affari Iva , , , , , , , ,45 La Cassa non riconosce, per la determinazione della anzianità assicurativo-contributiva, le corrispondenti singole annualità in cui i redditi e i volumi di affari IVA dichiarati siano inferiori ai limiti sopra indicati. 2. I limiti di cui al comma 1 del presente articolo non si applicano nel primo triennio di esercizio professionale ed all ultimo biennio precedente il pensionamento. 3. Per i quinquenni di cui al comma 1, il termine per l accertamento della sussistenza dell esercizio professionale è fissato in cinque anni e decorre dal 01/01/2007 o, se successivo, dal momento in cui l associato abbia inviato alla Cassa tutte le comunicazioni obbligatorie dei redditi professionali netti e dei volumi di affari IVA dichiarati nel periodo oggetto di accertamento. 10

19 NORMATIVA 1. RAPPORTO ANAGRAFICO 4. I limiti di cui al comma 1 del presente articolo non si applicano: con riferimento alle annualità interessate da eventi che abbiano dato luogo alla erogazione di prestazioni previdenziali di inabilità ed invalidità e, con riferimento a quest ultima, anche alle annualità durante le quali la prestazione stessa sia erogata; con riferimento alle annualità interessate da eventi che abbiano dato luogo a prestazioni assistenziali per stato di bisogno; con riferimento alle annualità interessate da eventi di maternità o comunque significativamente interessate da decorso di gravidanza; con riferimento alle annualità interessate da prolungata e documentata inabilità per malattia o altre cause che impediscano l esercizio della professione; con riferimento alle annualità ed ai soggetti interessati da eventi eccezionali calamitosi così come individuati dalle disposizioni speciali in materia; con riferimento alle annualità durante le quali l iscritto permanga all estero per motivi di studio, producendo idonea documentazione; con riferimento alle annualità durante le quali l iscritto eserciti le funzioni di membro del Parlamento, nazionale ed europeo, di ministro, di vice ministro, di sottosegretario, di consigliere regionale, di assessore regionale, di presidente della giunta provinciale, di assessore provinciale, di sindaco o assessore di comune con popolazione superiore a abitanti, nonché le ulteriori funzioni previste dall art. 2, lett. r) del D.I. 25 maggio 2001, attuativo dell art. 86, comma 2 del D.Lgs. 267/2000. Durante i periodi di inattività professionale di cui sopra sono comunque dovuti dagli iscritti i contributi previsti dagli articoli 1 e 2 del presente Regolamento, fatto salvo quanto disposto dal D.I. 25 maggio 2001 sopra indicato. Essi possono supplire alle deficienze di reddito professionale netto rispetto a quello massimo conseguito nel quinquennio anteriore al periodo di inattività, rivalutato a norma dell art. 15 della L. 21/86, versando volontariamente il contributo soggettivo di cui all art. 1 del presente Regolamento rapportato al reddito stesso, nonché il contributo integrativo di cui all art. 2 del presente Regolamento rapportato ad un volume di affari IVA pari a 15 volte il contributo soggettivo complessivamente versato. 5. Il Consiglio di Amministrazione, in riferimento al periodo di cui al comma 1 del presente articolo, valuta ai fini del riconoscimento della anzianità assicurativa e contributiva casi per i quali, pur in carenza dei requisiti di cui allo stesso comma 1, sia diversamente e adeguatamente documentato l esercizio della professione di Dottore Commercialista. A tal fine gli interessati, ove non superino i valori minimi reddituali e di volumi di affari come fissati al comma 1, possono produrre al Consiglio di Amministrazione documentazione avente ad oggetto eventuali fatti e situazioni particolari, di carattere contingente, le cui conseguenze abbiano inciso e/o incidano sullo svolgimento dell attività professionale, tali da aver comportato una discontinuità dei redditi e dei volumi di affari IVA conseguiti e dichiarati. 6. Per i periodi successivi al quinquennio , la verifica della continuità dell esercizio professionale ai fini previdenziali di cui al comma 1 dell art. 22 della L. 21/86, non viene effettuata con riferimento a periodi di rilevazione quinquennale, bensì annuale. La continuità è riconosciuta - per ogni anno - in presenza di un volume di affari Iva almeno pari a quello di riferimento del contributo minimo integrativo relativo allo stesso anno 3. Tale volume di affari Iva - ai soli fini di cui al presente comma - si intende in ogni caso sussistere in presenza di avvenuto versamento della contribuzione minima integrativa dovuta nell anno. 3 Volume di affari Iva corrispondente al contributo minimo: 2007: : :

20 1. RAPPORTO ANAGRAFICO NORMATIVA 7. L ordinaria attività di verifica ed accertamento delle inadempienze contributive, nei termini previsti dalla relativa disciplina, esplica i suoi effetti anche ai fini dell accertamento del requisito della continuità dell esercizio professionale di cui al comma 6 del presente articolo. 8. A decorrere dal 1/1/2007, per i primi tre anni di iscrizione alla Cassa, la continuità dell esercizio professionale viene comunque riconosciuta. 9. Le annualità non riconosciute per carenza del requisito dell esercizio professionale, ai sensi del presente articolo, sono annullate con diritto alla restituzione della sola contribuzione soggettiva versata, maggiorata degli interessi al tasso legale pro tempore vigente, calcolati a decorrere dal primo gennaio dell anno successivo al relativo versamento. La contribuzione soggettiva versata per le annualità successive al 31 dicembre 2003 non riconosciute per carenza del requisito dell esercizio professionale non concorre alla formazione del montante contributivo di cui all art. 10 del presente Regolamento, ancorché non richiesta a rimborso dall iscritto. Regolamento di Disciplina del Regime Previdenziale Art. 7 Incompatibilità con l esercizio della professione 1. Ai fini previdenziali ed assistenziali, non si considerano utili alla maturazione dell anzianità di iscrizione i periodi continuativi o cumuli di periodi frazionati superiori all anno o multipli di esso, durante i quali l attività professionale sia stata concretamente svolta in una delle condizioni di incompatibilità, previste dall art. 3 del D.P.R. 1067/1953 e successive integrazioni o modificazioni. 12 Regolamento di Disciplina del Regime Previdenziale Art. 20-bis - La pre-iscrizione per i tirocinanti 1. I soggetti che dal 1/1/2004 svolgano o abbiano svolto il periodo di tirocinio professionale di cui all art. 1, comma 1, L. 17/2/1992, n. 206 di modifica dell art. 2 del D.P.R. 1067/1953 nonché in base alle successive integrazioni e modificazioni, possono presentare alla Cassa apposita domanda di pre-iscrizione entro il termine massimo di 5 anni decorrente dalla data di iscrizione al Registro dei praticanti. 2. Possono ottenere la pre-iscrizione alla Cassa tutti coloro che non siano iscritti per la stessa attività ad altro Ente di previdenza obbligatoria, anche se per il periodo di tirocinio percepiscono una borsa di studio. 3. La pre-iscrizione può decorrere, a scelta dell interessato: a) dal 1 gennaio dell anno di inizio del tirocinio; b) dal 1 gennaio di uno degli anni di tirocinio successivi al primo. 4. La pre-iscrizione cessa su richiesta dell interessato con effetto: dal 31 dicembre dell anno della richiesta stessa; dal 31 dicembre dell anno precedente la decorrenza dell iscrizione ordinaria alla Cassa; comunque dal termine del triennio utile ai fini dell iscrizione all Albo professionale, successivo alla conclusione del periodo di tirocinio. 5. La pre-iscrizione comporta il versamento obbligatorio di una contribuzione fissa annualmente dovuta scelta dal praticante, anno per anno, pari alternativamente a: 500,00; 1.000,00; 2.000,00.

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it di Aldo Forte Pubblicista Esperto in materia previdenziale L'Inps, con la circolare n. 16/2013, chiarisce che per i soggetti con un'anzianita'

Dettagli

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA Fino al 31/12/97 l arrotondamento veniva fatto ai sensi del comma 2 dell art. 40 del DPR 1092/73 (vedi allegato 1). L anzianità complessiva era arrotondata in

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

R E G O L A M E N T O. per l attuazione delle attività statutarie dell'ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale E P A P

R E G O L A M E N T O. per l attuazione delle attività statutarie dell'ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale E P A P E.P.A.P. Ente di Previdenza e Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza,7,9,11-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 R E

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE.

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE. COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Monza e della Brianza. Corso Italia n. 22 20040 USMATE VELATE Cod.Fisc.01482570155 REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Le schede di approfondimento della Federazione Confsal-Unsa A cura dell Avv. Pasquale Lattari n. 2 Il sistema previdenziale per i pubblici dipendenti. Le competenze.

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI COMUNE DI VILLACHIARA Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 174 del 22/10/1997,

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO 1 PUBBLICATO ALL ALBO DELL ASL 2 SAVONESE IL 08.01.2010 SCADE IL 28.01.2010 AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO In attuazione della deliberazione del Direttore Generale

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli