ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLA CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI VARESE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLA CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI VARESE"

Transcript

1 ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLA CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI VARESE CORSO DI FORMAZIONE La Riforma della Legge Fallimentare nei suoi aspetti pratici 3 a giornata Venerdì 19 Maggio 2006 Esercitazioni pratiche 1 a Simulazione del procedimento di accertamento del passivo 2 a Redazione di un piano di liquidazione dell attivo 3 a Redazione relazione ex art. 33 nuovo testo 1

2 1 a PARTE SIMULAZIONE DEL PROCEDIMENTO DI ACCERTAMENTO DEL PASSIVO 2

3 SOMMARIO CONCORSO DEI CREDITORI (ART. 52 L.F.) ELENCO DEI CREDITORI E DEI TITOLARI DI DIRITTI REALI E PERSONALI SU BENI DEL FALLITO (ART. 89 L.F.) AVVISO AI CREDITORI E AGLI ALTRI INTERESSATI DOMANDA DI AMMISSIONE AL PASSIVO (ART L.F.) PROCEDIMENTI RELATIVI A DOMANDE DI RIVENDICA E RESTITUZIONE (ART. 103 L.F.) PROGETTO DI STATO PASSIVO E COMUNICAZIONE AI CREDITORI (ART. 95 L.F.) 3

4 ESAME DELLO STATO PASSIVO: UDIENZA DI DISCUSSIONE (ART. 95 L.F.) VERBALE DEL PROCEDIMENTO DI ACCERTAMENTO DEL PASSIVO (ART. 95 L.F.) FORMAZIONE ED ESECUTIVITA DELLO STATO PASSIVO (ART. 96 L.F.) COMUNICAZIONE DELL ESITO DEL PROCEDIMENTO DI ACCERTAMENTO DEL PASSIVO (ART. 97 L.F.) PREVISIONE DI INSUFFICIENTE REALIZZO (ART. 102 L.F.) DOMANDE TARDIVE DI CREDITI (ART. 101 L.F.) 4

5 CONCORSO DEI CREDITORI (ART. 52 L.F.) 5

6 Viene prevista l esclusività della concorsualità nella fase di accertamento del passivo: oltre ai crediti privilegiati e chirografari è solo in questa sede che vanno esaminati anche i crediti prededucibili ex art. 111 L.F. e ogni diritto reale o personale sui beni del fallito. 6

7 ELENCO DEI CREDITORI E DEI TITOLARI DI DIRITTI REALI E PERSONALI SU BENI DEL FALLITO (1) (ART. 89 L.F.) (1) da depositare in Cancelleria Fallimentare 7

8 CREDITORI n. nominativo credito privilegio chirografo

9 TITOLARI DI DIRITTI REALI E PERSONALI SU BENI DEL FALLITO n. nominativo titolo 1.. depositante 2.. locatore 3.. comodante

10 AVVISO AI CREDITORI E AGLI ALTRI INTERESSATI. DOMANDA DI AMMISSIONE AL PASSIVO (ART L.F.) 10

11 Dott Varese,... Signori Creditori L O R O S E D I (2) Oggetto: TRIBUNALE DI VARESE - FALLIMENTO - R.F. Ai sensi e per gli effetti dell art. 92 del R.D , n. 267 comunico che con sentenza n. del, depositata il, il Tribunale di Varese dichiarava il fallimento in epigrafe, nominando Giudice Delegato il Dott. e Curatore il sottoscritto. La sentenza stessa, fra l altro: a) stabilisce che l adunanza in cui si procederà all esame dello stato passivo si terrà il giorno (3) alle ore presso l Ufficio del Giudice Delegato Dott..; (2) a mezzo posta ovvero telefax o posta elettronica (3) entro il termine perentorio di non oltre 120 giorni dal deposito della sentenza 11

12 b) assegna ai creditori ed ai terzi che vantano diritti reali o personali su cose in possesso del fallito il termine perentorio di 30 giorni prima dell adunanza di cui al punto a) per la presentazione in Cancelleria Fallimentare delle domande di insinuazione. Al fine di agevolare la presentazione della domanda di ammissione al passivo si precisa quanto segue: 1) il ricorso, in carta libera, può essere sottoscritto personalmente e potrà essere spedito, anche in forma telematica o con altri mezzi di trasmissione, purché sia possibile fornire la prova della ricezione; 2) il ricorso dovrà contenere: a) l indicazione della Procedura cui si intende partecipare e le generalità del creditore; 12

13 b) la determinazione della somma che si intende insinuare al passivo, ovvero la descrizione del bene di cui si chiede la restituzione o la rivendicazione; c) la succinta esposizione dei fatti e degli elementi di diritto che costituiscono la ragione della domanda; d) l eventuale indicazione di un titolo di prelazione, anche in relazione alla graduazione del credito, nonché la descrizione del bene sul quale la prelazione si esercita, se questa ha carattere speciale; e) l indicazione del numero di telefax, l indirizzo di posta elettronica o l elezione di domicilio in un Comune nel Circondario ove ha sede il Tribunale, ai fini delle successive comunicazioni. E facoltà del creditore indicare, quale modalità di notificazione e di comunicazione, la trasmissione per posta elettronica o per telefax ed è onere dello stesso comunicare al curatore ogni variazione di domicilio o delle predette modalità. 13

14 3) se è omesso o assolutamente incerto uno dei requisiti di cui alle lettere a) b) c) del precedente punto 2) il ricorso è inammissibile; se è omesso o assolutamente incerto il requisito di cui alla lettera d) del precedente punto 2), il credito è considerato chirografario; se è omessa l indicazione di cui alla lettera e) del precedente punto 2), tutte le comunicazioni successive a quella con la quale il curatore dà notizia della esecutività dello stato passivo si effettuano presso la Cancelleria Fallimentare; 4) al ricorso vanno allegati i documenti dimostrativi del diritto del creditore ovvero del diritto del terzo che chiede la restituzione o rivendica il bene. 14

15 I documenti non presentati con la domanda devono essere depositati, a pena di decadenza, almeno 15 giorni prima dell udienza fissata per l esame dello stato passivo. Con osservanza. Il Curatore (Dott....) 15

16 PROCEDIMENTI RELATIVI A DOMANDE DI RIVENDICA E RESTITUZIONE (ART. 103 L.F.) 16

17 Per le domande di restituzione o rivendicazione è applicabile l art. 621 c.p.c. ossia non è possibile per l istante provare per testimoni la sussistenza dei pretesi diritti reali o personali su beni del fallito. Se il bene non è stato acquisito all attivo della procedura il titolare del diritto anche nel corso dell udienza di discussione dello stato passivo può modificare l originaria domanda e chiedere l ammissione al passivo del controvalore del bene alla data di apertura del concorso (*). Se il curatore perde il possesso della cosa dopo averla acquisita, il titolare del diritto può chiedere che il controvalore del bene sia corrisposto in prededuzione (*). (*) già previsto dall art. 79 L.F. 17

18 PROGETTO DI STATO PASSIVO (4) E COMUNICAZIONE AI CREDITORI (5) (ART. 95 L.F.) (4) da depositare in Cancelleria Fallimentare almeno 15 giorni prima dell udienza fissata per l esame dello stato passivo. (5) da inviare ai creditori e al fallito almeno 15 giorni prima dell udienza fissata per l esame dello stato passivo. 18

19 PROGETTO DI STATO PASSIVO elenco dei creditori n. creditore priv. insinuazione grado priv. chir. priv. proposta di ammissione grado priv. chir. motivate conclusioni 1 fornitore // 200 // 200 come da richiesta 2 dipendente 170 art bis n. 1 C.C. 3 fornitore 20 art c. 2 C.C. 4 professioni sta 150 art bis n. 2 C.C. // 170 art bis n. 1 C.C. // di cui 120 per TFR, oltre a rivalutazione monetaria e interessi legali fino all esecutività dello stato passivo 100 // 120 IVA al chirografo per mancata individuazione dei beni // 120 art bis n. 2 C.C. 30 IVA e cassa di previdenza al chirografo % 19

20 5 locatore 70 art C.C. // // // escluso perché documentazione priva di data certa 6 agente 90 // // 90 escluso il privilegio non essendo stato precisato il titolo di prelazione 7 fornitore // 120 // 115 escluso il residuo per errato conteggio degli interessi (oppure per mancata quantificazione del conteggio degli interessi) 8 ipotecario 130 art c. 2 C.C. e art C.C. // 121 art c. 2 C.C. e art C.C. 9 interessi al chirografo in quanto antecedenti il biennio

21 PROGETTO DI STATO PASSIVO elenco titolari di diritti su beni del fallito n. nominativo richiesta proposta motivate conclusioni 1.. restituzione beni in comodato 2.. rivendica beni in leasing richiesta respinta accolta richiesta carenza di documentazione avente data certa subordinatamente al rinvenimento dei beni 3.. restituzione beni in accolta richiesta subordinatamente al..... c/to deposito rinvenimento dei beni

22 Dott Varese,... COMUNICAZIONE AI CREDITORI Signori Creditori L O R O S E D I Oggetto: TRIBUNALE DI VARESE - FALLIMENTO - R.F. Ai sensi e per gli effetti dell art. 95 del R.D , n. 267 comunico che in data odierna è stato depositato presso la Cancelleria Fallimentare del Tribunale di Varese il progetto di stato passivo (6) del fallimento in epigrafe. Vi rendo noto che potete prenderne visione e presentare osservazioni scritte sino a 5 (cinque) giorni prima dell udienza fissata per l esame dello stato passivo. Con osservanza. Il Curatore (Dott....) (6) va depositato almeno 15 giorni prima dell udienza fissata per l esame dello stato passivo 22

23 ESAME DELLO STATO PASSIVO: UDIENZA DI DISCUSSIONE (ART. 95 L.F.) 23

24 All udienza fissata per l esame dello stato passivo, il Giudice Delegato, anche in assenza delle parti, decide su ciascuna domanda nei limiti delle conclusioni formulate ed avuto riguardo alle eccezioni del curatore, a quelle rilevabili d ufficio ed a quelle formulate dagli altri interessati. Il Giudice Delegato può procedere ad atti di istruzione su richiesta delle parti, compatibilmente con le esigenze di speditezza del procedimento. Il fallito può chiedere di essere sentito. 24

25 VERBALE DEL PROCEDIMENTO DI ACCERTAMENTO DEL PASSIVO (ART. 95 L.F.) 25

26 TRIBUNALE DI VARESE FALLIMENTO - R.F. VERBALE DEL PROCEDIMENTO DI ACCERTAMENTO DEL PASSIVO Il giorno alle ore, alla presenza del Giudice Delegato Dott., del curatore Dott., del fallito Sig. (se presente), dei creditori personalmente nonché dei creditori rispettivamente tramite gli Avv. si è tenuta l udienza di discussione per l esame dello stato passivo del fallimento in epigrafe. Esaminato il progetto di stato passivo predisposto dal curatore e valutate le eccezioni formulate, il Giudice Delegato, sentito anche il fallito (se presente), decide in ordine alle domande pervenute assumendo i provvedimenti di cui alle seguenti tabelle: 26

27 Tabella 1 - Creditori n. creditore priv. insinuazione grado priv. chir. priv. ammissione grado priv. chir. decisioni del G.D. 1 fornitore // 200 // 200 come da richiesta 2 dipendente 170 art bis n. 1 C.C. 3 fornitore 20 art c. 2 C.C. 4 professioni sta 150 art bis n. 2 C.C. // 170 art bis n. 1 C.C. // di cui 120 per TFR, oltre a rivalutazione monetaria e interessi legali fino all esecutività dello stato passivo 100 // 120 IVA al chirografo per mancata individuazione dei beni // 120 art bis n. 2 C.C. 30 IVA e cassa di previdenza al chirografo % 27

28 5 locatore 70 art C.C. // 70 art C.C. // come da richiesta in quanto la data certa risulta provata dallo scambio di corrispondenza in atti 6 agente 90 // // 90 escluso il privilegio non essendo stato precisato il titolo di prelazione 7 fornitore // 120 // 115 escluso il residuo per errato conteggio degli interessi (oppure per mancata quantificazione del conteggio degli interessi) 8 ipotecario 130 art. 2748, c. 2 C.C. e art C.C. // 121 art c. 2 C.C. e art C.C. 9 interessi al chirografo in quanto antecedenti il biennio

29 Tabella 2 Titolari di diritti su beni del fallito n. nominativo richiesta esito decisioni del G.D. 1.. restituzione beni in comodato 2.. rivendica beni in leasing 3.. restituzione beni in c/to deposito richiesta respinta accolta richiesta carenza di documentazione avente data certa subordinatamente al rinvenimento dei beni subordinatamente al rinvenimento dei beni accolta richiesta A questo punto avendo terminato l esame di tutte le domande, il Giudice Delegato dichiara chiuso il presente verbale. 29

30 oppure A questo punto, non avendo potuto terminare l esame di tutte le domande pervenute nei termini, le operazioni di verifica delle stesse vengono rinviate al (7) alle ore, senza ulteriore avviso per gli intervenuti e gli assenti. Varese,.. (7) non più di 8 giorni (termine ordinatorio) Il Giudice Delegato (Dott. ) 30

31 FORMAZIONE ED ESECUTIVITA DELLO STATO PASSIVO (ART. 96 L.F.) 31

32 Il Giudice Delegato Dott..., TRIBUNALE di VARESE S T A T O P A S S I V O FALLIMENTO.. R.F... DECRETO DI ESECUTIVITA - visto il presente stato passivo e preso atto che sono state ultimate in data. le operazioni di verifica dei crediti insinuati; - visto l art. 96 del R.D. 16 marzo 1942, n. 267, D I C H I A R A chiuso ed esecutivo a decorrere dal.. lo stato passivo del fallimento.. così come formato e ne ordina il deposito in Cancelleria Fallimentare a tutti gli effetti di Legge. Varese,. Depositato il.. Il Giudice Delegato (Dott...) 32

33 STATO PASSIVO elenco dei creditori n. creditore priv. insinuazione grado priv. chir. priv. ammissione grado priv. chir. decreto del G.D. 1 fornitore // 200 // 200 come da richiesta 2 dipendente 170 art bis n. 1 C.C. 3 fornitore 20 art c. 2 C.C. 4 professioni sta 150 art bis n. 2 C.C. // 170 art bis n. 1 C.C. // di cui 120 per TFR, oltre rivalutazione monetaria e interessi legali fino all esecutività dello stato passivo 100 // 120 IVA al chirografo per mancata individuazione dei beni // 120 art bis n. 2 C.C. 30 IVA e cassa di previdenza al chirografo % 33

34 5 locatore 70 art C.C. // 70 art C.C. // come da richiesta in quanto la data certa risulta provata dallo scambio di corrispondenza in atti 6 agente 90 // // 90 escluso il privilegio non essendo stato precisato il titolo di prelazione 7 fornitore // 120 // 115 escluso il residuo per errato conteggio degli interessi (oppure per mancata quantificazione del conteggio degli interessi) 8 ipotecario 130 art. 2748, c. 2 C.C. e art C.C. // 121 art c. 2 C.C. e art C.C. 9 interessi al chirografo in quanto antecedenti il biennio

35 STATO PASSIVO elenco titolari di diritti su beni del fallito n. nominativo richiesta esito decreto del G.D. 1.. restituzione beni in comodato 2.. rivendica beni in leasing richiesta respinta accolta richiesta carenza di documentazione avente data certa subordinatamente al rinvenimento dei beni 3.. restituzione beni in c/to deposito accolta richiesta subordinatamente al rinvenimento dei beni

36 COMUNICAZIONE DELL ESITO DEL PROCEDIMENTO DI ACCERTAMENTO DEL PASSIVO (8) (ART. 97 L.F.) (8) a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento, tramite telefax o posta elettronica quando il creditore abbia indicato tale modalità di comunicazione 36

37 Dott Varese,... Signori Creditori L O R O S E D I Oggetto: TRIBUNALE DI VARESE - FALLIMENTO - R.F. Ai sensi e per gli effetti dell art. 97 L.F. comunico che lo stato passivo del fallimento in epigrafe è stato chiuso e reso esecutivo in data e che lo stesso è stato depositato in Cancelleria Fallimentare. L esito della Sua/Vs. domanda è il seguente: privilegio:. // chirografo:. 200,00.= come da richiesta 37

38 oppure privilegio:. 170,00.= chirografo:. // di cui 120 per TFR, oltre a rivalutazione monetaria e interessi legali fino all esecutività dello stato passivo oppure privilegio:. // chirografo:. 120,00.= IVA al chirografo per mancata individuazione dei beni oppure... 38

39 Vi rendo noto che potete proporre opposizione, impugnazione dei crediti ammessi o revocazione ex art. 98 L.F. con ricorso depositato presso la Cancelleria Fallimentare entro 30 giorni dalla presente comunicazione. Con osservanza. Il Curatore (Dott..) 39

40 PREVISIONE DI INSUFFICIENTE REALIZZO (ART. 102 L.F.) 40

41 TRIBUNALE DI VARESE FALLIMENTO.. R.F. (9) Ecc.mo Tribunale, premesso - che in data alle ore è fissata l udienza per l esame dello stato passivo; - che, come si può rilevare dalla relazione sulle prospettive della liquidazione allegata al presente ricorso, non è prevedibile allo stato il realizzo di attività tale da (oppure che l attivo fin qui inventariato/realizzato sia tale da) consentire il soddisfacimento di nessuno dei creditori che hanno chiesto l ammissione al passivo, ad eccezione dei crediti prededucibili e delle spese di procedura. (10) (9) da depositarsi almeno 20 giorni prima dell udienza per l esame dello stato passivo (10) anche se tale condizione emerge nel caso delle eventuali udienze successive alla prima 41

42 lo scrivente curatore CHIEDE che questo Tribunale disponga il non farsi luogo al procedimento di accertamento del passivo in relazione ai crediti concorsuali. Con osservanza. Varese,.. Il Curatore (Dott...) Allegato: relazione sulle prospettive della liquidazione 42

43 - letto il ricorso che precede; Il Comitato dei Creditori - valutato quanto ivi contenuto e, in particolare, la relazione sulle prospettive della liquidazione, ESPRIME parere (favorevole/sfavorevole) in relazione all accoglimento dello stesso

44 - letto il ricorso che precede; Il Sig.. (fallito) - valutato quanto ivi contenuto e, in particolare, la relazione sulle prospettive della liquidazione, ESPRIME parere (favorevole/sfavorevole) in relazione all accoglimento dello stesso.. 44

45 Il Tribunale di Varese riunito in Camera di Consiglio nella persona dei seguenti Magistrati: Dott.. (Presidente) Dott.. (Giudice Relatore) Dott.. (Giudice) - letto il ricorso che precede, - visto il parere favorevole espresso dal Comitato dei Creditori e dal fallito, - tenuto conto dell assoluta mancanza di attivo (oppure che l attivo acquisibile e realizzabile) non consente fondatamente il soddisfacimento di nessuno dei creditori che hanno chiesto l ammissione al passivo, ad eccezione dei crediti prededucibili e delle spese di procedura, 45

46 P.Q.M. DISPONE di non farsi luogo al procedimento di accertamento del passivo in relazione ai crediti concorsuali. Varese,.. Il Giudice Relatore Il Presidente (Dott..) (Dott...) 46

47 COMUNICAZIONE DEL DECRETO DI INSUFFICIENTE REALIZZO Dott Varese,... Signori Creditori L O R O S E D I (11) Oggetto: TRIBUNALE DI VARESE - FALLIMENTO - R.F. Ai sensi e per gli effetti dell art. 102 del R.D , n. 267 Vi rendo noto che il Tribunale di Varese con decreto del ha disposto di non farsi luogo al procedimento di accertamento del passivo in relazione ai crediti concorsuali poiché l assoluta mancanza di attivo (oppure poiché l attivo acquisibile) non consente alcuna distribuzione ai creditori che hanno chiesto l ammissione al passivo fallimentare, ad eccezione dei crediti prededucibili e delle spese di procedura. (11) entro 15 giorni dalla presente comunicazione possono presentare reclamo alla Corte d Appello che provvede con decreto in Camera di Consiglio sentito il reclamante, il curatore, il Comitato dei Creditori e il fallito. 47

48 Nei 15 giorni successivi alla presente comunicazione potete presentare reclamo alla Corte d Appello ex art. 102, comma 2 L.F. Con osservanza. Il Curatore (Dott...) 48

49 DOMANDE TARDIVE (12) DI CREDITI (ART. 101 L.F.) (12) si considerano tali le domande depositate in Cancelleria Fallimentare oltre il termine di 30 giorni prima dell udienza fissata per la verifica del passivo e non oltre quello di 12 mesi (massimo 18 mesi se previsto in sentenza) dal deposito del decreto di esecutività dello stato passivo. 49

50 Dott Varese,... Signori Creditori L O R O S E D I Oggetto: TRIBUNALE DI VARESE - FALLIMENTO - R.F. Ai sensi e per gli effetti dell art. 101 L.F. Vi rendo noto che la domanda di ammissione oppure di restituzione/rivendicazione da Voi depositata in data è da considerarsi tardiva. L udienza per l esame della domanda da Voi presentata è fissata per il giorno alle ore presso l Ufficio del Giudice Delegato Dott... Con osservanza. Il Curatore (Dott. ) 50

Il curatore avrà cura di compilare le parti evidenziate in rosa lasciando. al GD le aree evidenziate in rosso e quelle non evidenziate che

Il curatore avrà cura di compilare le parti evidenziate in rosa lasciando. al GD le aree evidenziate in rosso e quelle non evidenziate che Il curatore avrà cura di compilare le parti evidenziate in rosa lasciando al GD le aree evidenziate in rosso e quelle non evidenziate che verranno compilate dal gd in udienza (v. presenza parti) Il curatore

Dettagli

FALLIMENTO MAXWORK S.P.A. AGENZIA PER IL LAVORO. Collegio di Curatori: Dott. Augusto Tucci - Avv. Nicola Brambati - Dott.

FALLIMENTO MAXWORK S.P.A. AGENZIA PER IL LAVORO. Collegio di Curatori: Dott. Augusto Tucci - Avv. Nicola Brambati - Dott. Comunicazione a mezzo PEC (o Raccomandata R/R) Bergamo, 10 giugno 2015 AI CREDITORI LORO SEDI/RESIDENZE/DOMICILI Fallimento Maxwork Spa Agenzia per il Lavoro - R.G. n. 155/15 Sentenza n. 158/2015 emessa

Dettagli

PROBLEMATICHE PRATICO OPERATIVE DI APPLICAZIONE DELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENTARE

PROBLEMATICHE PRATICO OPERATIVE DI APPLICAZIONE DELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENTARE Gruppo di Studio PROBLEMATICHE PRATICO OPERATIVE DI APPLICAZIONE DELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENTARE (POST DECRETO CORRETTIVO D. LGS. N. 169/2007 pubblicato in G.U. 16 ottobre 2007 n. 241 entrato in

Dettagli

F ABIO AMENDOLA Dottore Commercialista Revisore Contabile

F ABIO AMENDOLA Dottore Commercialista Revisore Contabile F ABIO AMENDOLA Dottore Commercialista Revisore Contabile Alto Sele Srl Inviata tramite e-mail PEC all'indirizzo info@pec.altosele.it Via Macchia, 3 84020 Colliano SA Italia SALERNO, 28/03/2013 Oggetto:

Dettagli

ADEMPIMENTI PER LA CHIUSURA DEL FALLIMENTO

ADEMPIMENTI PER LA CHIUSURA DEL FALLIMENTO ADEMPIMENTI PER LA CHIUSURA DEL FALLIMENTO CONTROLLI 1. Controllare attentamente che tutti i beni siano stati venduti, non ci siano crediti da riscuotere (eventualmente cederli e abbandonare quelli inesigibili)

Dettagli

ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDE DI DIRITTO CONCORSUALE N. 01/2014

ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDE DI DIRITTO CONCORSUALE N. 01/2014 ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDE DI DIRITTO CONCORSUALE N. 01/2014 COMUNICAZIONI AI CREDITORI: I NUOVI ADEMPIMENTI TELEMATICI RIFERIMENTI NORMATIVI: PREMESSA: Art. 17 del D.L.

Dettagli

OGGETTO: INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA DELLA POSIZIONE PREVIDENZIALE COMPLEMENTARE DI CUI ALL ART. 5 DEL D.LGS. 80/92

OGGETTO: INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA DELLA POSIZIONE PREVIDENZIALE COMPLEMENTARE DI CUI ALL ART. 5 DEL D.LGS. 80/92 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Coordinamento Generale Legale Roma, 22 Febbraio 2008 Circolare n. 23 Allegati 14 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori

Dettagli

FONDAV A TUTTI GLI ISCRITTI ALLE OO.SS./AA.PP.

FONDAV A TUTTI GLI ISCRITTI ALLE OO.SS./AA.PP. FONDAV Fondo Pensione Complementare Personale Navigante di Cabina Sede legale e uffici: Piazza Barberini, 52 00187 Roma Telefono: 06/37355418 Telefax: 06/37519629 E-mail: segreteria.fondav@ci-spa.it Codice

Dettagli

Previdenza complementare: istruzioni Inps per l intervento del Fondo di Garanzia Francesco Ernandes Consulente del lavoro in Roma

Previdenza complementare: istruzioni Inps per l intervento del Fondo di Garanzia Francesco Ernandes Consulente del lavoro in Roma Previdenza complementare: istruzioni Inps per l intervento del Fondo di Garanzia Francesco Ernandes Consulente del lavoro in Roma L Inps, con circolare 22 febbraio 2008, n. 23, fornisce le istruzioni operative

Dettagli

Tribunale di Pescara Fallimento VALFINO CARNI S.R.L. R.F. n. 101/2014 Avviso ai creditori ex art. 92 L.F.

Tribunale di Pescara Fallimento VALFINO CARNI S.R.L. R.F. n. 101/2014 Avviso ai creditori ex art. 92 L.F. Andrea Ramon Sapienza Dottore Commercialista Revisore Contabile A tutti i creditori - loro sedi Gianluca De Marinis Dottore Commercialista Revisore Contabile Daniela Delle Fave Dottore Commercialista Revisore

Dettagli

LE MODALITA OPERATIVE NEI: FALLIMENTI CONCORDATI PREVENTIVI AMMINISTRAZIONI STRAORDINARIE LIQUIDAZIONI COATTE AMMINISTRATIVE.

LE MODALITA OPERATIVE NEI: FALLIMENTI CONCORDATI PREVENTIVI AMMINISTRAZIONI STRAORDINARIE LIQUIDAZIONI COATTE AMMINISTRATIVE. LE MODALITA OPERATIVE NEI: FALLIMENTI CONCORDATI PREVENTIVI AMMINISTRAZIONI STRAORDINARIE LIQUIDAZIONI COATTE AMMINISTRATIVE. Suggeriamo le modalità operative a cui i Curatori e amministratori dovranno

Dettagli

DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99

DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99 DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99 Le modifiche introdotte dal DL Sviluppo bis in materia concorsuale riguardano:

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

ORDINE DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO. Lo stato passivo. A cura della

ORDINE DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO. Lo stato passivo. A cura della ORDINE DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Lo stato passivo A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale INDICE Premessa pag. 1 Modello di progetto di stato

Dettagli

COMPAGNIA TIRRENA DI ASSICURAZIONI S.p.A. in liquidazione coatta amministrativa PIANO DI RIPARTO PARZIALE RELAZIONE INTRODUTTIVA

COMPAGNIA TIRRENA DI ASSICURAZIONI S.p.A. in liquidazione coatta amministrativa PIANO DI RIPARTO PARZIALE RELAZIONE INTRODUTTIVA COMPAGNIA TIRRENA DI ASSICURAZIONI S.p.A. in liquidazione coatta amministrativa PIANO DI RIPARTO PARZIALE RELAZIONE INTRODUTTIVA Il presente piano di riparto è stato predisposto a seguito di ricognizione

Dettagli

Regolamento operativo

Regolamento operativo Fondo Nazionale di Garanzia (Art. 62, comma 1, decreto legislativo 23 luglio 1996, n. 415) Regolamento operativo Settembre 2010 Fondo Nazionale di Garanzia (Art. 62, comma 1, decreto legislativo 23 luglio

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA AVVISO EX ART.92 L.F. FALLIMENTO <> << Società fallita>>

TRIBUNALE DI ROMA AVVISO EX ART.92 L.F. FALLIMENTO <<numero ed anno del fallimento>> << Società fallita>> TRIBUNALE DI ROMA AVVISO EX ART.92 L.F. FALLIMENTO > Si informa che con Sentenza il Tribunale di Roma ha dichiarato il fallimento

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI PERUGIA UFFICIO REGISTRO IMPRESE LE PROCEDURE CONCORSUALI DOPO LA RIFORMA DELLA LEGGE

CAMERA DI COMMERCIO DI PERUGIA UFFICIO REGISTRO IMPRESE LE PROCEDURE CONCORSUALI DOPO LA RIFORMA DELLA LEGGE www.pg.camcom.gov.it CAMERA DI COMMERCIO DI PERUGIA UFFICIO REGISTRO IMPRESE LE PROCEDURE CONCORSUALI DOPO LA RIFORMA DELLA LEGGE MANUALE OPERATIVO PER GLI ADEMPIMENTI REGISTRO IMPRESE IN MATERIA DI FALLIMENTO,

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

www.unijuris.it R E P U B B L I C A I T A L I A N A

www.unijuris.it R E P U B B L I C A I T A L I A N A N. /09 R.A.C.C. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Udine, sezione civile, composto dai Signori Magistrati: dott. Alessandra BOTTAN PRESIDENTE dott. Gianfranco

Dettagli

ISTRUZIONI PER I CREDITORI CHE INTENDONO PARTECIPARE AL CONCORSO; ONERE DI DEPOSITO E CONTENUTO DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE (TEMPESTIVA O TARDIVA)

ISTRUZIONI PER I CREDITORI CHE INTENDONO PARTECIPARE AL CONCORSO; ONERE DI DEPOSITO E CONTENUTO DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE (TEMPESTIVA O TARDIVA) ISTRUZIONI PER I CREDITORI CHE INTENDONO PARTECIPARE AL CONCORSO; ONERE DI DEPOSITO E CONTENUTO DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE (TEMPESTIVA O TARDIVA) PREMESSA Il concorso tra i creditori La partecipazione

Dettagli

COMUNE di CAPUA Provincia di Caserta

COMUNE di CAPUA Provincia di Caserta COMUNE di CAPUA Provincia di Caserta COPIA di DELIBERAZIONE della GIUNTA MUNICIPALE N 153 del 10.07.2012 Oggetto: Vertenza Comune di Capua/ Serit S.p.A. Presa atto parere legale Ambito di Settore: Amministrativo

Dettagli

TRIBUNALE DI TORINO SEZIONE FALLIMENTARE

TRIBUNALE DI TORINO SEZIONE FALLIMENTARE Tribunale di Torino - sez. fallimentare - 4 novembre 2011, decr. TRIBUNALE DI TORINO SEZIONE FALLIMENTARE In composizione collegiale nelle persone di Sigg.ri Magistrati Dott. Francesco DONATO Dott. Michela

Dettagli

BREVE GUIDA E TABELLA CONTRIBUTO UNIFICATO AGGIORNATA AL 25/06/2014

BREVE GUIDA E TABELLA CONTRIBUTO UNIFICATO AGGIORNATA AL 25/06/2014 BREVE GUIDA E TABELLA CONTRIBUTO UNIFICATO AGGIORNATA AL 25/06/2014 Gli importi per il calcolo del contributo unificato (di cui al Testo Unico sulle spese di giustizia - D.P.R 30 maggio 2002, n. 115) sono

Dettagli

EUROPEAN INSURANCE GROUP LIMITED

EUROPEAN INSURANCE GROUP LIMITED EUROPEAN INSURANCE GROUP LIMITED Sede: The Penthouse, Office 1, Suite 2, Capital Business Centre, Entrance C, Triq Taz- Zwejt, San Gwann, SGN 3000, Malta Capitale sociale: 5.500.000 int. versato Numero

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile

TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile Direttiva numero 4 del 21 maggio 2012 Al Presidente della Commissione Studi Procedure Concorsuali dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti

Dettagli

TRIBUNALE DI MODENA CANCELLERIA DEI FALLIMENTI. Fallimento N. 103/99 MUNDICI ARREDAMENTI S.N.C., di MUNDICI

TRIBUNALE DI MODENA CANCELLERIA DEI FALLIMENTI. Fallimento N. 103/99 MUNDICI ARREDAMENTI S.N.C., di MUNDICI TRIBUNALE DI MODENA CANCELLERIA DEI FALLIMENTI Fallimento N. 103/99 MUNDICI ARREDAMENTI S.N.C., di MUNDICI ROMANO, e MUNDICI SILVANO, nonché dei soci Mundici Romano e Mundici Silvano Giudice Delegato:

Dettagli

Dott.ssa Manuela Massenz Giudice della III Sezione Tribunale di Milano

Dott.ssa Manuela Massenz Giudice della III Sezione Tribunale di Milano Dott.ssa Manuela Massenz Giudice della III Sezione Tribunale di Milano IL PROGETTO DI DISTRIBUZIONE Convegno Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Milano 1 Le esecuzioni immobiliari

Dettagli

L accertamento del passivo e la graduazione dei crediti a seguito delle recenti riforme della Legge fallimentare

L accertamento del passivo e la graduazione dei crediti a seguito delle recenti riforme della Legge fallimentare L accertamento del passivo e la graduazione dei crediti a seguito delle recenti riforme della Legge fallimentare 1. Considerazioni introduttive Immanente al sistema della legge fallimentare è il principio

Dettagli

TRIBUNALE DI NAPOLI SEZIONE FALLIMENTARE ORDINANZA. nel procedimento n. 17597/2009 RG, avente ad oggetto: accertamento tecnico preventivo, e vertente

TRIBUNALE DI NAPOLI SEZIONE FALLIMENTARE ORDINANZA. nel procedimento n. 17597/2009 RG, avente ad oggetto: accertamento tecnico preventivo, e vertente Tribunale di Napoli - Sez. Fallimentare 7 agosto 2009 (data decisione), ord. TRIBUNALE DI NAPOLI SEZIONE FALLIMENTARE ORDINANZA nel procedimento n. 17597/2009 RG, avente ad oggetto: accertamento tecnico

Dettagli

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo 476 Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo di Claudia Mariani Traccia La società Alfa s.r.l., in data 10 novembre 2014, ha ceduto alla Gamma s.r.l. il

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA Concordato Preventivo n. 48/2014 Casa Generalizia dell Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Dio Fatebenefratelli

TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA Concordato Preventivo n. 48/2014 Casa Generalizia dell Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Dio Fatebenefratelli Spett.le Roma, 10 agosto 2015 comunicazione via PEC/Raccomandata A.R. Rif.: Avviso ai creditori ex art. 171, II co., L.F. - Concordato preventivo n. 48/2014 - Casa Generalizia dell Ordine Ospedaliero di

Dettagli

Avv. Giorgio Cesare Amerio Avv. Giuseppe Vitrani PROCESSO TELEMATICO LE ESECUZIONI INDIVIDUALI E CONCORSUALI

Avv. Giorgio Cesare Amerio Avv. Giuseppe Vitrani PROCESSO TELEMATICO LE ESECUZIONI INDIVIDUALI E CONCORSUALI Avv. Giorgio Cesare Amerio Avv. Giuseppe Vitrani PROCESSO TELEMATICO LE ESECUZIONI INDIVIDUALI E CONCORSUALI PROGRAMMA Aspetti comuni alle procedure concorsuali nel processo telematico Le procedure esecutive

Dettagli

Tribunale di Torino 1 febbraio 2008 Pres. Vigone, Est. Di Capua.

Tribunale di Torino 1 febbraio 2008 Pres. Vigone, Est. Di Capua. Tribunale di Torino 1 febbraio 2008 Pres. Vigone, Est. Di Capua. Società di persone Efficacia verso i soci del titolo esecutivo ottenuto nei confronti della società Iscrizione di ipoteca nei confronti

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Introduzione...

INDICE SOMMARIO. Introduzione... SOMMARIO Introduzione... XV CAPITOLO 1 LA FORMA DEL PIGNORAMENTO 1. Come si articola la disciplina di riferimento... 2 2. Alcune osservazioni sul dato positivo... 5 3. L atto di pignoramento presso terzi...

Dettagli

FIRENZE - GIOVEDÌ 14 MARZO 2013

FIRENZE - GIOVEDÌ 14 MARZO 2013 I NUOVI ADEMPIMENTI TELEMATICI NELLE PROCEDURE CONCORSUALI A L E S S A N D R O T O R C I N I LA NUOVA DISCIPLINA DELLA COMUNICAZIONE TELEMATICA DEGLI ATTI NELLE PROCEDURE CONCORSUALI NUOVI COMPITI ED ONERI

Dettagli

Giornata di formazione sulla vendita competitiva a mezzo asta notarile telematica nelle procedure concorsuali

Giornata di formazione sulla vendita competitiva a mezzo asta notarile telematica nelle procedure concorsuali Giornata di formazione sulla vendita competitiva a mezzo asta notarile telematica nelle procedure concorsuali Firenze, martedì 26 maggio 2015 Università degli Studi di Firenze - Scuola di Economia e Management

Dettagli

LA SCUOLA DEI PROFESSIONISTI DELLA CRISI DI IMPRESA

LA SCUOLA DEI PROFESSIONISTI DELLA CRISI DI IMPRESA LA SCUOLA DEI PROFESSIONISTI DELLA CRISI DI IMPRESA Milano, 27, 28 febbraio, 6, 7, 13, 14, 20, 27, 28 marzo, 17 aprile 2015 Obiettivi La Scuola dei Professionisti della crisi di impresa nasce con l obiettivo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA nella persona del giudice unico Dott. Manuela MASSENZ ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile

Dettagli

Inps - Circolare 15.7.2008, n. 74

Inps - Circolare 15.7.2008, n. 74 Fondo di garanzia per il trattamento di fine rapporto: le istruzioni dell Inps Antonino Cannioto Esperto in materia previdenziale Giuseppe Maccarone Consulente del lavoro in Roma Apocopiùdiunannodallacircolaren.53/2007,

Dettagli

L accertamento dello stato passivo. 1 Caratteristiche e finalità del procedimento

L accertamento dello stato passivo. 1 Caratteristiche e finalità del procedimento L accertamento dello stato passivo 1 Caratteristiche e finalità del procedimento L accertamento dello stato passivo è finalizzato all identificazione dei creditori (aventi titolo anteriore alla procedura)

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati:

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: dott. Antonio Cumin, presidente dott. Giovanni Frangipane,

Dettagli

OLIVIERO TESSERA DOTTORE COMMERCIALISTA - REVISORE CONTABILE

OLIVIERO TESSERA DOTTORE COMMERCIALISTA - REVISORE CONTABILE Gallarate, 21/04/2015 Egregi Signori CREDITORI Loro indirizzi Opfordring til anmeldelse af fordringer. Vær opmærksom fristerne Invitation to lodge a claim. Time limits to be observed Kehotus saatavan ilmoittamiseen.

Dettagli

LA PEC DEGLI ORGANI DELLE PROCEDURE FALLIMENTARI

LA PEC DEGLI ORGANI DELLE PROCEDURE FALLIMENTARI Anno 2013 COMMISSIONE DIRITTO FALLIMENTARE (Coordinatore avv. Biancamaria Sparano Vice-Coordinatore avv. Paolo Trapanese) III CORSO DI FORMAZIONE DIRITTO FALLIMENTARE LA NORMATIVA ATTUALE, PROBLEMATICHE

Dettagli

EVENTUALITÀ DELL ACCERTAMENTO DEL PASSIVO

EVENTUALITÀ DELL ACCERTAMENTO DEL PASSIVO ACCERTAMENTO DEL PASSIVO PROF. FABRZIO DI MARZIO Indice 1 INTRODUZIONE -------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 EVENTUALITÀ DELL

Dettagli

ORDINANZA N. 447 ANNO 2007 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente -

ORDINANZA N. 447 ANNO 2007 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente - ORDINANZA N. 447 ANNO 2007 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente - Giovanni Maria FLICK Giudice - Francesco AMIRANTE " -

Dettagli

2 a PARTE REDAZIONE DI UN PROGRAMMA DI LIQUIDAZIONE DELL ATTIVO

2 a PARTE REDAZIONE DI UN PROGRAMMA DI LIQUIDAZIONE DELL ATTIVO 2 a PARTE REDAZIONE DI UN PROGRAMMA DI LIQUIDAZIONE DELL ATTIVO 1 TRIBUNALE DI VARESE FALLIMENTO SOCIETA R. F. N... PROGRAMMA DI LIQUIDAZIONE (art. 104 ter L.F.) GIUDICE DELEGATO: CURATORE:. SENTENZA DICHIARATIVA

Dettagli

CENTRO STUDI DI DIRITTO FALLIMENTARE DI SIRACUSA CORSO DI DIRITTO FALLIMENTARE

CENTRO STUDI DI DIRITTO FALLIMENTARE DI SIRACUSA CORSO DI DIRITTO FALLIMENTARE CORSO DI DIRITTO FALLIMENTARE dal 9 ottobre al 12 dicembre 2015 Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Siracusa Salone Gaspare Conigliaro - Viale Santa Panagia n.141/e I GIORNATA

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto. (Sezione Seconda) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto. (Sezione Seconda) SENTENZA N. 00589/2015 REG.PROV.COLL. N. 01139/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto (Sezione Seconda) ha pronunciato

Dettagli

TRIBUNALE DI UDINE. Sezione Civile e Fallimentare. dott. Alessandra BOTTAN GRISELLI. dott. Mimma GRISAFI Giudice rel.

TRIBUNALE DI UDINE. Sezione Civile e Fallimentare. dott. Alessandra BOTTAN GRISELLI. dott. Mimma GRISAFI Giudice rel. TRIBUNALE DI UDINE Sezione Civile e Fallimentare Il Tribunale di Udine, composto dai sigg.ri magistrati: dott. Alessandra BOTTAN GRISELLI Presidente dott. Mimma GRISAFI Giudice rel. dott. Andrea ZULIANI

Dettagli

I documenti I documenti richiesti, come da modello Inps Mod. TFR/CL- COD. SR50 che si riporta per estratto di seguito, sono i seguenti:

I documenti I documenti richiesti, come da modello Inps Mod. TFR/CL- COD. SR50 che si riporta per estratto di seguito, sono i seguenti: Informazioni operative per coloro che desiderano richiedere l intervento del Fondo di garanzia INPS per la liquidazione del TFR e/o dei crediti di lavoro diversi. Le presenti istruzioni operative vogliono

Dettagli

IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO

IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO La Riforma Fornero (L. n. 92/2012) introduce importanti novità in tema di licenziamenti e del processo del lavoro, delineando all art. 1 commi

Dettagli

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE Sommario: - 1. La natura dell istituto e i presupporti. 1.1. La natura dell istituto. 1.2. Rapporto con il concordato preventivo.

Dettagli

Repubblica Italiana. In Nome del Popolo Italiano. sentenza

Repubblica Italiana. In Nome del Popolo Italiano. sentenza Fallimento Revocatoria fallimentare: pagamenti Compensi per prestazioni professionali al difensore Sistemazione concordataria dei debiti Fase prefallimentare Scientia decoctionis - Tutela della posizione

Dettagli

LA SCUOLA DEI PROFESSIONISTI DELLA CRISI DI IMPRESA

LA SCUOLA DEI PROFESSIONISTI DELLA CRISI DI IMPRESA LA SCUOLA DEI PROFESSIONISTI DELLA CRISI DI IMPRESA Modena, 23 settembre, 3, 10, 24 ottobre, 7, 14, 15, 21, 28 e 29 novembre 2014 Obiettivi La Scuola dei Professionisti della crisi di impresa nasce con

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese Assolombarda - CdS slides 3 1 Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese VITO DATTOLICO Coordinatore Giudici di Pace di Milano Milano, 7

Dettagli

Gli Accordi di Ristrutturazione dei debiti ex art. 182 BIS L.F. a cura di Avv. Giuseppe de Filippo Avv. Elena Garda Art. 182 bis L.F. I comma L imprenditore in stato di crisi può domandare, depositando

Dettagli

Data aggiornamento: 16 gennaio 2014

Data aggiornamento: 16 gennaio 2014 Adempimenti al Registro Imprese previsti dalla Legge Fallimentare e normative ad essa collegate in capo al Curatore Fallimentare ai Commissari e Liquidatori Giudiziali Data aggiornamento: 16 gennaio 2014

Dettagli

Indice. 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO FALLIMENTARE LEZIONE XIV GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE PROF. SIMONE LABONIA Indice 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------

Dettagli

Il recupero IVA: condizioni, monitoraggio, termini.

Il recupero IVA: condizioni, monitoraggio, termini. Il recupero IVA: condizioni, monitoraggio, termini. Andrea Davide Arnaldi Responsabile area legale di Credit Evolution Studio Legale Arnaldi, Caimmi & Associati Credit Evolution Credit Evolution Credit

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MODENA Sezione Civile SENTENZA. promossa da

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MODENA Sezione Civile SENTENZA. promossa da Fallimento Ammissione al passivo: opposizione Domanda riconvenzionale Azione revocatoria in sede di giudizio di opposizione allo stato passivo Medesimo titolo e rapporto giuridico dedotto in giudizio -

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia-Sezione di Lecce. Seconda Sezione SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia-Sezione di Lecce. Seconda Sezione SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia-Sezione di Lecce N. 1609 Reg.Dec N. 530 Reg.Ric. ANNO 2008 Composto dai Signori Magistrati: Seconda Sezione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI FIRENZE ( sezione III ^ civile )

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI FIRENZE ( sezione III ^ civile ) Tribunale di Firenze - terza sezione civile - 1 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI FIRENZE ( sezione III ^ civile ) Riunito in camera di consiglio e composto dai magistrati:

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A TRIBUNALE DI UDINE- SEZIONE II CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

R E P U B B L I C A I T A L I A N A TRIBUNALE DI UDINE- SEZIONE II CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 332/012 R.A.C.C. R E P U B B L I C A I T A L I A N A TRIBUNALE DI UDINE- SEZIONE II CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il dott. Gianfranco PELLIZZONI, in funzione di GIUDICE UNICO, ha pronunciato la

Dettagli

CONTRIBUTO UNIFICATO PER L ISCRIZIONE A RUOLO

CONTRIBUTO UNIFICATO PER L ISCRIZIONE A RUOLO CONTRIBUTO UNIFICATO PER L ISCRIZIONE A RUOLO Si riportano qui di seguito le tabelle ed i criteri di calcolo del contributo unificato per i procedimenti giurisdizionali riguardo ai quali ne è previsto

Dettagli

PROGRAMMA di LIQUIDAZIONE: PROFILI SOSTANZIALI e PROCEDURALI

PROGRAMMA di LIQUIDAZIONE: PROFILI SOSTANZIALI e PROCEDURALI & CONTABILITÀ & BILANCIO PROGRAMMA di LIQUIDAZIONE: PROFILI SOSTANZIALI e PROCEDURALI Analisi dell adempimento, alla luce delle recenti interpretazioni del Cndcec: criteri di redazione, adempimenti del

Dettagli

ORDINANZA N. 457 ANNO 2006

ORDINANZA N. 457 ANNO 2006 ORDINANZA N. 457 ANNO 2006 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Giovanni Maria FLICK Presidente - Francesco AMIRANTE Giudice - Ugo DE SIERVO -

Dettagli

IL TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE FALLIMENTARE DECRETO

IL TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE FALLIMENTARE DECRETO Tribunale di Roma, Sez. Fall., 24 maggio 2012 così composto: IL TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE FALLIMENTARE dott. Marco Vannucci dott. Giuseppe Di Salvo dott. Aldo Ruggiero Presidente Giudice Giudice rel. riunito

Dettagli

L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima

L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima dell atto introduttivo del giudizio, perché le azioni

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale,, n. 12 del 16 gennaio 2006 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. 2, comma 20/b Legge 23-12-1996, n. 662 - Filiale di Roma SI PUBBLICA TUTTI PARTE

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 2714 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro delle attività produttive (MARZANO) di concerto col Ministro

Dettagli

A tutela dei creditori del de cuius A tutela dei creditori del debitore chiamato A tutela degli uni e/o degli altri

A tutela dei creditori del de cuius A tutela dei creditori del debitore chiamato A tutela degli uni e/o degli altri Corso di formazione Le successioni mortis causa! "#$%&$' A tutela dei creditori del de cuius A tutela dei creditori del debitore chiamato A tutela degli uni e/o degli altri 1) actio interrogatoria 2) impugnazione

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

Appello contro il decreto di approvazione o di reiezione del Concordatoù L appello è previsto e disciplinato dall art 183 LF che non è stato modificato dalla riforma. Esso stabilisce che: contro la sentenza

Dettagli

Schema della procedura d esecuzione

Schema della procedura d esecuzione Schema della procedura d esecuzione Soggetto responsabile per la fase Creditore Debitore Ufficio d esecuzione Giudice P I G N O R A M E N T O E S E C U Z I O N E Pagamento Avviso di pignoramento Esecuzione

Dettagli

Registri che devono essere tenuti presso gli uffici giudiziari (2) (3). (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 28 dicembre 2001, n. 300, suppl. ord.

Registri che devono essere tenuti presso gli uffici giudiziari (2) (3). (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 28 dicembre 2001, n. 300, suppl. ord. Ministero della giustizia D.M. 1-12-2001 Registri che devono essere tenuti presso gli uffici giudiziari. Pubblicato nella Gazz. Uff. 28 dicembre 2001, n. 300, suppl. ord. Epigrafe Premessa 1. 2. 3. Modelli

Dettagli

presso gli uffici dell Avvocatura comunale, piazza Galileo n. 4;

presso gli uffici dell Avvocatura comunale, piazza Galileo n. 4; R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER L'EMILIA-ROMAGNA SEZIONE SECONDA Registro Sentenze:430/2007 Registro Generale: 566/2006 composto

Dettagli

LA TRANSAZIONE FISCALE SECONDO L AGENZIA DELLE ENTRATE

LA TRANSAZIONE FISCALE SECONDO L AGENZIA DELLE ENTRATE LA TRANSAZIONE FISCALE SECONDO L AGENZIA DELLE ENTRATE di Rosanna Acierno, Dottore Commercialista Sommario: 1. Premessa - 2. La posizione dell Agenzia delle Entrate - 3. L orientamento della dottrina -

Dettagli

TRIBUNALE DI FR SINON E ORDINE DI SERVIZIO IN DATA 1/12/08 ALLEGATO A Criteri di suddivisione delle materie tra i gruppi del settore civile

TRIBUNALE DI FR SINON E ORDINE DI SERVIZIO IN DATA 1/12/08 ALLEGATO A Criteri di suddivisione delle materie tra i gruppi del settore civile TRIBUNALE DI FR SINON E ORDINE DI SERVIZIO IN DATA 1/12/08 ALLEGATO A Criteri di suddivisione delle materie tra i gruppi del settore civile PRIMO GRUPPO Contratti atipici _1.43.101 Cessione di azienda

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Prefazione... pag. 5

INDICE SOMMARIO. Prefazione... pag. 5 INDICE SOMMARIO Prefazione........................................................ pag. 5 Costituzione in mora del debitore 1. Lettera di convocazione per tentativo di definizione bonaria...» 21 2. Lettera

Dettagli

RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI. 1 = Sono un vecchio pensionato: devo comunicarvi la mia PEC (Posta Elettronica Certificata)?

RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI. 1 = Sono un vecchio pensionato: devo comunicarvi la mia PEC (Posta Elettronica Certificata)? RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI 1 = Sono un vecchio pensionato: devo comunicarvi la mia PEC (Posta Elettronica Certificata)? Secondo il testo recentemente aggiornato dell art.207 Legge Fall. richiamato dall

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI PER LA CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI TREVISO

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI PER LA CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI TREVISO CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI PER LA CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI TREVISO TREVISO Via Verdi 18 TEL. 0422 5596 + 21-12-10-20-19 - FAX 0422 559618 SITO WEB: www.ordineavvocatitreviso.it Prot. n.

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 I profili di responsabilità nei rapporti banca cliente La violazione degli obblighi Biennio

Dettagli

VADEMECUM SULLA PROCEDURA DI ESDEBITAZIONE DELL IMPRENDITORE AGRICOLO

VADEMECUM SULLA PROCEDURA DI ESDEBITAZIONE DELL IMPRENDITORE AGRICOLO VADEMECUM SULLA PROCEDURA DI ESDEBITAZIONE DELL IMPRENDITORE AGRICOLO A) GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE EX ARTICOLO 182-BIS DEL REGIO DECRETO DEL 1942 N.267 Generalità Una delle novità di maggior rilievo

Dettagli

TRIBUNALE DI ASTI Il Presidente

TRIBUNALE DI ASTI Il Presidente TRIBUNALE DI ASTI Il Presidente Ai giudici delegati Alla Cancelleria Fallimenti Ai curatori, commissari giudiziali, liquidatori, commissari liquidatori e commissari straordinari Ai presidenti dell Ordine

Dettagli

UNIONE DEGLI ORDINI FORENSI DELLA SICILIA

UNIONE DEGLI ORDINI FORENSI DELLA SICILIA UNIONE DEGLI ORDINI FORENSI DELLA SICILIA Tabella Contributo Unificato 2010 (redatta dall Avv. Maurizio Argento e dall Avv. Ignazio De Mauro) ARTICOLO 13 DEL T.U. DELLE SPESE DI GIUSTIZIA - D.P.R. N. 115/2002

Dettagli

normativa, ha aperto propria casella pec per le comunicazioni di legge, ma nessuno gli aveva comunicato che avrebbe dovuto installare file e /o

normativa, ha aperto propria casella pec per le comunicazioni di legge, ma nessuno gli aveva comunicato che avrebbe dovuto installare file e /o Procedimento Nr. 276/14 R.G. R E P U B B L I C A I T A L I A N A In nome del popolo italiano Il Tribunale di Mantova nella persona del dott. Simona Gerola, in funzione di giudice del lavoro, nel processo

Dettagli

2. Formule di atti giudiziari

2. Formule di atti giudiziari 2. Formule di atti giudiziari Giuliano Scarselli, Giuseppe Camardi 2.1 Formule utilizzabili per promuovere l azione revocatoria ordinaria ex art. 2901 c.c. Revocatoria di donazione successiva al sorgere

Dettagli

CORTE D APPELLO DI MILANO. Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia. Dott.ssa Anna Maria Paganoni

CORTE D APPELLO DI MILANO. Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia. Dott.ssa Anna Maria Paganoni N. 826/07R. R. Vol. G. CORTE D APPELLO DI MILANO Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia La Corte, riunita in camera di consiglio nelle persone dei signori Dott.ssa Anna Maria Paganoni Dott.

Dettagli

Cass., 6 agosto 2010, n. 18437

Cass., 6 agosto 2010, n. 18437 Cass., 6 agosto 2010, n. 18437! Nel caso in cui all ammissione da parte del tribunale della domanda di concordato preventivo, proposta ai sensi dell art. 160 l.fall. - ratione temporis vigente, secondo

Dettagli

CONTRIBUTO UNIFICATO PER L ISCRIZIONE A RUOLO

CONTRIBUTO UNIFICATO PER L ISCRIZIONE A RUOLO CONTRIBUTO UNIFICATO PER L ISCRIZIONE A RUOLO Si riportano qui di seguito le tabelle ed i criteri di calcolo del contributo unificato per i procedimenti giurisdizionali riguardo ai quali ne è previsto

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. In nome del popolo italiano LA CORTE DEI CONTI. Sezione Giurisdizionale per la Regione Lazio SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA. In nome del popolo italiano LA CORTE DEI CONTI. Sezione Giurisdizionale per la Regione Lazio SENTENZA Sentenza n. 672/2013 REPUBBLICA ITALIANA In nome del popolo italiano LA CORTE DEI CONTI Sezione Giurisdizionale per la Regione Lazio composta dai seguenti magistrati: DE MUSSO Ivan MAIO Giuseppina RONDONI

Dettagli

CONDOMINIO (OMISSIS), in persona dell'amministratore pro tempore; avverso la sentenza della Corte d'appello di Trieste, depositata in data (OMISSIS);

CONDOMINIO (OMISSIS), in persona dell'amministratore pro tempore; avverso la sentenza della Corte d'appello di Trieste, depositata in data (OMISSIS); REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA CIVILE SOTTOSEZIONE 2 Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. GOLDONI Umberto - Presidente Dott. PETITTI

Dettagli