IL QUADRO LM NUOVI MINIMI DEL MOD. UNICO 2013 PF

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL QUADRO LM NUOVI MINIMI DEL MOD. UNICO 2013 PF"

Transcript

1 INFORMATIVA N APRILE 2013 DICHIARAZIONI IL QUADRO LM NUOVI MINIMI DEL MOD. UNICO 2013 PF Art. 27, DL n. 98/2011 Circolare Agenzia Entrate , n. 17/E Istruzioni mod. UNICO 2013 PF Informativa SEAC , n. 142 Nel mod. UNICO 2013 PF è presente il nuovo quadro LM utilizzabile dai soggetti (imprese / lavoratori autonomi) che nel 2012 hanno aderito al nuovo regime dei minimi. Con la presente Informativa, dopo aver riepilogato la disciplina del predetto regime, si illustrano le novità del nuovo quadro LM.

2 IF n pagina 2 di 9 Come noto, l art. 27, DL n. 98/2011, ha modificato dall il regime dei contribuenti minimi (ex art. 1, commi da 96 a 117, Legge n. 244/2007) introducendo il Regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità, c.d. nuovi minimi. REQUISITI PER L ACCESSO E DURATA DEL REGIME Il nuovo regime dei minimi è applicabile: per il periodo d imposta in cui è iniziata l attività e per i 4 successivi; anche oltre il quarto anno successivo e fino all anno in cui il contribuente compie 35 anni; dalle persone fisiche che iniziano un attività d impresa o di lavoro autonomo. Il nuovo regime è applicabile anche da parte dei soggetti che sono già in attività, a condizione che la stessa sia iniziata dopo il INIZIO DELL ATTIVITÀ L Agenzia delle Entrate, in merito al concetto di inizio dell attività, nel Provvedimento ha precisato che: Per esercizio di attività e per inizio di una nuova attività produttiva si fa riferimento allo svolgimento effettivo e all inizio effettivo della stessa e non alla sola apertura della partita IVA. Ciò si riflette sulla possibilità di accedere al regime anche da parte di coloro che hanno aperto la partita IVA alla fine del 2007 ma hanno effettivamente iniziato l attività nel 2008, nonché sulla durata del regime per coloro che hanno iniziato o inizieranno l attività negli anni successivi. ULTERIORI REQUISITI PER L APPLICAZIONE DEL NUOVO REGIME Il regime in esame prevede 3 ulteriori condizioni, che si aggiungono a quelle già previste nel precedente regime (art. 1, commi 96 e 99, Legge n. 244/2007) individuate nel comma 2 del citato art. 27 in base alle quali: a) il contribuente non deve aver esercitato, nei 3 anni precedenti l inizio dell attività, un attività artistica, professionale o d impresa, anche in forma associata o familiare; b) l attività esercitata non deve costituire, in nessun modo, mera prosecuzione di un altra attività precedentemente svolta sotto forma di lavoro dipendente o autonomo, esclusa l ipotesi del tirocinio professionale obbligatorio. Il regime in esame è riservato, oltre che ai giovani imprenditori, anche ai lavoratori in mobilità. Tali soggetti che dimostrano la perdita del lavoro o di essere in mobilità per cause indipendenti dalla propria volontà non devono verificare la condizione riferita alla mera prosecuzione dell attività; c) qualora l attività costituisca il proseguimento di un impresa esercitata da un altro soggetto, l ammontare dei ricavi dell anno precedente non deve essere superiore a SOGGETTI IN REGIME ORDINARIO O DELLE NUOVE INIZIATIVE PER IL I soggetti che hanno iniziato l attività dal 2008 che pur avendo i requisiti per l applicazione del regime dei minimi, hanno scelto il regime delle nuove iniziative ex art. 13, Legge n. 388/2000 o hanno optato per il regime ordinario possono accedere al nuovo regime e mantenerlo fino al compimento del quinquennio o del 35 anno di età. È comunque previsto che resta fermo il vincolo triennale conseguente all opzione per il regime ordinario. A regime, chi inizia l attività dal 2012 adottando il nuovo regime dei minimi e successivamente per obbligo o per scelta esce dal regime, non può più adottarlo, ancorché in possesso dei requisiti.

3 IF n pagina 3 di 9 RITENUTA D ACCONTO E ULTERIORI SEMPLIFICAZIONI Sul reddito imponibile determinato con le medesime regole stabilite per il vecchio regime dei minimi è applicabile l imposta sostitutiva del 5%. Al fine di evitare che i contribuenti minimi risultino strutturalmente a credito, analogamente a quanto previsto nel regime delle nuove iniziative, dal 2012 i nuovi minimi non subiscono la ritenuta d acconto. A tal fine è necessario rilasciare un apposita dichiarazione dalla quale risulti che il reddito cui i ricavi/compensi afferiscono è soggetto a imposta sostitutiva. Tale dichiarazione può essere riportata direttamente in fattura. ULTERIORI SEMPLIFICAZIONI In merito agli adempimenti da osservare ai fini IVA i nuovi minimi: devono manifestare preventivamente, analogamente agli altri soggetti IVA, la volontà di effettuare acquisti intraue e pertanto devono necessariamente risultare iscritti nell elenco VIES. Si rammenta che le cessioni di beni effettuate dai contribuenti minimi verso soggetti UE non sono considerate cessioni intraue; sono esonerati dagli elenchi clienti-fornitori; sono esonerati dalla comunicazione delle operazioni black-list ; sono comunque tenuti alla certificazione dei corrispettivi (scontrino/ricevuta fiscale) salvo che non rientrino tra i soggetti esonerati ex art. 2, DPR n. 696/96. IL QUADRO LM DEL MOD. UNICO 2013 PF Nel mod. UNICO 2013 PF è presente il nuovo quadro LM relativo al Reddito dei soggetti con regime dell imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità (Art. 27, D.L. 6 luglio 2011, n. 98). Il nuovo quadro in esame, analogo al quadro CM del mod. UNICO 2012 PF presenta, rispetto a quest ultimo, le seguenti novità: applicazione dell imposta sostitutiva dell IRPEF e delle relative addizionali pari al 5% (per i vecchi minimi era pari al 20%); eliminazione del rigo dedicato all indicazione delle ritenute d acconto subite. Nel corso del 2012 si può riscontrare il fatto che un contribuente nuovo minimo abbia comunque subito la ritenuta d acconto (si pensi alla fattura emessa nel 2011 nel regime dei vecchi minimi incassata nel 2012 per la quale il sostituto d imposta ha trattenuto la ritenuta d acconto ovvero alla fattura emessa nel 2012 ad un soggetto privato che usufruisce della detrazione IRPEF 36% - 50% che all atto del pagamento la banca ha trattenuto la ritenuta d acconto). Per tali situazioni, salvo gli auspicabili chiarimenti da parte dell Agenzia delle Entrate, l unica possibilità per recuperare tali somme risulta essere l istanza di rimborso ex art. 38, DPR n. 600/73. Nelle istruzioni per la compilazione, l Agenzia delle Entrate evidenzia che: Non è possibile la contestuale compilazione del quadro LM con altri quadri di determinazione del reddito (RF, RG, RE e RD) in quanto la condizione di accesso al regime in esame riguarda la posizione del contribuente considerata nel suo insieme e non la specifica attività svolta, pertanto qualora il contribuente nel corso dell anno abbia svolto più attività dovrà verificare se per tutte le attività possiede i requisiti per accedere al regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità, in caso contrario l accesso al regime è precluso a qualsiasi attività e dovrà essere compilato l apposito quadro RF o RG e/o RD e/o RE.

4 IF n pagina 4 di 9 Tale rigida interpretazione non risolve il caso di un contribuente minimo che ha cessato l attività nel 2012 e riaperto la partita IVA nello stesso anno in regime ordinario (non poteva adottare il regime dei minimi). Tale situazione non appare in contrasto con la normativa vigente. Il quadro in esame si compone delle seguenti 3 Sezioni: Determinazione del reddito ; Determinazione dell imposta ; Perdite non compensate. Nella Sezione Determinazione del reddito sono presenti 3 caselle Impresa, Autonomo e Impresa familiare che vanno barrate, rispettivamente, in base alla tipologia di attività svolta e se l attività d impresa viene svolta sotto forma di impresa familiare. Sul punto le istruzioni alla compilazione precisano che i contribuenti che esercitano contemporaneamente più attività, sia di impresa che di lavoro autonomo, devono fare riferimento all ammontare dei ricavi o compensi relativi all attività prevalente. La barratura della casella Impresa familiare comporta la compilazione dell apposita Sezione del quadro RS, dedicata alla Imputazione del reddito dell impresa familiare, ancorché i collaboratori non siano tenuti a dichiarare autonomamente le quote di reddito loro imputate. RIGO LM1 CODICE ATTIVITÀ Va riportato il codice dell attività esercitata come desumibile dalla classificazione Ateco RIGO LM2 TOTALE COMPONENTI POSITIVI Il rigo in esame si compone di 2 colonne nelle quali indicare: a colonna 1, l ammontare del recupero dell incentivo fiscale derivante dalla revoca dell agevolazione c.d. Tremonti-ter. a colonna 2, oltre all importo di colonna 1: l ammontare dei ricavi di cui all art. 85, comma 1, lett. a) e b), TUIR, percepiti nel 2012, costituito dai corrispettivi per: - cessioni di beni e/o prestazioni di servizi alla cui produzione o al cui scambio è diretta l attività d impresa; - cessioni di materie prime e sussidiarie, semilavorati e altri beni mobili, esclusi quelli strumentali, acquistati o prodotti per essere impiegati nella produzione; l ammontare dei compensi, in denaro, in natura o sotto forma di partecipazione agli utili, percepiti nel 2012, compresi quelli derivanti dall attività svolta all estero. A tal fine: - non vanno considerati gli eventuali contributi previdenziali o assistenziali a carico del soggetto che li corrisponde (contributi integrativi); - va considerata la rivalsa INPS del 4% se addebitata in fattura; l ammontare delle sopravvenienze attive realizzate; l ammontare delle plusvalenze conseguite. In merito: - se il bene strumentale è stato acquistato in vigenza del regime dei minimi, il corrispettivo della cessione concorre alla formazione del reddito per l intero ammontare. La plusvalenza, quindi, non può essere rateizzata nell esercizio stesso e nei successivi non oltre il quarto. In caso di pagamento dilazionato da parte dell acquirente concorrerà alla formazione del reddito la parte del corrispettivo incassato nel 2012; - se il bene strumentale è stato acquistato anteriormente all anno di adesione al regime dei minimi la plusvalenza corrisponde alla differenza tra il corrispettivo di vendita ed il costo non ammortizzato (risultante al dell anno precedente a quello dal quale decorre il regime dei minimi). In caso di pagamento dilazionato da parte dell acquirente, la plusvalenza da tassare corrisponde all ammontare della rata incassata nel 2012, al

5 IF n pagina 5 di 9 netto della quota del costo non ammortizzato corrispondente al rapporto tra la somma percepita ed il corrispettivo complessivo; l ammontare degli altri componenti positivi incassati nel RIGO LM3 RIMANENZE FINALI Nel rigo in esame vanno indicate le rimanenze di beni esistenti alla fine dell anno precedente a quello di adesione al regime dei nuovi minimi. Se nel periodo d imposta precedente il contribuente ha applicato il regime dei vecchi minimi, nel rigo in commento va riportato l importo di rigo CM20 del mod. UNICO 2012 PF. L ammontare delle rimanenze finali formatesi prima dell ingresso nel regime dei nuovi minimi costituisce un componente negativo che va prioritariamente dedotto dall ammontare dei componenti positivi indicati a rigo LM2, colonna 2, e fino a capienza degli stessi. L eventuale eccedenza (LM3 - LM2, colonna 2) va indicata a rigo LM18 e riportata nel quadro LM del mod. UNICO 2014 PF. RIGO LM5 TOTALE COMPONENTI NEGATIVI A rigo LM5 va indicato l importo complessivo degli acquisti (costi e spese) pagati nel 2012 (IVA compresa), come ad esempio: gli acquisti di materie prime, sussidiarie, semilavorati e merci; gli acquisti di beni strumentali; le spese relative a beni ad uso promiscuo. Relativamente alle autovetture, autocaravan, ciclomotori, motocicli e telefonia, le spese ad essi inerenti (lubrificanti, manutenzioni, tassa di possesso, assicurazioni e altri costi per autoveicoli, ecc.) sono deducibili in misura pari al 50%; i canoni di leasing (nella misura del 50% se relativi a beni ad uso promiscuo); le spese per omaggi, vitto e alloggio (integralmente deducibili se inerenti l attività esercitata); le sopravvenienze passive; le altre spese sostenute nel 2012 (ad esempio, cancelleria, utenze, ecc.). Le istruzioni alla compilazione specificano che i contribuenti minimi non possono avvalersi delle deduzioni forfetarie per spese non documentate (ad esempio, deduzioni forfetarie per agenti di commercio) in quanto, per il principio di cassa, la deduzione è ammessa solo per le spese effettivamente sostenute. RIGO LM7 CONTRIBUTI PREVIDENZIALI ED ASSISTENZIALI Se l importo di rigo LM6 è negativo (perdita), lo stesso dovrà essere indicato anche a colonna 1 di rigo LM20 se la perdita è riportabile agli anni successivi ma non oltre il quinto oppure a colonna 2 del medesimo rigo se la perdita è riportabile agli anni successivi senza limiti di tempo. Se l importo di rigo LM6 è positivo (reddito), a rigo LM7 va indicato l ammontare dei contributi previdenziali ed assistenziali obbligatori versati nel 2012 (ad esempio, Gestione separata INPS, IVS, Casse previdenziali di appartenenza, ecc.). In particolare va indicato: a colonna 1 l intero ammontare dei contributi previdenziali ed assistenziali versati nel 2012; a colonna 2 la parte del suddetto importo che trova capienza nel reddito indicato a rigo LM6. L eventuale eccedenza va indicata a rigo LM19 e riportata a rigo RP21; in tal caso sarà dedotta dal reddito complessivo (ovviamente qualora il contribuente sia in possesso di altri redditi che confluiscono nel quadro RN). Si rammenta che, i contributi previdenziali ed assistenziali possono riferirsi anche ai collaboratori dell impresa familiare: fiscalmente a carico; non a carico ma per i quali il titolare non ha esercitato il diritto alla rivalsa.

6 IF n pagina 6 di 9 RIGO LM9 PERDITE PREGRESSE A rigo LM9 vanno riportate, fino a concorrenza dell importo di rigo LM8 Reddito netto, le eventuali perdite pregresse indicate nel mod. UNICO 2012: a rigo RS9, RS12 o RS13 relativamente all attività d impresa; a rigo RS8, RS10 o RS11 relativamente all attività di lavoro autonomo. Nel caso in cui si tratti di un contribuente che nel periodo d imposta precedente ha adottato il regime dei vecchi minimi, in tale rigo vanno riportate le eventuali perdite indicate nei righi CM22 e CM23 del mod. UNICO 2012 PF. Eventuali eccedenze residue vanno riportate: nei righi RS8, RS10 o RS11 nel caso di lavoratore autonomo; nei righi RS9, RS12 o RS13 in caso di impresa. RIGO LM10 REDDITO AL NETTO DELLE PERDITE SOGGETTO AD IMPOSTA SOSTITUTIVA Corrisponde alla differenza tra il reddito netto (rigo LM8) e le eventuali perdite pregresse (rigo LM9). Si evidenzia che detto importo: maggiorato dei contributi previdenziali dedotti (rigo LM7) costituisce la base imponibile per il calcolo dei contributi previdenziali da effettuare nel quadro RR; rileva ai fini del limite per essere considerato a carico per il riconoscimento delle detrazioni per carichi di famiglia di cui all art. 12, comma 2, TUIR. RIGO LM11 IMPOSTA SOSTITUTIVA (5%) In tale rigo va evidenziata l imposta sostitutiva dovuta dal contribuente sul reddito conseguito nel 2012, così determinata: rigo LM10 x 5% RIGO LM12 CREDITI D IMPOSTA A rigo LM12 vanno indicati, fino a concorrenza dell imposta sostitutiva dovuta di rigo LM11, gli eventuali crediti d imposta spettanti al contribuente: - colonna 1 Riacquisto prima casa ; - colonna 2 Redditi prodotti all estero ; - colonna 3 Fondi comuni ; - colonna 4 Sisma Abruzzo altri immobili ; - colonna 5 Sisma Abruzzo abitazione principale ; - colonna 6 Reintegro anticipazioni fondi pensione ; - colonna 7 Altri crediti d imposta. In presenza di altri redditi che concorrono a determinare il reddito complessivo i crediti d imposta non utilizzati e non indicati nelle suddette 7 colonne vanno riportati, rispettivamente, a rigo RN24, colonna 1 (Credito d imposta per il riacquisto prima casa), a rigo RN30, colonna 2 (Crediti d imposta per redditi prodotti all estero), a rigo RN31, colonna 1 (Crediti d imposta relativi a fondi comuni), a rigo RN27 (Credito d imposta per altri immobili - Abruzzo), a rigo RN28 (Credito d imposta abitazione principale - Abruzzo), a rigo RN24, colonna 3 (Credito d imposta per il reintegro delle anticipazioni sui fondi pensione) o a rigo RN31, colonna 2 (Altri crediti d imposta). Sul punto le istruzioni alla compilazione del mod. UNICO 2013 PF propongono la seguente esemplificazione:

7 IF n pagina 7 di 9 se nel rigo CR7 (credito d imposta per il riacquisto della prima casa) è stato indicato un importo pari a euro e nella colonna 1 del rigo LM12 è stato indicato un importo di 300 euro, deve essere riportato nella colonna 1 del rigo RN24 il credito non utilizzato pari a 700 euro. RIGO LM13 RITENUTE CONSORZIO A rigo LM13 va riportato l ammontare delle ritenute d acconto cedute dal consorzio, indicate a colonna 2 di rigo RS33. L importo va indicato al netto delle ritenute cedute dal consorzio riportate a rigo RN32, colonna 4. RIGO LM15 ACCONTI Il rigo è formato da 2 colonne, nelle quali indicare: a colonna 1, di cui sospesi, l importo degli acconti dovuti ma non versati a seguito di provvedimenti emanati per eventi eccezionali. Sul punto le istruzioni per la compilazione precisano che: l importo di questi acconti sarà versato dal contribuente con le modalità e nei termini che saranno previsti da un apposito decreto per la ripresa delle riscossioni delle somme sospese ; a colonna 2, la somma degli acconti versati (codici tributo 1793 e 1794 ) compresi gli importi già indicati a colonna 1 e eventuali versamenti integrativi. RIGHI LM16 / LM17 IMPOSTA A DEBITO / IMPOSTA A CREDITO Se il risultato della somma dei seguenti righi: LM14 - LM15, colonna 2 è negativo lo stesso va indicato a rigo LM17 Imposta a credito e potrà essere utilizzato in compensazione o richiesto a rimborso previa compilazione di rigo RX13, colonna 1. RIGO LM18 ECCEDENZE DI RIMANENZE DI CUI AL RIGO LM3 Va indicata la differenza, se positiva, tra rigo LM3 Rimanenze finali e rigo LM2, colonna 2, Totale componenti positivi. RIGO LM19 ECCEDENZA CONTRIBUTI PREVIDENZIALI E ASSISTENZIALI DI CUI AL RIGO LM7 Va indicata l eventuale eccedenza dei contributi previdenziali ed assistenziali che non hanno trovato capienza nell importo di rigo LM6 Reddito lordo o perdita. Come sopra accennato l importo del rigo in esame può essere dedotto (in presenza di altri redditi) dal reddito complessivo riportandolo a rigo RP21. RIGO LM20 PERDITE NON COMPENSATE La perdita indicata a rigo LM6 va riportata: a colonna 1, Perdite relative al periodo d imposta cui si riferisce la presente dichiarazione, se la stessa è riportabile negli anni successivi ma non oltre il quinto; a colonna 2, Perdite riportabili senza limiti di tempo, se la stessa è riportabile negli anni successivi senza limiti temporali. Nell ipotesi di passaggio dal regime dei vecchi a quello dei nuovi minimi le perdite pregresse non compensate nei periodi d imposta precedenti, trovano indicazione nell apposito prospetto del quadro RS (righi RS8 e RS9). In particolare, nel citato prospetto vanno riportati gli importi indicati ai righi CM22 e CM23, colonna 2 del mod. UNICO 2012 PF.

8 IF n pagina 8 di 9 Esempio 1 La sig.ra Sabrina Pettine ha iniziato nel 2012 l attività di parrucchiera, aderendo al nuovo regime dei minimi e presenta la seguente situazione: - ricavi incassati spese per utenze (energia elettrica e riscaldamento) (IVA compresa) - spese autovettura (carburante, assicurazione, ecc.) (IVA compresa) - spese telefono cellulare 800 (IVA compresa) - altre spese deducibili (materiale di consumo, consulenza professionale, diritto CCIAA, quota associativa, ecc.) (IVA compresa) - acquisto beni strumentali (IVA compresa) Nel 2012 ha versato a titolo di contributi previdenziali X ( ) x 50% Esempio 2 Il sig. Antonio Spaghetti ha iniziato nel 2011 l attività di commercio al minuto di generi alimentari aderendo al regime dei vecchi minimi. Nel 2012, avendo i requisiti, il sig. Spaghetti ha applicato il nuovo regime dei minimi e presenta la seguente situazione: - ricavi incassati cessione scaffali (acquistati nel 2011) acquisto merci spese per furgone (carburante, assicurazione) (IVA compresa) - spese per utenze (energia elettrica e riscaldamento) (IVA compresa) - spese telefono cellulare 400 (IVA compresa) - altre spese deducibili (materiale di consumo, consulenza professionale, diritto CCIAA, quota associativa, ecc.) (IVA compresa) - acquisto bene strumentale (IVA compresa) Nel 2012 ha versato: a titolo di contributi previdenziali; a titolo di acconto 2012 dell imposta sostitutiva.

9 IF n pagina 9 di 9 X (*) (400 x 50%) Il credito dell imposta sostitutiva va altresì riportato a rigo RX Come si può notare i contributi previdenziali versati nel 2012, conseguendo una perdita, sono persi (il contribuente non ha altri redditi). Esempio 3 X Il sig. Paolo Bolla ha iniziato nel 2012 l attività di ingegnere, aderendo al nuovo regime dei minimi e presenta la seguente situazione: - compensi incassati spese per utenze (energia elettrica e riscaldamento) 800 (IVA compresa) - spese autovettura (carburante, assicurazione, ecc.) (IVA compresa) - spese telefono cellulare 400 (IVA compresa) - altre spese deducibili (materiale di consumo, cancelleria, quota ordine, ecc.) 600 (IVA compresa) - acquisto beni strumentali (IVA compresa) Nel 2012 ha versato 600 a titolo di contributi previdenziali ( ) x 50%

REQUISITI PER L ACCESSO E DURATA DEL REGIME

REQUISITI PER L ACCESSO E DURATA DEL REGIME 2 REQUISITI PER L ACCESSO E DURATA DEL REGIME Il REGIME DI VANTAGGIO o nuovo regime dei minimi si rende applicabile: per il periodo d imposta in cui è iniziata l attività e per i 4 successivi; anche oltre

Dettagli

Regime fiscale agevolato per autonomi

Regime fiscale agevolato per autonomi 1 REGIME FORFETARIO PER AUTONOMI Regime fiscale agevolato per autonomi L art. 1, c. 54 89, della legge di stabilità 2015 disciplina il nuovo regime fiscale agevolato per autonomi, destinato agli esercenti

Dettagli

LA COMPILAZIONE DEL QUADRO CM UNICO/2012. Premessa Normativa

LA COMPILAZIONE DEL QUADRO CM UNICO/2012. Premessa Normativa LA COMPILAZIONE DEL QUADRO CM UNICO/2012 Premessa Normativa Questo regime è disciplinato dalla legge 244-2007 e vi possono accedere i Contribuenti persone fisiche in possesso dei seguenti requisiti:-hanno

Dettagli

REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI. revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni

REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI. revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni E INTRODOTTO IL REGIME FISCALE AGEVOLATO RISERVATO AI

Dettagli

Anno 2013 N. RF160. La Nuova Redazione Fiscale CONTRIBUENTI EX MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI

Anno 2013 N. RF160. La Nuova Redazione Fiscale CONTRIBUENTI EX MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI Anno 2013 N. RF160 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO RIFERIMENTI CIRCOLARE DEL 12/07/2013 CONTRIBUENTI E MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI ART.

Dettagli

REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO

REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO REGIME FORFETARIO PER AUTONOMI L art. 1 co. 54-89 della legge di stabilità 2015 disciplina il nuovo regime fiscale agevolato per autonomi,

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 3 dell 11 gennaio 2012 Regime dei nuovi contribuenti minimi - Agevolazioni per i soggetti esclusi dal nuovo regime INDICE 1 Premessa... 2 2 Regime dei nuovi

Dettagli

IL PASSAGGIO AL REGIME FORFETTARIO

IL PASSAGGIO AL REGIME FORFETTARIO IL PASSAGGIO AL REGIME FORFETTARIO di Antonio Gigliotti Come noto l art. 1, commi da 54 a 89, della legge di stabilità 2015 (23 dicembre 2014, n. 190), ha introdotto, a decorrere dal 1 gennaio 2015, un

Dettagli

L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI

L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI INFORMATIVA N. 253 10 NOVEMBRE 2011 IMPOSTE DIRETTE - IVA L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI Art. 1, commi 96 e seguenti, Legge n. 244/2007 Circolari Agenzia Entrate 21.12.2007,

Dettagli

Il nuovo quadro LM per i contribuenti minimi

Il nuovo quadro LM per i contribuenti minimi Focus di pratica professionale di Fabio Garrini Il nuovo quadro LM per i contribuenti minimi Nuova denominazione, ma poche novità sostanziali: questo potrebbe essere in estrema sintesi il commento riassuntivo

Dettagli

IL NUOVO REGIME FORFETARIO, LA RETTIFICA DELLA DETRAZIONE IVA E IL MOD. IVA 2015

IL NUOVO REGIME FORFETARIO, LA RETTIFICA DELLA DETRAZIONE IVA E IL MOD. IVA 2015 INFORMATIVA N. 073 09 MARZO 2015 IVA IL NUOVO REGIME FORFETARIO, LA RETTIFICA DELLA DETRAZIONE IVA E IL MOD. IVA 2015 Art. 1, commi da 54 a 89, Finanziaria 2015 Art. 19-bis2, DPR n. 633/72 Circolare Agenzia

Dettagli

LA SCHEDA AMMINISTRATIVA di Roberto Gabrielli

LA SCHEDA AMMINISTRATIVA di Roberto Gabrielli LA SCHEDA AMMINISTRATIVA di Roberto LE NUOVE INIZIATIVE PRODUTTIVE (Aggiornata al 24.02.2009) Riferimenti normativi Regime contabile introdotto, a partire dal periodo di imposta 2001, con l art. 13 della

Dettagli

Nuovo regime dei minimi 2015 ex art. 9 della bozza del disegno di Legge di stabilità 2015

Nuovo regime dei minimi 2015 ex art. 9 della bozza del disegno di Legge di stabilità 2015 scadenzario documenti visure cciaa quesiti news e rassegna stampa approfondimenti affiliazioni Nuovo regime dei minimi 2015 ex art. 9 della bozza del disegno di Legge di stabilità 2015 Foglio di calcolo

Dettagli

Circolare N. 48 del 31 Marzo 2015

Circolare N. 48 del 31 Marzo 2015 Circolare N. 48 del 31 Marzo 2015 Torna il regime dei minimi per tutto il 2015 (Art. 10 comma 12 undecies DL n. 192 del 31.12.2014, convertito con legge n. 11 del 27.02.2015) Gentile cliente, con la presente

Dettagli

SCELTA DEL REGIME FISCALE

SCELTA DEL REGIME FISCALE SCELTA DEL REGIME FISCALE a cura di Tommaso Valleri Disclaimer La presente guida ha un valore puramente indicativo. Non sostituisce in alcun modo la consulenza di un commercialista o di analogo professionista.

Dettagli

IL FISCO PER LA CRESCITA, MENO TASSE E ADEMPIMENTI, PIU «COMPLIANCE» in collaborazione con l Agenzia delle Entrate Direzione Regionale del Piemonte

IL FISCO PER LA CRESCITA, MENO TASSE E ADEMPIMENTI, PIU «COMPLIANCE» in collaborazione con l Agenzia delle Entrate Direzione Regionale del Piemonte 1 IL FISCO PER LA CRESCITA, MENO TASSE E ADEMPIMENTI, PIU «COMPLIANCE» in collaborazione con l Agenzia delle Entrate Direzione Regionale del Piemonte IL NUOVO REGIME AGEVOLATO PER I CONTRIBUENTI DI MINORI

Dettagli

IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir -

IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir - PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA a.a.2013-2014 IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir - 1 IRPEF IRPEF: redditi da lavoro autonomo L IRPEF è un imposta personale

Dettagli

Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015

Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015 Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015 MD/cm Monza, lì 03/03/2015 A Tutti i C l i e n t i Loro Sedi Oggetto : NUOVO REGIME FORFETTARIO PER PERSONE FISICHE Riferimenti: Legge n. 190/2014 (c.d. Legge

Dettagli

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi Il Punto sull Iva I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi I regimi Iva previsti dalla normativa Il sistema giuridico italiano ha previsto, per le imprese e professionisti,

Dettagli

SCRITTURE E REGIMI CONTABILI

SCRITTURE E REGIMI CONTABILI SCRITTURE E REGIMI CONTABILI Parte III I regimi contabili per imprese e professionisti Dott. Alberto Marengo Dott. Umberto Terzuolo Dott. Piercarlo Bausola Regimi adottabili: I REGIMI CONTABILI PER IMPRESE

Dettagli

I CONTRIBUTI CIPAG E IL MOD. UNICO 2015 PF

I CONTRIBUTI CIPAG E IL MOD. UNICO 2015 PF INFORMATIVA N. 180 18 GIUGNO 2015 DICHIARAZIONI I CONTRIBUTI CIPAG E IL MOD. UNICO 2015 PF DPCM 9.6.2015 Istruzioni mod. UNICO 2015 PF Documento esplicativo CIPAG 28.5.2015 Come noto i soggetti esercenti

Dettagli

CONTRIBUENTI MININI E SUPERMINIMI

CONTRIBUENTI MININI E SUPERMINIMI FONDAZIONE DOTTORI COMMERCIALISTI SICILIA CONTRIBUENTI MININI E SUPERMINIMI Art. 27, commi 1, 2 e 3, D.L. 6 luglio 2011, n.98 Enrico Licciardello Catania 9 febbraio 2012 Dottore Commercialista AGA Hotel

Dettagli

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. Nuovo regime forfettario: calcoli di convenienza. (DDL Legge di stabilità 2015)

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. Nuovo regime forfettario: calcoli di convenienza. (DDL Legge di stabilità 2015) News per i Clienti dello studio del 19 Dicembre 2014 Ai gentili clienti Loro sedi Nuovo regime forfettario: calcoli di convenienza (DDL Legge di stabilità 2015) La legge di stabilità per il 2015, in materia

Dettagli

L adesione al Regime dei Contribuenti Minimi dal 2010 e la rettifica della detrazione Iva

L adesione al Regime dei Contribuenti Minimi dal 2010 e la rettifica della detrazione Iva Numero 32/2010 Pagina 1 di 10 L adesione al Regime dei Contribuenti Minimi dal 2010 e la rettifica della detrazione Iva Numero : 32/2010 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : ADEMPIMENTI REGIME FISCALE DEI

Dettagli

QUADRO RN CALCOLO DELL IRPEF

QUADRO RN CALCOLO DELL IRPEF QUADRO RN CALCOLO DELL IRPEF ASPETTI GENERALI La struttura del Quadro discende dallo schema normativo di determinazione dell imposta a debito o a credito, così determinato: Reddito complessivo (meno) Deduzione

Dettagli

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI.

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. REGIMI CONTABILI ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. 1 REGIME ORDINARIO 2 REGIME SEMPLIFICATO

Dettagli

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE CONFCOMMERCIO MILANO PER GLI ASPIRANTI IMPRENDITORI E LE NEO IMPRESE A cura di Direzione servizi tributari dott.ssa Federica Sottotetti IMPOSTE SUI REDDITI

Dettagli

Psicologo e libera professione

Psicologo e libera professione Psicologo e libera professione aspetti amministrativi, fiscali, previdenziali 04/12/08 a cura del dott. Andrea Tamanini Lavoro autonomo Definizione Modalità di svolgimento dell attività Adempimenti iniziali

Dettagli

Il caso della settimana

Il caso della settimana N. 22 A.L Servizi s.r.l. Via Bergamo n. 25 24035 Curno (Bg) P.Iva e C.F. 03252150168 Giugno 11.06.2010 Tel. 035.4376262 - Fax 035.62.22.226 E-mail:info@alservizi.it Reg.Imprese di Bergamo n. REA 362371

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DEL PROSPETTO DI LIQUIDAZIONE DATI IDENTIFICATIVI Sono riportati il codice fiscale, il cognome e il nome o la denominazione del sostituto d'imposta o del CAF o del professionista abilitato

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Nuovi minimi, le istruzioni del Provvedimento attuativo

Nuovi minimi, le istruzioni del Provvedimento attuativo Numero 8/2012 Pagina 1 di 7 Nuovi minimi, le istruzioni del Provvedimento attuativo Numero : 8/2012 Gruppo : AGEVOLAZIONI Oggetto : REGIME DI VANTAGGIO PER L IMPRENDITORIA GIOVANILE E LAVORATORI IN MOBILITÀ

Dettagli

Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF

Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 CATEGORIE DI REDDITO DETERMINAZIONE DEL REDDITO SCADENZA COME SI COMPILA CASI PRATICI CASI PARTICOLARI Il Quadro RN è utilizzato ai fini del calcolo

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE

IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE INFORMATIVA N. 088 02 APRILE 2013 IVA IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE Artt. 30 e 38-bis, DPR n. 633/72 Provvedimento Agenzia Entrate 20.3.2012 I soggetti in possesso di specifici requisiti possono

Dettagli

N. 33 FISCAL NEWS. 20.01.2012 Il regime degli ex minimi. Premessa. La circolare di aggiornamento professionale

N. 33 FISCAL NEWS. 20.01.2012 Il regime degli ex minimi. Premessa. La circolare di aggiornamento professionale a cura di Antonio Gigliotti www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info N. 33 FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 20.01.2012 Il regime degli ex minimi Categoria Sottocategoria Regimi

Dettagli

VADEMECUM PER L APPLICAZIONE DEL NUOVO REGIME DEI MINIMI

VADEMECUM PER L APPLICAZIONE DEL NUOVO REGIME DEI MINIMI VADEMECUM PER L APPLICAZIONE DEL NUOVO REGIME DEI MINIMI L art. 27 del D.L. 98/2011 ha apportato notevoli modifiche al regime dei minimi già in vigore, previsto dalla Legge n. 244/2007. Caratteristiche

Dettagli

TEST D ACCESSO PER I REGIMI AGEVOLATI

TEST D ACCESSO PER I REGIMI AGEVOLATI TEST D ACCESSO PER I REGIMI AGEVOLATI ART. 1 C. 96 E SEGG. L. 244/2007; ART. 27, DL 98/2011; PROVV. ENTRATE DEL22/12/2011; CM N. 17 DEL 30/5/2012; ART. 13, L. 388/2000 Sintesi: si riepilogano le principali

Dettagli

LA DEDUCIBILITÀ DELL IRAP PER IL 2012

LA DEDUCIBILITÀ DELL IRAP PER IL 2012 INFORMATIVA N. 082 26 MARZO 2013 IMPOSTE DIRETTE LA DEDUCIBILITÀ DELL IRAP PER IL Art. 6, DL n. 185/2008 Art. 2, comma 1, DL n. 201/2011 Istruzioni mod. UNICO 2013 Nel mod. UNICO 2013 le imprese / lavoratori

Dettagli

Le novità normative introdotte restringono notevolmente la platea dei soggetti che potranno continuare ad applicare l attuale regime dei minimi.

Le novità normative introdotte restringono notevolmente la platea dei soggetti che potranno continuare ad applicare l attuale regime dei minimi. IL REGIME DEI MINIMI CAMBIA VOLTO (DAL 2012) La c.d. Manovra correttiva ha modificato il regime dei minimi che dal 2012 risulterà applicabile, al sussistere di specifiche condizioni, esclusivamente dalle

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 07/06/2013

Direzione Centrale Entrate. Roma, 07/06/2013 Direzione Centrale Entrate Roma, 07/06/2013 Circolare n. 88 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

IL NUOVO REGIME DEI MINIMI - LA CIRCOLARE MINISTERIALE

IL NUOVO REGIME DEI MINIMI - LA CIRCOLARE MINISTERIALE IL NUOVO REGIME DEI MINIMI - LA CIRCOLARE MINISTERIALE A pochi giorni dalla definitiva conversione in legge della Finanziaria 2008, l Agenzia delle Entrate ha pubblicato la Circolare n. 73/E del 21.12.2007

Dettagli

Attività di impresa e lavoro autonomo: i regimi fiscali adottabili nel 2016

Attività di impresa e lavoro autonomo: i regimi fiscali adottabili nel 2016 riferimento: i) ai soggetti che iniziano l attività nel 2016; ii) ai soggetti già in attività nel 2015 in relazione alle scelte per il 2016. Attività di impresa e lavoro autonomo: i regimi fiscali adottabili

Dettagli

Regime contabile: ordinario o semplificato

Regime contabile: ordinario o semplificato Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 02 20.01.2014 Regime contabile: ordinario o semplificato A cura di Devis Nucibella Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione

Dettagli

genzia ntrate UNICO Società di persone

genzia ntrate UNICO Società di persone genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Società di persone INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO SOCIETÀ DI PERSONE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

genzia ntrate BOZZA Internet 22/01/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche

genzia ntrate BOZZA Internet 22/01/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche 2015 INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO PERSONE FISICHE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

IL REGIME DEI NUOVI MINIMI regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità

IL REGIME DEI NUOVI MINIMI regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità IL REGIME DEI NUOVI MINIMI regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità A cura del Dott. Michele Avesani A partire dal 1 gennaio 2012 è entrato in vigore il regime

Dettagli

Diritto Tributario. Anno 2012 Diritto del Lavoro

Diritto Tributario. Anno 2012 Diritto del Lavoro Anno 2012 Diritto del Lavoro - Premesso il concetto di assicurazione sociale, il candidato illustri i principali adempimenti del datore di lavoro nei confronti di I.N.P.S. ed I.N.A.I.L., sia all inizio

Dettagli

Circolare informativa n.1/2015

Circolare informativa n.1/2015 Dott. Giuseppina Sica D o t t o r e C o m m e r c i a l i s t a A l b o u n i c o A V n. 6 2 7 R e v i s o r e d e i C o n t i n. 1 3 6. 6 9 2 C o n s u l e n t e T e c n i c o t r i b u n a l e A V n.

Dettagli

genzia ntrate UNICO Persone fisiche

genzia ntrate UNICO Persone fisiche genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Persone fisiche INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO PERSONE FISICHE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

QUADRO RG REDDITO D IMPRESA IN REGIME DI CONTABILITÀ SEMPLIFICATA E REGIMI FORFETARI

QUADRO RG REDDITO D IMPRESA IN REGIME DI CONTABILITÀ SEMPLIFICATA E REGIMI FORFETARI QUADRO RG REDDITO D IMPRESA IN REGIME DI CONTABILITÀ SEMPLIFICATA E REGIMI FORFETARI ASPETTI GENERALI Sono tenuti alla compilazione del Quadro RG gli enti non commerciali residenti e non residenti con

Dettagli

UNICO 2013 : REDDITI DA LAVORO AUTONOMO E QUADRO RE

UNICO 2013 : REDDITI DA LAVORO AUTONOMO E QUADRO RE UNICO 2013 : REDDITI DA LAVORO AUTONOMO E QUADRO RE COMPILAZIONE DEL Premessa generale Nel quadro RE vanno indicati i redditi da lavoro autonomo derivanti dall'esercizio di arti e professioni in base a

Dettagli

Il modello Unico 2013 Rapporti tra Imu e Irpef

Il modello Unico 2013 Rapporti tra Imu e Irpef Il modello Unico 2013 Rapporti tra Imu e Irpef Novità ed esempi di compilazione Giorgio Gavelli Maggio 2013 Premessa Dal 2012 l Imu sostituisce l Ici per la componente immobiliare, l Irpef e le addizionali

Dettagli

Le novità del modello 730/2012 e del modello Unico Persone fisiche 2012 (fascicolo 1) Roma, 9 marzo 2012

Le novità del modello 730/2012 e del modello Unico Persone fisiche 2012 (fascicolo 1) Roma, 9 marzo 2012 Le novità del modello 730/2012 e del modello Unico Persone fisiche 2012 (fascicolo 1) Roma, 9 marzo 2012 Le principali novità di quest anno Cedolare secca sulle locazioni Immobili di interesse storico-artistico

Dettagli

Dentro la Notizia. 28 Giugno 2013

Dentro la Notizia. 28 Giugno 2013 Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli A CURA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE DEL CPO DI NAPOLI Dentro la Notizia 90/2013 GIUGNO/14/2013 (*) 28 Giugno 2013 NELLA COMPILAZIONE DEL MODELLO

Dettagli

QUADRO RS - Prospetti vari

QUADRO RS - Prospetti vari QUADRO - Prospetti vari Il presente quadro rappresenta un completamento del quadro RF; esso raggruppa, infatti, una serie di prospetti che risultano complementari ai dati relativi al reddito in esso indicati.

Dettagli

LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC

LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC INFORMATIVA N. 081 25 MARZO 2013 DICHIARAZIONI LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC Istruzioni mod. UNICO 2013 SC Nel mod. UNICO 2013 SC sono presenti alcune novità connesse con l operatività di una serie

Dettagli

La convenienza ad esercitare l opzione Irap per i soggetti Irpef

La convenienza ad esercitare l opzione Irap per i soggetti Irpef Focus di pratica professionale di Sandro Cerato e Michele Bana La convenienza ad esercitare l opzione Irap per i soggetti Irpef Premessa Il D.Lgs. n.446/97 distingue i criteri di determinazione della base

Dettagli

Il nuovo regime forfetario: cambiano le agevolazioni per la. tassazione e la previdenza di imprese e professionisti

Il nuovo regime forfetario: cambiano le agevolazioni per la. tassazione e la previdenza di imprese e professionisti Il nuovo regime forfetario: cambiano le agevolazioni per la tassazione e la previdenza di imprese e professionisti RIFERIMENTI: Art. 1, commi da 54 a 89, l. 23 dicembre 2014, n. 190 Disposizioni per la

Dettagli

Modello UNICO SOCIETA DI CAPITALI: modalità di compilazione del quadro TN

Modello UNICO SOCIETA DI CAPITALI: modalità di compilazione del quadro TN Stampa Modello UNICO SOCIETA DI CAPITALI: modalità di compilazione del quadro TN admin in Quadro normativo - L art. 115, co. 1, del D.P.R. 917/1986 é relativo all opzione per il regime della trasparenza

Dettagli

UNICO 02 FASCICOLO 2 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 3. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE

UNICO 02 FASCICOLO 2 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 3. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 3 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 03 FASCICOLO 3 01 FASCICOLO 1 02 FASCICOLO 2 MODELLO GRATUITO INDICE UNICO 2015 Persone fisiche

Dettagli

FINANZIARIA 2008 CONTRIBUENTI MINIMI

FINANZIARIA 2008 CONTRIBUENTI MINIMI Numero 1 Anno 2008 gennaio/2 FINANZIARIA 2008 CONTRIBUENTI MINIMI La Finanziaria 2008 ha introdotto un nuovo regime fiscale destinato alle persone fisiche esercenti attività d impresa, arti o professioni

Dettagli

LAVORO AUTONOMO O DIPENDENTE? Studio Laganà - Corbetta & Associati

LAVORO AUTONOMO O DIPENDENTE? Studio Laganà - Corbetta & Associati LAVORO AUTONOMO O DIPENDENTE? Studio Laganà - Corbetta & Associati IL LAVORO AUTONOMO Art. 53 TUIR l esercizio per professione abituale ancorchè non esclusiva della attività artistiche, intellettuali e

Dettagli

CODICE FISCALE. REDDITI QUADRO RN Determinazione dell IRPEF QUADRO RV Addizionale regionale e comunale all IRPEF QUADRO CS Contributo di solidarietà

CODICE FISCALE. REDDITI QUADRO RN Determinazione dell IRPEF QUADRO RV Addizionale regionale e comunale all IRPEF QUADRO CS Contributo di solidarietà ORIGINALE CODICE FISCALE PERIODO D IMPOSTA 0 QUADRO RN IRPEF PERSONE FISICHE 0 genzia ntrate REDDITI QUADRO RN Determinazione dell IRPEF QUADRO RV Addizionale regionale e comunale all IRPEF QUADRO CS Contributo

Dettagli

I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI

I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI I regimi contabili e fiscali per imprese e professionisti Regime ordinario artt. 14-16 DPR 600/73 Regime semplificato art. 18 DPR 600/73 Regime

Dettagli

UNICO. Persone Fisiche 2016. Fascicolo 3. Periodo d imposta 2015 FASCICOLO 3 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE FASCICOLO 1 FASCICOLO 2 MODELLO GRATUITO

UNICO. Persone Fisiche 2016. Fascicolo 3. Periodo d imposta 2015 FASCICOLO 3 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE FASCICOLO 1 FASCICOLO 2 MODELLO GRATUITO UNICO Persone Fisiche 2016 Fascicolo 3 Periodo d imposta 2015 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE FASCICOLO 3 Istruzioni comuni ai quadri RE - RF - RG - RD - RS Novità della disciplina del reddito d impresa

Dettagli

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO IL MODELLO 730-3: La STRUTTURA e i DATI IDENTIFICATIVI. Le sezioni del prospetto di liquidazione 730-3 Il risultato dell elaborazione dei dati esposti nel modello

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme indicate nei riferimenti normativi. Dispone

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme indicate nei riferimenti normativi. Dispone N. 185820 /2011 Modalità di applicazione del regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità - disposizioni di attuazione dell'articolo 27, commi 1 e 2, del D.L. 6 luglio

Dettagli

STUDIO ACCARDI ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE TRA NUOVO REGIME DEI MINIMI

STUDIO ACCARDI ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE TRA NUOVO REGIME DEI MINIMI ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE TRA DOTT. MARIO ACCARDI E DOTT. CHIARA ACCARDI DOTTORI COMMERCIALISTI DOTT. MARIO ACCARDI DOTT. CHIARA ACCARDI DOTT. SANDRO SPATA DOTTORE COMMERCIALISTA NUOVO REGIME DEI MINIMI

Dettagli

LA LIBERA PROFESSIONE

LA LIBERA PROFESSIONE LA LIBERA PROFESSIONE PRINCIPI DELLE RILEVAZIONI CONTABILI La determinazione del reddito di professionisti ed artisti avviene in modo analitico. Nel regime analitico il reddito è costituito dalla differenza

Dettagli

START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI

START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI 1 APERTURA PARTITA I.V.A. Lo psicologo che svolge in modo abituale e senza vincolo di subordinazione la propria

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

REGIME DEI MINIMI O SUPERMINIMI

REGIME DEI MINIMI O SUPERMINIMI REGIME DEI MINIMI O SUPERMINIMI Il regime dei contribuenti minimi (dal 2012 denominato superminimi) è riservato alle persone fisiche residenti nel territorio dello Stato che svolgono attività di impresa,

Dettagli

Attività di impresa e lavoro autonomo: i regimi fiscali adottabili nel 2016

Attività di impresa e lavoro autonomo: i regimi fiscali adottabili nel 2016 Studio FAZIO ANNA (rag. Commercialista revisore contabile) Telefono: 0574 23889 Via Matilde Serao 29 - PRATO Ai gentili clienti Loro sedi Attività di impresa e lavoro autonomo: i regimi fiscali adottabili

Dettagli

Istruzioni Quadro G. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA 2014

Istruzioni Quadro G. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro G Il contribuente, per la compilazione di questo

Dettagli

I REDDITI DI LAVORO AUTONOMO

I REDDITI DI LAVORO AUTONOMO Torino, 06 maggio 2014 I REDDITI DI LAVORO AUTONOMO Dott. Gustavo Desana DEFINIZIONE CIVILISTICA Il lavoro autonomo civilisticamente ricade nella categoria dei contratti d opera. L art. 2222 C.c. definisce

Dettagli

CODICE FISCALE. REDDITI QUADRO RN Determinazione dell IRPEF QUADRO RV Addizionale regionale e comunale all IRPEF QUADRO CS Contributo di solidarietà

CODICE FISCALE. REDDITI QUADRO RN Determinazione dell IRPEF QUADRO RV Addizionale regionale e comunale all IRPEF QUADRO CS Contributo di solidarietà MODELLO GRATUITO QUADRO RN IRPEF Data: 9/0/0 - Ore: 00::0 - Utente: RCAMRC8S07F89D Soggetto: MARCO RACE ( RCAMRC8S07F89D ) Identificativo dichiarazione: 0880-000000 del 9/9/0 PERIODO D IMPOSTA 0 CODICE

Dettagli

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " NOVITA " FISCO I contribuenti che possiedono redditi di lavoro dipendente,

Dettagli

Studio Paolo Simoni. Dottori Commercialisti Associati. Bologna, 14/04/2015. Ai Signori Clienti Loro Indirizzi -----------------------

Studio Paolo Simoni. Dottori Commercialisti Associati. Bologna, 14/04/2015. Ai Signori Clienti Loro Indirizzi ----------------------- Dott. Paolo Simoni Dott. Grazia Marchesini Dott. Alberto Ferrari Dott. Federica Simoni Rag. Lidia Gandolfi Dott. Francesco Ferrari Dott. Enrico Ferra Dott. Agostino Mazziotti Bologna, 14/04/2015 Ai Signori

Dettagli

FISCALITA PER IL GIOVANE MEDICO

FISCALITA PER IL GIOVANE MEDICO FISCALITA PER IL GIOVANE MEDICO INTRODUZIONE Il Medico o l Odontoiatra che intende esercitare la libera professione è tenuto ad osservare gli adempimenti fiscali previsti per legge: denuncia di inizio

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DEL PROSPETTO DI LIQUIDAZIONE DATI IDENTIFICATIVI Sono riportati il codice fiscale, il cognome e il nome o la denominazione del sostituto d'imposta o del CAF o del professionista abilitato

Dettagli

DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI. 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare

DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI. 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI ALTRI INTERESSI SU IMMOBILI PATRIMONIO SU VEICOLI A MOTORE SOGGETTI IRPEF SOGGETTI IRES BANCHE ASSICURAZIONI

Dettagli

IL NUOVO REGIME DEI MINIMI DAL 2012

IL NUOVO REGIME DEI MINIMI DAL 2012 Dott.ssa Maria Rebecchi (Commissione Imposte dirette Odcec Modena) IL NUOVO REGIME DEI MINIMI DAL 2012 Il D.L.98/2011, meglio noto come Manovra Correttiva, ha delineato le nuove norme che a partire dal

Dettagli

Novità della Legge di Stabilità 2015: i nuovi minimi

Novità della Legge di Stabilità 2015: i nuovi minimi MAP Novità della Legge di Stabilità 2015: i nuovi minimi A cura di Piercarlo Bausola Dottore Commercialista in Torino La Legge di Stabilità per il 2015 (L. 23/12/2014, n. 190), pubblicata sulla Gazzetta

Dettagli

Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Dentro la Notizia 14/2013 GENNAIO/14/2013 (*)

Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Dentro la Notizia 14/2013 GENNAIO/14/2013 (*) Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli A CURA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE DEL CPO DI NAPOLI Dentro la Notizia 14/2013 GENNAIO/14/2013 (*) 31 Gennaio 2013 LA RIDUZIONE DELLA DEDUCIBILITÀ

Dettagli

Deducibilità dei canoni di leasing

Deducibilità dei canoni di leasing Circolare Monografica 11 giugno 2014 n. 1989 DICHIARAZIONI Deducibilità dei canoni di leasing Modifiche normative e gestione in UNICO 2014 di Marianna Annicchiarico, Giuseppe Mercurio La Legge 27 dicembre

Dettagli

ART. 164 DEL T.U.I.R.

ART. 164 DEL T.U.I.R. API NOTIZIE N. 16 DEL 07/09/2012 OGGETTO: LA NUOVA DEDUCIBILITÁ DEI COSTI DELLE AUTO AZIENDALI DAL 2013 Riferimenti: Legge 92/2012 Riforma del Lavoro (Legge Fornero) art. 4 commi 72 e 73. La Riforma del

Dettagli

Informativa per il professionista

Informativa per il professionista Informativa per il professionista Informativa n. 1 del 30 gennaio 2012 Nuova disciplina dei contribuenti minimi - Art. 27 del DL 6.7.2011 n. 98 convertito nella L. 15.7.2011 n. 111 e provvedimenti dell

Dettagli

FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO

FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO SCHEMA DI SINTESI - DISCIPLINA DAL 2007 TRATTAMENTO FISCALE LIMITI DI IMPORTO VEICOLI A MOTORE ALTRI VEICOLI AMMORTAMENTO PARTICOLARITÀ PER AGENTI DI COMMERCIO DISCIPLINA

Dettagli

20133 Milano Viale Campania n. 33 Tel 02 718992 Fax 02719118 info@studiofa.it www.studiofa.it Fortarezza & Associati

20133 Milano Viale Campania n. 33 Tel 02 718992 Fax 02719118 info@studiofa.it www.studiofa.it Fortarezza & Associati 20133 Milano Viale Campania n. 33 Tel 02 718992 Fax 02719118 info@studiofa.it FINANZIARIA 2008 IL NUOVO REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI Dott. Davide Toscano Technical meeting del 31/01/2008 1 La legge n.

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 158 del 12 vembre 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Bozza Legge di Stabilità 2016. Regime forfettario e regimi agevolati: cosa ci aspetta nel 2016? Gentile cliente, con

Dettagli

Vito Dulcamare. REGIME FORFETARIO - legge 23 dicembre 2014, n. 190, co 54/89 -

Vito Dulcamare. REGIME FORFETARIO - legge 23 dicembre 2014, n. 190, co 54/89 - Vito Dulcamare REGIME FORFETARIO - legge 23 dicembre 2014, n. 190, co 54/89-5 febbraio 2015 1 LEGGE DELEGA PER LA RIFORMA DEL FISCO Legge 11 marzo 2014, n. 23 Delega al Governo recante disposizioni per

Dettagli

Focus di pratica professionale di Fabio Colombo. Il quadro RX della dichiarazione dei redditi

Focus di pratica professionale di Fabio Colombo. Il quadro RX della dichiarazione dei redditi Focus di pratica professionale di Fabio Colombo Il quadro RX della dichiarazione dei redditi Il quadro RX della dichiarazione dei redditi espone i crediti relativi alla liquidazione delle imposte in essa

Dettagli

MODELLO UNICO 2001. a intermediari autorizzati (professionisti, associazioni di categoria, CAF, altri soggetti abilitati);

MODELLO UNICO 2001. a intermediari autorizzati (professionisti, associazioni di categoria, CAF, altri soggetti abilitati); MODELLO UNICO 2001 Sono obbligati a presentare la dichiarazione in forma unificata UNICO 2001 i contribuenti tenuti alla presentazione di almeno due delle seguenti dichiarazioni: Redditi; IVA; IRAP. A

Dettagli

Le verifiche per i contribuenti minimi

Le verifiche per i contribuenti minimi Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 14 16.01.2014 Le verifiche per i contribuenti minimi Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi A decorrere dal 2012, l art.

Dettagli

Le novità dei modello UNICO 2013. DC SAC Modulistica Agenzia delle entrate

Le novità dei modello UNICO 2013. DC SAC Modulistica Agenzia delle entrate Le novità dei modello UNICO 2013 DC SAC Modulistica Agenzia delle entrate Le novità del modello UNICO 2013 Persone fisiche Fascicolo 1 ARGOMENTI PRINCIPALI Tra le principali novità del modello Unico PF

Dettagli

Regime fiscale semplificato per i contribuenti minimi Articolo 1, commi da 96 a 117, della legge finanziaria per il 2008.

Regime fiscale semplificato per i contribuenti minimi Articolo 1, commi da 96 a 117, della legge finanziaria per il 2008. Regime fiscale semplificato per i contribuenti minimi Articolo 1, commi da 96 a 117, della legge finanziaria per il 2008. Il nuovo regime fiscale semplificato, previsto per i contribuenti minimi è stato

Dettagli

REGIME DEI MINIMI: LE RISPOSTE DELL AGENZIA

REGIME DEI MINIMI: LE RISPOSTE DELL AGENZIA APPROFONDIMENTI 12 febbraio 2008 Copyright 2000-2006 Wolters Kluwer Italia. Riproduzione Vietata. REGIME DEI MINIMI: LE RISPOSTE DELL AGENZIA di Annibale Dodero tratto da IPSOA, Corriere Tributario, n.

Dettagli