PROGETTAZIONE STATISTICA DELL'INNOVAZIONE 'CONTINUA' DI PRODOTTO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTAZIONE STATISTICA DELL'INNOVAZIONE 'CONTINUA' DI PRODOTTO"

Transcript

1 PROGETTAZIONE STATISTICA DELL'INNOVAZIONE 'CONTINUA' DI PRODOTTO La collaborazione tra il sistema della ricerca pubblica e le imprese per l innovazione: efficacia, modalità e finanziamenti Maria Gabriella Gualandi Bologna, 15 febbraio 2007

2 Agenda La ricerca in impresa La collaborazione con le strutture di ricerca pubbliche I finanziamenti per le imprese nella collaborazione con le strutture di ricerca

3 La Ricerca in impresa: modalità Ricerca con risorse interne Ricerca in collaborazione con soggetti terzi - Altre aziende - Società di consulenza - Laboratori autorizzati MIUR - Strutture pubbliche di ricerca

4 Forme di collaborazione Ricerca e Imprese FORME DI COLLABORAZIONE ACCESSO A STRUMENTAZIONI E LABORATORI RICERCA COMMISSIONATA ATTIVITA' DI RICERCA RICERCA IN COLLABORAZIONE VALORIZZAZIONE RISULTATI DELLA RICERCA FORMAZIONE RICERCATORI ASSEGNI DI RICERCA BORSE DI STUDIO DOTTORATO DI RICERCA MASTER TESI DI LAUREA FORMAZIONE RICERCATORI E TECNICI DI RICERCA NEL SISTEMA INDUSTRIALE RICERCATORI IN MOBILITA' GIOVANI RICERCATORI MOBILITA' RICERCATORI ESPERTI AZIENDA ASSUNZIONE PERSONALE DI RICERCA CREAZIONE IMPRESA SPIN OFF

5 Attività di ricerca: ACCESSO A STRUMENTAZIONI E LABORATORI Necessità dell impresa di particolari prestazioni tecnico-scientifiche (analisi, prove e tarature) Accesso a strumentazioni e laboratori universitari e degli Enti Pubblici di Ricerca

6 Attività di ricerca: RICERCA COMMISSIONATA L'impresa può realizzare commesse esterne di ricerca, stipulando contratti di ricerca con Università o Enti Pubblici di Ricerca Attraverso tali contratti, l azienda può affidare esternamente: attività di ricerca industriale studi e ricerche sui processi produttivi attività applicative prove e test sperimentali la formulazione di pareri tecnici o scientifici

7 Attività di ricerca: RICERCA IN COLLABORAZIONE Le imprese possono svolgere attività di ricerca in collaborazione con Università o Enti Pubblici di Ricerca su aree tematiche di interesse comune per intraprendere iniziative finalizzate ad un miglioramento delle rispettive competenze. L'attività di ricerca può prevedere l'utilizzo delle attrezzature, degli impianti e delle esperienze di entrambe i contraenti allo scopo di promuovere una sinergia tra la cultura accademica e le esperienze professionali delle aziende. In particolare le aziende possono collaborare partecipando congiuntamente a progetti comunitari, nazionali e regionali di ricerca.

8 Attività di ricerca: I BREVETTI > CHE COS È? Le Università e gli Enti Pubblici di Ricerca possono: cedere alle imprese, con contratto a titolo oneroso, i risultati di ricerche effettuate in ambito pubblico oppure concedere il diritto di brevettare e/o lo sfruttamento dei propri brevetti attraverso licenze, esclusive e non esclusive, di sfruttamento dei propri brevetti > AZIENDA: COME FARE L'impresa che voglia acquistare un brevetto o voglia sfruttare commercialmente un brevetto ottenuto da una Università o un Ente Pubblico di Ricerca deve rivolgersi agli uffici competenti allo scopo di concludere un contratto di cessione/licenza con l'ente Pubblico. La ricerca svolta da Università e Enti Pubblici di Ricerca può essere ceduta alle imprese sulla base di delibere degli organi collegiali delle strutture all'interno delle quali la ricerca si è svolta

9 Forme di collaborazione: FORMAZIONE DEI RICERCATORI Imprese, Università ed Enti Pubblici di Ricerca possono collaborare per la formazione di giovani ricercatori che lavorino su progetti di ricerca di proprio interesse. In particolare, l'azienda può: concordare con le Università lo svolgimento di tesi di laurea in azienda, sulla base di un progetto comune da svolgere all'interno e a vantaggio dell'impresa finanziare borse di studio destinate a laureandi o laureati, che abbiano per oggetto una tematica di proprio interesse, concordando con la struttura di ricerca in particolare le modalità, la durata e l'importo sostenere i costi di borse di dottorato di ricerca, al fine di formare personale altamente qualificato che porti avanti temi di ricerca di proprio interesse concordati con l'università; richiedere l'attivazione di assegni di ricerca concordando con gli Enti l'oggetto della ricerca e assumendosi gli oneri finanziari cofinanziare Corsi di perfezionamento post laurea, stipulando una apposita convenzione con l'ateneo sulla base della quale si impegna a finanziare un numero determinato di borse di studio o ad accogliere in stage i partecipanti al Master formare/aggiornare i propri dipendenti addetti alla ricerca attraverso la collaborazione con le strutture di ricerca

10 Forme di collaborazione: RICERCATORI IN AZIENDA Il Sistema Pubblico della Ricerca rappresenta un bacino di competenze di alto livello che possono essere messe a disposizione delle imprese L'impresa può: ospitare all'interno della propria struttura giovani laureati o laureandi, per un periodo di tempo determinato, in modo da promuovere una mobilità di giovani dal sistema universitario verso il mondo produttivo, sia all'interno del territorio nazionale sia a livello internazionale (borse Marie Curie Tirocinio curriculare e formativo/di orientamento) inserire nel proprio organico, per un periodo di tempo determinato, ricercatori esperti provenienti da Università ed Enti Pubblici di Ricerca, avendo così l'opportunità di arricchire lo staff con competenze altamente qualificate assumere ricercatori che abbiano maturato esperienze di ricerca durante il percorso formativo sia universitario che post universitario e che abbiano le conoscenze più idonee rispetto alle esigenze aziendali

11 Forme di collaborazione: CREAZIONE D IMPRESA La creazione di una nuova impresa può essere determinata da una comune volontà di una o più aziende già presenti sul mercato e di ricercatori e docenti appartenenti al mondo accademico o dipendenti da Enti Pubblici di Ricerca. Lo Spin off, rappresenta una opportunità per integrare competenze diverse, al fine di condividere i rischi ed i vantaggi legati all'attività della nuova impresa. Le Università e gli Enti Pubblici di Ricerca mettono a disposizione, inoltre, strutture di sostegno alla nascita e allo sviluppo di nuove imprese. Un azienda, normalmente uno spin off o uno start up nato per volontà di giovani ricercatori in uscita dal mondo universitario, possono avvalersi degli incubatori che garantiscono, oltre alle strutture logistiche, anche servizi di supporto.

12 Finanziamenti per la collaborazione Ricerca-Imprese COLLABORAZIONE FINANZIAMENTI DIRETTI: SULLA SINGOLA FORMA DI COLLABORAZIONE INDIRETTI: SUL PROGETTO NEL SUO COMPLESSO

13 Mappa delle opportunità di finanziamento Fabbisogni Ricerca commissionata Ricerca in collaborazione Formazione ricercatori Ricercatori in azienda Nuova impresa Finanziamenti regionali PRRIITT Misura 3.1A PRRIITT Misura 3.1A Finanziamenti nazionali Art. 14 DM 593/00 (contratti) Artt. 5,6,7 DM 593/00 L. 46/82 (FIT) PRRIITT Misura 3.4 Artt. 5,6,7 DM 593/00 L. 46/82 (FIT) Art. 8 DM 593/00 Art. 14 DM 593/00 (contratti) Art. 14 DM 593/00 (dottorato) Art. 14 DM 593/00 (contratti) Art. 15 DM 593/00 (distacco) PRRIITT Misura 3.2B Art. 11 DM 593/00 (assunzione) Finanziamenti UE VII PQ di RST SME VII PQ di RST COOPERATION VII PQ di RST PEOPLE VII PQ di RST PEOPLE

14 Alcune linee di finanziamento che sostengono la collaborazione ricerca - imprese FINANZIAMENTI REGIONALI: PRRIITT MISURA 3.1 A Progetti di ricerca industriale e sviluppo precompetitivo FINANZIAMENTI NAZIONALI: ART 14 DM 593/2000 Agevolazioni per assunzione di qualificato personale di ricerca, borse di dottorato e assegni di ricerca, specifiche commesse esterne di ricerca e contratti di ricerca FINANZIAMENTI COMUNITARI: IL VII PQ di RST

15 FINANZIAMENTI REGIONALI

16 PRRIITT Programma Regionale per la Ricerca Industriale e il Trasferimento Tecnologico MISURA Azioni per lo sviluppo del sistema produttivo regionale verso la ricerca industriale strategica (LR 7/02 art. 4 commi 1 e 2) MISURA 3.2 Generazione di nuove attività imprenditoriali e professionali ad alto contenuto tecnologico (LR 7/02 art. 4 comma 2 lettera a e b) MISURA 3.3 Azioni per il trasferimento di conoscenze e competenze tecnologiche (LR 7/02 art. 5) MISURA 3.4 Sviluppo di rete (LR 7/02 art. 6 commi 1, 2 e 3 art. 11)

17 PRRIITT Programma Regionale per la Ricerca Industriale e il Trasferimento Tecnologico MISURA Azioni per lo sviluppo del sistema produttivo regionale verso la ricerca industriale strategica (LR 7/02 art. 4 commi 1 e 2): 3.1. Azione A Progetti di ricerca industriale e di sviluppo precompetitivo 3.1 Azione B Sviluppo di laboratori industriali Beneficiari: sistema produttivo della Regione Emilia-Romagna

18 PRRIITT Misura 3.1 A Obiettivi: - stimolare le attività di ricerca e di sviluppo precompetitivo delle imprese regionali, in ambiti tecnologici prioritari per il rafforzamento del sistema produttivo regionale - favorire la creazione di nuova occupazione nel settore della ricerca industriale - rafforzare i rapporti tra imprese e Università ed enti di ricerca, sostenendo forme di collaborazione volte al trasferimento di conoscenze - stimolare l adozione di forme di tutela della proprietà intellettuale e dei risultati della ricerca da parte delle imprese regionali

19 PRRIITT Misura 3.1 A Beneficiari: - imprese singole (PMI e GI) di qualsiasi settore (NO imprese agricole, credito e assicurazioni) - consorzi e società consortili tra soggetti di cui sopra (i consorzi e le società consortili possono avere componenti extraregionali in misura non maggioritaria, fermo restando che devono avere sede in Emilia-Romagna e realizzare il progetto nel territorio regionale) - associazioni temporanee tra imprese già costituite o da costituirsi entro 60 giorni dalla data di comunicazione dell approvazione del progetto da parte della Regione (Alle associazioni temporanee possono partecipare anche soggetti non regionali; tali soggetti non potranno ricevere il cofinanziamento regionale) Le imprese che presentano domanda devono avere sede operativa e realizzare il Progetto sul territorio regionale

20 PRRIITT Misura 3.1 A Costi ammissibili: Tipologia costi RI % SP % 1. Nuovo personale in possesso di diploma universitario, o titolo superiore, conseguito da non oltre cinque anni, da assegnare ad attività di ricerca, assunto successivamente alla data di presentazione della domanda e dedicato prevalentemente alla realizzazione delle attività previste dal progetto. Sono considerati ammissibili anche contratti a progetto o contratti di assunzione a tempo determinato per l intera durata del progetto 2. Contratti di collaborazione con Università ed enti di ricerca che prevedano il distacco temporaneo di ricercatori o consulenze di ricerca continuative definibili in termini di giornate di prestazione, per un numero minimo di 30 giorni o per importi equivalenti, inclusi assegni di ricerca o borse di dottorato 3. Utilizzo di laboratori e strumenti delle Università e degli enti di ricerca, prestazioni di laboratori accreditati dal MIUR, laboratori di ricerca industriale e trasferimento tecnologico, centri per l innovazione Consulenze specialistiche non rientranti nella cat. 2 e collaborazione professionale con società o singoli professionisti 50 50

21 PRRIITT Misura 3.1 A Costi ammissibili: Tipologia costi RI % SP % 5. Attrezzature anche informatiche, software specifico necessario alla realizzazione del progetto, limitatamente alla quota di ammortamento o al costo della locazione per la durata del progetto, in proporzione all uso effettivo delle attrezzature per un valore non superiore al 30% del costo totale del progetto 6. Personale interno assegnato ad attività di ricerca (ricercatori, tecnici a altro personale ausiliario adibito all attività di ricerca), nella misura massima del 30% del costo totale del progetto 7. Consulenze per studi di fattibilità per l accesso a programmi di finanziamento comunitari, nazionali e privati nella misura massima di Registrazione di brevetti e modelli a livello nazionale e internazionale Acquisto di licenze e brevetti NO Costi esterni per la realizzazione prototipi NO 25 Spese generali (10% totale delle spese) ammissibili ma non finanziabili

22 PRRIITT Misura 3.1 A Contributo: Agevolazione nella forma del conto capitale: a) 50% per le attività di ricerca industriale b) 25% per le attività di sviluppo precompetitivo Previste maggiorazioni Costo minimo del progetto: Euro Contributo massimo: Euro Ammissibilità dei costi: dalla data di comunicazione della approvazione Eccezioni Ammesse Durata: 1-2 anni

23 PRRIITT Misura 3.1 A Criteri di valutazione: Elementi Criteri Punteggio massimo Tecnico-scientifici Economico-finanziari Gestionali-manageriali Innovatività; capacità del proponente di raggiungere gli obiettivi; impatto del progetto sugli obiettivi aziendali; grado di collaborazione con università ed enti di ricerca; fattiblità industriale; qualità metodologia e piano di lavoro Congruenza piano finanziario e obiettivi del progetto; capacità di cofinanziamento dei proponenti; ricadute economiche della proposta Adeguatezza dello schema organizzativo agli obiettivi; qualità delle risorse a disposizione; capacità gestionale del proponente Impatto regionale Coerenza con obiettivi del PRRIITT; priorità settoriali del PRRIITT; impatti occupazionali 15 Punteggio minimo complessivo: 75

24 PRRIITT Misura 3.1 A I E II Bando Tempistica: I : 9 febbraio 2004 II : dal 27 settembre al 1 ottobre 2004 III bando: de definire Modalità: Inoltro telematico: E successivo invio in forma cartacea Risultati: I bando: a disposizione II bando: a disposizione Referente: Regione Emilia-Romagna Direzione Generale Attività Produttive - Servizio Politiche di Sviluppo Economico

25 PRRIITT Misura 3.1 A: RISULTATI DEL 1 E 2 BANDO I risultati del 2 bando 158,2 milioni di euro il valore dei progetti 61,9 milioni di euro il contributo regionale (39,1% la percentuale media) 860 i progetti valutati 347 i progetti (369 imprese) ammessi al finanziamento (40,3%) I risultati del 1 bando 77 milioni di euro il valore dei progetti 30,3 milioni di euro il contributo regionale (39,4% la percentuale media) 360 i progetti valutati 182 i progetti (188 imprese) ammessi al finanziamento (50,6%)

26 I PROGETTI APPROVATI PER PROVINCIA RISULTATI 1 E 2 BANDO BO FC FE MO PC PR RA RE RN 2 Bando 1 Bando

27 I PROGETTI APPROVATI PER SETTORE RISULTATI 1 E 2 BANDO Salute Informatica e Servizi Energia ambiente Autoveicoli/mezzi di trasporto Elettronica, mecc di precisione Meccanica Metallurgia, Prod in metallo Ceramica secondo bando primo bando Chimica, plastica, materiali Ind.Tessile/Abb Agroindustria 12 28

28 OCCUPAZIONE - RICERCA INNOVAZIONE RISULTATI 1 E 2 BANDO I risultati del 2 bando 336 progetti (97%) prevedono l assunzione di nuovo personale di ricerca, per un totale di circa 600 nuove unità 333 progetti (96%) prevedono di attivare collaborazioni continuative di ricerca con università ed enti di ricerca, per un totale di 512 contratti e circa 400 ricercatori equivalenti 221 progetti (64%) prevedono di attivare contratti con laboratori accreditati dal MIUR; 241 progetti (69%) prevedono di concludersi con la registrazione di brevetti. I risultati del 1 bando 153 progetti (84%) prevedono l assunzione di nuovo personale di ricerca, per un totale di circa 300 nuove unità 159 progetti (87%) prevedono di attivare collaborazioni continuative di ricerca con università ed enti di ricerca, per un totale di 234 contratti e circa 400 ricercatori equivalenti 115 progetti (63%) prevedono di attivare contratti con laboratori accreditati dal MIUR; 120 progetti (66%) prevedono di concludersi con la registrazione di brevetti. 28

29 COLLABORAZIONI CON UNIVERSITÀ ED ENTI DI RICERCA - RISULTATI 1 E 2 BANDO I risultati complessivi (1 e 2 bando) 746 contratti di collaborazione in ricerca Univ. BO Univ. M O e RE Univ. PR Univ. FE Univ. Cattolica e Polit. M I - Sede di PC CNR-ENEA Altre Italia Estero 29

30 FINANZIAMENTI NAZIONALI

31 Ricerca commissionata a Università/EPR Assunzione personale borse di dottorato e assegni di ricerca ASSUNZIONE DI PERSONALE DI RICERCA OGGETTO: ASSUNZIONE DI QUALIFICATO PERSONALE DI RICERCA ANCHE A TEMPO DETERMINATO, DISOCCUPATO O INOCCUPATO CONTRIBUTO: ,85 euro DI CUI 5.164,57 Euro A FONDO PERUDTO E 2O.658 EURO COME CREDITO DI IMPOSTA Art. 14 DM 593/2000 BORSE DI DOTTORATO E ASSEGNI DI RICERCA BORSE DI DOTTORATO E ASSEGNI DI RICERCA OGGETTO: ASSUNZIONE DEGLI ONERI PER CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA E ASSEGNI DI RICERCA CONTRIBUTO: CREDITO DI IMPOSTA PARI AL 60% DELL IMPORTO COMMESSE SPECIFICHE O CONTRATTI PER LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITA DI RST OGGETTO: RICERCA INDUSTRIALE, STUDI E RICERCHE SUI PROCESSI PRODUTTIVI, PROVE, TEST SPERIMENTALI COMMISSIONATI A UNIVERSITA /ENTI DI RICERCA E LABORATORI AUTORIZZATI MIUR CONTRIBUTO nella SPESA o CREDITO di IMPOSTA (50% max annui) AMBITI TECNOLOGICI: NON PREDEFINITI - TERMINI: dal 5 maggio al 30 settembre di ogni anno

32 FINANZIARIA Ricerca > La nuova Legge Finanziaria 2007 prevede le seguenti misure a sostegno della RICERCA e dell INNOVAZIONE INDUSTRIALE: Istituzione dell ANVUR (Agenzia Nazionale di Valutazione): essa avrà il compito di valutare i risultati della didattica e della ricerca (delle Università, degli Enti pubblici di ricerca e degli Enti privati destinatari di finanziamenti pubblici) CREDITO D IMPOSTA per le imprese che investono in ricerca scientifica e tecnologica, pari al 10% dei costi sostenuti. Il credito sale al 15% se i costi si riferiscono a contratti stipulati con Università ed Enti pubblici di ricerca. Istituzione del FIRST (Fondo per gli Investimenti in Ricerca Scientifica e Tecnologica) Istituzione del Fondo per la competitività e lo sviluppo: esso finanzierà sia i progetti di innovazione industriale, sia gli interventi di sostegno agevolato alle imprese di competenza del Ministero dello Sviluppo economico Istituzione del Fondo per la finanza d impresa, col compito di facilitare l accesso al credito, alla finanza e al mercato finanziario da parte delle piccole imprese e a razionalizzare le modalità di funzionamento dei fondi pubblici di garanzia e di partecipazione al capitale di rischio Sblocco delle assunzioni dei ricercatori Piano straordinario triennale di assunzione dei ricercatori

33 FINANZIAMENTI COMUNITARI: IL VII PQ di RST

34 Il programma Quadro di Ricerca e Sviluppo Tecnologico COS È lo strumento di attuazione politica di ricerca dell UE uno degli strumenti di finanziamento dell UE per la ricerca delle imprese e delle strutture di ricerca giunto alla 7a edizione: COME FUNZIONA ambito: temi di ricerca prevalentemente predefiniti modalità di partecipazione: schemi di finanziamento

35 La statistica nel VII PQ di RST 1. Salute 2. Prodotti alimentari, agricoltura e pesca, biotecnologie 3. Tecnologie dell informazione e della comunicazione COOPERAZIONE Ricerca collaborativa 4. Nanoscienze, nanotecnologie, materiali e nuove tecnologie di produzione 5. Energia 6. Ambiente (compresi i cambiamenti climatici) 7. Trasporti (compresa l aeronautica) 8. Scienze socioeconomiche e scienze umane 9. Sicurezza 10. Spazio IDEE Ricerca di frontiera Consiglio europeo della ricerca (CER) Formazione iniziale dei ricercatori PERSONE Potenziale umano Formazione continua e evoluzione delle carriere Partenariati e passerelle tra industria e università Dimensione internazionale Azioni specifiche Infrastrutture di ricerca Ricerca a favore delle PMI CAPACITÀ Capacità di ricerca Regioni della conoscenza Potenziale di ricerca Sviluppo coerente delle politiche di ricerca La scienza nella società Attività di cooperazione internazionale

36 Il Budget in milioni di Novembre 2006 Salute 6100 Prodotti alimentari, agricoltura e pesca, biotecnologie Tecnologie dell informazione e della comunicazione 9050 Nanoscienze, nanotecnologie, materiali e nuove tecnologie di produzione 3475 COOPERAZIONE Ricerca collaborativa Energia 2350 Ambiente (compresi i cambiamenti climatici) 1890 Trasporti (compresa l aeronautica) 4160 Scienze socioeconomiche e scienze umane 623 Sicurezza e spazio Spazio 1430 Sicurezza 1400 Totale Cooperazione IDEE Ricerca di frontiera PERSONE Potenziale umano Consiglio europeo della ricerca (CER) 7510 Azioni Marie Curie 4750 Infrastrutture di ricerca 1715 Ricerca a favore delle PMI Regioni della conoscenza 126 CAPACITÀ Capacità di ricerca Potenziale di ricerca 340 La scienza nella società 330 Sviluppo coerente delle politiche di ricerca 70 Attività di cooperazione internazionale 180 Totale Capacità 4097 Azioni non nucleari del Centro Comune di Ricerca Totale

37 Le scienze statistiche nel VII PQ di RST Come attività di ricerca all interno delle diverse priorità All interno della priorità 8 SCIENZE SOCIOECONOMICHE E SCIENZE UMANE (programma specifico 'COOPERAZIONE')

38 La priorità 8: Scienze socioeconomiche e scienze umane GLI AMBITI DI RICERCA Crescita, occupazione e competitività in una società della conoscenza Associare obiettivi economici, sociali e ambientali in una prospettiva europea Le principali tendenze sociali e le loro implicazioni L'Europa nel mondo Indicatori socioeconomici e scientifici Attività di previsione sui principali aspetti scientifici, tecnologici e socioeconomici connessi FP7-SSH : invito a presentare proposte nell'ambito della priorità SCIENZE SOCIOECONOMICHE E SCIENZE UMANE (programma specifico 'COOPERAZIONE') del VII Programma Quadro di RST - Pubblicazione: 22 dicembre Scadenza: 1 termine per la presentazione delle proposte: termine per la presentazione delle proposte:

39 Le fasi della partecipazione Preparazione delle proposte e presentazione Valutazione delle proposte Negoziazione e preparazione dei contratti Follow Up - Chi può partecipare - Attività finanziabili - Schemi di finanziamento - Documenti di riferimento - Presentazione delle proposta - Check di eligibilità - Valutazione da parte di esperti indipendenti - Consensus - Graduatoria - Negoziazione - Selezione - Firma del Contratto - Realizzazione attività - Gestione finanziaria e controlli

40 Partecipare al Programma Quadro CHI: qualsiasi impresa, università, centro di ricerca o qualsiasi altro soggetto giuridico, stabilito in uno Stato membro, un paese associato o un paese terzo MULTIDISCIPLINARIETÀ QUANTI: almeno 3 soggetti giuridici indipendenti stabiliti in 3 Stati Membri o Stati Associati TRANSNAZIONALITÀ Eccezioni: 1 soggetto giuridico per: azioni di sostegno specifico (SSA) e azioni per le risorse umane e la mobilità azioni a sostegno dei progetti di ricerca di frontiera su iniziativa dei ricercatori, finanziati nell ambito del Consiglio europeo della ricerca 4 soggetti giuridici per: progetti in collaborazione che comportano la partecipazione di paesi partner nell ambito della cooperazione internazionale (2 SM/SA + 2ST)

41 Partecipare al Programma Quadro QUALI ATTIVITÀ ricerca e sviluppo tecnologico attività di dimostrazione gestione, audit ed altre attività azioni di ricerca di frontiera azioni di coordinamento/supporto azioni per la formazione e lo sviluppo della carriera dei ricercatori QUALI PROGETTI: gli schemi di finanziamento progetti in collaborazione: progetti di RST finalizzati a sviluppare nuove conoscenze, prodotti, tecnologie. Dimensioni variabili reti di eccellenza: programmi di ricerca congiunti che coinvolgono diversi organismi che mettono in comune le loro attività in un determinato settore azioni di coordinamento e sostegno: azioni destinate al coordinamento o al sostegno di attività e politiche in materia di ricerca progetti individuali: progetti di ricerca di frontiera svolti da singole équipe di ricercatori sostegno alla formazione e sviluppo professionale dei ricercatori: Borse Marie Curie ricerca a favore di determinati gruppi (soprattutto PMI): progetti di ricerca portati avanti da università, enti di ricerca a favore di PMI o associazioni di PMI articoli 169 e 171

42 Partecipare al Programma Quadro QUALE FINANZIAMENTO attività di ricerca e sviluppo tecnologico 50% dei costi eleggibili ad eccezione di: Enti pubblici 75% Istituti di istruzione secondari e superiori 75% Organizzazioni di ricerca 75% PMI 75% attività di dimostrazione 50% dei costi eleggibili management, audit ed altre attività 100% dei costi eleggibili frontier research actions 100% azioni di coordinamento/supporto 100% azioni per la formazione e lo sviluppo della carriera dei ricercatori 100%

43 I vantaggi della partecipazione PERCHÉ - occasione per creare contatti a livello transnazionale - sviluppo di nuovi progetti - finanziamento cospicuo QUANDO - idea innovativa rientrante nei topics del programma - visione europea (partner e impatto ricerca) - tempistica adeguata alle proprie esigenze - apertura bando - progetto non ancora iniziato - tempi di realizzazione a medio/lungo termine (valutazione e firma contratto ca. 9/10 mesi dalla scadenza)

44 Link up - il punto d incontro tra ricerca e impresa Servizi F1RST - Finanziamenti per l'innovazione, la Ricerca e lo Sviluppo Tecnologico

45

46 ASTER Scienza Tecnologia Impresa ASTER Scienza Tecnologia Impresa Area di Ricerca di Bologna Via Gobetti Bologna Tel Fax

RICERCA E IMPRESA: COME COLLABORARE. Maria Gabriella Gualandi CNA Bologna - Bologna, 25 novembre 2010

RICERCA E IMPRESA: COME COLLABORARE. Maria Gabriella Gualandi CNA Bologna - Bologna, 25 novembre 2010 RICERCA E IMPRESA: COME COLLABORARE Maria Gabriella Gualandi CNA Bologna - Bologna, 25 novembre 2010 Agenda Fare ricerca in impresa Le forme di collaborazione con le strutture di ricerca pubbliche Rete

Dettagli

Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna. Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR

Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna. Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR Il POR FESR Emilia Romagna ASSE 1 Ricerca industriale e trasferimento tecnologico 115 milioni

Dettagli

Il FAR - Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca

Il FAR - Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca Il FAR - Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca Pisa, 8 febbraio 08 Aula Magna Polo didattico Carmignani, Il nuovo sistema di sostegno alla ricerca industriale dal 2001 è operativo il Decreto Ministeriale

Dettagli

Il Bando Regionale di Ricerca e Sviluppo 2012

Il Bando Regionale di Ricerca e Sviluppo 2012 Il Bando Regionale di Ricerca e Sviluppo 2012 NANOXM - Polo Regionale per le Nanotecnologie Firenze, 8 Febbraio 2012 Il Bando unico di R&S In attuazione del POR CREO FESR 2007/2013 il Bando Unico 2012

Dettagli

Programmazione triennale 2010/2012

Programmazione triennale 2010/2012 Area Ricerca e Relazioni Internazionali Ufficio Relazioni Internazionali PIANO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DI ATENEO Programmazione triennale 2010/2012 L Università degli Studi di Firenze tradizionalmente

Dettagli

I BANDI PER RICERCA SVILUPPO E INNOVAZIONE

I BANDI PER RICERCA SVILUPPO E INNOVAZIONE I BANDI PER RICERCA SVILUPPO E INNOVAZIONE GESTIONE IN ANTICIPAZIONE DEL POR FESR 2014-2020 Angelita Luciani Responsabile Ricerca industriale, innovazione e trasferimento tecnologico FINALITA DELL INTERVENTO

Dettagli

Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni.

Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni. DOSSIER RICERCA & INNOVAZIONE Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni. Nel 2007 è stato creato in Europa il Consiglio Europeo della Ricerca

Dettagli

La politica industriale si è sviluppata in Italia in un progressivo allargamento del campo di intervento, passando dalla impresa al settore, dal

La politica industriale si è sviluppata in Italia in un progressivo allargamento del campo di intervento, passando dalla impresa al settore, dal La politica industriale si è sviluppata in Italia in un progressivo allargamento del campo di intervento, passando dalla impresa al settore, dal settore al distretto e dal distretto alla filiera. Nella

Dettagli

Agevolazioni a sostegno delle attività di R&S Ministero dello Sviluppo Economico

Agevolazioni a sostegno delle attività di R&S Ministero dello Sviluppo Economico Agevolazioni a sostegno delle attività di R&S Ministero dello Sviluppo Economico Fondo per la crescita sostenibile a favore dei progetti di ricerca e sviluppo negli ambiti tecnologici identificati dal

Dettagli

IMPRENDITORIALITÀ E GENERAL MANAGEMENT - MIGEM

IMPRENDITORIALITÀ E GENERAL MANAGEMENT - MIGEM IMPRENDITORIALITÀ E GENERAL MANAGEMENT - MIGEM Master di I Livello - IX EDIZIONE - A.A. 2015-2016 Premessa Il MIGEM è dedicato a tutti coloro che sentono l esigenza di un programma formativo completo e

Dettagli

INNOVAZIONE, RICERCA E SPIN OFF IMPRENDITORIALE LE NUOVE STRADE DEL LAVORO PASSANO DI QUI

INNOVAZIONE, RICERCA E SPIN OFF IMPRENDITORIALE LE NUOVE STRADE DEL LAVORO PASSANO DI QUI INNOVAZIONE, RICERCA E SPIN OFF IMPRENDITORIALE LE NUOVE STRADE DEL LAVORO PASSANO DI QUI IL PROGETTO Il progetto DONNE E SCIENZA: ricerca, innovazione e spin-off imprenditoriale è un percorso integrato

Dettagli

Smart&Start Italia. Dal 16 febbraio 2015 è aperta la piattaforma online attraverso la quale si possono inviare i business plan smartstart.invitalia.

Smart&Start Italia. Dal 16 febbraio 2015 è aperta la piattaforma online attraverso la quale si possono inviare i business plan smartstart.invitalia. Smart&Start Italia Per favorire la diffusione di nuova imprenditorialità legata all economia digitale, per sostenere le politiche di trasferimento tecnologico e di valorizzazione dei risultati del sistema

Dettagli

TIROCINI FORMATIVI DI GIOVANI LAUREATI

TIROCINI FORMATIVI DI GIOVANI LAUREATI Città di Vignola seconda edizione INVITO ALLE IMPRESE A PRESENTARE PROGETTI AL COMUNE DI VIGNOLA PER OSPITARE TIROCINI FORMATIVI DI GIOVANI LAUREATI A SUPPORTO DI ATTIVITA DI RICERCA SCIENTIFICA, TECNOLOGICA,

Dettagli

Dr.ssa Anna Maria Scuderi

Dr.ssa Anna Maria Scuderi D.M. MAP 593/2000 E SS.MM.II.: MODALITÀ PROCEDURALI PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI PREVISTE DAL DECRETO LEGISLATIVO DEL 27 LUGLIO 1999, N. 297 (ARTT. DA 5 A 16) Tale decreto riunisce in un unico

Dettagli

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. EMILIA ROMAGNA L.R. n.7 del 14/05/2002

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. EMILIA ROMAGNA L.R. n.7 del 14/05/2002 LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE EMILIA ROMAGNA L.R. n.7 del 14/05/2002 Anno legislazione: 2002 Oggetto legislazione: collegamento tra il sistema produttivo regionale e il sistema ricerca, spin off,

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

N. 512 FISCAL NEWS. Regione Campania: contributi per dottorati 21.11.2011. La circolare di aggiornamento professionale. A cura di Carlo De Luca

N. 512 FISCAL NEWS. Regione Campania: contributi per dottorati 21.11.2011. La circolare di aggiornamento professionale. A cura di Carlo De Luca a cura di Antonio Gigliotti www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info N. 512 FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 21.11.2011 Categoria Previdenza e lavoro Sottocategoria Agevolazioni

Dettagli

POR MARCHE FESR 2014-2020 - ASSE 1 OS 1 AZIONE 1.1 PROMOZIONE DELLA RICERCA E DELLO SVILUPPO NEGLI AMBITI DELLA SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE

POR MARCHE FESR 2014-2020 - ASSE 1 OS 1 AZIONE 1.1 PROMOZIONE DELLA RICERCA E DELLO SVILUPPO NEGLI AMBITI DELLA SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE POR MARCHE FESR 2014-2020 - ASSE 1 OS 1 AZIONE 1.1 PROMOZIONE DELLA RICERCA E DELLO SVILUPPO NEGLI AMBITI DELLA SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE SCHEDA SINTETICA BANDO 1. DESCRIZIONE Lo strumento intende

Dettagli

Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno. Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro

Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno. Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro Contesto della proposta (1) La conoscenza costituisce il fulcro dell Agenda di

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi

Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi di Enrico Mazza Il 29 novembre scorso sono stati pubblicati sul BURC (n. 48 parte III) i Decreti che riguardano l approvazione degli Avvisi

Dettagli

INCENTIVI NAZIONALI LEGGE 46/82 RETE ITALIANA PER LA DIFFUSIONE DELL INNOVAZIONE E IL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO ALLE IMPRESE

INCENTIVI NAZIONALI LEGGE 46/82 RETE ITALIANA PER LA DIFFUSIONE DELL INNOVAZIONE E IL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO ALLE IMPRESE RETE ITALIANA PER LA DIFFUSIONE DELL INNOVAZIONE E IL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO ALLE IMPRESE INCENTIVI NAZIONALI LEGGE 46/82 Direzione Trasferimento di Conoscenza e Innovazione Dipartimento Centri e Reti

Dettagli

ALLEGATO A TRA. la Regione Liguria UNIVERSITÀ DI GENOVA ASSOCIAZIONI SINDACALI ASSOCIAZIONI DATORIALI. di seguito denominate Parti.

ALLEGATO A TRA. la Regione Liguria UNIVERSITÀ DI GENOVA ASSOCIAZIONI SINDACALI ASSOCIAZIONI DATORIALI. di seguito denominate Parti. ALLEGATO A Apprendistato 2013 2015 PERCORSI DI ALTA FORMAZIONE (art. 5 D. Lgs. 14 settembre 2011, n. 167 ) (art. 41 della Legge regionale 11 maggio 2009 n. 18) PROTOCOLLO DI INTESA TRA la Regione Liguria

Dettagli

Scheda di sintesi Bando regionale Ricerca industriale delle imprese

Scheda di sintesi Bando regionale Ricerca industriale delle imprese Scheda di sintesi Bando regionale Ricerca industriale delle imprese 1. Oggetto dell intervento Sono finanziabili progetti che prevedono le seguenti attività: Ricerca industriale e Sviluppo sperimentale.

Dettagli

c. alla realizzazione e gestione di strutture di servizio per la ricerca e il trasferimento dei risultati della ricerca;

c. alla realizzazione e gestione di strutture di servizio per la ricerca e il trasferimento dei risultati della ricerca; (ALLEGATO 1) Estratto dallo Statuto della Fondazione per la Ricerca e l Innovazione Art. 3 Finalità 1. La Fondazione non ha fini di lucro, e ha lo scopo di realizzare, in sintonia con le strategie e la

Dettagli

INNOVARE? Si deve, si può, si fa:

INNOVARE? Si deve, si può, si fa: come ottenere i finanziamenti ed i contributi per fare ricerca & sviluppo MILANO 27 APRILE 2015 RICERCA & SVILUPPO Cos è la Ricerca & Sviluppo nel Nostro tessuto imprenditoriale? INNOVAZIONE DI PRODOTTO

Dettagli

Programmi di finanziamento sul trasferimento tecnologico in Italia

Programmi di finanziamento sul trasferimento tecnologico in Italia Programmi di finanziamento sul trasferimento tecnologico in Italia Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L autore è il solo responsabile di questa pubblicazione (comunicazione)

Dettagli

Il ruolo del chimico per la sicurezza ambientale

Il ruolo del chimico per la sicurezza ambientale ambientale di Piero Frediani * Ciampolini A. (a cura di). L innovazione per lo sviluppo locale ISBN 88-8453-362-7 (online) 2005 Firenze University Press Nell Anno Accademico 1996-97 l Università di Firenze

Dettagli

1) IDEA PROGETTUALE (max. 4 pagine).

1) IDEA PROGETTUALE (max. 4 pagine). Proposta preliminare di sviluppo di un Progetto Integrato di Frontiera (PIF FORMULARIO Nome del PIF: Area Tematica ( a scelta fra quelle indicate nell appendice 1 dell Avviso Pubblico Abstract (1 pagina

Dettagli

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE Un progetto per l autonomia l dei giovani: PERCHE I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: Il prolungamento della gioventù Il ritardo nell accesso

Dettagli

Regione Veneto Agevolazioni per la Ricerca Industriale e lo Sviluppo Sperimentale

Regione Veneto Agevolazioni per la Ricerca Industriale e lo Sviluppo Sperimentale Regione Veneto Agevolazioni per la Ricerca Industriale e lo Sviluppo Sperimentale Fondo di Rotazione ex LR 5/2001 (Sezione C) Contributi ex LR 9/2007!1 RIEPILOGO NORMATIVA Requisiti soggetto proponente

Dettagli

Per i progetti ammessi all intervento, i relativi costi decorrono dal novantesimo giorno successivo alla data di presentazione della relativa domanda

Per i progetti ammessi all intervento, i relativi costi decorrono dal novantesimo giorno successivo alla data di presentazione della relativa domanda FIRB Fondo per gli Investimenti della Ricerca di Base 35(0(66$ Il FIRB (Fondo per gli Investimenti della Ricerca di Base) istituito con la Legge 388/00 (Finanziaria 2001) rappresenta uno strumento d intervento

Dettagli

Gli incentivi di Invitalia per le imprese innovative

Gli incentivi di Invitalia per le imprese innovative Gli incentivi di Invitalia per le imprese innovative Febbraio 2015 Invitalia: chi siamo Invitalia è l Agenzia nazionale che agisce su mandato del Governo per sostenere i settori strategici per lo sviluppo

Dettagli

Fiscal News N. 101. Start up: pubblicate le linee guida per l accesso al fondo PMI. La circolare di aggiornamento professionale 02.04.2014.

Fiscal News N. 101. Start up: pubblicate le linee guida per l accesso al fondo PMI. La circolare di aggiornamento professionale 02.04.2014. Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 101 02.04.2014 Start up: pubblicate le linee guida per l accesso al fondo PMI Categoria: Imprese Sottocategoria: Varie E stata pubblicata dal

Dettagli

Comitato codau per il coordinamento degli uffici ricerca scientifica

Comitato codau per il coordinamento degli uffici ricerca scientifica Comitato CODAU per il Coordinamento degli Uffici di Supporto alla Ricerca Scientifica Promosso da dieci università: Università di Torino, Pavia, Modena e Reggio Emilia, Bologna, Roma La Sapienza, Palermo,

Dettagli

Perugia 30 Novembre 2012. Le Politiche industriali della Regione Umbria: nuove misure di incentivazione

Perugia 30 Novembre 2012. Le Politiche industriali della Regione Umbria: nuove misure di incentivazione Perugia 30 Novembre 2012 Le Politiche industriali della Regione Umbria: nuove misure di incentivazione Direzione Regionale Programmazione, Innovazione e Competitività dell Umbria Coordinamento Area Imprese

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Misura 124 "Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale"

Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale Misura 124 "Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale" Consorzio Iniziative per la Formazione dei Divulgatori Agricoli

Dettagli

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione 5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) N 1698/2005. Punto 5.3.1.1.1. dell allegato II

Dettagli

Let s Start: Introduzione a Smart&Start Italia

Let s Start: Introduzione a Smart&Start Italia Let s Start: Introduzione a Smart&Start Italia Che cos è Smart&Start Italia? Smart&Start Italia è l incentivo che supporta le start-up innovative che operano su tutto il territorio nazionale L obiettivo

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi GIUNTA REGIONALE Atto del Dirigente a firma unica: DETERMINAZIONE n 162 del 13/01/2015 Proposta: DPG/2015/109 del 08/01/2015 Struttura proponente: Oggetto: Autorità

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE Classe delle Lauree Magistrali in Servizio sociale e politiche sociali (LM-87) Sede didattica del Corso di Laurea Magistrale: Alessandria

Dettagli

Persone fisiche e giuridiche aventi sede: - negli Stati Membri dell'u.e., - negli Stati associati al programma e il Centro Comune di Ricerca.

Persone fisiche e giuridiche aventi sede: - negli Stati Membri dell'u.e., - negli Stati associati al programma e il Centro Comune di Ricerca. 5FP - 5 Programma Quadro di Ricerca e Sviluppo Tecnologico OGGETTO Decisione del Parlamento Europeo e del Consiglio del 22 dicembre 1998 relativa al 5 Programma Quadro comunitario di finanziamento a favore

Dettagli

DISTRETTO TECNOLOGICO DELLE BIOSCIENZE. Presentazione del Dott. Paolo OCCHIALINI Coordinatore DTB Lazio, Filas SpA

DISTRETTO TECNOLOGICO DELLE BIOSCIENZE. Presentazione del Dott. Paolo OCCHIALINI Coordinatore DTB Lazio, Filas SpA DISTRETTO TECNOLOGICO DELLE BIOSCIENZE Presentazione del Dott. Paolo OCCHIALINI Coordinatore DTB Lazio, Filas SpA DISTRETTI TECNOLOGICI NEL LAZIO Distretto Tecnologico dell Aerospazio (DTA) Distretto Tecnologico

Dettagli

POR Lombardia FESR 2007-2013 DDUO n.7128 del 29/07/2011

POR Lombardia FESR 2007-2013 DDUO n.7128 del 29/07/2011 BANDO DI INVITO A PRESENTARE PROGETTI DI RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO SPERIMENTALE NEI SETTORI STRATEGICI DI REGIONE LOMBARDIA E DEL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA POR Lombardia

Dettagli

salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, finalizzate anche al conseguimento di una preparazione multidisciplinare in grado di consentire a i

salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, finalizzate anche al conseguimento di una preparazione multidisciplinare in grado di consentire a i CONVENZIONE PER L EROGAZIONE DI 15 BORSE DI STUDIO PER GLI STUDENTI DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN SCIENZA E TECNICHE DELLA PREVENZIONE E DELLA SICUREZZA A.A. 2015-16 TRA L Università Ca Foscari

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

I sottoscritti: a) (Impresa proponente) . nato a il.., in qualità di.. legale. rappresentante della società. con sede legale in - Via

I sottoscritti: a) (Impresa proponente) . nato a il.., in qualità di.. legale. rappresentante della società. con sede legale in - Via INTERVENTI A FAVORE DELLE PMI E DEGLI ORGANISMI DI RICERCA - SPORTELLO DELL'INNOVAZIONE ALLEGATO A - CONTENUTI RICHIESTI NELL'ATTO FORMALIZZAZIONE DEL PARTNERIATO I sottoscritti: a) (Impresa proponente).

Dettagli

Programma Vinci Bando 2013

Programma Vinci Bando 2013 Programma Vinci Bando 2013 Apertura della procedura di registrazione online: 14/1/2013 Termine per la registrazione online della candidatura: 4/03/2013 (ore 12.00 ) Termine per l invio della documentazione

Dettagli

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete FONDO SOCIALE EUROPEO IN SINERGIA CON IL FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE POR 2014 2020 Ob. Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Art.1 Ambito di applicazione 1.Il presente regolamento, emanato

Dettagli

CONVENZIONE-QUADRO TRA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BERGAMO E COMUNE DI BERGAMO

CONVENZIONE-QUADRO TRA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BERGAMO E COMUNE DI BERGAMO CONVENZIONE-QUADRO TRA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BERGAMO E COMUNE DI BERGAMO Premesse L'Università degli Studi di Bergamo e il Comune di Bergamo intendono instaurare un rapporto non episodico di collaborazione,

Dettagli

Obiettivo Competitività regionale e occupazione CRITERI PER LA DEFINIZIONE DELL AMMISSIBILITÀ E DELLA FINANZIABILITÀ DELLE OPERAZIONI PROPOSTE

Obiettivo Competitività regionale e occupazione CRITERI PER LA DEFINIZIONE DELL AMMISSIBILITÀ E DELLA FINANZIABILITÀ DELLE OPERAZIONI PROPOSTE Obiettivo Competitività regionale e occupazione CRITERI PER LA DEFINIZIONE DELL AMMISSIBILITÀ E DELLA FINANZIABILITÀ DELLE OPERAZIONI PROPOSTE Programma operativo della Fondo Europeo di Sviluppo Regionale

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI OTTO AZIONI MISURABILI PER L UNIVERSITA, LA RICERCA E L INNOVAZIONE Premessa Nella comune convinzione che Università, Ricerca e Innovazione costituiscano una priorità per il

Dettagli

INNOVA NET Bando per partecipanti alla selezione di 10 Idee d impresa

INNOVA NET Bando per partecipanti alla selezione di 10 Idee d impresa INNOVA NET Bando per partecipanti alla selezione di 10 Idee d impresa TRAINING AND INNOVATION UNIVERSITY CONSORTIUM POLYTECHNIC OF BARI UNIVERSITY OF PATRAS ARTICOLO 1 Finalità e oggetto Nell'ambito del

Dettagli

CONSORZIO Spinner - Bologna. Selezione di esperti di Tutoraggio per lo sviluppo di progetti di imprenditorialità innovativa

CONSORZIO Spinner - Bologna. Selezione di esperti di Tutoraggio per lo sviluppo di progetti di imprenditorialità innovativa CONSORZIO Spinner - Bologna Selezione di esperti di Tutoraggio per lo sviluppo di progetti di imprenditorialità innovativa PREMESSA La Sovvenzione Globale Interventi per la qualificazione delle risorse

Dettagli

BERGAMO SMART CITY VERSO EXPO 2015. Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso - 26 novembre 2013

BERGAMO SMART CITY VERSO EXPO 2015. Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso - 26 novembre 2013 BERGAMO SMART CITY VERSO EXPO 2015 Start Up Innovative -Le imprese fanno sistema Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso - 26 novembre 2013 START UP E INCUBATORI Il Decreto Sviluppo (179/2012), introducendo

Dettagli

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 1 - CODICE PROGETTO 4.1.1- IL POLO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO SPECIALIZZAT O NEI SETTORI DELLE PRODUZIONI VITICOLE, ENOLOGICHE, DELLE GRAPPE E DELLE ACQUAVITI DI CONEGLIANO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA

Dettagli

Coopstartup FarmAbility

Coopstartup FarmAbility Coopstartup FarmAbility Bando per la selezione di idee di impresa cooperativa innovativa nell agroalimentare Art. 1 Contesto e obiettivi Coopstartup FarmAbility è un progetto sperimentale per favorire

Dettagli

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità 3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità Obiettivo globale 6 - Promuovere politiche di mobilità transnazionale e di cooperazione

Dettagli

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Invitalia: mission e obiettivi Invitalia è l Agenzia del Governo che ha l obiettivo di contribuire ad accrescere la competitività

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1

REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1 REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1 Art. 1. FINALITA Presso la Facoltà di Giurisprudenza dell Università di Trieste è istituito il Master Universitario

Dettagli

Campania Start Up. Studio Centrella "SPORTELLO DELL'INNOVAZIONE

Campania Start Up. Studio Centrella SPORTELLO DELL'INNOVAZIONE Studio Centrella Alberto Centrella Commercialista. - Via Polcari n. 7-82100 Benevento - Tel./Fax 0824 29704 -email studio@centrella.it i INTERVENTI A FAVORE DELLE PMI E DEGLI ORGANISMI DI RICERCA "SPORTELLO

Dettagli

Bando INVITO A PRESENTARE PROPOSTE PER PROGETTI DI RICERCA FONDAMENTALE O DI BASE ORIENTATA A SETTORI PRIORITARI

Bando INVITO A PRESENTARE PROPOSTE PER PROGETTI DI RICERCA FONDAMENTALE O DI BASE ORIENTATA A SETTORI PRIORITARI UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA LEGGE REGIONALE 7 AGOSTO 2007, N. 7 PROMOZIONE DELLA RICERCA SCIENTIFICA E DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA IN SARDEGNA

Dettagli

Aster - Consorzio tra Regione Emilia Romagna Università. Enti di Ricerca e Imprese Bando di selezione imprese We Tech Off

Aster - Consorzio tra Regione Emilia Romagna Università. Enti di Ricerca e Imprese Bando di selezione imprese We Tech Off Scadenza 31 dicembre 2011 Scadenza intermedia: 30.04.2010 per servizi pre-incubazione Scadenza intermedia: 16.07.2010 per servizi incubazione Aster - Consorzio tra Regione Emilia Romagna Università. Enti

Dettagli

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 APERTURA DOMANDE SMART ET START ON LINE Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 sono stati definiti gli aspetti rilevanti per l accesso alle agevolazioni ed

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 (Aprile 2013) 1/373 Sperimentale secondo le modalità previste dalla Comunicazione

Dettagli

GUIDA PER LA CANDIDATURA ALLA EROGAZIONE DI SERVIZI DI CONSULENZA AD ALTA SPECIALIZZAZIONE

GUIDA PER LA CANDIDATURA ALLA EROGAZIONE DI SERVIZI DI CONSULENZA AD ALTA SPECIALIZZAZIONE GUIDA PER LA CANDIDATURA ALLA EROGAZIONE DI SERVIZI DI CONSULENZA AD ALTA SPECIALIZZAZIONE 1. PREMESSA Spinner 2013 è il programma per la qualificazione delle risorse umane nel settore della ricerca e

Dettagli

Ai Docenti All Albo Agli Atti Sito Web

Ai Docenti All Albo Agli Atti Sito Web Prot. 5208 del 23/09/2013 ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE " LUIGI DE' MEDICI " Via Zabatta 19, 80044 OTTAVIANO TEL. (081) 5293222 - Fax (081) 5295420 COD.MECC.: NAIS05800R COD.FISC. 84007150638 E-MAIL: de_medici@libero.it

Dettagli

PREMESSO TENUTO CONTO

PREMESSO TENUTO CONTO CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI PROTOCOLLO D INTESA TRA CONFERENZA DEI RETTORI DELLE UNIVERSITÀ ITALIANE E CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI

Dettagli

Protocollo d 'Intesa

Protocollo d 'Intesa . l l ' P~. tjrtj. ~'f /.Ao RQ{>. e+j R.~\~ N..286~ ja,o Protocollo d 'Intesa Tra Regione Puglia e Consiglio nazionale delle Ricerche La Regione Puglia (C.F. 80017210727), di seguito Regione, nella persona

Dettagli

Allegato alla Delibera n. 89 CdA del 9 luglio 2014 ACCORDO QUADRO

Allegato alla Delibera n. 89 CdA del 9 luglio 2014 ACCORDO QUADRO ACCORDO QUADRO tra Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (di seguito denominato CNR), C.F. 80054330586, con sede in Roma, Piazzale Aldo Moro n. 7, rappresentato dal Prof. Luigi Nicolais, in qualità di

Dettagli

L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA

L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA Programma Strategico Regionale per la Ricerca, l Innovazione ed il Trasferimento Tecnologico per la IX legislatura 2011-2013 L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA Cinzia Felci Direttore Programmazione Economica Ricerca

Dettagli

Bando regionale Servizi innovativi e strategici per la crescita delle imprese giovanili innovative e creative DGR 9/2013. Bologna, 25 febbraio 2013

Bando regionale Servizi innovativi e strategici per la crescita delle imprese giovanili innovative e creative DGR 9/2013. Bologna, 25 febbraio 2013 Bando regionale Servizi innovativi e strategici per la crescita delle imprese giovanili innovative e creative DGR 9/2013 Bologna, 25 febbraio 2013 caratteristiche dei progetti Obiettivi: sostegno a giovani

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato - Linee guida per l accreditamento delle sedi e dei corsi di dottorato A. Requisiti necessari per l accreditamento dei corsi di dottorato delle Università. 1. Qualificazione scientifica della

Dettagli

Contratti di Sviluppo Informativa sulle domande presentate al 31 maggio 2012 Comitato di Sorveglianza Roma, 15 giugno 2012

Contratti di Sviluppo Informativa sulle domande presentate al 31 maggio 2012 Comitato di Sorveglianza Roma, 15 giugno 2012 Punto 5 dell Ordine del Giorno: Contratti di Sviluppo Informativa sulle domande presentate al 31 maggio 2012 Comitato di Sorveglianza Roma, 15 giugno 2012 Cosa sono i Contratti di Sviluppo Strumento attuativo

Dettagli

1. Trasferimento di conoscenze e azioni d informazione

1. Trasferimento di conoscenze e azioni d informazione 1. Trasferimento di conoscenze e azioni d informazione La misura concorre a promuovere l acquisizione di competenze e conoscenze tecniche e manageriali, la diffusione di innovazioni nei vari ambiti aziendali

Dettagli

Le azioni dell ARTI per il TT in Puglia

Le azioni dell ARTI per il TT in Puglia Le azioni dell ARTI per il TT in Puglia Dott.ssa Adriana Agrimi Coordinatore Tecnico ARTI Bari, 18 Febbraio 2009 - Expolavoro ARTI È l Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione l della Puglia

Dettagli

PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA: OPPORTUNITÀ GIOVANI. Una via innovativa per lo sviluppo nella Sicilia dei giovani

PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA: OPPORTUNITÀ GIOVANI. Una via innovativa per lo sviluppo nella Sicilia dei giovani PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA: OPPORTUNITÀ GIOVANI Una via innovativa per lo sviluppo nella Sicilia dei giovani Palermo lì 1 LE RAGIONI DEL PIANO I numeri ² la Sicilia è oggi la regione

Dettagli

LIFELONG LEARNING PROGRAMME. Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento

LIFELONG LEARNING PROGRAMME. Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento LIFELONG LEARNING PROGRAMME Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento permanente, o Lifelong Learning Programme (LLP), è stato istituito con decisione del Parlamento europeo e del

Dettagli

Circolare N.140 del 19 Settembre 2013

Circolare N.140 del 19 Settembre 2013 Circolare N.140 del 19 Settembre 2013 Smart & Start. Incentivi ed agevolazioni fino a 500.000 euro per i progetti innovativi al sud Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che Smart & Start

Dettagli

Descrizione della misura Titolo della misura Misura 1 - Trasferimento di conoscenze e azioni di informazione

Descrizione della misura Titolo della misura Misura 1 - Trasferimento di conoscenze e azioni di informazione Descrizione della misura Titolo della misura Misura 1 - Trasferimento di conoscenze e azioni di informazione Base giuridica Regolamento (UE) n. 1305/2013, Articolo 14 Regolamento (UE) n. 1303/2013 Descrizione

Dettagli

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO Fondo Crescita: bandi per progetti di R&S nei settori ICT e Industria Sostenibile Il Ministero dello Sviluppo Economico, con decreto del 15 ottobre 2014, pubblicato nella

Dettagli

Bando FIT in materia di ICT

Bando FIT in materia di ICT Scheda n 1 Obiettivo Bando FIT in materia di ICT Promuovere e diffondere nell ambito delle piccole e medie imprese l innovazione basata sulle tecnologie dell informazione e delle comunicazione (ICT) al

Dettagli

Opportunità finanziarie e. e Brevetti. Possibili canali di finanziamento ed registrazione e lo sviluppo di marchi e brevetti

Opportunità finanziarie e. e Brevetti. Possibili canali di finanziamento ed registrazione e lo sviluppo di marchi e brevetti Opportunità finanziarie e agevolazioni per la registrazione ione el industrializzazione di Marchi e Brevetti Possibili canali di finanziamento ed incentivo disponibili per la registrazione e lo sviluppo

Dettagli

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE PARERE n.21 "Approvazione delle Direttive di attuazione per sostenere la creazione e/o il potenziamento delle reti e dei cluster di imprese attraverso lo strumento del Contratto di Investimento ai sensi

Dettagli

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 Pierandrea Zotti Roma, 28 novembre 2008 Indice LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 1. Le politiche di sviluppo economico dell Unione Europea:

Dettagli

PIANO STRATEGICO REGIONALE PER LA RICERCA SCIENTIFICA, LO SVILUPPO TECNOLOGICO E L INNOVAZIONE L

PIANO STRATEGICO REGIONALE PER LA RICERCA SCIENTIFICA, LO SVILUPPO TECNOLOGICO E L INNOVAZIONE L PINO STRTEGICO REGIONLE PER L RICERC SCIENTIFIC, LO SVILUPPO TECNOLOGICO E L INNOVZIONE L 2008-10 BNDO PER L CONCESSIONE DI CONTRIBUTI SOSTEGNO DI TTIVIT DI RICERC INDUSTRILE, SVILUPPO SPERIMENTLE, INNOVZIONE

Dettagli

Politecnico di Torino: Lavoro, Imprese e Poli di Innovazione

Politecnico di Torino: Lavoro, Imprese e Poli di Innovazione Politecnico di Torino: Lavoro, Imprese e Poli di Innovazione Guido Saracco Presidente del CESAL, Centro Servizi per la sede di Alessadnria Alessandria 11.07.2011 30 29 Marzo Giugno 2010 2011 Area Supporto

Dettagli

Master Diritto e Ingegneria delle Imprese Aereo Spaziali D.I.A.S. Master Universitario di primo livello

Master Diritto e Ingegneria delle Imprese Aereo Spaziali D.I.A.S. Master Universitario di primo livello Università degli Studi di Roma "La Sapienza" Facoltà di Economia Sede di Latina Master Diritto e Ingegneria delle Imprese Aereo Spaziali D.I.A.S. Master Universitario di primo livello REGOLAMENTO Anno

Dettagli

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia Art. 1 (Innovazione nel sistema educativo di istruzione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE Emanato con decreto rettorale n. 9 del 12 novembre 2013 N.B. - Sostituisce

Dettagli

I s er e vi v zi z a s up u p p o p rto d e d l e la p a p rtec e ipa p zi z one n e d e d l e le

I s er e vi v zi z a s up u p p o p rto d e d l e la p a p rtec e ipa p zi z one n e d e d l e le I servizi a supporto della partecipazione delle imprese in Emilia-Romagna 24 gennaio 2014 ASTER ASTER Scienza Tecnologia Impresa Consorzio tra la Regione Emilia-Romagna, le Università, gli Enti di ricerca

Dettagli

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto.

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto. BANDO I PARCHI E LE AREE MARINE PROTETTE: UN PATRIMONIO UNICO DELL ITALIA Il contesto Il sistema delle Aree Naturali Protette in Italia (disciplinato dalla legge 394 del 6 dicembre 1991) rappresenta una

Dettagli

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: il prolungamento della gioventù, il ritardo nell accesso

Dettagli

BANDO INDUSTRIA SOSTENIBILE GRANDI PROGETTI DI RICERCA E SVILUPPO

BANDO INDUSTRIA SOSTENIBILE GRANDI PROGETTI DI RICERCA E SVILUPPO BANDO INDUSTRIA SOSTENIBILE GRANDI PROGETTI DI RICERCA E SVILUPPO Fondo per la crescita sostenibile": il Fondo di cui all articolo 23 del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni,

Dettagli

BONUS RICERCA E SVILUPPO. chiarimenti - interpretazioni - novità

BONUS RICERCA E SVILUPPO. chiarimenti - interpretazioni - novità BONUS RICERCA E SVILUPPO chiarimenti - interpretazioni - novità Ricerca e innovazione a costo zero Manuela Brotto Consorzio Ethics CHI SIAMO Il Consorzio Ethics è un Organismo di Ricerca (ODR) senza scopo

Dettagli

PROGETTO SPECIALE MULTIASSE PIÙ RICERCA E INNOVAZIONE

PROGETTO SPECIALE MULTIASSE PIÙ RICERCA E INNOVAZIONE Allegato 1 alla D.G.R. 14/11/2011, nr. 765 GIUNTA REGIONALE DELL'ABRUZZO PROGETTO SPECIALE MULTIASSE PIÙ RICERCA E INNOVAZIONE Con il presente progetto si intende, attraverso una Sovvenzione Globale (artt.

Dettagli

MANAGEMENT DELL INNOVAZIONE SOCIALE STRATEGICA LIVELLO I - EDIZIONE II A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DELL INNOVAZIONE SOCIALE STRATEGICA LIVELLO I - EDIZIONE II A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DELL INNOVAZIONE SOCIALE STRATEGICA LIVELLO I - EDIZIONE II A.A. 2015-2016 Presentazione È sempre più evidente che la rigenerazione del tessuto economico e sociale passa attraverso il cambiamento

Dettagli