Direttiva PED 97/23/CE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Direttiva PED 97/23/CE"

Transcript

1 Direttiva PED 97/23/CE La Direttiva Attrezzature a Pressione, 97/23/CE, comunemente nota come Direttiva PED, è una direttiva emanata dall Unione Europea, recepita in Italia con il D.Lgs N. 93/2000. Essa disciplina la progettazione e la costruzione di apparecchi soggetti ad una pressione relativa maggiore di 0,5 bar. Le novità principali introdotte dalla Direttiva PED sono: La disciplina della progettazione e costruzione degli apparecchi a pressione, con rimando alle Norme Armonizzate (ad es. EN per recipienti in pressione senza fiamma, EN per caldaie a tubi d acqua, EN per caldaie a tubi di fumo, EN per tubazioni), e con scelta del codice da applicare sia in fase ingegneristica, che costruttiva e di controllo, ponendo limiti tecnici legati alle proprietà elastiche, all efficienza delle giunzioni saldate e di tenacità dei materiali utilizzati. L identificazione della figura del fabbricante quale responsabile di tutte le fasi realizzative, dalla progettazione alla fabbricazione, fino al collaudo finale. Il fabbricante deve provvedere inoltre a che il rischio pressione venga affrontato in modo adeguato in tutte le fasi anche successive alla verifica finale, come trasporto, montaggio, messa in servizio, esercizio, manutenzione, dismissione. L identificazione della figura dell Organismo Notificato quale responsabile di alcune fasi di Certificazione, in funzione del modulo applicativo della Direttiva scelto dal Fabbricante. Ogni attrezzatura a pressione: 1. deve essere classificata in base alla pressione, al volume (o diametro nel caso di tubazioni) ed al tipo di fluido contenuto. 2. deve essere sottoposta, prima della immissione sul mercato, ad una verifica di conformità ai requisiti minimi di sicurezza con diversi gradi di severità in funzione del possibile rischio ai fini della sicurezza. 3. deve essere dotato di un manuale di istruzioni d'uso dove il fabbricante indica i rischi potenziali del proprio prodotto, mette l utilizzatore al corrente delle eventuali precauzioni da prendere, indica quali controlli e manutenzioni deve fare e con quale frequenza per mantenere sicuro nel tempo il prodotto stesso. ATTREZZATURE (O APPARECCHI) A PRESSIONE Per attrezzature (o apparecchi) a pressione si intendono: 1. RECIPIENTI Alloggiamenti progettati e costruiti per contenere fluidi pressurizzati; essi comprendono gli elementi annessi diretti sino al dispositivo previsto per il collegamento con altre attrezzature. Un recipiente può essere composto di uno o più scomparti. Sono ad esempio da classificare come recipienti: Compressori, autoclavi, condensatori, recipienti a gas o a vapore, reattori, scambiatori, sfere GPL Serbatoi, reattori installati in impianti di produzione, estintori Generatori di vapore Recipienti per gas liquefatti (serbatoi criogenici) 2. TUBAZIONI Componenti di una conduttura destinati al trasporto dei fluidi, allorché essi sono collegati al fine di essere inseriti in un sistema a pressione. Le tubazioni comprendono in particolare un tubo o un insieme di tubi, condotti, accessori, giunti a espansione, tubi flessibili o altri eventuali componenti sottoposti a pressione; gli scambiatori di calore costituiti da tubi per il raffreddamento o il riscaldamento di aria sono parificati alle tubazioni. Ad esempio: giunti di smontaggio, giunti di dilatazione flange, raccordi, ecc. Non sono comprese ad esempio le condotte idriche, per petrolio o gas.

2 3. ACCESSORI DI SICUREZZA Dispositivi destinati alla protezione delle attrezzature a pressione contro il superamento dei limiti ammissibili. Questi dispositivi comprendono: dispositivo per la limitazione diretta della pressione, quali valvole di sicurezza, dispositivo a disco di rottura, barre di schiacciamento, dispositivo di sicurezza pilotati (CSPRS) e dispositivo di limitazione che attivino i sistemi di regolazione o che chiudano o che chiudano e disattivino l'attrezzatura, come i commutatori attivati dalla pressione, dalla temperatura o dal livello dei fluido e i dispositivi di misurazione, controllo e regolazione per la sicurezza (SRMCR). 4. ACCESSORI A PRESSIONE: Dispositivi aventi funzione di servizio e i cui alloggiamenti sono sottoposti a pressione. Ad esempio: Valvole (di intercettazione, di regolazione) Sfiati, valvole di non ritorno 5. INSIEMI: Attrezzature varie a pressione montate da un fabbricante per costituire un tutto integrato e funzionale. PRINCIPI DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E PERICOLI La PED impone ai fabbricanti di identificare il livello di pericolosità dell apparecchiatura costruita. Essi sono tenuti a valutare i pericoli dovuti alla pressione e quindi a progettare e costruire l apparecchiatura tenendo conto di tale analisi. Il livello di pericolosità è legato al concetto di energia immagazzinata nell apparecchiatura. L energia immagazzinata è valutata sulla base dei seguenti parametri: pressione massima ammissibile (PS): pressione massima in bar per la quale l attrezzatura è progettata, secondo specifica del fabbricante; dimensioni: o volume V in litri nel caso di recipienti (volume intero inclusi gli accessori collegati permanentemente, escluso il volume degli elementi interni permanenti) o diametro DN in mm nel caso di tubazioni temperatura minima/massima ammissibile (TS): temperature minime/massime per le quali l'attrezzatura è stata progettata, secondo specifica dal fabbricante tipologia di fluido: gas, liquidi, vapori allo stato puro o loro miscele. si distinguono in o fluidi di gruppo 1: pericolosi. Rientrano in questo gruppo i fluidi: Esplosivi Estremamente infiammabili Facilmente infiammabili Infiammabili (quando la temperatura massima ammissibile e superiore al punto di infiammabilità) Altamente tossici Tossici Comburenti o fluidi di gruppo 2: non pericolosi. Fanno parte di questo gruppo tutti quelli che non rientrano nel gruppo 1. condizioni di esercizio e installazione In base all Allegato II della Direttiva, in funzione della tipologia dell'attrezzatura a pressione (tubazione, recipiente, accessori), del gruppo di appartenenza del fluido (fluido pericoloso o non), dello stato fisico del fluido (gas, liquido) e del risultato del calcolo PS x V, nel caso di recipienti, e PS x DN, nel caso di tubazioni, esistono 9 tabelle attraverso le quali è possibile definire la categoria di rischio (I, II, III, IV). L'attrezzatura acquisisce la categoria di rischio più severa tra le categorie di rischio dei componenti che ne fanno parte, ad eccezione degli accessori di sicurezza i quali sono automaticamente classificati in IV categoria, che è quella di rischio massimo.

3 CATEGORIA DI RISCHIO Attrezzature a bassissimo rischio Nel caso di provati bassi livelli di pericolosità (come previsto nell articolo 3, comma 3 della Direttiva), non è richiesta una valutazione formale di conformità ai requisiti minimi di sicurezza, ma le attrezzature devono comunque essere progettate e fabbricate secondo una buona pratica ingegneristica, devono essere corredate di adeguate istruzioni per l uso e riportare in modo chiaro l identificazione del fabbricante. Il fabbricante è comunque responsabile della sicurezza del proprio prodotto. Attrezzature di Categoria I Vi appartengono attrezzature ed insiemi a basso rischio. La valutazione formale di conformità alla direttiva è effettuata dal fabbricante stesso che al termine sottoscrive una Dichiarazione di conformità (a disposizione del cliente) ed appone sull attrezzatura o insieme la marcatura CE. Devono essere progettati e fabbricati conformemente ai requisiti minimi di sicurezza della Direttiva, devono essere corredati di adeguate istruzioni per l uso e riportare una targa di riconoscimento con i dati previsti dalla Direttiva stessa. Attrezzature di Categoria da II a IV Vi appartengono attrezzature ed insiemi a rischio crescente. La valutazione formale di conformità alla direttiva è effettuata da un Organismo Notificato o da un Ispettorato degli Utilizzatori che, al termine della valutazione, rilascia al fabbricante un Attestato di conformità e lo autorizza ad apporre la marcatura CE. Il fabbricante, ottenuto l attestato, sottoscrive una Dichiarazione di conformità (a disposizione del cliente) ed appone sull attrezzatura la marcatura CE. Devono essere progettate e fabbricati conformemente ai requisiti minimi di sicurezza della Direttiva, devono essere corredati di adeguate istruzioni per l uso e riportare una targa di riconoscimento con i dati previsti dalla Direttiva stessa. Nel caso di insiemi la valutazione di conformità è effettuata sia sulle singole attrezzature che compongono l insieme (ciascuna secondo la propria categoria), sia sull insieme in quanto tale. La categoria di un insieme è la massima tra quella delle singole attrezzature che lo compongono.

4 MODULI DI APPLICAZIONE Per la categoria I, nella quale ricadono le apparecchiature meno pericolose, è prevista la certificazione CE senza intervento dell Organismo Notificato: infatti la PED ammette quella che si usa definire autocertificazione", cioè la marcatura CE del prodotto in base alla preparazione di un fascicolo tecnico che dimostri come sono soddisfatti i requisiti essenziali di cui all Allegato I della Direttiva, e giustifichi anche l appartenenza del prodotto alla I categoria, accompagnata da una Dichiarazione CE di Conformità emessa dal fabbricante e destinata all acquirente. I requisiti sono più onerosi nelle Categorie superiori, fino alla Categoria IV: Categoria II: è obbligatoria la certificazione CE tramite un organismo notificato, che senza entrare nel merito della progettazione, provvede ad effettuare la sorveglianza della produzione, nelle modalità scelte dal fabbricante; Categoria III: è obbligatoria la certificazione CE tramite un organismo notificato. Quando il fabbricante non ha certificato anche il suo sistema qualità, inclusa la progettazione, è prevista anche l esecuzione di prove approfondite sul prototipo da certificare CE; Categoria IV: si richiede il massimo livello di controllo della progettazione e della produzione. Si fa riferimento agli accessori di sicurezza (in automatico), e agli insiemi costituiti da recipienti + tubazioni con l utilizzo di fluidi pericolosi a pressioni elevate. La IV categoria non viene mai raggiunta in caso di fluidi di Gruppo 2 con tensione di vapore inferiore a 0,5 bar (es.: acqua con temperatura inferiore a 110 C), qualsiasi sia la dimensione dell apparecchiatura. I Moduli di applicazione in funzione della Categoria sono riassunti nella tabella seguente. CATEGORIA I MODULO/I DA APPLICARE A Controllo di fabbricazione interna A1 D1 E1 II Controllo di fabbricazione interna e sorveglianza verifica finale Garanzia qualità Produzione Garanzia Qualità Prodotti B1+D B1+F B+E B+C1 H III ESAME CE della progettazione + Garanzia Qualità Produzione ESAME CE della progettazione + Verifica su prodotto TIPO + Garanzia Qualità Prodotti TIPO + Conformità al Tipo Garanzia qualità totale B+D B+F G H1 IV TIPO + Garanzia Qualità Produzione TIPO + Verifica su prodotto Verifica su prodotto unico Garanzia qualità totale con sorveglianza finale

5 DOCUMENTAZIONE NECESSARIA La direttiva PED prescrive una documentazione stringente su tutte le attrezzature e insiemi a pressione che superino 0.5 bar. TIPO DI DOCUMENTO CHI LO EMETTE MODULO CATEGORIA Dichiarazione di conformità Fabbricante A, A1, C1, D, D1, E, E1, F, G, H, H1 I, II, III, IV Attestato di esame CE del tipo Attestato di esame CE della progettazione Certificato di esame CE del progetto Organismo Notificato B III, IV Organismo Notificato B1 III Organismo Notificato H1 IV Attestato di conformità Organismo Notificato F, G III, IV Notifica di Valutazione sistema di qualità Organismo Notificato D, D1, E, E1, H, H1 II, III, IV Una parte consistente della documentazione necessaria è raccolta nel "fascicolo tecnico" di cui ne elenchiamo una parte qui sotto. Riguardo la progettazione: 1. Analisi dei Rischi e relativa valutazione; 2. Relazione sulla progettazione; 3. Disegni; Riguardo la materiali: 1. Descrizione dei materiali; 2. Specifiche necessarie; 3. Certificazione dei materiali; 4. Prove sui materiali utilizzati; Riguardo la fabbricazione: 1. Descrizione dei processi di fabbricazione; 2. Qualifica degli operatori; 3. Qualifica della saldatura; 4. Relazione relativa alla gestione del controllo del processo; Riguardo la messa in opera: 1. Relazione ispezione finale; Oltre al fascicolo tecnico il fabbricante redige un manuale d'uso e un libretto di manutenzione destinati all'utilizzatore.

6 VALUTAZIONE DEGLI INSIEMI Nuovi insiemi I nuovi insiemi devono seguire la Direttiva e pertanto dovranno essere sottoposti ad una valutazione di conformità alla stessa e recare la marcatura CE. Chi costruisce e vende tali insiemi è il fabbricante, ai sensi della direttiva, e pertanto ha tutti gli obblighi dalla stessa stabiliti. Insiemi preesistenti la Direttiva che non necessitano di alcun intervento Tali insiemi possono continuare ad essere eserciti senza altri oneri per l utilizzatore tranne la ricatalogazione in funzione delle nuove categorie di rischio previste dalla direttiva e l effettuazione di una serie di controlli per definirne lo stato di conservazione. Insiemi preesistenti la Direttiva soggetti a modifica La direttiva prevede che, a seguito di una modifica, l attrezzatura debba essere sottoposta ad una nuova verifica di conformità: pertanto il soggetto incaricato di tale modifica (salvo il caso in cui l utilizzatore dell impianto se ne assuma la piena responsabilità) diventerà il fabbricante di tale insieme con tutti gli obblighi conseguenti. Insiemi preesistenti la Direttiva soggetti a sostituzione di un componente È la situazione più comune e la più complessa. Fermo restando il fatto che il componente sostituito dovrà essere marcato CE, il problema è rappresentato dall inserimento di tale componente nell insieme. Se l utilizzatore non se ne assume la piena responsabilità, il soggetto incaricato della sostituzione è obbligato dalla direttiva ad operare secondo la direttiva stessa e pertanto si troverà di fronte a due possibilità: 1. marcare CE tutto l insieme (come nel caso di una modifica) 2. marcare CE la sola sostituzione. In quest ultimo caso deve tuttavia fornire all Organismo Notificato incaricato una adeguata documentazione tecnica attestante il fatto che la parte preesistente e la parte sostituita sono tra loro compatibili; ciò come minimo richiederà un analisi dei rischi allagata a tutto l insieme. La scelta di quale strada intraprendere dipenderà dal caso specifico e la decisione dovrà essere presa necessariamente in accordo con l utilizzatore dell insieme CTAI, Partner TÜV Rheinland, Organismo Notificato, può offrire tutti i servizi necessari alle fasi di applicazione della Direttiva ed in particolare: - Esame del Fascicolo Tecnico - Eventuali ispezioni su materiali e su componenti - Eventuali approvazioni particolari dei materiali - Qualifiche di procedimenti di lavorazione (es. giunzioni permanenti) e degli operatori addetti - Qualifiche degli operatori addetti a controlli non distruttivi - Rilascio Certificato moduli A1, D1, E1 - Rilascio Certificato esame CE di Tipo, Modulo B - Rilascio Certificato esame CE della progettazione, Modulo B1 - Rilascio Certificato di Conformità al Tipo, Modulo C1 - Rilascio Certificato Garanzia qualità produzione, Modulo D - Rilascio Certificato Garanzia qualità prodotti, Modulo E - Verifica su unico prodotto, Modulo F - Verifica CE di unico prodotto, Modulo G - Rilascio Certificato Garanzia qualità totale, Modulo H - Rilascio Certificato Garanzia qualità totale con controllo produzione, Modulo H1 Come supporto al costruttore possiamo inoltre fornire i seguenti servizi: - Individuazione dei requisiti applicabili della Direttiva, e delle norme armonizzate e/o non armonizzate pertinenti - Scelta dei moduli di applicazione della Direttiva - Esecuzione, nei laboratori convenzionati, delle prove di conformità alle norme - Consulenza per l analisi dei rischi e la messa a punto del Fascicolo Tecnico previsto dalla Direttiva - Corsi di Formazione sull Applicazione della Direttiva

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO. AULA MAGNA VIA SAREDO, 52 00173 ROMA 12 dicembre 2007

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO. AULA MAGNA VIA SAREDO, 52 00173 ROMA 12 dicembre 2007 AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO SEZIONE PROVINCIALE DI ROMA SERVIZIO IMPIANTI E RISCHI INDUSTRIALI VIA BONCOMPAGNI, 101 00187 ROMA AULA MAGNA VIA SAREDO, 52 00173 ROMA 12 dicembre

Dettagli

DIRETTIVA 97/23/CE PED PER LE ATTREZZATURE ED INSIEMI A PRESSIONE SEMINARIO INFORMATIVO DICEMBRE 2003

DIRETTIVA 97/23/CE PED PER LE ATTREZZATURE ED INSIEMI A PRESSIONE SEMINARIO INFORMATIVO DICEMBRE 2003 DIRETTIVA 97/23/CE PED PER LE ATTREZZATURE ED INSIEMI A PRESSIONE SEMINARIO INFORMATIVO DICEMBRE 2003 IL D.LGS 93 DEL 25.02.2000 E LA DIRETTIVA PED PER LE APPARECCHIATURE E GLI IMPIANTI A PRESSIONE LA

Dettagli

ATTREZZATURE A PRESSIONE

ATTREZZATURE A PRESSIONE ATTREZZATURE A PRESSIONE (DIRETTIVA PED) Direttiva 97/23/CE recepita con D. Lgs. 25 Febbraio 2000, n. 93 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI BOLOGNA Camera dell Economia ATTREZZATURE

Dettagli

MARCATURA CE DIRETTIVA 97/23 PED

MARCATURA CE DIRETTIVA 97/23 PED MARCATURA CE DIRETTIVA 97/23 PED (Pressure Equipment Directive) Campo di applicazione La Direttiva si applica alla progettazione, fabbricazione e valutazione di conformità delle attrezzature a pressione

Dettagli

I S P E S L. Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro. Dott. Sergio Morelli 1

I S P E S L. Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro. Dott. Sergio Morelli 1 I S P E S L Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro Dott. Sergio Morelli 1 Chi è L I.S.P.E.S.L L'Istituto superiore per la prevenzione e la sicurezza del lavoro ISPESL e' ente di

Dettagli

Bologna, 29 Novembre 2011 Mario Marziano Senior Inspector Area Nord. - Copyright Bureau Veritas

Bologna, 29 Novembre 2011 Mario Marziano Senior Inspector Area Nord. - Copyright Bureau Veritas OPEN DAYS Per una maggiore comprensione delle modalità di effettuazione delle verifiche in esercizio delle Apparecchiature in pressione e gli Impianti, collegando tra loro l Art. 19 del Recepimento della

Dettagli

Lezioni su Boiler and Pressure Vessel. Modifications required

Lezioni su Boiler and Pressure Vessel. Modifications required DESIGN BY ANALYSIS/4 (ASME VIII Div. 2) TIPI DI VERIFICHE RICHIESTE a) Protection Against Plastic Collapse a) Elastic Stress Analysis Method b) Limit Load Method c) Elastic Plastic Stress Analysis Method

Dettagli

Le direttive Europee di Prodotto

Le direttive Europee di Prodotto . Le direttive Europee di Prodotto Ing. Giorgio Zerboni Roma, 19 aprile 2011 1 Le Direttive Europee Le Direttive europee sono le regole generali che l Unione Europea si è data in ogni settore e, quindi,

Dettagli

Direttive Europee. Direttive Europee

Direttive Europee. Direttive Europee Direttive Europee Direttive Europee CAMPO DI APPLICAZIONE IN ACCORDO CON LE DIRETTIVE EUROPEE APPLICAZIONE DIRETTIVA 2011/65/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO SULLA RESTRIZIONE D USO DI DETERMINATE SOSTANZE PERICOLOSE

Dettagli

Istituto Superiore Per la Prevenzione E la Sicurezza del Lavoro

Istituto Superiore Per la Prevenzione E la Sicurezza del Lavoro Istituto Superiore Per la Prevenzione E la Sicurezza del Lavoro Dipartimento Territoriale di BRESCIA Via San Francesco d Assisi, 11 25122 BRESCIA Competenze ed Obblighi degli Organismi Notificati, dei

Dettagli

Dipartimento Tecnologie di Sicurezza IV Unità Funzionale Apparecchi a Pressione Dipartimento Relazioni Esterne Ufficio Relazioni con il Pubblico PED

Dipartimento Tecnologie di Sicurezza IV Unità Funzionale Apparecchi a Pressione Dipartimento Relazioni Esterne Ufficio Relazioni con il Pubblico PED Dipartimento Tecnologie di Sicurezza IV Unità Funzionale Apparecchi a Pressione Dipartimento Relazioni Esterne Ufficio Relazioni con il Pubblico PED (Pressure Equipment Directive) Guida pratica alla Direttiva

Dettagli

ATTREZZATURE E IMPIANTI A PRESSIONE

ATTREZZATURE E IMPIANTI A PRESSIONE Corso di aggiornamento per RSPP / ASPP INDICAZIONI SULLE DISCIPLINE PER L UTILIZZAZIONE DI IMPIANTI, MACCHINE ED ATTREZZATURE DA LAVORO, SOTTOPOSTE ALL OBBLIGO DI VERIFICA PERIODICA ATTREZZATURE A PRESSIONE

Dettagli

'LDJUDPPDGLIOXVVRSHUOHSURFHGXUHGLYDOXWD]LRQHGHOODFRQIRUPLWjVWDELOLWHQHOOD

'LDJUDPPDGLIOXVVRSHUOHSURFHGXUHGLYDOXWD]LRQHGHOODFRQIRUPLWjVWDELOLWHQHOOD $//(*$729,, 'LDJUDPPDGLIOXVVRGHOOHSURFHGXUHGLYDOXWD]LRQHGHOODFRQIRUPLWjVWDELOLWHQHOOHGLUHWWLYH, 'LUHWWLYHGLQXRYRDSSURFFLR 1. Materiale elettrico a bassa tensione (o "Bassa tensione") (73/23/CEE, modificata

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE

ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE Mod. Val. 6 Rev. 05 del 28/08/2015 1/4 RELAZIONE TECNICA PER ATTIVITA' CONNESSA ALL'APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA 2010/35/UE DI BOMBOLE QUADRO A Protocollo UOT n del Produzione su commessa: QUADRO B FABBRICANTE

Dettagli

IIS VANVITELLI STRACCA ANGELINI - ANCONA

IIS VANVITELLI STRACCA ANGELINI - ANCONA IIS VANVITELLI STRACCA ANGELINI - ANCONA Responsabile di Laboratorio Il Compilatore ----------------------------------------------------------------------- S C H E D A D I M A N U T E N Z I O N E A P P

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE) visto il trattato sul funzionamento dell Unione europea, in particolare l articolo 114,

(Testo rilevante ai fini del SEE) visto il trattato sul funzionamento dell Unione europea, in particolare l articolo 114, L 189/164 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 27.6.2014 DIRETTIVA 2014/68/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 maggio 2014 concernente l armonizzazione delle legislazioni degli Stati membri

Dettagli

La PED. per gli. frigoriferi. impianti

La PED. per gli. frigoriferi. impianti La PED per gli impianti frigoriferi È in vigore dal 2002, ma a distanza di tre anni rimangono ancora degli aspetti poco o non del tutto noti agli utilizzatori. Si tratta della Direttiva europea 97/23/CE,

Dettagli

Autore: Flavio Banfi Organizzazione: ITALCERT S.r.l. Intervento: Valutatori per la Certificazione CE di prodotto 2

Autore: Flavio Banfi Organizzazione: ITALCERT S.r.l. Intervento: Valutatori per la Certificazione CE di prodotto 2 Convegno: SEMINARIO AICQ SICEV SICEP 20 maggio 2011 Intervento: Valutatori per la Certificazione CE di prodotto Autore: Flavio Banfi Direttore Tecnico ITALCERT S.r.l. ITALCERT : Certificazione sistemi

Dettagli

Istituto Superiore Per la Prevenzione E la Sicurezza del Lavoro

Istituto Superiore Per la Prevenzione E la Sicurezza del Lavoro Istituto Superiore Per la Prevenzione E la Sicurezza del Lavoro Dipartimento Centrale Omologazione e Certificazione Via Alessandria 220 Roma AMBIENTE LAVORO 10 SALONE DELL IGIENE E SICUREZZA IN AMBIENTE

Dettagli

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO IN SICUREZZA DLLE ATTREZZATURE A PRESSIONE INDICE

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO IN SICUREZZA DLLE ATTREZZATURE A PRESSIONE INDICE Pag. 1 / 16 INDICE 1. STESURA ED EMISSIONE... 2 2. OGGETTO E SCOPO... 3 2.1 Oggetto... 3 2.2 Scopo... 3 3. DEFINIZIONI... 3 4. RESPONSABILITA... 4 5. CAMPO DI APPLICAZIONE... 4 6. MESSA IN SERVIZIO ED

Dettagli

La nuova Raccolta R dopo un anno di applicazione

La nuova Raccolta R dopo un anno di applicazione La nuova Raccolta R dopo un anno di applicazione Valerio Galasso*, Fausto Di Tosto**, Giovanni Zuccarello *** * INAIL, Settore Ricerca, Certificazione e Verifica - Dipartimento di Taranto ** INAIL, Settore

Dettagli

MESSA IN ESERCIZIO E PERIODICITÀ DELLE VERIFICHE DI ASCENSORI, MONTACARICHI, IMPIANTI ELETTRICI E ATTREZZATURE DI LAVORO

MESSA IN ESERCIZIO E PERIODICITÀ DELLE VERIFICHE DI ASCENSORI, MONTACARICHI, IMPIANTI ELETTRICI E ATTREZZATURE DI LAVORO INTRODUZIONE Il problema della sicurezza dei luoghi di lavoro, a lungo disatteso nel nostro Paese, ha assunto rilevanza primaria nel corso degli ultimi anni anche in attuazione della strategia perseguita

Dettagli

La direttiva PED, entrata in vigore nel 2002, non è

La direttiva PED, entrata in vigore nel 2002, non è DIRETTIVE La direttiva ped, per le apparecchiature in pressione Obblighi e implicazioni per la manutenzione Andrea Maciga, MTM Metodi e Tecniche di Manutenzione srl., Milano Carlo Fossati, CONCERT Ispettorato

Dettagli

(Informazioni) INFORMAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI, DAGLI ORGANI E DAGLI ORGANISMI DELL'UNIONE EUROPEA COMMISSIONE EUROPEA

(Informazioni) INFORMAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI, DAGLI ORGANI E DAGLI ORGANISMI DELL'UNIONE EUROPEA COMMISSIONE EUROPEA 24.1.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 22/1 IV (Informazioni) INFORMAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI, DAGLI ORGANI E DAGLI ORGANISMI DELL'UNIONE EUROPEA COMMISSIONE EUROPEA Comunicazione

Dettagli

MODULI DI CONFORMITA I & F BUREAU VERITAS ITALIA

MODULI DI CONFORMITA I & F BUREAU VERITAS ITALIA MODULI DI CONFORMITA DIRETTIVA 97/23/EC del 29/05/1997 MODULO A (Controllo di fabbricazione interno) Nell ambito di questa procedura il fabbricante si accerta e dichiara che le attrezzature a pressione

Dettagli

La direttiva MID Applicazione nella vendita sfusa di detersivi

La direttiva MID Applicazione nella vendita sfusa di detersivi 1 La direttiva MID Applicazione nella vendita sfusa di detersivi Torino, 10 aprile 2013 Igor Gallo 2 D. Lgs. N. 22/2007 Recepimento direttiva MID Recepimento della nuova Direttiva Europea 2004/22/CE MID

Dettagli

Il Punto di vista dell Organismo notificato

Il Punto di vista dell Organismo notificato Il Punto di vista dell Organismo notificato II Conferenza Nazionale dei Dispositivi Medici 17/19 Marzo 2008 - Villa Erba - Cernobbio Relatore: Gabriele Lualdi - Istituto di Ricerche e Collaudi M. Masini

Dettagli

Ordinanza sulla sicurezza delle attrezzature a pressione

Ordinanza sulla sicurezza delle attrezzature a pressione Ordinanza sulla sicurezza delle attrezzature a pressione (Ordinanza sulle attrezzature a pressione) 819.121 del 20 novembre 2002 (Stato 1 luglio 2015) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 4

Dettagli

GLI APPARECCHI A PRESSIONE 1. TIPOLOGIE DEGLI APPARECCHI A PRESSIONE

GLI APPARECCHI A PRESSIONE 1. TIPOLOGIE DEGLI APPARECCHI A PRESSIONE GLI APPARECCHI A PRESSIONE 1. TIPOLOGIE DEGLI APPARECCHI A PRESSIONE Generatore di vapore (fissi e semifissi, a tubi d acqua o tubi da fumo, grande o piccolo volume d acqua, con uno o più corpi cilindrici,

Dettagli

Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie

Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie Milano, 21 Ottobre 2014 Ivan Furcas ivan.furcas@it.bureauveritas.com Nuovo quadro legislativo Pubblicazione L96 GUCE (Gazzetta Ufficiale Comunità Europea)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DI ISPEZIONI PERIODICHE/INTERMEDIE E DI VERIFICHE ECCEZIONALI Direttiva 2010/35/UE (TPED) & IMDG CODE

REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DI ISPEZIONI PERIODICHE/INTERMEDIE E DI VERIFICHE ECCEZIONALI Direttiva 2010/35/UE (TPED) & IMDG CODE Pag. 1 di 5 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 TERMINI E DEFINIZIONI...2 3 OBBLIGHI DEL RICHIEDENTE...2 3.1 CONDIZIONI GENERALI... 2 3.2 CONDIZIONI DI SICUREZZA... 2 3.1 PRESENZA DI OSSERVATORI

Dettagli

(Pubblicazione di titoli e riferimenti di norme armonizzate ai sensi della normativa dell'unione sull'armonizzazione)

(Pubblicazione di titoli e riferimenti di norme armonizzate ai sensi della normativa dell'unione sull'armonizzazione) 12.9.2014 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 313/53 Comunicazione della Commissione nell ambito dell applicazione della direttiva 97/23/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 29 maggio

Dettagli

La gestione delle attrezzature e degli insiemi in pressione alla luce della direttiva europea in materia e delle norme del diritto interno

La gestione delle attrezzature e degli insiemi in pressione alla luce della direttiva europea in materia e delle norme del diritto interno La gestione delle attrezzature e degli insiemi in pressione alla luce della direttiva europea in materia e delle norme del diritto interno PREMESSA Va innanzitutto premesso che a partire dal 29 maggio

Dettagli

Dipartimento Tecnologie di Sicurezza IV Unità Funzionale Apparecchi a Pressione Dipartimento Relazioni Esterne Ufficio Relazioni con il Pubblico PED

Dipartimento Tecnologie di Sicurezza IV Unità Funzionale Apparecchi a Pressione Dipartimento Relazioni Esterne Ufficio Relazioni con il Pubblico PED Dipartimento Tecnologie di Sicurezza IV Unità Funzionale Apparecchi a Pressione Dipartimento Relazioni Esterne Ufficio Relazioni con il Pubblico PED (Pressure Equipment Directive) Guida pratica alla Direttiva

Dettagli

IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO

IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO IV Conferenza Nazionale sui Dispositivi Medici IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO La Norma UNI EN ISO 7396-1 Ing. Carlo M. Giaretta Commissione Tecnica U4204 dell UNI Apparecchi per

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPROVAZIONE DEL PROTOTIPO E ESEMPLARI SUCCESSIVI Direttiva 2010/35/UE (TPED) & IMDG CODE

REGOLAMENTO PER L APPROVAZIONE DEL PROTOTIPO E ESEMPLARI SUCCESSIVI Direttiva 2010/35/UE (TPED) & IMDG CODE Pag. 1 di 6 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 TERMINI E DEFINIZIONI...2 3 CONDIZIONI GENERALI...2 3.1 FASI DI CERTIFICAZIONE... 2 4 OBBLIGHI DEL FABBRICANTE...2 4.1 Accettazione delle condizioni...

Dettagli

AMBIENTE DI LAVORO SALDATURA FOCUS DAY REGIONALE SULLA SALUTE E SICUREZZA NEL MONDO DELLA SALDATURA. 24 maggio 2007, Vicenza

AMBIENTE DI LAVORO SALDATURA FOCUS DAY REGIONALE SULLA SALUTE E SICUREZZA NEL MONDO DELLA SALDATURA. 24 maggio 2007, Vicenza ULSS N.6 VICENZA SPISAL Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro con il contributo Istituto Italiano della Saldatura SALDATURA & AMBIENTE DI LAVORO FOCUS DAY REGIONALE SULLA SALUTE

Dettagli

SIPAR S.r.l. Ferentino (FR)

SIPAR S.r.l. Ferentino (FR) SIPAR S.r.l. Ferentino (FR) Corso di aggiornamento per RSPP-modulo B ATTREZZATURE DI LAVORO ( Ing.. Ugo Romano) DEFINIZIONI Attrezzatura di lavoro: - qualsiasi macchina, apparecchio, utensile o impianto,

Dettagli

CPSsrl. Sedelegaleedoperativa: www.cs-cps.it-info@cs-cps.it-0984934655

CPSsrl. Sedelegaleedoperativa: www.cs-cps.it-info@cs-cps.it-0984934655 CPSsrl Sedelegaleedoperativa: viacamigliatelo,snc-87046montaltouffugo(cs) www.cs-cps.it-info@cs-cps.it-0984934655 SERBATOIGPL SERVIZI E SETTORI OPERATIVI Trasformazione e riqualifica CE di serbatoi GPL

Dettagli

Il Decreto 11 Aprile 2011: Novità, applicazioni, conseguenze. Ing.Vittorio Mazzocchi Gennaio 2012

Il Decreto 11 Aprile 2011: Novità, applicazioni, conseguenze. Ing.Vittorio Mazzocchi Gennaio 2012 Il Decreto 11 Aprile 2011: Novità, applicazioni, conseguenze Ing.Vittorio Mazzocchi Gennaio 2012 Indice Introduzione pag. 3 Soggetti previsti per le verifiche periodiche pag. 4-6 Registro nazionale e registri

Dettagli

Direttiva Macchine 2006/42/CE

Direttiva Macchine 2006/42/CE Direttiva Macchine 2006/42/CE Tutte le macchine e i componenti di sicurezza sono soggetti alla Direttiva 2006/42/CE, nota come Direttiva Macchine, recepita in Italia con D.Lgs N. 17/2010. Questa Direttiva

Dettagli

La Nuova Direttiva 2014/68/UE PED una panoramica sui cambiamenti Arianna Veroni, Federazione ANIMA Emanuele Cesana, Consorzio PASCAL

La Nuova Direttiva 2014/68/UE PED una panoramica sui cambiamenti Arianna Veroni, Federazione ANIMA Emanuele Cesana, Consorzio PASCAL La Nuova Direttiva 2014/68/UE PED una panoramica sui cambiamenti Arianna Veroni, Federazione ANIMA Emanuele Cesana, Consorzio PASCAL Milano, 13 novembre 2015 La forza di ANIMA Federazione di associazioni

Dettagli

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali P.I. Alessandro Melzi Funzione Valutazione Conformità Prodotto Laboratorio Dispositivi Medici IMQ S.p.A. - Milano POLITECNICO DI MILANO,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA VV.F

RELAZIONE TECNICA VV.F VAR. MET.: DERIVAZ. PER MARATEA DN 250 (10 ) - 75 bar L = 508 m RELAZIONE TECNICA VV.F 3 Nov. 12 Emissione per permessi con inserita P.E. Faragasso Lupinacci Barci 2 Giu. 12 Variato tracciato Inserita

Dettagli

Dipartimento Territoriale di Palermo

Dipartimento Territoriale di Palermo Dipartimento Territoriale di Palermo Esempio pratico delle procedure previste dal D.M. n 329 del 1 Dicembre 2004 per la messa in esercizio di Attrezzature a Pressione assemblate sotto la responsabilità

Dettagli

MACCHINE SICURE. MACCHINE SICURE Vittore Carassiti - INFN FE 1

MACCHINE SICURE. MACCHINE SICURE Vittore Carassiti - INFN FE 1 Vittore Carassiti - INFN FE 1 LA SICUREZZA DEI LUOGHI DI LAVORO Ha il suo riferimento base in un numero di direttive comunitarie di tipo sociale Esse sono state recepite in blocco in Italia mediante il

Dettagli

Requisiti di qualità per la saldatura di tubazioni di polietilene per il convogliamento di gas combustibili, di acqua e di altri fluidi in pressione

Requisiti di qualità per la saldatura di tubazioni di polietilene per il convogliamento di gas combustibili, di acqua e di altri fluidi in pressione NORMA ITALIANA Requisiti di qualità per la saldatura di tubazioni di polietilene per il convogliamento di gas combustibili, di acqua e di altri fluidi in pressione UNI 11024 GENNAIO 2003 Quality requirements

Dettagli

LE VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO

LE VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO LE VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO Lo scopo di questa informativa è quello di portare a conoscenza il Datore di Lavoro (DL) degli obblighi a suo carico, ai sensi del decreto legislativo

Dettagli

Domanda di Certificazione CE Insiemi/Attrezzature Direttiva PED

Domanda di Certificazione CE Insiemi/Attrezzature Direttiva PED Sezione 1: Dati del Richiedente Spett.le: ECO Certificazioni S.p.A. European Certifying Organization Via Mengolina, 33 Int. 5 48018 Faenza (RA) ITALY Organismo notificato n. 0714 Tel 0546-624911; Fax 0546-624922

Dettagli

APPARECCHIATURE ED IMPIANTI IN PRESSIONE: FIGURE COINVOLTE E QUADRO LEGISLATIVO

APPARECCHIATURE ED IMPIANTI IN PRESSIONE: FIGURE COINVOLTE E QUADRO LEGISLATIVO APPARECCHIATURE ED IMPIANTI IN PRESSIONE: FIGURE COINVOLTE E QUADRO LEGISLATIVO Relatore: ing. Matteo Pettenuzzo NECSI S.r.l. ing. Adriano Favero TUV Italia Vicenza 18 Giugno 2009 In collaborazione con

Dettagli

FLEXSTEEL. Canne Fumarie Flessibili Doppia Parete. Canne fumarie in acciaio Inox

FLEXSTEEL. Canne Fumarie Flessibili Doppia Parete. Canne fumarie in acciaio Inox Canne Fumarie Flessibili Doppia Parete Canne fumarie in acciaio Inox Canne fumarie Flessibili Doppia Parete CARATTERISTICHE TECNICHE Diametri interni: da 80 a 400 mm Materiale tubo: 2 Pareti di acciaio

Dettagli

LE DIRETTIVE EUROPEE ED IL RUOLO DEGLI ORGANISMI

LE DIRETTIVE EUROPEE ED IL RUOLO DEGLI ORGANISMI LE DIRETTIVE EUROPEE ED IL RUOLO DEGLI ORGANISMI BERGAMO, 20.12.2005 Relatore: dott. ing. Pier Alberto Frighi DIRETTIVE EUROPEE SETTORIALI Documenti promulgati dal Legislatore europeo per gamma di prodotti,

Dettagli

MANUTENZIONE ESTINTORI

MANUTENZIONE ESTINTORI MANUTENZIONE ESTINTORI Fra tutti gli strumenti a disposizione dell uomo per combattere gli incendi, l estintore è quello più diffuso, immediato e facile da usare per la sicurezza di qualsiasi edificio

Dettagli

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali Soggetti coinvolti nel processo di Marcatura CE Fabbricante: la persona fisica o giuridica responsabile della progettazione, della fabbricazione,

Dettagli

NORMA EN 1856/1 e 1856/2 del 2009 - Marcatura

NORMA EN 1856/1 e 1856/2 del 2009 - Marcatura NORMA EN 1856/1 e 1856/2 del 29 - Marcatura Prodotti per sistema camino - Canne Fumarie metalliche La norma definisce i requisiti di prestazione per i condotti rigidi e flessibili, canali da fumo e raccordi

Dettagli

SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE

SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE COMUNE DI AVELLINO SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE Norme installazione UNI 10683 GENERATORI DI CALORE ALIMENTATI A LEGNA O DA ALTRI BIOCOMBUSTIBILI SOLIDI- REQUISITI DI INSTALLAZIONE.

Dettagli

NORMA UNI 9994-1 APPARECCHIATURE PER ESTINZIONE INCENDI: ESTINTORI DI INCENDIO

NORMA UNI 9994-1 APPARECCHIATURE PER ESTINZIONE INCENDI: ESTINTORI DI INCENDIO NORMA UNI 9994-1 APPARECCHIATURE PER ESTINZIONE INCENDI: ESTINTORI DI INCENDIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La norma UNI 9994-1, in vigore dal 20 Giugno 2013, sostituisce la UNI 9994 del 2003. Essa

Dettagli

ELENCO DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA RICHIESTA DI COLLAUDO DI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI. (Comune)

ELENCO DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA RICHIESTA DI COLLAUDO DI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI. (Comune) ELENCO DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA RICHIESTA DI COLLAUDO DI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI 1) Copia documento di identità del richiedente; (Comune) 2) Relazione descrittiva sulla ubicazione,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA QUALIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI SALDATURA/BRASATURA

REGOLAMENTO PER LA QUALIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI SALDATURA/BRASATURA Pagina 1 di 5 Indice 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. TERMINI E DEFINIZIONI... 2 1. RICHIESTA DI CERTIFICAZIONE ED AVVIO ITER CERTIFICATIVO... 2 4. ESECUZIONE DEI SAGGI... 3 4.1 Attività presso

Dettagli

La norma UNI 7129/08 Prima parte: Impianto interno Impianti a gas per uso domestico e similari alimentati da rete di distribuzione

La norma UNI 7129/08 Prima parte: Impianto interno Impianti a gas per uso domestico e similari alimentati da rete di distribuzione La norma UNI 729/08 Prima parte: Impianto interno Impianti a gas per uso domestico e similari alimentati da rete di distribuzione www. impiantitalia.it R08 La norma UNI 729/08 La norma definisce i criteri

Dettagli

La certificazione di prodotto nell ambito della direttiva ATEX

La certificazione di prodotto nell ambito della direttiva ATEX Direttiva 94/9/CE ATEX 95 (ex art. 100) del Parlamento Europeo e del Consiglio del 23 Marzo 1994. Concerne il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative agli apparecchi e sistemi di

Dettagli

Novità per la classificazione delle centrali termiche a metano

Novità per la classificazione delle centrali termiche a metano Novità per la classificazione delle centrali termiche a metano Pubblicato il: 03/07/2007 Aggiornato al: 03/07/2007 di Gianfranco Ceresini 1. Generalità Con la pubblicazione della nuova guida CEI 31-35/A,

Dettagli

Le direttive nuovo approccio applicabili alle macchine in riferimento alla direttiva 2006/42/CE

Le direttive nuovo approccio applicabili alle macchine in riferimento alla direttiva 2006/42/CE Le direttive nuovo approccio applicabili alle macchine in riferimento alla direttiva 2006/42/CE Cuneo, 8 Ottobre 2013 Ivan Furcas ivan.furcas@it.bureauveritas.com Sviluppo della legislazione di prodotto

Dettagli

GOLVER SAFETY PRIMA DI TUTTO SICUREZZA. www.golver.it

GOLVER SAFETY PRIMA DI TUTTO SICUREZZA. www.golver.it GOLVER SAFETY PRIMA DI TUTTO SICUREZZA www.golver.it RIDUTTORI DI PRESSIONE NORMATIVA DI RIFERIMENTO EN ISO 2503 INNESTI RAPIDI AD OTTURATORE NORMATIVA DI RIFERIMENTO UNI EN 561 - ISO 7289 TUBI FLESSIBILI

Dettagli

Le direttive ATEX e la direttiva macchine

Le direttive ATEX e la direttiva macchine Seminario tecnico - 25 novembre 2011 - MILANO Le direttive ATEX e la direttiva macchine ing. Matteo Pettenuzzo UNICO riferimento, TANTE specializzazioni Un team di oltre 100 tecnici 5 sedi operative Friuli,

Dettagli

cenni sulle direttive macchine e di prodotto

cenni sulle direttive macchine e di prodotto 9(1(72 cenni sulle direttive macchine e di prodotto 5HODWRUH,QJ5REHUWR5LQDOGL /HGLUHWWLYHFRPXQLWDULHVFRSRH DSSOLFD]LRQH /H'LUHWWLYH&RPXQLWDULHVRQRODSULQFLSDOHIRQWHGHOGLULWWRGD FXL GHULYDODOHJLVOD]LRQHFKHKDVRVWLWXLWRHVRVWLWXLUjLQGHWHU

Dettagli

SERBATOI GPL PER INSTALLAZIONE DA INTERRO

SERBATOI GPL PER INSTALLAZIONE DA INTERRO SERBATOI GPL PER INSTALLAZIONE DA INTERRO Serbatoi orizzontali e verticali per installazione interrata modello NATURA forniti completi delle strumentazioni di sicurezza standard, rivestimento epossidico

Dettagli

APPLICAZIONE CONGIUNTA DELLE DIRETTIVE 97/23/CE (PED), 2006/42/CE (MD) E 94/9/CE (ATEX) AGLI IMPIANTI DI PROCESSO. ing.

APPLICAZIONE CONGIUNTA DELLE DIRETTIVE 97/23/CE (PED), 2006/42/CE (MD) E 94/9/CE (ATEX) AGLI IMPIANTI DI PROCESSO. ing. Seminario tecnico - 25 novembre 2011 - MILANO APPLICAZIONE CONGIUNTA DELLE DIRETTIVE 97/23/CE (PED), 2006/42/CE (MD) E 94/9/CE (ATEX) AGLI IMPIANTI DI PROCESSO ing. Matteo Pettenuzzo UNICO riferimento,

Dettagli

Modulo B Esame «CE» del tipo

Modulo B Esame «CE» del tipo Modulo B Esame «CE» del tipo secondo la Direttiva PED 97/23/CE Verifica: Direttore Qualità e Industrializzazione: Maria Anzilotta Approvazione: Chief Operating Officer: Giampiero Belcredi rev. 3 del 2014

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE PER I LAVORATORI DIRETTIVA MACCHINE

SICUREZZA E SALUTE PER I LAVORATORI DIRETTIVA MACCHINE SICUREZZA E SALUTE PER I LAVORATORI DIRETTIVA MACCHINE Ing Lorenzo Peghin 1 LO SCOPO DELLE DIRETTIVE LO SCOPO DELLE DIRETTIVE CONSISTE NEL PERMETTERE LA LIBERA CIRCOLAZIONE IN EUROPA DIPRODOTTI CHE RISPETTINO

Dettagli

Estratto della. Norma UNI TS 11278

Estratto della. Norma UNI TS 11278 Estratto della Norma UNI TS 11278 Estratto della NORMA UNI TS 11278 Maggio 2008 Camini/canali da fumo/condotti/canne fumarie metallici. Scelta e corretto utilizzo in funzione del tipo di applicazione e

Dettagli

Le Responsabilità in riguardo alle attrezzature di lavoro

Le Responsabilità in riguardo alle attrezzature di lavoro Le Responsabilità in riguardo alle attrezzature di lavoro Formazione Preposti I.T.I. G. Galilei Livorno 1 Articolazione dell intervento Quadro normativo vigente Scelta, acquisto, installazione, manutenzione

Dettagli

Certificazioni & Collaudi S.r.l.

Certificazioni & Collaudi S.r.l. Il presente documento è stato emesso dalla Direzione Generale il 08/05/2015. L originale firmato è conservato presso l ufficio del Responsabile Gestione Qualità INDICE GENERALE 1. SCOPO, CAMPO DI APPLICAZIONE

Dettagli

Direttiva sulle Apparecchiature a Pressione

Direttiva sulle Apparecchiature a Pressione Direttiva sulle Apparecchiature a Pressione Che cos è la PED? È la Direttiva europea entrata in vigore il 29 maggio 2002 che armonizza le legislazioni del settore e sostituisce tutti i Regolamenti Nazionali

Dettagli

La nuova Direttiva Macchine Obbiettivo Sicurezza

La nuova Direttiva Macchine Obbiettivo Sicurezza La nuova Direttiva Macchine Obbiettivo Sicurezza Pubblicato sul Supplemento ordinario n. 36/L alla Gazzetta Ufficiale del 19 febbraio 2010 il Decreto Legislativo 27 Gennaio 2010 n. 17, recante "Attuazione

Dettagli

Allegati Obbligatori ( DM 37 / 2008 ) DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ N. DEL

Allegati Obbligatori ( DM 37 / 2008 ) DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ N. DEL DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPIANTO Cod. rich. Venditore PDR Committente Impresa / Ditta Responsabile tecnico / Titolare La presente documentazione si riferisce alla seguente tipologia di intervento : impianto

Dettagli

DOSSIER TECNICO GENERATORI DI CALORE DI TIPO MODULARE SYSCON XLI - XLE 115 SYSTEM. DOSSIER TECNICO GENERATORI DI CALORE DI TIPO MODULARE Pagina 1

DOSSIER TECNICO GENERATORI DI CALORE DI TIPO MODULARE SYSCON XLI - XLE 115 SYSTEM. DOSSIER TECNICO GENERATORI DI CALORE DI TIPO MODULARE Pagina 1 DOSSIER TECNICO GENERATORI DI CALORE DI TIPO MODULARE SYSCON XLI - XLE 115 SYSTEM DOSSIER TECNICO GENERATORI DI CALORE DI TIPO MODULARE Pagina 1 INTRODUZIONE RIELLO S.p.A produce moduli termici a condensazione

Dettagli

Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013

Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013 Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013 A seguito delle numerose domande inerenti al Patentino dei Frigoristi, giunte in redazione nei giorni scorsi, riportiamo le FAQ (domande

Dettagli

Modalità di effettuazione delle verifiche periodiche

Modalità di effettuazione delle verifiche periodiche DIPARTIMENTO TERRITORIALE DI TERNI - Ex ISPESL VERIFICHE PERIODICHE ATTREZZATURE Aspetti applicativi del D.M. 11.04.2011 Modalità di effettuazione delle verifiche periodiche Ing. Maria Nice TINI Terni,

Dettagli

Certificazioni & Collaudi S.r.l.

Certificazioni & Collaudi S.r.l. Il presente documento è stato emesso dalla Direzione Generale il 08/05/2015. L originale firmato è conservato presso l ufficio del Responsabile Gestione Qualità INDICE GENERALE 1. SCOPO, CAMPO DI APPLICAZIONE

Dettagli

Unità automatica di scarico e pompaggio APT14, APT14HC e APT14SHC

Unità automatica di scarico e pompaggio APT14, APT14HC e APT14SHC Pagina 1 di 5 TI-P612-02 ST Ed. 7 IT - 2009, HC e SHC Descrizione Le unità automatiche di scarico e pompaggio Spirax Sarco, HC e SHC funzionano come pompe volumetriche e hanno attacchi filettati o flangiati

Dettagli

IN GAS. Rubinetto a sfera per gas da incasso. Rubinetto a sfera per gas IN GAS: esempi di applicazione VALVOLA A SFERA CESTELLO DI ISPEZIONE

IN GAS. Rubinetto a sfera per gas da incasso. Rubinetto a sfera per gas IN GAS: esempi di applicazione VALVOLA A SFERA CESTELLO DI ISPEZIONE IN GAS IN GAS Rubinetto a sfera per gas da incasso VALVOLA A SFERA CESTELLO DI ISPEZIONE DADI DI FISSAGGIO SEDI LATERALI CODOLI PER SALDATURA O-RINGS GUARNIZIONI METALLICHE ROSONE DI COPERTURA LEVA VITI

Dettagli

Allegato 1. Direttiva 90/396/CEE Gas La direttiva 90/396/CEE, recepita nell ordinamento italiano con il D.P.R. 15 novembre 1996, n.

Allegato 1. Direttiva 90/396/CEE Gas La direttiva 90/396/CEE, recepita nell ordinamento italiano con il D.P.R. 15 novembre 1996, n. Allegato 1. Direttiva 90/396/CEE Gas La direttiva 90/396/CEE, recepita nell ordinamento italiano con il D.P.R. 15 novembre 1996, n. 661, disciplina gli apparecchi a gas per uso civile. Le amministrazioni

Dettagli

ESTINTORI DI INCENDIO

ESTINTORI DI INCENDIO ESTINTORI DI INCENDIO MINISTERO DELL'INTERNO NORME TECNICHE E PROCEDURALI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLA CAPACITÀ ESTINGUENTE E PER L OMOLOGAZIONE DEGLI ESTINTORI CARRELLATI D INCENDIO D.M. 06/03/1992 Art.

Dettagli

Sito Web: http://www.gardenale-estintori.it/ UNI 9994-1 /2013 fasi di manutenzione 4 ATTIVITA E PERIODICITA DELLA MANUTENZIONE

Sito Web: http://www.gardenale-estintori.it/ UNI 9994-1 /2013 fasi di manutenzione 4 ATTIVITA E PERIODICITA DELLA MANUTENZIONE Sito Web: http://www.gardenale-estintori.it/ UNI 9994-1 /2013 fasi di manutenzione 4 ATTIVITA E PERIODICITA DELLA MANUTENZIONE 4.1 Generalità La persona responsabile deve predisporre un programma di manutenzione,

Dettagli

I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico

I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico Dipartimenti Territoriali e Centri di Ricerca I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico Dott. Ing. Amalia Nuzzo Bari, 23 Ottobre 2009 CONVEGNO La sicurezza delle

Dettagli

Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto

Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto Il recepimento della direttiva comunitaria 2000/53/CE relativa ai veicoli fuori

Dettagli

AL D.M. 329/2004 GUIDA AL D.M. 329/2004

AL D.M. 329/2004 GUIDA AL D.M. 329/2004 AL D.M. 329/2004 GUIDA AL D.M. 329/2004 GUIDA GUIDA AL D.M. 329/2004 SOMMARIO 1. INTRODUZIONE 2. DEFINIZIONI 3. TABELLA ADEMPIMENTI D.M. 329/2004 4. ESEMPIO: UTILIZZO DELLA TABELLA ADEMPIMENTI D.M. 329/2004

Dettagli

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Sommario Premessa Movimentazione Installazione Manutenzione Avvertenze 2 Premessa 3

Dettagli

PROVA DI TENUTA DI UN IMPIANTO A GAS UNI 7129-1:2008 UNI 11528:2014

PROVA DI TENUTA DI UN IMPIANTO A GAS UNI 7129-1:2008 UNI 11528:2014 PROVA DI TENUTA DI UN IMPIANTO A GAS UNI 7129-1:2008 UNI 11528:2014 La PROVA DI TENUTA di un impianto gas è una verifica che deve essere eseguita obbligatoriamente su un NUOVO IMPIANTO interno di adduzione

Dettagli

Direttiva Macchine 2006/42/CE. Dichiarazione CE di Conformità: la corretta compilazione.

Direttiva Macchine 2006/42/CE. Dichiarazione CE di Conformità: la corretta compilazione. Direttiva Macchine 2006/42/CE Dichiarazione CE di Conformità: la corretta compilazione. Fonte: Guida Ufficiale Commissione europea Direttiva macchine 2006/42/CE Ed. 2010 Dati fabbricante La ragione sociale

Dettagli

SEMINARIO Macchine e attrezzature di lavoro: i controlli del datore di lavoro sugli apparecchi di sollevamento materiali.

SEMINARIO Macchine e attrezzature di lavoro: i controlli del datore di lavoro sugli apparecchi di sollevamento materiali. Settore Ricerca, Certificazione e Verifica Dipartimento Tecnologie di Sicurezza SEMINARIO Macchine e attrezzature di lavoro: i controlli del datore di lavoro sugli apparecchi di sollevamento materiali

Dettagli

IL CONSIGLIO DELLE COMUNITA EUROPEE, visto il trattato che istituisce la Comunità economica europea, in particolare l articolo 100 A,

IL CONSIGLIO DELLE COMUNITA EUROPEE, visto il trattato che istituisce la Comunità economica europea, in particolare l articolo 100 A, ',5(77,9$&(('(/&216,*/,2GHOOXJOLR FKH PRGLILFD OH GLUHWWLYH GHO &RQVLJOLR &(( UHFLSLHQWL VHPSOLFL D SUHVVLRQH &(( VLFXUH]]D GHL JLRFDWWROL &(( SURGRWWL GD FRVWUX]LRQH &(( FRPSDWLELOLWj HOHWWURPDJQHWLFD

Dettagli

SICUREZZA GUIDA PRATICA SULLE VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI SOLLEVAMENTO

SICUREZZA GUIDA PRATICA SULLE VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI SOLLEVAMENTO SICUREZZA GUIDA PRATICA SULLE VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI SOLLEVAMENTO Il datore di lavoro deve provvedere affinché le attrezzature di lavoro la cui sicurezza dipende dalle condizioni di

Dettagli

Certificazione e Marcatura degli Apparecchi a gas per il Riscaldamento

Certificazione e Marcatura degli Apparecchi a gas per il Riscaldamento Incontro AVIEL-UNAE Vicenza 25 giugno 2005 Partner for progress Via Treviso 32/34 I- 31020 SAN VENDEMIANO(TV) Certificazione e Marcatura degli Apparecchi a gas per il Riscaldamento dott. ing. Benvenuto

Dettagli

Dipartimento Tecnologie di Sicurezza IV Unità Funzionale Apparecchi a Pressione Dipartimento Relazioni Esterne Ufficio Relazioni con il Pubblico PED

Dipartimento Tecnologie di Sicurezza IV Unità Funzionale Apparecchi a Pressione Dipartimento Relazioni Esterne Ufficio Relazioni con il Pubblico PED Dipartimento Tecnologie di Sicurezza IV Unità Funzionale Apparecchi a Pressione Dipartimento Relazioni Esterne Ufficio Relazioni con il Pubblico PED (Pressure Equipment Directive) Guida pratica alla Direttiva

Dettagli

Ing. Roberto Gottardo

Ing. Roberto Gottardo Ing. Roberto Gottardo Installazione ed esercizio degli apparecchi a pressione: dalla teoria alla pratica. Sala Convegni Interporto di Rovigo Venerdì 15 ottobre 2010 in collaborazione con: Premessa A partire

Dettagli

le principali norme previste per il teleriscaldamento

le principali norme previste per il teleriscaldamento le principali norme previste per il teleriscaldamento UNI 10390:1994 Impianti di riduzione finale della pressione del gas naturale funzionanti con pressione a monte massima compresa tra 5 e 12 bar. Progettazione,

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA

EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA Fattori che hanno determinato l evoluzionel 1 Recepimento delle Direttive Comunitarie con conseguente passaggio dalla normativa nazionale a quella comunitaria Le Direttive sono

Dettagli

SICUREZZA. Le modalità operative per le verifiche periodiche sulle attrezzature elencate. Attrezzature: cosa cambia sulla verifica periodica?

SICUREZZA. Le modalità operative per le verifiche periodiche sulle attrezzature elencate. Attrezzature: cosa cambia sulla verifica periodica? l Sicurezza del lavoro. Dal MinLavoro i criteri per l abilitazione dei soggetti SICUREZZA Attrezzature: cosa cambia sulla verifica periodica? Le modalità operative per le verifiche periodiche sulle attrezzature

Dettagli