Mobile Payment: la rivoluzione dei pagamenti è nel cellulare? Executive Summary del Rapporto 2009 Osservatorio Mobile Finance & Payment

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Mobile Payment: la rivoluzione dei pagamenti è nel cellulare? Executive Summary del Rapporto 2009 Osservatorio Mobile Finance & Payment"

Transcript

1 Mobile Payment: la rivoluzione dei Mobile pagamenti Payment: è nel la rivoluzione cellulare? dei pagamenti è nel cellulare? Executive Summary del Rapporto 2009 Osservatorio Mobile Finance & Payment Maggio 2009

2 Mobile Payment: la rivoluzione dei pagamenti è nel cellulare? Rapporto 2009 Osservatorio Mobile Finance & Payment In collaborazione con Con il patrocinio di Partner Maggio 2009

3 Indice pagina Introduzione di Umberto Bertelè e Andrea Rangone 7 Executive Summary di Paolo Barbesino e Filippo Renga 9 1. Mobile Finance & Payment: un framework di riferimento L offerta di servizi 15 Il Mobile Remote Payment 15 Il Mobile Proximity Payment 23 I micro-pagamenti La domanda di servizi 29 Le motivazioni del non utilizzo 29 La percezione della non sicurezza 30 I potenziali utenti Gli impatti e le barriere all adozione 33 I benefici 33 Le criticità 34 Le barriere all adozione 36 Gli scenari futuri 37 rd TSM Trusted Service Manager: the importance to be Trusted and 3 aware 37 Appendice A War on cash: l evoluzione della normativa europea a sostegno dello sviluppo dei pagamenti elettronici a cura di Massimo Doria 41 Appendice B Il Mobile Payment in Giappone a cura di Paolo Barbesino e Manuela Romeo 51 Appendice C Un progetto di Mobile Payment a livello europeo: Semops 57 Nota metodologica 59 Il Gruppo di Lavoro 63 La School of Management 65 La School of Management del Politecnico di Milano 65 Gli Osservatori ICT & Management 65 Il MIP 68 CommStrategy: New Media Strategic Insight 71 I sostenitori della Ricerca 73 1

4

5 Indice Figure pagina Figura 1.1 Osservatorio Mobile Finance & Payment: i confini 11 Figura 1.2 Mobile Finance & Payment: l ambito della Ricerca 12 Figura 1.3 Mobile Finance & Payment: un framework di riferimento 12 Figura 1.4 Mobile Finance & Payment: lo scenario applicativo 13 Figura 2.1 Mobile Remote Payment: la dinamica dei servizi 16 Figura 2.2 Mobile Remote Payment: micro vs macro pagamenti 16 Figura 2.3 Mobile Remote Payment: i canali per l attivazione 17 Figura 2.4 Mobile Remote Payment: i servizi vs. i canali per l attivazione 17 Figura 2.5 Mobile Remote Payment: le modalità di addebito 18 Figura 2.6 Mobile Remote Payment: le modalità di iscrizione 19 Figura 2.7 Mobile Remote Payment: le politiche di pricing 19 Figura 3.1 Mobile Payment: le potenzialità e l utilizzo 29 Figura 3.2 Mobile Payment: le principali motivazioni del non utilizzo 30 Figura 3.3 Mobile Payment i principali problemi associati alla sicurezza 30 Figura 3.4 Mobile Payment: la distribuzione socio-demografica degli utenti potenziali 31 Figura 3.5 Mobile Payment i settori di maggior interesse per futuri acquisti tramite Mobile 32 Figura B.1 I servizi di Mobile Felica 53 Figura N.1 Il censimento e gli studi di caso degli Esercenti 60 Figura N.2 Gli studi di caso degli attori della filiera 61 3

6

7 Indice Box pagina Box 2.1 Atac 20 Box 2.2 Brescia Mobilità S.p.A. 20 Box 2.3 CartaSi 20 Box 2.4 Funivie Madonna di Campiglio S.p.A. 20 Box 2.5 Medusa Cinema 21 Box 2.6 Meridiana 21 Box 2.7 Radio Taxi Box 2.8 Salerno Mobilità 22 Box 2.9 Siena Mobilità 22 Box 2.10 SKY Italia 22 Box 2.11 Trentino Trasporti 23 Box 2.12 MasterCard 24 Box 2.13 Visa Europe 24 Box A.1 Sepa 41 Box A.2 Transazioni 42 Box A.3 Sepa e prevenzione delle frodi 42 Box A.4 Il costo dei pagamenti al dettaglio 43 Box A.5 I servizi di pagamento della direttiva 44 Box A.6 MIF 46 5

8

9 Introduzione Da tempo si discute anche in Italia sulle potenzialità dei servizi di Mobile Payment, ma, ad oggi, la diffusione di questi servizi nel nostro paese è ancora estremamente limitata, anche se non mancano alcuni casi di successo. L evoluzione della normativa legata alla Psd (Payment Service Directive 1 ) e alle altre direttive che spingono verso l uniformità delle norme vigenti a livello europeo e le importanti innovazioni in atto delle tecnologie Mobile sono destinate a cambiare sensibilmente questo scenario. 1 Per maggiori dettagli sulla Psd e Sepa si veda l Appendice A. In particolare, queste evoluzioni potrebbero far entrare nel mondo dei pagamenti nuovi attori: Compagnie telefoniche, Operatori mobili virtuali, Aziende del trasporto pubblico, Grandi operatori internazionali attivi nel mercato dei servizi di pagamento alternativi, Grandi catene distributive. Fenomeni già in atto in alcuni paesi. Il nuovo scenario che si andrà a profilare sarà, a nostro avviso, fortemente condizionato da come i new comer e gli incumbent (gli Istituti Finanziari in primis) interagiranno, impostando approcci maggiormente orientati alla cooperazione o alla competizione. Saranno rilevanti, in modo particolare, le scelte legate alla creazione delle infrastrutture a monte delle transazioni Mobile che abilitano il nuovo sistema di pagamento, sia a livello finanziario (ad esempio il clearing e il settlement) sia a livello tecnologico (terminali, pos, ecc.). Questi aspetti possono, infatti, influenzare elementi importanti del nuovo scenario, come le barriere all ingresso, l interoperabilità, gli effetti nel network di acquiring. E auspicabile una cooperazione nelle fasi di start up di questi nuovi servizi. Una forma di cooperazione potrebbe essere volta alla costituzione di una trusted third party in grado di gestire per tutti gli operatori alcuni fasi di abilitazione del mercato (quali ad esempio la standardizzazione tecnologica), lasciando la competizione tra i diversi attori nell offerta di servizi agli utenti finali. Una soluzione di questo tipo consentirebbe una maggiore efficienza ed efficacia, sopratutto in termini di tempi, nell introduzione di questi servizi. Ma va incontro inevitabilmente e comprensibilmente a non poche inerzie, mettendo in discussione le posizioni consolidate di vari attori. L Italia rischia di perdere un importante treno. Considerando, come ben evidenzia la Banca d Italia, da un lato, il primato italiano nel mondo Mobile e, dall altro, la bassa penetrazione degli strumenti di pagamento elettronici, il Mobile Payment rappresenta, infatti, una grande opportunità per il sistema paese di innovare e di rendere più efficiente il mondo dei pagamenti: riducendo in particolare il contante e gli strumenti cartacei con forme di pagamento elettroniche basate sul media il cellulare oggi maggiormente diffuso tra gli italiani. Umberto Bertelè Andrea Rangone 7

10

11 Executive Summary La Ricerca ha analizzato il comparto dei servizi di Mobile Payment in Italia secondo una duplice prospettiva: quella degli Esercenti che offrono questi servizi (analisi lato offerta) e quella degli utenti finali che li utilizzano (analisi lato domanda). La Ricerca ha considerato sia i servizi di Mobile Remote Payment, che abilitano cioè il pagamento a distanza tramite rete cellulare (Gsm, Gprs, Umts, Hsdpa, ecc.), sia i servizi di Mobile Proximity Payment, che consentono invece il pagamento in prossimità tramite tecnologie a corto raggio (come l RFId, NFC in particolare, o il Bluetooth). L offerta Nella Ricerca sono stati censiti circa 60 servizi attivi di Mobile Payment in Italia, offerti complessivamente da 58 Esercenti. Per studiare approfonditamente quest offerta, sono stati intervistati i Responsabili di questi servizi di 15 Esercenti, al fine, in particolare, di comprendere: (i) le principali caratteristiche dei servizi di Mobile Payment offerti (funzionalità, canali di attivazione, modalità di addebito, politiche di pricing, ecc.); (ii) il processo decisionale che ha portato all introduzione di questi servizi; (iii) il progetto di implementazione (fornitore, attività di promozione, ecc.); (iv) i benefici ottenuti, le criticità affrontate e gli eventuali piani previsti per l evoluzione dei servizi offerti. Dall analisi si evince chiaramente che il Mobile Payment in Italia si trova in uno stadio embrionale: l offerta di servizi di Mobile Remote Payment è ancora estremamente limitata, mentre risultano totalmente assenti i servizi di Mobile Proximity Payment, fatta eccezione per alcune sperimentazioni in atto. Per quanto riguarda i servizi di Mobile Remote Payment, la ricerca evidenzia, tuttavia, come vi siano due settori particolarmente attivi in questo ambito: sono il settore dei trasporti di persone e quello dell intrattenimento. In questi comparti non mancano casi di successo che ben evidenziano le potenzialità, in particolare quando riescono a sfruttare le peculiarità del canale Mobile: l acquisto in mobilità e/o d impulso. Sono, invece, ancora poco numerosi i servizi relativi all acquisto di altri beni o servizi, anche se alcune interessanti sperimentazioni sono state avviate nel corso degli ultimi due anni. Relativamente, invece, ai servizi di Mobile Proximity Payment, la ricerca evidenzia, come già accennato, solo alcune sperimentazioni basate sull utilizzo del telefono cellulare dotato di tecnologia NFC. In questo ambito, è interessante analizzare i casi del Giappone e della Corea del Sud, dove questa modalità di pagamento risulta ormai consolidata (nel Rapporto abbiamo dedicato un Capitolo specifico al caso giapponese). In questo mercato un importante fattore abilitante (o inibitore, a seconda della prospettiva che prendiamo) è rappresentato dalla diffusione delle tecnologie contactless sia nei terminali emittenti (i telefoni cellulari) che nei terminali riceventi (i POS presso i punti vendita). La domanda L analisi condotta sulla domanda si è basata su un campione di adulti rappresentativo della popolazione italiana che utilizza un telefono cellulare e ha evidenziato come, a fronte di un potenziale di circa 48,6 milioni di utenti di telefonia cellulare, poco meno di 500 mila abbiano effettuato pagamenti tramite il cellulare. 9

12 Executive Summary Ma l analisi ha anche messo in luce come ci sia un mercato enorme di utenti potenzialmente interessati ad utilizzare questo nuovo canale di pagamento. In questa survey sono stati analizzati nel dettaglio: (i) le motivazioni alla base del non utilizzo ; (ii) la percezione della non sicurezza ; (iii) le caratteristiche socio-demografiche dei potenziali utenti; (iv) i settori che potrebbero maggiormente giovare dello sviluppo futuro del Mobile Payment. Gli Scenari futuri Il fattore principale che condizionerà lo sviluppo futuro dei servizi di Mobile Payment (sia Remote che Proximity) è rappresentato dalla normativa, che ad oggi non consente di utilizzare il credito telefonico per il pagamento di beni e servizi che non siano direttamente fruibili dal cellulare. L ingresso della Psd (Payment Service Directive) a novembre 2009 che modifica profondamente il mondo dei pagamenti, potrebbe cambiare rapidamente questo scenario, offrendo nuove interessanti opportunità per il mercato 2. A testimonianza di questo snodo incipiente, segnaliamo l attivismo di alcune Associazioni Categoria che si stanno impegnando nel comprendere meglio questo comparto (in primis Abi, Asstel, Indicod- Ecr e Movincom). Il nuovo quadro normativo, in particolare, potrebbe consentire ad alcuni attori, come ad esempio Operatori di Telefonia Mobile, Mvno, Operatori della Grande distribuzione, Gestori di reti di distribuzione, di entrare nel mercato dei pagamenti. Paolo Barbesino Filippo Renga 10

13 Nota metodologica L ambito di Analisi La Ricerca si è focalizzata sui servizi di Mobile Payment rivolti al consumatore finale (B2c). Dal punto di vista dei terminali mobili utilizzati per fruire di questi servizi, l analisi in questa prima Ricerca si è focalizzata solo sui telefoni cellulari, escludendo quindi altre tipologie di Terminali Portabili, quali i Terminali Industriali, i Pda, i Tablet PC, i Laptop, le consolle giochi, i lettori mp3, ecc. Si è mantenuto, invece, un approccio esaustivo sulle Reti Wireless attraverso cui erogare i servizi di Mobile Finance & Payment sui telefoni cellulari: Reti Cellulari (Gsm, Gprs, Umts, Hsdpa, ecc.); Wi-Fi; RFId 1 ; Bluetooth. 1 Per quanto riguarda l RFId, la Ricerca ha preso in considerazione l NFC. Tuttavia, operativamente, l analisi si è focalizzata principalmente sulle reti cellulare, poiché, in quanto ad oggi non sono stati riscontrati casi significativi di utilizzo delle altre tecnologie riguarda le altre tecnologie, fatta eccezione di poche sperimentazioni. Gli obiettivi della Ricerca Nel suo primo anno di attività l Osservatorio Mobile Finance & Payment ha analizzato separatamente i due ambiti: Mobile Finance e Mobile Payment. La Ricerca sui servizi di Mobile Finance si è posta i seguenti obiettivi principali: analizzare, in modo esaustivo, l offerta di servizi di Mobile Finance (Mobile Banking, Mobile Trading) per il retail (privati e small business) offerti oggi in Italia; analizzare gli impatti di questi servizi sui modelli distributivi multicanale degli Istituti Finanziari 2, valutandone i benefici e identificandone le criticità; valutare il livello - quantitativo e qualitativo - di utilizzo degli strumenti di Mobile Finance da parte degli utenti in ottica multicanale, mettendo in luce gli effetti di complementarietà e sostituzione con l Internet Banking; investigare il processo di adozione di questi servizi, sia a livello di Istituti sia della clientela in ottica multicanale; studiare la filiera alla base dell offerta di questi servizi e analizzarne i principali attori. 2 Sono inclusi anche gli Esercenti che offrono servizi di Mobile Payment. La Ricerca sui servizi di Mobile Payment si è posta i seguenti obiettivi principali: 59

14 Nota metodologica analizzare, in modo esaustivo, l offerta di servizi di Mobile Payment (Mobile Remote Payment e sperimentazioni di Mobile Proximity Payment) per i consumatori finali offerti oggi in Italia; valutare la domanda da parte degli utenti di servizi di Mobile Payment; investigare il processo di adozione, le criticità e i benefici di questi servizi a livello di Esercenti; studiare la filiera alla base dell offerta di questi servizi e analizzarne i principali attori; individuare le linee evolutive del mercato e i possibili scenari futuri. L indagine sull offerta I risultati presenti in questo Report si basano su un indagine on field articolata su due differenti livelli: il censimento e gli studi di caso. Il censimento dei servizi di Mobile Payment Il censimento è finalizzato a identificare tutti i servizi di Mobile Payment attivi sul mercato italiano. Il censimento iniziato ad aprile 2008 è proseguito fino a maggio Sono stati censiti 58 Esercenti per 62 servizi. Gli studi di caso degli Esercenti che offrono servizi di Mobile Payment Il campione dei casi è stato selezionato cercando di soddisfare i seguenti criteri: copertura delle tipologie di pagamento: sosta, taxi, biglietto per il trasporto, biglietto per spettacoli, skipass e altro; copertura delle tecnologie impiegate: Sms, Mobile Browsing, Applicativo Client, Ivr o Squillo; principali servizi di Mobile Payment più attivi in Italia. Gli studi di caso di Esercenti sono stati complessivamente 15, tutti condotti attraverso interviste dirette ai Responsabili dei servizi di Mobile Payment. Figura N.1 Il censimento e gli studi di caso degli Esercenti Filtri Pagamento attivato tramite telefono cellulare Servizio attivo in Italia Pagamento di beni o servizi sia online che offline Servizio pubblico Analisi Descrizione fornitore Tipologia di servizio Modalità di attivazione Modalità di pagamento Costi per l utente finale Benefici Fonti Online motori di ricerca & directory Offline media & press search, interviste Censimento Studi di caso 58 Merchant 62 Servizi 15 Merchant 25 Servizi provider 60

15 Nota metodologica Gli studi di caso degli attori della filiera alla base dei servizi di Mobile Payment Oltre all analisi condotta sugli Esercenti, si è andati a realizzare anche numerosi studi di caso sugli attori della filiera, cercando di coinvolgere tutti i principali player operanti nei diversi stadi della catena del valore. Il campione dei casi è stato selezionato cercando di soddisfare i seguenti criteri: copertura dei vari ruoli della filiera; copertura delle tipologie di servizi; rilevanza attività Mobile o ruolo nel settore; principali aziende operanti in Italia. Gli studi di caso degli attori della filiera sono stati complessivamente 29, tutti condotti attraverso interviste dirette al Top management delle aziende coinvolte. Filtri Figura N.2 Gli studi di caso degli attori della filiera Copertura dei vari ruoli della filiera Copertura delle tipologie di servizi Rilevanza attività Mobile o ruolo nel settore Aziende operanti in Italia Fonti Online motori di ricerca & directory Offline media & press search, interviste Studi di caso 29 Studi di caso L indagine sulla domanda I dati relativi alla domanda di servizi finanziari Mobile in Italia sono stati elaborati dall Osservatorio Mobile Finance & Payment della School of Management del Politecnico di Milano e CommStrategy sulla base dei risultati della survey commissionata a Eurisko e realizzata nella prima metà di giugno 2008 tramite rilevazione telefonica CATI. L indagine è stata condotta su un campione di individui rappresentativo della popolazione italiana maggiore di 14 anni e in possesso di un telefono cellulare personale, pari a circa l 85% della popolazione (circa 41,3 milioni di individui sopra i 14 anni Fonte Sinottica GfK Eurisko 2007). 61

16 Nota metodologica realizzazione di questo studio: 3 Italia Accenture Allianz Bank Financial Advisor S.p.A. AM Rimini American Express AMT S.p.A. Verona Asstel ATAC SpA Roma ATB Mobilità S.p.A. (Bergamo) Axis Strategic Vision Banca d Italia Banca Fideuram Banca Intesa SanPaolo Banca Mediolanum Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. Banca Popolare dell Alto Adige Banca Popolare di Milano Banca Popolare di Sondrio Banca Sella S.p.A. Beeweeb Edistar Brescia Mobilità S.p.A. Capgemini Italia S.p.A. Cartasi S.p.A. Cassa Padana Cedacri S.p.A. Centax S.p.A. Cim Italia Citibank International Plc Directa S.I.M. p A. DS Group ecommittee Ericsson Findomestic Banca S.p.A. Fineco Bank First Data Fotonica Funivie Madonna di Campiglio S.p.A. Genialloyd Gruppo Credito Valtellinese Gruppo Veneto Banca IBM Indicod - Ecr Ingenico Input ITtrading IW Bank S.p.A. Key Client Lottomatica S.p.A. Mastercard Worldwide Medusa Film Meridiana S.p.A. Mobyt S.r.l. Moversa Movincom Neos s.r.l. Noverca Opentech S.r.l. Phoenix Informatica Bancaria S.p.A. Pila S.p.A. Poste Mobile Qualcomm RADIOTAXI 3570 Reply Salerno Mobilità Santander Costumer Bank SIA-SSB S.p.A. Sky Telepark S.r.l. Tempi S.p.A. Tim Gruppo Telecom Italia Train S.p.A. (Servizi per la mobilità - Siena) Trentino Trasporti S.p.A. Ubiquity S.r.l. Unicredit Banca Onebip Vipera Visa Europe Vodafone Italia Wind Telecomunicazioni S.p.A. Xaltia S.p.A. 62 MOBILE PAYMENT: LA RIVOLUZIONE DEI PAGAMENTI È NEL CELLULARE?

17 Il Gruppo di Lavoro Umberto Bertelè Andrea Rangone Paolo Barbesino Filippo Renga Valeria Portale Riccardo Bosio Lorenzo Facchinotti Antonio Ghezzi Augusto Prete Manuela Romeo Gianpaolo Azzini Giovanni Codignola Antonio Vinci Per qualsiasi commento e richiesta di informazioni: MOBILE PAYMENT: LA RIVOLUZIONE DEI PAGAMENTI È NEL CELLULARE? 63

18

19 La School of Management La School of Management del Politecnico di Milano La School of Management del Politecnico di Milano è stata costituita nel Essa accoglie le molteplici attività di ricerca, formazione e alta consulenza, nel campo del management, dell economia e dell industrial engineering, che il Politecnico porta avanti attraverso le sue diverse strutture interne e consortili. Fanno parte della Scuola: il Dipartimento di Ingegneria Gestionale, le Lauree e il PhD Program di Ingegneria Gestionale e il MIP, la business school del Politecnico di Milano, focalizzata in particolare sulla formazione executive e sui programmi Master. Essa si avvale attualmente per le sue molteplici attività di formazione, ricerca e consulenza di oltre 240 docenti (di ruolo o a contratto, italiani o di provenienza estera) e di circa 80 dottorandi e collaboratori alla ricerca. La School of Management ha ricevuto l accreditamento EQUIS, creato nel 1997 come primo standard globale per l auditing e l accreditamento di istituti al di fuori dei confini nazionali, tenendo conto e valorizzando le differenze culturali e normative dei vari Paesi. Le attività della School of Management legate ad ICT & Strategia si articolano in: Osservatori ICT & Management, che fanno capo per le attività di ricerca al Dipartimento di Ingegneria Gestionale; formazione executive e programmi Master, erogati dal MIP. Gli Osservatori ICT & Management Gli Osservatori ICT & Management della School of Management del Politecnico di Milano (), che si avvalgono della collaborazione del ICT Institute del Politecnico di Milano, vogliono offrire una fotografia accurata e continuamente aggiornata sugli impatti che le tecnologie dell informazione e della comunicazione (ICT) hanno in Italia su imprese, pubbliche amministrazioni, filiere, mercati, ecc. Guardare all impatto che le nuove tecnologie hanno sulle imprese sul loro modo di dimensionarsi, organizzarsi, rapportarsi e di converso al ruolo propulsivo che i bisogni originati dalle trasformazioni nelle imprese hanno sullo sviluppo di nuove tecnologie è un qualcosa di connaturato all ingegneria gestionale sin dalla sua nascita. E le ICT rappresentano sicuramente, da questo punto di vista, un terreno estremamente fertile e apparentemente inesauribile di studio. Gli Osservatori affrontano queste tematiche con lo stile tipico della School of Management del Politecnico di Milano: che è quello di coniugare l analisi sperimentale minuta dei singoli casi reali con il tentativo di costruire quadri di sintesi credibili, di guardare a ciò che accade nel nostro Paese avendo come benchmark le esperienze più avanzate su scala mondiale, di razionalizzare la realtà che si osserva per tratteggiare linee guida che possano essere utili alle imprese. 65

20 La School of Management Gli Osservatori sono ormai molteplici e affrontano in particolare tutte le tematiche più innovative nell ambito delle ICT. B2b: eprocurement e esupply Chain ICT & CIO nel Fashion-Retail Business Intelligence ICT & PMI Canale ICT Information Security Management ecommerce B2c Intelligent Trasportation Systems Enterprise 2.0 Intranet Banche eprocurement nella PA Mobile Content & Internet Fatturazione Elettronica e Mobile Finance & Payment Dematerializzazione Mobile Marketing & Service Gestione Strategica dell ICT Mobile & Wireless Business ICT Accessibile e Disabilità Multicanalità ICT in Sanità New Tv ICT nel Real Estate RFId ICT Strategic Sourcing WiFi & WiMax Riportiamo di seguito alcuni Osservatori in parte correlati all Osservatorio Mobile Finance & Payment: Mobile Content Mobile Marketing & Service Mobile & Wireless Business ICT Accessibile e Disabilità Per maggiori informazioni si veda il sito. Osservatorio Mobile Content L Osservatorio permanente sui Mobile Content è nato nel 2001 con l intento di studiare puntualmente il neonato mercato dei contenti digitali messi a disposizione dell utente finale attraverso il cellulare: contenuti di Informazione e Intrattenimento, servizi di Personalizzazione (come Loghi e Suonerie), Musica, Giochi, servizi di Community e servizi di Interazione con i Media. Più precisamente l Osservatorio si pone i seguenti obiettivi principali: valutare quantitativamente le dinamiche del mercato italiano dei Mobile Content e la sua articolazione nei segmenti principali (a livello di tipologia di contenuto e di piattaforma tecnologica); comprendere le strategie e i rispettivi ruoli dei diversi attori operanti in tutti gli stadi della filiera italiana; tratteggiare i principali scenari evolutivi di mercato in relazione alla specifica situazione italiana. L ultima Ricerca dell Osservatorio si è basata su interviste dirette a oltre 100 attori operanti in questo ambito. L espansione internazionale Giunti alla sesta edizione dell Osservatorio sui Mobile Content in Italia, riteniamo sia arrivato il momento di allargare i confini dell indagine a livello internazionale, con particolare attenzione ai mercati emergenti, ad elevato potenziale. Proprio per questo, nel 2007 è stata avviata attraverso analisti locali una specifica attività di Ricerca nei seguenti paesi: Brasile, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Turchia e Ungheria. In ciascun paese, seguendo i medesimi obiettivi dell iniziativa italiana, sarà pubblicato un Rapporto in lingua locale con i principali risultati della Ricerca. Nel 2008 l attività di Ricerca è stata estesa anche ad altri mercati in via di sviluppo. 66

21 La School of Management Al suo secondo anno di attività, l Osservatorio Mobile Marketing & Service, anche alla luce del successo ottenuto nel 2007, prosegue la propria attività di Ricerca contribuendo a diffondere la conoscenza delle iniziative di Mobile Marketing & Service, con l intento di supportare i processi di adozione da parte delle imprese del canale Mobile in ottica di Marketing e di Service. Osservatorio Mobile Marketing & Service Nel suo secondo anno di attività l Osservatorio su Mobile Marketing & Service, in ottica di continuità con l edizione precedente, intende svolgere un approfondita ricerca empirica che si pone i seguenti obiettivi principali: 1. analizzare le applicazioni di Mobile Marketing & Service più significative e valutarne benefici e ritorni; 2. valutare quantitativamente il mercato nelle sue diverse articolazioni; 3. individuare i principali trend in atto e tratteggiare i possibili scenari futuri. La Ricerca 2008 dell Osservatorio su Mobile Marketing & Service si è basata su circa 200 casi di studio su tutti i principali attori della filiera (Investitori Pubblicitari, Centri Media, Agenzie Creative, Concessionarie, Operatori Telefonici e Service Provider) e su una survey che ha coinvolto oltre 100 Investitori Pubblicitari (Direttori Marketing) di medie e grandi imprese operanti in Italia. L Osservatorio Mobile & Wireless Business viene fondato nel 2004 dalla School of Management del Politecnico di Milano in collaborazione con Assinform, l associazione nazionale, aderente a Confindustria, delle principali aziende operanti nel settore delle nuove tecnologie. L Osservatorio si propone di fare il punto sulle applicazioni basate sulle tecnologie Mobile & Wireless (Rete Cellulare, WiFi, RFId) nel nostro Paese. Osservatorio Mobile & Wireless Business In particolare, la Ricerca si pone tre obiettivi principali: fornire un ampia panoramica sulle molteplici opportunità offerte dalle principali tecnologie Mobile & Wireless alle imprese e alle pubbliche amministrazioni, identificando e analizzando le principali applicazioni già implementate in Italia; comprendere approfonditamente gli impatti di queste applicazioni sui processi e sui sistemi informativi e valutarne puntualmente i benefici ed i ritorni; delineare una visione a tendere del Mobile & Wireless Business. L intento ultimo è quello di fornire concrete linee-guida a supporto dei manager che intendano introdurre le tecnologie Mobile & Wireless nelle proprie organizzazioni, contribuendo alla predisposizione da parte dei molteplici ed eterogenei fornitori di tecnologie e soluzioni Mobile & Wireless di strumenti e modalità di approccio più coerenti con le esigenze dei settori specifici. L Osservatorio, in questi tre anni di attività, ha analizzato oltre 550 casi (corrispondenti a più di applicazioni) di imprese e pubbliche amministrazioni che hanno implementato una qualche applicazione Mobile o Wireless; inoltre, nell edizione 2007, ha studiato in modo approfondito anche la filiera dell offerta di soluzioni Mobile & Wireless, tramite 180 interviste dirette ad imprese che offrono dispositivi mobili, apparati, soluzioni e servizi nell ambito delle tecnologie Mobile & Wireless a supporto del Business. L Osservatorio ICT Accessibile e Disabilità nasce per iniziativa della Fondazione ASPHI Onlus, dell ICT Institute e della School of Management del Politecnico di Milano. L Osservatorio si pone la missione di sensibilizzare le imprese, i technology/solution provider e la comunità in senso lato (istituzioni, pubblica amministrazione, ecc.) sui temi dell accessibilità del-le applicazioni ICT ai disabili, per evitare o almeno ridurre i rischi di un altro digital divide. Osservatorio ICT Accessibile e Disabilità Più precisamente l Osservatorio si pone i seguenti obiettivi: comprendere concretamente, attraverso apposite ricerche empiriche, quale sia lo stato dell accessibilità delle applicazioni ICT ai disabili nelle imprese italiane; 67

22 La School of Management ipotizzare possibili suggerimenti per interventi ed iniziative che possano ridurre il rischio di questa particolare dimensione del digital divide ; comunicare nel modo più ampio possibile sia i risultati delle ricerche che i suggerimenti ipotizzati, al fine di aumentare la consapevolezza e la sensibilità su questi temi di imprese, technology/solution provider e istituzioni. Lavorando a stretto contatto con un campione significativo di partner rappresentati dai principali player ICT operanti in Italia, l Osservatorio intende costituire un punto di riferimento permanente su un tema destinato ad avere un impatto sociale ed economico sempre più rilevante. La prima ricerca dell Osservatorio ha scattato per la prima volta in Italia una fotografia dello stato dell accessibilità alle applicazioni ICT nelle imprese italiane. La Ricerca si fonda su una notevole base empirica: survey e casi studio condotti su un campione di oltre 160 fra Direttori Sistemi Informativi e Direttori Risorse Umane di imprese particolarmente significative per dimensioni e ruolo nell economia italiana; survey su un campione statisticamente significativo di 1000 PMI italiane; analisi di accessibilità di alcuni dei più importanti siti di ecommerce e dei servizi di Mobile Content delle principali Telco italiane. Il MIP Gli Osservatori ICT & Management sono fortemente integrati con le attività formative della Scuola: nel senso che rappresentano una importante sorgente per la produzione di materiale di insegnamento e di discussione per i corsi e traggono anche spesso linfa vitale dalle esperienze di coloro che partecipano ai corsi (in particolare a quelli postuniversitari erogati dal MIP) o vi hanno partecipato nel passato. In sinergia con gli Osservatori, il MIP Politecnico di Milano ha lanciato diverse iniziative nell ambito ICT & Management: EMBA ICT Executive Master of Business Administration ICT Corso Executive in Gestione Strategica dell ICT Corsi Brevi ICT&Management Master Media & Telco Per maggiori informazioni si veda il sito EMBA ICT Executive Master of Business Administration ICT Il MIP, la Business School del Politecnico di Milano, lancia la nuova edizione dell Executive Master of Business Administration ICT, un programma MBA specificatamente pensato per manager e professional che si occupano di Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione (ICT). Gli obiettivi formativi del Programma sono, in primis, quelli di un qualsiasi MBA: sviluppare conoscenze manageriali a tutto tondo e una visione integrata dei processi aziendali; sviluppare le capacità personali di innovazione e di leadership; a cui si aggiunge uno specifico obiettivo relativo alla specializzazione ICT: approfondire le tematiche di frontiera relative alla gestione efficace delle ICT, per saperle utilizzare realmente come leva di innovazione del business. Il Programma si rivolge a: figure manageriali e tecniche operanti nelle direzioni IT, motivate ad investire su se stesse, che desiderano sviluppare le conoscenze necessarie per operare con maggior sicurezza e successo nei ruoli attualmente ricoperti in azienda oppure per assumere nuovi ruoli manageriali; manager funzionali e imprenditori che avvertono la necessità di comprendere meglio le ICT per sfruttarle in modo più consapevole come leva strategica; 68

Mobile Enterprise: produttività recuperata per 9 miliardi di nel 2014

Mobile Enterprise: produttività recuperata per 9 miliardi di nel 2014 Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano www.osservatori.net COMUNICATO STAMPA Osservatorio Mobile Enterprise Mobile Enterprise: produttività recuperata per 9 miliardi di nel 2014 Il mercato

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza X-Pay Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza Agenda CartaSi e l e-commerce Chi è CartaSi CartaSi nel mercato Card Not Present I vantaggi I vantaggi offerti da X-Pay I vantaggi offerti da

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Go Bemoov. Una biglietteria in ogni cellulare: Sperimentazione NFC per

Go Bemoov. Una biglietteria in ogni cellulare: Sperimentazione NFC per Go Bemoov Una biglietteria in ogni cellulare: Sperimentazione NFC per BEMOOV Il circuito nazionale di mobile payment Bemoov è il circuito nazionale di acquisti e pagamenti in mobilità attivo al pubblico

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04.

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04. P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Società per Azioni con sede legale in Cagliari, viale Bonaria, 33 Sede Amministrativa, Domicilio Fiscale e Direzione Generale in

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE

SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE Pag. 1 / 6 SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE Foglio Informativo INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Salimbeni 3-53100 - Siena Numero verde. 800.41.41.41 (e-mail info@banca.mps.it

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014 Milano, Settembre 2014 la nostra promessa Dialogare con centinaia, migliaia o milioni di persone. Una per una, interattivamente. 10/1/2014 2 la nostra expertise YourVoice è il principale operatore italiano

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it Il Gruppo Aruba La nostra storia 1994 : Fondazione 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it 2000: Nascita del brand Aruba come fornitore di servizi hosting, registrazione

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

QUIPAGO - MODALITÀ PAYMENT

QUIPAGO - MODALITÀ PAYMENT E-Commerce Qui Pago è l offerta di Key Client per il Commercio Elettronico: un Pos virtuale altamente affidabile ed efficiente che prevede diverse modalità d utilizzo: Payment (integrazione col sito del

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Vodafone Case Study Pulitalia

Vodafone Case Study Pulitalia Quello con Vodafone e un vero è proprio matrimonio: un lungo rapporto di fiducia reciproca con un partner veramente attento alle nostre esigenze e con un account manager di grande professionalità. 1 Il

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS.

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. SMS: usali per raggiungere i tuoi contatti... con un click! Guida pratica all utilizzo degli sms pubblicitari L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. 2 SMS: usali

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

L Impresa Estesa come motore dell Innovazione

L Impresa Estesa come motore dell Innovazione L Impresa Estesa come motore dell Innovazione VOIP e RFID Andrea Costa Responsabile Marketing Clienti Enterprise 0 1. Innovazione: un circolo virtuoso per l Impresa Profondità e latitudine (l azienda approfondisce

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM La Guida di & La banca multicanale ADICONSUM In collaborazione con: 33% Diffusione internet 84% Paesi Bassi Grecia Italia 38% Spagna Svezia Francia 80% Germania Gran Bretagna 52% 72% 72% 63% 77% Diffusione

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Di seguito due profili carta realizzabili combinando le diverse modalità di addebito, esemplificativi della versatilità che caratterizza YouCard.

Di seguito due profili carta realizzabili combinando le diverse modalità di addebito, esemplificativi della versatilità che caratterizza YouCard. YouCard, la prima carta in Italia che consente di personalizzare il codice PIN, è anche l unica carta al mondo che unisce la sicurezza delle carte prepagate, la semplicità delle carte di debito e la flessibilità

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta Guardare oltre L idea 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta I nostri moduli non hanno altrettante combinazioni possibili, ma la soluzione è sempre una, PERSONALIZZATA

Dettagli

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... Come accade per tutte quelle aziende che servono in ogni momento

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking ACQUISTO DI SERVIZI DI TRASPORTO MERCI E DI LOGISTICA DI MAGAZZINO In collaborazione con Acquisto di

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 Pag. 33 (diffusione:581000) La proprietà intellettuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT MASTER Istituto Studi Direzionali Management Academy EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT SEDI E CONTATTI Management Academy Sida Group master@sidagroup.com www.mastersida.com

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ).

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). 1 ADESIONE A IOSI 1.1 Possono aderire al Club IoSi (qui di seguito IoSi ) tutti i

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP www.formazione.ilsole24ore.com PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP ROMA, DAL 19 NOVEMBRE 2012-1 a edizione MASTER DI SPECIALIZZAZIONE In collaborazione con: PER PROFESSIONISTI

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli