ORDINE DEI GIORNALISTI C É! GUIDA REALIZZATA DAL GRUPPO DI LAVORO PICCOLA EDITORIA ORDINE DEI GIORNALISTI - CONSIGLIO NAZIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ORDINE DEI GIORNALISTI C É! GUIDA REALIZZATA DAL GRUPPO DI LAVORO PICCOLA EDITORIA ORDINE DEI GIORNALISTI - CONSIGLIO NAZIONALE"

Transcript

1 ORDINE DEI GIORNALISTI LAPICCOLAEDITORIA C É! GUIDA REALIZZATA DAL GRUPPO DI LAVORO PICCOLA EDITORIA ORDINE DEI GIORNALISTI - CONSIGLIO NAZIONALE

2 1 LAPICCOLAEDITORIA C É! GUIDA REALIZZATA DAL GRUPPO DI LAVORO ORDINE DEI GIORNALISTI - CONSIGLIO NAZIONALE

3 2 SI RINGRAZIA: Ringraziamenti Enzo Iacopino, Presidente Ordine Nazionale dei Giornalisti Francesco Zanotti, Presidente FISC Francesco Saverio Vetere, Presidente USPI Fabrizio Morviducci, Coordinatore dell Osservatorio sul Precariato Andro Merkù, componente Commissione Cultura Teresa Saitta ed Elvira Falcucci, uffici Ordine dei Giornalisti GRUPPO DI LAVORO PICCOLA EDITORIA Santo Gallo, coordinatore Dario Collio Rino Felappi Giuseppe Riccio Pino Prestia e Moira Perruso (Esperti Esterni)

4 3 INDICE Ringraziamenti Pag. 2 Presentazione Relazione gruppo FISC USPI Schede Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d Aosta Veneto Carta di Firenze Equo compenso Indice

5 4

6 5 PRESENTAZIONE I PICCOLI DELL EDITORIA SONO LE PRIME SENTINELLE DEL TERRITORIO di ENZO IACOPINO Presidente del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti Si può essere grandi, e spesso lo si è, anche quando si viene chiamati piccoli. Non si tratta di un giochino verbale né di un espediente dialettico, ma di un atto di rispetto per la realtà. In questo nostro disastrato Paese, che soffre senza dubbio un deficit di informazione, si parla troppo spesso dei problemi dei grandi (le grandi testate di tutti i settori) ma si ignorano i piccoli. I grandi, soprattutto negli ultimi anni, hanno preso l abitudine di scaricare sulla collettività le loro crisi. Godono di una attenzione da parte della politica perché il loro peso si fa sentire ogni giorno. Incide, meno di quanto si creda a mio avviso, sulle scelte dei cittadini. Anche in quelle elettorali. I piccoli sono trascurati, in base ad un calcolo miope. Non vi è dubbio che un servizio su un Tg nazionale, quale che sia, abbia un ritorno maggiore in termini di popolarità. Così per una intervista che appare su un quotidiano nazionale. Ma è storia che interessa qualche migliaio di persone (non amo il termine casta perché detesto il ragionar per mucchi). La vita, la voce dei cittadini, i loro bisogni sono raccolti e portati all attenzione della comunità da quelli che vengono chiamati i piccoli dell editoria. Se si facesse un analisi su come nascono le grandi inchieste di tv, quotidiani e periodici nazionali si scoprirebbe che - tranne rare eccezioni - tutto deriva da quanto denunciato a livello locale. Dai piccoli, appunto. Sono loro la scintilla che accende l attenzione. Sono loro i primi a segnalare quel che non va sul territorio. Ma è un azione di impegno civile che viene ignorata, dimenticata, spazzata via dall impatto che ha lo sviluppo di un fatto. Un azione che merita il giusto riconoscimento. È anche vero, però, che i piccoli dovrebbero fare una riflessione. È a livello locale, con motivazioni che non possono essere condivise, che si registrano comportamenti che l Ordine non può condividere. Sono violazioni di norme elementari che avvengono, non episodicamente, anche tra i grandi, ma i piccoli dovrebbero conciliare il desiderio di essere editori con le reali disponibilità delle risorse. Enzo Iacopino

7 6 Enzo Iacopino Nessuno faccia mucchi, per carità, perché ci sono decine, centinaia di testate che rispettano il lavoro dei giornalisti e con sacrificio affrontano i costi di una informazione corretta. Ma sarebbe ipocrita negare che a livello locale si verificano intollerabili episodi di sfruttamento con colleghi non pagati per mesi o retribuiti con mancette, con il ricatto costante del prendere o lasciare reso possibile dalla complicità di colleghi. Questi comportamenti danneggiano prima di tutti proprio i piccoli editori che si comportano in maniera corretta e che legittimamente reclamano una attenzione che merita la funzione sociale che svolgono. Dare voce alle comunità, anche le più piccole è un modo per onorare davvero quel che prevede l articolo 21 della Costituzione.

8 7 UN GRIDO CHE NON VUOLE RIMANERE SOFFOCATO di SANTO GALLO Coordinatore Gruppo di Lavoro Piccola Editoria La Piccola Editoria c è. Non è un slogan pubblicitario, ma il primo frutto di un lavoro di ricerca effettuato dal Gruppo Piccola Editoria del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti. Nostro obiettivo era la realizzazione di un censimento delle testate di informazione locali del Paese.Volevamo misurare le condizioni di salute di queste realtà editoriali, vero motore della narrazione della vita delle città, dei paesi e della gente. Questa prima pubblicazione mostra i dati che siamo riusciti a raccogliere tra mille difficoltà e qualche resistenza. Non sono i numeri che ci aspettavamo, ma un primo tassello che sarà d aiuto al prossimo Gruppo di lavoro della nuova consiliatura. La mancata risposta di molte testate al nostro invito ci deve far riflettere e dovrà essere di sprone a chi, ci auguriamo, continuerà il lavoro dopo di noi. L obiettivo era di conoscere e studiare i problemi del settore attraverso la realizzazione di un database dei periodici di informazione in Italia. La raccolta e la ricerca è avvenuta attraverso una finestra aperta sul sito dell Ordine nazionale dal titolo: Aiutaci a conoscere meglio i giornalisti della Piccola editoria. Con questa finestra, e attraverso la disponibilità della Presidenza nazionale dell Ordine, che ha sollecitato gli Ordini regionali a stimolare i colleghi sul territorio, abbiamo invitato i direttori responsabili dei periodici della carta stampata e on line, e altri colleghi che ne avessero disponibilità, a compilare una scheda informativa con i dati utili a realizzare il database di facile consultazione. Un prezioso contributo ci è stato fornito da Francesco Saverio Vetere, Segretario Generale dell USPI (Unione Stampa Periodica Italiana) che rappresenta la piccola editoria italiana con circa 2100 editori giornalisti. Analogo apporto è stato fornito dal Presidente nazionale della FISC(Federazione Italiana settimanali cattolici) Francesco Zanotti, che in Italia raggruppa circa 187 testate periodiche che danno occupazione a 700 persone tra giornalisti, collaboratori e operatori dell informazione. La grave difficoltà che colpisce già da alcuni anni il nostro Paese ha causato notevoli ripercussioni nel settore dei piccoli giornali anche per il blocco dei fondi per l editoria minore da parte degli ultimi Governi. Con il venir meno di tali fondi i periodici locali si trovano a dover superare un momento veramente drammatico e riescono a sopravvivere, a fatica, grazie al volontariato e spesso anche a forme di sfruttamento più o meno condiviso. Un altro dato emerso, ma difficile da quantificare, riguarda la cessazione, nell indifferenza generale, di centinaia e centinaia di testate periodiche alcune delle quali con una storia secolare. Il crollo della raccolta pubblicitaria, che sta creando notevoli pro- Relazione gruppo

9 8 Relazione gruppo blemi al settore, ha determinato l asfissia di micro testate, in particolar modo laddove la figura del direttore e dell Editore si configurano nella medesima persona. Se a tutto ciò aggiungiamo che negli ultimi anni è stata praticamente azzerata dagli enti locali la pubblicità istituzionale, destinata alle testate periodiche, e la nascita della comunicazione via internet, che pure sottrae risorse alla carta stampata, ben si comprende come il settore necessiti di una particolare attenzione da parte di quanti hanno a cuore la libertà di stampa e il pluralismo dell informazione in Italia. L Odg, che con questo primo lavoro, ha iniziato a porre attenzione ai problemi della piccola editoria, deve continuare su questa strada per far sentire la sua vicinanza ai giornalisti che fra mille difficoltà vi operano. Ciò anche se tale compito, a prima vista, appare più come un dovere della Federazione nazionale della stampa. Questa in sintesi la preoccupante fotografia dello stato di salute dell editoria minore nel nostro Paese, che il Gruppo di lavoro ha cercato di mettere in evidenza attraverso il monitoraggio eseguito con la collaborazione di taluni Ordini regionali, dell USPI, della FISC, della Commissione Cultura e dell Osservatorio sul Precariato del Consiglio nazionale. I punti di sintesi del lavoro che il Gruppo auspica siano fatti propri e portati all attenzione delle autorità governative, da parte del Consiglio nazionale dell Ordine, affinché il nostro grido non rimanga soffocato, sono: a) Introduzione dei contributi diretti ai piccoli editori rispettosi delle norme della legge sull Equo compenso b) Correzione della legge sui contributi a favore della carta stampata e on line, che privilegia i grandi gruppi editoriali c) Ripristino di forme di spedizione agevolata per i periodici di informazione locale Infine si propone la creazione di un tavolo di lavoro costituito da rappresentanti del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti, rappresentanti delle organizzazioni dei piccoli editori e della Federazione nazionale della stampa, per elaborare una piattaforma condivisa delle risposte da dare ai bisogni delle piccole testate.

10 9 PLURALISMO INFORMATIVO: UN VALORE IRRINUNCIABILE PER UNA DEMOCRAZIA di FRANCESCO ZANOTTI Presidente FISC Mi soffermo con piacere a rispondere alla richiesta del gruppo di lavoro Piccola Editoria. Reputo che fermare su carta un momento di riflessione su ciò che sta accadendo in questo periodo serva a tutti, quindi anche a noi. Brevemente vi spiego questo noi. La FISC (Federazione italiana settimanali cattolici) nasce nel 1966 come associazione dei numerosi settimanali diocesani, con l intento esplicito di raccogliere l eredità culturale, sociale ed ecclesiale delle varie testate sorte già alla fine dell Ottocento nel solco del Movimento cattolico italiano e alla luce dell enciclica Rerum Novarum di Leone XIII. La nascita della FISC è stata una scelta lungimirante, voluta per far sì che tutti i settimanali diocesani potessero crescere insieme nel loro servizio alla Chiesa e al territorio e, ancor più, pur conservando il loro stretto legame con la propria diocesi, si mettessero in piena comunione di intenti con la Chiesa italiana, e di conseguenza con la Conferenza episcopale italiana (Cei). La FISC riunisce 187 settimanali diocesani, presenti in circa 170 diocesi, raggiungendo così gran parte del territorio nazionale. Le copie diffuse sono intorno al milione a settimana. Questo essere presenti da oltre un secolo in tantissimi territori del nostro Paese ci permette di essere testimoni dello scorrere della vita e di raccontare le vicende della cosiddetta provincia italiana. Noi svolgiamo questo servizio all informazione in maniera libera e alla luce dell esperienza di fede. Non potrebbe essere altrimenti, visto che la fede determina il nostro agire, prima del nostro essere giornalisti. Durante un incontro con il Gruppo Piccola editoria, ho avuto la certezza che, pur nella diversità del fare giornalismo, quello che ci rende uguali è il motivo per cui lo facciamo. La nostra è una missione, una sorta di professione-vocazione, che racchiude l interesse per l uomo e per la comunità in cui vive, una missione che vorrebbe superare le enormi difficoltà in cui oggi questo settore è soffocato. Stiamo vivendo anni drammatici. Decine di giornali sono sulla via della chiusura. Migliaia di operatori di settore rischiano il posto di lavoro. Ne soffrirà il pluralismo informativo dell intero Paese se verranno meno testate storiche per tradizione e legame col territorio e fondamentali per le idee con le quali arricchiscono il dibattito pubblico. In ballo ci sono i contributi all editoria, una materia delicatissima, finita sotto la scure dei tagli indiscriminati di questo tremendo periodo di crisi economica. Nessuno, lo ribadiamo, si vuole sottrarre alle proprie responsabilità e alla propria parte di sacrifici. Il rigore va perseguito e una maggiore sobrietà è auspicata in ogni direzione, com- FISC

11 10 FISC presa quella dell informazione. Ma un conto sono tagli duri del 10 o 20 per cento, comunque pesanti, un altro sono riduzioni improvvise e insostenibili di oltre un terzo dei contributi pubblici pensati a suo tempo per favorire la presenza di più voci in un settore chiave come quello dei mass media condizionato in Italia, caso unico in Europa, da uno strutturale squilibrio tutto favore dell oligopolio televisivo. I contributi all editoria sono sorti per incoraggiare la democrazia informativa e per mettere un puntello a un mercato pubblicitario sbilanciato, lo ripetiamo, verso le maggiori televisioni. Nel momento in cui si procede ai tagli, non si possono dimenticare le ragioni per cui sono nate certe leggi. Chiudere giornali significa togliere spazio ed espressione a gran parte della gente che in quei giornali si ritrova e si riconosce. Significa impoverire il dibattito culturale, spesso appiattito su slogan urlati e non meditati e condizionato dai grandi network informativi. Significa anche tagliare le radici storiche e umane a molta parte del territorio italiano che spesso fa riferimento a «fogli» di provincia che non finiscono nelle rassegne stampa nazionali. Fogli che da lunghissimo tempo, però, favoriscono una vasta trama di rapporti. Non si può sacrificare il pluralismo nel campo dell informazione per alcune decine di milioni di euro. Sarebbe una scelta politica miope. I bilanci non si realizzano solo con i numeri, ma anche con quell apporto di idee che emerge da un confronto franco e serrato fra più soggetti liberi di esprimersi, come è accaduto fino a ieri e come deve accadere ancora. Ringrazio il lavoro svolto dal Gruppo Piccola Editoria, ulteriore testimonianza e sensibilità di un diritto che non deve mai essere negato: il pluralismo nel delicato campo dei mass media è un valore irrinunciabile per una democrazia.

12 11 L USPI A TUTELA DI 3000 TESTATE PERIODICHE di FRANCESCO SAVERIO VETERE Segretario Generale USPI Costituita nel 1953, l Unione Stampa Periodica Italiana (USPI) è la maggiore Associazione di categoria dei piccoli e medi editori di periodici cartacei, elettronici e web. Non persegue fini di lucro e svolge prevalentemente attività di assistenza ai propri iscritti (circa testate periodiche edite o trasmesse con qualunque mezzo da medie e piccole imprese editoriali e da enti e associazioni no-profit) e di loro rappresentanza in tutte le sedi pubbliche o private nelle quali, tale rappresentanza, è richiesta o prescritta. Segretario Generale e legale rappresentante è Francesco Saverio Vetere; Presidente Antonio Barbierato.Si segnalano, tra le altre finalità, la rappresentanza della stampa periodica italiana nella tutela dei diritti e interessi professionali, morali e materiali dell intera categoria e l attività di assistenza e consulenza (legislativa, legale, fiscale, postale, ROC, lavoristica, distributiva, diritto d autore, responsabilità penali e civili, privacy ), per mezzo di contatti diretti, il sito e con la pubblicazione del mensile Notiziario USPI. Funzione preminente dell USPI è stata sempre quella di regolamentare il settore della stampa periodica, sotto l aspetto legislativo e contrattualistico, a difesa della piccola editoria, vera espressione del pluralismo e della libertà di stampa e d impresa nel nostro Paese.In particolare, massima attenzione è stata sempre prestata dall USPI ai rapporti di lavoro nelle redazioni dei periodici medio-piccoli. Finalmente, dal 2010, l USPI è firmataria con la FNSI di un Accordo sul lavoro giornalistico nei periodici locali e no profit, estensibile a richiesta ad altre piccole realtà editoriali. Tale Accordo, recepito anche dall INPGI, ha portato certezze e chiarezza nei rapporti di lavoro tra editori, giornalisti e operatori del settore, abbattendo cause e contenziosi di lavoro nel comparto della piccola editoria. L USPI, inoltre, fin dal 1996, sottoscrive, insieme alla UNI- GEC-CONFAPI, un CCNL per gli operatori del campo dell editoria periodica mediominore con i Sindacati della Comunicazione della CGIL, CISL e UIL. L Unione Stampa Periodica Italiana ha sempre difeso il mantenimento di alcuni regimi speciali, in favore dell intero settore e dei piccoli editori in particolare, quali ad esempio quelli delle tariffe postali calmierate (spesso unico mezzo per gli editori medio-piccoli di raggiungere i propri lettori) e del regime fiscale agevolato. Oggi, nel mezzo della maggior crisi economica e finanziaria dal dopoguerra, l USPI ne sottolinea la gravità, non solo difronte a molte realtà editoriali che chiudono per carenza di abbonamenti e introiti pubblicitari, ma soprattutto nella quasi totale mancanza di nuove iniziative editoriali che si affacciano sul mercato. L USPI è impegnata a tutelare le realtà esistenti, fornendo accordi e convenzioni varie per contenere i costi, ed a fornir loro gli strumenti per un graduale e corretto passaggio sul web. USPI

13 12

14 13 SCHEDE SCHEDE

15 14 ARALDO ABRUZZESE Editore Diocesi di Teramo-Atri Direttore responsabile Gino Mecca Area di diffusione Provincia, regione, Italia e alcune copie all Estero Tiratura Anno di Fondazione 1904 Telefono Fax Numero componenti la redazione 4 Abruzzo ALERT DIVER Editore DAN Europe Foundation - Contrada Padune 11 - Roseto degli Abruzzi (TE) Direttore responsabile Filomena De Angelis Periodicità Trimestrale Area di diffusione Europa geografica; Paesi del bacino mediterraneo e delle coste del Mar Rosso; Medio Oriente; Paesi costieri dell Oceano Indiano; Sri Lanka e tutti i territori d oltremare, distretti e protettorati dei Paesi sopra indicati Tiratura rivista digitale inviata ad oltre abbonati Anno di Fondazione 1998 Telefono Fax Numero componenti la redazione 4

16 15 IL BELLESE Editore Filemone - Comitato di promozione per l integrazione tra i popoli Direttore responsabile Leone Angelo Periodicità Mensile Area di diffusione tutti i Bellese residenti in Italia e all Estero Tiratura 600 Anno di Fondazione 2010 Telefono Numero componenti la redazione 5 Basilicata

17 16 COMUNITA NUOVA Editore Arcidiocesi metropolitana di Catanzaro-Squillace Direttore responsabile Mons. Raffaele Facciolo Periodicità Quindicinale Area di diffusione Nazionale ed Estera Tiratura Anno di Fondazione 1982 Telefono Fax Numero componenti la redazione n. 9 Calabria PUNTO Editore Edizioni Punto Direttore responsabile Angelo Foggia Periodicità MENSILE Area di diffusione SIBARITIDE (prov. Cosenza) e via e mail nelle regioni e nelle nazioni in cui sono presenti cittadini di origine di Corigliano Calabro (CS) Tiratura 1000 Anno di Fondazione 2005 Telefono 0983/ Fax 0983/ Numero componenti la redazione 5 LA PROVINCIA KR Editore Antonio Carella Direttore responsabile Antonio Carella Periodicità settimanale Area di diffusione Crotone e provincia Tiratura Anno di Fondazione 1994 Telefono Fax Numero componenti la redazione 1 PAROLA DI VITA Editore Arcidiocesi di Cosenza - Bisignano Direttore responsabile Don Enzo Gabrieli Area di diffusione Provincia e Regione Tiratura 5000/6000 Anno di Fondazione 2008 Telefono Fax Numero componenti la redazione 6 Giovani volontari

18 17 LABORATORIO SPORTIVO Editore Vincenzo Iovinelli Direttore responsabile Achille Talarico Periodicità Mensile Area di diffusione Napoli e Provincia Tiratura 5000 Anno di Fondazione 2012 Telefono Fax Numero componenti la redazione 5 SEGNI DEI TEMPI Editore Diocesi di Pozzuoli Direttore responsabile Salvatore Manna Periodicità Mensile Area di diffusione Provincia di Napoli Campi Flegrei Tiratura 4000 Anno di Fondazione 1995 testata registrata 26/1/2001 Telefono Fax Numero componenti la redazione 5 Campania FERMENTO Editore Associazione S. Francesco di Sales Direttore responsabile Antonio De Caro Periodicità MENSILE Area di diffusione Arcidiocesi Amalfi-Cava de Tirreni Tiratura 1500 Anno di Fondazione 1992 Telefono 089/ Numero componenti la redazione 3 CLARUS Editore Diocesi Alife-Caiazzo Direttore responsabile Gianfrancesco D Andrea Periodicità Mensile Area di diffusione Comuni della Diocesi di Alife-Caiazzo Tiratura 1000 Anno di Fondazione 2001 Telefono Fax Numero componenti la redazione 1

19 18 Campania IN SALUTE Editore Emimedia Edizioni Direttore responsabile Nicoletta Cocco Periodicità Bimestrale Area di diffusione Benevento e Provincia Tiratura 5000 Anno di Fondazione 2009 Telefono Fax Numero componenti la redazione 3 MESSAGGIO D OGGI Editore edimedia s.r.l. Direttore responsabile Danila De Lucia Periodicità settimanale Area di diffusione Benevento in edicola; in abbonamento in tutta Italia Tiratura 5000 Anno di Fondazione 1961 Telefono Fax Numero componenti la redazione 12 IL PONTE Editore Diocesi di Avellino Direttore responsabile Mario Barbarisi Online Area di diffusione Provinciale, nazionale ed estero in abbonamento Tiratura 3000/4000 Anno di Fondazione 1975 Telefono Fax Numero componenti la redazione 9 SPECIAL Editore Kappaelle Format & Communication srl Direttore responsabile Katiuscia Laneri Area di diffusione Webe TV private DTT di varie regioni Anno di Fondazione Numero componenti la redazione 1

20 19 LA VOCE LIBERA Editore Russo Matteo Direttore responsabile Coralluzzo Mario Periodicità Mensile Area di diffusione Bellizzi e Comuni Salernitani Tiratura 4500 Anno di Fondazione 2011 Telefono Numero componenti la redazione 5 NUOVA ARCHEOLOGIA Editore Gruppi Archeologici d italia Direttore responsabile Nunziante De Maio Periodicità bimestrale Area di diffusione Territorio nazionale - varie sedi dei Gruppi Archeologici d Italia Tiratura 3000 Anno di Fondazione ottobre 1962 Telefono Fax Numero componenti la redazione 5 Campania IL FOGLIO VOLANTE - LA FLUGFOLIO Editore Edizioni EVA Direttore responsabile Domenico Longo Periodicità Mensile Area di diffusione Italia Tiratura 500 Anno di Fondazione 1986 Telefono Fax Numero componenti la redazione 1 INSIEME Editore Associazione Editrice Insieme Direttore responsabile don Andrea Annunziata Periodicità Mensile Area di diffusione diocesi Nocera Inferiore - Sarno (SA) + abbonati sparsi sul territorio nazionale Tiratura 3000 Anno di Fondazione 2006 Telefono Fax Numero componenti la redazione 3

21 20 Campania COSTOZERO Editore Assindustria Salerno Service srl Direttore responsabile Alfonso Ruffo Periodicità Mensile Area di diffusione NAZIONALE Tiratura 6000 Anno di Fondazione 1987 Telefono Fax Numero componenti la redazione 2

22 21 IL PICCOLO Editore Diocesi di Faenza - Modigliana Editore de Il Piccolo Direttore responsabile Giuseppe Piancastelli Area di diffusione Diocesi di Faenza - Modigliana Tiratura 3000 Anno di Fondazione 1899 Telefono Fax Numero componenti la redazione 1 IL NUOVO DIARIO MESSAGGERO Editore Editrice il Nuovo Diario Messaggero srl Direttore responsabile Andrea Ferri Area di diffusione Emilia Romagna - Prov. Bologna e Ravenna Tiratura 6000 Anno di Fondazione 1900 Telefono Fax Numero componenti la redazione 7 part-time Emilia Romagna NOSTRO TEMPO Editore Arcidiocesi di Modena-Nonantola Direttore responsabile Stefano Malagoli Periodicità settimanale Area di diffusione provincia di Modena Tiratura 2000 Anno di Fondazione 1957 Telefono Fax Numero componenti la redazione 7 L INFORMAZIONE DI SAN MARINO Editore Carlo Filippini Direttore responsabile Carlo Filippini Periodicità Quotidiano Area di diffusione Repubblica di San Marino Tiratura 1000 Anno di Fondazione 2006 Telefono (+378) Fax (+378) e-mai Numero componenti la redazione 2 redattori + il direttore

23 22 Emilia Romagna EL MONCADA Editore Politeko Torino presso Associazione Nazionale di Amicizia ITALIA-CUBA Direttore responsabile Gianfranco Ginestri Periodicità Mensile per i 6000 soci ITALIA-CUBA Area di diffusione Nazionale Tiratura 6000 Anno di Fondazione 1992 Telefono Fax e-mai Numero componenti la redazione 5 LA VOCE DI FERRARA-COMACCHIO Editore Opera Archidiocesana per la preservazione della Fede e della Religione Direttore responsabile Massimo Manservigi Periodicità settimanale Area di diffusione Ferrara (città e provincia), Italia, Asia, Africa e America latina Tiratura 3500 Anno di Fondazione 1954 Telefono Fax Numero componenti la redazione 2 CORRIERE CESENATE Editore Diocesi di Cesena-Sarsina Direttore responsabile Francesco Zanotti Area di diffusione Comprensorio Cesenate Tiratura 8000 Anno di Fondazione 1911 Telefono Fax Numero componenti la redazione 3, 2 giornalisti professionisti e 1 pubblicista IL MOMENTO Editore Chiesa Cattedrale di Forlì Direttore responsabile Sedioli Luciano Area di diffusione Forlì centro e Provincia Tiratura Anno di Fondazione 2011 Telefono Fax Numero componenti la redazione 10

24 23 OSSERVATORIO LETTERARIO Editore Tamas - Tarr Melinda (stampa in proprio), Direttore responsabile Tamas - Tarr Melinda Periodicità Bimestrale Area di diffusione Nazionale, Internazionale/Intercontinentale tramite abbonamento annuo come contributo di piccolo sostegno ed invio a colui che ne fa richiesta in cambio del costo di realizzazione di un fascicolo Tiratura Bassissimo numero di copie Anno di Fondazione 1997 Telefono Fax melinda - Numero componenti la redazione 1 Emilia Romagna

25 24 Friuli Venezia Giulia IL POPOLO - PORDENONE Editore Opera Odorico da Pordenone Direttore responsabile Bruno Cescon Area di diffusione Provincia di Pordenone e Veneto orientale Tiratura Anno di Fondazione 1922 Telefono Fax Numero componenti la redazione: 1 giornalista, 1 pubblicista, 3 addetti. LA VITA CATTOLICA Editore Editrice la Vita Cattolica srl Direttore responsabile Pensa Dott. Roberto Area di diffusione Nazionale ed Estera Tiratura Anno di Fondazione 1926 Telefono 0432/ Fax 0432/ Numero componenti la redazione 5 6KRAT (in lingua slovena) Editore Associazione Sklad Mija Cuk Direttore responsabile Jelka Daneu Cvelbar Periodicità bimensile Area di diffusione Friuli - Venezia Giulia, Slovenia, Austria, Argentina Tiratura 600 Anno di Fondazione 1991 Telefono Fax Numero componenti la redazione 5

26 25 IL CORRIERE LAZIALE Editore Edilazio 92 Coop. arl. Direttore responsabile Eraclito Corbi Periodicità Quotidiano Area di diffusione Interregionale (Toscana - Umbria - Lazio - Campania - Abruzzo) Tiratura Anno di Fondazione 1973 Telefono Fax Numero componenti la redazione 13 PRESENZA XNA Editore Diocesi di Montecassino Direttore responsabile Vincenzo Alonzo Periodicità Mensile Area di diffusione Lazio meridionale e altre regioni Tiratura 2000 Anno di Fondazione 1991 Telefono Fax Numero componenti la redazione 3 Lazio IL SEGNO Editore Associazione Culturale Editoriale il Segno Direttore responsabile Andrea Sebastianelli Periodicità Mensile Area di diffusione Castelli Romani (Rocca di Papa - Grottaferrata) Tiratura 2000 Anno di Fondazione 2001 Telefono INpressMAGAZINE Editore MEDIA4TECH srl Direttore responsabile Claudio Palazzi Periodicità Plurisettimanale Area di diffusione Internet: Tiratura 1027 visite a gennaio 2013 Anno di Fondazione 2012 Telefono Fax Numero componenti la redazione 3

UNA VITA DA (GIORNALISTA) PRECARIO

UNA VITA DA (GIORNALISTA) PRECARIO O rdine dei giornalisti UNA VITA DA (GIORNALISTA) PRECARIO Osservatorio permanente Indice 5 7 9 10 13 16 17 18 19 21 22 23 25 27 28 42 44 PRESENTAZIONE di Lorenzo Del Boca Presidente del Consiglio nazionale

Dettagli

Amministrare con i cittadini

Amministrare con i cittadini Amministrare con i cittadini Viaggio tra le pratiche di partecipazione in Italia I RAPPORTI Rubbettino Negli ultimi anni le esperienze di coinvolgimento dei cittadini da parte delle pubbliche amministrazioni

Dettagli

VOLONTARIATO E PATRIMONIO CULTURALE IN ITALIA: STRATEGIE ED ESPERIENZE. A cura di: Martina De Luca e Valentina Galloni

VOLONTARIATO E PATRIMONIO CULTURALE IN ITALIA: STRATEGIE ED ESPERIENZE. A cura di: Martina De Luca e Valentina Galloni VOLONTARIATO E PATRIMONIO CULTURALE IN ITALIA: STRATEGIE ED ESPERIENZE A cura di: Martina De Luca e Valentina Galloni ISBN 978-88-7586-262-6 Editrice La Mandragora via Selice, 92-40026 Imola (Bo) Tel.

Dettagli

RETE DEGLI ARCHIVI PER NON DIMENTICARE

RETE DEGLI ARCHIVI PER NON DIMENTICARE RETE DEGLI ARCHIVI PER NON DIMENTICARE RETE DEGLI ARCHIVI PER NON DIMENTICARE GUIDA ALLE FONTI PER UNA STORIA ANCORA DA SCRIVERE a cura di Ilaria Moroni Aderiscono attualmente alla Rete degli archivi per

Dettagli

Cos è? I CONTENUTI. Progetto culturale orientato in senso cristiano

Cos è? I CONTENUTI. Progetto culturale orientato in senso cristiano Progetto culturale orientato in senso cristiano Cos è? I CONTENUTI Per una mappa dei contenuti Il punto di partenza forse può essere l obiettivo indicato nel n. 85 di Fides et ratio, che definisce un compito

Dettagli

La Casagit si fa in... NOTIZIE SOMMARIO. Non solo rimborsi. Assemblea nazionale dei delegati. Welfare. Professione. Salute in redazione

La Casagit si fa in... NOTIZIE SOMMARIO. Non solo rimborsi. Assemblea nazionale dei delegati. Welfare. Professione. Salute in redazione SOMMARIO PAG. 4 Non solo rimborsi NOTIZIE Assistenza in emergenza Casagit con voi 24 ore su 24 PAG. 8 Assemblea nazionale dei delegati La pesante leggerezza di un nuovo compito PAG. 12 Welfare Previdenza

Dettagli

PA Local = PA Social, ma solo se 2.0 Un benchmarking sulla diffusione dei social media tra comuni capoluogo di provincia italiani

PA Local = PA Social, ma solo se 2.0 Un benchmarking sulla diffusione dei social media tra comuni capoluogo di provincia italiani PA Local = PA Social, ma solo se 2.0 Un benchmarking sulla diffusione dei social media tra comuni capoluogo di provincia italiani A cura di Sistema Susio srl con la collaborazione di Alessandra Fois (Master

Dettagli

Indagine nazionale sul maltrattamento dei bambini e degli adolescenti in Italia. Risultati e Prospettive. con il contributo di

Indagine nazionale sul maltrattamento dei bambini e degli adolescenti in Italia. Risultati e Prospettive. con il contributo di Indagine nazionale sul maltrattamento dei bambini e degli adolescenti in Italia Risultati e Prospettive con il contributo di Autorità Garante per l Infanzia e l Adolescenza CISMAI Terre des Hommes SOMMARIO

Dettagli

un FUTURO possibile INDICE Prefazione p. 2 Introduzione p. 4 L integrazione dei cittadini stranieri Caritas Italiana p. 7

un FUTURO possibile INDICE Prefazione p. 2 Introduzione p. 4 L integrazione dei cittadini stranieri Caritas Italiana p. 7 un FUTURO possibile un futuro possibile INDICE Prefazione p. 2 Introduzione p. 4 L integrazione dei cittadini stranieri Caritas Italiana p. 7 Integrazione: un processo che coinvolge tutti. Documento sull

Dettagli

I bambini ci guardano Ancora venti di guerra sul Mediterraneo, in questa estate che cerca

I bambini ci guardano Ancora venti di guerra sul Mediterraneo, in questa estate che cerca AVIS IBLEA Primavera-Estate 2013 1 EDITORIALE I bambini ci guardano Ancora venti di guerra sul Mediterraneo, in questa estate che cerca disperatamente una pacificazione, un momento di serenità, la riscoperta

Dettagli

Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro

Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Il presente Rapporto è stato realizzato da un gruppo di ricerca congiunto

Dettagli

NUOVA SEDE PER L ENPAM. Nei sotterranei un area archeologica BILANCIO 2014. + 953 milioni di euro. Anno XIX - n 1-2014. periodico

NUOVA SEDE PER L ENPAM. Nei sotterranei un area archeologica BILANCIO 2014. + 953 milioni di euro. Anno XIX - n 1-2014. periodico Anno XIX - n 1-2014 Copia singola euro 0,38 BILANCIO 2014 + 953 milioni di euro NUOVA SEDE PER L ENPAM Nei sotterranei un area archeologica periodico Omologato Poste Italiane SpA Spedizione in Abb. Post.

Dettagli

Guida ai percorsi. dopo il diploma. Provincia di Pesaro e Urbino. Assessorato Formazione professionale e Politiche Attive per il Lavoro UNIONE EUROPEA

Guida ai percorsi. dopo il diploma. Provincia di Pesaro e Urbino. Assessorato Formazione professionale e Politiche Attive per il Lavoro UNIONE EUROPEA Provincia di Pesaro e Urbino Assessorato Formazione professionale e Politiche Attive per il Lavoro UNIONE EUROPEA FONDO SOCIALE EUROPEO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio

Dettagli

IL NON PROFIT IN RETE

IL NON PROFIT IN RETE I Quaderni di THINK! N 2 IL NON PROFIT IN RETE IL NON PROFIT IN RETE Con il sostegno di www.thinkinnovation.org ISBN: 978-88-907047-1-0 I Quaderni di THINK! 2 Osservatorio per il non profit 2013 Prezzo

Dettagli

10 RAPPORTO NAZIONALE SULLA CONDIZIONE

10 RAPPORTO NAZIONALE SULLA CONDIZIONE 10 RAPPORTO NAZIONALE SULLA CONDIZIONE DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA SINTESI PER LA STAMPA [PRESENTAZIONE] GENERAZIONE PROVVISORIA: IL DIRITTO DI IMMAGINARE IL FUTURO SUPERANDO LE INCERTEZZE DEL PRESENTE

Dettagli

Quadro europeo per la qualità dei servizi di assistenza a lungo termine

Quadro europeo per la qualità dei servizi di assistenza a lungo termine Quadro europeo per la qualità dei servizi di assistenza a lungo termine Principi e linee guida per il benessere e la dignità delle persone anziane bisognose di cure e assistenza Dobbiamo andare a letto

Dettagli

I Quaderni del Sovvenire

I Quaderni del Sovvenire Muolo.qxd 6-07-2009 18:49 Pagina 1 MIMMO MUOLO L ABC DEL SOSTEGNO ECONOMICO ALLA CHIESA CATTOLICA Concordato e nuovo sistema Edizione aggiornata e ampliata I Quaderni del Sovvenire sul sostegno economico

Dettagli

I bilanci dei sindacati

I bilanci dei sindacati Biblioteca Centrale Cisl Via Labicana 26 00184 ROMA Tel. 0670476041 Fax 0670492528 Sito: http://htm.cisl.it/biblioteca/ E-mail: biblioteca.cisl@cisl.it I bilanci dei sindacati di Enrico Giacinto Questo

Dettagli

Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro

Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro 2013 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V, Ufficio VI (UCAMP) Ufficio Centrale

Dettagli

Il lifelong learning e l educazione degli adulti in Italia e in Europa

Il lifelong learning e l educazione degli adulti in Italia e in Europa Quaderno n. 9 dicembre 2010 Il lifelong learning e l educazione degli adulti in Italia e in Europa Dati, confronti e proposte I Quaderni Associazione TreeLLLe per una società dell apprendimento continuo

Dettagli

OSSERVATORIONAZIONALE SULLAFAMIGLIA

OSSERVATORIONAZIONALE SULLAFAMIGLIA OSSERVATORIONAZIONALE SULLAFAMIGLIA MateoOrlandini LATERRITORIALIZZAZIONE DELLEPOLITICHE PERLAFAMIGLIA UNCASODISTUDIO: IL TRENTINOTERRITORIO AMICODELLAFAMIGLIA Working /1 Paper Osservatorio nazionale

Dettagli

amministrativa dei migranti e la violazione dei diritti umani

amministrativa dei migranti e la violazione dei diritti umani IENTRARE MAI La detenzione PIÙ CIE amministrativa dei migranti e la violazione dei diritti umani European Alternatives è una organizzazione non-profit che mira ad esplorare e promuovere una cultura e una

Dettagli

Agenda Digitale Locale Guida per la gestione Comunale dell Ambiente. Come avviare una politica ambientale con il supporto delle nuove tecnologie

Agenda Digitale Locale Guida per la gestione Comunale dell Ambiente. Come avviare una politica ambientale con il supporto delle nuove tecnologie Agenda Digitale Locale Guida per la gestione Comunale dell Ambiente Come avviare una politica ambientale con il supporto delle nuove tecnologie 5 Ancitel Associazione Comuni Virtuosi LA GESTIONE COMUNALE

Dettagli

Notizie fuori dal ghetto. Primo rapporto annuale Associazione Carta di Roma

Notizie fuori dal ghetto. Primo rapporto annuale Associazione Carta di Roma Notizie fuori dal ghetto Primo rapporto annuale Associazione Carta di Roma Edizioni Ponte Sisto 2013 Via di Monserrato 109 00186 Roma tel. 066832623 fax 0668801707 www.edizionipontesisto.it info@edizionipontesisto.it

Dettagli

DATAGATE Ha ragione Snowden. Corte Usa: «La raccolta dati Nsa è illegale» ISRAELE PAGINA 7

DATAGATE Ha ragione Snowden. Corte Usa: «La raccolta dati Nsa è illegale» ISRAELE PAGINA 7 CON LE MONDE DIPLOMATIQUE + EURO 2,00 Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n.46) art. 1, comma 1, Aut. GIPA/C/RM/23/2013 ALL INTERNO Sbilanciamo

Dettagli

RAPPORTO SULLA RIFORMA DEL COMMERCIO NEI COMUNI METROPOLITANI

RAPPORTO SULLA RIFORMA DEL COMMERCIO NEI COMUNI METROPOLITANI RAPPORTO SULLA RIFORMA DEL COMMERCIO NEI COMUNI METROPOLITANI IPI Istituto per la Promozione Industriale L indagine è stata promossa dal Ministero delle Attività Produttive e dall Associazione Nazionale

Dettagli

della Pubblica Istruzione

della Pubblica Istruzione Periodico multimediale per la scuola italiana a cura del Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Anno LXXXVIII Periodico multimediale per la scuola italiana a cura del Ministero dell

Dettagli

Il bambino che non c è: la rappresentazione dei minori nei TG locali. A cura di Rossella Tirotta, Alessandra Donattini, Marco Guiati

Il bambino che non c è: la rappresentazione dei minori nei TG locali. A cura di Rossella Tirotta, Alessandra Donattini, Marco Guiati Il bambino che non c è: la rappresentazione dei minori nei TG locali A cura di Rossella Tirotta, Alessandra Donattini, Marco Guiati Il monitoraggio è stato interamente eseguito dal CORECOM Emilia- Romagna

Dettagli

srm materiali materiali di lavoro e rassegna stampa sull immigrazione

srm materiali materiali di lavoro e rassegna stampa sull immigrazione srm materiali materiali di lavoro e rassegna stampa sull immigrazione 2011 DOSSIER MONOGRAFICO agosto C.I.E. Centri di identificazione ed espulsione Roma 25 luglio 2011 CIE Ponte Galeria Foto FCEI/SRM

Dettagli