VÉÇáxÜätàÉÜ É w `âá vt TÄyÜxwÉ VtáxÄÄt

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VÉÇáxÜätàÉÜ É w `âá vt TÄyÜxwÉ VtáxÄÄt"

Transcript

1 VÉÇáxÜätàÉÜ É w `âá vt TÄyÜxwÉ VtáxÄÄt \áà àâàé fâñxü ÉÜx w fàâw `âá _ Ë T Ö â Ä t BIENNIODIIILIVELLOINDISCIPLINEMUSICALI INDIRIZZOINTEPRETATIVO COMPOSITIVOPER MAESTROCOLLABORATOREPERLADANZA Premessa Il Maestro collaboratore per la danza, anche conosciuto come pianista accompagnatore, ricopre una importante funzione di supporto nelle Istituzioni che si occupano di danza e balletto, siano esse enti di produzioneartisticaoscuoledidanza. Si può anzi affermare che proprio la consapevolezza dell importanza del Maestro al pianoforte, per la migliore qualità delle attività coreutiche, rende necessario e finanche urgente il problema della loro formazioneprofessionale. Non è infatti sufficiente essere un ottimo pianista per svolgere al meglio un ruolo che necessita di particolarissimeabilitàecompetenze,fruttoquasisemprediunlungotirociniopersonalepoiché,adoggi, nonsonooggettodialcunpercorsoformativo. PercolmarequestalacunailConservatoriodiMusicaAlfredoCaselladell Aquilael AccademiaNazionaledi Danza di Roma hanno elaborato, mettendo a frutto le rispettive competenze, un percorso biennale finalizzatoalrilasciodiuntitolocongiuntoin Maestrocollaboratoreperladanza,Diplomaaccademicodi IIlivelloinDisciplinemusicali.

2 DIPLOMAACCADEMICOSPERIMENTALEDIIILIVELLOIN MaestroCollaboratoreperlaDanza Obiettiviformativi Ilcorsodiproponedioffrireaglistudentiimezzitecnicieculturaliper proporsi con successo come Maestri Collaboratori per la Danza ed il Balletto. Alla fine del percorso formativo gli studenti avranno acquisito approfonditeconoscenzestoriche,teoricheeoperativedelladanzae del balletto e del relativo repertorio; avranno raggiunto solide competenzepianisticheecompositiveedinparticolareunacompiuta abilità nella composizione estemporanea funzionale alle attività coreutiche; avranno conseguito la capacità di interagire con consapevolezzacondocenti,studentieprofessionistidelladanzaedel balletto,sianell ambitodell attivitàformativainquellodell attivitàdi produzioneartistica. Prospettiveoccupazionali Ilcorsooffreaglistudenticoncretepossibilitàoccupazionali: come pianisti accompagnatori nelle attività di formazione coreuticaperentieistituzionipubblicheeprivate; comemaestrisostitutiecollaboratoripianisticiperladanzaed ilballettoneglientiliricieneiteatri; come professionisti presso compagnie di danza e di teatrodanza; come esperti musicali per la danza ed il balletto per attività divulgative e di informazione nel settore dei mezzi di comunicazioneeaudiovisivi; come performer e professionisti dello spettacolo in grado di produrrericercaedinnovazione.

3 PIANODEGLISTUDI IANNUALITA' areadisciplinare settoreartisticodisciplinare codice crediti Attivitàformativedibase 12CFA Analisidelrepertorioperilballetto1 Disciplinecompositive Teoriadell'armoniaeanalisi COTP/01 6 Tecnichedicomposizioneestemporanea1 Disciplinecompositive Composizione CODC/01 6 Attivitàformativecaratterizzanti 24CFA Tecnicheepratichedicomposizione estemporanea1 Esecuzionemusicalefunzionalealle pratichecoreutiche1 Tecnicomusicale Tecnicomusicale Praticamusicaleinambito coreutico Praticamusicaleinambito coreutico ADTM/01 12 ADTM/01 12 Attivitàformativeintegrativeeaffini 12CFA Tecnicheepratichediletturaaprimavista Storiadelladanzaedelballetto1 Teoriadelladanza Teorico critico Storico ricostruttivo Teorico critico Storico ricostruttivo Letturadellapartitura COTP/02 6 Storiadelladanza ADTS/04 3 Teoriadelladanza ADTS/02 3 Altreattivitàformative 12CFA Linguafranceseeterminologiacoreutica Disciplinelinguistiche Linguastranieracomunitaria CODL/02 3 Laboratoriodimovimento(*) Disciplinedidattiche Tecnichediconsapevolezzaedi espressionecorporea CODD/07 3 Laboratoriovocale(*) Disciplineinterpretative Canto CODI/23 3 Tirocinio 3 (*)oaltreattivitàformativeasceltadellostudente totalecreditiformativiiannualità=60 IIANNUALITA' areadisciplinare settoreartisticodisciplinare codice crediti Attivitàformativedibase 12CFA Analisidelrepertorioperilballetto2 Disciplinecompositive Teoriadell'armoniaeanalisi COTP/01 6 Tecnichedicomposizioneestemporanea2 Disciplinecompositive Composizione CODC/01 6 Attivitàformativecaratterizzanti 24CFA Tecnicheepratichedicomposizione estemporanea2 Esecuzionemusicalefunzionalealle pratichecoreutiche2 Tecnicomusicale Tecnicomusicale Praticamusicaleinambito coreutico Praticamusicaleinambito coreutico ADTM/01 12 ADTM/01 12 Attivitàformativeintegrativeeaffini 6CFA Tecnicheepratichedelletastieremidi Storiadelladanzaedelballetto2 Disciplineinterpretativedeljazz, dellemusicheimprovvisatee audiotattili Disciplineteorico analiticopratiche Teorico criticostoricoricostruttivo Tastiereelettroniche COMJ/10 3 Storiadelladanza ADTS/04 3 Altreattivitàformative 8CFA Laboratoriodicoreografia(*) Educativoetecnicoscientifico Psicologicocoreutico ADES/04 3 Laboratoriodipercussioni(*) Disciplineinterpretative Strumentiapercussione CODI/22 3 Tirocinio 2 Tesioprovafinale 10CFA (*)oaltreattivitàformativeasceltadellostudente totalecreditiformativiiiannualità=60

4 DIPLOMAACCADEMICOSPERIMENTALEDIIILIVELLOINDISCIPLINEMUSICALI MaestroCollaboratoreperlaDanza Pianodelleattivitàformative IANNUALITA' tipologiadi lezione oredi lezione oredi studio totale orario crediti formativi Attivitàformativedibase 12CFA Analisidelrepertorioperilballetto1 digruppo Tecnichedicomposizioneestemporanea1 digruppo Attivitàformativecaratterizzanti 24CFA Tecnicheepratichedicomposizioneestemporanea1 individuale Esecuzionemusicalefunzionaleallepratichecoreutiche1 individuale Attivitàformativeintegrativeeaffini 12CFA Tecnicheepratichediletturaaprimavista individuale Storiadelladanzaedelballetto1 collettiva Teoriadelladanza collettiva Altreattivitàformative 12CFA Linguafranceseeterminologiacoreutica collettiva Laboratoriodimovimento(*) laboratorio Laboratoriovocale(*) laboratorio Tirocinio totaliiannualità (*)oaltreattivitàformativeasceltadellostudente IIANNUALITA' tipologiadi lezione oredi lezione oredi studio totale orario crediti formativi Attivitàformativedibase 12CFA Analisidelrepertorioperilballetto2 digruppo Tecnichedicomposizioneestemporanea2 digruppo Attivitàformativecaratterizzanti 24CFA Tecnicheepratichedicomposizioneestemporanea2 individuale Esecuzionemusicalefunzionaleallepratichecoreutiche2 individuale Attivitàformativeintegrativeeaffini 6CFA Tecnicheepratichedelletastieremidi digruppo Storiadelladanzaedelballetto2 collettiva Altreattivitàformative 8CFA Laboratoriodicoreografia(*) laboratorio Laboratoriodipercussioni(*) laboratorio Tirocinio Tesioprovafinale CFA totaliiiannualità (*)oaltreattivitàformativeasceltadellostudente Rapportoorediore/creditiperidiversitipididisciplina(DM154/2009del12novembre2009): lezioneindividuale:da6%a24% lezioned'insiemeodigruppo:da12%a48% lezionecollettivateoricaopratica:da24%a60% laboratorio:da32%a80%

5 V É Ç á x Ü ä t à É Ü É w ` â á v t T Ä y Ü x w É V t á x Ä Ä t _ Ë T Ö â Ä t DIPLOMAACCADEMICOSPERIMENTALEDIIILIVELLOINDISCIPLINEMUSICALI Analisidelrepertorio perilballettoieii Tecnichedi composizioneestemporaneaieii Tecnicheepratichedi composizioneestemporaneaieii Esecuzionemusicalefunzionale allepratichecoreuticheieii Tecnicheepratichedilettura aprimavista Storiadelladanzae delballettoieii Teoriadelladanza Tecnicheepratiche delletastieremidi Linguafrancesee terminologiacoreutica Laboratoriodimovimento Laboratoriovocale Laboratoriodicoreografia Laboratoriodipercussioni INDIRIZZO:INTERPRETATVO COMPOSITIVO MAESTROCOLLABORATOREPERLADANZA OBIETTIVIDIAPPRENDIMENTO DECLARATORIE Ladisciplinasiarticolaindueannualitàesiprefiggeloscopodifornireagli studentiglistrumentiperapprofondirelostudiodellepartituredel repertoriodelballetto,conriguardoancheaimovimenticoreutici. Ladisciplinaèarticolataindueannualitàesiprefiggeloscopodifar raggiungereaglistudentiunaadeguatapadronanzanellacomposizione estemporaneainstilieformediversinonchélacapacitàdisceglieree adottarerapidamenteletecnichecompositivepiùidoneerispettoalle diversesituazioni Ladisciplinaèarticolataindueannualitàesiprefiggeloscopodifar raggiungereaglistudentiunaadeguatapadronanzanellacomposizione estemporaneainstilieformediversi,approfondendolapraticadelle relativetecniche.allafinedelpercorsoformativoglistudentidevonoessere ingradodiaderireconprontezzaallediversesituazioniconnesseconla danzarealizzandol accompagnamentopianisticopiùidoneo. Ladisciplinahacomeobiettivoloscopodiapprofondirelaconoscenzadi tuttiglielementicostitutividellepratichecoreuticheelapienacapacitàdi sostenerleconunadeguatoaccompagnamentopianistico.ilcorsoè biennaleeabbracciatuttelepossibiletipologiecoreutiche,ivicompresii ballettidirepertorio,siaclassicichemoderni. Ladisciplinasiprefiggedifarraggiungereaglistudentiungradoelevatodi abilitànellaletturaestemporaneadipartiturepianisticheenon,mediante lostudioelapraticadellerelativetecniche;neèprevistalafrequenzanel primosemestreinquantopropedeuticaallealtredisciplinedelcorso. Gliobiettividiapprendimentodelladisciplinaprevedonoun accurata preparazionedeglistudentisullastoriadelladanzaedelballettoesul relativorepertorio.ladisciplinaéarticolataindueannualità. Gliobiettividiapprendimentodelladisciplinaprevedonolostudiodei fondamentiditeoriadelladanza. Gliobiettividiapprendimentodelladisciplinaprevedonolaconoscenzae l usodistrumentielettroacustici. Ladisciplinaèindispensabileaduncorrettoapproccioconlepratiche coreuticheedevenecessariamenteessereaffrontatanelprimosemestre. Illaboratoriovuolesviluppareneglistudentiunacorrettaconsapevolezza corporeaedelmovimento.lafrequenza(facoltativa)èprevistadurantela primaannualità. Illaboratoriosiproponedigarantireaglistudentiuncorrettousodella voce,ovelenecessitàespressivelorichiedano.lafrequenza(facoltativa)è previstadurantelaprimaannualità. Lafrequenzadellaboratorio(facoltativa)èprevistadurantelaseconda annualitàevuolesviluppareuncorrettoapprocciodapartedeglistudenti nellacollaborazioneconicoreografi. Lafrequenzadellaboratorio(facoltativa)èprevistadurantelaseconda annualitàeintendefornireaglistudentiuncorrettoapproccioall usodelle percussioniinsiemeallostudioedallarealizzazionediritmicomplessi.

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3)

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere riconoscibile

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

L INVESTIMENTO CHE L ITALIA DEVE FARE NELLA FORMAZIONE DI ARTISTI E MUSICISTI

L INVESTIMENTO CHE L ITALIA DEVE FARE NELLA FORMAZIONE DI ARTISTI E MUSICISTI L INVESTIMENTO CHE L ITALIA DEVE FARE NELLA FORMAZIONE DI ARTISTI E MUSICISTI INDICE INTRODUZIONE Lo Stato dell Arte PRIMA PARTE 1 4. 2Offerta formativa 3 1. Internazionalizzazione 2. Autonomia 3. Valutazione

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione 1 PREMESSA...3 PRIMA PARTE...4 1. Il Curriculum Vitae...4 Modello...5 Fac simile 1...6 2. Il Curriculum Europass...7

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici ALLEGATO A Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione per gli Istituti Tecnici 1. Premessa I percorsi degli Istituti

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

Accordo di integrazione tra lo straniero e lo Stato. A cura di: Brizida Haznedari

Accordo di integrazione tra lo straniero e lo Stato. A cura di: Brizida Haznedari straniero e lo Stato A cura di: Brizida Haznedari DESTINATARI: Lo straniero, di età superiore ai 16 anni, che per la prima volta presenta la domanda di permesso di soggiorno, di durata non inferiore a

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

RAPPORTO DI MONITORAGGIO 2012

RAPPORTO DI MONITORAGGIO 2012 ALTERNANZA SCUOLA LAVORO: LO STATO DELL ARTE RAPPORTO DI MONITORAGGIO 2012 Direzione Generale per l istruzione e formazione tecnica superiore e per i rapporti con i sistemi formativi delle Regioni La redazione

Dettagli

1. I FONDAMENTI DEL SISTEMA NAZIONALE DI QUALIFICHE DEI TECNICI SPORTIVI E I SUOI RAPPORTI CON LE POLITICHE EUROPEE DEL SETTORE

1. I FONDAMENTI DEL SISTEMA NAZIONALE DI QUALIFICHE DEI TECNICI SPORTIVI E I SUOI RAPPORTI CON LE POLITICHE EUROPEE DEL SETTORE SOMMARIO INTRODUZIONE 1. I FONDAMENTI DEL E I SUOI RAPPORTI CON LE POLITICHE EUROPEE DEL SETTORE 2. CHE COSA È IL 3. QUALIFICHE E COMPETENZE DEGLI OPERATORI SPORTIVI 4. I QUATTRO LIVELLI DI QUALIFICA DEI

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli