INDICE CORSI PER MEDIATORI corso base 50 ore; corso aggiornamento generico 18 ore; corso aggiornamento specialistico sulle tecniche di redazione del

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE CORSI PER MEDIATORI corso base 50 ore; corso aggiornamento generico 18 ore; corso aggiornamento specialistico sulle tecniche di redazione del"

Transcript

1 INDICE CORSI PER MEDIATORI corso base 50 ore; corso aggiornamento generico 18 ore; corso aggiornamento specialistico sulle tecniche di redazione del verbale procedurale; corso aggiornamento specialistico per avvocati mediatori; corso aggiornamento specialistico in materia di affitto d azienda; corso aggiornamento specialistico in materia di assicurazione sulla vita; corso aggiornamento specialistico in materia di assicurazione contro i danni; corso aggiornamento specialistico in materia di comodato; corso aggiornamento specialistico in materia di contratti bancari; corso aggiornamento specialistico in materia di contratti finanziari; corso aggiornamento specialistico in materia di diffamazione a mezzo stampa; corso aggiornamento specialistico in materia di diritti reali; corso aggiornamento specialistico in materia di divisione; corso aggiornamento specialistico in materia di locazione; corso aggiornamento specialistico in materia di patto di famiglia; corso aggiornamento specialistico in materia di responsabilità medica; corso aggiornamento specialistico in materia di successione ereditaria; corso aggiornamento specialistico in materia di trading; corso aggiornamento specialistico in materia di condominio.

2 PIANO FORMATIVO CORSO BASE MEDIATORI Corso di abilitazione, svolto in conformità delle disposizioni del DM n. 180/2010, per il conseguimento della qualifica di Mediatore. Il corso della durata di 50 ore (più esami di 4 ore) è a numero chiuso con un massimo di 30 partecipanti. I MODULO LA NORMATIVA NAZIONALE,COMUNITARIA E INTERNAZIONALE IN MATERIA DI MEDIAZIONE E CONCILIAZIONE Contenuti didattici: Esperienza italiana, esperienza internazionale e principi comunitari; Esami di casi concreti di conciliazione già esistenti nel nostro ordinamento; Principi natura e funzioni della mediazione nuovo decreto; Le controversie da regolare con la mediazione. II MODULO LE TECNICHE DI GESTIONE DEL CONFLITTO E DI INTERAZIONE COMUNICATIVA, ANCHE CON RIFERIMENTO ALLA MEDIAZIONE DEMANDATA DAL GIUDICE Contenuti didattici: La fiducia nella negoziazione; Determinanti della mediazione conflitti e negoziazione; Il processo della negoziazione; La gestione del conflitto; La comunicazione efficace. III MODULO LA METODOLOGIA DELLE PROCEDURE FACILITATIVE E AGGIUDICATIVE DI NEGOZIAZIONE E DI MEDIAZIONE. Contenuti didattici: La preparazione; La sessione congiunta iniziale; Le sessioni private iniziali e successive; La sessione finale; La Simulazione di una mediazioni. IV MODULO

3 L EFFICACIA E OPERATIVITA' DELLE CLAUSOLE CONTRATTUALI DI MEDIAZIONE E CONCILIAZIONE Contenuti didattici: Efficacia e operatività delle clausole contrattuali di mediazione. V MODULO LA FORMA, IL CONTENUTO E GLI EFFETTI DELLA DOMANDA DI MEDIAZIONE E DELL'ACCORDO DI CONCILIAZIONE, COMPITI E RESPONSABILITA'DEL MEDIATORE Contenuti didattici: Compiti responsabilità' e caratteristiche del mediatore; Rapporti tra conciliatore e organismi di mediazione; Rapporti con la giurisdizione Simulazione di redazione di una domanda di mediazione e di verbale di mediazione relativa all'accordo. VALUTAZIONE FINALE Test a risposta multipla Simulazione di una mediazione.

4 CORSO AGGIORNAMENTO BASE 18 ORE MEDIATORI Ordini Professionali in genere. Il corso in oggetto mira a fornire agli operatori del settore un approfondimento generico. status giuridico del mediatore; linguaggi della mediazione; formulazione della proposta da parte del mediatore; compilazione del verbale di procedura.

5 PIANO FORMATIVO CORSO AGGIORNAMENTO SPECIALISTICO TECNICHE DI REDAZIONE DEL VERBALE DELLA PROCEDURA DI MEDIAZIONE Il corso in oggetto mira a fornire agli operatori del settore un approfondimento generico. i verbali di rinvio; i verbali di mancato accordo; il verbale di accordo. Consigliato altresì testo: Tocci, Formulario dei verbali del procedimento di mediazione civile e commerciale, Brescia, 2012 Ordini Professionali in genere.

6 PIANO FORMATIVO CORSO SPECIALISTICO AVVOCATI E MEDIAZIONE Il corso in oggetto mira a fornire agli avvocati mediatori, cui è riservato, un adeguata preparazione in materia di condotte da assumere per la proficua coltivazione della procedura mediatizia nell interesse del cliente che sia parte in lite. l opportunità della partecipazione dell avvocato alla procedura di mediazione; le modalità di partecipazione dell avvocato alla procedura di mediazione; i documenti rappresentativi necessari; elementi deontologici. simulazione di un caso pratico di mediazione. Ordini Forensi.

7 PIANO FORMATIVO CORSO SPECIALISTICO MEDIAZIONE IN MATERIA DI AFFITTO D AZIENDA materia di affitto d azienda. Il percorso formativo del corso offre, infatti, una ricognizione dell affitto di azienda, alla luce delle problematiche pratiche, dei recenti orientamenti giurisprudenziali, delle ricostruzioni dottrinali e dei recenti interventi normativi, quale l introduzione del tentativo obbligatorio di mediazione ex D. Lgs. 28/2010. delimitazione della fattispecie; la cessione in godimento degli immobili tra affitto di azienda e locazione; il profilo soggettivo del proprietario dell azienda: la qualifica di imprenditore; il divieto di concorrenza; l avviamento; la forma e la pubblicità del contratto; l iscrizione nel Registro delle imprese; la successione dei contratti; crediti e debiti dell azienda; obblighi e responsabilità delle parti; la cessazione dell affitto di azienda e la retrocessione; l affitto d azienda nel fallimento; altre fattispecie di godimento dell azienda; profili fiscali; la mediazione in materia di vertenze da affitto di azienda; simulazione di un caso pratico di mediazione in vertenza da affitto di azienda. Ordini Forensi; Ordini Commercialisti; Collegi Consulenti del Lavoro.

8 PIANO FORMATIVO CORSO SPECIALISTICO MEDIAZIONE IN MATERIA DI CONTRATTI ASSICURATIVI A CARATTERE PREVIDENZIALE Corso di aggiornamento svolto in conformità dell art.18 comma 2 lettera g) del DM n. Il corso in oggetto mira a fornire agli operatori del settore una adeguata preparazione nell ambito dei contratti assicurativi a carattere previdenziale. Il percorso formativo del corso offre, infatti, una ricognizione dei più importanti istituti sottesi ai contratti assicurativi a carattere previdenziale, alla luce delle problematiche pratiche, dei recenti orientamenti giurisprudenziali, delle ricostruzioni dottrinali e dei recenti interventi normativi, quale l introduzione del tentativo obbligatorio di mediazione ex D. Lgs. 28/2010. l'assicurazione: nozione e natura giuridica; l'assicurazione contro i danni; l'assicurazione sulla vita; i principi matematici nel ramo Vita; l'ipotesi demografica; l'ipotesi finanziaria; il calcolo del premio; le riserve matematiche; la proposta e la valutazione del rischio; l'oggetto dell'assicurazione Vita; l'assicurazione sulla vita di un terzo; l'assicurazione a favore di un terzo; la nota informativa; l'insequestrabilità e l'impignorabilità; le forme tariffarie; caso vita e caso morte; forme miste e complementari; le coperture a premio annuo e a premio unico;

9 le coperture a premio costante e a premio crescente; la riduzione e il riscatto; la riattivazione; Il prestito; le forme di copertura caso morte: temporanea e vita intera; gli aspetti fiscali; i caricamenti; le polizze units linked; il caso delle quote di fondi comuni; il caso del fondo interno dell'impresa vita; le strategie d'investimento; le units linked a multicomparto; la riassicurazione la mediazione in materia di vertenze da contratti assicurativi a carattere previdenziale; simulazione di un caso pratico di mediazione in vertenza da contratto assicurativo a carattere previdenziale. CCREDITAMENTI RICHIEDIBILI Ordini Forensi; Ordini Medici; Ordini Commercialisti; Collegi Consulenti del Lavoro.

10 PIANO FORMATIVO CORSO SPECIALISTICO MEDIAZIONE IN MATERIA DI CONTRATTI DI ASSICURAZIONE CONTRO I DANNI Corso di aggiornamento svolto in conformità dell art.18 comma 2 lettera g) del DM n. Il corso in oggetto mira a fornire agli operatori del settore una adeguata preparazione nell ambito dei contratti di assicurazione contro i danni. Il percorso formativo del corso offre, infatti, una ricognizione dei più importanti istituti sottesi ai contratti di assicurazione contro i danni, alla luce delle problematiche pratiche, dei recenti orientamenti giurisprudenziali, delle ricostruzioni dottrinali e dei recenti interventi normativi, quale l introduzione del tentativo obbligatorio di mediazione ex D. Lgs. 28/2010. l'assicurazione: nozione e natura giuridica; l'assicurazione contro i danni; l'assicurazione sulla vita; la riassicurazione; la mediazione in materia di contratti di assicurazione contro i danni; simulazione di un caso pratico di mediazione in vertenza da contratto di assicurazione contro i danni. Ordini Forensi; Ordini Medici; Ordini Commercialisti; Ordini Ingegneri; Ordini Architetti; Ordini Agronomi; Ordini Biologi; Collegi Geometri; Collegi Consulenti del Lavoro.

11 PIANO FORMATIVO CORSO SPECIALISTICO MEDIAZIONE IN MATERIA DI COMODATO materia di contratto di comodato. Il percorso formativo del corso offre, infatti, una ricognizione del comodato, alla luce delle problematiche pratiche, dei recenti orientamenti giurisprudenziali, delle ricostruzioni dottrinali e dei recenti interventi normativi, quale l introduzione del tentativo obbligatorio di mediazione ex D. Lgs. 28/2010. struttura del contratto di comodato; parti del contratto di comodato; obblighi del comodante; obblighi del comodatario; morte del comodante; morte del comodatario; estinzione del contratto di comodato; la mediazione in materia di vertenze concernenti il contratto di comodato; simulazione di un caso pratico di mediazione in vertenza concernente il contratto di comodato. Ordini Forensi; Ordini Commercialisti; Ordini Ingegneri; Ordini Architetti; Ordini Agronomi; Collegi Geometri; Collegi Consulenti del Lavoro.

12 PIANO FORMATIVO CORSO SPECIALISTICO MEDIAZIONE IN MATERIA DI CONTRATTI BANCARI materia di contratti bancari. Il percorso formativo del corso offre, infatti, una ricognizione dei contratti bancari, alla luce delle problematiche pratiche, dei recenti orientamenti giurisprudenziali, delle ricostruzioni dottrinali e dei recenti interventi normativi, quale l introduzione del tentativo obbligatorio di mediazione ex D. Lgs. 28/2010. il deposito bancario; l apertura di credito; lo sconto bancario; il mutuo; il credito al consumo; il conto corrente; i contratti di garanzia; i rimedi stragiudiziali alternativi alla mediazione; la mediazione in materia di vertenze concernenti un contratto bancario; simulazione di un caso pratico di mediazione in vertenza concernente un contratto bancario. Ordini Forensi; Ordini Commercialisti; Collegi Consulenti del Lavoro.

13 PIANO FORMATIVO CORSO SPECIALISTICO MEDIAZIONE IN MATERIA DI CONTRATTI FINANZIARI materia di contratti finanziari. Il percorso formativo del corso offre, infatti, una ricognizione dei contratti finanziari, alla luce delle problematiche pratiche, dei recenti orientamenti giurisprudenziali, delle ricostruzioni dottrinali e dei recenti interventi normativi, quale l introduzione del tentativo obbligatorio di mediazione ex D. Lgs. 28/2010. definizione di contratto finanziario; contratti finanziari bilaterali e multilaterali; contratto di debito; contratto di partecipazione; contratto assicurativo; contratto derivato; i rischi dei contratti finanziari la mediazione in materia di vertenze concernenti un contratto finanziario; simulazione di un caso pratico di mediazione in vertenza concernente un contratto finanziario. Ordini Forensi; Ordini Commercialisti; Collegi Consulenti del Lavoro.

14 PIANO FORMATIVO CORSO SPECIALISTICO MEDIAZIONE IN MATERIA DI DIFFAMAZIONE A MEZZO STAMPA materia di diffamazione a mezzo stampa. Il percorso formativo del corso offre, infatti, una ricognizione dei più importanti istituti sottesi alla diffamazione a mezzo stampa, alla luce delle problematiche pratiche, dei recenti orientamenti giurisprudenziali, delle ricostruzioni dottrinali e dei recenti interventi normativi, quale l introduzione del tentativo obbligatorio di mediazione ex D. Lgs. 28/2010. condotta integratrice; lesione delle situazioni giuridiche soggettive rilevanti; pregiudizio; nesso di causalità; risarcibilità del danno; la mediazione in materia di diffamazione a mezzo stampa; simulazione di un caso pratico di mediazione in materia di diffamazione a mezzo stampa. Ordini Forensi; Ordini Giornalisti.

15 PIANO FORMATIVO CORSO SPECIALISTICO MEDIAZIONE IN MATERIA DI DIRITTI REALI materia di diritti reali. Il percorso formativo del corso offre, infatti, una ricognizione dei diritti reali, alla luce delle problematiche pratiche, dei recenti orientamenti giurisprudenziali, delle ricostruzioni dottrinali e dei recenti interventi normativi, quale l introduzione del tentativo obbligatorio di mediazione ex D. Lgs. 28/2010. diritto di proprietà; comunione; possesso; usucapione; diritti reali di godimento; diritti reali di garanzia; la mediazione in materia di vertenze concernenti diritti reali; simulazione di un caso pratico di mediazione in vertenza concernente diritto reale. Ordini Forensi; Ordini Commercialisti; Ordini Ingegneri; Ordini Architetti; Ordini Agronomi; Collegi Geometri; Collegi Consulenti del Lavoro.

16 PIANO FORMATIVO CORSO SPECIALISTICO MEDIAZIONE IN MATERIA DI DIVISIONE materia di divisione. Il percorso formativo del corso offre, infatti, una ricognizione della divisione, alla luce delle problematiche pratiche, dei recenti orientamenti giurisprudenziali, delle ricostruzioni dottrinali e dei recenti interventi normativi, quale l introduzione del tentativo obbligatorio di mediazione ex D. Lgs. 28/2010. comunione volontaria; comunione legale; diritti disponibili nella divisione; la mediazione in materia di vertenze concernenti divisione; simulazione di un caso pratico di mediazione in vertenza concernente divisione. Ordini Forensi; Ordini Commercialisti; Ordini Ingegneri; Ordini Architetti; Ordini Agronomi; Collegi Geometri; Collegi Consulenti del Lavoro.

17 PIANO FORMATIVO CORSO SPECIALISTICO MEDIAZIONE IN MATERIA LOCATIZIA materia locatizia. Il percorso formativo del corso offre, infatti, una ricognizione degli istituti locatizi, alla luce delle problematiche pratiche, dei recenti orientamenti giurisprudenziali, delle ricostruzioni dottrinali e dei recenti interventi normativi, quale l introduzione del tentativo obbligatorio di mediazione ex D. Lgs. 28/2010. la locazione di immobili ad uso abitativo la locazione di immobili ad uso non abitativo; i contratti di locazione in materia agraria la mediazione in materia di vertenze da contratto locatizio; simulazione di un caso pratico di mediazione in vertenza da contratto locatizio. Ordini Forensi; Ordini Commercialisti; Ordini Ingegneri; Ordini Architetti; Ordini Agronomi; Collegi Geometri; Collegi Consulenti del Lavoro.

18 PIANO FORMATIVO CORSO SPECIALISTICO MEDIAZIONE IN MATERIA DI PATTO DI FAMIGLIA materia di patti di famiglia. Il percorso formativo del corso offre, infatti, una ricognizione del patto di famiglia, alla luce delle problematiche pratiche, dei recenti orientamenti giurisprudenziali, delle ricostruzioni dottrinali e dei recenti interventi normativi, quale l introduzione del tentativo obbligatorio di mediazione ex D. Lgs. 28/2010. definizione e introduzione; stipula del patto di famiglia ed invalidità del patto stesso; diritti dei legittimari non assegnatari e dei legittimari sopravvenuti; scioglimento del vincolo; ruolo dell autonomia privata; applicabilità del patto di famiglia al trasferimento di partecipazioni societarie (società di persone e società di capitali; partecipazioni non operative, partecipazioni di controllo, partecipazioni di minoranza); nuda proprietà e usufrutto; compatibilità con il mantenimento del potere di ingerenza del disponente nell impresa; ramo d azienda; patto di famiglia e comunione legale tra coniugi; rimedi all eventuale indisponibilità di risorse finanziarie in capo al beneficiario; fiscalità (imposte dirette, imposte indirette, normativa antielusiva); la mediazione in materia di vertenze da patto di famiglia; simulazione di un caso pratico di mediazione in vertenza da patto di famiglia. Ordini Forensi; Ordini Commercialisti; Collegi Consulenti del Lavoro;

19 PIANO FORMATIVO CORSO SPECIALISTICO MEDIAZIONE IN MATERIA DI RESPONSABILITA MEDICA Il corso in oggetto mira a fornire agli operatori del settore una adeguata preparazione nell ambito della responsabilità del medico. Il percorso formativo del corso offre, infatti, una ricognizione dei più importanti istituti della responsabilità civile del medico, alla luce delle problematiche pratiche, dei recenti orientamenti giurisprudenziali, delle ricostruzioni dottrinali e dei recenti interventi normativi, quale l introduzione del tentativo obbligatorio di mediazione ex D. Lgs. 28/2010. la responsabilità professionale in generale; l ambito di applicazione dell art c.c.; la natura dell obbligazione del professionista intellettuale; la responsabilità medica: le questioni aperte; la colpa medica: caratteri e regime applicabile; la responsabilità della struttura sanitaria ed il contratto atipico di spedalità; il fondamento della responsabilità contrattuale della struttura sanitaria; la natura della responsabilità del medico; la prova dell inadempimento; il contenuto dell onere di allegazione; nesso di causalità; le concause; il consenso informato; la mediazione in materia di responsabilità medica; simulazione di un caso pratico di mediazione in vertenza da responsabilità medica.

20 Consigliato altresì testo: Tocci-Patta, La mediazione nelle controversie da danno iatrogeno, Bologna, Ordini Forensi; Ordini Medici; Ordini Farmacisti; Collegi Infermieri; Collegi Professioni Sanitarie; Ordine Nazionale Biologi.

21 PIANO FORMATIVO CORSO SPECIALISTICO MEDIAZIONE IN MATERIA DI SUCCESSIONE EREDITARIA materia di successione ereditaria. Il percorso formativo del corso offre, infatti, una ricognizione della successione ereditaria, alla luce delle problematiche pratiche, dei recenti orientamenti giurisprudenziali, delle ricostruzioni dottrinali e dei recenti interventi normativi, quale l introduzione del tentativo obbligatorio di mediazione ex D. Lgs. 28/2010. successione testamentaria; successione legittima; diritti disponibili nella successione; la mediazione in materia di vertenze concernenti successione ereditaria; simulazione di un caso pratico di mediazione in vertenza concernente successione ereditaria. Ordini Forensi; Ordini Commercialisti; Ordini Ingegneri; Ordini Architetti; Ordini Agronomi; Collegi Geometri; Collegi Consulenti del Lavoro.

22 PIANO FORMATIVO CORSO SPECIALISTICO MEDIAZIONE IN MATERIA DI TRADING materia di trading on line. Il percorso formativo del corso offre, infatti, una ricognizione del trading, alla luce delle problematiche pratiche, dei recenti orientamenti giurisprudenziali, delle ricostruzioni dottrinali e dei recenti interventi normativi, quale l introduzione del tentativo obbligatorio di mediazione ex D. Lgs. 28/2010. il trading on line come contratto telematico; cenni sui contratti telematici; contratti telematici in ragione della propria conclusione; contratti telematici in ragione della propria esecuzione; struttura contrattuale del trading on line; le parti del contratto di trading on line; conclusione ed estinzione del contratto di trading on line; la mediazione in materia di vertenze concernenti il contratto di trading on line; simulazione di un caso pratico di mediazione in vertenza concernente il contratto di trading on line. Ordini Forensi; Ordini Commercialisti; Collegi Consulenti del Lavoro.

23 PIANO FORMATIVO CORSO SPECIALISTICO MEDIAZIONE IN MATERIA DI CONDOMINIO materia di condominio. Il percorso formativo del corso offre, infatti, una ricognizione dell istituto condominiale, alla luce delle problematiche pratiche, dei recenti orientamenti giurisprudenziali, delle ricostruzioni dottrinali e dei recenti interventi normativi, quale l introduzione del tentativo obbligatorio di mediazione ex D. Lgs. 28/2010. il condominio in generale; l assemblea; l amministratore; la contabilità; il regolamento; l assicurazione; i dipendenti; normativa energetica; normativa sui parcheggi; normativa sulla sicurezza degli impianti; normativa sulle barriere architettoniche. la mediazione in materia di condominio; simulazione di un caso pratico di mediazione in materia di condominio. Ordini Forensi; Ordini Commercialisti, Ordini Ingegneri; Ordini Architetti; Collegi Consulenti del Lavoro; Collegi Geometri.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

La Società tra Professionisti

La Società tra Professionisti Paolo Tonalini Notaio La Società tra Professionisti Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Pavia in collaborazione con Banca Generali Relazione al Convegno del 6 marzo 2015 NOTAIO

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

MANUALE UTENTE PER LA RICHIESTA DI TRASFERIMENTO DI TITOLARITÁ

MANUALE UTENTE PER LA RICHIESTA DI TRASFERIMENTO DI TITOLARITÁ MANUALE UTENTE PER LA RICHIESTA DI TRASFERIMENTO DI TITOLARITÁ Novembre 2014 INDICE Sezione 1: Documentazione e Classificazione dei Cambi di Titolarità... 4 1. TIPOLOGIE DI CAMBI DI TITOLARITÀ... 8 1.1.

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

INA ASSITALIA S.p.A. CRESCIAMO INSIEME. deve essere consegnato al Contraente prima della sottoscrizione della proposta di assicurazione.

INA ASSITALIA S.p.A. CRESCIAMO INSIEME. deve essere consegnato al Contraente prima della sottoscrizione della proposta di assicurazione. INA ASSITALIA S.p.A. Impresa autorizzata all esercizio delle Assicurazioni e della Riassicurazione nei rami Vita, Capitalizzazione e Danni con decreto del Ministero dell Industria del Commercio e dell

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

ADESIONE ALLA MEDIAZIONE N.

ADESIONE ALLA MEDIAZIONE N. Versione 2015 Corso Re Umberto 77 10128 Torino Tel: 011 4546634 - Fax 011.19621008 segreteria@aequitasadr.it ADESIONE ALLA MEDIAZIONE N. Alla sede AEQUITAS ADR di (Indirizzi e contatti delle sedi sono

Dettagli

ATTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE IN CASO D USO AI SENSI DELL ART. 6 DEL D.P.R. 26 APRILE 1986, N. 131, E DELL ART. 2,

ATTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE IN CASO D USO AI SENSI DELL ART. 6 DEL D.P.R. 26 APRILE 1986, N. 131, E DELL ART. 2, COMUNE DI GAVARDO (Provincia di Brescia) ATTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE IN CASO D USO AI SENSI DELL ART. 6 DEL D.P.R. 26 APRILE 1986, N. 131, E DELL ART. 2, PARTE SECONDA, PUNTO 1, DELLA TARIFFA ALLEGATA.

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO CONVENZIONE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO FOR INSURANCE BROKER SRL, Società di Brokeraggio con sede principale a Castelfranco V.to, Ha stipulato con i

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini. Consulenza 360

Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini. Consulenza 360 Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini Consulenza 360 Do.Ma.Consulting è DO.MA. Consulting s.a.s. nasce come centro elaborazione dati ed opera principalemente nel settore del lavoro; avvalendosi di

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

STUDIO DE POLI - VENEZIA

STUDIO DE POLI - VENEZIA IL TRUST: COS È, IN BREVE di Ilaria Della Vedova Avvocato dello Studio De Poli Venezia Membro dell organismo Professionisti Accreditati in materia di Trust 1) Che cos è il trust? È un istituto di origine

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI Marzo 2014 Con il presente riepilogo si forniscono indicazioni di dettaglio sulle prestazioni creditizie erogate

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo La modulistica nella

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI MODULO S3 Scioglimento, liquidazione, cancellazione dal Registro Imprese AVVERTENZE GENERALI Finalità del modulo Il modulo va utilizzato per l iscrizione nel Registro Imprese dei seguenti atti: scioglimento

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

Prot. n 1857/22 Circolare N 10/LUGLIO 2015 LUGLIO 2015 A tutti i colleghi (*)

Prot. n 1857/22 Circolare N 10/LUGLIO 2015 LUGLIO 2015 A tutti i colleghi (*) Prot. n 1857/22 Circolare N 10/LUGLIO 2015 LUGLIO 2015 A tutti i colleghi (*) LE ASSUNZIONI CONGIUNTE IN AGRICOLTURA. Il settore agricolo, in particolar modo per quel che concerne la gestione degli operai

Dettagli

I RAPPORTI CONTRATTUALI NELLA DISTRIBUZIONE DEI CARBURANTI IN ITALIA

I RAPPORTI CONTRATTUALI NELLA DISTRIBUZIONE DEI CARBURANTI IN ITALIA I RAPPORTI CONTRATTUALI NELLA DISTRIBUZIONE DEI CARBURANTI IN ITALIA Elementi di studio e riflessione sulle forme contrattuali, derivate dalla applicazione della disciplina del c.c., legislativa, normativa

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 RECUPERO CREDITI L agente in attività finanziaria può svolgere l attività di ristrutturazione e recupero dei crediti? Si. L art. 128-quaterdecies del TUB

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA [D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 e ss.mm.ii. (di seguito Codice)] Entrata in vigore delle ultime modifiche (D.Lgs. n. 153/2014): 26 novembre 2014 D.P.C.M. n. 193/2014 Regolamento

Dettagli

Privacy in Condominio

Privacy in Condominio 1^ edizione! 1 Privacy in Condominio COSA SI PUO FARE E COSA NO Guida aggiornata al nuovo Vademecum del Palazzo emanato dall Autorità Garante per la tutela dei dati personali a seguito dell entrata in

Dettagli

Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali

Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali ED. LUGLIO 2013 Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI MASTER PART TIME. When you have to be right

GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI MASTER PART TIME. When you have to be right MASTER PART TIME GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI 2 0 1 4 TERZA EDIZIONE R E G G I O E M I L I A When you have to be right LA SCUOLA DI FORMAZIONE IPSOA La Scuola di Formazione

Dettagli

SERVIZIO DI OPERATIVITÀ TRAMITE FILIALI DI ALTRE BANCHE DEL GRUPPO UNIONE DI BANCHE ITALIANE

SERVIZIO DI OPERATIVITÀ TRAMITE FILIALI DI ALTRE BANCHE DEL GRUPPO UNIONE DI BANCHE ITALIANE DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI - (Titolo VI Testo Unico Bancario - D. Lgs. 385/1993) FOGLIO INFORMATIVO Il presente Foglio

Dettagli

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.)

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Familiari per i quali può essere richiesto il ricongiungimento: 1. Coniuge non

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE TRENDCOM

REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE TRENDCOM REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE TRENDCOM A Disposizioni generali 1. Oggetto e principi informatori 1.1 Il regolamento disciplina l organizzazione ed il funzionamento dell Organismo di Mediazione

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

RICHIESTA ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI CONCILIATORI

RICHIESTA ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI CONCILIATORI Spett/le ITALCONCILIA - Associazione Mediatori Professionisti Segreteria Generale Corso Europa, 43-83031 Ariano Irpino (Av) RICHIESTA ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI CONCILIATORI Il/La sottoscritto/a, nato/a

Dettagli

CIRCOLARE N. 24/E. R RrRrrr. Roma, 17 giugno 2015

CIRCOLARE N. 24/E. R RrRrrr. Roma, 17 giugno 2015 CIRCOLARE N. 24/E R RrRrrr Direzione Centrale Pubblicità Immobiliare e Affari Legali Roma, 17 giugno 2015 OGGETTO: Tabelle degli atti soggetti a trascrizione o a iscrizione e delle domande di annotazione

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA:

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: il Sig. nato a il residente a, codice fiscale, di seguito denominato parte locatrice E: il Sig. nato a il residente a, codice

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 15/2014

NOTA OPERATIVA N. 15/2014 NOTA OPERATIVA N. 15/2014 OGGETTO: La crisi di impresa e le possibili soluzioni - Introduzione La crisi economica, che ha investito il nostro Paese, sta avendo effetti devastanti sulle imprese; la presente

Dettagli

Al SUAP. Denominazione società/ditta

Al SUAP. Denominazione società/ditta COMUNICAZIONE SUBINGRESSO DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO L.R. 28/2005 e s.m.i. Codice del Commercio art.74 e D.P. G.R. n. 15/R del 1 aprile 2009 Regolamento di attuazione della legge n. 28/2005

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile Quante volte l anno si svolgono gli esami di Stato? Sono previste due sessioni d esame

Dettagli

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Il presente Fascicolo Informativo contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Art. 1. Norme generali 1.1 Come stabilito dal D.Lgs 252/2005, l Associato può richiedere un anticipazione sulla posizione individuale maturata: a)

Dettagli