Venerdì 16 Giugno 2006

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Venerdì 16 Giugno 2006"

Transcript

1 Venerdì 16 Giugno 2006 LA SITUAZIONE Documentazione a corredo degli impianti e adempimenti burocratici nell'attività di installazione e messa a norma."

2 VERIFICHE SU IMPIANTI DI POTENZA < 35 kw 600 VERIFICHE SU IMPIANTI DI POTENZA 35 kw E < 116 kw 300 VERIFICHE SU IMPIANTI DI POTENZA 116 kw E < 350 kw 700 VERIFICHE SU IMPIANTI DI POTENZA 350 kw 280

3 DICHIARAZIONE CONFORMITÀ IMPIANTO TERMICO ASSENTE NEL 25% DEI CASI DICHIARAZIONE CONFORMITÀ IMPIANTO ELETTRICO ASSENTE NEL 27% DEI CASI DENUNCIA ISPESL ASSENTE NEL 45% DEI CASI CERTIFICATO PREVENZIONE INCENDI ASSENTE NEL 40% DEI CASI

4 RENDIMENTO AL DI SOTTO DEL LIMITE DI LEGGE 5% DISPOSIZIONI DI MESSA A NORMA ENTRO 5 GIORNI 7% IMPIANTI VERIFICATI IN SEGUITO AD ESPOSTI SOSPENSIONE DELL EROGAZIONE DEL GAS 75 CASI

5 LEGGE 5 MARZO 1990, N.46 NORME PER LA SICUREZZA. ART. 9. DICHIARAZIONE DI CONFORMITA' 1. AL TERMINE DEI LAVORI L'IMPRESA INSTALLATRICE E' TENUTA A RILASCIARE AL COMMITTENTE LA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA' REALIZZATI NEL RISPETTO DELLE NORME DI CUI ALL'ARTICOLO 7. DI TALE DICHIARAZIONE, SOTTOSCRITTA DAL TITOLARE DELL'IMPRESA INSTALLATRICE E RECANTE I NUMERI DI PARTITA IVA E DI ISCRIZIONE ALLA CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA, FARANNO PARTE INTEGRANTE LA RELAZIONE CONTENENTE LA TIPOLOGIA DEI MATERIALI IMPIEGATI NONCHÈ, OVE PREVISTO, IL PROGETTO DI CUI ALL'ARTICOLO 6. DICHIARAZIONE DI CONFORMITA

6

7

8

9

10

11 La dichiarazione di dell impianto alla regola d arte VA RILASCIATA OBBLIGATORIAMENTE AL COMMITTENTE AL TERMINE DEI LAVORI DOPO AVER TERMINATO E AVER CONTROLLATO CHE L IMPIANTO DI UTENZA INSTALLATO OPPURE RISTRUTTURATO O AMPLIATO SIA SICURO E FUNZIONI CORRETTAMENTE. NON È OBBLIGATORIA SOLO PER GLI INTERVENTI DI ORDINARIA MANUTENZIONE.

12 IMPIANTO DEL GAS A VALLE DEL PUNTO DI CONSEGNA: INSIEME DELLE TUBAZIONI E DEI LORO ACCESSORI DAL PUNTO DI CONSEGNA ALL APPARECCHIO UTILIZZATORE, L INSTALLAZIONE ED I COLLEGAMENTI DEL MEDESIMO LE PREDISPOSIZIONI EDILI E/O MECCANICHE PER LA VENTILAZIONE E O L AERAZIONE DEL LOCALE LE PREDISPOSIZIONI EDILI E/O MECCANICHE PER LO SCARICO ALL ESTERNO DEI PRODOTTI DELLA COMBUSTIONE.

13 LA DICHIARAZIONE DEVE RIPORTARE I SEGUENTI ALLEGATI: PROGETTO (SE OBBLIGATORIO); *Camini singoli asserviti ad apparecchi a gas di portata termica maggiore di 34,8kW; *Canne fumarie collettive; *Canne fumarie collettive ramificate; Tubazione trasporto gas combustibile quando la portata termica dell impianto interno è maggiore di 34,8 kw; Nuova realizzazione, ristrutturazione di impianti termici, sostituzione di generatori di calore superiori a 34,8 kw; * compresi adeguamenti di cui alla norma UNI 10845

14 RELAZIONE CON TIPOLOGIE DEI MATERIALI UTILIZZATI CON UN RIASSUNTO SULLE INFORMAZIONI PRINCIPALI DELL IMPIANTO, UNA RELAZIONE IN CUI SI DICHIARA DI AVER UTILIZZATO COMPONENTI CONFORMI ALLE NORME, SCHEDE DEI COMPONENTI UTILIZZATI; SCHEMA DELL IMPIANTO REALIZZATO RIFERIMENTO A DICHIARAZIONI PRECEDENTI; COPIA DEL CERTIFICATO DI RICONOSCIMENTO DEI REQUISITI TECNICO - PROFESSIONALI.

15 LA RELAZIONE DEVE CONTENERE: PER I PRODOTTI SOGGETTI A NORME, LA DICHIARAZIONE DI RISPONDENZA ALLE STESSE COMPLETATA, OVE ESISTENTE, CON RIFERIMENTI A MARCHI, CERTIFICATI DI PROVA, ECC. RILASCIATI DA ISTITUTI AUTORIZZATI. PER GLI ALTRI PRODOTTI (DA ELENCARE) IL FIRMATARIO DEVE DICHIARARE CHE TRATTASI DI MATERIALI, PRODOTTI E COMPONENTI CONFORMI A QUANTO PREVISTO DALL ART. 7 DELLA LEGGE 46. LA RELAZIONE DEVE DICHIARARE L IDONEITÀ RISPETTO ALL AMBIENTE DI INSTALLAZIONE.

16 QUANDO RILEVANTE AI FINI DEL BUON FUNZIONAMENTO DELL IMPIANTO, SI DEVONO FORNIRE INDICAZIONI SUL NUMERO E CARATTERISTICHE DEGLI APPARECCHI INSTALLATI OD INSTALLABILI, FACENDO RIFERIMENTO ALLA POTENZA SULLA BASE DELLA QUALE L IMPIANTO È STATO PROPORZIONATO; AD ESEMPIO PER GLI IMPIANTI A GAS DOVRANNO ESSERE INDICATI: 1) NUMERO, TIPO E POTENZA DEGLI APPARECCHI; 2) CARATTERISTICHE DEI COMPONENTI IL SISTEMA DI VENTILAZIONE DEI LOCALI (POSIZIONAMENTO DELLA GRIGLIA DI VENTILAZIONE E SUA DIMENSIONE, TIRAGGIO FORZATO A PARETE, ECC.);

17 3) CARATTERISTICHE DEL SISTEMA DI SCARICO DEI PRODOTTI DELLA COMBUSTIONE (TIPO E MISURA DELLA CANNA FUMARIA, SCARICO FORZATO A PARETE, ECC.); 4) INDICAZIONI SUL COLLEGAMENTO ELETTRICO DEGLI APPARECCHI, OVE PREVISTO. NELLA RELAZIONE DEVE ESSERE EVIDENZIATA L IDONEITÀ ALL AMBIENTE DEI MATERIALI UTILIZZATI, DOVRÀ QUINDI ESSERE ESPRESSAMENTE INDICATA LA COMPATIBILITÀ CON GLI IMPIANTI PREESISTENTI. IN CASO DI RIFACIMENTO PARZIALE DI IMPIANTI, IL PROGETTO E LA DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ O IL CERTIFICATO DI COLLAUDO, OVE PREVISTO, SI RIFERISCONO ALLA SOLA PARTE OGGETTO DELL OPERA DI RIFACIMENTO.

18 PER SCHEMA DELL IMPIANTO REALIZZATO SI INTENDE: UNA ADEGUATA DESCRIZIONE DELL OPERA COME ESEGUITA (SI FA SEMPLICE RINVIO AL PROGETTO QUANDO QUESTO ESISTE). NEL CASO DI TRASFORMAZIONE, AMPLIAMENTO E MANUTENZIONE STRAORDINARIA, L INTERVENTO DEVE ESSERE INQUADRATO, SE POSSIBILE, NELLO SCHEMA DELL IMPIANTO PREESISTENTE. LO SCHEMA CITERÀ LA PRATICA PREVENZIONE INCENDI (OVE RICHIESTO).

19 LO SCHEMA DELL IMPIANTO, INTESO COME UN RILIEVO PRECISO DI QUANTO REALIZZATO, È UNA TUTELA DEL CONSUMATORE, MA LO È ANCHE DELL INSTALLATORE. UNA DOCUMENTAZIONE ADEGUATA RENDE POSSIBILE L IDENTIFICAZIONE DELLE MODIFICHE IMPIANTISTICHE EFFETTUATE SUCCESSIVAMENTE E DI CUI, OVE NON RIESCA A DIMOSTRARNE L ESTRANEITÀ, L INSTALLATORE SI TROVA AD ASSUMERE LA RESPONSABILITÀ. TUTELA INOLTRE L INSTALLATORE CHE INTERVIENE SUCCESSIVAMENTE PER AMPLIAMENTI, TRASFORMAZIONI, ECC. IN QUANTO PUÒ OPERARE BASANDOSI SU UNA DOCUMENTAZIONE EFFICACE. ALLEGATI OBBLIGATORI

20 LEGGE 5 MARZO 1990, N.46 NORME PER LA SICUREZZA. ART. 7.INSTALLAZIONE 1. LE IMPRESE INSTALLATRICI SONO TENUTE AD ESEGUIRE GLI IMPIANTI A REGOLA D'ARTE UTILIZZANDO ALLO SCOPO MATERIALI PARIMENTI COSTRUITI A REGOLA D'ARTE. 2. IN PARTICOLARE GLI IMPIANTI ELETTRICI DEVONO ESSERE DOTATI DI IMPIANTI DI MESSA A TERRA E DI INTERRUTTORI DIFFERENZIALI AD ALTA SENSIBILITA' O DI ALTRI SISTEMI DI PROTEZIONE EQUIVALENTI. 3. TUTTI GLI IMPIANTI REALIZZATI ALLA DATA DI ENTRATA IN VIGORE DELLA PRESENTE LEGGE DEVONO ESSERE ADEGUATI, ENTRO TRE ANNI DA TALE DATA, A QUANTO PREVISTO DAL PRESENTE ARTICOLO.

21 IL D.P.R. N. 218 PUBBLICATO SU G.U. IL 9/7/1998 HA INTRODOTTO IL CONCETTO DI IDONEITÀ PER GLI IMPIANTI PREESISTENTI CHE RISPONDONO AI SEGUENTI REQUISITI ESSENZIALI DI SICUREZZA: IDONEITÀ DELLE APERTURE DI VENTILAZIONE (AFFLUSSO DI ARIA NECESSARIA ALLA COMBUSTIONE) IDONEITÀ DELLA AERAZIONE (RICAMBIO DELL'ARIA NECESSARIA SIA PER LO SMALTIMENTO DEI PRODOTTI DELLA COMBUSTIONE, SIA PER EVITARE MISCELE CON UN TENORE PERICOLOSO DI GAS NON COMBUSTI) IN RELAZIONE ALLA TIPOLOGIA DEGLI APPARECCHI INSTALLATI EFFICIENZA DEI SISTEMI DI SMALTIMENTO DEI PRODOTTI DELLA COMBUSTIONE TENUTA INTERNI GAS FUNZIONALITÀ ED ESISTENZA DEI DISPOSITIVI DI CONTROLLO FIAMMA PER GLI APPARECCHI OVE SONO PREVISTI

22 Art. 1 - Scadenze di adeguamento 1. per il trasporto e l utilizzazione del gas combustibile, di cui all art. 1, comma 1, lettera e) della legge 5 marzo 1990, n. 46, a valle del misuratore, o dal punto di consegna nel caso di alimentazione a GPL, alla data di entrata in vigore della legge stessa, dovranno rispondere ai requisiti di sicurezza, di cui all articolo 2, ENTRO IL 31 DICEMBRE Ai fini della determinazione della data di realizzazione dell impianto, nell ambito dei controlli ai sensi della legge 5 marzo 1990, n. 46, si farà riferimento alla data di costruzione degli edifici i cui sono installati gli impianti. 3. PER GLI IMPIANTI REALIZZATI IN DATA SUCCESSIVA A QUELLA DELL EDIFICIO, IL PROPRIETARIO POTRÀ ATTESTARE LA DATA DI REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO TRAMITE SPECIFICA DOCUMENTAZIONE O APPOSITA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO.

23 LE VERIFICHE PREESISTENTI VANNO EFFETTUATE DA INSTALLATORI ABILITATI O DA PROFESSIONISTI DEL SETTORE SECONDO LA SPECIFICA NORMA UNI. AL TERMINE DELLA VERIFICA, L'INSTALLATORE O IL PROFESSIONISTA INCARICATO DOVRÀ CONSEGNARE UNA APPOSITA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DEI RISULTATI, DEBITAMENTE FIRMATA DA LUI E CONTROFIRMATA PER RICEVUTA DAL CLIENTE, NELLA QUALE SARANNO EVIDENZIATI GLI ESITI DELLA VERIFICA DEI SINGOLI REQUISITI ESSENZIALI E, CONSEGUENTEMENTE, IL GIUDIZIO DI IDONEITÀ O MENO DELL'IMPIANTO.

24 SE L'IMPIANTO RISULTASSE IDONEO CHI SOTTOSCRIVE UN DOCUMENTO DI AUTOCERTIFICAZIONE PUÒ ALLEGARE LA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DEI RISULTATI SGRAVANDOSI IN QUESTO MODO DELLA RESPONSABILITÀ DELLA VALUTAZIONE TECNICA. SE L'IMPIANTO RISULTASSE NON IDONEO IL CLIENTE DOVRÀ PROVVEDERE AL PIÙ PRESTO A FARLO ADEGUARE ALLA NORMATIVA VIGENTE DA UN INSTALLATORE ABILITATO CHE AL TERMINE DEI LAVORI GLI DOVRÀ RILASCIARE LA DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ DELL'IMPIANTO. NORMA

25 SE L IMPIANTO A GAS È STATO REALIZZATO PRIMA DEL MARZO DEL 1990: O È STATO REALIZZATO SECONDO LE NORME TECNICHE GIÀ ESISTENTI DAL 1972 O NON È STATO REALIZZATO A NORMA.

26 NEL PRIMO CASO BASTERÀ INCARICARE UN TECNICO ABILITATO PER: VERIFICARE CHE L'IMPIANTO RISPONDA AI CINQUE REQUISITI ESSENZIALI INDICATI DAL DECRETO SI COMPILERÀ LA "SCHEDA DI VERIFICA DELLE CARATTERISTICHE FUNZIONALI DI IMPIANTO" QUESTO DOCUMENTO DOVRÀ ESSERE CONSERVATO PER DIMOSTRARE LA REGOLARITÀ DELL'IMPIANTO.

27 NEL SECONDO CASO SI DOVRÀ INCARICARE UNA DITTA ABILITATA PER: EFFETTUARE LE MODIFICHE NECESSARIE PER RIPORTARE L'IMPIANTO A GAS A NORMA LA "DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ" PRESCRITTA DALLA LEGGE 46/90 ANDRÀ POI ALLEGATA ALLA PREDETTA "SCHEDA DI VERIFICA".

28 QUESTA E LA PRASSI DA UTILIZZARE OGNI QUALVOLTA NON SI TROVI LA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA E SI DEBBA METTER MANO ALL IMPIANTO, A TUTELA SIA DEL CLIENTE CHE DI SE STESSI!!!!!

29

30

31

32 L ALLEGATO G CONSEGNA MENSILE TASSATIVA ELENCO DEGLI ALLEGATI CONSEGNATI SECONDO LA TABELLA: Data 04/05/06 Nominativo Rossi Mario Indirizzo Via Bianco 1 Nr Bollino Mestre

33 CODICE PENALE ART RAPPORTO DI CAUSALITÀ NESSUNO PUÒ ESSERE PUNITO PER UN FATTO PREVEDUTO DALLA LEGGE COME REATO, SE L'EVENTO DANNOSO O PERICOLOSO, DA CUI DIPENDE LA ESISTENZA DEL REATO, NON È CONSEGUENZA DELLA SUA AZIONE OD OMISSIONE. NON IMPEDIRE UN EVENTO, CHE SI HA L'OBBLIGO GIURIDICO DI IMPEDIRE, EQUIVALE A CAGIONARLO.

34 AL VERIFICATORE/MANUTENTORE, ALL ESITO DELLA VISITA DELL IMPIANTO, AL MOMENTO DELLA COMPILAZIONE DEL MODELLO DI VISITA E DELLA SUA CONSEGNA AL POSSESSORE DELL IMPIANTO, SONO CONFERITE LE SEGUENTI FUNZIONI: - DESCRITTIVE DELLE CONDIZIONI DELL IMPIANTO, - DICHIARATIVE CHE L IMPIANTO CORRISPONDE O MENO ALLA NORMATIVA DI SICUREZZA E CHE LO STESSO È PERICOLOSO O NON È PERICOLOSO PER L INCOLUMITÀ DI PERSONE E COSE,

35 - PRESCRITTIVE IN QUANTO IL RAPPORTO DI VERIFICA CONTIENE OSSERVAZIONI E RACCOMANDAZIONI NELL USO DELL IMPIANTO, - PRESCRITTIVE NEL SENSO CHE L IMPIANTO PUÒ FUNZIONARE SOLO DOPO L ESECUZIONE DI QUANTO PRESCRITTO, - PRESCRITTIVE IN QUANTO SI PREVEDE CHE IL VERIFICATORE AVENDO RISCONTRATO E NON ELIMINATO CARENZE TALI DA COMPROMETTERE LA SICUREZZA DI FUNZIONAMENTO DELL IMPIANTO, DOPO AVER MESSO FUORI SERVIZIO L APPARECCHIO E DIFFIDATO L OCCUPANTE DAL SUO UTILIZZO, INDICHI LE OPERAZIONI NECESSARIE PER IL RIPRISTINO DELLE CONDIZIONI DI SICUREZZA

36 LA SCELTA DEL LEGISLATORE DI ATTRIBUIRE AL VERIFICATORE/MANUTENTORE TALI FUNZIONI DESCRITTIVE, CERTIFICATIVE ED ESPRESSAMENTE PRESCRITTIVE, IN RELAZIONE ALL IMPIANTO TERMICO VERIFICATO, COMPORTA L ASSUNZIONE, IN CAPO AL VERIFICATORE/MANUTENTORE DI IMPIANTI TERMICI, DELLA QUALIFICA GIURIDICA DI PUBBLICO UFFICIALE AI SENSI DELL ART. 357 C.P. IN QUANTO ESERCITA CERTAMENTE, UNA FUNZIONE AMMINISTRATIVA NEI CONFRONTI DEL CITTADINO. - IL VERIFICATORE, IN QUANTO PUBBLICO UFFICIALE DURANTE LO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITÀ DI SERVIZIO È TENUTO AI SENSI DELL ART. 361 C.P. A DENUNCIARE ALL AUTORITÀ GIUDIZIARIA (O AD ALTRA AUTORITÀ CHE ABBIA L OBBLIGO DI RIFERIRE ALL AUTORITÀ GIUDIZIARIA) REATI DI CUI ABBIA AVUTO NOTIZIA NELL ESERCIZIO ED A CAUSA DELLE SUE FUNZIONI E NEL CASO NON COMPIA LA DENUNCIA È PUNITO CON LA MULTA DA LIRE SESSANTAMILA AD UN MILIONE.

37 INOLTRE LA QUALIFICA DI PUBBLICO UFFICIALE DEL VERIFICATORE CONSENTE AL PUBBLICO MINISTERO DI FORMULARE OVE NE RICORRANO GLI ESTREMI, NEI SUOI CONFRONTI I SEGUENTI CAPI DI IMPUTAZIONE: - ART. 328 C.P. RIFIUTO DI ATTI D UFFICIO ED OMISSIONE DI ATTI D UFFICIO - ART. 323 C. P. ABUSO DI UFFICIO, - ART. 317 C. P., CONCUSSIONE. - ART. 318 E 321 C. P., CORRUZIONE PER UN ATTO D UFFICIO, - ART. 319 C. P. CORRUZIONE PER UN ATTO CONTRARIO AI DOVERI D UFFICIO, - ART. 477, FALSITÀ MATERIALE COMMESSA DAL PUBBLICO UFFICIALE IN CERTIFICATI, - ART. 480 C. P. FALSITÀ IDEOLOGICA COMMESSA DAL PUBBLICO UFFICIALE IN CERTIFICATI.

38 TOLLERANZA ZERO? PREVENIRE È MEGLIO DI CURARE SE AVETE DUBBI DI QUALSIASI GENERE RICORDATEVI CHE CHIEDERE NON COSTA NULLA

39 AGIRE AGENZIA NA PER L ENERGIA TELEFONO: FAX:

40 16 giugno 2006 AGIRE AGENZIA NA PER L ENERGIA IL LIBRETTO DI IMPIANTO & LE APERTURE DI VENTILAZIONE Agire Agenzia Venezia per l Energia ing. Alessandro De Pol

41 Locali installazione L installazione di appparecchi a gas è vietata entro vani o ambienti classificati con pericolo di incendio (es: rimesse, garage, box, ) -pto UNI Ubicazione consentita per i diversi tipi di apparecchi a gas Tipo apparecchio Bagno Camera da letto Altri locali Note A Vietato Vietato SI V>12m 3 V/P>1.5m 3 /kw B SI Vietato SI Nei bagni se: (scaldacqua) V>12m 3 V/P>1.5m 3 /kw B Vietato Vietato SI (caldaie risc. o combinate) C SI SI SI Agire Agenzia Venezia per l Energia ing. Alessandro De Pol

42 Locali installazione L installazione di appparecchi a gas è vietata entro vani o ambienti classificati con pericolo di incendio (es: rimesse, garage, box, ) -pto UNI Locale uso bagno Locale nel quale sono presenti uno o più dei seguenti sanitari: doccia, vasca da bagno, sauna. Non rientrano nella definizione di locale uso bagno i locali contenente vasca da bucato (es. locale lavanderia). Camera da letto Locale ad uso abitativo che, collocato in un edificio, in un appartamento o altro, nell uso normale, sia adibito al riposo notturno. Agire Agenzia Venezia per l Energia ing. Alessandro De Pol

43 Il libretto d impianto Che cosa è il libretto di impianto? E' la "carta di identità" dell'impianto. Riporta tutti i dati relativi all'installatore, l'utilizzatore, il manutentore o l'eventuale responsabile di gestione ed il tecnico deve di volta in volta trascrivere i dati rilevati per ogni verifica effettuata. Dal 1 settembre 2003 deve essere compilato il nuovo libretto di impianto Chi compila il libretto d'impianto? (pto 11, DPR 412/93) La compilazione iniziale del libretto nel caso di impianti termici di nuova installazione o sottoposti a ristrutturazione, e per impianti termici individuali anche in caso di sostituzione dei generatori di calore, deve essere effettuata all atto della prima messa in servizio, previo rilevamento dei parametri di combustione. Agire Agenzia Venezia per l Energia ing. Alessandro De Pol

44 Le sezioni del libretto d impianto 1) Scheda identificativa dell impianto; 2) Affidamento delle operazioni di controllo e manutenzione; 3) Nomina del terzo responsabile dell esercizio e della manutenzione; 4) Componenti dell impianto termico; 5) Ventilazione del locale in cui è installato il generatore di calore; 6) Rendimento di combustione minimo ammissibile; 7) Risultati della prima verifica e delle verifiche periodiche effettuate a cura dell esercizio e della manutenzione; 8) Risultati delle verifiche periodiche effettuate a cura del comune o della provincia competente; 9) Interventi di controllo ed eventuale manutenzione ed interventi di manutenzione straordinaria; 10)Registrazione dei consumi di combustibile nei vari esercizi. Agire Agenzia Venezia per l Energia ing. Alessandro De Pol

45 1 - Scheda identificativa dell impianto Agire Agenzia Venezia per l Energia ing. Alessandro De Pol

46 2- Affidamento delle operazioni di controllo e manutenzione Agire Agenzia Venezia per l Energia ing. Alessandro De Pol

47 3 - Nomina del terzo responsabile dell esercizio e della manutenzione Agire Agenzia Venezia per l Energia ing. Alessandro De Pol

48 4 - Componenti dell impianto termico Agire Agenzia Venezia per l Energia ing. Alessandro De Pol

49 5 - Ventilazione del locale in cui è installato il generatore di calore Agire Agenzia Venezia per l Energia ing. Alessandro De Pol

50 6 - Rendimento di combustione minimo ammissibile Agire Agenzia Venezia per l Energia ing. Alessandro De Pol

51 7 - Risultati della prima verifica e delle verifiche periodiche Agire Agenzia Venezia per l Energia ing. Alessandro De Pol

52 8 - Risultati delle verifiche periodiche effettuate a cura del comune Agire Agenzia Venezia per l Energia ing. Alessandro De Pol

53 9 - Interventi di controllo ed eventuale manutenzione Agire Agenzia Venezia per l Energia ing. Alessandro De Pol

54 10 - Registrazione dei consumi di combustibile nei vari esercizi Agire Agenzia Venezia per l Energia ing. Alessandro De Pol

55 LE APERTURE DI VENTILAZIONE UNI 7129/01 pto è indispensabile che nei locali in cui sono installati apparecchi a gas (di tipo A, B e di cottura) possa affluire almeno tanta aria quanta ne viene richiesta dalla regolare combustione del gas e dalla ventilazione del locale. Agire Agenzia Venezia per l Energia ing. Alessandro De Pol

56 VENTILAZIONE DIRETTA Ventilazione diretta (pto UNI 7129/01): L afflusso naturale dell aria deve avvenire per via diretta attraverso: - Aperture permanenti praticate su pareti del locale da ventilare che danno verso l esterno; - Condotti di ventilazione, singoli oppure collettivi ramificati. Agire Agenzia Venezia per l Energia ing. Alessandro De Pol

57 VENTILAZIONE INDIRETTA Si parla di ventilazione indiretta quando l aria comburente viene prelevata non dal locale in cui è installato l apparecchio a gas, ma da un locale adiacente. Il locale adiacente deve: (pto 4.3 UNI 7129/01) - essere dotato di ventilazione diretta Il locale adiacente non deve: - essere adibito a camera da letto; - essere un ambiente con pericolo di incendio (rimesse, garage, magazzino con materiali combustibili ); - essere messo in depressione rispetto al locale da ventilare per effetto di tiraggio contrario (es: presenza di un caminetto). Agire Agenzia Venezia per l Energia ing. Alessandro De Pol

58 APERTURE DI VENTILAZIONE quante? Tipo apparecchio N di aperture di ventilazione A 2 B 1 C fornello 0 se il locale è ventilabile 1 se il locale non è ventilabile 1 Agire Agenzia Venezia per l Energia ing. Alessandro De Pol

59 APERTURE DI VENTILAZIONE generalità Vanno calcolate in base alla somma delle potenze al focolare dei dispositivi a gas presenti nel locale; Devono avere dimensioni minime nette pari a 100 cm 2 ; Vanno fatte preferibilmente a filo pavimento; Se fatte in alto vanno maggiorate. Agire Agenzia Venezia per l Energia ing. Alessandro De Pol

60 APERTURE DI VENTILAZIONE possibili casi FORO FILO PAVIMENTO: 1. Solo caldaia, scaldabagno; 2. Caldaia, scaldabagno e apparecchio cottura privo del dispositivo di sicurezza per l assenza di fiamma; 3. Caldaia, scaldabagno e apparecchio cottura con dispositivo di sicurezza per l assenza di fiamma. FORO IN ALTO: 1. Solo caldaia, scaldabagno; 2. Caldaia, scaldabagno e apparecchio cottura privo del dispositivo di sicurezza per l assenza di fiamma; 3. Caldaia, scaldabagno e apparecchio cottura con dispositivo di sicurezza per l assenza di fiamma. PRESENZA DI UN ELETTROVENTILATORE Agire Agenzia Venezia per l Energia ing. Alessandro De Pol

61 APERTURE DI VENTILAZIONE FORO FILO PAVIMENTO 1. Solo caldaia, scaldabagno A [cm 2 ] = P foc [kw] * 6 [cm 2 /kw], Minimo 100 cm 2 2. Caldaia, scaldabagno e apparecchio cottura privo del dispositivo di sicurezza per l assenza di fiamma A [cm2] = P foc,caldaia [kw] * 6 [cm 2 /kw] + P foc,fornello [kw] * 6 [cm 2 /kw] Minimo 100 cm 2 3. Caldaia, scaldabagno e apparecchio cottura con dispositivo di sicurezza per l assenza di fiamma A [cm 2 ] = P foc,caldaia [kw] * 6 [cm 2 /kw] + P foc,fornello [kw] * 6 [cm 2 /kw] + maggiorazione (=P foc,fornello [kw] * 6 [cm 2 /kw]) Minimo 200 cm 2 Agire Agenzia Venezia per l Energia ing. Alessandro De Pol

62 FORO FILO PAVIMENTO - ESEMPIO Esempio 1. Caldaia di tipo B e piano cottura con dispositivo di sicurezza Si calcoli la sezione dell apertura di ventilazione per un locale dove sono installate le seguenti apparecchiature a gas naturale: apparecchio di cottura con portata termica complessiva pari a 7 kw, dotato di dispositivo di sicurezza per assenza di fiamma e scarico in cappa con condotto verso l esterno (senza ventilatore); caldaia di tipo B con potenza termica nominale del focolare pari a 18 kw. L area di ventilazione minima di calcolo per la caldaia è: A cald = 6 18 kw = 108 cm 2 ; L area di ventilazione minima di calcolo per il piano di cottura è: A pcott = 6 7 kw = 42 cm 2 ; La sezione totale dell apertura di ventilazione risulta: A tot = = 150 cm 2 ; poiché A tot > A min = 100 cm 2 l apertura di ventilazione necessaria è quella calcolata pari a 150 cm 2, se realizzata a filo del pavimento. Agire Agenzia Venezia per l Energia ing. Alessandro De Pol

63 FORO FILO PAVIMENTO - ESEMPIO Se il piano cottura fosse privo di dispositivo di sicurezza: Area ventilazione caldaia: A cal = 6 18 kw = 108 cm 2 ; l area di ventilazione minima di calcolo per il piano di cottura è: A pcott =6 7 kw + maggiorazione 100%= 84 cm 2 ; la sezione totale dell apertura di ventilazione risulta: A tot = = 192 cm 2 ; poiché A tot < A min = 200 cm 2 l apertura di ventilazione necessaria è quella minima pari a 200 cm 2, se realizzata a filo del pavimento. Agire Agenzia Venezia per l Energia ing. Alessandro De Pol

64 APERTURE DI VENTILAZIONE FORO IN ALTO 1. Solo caldaia, scaldabagno A [cm 2 ] = 1.5 * (P foc [kw] * 6 [cm 2 /kw]), Minimo 100 cm 2 2. Caldaia, scaldabagno e apparecchio cottura privo del dispositivo di sicurezza per l assenza di fiamma A [cm 2 ] = 1.5 * (P foc,caldaia [kw] * 6 [cm 2 /kw] + P foc,fornello [kw] * 6 [cm 2 /kw]), Minimo 100 cm 2 3. Caldaia, scaldabagno e apparecchio cottura con dispositivo di sicurezza per l assenza di fiamma A [cm 2 ] = 1.5 * ( P foc,caldaia [kw] * 6 [cm 2 /kw] + (P foc,fornello [kw] * 6 [cm 2 /kw] ) + maggiorazione, Minimo 200 cm 2 Agire Agenzia Venezia per l Energia ing. Alessandro De Pol

65 APERTURE DI VENTILAZIONE FORO IN ALTO - ESEMPIO Esempio 2. Stessi dati dell esercizio precedente ma con apparecchio di cottura privo di dispositivo di sicurezza e con foro posizionato in alto. L area di ventilazione minima di calcolo per la caldaia è: A cal = 6 18 kw = 108 cm 2 ; l area di ventilazione minima di calcolo per il piano di cottura è: A pcott = 6 7 kw = 42 cm 2 ; la maggiorazione per la mancanza di sicurezza è: A magg = 100 % A pcott = 42 cm 2 ; Poiché non è possibile la realizzazione del foro a livello del pavimento, occorre maggiorare del 50 % la sezione calcolata; poiché il combustibile è gas naturale (densità relativa < 0,8) la sezione relativa alla maggiorazione per assenza di sicurezza può essere realizzata in alto senza ulteriori maggiorazioni; pertanto l apertura risulterebbe di sezione pari a: Atot = 1,5 ( ) + 42 = = 267 cm 2. Agire Agenzia Venezia per l Energia ing. Alessandro De Pol

66 APERTURE DI VENTILAZIONE presenza di un elettroventilatore In presenza di un ventilatore le aperture di ventilazione vanno maggiorate in base alla tabella riportata al pto 4.4 della UNI 7129/01 Agire Agenzia Venezia per l Energia ing. Alessandro De Pol

67 ELETTROVENTILATORE - ESEMPIO Esempio 3. Stessi dati esempio 2 ma con estrazione dell aria viziata per mezzo di un elettroventilatore di portata pari a 100 m 3 /h. Ventilazione minima caldaia: A cal = 6 18 kw = 108 cm 2 ; Ventilazione minima piano di cottura: A pcott = 6 7 kw = 42 cm 2 ; Maggiorazione mancanza disp. sicurezza: A magg,pc =100%A pcott =42 cm 2 ; Maggiorazione per la presenza dell elettroventilatore: A magg,ev =280 cm 2 ; Sezione totale dell apertura di ventilazione: A tot = =472cm 2 ; poiché A tot > A min = 200 cm 2 l apertura di ventilazione necessaria è quella calcolata pari a 472 cm 2, se realizzata a filo del pavimento. Agire Agenzia Venezia per l Energia ing. Alessandro De Pol

68 ELETTROVENTILATORE - ESEMPIO Se non fosse possibile la realizzazione a livello del pavimento, occorre maggiorare del 50 % la sezione calcolata, ad esclusione della parte relativa all elettroventilatore, che risulta indipendente dalla posizione; poiché il combustibile è gas naturale (densità relativa < 0,8) la sezione relativa alla maggiorazione per assenza di sicurezza può essere realizzata in alto senza ulteriori maggiorazioni pertanto l apertura risulterebbe di sezione pari a: A tot = 1,5 ( ) = = 547 cm 2. Agire Agenzia Venezia per l Energia ing. Alessandro De Pol

69 ELETTROVENTILATORE - ESEMPIO Se si dovesse ritenere l apertura calcolata di sezione troppo grande, potrebbe essere utile ripartire la sezione calcolata su due aperture, una a filo pavimento e l altra in alto: in questo caso, evidentemente, conviene portare in alto la parte che non necessita di maggiorazioni. Apertura di ventilazione in basso: A tot,basso = A cal + A pcott = = 150 cm 2 ; Apertura di ventilazione in alto: A tot,alto = A magg,pc + A magg,ev = = 322 cm 2. Agire Agenzia Venezia per l Energia ing. Alessandro De Pol

70 LE CALDAIE STAGNE (TIPO C) Gli apparecchi di tipo C, a tiraggio naturale o muniti di ventilatore, non hanno alcuna necessità di prelevare aria comburente dal locale in cui sono installati. (4.12 UNI 7129/01) Devono però essere installate in locali areabili LOCALE AREABILE: Locale dotato di dispositivi che consentono l areazione su necessità. Tali dispositivi possono essere costituiti da generiche aperture apribili e comunicanti direttamente con l esterno quali finestra, portafinestra, lucernari Si definiscono altresì areabili i locali d installazione dotati di più di un apertura non direttamente comunicanti con l esterno, ma comunicante con altri locali tutti dotati di aperture apribili e comunicanti direttamente con l esterno. Agire Agenzia Venezia per l Energia ing. Alessandro De Pol

71 APERTURE DI VENTILAZIONE programma di calcolo Agire Agenzia Venezia per l Energia ing. Alessandro De Pol

LIBRETTO DI IMPIANTO

LIBRETTO DI IMPIANTO 1 LIBRETTO DI IMPIANTO OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE INFERIORE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI) (Sono già

Dettagli

UBICAZIONE DELL UNITA MOBILE Indirizzo... Nr... Palazzo... Scala...Piano...Interno...CAP... Località...Comune... Provincia...

UBICAZIONE DELL UNITA MOBILE Indirizzo... Nr... Palazzo... Scala...Piano...Interno...CAP... Località...Comune... Provincia... LIBRETTO IMPIANTO OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE INFERIORE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI) 2 Libretto impianto

Dettagli

Norma 7129:2008. Impianti a gas per uso domestico e similari alimentati da rete di distribuzione. Ing. Giacomo Bortolan A.I.M. Servizi a Rete S.p.A.

Norma 7129:2008. Impianti a gas per uso domestico e similari alimentati da rete di distribuzione. Ing. Giacomo Bortolan A.I.M. Servizi a Rete S.p.A. Norma 7129:2008 Impianti a gas per uso domestico e similari alimentati da rete di distribuzione Ing. Giacomo Bortolan A.I.M. Servizi a Rete S.p.A. UNI 7129-2 ed. 2008 Seconda parte: Installazione apparecchi

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DELL IMPIANTO ALLA REGOLA D ARTE ( D.M. 37 DEL 22 GENNAIO 2008)

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DELL IMPIANTO ALLA REGOLA D ARTE ( D.M. 37 DEL 22 GENNAIO 2008) Il sottoscritto titolare/legale rappresentante dell impresa (rag. sociale) Operante nel settore Con sede nel comune di: (prov. ) Via nr. P.IVA: Cod. Fisc. Tel. Fax E-mail Iscritta nel registro delle imprese

Dettagli

1. SCHEDA IDENTIFICATIVA DELL IMPIANTO

1. SCHEDA IDENTIFICATIVA DELL IMPIANTO LIBRETTO di IMPIANTO OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE INFERIORE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI) Conforme

Dettagli

Richiesta di attivazione della fornitura di gas: RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA DI GAS per impianti soggetti alla legge 5 marzo 1990, n.

Richiesta di attivazione della fornitura di gas: RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA DI GAS per impianti soggetti alla legge 5 marzo 1990, n. Allegato A (da compilarsi a cura del cliente finale) Al distributore: (Denominazione, indirizzo, telefono) Richiesta di attivazione della fornitura di gas: Codice n. RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA

Dettagli

Richiesta di attivazione della fornitura di gas: RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA DI GAS per impianti soggetti alla legge 5 marzo 1990, n.

Richiesta di attivazione della fornitura di gas: RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA DI GAS per impianti soggetti alla legge 5 marzo 1990, n. Allegato A (da compilarsi a cura del cliente finale) Al distributore: (Denominazione, indirizzo, telefono) Richiesta di attivazione della fornitura di gas: Codice n. RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA

Dettagli

2) Nome e cognome del titolare o legale rappresentante della ditta installatrice;

2) Nome e cognome del titolare o legale rappresentante della ditta installatrice; LA DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Alla fine del lavoro l installatore è tenuto a rilasciare al committente la Dichiarazione di Conformità dei lavori eseguiti, tale dichiarazione per essere valida deve essere

Dettagli

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO, CLIMATIZZAZIONE, CONDIZIONAMENTO E REFRIGERAZIONE (DM. 37/08 art. 1, comma 2, lettera c)

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO, CLIMATIZZAZIONE, CONDIZIONAMENTO E REFRIGERAZIONE (DM. 37/08 art. 1, comma 2, lettera c) TIPO DI LAVORO Installazione, rifacimento, trasformazione, ampliamento di impianto dotato o anche non dotato di canna fumaria collettiva ramificata (Per frigorifero ad adsorbimento alimentato a gas vedere

Dettagli

Versione da allegare al preventivo per un nuovo allacciamento

Versione da allegare al preventivo per un nuovo allacciamento Allegato F Versione da allegare al preventivo per un nuovo allacciamento Gentile Cliente, la procedura descritta Le consentirà di assicurarsi la realizzazione del suo impianto di utilizzo del gas nel pieno

Dettagli

Richiesta di attivazione della fornitura di gas: RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA DI GAS per impianti soggetti alla legge 5 marzo 1990, n.

Richiesta di attivazione della fornitura di gas: RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA DI GAS per impianti soggetti alla legge 5 marzo 1990, n. Allegato A (da compilarsi a cura del cliente finale) Al distributore: (Denominazione, indirizzo, telefono) Richiesta di attivazione della fornitura di gas: Codice n. RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA

Dettagli

Relazione di calcolo

Relazione di calcolo Relazione di calcolo Software EC750 - Aperture e scarichi EDIFICIO INDIRIZZO INTERVENTO Villetta singola via Roma, 25-28021 Borgomanero (NO) Sostituzione generatore COMMITTENTE Alberto Rossi INDIRIZZO

Dettagli

Installazione degli apparecchi di utilizzazione, ventilazione e aerazione dei locali di installazione

Installazione degli apparecchi di utilizzazione, ventilazione e aerazione dei locali di installazione 0/11/010 La norma UNI 719/08 Installazione degli apparecchi di utilizzazione, ventilazione e aerazione dei locali di installazione 1 1 La norma UNI 719/08 Questa è una presentazione non una norma!!! Questa

Dettagli

Il sottoscritto (*) residente in: via n. piano interno comune CAP (provincia ) tel. (tel. cellulare e-mail ) Codice Fiscale / Partita IVA:

Il sottoscritto (*) residente in: via n. piano interno comune CAP (provincia ) tel. (tel. cellulare e-mail ) Codice Fiscale / Partita IVA: Allegato H/40 (sezione da compilarsi a cura del venditore) Ragione sociale del venditore Codice del Punto di Riconsegna o codice assegnato dal distributore alla richiesta di attivazione/riattivazione della

Dettagli

Roberto Rossi Via Via Rosselli 54 scala: piano: T interno: 2 47522 Cesena (FC) Nuovo impianto solare termico in civile abitazione.

Roberto Rossi Via Via Rosselli 54 scala: piano: T interno: 2 47522 Cesena (FC) Nuovo impianto solare termico in civile abitazione. DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE art. 7, Decreto 22 gennaio 2008, n. 37 Prot. N 0016-2010 Data 22/03/2010 Committente: Ubicazione Descrizione: Roberto Rossi Via Via Rosselli

Dettagli

(da compilarsi a cura del cliente finale) Al distributore Denominazione Indirizzo Telefono

(da compilarsi a cura del cliente finale) Al distributore Denominazione Indirizzo Telefono Richiesta di attivazione della fornitura di gas REVISIONE: 1 DEL: 25.05.2005 PAG. 1 DI 1 178 Allegato A della Delibera 40/04 dell Autorità per l Energia Elettrica ed il Gas (da compilarsi a cura del cliente

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO TERMICO

RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO TERMICO RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO TERMICO (Allegato alla dichiarazione di conformità o all attestazione di corretta esecuzione dell impianto a gas di cui al modello I allegato alla Delibera AEEG n 40/04)

Dettagli

(da compilarsi a cura del cliente finale) Al distributore Denominazione Indirizzo Telefono

(da compilarsi a cura del cliente finale) Al distributore Denominazione Indirizzo Telefono Richiesta di attivazione della fornitura di gas REVISIONE: 1 DEL: 25.05.2005 PAG. 1 DI 1 178 Allegato A della Delibera 40/04 dell Autorità per l Energia Elettrica ed il Gas (da compilarsi a cura del cliente

Dettagli

Immobiliare EuroEdil Viale Milano 345 scala: 2 piano: 3 interno: 12 40126 Bologna (BO) Nuovo impianto di condizionamento in civile abitazione.

Immobiliare EuroEdil Viale Milano 345 scala: 2 piano: 3 interno: 12 40126 Bologna (BO) Nuovo impianto di condizionamento in civile abitazione. DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE art. 7, Decreto 22 gennaio 2008, n. 37 Prot. N 0007-2010 Data 12/03/2010 Committente: Ubicazione Descrizione: Immobiliare EuroEdil Viale

Dettagli

PROCEDURA PER L ESECUZIONE DELLA VERIFICA DEL RENDIMENTO DI COMBUSTIONE COMPILAZIONE DEL RAPPORTO DI PROVA

PROCEDURA PER L ESECUZIONE DELLA VERIFICA DEL RENDIMENTO DI COMBUSTIONE COMPILAZIONE DEL RAPPORTO DI PROVA PROCEDURA PER L ESECUZIONE DELLA VERIFICA DEL RENDIMENTO DI COMBUSTIONE COMPILAZIONE DEL RAPPORTO DI PROVA I. Premessa La presente procedura costituisce l insieme delle linee guida per l esecuzione delle

Dettagli

PROCEDURA PER L'ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA PER IMPIANTI DI UTENZA GAS NUOVI

PROCEDURA PER L'ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA PER IMPIANTI DI UTENZA GAS NUOVI PROCEDURA PER L'ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA PER IMPIANTI DI UTENZA GAS NUOVI Procedura per richieste di attivazione della fornitura di gas pervenute al venditore a partire dall'1 aprile 2007 (art. 16,

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

Istruzioni per la compilazione degli Allegati Tecnici Obbligatori

Istruzioni per la compilazione degli Allegati Tecnici Obbligatori Istruzioni per la compilazione degli Allegati Tecnici Obbligatori Seguire i riferimenti posti sul modulo prestampato (A) Per una migliore garanzia della integrità del documento è consigliato numerare tutti

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA e DICHIARAZIONE DI RISPONDENZA

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA e DICHIARAZIONE DI RISPONDENZA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA e DICHIARAZIONE DI RISPONDENZA GROSSETO, 21 ottobre 2011 Al termine dei lavori, previa effettuazione delle verifiche previste dalle norme vigenti, comprese quelle di funzionalità,

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE per il mercato, la concorrenza, il consumatore, la vigilanza e la normativa tecnica

IL DIRETTORE GENERALE per il mercato, la concorrenza, il consumatore, la vigilanza e la normativa tecnica DECRETO 19 maggio 2010 Modifica degli allegati al decreto 22 gennaio 2008, n. 37, concernente il regolamento in materia di attività di installazione degli impianti all'interno degli edifici. IL DIRETTORE

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE. art. 7, Decreto 22 gennaio 2008, n. 37 0013-2010. Data.

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE. art. 7, Decreto 22 gennaio 2008, n. 37 0013-2010. Data. DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE art. 7, Decreto 22 gennaio 2008, n. 37 Prot. N 0013-2010 Data 22/03/2010 Committente: Ubicazione Descrizione: Roberto Rossi Via Via Rosselli

Dettagli

Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (Legge 46/90, D.M. 20-feb-1992, Del. AEEG 40/04 e succ. mod.)

Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (Legge 46/90, D.M. 20-feb-1992, Del. AEEG 40/04 e succ. mod.) Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (Legge 46/90, D.M. 20-feb-1992, Del. AEEG 40/04 e succ. mod.) Foglio n... Intervento su impianto gas di portata termica totale (Qn) (*) =.

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ DEGLI IMPIANTI DI INSEGNA LUMINOSA

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ DEGLI IMPIANTI DI INSEGNA LUMINOSA DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ DEGLI IMPIANTI DI INSEGNA LUMINOSA Istruzioni per la compilazione L art. 7 comma 1 del D.M. 37/08 prevede che Al termine dei lavori, previa effettuazione delle verifiche previste

Dettagli

Istruzioni per la compilazione degli Allegati Tecnici Obbligatori

Istruzioni per la compilazione degli Allegati Tecnici Obbligatori Istruzioni per la compilazione degli Allegati Tecnici Obbligatori Seguire i riferimenti posti sul modulo prestampato Rif. (*) La portata termica totale dell impianto gas sul quale sono stati eseguiti i

Dettagli

4.1 DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPIANTO

4.1 DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPIANTO 4.1 DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPIANTO Dichiarazione di conformità n Committente Punto di riconsegna (PDR) (1) Impresa / Ditta Responsabile Tecnico / Titolare La presente documentazione si riferisce alla

Dettagli

Del. 40/04 dell Autorità per l Energia Elettrica e per il GAS

Del. 40/04 dell Autorità per l Energia Elettrica e per il GAS Del. 40/04 dell Autorità per l Energia Elettrica e per il GAS Adozione del regolamento delle attività di accertamento della sicurezza degli impianti di utenza a gas Compilazione dei documenti previsti

Dettagli

Il NUOVO SISTEMA DI AUTOCERTIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI IL BOLLINO VERDE

Il NUOVO SISTEMA DI AUTOCERTIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI IL BOLLINO VERDE Il NUOVO SISTEMA DI AUTOCERTIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI IL BOLLINO VERDE BOLLINO VERDE Che cosa è un sistema obbligatorio di autocertificazione di tutti gli impianti termici In vigore dal 15 ottobre 2009

Dettagli

La norma UNI-CIG 7129/08. Installazione degli apparecchi di utilizzazione, ventilazione e aerazione dei locali di installazione

La norma UNI-CIG 7129/08. Installazione degli apparecchi di utilizzazione, ventilazione e aerazione dei locali di installazione La norma UNI-CIG 719/08 Installazione degli apparecchi di utilizzazione, ventilazione e aerazione dei locali di installazione www. impiantitalia.it R08 1 1 La norma UNI-CIG 719/08 La seconda parte della

Dettagli

Tecnofumi Srl. Testi leggi

Tecnofumi Srl. Testi leggi Testi leggi NORMA EN 1856/1e norma 1856/2 del 2003 - Marcatura CE La norma riguarda i proddotti Doppia parete ed i sistemi camino. Sintesi: la presente norma istituisce la Marcatura CE, fissando i requisiti

Dettagli

Allegati Obbligatori ( DM 37 / 2008 ) DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ N. DEL

Allegati Obbligatori ( DM 37 / 2008 ) DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ N. DEL DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPIANTO Cod. rich. Venditore PDR Committente Impresa / Ditta Responsabile tecnico / Titolare La presente documentazione si riferisce alla seguente tipologia di intervento : impianto

Dettagli

ALLEGATI OBBLIGATORI ALLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA

ALLEGATI OBBLIGATORI ALLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA ALLEGATI OBBLIGATORI ALLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA Modulo predisposto dal CIG ESEMPIO DI COMPILAZIONE L esempio di compilazione degli allegati tecnici secondo il modulo predisposto dal CIG e dall UNI,

Dettagli

ALLEGATI OBBLIGATORI ALLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA

ALLEGATI OBBLIGATORI ALLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA ALLEGATI OBBLIGATORI ALLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA Modulo predisposto dal CIG ESEMPIO DI COMPILAZIONE L esempio di compilazione degli allegati tecnici secondo il nuovo modulo predisposto dal CIG e dall

Dettagli

QUADERNO TECNICO Gennaio 2011

QUADERNO TECNICO Gennaio 2011 1/12 QUADERNO TECNICO Gennaio 2011 Autore: Dott. Mauro Baldissin - Tecnico della Prevenzione CANTIERI EDILI CONTROLLI FONDAMENTALI PER RIDURRE IL RISCHIO ELETTRICO Premessa Nei cantieri edili i rischi

Dettagli

Domande e risposte sulla legge 10/91

Domande e risposte sulla legge 10/91 Domande e risposte sulla legge 10/91 Di cosa si occupa la legge 10/91? La legge 10/91 contiene le norme per l attuazione del piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio

Dettagli

Note Allegati obbligatori

Note Allegati obbligatori Note Allegati obbligatori (*) La portata termica totale dell impianto gas sul quale sono stati eseguiti i lavori (realizzazione, modifica, sostituzione apparecchi, ecc.), deve essere calcolata sommando

Dettagli

Impianti termici. l'espletamento degli obblighi relativi alla corretta gestione dell'impianto. Inoltre, l assunzione

Impianti termici. l'espletamento degli obblighi relativi alla corretta gestione dell'impianto. Inoltre, l assunzione Impianti termici PREMESSA SUL TERZO RESPONSABILE L'articolo 11 del DPR 412/93 ha istituito la figura del "Terzo responsabile", introducendo la possibilità di delegare ad una società esterna (in possesso

Dettagli

ITEM L abitazione è precedente o successiva alla data di entrata in vigore della Legge 46/90.

ITEM L abitazione è precedente o successiva alla data di entrata in vigore della Legge 46/90. GLOSSARIO ITEM L abitazione è precedente o successiva alla data di entrata in vigore della Legge 46/90. FATTORE DI RISCHIO CONNESSO La Legge 5 marzo 1990, n 46 (pubblicata sulla G.U. n 59) del 12.3.1990

Dettagli

Tipo di intervento effettuato. Eseguito come: Sez. I: riferimenti inerenti alla documentazione. Cod. rich. Venditore )

Tipo di intervento effettuato. Eseguito come: Sez. I: riferimenti inerenti alla documentazione. Cod. rich. Venditore ) ) ) ) ) ) Cod. rich. Venditore ) Impresa / Ditta Resp.Tecnico / Titolare ) ) ) ) ) )Cod. rich. GESAM S.p.A. ) Sez. I: riferimenti inerenti alla documentazione Quadro A Dichiarazione di Conformità (1) n

Dettagli

CONTRATTO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI IMPIANTO TERMICO INDIVIDUALE DI POTENZA INFERIORE A 35 kw. Art. 1

CONTRATTO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI IMPIANTO TERMICO INDIVIDUALE DI POTENZA INFERIORE A 35 kw. Art. 1 CONTRATTO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI IMPIANTO TERMICO INDIVIDUALE DI POTENZA INFERIORE A 35 kw Art. 1 Tra l Impresa. Con sede in. Via/Piazza/Località.... N. civico.. Tel... cellulare.... N. di iscrizione

Dettagli

Relazione schematica opere eseguite: tipologia materiali utilizzati

Relazione schematica opere eseguite: tipologia materiali utilizzati Allegati alla dichiarazione di conformità alla regola dell arte delle opere eseguite, di cui al D.MSE 22 gennaio 2008, n. 37 (allegato all attestazione di corretta esecuzione dell impianto a gas di cui

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS.

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS. REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS. 192/05, D.LGS. 311/06) Approvato con delibera di C.C. n.

Dettagli

RIEPILOGO DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA RICHIESTA DI ATTIVAZIONE FORNITURA GAS METANO AI SENSI DELLA DELIBERA A.E.E.G. 40/04

RIEPILOGO DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA RICHIESTA DI ATTIVAZIONE FORNITURA GAS METANO AI SENSI DELLA DELIBERA A.E.E.G. 40/04 RIEPILOGO DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA RICHIESTA DI ATTIVAZIONE FORNITURA GAS METANO AI SENSI DELLA DELIBERA A.E.E.G. 40/04 Per la parte Documentazione ALLEGATO A o C ALLEGATO B o D ALLEGATI TECNICI

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) 1 di 22 1. SCHEDA IDENTIFICATIVA

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ DELL IMPIANTO ALLA REGOLA DELL ARTE Art. 9 della Legge n 46 del 5 marzo 1990

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ DELL IMPIANTO ALLA REGOLA DELL ARTE Art. 9 della Legge n 46 del 5 marzo 1990 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ DELL IMPIANTO ALLA REGOLA DELL ARTE Art. 9 della Legge n 46 del 5 marzo 1990 Il sottoscritto.. titolare o legale rappresentante dell impresa (ragione sociale).operante nel settore

Dettagli

Sicurezza degli impianti negli edifici: nuove regole

Sicurezza degli impianti negli edifici: nuove regole D.M. 22 GENNAIO 2008 N 37 Regolamento concernente l attuazione dell articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n.248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia

Dettagli

Libretto istruzioni per l uso e la manutenzione dell impianto elettrico

Libretto istruzioni per l uso e la manutenzione dell impianto elettrico Libretto istruzioni per l uso e la manutenzione dell impianto elettrico Ai sensi dell art. 8, comma 2, del DM 22 gennaio 2008, N. 37 AD INTEGRAZIONE DELLE DOCUMENTAZIONI D IMPIANTO ESISTENTI - rif:...

Dettagli

L ATTIVITÀ DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI LA SITUAZIONE VENEZIANA

L ATTIVITÀ DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI LA SITUAZIONE VENEZIANA VENEZIA, 17 dicembre 2007 ATENEO VENETO TAVOLA ROTONDA CANNE FUMARIE NEI CENTRI STORICI: PROBLEMATICHE, NORMATIVE E IMPATTO AMBIENTALE L ATTIVITÀ DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI LA SITUAZIONE VENEZIANA

Dettagli

TRA. E le Associazioni dei Consumatori ADICONSUM, FEDERCONSUMATORI e ADOC nelle persone dei propri legali rappresentanti: sig. Alessandro Pavanello

TRA. E le Associazioni dei Consumatori ADICONSUM, FEDERCONSUMATORI e ADOC nelle persone dei propri legali rappresentanti: sig. Alessandro Pavanello CONVENZIONE TRA COMUNE DI ROVIGO, ASSOCIAZIONI ARTIGIANE ED ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI PER L ATTUAZIONE DI CAMPAGNE DI MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI DI POTENZA NOMINALE INFERIORE A 35 kw SUL TERRITORIO

Dettagli

D.P.R. n. 74/2013. Impianti termici: Esercizio e manutenzione; Controlli di efficienza energetica; Accertamenti ed ispezioni

D.P.R. n. 74/2013. Impianti termici: Esercizio e manutenzione; Controlli di efficienza energetica; Accertamenti ed ispezioni D.P.R. n. 74/2013 Impianti termici: Esercizio e manutenzione; Controlli di efficienza energetica; Accertamenti ed ispezioni Domenico Prisinzano ENEA CCEI Sicilia Milano, 03 giugno 2014 Ing. Domenico Prisinzano

Dettagli

Pubblicata su S.O. n. 77- G.U.R.I. n. 99 del 28/04/2004. UNI 10845

Pubblicata su S.O. n. 77- G.U.R.I. n. 99 del 28/04/2004. UNI 10845 ; Sistemi per l evacuazione dei prodotti della combustione asserviti ad apparecchi alimentati a gas. Criteri di Verifica; Risanamento/Ristrutturazione; Intubamento. Pubblicata su S.O. n. 77- G.U.R.I. n.

Dettagli

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw Allegati alla Dichiarazione di conformità n data Committente. Le presenti istruzioni d uso e manutenzione dell

Dettagli

Vademecum per i cittadini

Vademecum per i cittadini Impianti termici degli edifici Esercizio, controllo e manutenzione, accertamenti ed ispezioni nella Regione Marche. (Legge Regionale 20 aprile 2015, n. 19) Vademecum per i cittadini IMPIANTO TERMICO L

Dettagli

Committente Ubicazione impianto di utenza: Comune di: ( ) Via n.

Committente Ubicazione impianto di utenza: Comune di: ( ) Via n. Dati dell'installatore (1) Nominativo titolare/legale rappresentante Impresa/ditta (ragione sociale) Responsabile tecnico/titolare Sede: Comune di: CAP prov. Via n. tel cell fax email Dati del committente

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO-URBINO

PROVINCIA DI PESARO-URBINO PROVINCIA DI PESARO-URBINO SERVIZIO 4.3.4 PREVENZIONE INQUINAMENTO ATMOSFERICO REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEL CONTROLLO DI RENDIMENTO DI COMBUSTIONE E DELLO STATO DI ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI

Dettagli

Le ispezioni degli impianti termici in Provincia di Varese Ing. Susanna Capogna Dirigente Settore Ecologia ed Energia Obiettivo dell incontro illustrare i Compiti stabilire le Responsabilità chiarire le

Dettagli

ADOZIONE DEL REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI ACCERTAMENTO DELLA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI D UTENZA A GAS. UN NUOVO REGOLAMENTO PENSATO PER LA SICUREZZA.

ADOZIONE DEL REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI ACCERTAMENTO DELLA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI D UTENZA A GAS. UN NUOVO REGOLAMENTO PENSATO PER LA SICUREZZA. Delibera 40/04 della Autorità per l Energia Elettrica e il Gas ADOZIONE DEL REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI ACCERTAMENTO DELLA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI D UTENZA A GAS. UN NUOVO REGOLAMENTO PENSATO PER LA

Dettagli

Il BOLLINO CALORE PULITO.

Il BOLLINO CALORE PULITO. ALLEGATO D SCADENZE TEMPORALI OPERAZIONI DI MANUTENZIONE D.Lgs. 192/05 e smi Allegato L Deliberazione Assemblea Legislativa Regione Emilia Romagna n 156/2008. Le operazioni di controllo ed eventuale manutenzione

Dettagli

VADEMECUM PER I CITTADINI (versione aggiornata a Dicembre 2015)

VADEMECUM PER I CITTADINI (versione aggiornata a Dicembre 2015) Legge Regionale 20 aprile 2015, n. 19 Impianti termici degli edifici Esercizio, controllo e manutenzione, accertamenti ed ispezioni VADEMECUM PER I CITTADINI (versione aggiornata a Dicembre 2015) Impianti

Dettagli

Disposizioni per esercizio, manutenzione ed ispezione impianti termici

Disposizioni per esercizio, manutenzione ed ispezione impianti termici Disposizioni regionali Disposizioni per esercizio, manutenzione ed ispezione impianti termici Regione Lombardia Relazione predisposta da Teresa Mauri Responsabile del Servizio Energia IMPIANTI NUOVI IMPIANTI

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE UFFICIO CONTROLLO IMPIANTI TERMICI

PROVINCIA DI UDINE UFFICIO CONTROLLO IMPIANTI TERMICI PROVINCIA DI UDINE UFFICIO CONTROLLO IMPIANTI TERMICI Testo modificato dalla Giunta Provinciale nella seduta del 28 luglio 2008 con delibera n. 167 d ordine. REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEL CONTROLLO

Dettagli

Canne fumarie. Sommario

Canne fumarie. Sommario Canne fumarie Sommario Legislazione e normativa di riferimento Esempi pratici di allacciamento Canne collettive ramificate Scarico a parete Termostato fumi Esempi di installazioni errate 1 Sommario Legislazione

Dettagli

SCHEDA NR. 05 Impianti elettrici e di terra

SCHEDA NR. 05 Impianti elettrici e di terra SCHEDA NR. 05 Impianti elettrici e di terra Soggetti obbligati Proprietari o affittuari di immobili soggetti alla legge n. 46/90: edifici adibiti ad uso civile e limitatamente agli impianti elettrici anche

Dettagli

1 321/000000 info@iltubo.it 01234567890 Roma n. 181251 RM 54874

1 321/000000 info@iltubo.it 01234567890 Roma n. 181251 RM 54874 Allegato I/40 ATTESTAZIONE DI CORRETTA ESECUZIONE DELL'IMPIANTO (rilasciata ai sensi della Deliberazione n. 40/2014/R/gas dell Autorità per l Energia Elettrica il Gas e il Sistema Idrico) Sezione da compilarsi

Dettagli

Il sistema dei controlli VV.F. Il D.M. 22 gennaio 2008, n. 37

Il sistema dei controlli VV.F. Il D.M. 22 gennaio 2008, n. 37 Il sistema dei controlli VV.F. Il D.M. 22 gennaio 2008, n. 37 1 D. M. 22/01/2008 n.37 Ministero dello Sviluppo Economico - Regolamento concernente l'attuazione dell'articolo 11- quaterdecies, comma 13,

Dettagli

COMUNE DI SCANDICCI PROVINCIA DI FIRENZE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ACCERTAMENTI E ISPEZIONI IN MATERIA

COMUNE DI SCANDICCI PROVINCIA DI FIRENZE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ACCERTAMENTI E ISPEZIONI IN MATERIA ALLEGATO A COMUNE DI SCANDICCI PROVINCIA DI FIRENZE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ACCERTAMENTI E ISPEZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEI CONSUMI DI ENERGIA NELL ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI

Dettagli

SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE

SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE COMUNE DI AVELLINO SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE Norme installazione UNI 10683 GENERATORI DI CALORE ALIMENTATI A LEGNA O DA ALTRI BIOCOMBUSTIBILI SOLIDI- REQUISITI DI INSTALLAZIONE.

Dettagli

CAMPAGNA PROMOZIONALE PER L UTILIZZO IN SICUREZZA DEL GAS METANO

CAMPAGNA PROMOZIONALE PER L UTILIZZO IN SICUREZZA DEL GAS METANO CAMPAGNA PROMOZIONALE PER L UTILIZZO IN SICUREZZA DEL GAS METANO 1 IMPIANTI GAS: LE REGOLE GENERALI A chi mi devo rivolgere? Quando fate realizzare, revisionare o riparare i vostri impianti dovete rivolgervi,

Dettagli

IMPIANTI TERMICI. Ing. Salvatore Cataudella Siracusa, 24/03/2015

IMPIANTI TERMICI. Ing. Salvatore Cataudella Siracusa, 24/03/2015 IMPIANTI TERMICI 1 Ing. Salvatore Cataudella Siracusa, 24/03/2015 2 Esercizio dell impianto termico ai sensi del D.Lgs 192/2005 L esercizio, il controllo, la manutenzione e l ispezione degli impianti termici

Dettagli

Riscaldiamoci risparmiando...

Riscaldiamoci risparmiando... REGOLAMENTO/ MANUALE PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI Città di Scafati Città di Scafati GUIDA ALLA SICUREZZA E ALL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI IMPIANTI TERMICI CAMPAGNA PER IL CONTROLLO OBBLIGATORIO

Dettagli

Un impianto termico è ciò che provvede a riscaldare nella stagione invernale o a raffreddare nella stagione estiva unità immobiliari edifici (per

Un impianto termico è ciò che provvede a riscaldare nella stagione invernale o a raffreddare nella stagione estiva unità immobiliari edifici (per Un impianto termico è ciò che provvede a riscaldare nella stagione invernale o a raffreddare nella stagione estiva unità immobiliari o edifici (per approfondimenti, vedere la definizione della legge 90/2013).

Dettagli

COMUNE di CHIOGGIA. Scheda per l individuazione degli impianti soggetti all obbligo del progetto (art.5 D.M. n 37 del 22/01/2008) DITTA:

COMUNE di CHIOGGIA. Scheda per l individuazione degli impianti soggetti all obbligo del progetto (art.5 D.M. n 37 del 22/01/2008) DITTA: COMUNE di CHIOGGIA Scheda per l individuazione degli impianti soggetti all obbligo del progetto (art.5 D.M. n 37 del 22/01/2008) DATI IDENTIFICATIVI DELL INTERVENTO: DITTA: PRATICA EDILIZIA: DESCRIZIONE

Dettagli

LA NORMA LIBRETTO DI IMPIANTO LIBRETTO DI CENTRALE PROVA DI COMBUSTIONE UNI EN 10389 LA REGOLA

LA NORMA LIBRETTO DI IMPIANTO LIBRETTO DI CENTRALE PROVA DI COMBUSTIONE UNI EN 10389 LA REGOLA LA NORMA LIBRETTO DI IMPIANTO LIBRETTO DI CENTRALE PROVA DI COMBUSTIONE UNI EN 10389 LA REGOLA 2003 DECRETO 17 marzo 2003 AGGIORNAMENTI AGLI ALLEGATI F e G DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

NORMATIVE. EMANA il seguente regolamento:

NORMATIVE. EMANA il seguente regolamento: NORMATIVE DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 21 dicembre 1999, n. 551 Regolamento recante modifiche al decreto del Presidente della Repubblica 26 agosto 1993, n. 412, in materia di progettazione,

Dettagli

Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (D.M. 37/08; Delibera AEEGSI 40/14 e successive modifiche e integrazioni)

Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (D.M. 37/08; Delibera AEEGSI 40/14 e successive modifiche e integrazioni) Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (D.M. 37/08; Delibera AEEGSI 40/14 e successive modifiche e integrazioni) SEZIONE 1 Quadro A: dati dell impresa installatore IMPRESA / DITTA

Dettagli

Estratto della Norma UNI 10845

Estratto della Norma UNI 10845 Estratto della Norma UNI 10845 Estratto della NORMA UNI 10845 - Febbraio 2000 Sistemi per l evacuazione dei prodotti della combustione asserviti ad apparecchi alimentati a gas. Criteri di verifica, risanamento

Dettagli

IMPIANTI VADEMECUM SULLA CORRETTA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI

IMPIANTI VADEMECUM SULLA CORRETTA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI IMPIANTI VADEMECUM SULLA CORRETTA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI Via S. Giovanni in Laterano, 152-00184 Roma www.confartigianato.it/fedimpianti - impianti@mail.confartigianato.it - raffaele.cerminara@confartigianato.it

Dettagli

Immobiliare EuroEdil Viale Milano 345 scala: 2 piano: 3 interno: 12 40126 Bologna (BO) Nuovo impianto antintrusione in locali ad uso ufficio.

Immobiliare EuroEdil Viale Milano 345 scala: 2 piano: 3 interno: 12 40126 Bologna (BO) Nuovo impianto antintrusione in locali ad uso ufficio. DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE art. 7, Decreto 22 gennaio 2008, n. 37 Prot. N 004-200 Data 22/03/200 Committente: Ubicazione Descrizione: Immobiliare EuroEdil Viale Milano

Dettagli

MODALITA OPERATIVE. 1 di 12

MODALITA OPERATIVE. 1 di 12 MODALITA OPERATIVE 1 di 12 PROCEDURE Raggiunta l ubicazione dell impianto, con il tesserino di riconoscimento in vista, procedere come segue: SITUAZIONE ATTIVITA' PRESENZA RESPONSABILE IMPIANTO, PERSONA

Dettagli

In caso di nuova installazione - ristrutturazione - cambio dei generatori di calore:

In caso di nuova installazione - ristrutturazione - cambio dei generatori di calore: Normativa di riferimento L. 10/91 D.P.R. 412/93 D.P.R. 551/99 D.Lgs. 192/05 D.Lgs. 311/06 L.R. 24/06 D.G.R. n. 6033/07 Cos è un impianto termico Qualsiasi impianto di riscaldamento dotato di: Generatore

Dettagli

VENTILAZIONE DEI LOCALI PER LA COMBUSTIONE. By C. Perissinotto

VENTILAZIONE DEI LOCALI PER LA COMBUSTIONE. By C. Perissinotto VENTILAZIONE DEI LOCALI PER LA COMBUSTIONE STATO DELL ARTE A SEGUITO VARIAZIONI AVVENUTE NEGLI ANNI RIPORTIAMO UNA BREVE CRONISTORIA NORMATIVA ART. 5 COMMA 10 DPR 412 IN TUTTI I CASI DI NUOVA INSTALLAZIONE

Dettagli

Impianti termici: Ispezioni

Impianti termici: Ispezioni Impianti termici: Ispezioni Linee guida per il regolamento delle ispezioni degli impianti termici degli edifici ai sensi del D.P.R. n. 74/2013. Domenico Prisinzano Torino, 14 ottobre 2014 Esercizio e manutenzione

Dettagli

Sezione I : Riferimenti inerenti alla documentazione Quadro A. Dichiarazione di conformità n Impianto gas rif. n data

Sezione I : Riferimenti inerenti alla documentazione Quadro A. Dichiarazione di conformità n Impianto gas rif. n data Allegato a: Dichiarazione di Conformità (ai sensi della Legge 46/90) Attestato di corretta esecuzione impianto gas di cui al modello "B" (Del. N 40/04 dell'aeeg) Sezione I : Riferimenti inerenti alla documentazione

Dettagli

Gli adempimenti dei Comuni previsti dal DM n. 37/2008 in materia di sicurezza di impianti negli edifici

Gli adempimenti dei Comuni previsti dal DM n. 37/2008 in materia di sicurezza di impianti negli edifici Gli adempimenti dei Comuni previsti dal DM n. 37/2008 in materia di sicurezza di impianti negli edifici Dichiarazione di conformità Dichiarazione di rispondenza 1 La dichiarazione di conformità Progetto

Dettagli

Faq: efficienza energetica degli impianti di climatizzazione invernale ed estiva

Faq: efficienza energetica degli impianti di climatizzazione invernale ed estiva Faq: efficienza energetica degli impianti di climatizzazione invernale ed estiva Ultimo aggiornamento: 12 febbraio 2015 A seguito della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n. 55 del 7 marzo 2014 del

Dettagli

Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06)

Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06) Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06) Nuovo ambito di applicazione Certificazione energetica Controllo e manutenzione degli impianti termici Verifiche del

Dettagli

ANVU. Scarico a tetto e a parete: novità dal 1 settembre 2013

ANVU. Scarico a tetto e a parete: novità dal 1 settembre 2013 ANVU Scarico a tetto e a parete: novità dal 1 settembre 2013 Per impianti termici installati ex novo a partire dal 1 settembre 2013 in tutte le tipologie di immobili vige l'obbligo di scaricare a tetto.

Dettagli

LE MANUTENZIONI E I CONTROLLI DEGLI IMPIANTI TERMICI

LE MANUTENZIONI E I CONTROLLI DEGLI IMPIANTI TERMICI LE MANUTENZIONI E I CONTROLLI DEGLI IMPIANTI TERMICI Perche fare i controlli? RISPARMIO ENERGETICO Un impianto termico più efficiente consuma meno combustibile a parità di calore prodotto. RISPARMIO ECONOMICO

Dettagli

COMUNE DI MONTE DI MALO

COMUNE DI MONTE DI MALO COMUNE DI MONTE DI MALO Provincia di Vicenza MOD- RICHIESTA DI CERTIFICATO DI AGIBILITA (Art. 24 del D.P.R. n. 380/01 e successive modificazioni ed integrazioni) Via Europa n. 14 36030 Monte di Malo (VI)

Dettagli

Stagione termica 2012-2014

Stagione termica 2012-2014 ALLEGATO 3 PROTOCOLLO D INTESA 2012-2014 Contratto tipo di manutenzione Stagione termica 2012-2014 Le tariffe massime sotto riportate possono essere indicativamente applicate, fermo restando accordi diversi

Dettagli

A tutti i Centri di Assistenza Tecnica c/o loro Sedi

A tutti i Centri di Assistenza Tecnica c/o loro Sedi ns. Rif. Circolare 04-2003 A tutti i Centri di Assistenza Tecnica c/o loro Sedi 1. Procedura di compilazione nuovo libretto impianto Con la pubblicazione nella gazzetta ufficiale n 86 del 12/04/2003 del

Dettagli

Linee Guida per la manutenzione e la verifica degli Impianti Termici

Linee Guida per la manutenzione e la verifica degli Impianti Termici MULTISS multiservizisassari Codice 723A00A Rev. #5 del 10/09/2012 S.p.A. Servizio di esercizio e manutenzione impianti termici Linee Guida per la manutenzione e la verifica degli Impianti Termici Con I'

Dettagli

20 88,30 25 88,40 30 88,48 35 88,54

20 88,30 25 88,40 30 88,48 35 88,54 La sostituzione della caldaia rientra ai fini del D.M. 28 dicembre 2012 nella tipologia di interventi elencati all art. 4, comma2, lettera b): sostituzione di impianti di climatizzazione invernale o di

Dettagli

CONTRATTO-TIPO DI MANUTENZIONE BIENNALE IMPIANTI TERMICI CON POTENZA NOMINALE INFERIORE A 35 kw. Telefono: Fax.:. Partita I.V.A.:

CONTRATTO-TIPO DI MANUTENZIONE BIENNALE IMPIANTI TERMICI CON POTENZA NOMINALE INFERIORE A 35 kw. Telefono: Fax.:. Partita I.V.A.: All. 1b CONTRATTO-TIPO DI MANUTENZIONE BIENNALE IMPIANTI TERMICI CON POTENZA NOMINALE INFERIORE A 35 kw Art. 1 - LE PARTI - CONDIZIONI PARTICOLARI Il presente contratto è stipulato tra la ditta: Attestato

Dettagli