ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLA CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI VARESE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLA CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI VARESE"

Transcript

1 ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLA CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI VARESE CORSO DI FORMAZIONE La Riforma della Legge Fallimentare nei suoi aspetti pratici 3 a giornata Venerdì 19 Maggio 2006 Esercitazioni pratiche 1 a Simulazione del procedimento di accertamento del passivo 2 a Redazione di un piano di liquidazione dell attivo 3 a Redazione relazione ex art. 33 nuovo testo 1

2 1 a PARTE SIMULAZIONE DEL PROCEDIMENTO DI ACCERTAMENTO DEL PASSIVO 2

3 SOMMARIO CONCORSO DEI CREDITORI (ART. 52 L.F.) ELENCO DEI CREDITORI E DEI TITOLARI DI DIRITTI REALI E PERSONALI SU BENI DEL FALLITO (ART. 89 L.F.) AVVISO AI CREDITORI E AGLI ALTRI INTERESSATI DOMANDA DI AMMISSIONE AL PASSIVO (ART L.F.) PROCEDIMENTI RELATIVI A DOMANDE DI RIVENDICA E RESTITUZIONE (ART. 103 L.F.) PROGETTO DI STATO PASSIVO E COMUNICAZIONE AI CREDITORI (ART. 95 L.F.) 3

4 ESAME DELLO STATO PASSIVO: UDIENZA DI DISCUSSIONE (ART. 95 L.F.) VERBALE DEL PROCEDIMENTO DI ACCERTAMENTO DEL PASSIVO (ART. 95 L.F.) FORMAZIONE ED ESECUTIVITA DELLO STATO PASSIVO (ART. 96 L.F.) COMUNICAZIONE DELL ESITO DEL PROCEDIMENTO DI ACCERTAMENTO DEL PASSIVO (ART. 97 L.F.) PREVISIONE DI INSUFFICIENTE REALIZZO (ART. 102 L.F.) DOMANDE TARDIVE DI CREDITI (ART. 101 L.F.) 4

5 CONCORSO DEI CREDITORI (ART. 52 L.F.) 5

6 Viene prevista l esclusività della concorsualità nella fase di accertamento del passivo: oltre ai crediti privilegiati e chirografari è solo in questa sede che vanno esaminati anche i crediti prededucibili ex art. 111 L.F. e ogni diritto reale o personale sui beni del fallito. 6

7 ELENCO DEI CREDITORI E DEI TITOLARI DI DIRITTI REALI E PERSONALI SU BENI DEL FALLITO (1) (ART. 89 L.F.) (1) da depositare in Cancelleria Fallimentare 7

8 CREDITORI n. nominativo credito privilegio chirografo

9 TITOLARI DI DIRITTI REALI E PERSONALI SU BENI DEL FALLITO n. nominativo titolo 1.. depositante 2.. locatore 3.. comodante

10 AVVISO AI CREDITORI E AGLI ALTRI INTERESSATI. DOMANDA DI AMMISSIONE AL PASSIVO (ART L.F.) 10

11 Dott Varese,... Signori Creditori L O R O S E D I (2) Oggetto: TRIBUNALE DI VARESE - FALLIMENTO - R.F. Ai sensi e per gli effetti dell art. 92 del R.D , n. 267 comunico che con sentenza n. del, depositata il, il Tribunale di Varese dichiarava il fallimento in epigrafe, nominando Giudice Delegato il Dott. e Curatore il sottoscritto. La sentenza stessa, fra l altro: a) stabilisce che l adunanza in cui si procederà all esame dello stato passivo si terrà il giorno (3) alle ore presso l Ufficio del Giudice Delegato Dott..; (2) a mezzo posta ovvero telefax o posta elettronica (3) entro il termine perentorio di non oltre 120 giorni dal deposito della sentenza 11

12 b) assegna ai creditori ed ai terzi che vantano diritti reali o personali su cose in possesso del fallito il termine perentorio di 30 giorni prima dell adunanza di cui al punto a) per la presentazione in Cancelleria Fallimentare delle domande di insinuazione. Al fine di agevolare la presentazione della domanda di ammissione al passivo si precisa quanto segue: 1) il ricorso, in carta libera, può essere sottoscritto personalmente e potrà essere spedito, anche in forma telematica o con altri mezzi di trasmissione, purché sia possibile fornire la prova della ricezione; 2) il ricorso dovrà contenere: a) l indicazione della Procedura cui si intende partecipare e le generalità del creditore; 12

13 b) la determinazione della somma che si intende insinuare al passivo, ovvero la descrizione del bene di cui si chiede la restituzione o la rivendicazione; c) la succinta esposizione dei fatti e degli elementi di diritto che costituiscono la ragione della domanda; d) l eventuale indicazione di un titolo di prelazione, anche in relazione alla graduazione del credito, nonché la descrizione del bene sul quale la prelazione si esercita, se questa ha carattere speciale; e) l indicazione del numero di telefax, l indirizzo di posta elettronica o l elezione di domicilio in un Comune nel Circondario ove ha sede il Tribunale, ai fini delle successive comunicazioni. E facoltà del creditore indicare, quale modalità di notificazione e di comunicazione, la trasmissione per posta elettronica o per telefax ed è onere dello stesso comunicare al curatore ogni variazione di domicilio o delle predette modalità. 13

14 3) se è omesso o assolutamente incerto uno dei requisiti di cui alle lettere a) b) c) del precedente punto 2) il ricorso è inammissibile; se è omesso o assolutamente incerto il requisito di cui alla lettera d) del precedente punto 2), il credito è considerato chirografario; se è omessa l indicazione di cui alla lettera e) del precedente punto 2), tutte le comunicazioni successive a quella con la quale il curatore dà notizia della esecutività dello stato passivo si effettuano presso la Cancelleria Fallimentare; 4) al ricorso vanno allegati i documenti dimostrativi del diritto del creditore ovvero del diritto del terzo che chiede la restituzione o rivendica il bene. 14

15 I documenti non presentati con la domanda devono essere depositati, a pena di decadenza, almeno 15 giorni prima dell udienza fissata per l esame dello stato passivo. Con osservanza. Il Curatore (Dott....) 15

16 PROCEDIMENTI RELATIVI A DOMANDE DI RIVENDICA E RESTITUZIONE (ART. 103 L.F.) 16

17 Per le domande di restituzione o rivendicazione è applicabile l art. 621 c.p.c. ossia non è possibile per l istante provare per testimoni la sussistenza dei pretesi diritti reali o personali su beni del fallito. Se il bene non è stato acquisito all attivo della procedura il titolare del diritto anche nel corso dell udienza di discussione dello stato passivo può modificare l originaria domanda e chiedere l ammissione al passivo del controvalore del bene alla data di apertura del concorso (*). Se il curatore perde il possesso della cosa dopo averla acquisita, il titolare del diritto può chiedere che il controvalore del bene sia corrisposto in prededuzione (*). (*) già previsto dall art. 79 L.F. 17

18 PROGETTO DI STATO PASSIVO (4) E COMUNICAZIONE AI CREDITORI (5) (ART. 95 L.F.) (4) da depositare in Cancelleria Fallimentare almeno 15 giorni prima dell udienza fissata per l esame dello stato passivo. (5) da inviare ai creditori e al fallito almeno 15 giorni prima dell udienza fissata per l esame dello stato passivo. 18

19 PROGETTO DI STATO PASSIVO elenco dei creditori n. creditore priv. insinuazione grado priv. chir. priv. proposta di ammissione grado priv. chir. motivate conclusioni 1 fornitore // 200 // 200 come da richiesta 2 dipendente 170 art bis n. 1 C.C. 3 fornitore 20 art c. 2 C.C. 4 professioni sta 150 art bis n. 2 C.C. // 170 art bis n. 1 C.C. // di cui 120 per TFR, oltre a rivalutazione monetaria e interessi legali fino all esecutività dello stato passivo 100 // 120 IVA al chirografo per mancata individuazione dei beni // 120 art bis n. 2 C.C. 30 IVA e cassa di previdenza al chirografo % 19

20 5 locatore 70 art C.C. // // // escluso perché documentazione priva di data certa 6 agente 90 // // 90 escluso il privilegio non essendo stato precisato il titolo di prelazione 7 fornitore // 120 // 115 escluso il residuo per errato conteggio degli interessi (oppure per mancata quantificazione del conteggio degli interessi) 8 ipotecario 130 art c. 2 C.C. e art C.C. // 121 art c. 2 C.C. e art C.C. 9 interessi al chirografo in quanto antecedenti il biennio

21 PROGETTO DI STATO PASSIVO elenco titolari di diritti su beni del fallito n. nominativo richiesta proposta motivate conclusioni 1.. restituzione beni in comodato 2.. rivendica beni in leasing richiesta respinta accolta richiesta carenza di documentazione avente data certa subordinatamente al rinvenimento dei beni 3.. restituzione beni in accolta richiesta subordinatamente al..... c/to deposito rinvenimento dei beni

22 Dott Varese,... COMUNICAZIONE AI CREDITORI Signori Creditori L O R O S E D I Oggetto: TRIBUNALE DI VARESE - FALLIMENTO - R.F. Ai sensi e per gli effetti dell art. 95 del R.D , n. 267 comunico che in data odierna è stato depositato presso la Cancelleria Fallimentare del Tribunale di Varese il progetto di stato passivo (6) del fallimento in epigrafe. Vi rendo noto che potete prenderne visione e presentare osservazioni scritte sino a 5 (cinque) giorni prima dell udienza fissata per l esame dello stato passivo. Con osservanza. Il Curatore (Dott....) (6) va depositato almeno 15 giorni prima dell udienza fissata per l esame dello stato passivo 22

23 ESAME DELLO STATO PASSIVO: UDIENZA DI DISCUSSIONE (ART. 95 L.F.) 23

24 All udienza fissata per l esame dello stato passivo, il Giudice Delegato, anche in assenza delle parti, decide su ciascuna domanda nei limiti delle conclusioni formulate ed avuto riguardo alle eccezioni del curatore, a quelle rilevabili d ufficio ed a quelle formulate dagli altri interessati. Il Giudice Delegato può procedere ad atti di istruzione su richiesta delle parti, compatibilmente con le esigenze di speditezza del procedimento. Il fallito può chiedere di essere sentito. 24

25 VERBALE DEL PROCEDIMENTO DI ACCERTAMENTO DEL PASSIVO (ART. 95 L.F.) 25

26 TRIBUNALE DI VARESE FALLIMENTO - R.F. VERBALE DEL PROCEDIMENTO DI ACCERTAMENTO DEL PASSIVO Il giorno alle ore, alla presenza del Giudice Delegato Dott., del curatore Dott., del fallito Sig. (se presente), dei creditori personalmente nonché dei creditori rispettivamente tramite gli Avv. si è tenuta l udienza di discussione per l esame dello stato passivo del fallimento in epigrafe. Esaminato il progetto di stato passivo predisposto dal curatore e valutate le eccezioni formulate, il Giudice Delegato, sentito anche il fallito (se presente), decide in ordine alle domande pervenute assumendo i provvedimenti di cui alle seguenti tabelle: 26

27 Tabella 1 - Creditori n. creditore priv. insinuazione grado priv. chir. priv. ammissione grado priv. chir. decisioni del G.D. 1 fornitore // 200 // 200 come da richiesta 2 dipendente 170 art bis n. 1 C.C. 3 fornitore 20 art c. 2 C.C. 4 professioni sta 150 art bis n. 2 C.C. // 170 art bis n. 1 C.C. // di cui 120 per TFR, oltre a rivalutazione monetaria e interessi legali fino all esecutività dello stato passivo 100 // 120 IVA al chirografo per mancata individuazione dei beni // 120 art bis n. 2 C.C. 30 IVA e cassa di previdenza al chirografo % 27

28 5 locatore 70 art C.C. // 70 art C.C. // come da richiesta in quanto la data certa risulta provata dallo scambio di corrispondenza in atti 6 agente 90 // // 90 escluso il privilegio non essendo stato precisato il titolo di prelazione 7 fornitore // 120 // 115 escluso il residuo per errato conteggio degli interessi (oppure per mancata quantificazione del conteggio degli interessi) 8 ipotecario 130 art. 2748, c. 2 C.C. e art C.C. // 121 art c. 2 C.C. e art C.C. 9 interessi al chirografo in quanto antecedenti il biennio

29 Tabella 2 Titolari di diritti su beni del fallito n. nominativo richiesta esito decisioni del G.D. 1.. restituzione beni in comodato 2.. rivendica beni in leasing 3.. restituzione beni in c/to deposito richiesta respinta accolta richiesta carenza di documentazione avente data certa subordinatamente al rinvenimento dei beni subordinatamente al rinvenimento dei beni accolta richiesta A questo punto avendo terminato l esame di tutte le domande, il Giudice Delegato dichiara chiuso il presente verbale. 29

30 oppure A questo punto, non avendo potuto terminare l esame di tutte le domande pervenute nei termini, le operazioni di verifica delle stesse vengono rinviate al (7) alle ore, senza ulteriore avviso per gli intervenuti e gli assenti. Varese,.. (7) non più di 8 giorni (termine ordinatorio) Il Giudice Delegato (Dott. ) 30

31 FORMAZIONE ED ESECUTIVITA DELLO STATO PASSIVO (ART. 96 L.F.) 31

32 Il Giudice Delegato Dott..., TRIBUNALE di VARESE S T A T O P A S S I V O FALLIMENTO.. R.F... DECRETO DI ESECUTIVITA - visto il presente stato passivo e preso atto che sono state ultimate in data. le operazioni di verifica dei crediti insinuati; - visto l art. 96 del R.D. 16 marzo 1942, n. 267, D I C H I A R A chiuso ed esecutivo a decorrere dal.. lo stato passivo del fallimento.. così come formato e ne ordina il deposito in Cancelleria Fallimentare a tutti gli effetti di Legge. Varese,. Depositato il.. Il Giudice Delegato (Dott...) 32

33 STATO PASSIVO elenco dei creditori n. creditore priv. insinuazione grado priv. chir. priv. ammissione grado priv. chir. decreto del G.D. 1 fornitore // 200 // 200 come da richiesta 2 dipendente 170 art bis n. 1 C.C. 3 fornitore 20 art c. 2 C.C. 4 professioni sta 150 art bis n. 2 C.C. // 170 art bis n. 1 C.C. // di cui 120 per TFR, oltre rivalutazione monetaria e interessi legali fino all esecutività dello stato passivo 100 // 120 IVA al chirografo per mancata individuazione dei beni // 120 art bis n. 2 C.C. 30 IVA e cassa di previdenza al chirografo % 33

34 5 locatore 70 art C.C. // 70 art C.C. // come da richiesta in quanto la data certa risulta provata dallo scambio di corrispondenza in atti 6 agente 90 // // 90 escluso il privilegio non essendo stato precisato il titolo di prelazione 7 fornitore // 120 // 115 escluso il residuo per errato conteggio degli interessi (oppure per mancata quantificazione del conteggio degli interessi) 8 ipotecario 130 art. 2748, c. 2 C.C. e art C.C. // 121 art c. 2 C.C. e art C.C. 9 interessi al chirografo in quanto antecedenti il biennio

35 STATO PASSIVO elenco titolari di diritti su beni del fallito n. nominativo richiesta esito decreto del G.D. 1.. restituzione beni in comodato 2.. rivendica beni in leasing richiesta respinta accolta richiesta carenza di documentazione avente data certa subordinatamente al rinvenimento dei beni 3.. restituzione beni in c/to deposito accolta richiesta subordinatamente al rinvenimento dei beni

36 COMUNICAZIONE DELL ESITO DEL PROCEDIMENTO DI ACCERTAMENTO DEL PASSIVO (8) (ART. 97 L.F.) (8) a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento, tramite telefax o posta elettronica quando il creditore abbia indicato tale modalità di comunicazione 36

37 Dott Varese,... Signori Creditori L O R O S E D I Oggetto: TRIBUNALE DI VARESE - FALLIMENTO - R.F. Ai sensi e per gli effetti dell art. 97 L.F. comunico che lo stato passivo del fallimento in epigrafe è stato chiuso e reso esecutivo in data e che lo stesso è stato depositato in Cancelleria Fallimentare. L esito della Sua/Vs. domanda è il seguente: privilegio:. // chirografo:. 200,00.= come da richiesta 37

38 oppure privilegio:. 170,00.= chirografo:. // di cui 120 per TFR, oltre a rivalutazione monetaria e interessi legali fino all esecutività dello stato passivo oppure privilegio:. // chirografo:. 120,00.= IVA al chirografo per mancata individuazione dei beni oppure... 38

39 Vi rendo noto che potete proporre opposizione, impugnazione dei crediti ammessi o revocazione ex art. 98 L.F. con ricorso depositato presso la Cancelleria Fallimentare entro 30 giorni dalla presente comunicazione. Con osservanza. Il Curatore (Dott..) 39

40 PREVISIONE DI INSUFFICIENTE REALIZZO (ART. 102 L.F.) 40

41 TRIBUNALE DI VARESE FALLIMENTO.. R.F. (9) Ecc.mo Tribunale, premesso - che in data alle ore è fissata l udienza per l esame dello stato passivo; - che, come si può rilevare dalla relazione sulle prospettive della liquidazione allegata al presente ricorso, non è prevedibile allo stato il realizzo di attività tale da (oppure che l attivo fin qui inventariato/realizzato sia tale da) consentire il soddisfacimento di nessuno dei creditori che hanno chiesto l ammissione al passivo, ad eccezione dei crediti prededucibili e delle spese di procedura. (10) (9) da depositarsi almeno 20 giorni prima dell udienza per l esame dello stato passivo (10) anche se tale condizione emerge nel caso delle eventuali udienze successive alla prima 41

42 lo scrivente curatore CHIEDE che questo Tribunale disponga il non farsi luogo al procedimento di accertamento del passivo in relazione ai crediti concorsuali. Con osservanza. Varese,.. Il Curatore (Dott...) Allegato: relazione sulle prospettive della liquidazione 42

43 - letto il ricorso che precede; Il Comitato dei Creditori - valutato quanto ivi contenuto e, in particolare, la relazione sulle prospettive della liquidazione, ESPRIME parere (favorevole/sfavorevole) in relazione all accoglimento dello stesso

44 - letto il ricorso che precede; Il Sig.. (fallito) - valutato quanto ivi contenuto e, in particolare, la relazione sulle prospettive della liquidazione, ESPRIME parere (favorevole/sfavorevole) in relazione all accoglimento dello stesso.. 44

45 Il Tribunale di Varese riunito in Camera di Consiglio nella persona dei seguenti Magistrati: Dott.. (Presidente) Dott.. (Giudice Relatore) Dott.. (Giudice) - letto il ricorso che precede, - visto il parere favorevole espresso dal Comitato dei Creditori e dal fallito, - tenuto conto dell assoluta mancanza di attivo (oppure che l attivo acquisibile e realizzabile) non consente fondatamente il soddisfacimento di nessuno dei creditori che hanno chiesto l ammissione al passivo, ad eccezione dei crediti prededucibili e delle spese di procedura, 45

46 P.Q.M. DISPONE di non farsi luogo al procedimento di accertamento del passivo in relazione ai crediti concorsuali. Varese,.. Il Giudice Relatore Il Presidente (Dott..) (Dott...) 46

47 COMUNICAZIONE DEL DECRETO DI INSUFFICIENTE REALIZZO Dott Varese,... Signori Creditori L O R O S E D I (11) Oggetto: TRIBUNALE DI VARESE - FALLIMENTO - R.F. Ai sensi e per gli effetti dell art. 102 del R.D , n. 267 Vi rendo noto che il Tribunale di Varese con decreto del ha disposto di non farsi luogo al procedimento di accertamento del passivo in relazione ai crediti concorsuali poiché l assoluta mancanza di attivo (oppure poiché l attivo acquisibile) non consente alcuna distribuzione ai creditori che hanno chiesto l ammissione al passivo fallimentare, ad eccezione dei crediti prededucibili e delle spese di procedura. (11) entro 15 giorni dalla presente comunicazione possono presentare reclamo alla Corte d Appello che provvede con decreto in Camera di Consiglio sentito il reclamante, il curatore, il Comitato dei Creditori e il fallito. 47

48 Nei 15 giorni successivi alla presente comunicazione potete presentare reclamo alla Corte d Appello ex art. 102, comma 2 L.F. Con osservanza. Il Curatore (Dott...) 48

49 DOMANDE TARDIVE (12) DI CREDITI (ART. 101 L.F.) (12) si considerano tali le domande depositate in Cancelleria Fallimentare oltre il termine di 30 giorni prima dell udienza fissata per la verifica del passivo e non oltre quello di 12 mesi (massimo 18 mesi se previsto in sentenza) dal deposito del decreto di esecutività dello stato passivo. 49

50 Dott Varese,... Signori Creditori L O R O S E D I Oggetto: TRIBUNALE DI VARESE - FALLIMENTO - R.F. Ai sensi e per gli effetti dell art. 101 L.F. Vi rendo noto che la domanda di ammissione oppure di restituzione/rivendicazione da Voi depositata in data è da considerarsi tardiva. L udienza per l esame della domanda da Voi presentata è fissata per il giorno alle ore presso l Ufficio del Giudice Delegato Dott... Con osservanza. Il Curatore (Dott. ) 50

Il curatore avrà cura di compilare le parti evidenziate in rosa lasciando. al GD le aree evidenziate in rosso e quelle non evidenziate che

Il curatore avrà cura di compilare le parti evidenziate in rosa lasciando. al GD le aree evidenziate in rosso e quelle non evidenziate che Il curatore avrà cura di compilare le parti evidenziate in rosa lasciando al GD le aree evidenziate in rosso e quelle non evidenziate che verranno compilate dal gd in udienza (v. presenza parti) Il curatore

Dettagli

FALLIMENTO MAXWORK S.P.A. AGENZIA PER IL LAVORO. Collegio di Curatori: Dott. Augusto Tucci - Avv. Nicola Brambati - Dott.

FALLIMENTO MAXWORK S.P.A. AGENZIA PER IL LAVORO. Collegio di Curatori: Dott. Augusto Tucci - Avv. Nicola Brambati - Dott. Comunicazione a mezzo PEC (o Raccomandata R/R) Bergamo, 10 giugno 2015 AI CREDITORI LORO SEDI/RESIDENZE/DOMICILI Fallimento Maxwork Spa Agenzia per il Lavoro - R.G. n. 155/15 Sentenza n. 158/2015 emessa

Dettagli

DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99

DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99 DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99 Le modifiche introdotte dal DL Sviluppo bis in materia concorsuale riguardano:

Dettagli

IL RECUPERO IVA SUI CREDITI INESIGIBILI

IL RECUPERO IVA SUI CREDITI INESIGIBILI IL RECUPERO IVA SUI CREDITI INESIGIBILI 1 A R T. 2 6 D. P. R. 6 3 3 / 1 9 7 2 C O N D I Z I O N I T E R M I N I E M O N I T O R A G G I O W O R K S H O P GISI 8 O T T O B R E 2 0 1 4 Dott. Bellavite Pellegrini

Dettagli

LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA IL CONCORDATO PREVENTIVO

LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA IL CONCORDATO PREVENTIVO LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA STEP 1: presentazione della domanda Presentazione al Tribunale competente dell istanza per accedere alla procedura di concordato

Dettagli

ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDE DI DIRITTO CONCORSUALE N. 01/2014

ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDE DI DIRITTO CONCORSUALE N. 01/2014 ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDE DI DIRITTO CONCORSUALE N. 01/2014 COMUNICAZIONI AI CREDITORI: I NUOVI ADEMPIMENTI TELEMATICI RIFERIMENTI NORMATIVI: PREMESSA: Art. 17 del D.L.

Dettagli

Il Tribunale di Udine, sezione civile, DECRETO

Il Tribunale di Udine, sezione civile, DECRETO Il Tribunale di Udine, sezione civile, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati dott. Alessandra Bottan Griselli dott. Francesco Venier Presidente; Giudice dott. Mimma Grisafi Giudice

Dettagli

ADEMPIMENTI PER LA CHIUSURA DEL FALLIMENTO

ADEMPIMENTI PER LA CHIUSURA DEL FALLIMENTO ADEMPIMENTI PER LA CHIUSURA DEL FALLIMENTO CONTROLLI 1. Controllare attentamente che tutti i beni siano stati venduti, non ci siano crediti da riscuotere (eventualmente cederli e abbandonare quelli inesigibili)

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI TORINO SESTA SEZIONE CIVILE FALLIMENTI. Fallimento n. 133/13: PLAISIR ITALIA s.r.l.

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI TORINO SESTA SEZIONE CIVILE FALLIMENTI. Fallimento n. 133/13: PLAISIR ITALIA s.r.l. TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI TORINO SESTA SEZIONE CIVILE FALLIMENTI Fallimento n. 133/13: PLAISIR ITALIA s.r.l. Presidente e Giudice Delegato: Dott.ssa Giovanna Carla DOMINICI Curatore: Dott.ssa Bianca

Dettagli

PROBLEMATICHE PRATICO OPERATIVE DI APPLICAZIONE DELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENTARE

PROBLEMATICHE PRATICO OPERATIVE DI APPLICAZIONE DELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENTARE Gruppo di Studio PROBLEMATICHE PRATICO OPERATIVE DI APPLICAZIONE DELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENTARE (POST DECRETO CORRETTIVO D. LGS. N. 169/2007 pubblicato in G.U. 16 ottobre 2007 n. 241 entrato in

Dettagli

PROGETTO DI RIPARTIZIONE FINALE DELL'ATTIVO II VERSIONE

PROGETTO DI RIPARTIZIONE FINALE DELL'ATTIVO II VERSIONE STUDIO Franco Baiguera e Giovanni Peli Dottori Commercialisti Associati Via San Giovanni Bosco, 1/e 25125 Brescia Tel: 0302425912 Fax: 0305531255 TRIBUNALE DI BRESCIA Fallimento CONOVARA Srl N. 283/2004

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA AVVISO EX ART.92 L.F. FALLIMENTO <> << Società fallita>>

TRIBUNALE DI ROMA AVVISO EX ART.92 L.F. FALLIMENTO <<numero ed anno del fallimento>> << Società fallita>> TRIBUNALE DI ROMA AVVISO EX ART.92 L.F. FALLIMENTO > Si informa che con Sentenza il Tribunale di Roma ha dichiarato il fallimento

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI VIGEVANO *************************************

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI VIGEVANO ************************************* ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI VIGEVANO ************************************* Verbale di riunione dei componenti della commissione del 14 maggio

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

L insinuazione al passivo dei crediti da lavoro

L insinuazione al passivo dei crediti da lavoro L insinuazione al passivo dei crediti da lavoro Fabio Zuliani Dottore commercialista e revisore contabile in Udine Consulente tecnico del Giudice presso i Tribunali di Udine e Gorizia 1 Fabio Zuliani Dottore

Dettagli

LE MODALITA OPERATIVE NEI: FALLIMENTI CONCORDATI PREVENTIVI AMMINISTRAZIONI STRAORDINARIE LIQUIDAZIONI COATTE AMMINISTRATIVE.

LE MODALITA OPERATIVE NEI: FALLIMENTI CONCORDATI PREVENTIVI AMMINISTRAZIONI STRAORDINARIE LIQUIDAZIONI COATTE AMMINISTRATIVE. LE MODALITA OPERATIVE NEI: FALLIMENTI CONCORDATI PREVENTIVI AMMINISTRAZIONI STRAORDINARIE LIQUIDAZIONI COATTE AMMINISTRATIVE. Suggeriamo le modalità operative a cui i Curatori e amministratori dovranno

Dettagli

Avv. Giorgio Cesare Amerio Avv. Giuseppe Vitrani PROCESSO TELEMATICO LE ESECUZIONI INDIVIDUALI E CONCORSUALI

Avv. Giorgio Cesare Amerio Avv. Giuseppe Vitrani PROCESSO TELEMATICO LE ESECUZIONI INDIVIDUALI E CONCORSUALI Avv. Giorgio Cesare Amerio Avv. Giuseppe Vitrani PROCESSO TELEMATICO LE ESECUZIONI INDIVIDUALI E CONCORSUALI PROGRAMMA Aspetti comuni alle procedure concorsuali nel processo telematico Le procedure esecutive

Dettagli

F ABIO AMENDOLA Dottore Commercialista Revisore Contabile

F ABIO AMENDOLA Dottore Commercialista Revisore Contabile F ABIO AMENDOLA Dottore Commercialista Revisore Contabile Alto Sele Srl Inviata tramite e-mail PEC all'indirizzo info@pec.altosele.it Via Macchia, 3 84020 Colliano SA Italia SALERNO, 28/03/2013 Oggetto:

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI PERUGIA UFFICIO REGISTRO IMPRESE LE PROCEDURE CONCORSUALI DOPO LA RIFORMA DELLA LEGGE

CAMERA DI COMMERCIO DI PERUGIA UFFICIO REGISTRO IMPRESE LE PROCEDURE CONCORSUALI DOPO LA RIFORMA DELLA LEGGE www.pg.camcom.gov.it CAMERA DI COMMERCIO DI PERUGIA UFFICIO REGISTRO IMPRESE LE PROCEDURE CONCORSUALI DOPO LA RIFORMA DELLA LEGGE MANUALE OPERATIVO PER GLI ADEMPIMENTI REGISTRO IMPRESE IN MATERIA DI FALLIMENTO,

Dettagli

PROTOCOLLO DELLE ESECUZIONI IMMOBILIARI

PROTOCOLLO DELLE ESECUZIONI IMMOBILIARI Valore Prassi VERONA PROTOCOLLO DELLE ESECUZIONI IMMOBILIARI - PARTE PRIMA - 1) Art. 474 c.p.c.: titolo esecutivo. 1.a) Le scritture private autenticate vanno integralmente trascritte nell atto di precetto.

Dettagli

VERBALE DI UDIENZA DI VENDITA

VERBALE DI UDIENZA DI VENDITA N. / R.G.E. TRIBUNALE DI RIETI VERBALE DI UDIENZA DI VENDITA Oggi alle ore, avanti al giudice dr.ssa V. Cacace nella procedura esecutiva a carico di _ con l assistenza del sottoscritto Segretario di Cancelleria,

Dettagli

www.lascalaw.com www.iusletter.com

www.lascalaw.com www.iusletter.com LaScala studio legale in association with Field Fisher Waterhouse Focus on VADEMECUM: COMUNICAZIONI TELEMATICHE E DEPOSITO DEGLI ATTI NELLE PROCEDURE CONCORSUALI EX D.L. 179/2012 Marzo 2013 www.lascalaw.com

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese Assolombarda - CdS slides 3 1 Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese VITO DATTOLICO Coordinatore Giudici di Pace di Milano Milano, 7

Dettagli

www.unijuris.it R E P U B B L I C A I T A L I A N A

www.unijuris.it R E P U B B L I C A I T A L I A N A N. /09 R.A.C.C. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Udine, sezione civile, composto dai Signori Magistrati: dott. Alessandra BOTTAN PRESIDENTE dott. Gianfranco

Dettagli

Tribunale di Pescara Fallimento VALFINO CARNI S.R.L. R.F. n. 101/2014 Avviso ai creditori ex art. 92 L.F.

Tribunale di Pescara Fallimento VALFINO CARNI S.R.L. R.F. n. 101/2014 Avviso ai creditori ex art. 92 L.F. Andrea Ramon Sapienza Dottore Commercialista Revisore Contabile A tutti i creditori - loro sedi Gianluca De Marinis Dottore Commercialista Revisore Contabile Daniela Delle Fave Dottore Commercialista Revisore

Dettagli

COMPAGNIA TIRRENA DI ASSICURAZIONI S.p.A. in liquidazione coatta amministrativa PIANO DI RIPARTO PARZIALE RELAZIONE INTRODUTTIVA

COMPAGNIA TIRRENA DI ASSICURAZIONI S.p.A. in liquidazione coatta amministrativa PIANO DI RIPARTO PARZIALE RELAZIONE INTRODUTTIVA COMPAGNIA TIRRENA DI ASSICURAZIONI S.p.A. in liquidazione coatta amministrativa PIANO DI RIPARTO PARZIALE RELAZIONE INTRODUTTIVA Il presente piano di riparto è stato predisposto a seguito di ricognizione

Dettagli

OGGETTO: INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA DELLA POSIZIONE PREVIDENZIALE COMPLEMENTARE DI CUI ALL ART. 5 DEL D.LGS. 80/92

OGGETTO: INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA DELLA POSIZIONE PREVIDENZIALE COMPLEMENTARE DI CUI ALL ART. 5 DEL D.LGS. 80/92 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Coordinamento Generale Legale Roma, 22 Febbraio 2008 Circolare n. 23 Allegati 14 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 2714 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro delle attività produttive (MARZANO) di concerto col Ministro

Dettagli

TRIBUNALE DI PROC. PENALE N.. R.G.N.R. Il sottoscritto. nato a e residente a.in qualità di

TRIBUNALE DI PROC. PENALE N.. R.G.N.R. Il sottoscritto. nato a e residente a.in qualità di TRIBUNALE DI PROC. PENALE N.. R.G.N.R. ATTO DI COSTITUZIONE PARTE CIVILE Il sottoscritto. nato a e residente a.in qualità di curatore del fallimento in liquidazione con sede in. Fall. N. G.D.. autorizzato

Dettagli

Previdenza complementare: istruzioni Inps per l intervento del Fondo di Garanzia Francesco Ernandes Consulente del lavoro in Roma

Previdenza complementare: istruzioni Inps per l intervento del Fondo di Garanzia Francesco Ernandes Consulente del lavoro in Roma Previdenza complementare: istruzioni Inps per l intervento del Fondo di Garanzia Francesco Ernandes Consulente del lavoro in Roma L Inps, con circolare 22 febbraio 2008, n. 23, fornisce le istruzioni operative

Dettagli

Comune di Palagianello Provincia di Taranto

Comune di Palagianello Provincia di Taranto Comune di Palagianello Provincia di Taranto REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI (I.C.I.) RELATIVAMENTE ALLE AREE EDIFICABILI ai sensi dell articolo 13 della legge

Dettagli

EUROPEAN INSURANCE GROUP LIMITED

EUROPEAN INSURANCE GROUP LIMITED EUROPEAN INSURANCE GROUP LIMITED Sede: The Penthouse, Office 1, Suite 2, Capital Business Centre, Entrance C, Triq Taz- Zwejt, San Gwann, SGN 3000, Malta Capitale sociale: 5.500.000 int. versato Numero

Dettagli

Indice La Chiusura Della Procedura Fallimentare ------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice La Chiusura Della Procedura Fallimentare ------------------------------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO FALLIMENTARE LEZIONE IX LA CHIUSURA DELLA PROCEDURA FALLIMENTARE E L ESDEBITAZIONE PROF. SIMONE LABONIA Indice 1 La Chiusura Della Procedura Fallimentare -------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità

L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità Nelle controversie in materia di invalidità, cecità, sordità civili, nonché di handicap, disabilità,

Dettagli

ORDINANZA N. 447 ANNO 2007 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente -

ORDINANZA N. 447 ANNO 2007 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente - ORDINANZA N. 447 ANNO 2007 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente - Giovanni Maria FLICK Giudice - Francesco AMIRANTE " -

Dettagli

Regolamento operativo

Regolamento operativo Fondo Nazionale di Garanzia (Art. 62, comma 1, decreto legislativo 23 luglio 1996, n. 415) Regolamento operativo Settembre 2010 Fondo Nazionale di Garanzia (Art. 62, comma 1, decreto legislativo 23 luglio

Dettagli

Data aggiornamento: 16 gennaio 2014

Data aggiornamento: 16 gennaio 2014 Adempimenti al Registro Imprese previsti dalla Legge Fallimentare e normative ad essa collegate in capo al Curatore Fallimentare ai Commissari e Liquidatori Giudiziali Data aggiornamento: 16 gennaio 2014

Dettagli

LA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENTARE GLI ADEMPIMENTI NEI CONFRONTI DEL REGISTRO DELLE IMPRESE

LA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENTARE GLI ADEMPIMENTI NEI CONFRONTI DEL REGISTRO DELLE IMPRESE LA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENTARE GLI ADEMPIMENTI NEI CONFRONTI DEL REGISTRO DELLE IMPRESE SOMMARIO A - FALLIMENTO B - CONCORDATO FALLIMENTARE C - CONCORDATO PREVENTIVO D - LIQUIDAZIONE COATTA AMMINISTRATIVA

Dettagli

T R I B U N A L E D I C A T A N I A Sezione Sesta civile Ufficio esecuzioni immobiliari. PROCEDURE ESECUTIVE IMMOBILIARI Informazioni per il pubblico.

T R I B U N A L E D I C A T A N I A Sezione Sesta civile Ufficio esecuzioni immobiliari. PROCEDURE ESECUTIVE IMMOBILIARI Informazioni per il pubblico. T R I B U N A L E D I C A T A N I A Sezione Sesta civile Ufficio esecuzioni immobiliari PROCEDURE ESECUTIVE IMMOBILIARI Informazioni per il pubblico. 1. Come si viene a conoscenza delle vendite giudiziarie

Dettagli

COMUNE di CAPUA Provincia di Caserta

COMUNE di CAPUA Provincia di Caserta COMUNE di CAPUA Provincia di Caserta COPIA di DELIBERAZIONE della GIUNTA MUNICIPALE N 153 del 10.07.2012 Oggetto: Vertenza Comune di Capua/ Serit S.p.A. Presa atto parere legale Ambito di Settore: Amministrativo

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Corso Avanzato di Formazione Professionale

Corso Avanzato di Formazione Professionale Corso Avanzato di Formazione Professionale GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NELL AMBITO DELLE PROCEDURE CONCORSUALI Diritto dei Contratti, Diritto Fallimentare e Crisi D impresa MODULO 1: Diritto dei Contratti

Dettagli

N 62/1998 R.G.E. (riunita con le proc. esec. N. 74/98, 101/98, 02/99, 13/99, 24/99, 50/99, 57/99, 59/99, 86/99)

N 62/1998 R.G.E. (riunita con le proc. esec. N. 74/98, 101/98, 02/99, 13/99, 24/99, 50/99, 57/99, 59/99, 86/99) TRIBUNALE CIVILE DI VASTO AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE SENZA INCANTO DELEGATA N 62/1998 R.G.E. (riunita con le proc. esec. N. 74/98, 101/98, 02/99, 13/99, 24/99, 50/99, 57/99, 59/99, 86/99) Il professionista

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

TABELLA B DIRITTI DI AVVOCATO

TABELLA B DIRITTI DI AVVOCATO TABELLA B DIRITTI DI AVVOCATO I PROCESSO DI COGNIZIONE E PROCEDIMENTI SPECIALI E CAMERALI DAVANTI AI GIUDICI ORDINARI, AI GIUDICI AMMINISTRATIVI, TRIBUTARI E SPECIALI, AGLI ARBITRI D AUTORITÀ, COMMISSIONI

Dettagli

Inventario, custodia e reperimento delle attività

Inventario, custodia e reperimento delle attività Inventario, custodia e reperimento delle attività Genova 28 marzo 2014 La gestione della crisi d impresa Dott. Marco Abbondanza abbondanzamarco@odcge.it Effetti sul patrimonio del fallito LO SPOSSESSAMENTO

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI GENOVA Ufficio Esecuzioni Immobiliari * * * Procedura esecutiva n. 521/2014 R.G.E. A cura di: ITALFONDIARIO S.P.A. - Avv. E. LAVATELLI * * * AVVISO DI VENDITA Il sottoscritto Dott.

Dettagli

Le fasi iniziali del processo esecutivo

Le fasi iniziali del processo esecutivo Capitolo 4 Le fasi iniziali del processo esecutivo Caso 4.1 Come si procede alla stima dei beni pignorati? A norma dell art. 569, comma 1, c.p.c. il giudice nomina l esperto per procedere alla stima del

Dettagli

LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO. Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014

LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO. Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014 LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014 Le principali novità Iscrizione a ruolo del processo esecutivo per espropriazione (art. 518 co.6)

Dettagli

I documenti I documenti richiesti, come da modello Inps Mod. TFR/CL- COD. SR50 che si riporta per estratto di seguito, sono i seguenti:

I documenti I documenti richiesti, come da modello Inps Mod. TFR/CL- COD. SR50 che si riporta per estratto di seguito, sono i seguenti: Informazioni operative per coloro che desiderano richiedere l intervento del Fondo di garanzia INPS per la liquidazione del TFR e/o dei crediti di lavoro diversi. Le presenti istruzioni operative vogliono

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

CRISI D IMPRESA, CONCORDATI E FALLIMENTO MASTER DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

CRISI D IMPRESA, CONCORDATI E FALLIMENTO MASTER DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE La Forum srl organizza per il periodo Maggio/Luglio 2014 CRISI D IMPRESA, CONCORDATI E FALLIMENTO MASTER DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE DIREZIONE SCIENTIFICA Cons. Fabrizio Di Marzio Magistrato

Dettagli

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA GIOVANNI CHIABA Via Cristofoli, 18 33058 SAN GIORGIO DI NOGARO (Provincia di Udine)

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA GIOVANNI CHIABA Via Cristofoli, 18 33058 SAN GIORGIO DI NOGARO (Provincia di Udine) Prot. 3496 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI per la copertura di: N. 1 POSTO DI OPERATORE SOCIO SANITARIO CATEGORIA B Livello Super A TEMPO INDETERMINATO CON PRESTAZIONE LAVORATIVA A TEMPO PIENO.

Dettagli

TRIBUNALE DI NAPOLI SEZIONE FALLIMENTARE ORDINANZA. nel procedimento n. 17597/2009 RG, avente ad oggetto: accertamento tecnico preventivo, e vertente

TRIBUNALE DI NAPOLI SEZIONE FALLIMENTARE ORDINANZA. nel procedimento n. 17597/2009 RG, avente ad oggetto: accertamento tecnico preventivo, e vertente Tribunale di Napoli - Sez. Fallimentare 7 agosto 2009 (data decisione), ord. TRIBUNALE DI NAPOLI SEZIONE FALLIMENTARE ORDINANZA nel procedimento n. 17597/2009 RG, avente ad oggetto: accertamento tecnico

Dettagli

Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali)

Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali) Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali) 1. Le disposizioni di cui ai commi 1, 2 e 3 dell articolo 16-bis del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni,

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Avv. Angelo Cugini www.iuslaw.it . La PEC è uno strumento che, al pari della posta elettronica ordinaria consente la trasmissione un documento informatico composto dal testo

Dettagli

L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d.

L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d. L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d.S- problemi procedurali Come è noto l ipoteca è un diritto reale di garanzia

Dettagli

SOCIETA MUTUA PER L AUTOGESTIONE - MAG

SOCIETA MUTUA PER L AUTOGESTIONE - MAG SOCIETA MUTUA PER L AUTOGESTIONE - MAG STATUTO ART. 1 E costituita a norma della legge 15 aprile 1886 n. 3818 una società di mutuo soccorso, denominata Società Mutua per l Autogestione - MAG. La società

Dettagli

FIRENZE - GIOVEDÌ 14 MARZO 2013

FIRENZE - GIOVEDÌ 14 MARZO 2013 I NUOVI ADEMPIMENTI TELEMATICI NELLE PROCEDURE CONCORSUALI A L E S S A N D R O T O R C I N I LA NUOVA DISCIPLINA DELLA COMUNICAZIONE TELEMATICA DEGLI ATTI NELLE PROCEDURE CONCORSUALI NUOVI COMPITI ED ONERI

Dettagli

FONDAV A TUTTI GLI ISCRITTI ALLE OO.SS./AA.PP.

FONDAV A TUTTI GLI ISCRITTI ALLE OO.SS./AA.PP. FONDAV Fondo Pensione Complementare Personale Navigante di Cabina Sede legale e uffici: Piazza Barberini, 52 00187 Roma Telefono: 06/37355418 Telefax: 06/37519629 E-mail: segreteria.fondav@ci-spa.it Codice

Dettagli

TRIBUNALE DI ATTO DI PIGNORAMENTO PRESSO TERZI. ), residente in, Via, elettivamente domiciliato in presso e nello studio

TRIBUNALE DI ATTO DI PIGNORAMENTO PRESSO TERZI. ), residente in, Via, elettivamente domiciliato in presso e nello studio TRIBUNALE DI ATTO DI PIGNORAMENTO PRESSO TERZI Il Sig., nato a il, (c.f.: ), residente in, Via, elettivamente domiciliato in presso e nello studio dell Avv. (c.f.: pec: - fax ) che lo rappresenta e difende

Dettagli

Città di Lecce SETTORE TRIBUTI E FISCALITA LOCALE

Città di Lecce SETTORE TRIBUTI E FISCALITA LOCALE Città di Lecce SETTORE TRIBUTI E FISCALITA LOCALE Regolamento per la Definizione Agevolata dei Tributi locali minori ICP e DPA (Art. 13, Legge 27 dicembre 2002, n. 289 e art.24, D.Lgs. 15 novembre 1993,

Dettagli

FOCUS. Esercitazioni pratiche sulle procedure concorsuali. Bologna, dal 21 al 28 novembre 2014

FOCUS. Esercitazioni pratiche sulle procedure concorsuali. Bologna, dal 21 al 28 novembre 2014 FOCUS Esercitazioni pratiche sulle procedure concorsuali Bologna, dal 21 al 28 novembre 2014 Programma I incontro 21 novembre CONCORDATO PREVENTIVO Ricorso per l ammissione al concordato preventivo Concordato

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO Tribunale di Roma, Sez. Lavoro, 4 febbraio 2013 TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO Il Giudice designato, Dott. E. FOSCOLO Nelle cause riunite 16964/12 e 16966/12 TRA M.V. e M.G.S. Domiciliati in Roma, presso

Dettagli

COMUNE DI RIESI. (Provincia di Caltanissetta) REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI. Articoli del Regolamento

COMUNE DI RIESI. (Provincia di Caltanissetta) REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI. Articoli del Regolamento COMUNE DI RIESI (Provincia di Caltanissetta) REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI Articoli del Regolamento Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art.

Dettagli

Dott.ssa Manuela Massenz Giudice della III Sezione Tribunale di Milano

Dott.ssa Manuela Massenz Giudice della III Sezione Tribunale di Milano Dott.ssa Manuela Massenz Giudice della III Sezione Tribunale di Milano IL PROGETTO DI DISTRIBUZIONE Convegno Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Milano 1 Le esecuzioni immobiliari

Dettagli

TRIBUNALE DI MODENA CANCELLERIA DEI FALLIMENTI. Fallimento N. 103/99 MUNDICI ARREDAMENTI S.N.C., di MUNDICI

TRIBUNALE DI MODENA CANCELLERIA DEI FALLIMENTI. Fallimento N. 103/99 MUNDICI ARREDAMENTI S.N.C., di MUNDICI TRIBUNALE DI MODENA CANCELLERIA DEI FALLIMENTI Fallimento N. 103/99 MUNDICI ARREDAMENTI S.N.C., di MUNDICI ROMANO, e MUNDICI SILVANO, nonché dei soci Mundici Romano e Mundici Silvano Giudice Delegato:

Dettagli

TRIBUNALE DI CREMONA. Sezione fallimentare. FALLIMENTO: CMF + NUOVA TECNO SRL sede in Cremona, V. Milano n. 18

TRIBUNALE DI CREMONA. Sezione fallimentare. FALLIMENTO: CMF + NUOVA TECNO SRL sede in Cremona, V. Milano n. 18 Fall. n. 7/2013 TRIBUNALE DI CREMONA Sezione fallimentare FALLIMENTO: CMF + NUOVA TECNO SRL sede in Cremona, V. Milano n. 18 Giudice Delegato : Dott.ssa Maria Marta Cristoni Curatore: Dott. Ernesto Quinto

Dettagli

REPLY S.p.A. Sede legale in Torino, Corso Francia n. 110. Capitale Sociale versato di 4.863.485,64. Registro delle Imprese di Torino n.

REPLY S.p.A. Sede legale in Torino, Corso Francia n. 110. Capitale Sociale versato di 4.863.485,64. Registro delle Imprese di Torino n. REPLY S.p.A. Sede legale in Torino, Corso Francia n. 110 Capitale Sociale versato di 4.863.485,64 Registro delle Imprese di Torino n. 97579210010 Codice fiscale n. 97579210010 Partita IVA n. 08013390011

Dettagli

COMUNE DI CELANO. Regolamento per la disciplina del condono fiscale sui tributi locali (art. 13 Legge 27 dicembre 2002 n.289)

COMUNE DI CELANO. Regolamento per la disciplina del condono fiscale sui tributi locali (art. 13 Legge 27 dicembre 2002 n.289) COMUNE DI CELANO Regolamento per la disciplina del condono fiscale sui tributi locali (art. 13 Legge 27 dicembre 2002 n.289) CAPO I TRIBUTI CONDONABILI, CONDIZIONI E BENEFICI Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

CORTE D APPELLO DI MILANO. Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia. Dott.ssa Anna Maria Paganoni

CORTE D APPELLO DI MILANO. Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia. Dott.ssa Anna Maria Paganoni N. 826/07R. R. Vol. G. CORTE D APPELLO DI MILANO Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia La Corte, riunita in camera di consiglio nelle persone dei signori Dott.ssa Anna Maria Paganoni Dott.

Dettagli

ORDINE DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO. Lo stato passivo. A cura della

ORDINE DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO. Lo stato passivo. A cura della ORDINE DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Lo stato passivo A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale INDICE Premessa pag. 1 Modello di progetto di stato

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di RIMINI sezione CIVILE

TRIBUNALE ORDINARIO di RIMINI sezione CIVILE N. R.G. 4925/2012 TRIBUNALE ORDINARIO di RIMINI sezione CIVILE Oggi 20 novembre 2014, alle ore 10.30, innanzi al Giudice dott. DARIO BERNARDI, sono comparsi: L avv. PRESTIA CRISTIAN per parte attrice il

Dettagli

COMUNICAZIONI RELATIVE ALLA RIFORMA DEL PROCESSO ESECUTIVO D.L.132/2014

COMUNICAZIONI RELATIVE ALLA RIFORMA DEL PROCESSO ESECUTIVO D.L.132/2014 COMUNICAZIONI RELATIVE ALLA RIFORMA DEL PROCESSO ESECUTIVO D.L.132/2014 Con l entrata in vigore della riforma del processo esecutivo ex D.L. 132/2014, limitatamente agli aspetti pratici e in attesa di

Dettagli

Giornata di formazione sulla vendita competitiva a mezzo asta notarile telematica nelle procedure concorsuali

Giornata di formazione sulla vendita competitiva a mezzo asta notarile telematica nelle procedure concorsuali Giornata di formazione sulla vendita competitiva a mezzo asta notarile telematica nelle procedure concorsuali Firenze, martedì 26 maggio 2015 Università degli Studi di Firenze - Scuola di Economia e Management

Dettagli

IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO

IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO La Riforma Fornero (L. n. 92/2012) introduce importanti novità in tema di licenziamenti e del processo del lavoro, delineando all art. 1 commi

Dettagli

Città di Lecce REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI

Città di Lecce REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI Città di Lecce REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 56 del 01 agosto 2012 TITOLO I DISPOSIZIONE GENERALI Art.1

Dettagli

MASTER IN DIRITTO FALLIMENTARE

MASTER IN DIRITTO FALLIMENTARE MASTER IN DIRITTO FALLIMENTARE Pesaro, 16, 17, 23, 24 ottobre 2015 Obiettivi Il Master si propone di fornire un approfondito aggiornamento professionale in materia di procedura di fallimento. E destinato

Dettagli

TRIBUNALE DI NOCERA INFERIORE. Sezione Fallimentare. PROCEDURA COMPETITIVA DI VENDITA II Bando

TRIBUNALE DI NOCERA INFERIORE. Sezione Fallimentare. PROCEDURA COMPETITIVA DI VENDITA II Bando TRIBUNALE DI NOCERA INFERIORE Sezione Fallimentare Fallimento n. 92/2014 PROCEDURA COMPETITIVA DI VENDITA II Bando INVITO A PRESENTARE OFFERTE IRREVOCABILI PER L ACQUISTO DI BENI MOBILI Il Dott. Alessandro

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO REGOLAMENTO COMUNALE DELL UFFICIO CONTENZIOSO

COMUNE DI RUFFANO REGOLAMENTO COMUNALE DELL UFFICIO CONTENZIOSO COMUNE DI RUFFANO REGOLAMENTO COMUNALE DELL UFFICIO CONTENZIOSO Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 232 del 24 /08/2006 Art. 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina l ordinamento

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI BOLOGNA ATTO DI PIGNORAMENTO PRESSO TERZI. e difeso dall Avv. (C.F.) fax., indirizzo PEC nel cui PREMESSO

TRIBUNALE CIVILE DI BOLOGNA ATTO DI PIGNORAMENTO PRESSO TERZI. e difeso dall Avv. (C.F.) fax., indirizzo PEC nel cui PREMESSO TRIBUNALE CIVILE DI BOLOGNA ATTO DI PIGNORAMENTO PRESSO TERZI Il Sig. (Creditore) (C.F.) rappresentato e difeso dall Avv. (C.F.) fax, indirizzo PEC nel cui Studio, in Bologna,, ha eletto domicilio come

Dettagli

PRINCIPALI NORME IN MATERIA DI FALLIMENTO E LIQUIDAZIONE COATTA AMMINISTRATIVA DI SOCIETÀ COOPERATIVE --- CODICE CIVILE

PRINCIPALI NORME IN MATERIA DI FALLIMENTO E LIQUIDAZIONE COATTA AMMINISTRATIVA DI SOCIETÀ COOPERATIVE --- CODICE CIVILE PRINCIPALI NORME IN MATERIA DI FALLIMENTO E LIQUIDAZIONE COATTA AMMINISTRATIVA DI SOCIETÀ COOPERATIVE --- CODICE CIVILE Art. 2545 terdecies Insolvenza In caso di insolvenza le cooperative che svolgono

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 I profili di responsabilità nei rapporti banca cliente La violazione degli obblighi Biennio

Dettagli

Previdenza complementare, fallimento del datore di lavoro e diritto del lavoratore di insinuarsi al passivo per le quote di TFR non versate al fondo

Previdenza complementare, fallimento del datore di lavoro e diritto del lavoratore di insinuarsi al passivo per le quote di TFR non versate al fondo Previdenza complementare, fallimento del datore di lavoro e diritto del lavoratore di insinuarsi al passivo per le quote di TFR non versate al fondo Tribunale di Napoli Nord, 15 luglio 2015. Presidente

Dettagli

TRIBUNALE DI ANCONA AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE

TRIBUNALE DI ANCONA AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE TRIBUNALE DI ANCONA AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE Fallimento n. 38/2007 Il sottoscritto Rag. Fabio Gobbi, Curatore del fallimento in epigrafe, avvisa che, in esecuzione del programma di liquidazione approvato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente N. 5628/2009 Reg. Dec. N. Reg. Ric. 3179 ANNO 2009 DECISIONE (resa

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE CONTRIBUTO UNIFICATO PER I GIUDIZI IN MATERIA CIVILE, DI LAVORO, AMMINISTRATIVA E TRIBUTARIA SCHEMA IMPORTI DOVUTI AL 27 Ottobre 2014 ATTENZIONE: 1. La presente Tabella non può ritenersi esaustiva di tutte

Dettagli

Gli accordi di ristrutturazione dei debiti (prima parte)

Gli accordi di ristrutturazione dei debiti (prima parte) Gli accordi di ristrutturazione dei debiti (prima parte) http://www.commercialistatelematico.com/nuoviarticoli/private/43517... 1 di 6 23/06/2010 12:39 A-PDF Merger DEMO : Purchase from www.a-pdf.com to

Dettagli

PR. SCADENZA ADEMPIMENTO NOTE COMMISSIONE PROCEDURE ADEMPIMENTI FISCALI INIZIALI DEL CURATORE

PR. SCADENZA ADEMPIMENTO NOTE COMMISSIONE PROCEDURE ADEMPIMENTI FISCALI INIZIALI DEL CURATORE ADEMPIMENTI FISCALI INIZIALI DEL CURATORE 1 Entro 30 gg. dalla Comunicare all Agenzia delle Entrate la dichiarazione di fallimento sentenza di con modello di variazione dati (art. 35 Dpr 633/72). fallimento

Dettagli

L accertamento tecnico preventivo obbligatorio nelle cause di invalidità (ex art. 445-bis C.p.c.)

L accertamento tecnico preventivo obbligatorio nelle cause di invalidità (ex art. 445-bis C.p.c.) L accertamento tecnico preventivo obbligatorio nelle cause di invalidità (ex art. 445-bis C.p.c.) - Dall 01.01.2012 è in vigore nel nostro ordinamento giuridico l Accertamento Tecnico Preventivo obbligatorio

Dettagli

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA. Il/La sottoscritto/a nato/a a il residente in CAP via tel. chiede

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA. Il/La sottoscritto/a nato/a a il residente in CAP via tel. chiede AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA Il/La sottoscritto/a nato/a a il residente in CAP via tel. chiede di essere iscritto/a al Registro dei Praticanti Avvocati. Il/La sottoscritto/a consapevole

Dettagli

ISTRUZIONI PER I CREDITORI CHE INTENDONO PARTECIPARE AL CONCORSO; ONERE DI DEPOSITO E CONTENUTO DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE (TEMPESTIVA O TARDIVA)

ISTRUZIONI PER I CREDITORI CHE INTENDONO PARTECIPARE AL CONCORSO; ONERE DI DEPOSITO E CONTENUTO DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE (TEMPESTIVA O TARDIVA) ISTRUZIONI PER I CREDITORI CHE INTENDONO PARTECIPARE AL CONCORSO; ONERE DI DEPOSITO E CONTENUTO DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE (TEMPESTIVA O TARDIVA) PREMESSA Il concorso tra i creditori La partecipazione

Dettagli

AVVISO AGLI AZIONISTI DI NAVALE ASSICURAZIONI S.p.A.

AVVISO AGLI AZIONISTI DI NAVALE ASSICURAZIONI S.p.A. AVVISO AGLI AZIONISTI DI NAVALE ASSICURAZIONI S.p.A. Modalità e termini di esercizio del diritto di recesso ai sensi dell art. 2437 e seguenti del codice civile e di esercizio del diritto di vendita ai

Dettagli

Comunicato al pubblico ed ai creditori del concordato preventivo a carico della Cmr Cooperativa muratori di Reggiolo Sc. -----------------------------

Comunicato al pubblico ed ai creditori del concordato preventivo a carico della Cmr Cooperativa muratori di Reggiolo Sc. ----------------------------- Comunicato al pubblico ed ai creditori del concordato preventivo a carico della Cmr Cooperativa muratori di Reggiolo Sc. ----------------------------- A seguito della pubblicazione di articoli di stampa

Dettagli

Articolo 620 - Giudice competente. Articolo 621 - Domanda di limitazione. Articolo 622 - Valutazione della nave. Articolo 623 - Sentenza di apertura.

Articolo 620 - Giudice competente. Articolo 621 - Domanda di limitazione. Articolo 622 - Valutazione della nave. Articolo 623 - Sentenza di apertura. Articolo 620 - Giudice competente. Titolo IV Dell' attuazione della limitazione del debito dell' armatore Il procedimento di limitazione è promosso avanti il tribunale o il pretore, nella circoscrizione

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati:

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: dott. Antonio Cumin, presidente dott. Giovanni Frangipane,

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991)

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) CAPO I DELLA COSTITUZIONE E DEL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO NAZIONALE ART. 1 Insediamento del Consiglio - Entrata in carica

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO FATTO

COLLEGIO DI MILANO FATTO COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof.ssa Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia - Prof. Avv. Emanuele Lucchini Guastalla

Dettagli