COCA-COLA IN ITALIA: L

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COCA-COLA IN ITALIA: L"

Transcript

1 COCA-COLA IN ITALIA: l impatto economico e occupazionale nel 2014 Una Ricerca condotta dai Prof. Fabrizio Perretti e Prof. Stefano Basaglia di SDA Bocconi Milano, Divisione Ricerche Claudio Dematté, nell anno 2015

2

3 SINTESI DELLO STUDIO 2 in Italia 4 La struttura 5 La ricerca: Obiettivo, Modello e Metodologia 8 Il peso Economico 12 L Impatto Occupazionale 18 Impatto diretto 22 Impatto indiretto 24 non solo bollicine 26 Conclusioni 28

4 Sintesi dello studio Nei primi mesi del 2015 il Professor Fabrizio Peretti e il Professor Stefano Basaglia di SDA Bocconi School of Management hanno condotto, nell ambito della Divisione Ricerche Claudio Dematté, uno Studio sull impatto economico e occupazionale generato da in Italia *. Ai fini della presente Ricerca sono state considerate le tre società Italia, HBC Italia, Fonti del Vulture, escludendo dall analisi Sibeg. I risultati della Ricerca sono presentati in termini di risorse economiche distribuite all interno del sistema economico italiano con riferimento a famiglie, imprese, Stato, e di generazione di occupazione sia in modo diretto (dipendenti), sia in modo indiretto (fornitori a diversi livelli). è presente in Italia da quasi un secolo e ad oggi: A essa é riconducibile lo 0,18% del totale delle imposte sui prodotti versate complessivamente in Italia. è la realtà numero 1 nel settore delle Bibite e in quello delle Bevande e la quinta nel settore più ampio del Food&Beverage, in termini di risorse generate e distribuite nel sistema economico. 2

5 SINTESI DEL studio in Italia il peso Economico L Impatto Occupazionale non solo bollicine Conclusioni Dà lavoro direttamente a dipendenti. Ogni posto di lavoro diretto genera circa 13 posti di lavoro indiretti all interno dell economia italiana. Presenta una maggiore incidenza femminile, rispetto alla media del settore, sia a livello di quadri (34% rispetto al 28%) che a livello di cariche dirigenziali (24% rispetto al 13%). Ha rapporti economici con più di fornitori (64% nel Nord-Italia e 36% nel Centro-Sud). Determina un impatto occupazionale diretto ed indiretto di circa posti di lavoro (pari allo 0,1% della forza lavoro totale in Italia), sul cui reddito dipendono circa persone Offre un profilo retributivo superiore rispetto alla media del settore delle bevande (+12% nel caso dei quadri e impiegati; +21% nel caso degli operai). Genera in Italia 815 milioni di euro di risorse, cifra che corrisponde allo 0,05% del PIL. Quanto emerge dall analisi conferma come sia una realtà italiana fortemente radicata sul territorio con oltre dipendenti: un vero e proprio motore di occupazione diretta e indiretta e di ricchezza, con un impatto economico significativo per il Paese. 3

6 4

7 SINTESI DEL studio in Italia La struttura La ricerca: Obiettivo, Modello e Metodologia il peso Economico L Impatto Occupazionale non solo bollicine Conclusioni coca-cola in italia la struttura The Company è presente in Italia da quasi un secolo: nel 1919 ha registrato il marchio e nel 1927 è stato aperto il primo impianto di imbottigliamento. 4 sedi (uffici, centri di assistenza tecnica e magazzini) 6 impianti produttivi oltre dipendenti 5

8 Le attività in Italia sono condotte da tre società: Italia è responsabile delle attività di marketing strategico, della gestione e protezione del marchio, dei rischi reputazionali, del packaging, della promozione rivolta ai consumatori, della pubblicità, delle ricerche di mercato, della comunicazione del brand e dei rapporti istituzionali. 74 dipendenti HBC Italia è il maggiore imbottigliatore in Italia dove ha iniziato ad operare nel 1995; si occupa del merchandising dei prodotti, della relazione con i clienti, dell implementazione delle promozioni, delle attività inerenti ai temi di Responsabilità Sociale d Impresa, delle relazioni pubbliche e istituzionali e della distribuzione dei prodotti in tutta Italia ad esclusione della Sicilia. HBC Italia acquista i concentrati dal gruppo The Company, confeziona il prodotto all interno di 5 impianti di imbottigliamento distribuiti capillarmente in Italia e li veicola a quasi clienti. Nel 2006, insieme a The Company, entra nel settore delle acque minerali acquisendo Fonti del Vulture. Sibeg * dal 1960 produce, imbottiglia e distribuisce in Sicilia tutti i prodotti a marchio The Company. *Ai fini della presente Ricerca sono state considerate Italia e HBC Italia, escludendo dall analisi Sibeg S.r.l. 5 Stabilimenti 2000 dipendenti 1 Stabilimento 214 dipendenti 6

9 SINTESI DEL studio in Italia La struttura La ricerca: Obiettivo, Modello e Metodologia il peso Economico L Impatto Occupazionale non solo bollicine Conclusioni In Italia il mondo comprende nel suo insieme sei impianti di imbottigliamento, di cui quattro di bevande situati a Nogara (VR), Oricola (AQ), Marcianise (CE), Catania, e due di acque ovvero Monticchio e Rionero in Vulture (PZ). Sono inoltre presenti quattro sedi di uffici e magazzini, due a Sesto S. Giovanni (MI), uno a Buccinasco (MI), uno a Catania, e ancora un centro di assistenza tecnica a Catania. Stabilimenti di prodotto/bevande Stabilimenti acqua Sedi/uffici Centro assistenza Così articolata si presenta come una realtà italiana con un forte legame con il territorio e un notevole impatto economico che ora andremo ad analizzare. 7

10 La Ricerca: Obiettivo, Modello e Metodologia Obiettivo Lo Studio si pone come obiettivo quello di analizzare e descrivere il valore della filiera economica e l impatto occupazionale di nel Paese. Le bevande a marchio sono spesso considerate dai consumatori italiani come provenienti da un unica azienda multinazionale con sede negli Stati Uniti, ad Atlanta. In realtà la loro produzione avviene localmente in tutti i diversi Paesi in cui è presente ad opera di una, o più, società di imbottigliamento che acquistano i concentrati direttamente da The Company. Le società di imbottigliamento nazionali creano posti di lavoro, sostengono l occupazione, generano redditi ed entrate fiscali, grazie all acquisto di beni e servizi e alla vendita dei propri prodotti attraverso una capillare rete distributiva. La presenza locale in Italia è uno dei tre temi presentati in occasione di Expo 2015, Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita., la più grande azienda di bevande al mondo, vista la sfida globale posta da l Esposizione Universale di Milano, alla quale si può far fronte solo unendo gli sforzi di ognuno - istituzioni, società civile e imprese private -, ha scelto di essere parte della soluzione. in Italia infatti, attraverso un impegno costante e duraturo verso l innovazione finalizzata al sostengo e allo sviluppo di comunità sostenibili, promuove iniziative per ridurre il proprio impatto ambientale, sostenere uno stile di vita attivo e supportare lo sviluppo economico delle comunità in cui opera. impatto EConomico Viene approfondito il valore della filiera economica in Italia, considerando tanto l indotto generato nei confronti delle imprese-fornitori italiani, quanto quello generato da altri contributi, ad esempio gettito fiscale e investimenti, riconducibili alla presenza nel nostro Paese. impatto occupazionale Viene valutato l impatto occupazionale in Italia sia in termini diretti, riferito al numero di occupati presso sedi e stabilimenti, sia in termini indiretti considerando il numero di occupati riconducibili ai suoi fornitori principali. 8

11 SINTESI DEL studio in Italia La struttura il peso Economico L Impatto Occupazionale non solo bollicine Conclusioni La ricerca: Obiettivo, Modello e Metodologia Modello per lo studio dell impatto economico L impatto economico è misurato in termini di risorse economiche distribuite dall azienda all interno del sistema economico italiano, considerando quanto percepito rispettivamente da famiglie, imprese e Stato, ossia i tre principali attori in cui ogni sistema economico è tradizionalmente suddiviso. Rispetto a queste tre categorie, l apporto economico è stato analizzato in termini di: salari e stipendi erogati ai propri dipendenti (famiglie); acquisti di beni e servizi ed investimenti di beni materiali (imprese); imposte e contributi versati (Stato). Famiglie Imprese Stato 9

12 Modello per lo studio dell impatto economico L impatto sull occupazione è misurato distinguendo tra: Impatto diretto, considerando il numero di dipendenti e occupati presso sedi e stabilimenti. Impatto indiretto, di primo e secondo livello, considerando il numero di dipendenti e occupati riconducibili ai fornitori principali in Italia. Nello specifico, in quest ultimo caso, viene considerata in qualità di impresa focale nell ambito di una rete inter-organizzativa di cui fanno parte fornitori che vengono distinti su due differenti livelli in base ai rispettivi rapporti intrattenuti con : fornitori di primo livello, che sono quei fornitori con cui intrattiene direttamente delle relazioni di scambio; fornitori di secondo livello, che sono invece rappresentati da fornitori dei fornitori, ovvero la realtà con cui non ha una relazione diretta ma le cui attività sono influenzate dalle decisioni di acquisto attraverso la relazione che queste imprese hanno con i fornitori di primo livello. Nella valutazione dell impatto occupazionale in Italia si distingue tra occupazione intesa come numero di dipendenti ed occupazione intesa come numero di occupati totali che include i lavoratori dipendenti, indipendenti, esterni e temporanei. Tenendo presente dunque tutte le categorie sopra descritte, nella Ricerca i risultati presentati sono riferiti alle diverse categorie dei dipendenti, diretti e indiretti di primo e secondo livello, e degli occupati, a loro volta diretti e indiretti di primo e secondo livello. impatto indiretto primo livello impatto diretto dipendenti e occupati presso sedi e stabilimenti fornitori con cui intrattiene direttamente delle relazioni di scambio impatto indiretto secondo livello fornitori con cui non ha una relazione diretta 10

13 SINTESI DEL studio in Italia La struttura La ricerca: Obiettivo, Modello e Metodologia il peso Economico L Impatto Occupazionale non solo bollicine Conclusioni Metodologia Fonti di dati: dati diretti *, dati AIDA**, dati Istat, dati raccolti da SDA Bocconi attraverso un questionario online somministrato ad un numero selezionato di fornitori HBC Italia (n=112). Anni: l analisi si riferisce prevalentemente all anno Per alcune banche dati e per alcuni aggregati, i dati disponibili più recenti sono relativi all anno 2013; là dove utilizzati, l analisi è riferita all anno Parametri di stima utilizzati per il calcolo dell impatto occupazionale di primo livello: - valore acquistato presso i fornitori HBC Italia nel 2013 e 2014; - ricavi, numero dipendenti, fatturato per dipendente per ciascun fornitore (media ultimi 10 anni) - banca dati AIDA; - numero dei dipendenti riferibili all acquisto di beni e servizi da parte sul totale dei dipendenti e sulle variazioni di tale numero in riferimento ad aumento/diminuzione di tali acquisti - questionario SDA Bocconi. Parametri di stima utilizzati per il calcolo dell impatto occupazionale di secondo livello: - modello input-output delle interdipendenze settoriali in base alle tavole delle risorse e degli impieghi (anni 2010 e 2011) e tavole simmetriche (anno 2010) dell Istat pubblicate il 13 gennaio 2015 e coerenti con gli aggregati di contabilità nazionale secondo il Sec 2010, diffusi il 22 settembre In riferimento all impatto occupazionale si è distinto tra occupazione intesa come numero di dipendenti ed occupazione intesa come numero di occupati totali che include i lavoratori dipendenti, indipendenti, esterni e temporanei. Le stime sugli occupati totali - a livello indiretto - si basano sui dati Istat relativi ai dati strutturali del sistema imprenditoriale italiano e sul 9 censimento dell industria e dei servizi. *Ai fini della presente Ricerca sono state considerate le tre società Italia, HBC Italia, Fonti del Vulture, escludendo dall analisi Sibeg. **AIDA: Analisi Informatizzata delle Aziende Italiane - banca dati 11

14 12

15 SINTESI DEL studio in Italia il peso Economico L Impatto Occupazionale non solo bollicine Conclusioni il peso economico di coca-cola Per comprenderne appieno il peso economico si è rivelato utile il confronto con un gruppo di aziende simili per attività: il gruppo dei pari. Nell ambito della ricerca sono stati quindi individuati: bibite Le imprese appartenenti all industria delle bibite analcoliche, delle acque minerali e di altre acque minerali in bottiglia (codice Ateco 11.07). In base alle rilevazioni AIDA su bilanci Questo gruppo comprende 322 imprese ed ha distribuito al sistema economico risorse per milioni di euro. bevande Le imprese appartenenti all industria delle bibite analcoliche, delle acque minerali, di altre acque in bottiglia, dei vini da uva, sidro e birra (codice Ateco 11.0). In base alle rilevazioni AIDA su bilanci Questo gruppo comprende imprese ed ha distribuito al sistema economico risorse per milioni di euro. alimentari e bevande Le imprese appartenenti all industria degli alimentari e delle bevande (Food&Beverage - codice Ateco 10.0 e 11.0), in base alle rilevazioni AIDA su bilanci Questo gruppo comprende imprese ed ha distribuito al sistema economico risorse per milioni di euro*. *Il settore degli alimentari e delle bevande comprende il settore delle bevande. Il settore delle bevande comprende il settore delle bibite analcoliche, delle acque minerali e di altre acque in bottiglia. Codice Ateco: il codice Ateco è una combinazione alfanumerica che identifica una Attività Economica. Dal 1 gennaio 2008 è in vigore la nuova classificazione Ateco 2007, approvata dall Istat (Istituto Nazionale di Statistica) in stretta collaborazione con l Agenzia delle Entrate, le Camere di Commercio ed altri Enti, Ministeri ed associazioni imprenditoriali interessate. 13

16 INDUSTRIA DELLE BIBITE 322 imprese che generano Mio di Euro di fatturato di questo rappresenta il 32,9 % a Realtà INDUSTRIA DELLE BEVANDE imprese che generano Mio di Euro di fatturato di questo rappresenta l 8,1 % a Realtà INDUSTRIA degli alimentari e delle bevande imprese che generano Mio di Euro di fatturato di questo rappresenta l 1,0 % a Realtà 14

17 SINTESI DEL studio in Italia il peso Economico L Impatto Occupazionale non solo bollicine Conclusioni IN ITALIA* nell Industria delle Bibite Le risorse distribuite da * rappresentano il 32,9% delle risorse totali generate dall industria delle bibite (pari a milioni di euro), e precisamente: il 34,1% delle risorse che questo gruppo destina alle famiglie, il 32,5% delle risorse destinate alle imprese, il 39,0% delle risorse destinate allo Stato, In termini di risorse generate da questo gruppo di 322 imprese, occupa la prima posizione. IN ITALIA* nell Industria delle Bevande Le risorse generate da rappresentano l 8,1% delle risorse totali dell industria delle bevande (pari a milioni di euro), e precisamente: il 9,9% delle risorse che questo gruppo destina alle famiglie, il 7,9% delle risorse destinate alle imprese, il 9,4% delle risorse destinate allo Stato. In termini di risorse generate da questo gruppo di imprese, occupa la prima posizione. IN ITALIA* nell Industria del Food&Beverage Le risorse generate da rappresentano l 1% delle risorse totali dell industria del Food&Bevarage (pari a milioni di euro), e precisamente: l 1,3% delle risorse che questo gruppo destina alle famiglie, l 1,0% delle risorse destinate alle imprese, l 1,3% delle risorse destinate allo Stato. In termini di risorse generate da questo gruppo di imprese, occupa la quinta posizione. *In questo caso l impatto economico non è riferibile esclusivamente all Italia. Si tratta, infatti, di impatto economico complessivo (che nel caso della categoria Imprese comprende anche i fornitori esteri e nel caso della categoria Famiglie anche i salari ed i compensi verso soggetti non residenti in Italia). Ai fini della presente Ricerca sono state considerate le tre società Italia, HBC Italia, Fonti del Vulture, escludendo dall analisi Sibeg. 15

18 DA COCA-COLA IN ITALIA DALLE IMPOSTE SUI PRODOTTI COCA-COLA famiglie - imprese - Stato 481 EURO Mio 334 EURO Mio 815 EURO Mio 16

19 SINTESI DEL studio in Italia il peso Economico L Impatto Occupazionale non solo bollicine Conclusioni Focalizzando l attenzione sul sistema economico italiano, nel 2014 ha distribuito risorse per 481 milioni di euro, così distribuiti: 78 milioni di euro alle Famiglie 366 milioni di euro alle Imprese 37 milioni di euro allo Stato Se a questi dati si aggiungono anche le imposte sui prodotti, si generano altri 334 milioni di euro destinati allo Stato che risultano pari allo 0,18% del totale delle imposte sui prodotti versate complessivamente in Italia. Le risorse complessive, diventano, quindi, pari a 815 milioni di euro, pari ad un valore dello 0,02% delle risorse complessive generate in Italia, che corrisponde allo 0,05% del PIL. In termine di distribuzione delle risorse, dei 481 milioni di euro generati da la percentuale maggiore viene destinata alle Imprese nella misura del 76%. Considerando invece anche le risorse generate dalle imposte sui prodotti, per un totale pari a 815 milioni di euro, le percentuali cambiano: il 45% delle risorse è destinato alle imprese, un altro 45% allo Stato e il restante 10% alle famiglie. Concentrando l attenzione sulle imprese e, quindi, sui fornitori, emerge che nel 2014 ha acquistato direttamente beni e servizi da fornitori di primo livello*, per un valore acquistato pari a più di 281 milioni di euro ed un valore medio per fornitore di circa 267 mila euro. *Il numero di fornitori e la loro distribuzione geografica si riferiscono esclusivamente a HBC Italia e Fonti del Vulture. 17

20 18

21 SINTESI DEL studio in Italia il peso Economico L Impatto Occupazionale non solo bollicine Conclusioni impatto diretto impatto indiretto l impatto occupazionale di coca-cola L impatto complessivo sull occupazione è misurato distinguendo tra: impatto diretto impatto indiretto Come già accennato nella spiegazione del modello di ricerca per lo studio sull impatto occupazionale (pagina 10), è stato considerato sia l impatto diretto, riferito al numero di dipendenti e occupati presso sedi e stabilimenti in Italia, ad esclusione della regione Sicilia, sia l impatto indiretto riferito al numero di occupati riconducibili ai principali fornitori. Sono stati quindi individuati fornitori di primo livello, ovvero quei fornitori con cui in Italia intrattiene direttamente delle relazioni di scambio, e fornitori di secondo livello, rappresentati dai fornitori dei fornitori. Si ricorda anche che nella valutazione si è distinto tra occupazione intesa come numero di dipendenti ed occupazione come numero di occupati totali, che include i lavoratori dipendenti, indipendenti, esterni e temporanei. 19

22 Diretto Indiretto 1 livello Indiretto 2 livello dipendenti occupati pari allo 0,1% della forza lavoro totale in Italia

23 SINTESI DEL studio in Italia il peso Economico L Impatto Occupazionale non solo bollicine Conclusioni impatto diretto impatto indiretto Se si considerano i dipendenti, nel 2014 ha avuto un impatto occupazionale complessivo pari a lavoratori, di cui a livello diretto e a livello indiretto (1.911 lavoratori indiretti di primo livello e lavoratori indiretti di secondo livello). In termini di occupati, ovvero i lavoratori dipendenti, indipendenti, esterni e temporanei, nel 2014 in Italia ha avuto un impatto occupazionale complessivo pari allo 0,1% della forza lavoro totale in Italia. Di questi, a livello diretto e a livello indiretto (più precisamente lavoratori indiretti di primo livello e lavoratori indiretti di secondo livello). Dalla ricerca emerge che: ha un impatto occupazionale diretto ed indiretto di circa posti di lavoro, pari allo 0,1% della forza lavoro totale in Italia, sul cui reddito dipendono, in parte o totalmente, circa persone*. Ogni posto di lavoro diretto in genera circa 13 posti di lavoro indiretti all interno dell economia italiana. persone dipendono dai redditi di lavoro generati da *Stima su dati Istat (2013) sulla distribuzione delle famiglie italiane per numero di componenti. 21

24 L IMPATTO OCCUPAZIONALE DIRETTO I dipendenti in Italia nel 2014 sono stati pari a unità, con una quota stimata di occupati totali pari a La quota di lavoratori dipendenti diretti può essere analizzata prendendo in considerazione le diverse variabili di distribuzione geografica, età, genere e qualifica professionale. La distribuzione geografica Da un punto di vista geografico, la distribuzione dei lavoratori in base alla residenza* vede il 58% al Nord, 19% al Centro e 23% nel Sud e in Sardegna. In particolare, le regioni con il numero più elevato di dipendenti sono Lombardia (516), Veneto (315), Campania (240), Lazio (172) e Emilia-Romagna (142). Queste cinque regioni da sole ospitano il 69% della forza-lavoro. Inoltre, il 49% della forza lavoro si concentra nel triangolo Lombardia-Veneto-Emilia Romagna. La distribuzione, invece, in base alla sede di lavoro vede il 61% al Nord, 17% al Centro e 22% nel Sud e in Sardegna. L età Il 74% dei lavoratori appartiene alla cosiddetta Generazione X, ossia lavoratori tra i 30 e i 50 anni nati tra il 1964 e i primi anni ottanta, mentre il 20% appartiene ai Baby Boomers, persone con più di 50 anni nati prima del 1964, il 6% alla Generazione Y, persone con meno di 30 anni nate a partire dalla prima metà degli anni ottanta. Rispetto alle altre imprese attive è dunque nettamente superiore la quota degli esponenti della Generazione X (74% contro 61%) e inferiore quella dei lavoratori della Generazione Y (6% contro 17%). 20% Baby Boomers (più di 50 anni) 74% Generazione X (tra i 30 e i 50 anni) 6% Generazione Y (meno di 30 anni) *Questo dato si riferisce a HBC Italia e Fonti del Vulture.

25 SINTESI DEL studio in Italia il peso Economico L Impatto Occupazionale non solo bollicine Conclusioni impatto diretto impatto indiretto Il genere e la qualifica professionale Dall analisi sui dati del 2014 emerge che, se gli uomini rappresentano il 72% della forza lavoro, in Italia si distingue per una maggiore incidenza femminile sia a livello di quadri (34% rispetto al 26%) che a livello di cariche dirigenziali (24% rispetto al 13%) rispetto alla media del settore. In HBC Italia inoltre, la metà dei ruoli appartenenti al Comitato di Direzione aziendale sono ricoperti da donne. Per quanto riguarda la categoria professionale, poi, gli impiegati rappresentano la netta maggioranza (69%), seguono gli operai (19%), i quadri (7%) e i dirigenti (5%). Questa suddivisione in base alla categoria professionale è molto diversa rispetto a quella delle imprese attive dove la maggioranza dei lavoratori sono operai, seguiti da impiegati, quadri e dirigenti. In particolare, ha molti più impiegati (69% contro 38%), più quadri (7% contro 4%) e più dirigenti (5% contro 4%). Se si confrontano infine le retribuzioni medie rispetto a quelle medie del settore delle bevande*, si evince come offra un profilo retributivo superiore del 12% nel caso dei quadri e impiegati e del 21% nel caso degli operai, evidenziando inoltre un profilo meno sperequativo per quanto riguarda le retribuzioni dei dirigenti**. 7% Quadri 69% Impiegati 5% Dirigenti 19% Operai *Dati Istat 2014 relativi ad imprese ATECO 11.0 **Dati XVIII rapporto OD&M Consulting sulle retribuzioni in Italia 23

26 L IMPATTO OCCUPAZIONALE INDIRETTO I lavoratori indiretti di primo livello Nel 2014 i dipendenti e gli occupati totali dei fornitori di primo livello riconducibili a sono stati rispettivamente pari a e a Dall analisi emerge che i lavoratori si concentrano principalmente nei seguenti settori: Sales and marketing 35% Logistica e trasporti 26% Equipaggiamenti refrigeranti e servizi 12% 10% Beni immobili e facillity management 24

27 SINTESI DEL studio in Italia il peso Economico L Impatto Occupazionale non solo bollicine Conclusioni impatto diretto impatto indiretto nord 58% Da un punto di vista geografico, i dipendenti dei fornitori di primo livello sono ripartiti nel seguente modo: 58% al Nord (29% in Lombardia, 18% in Emilia-Romagna. 8% in Veneto), 32% al Centro (28% in Abruzzo) e 10% al Sud e Sardegna (6% in Campania). centro 32% sud e sardegna 10% I lavoratori indiretti di secondo livello Nel 2014 i dipendenti e gli occupati dei fornitori di secondo livello riconducibili a sono stati rispettivamente pari a e

28 Non solo bollicine Responsabilità sociale e sostenibilità sono elementi imprescindibili del modo di fare impresa in Italia. Le iniziative e i progetti promossi e realizzati nell ambito della Responsabilità Sociale d Impresa, tra i quali la promozione di piani educativi, di protezione ambientale, di attività sportive ed eventi culturali locali, sono gestiti con lo stesso rigore con cui l azienda opera per ogni aspetto del proprio business. oltre 70 eventi sportivi sponsorizzati all anno fra maratone, mezze maratone, manifestazioni legate a discipline come la pallavolo, il calcio, la pallacanestro e lo sci Più di persone in movimento coinvolte in attività sportive ragazzi di tutta Italia accolti negli stabilimenti HBC Italia Rapporto Socio-Ambientale pubblicato dal 2004 ogni anno da HBC Italia 26

29 SINTESI DEL studio in Italia il peso Economico L Impatto Occupazionale non solo bollicine Conclusioni corretto riciclo promozione stile di vita attivo progetti educativi per scuole sostenuti da Fondazione HBC Italia gestione della risorsa idrica Particolarmente significativa l attenzione che ha posto nella gestione della risorsa idrica, nel corretto riciclo e nella promozione di uno stile di vita attivo, temi che l hanno ispirata a realizzare una collana di libri per ragazzi ed una serie di progetti educativi per le scuole, tra i quali l apertura degli stabilimenti HBC Italia agli studenti con anche la possibilità di partecipare a divertenti laboratori educativi. Per maggiori informazioni sulla Responsabilità Sociale d Impresa HBC Italia è disponibile il sito: 27

30 CONCLUSIONI La ricerca sull impatto economico e occupazionale presenta dati rilevanti e porta ad elaborare una serie di conclusioni significative. L Impatto Economico Dall analisi dell impatto economico emerge come sia un soggetto di primo piano in termini di risorse generate e distribuite nel sistema economico nel suo complesso: è la realtà numero 1 nel settore delle Bibite e in quello delle Bevande e la quinta nel settore più ampio del Food&Beverage, in termini di risorse generate e distribuite nel sistema economico. a livello italiano genera risorse per 481 milioni di euro che, nel caso in cui si considerino le imposte sui prodotti (pari allo 0,18% del totale delle imposte sui prodotti versate complessivamente in Italia), diventano pari a 815 milioni di euro. Questo ultimo importo generato è pari ad un valore dello 0,02% delle risorse complessive generate in Italia e corrisponde allo 0,05% del PIL; ha rapporti economici con più di fornitori, dislocati su tutta la Penisola (64% nel Nord-Italia, 36% nel Centro-Sud) e la componente principale delle risorse generate da in Italia è riferita proprio al mondo delle imprese. 28

31 SINTESI DEL studio in Italia il peso Economico L Impatto Occupazionale non solo bollicine Conclusioni L Impatto Occupazionale Dall analisi dell impatto occupazionale emerge con evidenza l importanza del ruolo rivestito da in Italia nel mondo del lavoro. Si evidenzia infatti che: l impatto occupazionale, diretto ed indiretto, è pari a circa posti di lavoro, pari allo 0,1% della forza lavoro totale in Italia; ad ogni posto di lavoro diretto corrispondono circa 13 posti di lavoro indiretti all interno dell economia italiana; circa persone dipendono, parzialmente o totalmente, dai redditi di lavoro generati da. Particolarmente significativi risultano alcuni dati relativi al profilo dei dipendenti, per cui emerge come presenti una maggiore incidenza femminile sia a livello di quadri sia, soprattutto, a livello di cariche dirigenziali, con una percentuale quasi doppia rispetto alla media delle imprese attive (24% rispetto al 13%). Anche in termini di retribuzioni risulta che presenta un profilo retributivo superiore rispetto alla media del settore delle bevande e meno sperequativo per quanto riguarda le retribuzioni a livello dirigenziale. 29

32 Nell analisi si è anche misurato quale sarebbe l impatto socio-economico in Italia nell ipotesi che quest ultima sparisse. Nell ipotetico scenario le conseguenze nel sistema Italia nel breve termine sarebbero la perdita di 481 milioni di euro (ovvero lo 0,01% delle risorse complessive generate nel paese) e di circa lavoratori, da cui dipendono, totalmente o parzialmente, oltre persone. 30

33 SINTESI DEL studio in Italia il peso Economico L Impatto Occupazionale non solo bollicine Conclusioni sda bocconi school of management Fondata nel 1971 dall Università Bocconi, SDA Bocconi School of Management è presente nel campo della formazione (attraverso i suoi programmi MBA, i Master ed i corsi Executive) e della ricerca (attraverso i programmi di ricerca, gli osservatori ed i knowledge centers della divisione Claudio Dematté Research). SDA Bocconi gode di riconoscimenti internazionali che la classificano al 1 posto in Italia e ai primi posti in Europa e nel mondo: è stata la prima Scuola di management in Italia ed è una delle 59 Business School al mondo meritevoli di indossare la cosiddetta triple crown, di fregiarsi cioè di 3 tra gli accreditamenti internazionali più prestigiosi: AACSB, EQUIS e AMBA; nella classifica Financial Times Global MBA (2015) risulta al 26 posto nel mondo, al 10 in Europa e si conferma l unica italiana presente nella lista dei 100 migliori MBA mondiali; nella classifica Financial Times European Business School Ranking (2014) risulta all 8 posto in classifica e si conferma l unica scuola italiana presente. gli autori Professor Fabrizio Perretti è SDA Professor di Strategia ed Imprenditorialità ed è Professore Associato presso il Dipartimento di Management e Tecnologia dell Università Bocconi dove insegna Strategia Aziendale. È stato visiting scholar presso numerose istituzioni in Italia e all estero, tra cui Servizio Studi della Banca d Italia, Harvard University, MIT Sloan School of Management, UCLA School of Management. È autore di numerose pubblicazioni nel campo della strategia e della sociologia delle organizzazioni. Professor Stefano Basaglia è SDA Professor di Organizzazione e Personale ed è collaboratore del Diversity Management Lab presso la SDA Bocconi School of Management. Inoltre è Ricercatore di Organizzazione Aziendale presso l Università degli Studi di Bergamo, dove insegna Cross-cultural and diversity management. È visiting professor presso la School of Management della Fudan University di Shanghai. È autore di numerose pubblicazioni nel campo del clima organizzativo, dell identità organizzativa e del diversity management.

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA IL RUOLO STRATEGICO DELLE AZIENDE COME ACCELERATORI DEL SISTEMA ECONOMICO E DELL OCCUPAZIONE: IL CASO " LA CREAZIONE DI VALORE CONDIVISO SI FOCALIZZA SULL

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

IL CONTRIBUTO ECONOMICO E SOCIALE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI A RETE NELL AREA DI ROMA

IL CONTRIBUTO ECONOMICO E SOCIALE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI A RETE NELL AREA DI ROMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTA DI ECONOMIA IL CONTRIBUTO ECONOMICO E SOCIALE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI A RETE NELL AREA DI ROMA RAPPORTO FINALE Gennaio 2007 INDICE PREMESSA... 1 PARTE

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 La spesa complessiva

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale. Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia

Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale. Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia ROMA, GIUGNO 2008 INDICE PREMESSA...4 CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE...6 PARTE

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Patrimonio della PA Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Dicembre 2013 INDICE 1 Premessa e sintesi 3 2 La rilevazione delle partecipazioni detenute

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro

Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Il presente Rapporto è stato realizzato da un gruppo di ricerca congiunto

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

La cooperazione italiana negli anni della crisi. 2 Rapporto Euricse

La cooperazione italiana negli anni della crisi. 2 Rapporto Euricse La cooperazione italiana negli anni della crisi 2 Rapporto Euricse 1 La cooperazione italiana negli anni della crisi Secondo Rapporto Euricse Introduzione 3 Carlo Borzaga Parte 1: Il quadro generale 9

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Protagonista dello sviluppo locale

Protagonista dello sviluppo locale Bic Umbria Protagonista dello sviluppo locale Sviluppo Italia Bic Umbria promuove, accelera e diffonde lo sviluppo produttivo e imprenditoriale nella regione. È controllata da Sviluppo Italia, l Agenzia

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it Il Gruppo Aruba La nostra storia 1994 : Fondazione 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it 2000: Nascita del brand Aruba come fornitore di servizi hosting, registrazione

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

I laureati magistrali in Scienze Statistiche

I laureati magistrali in Scienze Statistiche http://www.safs.unifi.it I laureati magistrali in Scienze Statistiche I nostri testimonial Nota: la Laurea Magistrale in Statistica, Scienze Attuariali e Finanziarie è stata attivata nell a.a. 2012/2013

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Scheda sintetica del progetto arvore da vida

Scheda sintetica del progetto arvore da vida Scheda sintetica del progetto arvore da vida Contesto AVSI collabora con FIAT Brasile dal 2004, con il progetto di responsabilità sociale Arvore da Vida, nelle aree prossime allo stabilimento di Belo Horizonte,

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 www.autotrasportionline.com Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 01/set/2009-30/set/2011 Rispetto a: Sito Visualizzazioni di pagina uniche 30.000 30.000 15.000 15.000 0 0 1

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali ente bilaterale lavanderie industriali Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali Primo Rapporto ente bilaterale lavanderie industriali Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli